Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 30 n°108

Archive for 16 novembre 2015

Africa will have one billion mobile broadband subscriptions by 2020

Posted by fidest press agency su lunedì, 16 novembre 2015

africaLondon. The number of mobile broadband connections in Africa will reach one billion in 2020, up from 147 million at the end of 2014, according to new forecasts by Ovum (see Figure). The rapid growth of mobile broadband in Africa over the next few years will be driven by factors such as the ongoing rollout of 3G W-CDMA and 4G LTE networks on the continent and the increasing affordability of smartphones and other data devices. As a result, mobile broadband will account for an increasingly substantial share of the overall mobile market in Africa. Mobile broadband accounted for just 17% of the 884 million total mobile subscriptions in Africa at end-2014, but mobile broadband is forecasted to account for 76% of the total of 1.32 billion mobile subscriptions in Africa at end-2020. The number of total mobile subscriptions in Africa is expected to cross the one billion mark during 2016.Africa’s fixed-broadband market is also set to grow strongly, albeit from a low base, as operators on the continent step up their deployments of wireless and fiber networks for home and business broadband. The number of FTTH/B subscriptions in Africa will rise from about 166,000 at end-2014 to 1.2 million at end-2020, forecasts Ovum.“Although the pace of growth in overall connection numbers in Africa has slowed and the regional industry is facing some headwinds from rising competition and weaker economic conditions, there are substantial growth opportunities on the continent in data connectivity as well as in digital services that are based on those data connections,” said Matthew Reed, Practice Leader for Middle East & Africa at Ovum.As African operators look to develop digital services, the Digital Media Opportunity Index: Sub-Saharan Africa, a new research tool published by Ovum, reveals that South Africa has the most favourable market among the 20 countries surveyed for digital media content such as apps, digital music, digital publishing, OTT video, and video gaming. South Africa ranks highest on the Index with a score of 4.35 out of 5. South Africa is followed in the digital media opportunity rankings by Angola, Kenya, Nigeria, and Ghana.“The South African market is among the most advanced on the continent, so it is to be expected that it leads in potential for digital media services. Nevertheless, the Index shows that there are digital media opportunities across the continent,” commented Reed.

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Caspian states jockey for position over its status as a sea or lake

Posted by fidest press agency su lunedì, 16 novembre 2015

caspianby Luke Coffey. The region around the Caspian Sea plays a role in many of the world’s most daunting challenges. From the rise of Islamic extremism to Russia and Iran’s renewed assertiveness, the largest enclosed body of water on earth figures in the problems’ address book. It is rich in natural resources and sandwiched between two of the globe’s most energy hungry markets – Europe and Asia. The tug of war for control of those resources may come down to whether the Caspian is officially designated a sea or a lake, with huge geopolitical implications for the five nations that border it – and for the whole of Europe and the broader region.​ (Photo: caspian) (font: Geopolitical Information Service)

Posted in Estero/world news, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Un weekend di grande vela a Chioggia con il Campionato Invernale

Posted by fidest press agency su lunedì, 16 novembre 2015

velaCHIOGGIA. Un weekend di grande vela a Chioggia, dove si sta svolgendo la trentanovesima edizione del Campionato Invernale organizzato dal Circolo Velico Il Portodimare di Padova, con un rullino di marcia rispettato perfettamente grazie alle quattro prove in due giorni portate a termine.La fitta nebbia che nei giorni scorsi ha invaso tutta la costa veneziana nel weekend ha fatto lasciato posto ad un cielo grigio con una vento costante da Ovest intorno agli otto nodi che ha permesso al comitato di regata di rispettare i programmi ed inserire così, nel computo della classifica generale, altre quattro prove che consentono una ranking più definita anche grazie all’entrata in gioco di uno scarto. La flotta fin da subito si è dimostrata agguerrita, tanto da far optare il Comitato di Regata ad issare in alcuni casi bandiera nera in partenza, a causa delle troppe imbarcazioni che cercavano di anticipare lo start.
Nel gruppo A conferma il dominio Sideracordis di PierVettor Grimani, l’X-41 precede l’Italia Yacht 13.98 di Brenno dal Pont e Luna per Te di Volpato Roberto a pari punti con Fortitude, il nuovo Italia Yacht 12.98 di Franco Corazza.Combattuta fino all’utlima virata la lotta nel gruppo B dove X-Real di Federico Servadio precede di un solo punto la gemella Demon-X di Nicola Borgatello e Daniele Lombardo. Subito dietro ad i due X-35 si piazza Olalla, il vela1First 35 di Cazzoli Fabrizio. Abbastanza delineata la classifica nella classe Minialtura dove Boomerang, il Platu 25 di Nicolò Scarpa è in vetta con quattro punti di vantaggio su Oca Gialla, l’Ufo 22 di Sandro Bighin, che a sua volta distanzia di altri quattro punti Capitan Nemo di Stocco Thomas e Boffo Gianluca. Quanto alla classifica overall i primi tre posti sono occupati da X-Real, Demon X e Sideracordis, mentre nel raggruppamento IRC è Demon X a guidare la classifica. È possibile seguire il Campionato Invernale attraverso le pagine ufficiali di Facebook e Twitter del Circolo Velico Il Portodimare, dove verranno pubblicati aggiornamenti live dal campo di regata.La manifestazione si concluderà domenica prossima con la partenza della prima prova di giornata fissata alle ore 11 quando è in programma l’ultima prova del Campionato prima delle premiazioni che si svolgeranno presso la Club House di Darsena Le Saline.Tanti i premi ed i trofei memorial messi in palio anche quest’anno dall’organizzazione, a partire dal Trofeo Challenge «Giorgio Scionti» all’ imbarcazione del primo raggruppamento ORC prima classificata in overall, il Trofeo “Gianmaria Pulina” all’imbarcazione del secondo raggruppamento ORC prima classificata in overall, il Trofeo Challenge «Presidente PDM» all’ imbarcazione prima classificata IRC in overall, ed ancora il Trofeo “Sergio Palmi Caramel” al socio o ai soci del Portodimare che meglio hanno rappresentato i valori del circolo nella stagione 2014/15 in base a motivazione espressa dal Consiglio Direttivo. Sarà infine assegnato un premio al primo, secondo e terzo per ogni classe e/o raggruppamento nella classifica finale. (foto: vela)

Posted in Cronaca/News, recensione | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Premio Roma Fiction Fest Miglior attrice

Posted by fidest press agency su lunedì, 16 novembre 2015

KASIA SMUTNIAKKASIA SMUTNIAK vince il Premio Roma Fiction Fest Miglior attrice. In concorso al RomaFictionFest e in onda, in prima serata, MERCOLEDÍ 2 DICEMBRE su RAI1 Una produzione FANDANGO TV in collaborazione con RAI FICTION Prodotto da Domenico Procacci realizzato con il sostegno della REGIONE LAZIO fondo regionale per il cinema e l’audiovisivo diretto da LUCIO PELLEGRINI con KASIA SMUTNIAK, ADRIANO GIANNINI, DOMENICO DIELE, GIULIA VALENTINI con la partecipazione di FILIPPO NIGRO. Tratto dal romanzo di Melania Mazzucco LIMBO Giulio Einaudi Editore. La vigilia di Natale, Manuela Paris torna a casa, in una cittadina sul mare vicino Roma. Non ha ancora ventotto anni. È assente da tempo, da quando è andata via – ancora ragazza – per fare il soldato. Con determinazione e sacrificio, Manuela si è faticosamente costruita la vita KASIA SMUTNIAK1che sognava, fino a diventare sottufficiale dell’esercito e comandante di plotone in una base avanzata del deserto afghano, responsabile della vita e della morte di trenta uomini. Ma il sanguinoso attentato in cui è rimasta gravemente ferita la costringe a una guerra molto diversa e non meno insidiosa: contro i ricordi, il disinganno e il dolore, ma anche contro il ruolo stereotipato di donna e vittima che la società tenta di imporle. L’incontro con il misterioso ospite dell’Hotel Bellavista, Mattia, un uomo apparentemente senza passato e, come lei, sospeso in un suo personale limbo di attesa e speranza, è l’occasione per fare i conti con la sua storia. E per scoprire che vale sempre la pena vivere – perché nessuno, nemmeno lei, è ciò che sembra… (foto: KASIA SMUTNIAK)

Posted in Cronaca/News, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

“L’Islam contro l’Islam”

Posted by fidest press agency su lunedì, 16 novembre 2015

L'Islam contro l'IslamScrive l’editore: “da noi  è stato pubblicato nel 2013. Il testo, che in Francia ha ottenuto il PRIX du Livre, si ritiene assolutamente necessario per intendere una minima parte di ciò che sta succedendo oggi in Medio Oriente e in Europa, sia nelle nostre librerie nascosto e messo di costa nella sezione saggi in modo tale che finora del testo non se ne siano vendute neppure le 1000 copie della iniziale tiratura? Se le librerie non lo espongono, si sappia che può essere ordinato nelle librerie online e sul nostro sito.Sottolineiamo questo non per arricchirci con qualche copia venduta a un prezzo risibile, ma come servizio pubblico che si costituisce con informazione e cultura. Non certo quella vuota e parolaia dei talk show che continuano a difendere una politica dissennata nel rapporto con Il mondo Islamico, il suo risveglio e tutte le conseguenze come immigrazione incontrollata e demenziale gestione dell’invasione. (foto: L’Islam contro l’Islam)

Posted in Cronaca/News, recensione | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

53° Congresso mondiale di architettura del paesaggio

Posted by fidest press agency su lunedì, 16 novembre 2015

paesaggioTorino dal 20 al 22 aprile 2016 53° Congresso mondiale di architettura del paesaggio. Partito il conto alla rovescia per IFLA 2016, 53° Congresso Mondiale IFLA – International Federation of Landscape Architects, che riunirà oltre 2.000 professionisti del paesaggio provenienti da tutto il mondo: architetti, agronomi, ingegneri, tecnici delle Pubbliche Amministrazioni europee, politici e amministratori.
Il congresso è organizzato da AIAPP – Associazione Italiana di Architettura del Paesaggio, rappresentante di IFLA in Italia, in collaborazione con la Città di Torino. AIAPP è dal 1950 il punto di riferimento in Italia per i temi legati all’architettura del paesaggio. È formata da circa 800 professionisti che si occupano della conoscenza, analisi, conservazione attiva, progettazione e gestione degli spazi aperti, dal giardino al parco al paesaggio. Obiettivo ultimo del Congresso è rimettere il paesaggio, la sua tutela e la sua trasformazione, al centro del dibattito ambientale e culturale in Italia. I primi segnali in questo senso arrivano dall’emendamento n° 6.37, fortemente sostenuto da AIAPP, presentato in Senato al testo della Legge di Stabilità 2016 in discussione in questi giorni: riguarda le detrazioni d’imposta per interventi di sistemazione a verde nelle aree scoperte di edifici e pertinenze di proprietà privata. Un primo forse segnale di una sensibilità verso il paesaggio, così come più volte auspicato da AIAPP e della Presidente Anna Letizia Monti. Tema scelto per il congresso è Tasting the Landscape inteso come assaporare, gustare, provare: un significato che rimanda alla dimensione sensibile dei luoghi, invitando a non dimenticare gli aspetti emozionali e percettivi del paesaggio. Il titolo scelto pone l’accento sul progetto di paesaggio come strumento di produzione di qualità, di benessere, di risorse, di beni comuni e sul ruolo centrale del paesaggista nei processi di qualificazione e rigenerazione di luoghi e territori. Come focus dei lavori è stato scelto lo spazio peri-urbano, cioè quel luogo di confine tra città e campagna in cui si gioca buona parte della sfida di sostenibilità per le città del nuovo millennio.
Alla call for papers internazionale rivolta ai professionisti hanno risposto in oltre mille, con contributi arrivati da tutto il mondo (tra i Paesi di provenienza si segnalano Arabia Saudita, Australia,Brasile, Corea del Sud, Egitto Filippine, Indonesia, Iran, Nigeria, Russia, Syria, Uruguay e Venezuela, oltre a tutti i Paesi Europei, Italia inclusa); tra questi ne sono stati scelti circa 80, che saranno presentati all’interno del Congresso. Le iscrizioni sono già aperte: sono previste vantaggiose tariffe early bird e fasce di prezzo differenti per gli studenti.Il programma e i nomi dei relatori saranno presentati nelle prossime settimane.

Posted in Cronaca/News, recensione | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Parte a Napoli il progetto adEST, Emersione Sociale Talenti

Posted by fidest press agency su lunedì, 16 novembre 2015

napoliNapoli, Parte a Napoli il progetto adEST Emersione Sociale Talenti. Per la realizzazione del progetto, sostenuto dal Dipartimento della Gioventù e del Servizio Civile Nazionale della Presidenza del Consiglio dei Ministri, saranno selezionati cento giovani mentori da formare e affiancare, in un rapporto uno-a-uno, a giovanissimi studenti di scuole dell’area Est di Napoli. Saranno solo cento gli under 30 che potranno diventare per alcuni mesi “Social Champion” e realizzare così un’innovativa sperimentazione internazionale che punta a far emergere i talenti inespressi o sommersi nei settori tecnico, creativo, scientifico di giovanissimi studenti a rischio esclusione sociale.
I “Social Champion” saranno giovani volontari–mentori che, dopo un periodo di formazione, lavoreranno alla realizzazione del progetto adEST Emersione Sociale Talenti, programma di crescita dei ragazzi a rischio esclusione sociale, sostenuto dal Dipartimento della Gioventù e del Servizio Civile Nazionale – Presidenza del Consiglio dei Ministri, e realizzato da Mentoring USA-Italia, Associazione Culturale Arteteca e Psicologi in Contatto Onlus.Il giovane candidato che farà parte dei 100 Social Champion dovrà possedere propensioni o attitudini tecniche, creative, scientifiche allo scopo di promuovere, attraverso la relazione di mentorato cui verrà formato, la crescita personale dei più giovani e il rafforzamento dell’autostima, per una messa a profitto dei talenti.Sedi dell’attività dei Social Champion saranno i tre istituti scolastici di Ponticelli, Napoli Est: ITT “Marie Curie”, IIS “Sannino-Petriccione” e ISIS “Archimede”. L’impegno richiesto al mentore è di due ore a settimana per dodici incontri, da realizzare nei tre istituti scolastici. Si creerà così una grande squadra, di 100 Social Champion mentori, che vivrà l’esperienza più significativa: trasferire conoscenze, competenze e passione a ragazzi che di frequente, in periferia, vedono sfumare le proprie ambizioni.Ci si potrà candidare entro domenica 20 dicembre e le selezioni saranno svolte entro la metà di gennaio 2016.Chi supererà la prima fase di valutazione dei titoli, della presentazione e delle qualità da trasmettere, sarà poi chiamato a colloquio. La sessione di mentorato si risolverà in circa tre mesi. Prima dell’avvio, i selezionati riceveranno la formazione professionale al mentorato e, a fine percorso progettuale, due attestati da Mentoring USA-Italia e da Psicologi in Contatto Onlus.Per chi sarà interessato a proseguire, infine, il progetto prevede la costituzione di adEST – Associazione Giovani Mentori.

Posted in Cronaca/News, recensione | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Our wars and our dead

Posted by fidest press agency su lunedì, 16 novembre 2015

Not wanting to make the conspiracy childbirth since the massacre of Paris. The massacre started at 21.20 on 13 November with the first explosion outside the stadium in Saint Denis that is located in the north of the capital. He was playing the friendly match France-Germany. In the gallery there was President François Hollande. Soon not very far from the first intervention other attackers made their way to shots kalasnhikov in various entertainment venues in Paris and that had its “peak” at the Bataclan, the historic ballroom, where there were no less than 1,500 young people to attend a musical performance. The other places were a Japanese restaurant on Rue de Charonne, a restaurant cambodian the “Petite Camdodge” Rue Alibert and the pizzeria “Casa Nostra” in Rue Fontaine. We know that the attackers were in eight but it is assumed that they had a tactical and logistical support of at least eight others who were able, after the intervention of police and SWAT French, to cover their tracks. Were, apart from the stadium, which was heavily guarded by police because of the presence of the head of state, the objectives that the technicians have called “soft targets.” The first reflection from the modus operandi of the commando: hit targets unattended with the sole purpose of spreading terror and have demonstrated contempt for life coldly killing of defenseless people and, once trapped with no way out, they do not have hesitate to blow themselves up. The second is that the targets are chosen with the specific intention of enlarge the jersey of the possible targets that even if it could not be supervised and therefore create the public the feeling that he could not defend in any way and that they will not know where they would attack the next time. Another important aspect is that they have planned the attacks and no one, first of all the intelligence services, they had got wind. What can this mean? We are in the presence of highly motivated people, who believe in what they do and how they do it and they know that in the end will have to die and accept this condition with stoic cynicism. In the end, one wonders what and who drives them to have many certainties, of contempt for life and themselves and others if they are not the mature fruit resulting from an aberration of the costumes, the excesses of liberalism voted for easy enrichment of a few at the expense of many and Western policies perverse before colonialism and then the post-colonialism with the classic “King rafter” brainwashed by the usual hucksters on duty, mostly Western in the name of profit whatever the cost. Yet there would be a remedy by closing most of the munitions companies and their businesses, adopting a serious policy of distribution of resources and avoiding making the salaams to dictators and warmongers around the world. A very serious error would instead respond with acts of war where to pay the higher price would be just the youth of the dance halls, restaurants and attending in large numbers in the streets and squares of the metropolitan cities. At the end we should be convinced that there are other wars that are fought but those of all of us not knowing the appropriate responses to the evils produced by capitalism and its laws. And their dead, unfortunately, are added to our bringing the barbarism in the world and where fatally victims are innocent and that both contentendenti are considered neither more nor less than “collateral damage”. For this reason we respond to those who wrote “Your wars and our dead” with “The” our “wars and our dead. (Riccardo Alfonso: fidest@gmail.com)

Posted in Confronti/Your opinions | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »