Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 30 n° 235

Archive for 23 novembre 2015

Switzerland Tops World Ranking of Business Talent

Posted by fidest press agency su lunedì, 23 novembre 2015

losannaLAUSANNE, Switzerland, The country which often gets its reputation through the commercial successes of watches, cheese and chocolate has been named the best in the world for business talent, a position that shows there’s a lot more going on throughout its industries. Switzerland leads the way in developing, attracting and retaining talent to satisfy corporate needs, according to a study by leading global business school IMD.The research ranks Denmark second and Luxembourg third, with Norway, the Netherlands, Finland, Germany, Canada, Belgium and Singapore completing the top 10.A host of major economies fare less impressively, with the US languishing in 14th place, the UK 21st, France 27th and mainland China way down the list in 40th position.Professor Arturo Bris, Director of IMD’s World Competitiveness Center, which carried out the study, said: “Pure economic power and talent don’t always go hand-in-hand.”The key attribute among all the countries that rank highly in our standings is agility, as shown in their capacity to shape policies that preserve their talent pipeline.”In this regard none is more agile than Switzerland, which has shown itself to be the most talent-competitive country in the world for nine of the past 10 years.”Other countries, many of the world’s leading economic powers among them, could learn valuable lessons from understanding how the Swiss manage their talent pool.”The findings are contained in IMD’s World Talent Report, an annual assessment of how countries sustain talent for the businesses operating within their economies.Rankings are based on 20 years’ worth of competitiveness-related data, including an in-depth survey of more than 4,000 executives in the 61 countries covered by the study.The research focuses on three main categories – investment/development, appeal and readiness – which in turn are derived from a much broader range of factors.These include education, apprenticeship, employee training, brain-drain, cost of living, worker motivation, quality of life, language skills, remuneration and tax rates.The main categories are aggregated into a yearly overall ranking. In addition, each country’s evolution in the various aspects is assessed over the course of a decade – in this instance from 2005 to 2015 – to identify the most talent-competitive countries.
Other than in 2006, when Austria took top spot before slipping back into the chasing pack, Switzerland came first overall in every year of the period examined.Its pre-eminence conclusively overturns long-held popular notions that the country’s business acumen is limited to just a handful of specialist niche markets.Professor Bris, an expert in finance and in the field of global competitiveness, said: “Switzerland has shown itself to be a leading performer right across our range of factors.”The fact is that it has consistently achieved a positive balance between encouraging local talent and tapping into top talent from other countries.”This is a quality all the high-ranking economies have to some extent, but only the best constantly update and refine the required competencies to truly sustain their talent pipeline.”Overall, the research suggests Northern Europe boasts the greatest concentration of business talent hotspots in the world.Singapore supplanted Malaysia as the Southeast Asian economy best equipped to develop, attract and retain talent, with Hong Kong also performing well.
But in Latin America even Brazil, the region’s most powerful economy, was found to have suffered deterioration across a range of relevant performance indicators.Other Latin American economies also struggled, with Chile 43rd, Mexico 49th, Colombia 50th, Argentina 53rd, Peru 59th and Venezuela 60th. Although Mexico, Chile, Argentina and Colombia have slightly improved their positions this year, all Latin American countries in the study place in the bottom third of the ranking.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Estero/world news | Contrassegnato da tag: | Leave a Comment »

Piero Fornasetti: imagination and illusion

Posted by fidest press agency su lunedì, 23 novembre 2015

Fornasetti.jpgLondon – Christie’s Design department is delighted to present an exclusive online-only auction of works by one of the most important figures of 20th century Italian design, Piero Fornasetti. Known as a sculptor, painter, decorator, craftsman, engraver and stage designer, Piero Fornasetti created porcelain tableware, furniture, glass and small objects and was active from the 1950s onwards. The core of the sale will be formed of pieces that have been hand-picked from the collection of the New York socialite Claire Creatore in the price range of $200 – $10,000. Claire Creatore has been collecting his pieces for 20 years and began when she discovered a paper weight in an antiques shop. She bought it then took it home in her pocket and from then on she has passionately collected Fornasetti creations. She has developed a universe dedicated to the renowned designer through displaying them in her Manhattan pied-à-terre. Gio Ponti described his work as having a “sly sweetness”, a phrase that rang true for Creatore who finds Fornasetti whimsical, humorous, fantastical and playful. (photo: Fornasetti)

Posted in Estero/world news, Recensioni/Reviews, Uncategorized | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

WTTC calls for governments to better coordinate policy-making for Travel and Tourism

Posted by fidest press agency su lunedì, 23 novembre 2015

tourism_travel_world_map_-_magicwall.caGovernments that adopt a fully coordinated approach to the development of Travel & Tourism policies are the most successful in maximising the economic and social potential of the sector, according to a new report from the World Travel & Tourism Council (WTTC).Speaking to the United States Travel Association at its Fall Board Meeting in Washington DC today, David Scowsill President & CEO, WTTC, said:“Travel & Tourism drives economic growth, creates jobs and sustains investment throughout the world. It drives almost 10% of global GDP and supports one in eleven of all jobs on the planet. Many governments are still not adopting a holistic approach to the maximising the potential of this sector. Our newly released report, ‘Governing National Tourism Policy’, concludes that for the sector to thrive and to develop in a sustainable manner, governments need to fully integrate Travel & Tourism into the national economic agenda and coordinate development across the public and private sector.”The different country examples studied by WTTC suggest that if the consultation process is backed up by legislation – if a tourism policy council or committee has statutory powers – the sector’s economic importance and priority through different government administrations is much more secure.Scowsill continued: “For many heads of state, the starting point is the recognition that our sector is a key pillar of economic development, and that it suffers from a lack of co-ordination between different ministries and agencies.This results in conflicting policy decisions – such as protecting and supporting national carriers instead of promoting open skies access to markets; funding promotional campaigns, whilst not facilitating visa automation; imposing unfair taxes on departing airline passengers, whilst not investing in necessary long term infrastructure – in summary a completely incoherent approach to tourism governance and commerce.”WTTC research shows that those governments which seek to adopt a holistic approach to the development of Travel & Tourism are far more likely to make co-ordinated policies across ministries to support this sector. Countries which welcome and encourage the input of the private sector into strategic planning and policy-making are those that will plan successfully for future growth.

Posted in Estero/world news, Viaggia/travel | Contrassegnato da tag: | Leave a Comment »

Red Cross urges governments to protect people on the move as freezing

Posted by fidest press agency su lunedì, 23 novembre 2015

budapestBudapest/Geneva. Plunging temperatures are expected to chill Europe this weekend putting the lives of thousands of refugees at risk, according to the International Federation of Red Cross and Red Crescent Societies (IFRC).The IFRC is calling on all governments to take steps to protect people seeking safety and ensure their suffering is not compounded as the weather deteriorates as well as urging all organisations to step-up and meet increasing needs.Director of the IFRC in Europe, Simon Missiri, said: “Winter looks set to arrive in the next few days, putting lives at risk and making a difficult situation for hundreds of thousands of people even more dire.Missiri said: “It is vital that governments make protection a priority – people are already facing an immense struggle. We all need to play a part in striving to ensure this doesn’t become significantly worse.”With temperatures predicted to plummet as low as minus 4C in parts of the Balkans and central Europe and daytime highs hovering around zero, people making the difficult cross-continent journey urgently need winter supplies. Hypothermia and exposure are among the main health concerns as people face days making the journey across Europe to safety. Sub-zero conditions will put people at risk – especially older people, children and those who are already suffering from illness. Red Cross medics also fear the psychological impact of worsening weather on people who have already suffered immense hardship.IFRC disaster management co-ordinator, Cristina Estrada, said: “One of our teams in the Former Yugoslav Republic of Macedonia recently met a woman who was 97 and had travelled from Syria – it’s hard to imagine how those most vulnerable people will cope with the coming months of bitter weather.”The Red Cross has been stockpiling supplies to cope with the onset of a brutal winter and is prioritizing hot meals, warm clothing, shoes and socks, blankets and sleeping bags, sourcing temporary heated accommodation, particularly across the Balkan route. High-energy food for children will be provided and there will be an increase in the number of mobile health teams and medics operating along the routes.Estrada said: “People are arriving at borders with very few belongings and in many cases, only the clothes on their backs. We are gravely concerned about the impact of freezing conditions.“We are scaling up to cope but we are dealing with the biggest movement of people for a generation and the needs are staggering.”
The Red Cross is responding with more than 50,000 volunteers across 28 countries and has reached at least 370,000 people in transit. More than 2.1 million meals and food parcels have been provided and 190,000 medical cases have been treated across Europe. More than 84,000 people have also received psychological support. The IFRC has today (Friday) expanded its emergency appeals to more than 71.5 million Swiss francs fund vital work responding to population movement across Europe. An additional 1.5 million Swiss francs will focus on aid coordination and increased flexibility to allow the Red Cross and Red Crescent to quickly adapt its response to this complex crisis.

Posted in Estero/world news, Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

“Il ruolo dell’Italia nel Fondo Globale per la lotta contro l’AIDS, la Tubercolosi e la Malaria”

Posted by fidest press agency su lunedì, 23 novembre 2015

Policlinico La Sapienza RomaRoma Martedì 1 Dicembre, ore 9 – 13 Aula Valdoni, IV Clinica Chirurgica Azienda Policlinico Umberto I (viale del Policlinico, 155 )Modera: Laura Berti, giornalista TG2 Saluti istituzionali:
Eugenio Gaudio, Magnifico Rettore – Università La Sapienza di Roma
Domenico Alessio, Direttore Generale Azienda Policlinico Umberto I
Bruno Botta, Pro Rettore alla Ricerca, Innovazione e Trasferimento Tecnologico – Università La Sapienza di Roma
Vincenzo Vullo, Preside della Facoltà di Farmacia e Medicina – Università La Sapienza di Roma
Luca De Fraia, Segretario Generale Aggiunto – ActionAid Italia
PRESENTAZIONE DEL RAPPORTO DI ACTIONAID ITALIA “Il ruolo dell’Italia nel Fondo Globale per la lotta contro l’AIDS, la Tubercolosi e la Malaria”
Intervengono: Giampaolo Cantini, Direttore DGCS – Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale
Frederic Goyet, Senior Political Advisor alle Relazioni Esterne – Fondo Globale per la lotta contro l’AIDS, la Tubercolosi e la Malaria
Giuseppe Ippolito, Direttore dell’Istituto Nazionale per le Malattie Infettive I.R.C.C.S. “Lazzaro Spallanzani”
Stefano Vella, Vice Presidente degli Amici del Fondo Globale

Posted in Cronaca/News, Medicina/Medicine/Health/Science, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: | Leave a Comment »

La duplice rivoluzione nel trattamento del melanoma

Posted by fidest press agency su lunedì, 23 novembre 2015

melanoma-sulla-pelleMilano mercoledì 16 dicembre 2015 ore 11.30 – Circolo della Stampa Corso Venezia 48 Il melanoma cutaneo è una neoplasia molto aggressiva, tra i principali tumori giovanili, e nel mondo riguarda circa 100.000 persone. In Italia rappresenta il terzo tumore più frequente al di sotto dei 50 anni e registra, ormai da anni, una costante crescita sia negli uomini sia nelle donne. Negli ultimi anni sono emerse rilevanti novità riguardo alla gestione clinica del melanoma, in particolare sotto il profilo dell’approccio terapeutico: nuove molecole, infatti, sono state rese disponibili sia nell’ambito dell’immunoterapia sia in quello dell’oncologia di precisione, e sono molti i dati clinici presentati su queste nuove opzioni terapeutiche. L’incontro ha l’intento di fornire un quadro complessivo per orientarsi nella rivoluzione terapeutica in corso, oltre a informazioni di background sul melanoma (dagli aspetti epidemiologici ai fattori di rischio e all’importanza della prevenzione), approfondendo alcuni aspetti significativi legati al ruolo delle mutazioni genetiche nello sviluppo della patologia.
Intervengono:
Prof.ssa Paola Queirolo, UOC Oncologia medica IRCCS San Martino, IST Genova e Presidente IMI – Intergruppo Melanoma Italiano
Prof. Ignazio Stanganelli, Responsabile Centro di Oncologia Dermatologica – Skin Cancer Unit IRCCS Istituto Scientifico Romagnolo per la Cura e lo Studio dei Tumori e Professore Associato Clinica Dermatologica Università degli Studi di Parma. Tesoriere IMI – Intergruppo Melanoma Italiano
Prof. Giuseppe Palmieri, Oncologo Medico, Primo Ricercatore CNR, Responsabile dell’Unità di Genetica dei Tumori del CNR di Sassari. Presidente Eletto IMI – Intergruppo Melanoma Italiano

Posted in Cronaca/News, Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Ci siamo: marcia per il sostegno dei diritti LGBT

Posted by fidest press agency su lunedì, 23 novembre 2015

sostegno dirittiVicenza 12 dicembre, dalle ore 15.00, in piazza Matteotti e coinvolgerà tutti i cittadini: al grido di “CI SIAMO” si marcerà per Corso Palladio a sostegno dei diritti LGBT, contro ogni discriminazione e per il pieno riconoscimento giuridico delle coppie omosessuali. Tutti sono invitati e si sentano partecipi in questa svolta storica: l’estensione dei diritti umani è una questione di democrazia e civiltà per l’intera cittadinanza. Con l’approssimarsi di imminenti discussioni parlamentari sul tema, i Veneti e gli Italiani ribadiranno di essere stanchi di aspettare, di vedere calpestati i diritti e la dignità di milioni di cittadine e cittadini da una politica arrogante e sorda. In gemellaggio con la contemporanea “Marcia dei diritti” a Roma, le associazioni promotrici insistono sull’urgenza assoluta di allinearsi subito con il resto del mondo occidentale e adottare finalmente politiche familiari inclusive per chiunque. In una Regione caratterizzata da una insensata e anacronistica omofobia istituzionale – con mozioni regionali e comunali per la “famiglia naturale” e contro la dignità di altre forme di affetto, contro un’inesistente “teoria gender” e indici di libri proibiti da sindaci omofobi in cerca di visibilità – riparte la sfida al Parlamento: stare al passo coi tempi e adottare politiche inclusive e rispettose delle esigenze di vita di ognuno. Tutti in piazza dunque: la Storia avanza e non si può più aspettare. Visita il sito http://www.ci-siamo.com.
le associazioni promotrici: Ass. 15 GIUGNO-Arcigay Vicenza, Tralaltro Arcigay Padova, Arcigay Pianeta Urano Verona, D.E.L.O.S., MaiMa, AGEDO Vicenza per il Triveneto, Queerquilia ArciLesbica Treviso, Coordinamento LGBTE Treviso, Lieviti, Rete degli Studenti Medi, Amnesty International. CI SIAMO! (foto: sostegno diritti)

Posted in Cronaca/News, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Sicilia: assicurare tariffe scontate per i trasporti aerei

Posted by fidest press agency su lunedì, 23 novembre 2015

viaggiatori“È necessario assicurare ai cittadini tariffe scontate sia per i trasporti aerei che per quelli marittimi con l’introduzione della continuità territoriale. Infatti, i siciliani negli ultimi mesi hanno subìto un aumento spropositato delle tariffe. Bisognaintegrare la Sicilia nel decreto legge sulle misure urgenti per interventi sul territorio, per quanto riguarda la continuità territoriale. Presenterò un emendamento per cui chiederò la firma ed il sostegno di tutti i colleghi siciliani senza distinzione partitica”. E’ quanto chiede Nino Minardo, deputato del Gruppo Area Popolare (Ncd-Udc) e Vice Presidente della Commissione Attività Produttive che ha presentato un’interrogazione.“La Regione Sicilia – sottolinea – offre proprio a motivo della sua insularità gli svantaggi strutturali il cui perdurare ostacola il generale sviluppo economico e sociale della stessa. Il diritto alla mobilità costituisce un servizio di interesse economico generale e, quindi, tale da dover essere garantito a tutti i cittadini, indipendentemente dalla loro dislocazione geografica. La Regione Sicilia non può essere penalizzata: occorre pertanto consentire ai suoi cittadini di usufruire di tariffe sostenibili come accade non solo per la Sardegna ma anche ad altre regioni d’Italia mediante l’applicazione del principio della continuità territoriale.
E conclude: “pertanto condivido e sottoscrivo la petizione, partita da Comiso, dove è sito l’aeroporto, struttura definita dal Governo di interesse strategico nazionale, avviata dal Codacons per avere garantita anche in Sicilia la continuità territoriale e rivolgo l’appello a tutti i cittadini a sottoscriverla on line attraverso il sito del Codacons Sicilia”.

Posted in Spazio aperto/open space, Viaggia/travel | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

“Storia dell’Italia mafiosa”

Posted by fidest press agency su lunedì, 23 novembre 2015

Carlo Alberto Dalla ChiesaPrima ancora che Andreotti dichiarasse di non voler partecipare alle esequie di Dalla Chiesa perché preferiva i battesimi ai funerali, o che Berlusconi lodasse la lealtà del suo stalliere Mangano, e prima che il Ministro Lunardi, nel 2001 dichiarasse apertamente che con mafia e la camorra bisognava conviverci, erano già molti gli episodi oggetto di aneddoti e storielle molto poco divertenti che indicavano come tra mafia e potere politico non vi fosse certo un abisso incolmabile ma, anzi, sono molti i ponti di relazioni costruiti da ambo le parti, gli scambi di favori e di omaggi volti a rafforzare quella commistione di poteri che consente alle mafie, da due secoli, di resistere a qualsiasi governo e a qualsiasi contesto storico.Sta qui, in questa zona grigia, molto più ampia di quanto si possa pensare, la “Storia dell’Italia mafiosa” di Isaia Sales che Rubbettino lancia in libreria in questi giorni, una storia che non può che ripercorrere la storia stessa d’Italia sin dai tempi dell’Unità.Se infatti è assodato che le mafie abbiano avuto origine in alcune regioni del sud Italia, in una certa epoca e in un determinato contesto, la loro resistenza nel tempo e la progressiva diffusione mondiale non possono certo essere ridotte ad un problema razziale, territoriale o culturale. Il successo delle mafie va ricercato nell’affermarsi, a livello nazionale, di un blocco sociale e politico a cui quelle già facevano riferimento nel periodo pre-unitario. È dunque evidente che sia stato necessario proprio l’appoggio di quel blocco politico e sociale, dominante al nord Italia, per rendere possibile un simile esito. Successivamente, le scelte di conservazione operate in politica e in economia a livello nazionale non fecero altro che difendere e consolidare l’ambiente in cui i mafiosi erano a proprio agio, l’ambiente in cui dominavano.Come osserva Sales, “La storia delle mafie meridionali non è storia di semplici organizzazioni criminali, bensì la storia dei rapporti che l’insieme della società (locale e nazionale) ha stabilito, nel tempo, con questi fenomeni criminali, e viceversa, è storia dei rapporti che il crimine organizzato ha allacciato con il mondo esterno.”
“Storia dell’Italia mafiosa” traccia il percorso della criminalità organizzata con precisione, sottolineando le differenze di identità ma tenendo presente l’unità dei processi di sviluppo. Se l’Ottocento è il secolo della Camorra e il Novecento è quello della Mafia siciliana, quello che viviamo, secondo Sales, è il periodo d’oro della ‘Ndrangheta. Il ruolo predominante è dato, a seconda dei casi, dall’influenza che le mafie hanno nei processi decisionali dello Stato, ma anche dalla loro capacità di diffusione a livello mondiale.
Proprio questo aspetto diventa un altro punto centrale del libro di Sales che demolisce la convinzione che le mafie siano nate e abbiano prosperato solo laddove le condizioni culturali ed economiche consentivano il dilagare del crimine. La presenza attiva della Mafia negli Stati Uniti, e della ‘Ndrangheta in tutto il mondo, provano che la spiegazione culturalistica non può reggere; dimostrano come solo la collusione e la cooperazione con i poteri forti, con vantaggi da entrambi i lati, siano l’elisir d’immortalità delle organizzazioni mafiose.
“Storia dell’Italia mafiosa” rappresenta un’importante innovazione nello studio e nell’analisi dei fenomeni mafiosi in Italia. Per la prima volta viene ricostruita in maniera unitaria la storia della mafia, della ‘ndrangheta e della camorra dalla nascita nel Mezzogiorno borbonico, allo sviluppo nell’Italia post unitaria, al definitivo affermarsi in età repubblicana, fino ai nostri giorni. Si è dinanzi ad un grande affresco storico che individua le ragioni di fondo di un modello criminale il cui successo dura ininterrottamente da duecento anni. Il volume rappresenta inoltre il contributo più significativo al superamento delle interpretazioni dominanti delle mafie come frutto esclusivo del Mezzogiorno, della sua arretratezza economica e sociale, di una cultura omertosa e complice. Isaia Sales dimostra come quel racconto, pressoché immutato da due secoli, continui a costituire un formidabile ostacolo alla comprensione delle mafie e a rappresentare, nella migliore delle ipotesi, un colossale abbaglio. Pagine appassionanti svelano perché le mafie, nonostante gli auspici di tanti, non siano state sconfitte dalla «modernità», anzi si siano trovate pienamente a loro agio dentro di essa, senza alcun imbarazzo. E sono ancora qui nell’Italia post moderna di oggi, nel mondo di Google e dell’Ipad. E non solo nel Mezzogiorno.
Isaia Sales insegna storia delle mafie presso l’Università Suor Orsola Benincasa di Napoli. È editorialista del “Mattino” di Napoli. È stato sottosegretario al Ministero del Tesoro nel primo governo Prodi. È autore di diversi saggi sul Sud d’Italia e sui fenomeni mafiosi. (foto: storia italia mafiosa)

Posted in Cronaca/News, Recensioni/Reviews, Uncategorized | Contrassegnato da tag: | Leave a Comment »

Touch Party ospita Shanti Celeste

Posted by fidest press agency su lunedì, 23 novembre 2015

Shanti Celeste.pngBologna sabato 28 novembre 2015, h 23 Life Club via Calzoni, 6 prezzo: € 10 c. tess. Afres Per il suo nuovo Touch Party, Beyond Common Ideas si apre alla scena internazionale e ospita Shanti Celeste, dj e producer emergente del giro house di Bristol, legata al noto negozio di dischi nonché label, Idle Hands, per il quale lavora. Ad accompagnarla i resident Easy Dual ed Echio, fra videomapping e installazioni luminose.
Originaria del Cile, Shanti Celeste è un’artista multi talento. Non solo dj e producer, ma anche proprietaria di una label e promoter del party Housework. Il suo curriculum è da prima della classe e il suo 12 pollici “Need Your Lovin’ (Baby)” su BRSTL (l’etichetta che gestisce assieme a Rhytmic Theory ed il boss di Idle Hands Chris Farrell) o le uscite per Idle Hands e la Broadwalk Imprint di Julio Bashmore confermano a pieno il suo talento. Dalla New York garage alla hazed-out vocal house e techno tutto le riesce bene, merito di un palato raffinato e di una collezione di di centinaia di dischi che ne fanno un’intenditrice nonostante la giovane età. Appassionata di vinili, con i quali ama esibirsi, e di un certo stile old school, Shanti Celeste ha già guadagnato un posto nelle migliori consolle del Regno Unito e non solo. Beyond Common Ideas è un progetto che nasce con l’obiettivo di valorizzare il clubbing e la musica elettronica come fenomeni sociali e culturali. Il raggiungimento di tale obiettivo passa attraverso la realizzazione di diversi eventi fra workshops, meeting con artisti e/o esperti del settore, esposizioni d’arte/installazioni multimediali e infine party. (foto: Shanti Celeste)

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Leave a Comment »

I pensionati non sempre ricevono ciò di cui hanno diritto

Posted by fidest press agency su lunedì, 23 novembre 2015

pensionatiNel corso degli anni,il Partito Pensionati, ha potuto verificare che vi sono tanti Pensionati, che non ricevono esattamente quanto loro spetta, per l’applicazione di norme introdotte nel corso degli anni e sono gli interessati a questo problema, sono circa il 60% di coloro che ricevono pensioni più basse, cioè quelle che non superano , il tetto di circa 750 euro mensili. Sono singolarmente ,piccole cifre, per assegni familiari, quattordicesime, integrazioni al minimo o altro, che l’interessato ,pur avendone diritto, non riceve o riceve in maniera inferiore a quanto spettante , per i motivi più diversi e che sommate , possono raggiungere cifre significative, proprio nella considerazione che si tratta di possibili aventi diritto, con pensioni modeste. C’è da dire che quando è il pensionato a ricevere qualche euro in più,per errore dell’INPS, questa procede direttamente al recupero, quando invece è il pensionato a ricevere meno di quanti spettante , in primo luogo, deve accorgersene e poi deve presentare specifica domanda ed in alcuni casi , attivare le vie legali .E’ da tempo che il segretario nazionale del Partito Pensionati, Carlo Fatuzzo, anche con trasmissioni televisive, cerca di sensibilizzare i potenziali interessati ad attivarsi per l’effettuazione del controllo, circa l’esatto importo della pensione ed a rivendicare i propri diritti ed a questo scopo informa che eventuali interessati possono far verificare l’esattezza degli importi pensionistici , inviando l’ultimo cedolino di pensione, fotocopia carta d’identità e codice fiscale, a: Carlo Fatuzzo –Partito Pensionati- Piazza Risorgimento n.14 -24128 Bergamo

Posted in Diritti/Human rights, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: | Leave a Comment »

SDN, l’integrazione tra applicazioni e rete

Posted by fidest press agency su lunedì, 23 novembre 2015

la sapienzaRoma 27 Novembre 2015 dalle ore 09:00 alle ore 13:00, presso l’Aula Odeion, Museo dell’Arte Classica, Facoltà di Lettere, Università degli Studi di Roma “La Sapienza” – P.le Aldo Moro, 5 SDN, presentazione Master in Sicurezza per l’integrazione tra applicazioni e rete Internet che ha contribuito alla creazione di una società digitale, dove (quasi) tutto è collegato ed è accessibile ovunque.
Tuttavia, nonostante la loro ampia diffusione, le reti IP tradizionali sono complesse e difficili da gestire. Software-Defined Networking (SDN) rappresenta un paradigma che rompe l’integrazione verticale attuale, che separa la logica di controllo della rete dai router e switch, promuovendo la centralizzazione del controllo della rete, e introducendo la possibilità di programmare questa ultima.

