Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 34 n° 316

Beirut, Egitto e Parigi, Isis sposta il fronte del terrore

Posted by fidest press agency su giovedì, 19 novembre 2015

attentato parigiI tragici attentati di Parigi che hanno ucciso 129 persone il 13 novembre sono stati definiti l’11 settembre dell’Europa. Risvegliano la comunità internazionale all’urgenza di trovare una soluzione al caos in Siria e in Iraq. Lo Stato islamico in meno di due settimane, sotto pressione tra i suoi stessi “confini” in Medio Oriente a causa di un intensificarsi delle azioni militari internazionali contro le sue postazioni, ha portato lo scontro in altri territori, contro coloro che reputa nemici: in Egitto, l’abbattimento del volo russo da Sharm el-Sheikh ha ucciso 224 persone e sollevato domande sulla stabilità del Sinai; sono 44 i morti a causa di esplosioni nei quartieri sciiti di Beirut, roccaforte finora impenetrabile di Hezbollah. Parigi è stata colpita nei suoi momenti di svago e felicità. I drammatici attacchi delle ultime settimane hanno portato Paesi su fronti opposti in questo conflitto, come Francia, Russia e Stati Uniti, a pensare a una coalizione militare unificata contro la minaccia terroristica di Isis, la cui fattibilità resta dubbia. Sul piano politico manca però unità d’intenti sul futuro della Siria e sul ruolo del suo presidente, Bashar el-Assad. E davanti all’irrobustirsi della minaccia terroristica, del conflitto in medio oriente e del conseguente dibattito su immigrazione e integrazione, l’Europa sembra a corto di opzioni.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: