Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 30 n° 19

Archive for 17 novembre 2015

Conferenza Stato Regioni. Approvato il Piano nazionale per la prevenzione delle epatiti B e C

Posted by fidest press agency su martedì, 17 novembre 2015

epatite C ospedale cardarelliAvere un piano nazionale Italiano è stato uno dei principali obiettivi di ACE, perseguito con tenacia per quattro anni consecutivi.
ACE, Alleanza Contro l’Epatite, nasce dalla volontà di FIRE Onlus – Fondazione Italiana per la Ricerca in Epatologia – ed EpaC Onlus – Associazione di pazienti epatopatici. L’obiettivo comune è quello di attuare anche in Italia i contenuti della Risoluzione OMS WHA 63.18 del 21 maggio 2010, che ha riconosciuto per la prima volta l’epatite virale come un problema sanitario di impatto globale.
I promotori sanno che c’è ancora molto lavoro da fare per fare in modo che le attività previste dal piano siano concretizzate ma è giusto celebrare un primo obiettivo raggiunto. hanno contribuito all’iniziativa:
Medici, pazienti ed altri stakeholders che hanno contribuito ad arricchire il Piano;
Il dipartimento della Prevenzione del Ministero della Salute, che ha decisamente accelerato l’iter approvativo;
Le aziende che hanno creduto in questa iniziativa e sempre sostenuto i nostri eventi informativi;
MA provider che spesso ha offerto un contributo logistico amministrativo a puro titolo di volontariato.

Posted in Cronaca/News, Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Master in “Psicologia Clinica e Counseling centrato sulla persona”

Posted by fidest press agency su martedì, 17 novembre 2015

parma universitàParma Mercoledì 18 novembre, alle ore 12, nell’aula arancione della sede del Dipartimento di Medicina Clinica e Sperimentale (ex Nefrologia, via Gramsci 14), si terrà la presentazione del Master di II livello in “Psicologia Clinica e Counseling centrato sulla persona” dell’Università di Parma. Il Master, diretto da Carlo Pruneti, docente di Psicologia clinica del Dipartimento di Medicina clinica e sperimentale, punta a fornire una conoscenza metodologica attuale, specifica e multidisciplinare per l’approntamento, la validazione e l’attuazione di adeguati piani di intervento, dalla prevenzione al counseling e alla riabilitazione. Si analizzeranno gli aspetti critici relativi alla comprensione del quadro clinico, o educativo, o riabilitativo, per arrivare a scegliere gli strumenti per il “management” più corretto ed esaustivo del caso, per giungere al miglior intervento, anche di tipo multidisciplinare. Tra le tematiche principali: l’attività di supporto psicologico al paziente nel suo significato più ampio, partendo dall’attenzione alla persona e non solo alla malattia. Si approfondiranno inoltre aspetti procedurali, dalla diagnostica strumentale e dalle tecnologie di indagine non invasiva ai diversi tipi di valutazione clinica, e verranno trattate terapie diverse, farmacologica e integrata, oltre al tema della prevenzione. Nello specifico saranno presi in considerazione i vari ambiti applicativi in psicologia clinica, psicopatologia, neuropsicologia, psicofisiologia clinica, neuroriabilitazione e riabilitazione cognitiva nell’interfaccia medicina-psicologia, oltre ai possibili ausili diagnostici. Il corso ha durata annuale e comprende un totale di attività pari a 60 CFU. Ai partecipanti al Master è data, inoltre, su richiesta, la possibilità di svolgere stage in Europa e negli Stati Uniti, oltre che nell’area dell’Italia centro-settentrionale. Sono infine previste esercitazioni pratiche nei laboratori di psicofisiologia clinica e neuropsicologia clinica, che saranno presto inaugurati all’interno del polo bio-tecnologico di via Volturno. L’Unità di Psicologia clinica del prof. Pruneti è anche centro di eccellenza della European Biofeedback Federation (EBF), per cui è possibile ottenere i livelli I e II di EBF Certificate come didattica alternativa. Le lezioni si terranno nel Polo Didattico di via Del Prato o nell’aula B del Padiglione Rasori dell’Azienda Ospedaliero-Universitaria di Parma, prevalentemente nei giorni di venerdì e sabato, con cadenza mensile. La scadenza per le iscrizioni è fissata al 3 dicembre. Trattandosi di un Master Universitario a numero programmato, l’ammissione al Corso è subordinata al superamento di una selezione.

Posted in Cronaca/News, Università/University | Contrassegnato da tag: | Leave a Comment »

La guerra contro l’Isis non si vince sparando nel mucchio

Posted by fidest press agency su martedì, 17 novembre 2015

terroristi“I terroristi si muovono con agilità da uno stato all’altro, preparano la strage in Belgio e la eseguono a Parigi. La prima cosa di cui abbiamo bisogno é un un Ufficio Investigativo Federale Europeo capace di seguirli, controllarli, sorvegliarli e colpirli in tutti i loro spostamenti. Si può fare sulla base dei Trattati esistenti o, al massimo, con la procedura di revisione semplificata prevista dai Trattati stessi”. A dirlo è Rocco Buttiglione, Vice Presidente Vicario del Gruppo Area Popolare (Ncd-Udc) alla Camera.“Dobbiamo mettere insieme i nostri servizi segreti – continua – per gestire in modo efficace tutta la informazione di cui disponiamo. Così potremo prevenire futuri attentati, infiltrare le organizzazioni terroriste, arrestare e mandare in galera chi finanzia il terrorismo, chi corrompe la mente dei giovani plagiandoli fino ad indurli a farsi saltare in aria pur di uccidere gli infedeli, tutti gli assassini ed i loro complici”.E conclude: “questa guerra non si vince sparando nel mucchio come vuole Salvini. Sparando nel mucchio si uccidono gli innocenti e si spingono migliaia di giovani nel campo del fanatismo e della guerra santa. Bisogna sparare prendendo bene la mira e colpendo i bersagli giusti. La costituzione immediata o almeno in tempi rapidissimi di un servizio segreto unificato europeo sarebbe una prima risposta efficace. Seminerebbe la paura nel cuore dei terroristi e restituirebbe sicurezza e fiducia ai nostri cittadini”.

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Combattere il bullismo scolastico

Posted by fidest press agency su martedì, 17 novembre 2015

dublinoDublino. Sarà il centro anti-bullismo dell’Università di Dublino a ospitare la seconda conferenza internazionale di Sonet-Bull, il progetto finanziato dal programma europeo Erasmus con l’obiettivo di ricercare strategie comuni di prevenzione e contrasto al fenomeno del bullismo scolastico. Nel corso della conferenza sono stati presentati i primi risultati della piattaforma online dedicata alle comunità scolastiche, alle famiglie e a tutti gli attori coinvolti nel fenomeno.
Sonet-Bull è il progetto biennale attuato dalla Greek National Agency nell’ambito di Erasmus Plus Programme, Key Action 2 “Strategic Partnerships”, per prevenire e contrastare il fenomeno del bullismo scolastico. Il programma, promosso da cinque partner di quattro paesi europei (Hellenic Open University, Grecia – INFOREF, Belgio – Computer Technology Institute & Press Diophantus, Grecia – Fondazione Mondo Digitale, Italia – Dublin City University, Anti Bullying Centre, Irlanda), si fonda sull’idea che il bullismo on si combatta con azioni isolate, ma con strategie e strumenti innovativi capaci di fare rete e creare comunità educative.
Il progetto prevede l’utilizzo della piattaforma http://www.sonetbull-platform.eu per condividere le buone pratiche e le strategie per contrastare i casi di bullismo. Se ne parlerà durante la conferenza stampa dedicata del 18 novembre 2015 alle ore 14 presso il National Anti-Bullying Research and Resource Centre dell’Università di Dublino.
“I partner europei del progetto Sonet-Bull stanno lavorando insieme per sviluppare uno spazio online che unisca nuovi approcci pedagogici, come il peer learning e il crowd-sourcing, con strumenti di social networking ampiamente diffusi tra i giovani per formare le comunità scolastiche in tema di bullismo e offrire loro un supporto tempestivo e continuato” afferma James O’Higgins Norman, direttore del National Anti-Bullying Research and Resource Centre irlandese.
“La prima versione della piattaforma è pronta ed è online. Si tratta di una piattaforma di ‘apprendimento fra pari’ che integra strumenti di social networking – come blog, forum, tag cloud – e consente agli utenti di accedere a materiale di formazione, consultare casi di studio, instaurare dibattiti e scambiarsi esperienze di bullismo a scuola” aggiunge Catherine Christodoulopoulou, portavoce di Computer Technology Institute and Press Diophantus (CTI), Grecia.
La piattaforma è uno strumento strategico per la realizzazione di un percorso formativo dedicato a tutti i protagonisti della comunità scolastica per prevenire e contrastare in maniera adeguata i fenomeni di bullismo a scuola, sviluppando forme di collaborazione scuola-famiglia e garantendo l’adeguato supporto sia alle vittime che agli aggressori coinvolti.

Posted in Cronaca/News, scuola/school, Università/University | Contrassegnato da tag: | Leave a Comment »

“Conoscere per accedere ai Fondi Europei”

Posted by fidest press agency su martedì, 17 novembre 2015

camerino ambientamentoCamerino. L’Università di Camerino su iniziativa fortemente voluta ed ideata dalla Consulta per il Lavoro e la Valorizzazione della Persona costituita dalle principali organizzazioni sindacali del territorio, in accordo con la Consulta permanente per lo sviluppo e il Comitato dei Sostenitori di Unicam, per rispondere alle esigenze delle istituzioni, delle imprese, delle associazioni del Terzo Settore, dei liberi professionisti, la Scuola di Giurisprudenza dell’Università di Camerino organizza il Corso di perfezionamento Politiche europee per la valorizzazione del territorio. ‘Conoscere’ per accedere ai Fondi Europei”. Il Corso si svilupperà in 5 incontri tematici dedicati alle potenzialità dell’impiego dei fondi europei nel territorio marchigiano e si terrà di venerdì pomeriggio, 4 e 18 dicembre 2015, 15 e 29 gennaio 2016 e 12 febbraio 2016. Gli obiettivi del corso sono quelli di creare un luogo di discussione, conoscenza e progettazione sulle possibilità di sviluppo del territorio, acquisire una visione comune sulle criticità e opportunità di sviluppo del proprio territorio, conoscere i principali strumenti messi a disposizione dall’UE, sviluppare capacità e strategie adeguate per condividere la conoscenza degli strumenti europei e di facilitatori in un’ottica di rete, cooperazione e concentrazione e non dispersione. Il Corso è rivolto a tutti coloro che collaborano direttamente e indirettamente con le pubbliche amministrazioni e con le parti sociali, professionisti, studenti, imprese e tutti coloro che intendano operare o avere conoscenza delle opportunità date dall’Unione Europea in ambito di finanziamenti europei. Verrà rilasciato il Diploma di Perfezionamento in: ‘Politiche europee per la valorizzazione del territorio’ dell’Università di Camerino.
La docenza verrà svolta dai professionisti Marcello Pierini e Giuliano Bartolomei che collaborano da tempo con l’Università di Camerino in ambito formativo-professionale e di euro-progettazione oltreché dai docenti della Università di Camerino.
Direttore del Corso è Catia Eliana Gentilucci della Scuola di Giurisprudenza (già responsabile scientifico del Master di I livello in Europrogettazione che si sta svolgendo con grande successo a Civitanova Marche). Il programma del corso prevede: 4 Dicembre 2015 I MODULO – Conosciamoci; 18 Dicembre 2015 II MODULO – Le politiche europee; 15 Gennaio 2016 III MODULO – In pratica i Fondi a Gestione Diretta; 29 Gennaio 2016 IV MODULO – In pratica i Fondi a Gestione Indiretta; 12 Febbraio 2016 V MODULO – Il Corso non finisce qui.

