Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 30 n°108

Archive for 15 novembre 2015

CEC grieves loss of life in Paris, condemns attacks

Posted by fidest press agency su domenica, 15 novembre 2015

Overnight a series of gun and bomb attacks left at least 120 dead in the French capital, and countless more injured. The Conference of European Churches grieves the loss of life and mourns with all those affected by this enormous tragedy. We pray for the victims, their families and friends, and for the men and women who risked their own lives last night in service to others.In a message of solidarity to the Council of Christian Churches of France, CEC General Secretary Guy Liagre condemned the attacks as a vile aggression against France and an affront to all humanity. “These tragic events impels CEC to strengthen our peacebuilding and reconciliation work,” remarked Liagre. “We must strive to follow the words of the Psalms—depart from evil, and do good; seek peace, and pursue it.”The Conference of European Churches urges a peaceful response to the tragedy, both in France and throughout Europe. “We must continue, on the basis of our Christian faith, to uphold our values,” Liagre continued, citing the 2001 Charta Oecumenica. “We work towards a humane, socially conscious Europe, in which human rights and the basic values of peace, justice, freedom, tolerance, participation and solidarity prevail.”

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

G20 – all climate targets in, but large Emissions Gap remains

Posted by fidest press agency su domenica, 15 novembre 2015

climateAhead of the G20 Summit in Turkey on Sunday The Climate Action Tracker has looked at the climate action (INDCs, or “Intended Nationally Determined Contributions”) by all the member G20 countries, and calculates that, together, compared to a baseline level of emissions (the CAT’s ‘current policies pathways’), the INDCs contribute to bringing the G20 closer to its 2°C-consistent emissions level by only 8% and 15% in 2025 and 2030. The earlier G20 2020 pledges only bring them 6% of the way. Taken together, the CAT finds that the aggregate G20 emissions gap for the period 2020-2030 is actually larger than the global emissions gap. This is because, under a variety of effort-sharing methodologies, many non G20 countries will be allowed emissions increases. A political commitment from the G20 to increase its climate action as a group would have a disproportionate positive benefit on closing the emission gap.
omments from CAT: “The G20, which constitutes more than 80 percent of global emissions, and is responsible for an enormous emissions gap – even bigger than the global gap under collective effort-sharing. This weekend the G20 has an opportunity – and responsibility – to collectively act to close this gap,” said Dr Niklas Höhne, NewClimate Institute. “Without strong climate action by the G20, there is little the most vulnerable countries on the planet can do to stop the avalanche of very severe climate impacts heading toward them. To have any chance of holding warming to 1.5 or 2degC, the G20 as whole needs to lift its game on emission reductions” said Bill Hare, Climate Analytics. (foto: climate)

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

WJC President Ronald Lauder welcomes Netanyahu-Obama meeting

Posted by fidest press agency su domenica, 15 novembre 2015

NEW YORK – World Jewish Congress President Ronald Lauder praised US President barack obama and Israeli Prime Minister Benjamin Netanyahu on Monday for meeting face-to-face at the White House and “taking this opportunity to pursue common values and agendas and strengthen the close partnership enjoyed by the United States and Israel.” Lauder also welcomed the two leaders’ reaffirmation of their commitment to the two-state solution.“A strong US-Israeli relationship is critical for Israel and for Jews around the world,” Lauder said. “For decades, America has stood by Israel, its most reliable ally in the Middle East. American leadership in strengthening the Middle East peace process is invaluable in creating a genuine and lasting peace. I know that the United States stands ready to help advance a two-state solution to help solve the conflict.” “Both President Obama and Prime Minister Netanyahu understand that the two-state solution is the only solution. Both leaders possess the greatness, the vision and the courage needed to move our common relationship forward,” added Lauder.The current wave of terror spreading across Israel, as well as the radical Islamists expanding on Israel’s borders and the genocidal anti-Israel rhetoric repeated by Iran despite the recent nuclear agreement make the US-Israel relationship all the more important, Lauder said. “It is therefore critical that the United States provide Israel with all of the tools necessary to maintain its qualitative military edge in a volatile Middle East,” he said.
“The American–Israeli alliance can help assure the security of Israel, the well-being of the Palestinians, and bring us all closer to peace,” Lauder added. “Progress will not come overnight, it will take time. But now is the time to re-energize the peace process by taking bold action.”

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

WJC President Ronald S. Lauder condemns stabbing of Jewish man in Milan

Posted by fidest press agency su domenica, 15 novembre 2015

NEW YORK – World Jewish Congress President Ronald S. Laudercondemned the stabbing of a Jewish man outside of a kosher restaurant in Milan, Italy on Thursday, in what was believed to be a targeted attack.A Chabad man named as 40-year-old Israeli citizen Nathan Graff was stabbed at least nine times during the attack. It is not yet clear who the assailant is, but eyewitnesses have reported seeing a person appearing to be Arab fleeing the scene. “Violent attacks against innocent civilians are to be abhorred, regardless of their motive. If this indeed was a deliberate and malicious targeting of a man because he is identifiably Jewish, it is imperative that Italian authorities treat this incident with utmost severity,” Lauder said. “It is the duty of the Italian government to protect its citizens and to crack down on any forms of hatred or incitement. My heart is with the victim and his family. I pray that this was an isolated attack and that the Jews of Italy will continue to live in peace and security.”

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Europe de la défense: parler vrai, agir vite

Posted by fidest press agency su domenica, 15 novembre 2015

Thomas Pellerin-CarlinCette synthèse de Thomas Pellerin-Carlin et Emmett Strickland revient sur les débats qui se sont tenus le 8 octobre 2015, lors de la sixième édition des Ateliers de la Citadelle, organisée par la Mission Lille Eurométropole Défense Sécurité (MLEDS), en partenariat avec l’Institut Jacques Delors, autour du thème « Plus de crises, plus d’Europe de la défense ? ». Cette journée de débat entre experts et praticiens des questions de sécurité a permis d’analyser les nouvelles menaces qui pèsent sur l’Europe et la façon dont la coopération européenne en matière de sécurité peut répondre à ces menaces, au travers ces trois points:
1. Les menaces pour la sécurité européenne;
2. Une intégration européenne pragmatique pour répondre aux menaces;
3. Oser décider, agir dans la durée (foto: Thomas Pellerin-Carlin)

