Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 30 n° 235

Archive for 13 novembre 2015

Travel & Tourism companies 20% cleaner than 2005, commit to 50% CO2 cuts by 2035

Posted by fidest press agency su venerdì, 13 novembre 2015

centrale-a-carboneMany of the world’s biggest Travel & Tourism companies have improved their carbon efficiency by 20% in the last ten years and are on course to cut CO2 emissions by 50% by 2035, according to a major new report released today.The report concludes that the world’s biggest Travel & Tourism companies, as represented by the Members of WTTC, are:
20% more carbon efficient today than they were in 2005
On course to cut CO2 emissions by 50% from 2005 to 2035
On course to reach the target of 25% reduction by 2020
In 2009, The World Travel & Tourism Council (WTTC) published “Leading the Challenge on Climate Change”, which identified key themes and action areas required to meet the target of reducing our 2035 carbon emissions by 50% based on 2005 levels. In the run up to the COP21 climate change talks in Paris at the end of this year, WTTC has reviewed progress against these themes to determine how the sector can build on this progress to respond effectively to the challenges of the future.The initiatives and progress made to date have reduced carbon emissions to the point where WTTC Member companies are 20% less carbon-intense now than they were in 2005, closely approaching the interim target of 25% intensity reduction in 2020 set in 2009. The progress in reducing carbon intensity can be attributed to several actions across each of the themes identified in 2009:
1. Accountability and Responsibility. The sector has made strong progress against this theme, particularly in admitting to the challenge of tackling climate change and setting out plans to address and measure it. Various methodologies for calculating and measuring carbon usage have been developed and more and more companies are engaging with global frameworks for Environmental, Social and Governance (ESG) reporting such as GRI and CDP.
2. Local community sustainable growth and capacity building. WTTC members actively demonstrate on-the-ground action in the form of community engagement, charitable contributions, disaster relief, or conservation efforts. Several WTTC Member programmes address deforestation in particular, while others focus on wider biodiversity protection such as preserving coral reefs, hosting bee colonies on rooftops, managing waste, or ensuring sustainable sourcing.
3. Educating customers and stakeholders. Most Travel & Tourism companies now have branded sustainability programs, and these often include customer engagement programs
4. Greening supply chains. Most WTTC members now have formidable supplier screening and supply chain engagement programs and have developed practical tools to help procurement from local small and medium-sized enterprises (SMEs) as part of this.
5. Innovation, capital investment and infrastructure. Similar to ESG reporting being the primary step towards accountability and responsibility now, so were the use of operational environmental management systems and green certification schemes our focus in 2009. Most WTTC Member companies have achieved green certification of some type.
The report also outlines the five priority areas to support the overall target of halving emissions by 2035:Integrating Climate Change and related issues into Business Strategy by disclosing climate change issues in mainstream financial reporting, utilising recognised frameworks and collaborating to harmonise the approach for disclosure within our industries. Commitments will stem from securing leadership from board governance and senior executives.
Supporting the Global Transition to a Low Carbon Economy by joining in the leading practice of establishing an internal price of carbon, focusing on renewables for new investments, seeking low carbon financing mechanisms, contributing to local economies with carbon mitigation, and catalysing the economies of scale to create a virtuous circle.
Strengthening Local Resilience by recognising the value that local natural and cultural heritage has for Travel & Tourism, enhancing the assessment of our operations and forging partnerships to build resilience against climate risks, reducing local drivers of climate change.
Promoting the Value of Responsible Travel by giving travellers the tools to be responsible travellers, encouraging participation in our initiatives, and offering new experiences tied directly to low carbon solutions. We will extend these tools to our business travellers who play an integral role in increasing ESG information from Travel & Tourism companies.
Engaging Across the Value Chain by focussing efforts on the biggest opportunities found across the entire value chain to reduce carbon emissions through mechanisms such as supplier screening and local procurement. Furthermore, Travel & Tourism is in a unique position to build consumer awareness of the world’s key supply chain threats by engaging travellers to link the destinations they visit with the issues back home in their own purchasing decisions as consumers and professionals.

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

The arrest of Hossam Bahgat

Posted by fidest press agency su venerdì, 13 novembre 2015

cairoCairo. The International Center for Transitional Justice finds the arrest of Hossam Bahgat, one of Egypt’s leading human rights activists, an ominous sign of the country’s continuous slide into oppression under President Abdel Fattah el-Sisi. On Sunday, Bahgat was summoned by the Egyptian military intelligence and, after nine hours of integration, was transferred to a military prosecutor who charged him with disseminating “false information about the Army.” Bahgat could face up to five years’ imprisonment.ICTJ joins human rights organizations and defenders around the world in calling for Bahgat’s immediate release and for Egypt’s government to respect human rights and rule of law, particularly with regard to the freedom of the press and due process.“Hossam Bahgat’s clarion voice articulated the aspirations of Egyptians who took to the streets to end Mubarak’s dictatorship under the slogan ‘Bread. Freedom. Social justice.’ Bahgat’s arrest again shows that the military and President Sisi have decided to take the country in precisely the opposite direction, toward repression and fear. We stand in solidarity with Hossam,” said David Tolbert, president of ICTJ.The ongoing crackdown on journalists and demonstrators in Egypt, which has seen Bahgat detained by the military intelligence on baseless charges, clearly illustrates that the hopes of millions of Egyptians for a more just, rights-respecting society have been all but dashed under the current regime.When Bahgat spoke at ICTJ’s Annual Lecture on Transitional Justice in 2011, he was clear about the kind of society he and millions of Egyptians wanted: “[For true] reform, justice and accountability for crimes committed must be restored to promote democratization as well as economic growth.”“His words ring more true today than ever before,” said Tolbert. “Certainly the detention of journalists and the use of draconian anti-terrorism laws as an excuse by the military to suppress freedom of speech are the actions of authoritarian rulers, not a government aspiring to be seen as democratic and respecting international norms.”
According to reports, the military prosecutor ordered Bahgat to be detained for four days, until November 11. Bahgat’s lawyers do not have access to him today and the military prosecutor has refused to inform his lawyers as to his whereabouts. The last time anyone saw him was at 9:00 last night (EET) and his current whereabouts are unknown.The charges against him stem from an investigative piece he wrote in August on an attempted coup against the Egyptian president.Article 204 of Egypt’s 2014 Constitution allows civilians to be referred to military courts. It has been seriously challenged by Egyptian activists, some of whom are currently serving different sentences stemming from their involvement in demonstrations.
Bahgat founded the Egyptian Initiative for Personal Rights (EIPR), an independent Egyptian human rights organization that became one of the most effective and prominent human rights organizations in Egypt, in 2010. In 2013, Foreign Policy named Bahgat among the leading global thinkers of the year. That same year, Bahgat left EIPR and joined Mada Masr, an online news site, to pursue investigative journalism. He has written a series of high-quality investigative articles concerning the Egyptian army and military trials.

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

“Il governo tra tecnica e politica”

Posted by fidest press agency su venerdì, 13 novembre 2015

chiostroComo Venerdì 20 novembre, ore 9.00 Chiostro di S. Abbondio a partire dalle 9, il Dipartimento di Diritto, Economia e Culture dell’Università degli Studi dell’Insubria di Como ospiterà, nel Chiostro di S. Abbondio, il seminario annuale dell’Associazione “Gruppo di Pisa” dal titolo “Il Governo tra tecnica e politica”, importante convegno nazionale che si svolge ogni anno in autunno tra ottobre e novembre.
Durante l’incontro interverranno Renato Balduzzi dell’Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano e del Consiglio Superiore della Magistratura; Antonella Sciortino dell’Università degli Studi di Palermo; Paolo Carrozza della Scuola Superiore Sant’Anna di Pisa; Marco Cuniberti dell’Università degli Studi di Milano; Michela Manetti dell’Università degli Studi di Siena e Mario Dogliani dell’Università degli Studi di Torino.Nel corso della giornata di studio gli ospiti si interrogheranno sul ruolo e sulle funzioni del Governo tra tecnica e politica e in particolare su come l’Esecutivo – nell’attuale contesto costituzionale e guardando anche alla revisione costituzionale in corso – venga influenzato dalla forte tendenza in atto alla commistione tra tecnica e politica.
L’Associazione “Gruppo di Pisa”, nata nel 1998, è una delle più importanti associazioni nazionali di studiosi di diritto costituzionale. Da molti anni promuove convegni e iniziative culturali nel settore del diritto costituzionale, favorendo il dibattito tra studiosi e operatori in ambito nazionale e internazionale, con una speciale, costante attenzione prestata alle esperienze della giustizia costituzionale.
L’Associazione dà voce soprattutto agli studiosi delle più giovani leve, offrendo loro un’opportunità di farsi conoscere nella comunità scientifica di riferimento.
Programma:
Ore 9.00Presiede: Giorgio Grasso, Università degli Studi dell’Insubria. Saluti: Alberto Coen Porisini, Rettore dell’Università degli Studi dell’Insubria – Giuseppe Colangelo, Pro Rettore Vicario – Lorenzo Spallino, Assessore all’Urbanistica del Comune di Como – Barbara Pozzo, Direttore del Dipartimento di Diritto, Economia e Culture Introduzione generale: Renato Balduzzi, Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano
Relazione I: Sulle funzioni del Governo, Antonella Sciortino, Università degli Studi di Palermo
Discussant: Paolo Carrozza, Scuola Superiore Sant’Anna di Pisa
Relazione II: Sull’organizzazione del Governo, Marco Cuniberti, Università degli Studi di Milano
Discussant: Michela Manetti, Università degli Studi di Siena
Ore 14.00 Ripresa dei lavori Interventi programmati e dibattito
Relazione di sintesi: Mario Dogliani, Università degli Studi di Torino (foto: chiostro)

Posted in Cronaca/News, Università/University | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Premio giornalistico “Giuseppe De Carli”

Posted by fidest press agency su venerdì, 13 novembre 2015

Roma 3 dicembre 2015, a partire dalle ore 16, presso l’Aula Álvaro del Portillo della università santa croce (Piazza Sant’Apollinare, 49), avrà luogo la Cerimonia di consegna della 3ª edizione del Premio giornalistico “Giuseppe De Carli”, introdotta da una tavola rotonda sul Giubileo della Misericordia.L’evento è promosso dall’Associazione culturale “Giuseppe De Carli – Per l’informazione religiosa”, con il patrocinio accademico della Facoltà di Comunicazione della Pontificia Università della Santa Croce e della Pontificia Facoltà teologica “San Bonaventura” – Seraphicum.Alla tavola rotonda, dedicata al tema Comunicare la carità nel Giubileo della Misericordia, parteciperanno fra Raffaele Di Muro, OFMConv, docente di Teologia Spirituale al Seraphicum e assistente spirituale nel Carcere di Rebibbia; il Rev. Giacomo Pavanello, responsabile a Roma dell’Associazione “Nuovi Orizzonti” e Missionario della Misericordia; il Rev. John Wauck, docente di Letteratura e Comunicazione della Fede all’Università della Santa Croce; il dott. Andrés Beltramo, Vaticanista di Notimex e Vatican Insider.I lavori saranno moderati dalla giornalista Michela Nicolais, redattrice dell’Agenzia SIR, che introdurrà anche la testimonianza di un volontario della Caritas di Roma.A seguire, si svolgerà la consegna dei premi nelle categorie “testi”, “filmati”, “radio” e “giovani”, e il riconoscimento “menzione speciale” assegnato dall’Associazione.I vincitori, i cui nomi saranno resi noti solo al momento della premiazione, sono stati selezionati da una giuria composta da Gigliola Alfaro, giornalista del SIR; Luca Collodi, caporedattore di Radio Vaticana; Alessandra Ferraro, vice caporedattore del TGR Rai della Valle d’Aosta; Santino Franchina, vice presidente dell’Ordine nazionale dei giornalisti; Antonio Gaspari, direttore di Zenit; Franca Giansoldati, vaticanista de Il Messaggero; Domenico Paoletti, OFMConv, Preside della Pontificia Facoltà Teologica “San Bonaventura” – Seraphicum; Carla Rossi Espagnet, docente della Pontificia Università della Santa Croce; Francesco Zanotti, presidente della Federazione italiana dei settimanali cattolici.Nell’occasione sarà presentato anche il libro Informazione religiosa oggi. L’esempio di Giuseppe De Carli, a cura di Elisabetta Lo Iacono e Giovanni Tridente, che raccoglie gli atti della precedente edizione del Premio, oltre a riflessioni di colleghi giornalisti e a testimonianze su Giuseppe De Carli.L’evento è riconosciuto dall’Ordine Nazionale dei Giornalisti come attività di formazione e dà diritto all’ottenimento di tre crediti per la Formazione professionale continua, previa iscrizione – da lunedì 9 novembre – dalla piattaforma S.I.Ge.F.

Posted in Cronaca/News, Roma/about Rome, Università/University | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

I tre errori da evitare quando si affitta casa

Posted by fidest press agency su venerdì, 13 novembre 2015

La Casa Rosa

La Casa Rosa

Contestazioni sullo stato dell’immobile, canoni non versati, elementi di arredamento danneggiati, spese condominiali non pagate e, ultimo ma non meno importante, difficoltà a libera l’immobile stesso. Sono molti i problemi che possono presentarsi a un proprietario quando affitta un immobile; problemi che trasformano la rendita in perdita. Per questo l’osservatorio di Affitto Assicurato (www.affittoassicurato.com), società specializzata nel rilascio di contratti a salvaguardia delle obbligazioni derivanti da contratti di locazione, ha compilato un report in cui si analizzano gli errori più frequenti commessi quando si affitta. «Sono tre gli errori fondamentali in cui cadono i proprietari al momento di dare in locazione un immobile –spiega Claudio De Angelis, amministratore delegato di Gestioni Sicure SpA, la società che rilascia il contratto “Affitto Assicurato–: non fare l’inventario, non fare le cose in regola e non certificare l’inquilino. Considerando che negli ultimi anni in Italia circa la metà degli inquilini ha dato dei problemi e che nel 2014 gli sfratti per morosità sono aumentati del 5%, la necessità di proteggere la propria rendita è più che mai avvertita. Per questo abbiamo redatto un vademecum con consigli che abbiamo formulato sulla base della nostra esperienza».Entrando nel merito dei consigli, la prima regola da seguire, per evitare contestazioni è compilare l’inventario e far sottoscrivere all’inquilino un verbale di consegna alloggi che dovrà contenere, nel caso di immobile arredato, l’elenco dei mobili e complementi presenti; lo stato interno dell’immobile; un primo rilievo delle anomalie, rotture o malfunzionamenti rilevati nell’appartamento; le letture di tutte le utenze; eventuali accessori presenti; il numero delle chiavi e telecomandi consegnati; è fortemente consigliato allegare delle foto. La seconda, anche se può apparire scontata, è fare le cose in regola. Il contratto di affitto, infatti, deve essere sottoscritto e registrato a pena di nullità. La cattiva abitudine di tenere il contratto nel cassetto e precipitarsi a registrarlo soltanto in caso di incidente è, innanzitutto, contrario alla Legge, secondariamente il decreto legge 23/2011 permette agli inquilini non titolari di regolare contratto di denunciare l’affitto in nero e di ottenere un contratto regolare e a condizioni di gran lunga più vantaggiose. L’Agenzia delle Entrate, infatti, in questi casi applica un contratto di quattro anni, estendibile ad altri quattro e un canone calcolato sulla base della rendita catastale dell’immobile, che sarà nettamente inferiore a quello di mercato. Terza e ultima regola: certificare l’inquilino, ossia conoscere la storia e la situazione di chi prenderà possesso del proprio immobile. «Uno degli errori più frequenti è fidarsi –prosegue De Angelis– con il rischio di incappare in un moroso seriale o in una persona senza il reddito sufficiente per pagare il canone. A tale scopo sono nati negli ultimi anni strumenti come il nostro Affitto Assicurato che si rilascia soltanto a inquilini “certificati” previo apposito “screening” del candidato inquilino; un esame che rappresenta una prima importante garanzia per tutelare il proprietario».

Posted in Diritti/Human rights | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Pubblicità ingannevole: Vittoria dell’Unione Nazionale Consumatori

Posted by fidest press agency su venerdì, 13 novembre 2015

tar lazioIl Tar del Lazio ha confermato le multe per più di un milione di euro che, a seguito di un esposto dell’Unione Nazionale Consumatori, l’Antitrust aveva inflitto ai produttori di patatine fritte, per alcuni spot ingannevoli. Respinti, quindi, i ricorsi proposti da alcuni produttori. “L’alimentazione è una cosa importante per la nostra salute. Non ci si può vantare di caratteristiche nutrizionali o salutistiche non corrette o sostenere che una produzione di natura industriale è artigianale! Non si può, insomma, trarre in inganno il consumatore con messaggi ingannevoli o con pratiche commerciali scorrette” ha dichiarato Massimiliano Dona, Segretario dell’Unione Nazionale Consumatori.
“Questa sentenza dei giudici amministrativi, oltre a confermare l’ingannevolezza del messaggio da noi denunciato, speriamo serva da monito a quegli operatori che tuttora continuano a dare in etichetta indicazioni ingannevoli, utilizzando l’escamotage di usare espressioni in inglese come “hand cooked style” al posto di cotte a mano, che però non cambiano la sostanza: si tratta di prodotti industriali che di artigianale non hanno un bel nulla!!!” ha concluso Dona.

Posted in Diritti/Human rights | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Sviluppo agricolo e lotta alla fame

Posted by fidest press agency su venerdì, 13 novembre 2015

Roma. Il 26 novembre 2015 si svolgerà nella sede dell’Ateneo Pontificio Regina Apostolorum e dell’Università Europea di Roma il convegno internazionale “Sviluppo agricolo e lotta alla fame. L´appello dell’Enciclica Laudato si’ di Papa Francesco”. L’incontro è promosso dalla Missione permanente della Santa Sede presso FAO, IFAD e PAM insieme all’Ateneo Pontificio Regina Apostolorum e all’Università Europea di Roma e con la collaborazione della Cattedra UNESCO di Bioetica e Diritti Umani. L’obiettivo è quello di far conoscere ed approfondire il pensiero della recente Enciclica Laudato si’ di Papa Francesco e il suo appello a una conversione ecologica integrale per una cura premurosa dell´ambiente naturale e sociale in cui noi viviamo.“Sono veramente felice di questa iniziativa – ha spiegato Padre Jesus Villagrasa LC, Rettore dell’Ateneo Pontificio Regina Apostolorum – per due motivi: primo, perché il convegno nella prima parte della giornata tocca la principale preoccupazione che mi sembra fosse a cuore al Papa quando ha scritto l’Enciclica. Lui stesso, nella recente intervista a ‘Paris Match’, ha dichiarato di aver iniziato l’Enciclica Laudato si’ con le parole del Cantico delle creature, perché ha cercato di mostrare quali legami profondi esistano tra l’impegno per sradicare la povertà e la cura del creato. Secondo, perché nella sessione pomeridiana ci saranno docenti dell’Ateneo ad approfondire la ricchezza dottrinale dell’Enciclica”.Il Rettore dell’Università Europea di Roma, Padre Luca Gallizia LC, ha dichiarato: “Il tema del convegno è di particolare importanza per il momento culturale che stiamo vivendo e anche per la missione di una università. Papa Francesco ha approfondito, nella lettera Enciclica Laudato si’, il paradigma tecnocratico che domina la nostra cultura post-moderna. Pur riconoscendo il valore della ricerca scientifica e i benefici che le scoperte tecniche, specialmente negli ultimi due secoli, hanno apportato alla soluzione di numerosi e nodali problemi dell’umanità, il Santo Padre sottolinea il rischio che questo enorme potere si rivolti contro l’uomo, se non è accompagnato da uno sviluppo dell’essere umano per quanto riguarda la responsabilità, i valori e la coscienza”.Ciò che accade nella nostra “casa comune” é quanto mai allarmante. Ci troviamo di fronte a una crisi ambientale senza precedenti. Il grido delle persone che soffrono la fame nel mondo é oggi, più che mai, un imperativo etico e politico. E’ importante che la nuova generazione trovi la sua vocazione in una vera e propria cittadinanza ecologica. Allo stesso tempo va auspicata una cooperazione internazionale più efficace per venire incontro alle persone più povere e in grave difficoltà.La Laudato si’è un documento che si integra nel fecondo fiume del patrimonio della dottrina sociale della Chiesa. Ciò nonostante sono molte le sfide scientifiche, tecnologiche, filosofiche, teologiche e sociali che conviene ancora affrontare, nell’ottica di un umanesimo integrale e solidale, affinché i cattolici, ma non solo, possano portare avanti una pastorale sociale più incisiva, aperta a tutti e con la partecipazione di tutti. Un lavoro di ponte e fermento nella società che dobbiamo assumere per offrire un contributo responsabile ed efficace. Impegno che nasce da una mente e un cuore solidale, incentrato nella via eccellente dell’amore e della carità verso l’altro, particolarmente nei confronti dei più vulnerabili della nostra società. La Missione permanente della Santa Sede presso la FAO, IFAD e PAM é impegnata nel dialogo creativo e propositivo nella comunità internazionale. Una prova è, appunto, il suo apporto nell’organizzazione di questo convegno universitario che intende offrire informazione e ispirazione alle persone di buona volontà che lavorano per il bene comune. A questo riguardo è importante non dimenticare che la cura della casa comune é un compito di tutti. L’ambiente é patrimonio dell’intera umanità. Per lottare contro la fame, il primo che deve essere sconfitto é l’egoismo, l’individualismo atroce che ci chiude in noi stessi, che genera ermetismo e ci allontana dagli altri, che frantuma la fraternità e la trasforma in rivalità.Sulla tematica dell’incontro, il Prof. Alberto García, direttore della Cattedra UNESCO di Bioetica e Diritti Umani, ha affermato: “Il nostro mondo globalizzato ha bisogno di uomini e donne con competenza e virtù atti ad assumere l´impegno della cura del nostro focolare comune; persone creative capaci di trovare le convergenze nelle idee, dei talenti e delle risorse che puntano al bene comune. Con dedizione, ottimismo e mutuo rispetto per l’altro. Ora è il tempo della trascendenza: uscire da noi stessi, cercare l’Altro e gli Altri. Oggi è il tempo di assumere un impegno solidale in favore degli altri, non di nostalgie e sterili lamentele”.

Posted in Cronaca/News, Diritti/Human rights | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Air France lancia in anteprima mondiale un crowdfunding a sostegno delle startup

Posted by fidest press agency su venerdì, 13 novembre 2015

air franceA partire da marzo 2016, in partnership con la startup Interactive Mobility, uscita dall’incubatore dedicato al turismo Welcome City Lab, Air France proporrà una nuova offerta di intrattenimento a bordo, da introdurre progressivamente sulle linee a medio raggio. Si tratta di un servizio innovativo che, prima del viaggio, consentirà di scaricare film, serie e documentari direttamente sul proprio tablet o smartphone. Una vera e propria “success story” tra la Compagnia e la startup! In anteprima mondiale, Air France lancia anche un’iniziativa di crowdfunding a favore delle startup, un ulteriore sostegno oltre ai test condotti insieme. La Compagnia propone ai clienti iscritti al programma fedeltà Flying Blue di donare le loro Miglia ad alcune promettenti startup per promuoverne lo sviluppo a livello internazionale. Infine, grazie alla startup Theatre In Paris, i passeggeri Air France possono godersi un’opera teatrale in pieno cielo. Dal 1° agosto 2015, a bordo dei voli a lungo raggio Air France viene infatti trasmessa l’opera Le nozze di Figaro, girata presso il Théâtre du Ranelagh (Parigi) e sottotitolata in inglese. Air France sostiene inoltre l’iniziativa di Theatre In Paris nell’ambito del programma French-American Digital Lab a New York, dove la startup propone l’utilizzo di occhiali connessi alla rete per il sottotitolaggio multilingue in simultanea.
Con il progetto Lab’line for the future, Air France intende collaborare con 14 partner industriali e clienti che condividono gli stessi valori, per immaginare e costruire insieme il viaggio del futuro. Invitate da Air France a effettuare dei test, le startup riunite sulla linea Tolosa – Parigi-Orly rappresentano una vera e propria vetrina di innovazioni al servizio dello sviluppo sostenibile. A 7 di queste startup, Air France dà l’opportunità di presentare, nel corso di diversi mesi, le loro innovazioni a una comunità di clienti della linea, i quali possono esprimere un parere sui prodotti e i servizi proposti, quali:
– il compagno di mobilità di Instant System;
– la carta d’imbarco in realtà aumentata di Ubleam;
– le soluzioni di intrattenimento scaricabili su tablet o smartphone proposte da Interactive Mobility, in associazione con Smarts Apps, Parisianist e Theatre In Paris;
– gli spazi di coworking a Tolosa e Parigi di LBMG WorkLabs.
Air France intende contribuire allo sviluppo dell’ecosistema delle startup e delle PMI innovative, in Francia e nei Paesi serviti. Quale Compagnia aerea ufficiale del programma di scambio di startup tra Paris&Co e New York City Economic Development Corporation, Air France unisce Parigi e New York, sulle due sponde dell’Atlantico. In Africa, in partnership con Myafricanstartup e in collaborazione con la Banque de Développement de l’Afrique, Air France promuove la creazione di un vero e proprio hub di incubatori ad Abidjan.Grazie al proprio marchio e forte di una solida rete di 179 destinazioni in tutto il mondo, Air France offre a queste giovani aziende l’opportunità di far conoscere le loro iniziative, facilitandone lo sviluppo in Francia e a livello internazionale.”Air France, i cui prodotti e servizi la rendono pioniera nel proprio campo, pone da sempre l’innovazione al centro della propria strategia. Coinvolgere le startup francesi significa promuovere lo sviluppo e il futuro di Air France” ha dichiarato Frédéric Gagey, CEO di Air France.Air France è socio fondatore di Welcome City Lab, incubatore francese dedicato al turismo d’affari e ricreativo. Air France si impegna a diventare lo sponsor delle startup di Welcome City Lab nella prospettiva di uno sviluppo per sé e per i propri partner e nell’intento di presentare nuovi prodotti e servizi associati al settore del turismo.Inoltre, in qualità di partner ufficiale di Paris&Co e NYCEDC, Air France sostiene il programma di scambio di startup tra Parigi e New York e contribuisce alla creazione di aziende innovative.

Posted in Recensioni/Reviews, Viaggia/travel | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Sanzioni alla Russia: Una idiozia

Posted by fidest press agency su venerdì, 13 novembre 2015

Putin Views Russian Arms On Display At Expo“La mia idea di orgoglio nazionale non è quella che ha Renzi. Vorrei un’Italia che fosse effettivamente riconosciuta per il suo valore sulla scena internazionale. Noi abbiamo sottoscritto le sanzioni contro la Russia, che sono una cosa ridicola.” Così Giorgia Meloni, leader di Fratelli d’Italia a Mix24 di Giovanni Minoli su Radio 24. Le sanzioni vanno abolite aggiunge la Meloni “l’Italia dovrebbe assolutamente ritirare la sua firma, le sanzioni sono una cosa idiota per l’economia italiana ed europea, e nessuno dice che i pezzi di mercato che stiamo perdendo noi li recuperano altri. Ma anche perché in questo periodo storico, noi non abbiamo nessun interesse a spingere la Russia verso la Cina e verso l’Asia, è una cosa stupida.”
A proposito della situazione internazionale e della lotta contro l’Isis l’On.Giorgia Meloni sottolinea come “la comunità internazionale debba intervenire contro l’Isis”. Per esempio, chiede Minoli, lei bombarderebbe l’Isis in Siria? “Assolutamente sì. Credo che sia un’umanità un tanto al chilo, ridicola, quella di un’Europa che dice, noi dobbiamo accogliere i siriani che arrivano da noi senza porsi il problema da che cosa scappano i siriani. Se vuoi essere veramente umano devi andare a combattere le cause da cui questa gente scappa perché la vita di chi arriva qui non vale meno di chi muore sotto le bombe o di chi muore massacrato dall’Isis, in Siria, in Iraq, in Libia o in Nigeria. Io penso che la comunità internazionale, e se fossi Renzi questo andrei a sostenere, dovrebbe intervenire a fianco dei governi legittimi, perché ci sono governi legittimi, che in Siria, in Iraq, in Libia, in Nigeria combattono contro il fondamentalismo che è il nostro principale nemico”. Infine la leader di FDI si schiera in politica estera con la Russia, esprimendo la sua preferenza tra Obama e il presidente russo così: “Oggi assolutamente Putin, credo che in politica internazionale Obama sia il peggiore presidente degli Stati Uniti della storia”.

Posted in Politica/Politics, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Dolore cronico

Posted by fidest press agency su venerdì, 13 novembre 2015

europa comunitariaUn europeo su cinque soffre dolore cronico di origine non oncologica, uno su quattro dolore cronico severo, i più colpiti: le persone over 65. Un anziano su due soffre infatti questa patologia, a loro il dolore concede 7 anni di speranza di vita media. A questi pazienti si dirige la ‘Carta Europea dei Diritti dei Cittadini Over 65 con Dolore Cronico’ presentata oggi al Parlamento Europeo di Bruxelles su iniziativa della SIHA, Senior International Health Association con la collaborazione di Pain Alliance Europe e di FederAnziani ed il supporto di molti europarlamentari, quali Mara Bizzotto, Mercedes Bresso, Nicola Caputo, Lorenzo Cesa, Salvatore Cicu, Alberto Cirio, Laura Comi, Santiago Fisas Ayxelà, Elisabetta Gardini, Michela Giuffrida, Francoise Grossetete, Giovanni La Via, Fulvio Martusciello, Barbara Matera, Stefano Maullu, Luigi Morgano, Alessandra Mussolini, Antonio Panzeri, Aldo Patriciello, Giuseppina Picierno, Gianni Pittella, Salvatore Domenico Pogliese, Massimiliano Salini, Antonio Tajani, Flavio Zanonato, Jana Zitnanska, Damiano Zoffoli.A firmare la Carta anche Ignacio Socias, Director of Communication and International Relations IFFD International Federation for Family Development General Consultative Status with the United Nations, Sylvie Carrega, Presidente ENSA European Network of Social Authorities, Juan Manuel Revuelta, Director General Finnova, Athanassios Goumas, Presidente Regioeuropa, Pilar Santamaria, Fondazione Sustainable Pharmacies.
“Abbiamo deciso con i colleghi di tutti i gruppi politici che hanno condiviso la proposta e che la condivideranno, di presentare un dichiarazione scritta, presupposto perché la Commissione Europea formuli una proposta se sarà raggiunto il numero dei voti” dichiara Giovanni La Via, Presidente Commissione Ambiente, Sanità Pubblica e Sicurezza Alimentare del Parlamento Europeo. “Chiediamo a SIHA di collaborare con noi per la raccolta dei voti” aggiunge il Presidente La Via “Apriamo sin da adesso la dichiarazione alla firma di tutti i colleghi sperando che sia un primo passo per offrire una prospettiva utile alla soluzione del problema”.
Anche Gianni Pittella, Presidente Gruppo S&D al Parlamento Europeo, ha dato la sua disponibilità a presentare la Carta e a sottoscriverla. “Con questa Carta – spiega il Dottor Roberto Messina, CEO di SIHA – ci poniamo l’obiettivo di aiutare a garantire l’accesso ai trattamenti, la continuità di cura, assicurare qualità, sicurezza, equità ai pazienti anziani con dolore cronico, aiutare i Paesi Membri a salvaguardare i diritti dei pazienti stessi ed incrementare l’awareness sul dolore cronico a livello Europeo affinché vengano definite delle direttive specifiche per risolvere i problemi legati al dolore cronica ed attuate le misure di tutela dei cittadini stessi”.”Le sindromi dolorose croniche hanno un enorme costo socioeconomico pari al 2,3% del PiL” – dichiara il Prof. Gianni Colini Baldeschi, Presidente INS, Italian Neuromodulation Society, Membro della Sezione Ministeriale per l’attuazione dei principi contenuti nella legge 15 marzo 2010, n.38, recante disposizioni per garantire l’accesso delle cure palliative e alla terapia del dolore. “Garantire le cure più appropriate cure ai pazienti con dolore cronico” aggiunge il Professore “non è solo un dovere sancito dalla Costituzione, ma rappresenta anche un risparmio per il sistema sanitario nazionale e la società tutta”.Il mal di schiena, il dolore al cranio ed al collo, il dolore artritico e quello muscolare diffuso, sono le patologie più frequenti, a loro si associano sintomi quali la depressione, la perdita di relazioni sociali e di capacità lavorative. Solo il 69% delle persone con dolore cronico nella Ue assicura di essere trattato e tra questi solo il 41% in maniera adeguata.L’impatto del trattamento del dolore cronico sui sistemi sanitari e sui sistemi economici dei 28 Stati membri si traduce, per gli under 65, in pesanti perdite di giornate di lavoro, e, per tutti, ma soprattutto per gli anziani, in maggiori costi di trattamento socio-sanitario. Un paziente con dolore cronico non oncologico costa ai sistemi sanitari in media 2,6 volte in più di un paziente senza dolore.Secondo una stima di FederAnziani i costi sanitari totali diretti ed indiretti per le patologie di dolore cronico nei 28 Stati Membri variano dal 2% al 2,9% dell’Irlanda, con una media Ue del 2,4% ed un costo pari a 271 miliardi di euro all’anno. Le spese per gli anziani sono pari a quasi 90 miliardi di euro (si escludono i costi indiretti quali le giornate di lavoro perso).Eurostat indica che attualmente ci sono nella Ue 96,6 milioni di persone Over 65, pari al 19% della popolazione comunitaria, una cifra che è destinata a salire fino a 125 milioni nel 2030, il 24,1%, e a sfiorare i 150 milioni nel 2050 (148 milioni per il 28,2% del totale). Cifre che fanno e faranno del dolore cronico degli anziani uno dei più urgenti problemi di salute in tutto il continente europeo.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Tumore al seno: incidenza

Posted by fidest press agency su venerdì, 13 novembre 2015

tumore al senoRoma. Aumentano i casi di tumore del seno nelle under 50. In 15 anni nel nostro Paese si è registrato un incremento del 27%: erano 7.921 nel 2000, quest’anno le nuove diagnosi in questa fascia d’età saranno 10.105. Per questo diventa essenziale rivedere i criteri di accesso alla mammografia ed estendere il test a tutte le italiane a partire dai 45 anni. A lanciare l’appello gli oncologi riuniti nell’International Meeting on New Drugs in Breast Cancer, che si apre domani al Regina Elena di Roma con la partecipazione di più di 200 esperti da tutto il mondo. “Lo screening nelle donne dai 50 ai 69 anni ha contribuito in maniera determinante a ridurre di quasi il 40% la mortalità per cancro del seno nell’ultimo ventennio – spiega il prof. Francesco Cognetti, direttore dell’Oncologia Medica del Regina Elena di Roma e presidente del Convegno giunto alla quarta edizione -. L’età del primo esame va abbassata per tutte le donne a 45 anni e i controlli devono proseguire fino ai 74. Oggi solo due Regioni, Emilia-Romagna e Piemonte, hanno ampliato in maniera strutturata la fascia d’età da coinvolgere nei programmi di screening, come suggerito dal ‘Piano nazionale prevenzione’”. Nel 2015 sono stimati in Italia circa 48.000 nuovi casi di tumore del seno, 692.955 donne vivono con una diagnosi per questa patologia. “L’innovazione prodotta dalla ricerca ha permesso di raggiungere risultati importanti – afferma il prof. Cognetti -. In quindici anni le percentuali di guarigione sono cresciute di circa il 10%, passando dal 78 all’87 per cento. Si tratta di un risultato eccezionale, da ricondurre alle campagne di prevenzione e a trattamenti innovativi sempre più efficaci”. E, se si interviene ai primissimi stadi, la sopravvivenza raggiunge il 98%”. “Ma il tumore del seno – continua il prof. Cognetti – resta la più frequente causa di morte per cancro nel sesso femminile anche fra i 40 e i 50 anni. Vanno quindi sensibilizzate le donne ad aderire alla mammografia ed è necessario che le Istituzioni siano pronte a recepire le indicazioni che provengono dalla comunità medico-scientifica”. Nel biennio 2011-2012 quasi 5.300.000 donne di età compresa fra 50 e 69 anni sono state invitate a sottoporsi alla mammografia, circa 3.000.000 sono state esaminate. L’estensione teorica è risultata pari al 94,4%, mentre quella effettiva è stata del 73,3%. Il confronto tra le Regioni del Nord e del Centro con quelle del Sud Italia rivela ancora uno squilibrio nell’estensione di questo esame: mentre al Nord e al Centro è rispettivamente del 94% e dell’86%, al Sud il valore registrato è inferiore al 40%. “Le evidenze scientifiche – conclude il prof. Cognetti – dimostrano che nelle donne ad alto rischio per importante storia familiare o perché portatrici della mutazione di un particolare gene, BRCA1 o BRCA-2, i controlli mammografici dovrebbero iniziare a 25 anni o 10 anni prima dell’età di insorgenza del tumore nel familiare più giovane. Questi sono casi particolari, perché la maggior parte delle diagnosi di tumore del seno sotto i 50 anni non è legata a fattori ereditari. Ma l’incidenza della malattia nelle quarantenni è in costante crescita. Ecco perché è indispensabile abbassare la soglia dello screening a 45 anni. Solo così potremo salvare più vite”. Come dimostrano gli studi scientifici la riduzione della mortalità per carcinoma mammario grazie allo screening è diversa nelle varie fasce d’età. È pari al 14% per le donne fra 50 e 59 anni e al 32% per quelle fra 60 e 69. La sensibilità della mammografia infatti aumenta in relazione all’età per la riduzione della densità mammaria. Da qui l’opportunità di includere nei controlli anche le over 70.

Posted in Cronaca/News, Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Nasce una nuova rivista bimestrale dedicata a strumenti di gestione e protezione per privati e imprese

Posted by fidest press agency su venerdì, 13 novembre 2015

Giunge da questa settimana al pubblico “Patrimoni: strumenti di gestione e protezione per privati e imprese”, una nuova rivista che analizza con completezza e concretezza le continue evoluzioni che riguardano i temi legati alla protezione dei patrimoni. Edita da Euroconference e diretta da Sergio Pellegrino e Fabrizio Vedana, si pome l’obiettivo di condividere con il pubblico di professionisti ai quali è dedicata, le esperienze che si sono evidenziate in questi ambiti. La rivista è aperta ai contributi di tutti coloro che vorranno intervenire sull’analisi, il più vasta possibile, della gestione del patrimonio. In particolare verranno dedicati articoli e commenti sulle modalità con le quali la “ricchezza “prodotta può essere impiegata da parte di privati e imprese, e anche come, in caso di necessità, possono essere reperiti i mezzi finanziari occorrenti.Inoltre, la rivista, offrirà ai propri lettori la contestualizzazione internazionale del tema “ patrimonio” concentrando, in questo caso, gli interventi, per esempio, sulle possibilità e sulle problematiche che offrono i centri finanziari internazionali, sulla ricerca di nuovi mercati da parte delle nostre imprese, sulle opportunità di delocalizzazione.
Per accedere alla rivista i lettori potranno digitare WWW.ECNEWS.IT e leggere il primo numero della rivista.
Sergio Pellegrino, Dottore commercialista, pubblicista e revisore dei conti in Trieste. Direttore Responsabile di Euroconference NEWS. Svolge da molti anni l’attività di relatore e pubblicista in campo tributario. E’ Direttore Scientifico ed Operativo di Master Breve e componente del Consiglio di Amministrazione di Gruppo Euroconference S.p.a.Fabrizio Vedana, Avvocato e Vice Direttore Generale di Unione Fiduciaria esperto di gestione e protezione dei patrimoni collabora con giornali e riviste.
Da oltre cinquant’anni offriamo l’amministrazione fiduciaria di beni in Italia e all’estero con serietà e professionalità. Una struttura solida e indipendente, formata da professionisti della materia che in modo dinamico percepiscono e anticipano i cambiamenti.
Un partner fedele riconosciuto come riferimento per la propria categoria. Un collaboratore leale e affidabile per gli intermediari e gli operatori del settore. Un family office con un approccio internazionale per il mercato italiano.
Unione Fiduciaria S.p.A. è stata costituita nel 1958 da otto Banche Popolari. Nel corso degli anni successivi, a queste si sono aggiunte altre Banche Popolari che ne formano oggi la compagine sociale, rendendola una Società di Categoria.
Nel corso degli anni l’attività della Società ha conseguito un notevole incremento e un’ampia diversificazione, avendo visto svilupparsi, accanto ai servizi di amministrazione fiduciaria altri servizi a essi complementari, di matrice consulenziale, volti alla miglior realizzazione degli obiettivi dei mandati fiduciari, nonché un’ampia gamma di servizi organizzativi e informatici destinati agli Intermediari Finanziari.

Posted in Cronaca/News | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

A sostegno dell’infanzia altri strumenti, non solo cognitivi

Posted by fidest press agency su venerdì, 13 novembre 2015

bambini-diritti-infanzia1“Il linguaggio simbolico permette una maggiore espansione anche della dimensione concettuale. Proporre strumenti che passino solo attraverso la dimensione cognitiva non è la strada per aiutare i bambini. Si sta aprendo tutto uno scenario di altri strumenti a sostegno dell’infanzia”. Lo dice Magda Di Renzo, direttrice della Scuola di Psicoterapia Psicodinamica dell’età evolutiva dell’Istituto di Ortofonologia (IdO) che sabato a Roma presenterà il corso quadriennale dell’IdO in un Open Day dalle 9.30 e 12.30 in via Alessandria 128/b. “La nostra scuola si basa su due baluardi teorici- spiega la psicoterapeuta dell’età evolutiva- l’identità psiche-soma e la differenza tra il pensiero concettuale e il pensiero simbolico. La prima permette di dire che si può lavorare in ambito psicoterapico con la dimensione corporea; la seconda, la dimensione simbolica, permette invece di lavorare con i bambini proprio perché- ricorda Di Renzo- è più vicina al loro tipo di linguaggio e di rappresentazione mentale. Infatti- ripete Di Renzo- è attraverso un linguaggio simbolico che può maggiormente espandersi anche la dimensione concettuale”.Il modello psicodinamico teorico-clinico dell’IdO rappresenta “una risposta concreta all’eccesso di medicalizzazione connesso alle diagnosi di tipo descrittivo, che enfatizzano un approccio meramente tecnico alla patologia che punta principalmente all’eliminazione del sintomo ma non della causa. Contro questa impostazione- aggiunge l’analista junghiana- la scuola propone una formazione psicodinamica che pone al centro dell’attenzione il bambino come individuo, per comprenderne i suoi bisogni e ricercare le condizioni che hanno determinato il disagio da affrontare nella sua complessità”.L’intento della scuola di specializzazione dell’IdO è infatti “formare figure professionali capaci di affrontare i disagi e le varie patologie nelle diverse fasi dello sviluppo, e in riferimento ai differenti contesti in cui si esplicano (dal nido alle scuole superiori). Ciò significa offrire loro gli strumenti per comprendere e intervenire nelle situazioni traumatiche di abuso e abbandono, nelle difficoltà di relazione e comunicazione all’interno del nucleo familiare e nel contesto dei pari, nelle difficoltà scolastiche (dal rifiuto alle difficoltà di apprendimento), nei comportamenti a rischio e in tutte quelle patologie complesse, conseguenti o meno a danni organici- conclude Di Renzo- che necessitano di interventi mirati”.Le iscrizioni per l’anno accademico 2016 sono aperte e le lezioni per il primo anno prenderanno il via nel mese di gennaio per terminare a dicembre, con la frequenza di un fine settimana al mese (dal venerdì sera). Tirocinio ed esperienze cliniche si svolgeranno presso l’IdO o altre strutture convenzionate. Sono inoltre previste altre giornate supplementari (possibilmente il sabato o la domenica) per attività scientifico-culturali o esperienziali. In considerazione del numero limitato dei posti, per partecipare all’Open day è necessaria l’iscrizione.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Boehringer Ingelheim investirà 11 miliardi di euro in Ricerca

Posted by fidest press agency su venerdì, 13 novembre 2015

 Germania, Boehringer Ingelheim1 ha annunciato oggi, alla conferenza stampa tenutasi a Berlino, una nuova strategia di Ricerca & Sviluppo e un piano quinquennale d’investimenti in Ricerca & Sviluppo. Nell’arco dei prossimi cinque anni, l’azienda si impegna a investire nel suo nuovo programma di Ricerca & Sviluppo un totale di 11 miliardi di euro, di cui 5 miliardi in Ricerca & Sviluppo preclinici e 1,5 miliardi in collaborazioni con partner esterni. L’azienda punta a sviluppare terapie rivoluzionarie di nuova generazione e mantenere la sua eccellente posizione competitiva. La nuova strategia di Ricerca & Sviluppo abbraccia la cosiddetta “open innovation” con collaborazioni esterne che uniscono al meglio le capacità e l’esperienza di Boehringer Ingelheim e la ricerca in nuovi ambiti emergenti per la scoperta di nuovi farmaci. Elemento centrale della nuova strategia è la maggior focalizzazione su collaborazioni con partner esterni, mantenendo una robusta organizzazione di Ricerca & Sviluppo interna. Questo approccio consentirà all’azienda di sviluppare ulteriormente la propria forza e la lunga esperienza nelle aree terapeutiche core e, al contempo, espanderne i confini, attingendo alla ricchezza di ricerche originali in ambito biomedico a livello internazionale attraverso l’open innovation.
L’open innovation è diventata una parte fondamentale della scoperta farmaceutica. L’organizzazione di Ricerca & Sviluppo di Boehringer Ingelheim collabora con la più ampia comunità scientifica per inserire nelle proprie attività una gamma di opportunità innovative.In primo luogo, lo fa attraverso accordi bilaterali di collaborazione con ricercatori del mondo accademico e aziende biotecnologiche, che offrono importanti punti di partenza per progetti di scoperta farmaceutica. Boehringer Ingelheim ha avviato diverse nuove collaborazioni di ricerca in ambiti scientifici stimolanti con partner che sono leader mondiali nei rispettivi settori.Ne è un esempio la nuova collaborazione con la University of Texas MD Anderson Cancer Center che, alle conoscenze di quest’ultima sui fattori potenzialmente coinvolti nel tumore del pancreas, unisce l’esperienza nella scoperta e nello sviluppo farmaceutico di Boehringer Ingelheim.
Sempre di questi giorni l’azienda ha anche annunciato nuove collaborazioni con quattro importanti partner scientifici per arricchire la Ricerca & Sviluppo con nuovi approcci terapeutici per chi soffre di malattie infiammatorie croniche intestinali (MICI). Si tratta delle collaborazioni con l’Icahn School of Medicine del Mount Sinai, il Massachusetts General Hospital, lo Scripps Research Institute e il Weill Cornell Medicine. Queste quattro collaborazioni sono volte a individuare e convalidare nuovi possibili target terapeutici e biomarcatori per rispondere a importanti bisogni insoddisfatti di terapia per coloro che soffrono di malattie infiammatorie croniche intestinali, quali il morbo di Crohn e la rettocolite ulcerosa. Boehringer Ingelheim ha, inoltre, da poco stipulato accordi in esclusiva con la coreana Hanmi Pharmaceuticals per lo sviluppo di una terapia mirata anti-EGFR di terza generazione per il tumore polmonare, e con la californiana Circuit Therapeutics per applicare la tecnica dell’optogenetica al fine di individuare nuove terapie per disturbi psichiatrici e malattie cardiometaboliche.In secondo luogo, lo fa attraverso partnership pubblico-privato, quali lo Structural Genomics Consortium (SGC- consorzio per la genomica strutturale), l’Innovative Medicines Initiative (IMI) e il G-protein coupled receptor (GPCR) Consortium (consorzio dedicato ai recettori accoppiati a proteine G). Queste partnership rivestono un ruolo sempre più importante nella ricerca farmaceutica per la loro capacità di mettere insieme i migliori ricercatori del mondo accademico e dell’industria in un ampio ambito pre-competitivo. Boehringer Ingelheim partecipa già attivamente a due di queste partnership pubblico-privato di successo e recentemente ha aderito anche al Consorzio GPCR.In terzo luogo, lo fa attraverso iniziative di crowdsourcing con organizzazioni quali InnoCentive e BioMed X InnovationCenter al fine di trovare ricercatori con idee brillanti, per affrontare sfide mediche rilevanti. Boehringer Ingelheim e BioMed X Innovation Center hanno recentemente annunciato che stanno accogliendo in un centro d’eccellenza accademico a Heidelberg, eminenti ricercatori a cui forniranno opportune infrastrutture e una mentorship per lavorare su nuovi approcci epigenetici alla broncopneumopatia cronica ostruttiva.Inoltre, Boehringer Ingelheim investe nell’Istituto di Patologia Molecolare di Vienna, per sostenere la ricerca di base e una rete internazionale di ricercatori, elementi essenziali per lo sviluppo di ricerche originali. Infine, il venture capitalfund di Boehringer Ingelheim, istituito nel 2010, con un impegno iniziale di capitale di 100 milioni di euro, attualmente investe in un portafoglio di 13 start-up diverse che lavorano su nuovi approcci per lo sviluppo di possibili terapie future.
Nel 2014, Boehringer Ingelheim ha registrato un fatturato netto di circa 13,3 miliardi di euro e investimenti in ricerca e sviluppo pari al 19,9 percento del suo fatturato netto.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Mieloma multiplo: Sopravvivenza

Posted by fidest press agency su venerdì, 13 novembre 2015

La sopravvivenza dei pazienti italiani colpiti da mieloma multiplo è più alta della media europea. Infatti nel nostro Paese il 42% delle persone affette da questo tumore del sangue è vivo a cinque anni dalla diagnosi rispetto al 39% dei cittadini europei. “Questi dati sottolineano l’eccellente livello delle cure in Italia – spiega il prof. Fabrizio Pane, presidente della Società Italiana di Ematologia (SIE), in un incontro con i giornalisti oggi a Roma -. La malattia si manifesta quando una plasmacellula, un tipo di cellula presente nella parte centrale del midollo osseo, diventa cancerosa e si moltiplica senza controllo. Oggi si stanno aprendo importanti prospettive grazie all’immuno-oncologia, che rinforza il sistema immunitario contro il tumore. Una nuova molecola immuno-oncologica sperimentale, elotuzumab, ha ridotto in maniera significativa il rischio di progressione della malattia”. Si stimano circa 2.300 nuovi casi di mieloma multiplo ogni anno fra gli uomini (1,2% di tutti i tumori) e 2.100 fra le donne (1,3%). L’incidenza aumenta con l’età: è più frequente negli over 60 (il 38% è over 70), solo il 5-10% dei pazienti è under 40. “L’immuno-oncologia – afferma il prof. Francesco Cognetti, Direttore del Dipartimento di Oncologia Medica dell’Istituto Nazionale Tumori Regina Elena di Roma – ha già dimostrato di essere efficace nel trattamento dei tumori solidi, a partire dal melanoma fino a neoplasie più frequenti come quelle del polmone e del rene in fase avanzata. Il 20% dei pazienti colpiti da melanoma oggi è vivo a 10 anni. Nel tumore del polmone non a piccole cellule non squamoso (adenocarcinoma) in fase avanzata, il 39% è vivo a 18 mesi. E il 20% delle persone colpite dalla forma non a piccole cellule squamosa metastatica è vivo a tre anni. Siamo di fronte a risultati davvero impressionanti in tumori che, prima dell’arrivo dei farmaci immuno-oncologici, presentavano scarse opzioni terapeutiche”. I trattamenti per il mieloma multiplo includono chemioterapia e corticosteroidi per eliminare le cellule tumorali e terapie mirate per bloccarne la crescita. Uno dei sintomi tipici della malattia è rappresentato dal dolore alle ossa, infatti i bifosfonati vengono utilizzati per ridurre questo disturbo e il rischio di fratture ossee. “La somministrazione di farmaci chemioterapici ad alte dosi con successivo trapianto di cellule staminali, in grado di ricostituire il tessuto midollare distrutto dal trattamento, ha migliorato i risultati – conclude il prof. Pane -. Però gli over 65 sono generalmente esclusi dal trapianto. La radioterapia è impiegata come terapia di supporto per alleviare i sintomi. Va ricordato che l’obiettivo del trattamento è costituito dal controllo della patologia e dal miglioramento della sopravvivenza. Molti pazienti manifestano cicliche remissioni e recidive, tra le quali sospendono il trattamento per un breve periodo per eventualmente riprenderlo. Dopo la recidiva, meno del 20% dei pazienti è vivo a 5 anni. La possibilità di utilizzare l’immuno-oncologia anche nei tumori del sangue costituisce una svolta decisiva”.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Il 29 Novembre tutti a Roma! Marcia per il clima

Posted by fidest press agency su venerdì, 13 novembre 2015

marcia per il climaDomenica 29 Novembre, ore 14 Piazza FarneseMarcia per il Clima fino ai Fori Imperiali, dove dalle 17 ci sarà il Concerto per il Clima.
Dichiarano gli organizzatori: “in tutto il mondo ci stiamo organizzando per scendere in piazza il prossimo 29 novembre, poche ore prima del vertice per il clima più importante della nostra generazione! E Roma può essere uno dei cuori pulsanti di questa enorme mobilitazione.” (foto marcia per il clima)

Posted in Cronaca/News, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Rassegna di Teatro Popolare

Posted by fidest press agency su venerdì, 13 novembre 2015

caviale e lenticchieIvrea, Sabato 21 Novembre 2015, alle ore 21,00 e Domenica 22 Novembre alle ore 15.30, presso l’Auditorium Mozart di Ivrea avrà luogo il secondo appuntamento della nona edizione della Rassegna di Teatro Popolare organizzata dalla Cittadella della Musica e della Cultura di Ivrea e del Canavese. La compagnia teatrale “Gambrinus” , al suo debutto sul palco del Mozart, presenta la commedia in tre atti di Scarnicci e Tarabusi “Caviale & Lenticchie”.
La commedia ci parla di Liborio Lamanna che convive con i figli Fiorella e Filippo, con sua sorella Caterina e con la sua compagna Maddalena, donna disillusa ed amareggiata che sfoga nel sarcasmo le sue frustrazioni. Il protagonista, per sfamare e mantenere la famiglia non si è inventato di meglio che intrufolarsi in banchetti e cerimonie, fingendosi un invitato, per poi allontanarsene dopo avere fatto incetta di bevande e cibarie da rivendere alle varie osterie della zona. Egli si serve del furbo Vincenzo, che fa la corte a donna Maddalena che però non ricambia. Un giorno la famiglia si vede arrivare a casa un vecchio bersagliere, che darà vita a diverse gag. Liborio mette in atto un imbroglio, spacciandosi per ricco fonderà un comitato benefico, nel quale coinvolge, con inganno, la facoltosa Donna Agnese ed il Barone Chioccia. Scopo del comitato è quello di aiutare le persone meno fortunate e tra le famiglie da aiutare, al primo posto, ha furbamente individuato la propria. Per una serie di equivoci Liborio, suo malgrado, sarà costretto a far credere al comitato che Vincenzo sia il marito di Maddalena, dando così origine ad intrecci e colpi di scena in un’ esilarante chiave comica…
“Caviale e lenticchie“ titolo come metafora di una condizione sociale nell’Italia degli anni cinquanta, di chi cerca di sopravvivere alla miseria ricorrendo a furbizie, fantasia ed espedienti vari. Liborio Lamanna ne è un tipico esempio: dotato di naturale capacità oratoria e di stringente dialettica, apprezzato e rispettato per la sua innegabile intraprendenza ed inventiva tutta napoletana, maestro nell’arte dell’arrangiarsi.
L’ingresso all’Auditorium Mozart è consentito solo ai possessori della tessera associativa dell’Associazione Cittadella della Cultura di Ivrea e del Canavese. Abbonamento a 8 spettacoli: sabato (ore 21,00) – posto numerato € 75 (comprensivo di quota associativa) domenica (ore 15,30) – posto numerato € 70 (comprensivo di quota associativa) Coloro che presenteranno il coupon ritirato presso gli uffici dell’Azienda Energia e Gas in via Palestro n. 35 potranno acquistare gli abbonamenti con uno sconto di euro 10. Biglietti singoli: sabato (ore 21) – posto numerato € 12 (comprensivo di quota associativa) domenica (ore 15,30) – posto numerato € 10 (comprensivo di quota associativa) (foto: caviale e lenticchie)

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Monumenti storici di Firenze: rifacimenti

Posted by fidest press agency su venerdì, 13 novembre 2015

battisteroFirenze Un team di esperti composto da architetti, restauratori e studiosi di arte ha portato al loro antico splendore alcuni tra i più conosciuti monumenti storici di Firenze, patrimonio artistico universale, grazie alla più precisa tecnologia laser Made in Italy. Ad essere protagonisti di questo importante restauro sono state le sculture del Duomo, della Porta del Paradiso e della Porta Nord, tesori del Rinascimento fiorentino realizzati nella prima metà del 15° secolo da Lorenzo Ghiberti, le statue in bronzo del Battistero, la Porta della Mandorla, che porta la firma di vari scultori, tra i quali Donatello, e le parti marmoree decorate del Battistero. Ed il primo ad ammirare nella sua interezza il risultato dell’intervento è stato Papa Francesco che proprio nelle scorse ore, in occasione della sua visita pastorale in città, ha potuto vedere con i suoi occhi pieni di ammirazione e stupore gli interventi che hanno riportato alla bellezza originaria le statue e le superfici marmoree, bronzee e dorate. Grande artefice dei vari interventi di restauro è stata l’attività dell’Opificio delle Pietre Dure, del Consiglio Nazionale delle Ricerche e dell’Opera di Santa Maria del Fiore, tramite l’utilizzo dei laser al Neodimio:Yag, Q-switched del Gruppo El.En. La conclusione dei lavori di restauro dell’esterno del Battistero, eseguite dal Consorzio San Zanobi, e l’inaugurazione del nuovo e bellissimo allestimento del Museo dell’Opera del Duomo, è coincisa con la storica visita del Santo Padre a Firenze, che ha destato in città molta partecipazione.
“Nel corso della ormai ventennale collaborazione con il ghota scientifico e del restauro fiorentino e nazionale, il gruppo El.En. (quotato allo Star di Borsa Italiana – ELN.MI) considerato uno dei più importanti poli di fabbricazione di laser al mondo – afferma il Professor Leonardo Masotti, al vertice del Comitato Scientifico di El.En. – proprio nel segmento del restauro conservativo ha messo a punto numerosi sistemi laser, per rispondere alle diverse necessità di restauro sia delle parti lapidee, in marmo o pietra, che dei bronzi dorati. Gli sforzi della capogruppo El.En., con la propria divisione lavorazioniLight For Art, e di Quanta System, controllata di El.En., per supportare i restauratori con soluzioni sempre più innovative e rispettose delle opere d’arte, sono adesso sotto gli occhi di tutti i fiorentini e del mondo intero. Questo risultato, frutto della cooperazione fra Enti di tutela, ricercatori scientifici, restauratori e industria italiana (Calenzano nel caso di El.En. e Solbiate Olona, nel caso di Quanta System), confermano il ruolo leader dell’Italia nell’innovazione tecnologica applicata alla conservazione del nostro patrimonio culturale.” “Siamo orgogliosissimi come Gruppo di aver contribuito a fornire ogni possibile nostra tecnologia innovativa e supporto per questo importante intervento di restauro – afferma Paolo Salvadeo, Amministratore Delegato di Quanta System, controllata di El.En – Ciò ci ha permesso di rimanere fedeli alla nostra missione, ovvero contribuire a preservare i patrimoni dell’umanità. E lo siamo stati ancora di più quando abbiamo saputo che li avrebbe ammirati per primo il Santo Padre, in concomitanza con la sua visita in città. E’ molto bello pensare di aver contribuito a proiettare e perpetrare nel futuro quel messaggio fondamentale di bellezza creato nei secoli dai grandi maestri d’arte italiani”. L’intervento di restauro attuato a Firenze è stato reso possibile grazie ad una tecnologia tutta italiana messa a punto, dopo anni di studi e prove, da uno staff di ingegneri e tecnici, confermando il valore della ricerca e progettazione di porta nordapplicazioni tecnologiche avveniristiche rigorosamente ‘Made in Italy’.
La tipologia di laser impiegata permette un intervento molto selettivo e non crea danni alle superfici, rispettandone le patine di valore e le tessiture originarie. Il fascio di luce del laser agisce in maniera precisa e selettiva, recupera e ripulisce le opere dai segni del tempo. Un progresso tecnologico, quello del laser, a zero impatto ambientale, di grande importanza, che permette una maggiore accuratezza del restauro.
L’intervento portato a termine a Firenze arriva dopo un altro importante traguardo raggiunto la scorsa estate ai Musei Vaticani, dove è iniziato il lavoro per riportate al loro antico splendore 500 tra statue, busti ed opere scultoree dei Giardini, attraverso l’ausilio di due tipologie di laser: il cosiddetto ‘laser demolitore’, da tempo impiegato per la rottura di calcoli renali, e ora utilizzato per eliminare concrezioni e incrostazioni dalle sculture di cemento e marmo e sulle opere realizzate in metallo come oro e bronzo, ed un laser di dimensioni e peso ridotti, rispetto ai modelli abitualmente utilizzati, più facilmente trasportabile, che garantisce un effetto ripulente sulla superficie, “vaporizzando” di fatto il substrato o la crosta nera depositata. (foto: battistero, chiostro)

Posted in recensione | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Mostra: “Dissonanze Contemporanee”

Posted by fidest press agency su venerdì, 13 novembre 2015

dissonanzeTrani Palazzo delle Arti “Beltrani” – Pinacoteca “Ivo Scaringi” via Beltrani n. 51 dal 28 Novembre al 19 Dicembre 2015, mostra collettiva d’arte contemporanea. Un messaggio d’arte che segna il tempo nella sua valenza e crea dissonanze e passioni come forze fondamentali della vita. Impegno e qualità di sei artisti, quasi tutti legati al territorio, che si vuole sempre più omogeneo a un messaggio artistico tra comunicazione e pittura. Una testimonianza, come avviene pure del tempo trascorso, ma mai svanito e racchiuso nello spazio giusto dell’incastro creativo dell’artista, dove il visitatore viene catturato dall’immagine che suscita il sentimento e le nostalgie dell’infinito con il richiamo di quel fondamento che è la luce del colore sulla tela. Dipinti realizzati da mani diverse, ma legati, in questo percorso di convivenza artistica, in cui si cattura il movimento che scaturisce dall’energia come un’anima che vibra nella luce e dà continuità al messaggio della passione. Un viaggio che s’intreccia e si amalgama in un equilibrio di ampio scenario che racchiude il pensiero gioioso ed il tormento di dissonanze che sono il punto strategico di questa mostra contemporanea. La mostra è patrocinata dal comune di Trani, con la collaborazione di: ACLI Arte e spettacolo, ATS “Il bello del Beltrani”, e il contributo dell’Avvocato Antonio Di Pinto e la Galleria Art Gallery 56. In mostra, fuori collettiva, anche opere dei maestri Francesco Catalano e Guerino Levita.Artisti in mostra: Arturo Avossa, Rosa Iacobone, Antonella Magliozzi, Michele Riefolo, Marcella Sacino, Nicola Sguera Organizzatori e Direzione artistica: Loris Zanrei (foto: dissonanze)

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »