Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 30 n° 235

Archive for 20 novembre 2015

Fondi per scatti docenti universitari

Posted by fidest press agency su venerdì, 20 novembre 2015

università bocconi“Grazie ad un emendamento, fortemente voluto AP, nella legge di stabilità sono stati stanziati 25 milioni per gli scatti stipendiali dei docenti universitari, bloccati da cinque anni, e che non saranno a carico dei bilanci degli atenei. Si pone così finalmente fine a una disparità di trattamento nei confronti dei professori universitari, unici ancora sottoposti ancora al blocco selettivo degli scatti di anzianità. Ma la misura mette al riparo il Fondo universitario che potrà più agevolmente consentire stanziamenti per investire in ricerca e in nuove assunzioni. Area popolare mette in salvo le università evitando di metterne a rischio la sostenibilità finanziaria”. E’ quanto dichiara Raffaele Calabrò, del Gruppo Area Popolare (NCD –UDC).

Posted in Cronaca/News, Università/University | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

About Routledge, Taylor & Francis Group

Posted by fidest press agency su venerdì, 20 novembre 2015

Routledge, Taylor & Francis Group is one of the world’s leading publishers of academic journals. We are dedicated to the dissemination of scholarly information, drawing on expertise development since first publishing learned journals in 1798. Taylor & Francis now publish over 1,600 scholarly journals in association with over 460 learned societies and scholarly institutions. We operate from a network of 20 global offices, including Philadelphia, Oxford, Melbourne, Stockholm, Beijing, New Delhi, Johannesburg and Singapore. http://www.tandfonline.com

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: | Leave a Comment »

Can Russia and the U.S. work together against the jihadist group ISIS

Posted by fidest press agency su venerdì, 20 novembre 2015

Russian Security Services Sieze Arctic Sunrise

Can Russia and the U.S. work together against the jihadist group ISIS in Syria and Iraq, considering their differing conservative Christian politics?
John Anderson, in Conservative Christian Politics in Russia and the United States explores this very question, by considering the politics of conservative Christian churches and social movements in Russia and the United States, and how this has affected their international and national policy.As, whilst secularization continues to chip away at religious adherence and practice in Europe, religion is often seen as an influential force in the politics of the United States, and, more questionably, as a significant influence in contemporary Russia. This book therefore focuses on the countries similar concerns, but very different modes of political engagement, as world leaders unite at this year’s G20 summit in Turkey. Putting new pressures on Washington and Moscow to find a solution to the ongoing civil war in Syria, and troubles in Iraq – but how will they proceed? Both presidents are seeking to halt the perceived drift towards a more secular political order, and both believe that their nations can only be great if they remain true to their religious heritage. In exploring their experience, Conservative Christian Politics in Russia and the United States focuses on shared and different elements in their diagnosis of what is wrong with their societies and how this affects their policy intervention, while a clash of civilizations occurs during the war on terror.

Posted in Estero/world news, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: | Leave a Comment »

Greenpeace responds to non-authorization of the Paris climate marches

Posted by fidest press agency su venerdì, 20 novembre 2015

Paris, Philippine climatein reaction to the announcement of the non-authorization of the Climate march and mobilizations scheduled end of COP 29 November and 12 December in Paris, Jean François Julliard, executive director of Greenpeace France, said:“The French authorities say they cannot guarantee safety at the march, and so it will not happen. This is a source of huge regret, but we must respect the decision. Huge numbers were expected in Paris, but those people will not be silenced. We will find new, imaginative ways to ensure our voices are heard in the UN conference centre and beyond. And in hundreds of towns and cities across the world people will still march for the climate, for Paris and for our shared humanity. We stand for a vision of human cooperation that the murderers sought to extinguish. They will not succeed.”

Posted in Estero/world news, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: | Leave a Comment »

Terrorist attacks: MEPs demand more information-sharing and coordination in EU

Posted by fidest press agency su venerdì, 20 novembre 2015

The urgent need to step up information-sharing among EU member states and between them and Europol to fight terrorism, the work on the Passenger Name Records data (EU PNR) proposal and the de-radicalisation of EU citizens joining terrorist organisations were among the topics discussed by MEPs with Europol chief Rob Wainwright and Council and Commission representatives on Thursday. european commissionBefore the debate, the civil liberties committee observed a minute’s silence for the victims of the Paris attacks.MEPs agreed that information-sharing between member states and their intelligence services in Europe must be improved to prevent terrorist attacks. Europol Director Rob Wainwright voiced his concern at the escalation of terror, saying: “The Paris attacks were the most serious in Europe in more than 10 years.” He warned that new terrorist attacks were “likely” to happen on European soil.While some MEPs called for the swift adoption of the EU Passenger Name Records proposal on the collection of air passengers’ data in order to fight terrorism and serious transnational crime, others stressed that EU PNR was not a silver bullet and that more focus must be placed on EU-wide de-radicalisation actions, controlling access to firearms and using joint investigation teams.The speakers also stressed that the EU and member states must take great care not to call Schengen into question, but must at the same time ensure our safety through better border guards at the external borders. Many called for proportionality in the response to the terror attacks, recalling that citizens’ civil liberties and fundamental rights had also been attacked.

Posted in Estero/world news, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: | Leave a Comment »

Europeans voice concern about the economic oppression of Iranian Baha’is

Posted by fidest press agency su venerdì, 20 novembre 2015

bahà.jpgBRUSSELS — Prominent Europeans, including members of parliament, are calling on Iran to end its economic repression of Baha’is.
Among the most prominent of such expressions was one that came from the European Parliament Intergroup on Freedom of Religion or Belief and Religious Tolerance, urging the Iranian authorities to end the continuous and systematic economic oppression of the members of the Baha’i Faith in Iran “.”Baha’is are blocked from obtaining higher education, are banned from all forms of employment in the public sector and are not issued work permits for a wide range of businesses,” said Dennis de Jong, co-chair of the Intergroup.”These policies reflect a clear effort by the government to strangle the economic life of the Baha’i community, and they are unacceptable under both international law and common human decency,” said Mr. de Jong.Other prominent Europeans expressing concern over Iran’s economic repression of Baha’is includes Member of the European Parliament (MEP) Klaus Buchner of the European

Cornelis de JONG

8th Parliamentary term

Parliament’s delegation for relations with Iran.”They are deprived of access to education and to certain professions and now their private businesses are even being shut down,” said MEP Buchner, who was quoted in a new video on the subject, released this week.At the national level, a number of parliamentarians are also speaking out.In Germany, Member of Parliament Omid Nouripour said the exclusion of Baha’is from “all areas of the life of society” is “robbing thousands of its own citizens in a discriminatory manner of their basic rights.””Whosoever speaks about the restoring of trade, but prevents tens of thousands of individuals of the possibility of free enterprise, discredits himself,” said Mr. Nouripour.In the United Kingdom, MP Baroness Berridge, co-chair of the All Party Parliamentary Group on International Freedom of Religion or Belief, said Iran’s moves to close Baha’i-owned shops are another element of the Iranian authorities ‘ multi-faceted efforts to extirpate a viable Baha’i community “.MP Alistair Carmichael, an officer of the All Party Parliamentary Group on the Baha’i Faith said: “As Iran opens up to greater trade and exchange with the international community, Iranian Baha’is should be able to contribute towards the prosperity of their nation and earn a living for their families as much as any other citizen.”In the Netherlands, MP Harry van Bommel called the economic oppression of Baha’is “very worrisome”, adding: “Shop closings or the refusal of renewing a business license is not just a violation of economic rights, it seems like another effort by the Iranian authorities to impoverish and eradicate the Baha’i community as a viable entity in Iran.” (photos: bahà)

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: | Leave a Comment »

Commission proposes fishing opportunities in the Atlantic and North Sea for 2016

Posted by fidest press agency su venerdì, 20 novembre 2015

Fileyeur, Nieuwport, Belgique

Fileyeur, Nieuwport, Belgique

In line with the most recent scientific assessments, the Commission proposes to maintain or increase the Total Allowable Catches for 35 stocks, and to reduce catches for another 28 stocks. In order to help fishermen with the transition to the new obligation to land all catches, the Commission is also proposing an increase in fishing quotas, the so-called quota “top ups”, for all the fisheries subject to the landing obligation as of 2016. (photo: fisheries)

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: | Leave a Comment »

Lugano: repertorio da camera

Posted by fidest press agency su venerdì, 20 novembre 2015

trioLugano martedì 24 novembre alle 20.30, al Teatrostudio LAC il trio composto da Hanna Weinmeister (violino), Jürg Dähler (viola) e Thomas Grossenbacher (violoncello). Il programma si lega alla tematica “nuovi territori”, che accomuna le diverse serate del ciclo: fra gli autori che hanno esplorato nuovi sentieri vi sono giganti della storia della musica, come Johann Sebastan Bach, di cui vengono proposte le Invenzioni a tre voci, e Ludwig van Beethoven, autore del Trio op. 9 n. 2. A fare da contraltare ai grandi nomi del passato, un autore contemporaneo, Nadir Vassena (classe 1970) con la prima assoluta di una composizione di quest’anno, Archeologie di una perdita (Streichtrio n. 1) commissionata per l’occasione da LuganoMusica.
Il secondo appuntamento con la musica da camera vede protagonisti tre affermati artisti, provenienti dal cuore dell’Europa: svizzeri tedeschi di Zurigo sono infatti il violista Jürg Dähler e il violoncellista Thomas Grossenbacher; austriaca di Salisburgo la violinista Hanna Weinmeister. I tre artisti propongono un programma in bilico tra passato e presente, che si muove dalle polifonie di Bach per approdare alla musica contemporanea.
Patrimonio di cembalisti e pianisti, le Invenzioni a tre voci o Sinfonie BWV 787-801, composte da Bach nel 1723, sono qui presentate affidando ciascuna voce ad un diverso strumento ad arco, così da esaltarne la raffinata architettura. Svincolate così dall’originaria destinazione didattica, queste pagine acquistano nuova luce e si rivelano all’ascoltatore nella loro austera e sublime bellezza.
nadirRelativamente giovanile è il Trio op. 9 n. 2 in re maggiore, scritto da un Beethoven ventottenne nel 1798: in questo periodo il compositore stava ancora consolidando la propria reputazione artistica a Vienna e doveva fare i conti con i modelli rappresentati da Haydn e Mozart.
Una riflessione contemporanea sulla formazione del trio d’archi è infine Archeologie di una perdita di Nadir Vassena, autore quarantacinquenne cui LuganoMusica ha affidato una nuova composizione, che il pubblico del LAC ascolterà in prima esecuzione assoluta. Spiega l’autore a proposito dell’opera:
“5 movimenti, o meglio 5 momenti che nascono da un intreccio di pratiche più o meno oscure, consapevoli o automatiche. L’archeologia è qui intesa come un’indagine che porta alla luce un canto allo stesso tempo nuovo e conosciuto, dimenticato o immaginato. Ma per accedere a ciò che si trova “sotto la pelle” è necessario un ingresso: può essere una ferita, uno strappo o una lacerazione, una perdita o un vuoto che segna una mancanza e apre la possibilità per uno scavo in profondità, una messa a nudo.
Rispetto al più celebrato e frequentato quartetto d’archi, il trio sembra già portare con sé proprio il segno della mancanza, dell’assenza di un altro elemento per (ri-)costituire quell’equilibrio ideale che tanti compositori hanno cercato e saputo esaltare. Qui siamo nello squilibrio, provvisorio equilibrio, funamboli incerti che si chiedono “Cosa abbiamo perso? Cosa avevamo da perdere?” Nella spogliazione resta l’immanenza del suono e del corpo, l’essere esposto, nudo, senza ripari o funi di sicurezza, sospeso nella vertigine del vuoto”.
La commissione a Nadir Vassena è stata assegnata da LuganoMusica su suggerimento di Jürg Dähler e realizzata con il sostegno della Fondazione Landis & Gyr e di Pro Helvetia, Fondazione svizzera per la cultura.Biglietti Posti non numerati, tariffa unica Fr 30. (foto: trio, nadir)

Posted in Estero/world news, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Nuovi studi scientifici internazionali sulla terapia AMPS

Posted by fidest press agency su venerdì, 20 novembre 2015

parkinsonRoma lunedì 23 novembre 2015 alle ore 11.30 Hotel Boscolo Exedra Piazza della Repubblica 47 conferenza stampa per la presentazione in anteprima mondiale di nuovi studi scientifici internazionali sulla terapia AMPS (Automated Mechanical Peripheral Stimulation) per il trattamento dei sintomi motori della Malattia di Parkinson, in anteprima rispetto al prossimo Congresso Mondiale sul Parkinson. Relatori:
Prof. Fabrizio Stocchi MD PhD, Responsabile del Centro per la cura e la diagnosi del Parkinson e del Clinical Trial Center dell’IRCCS San Raffaele Pisana di Roma
Dott. Cosimo Quattrocchi MD PhD, Ricercatore di Diagnostica per Immagini e di Neuroradiologia, Università Campus Bio-Medico di Roma
Dott.ssa Maria Francesca De Pandis MD PhD, Responsabile dell’U.O. di Riabilitazione Neuromotoria del Centro per la cura del Parkinson, Osp. San Raffaele di Cassino. Programma:
· I sintomi motori della malattia di Parkinson e gli ‘unmet need’
· Epidemiologia della patologia e proiezioni
· Il nuovo approccio terapeutico di Stimolazione Automatica Meccanica Periferica: principi, applicazioni, potenzialità
· I vantaggi della terapia per i pazienti: non invasiva, disponibile in autoerogazione a domicilio
· I nuovi studi scientifici documentano l’efficacia della terapia: migliore attivazione di aree cerebrali deputate al movimento, efficacia rapida, durata degli effetti a lungo termine
· Conclusioni

Posted in Cronaca/News, Medicina/Medicine/Health/Science, Roma/about Rome, Uncategorized | Contrassegnato da tag: | Leave a Comment »

Donne e uomini transgender si raccontano. Ascolterai la loro voce?

Posted by fidest press agency su venerdì, 20 novembre 2015

donnatrans

Il 20 novembre, di ogni anno, si celebra il Transgender Day of Remembrance (TDR) per ricordare tutte le vittime dell’odio e del pregiudizio anti-transgender (transfobia), anche in Italia dove si consuma il più alto numero di omicidi di transessuali e dove l’emarginazione delle persone transessuali è ancora altissima, ma si preferisce non parlarne. Ma non vogliamo ricordare questa ricorrenza con rassegnazione o tristezza, ma vogliamo rubarti un minuto di questa lunga giornata per farti ascoltare le voci di tanti uomini e donne transgender che ogni giorno lottano con dignità e speranza per cambiare le cose.
Perché tutti meritano di fare coming out, di venire fuori in una nazione in cui le storie di compassione e di sostegno siano sempre più numerose di quelle di dolore, ma poiché molte delle storie più belle avvengono lontano dalla nostra vista le abbiamo raccolte, giorno per giorno, una per una.
grande_donnaEro Pedro, sono Marianne. La sfida di essere una transgender cattolicaRiflessioni del teologo spagnolo Xabier Pikaza* pubblicate sul suo blog (Spagna) il 13 giugno 2012, liberamente tradotte da Dino Abbandono per qualche giorno il tema dell’Eucarestia e il mio libro sul Vangelo di Marco, per presentare il tema di un “maschio”, Pedro, per ventun anni sposato con una bella e brava donna, padre di una figlia che egli ama. Bene,…
Riflessioni di Melinda Selmys pubblicate sul blog Spiritual Friendship (Stati Uniti) il 22 novembre 2013, liberamente tradotte da Giacomo Tessaro Recentemente ho scritto un post sull’identità gender-queer e promesso che avrei scritto sul transessualismo. Prima di farlo, però, voglio darvi un’idea del mio punto di partenza. Recentemente ho scritto un testo sulle tematiche transgender e transessuali e sulla loro relazione…
Testimonianza di Isabel Jimenez ( Texas , USA) pubblicata da Transgender Today progetto on line del New York Times (USA), liberamente tradotta da Micky C. Io grande_doppiosono Isabel, per tutta la mia vita, ed ancora oggi, combatto per capire chi sono. Se qualcosa vien fuori dal mio viaggio nell’universo femminile che serve a chiarirmi, ne sono felice. C’è voluta tutta…
Sono un transessuale cattolico che lotta per una chiesa che sappia accogliere tutti, nessuno escluso
Testimonianza di Nick Stevens* (Washington, USA) pubblicata da Transgender Today progetto on line del New York Times (USA), liberamente tradotta da Micky C. Transessuale e cattolico. Queste due parole non vengono spesso usate nella medesima frase (per lo meno non in senso positivo), ma queste due parole descrivono al meglio chi sono.
Riflessioni di Meggan Sommerville* pubblicate sul blog Trans Girl at the Cross (Stati Uniti) il 31 marzo 2014, liberamente tradotte da Marzia Di Bartolomeo L’Omaha Sun Times e l’Huffington Post, questo fine settimana, hanno pubblicato una storia che mi ha fatto riflettere. E’ stata intitolata “5 Luoghi in cui esistono i Trans”. In un mondo che sopprime la nostra esistenza,… (foto: donna trans, grande donna, grande doppio)

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: | Leave a Comment »

Marsiglia (Francia): accoltellato ebreo

Posted by fidest press agency su venerdì, 20 novembre 2015

marsigliaIn tre accoltellano un professore di una scuola ebraica di Marsiglia, esibiscono una t-shirt con simboli dell’Isis, poi mostrano l’immagine del killer di Tolosa sullo schermo del cellulare. L’aggressione antisemita si conclude con la fuga dei tre uomini, che fanno perdere le tracce. I fatti sono avvenuti in serata nel XIII arrondissement di Marsiglia, nel sud della Francia, secondo quanto riferito dal procuratore Brice Robin: «Il professore – ha spiegato Robin – è stato avvicinato in strada verso le 19:50 da tre individui in sella a due scooter. Uno di loro ha mostrato una t-shirt dell’Isis e un’altro ha mostrato la foto di Mohamed Merah su un cellulare». Merah, il «killer in scooter» di Tolosa, uccise nel 2012, fra Montauban e Tolosa, sette persone fra cui tre bambini ebrei prima di essere abbattuto in un blitz della polizia.
«I tre individui – ha aggiunto il procuratore – hanno insultato, poi minacciato, infine pugnalato la loro vittima. Al braccio, poi alla gamba. All’arrivo di una vettura, che ha interrotto la loro aggressione, hanno preso la fuga». Nei loro insulti contro il professore, i tre si sono abbandonati a insulti violentemente antisemiti. La vittima indossava una kippa, il copricapo ebraico, e stava rientrando a casa dal centro comunitario di Yavné, che comprende una scuola e una sinagoga. L’Isis ha rivendicato gli attentati di Parigi di venerdì scorso, che hanno provocato la morte di 129 persone e il ferimento di altre 350. Il docente accoltellato, un insegnante di Storia, è ricoverato ma le sue ferite non destano preoccupazione. La polizia ha impegnato un gran numero di uomini e mezzi ma non è riuscita, finora, a ritrovare i tre colpevoli dell’aggressione. Lo scorso 24 ottobre, tre ebrei che si trovavano non lontano da una sinagoga di Marsiglia sono stati aggrediti da un individuo, di una trentina d’anni e pregiudicato. L’uomo, un trentenne, si era violentemente scagliato contro un rabbino e una persona che lo accompagnava. Un terzo fedele della sinagoga, accorso per tentare di evitare il peggio, era stato ferito a coltellate. (foto: marsiglia)(fonte: La Stampa.it)

Posted in Cronaca/News, Estero/world news, Uncategorized | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Parlamento europeo: Anteprima della sessione plenaria

Posted by fidest press agency su venerdì, 20 novembre 2015

strasburgo-parlamento-europeoStrasburgo 23-26 novembre 2015. Principali temi all’ordine del giorno:
Dibattito sugli attacchi di Parigi e le misure anti-terrorismo
I deputati discuteranno gli attacchi terroristici del 13 novembre a Parigi, incluse le operazioni di polizia e militari successive, e la riunione del 20 novembre del Consiglio Giustizia e affari interni, in un dibattito con il Presidente della Commissione, Jean-Claude Juncker, e la Presidenza del Consiglio, previsto per mercoledì dalle 8.30 alle 12.00.
Combattere la radicalizzazione dei giovani europei senza limitare i diritti dei cittadini
Gli Stati membri dovrebbero intensificare la cooperazione e lo scambio rapido di informazioni tra gli organismi nazionali di sicurezza e Europol per monitorare i sospetti terroristi o i potenziali “combattenti stranieri”. In un progetto di risoluzione in discussione martedì e in votazione mercoledì, i deputati suggeriranno misure volte a eliminare tempestivamente i contenuti illegali online che diffondono l’estremismo violento su internet.
Seduta solenne con il Presidente italiano Sergio Mattarella Il Presidente della Repubblica Italiana Sergio Mattarella si rivolgerà ai deputati nel corso della seduta solenne di mercoledì a mezzogiorno. Questa è la prima volta che il presidente Mattarella interviene davanti alla plenaria del PE, da quando è stato eletto dodicesimo Presidente della Repubblica il 31 gennaio 2015.
Premio LUX 2015: and the winner is... Il Presidente Martin Schulz annuncerà il vincitore dell’edizione 2015 del Premio LUX martedì 24 novembre, nel corso di una cerimonia ufficiale in Plenaria. I film finalisti di quest’anno sono: Mediterranea (Italia, Stati Uniti, Germania, Francia, Qatar) di Jonas Carpignano, Mustang (Francia, Germania, Turchia, Qatar) di Deniz Gamze Ergüven, e Urok (The lesson) di Kristina Grozeva e Petar Valchanov (Bulgaria, Grecia).
Voto sulle proposte contro la pianificazione fiscale aggressiva e l’evasione fiscale. Le raccomandazioni del Parlamento per contrastare la pianificazione fiscale aggressiva delle imprese e l’evasione fiscale saranno discusse martedì e votate mercoledì. La risoluzione dovrebbe includere la richiesta alle multinazionali di fornire informazioni sui loro dati finanziari paese per paese, l’introduzione di una base imponibile consolidata comune per le società, accordi fiscali più trasparenti tra gli Stati membri e tali società e una maggiore protezione per i whistleblower.
Bilancio UE del 2016: voto finale. Il Parlamento voterà mercoledì il bilancio UE per l’anno 2016 in seguito a un accordo raggiunto con il Consiglio. I negoziatori del Parlamento si sono opposti a molti dei tagli previsti in un primo momento dal Consiglio e hanno ottenuto maggiori fondi per i Paesi che si trovano in prima linea nell’affrontare l’emergenza migratoria, gli aiuti umanitari, lo strumento Ue di ricerca e sviluppo Horizon 2020, le piccole e medie imprese e gli studenti che usufruisco dei programmi Erasmus+.
Il Parlamento chiede maggior finanziamento a livello UE per affrontare la crisi dei rifugiati. Il PE chiederà mercoledì agli Stati membri di fornire quanti più introiti possibili per affrontare la crisi migratoria, destinando il denaro risparmiato dai contributi nazionali al bilancio dell’Unione europea, più esigui del previsto, a due fondi comunitari per aiutare la Siria e l’Africa e provare ad affrontare le cause profonde della migrazione. I deputati dovrebbero inoltre decidere di fornire risorse aggiuntive per gli sforzi di gestione migratoria.
G20 e vertice di La Valletta: le reazioni dei deputati. Il dibattito di mercoledì pomeriggio, al quale parteciperanno Commissione e Consiglio, si incentrerà principalmente su cambiamento climatico, crescita economica e migrazione, argomenti centrali del G20 di Antalya, Turchia, dello scorso 16 novembre. I deputati, inoltre, discuteranno il piano d’azione congiunto concordato dall’UE e i leader africani durante il vertice di La Valletta dell’11-12 novembre scorso, per gestire l’attuale crisi migratoria e il flusso dei rifugiati.
Assicurazioni: migliore informazione, consulenza e tutela per gli acquirenti
Stop alla violenza contro le donne: il PE si veste d’arancione
Il Parlamento chiede di aumentare il sostegno per l’accesso all’educazione dei bambini nelle situazioni di crisi
Povertà infantile: i deputati presentano alcune raccomandazioni per interrompere il circolo vizioso
Preoccupazione per un additivo tossico utilizzato per la plastica riciclata

Posted in Estero/world news, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: | Leave a Comment »

La biodiversità è legge dello Stato

Posted by fidest press agency su venerdì, 20 novembre 2015

biodiversità“In molti ne hanno parlato durante i mesi di Expo, noi oggi con l’approvazione della legge sulla biodiversità agraria e alimentare trasformiamo le enunciazioni in norme. Ci occupiamo di semi, di varietà e di razze, perché da lì passa il futuro dell’alimentazione, la difesa di suolo, paesaggio e salute. Il recente report della CE ci dice che l’erosione di biodiversità continua ad avanzare, ma possiamo dire che l’Italia oggi, in questo modo, fa la sua parte per arrestarla. Diamo vita a un sistema nazionale, di tutela e valorizzazione della biodiversità agraria, e alimentare, all’anagrafe nazionale, a una rete di soggetti, di dati, di competenze e saperi che lavoreranno per la varietà dell’offerta agricola e alimentare”. Con queste parole Susanna Cenni, deputata del Partito democratico e prima firmataria del disegno di legge “Disposizioni per la tutela e la valorizzazione della Biodiversità agraria e alimentare”, commenta l’approvazione alla Camera del testo che da oggi diventa Legge dello Stato italiano. “Si costruisce un sistema – spiega la deputata democratica – in cui si riconosce la figura dell’agricoltore e dell’allevatore custode, fondamentale per la riproduzione delle varietà, e si investe su sistemi economici locali che possono nascere attorno a varietà, culture e pratiche preziose legate ai territori. Nessuna visione folkloristica, o di nicchia, quindi, ma un reale sostegno a quel legame tra ricerca, sapere, trasmissione delle conoscenze, educazione e sostenibilità ambientale che potrà dare un contributo anche alla resilienza e al contrasto ai mutamenti climatici. É in relazione a tutto ciò che popolazioni locali, produttori, ricerca e istituzioni potranno promuovere le Comunità del cibo. Occuparsi di semi, di cibo e di tutela delle varietà vegetali significherà anche occuparsi seriamente di economia, difesa del suolo, reddito agricolo, occupazione, crescita delle aree rurali, e anche di democrazia, perché a oggi il 60% della produzione sementiera mondiale è in mano a 4 multinazionali”.“Il sì definitivo della Camera – prosegue Cenni – è un risultato collettivo, innanzitutto del Pd che lo ha sostenuto, di tutti i gruppi che hanno concorso a migliorare quel testo costruito anche grazie al prezioso contributo di agricoltori custodi, di associazioni che si occupano di agricoltura, ambiente e cultura, di slowfood e delle competenze accademiche che hanno accompagnato e hanno sostenuto la storia di questa legge. Oggi siamo felici perché questo risultato è figlio dell’ostinazione di tutte quelle donne e quelli uomini che credono che il futuro del mondo e dell’alimentazione sia nelle mani di chi difende le sementi, le varietà vegetali, le razze animali, i territori, l’ambiente e i contadini, e un po’ anche della mia”.“È un primo passo, lo sappiamo bene – conclude Cenni – e adesso il testimone passa alle Regioni e ai loro piani di sviluppo rurale. Noi intanto abbiamo detto con forza che la biodiversità o la tuteli o la perdi per sempre. E tutelarla significa rafforzare la competitività del nostro Paese, ma anche promuove sistemi economici locali costruiti attorno al valore del cibo. Un percorso che parte oggi e che mi auguro ci porti presto alla legge sul suolo agricolo, ad alzare il tiro sul clima a Parigi e magari anche all’approvazione di buone norme sull’agricoltura”.

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: | Leave a Comment »

Spese difesa per sicurezza di tutti

Posted by fidest press agency su venerdì, 20 novembre 2015

Paolo-Alli“La sicurezza è un valore per tutti noi, per tutti i nostri cittadini, e oggi lo è di più dopo i tragici fatti di Parigi. Oggi anche la sicurezza ha una dimensione globale che ci obbliga a uscire dai confini dei singoli Stati. Per questo il decreto missioni è un investimento per la sicurezza del nostro Paese e del nostro continente. Le spese per la difesa sono oggi fondamentali”. A dirlo è Paolo Alli, Capogruppo Area Popolare (Ncd-Udc) in Commissione Affari Esteri alla Camera e Vice Presidente dell’Assemblea Parlamentare Nato.“Dunque, – continua – dobbiamo avere il coraggio di dire no a facili demagogie, a riconoscere la grande professionalità e l’equilibrio con i quali le nostre Forze armate sono presenti nei vari scenari mondiali. Analogamente dobbiamo riconoscere la grande qualità delle nostre forze dell’ordine e dei servizi di intelligence. È, quindi, veramente curioso che in una situazione come questa vi siano continui attacchi al Ministro Alfano nel momento in cui il nostro Paese ha finora dimostrato, sotto questo punto di vista, di essere molto ben organizzato”.“Infine, alla luce di tutto questo, – conclude – le dichiarazioni di ieri del Presidente della Commissione europea Juncker, che anticipa la disponibilità a considerare le spese per la sicurezza, almeno quelle per la lotta al terrorismo, al di fuori del Patto di stabilità segnano la consapevolezza che la sicurezza è diventata un valore primario e, quindi, dobbiamo fare di tutto per poterne garantire gli strumenti”.

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Italia esportatrice di armi

Posted by fidest press agency su venerdì, 20 novembre 2015

arabia sauditaL’Italia sospenda a titolo precauzionale fornitura e vendita di armi ai Paesi più a rischio. Oggi la legge italiana vieta l’esportazione di armi quando mancano adeguate garanzie sulla definitiva destinazione dei prodotti per la difesa. E’ altresì prevista anche l’eventuale sospensione o revoca di autorizzazioni già concesse per gravi motivi nel frattempo subentrati. Secondo la rete italiana per il disarmo, complessivamente si tratta di “54 miliardi di euro di autorizzazioni e 36 miliardi controvalore per effettive consegne di sistemi d’arma, venduti a 123 Paesi”, ha ricordato. L’Arabia Saudita, risultava essere il maggiore destinatario extraeuropeo dell’esportazione di armamenti italiani, con circa il 14% delle commesse. Secondo notizie di stampa risulterebbero, poi, provenienti da privati cittadini residenti in Arabia Saudita, Qatar e Kuwait i maggiori contributi di armamenti riservati allo Stato Islamico e ad Al Qaeda. Tramite i nostri rappresentanti istituzionali chiederemo al Governo, la lista delle imprese Italiane che hanno fornito armi all’Arabia Saudita negli ultimi dieci anni. (Segretario nazionale dell’Italia dei Valori Ignazio Messina)

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Quale Islam

Posted by fidest press agency su venerdì, 20 novembre 2015

Parigi1E’ stato pubblicato Il nuovo libro dello storico Massimo Campanini per capire Jihadismo, radicalismo, riformismo. “L’opinione pubblica in Occidente si ferma attonita davanti ai morti di Parigi, ma deve imparare a ragionare freddamente, deve imparare a individuare le radici della malattia per combatterla. E queste radici non stanno nell’intrinseca violenza dell’Islam come farneticano intellettuali e politici e opinion-makers…”. Così lo storico Massimo Campanini aprendo il suo nuovo volume Quale islam? Jihadismo, radicalismo, riformismo in libreria la prossima settimana con i tipi dell’Editrice La Scuola. Al contrario, non si possono comprendere le cause di quanto sta accadendo se non si comincia a rileggere la storia quella lontana e quella vicina: “dal colonialismo, con l’espropriazione violenta della libertà e della cultura dei popoli afro-asiatici (e musulmani) in seguito all’espansione imperialistica” sino “ai disastri provocati dalle aggressioni militari americane in Afghanistan e Iraq tra il 2001 e il 2003 con la liberazione di schegge impazzite che si sono riciclate nell’Isis e hanno costituito il nerbo di un esercito che però ha dovuto avere altri finanziatori”. Né è possibile avere idee chiare “se poi non si inquadra tutto questo nel contesto di una regione per decenni dominata da regimi dittatoriali – per altro sostenuti dall’Occidente che ipocritamente predica una democrazia a suo uso e consumo – che hanno annientato la società civile dei popoli musulmani”. “ E’ questo humus, la propaganda aggressiva di predicatori estremisti, il richiamo al jihad di organizzazioni create e alimentate per fini egemonici da falsi amici (leggi l’Arabia Saudita), l’insipienza strategica dei think-tank euro-americani che ha contribuito a sbilanciare i rapporti di forza nello scacchiere quanto mai volatile del Medio Oriente (leggi la emarginazione dell’Iran), l’esasperazione di settori cospicui di società disgregate, soprattutto giovanili (si pensi alle tensioni delle banlieues parigine, degli slums londinesi) – tutto questo”- afferma Campanini “ fornisce una chiave di interpretazione almeno potenzialmente credibile e non semplicistica anche alla barbarie pianificata di Parigi”. Insomma, la ponderazione degli elementi che compongono questo quadro, la correzione delle storture che ne emergono “sono gli unici veri mezzi per andare alle radici di quello che chiamiamo, con un termine che non spiega nulla, terrorismo”.
“Quale islam? Jihadismo, radicalismo, riformismo”, è opera di uno dei massimi studiosi del pensiero islamico contemporaneo. I fatti terroristici del gennaio 2015 e di pochi giorni fa a Parigi rischiano di evocare equazioni tra Islam e terrorismo, alimentando confusioni culturalmente infondate. Ponendo la domanda Quale Islam? il testo invita il lettore, in modo argomentato e storiograficamente fondato, a comprendere il volto plurale del mondo musulmano, non riducibile a quello jihadista rappresentato da Isis e Al-Qaeda. Un percorso dalle origini delle parole Islam, musulmano, jihad (nella sua dimensione spirituale di lotta interiore) al loro articolarsi nelle divisioni tra Sunniti e Sciiti, alla radicalizzazione dell’Islam politico nell’età del coloniale e post-coloniale, agli scenari contemporanei legati all’ascesa del Califfato. Un’attenzione alla molteplicità delle voci dell’Islam che è insieme segno di rigore e chiarezza. Pagine per capire e distinguere.
Massimo Campanini è professore di Storia dei paesi islamici presso l’ Università di Trento ed è autore di molti studi sull’Islam e sulla sua cultura. Tra le sue ultime pubblicazioni: L’esegesi musulmana del Corano nel secolo ventesimo (Morcelliana 2008); Islam (La Scuola 2013); Il pensiero islamico contemporaneo (il Mulino 2015).

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: | Leave a Comment »

Come i media raccontano la violenza contro le donne

Posted by fidest press agency su venerdì, 20 novembre 2015

marinaSondrio. In occasione della giornata mondiale contro la violenza sulle donne, lunedì 23 (Teatro Sociale di Sondrio – Piazza Garibaldi), martedì 24 novembre (Teatro Mignon di Tirano – Via Roma 1) e mercoledì 25 novembre (Teatro Cuminetti di Trento – via Santa Croce 67), Marina Senesi torna in scena con DOPPIO TAGLIO di Cristina Gamberi, di cui firma anche l’adattamento..
Lo spettacolo – che ha il patrocinio di Pari Opportunità Rai e Ordine dei Giornalisti – è diretto da Lucia Vasini e si avvale delle musiche originali di Tanita Tikaram e delle voci fuori campo di Filippo Solibello e Marco Ardemagni. Circondata dai ‘ri-tagli’ di giornale che accompagnano in proiezione tutto il racconto, Marina Senesi scopre insieme a noi cosa c’è dentro la notizia, svelando come il ‘taglio’ scelto dai media, nella composizione di una fotografia, o di un titolo, possa trasformare anche la più sincera condanna della violenza in un’arma a ‘doppio taglio’.
“Nelle immagini che accompagnano articoli e campagne pubblicitarie il carnefice è assente, oppure è un’ombra. Paradossalmente proteggiamo l’immagine di lui!” spiega Senesi – “Mentre la vittima è sempre esposta allo sguardo. Inerme. Con i segni della violenza in evidenza. Una donna che si vede rappresentata così è incentivata alla denuncia? Nella maggior parte dei casi, la foto proposta ritrae la donna in soggettiva, cioè come se l’aggressore fosse di fronte a lei, e tutti noi con lui. Guardiamo la vittima dalla stessa visuale del suo aggressore. Perché dovrebbe fidarsi, se sa che non stiamo dalla sua parte?”
Marina Senesi è un’attrice/autrice che si è sempre distinta per la capacità di fondere in un’unica cifra la forza dell’ impegno e il gioco dell’ironia (molti ricorderanno il suo spettacolo di teatro civile La Vacanza, patrocinato dalPremio Ilaria Alpi, le sue campagne per Caterpillar–Radio2Rai e per l’associazione LIBERA contro le mafie). Cristina Gamberi è dottore di ricerca in Studi di Genere all’Università di Napoli Federico II. Insieme al Progetto Alice è ideatrice di percorsi formativi nelle scuole sull’educazione al genere e sulla violenza contro le donne. Dal loro incontro è nata l’idea di riadattare per il palcoscenico una ricerca accademica della Gamberi, decostruendo l’impianto lessicale e iconografico degli articoli diffusi su stampa e web, per interpretare il taglio comunicativo che i media applicano (più o meno involontariamente ) nel descrivere l’uccisione di una donna per mano del proprio uomo. Tutto questo, elaborato in una narrazione semplice ed immediata, capace di interessare, incuriosire e sorprendere.
L’originalità e la forza di questa proposta hanno immediatamente convinto altre due artiste d’eccezione: Lucia Vasini, che firma la regia, e la cantautrice inglese Tanita Tikaram (la voce calda e sensuale di “Twist In My Sobritety” – indimenticabile hit – tornata a incantare il pubblico internazionale con il suo ultimo lavoro, “Can’t Go tanitaback”), che regala allo spettacolo il suo sound intriso di folk e sophisti-pop. Con loro, scopriamo come la cronaca raramente si sottragga – anche oggi – alla regola di una tradizione letteraria volta ad alleggerire la responsabilità dell’aggressore quando si ritiene che la donna abbia varcato i confini imposti al suo genere.
“Quando Marina mi ha coinvolto in questo progetto” – racconta Lucia Vasini – “ho immediatamente detto di sì per l’entusiasmo e la sincerità che la contraddistingue in ogni viaggio all’interno del teatro civile. Quando una sera dopo le prove mi ha telefonato a casa per dirmi: ‘Andiamo a Londra domani, a incontrare Tanita Tikaram?’, ho detto subito di sì senza pensare a nient’altro se non alla voce magica di questa grande musicista. L’’incontro con Tanita è stato veloce (due ore), giusto il tempo della colazione nel centro della città. Ma in quelle due ore il tempo si è dilatato come succede durante veri incontri. …E le note di regia vorrei fossero proprio le parole di Tanita, formulate in un divertente italiano, attraverso una domanda diretta a Marina mentre velocemente raggiungevamo la metropolitana per il ritorno a Milano: ‘Marina, io non credo che il tuo racconto urli aggressivo, vero?’ Ci siamo guardate e intese: ‘No,no!’, abbiamo risposto in coro.”
DOPPIO TAGLIO sarà a Roma e a Milano in primavera. (foto: marina, tanita)

Posted in Cronaca/News, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: | Leave a Comment »

Dinanzi alla guerra siamo in una terra di mezzo

Posted by fidest press agency su venerdì, 20 novembre 2015

L'Islam contro l'IslamLa libertà di comunicare è indissolubilmente legata alla libertà di coscienza. Sappiamo bene quanto queste libertà siano state fonte di controversia nella storia, anche all’interno della Chiesa, e come ancora siano causa di tensioni ideologiche e di violenze nel mondo contemporaneo.In questo quadro storico possiamo collocare una riflessione sulla informazione nella condizione di guerra, riflessione che si pone come drammatica necessità nel confronto in atto contro il terrorismo islamista. La libertà di coscienza e la libertà di comunicare, infatti, sono certamente conquiste irrinunciabili, e tuttavia come ogni tipo di libertà devono trovare equilibrio con un valore forse non altrettanto sviluppato nell’attuale grado di civilizzazione dell’Occidente, che è il dovere di responsabilità.Potrebbe sembrare inutile una riflessione su libertà e doveri nelle condizioni attuali: in fondo non si può certo dire che la nostra informazione non sia schierata da una parte sola, contro i terroristi. Il problema semmai sono gli eccessi di questa parte, le confusioni tra vittime e carnefici nel mondo islamico. Eppure credo che accompagnare le nostre scelte con una riflessione razionale fornisca una profilassi mentale, una cura preventiva contro ogni confusione possibile, perché anche allo stato di guerra si arriva progressivamente, ed è tragico non prevenire il suo percorso.Tutte queste questioni, libertà e doveri, sono sottoposte all’etica, che soprassiede al nostro discernimento e alle conseguenti decisioni di azione. Ma tutto questo ha anche una dimensione sociale, perché le libertà e le sue limitazioni, ma anche i doveri e i suoi superamenti, mescolandosi con gli interessi personali e collettivi al livello della società sono alla base delle politiche, delle norme di legge, perfino delle dichiarazioni di guerra; oppure, in una dimensione collettiva più ridotta, possono originare – in un esempio legato alla pratica dell’informazione – le linee editoriali di un giornale.La libertà di coscienza in contrapposizione ai doveri pubblici o agli ordini ricevuti può generare atti di eroismo – la storia ne è piena, basta pensare ai grandi conflitti del secolo scorso – ma anche mostruosi errori. Anche il terrorismo è figlio di questi errori.Il giornalista e il comunicatore davanti alla guerra si trovano potenzialmente in una terra di mezzo dalla quale si è obbligati ad uscire. La guerra infatti è sempre stata una condizione che tende a non ammettere distinzioni: o si sta da una parte o dall’altra, o si è eroi o traditori. Il singolo sarebbe tenuto a sottoporsi alla volontà collettiva.
Ma è davvero così? A mio giudizio la risposta è complessa. Esiste un livello superiore di coscienza che deve essere rispettato, e che potrebbe anche legittimare l’opposizione alle decisioni della collettività. Tuttavia se ciò non avviene credo che il principio di responsabilità debba indurre ad attribuire all’autorità democraticamente eletta e ai sentimenti maggioritari una larga dose di credito, perché lo stato di guerra è pericolo di vita, e davanti al pericolo di vita non sono ammessi sofismi, personalismi o vantaggi di parte, ma solo scelte e comportamenti essenziali.
Si tratta di una limitazione di libertà? Per il giornalista, si dovrebbe trattare solo di un supplemento di responsabilità. Quel senso di responsabilità che porta a considerare la professione come un servizio alla propria comunità e non come il soddisfacimento delle proprie personali convinzioni.In sostanza, se è vero che il principio di equidistanza debba costituire quanto meno il punto di partenza che il giornalista è tenuto ad osservare nel raccontare ogni forma di conflitto, la prospettiva di guerra mi pare che imponga una forma di semplificazione essenziale. In una prima fase, fino a quando la guerra è solo temuta, bisogna lavorare obbligatoriamente per la pace, che è certamente l’obbiettivo migliore per il bene della società. Quando la guerra fosse scoppiata, di fronte alla concreta minaccia alla sopravvivenza, il punto di vista iniziale credo debba essere quello delle istituzioni democraticamente elette, e discostarsene del tutto sarebbe legittimo solo di fronte a una fortissima contrapposizione della coscienza.In uno stato di guerra che coinvolge la propria comunità il giornalista deve dunque operare senza rinunciare alla volontà di pace e al discernimento, deve sapere che l’informazione è funzione di servizio orientata non al potere ma al bene pubblico, e aiutare la comunità a trovare unità, fiducia e coraggio: in condizioni di stress diffuso l’informazione deve farsi carico delle ansie collettive e operare per contenerle.Inoltre non siamo mai autorizzati a fomentare l’odio verso gli avversari, neanche quando proprio loro vivono di odio. E dai giornalisti e editori cattolici è atteso un supplemento di consapevolezza e responsabilità: una informazione corretta e pacata è essenziale perché la lotta al terrorismo non si trasformi in una vera guerra di civiltà. (Andrea Melodia Presidente Unione Cattolica Stampa Italiana)

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: | Leave a Comment »

Attrici e attori incontrano il pubblico

Posted by fidest press agency su venerdì, 20 novembre 2015

federica fracassiBologna lunedì 23 novembre 2015 ore 18 nell’Auditorium dei Laboratori delle Arti, p.tta Pasolini 5b Ingresso libero fino ad esaurimento posti.
Prossima ospite del Centro La Soffitta sarà l’attrice FEDERICA FRACASSI – sensibile interprete in cinema e teatro, vincitrice, tra gli altri riconoscimenti, del Premio Ubu come miglior protagonista per Hilda e incendi (ex equo con Mariangela Melato, 2011) e, lo stesso anno, del premio Eleonora Duse. Prosegue dunque il ciclo di incontri pubblici con attori protagonisti dell’attuale panorama mediatico, a cura di Sara Pesce e Laura Mariani, nell’ambito della 27° rassegna LA SOFFITTA 2015 del Dipartimento delle Arti dell’Università di Bologna. Si approfondiscono motivi, procedimenti e dispositivi del lavoro dell’interprete cinematografico e teatrale: lo studio sul personaggio, il rapporto con la regia e la produzione, l’intrecciarsi nella performance di motivi sociali e di costume.A seguire, al termine dell’incontro pubblico con Federica Fracassi, con la partecipazione degli studenti della Laurea Magistrale CITEM e Laurea Magistrale in Discipline della Musica e del Teatro, proiezione del film Un giorno devi andare (regia di Giorgio Diritti, 2013), che la vede nel ruolo di Suor Teresa. Ingresso libero fino esaurimento posti
Spiegano le curatrici di questo progetto: “L’attore costituisce la sostanza umana del film. Il suo rapporto con il prodotto finale, tuttavia, non è diretto. Differente sarà quindi il suo discorso sui film rispetto al regista. Attraverso la sua testimonianza si scoprono le sinergie tra personalità individuale e forme della creazione filmica. Gli incontri promossi dal Centro dipartimentale aggiungono nuovi appuntamenti ai cicli degli anni precedenti (sono già stati ospitati Roberto Herlitzka, Luigi Lo Cascio, Neri Marcoré, Elio Germano, Sandra Ceccarelli, Silvio Orlando e Iaia Forte). Essi permettono all’attore di raccontare se stesso, approfondendo alcuni passaggi nascosti del fare un film, i motivi e i metodi del suo lavoro sul set e fuori dal set: dal rapporto con specifici modelli recitativi, all’intrecciarsi di motivi sociali, politici e di costume nello stile della performance.”
FEDERICA FRACASSI. Interprete sensibile delle nuove drammaturgie, votata a scritture visionarie, feroci, poetiche, fin dagli esordi disegna un percorso indipendente nel panorama del teatro di ricerca. Si forma giovanissima alla Scuola d’Arte Drammatica Paolo Grassi e segue il lavoro di Carmelo Bene, Luca Ronconi, Thierry Salmon, Romeo Castellucci, Cesare Ronconi. Fonda insieme al regista teatrale Renzo Martinelli la compagnia Teatro Aperto, oggi Teatro i. In teatro ha lavorato tra gli altri con Valerio Binasco, Valter Malosti e Antonio Latella e ha ricevuto numerosi premi come miglior attrice protagonista: Premio Ristori, Premio Olimpici del Teatro, Premio della Critica, Menzione d’onore e Premio Eleonora Duse, Premio Ubu. Al cinema è interprete versatile, artefice di personaggi coloriti e funzionali a film dal disegno narrativo complesso. Il suo lavoro è rappresentativo dei meccanismi di utilizzo cinematografico della sapienza e della ricerca teatrali per le parti di contorno che vivacizzano gli snodi narrativi filmici: quella regione interessante e metamorfica che compete all’attrice/attore caratterista. Esordisce nel 2010 in Happy Family di Gabriele Salvatores, seguono tra gli altri Bella addormentata di Marco Bellocchio e Un giorno devi andare di Giorgio Diritti (2013), Il capitale umano di Paolo Virzì (2014), Antonia di Ferdinando Cito Filomarino, La vita oscena di Renato De Maria, Sangue del mio Sangue di Marco Bellocchio (2015). (foto: federica fracassi)

Posted in Cronaca/News, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: | Leave a Comment »

Enrico Zanisi in concerto per Piano Solo

Posted by fidest press agency su venerdì, 20 novembre 2015

enrico zanisi.pngRoma Domenica 22 novembre, alle ore 11.15 presso il Teatro Torlonia di Roma, Enrico Zanisi in concerto per Piano Solo, ospite del Roma Jazz Festival 2015. Enrico Zanisi, già Premio Top Jazz 2012 e Premio Siae 2014, è uno dei giovani pianisti più apprezzati del panorama jazz contemporaneo. Cresciuto ascoltando anche gruppi come gli Emerson Lake Palmer, i Genesis e i Led Zeppelin, Enrico Zanisi ha intrapreso un iter di studi completo, diplomandosi con lode in pianoforte classico e laureandosi, sempre con lode, in jazz. La padronanza tecnica dello strumento, quindi, arriva da lontano, da una formazione che permette a Enrico di avventurarsi su ogni territorio con sorprendente sicurezza e consapevolezza. Succede ancora, forse solo nel jazz.
La storia del giovanissimo Enrico Zanisi appartiene a quella letteratura musicale che racconta in maniera universale il talento, gli incontri e le occasioni non perse dell’artista che non rinuncia ai suoi sogni. Dopo una serie innumerevole di concerti e gigs nei piccoli locali della capitale, Enrico viene inizialmente notato da un giornalista che, forte del talento provato, decide di presentarlo a un discografico.
Enrico si è esibito in alcuni dei più importanti festival Italiani tra cui Villa Celimontana Jazz Festival, Umbria Jazz Winter e Umbria Jazz, Casa del Jazz, Brindisi Jazz Festival, Auditorium Parco della Musica,), European Jazz Expo, Piacenza Jazz Festival, Bergamo Jazz Festival, Trieste Loves Jazz, Garda Jazz Festival, Vicenza Jazz, Crossroads, Festival Mundus, Festival MITO, Roccella Jonica Jazz Festival.
A maggio ha concluso un tour internazionale che lo ha visto esibirsi in India, Sud America, Norvegia, Messico e Brasile. All’estero, tra le altre cose, ha suonato anche al 12 Points Festival di Dublino, al Tabarka Jazz Festival in Tunisia, al Tanjazz di Tangeri e presso gli Istituti Italiani di Cultura di Strasburgo e di Londra e in piano solo al Festival di Edimburgo. (foto. enrico zanisi)

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre, Roma/about Rome, Uncategorized | Contrassegnato da tag: | Leave a Comment »