Posted in Cronaca/News, Roma/about Rome, Università/University | Contrassegnato da tag: | Leave a Comment »

Terrorismo e rischi attacchi chimici e batteriologici

Posted by fidest press agency su lunedì, 23 novembre 2015

«Il ministro dell’interno Alfano sbaglia se sottovaluta il rischio di attacchi chcentrale nucleare di Zaporizhyeimici e batteriologici. E’ una materia che non lascia margine di errore. Il contrasto al terrorismo non convenzionale deve essere organizzato per tempo e non aspettare di avere l’emergenza in casa. Alfano venga nei comandi dei Vigili del Fuoco a verificare di persone quale è la vera situazione della difesa civile affidata ai vigili del fuoco mediante i nuclei Nbcr (Nucleare – Biologico – Chimico – Radiologico), con organici ridotti all’osso ed attrezzature scadute e mai rinnovate a causa dei tagli. Male poi che il governo pretenda di dare un aumento contrattuale di soli 7 euro al mese a chi deve rischiare la vita per queste cose! Serve subito un ingente investimento per i vigili del fuoco e per la sicurezza in generale, perché la difesa civile della popolazione italiana deve essere una priorità». Cosi il segretario generale del sindacato dei vigili del fuoco Conapo, Antonio Brizzi, ha commentato le dichiarazioni odierne del ministro dell’interno Alfano rilasciate al termine del Consiglio straordinario Ue della Giustizia e degli Affari interni convocato dopo gli attentati di Parigi.

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: | Leave a Comment »

Tutti i Geoparchi sono da oggi siti UNESCO

Posted by fidest press agency su lunedì, 23 novembre 2015

unesco“Tutti i Geoparchi esistenti sono stati dichiarati Siti UNESCO. Lo ha stabilito in queste ore la 38^ Sessione Plenaria della Conferenza Generale dell’UNESCO, riunitasi a Parigi. L’Unesco ha riconosciuto la rete internazionale dei Geoparchi quale programma ufficiale dell’UNESCO individuando la nuova categoria degli UNESCO Global Geoparks (Geoparchi mondiali UNESCO). Contestualmente tutti i 120 Geoparchi esistenti, che interessano 33 paesi nel mondo e 4 continenti, hanno ottenuto il riconoscimento di UNESCO Global Geopark”. Con orgoglio possiamo comunicare che tutti i Geoparchi Italiani ben 10 sono da oggi siti UNESCO e dunque riconosciuti Progetto Prioritario UNESCO”. Lo ha annunciato Aniello Aloia ,geologo, Coordinatore del Comitato Nazionale che raggruppa tutti i Geoparchi Italiani. “Ecco l’elenco dei geoparchi italiani – ha dichiarato Aloia – che adesso sono siti UNESCO : Parco Naturale Regionale delle Madonie – Madonie UNESCO Global Geopark (Sicilia),Distretto di Rocca di Cerere – Rocca di Cerere UNESCO Global Geopark (Sicilia), Parco Naturale Regionale del Beigua – Beigua UNESCO Global Geopark (Liguria), Parco Geominerario Storico e Ambientale della Sardegna – Sardinia UNESCO Global Geopark (Sardegna), Parco Naturale Adamello Brenta – Adamello Brenta UNESCO Global Geopark (Trentino),Parco Nazionale del Cilento Vallo di Diano e Alburni – Cilento vallo di Diano e Alburni UNESCO Global Geopark (Campania),Parco Nazionale Tecnologico e Archeologico delle Colline Metallifere Grossetane – Tuscan Mining UNESCO Global Geopark (Toscana),Parco Naturale Regionale delle Alpi Apuane – Apuan Alps UNESCO Global Geopark (Toscana),Sesia Val Grande Unesco Global Geopark (Piemonte), Parco Nazionale del Pollino – Pollino UNESCO Global Geopark (Basilicata/Calabria). Tale importante risultato rappresenta un fondamentale impulso alla corretta gestione, conservazione e valorizzazione della Geodiversità nel nostro Paese, in quanto patrimonio tutelato dall’UNESCO.
I Geoparchi Italiani esprimono, infine, un sentito ringraziamento sia alla Commissione Nazionale Italiana per l’UNESCO, sia alla Delegazione Italiana Permanente presso l’UNESCO a Parigi, le quali, insieme alle Commissioni ed alle Rappresentanze di altre nazioni, hanno assicurato negli ultimi anni un prezioso e deciso sostegno per il conseguimento di questo prestigioso riconoscimento”. (Aniello Aloia Coordinatore Comitato Geoparchi Italiani)

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: | Leave a Comment »

Davanti ai cambiamenti climatici, nessuno può sentirsi al sicuro

Posted by fidest press agency su lunedì, 23 novembre 2015

climate_change“A Parigi non si va per risolvere gli equilibri politici dei singoli Stati, per decidere le sorti di qualche governo o orientare future elezioni politiche; a Parigi si decide, come fu 250 anni fa, il futuro dell’umanità. Il nostro auspicio è che la COP21 segni un punto di svolta nelle relazioni internazionali, nella politica, nell’economia e nella finanza”. È l’appello che l’economista Andrea Masullo, presidente del Comitato scientifico dell’associazione Greenaccord, ha pronunciato in chiusura del XII Forum intenazionale dell’Informazione per la Salvaguardia della Natura, che per tre giorni, da mercoledì scorso, ha riunito a Rieti decine di giornalisti specializzati in tematiche ambientali per ascoltare le relazioni di economisti, climatologi, fisici ed esperti di sostenibilità. Tanti contributi per un unico filo conduttore: Clima, ultima chiamata.E la profonda preoccupazione espressa dal mondo scientifico ha trovato ampio spazio nelle conclusioni di Masullo: “Se la cintura esplosiva dei terroristi ci fa paura perché può ucciderci in un istante non dimostriamo la stessa capacità reattiva di fronte ai cambiamenti climatici che producono sull’umanità effetti comparabili a centinaia di bombe atomiche che esplodono al rallentatore. Noi le stiamo sganciando, ma gli effetti ricadranno sui nostri figli, nipoti e pronipoti. È questa la realtà che ci è stata dipinta da alcuni fra i migliori scienziati del mondo.” ha osservato Masullo. “Se oggi 1 miliardo di persone non ha accesso ad acque potabili sicure nel 2025, ciò sarà la realtà di 2,5 miliardi di persone. Se è vero che la civiltà si è sviluppata grazie agli ultimi 11.000 anni di stabilità climatica, ciò che sta accadendo al clima rischia di segnare la fine della civiltà entro 200-300 anni.Grandi scienziati ci hanno ammonito che la scienza non è la quintessenza della ragione, che non tutto ciò che è possibile fare è bene farlo, che la potenza dei suoi prodotti tecnologici, se non orientata eticamente anziché verso il benessere può condurci alla catastrofe”.La critica all’attuale modello economico e sociale è forte e netta: “I cambiamenti climatici non sono un semplice incidente di percorso nel cammino trionfale del capitalismo consumista. e disuguaglianze e la povertà non nascono da una scorretta applicazione del modello, ma sono dei prodotti inattesi e indesiderati del sistema di valori su cui si fonda la fase più recente della civiltà moderna, in cui i valori mercantili hanno la priorità sui valori umani. Una economia fondata sull’accumulo competitivo di ricchezza più si avvicina ai limiti fisici del pianeta è più ha bisogno di produrre povertà da una parte per continuare a produrre ricchezza dall’altra”.A chi ha ascoltato le analisi degli esperti intervenuti nei tre giorni di lavori, l’esigenza di un turning point radicale è apparsa non solo urgente ma anche inevitabile. Ma come? “Il dialogo fra scienza e religioni che si è svolto ci ha indicato una via di uscita” spiega Masullo, ricordando i contenuti della tavola rotonda tra esponenti delle diverse confessioni religiose svoltosa ieri nell’ambito del Forum. “La scienza si accorge di aver perso di vista il benessere umano e di aver bisogno di un’etica, religiosa o laica che sia, per costruire un nuovo umanesimo fatto non solo di cose e consumi ma anche di valori non materiali”. Il cambio di paradigma riguarda ovviamente tutti i settori e non esclude nessuno. Agricoltura, industria, sistema produttivo, stili di consumo. E investimenti finanziari: “Abbiamo sentito pronunciare e descrivere l’ossimoro di una finanza etica, che si occupi cioè non solo della produzione e dell’accumulo di quel capitale finanziario per cui è nata, ma anche del capitale umano e del capitale naturale. Questa ci è stata indicata come una via dì uscita. Gli scienziati lo sanno, gli economisti meno, la finanza ancor meno.Ed ecco che, da questa consapevolezza, emerge il ruolo cruciale dei giornalisti e degli operatori dell’informazione, che è anche il motivo stesso per cui, in occasione del grande Giubileo del 2000, Greenaccord nacque: “Occorre far sapere alla gente ciò che gli scienziati già sanno. Deve quindi partire da noi tutti, giornalisti, scienziati, cittadini ed amministratori della città di Rieti – ha concluso Masullo – un appello perché anche i politici ne tengano conto alla COP21 di Parigi assumendosi le loro responsabilità. Nessuno pensi, nella casa comune che è il nostro pianeta, di potersi sentire al sicuro, chiuso nella sua bella stanza ordinata, senza adoperarsi per consolidare le fondamenta che scricchiolano, perché se la casa crolla a poco gli serviranno le ricchezze che può avervi accumulato”.

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: | Leave a Comment »

In cinque anni (2009-2013) sono state introdotte a livello globale 37 nuove molecole anticancro

Posted by fidest press agency su lunedì, 23 novembre 2015

Natali CANCRO acrilico su tela lavorata a mano 100x100E nel 2014 sono state ben dieci. La crescente disponibilità di armi innovative ha permesso di raggiungere risultati impensabili fino a pochi anni fa. Ad esempio, grazie all’immuno-oncologia che potenzia il sistema immunitario per combattere le cellule malate, il 20% dei pazienti colpiti da melanoma in fase avanzata è vivo a un decennio dalla diagnosi e nel tumore del polmone (non squamoso) metastatico, che finora presentava scarse opzioni terapeutiche, il 39% è vivo a 18 mesi. Ma i pazienti italiani hanno avuto accesso solo a 22 delle 37 nuove molecole: la disponibilità più ampia è stato offerta dagli Stati Uniti (31 su 37), Germania (28 su 37) e Gran Bretagna (28 su 37). Per questo è necessario istituire nel nostro Paese un Fondo Nazionale per l’Oncologia. L’appello alle Istituzioni viene dal IV Congresso Nazionale della Corte di Giustizia Popolare per il Diritto alla Salute in corso a Rimini, con la partecipazione di rappresentanti del mondo della Sanità, delle Associazioni dei pazienti e delle Società scientifiche. “L’Italia è il Paese più vecchio d’Europa: il 20% della popolazione ha oltre 65 anni, per un totale di 12 milioni di persone – spiega Roberto Messina, presidente nazionale Senior Italia FederAnziani -. E l’invecchiamento rappresenta un fattore determinante nello sviluppo del cancro. È essenziale creare subito questa fonte specifica di risorse dedicate per far fronte alle richieste di tutti i cittadini colpiti dalla malattia e per garantire i migliori trattamenti disponibili senza differenze fra le varie Regioni”. A sostegno del Fondo è stata aperta una petizione popolare con una raccolta di firme a partire dal Congresso di Rimini fra i 7mila delegati. Oggi il 60% dei pazienti guarisce (alla fine degli anni Settanta solo poco più del 30%, negli anni Novanta quasi il 47%), grazie a terapie sempre più efficaci, e la loro qualità di vita è migliore. È in costante crescita il numero delle persone che vivono con questa diagnosi e che presentano esigenze specifiche: nel 2015 sono circa 3 milioni (4,9% degli italiani) con un incremento, rispetto al 2010, del 17% (+20% fra gli uomini e +15% fra le donne). Negli ultimi anni inoltre è cresciuto il peso economico delle terapie anticancro. Per la prima volta infatti i farmaci antineoplastici e immunomodulatori si collocano in seconda posizione (dati AIFA 2014), subito dopo i trattamenti cardiovascolari, per impatto sulla spesa farmaceutica complessiva (3.934 milioni di euro) e al primo posto per spesa pubblica a carico del Servizio Sanitario Nazionale (3.899 milioni), in crescita del 9,6% rispetto al 2013. La sopravvivenza a cinque anni dalla diagnosi è aumentata dal 1990 al 2007 del 18% fra gli uomini e del 10% fra le donne. Nel 2015 sono previste 363mila nuove diagnosi, più della metà riguarda gli over 70. “La Corte di Giustizia Popolare per il Diritto alla Salute è una piattaforma tecnico-scientifica che promuove e coordina un’attività sinergica, condivisa e concreta tra tutti gli attori del Servizio Sanitario Nazionale – sottolinea Messina -. La sostenibilità del sistema e la sopravvivenza degli standard a cui siamo abituati potranno essere garantite solo da una gestione accurata delle trasformazioni in atto. Abbiamo bisogno di ancorare i nuovi modelli di analisi e di gestione della salute, più adatti alla realtà che cambia, a fondamenta solide e condivise da parte di tutti gli attori in gioco. La costituzione di un Fondo Nazionale per l’oncologia è il primo passo per garantire la sostenibilità del sistema e un uso razionale delle risorse”.
Negli anziani il rischio oncologico è 40 volte più alto rispetto alle persone di 20-40 anni e 4 volte maggiore rispetto a quelle di 45-65 anni. Tra gli uomini over 70 il tumore della prostata è al primo posto (20%), seguito dal polmone (17%), colon-retto (14%), vescica (12%) e stomaco (5%); tra le over 70 è quella della mammella la neoplasia più frequentemente diagnosticata (21%), seguita dal colon-retto (17%), dal polmone (7%), dallo stomaco (6%) e dal pancreas (6%). “L’Istituzione di un Fondo Nazionale – continua Messina – consentirà anche di migliorare il coinvolgimento degli anziani nei programmi di screening e nelle sperimentazioni cliniche dei trattamenti innovativi”. Al Congresso di Rimini, pazienti, medici di medicina generale, specialisti, società medico-scientifiche nazionali e internazionali, il mondo delle farmacie e dei servizi, le Università e la ricerca scientifica, esponenti della giurisprudenza, dell’economia sanitaria e delle Istituzioni affrontano un percorso comune di valutazione delle criticità del Servizio Sanitario Nazionale con l’elaborazione di soluzioni concrete e sostenibili. “L’obiettivo primario è promuovere l’evoluzione del Servizio Sanitario – afferma Messina – con politiche sanitarie volte a un sistema universalistico concretamente equo, omogeneo e sostenibile a tutela di tutti, nel rispetto del diritto alla salute. I tavoli di lavoro sono composti da esponenti della sanità riuniti in Commissioni Tecniche Nazionali monotematiche, che spaziano dalla psichiatria alla dermatologia, all’ematologia, all’oncologia fino alla nutrizione e al dolore. I lavori condurranno all’elaborazione di documenti in grado di contribuire alla definizione di un modello avanzato di Sistema Sanitario che promuova corretti stili di vita, la centralità della prevenzione, cure evolute e la piena presa in carico del paziente portatore di cronicità e non autosufficiente. Durante il Congresso si tengono tavoli di lavoro specifici sulla ‘medicina difensiva’ mentre la giornata di ieri ha visto lo svolgimento di un simposio ‘Regioni, Governo e pazienti verso nuovi modelli e strategie a favore della terza età’, sempre con una finestra di confronto aperto sulle best practice clinico-organizzative nazionali e internazionali”. La prevenzione e gli stili di vita sani restano una priorità assoluta, così come l’appropriatezza delle cure e l’aderenza alle terapie. “Quest’ultimo tema – conclude il Presidente Messina – presenta ancora un’elevata criticità, specie nella popolazione anziana. Non a caso oggi, nel corso del Congresso Nazionale, celebriamo la Giornata Europea per il Diritto alla Salute dedicata al tema dell’aderenza alla terapia e al suo rapporto con l’invecchiamento attivo”.

Posted in Uncategorized | Contrassegnato da tag: | Leave a Comment »

Pensioni: basta spot su flessibilità

Posted by fidest press agency su lunedì, 23 novembre 2015

pensionati“Si vuole davvero modificare il sistema pensionistico nel 2016 inserendo criteri di flessibilità e di equilibrio sociale? Allora chiediamo che venga messa subito all’ordine del giorno in Parlamento la nostra proposta di legge complessiva e con le coperture finanziare necessarie. Siamo l’unico partito ad aver presentato una proposta di riforma del sistema così organica e completa”. Lo sostiene Ignazio Messina, segretario nazionale dell’Italia dei Valori, che ha osservato come “tutto il mondo politico usa il termine di flessibilità per l’uscita dal lavoro verso la pensione come fosse una formula magica. Anche oggi lo fa il sottosegretario all’Economia Pierpaolo Baretta e lo ripetono continuamente il ministro del Lavoro Poletti e il presidente dell’Inps Boeri. Ora però è arrivato il momento di andare oltre le parole e passare ai fatti: discutere in Commissione e poi in Aula la nostra pdl – ha concluso il leader dell’Italia dei Valori – che è stata costruita con il contributo delle più importanti organizzazioni dei lavoratori e delle aziende che sono esposte alla concorrenza internazionale, e, nel contempo, modificare la terribile legge Fornero, normativa alla quale Idv si è strenuamente opposta”.
L’unico partito che in Parlamento ha consegnato tale Proposta di legge è stata l’Italia dei Valori e pertanto chiediamo che alle parole dei rappresentanti del Governo sulla necessità di modificare la legge Fornero segua un fatto e cioè l’avvio della discussione in commissione e poi in aula della nostra Pdl che è stata costruita con il contributo delle più importanti organizzazioni dei lavoratori e delle aziende che sono esposte alla concorrenza internazionale.

Posted in Spazio aperto/open space, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Rapporto 2015: Donare per curare

Posted by fidest press agency su lunedì, 23 novembre 2015

farmaciRoma Giovedì, 26 Novembre 2015, alle ore 11, presso la sede dell’AIFA (Agenzia Italiana del Farmaco), via del Tritone, 181, si terrà la presentazione di “DONARE PER CURARE” Rapporto 2015 sulla povertà sanitaria e la donazione di farmaci in Italia promosso dalla Fondazione Banco Farmaceutico Onlus.
Il rapporto, che verrà distribuito per l’occasione, è stato realizzato dall’Osservatorio sulla Donazione dei Farmaci (ODF) grazie al contributo di Mediolanum Farmaceutici e in collaborazione con un comitato scientifico composto da: ACLI, Caritas Nazionale, Ufficio per la Pastorale della Salute della C.E.I e U.N.I.T.A.L.S.I. (Unione Nazionale Italiana Trasporto Ammalati a Lourdes e Santuari Internazionali).
Presentano il rapporto:
PAOLO GRADNIK, presidente della Fondazione Banco Farmaceutico onlus, GIANCARLO ROVATI, Coordinatore Scientifico ODF e SILVANO CELLA, responsabile analisi farmacologiche ODF.Intervengono tra gli altri:
LUCA PANI, direttore generale di AIFA, ANNA ROSA RACCA, presidente di Federfarma, ANDREA MANDELLI, presidente della FOFI, GIANNI BOTTALICO, presidente delle ACLI, DON DANILO PRIORI, vice assistente ecclesiastico nazionale dell’U.N.I.T.A.L.S.I., DON FRANCESCO SODDU, direttore della Caritas Italiana, EMILIO STEFANELLI, vice presidente Farmindustria, ALBERTO GIRAUDI, vice presidente Assogenerici, MAURIZIO CHIRIELEISON, vice presidente Assosalute, SERGIO SPARACIO, direttore ADF
Coordina l’incontro: LUCA PESENTI, direttore ricerca ODF

Posted in Cronaca/News, Medicina/Medicine/Health/Science, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: | Leave a Comment »

Trasparenza fiscale: Primo accordo tra Santa Sede e Italia

Posted by fidest press agency su lunedì, 23 novembre 2015

vaticanoRoma. In questi giorni la Camera dei Deputati sta discutendo una importante convenzione tra Italia e Santa Sede: si tratta del primo accordo bilaterale sullo scambio di informazioni in materia fiscale e finanziaria sottoscritto dalla Santa Sede con un altro Stato. In tale contesto, la VI Commissione Finanze della Camera, presieduta dall’On. Maurizio Bernardo, ha fornito un apporto decisivo per realizzare questo obiettivo. L’accordo è volto a regolarizzare in un regime di piena trasparenza, le attività finanziarie sia di persone fisiche che giuridiche residenti in Italia, titolari di attività finanziarie detenute presso enti creditizi e bancari aventi sede nello Stato del Vaticano.“Tengo a sottolineare che la Commissione Finanze della Camera ha dato il suo prezioso contributo rispetto alla tempestiva approvazione di questo provvedimento, che segna un importante passo avanti verso una nuova fattiva collaborazione tra le due parti”. E’ quanto ha dichiarato il Presidente Maurizio Bernardo, in qualità di relatore sul provvedimento, esprimendo il suo desiderio di voler incontrare il Presidente dell’Amministrazione del patrimonio della Sede Apostolica, S.Em. Card. Domenico Calcagno “L’accordo favorirà inoltre una migliore attuazione della procedura di collaborazione volontaria, cosiddetta Voluntary Disclosure, ai fini dell’emersione in trasparenza dei capitali italiani trasferiti all’estero. Inoltre mi impegno – conclude – a sollecitare una calendarizzazione del disegno di legge in Aula ai fini di consentire una rapida approvazione del provvedimento da parte della Camera”.

Posted in Diritti/Human rights, Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: | Leave a Comment »

Primo e unico test basato sulla tecnologia del DNA fecale per lo screening del tumore colon-retto

Posted by fidest press agency su lunedì, 23 novembre 2015

carcinoma colon rettoExact Sciences Corp., società quotata al NASDAQ, ha annunciato che Cologuard, primo e unico test basato sulla tecnologia del DNA fecale per lo screening del tumore colon-retto, ha ricevuto il marchio CE ed è disponibile per il mercato italiano. “Il test, che sarà presentato domani nell’ambito del congresso nazionale GISCoR (Gruppo Italiano Screening Colorettale) in corso a Napoli, è già in commercio negli USA e in Gran Bretagna, lo stiamo introducendo in Campania, Veneto e sarà presto in Lombardia e Lazio. Prevediamo di coprire tutto il Paese entro il 2016”, ha dichiarato il dr Mauro Scimia, Regional Business Manager Italia e Spagna. Cologuard è incluso nelle linee guida per lo screening del tumore colon-retto della American Cancer Society e l’analisi con DNA fecale nello U.S. Multi-Society Task Force on Colorectal Cancer. Il test, indicato per tutte le persone a rischio intermedio tra i 50 e gli 84 anni, rappresenta una reale innovazione, in quanto permette l’analisi del DNA fecale combinata a quella di marcatori ematici (emoglobina) normalmente inclusi nel test per la ricerca del sangue occulto nelle feci. Ciò permette di individuare il 92% dei carcinomi e il 69% dei polipi (adenomi precancerosi) nel paziente a rischio intermedio, con una specificità pari all’87%.1. I risultati derivano dallo studio “Multi-target Stool DNA Testing for Colorectal-Cancer Screening”, indagine prospettica condotta in 90 centri di Stati Uniti e Canada su 10.000 soggetti arruolati, pubblicato ad aprile 2014 sull’autorevole New England Journal of Medicine. Lo studio, uno dei più ampi studi mai condotti su questo tipo di tumore, ha valutato Cologuard in confronto ad uno tra i più diffusi test immunochimici fecali (OC FIT-CHECK) nell’individuazione dei carcinomi e delle lesioni precancerose del colon-retto.La più elevata sensibilità di Cologuard, rispetto ai test standard, è dovuta alla possibilità di individuare marcatori multipli presenti nelle cellule esfoliate nelle feci, oltre alle tracce ematiche che potrebbero essere assenti, poiché non tutti i polipi o le lesioni sanguinano in continuo.Il tumore del colon-retto è una delle forme di cancro più diffuse al mondo. In Italia le persone con una pregressa diagnosi sono quasi 300.000 e siamo di fronte al tumore in assoluto a maggiore insorgenza nella popolazione italiana, con quasi 52.000 diagnosi stimate per il 2014. Tra gli uomini si trova al terzo posto, preceduto solo dai tumori di prostata e polmone, mentre tra le donne si colloca al secondo posto, preceduto dal tumore della mammella. Può essere prevenuto e curato, con una sopravvivenza del 90%, se diagnosticato in fase precoce.2“Il tumore al colon-retto si può prevenire, ma solo se viene individuato all’inizio del suo sviluppo, o meglio, se ne identificano i precursori, comunemente definiti polipi, la cui rimozione per via endoscopica impedisce l’insorgenza del tumore colorettale. Quando invece, si interviene negli stadi avanzati, le cure si fanno più complesse e complicate”, spiega il prof. Marcello Anti, Responsabile UO Gastroenterologia ed Endoscopia digestiva, Istituto Nazionale Tumori “Regina Elena”, Roma. “Cologuard rappresenta una possibilità diagnostica concreta”, aggiunge.
Cologuard è il primo e unico test non invasivo per lo screening del tumore colon-retto attraverso al tecnologia del DNA fecale approvato dalla FDA americana e dotato di marchio CE. È destinato all’individuazione qualitativa dei marker del DNA associati al tumore colon-retto e alla ricerca del sangue occulto nelle feci. Ha dimostrato di individuare il 92% dei carcinomi, con l’87% di specificità in uno studio trasversale su 10.000 persone. Non richiede alcun intervento medico, restrizione alimentare o preparazione. Può dar luogo a falsi negativi e falsi positivi. Ogni test positivo dovrebbe essere confermato da una colonscopia a scopo diagnostico. Le persone negative al test devono continuare a seguire i programmi di screening a intervalli adeguati.

Posted in Confronti/Your opinions, Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: | Leave a Comment »