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

BEI e Intesa Sanpaolo: 1 miliardo di euro per le PMI italiane

Posted by fidest press agency su domenica, 15 novembre 2015

banca centrale europeaSi intensifica la collaborazione tra Banca europea per gli investimenti (BEI) e Intesa Sanpaolo per il finanziamento delle piccole e medie imprese. Con un accordo firmato oggi a Milano dai rappresentanti delle due istituzioni, la banca dell’Unione europea mette a disposizione una linea di credito del valore complessivo di 500 milioni di euro e, allo stesso tempo, Intesa Sanpaolo si impegna a fornire per pari importo risorse proprie alle PMI beneficiarie, facendo così aumentare il plafond complessivamente a disposizione per il supporto del sistema economico italiano fino a un miliardo di euro.Nel dettaglio, le erogazioni – finanziamenti a medio e lungo termine e leasing –saranno finalizzate esclusivamente agli investimenti delle imprese di minori dimensioni, tramite l’intermediazione di Mediocredito Italiano, il polo della finanza d’impresa del Gruppo Intesa Sanpaolo. Oggetto dei prestiti saranno sia nuovi progetti sia quelli in corso non ancora ultimati di importo non superiore a 25 milioni e con durata massima di 15 anni. Gli interventi sono destinati ad aziende attive in tutti i settori produttivi: agricoltura, artigianato, industria, commercio, turismo e servizi e potranno riguardare l’acquisto, la costruzione, l’ampliamento e la ristrutturazione di fabbricati; l’acquisto di impianti, attrezzature, automezzi o macchinari; le spese, gli oneri accessori e le immobilizzazioni immateriali collegate ai progetti, incluse le spese di ricerca, sviluppo e innovazione; la necessità permanente di capitale circolante legata all’attività operativa. Sono esclusi dall’ambito dell’accordo i progetti di puro investimento finanziario e/o immobiliare.
“Intesa Sanpaolo è uno dei nostri principali partner a livello europeo: in particolare in Italia il lavoro che stiamo facendo a favore delle piccole e medie imprese ha permesso di diffondere in tutto il territorio nazionale le risorse della BEI anche negli anni più duri della crisi; sono particolarmente soddisfatto di questa nuova operazione, perché grazie alla rilevanza dei finanziamenti complessivi che si mobiliteranno riusciremo a dare una spinta significativa alla ripresa economica in corso”, ha commentato Dario Scannapieco, Vice Presidente BEI.
“La collaborazione di lunga durata con la Banca europea per gli investimenti rappresenta per Intesa Sanpaolo una delle forme concrete di intervento a sostegno dell’economia reale. In una fase di ripresa dell’economia del Paese la nostra banca è impegnata nell’accelerare gli effetti della crescita. In particolare, già nell’anno in corso l’erogazione di credito a medio e lungo termine alle PMI italiane cresce del 66%. Grazie all’accordo di oggi siamo certi di poter disporre di un ulteriore strumento da mettere a disposizione delle imprese che intendono investire e innovare per vedere realizzati i propri progetti di sviluppo”, ha dichiarato Carlo Messina, CEO di Intesa Sanpaolo.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Convenzione quadro delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici

Posted by fidest press agency su domenica, 15 novembre 2015

ParigiParigi. La Chiesa Evangelica Luterana in Italia (CELI), che riunisce le comunità luterane dell’intera penisola, rende noto di aver inviato un appello alle istituzioni della Repubblica affinché il nostro Governo reciti un ruolo attivo e deciso nell’ambito della XXI Conferenza delle Parti (COP21) della Convenzione quadro delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici che avrà inizio a Parigi il prossimo 30 novembre.
L’appello è stato rivolto al Presidente della Repubblica Sergio Mattarella, al Presidente del Consiglio Matteo Renzi, al Ministro dell’Economia Pier Carlo Padoan e al Ministro dell’Ambiente Gian Luca Galletti.Secondo la CELI, infatti, l’Italia ha la possibilità di diventare un leader morale nel proteggere e rendere possibile un clima futuro che sia al servizio dei bisogni di tutti gli uomini.
E ha il dovere di farlo sia agendo all’interno del nostro Paese sia spingendo affinché vengano assunti impegni audaci nel corso di un evento mondiale in cui le delibere e le misure prese dagli Stati partecipanti saranno decisive per l’esistenza delle generazioni attuali e future.
Come evidenziato in un passaggio della lettera, “siccità disastrose, inondazioni massive e forti tempeste distruggono sempre più spesso vite, proprietà e mezzi di sussistenza. Gruppi già svantaggiati come donne, bambini e popolazioni indigene sono quelli più colpiti. (…) E’ giunto il momento di concludere un accordo ambizioso ed equo.”L’appello della CELI nasce in risposta all’invito della Federazione Luterana Mondiale (FLM) – comunione globale di 145 Chiese con oltre 72 milioni di Cristiane e Cristiani in 98 nazioni – di sensibilizzare le autorità nazionali sull’urgenza di un accordo globale ed equilibrato sul clima in grado di superare gli interessi dei singoli Stati.In particolare, la CELI – già impegnata, come le altre Chiese luterane nel mondo, ad attuare concretamente la transizione verso uno stile di vita sempre più rispettoso dell’ambiente – invita il Governo italiano a considerare, nel corso delle negoziazioni, la necessità di:
Determinare un quadro di iniziative che siano in grado di contenere, dopo il 2020, l’incremento medio del riscaldamento della superficie terrestre ben al di sotto di 2°C Agire, da oggi e fino al 2020, per mitigare i rischi climatici con la contestuale assunzione – da parte dell’Italia e degli altri paesi sviluppati – di un visibile ruolo guida in conformità a quanto stabilito nel corso di COP17 (Durban 2011)
Focalizzarsi fortemente sulle politiche di adattamento e resilienza ai mutamenti climatici, con speciale riguardo alla tutela delle popolazioni povere e vulnerabiliIncludere, in un accordo per il periodo successivo al 2020, le perdite e i danni derivanti dai cambiamenti climatici, affinché gli interessi di coloro che non possono più adeguarsi a questi effetti vengano tutelati ora ed in futuro
Pianificare in modo trasparente, sia a breve sia a medio-lungo termine, le misure (anche finanziarie) necessarie alla realizzazione degli interventi climatici urgenti nei paesi in via di sviluppo.La CELI, le sue Comunità e tutti i suoi membri pregano affinché COP21 possa davvero condurre all’accordo di cui il mondo ha bisogno.

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Giustizia. Molti giudici di pace negano ai cittadini il diritto di difendersi senza avvocato. Lettera al ministro

Posted by fidest press agency su domenica, 15 novembre 2015

giustiziaGentile Signor Ministro, nell’ambito della tutela del consumatore accade spesso che si presentino controversie di modesto valore, nell’ordine di qualche centinaia di Euro. In molti casi, avvalersi di un legale è un controsenso, in quanto la parcella del professionista finisce per vanificare e talvolta addirittura superare il valore della causa stessa. Per questo, l’ordinamento italiano e europeo prevedono specifici procedimenti per cause di modesta entità in cui il cittadino può rappresentarsi in proprio, senza difesa tecnica. In particolare:
– la citazione orale per cause di valore inferiore a 1.100 Euro (artt. 82 e 316 cpc). Invece di una citazione scritta, che generalmente richiede un certo grado di conoscenze giuridiche, il cittadino espone oralmente le proprie ragioni e richieste all’ufficio del giudice di pace, e quest’ultimo provvede alla redazione dell’atto. Dopodiché il cittadino potrà stare in giudizio personalmente.
– il procedimento europeo per le cause transfrontaliere di valore inferiore a 2.000 Euro (Regolamento CE n. 861/2007). L’atto introduttivo è costituito da un modulo facile da compilare, la trasmissione degli atti avviene per raccomandata a/r (senza necessità di notifiche a mezzo ufficiale giudiziario), e non è necessaria l’udienza né l’assistenza di un legale. La sentenza emessa è immediatamente esecutiva in tutti i Paesi membri dell’UE. Ebbene, numerosi cittadini ci segnalano che moltissimi giudici di pace scoraggiano o apertamente negano l’utilizzo di questi strumenti di tutela. In merito alla citazione orale, molti uffici “spiegano” ai malcapitati che si tratta di un procedimento obsoleto e non più in uso (sic!), altri affermano di non essere organizzati per poter effettuare quel servizio, altri ancora si limitano a ribadire l’obbligatorietà dell’avvocato per qualsiasi causa. Ancor peggio il destino del procedimento europeo per le cause di modesta entità: molti uffici del giudice di pace semplicemente ne ignorano l’esistenza e per questo rifiutano le istanze. Quasi sempre i cittadini finiscono per rinunciare ai propri diritti pur di non essere costretti a rivolgersi ad un legale. Come biasimarli, quando proprio gli uffici che dovrebbero garantire loro giustizia finiscono per negarla, violando così la legge italiana e il diritto europeo? Per questo, Le chiediamo di adottare tutte le misure necessarie per ripristinare la legalità ed il rispetto del diritto di difesa dei cittadini. Gli uffici del giudice di pace devono essere informati (e aggiornati) su questi strumenti di tutela, e devono essere richiamati ad adempiere i loro doveri d’ufficio, organizzandosi quanto prima a tale scopo.Confidiamo in un Suo tempestivo intervento, per evitare che sia (ancora una volta) la Corte di Giustizia UE ad affrontare le carenze del nostro sistema giudiziario. (Pietro Yates Moretti, vicepresidente Aduc)

Posted in Diritti/Human rights | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Transferwise, Nextome e Clue vincitori del Premio Europeo per l’imprenditoria digitale 2015

Posted by fidest press agency su domenica, 15 novembre 2015

europionnersHelsinki. La Commissione Europea, Deloitte, LEWIS PR e il Forum dei giovani Innovatori europei hanno incoronato i vincitori dell’edizione 2015 del premio Europeo per l’imprenditoria digitale. Europioneers fa parte dell’iniziativa Startup Europe e per il terzo anno di fila sancisce il successo delle migliori iniziative in campo digitale nell’Unione Europea I vincitori di quest’anno sono:
Imprenditore digitale dell’anno: Taavet Hinrikus e Kristo Käärmann – Transferwise (Estonia)
Giovane imprenditore digitale dell’anno – Premio giovani: Domenico Colucci – Nextome (Italia)
Imprenditrice digitale dell’anno: Ida Tin – Clue (Germania)
Jyrki Katainen, vice presidente della Commissione europea, e Markku Markkula, presidente del Comitato europeo delle regioni e vice presidente di Open Innovation Strategy and Policy Group hanno conferito i premi. I vincitori sono stati proclamati durante l’evento Slush di Helsinki, durante il quale la community degli imprenditori digitali europei era rappresentata da 15.000 partecipanti, tra cui 1.700 startup, 800 investitori e 650 addetti media.
Taavet Hinrikus e Kristo Käärmann sono i fondatori di TransferWise, un servizio di trasferimento fondi in modalità peer-to-peer sviluppato in Estonia con sede nel Regno Unito. La sede centrale si trova infatti a Londra, ma sono presenti uffici anche a Tallinn e New York. Più di 3 miliardi di Euro sono stati trasferiti attraverso TransferWise.
“Vincere questo premio è un traguardo essenziale per tutto il team di TransferWise. Siamo solo all’inizio della nostra missione, che è rendere il mondo della finanza più imparziale. Il nostro obiettivo è offrire un servizio internazionale di trasferimento fondi low-cost, veloce e giusto a chiunque abbia la necessità di inviare del denaro all’estero”, ha dichiarato Kristo Käärmann, Executive Founder di TransferWise.
Domenico Colucci è il fondatore di Nextome, il più innovativo sistema di posizionamento e navigazione. Grazie a Nextome finalmente sarà possibile localizzare la nostra posizione in spazi limitati e sapere in tempo reale dove ci troviamo. “Sono davvero entusiasta di ricevere un riconoscimento così prezioso e diventare il giovane imprenditore digitale dell’anno. Grazie ai giudici della giuria di Europioneers e alla Commissione europea per aver apprezzato il nostro team e il potenziale di Nextome. Grazie anche a tutti i miei colleghi per aver condiviso questo obiettivo con me oggi”, ha dichiarato il fondatore di Nextome Domenico Colucci.
Ida Tin ha sviluppato Clue, uno strumento digitale per la fertilità che consente all’utente (e al/la partner) di monitorare il ciclo mestruale attraverso i dati sul periodo, il desiderio, l’umore, il flusso e il dolore. Più informazioni si inseriscono nell’applicazione, più accurate saranno le previsioni di Clue riguardo il ciclo. “E’ un onore ricevere il premio Europioneers, soprattutto se si considerano la bravura, le capacità di innovazione e le competenze degli altri candidati. Sono orgogliosa di collaborare con un team eccezionale, che ha consentito a Clue di crescere come piattaforma digitale focalizzata sulla salute a livello globale, con più di due milioni di utenti che monitorano il proprio ciclo ogni mese. Sono fermamente convinta che le imprenditrici debbano assolutamente fare squadra per ritagliarsi il proprio posto nel settore”, ha dichiarato Ida Tin, fondatrice di Clue.
“E’ fantastico vedere queste realtà aziendali e questi imprenditori vincenti che fanno parte dell’Europa. Europioneers è un ottimo modo per puntare i riflettori su questi imprenditori straordinari, innovatori che nascono e si affermano in Europa. Dobbiamo celebrare questo successo e proporli come modelli per le generazioni future. L’economia digitale ha un forte potenziale di crescita nell’UE e per questo sosteniamo le startup e gli imprenditori con il nostro Piano di investimenti per l’Europa”, afferma Jyrki Katainen, vice presidente della Commissione Europea per l’occupazione, la crescita, gli investimenti e la competitività.
I vincitori del 2015 sono gli eredi degli innovatori della scorsa edizione: Peter Arvai, CEO e co-fondatore di Prezi, Guillermo Garcia, fondatore di Alumn-e, Javier de la Torre, CEO e co-fondatore di Carto DB e Sylvia Klein, fondatrice e direttrice di paij.
A proposito di Europioneers Europioneers è organizzato dalla Commissione Europea in partnership con Deloitte e il Forum dei giovani Innovatori europei. L’obiettivo del concorso è individuare e riconoscere le iniziative digitali europee vincenti, per promuovere il ruolo degli imprenditori digitali in Europa, e incoraggiare e ispirare gli imprenditori di domani. Nel 2015 sono state ricevute più di 600 candidature, votate da oltre 100.000 membri di comunità start-up. (foto: europionners)

Posted in Cronaca/News, Estero/world news, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Verso il pancreas artificiale

Posted by fidest press agency su domenica, 15 novembre 2015

pancreas-01Medtronic, azienda leader nel settore dei dispositivi medici, arruola negli USA il primo paziente in uno studio volto a determinare la sicurezza di un nuovo dispositivo per la gestione del diabete di tipo 1. Si tratta del sistema tecnologicamente più avanzato – attualmente in fase sperimentale – verso il pancreas artificiale, di fatto l’ultimo passo per la chiusura dell’ansa.Il sistema si basa sulla tecnologia innovativa di MiniMed 640G, già disponibile in Italia da inizio del 2015, costituito da un microinfusore e da un sensore che dialogano tra loro. MiniMed 640G prevede già un importante livello di automazione per la prevenzione dell’ipoglicemia, l’evento acuto più temuto dalle persone con diabete di tipo1. Il nuovo sistema ibrido è progettato per un’ottimale gestione del diabete, attraverso il controllo automatico dei livelli di glucosio 24 ore al giorno lasciando all’utilizzatore solo la gestione dell’insulina ai pasti“Dopo anni di ricerche, finalmente i componenti chiave di un sistema ad ansa chiusa ci sono” commenta Francine Kaufman, M.D., Chief Medical Officer e Vice President, Global Medical, Clinical & Health Affairs in Medtronic Diabetes. “Siamo entusiasti di collaborare con i principali sperimentatori a livello mondiale per portare avanti l’attività clinica necessaria per rilasciare questa tecnologia sul mercato, in modo che possa aiutare le persone con diabete a godere di una maggior libertà e di una miglior salute”. In Italia le persone con diabete di tipo 1 sono circa 300.000 con un significativo incremento in tutto il mondo. L’incidenza tra il 2001 e il 2009 nei soggetti al di sotto dei 20 anni è aumentata del 23%, con un trend di crescita del 3% annuo.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Accoglienza profughi in Piemonte

Posted by fidest press agency su domenica, 15 novembre 2015

torino«Non esiste la soluzione, ma esistono più soluzioni» – Monica Cerutti, assessora all’Immigrazione della Regione Piemonte, nel suo intervento a chiusura del Consiglio regionale aperto sull’Immigrazione ha voluto ribadire l’opportunità di mettere in campo una gestione strutturale dell’accoglienza evidenziando la piena sintonia tra le posizioni espresse dalla maggioranza e l’operato della Giunta.
«I numeri raccontano una verità che è opposta a quella che alcuni vogliono fare apparire: rispetto all’anno scorso in Italia è arrivato il 9,8% in meno di migranti; siamo passati da 150.988 (da inizio 2014 al 2 novembre 2014) a 141.039 del 2015 (da inizio 2015 al 2 novembre 2015). E si devono tenere sempre in mente i numeri anche quando le opposizioni chiedono di assumere posizioni di “resistenza” nei confronti dell’accoglienza. Grazie all’accordo fra Governo, Regioni e Enti Locali del 10 luglio 2014 (“Piano nazionale per fronteggiare il flusso straordinario di cittadini extracomunitari: adulti, famiglie e minori stranieri non accompagnati”) vi è stata una effettiva redistribuzione degli arrivi sui territori regionali, il Piemonte è chiamato a ospitare una quota di migranti pari al 7%, ma anche le regioni notoriamente “resistenti” l’hanno fatto. La Lombardia per esempio con i 12.932 migranti che ha accolto è la regione italiana che ospita di più in assoluto» – ha dichiarato Monica Cerutti, assessora all’Immigrazione della Regione Piemonte.
L’assessora ha poi fatto il punto sul numero dei migranti presenti nella nostra regione: «A oggi le presenze rilevate dalla Prefettura di Torino in Piemonte sono 6.177, distribuite in 332 strutture. Le presenze invece inserite nel Sistema di Protezione per Richiedenti Asilo e Rifugiati (SPRAR), che è gestito direttamente dai Comuni, sono 958 presenze di cui 51 minori stranieri non accompagnati» – Cerutti ha poi continuato – «Uno dei perni del Piano regionale è trasformare l’accoglienza da emergenziale a strutturale coinvolgendo i Comuni. Per questo è attivo un bando nazionale che scadrà a metà gennaio rivolto ai Comuni e finalizzato a sostenere nuovi progetti di accoglienza nella rete SPRAR. Non dobbiamo neppure dimenticare che quattro province (Novara, VCO, Cuneo e Vercelli) non hanno a oggi alcun progetto SPRAR. Più volte in questi mesi abbiamo fatto incontri con Comuni e Prefetture per venire incontro alla richiesta di informazione e di coinvolgimento delle singole amministrazioni».
Monica Cerutti ha poi comunicato all’aula la decisione comunicata ieri al Tavolo nazionale di gestione dei flussi non programmati, istituito al Viminale, in relazione alle commissioni territoriali: «Il sistema evidentemente ha ancora dei limiti. Uno di questi è la lunghezza dei tempi di attesa per il pronunciamento delle Commissioni territoriali rispetto alle richieste d’asilo. Un miglioramento però in questo senso vi è stato: i tempi sono diminuiti, l’attesa è passata da due anni agli attuali 8/9 mesi. Su questo fronte però la vera novità è di ieri e arriva dal Tavolo nazionale di gestione dei flussi non programmati che si è tenuto al Viminale dove è stata decisa l’apertura di due nuove sezioni delle Commissioni territoriali in Piemonte che dovranno esaminare le richieste di asilo. Queste si aggiungeranno alla sezione di Torino e a quella di Genova, che attualmente esamina le richieste della provincia di Alessandria» – lente di ingrandimento puntata anche sugli esiti delle commissioni territoriali – «Il 50% dei migranti che arrivano in Piemonte ottengono il permesso di rifugiato, di protezione sussidiaria o umanitaria. Per il restante 50% di dinieghi si dovranno prevedere soluzioni che prevedano anche rimpatri volontari assistiti, nei Paesi in cui dovremo creare le condizioni per il ritorno, anche con iniziative della cooperazione internazionale che invece in questi anni ha subito evidenti tagli alle risorse o addirittura azzeramenti».
È stata affrontata anche la questione HUB, ovvero i Centri di prima accoglienza: «Abbiamo individuato due Centri, attivarli è compito del Ministero degli Interni e delle Prefetture. Al Centro Polifunzionale della Croce Rossa Italiana di Settimo Torinese si sta provvedendo a trasferire i posti SPRAR in modo da destinare la struttura solo alla prima accoglienza; per quanto riguarda l’ex-caserma di Castello di Annone, struttura che ho visitato personalmente e che risulta adatta, il provveditorato regionale delle opere pubbliche sta portando avanti i lavori di bonifica dall’amianto e credo che in tempi ragionevoli sarà attivo anche il secondo centro di prima accoglienza in Piemonte» – ha dichiarato Monica Cerutti, assessora all’Immigrazione della Regione Piemonte.
Infine uno sguardo ai progetti di integrazione e interazione dei migranti sui territori: «Stiamo incentivando progetti di integrazione e interazione di volontariato civico, ormai in numerosi Comuni. Attività che possono essere propedeutiche ad un inserimento lavorativo. Come Regione Piemonte lavoreremo alla programmazione del FAMI (Fondo Asilo Migrazione e Integrazione). In questo ambito, stiamo definendo anche azioni innovative, come il ripopolamento delle aree montane insieme alle comunità locali. É bene, a questo proposito, evitare le generalizzazioni» – ha concluso Monica Cerutti, assessora all’Immigrazione della Regione Piemonte.

Posted in Cronaca/News, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Una mostra di sette mostre sull’arte italiana

Posted by fidest press agency su domenica, 15 novembre 2015

milanoMilano 25 novembre 2015, ore 11.00 Opening: 25 novembre 2015, ore 19.00 Triennale di Milano Viale Alemagna 6. Ennesima non è “una” mostra sull’arte italiana ma, letteralmente, “una mostra di mostre” che, attraverso sette percorsi, cerca di esplorare gli ultimi cinquant’anni di arte contemporanea in Italia raccogliendo più di centoventi opere di oltre dall’inizio degli anni Sessanta ai giorni nostri, in un allestimento che si estende sull’intero primo piano della Triennale di Milano.
Il titolo prende ispirazione da un’opera di Giulio Paolini, Ennesima (appunti per la descrizione di sette tele datate 1973), la cui prima versione è suddivisa in sette tele. Da qui il numero di progetti espositivi in cui si articola la mostra di de Bellis per la Triennale: sette mostre autonome, intese come appunti o suggerimenti, che cercano di esplorare differenti aspetti, collegamenti, coincidenze e discrepanze, nonché la grammatica espositiva della recente vicenda storico-artistica italiana. Sette ipotesi di lavoro grazie alle quali leggere, rileggere e raccontare l’arte italiana anche attraverso l’analisi di alcuni dei formati espositivi possibili: dalla mostra personale all’installazione site-specific, dalla collettiva tematica alla collettiva cronologica, dalla collettiva su uno specifico movimento alla collettiva su un medium fino alla mostra di documentazione. Non un unico progetto che cerchi a tutti i costi connessioni tematiche o stilistiche, cronologiche o generazionali, bensì una piattaforma che provi a ipotizzare la compresenza di questi formati e di altri possibili, per raccontare uno spaccato degli ultimi cinquant’anni di produzione artistica.
Artisti:Vincenzo Accame, Vincenzo Agnetti, Alessandro Agudio, Mario Airò, Yuri Ancarani, Giorgio Andreotta Calò, Francesco Arena, Stefano Arienti, Massimo Bartolini, Gianfranco Baruchello, Vanessa Beecroft, Alighiero Boetti, Monica Bonvicini, Lupo Borgonovo, Ugo Carrega, Elisabetta Catalano, Maurizio Cattelan, Giuseppe Chiari, Francesco Clemente, Roberto Cuoghi, Danilo Correale, Gino De Dominicis, Patrizio Di Massimo, Luciano Fabro, Lara Favaretto, Vincenzo Ferrari, Linda Fregni Nagler, Giuseppe Gabellone, Alberto Garutti, Francesco Gennari, Paolo Gioli, Massimo Grimaldi, Adelita Husni-Bey, Emilio Isgrò, Jannis Kounellis, Ketty La Rocca, Gruppo di via Lazzaro Palazzi (Mario Airò, Enzo Buonaguro, Matteo Donati, Stefano Dugnani, Giuseppina Mele, Chiyoko Miura, Liliana Moro, Andrea Rabbiosi, Bernhard Rüdiger, Antonello Ruggieri, Adriano Trovato, Massimo Uberti, Francesco Voltolina), Marcello Maloberti, Lucia Marcucci, Nicola Martini, Fabio Mauri, Mario Merz, Marisa Merz, Eugenio Miccini, Luca Monterastelli, Liliana Moro, Maurizio Nannucci, Alek O., Martino Oberto, Luigi Ontani, Luciano Ori, Giulio Paolini, Pino Pascali, Diego Perrone, Alessandro Pessoli, Lamberto Pignotti, Vettor Pisani, Michelangelo Pistoletto, Paola Pivi, Luigi Presicce, Carol Rama, Pietro Roccasalva, Andrea Romano, Gianni Emilio Simonetti, Rudolf Stingel, Santo Tolone, Franco Vaccari, Francesco Vezzoli, Luca Vitone.
Ennesima sarà accompagnata da una pubblicazione in sette libri e da una guida-catalogo a cura di Vincenzo de Bellis ed edita da Mousse Publishing, che rispecchierà la divisione in sette parti della mostra e sarà arricchita da contributi, saggi e testi critici inediti, commissionati per l’occasione, a curatori e critici italiani delle ultime generazioni, che negli ultimi anni si sono distinti sia a livello nazionale che internazionale: Cristina Baldacci, Lorenzo Benedetti, Barbara Casavecchia, Laura Cherubini, Vincenzo de Bellis, Eva Fabbris, Luigi Fassi, Francesco Garutti, Massimiliano Gioni, Andrea Lissoni, Luca Lo Pinto, Francesco Manacorda, Simone Menegoi, Paola Nicolin, Allegra Pesenti, Andrea Pinotti, Alessandro Rabottini, Letizia Ragaglia, Nicola Ricciardi, Alberto Salvadori, Marco Scotini, Andrea Viliani, Elena Volpato, Giorgio Zanchetti.