Posted in Cronaca/News, Università/University | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Questa settimana al parlamento Europeo

Posted by fidest press agency su martedì, 17 novembre 2015

parlamento europeoBruxelles Riunioni dei gruppi politici e delle commissioni. Trasparenza fiscale e multinazionali. 11 delle 13 multinazionali che avevano inizialmente rifiutato l’invito a presentarsi innanzi alla Commissione Speciale del Parlamento sulle decisioni anticipate in materia fiscale (tax ruling) hanno colto l’ultima opportunità di condividere le loro opinioni con i membri della commissione. Questa è l’ultima riunione prima del voto finale del 55 novembre sulle raccomandazioni del Parlamento per una più equa competizione fiscale nell’UE. (Lunedì ore 15.00-20h00)
Miglioramento delle condizioni di studenti e ricercatori che non sono cittadini dell’UE. I negoziatori del Parlamento e del Consiglio cercheranno di ottenere un accordo su nuove regole per studenti e ricercatori che non siano cittadini dell’UE e che vogliano studiare o fare ricerca nel territorio dell’UE. Il Parlamento vorrebbe rendere l’UE più attraente riconoscendo loro la possibilità di restare fino a 9 mesi dopo la fine dei loro studi o contratti per cercare lavoro o iniziare un loro business. (martedì)
“Parigi / Steinmeier. La situazione dopo gli attentati di venerdì scorso a Parigi verrà discussa in un dibattito in Commissione Affari Esteri con il Ministro degli esteri tedesco Frank-Walter Steinmeier. (Martedì)
Sempre martedì, alle ore 15, nell’emiciclo di Bruxelles, si terrà una cerimonia di commemorazione delle vittime degli attentati.
Referendum nel Regno Unito. Una delegazione della Commissione Affari Costituzionali andrà a Londra a incontrare vari ministri, commissioni parlamentari e think-thank. La discussione si focalizzerà sul prossimo referendum sull’appartenenza all’UE e il futuro istituzionale dell’UE. (martedì)
Frontex/ Diritti fondamentali. Nelle Commissioni per i diritti civili e le petizioni, si metterà ai voti la proposta che l’agenzia Frontex predisponga un meccanismo di denuncia di presunte violazioni dei diritti fondamentali. Una proposta di revisione del mandato Frontex è prevista per dicembre. (martedì)
Politica di allargamento/vicinato. I Membri degli Affari Esteri discuteranno la revisione della Politica europea di vicinato con l’Alto rappresentante dell’Unione per gli affari esteri Federica Mogherini e il Commissario europeo per la politica di vicinato e i negoziati per l’allargamento Johannes Hahn. (Mercoledì)
Preparativi per la Plenaria. I Gruppi politici si preparano per la Sessione Plenaria del 23 – 26 Novembre a Strasburgo, durante la quale i MEPs discuteranno la risposta del Parlamento europeo alla luce degli attentati di Parigi, e l’esito del Summit sulla parlamento europeomigrazione tenutosi a La Valletta (Malta) e del G20 in Turchia. Si preparano, inoltre, a votare su immediate misure monetarie per andare incontro ai bisogni della politica UE di immigrazione. Nel periodo precedente la Cerimonia di premiazione del Lux Prize, che si terrà il 24 novembre, i MEPs guarderanno i tre film finalisti e voteranno il vincitore 2015.
Agenda del Presidente. Martedì Il Presidente del PE Martin Schulz invierà un discorso di apertura al lancio del Patto Europeo per la Gioventù durante il Summit Entreprise 2020 e incontrerà l’Arcivescovo di Costantinopoli e Patriarca Ecumenico Sua Santità Bartolomeo I. Mercoledì, Schulz incontrerà il Primo Ministro del Kosovo Isa Mustafa.
Seminario sulla libertà dei media. Il servizio stampa del PE sta organizzando un seminario per giornalisti sulla situazione dei media in Russia e negli altri paesi dell’Est. (Martedì e Mercoledì).

Posted in Estero/world news, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Giornata Mondiale contro l’AIDS

Posted by fidest press agency su martedì, 17 novembre 2015

scoprire roma1Roma, Martedì 1 dicembre 2015, 11.30-13.30 Giornata Mondiale contro l’AIDS Sala Stampa Camera dei Deputati – via delle Missione 4 Interverranno:
Leonardo Becchetti – portavoce campagna ZeroZeroCinque
Stefania Burbo – focal point Osservatorio Aids
Serena Fiorletta – responsabile comunicazione Aidos
On. Giovanni Paglia – deputato Sinistra Italiana
On. Lia Quartapelle – deputata Pd e coordinatrice dell’intergruppo parlamentare per la cooperazione internazionale
Marta Bonafoni – consigliera Sel, Regione Lazio
Saba Anglana cantante e testimonial dell’Osservatorio Italiano sull’Azione Globale contro l’Aids
In occasione della Giornata Mondiale contro l’Aids, Martedì 1 dicembre (11.30-13.30) presso la Sala Stampa della Camera dei Deputati, l’Osservatorio Italiano sull’Azione Globale contro l’Aids, in collaborazione con la Campagna ZeroZeroCinque presenta in anteprima la versione italiana del Rapporto “La TTF Europea: un’occasione unica per dire basta all’Aids”, realizzato da Coalition Plus, coalizione internazionale di 13 organizzazioni da tutto il mondo, impegnate nella lotta contro l’Aids.La destinazione di parte del gettito della Tassa sulle Transazioni Finanziarie (TTF) europea per interventi a favore della salute globale può rappresentare un sostegno significativo per realizzare l’obiettivo “Zero AIDS entro il 2030” previsto dalla nuova Agenda 2030.Negli ultimi dieci anni il Fondo Globale per la Lotta contro Aids, Tubercolosi e Malaria ha dato un vigoroso impulso alla lotta globale contro le pandemie, divenendo il principale finanziatore multilaterale nel campo della salute globale. Per continuare in questa direzione, e trasformare Aids, Tbc e malaria da epidemie a elevata trasmissione in malattie endemiche a bassa diffusione, è necessario, ora, incrementare gli investimenti.Da anni la società civile internazionale chiede ai Governi degli undici Stati UE che hanno deciso di introdurre la tassa, di destinarne gli introiti a favore dei servizi per contrastare la povertà anche in Italia, l’istruzione e la sanità nel Sud del mondo, il contrasto ai cambiamenti climatici e il sostegno alla lotta contro le pandemie.Dalla Francia arrivano novità importanti, il Parlamento ha infatti approvato (nel quadro di discussione/voto in prima lettura della legge di stabilità 2016) la destinazione del 50% del gettito della TTF nazionale per la cooperazione allo sviluppo e la finanza climatica.Possiamo arrivare allo stesso risultato in Italia? A che punto siamo con la discussione nel nostro Parlamento? La conferenza è l’occasione per comprendere il ruolo della salute globale nelle politiche del nostro paese grazie all’intervento di Ong, istituzioni e rappresentanti della campagna internazionale sulla TTF.Ospite d’eccezione Saba Anglana, artista che ha recentemente pubblicato l’album “YE KETAMA HOD – The Belly of the city” e che riconferma la sua sensibilità e interesse per queste tematiche.

Posted in Cronaca/News, Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: | Leave a Comment »

Il talento della Theresia Youth Baroque Orchestra chiude la quarta edizione di Musikè

Posted by fidest press agency su martedì, 17 novembre 2015

chiaraPadova. Appuntamento conclusivo, domenica 22 novembre 2015 alle ore 17.00, all’Auditorium Pollini di Padova, con la quarta stagione di Musikè, rassegna promossa e organizzata dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Padova e Rovigo. L’ultimo appuntamento di Musikè sarà anche l’ultimo di Musikè Giovani, sezione della rassegna dedicata ai giovani talenti. Dopo le Orchestre dei Conservatori di Adria, Rovigo, Padova e la Turkish National Youth Philharmonic, Musikè ospiterà quest’anno per la prima volta un’orchestra giovanile specializzata nel repertorio barocco e classico: la Theresia Youth Baroque Orchestra (TYBO), compagine sinfonica professionale, formata da giovani musicisti sotto i 30 anni di età, provenienti dalle principali scuole di musica antica di tutta Europa. Fondata dall’editore Mario Martinoli, la TYBO è il primo e più importante tassello del Progetto Theresia – International Network for Cultural Patronage, che ha l’obiettivo di reintrodurre nella cultura odierna l’antico e per certi aspetti perduto concetto di mecenatismo culturale privato.A guidare l’orchestra sarà la violinista e direttrice svizzera Chiara Banchini, figura di riferimento per l’esecuzione della musica del XVII e XVIII secolo su strumenti originali e fondatrice dell’Ensemble 415, considerato uno dei gruppi più autorevoli per il repertorio sei-settecentesco. Direttore ospite delle orchestre da camera di Durban, Adelaide, Stoccolma, Barcellona e Berna, è componente di giurie di concorsi internazionali, come il prestigioso Premio Bonporti, di cui è stata presidente.All’Auditorium Pollini la TYBO, proporrà un programma interamente dedicato al repertorio settecentesco, con lavori di Carl Philipp Emanuel Bach, Johann Christian Bach, Franz Joseph Haydn e Luigi Boccherini.La prima parte del concerto offrirà la rara opportunità di ascoltare la musica di due dei numerosi figli di Johann Sebastian Bach. Si comincia con la Sinfonia in mi minore Wq 178 composta orchestranel 1756 da Carl Philipp Emanuel Bach (1714 – 1788), autore e insegnante tra i più rilevanti nella Germania protestante del XVIII secolo, per continuare con la Sinfonia concertante per flauto, due violini, violoncello e orchestra C44 di Johann Christian Bach (1735 – 1782), musicista versatile che, oltre a cimentarsi con l’opera italiana, ebbe grande influenza sul giovane Mozart e sulla vita culturale londinese. I solisti, selezionati tra gli orchestrali, saranno Laura Lovisa al flauto, Agnieszka Papierska e Klaudia Matlak ai violini, Maria Misiarz al violoncello. Nella feconda e lunga parabola creativa di Franz Joseph Haydn (1732 – 1809) tutti i generi musicali rivestono una grande importanza. Il teatro musicale è il vertice del suo impegno presso i nobili ungheresi Esterházy: la Theresia Youth Baroque Orchestra propone, nella seconda parte, l’Ouverture dall’opera L’isola disabitata Hob. XXVIII:9. In chiusura di concerto verrà eseguita la Sinfonia n. 26 in re maggiore G520 di Luigi Boccherini, cresciuto in una famiglia interamente dedita alla musica e profondamente legato allo stile italiano durante il massimo fulgore del classicismo viennese. (foto: chiara, orchestra)

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Convegno sul Collegamento Nazionale Santuari

Posted by fidest press agency su martedì, 17 novembre 2015

padre magroRoma dal 23 al 27 novembre presso la sede del CNS, (Hotel “Casa Tra Noi”, Via Monte del Gallo 113) si terrà il Convegno e l’Assemblea Generale che si prepareranno all’avvio dell’Anno giubilare che coinciderà con l’Anno della Misericordia indetto dal Pontefice, un momento per fare memoria della storia e progettare con speranza il futuro dell’Associazione.«La scelta di svolgere a Roma il Convegno in questo preciso anniversario – prosegue padre MARIO MAGRO – è scaturita dal fatto che nel giubileo della nostra storia vogliamo confermare la nostra fede accanto alla Cattedra di San Pietro, simbolo dell’autorità del Papa, nostro Pastore e guida, del suo magistero e dell’insegnamento evangelico che, quale successore di Pietro, è chiamato a custodire e trasmettere alla comunità cristiana. Insomma un ritorno alle origini della nostra fede cristiana.
Lo specifico tema scelto – “Santuari: Giubileo di una storia. Memoria grata, vicina, profetica”– cercherà di facilitare il confronto tra i Rettori e tutti gli Operatori che quotidianamente prestano la loro opera nei santuari con il preciso intento di guardare con gratitudine al passato per leggere ciò che è stato attraverso gli occhi della fede e interpretare i segni di questi tempi così particolari, da rispondere con creatività alle necessità della Chiesa. Siamo chiamati a vivere il presente con passione – seguita padre MARIO MAGRO – e la grata memoria del passato ci spinge in attento ascolto di ciò che lo Spirito dice alla Chiesa, per essere autentici testimoni di Cristo. Auspichiamo per noi rettori dei santuari una vita sacerdotale più semplice, vicina a chi, accanto a noi, necessita di un gesto di amore e di carità, secondo l’invito del Papa. Dobbiamo diventare artefici di una prossimità che si esprima accanto agli altri. Ecco perché nel tema abbiamo inserito la frase “memoria vicina”: per fare tesoro di una Chiesa in uscita, in missione, accanto agli ultimi, che oggi sono i migranti, gli emarginati».
Operare nel nome della Misericordia, seguendo le indicazioni che vengono da un Papa arrivato dalla “fine del mondo” che ha scelto il nome di Francesco per tracciare, chiara, la via. Questo il compito riservato ai Rettori dei santuari: accogliere e mettere in risalto il Prossimo. I sacerdoti debbono essere guida e pastore per quanti affluiscono al Santuario, in pellegrinaggio, in raccoglimento di fede.Una sfida non da poco in questo momento storico e sociale tanto delicato in cui la Chiesa ripensa se stessa; così come l’altra sfida da cogliere è quella di ribadire il ruolo della Chiesa in un contesto sociale dominato dalla tecnologia. Webcam, siti internet, social media dirette televisive portano la fede direttamente nelle case: come rafforzare il significato del pellegrinaggio, di una fede vissuta fisicamente con l’accedere al Santuario?
Tra i momenti più intensi dei cinque giorni di Convegno nazionale, la prolusione di Sua Eminenza Cardinale BENIAMINO STELLA, Prefetto della Congregazione per il Clero, (lunedì 23 novembre ore 18); la celebrazione eucaristica sulla tomba di San Pietro presieduta da Sua Eminenza Cardinale ANGELO COMASTRI, Arciprete della Basilica di San Pietro (martedì 24 novembre ore 8); la visita alla Cappella Sistina con la guida d’eccezione del Professor ANTONIO PAOLUCCI, Direttore dei Musei Vaticani, mercoledì 25 novembre (ore 8).
Durante i lavori del Convegno inoltre, nella giornata di giovedì 26 novembre (dalle ore 15) si svolgeranno le elezioni per il Consiglio Direttivo del Collegamento Nazionale dei Santuari per il triennio 2016–2019. A sottolineatura dell’elezione del nuovo Presidente del CNS, seguiranno le relazioni finali sul triennio di mandato del Consiglio di padre MARIO MAGRO Rettore del Santuario di Sant’Antonio di Messina, e di padre ENZO POIANA Rettore della Basilica di Sant’Antonio a Padova. (foto: padre magro)

Posted in Cronaca/News, Viaggia/travel | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Serve andare alle radici dei sanguinosi fatti di Parigi

Posted by fidest press agency su martedì, 17 novembre 2015

parigi“E’ il momento che tutti i credenti si uniscano”. Questo è il cuore dell’appello che il presidente delle Acli di Napoli, Gianvincenzo Nicodemo, rivolge oggi, dopo gli attentati di Parigi e le sue immediate conseguenze, comprese le ritorsioni militari all’estero e la restrizione delle libertà dei cittadini da parte dei Governi. E lo fa con una lettera aperta, con un richiamo alla realtà dei fatti, partendo dalla constatazione che, come in altri simili episodi, parte degli attentatori è formata da persone nate e vissute nelle società occidentali, istruite ed integrate in esse con piena cittadinanza.Si dovrebbe, quindi, ragionare su questo. E sulle ragioni vere che motivano il fenomeno del terrorismo, senza scagliarsi “tout court” contro l’accoglienza dei rifugiati, in modo strumentale, ignorando le guerre e le politiche ciniche di tanti Governi occidentali che lo hanno invece “alimentato e foraggiato” negli ultimi decenni. Senza una riflessione approfondita anche sulle nostre società e sulle relative strutture, inoltre, non si andrà da nessuna parte.
In questo, “Napoli può diventare un laboratorio sociale”, per costruire dal basso il cambiamento desiderato e arrivare tutti, insieme alla ferma condanna delle “teologie della violenza”, ad aprire e vivere “spazi di condivisione e fraternità”.

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: | Leave a Comment »

I terroristi fra noi. Quanti?

Posted by fidest press agency su martedì, 17 novembre 2015

integralistiDecine di cittadini europei, svedesi, sono partiti per arruolarsi nell’ISIS dalla seconda maggior città svedese, Göteborg. E molti di loro sono ritornati, e non hanno avuto nessun problema da parte delle autorità; anzi ricevono aiuti di vario genere dal governo e l’assistenza sanitaria. La denuncia viene da Ulf Boström, il capo del servizio di integrazione della Polizia svedese. I servizi di sicurezza svedesi, Säpo, hanno rivelato che oltre trecento cittadini di nazionalità svedese hanno lasciato il Paese per combattere in Siria e in Iraq sotto le bandiere dell’ISIS, considerato da loro il gruppo jihadista più organizzato fra le varie cellule di fondamentalismo islamico che esistono in Svezia. “Circa 120 giovani sono partiti da Göteborg, il che ne fa, in proporzione, la città con il maggior numero di estremisti violenti” ha detto Boström, aggiungendo che molti di loro sono discendenti dalle bande criminali che popolavano i suburbi della città, e sono giovani che credono di non avere un futuro. Il responsabile della polizia di integrazione sostiene che la grande maggioranza dei musulmani presenti nella città è contro il terrorismo, e teme che questo tipo di terrorismo crei un’Europa più xenofoba. “Mi dicono: come proteggere i musulmani buoni?”. Nel maggio scorso circa cento jihadisti svedesi sono tornati in patria, e nessuno di loro è stato perseguito in base alle leggi che trattano di azioni terroristiche, secondo Boström. “Sebbene il governo abbia i nomi, e i numeri delle tessere di social security dei jihadisti di ritorno dalla Siria e dall’Iraq, continua a fornire loro copertura sanitaria e altre forme di aiuto”. (fonte: La stampa opinioni) (foto: integralisti)

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: | Leave a Comment »

Tumore al seno

Posted by fidest press agency su martedì, 17 novembre 2015

tumore al senoSono più di 495mila le donne in Italia che hanno sconfitto il tumore del seno. Molte si lasciano la malattia alle spalle, ma spesso risentono per tutta la vita di alcune conseguenze della neoplasia o dei trattamenti utilizzati per favorire la guarigione. “Anche per queste pazienti che ce l’hanno fatta – spiega il prof. Francesco Cognetti, direttore dell’Oncologia Medica del Regina Elena Roma – è importante affrontare organicamente i molteplici disturbi che talvolta inficiano gravemente la loro qualità di vita, in particolare quelli sessuali, della fertilità, psico-sociali. Senza dimenticare il distress, la depressione o le conseguenze organiche, cardiologiche, neurologiche, conseguenti alla cura, oltre alla fatigue e all’osteoporosi. Dovrebbe essere compiuto ogni sforzo per avviare programmi complessivi di riabilitazione che affrontino e risolvano tutti questi aspetti per restituire alle donne una piena integrità psichica e fisica una volta raggiunta la guarigione. Tutte le Istituzioni che trattano queste pazienti dovrebbero considerare questi aspetti ed affrontarli organicamente”. L’esigenza di predisporre programmi specifici di riabilitazione è emersa dall’International Meeting on New Drugs in Breast Cancer che si è svolto la scorsa settimana al Regina Elena e presieduto dal prof. Cognetti. “Per le pazienti con espressione o amplificazione del fattore di crescita HER2 i progressi negli ultimi 10 anni sono stati incredibili – afferma il prof. Clifford Hudis, Past President della Società americana di Oncologia Clinica (American Society of Clinical Oncology, ASCO) e responsabile del Breast Medicine Service al Memorial Sloane Kattering Cancer Center di New York -. Decisivi anche i risultati clinici con numerose decine di migliaia di donne guarite nel mondo grazie a farmaci specifici contro questo fattore di crescita. Recentemente sono stati introdotti anche in questo sottogruppo di pazienti nuovi farmaci che potentemente integrano l’attività dei trattamenti di prima generazione. Sono in corso sperimentazioni cliniche nella malattia in fase precoce anche prima della chirurgia, per valutare in quali casi somministrare i trattamenti più convenzionali (probabilmente nelle donne a minor rischio) e quando invece utilizzare insieme tutti questi farmaci (i più tradizionali e i più moderni) in aggiunta alla chemioterapia (nelle donne ad alto rischio)”. “Le moderne tecnologie di ‘Next Generation Sequencing’ – continua il prof. Hudis – sono in grado di valutare in modo abbastanza preciso nel singolo caso la prognosi, cioè l’andamento della malattia. Il valore predittivo di questi test, per valutare l’effetto del trattamento ormonale o chemioterapico, rimane ancora da validare, con particolare riguardo ai farmaci chemioterapici. Ulteriori studi sono quindi necessari per approfondire e migliorare le conoscenze in questo ambito”. “Abbiamo oggi già a disposizione un significativo numero di opzioni terapeutiche sia nella malattia in fase iniziale, prima o dopo l’intervento chirurgico, per prevenire le recidive o le metastasi, che in quella più avanzata – sottolinea il prof. Cognetti -. Il trattamento viene ora sempre deciso sulla base di complesse valutazioni sulle caratterizzazioni biologiche di ogni singolo tumore, infatti in questi casi si parla di medicina personalizzata. Questo approccio ha consentito grandi progressi e un impatto sostanziale delle cure sul decorso della malattia. La ricerca di base continua a produrre nuove idee da trasferire alle nostre pazienti. Come i farmaci innovativi che potenziano l’attività dell’ormonoterapia o integrano l’efficacia della chemioterapia, che rimangono i capisaldi del trattamento dei tumori della mammella. Ma anche nuovi agenti biologici mirati in tipi particolari di tumori e nuovi approcci mai applicati in questa neoplasia, come l’immunoterapia con le nuove terapie che già hanno rivoluzionato il trattamento del melanoma maligno e dei tumori del polmone, ma ancora in fase del tutto sperimentale nei tumori della mammella.
“L’immunoterapia nella neoplasia del seno – continua il prof. Giuseppe Curigliano, Direttore Sviluppo di Nuovi Farmaci per Terapie Innovative all’Istituto Europeo di Oncologia di Milano – apre per il futuro tre grandi argomenti di ricerca: innanzitutto come rendere immunogenici i tumori che non lo sono (ovvero come rendere riconoscibili dal sistema immunitario i tumori che meglio si mimetizzano); come potenziare la risposta immunitaria attraverso la combinazione di più anticorpi che attivano in modo più efficace il sistema immunitario; come identificare i pazienti responsivi rispetto ai non responsivi. Quest’ultimo quesito trova la risposta nell’analisi di marcatori nel sangue periferico e non nell’analisi del tumore. Ogni farmaco a cui il paziente è esposto induce ‘perturbazioni’ del sistema immunitario. Intercettare e studiare queste ‘perturbazioni’, attraverso l’analisi citofluorimetrica dei linfociti e l’analisi del trascrittoma, ci consentirà di meglio selezionare i pazienti candidati a terapie con inibitori dei checkpoint immunologici”. “È evidente quanto sia importante il ruolo del sistema immunitario nell’insorgenza e nella progressione delle malattie neoplastiche, comprese quelle della mammella – conclude il prof. Giuseppe Viale, Direttore del Dipartimento di Patologia all’Università di Milano -. Gli attuali approcci immunoterapeutici sono proprio intesi da una parte a stimolare la reazione immunitaria individuale contro il tumore, dall’altra a ridurre le capacità di inibire la reazione immunitaria, che è il modo con cui alcuni tumori sfuggono al controllo immunitario. Il ruolo del patologo in questo contesto sembra diventare sempre più importante nell’indirizzare le scelte terapeutiche, basate sulle caratteristiche della reazione immunitaria presente nel tumore o sulla sua assenza. Quando presente, è importante valutare l’intensità dell’infiltrazione da parte delle cellule del sistema immunitario e, probabilmente, anche la presenza dei diversi tipi cellulari (linfociti attivati citotossici e cellule che inibiscono l’attività dei linfociti citotossici), nonché la presenza o meno di molecole, prodotte dalle cellule tumorali o dagli elementi infiammatori, che inibiscono l’attività immunitaria (ad esempio PD-L1 e PD-L2). Sulla scorta di queste determinazioni, la scelta cadrà su interventi immunoterapeutici diversi, volti a contrastare l’effetto delle molecole o delle cellule che inibiscono l’immunità (ad esempio farmaci anti PD-1 o anti-PD-L1) o a favorire l’attivazione del sistema immune dell’ospite (strategie di tipo vaccinico in senso lato o trattamenti che intensificano i processi di attivazione linfocitaria, ad esempio i farmaci anti-CTLA4 come ipilimumab)”.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Teatro: Sorelle

Posted by fidest press agency su martedì, 17 novembre 2015

sorellesorelle1Roma 20-21-22 Novembre 2015 Teatro Sala Uno piazza di Porta San Giovanni 10 va in scena Sorelle.scritto e diretto da Davide Strava. Protagoniste Sarah Biacchi e Viola Graziosi. Le corse dell’infanzia – senza apparente destinazione – finiscono fra le braccia adulte dell’esperienza, che creano un groviglio di tappe, percorsi e traguardi. La giovinezza è famiglia, ma non sempre il sangue fa da scudo, come ci insegnano O’ Neill e Anouilh. Antigone “è disposta a morire pur di vivere”.Elettra chiede: “Allora sono nata dal tuo disgusto?”.La ribelle e la vendicatrice giocano come da fanciulle; queste nuove sorelle tornano a sfidarsi, a truccarsi, a rincorrersi e a mentirsi. Attraversano il mito, riportano a galla traumi antichi, sentimenti eterni: l’amore, la paura, il desiderio e la vergogna dello stesso. Solo insieme possono liberarsene, ma insieme non è per sempre. (foto: sorelle)

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: | Leave a Comment »

Monica Silva Shooting LIVE

Posted by fidest press agency su martedì, 17 novembre 2015

monicaMilano dal 18 al 22 novembre STAND A61 PAD.24 (Rho, Fiera Milano) Monica Silva fotografa di fama internazionale e grande ritrattrista, sarà presente ad EICMA 2015 con un magnifico set fotografico aperto e allestito con attrezzatura messa a disposizione da Broncolor, Manfrotto e Mafer, dove tutti potranno ammirarla all’opera nei suoi celebri ritratti e scattare il backstage. Per l’occasione è stato lanciato un contest fotografico a tema: per partecipare basta condividere su Instagram i propri scatti del backstage di Monica Silva utilizzando l’hashtag #monicasilvaEICMA. Le foto più belle selezionate dall’Artista saranno condivise sul sito http://www.monicasilva.it e sui suoi canali social.
Monica Silva curerà interamente i progetti fotografici dell’area EICMA Custom, lo spazio dedicato alla personalizzazione, e scatterà i ritratti delle partecipanti del concorso Lady Custom Bike Contest che, dopo le 8 tappe italiane svoltesi durante l’anno, si avvia alla sua conclusione con la premiazione della vincitrice proprio durante l’Esposizione.
L’area EICMA Custom continua ad affermarsi nel panorama della Kustom Kulture ed è ormai diventata una tendenza di lifestyle con vere e proprie opere d’arte, gioielli di altissimo artigianato, pezzi unici, aziende leader del settore, personaggi di calibro internazionale e atmosfere di ispirazione Rock’nRoll come propri elementi cardine che ne siglano il successo. “Partecipare ad EICMA 2015 è per me motivo di orgoglio – ha commentato Monica Silva – e sono felice di essere presente con un grande set fotografico aperto dove chiunque sia interessato potrà assistere agli shooting e scattare il backstage. Ad EICMA ci saranno bellissime ragazze, attrezzature magnifiche e tanta voglia di incontrare pubblico e fotografi per parlare di fotografia e motociclismo”. (foto: monica)

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Tagli alle assunzioni dei vigili del fuoco

Posted by fidest press agency su martedì, 17 novembre 2015

vigili del fuocoRoma «In Italia i vigili del fuoco hanno importantissimi compiti di sicurezza e soccorso pubblico, oltre a quelli di Difesa Civile che prevedono di dover fronteggiare, anche in relazione alla situazione internazionale, i rischi non convenzionali derivanti da eventuali atti criminosi compiuti in danno di persone o beni, con l’uso di armi nucleari, batteriologiche, chimiche e radiologiche. Oggi in Italia, a causa dei tagli alle assunzioni mancano oltre 3500 vigili del fuoco su un totale di 32734 previsti nel ruolo permanente e l’ età media dei vigili del fuoco si è innalzata pericolosamente sino quasi alla soglia dei 50 anni quando servirebbero soccorritori giovani. A causa dei tagli ai bilanci e alle carenze di personale, gran parte dei vigili del fuoco, con spirito di abnegazione, da anni deve addestrarsi al di fuori dell’orario di lavoro, nel proprio tempo libero, senza che gli siano pagati straordinari. La formazione e gli addestramenti dei vigili del fuoco, che richiederebbero continui aggiornamenti e prove di efficienza, purtroppo non vengono adeguatamente effettuati a causa dei tagli. Le esercitazioni interforze che hanno lo scopo di testare il coordinamento sul campo sono ridotte al lumicino ed effettuate in forma volontaria senza essere remunerati. Le risorse finanziarie per la difesa civile effettuata dai vigili del fuoco sono state drasticamente tagliate: si è passati dalla costituzione dei nuclei specialistici Nbcr (nucleare, batteriologico, chimico e radiologico) subito dopo gli attentati dell’ 11 settembre 2001, alla realtà odierna dove il personale da tempo non viene addestrato per tali eventi e dove gran parte di materiali ed attrezzature di protezione per i cittadini e per gli stessi vigili del fuoco risultano essere scaduti e mai sostituiti a causa della mancanza di risorse. In molti comandi vi sono automezzi dei vigili del fuoco fermi per riparazioni anche solo di poche migliaia di euro e un indebitamento ragguardevole verso le società che forniscono i carburanti. Tutte queste carenze si ripercuotono anche sulla sicurezza degli stessi vigili del fuoco. Aggiungiamoci che, da decenni, esistono forti sperequazioni retributive e pensionistiche rispetto agli altri corpi dello stato, mai sanate, e cosi comprendiamo come i vigili del fuoco oggi sono fortemente demotivati tanto che lo spirito di abnegazione dei vigili del fuoco che finora ha sopperito ai tagli comincia a vacillare. Serve una urgente inversione di tendenza, il governo investa subito in sicurezza, ivi compreso il soccorso pubblico che della sicurezza dei cittadini ne è parte integrante».A dirlo è Antonio Brizzi, segretario generale del sindacato Conapo dei vigili del fuoco, il quale chiede «al premier Renzi e al ministro Alfano di mettere mano a queste problematiche già nella legge di stabilità, ci sono tanti sprechi pubblici da tagliare, non certo la sicurezza dei cittadini». «Quanto alle assunzioni sbandierate dal governo – spiega – è vero che negli anni scorsi sono stati assunti 3000 vigili del fuoco, ma si omette di dire che per 2000 di questi si è trattato di una partita di giro a zero spese per lo stato in quanto in precedenza si richiamavano sistematicamente in servizio altrettanti precari per la medesima spesa, e per le restanti 1000 assunzioni si omette di dire che nel frattempo ne sono andati in pensione il doppio, quindi senza una inversione di tendenza le carenze di organico sono destinate ad aggravarsi».«Basta con la dietrologia – ha aggiunto Brizzi – quello che oggi da più fastidio è vedere esponenti politici che si accusano l’ un l’altro sulle colpe dei tagli alla sicurezza. Come sono andate le cose nel passato tutti lo sappiamo, come gli apparati di sicurezza sono messi oggi tutti lo vediamo. Ora non servono chiacchiere e imputazioni di colpa, ma fatti e soluzioni concrete da parte di tutta la politica, tra cui ovviamente i politici di maggioranza».«Come vigili del fuoco – conclude – siamo sempre stati pronti a fare la nostra parte ma il governo ci metta nelle condizioni di piena efficienza e sicurezza lavorativa oltre a riconoscere al nostro personale operativo la parità retributiva, i vigili del fuoco sono stanchi di essere presi a pesce in faccia dalle istituzioni, stanchi di essere retribuiti con 300 euro in meno al mese rispetto agli altri corpi, stanchi di rischiare la vita per essere trattati dai governi solo come ‘carne da macello’».

Posted in Cronaca/News, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: | Leave a Comment »

La vergogna del sangue

Posted by fidest press agency su martedì, 17 novembre 2015

agguato parigiParigi siamo noi, ogni morto e ferito siamo noi, ogni piazza e periferia devastata siamo noi, sopra e sotto l’inferno siamo noi, di lato e al centro di ogni eventuale paradiso siamo noi.
Prepariamoci a un dispendio inusitato di strategie ad alta tensione e retoriche a bassa violenza contrapposta, buonisti e giustizialisti faranno stelle filanti, ci saranno saggi e sapienti che non sono a dirci cosa è accaduto, cosa è meglio fare, cosa accadrà oggi che è già domani.Il sangue della vergogna come ha detto un mio carissimo amico, si tratta davvero di sangue della vergogna, sangue degli innocenti, sparso all’intorno dalle bugie, delle costruzioni sottobanco, delle menzogne vendute a caro prezzo, sangue che sgorga dagli innocenti trucidati a sangue freddo.In ogni dove a da ogni parte.No, non è guerra, non è conflitto, non è mondialità che s’arrocca alla tutela dei principi universali, è ciò che la fede concima quando diventa politica nella volontà di conquista, è sterco di infamia quando il debole serve a fare grande un Dio che non c’è più, perchè spazzato via dalle vendette, ritorsioni, reazioni, nelle carni smembrate di donne, vecchi e bambini, di giovani improvvisamente annientati da ogni diritto e dovere di una possibile speranza.
Parigi siamo noi, forse occorre ritrovare DIGNITA’, consegnare DIGNITA’, fare debita manutenzione alla DIGNITA’ di ognuno e di ciascuno, forse è giunto il momento di smetterla con i veti incrociati, con gli interessi di parte, con le parole valigia in cui fare stare dentro tutto e il contrario di tutto, con i voli pindarici delle guerre sante e delle guerre svolte per fare notizia.
Forse quel sangue innocente una volta per tutte ha dichiarato guerra vera all’ingiustizia, ingiustizia, ingiustizia. (Vincenzo Andraous)

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: | Leave a Comment »