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Oltre 12,6 miliardi di euro transati su prodotti prepagati Visa in 291 milioni di operazioni

Posted by fidest press agency su domenica, 15 novembre 2015

Con il 16% di crescita delle carte prepagate emesse e un incremento del 12% della spesa su POS in tutta Europa rispetto a giugno 2014, Visa Europe ha celebrato il forte apprezzamento in tutta Europa dei suoi prodotti e servizi prepagati in occasione del Prepaid Summit Europe 2015, organizzato da Cards International, e tenutosi ieri a Milano. Visa Prepaid, il comparto delle prepagate Visa Europe, dopo quindici anni dal suo debutto nel mercato europeo, si conferma un’offerta con proposizioni attrattive, che continua a crescere anno dopo anno, sia in termini di carte in circolazione sia in termini di volumi.I dati più recenti di Visa nel settore prepagato attestano questo apprezzamento e visala crescita in Europa. A giugno 2015 le carte prepagate in circolazione hanno registrato un incremento del 16% – vicino alle 40 milioni di unità – così come il numero di operazioni presso terminali POS che riportano una crescita del 15%, mentre la spesa presso i POS registra 12 punti percentuali in più rispetto a giugno 2014.Il mercato delle prepagate sta crescendo costantemente con una base di consumatori trasversale, che incrocia diverse demografiche. I titolari di carte di tutte le fasce d’ età e di reddito riconoscono ai prodotti prepagati un ruolo positivo nella gestione delle proprie finanze. Poiché le carte prepagate sono più facili da usare nello shopping online, hanno un limite di spesa e sono più semplici da controllare, questi prodotti sono di gran lunga più popolari tra i millennial e le nuove generazioni, che rappresentano una quota rilevante degli shopper nel canale online.Grazie alla robusta penetrazione e all’apprezzamento da parte dei millennial, insieme all’uso intensivo online e nelle categorie viaggio e turismo, le carte prepagate sono la piattaforma ideale ove collegare soluzioni e tecnologie innovative. Visa Prepaid è diventato negli ultimi anni sinonimo di innovazione, giocando un ruolo centrale nell’introduzione e nella diffusione dell’e-commerce in Europa e rappresentando per milioni di europei la chiave di accesso agli acquisti online e ai digital wallet. A oggi, il 60% delle transazioni Visa Prepaid avviene online. Gli stessi atteggiamenti verso i prodotti prepagati Visa sono riscontrabili in tutta Europa a prescindere da età, reddito, contesto di vita e istruzione.Mentre Visa Prepaid sta crescendo in tutta Europa, ora che i consumatori europei usano i loro dispositivi mobili per funzionalità bancarie e di pagamento, esiste una chiara opportunità di convergenza dei pagamenti prepagati e mobile. Un caso emblematico è Postepay Visa, la carta prepagata più di successo in Europa. L’uso di Postepay Visa copre un numero molteplice di aree, comprese e-commerce, viaggi, rimesse, crowdfunding e carte per giovani, come nel caso di IoStudio Postepay che è una carta identificativa dello studente e incorpora anche la funzione prepagata per benefici speciali dedicati agli studenti teenager. Le carte Visa Postepay godono anche di uno dei programmi loyalty di maggiore successo in Italia, ossia “Sconti BancoPosta,” che offre sconti in migliaia di esercizi commerciali anche online. E, infine, Postepay Visa può essere utilizzata anche in ambiente mobile attraverso il mobile wallet di Poste Italiane, che conta un alto numero di carte attive.
“Stiamo assistendo alla prossima evoluzione del segmento prepagato,” dichiara Andrea Fiorentino, Head of Mobile Market Readiness, Business Strategy & Innovation in Visa Europe. “Il prepagato è mainstream e fornisce un’opportunità senza eguali di concepire prodotti e servizi prepagati che siano consoni a diversi gruppi di consumatori. Nel 2015, con la diffusione delle tecnologie di pagamento contactless e mobile NFC, spesso basate su una soluzione prepagata, ci stiamo ulteriormente muovendo verso una società cashless. I prodotti prepagati sono i migliori per incorporare le nuove tecnologie e trend, e in qualsiasi form factor; sono fortemente usati online e preferiti dai ‘first mover’. Mentre lo scenario dei pagamenti continua a scaldarsi, i prodotti prepagati uniti a servizi digitali emergeranno come alternative popolari al banking tradizionale e consentiranno ai titolari di accedere a una più ampia gamma di opzioni di pagamento off, online e mobile”.Visa Prepaid ha registrato la migliore performance in Italia, il più esteso mercato prepagato in Europa. L’Italia è un mercato che molti nel settore dei pagamenti prendono a riferimento come caso di successo poiché ha mostrato cosa si può ottenere attraverso lo sviluppo dei prodotti prepagati ed è a stato, ed è tuttora, un luogo ideale per testare nuovi prodotti e servizi innovativi. In Italia le carte prepagate Visa sono da considerare degli strumenti di pagamento mass-market che supportano il mercato. A fine giugno 2015 le carte prepagate Visa in circolazione in Italia erano oltre 14 milioni, pari al 36% di tutte le carte prepagate Visa che circolano in Europa.Nel nostro Paese, le carte prepagate Visa hanno registrato volumi di spesa ai POS per €7,8 miliardi, +8% rispetto al 2014, che rappresentano il 61% di tutto lo speso in Europa presso POS su prepagate Visa.Per loro natura, le soluzioni prepagate garantiscono una migliore gestione del budget e offrono sia ai consumatori sia alle imprese un’alternativa sicura per trasferire denaro e per controllare più strettamente le spese. Il settore aziendale di Visa Prepaid si sta rapidamente espandendo, e laddove le imprese preferiscono usare prodotti prepagati per monitorare i costi operativi quali gli incentivi e i pagamenti quotidiani, si assiste a una rapida crescita. In particolare Visa Prepaid, oltre agli utilizzi tradizionali del prepagato aziendale, vede un grande potenziale nelle economie startup, crowdfunding e crowdsharing,.“Le carte prepagate Visa sono percepite con tutti i benefici che ciascuno di noi si attende da Visa. Oltre che comode e semplici da usare, hanno il vantaggio di poter essere ottenute anche senza un conto corrente o una storia bancaria già consolidata. E ciò significa disponibilità e attivazione immediata. Questa facilità di accesso ha stimolato il successo di questo comparto. Il prepagato non solo è il metodo di pagamento non-cash a più alto tasso di crescita in Europa, ma anche la piattaforma sulla quale espandere l’accesso per i soci, i mercati, gli esercenti e i partner e rendere più semplice beneficiare dei vantaggi Visa.” ha concluso Bertrand Sava. (foto. visa)

Posted in Cronaca/News, Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Pensare al futuro partendo da consenso popolare

Posted by fidest press agency su domenica, 15 novembre 2015

“Spesso mi trovo a fare delle riflessioni su come poteva essere il nostro Paese se al Governo ci fosse stato mago Merlino il quale, sicuramente, con un tocco magico sarebbe riuscito a risolvere i problemi che affliggono l’Italia da tanti anni”. Lo scrive in una nota Denis Nesci, membro della direzione nazionale di Ncd.“Poi ritorno con i piedi per terra e inizio a meditare sulle tante discussioni della politica nostrana e, con mio grande stupore, mi trovo a leggere dichiarazioni alquanto incoerenti da parte di “amici” con i quali si era tracciato e condiviso un percorso, che il Nuovo Centrodestra avrebbe dovuto attuare e le idee che si era prefissato di inserire nell’agenda di Governo.
Oggi leggo- continua Nesci- che quattro dei fondatori di Ncd hanno dichiarato che, o si fa come dicono loro, oppure non si voterà per la stabilità, una legge “scritta con la sinistra”, allora, penso che il lavoro fatto finora sia stato vano e non sia servito a nulla il dialogo, il confronto e la condivisione di ideali su aspetti importanti del nostro Paese portati avanti da tutti gli uomini e le donne che fanno parte della squadra di NCD. Dopo due anni di legislatura nel corso della quale abbiamo ricevuto attacchi feroci e incessanti indirizzati al nostro partito – conclude Nesci – oggi che si doveva serrare i ranghi, troviamo al nostro interno persone che buttano all’aria il progetto e che chiudono le possibilità di confronto imponendo il loro pensiero con il ricatto.
Fino a pochi giorni fa sentivo dire che Ncd ha salvato il Paese, che senza Ncd si consegnava il tutto nelle mani del Movimento 5 stelle e tanto altro, oggi che si intravede uno spiraglio di ripresa, grazie anche al costante lavoro del Nuovo Centrodestra, ci facciamo un autogol che può incidere sul risultato finale. Basta polemiche, basta minacce, lavoriamo insieme per dare risposte ai cittadini e riconquistiamo la fiducia che circa due anni fa è stata confermata dall’adesione di centinaia di migliaia di cittadini al partito, ripartendo proprio dal ruolo fondamentale svolto dai circoli”.

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

La famiglia nell’arte

Posted by fidest press agency su domenica, 15 novembre 2015

michelangeloBologna Sabato 28 novembre 2015, ore 17.00 Fond. Card. Giacomo Lercaro-Raccolta Lercaro Via Riva di Reno 57 Conferenza di Andrea Dall’Asta S.I. Dalla nascita del cristianesimo in poi, la rappresentazione della famiglia è vista attraverso quella della Sacra Famiglia. Tutta l’arte dell’Occidente e dell’Oriente cristiani mostrano come la vera famiglia sia quella di Nazareth. Sia le icone – come in quella di Andrej Rublev, in cui è rivelata una dimensione profondamente sacrale, divina – sia le rappresentazioni occidentali, nelle quali si si mettono in scena gli affetti, le relazioni umane, le emozioni, Maria, Giuseppe e il bambino Gesù, costituiscono il punto di riferimento per ogni modello familiare.
Tuttavia, con il passare dei secoli, in concomitanza con un processo di secolarizzazione che investe il mondo europeo, il tema della Sacra Famiglia è sempre più relegato al mondo devozionale, per lasciare spazio, dal XIX secolo sino ai giorni nostri, a rappresentazioni della famiglia, immersa nella quotidianità della vita borghese, come appare evidente, per esempio, nella pittura Impressionista.Oggi è il cinema a mettere sempre più in rilievo le contraddizioni e le drammatiche problematiche familiari, come quelle della separazione, dell’aborto, della violenza, della sterilità. L’emersione di nuovi fenomeni come la crisi dell’istituto del matrimonio, il nuovo ruolo della donna, l’affermazione sociale e politica delle unioni omosessuali hanno infine aperto dibattiti e riflessioni, in una re-definizione dell’immagine familiare.La conferenza delineerà un percorso dalle icone antiche fino alle nuove immagini pubblicitarie, mostrando l’evoluzione della forma familiare nei secoli, fino a raggiungere il dibattito contemporaneo. Ingresso gratuito. (foto: michelangelo)

Posted in Cronaca/News, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Giacomo della Marca e il Corano: testimonianze manoscritte

Posted by fidest press agency su domenica, 15 novembre 2015

Roma Lunedì 23 novembre 2015, ore 16,30 – Pontificia Università Antonianum via Merlulana 124: presentazione del volume Chiara Codazzi, Chiara Ricci tra storia e memoria: storiografia sulla fondatrice delle francescane angeline, Ed. Antonianum, Roma 2014. Nel corso dell’incontro, moderato dal prof. Giuseppe Buffon, interverranno i proff. Salvatore Barbagallo, Preside dell’Istituto Superiore di Scienze Religiose della Pontificia Università Antonianum, Luca Bianchi, Preside dell’Istituto Francescano di Spiritualità della stessa Università, Stefania Bartoloni e Grazia Loparco.

Posted in Cronaca/News, Roma/about Rome, Università/University | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Terrore a Parigi

Posted by fidest press agency su domenica, 15 novembre 2015

terroristiIl Movimento Astensionista Politico Italiano esprime tutta la propria vicinanza al Popolo francese e alle vittime innocenti di Parigi e condanna senza alcuno sconto l’assurda violenza terrorista islamica che sta minando in maniera sempre più determinata e feroce il desiderio di libertà e sicurezza dell’intera umanità. Auspica inoltre, a seguito dei gravissimi fatti accaduti, che i governanti europei possano finalmente uscire dal torpore, abbandonando i circuiti ristretti di interesse e di potere delle loro élites partitocratiche, per porre fine a questa terribile minaccia innanzitutto chiamando a raccolta in una vera e autentica unione politica e democratica tutti i Popoli d’Europa.

Posted in Cronaca/News, Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Forte aumento del numero di bambini rifugiati e migranti che attraversano l’Europa

Posted by fidest press agency su domenica, 15 novembre 2015

NUOVO DRAMMA DEI MIGRANTI, ANNEGANO DUE DONNE A PANTELLERIACon un numero record di bambini rifugiati e migranti – 700 al giorno in cerca di asilo in Europa – l’UNICEF ha identificato cinque gruppi di bambini vulnerabili – i neonati; i minorenni con disabilità, i dispersi, gli abbandonati e gli adolescenti non accompagnati – e sta portando avanti attività specifiche per venire incontro alle loro esigenze.Dall’estate del 2015, il numero di bambini e donne è aumentato costantemente e non si arresta con l’avvicinarsi dell’inverno. Non è solo senza precedenti – nella storia recente – il numero totale di bambini richiedenti asilo nell’Unione europea – 214.000 in totale da gennaio a settembre di quest’anno, secondo gli ultimi dati di Eurostat – ma è senza precedenti anche il numero di bambini in movimento. Nel mese di giugno, solo uno rifugiato/migrante su 10 tra quelli registrati che hanno attraversato il confine dalla Grecia alla ex Repubblica Jugoslava di Macedonia attraverso Gevgelija era un bambino. Ad ottobre, era uno su tre tra quelli registrati allo stesso confine. Solo in Svezia, il numero totale dei minorenni non accompagnati richiedenti asilo – 24.000 – è superiore a quello totale dello scorso anno nell’intera Europa.”Questi giovani sono determinati ad ottenere una vita migliore per loro stessi, ma il loro futuro è in bilico mentre attraversano l’Europa. Non possiamo deluderli”, ha detto Marie-Pierre Poirier, Coordinatore speciale UNICEF per la crisi dei Rifugiati e Migranti in Europa. “La domanda per noi è: siamo pronti per questo? L’Europa è adatta, saremo in grado di dare a questi bambini il futuro per cui stanno rischiando la vita?”. A sostegno di questi 5 gruppi di bambini vulnerabili sono già state attivate dalle autorità governative, dall’UNICEF, dall’UNHCR, dalla Croce Rossa, dagli operatori per la protezione umanitaria e dagli assistenti sociali nazionali alcune azioni che però devono essere intensificate con urgenza:
1. neonati e bambini piccoli: è necessario far fronte all’inverno, prevenendo malattie e morti ed evitando cambiamenti imprevedibili e improvvisi durante le procedure alla frontiera.
2. Bambini con disabilità e con particolari necessità: hanno bisogno di adeguate strutture e servizi specializzati.
3. Bambini dispersi: per impedire ai bambini di essere separati dalle loro famiglie o da chi si prende cura di loro durante il viaggio, è importante garantire un adeguato controllo da parte degli operatori sociali e degli interpreti, utilizzando un sistema per rintracciare le famiglie.
4. Bambini abbandonati: quelli che non hanno mezzi finanziari, contatti o reti di supporto per evitare di finire nelle mani dei trafficanti e delle bande criminali e sono esposti a violenza, abuso e sfruttamento sessuale; hanno bisogno di cure urgenti e di protezione, come un qualificato tutore individuato dai servizi sociali per i minori.
5. Adolescenti non accompagnati coinvolti nelle migrazioni – Si tratta soprattutto di ragazzi di età compresa tra i 14 ei 17 anni, molti provenienti dell’Afghanistan, che non vogliono essere identificati come minori non accompagnati o separati. E’ nel loro interesse permettergli di continuare il loro viaggio e prevenire ulteriori danni. Quando i bambini rimangono nei centri di accoglienza per mesi, mentre le loro richieste di asilo vengono esaminate, l’UNICEF richiede che siano aumentate le misure per la loro sicurezza (servizi igienici separati, illuminazione adeguata e personale 24 ore su 24, 7 giorni su 7).

Posted in Cronaca/News, Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »