Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 30 n° 235

Archive for 30 novembre 2015

Per la prima volta una donna alla guida della Federazione Nazionale Istituti di Attività Educative

Posted by fidest press agency su lunedì, 30 novembre 2015

virginia kaladichIl nuovo Presidente Nazionale della Fidae è Virginia Kaladich. Tra un mese gli avvicendamenti alla presidenza veneta e l’insediamento della Kaladich alla Presidenza nazionale. «Volevamo mettere insieme una squadra che condividesse i valori della scuola cattolica, in grado di lavorare in sintonia per affrontare le gravi problematiche delle nostre scuole in questo particolare momento – afferma il neo Presidente nazionale Fidae Virginia Kaladich –. L’elezione di questo Consiglio mi da serenità e sostegno nel compito impegnativo che mi preparo ad affrontare, certa di poter contare su di un lavoro di squadra, fecondo e proficuo per le scuole cattoliche. Essere stata eletta alla guida della Fidae Nazionale significa per me poter contare su di una squadra capace, non tanto per rendere il carico di impegni e responsabilità più lieve, quanto per beneficiare della ricchezza prodotta da un apporto costante e da molteplici e preziosi apporti professionali.»Nove i membri eletti, che assieme ai presidenti regionali formeranno il nuovo Consiglio Nazionale (per un totale di 25 membri): Andrea Forzoni (Lazio); Francesco Macrì (Lazio); Francis Contessotto (Veneto); Chiara Cavaliere (Veneto); Sebastiano De Boni (Veneto); Clara Biella (Lazio), Francesco Beneduce (Campania); Alberto Rizzi (Lombardia); Anna Rizzato (Puglia). Delegata Fidae Padova dal 2006 al 2009 e Presidente Fidae Veneto dal 2009 ad oggi, Virginia Kaladich – prima donna a ricoprire la presidenza nazionale della Associazione – è una consacrata Collaboratrice Apostolica Diocesana legata alla Diocesi di Padova. Attualmente è dirigente scolastico all’Istituto Scolastico Paritario Sabinianum, Scuole Primarie Bianchi Biggiani e Sacro Cuore, e Scuola Secondaria di I Grado Vincenza Poloni a Monselice (PD).
In quanto presidente nazionale dovrà sovrintendere alle quasi quattromila scuole cattoliche primarie, secondarie di I e di II grado associate alla Fidae, per un totale di circa 359.000 studenti (1.500 circa scuole Primarie per circa 182.000 alunni; 700 scuole secondarie di I grado per circa 63.000 alunni; 1.700 scuole secondarie di II grado per circa 114.000 alunni per un totale di circa 3.900 scuole). (foto: Virginia Kaladich)

Posted in Cronaca/News, Recensioni/Reviews, Uncategorized | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Greenpeace expects big action from the big economies at the Climate Summit

Posted by fidest press agency su lunedì, 30 novembre 2015

marcia per il clima3

Rome Italy, 29th November 2015To coincide with the Paris United Nations Climate summit this weekend an similar marches being held across the world, ten of thousands have taken to the streets of Rome to demand action on Climate change

Paris. As world leaders set out their response to climate change today in Paris, Greenpeace is calling on the leaders of the G7 and the BRICS countries to do more to transform their energy systems, and to switch to 100 percent clean renewable energy by 2050. Their leaders’ fine words at the COP must be matched by action at home so global warming is limited to 1.5 Celsius or below. This is a matter of survival for millions of people.The member countries of both the G7 and the BRICS (Brazil, Russia, India, China and South Africa), together responsible for some 65% of global carbon emissions, have huge renewable energy potential. Greenpeace is today releasing an analysis of their energy sectors, showing that none are taking full advantage of this potential, to the detriment of their economies and the world’s climate.While all the G7 countries have seen falls in their carbon emissions, and a clear turning-away from coal, this transition has been patchy. Even in Germany, which has shown the political will to move to renewables, the transition is not happening fast enough and there is no political agreement yet to phase out coal.
Among the BRICS, China is changing, breaking the link between economic growth and emissions growth, and turning its back on coal. Its investment in renewables is huge; since Copenhagen, China has shifted from a country with virtually no wind and solar to the world leader in renewables.Martin Kaiser, head of international climate politics at Greenpeace, says:
“Change is blowing through the world’s energy sector. We have seen how quickly that change can happen when it is supported by political will. This summit must

marcia per il clima5

Rome Italy, 29th November 2015To coincide with the Paris United Nations Climate summit this weekend an similar marches being held across the world, ten of thousands have taken to the streets of Rome to demand action on Climate change

accelerate that change, and mark the beginning of the end of the era of coal, oil and gas. It should be the springboard for a new energy era, based on 100% renewables for all.” He added:“With power comes responsibility. The countries whose action matters the most should embrace the full potential of renewable energy much faster than they are currently planning to. The survival of millions of people, who are not responsible for global warming, depends on a faster global transition from fossil fuels to 100% renewable energy by 2050.
“We’re in a race between rising temperatures and the renewables revolution, and if they get it right in Paris then the politicians will help clean energy win.” The success of the Paris climate summit is largely dependent on a small number of key leaders. They hold the responsibility for the world’s climate in their hands. President Obama and President Xi Jinping have already shown that they are ready to take a leadership role on climate change. Greenpeace calls on the two leaders to increase their ambition, and use their influence to bring other countries on board.India, on the other hand, is sending mixed messages. The country itself is highly vulnerable to climate change, and today Prime Minister Narendra Modi is expected to launch a solar initiative that could be a key milestone for India’s energy transformation. Yet India has not given its support to the global decarbonisation goals called by the Vulnerable Countries Forum, and is planning a huge expansion of coal-fired electricity over the next 15 years. So what role will India play in Paris?

Posted in Estero/world news, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: | Leave a Comment »

The world stands up to climate change

Posted by fidest press agency su lunedì, 30 novembre 2015

marcia per il clima1

Rome Italy, 29th November 2015To coincide with the Paris United Nations Climate summit this weekend an similar marches being held across the world, ten of thousands have taken to the streets of Rome to demand action on Climate change

For the third consecutive day, huge numbers of people around the world are taking to the streets to demand action on climate change. With world leaders gathering in Paris for the climate summit, people from the Pacific to Scandinavia are calling for a global climate agreement to bring an end to fossil fuels and the continuing dangerous rise in greenhouse gas emissions.Today, Oscar winner Emma Thompson, designer Vivienne Westwood and singer Charlotte Church, will join the demonstration in London. Marches are occurring in more than a dozen other European capitals, including Berlin, Madrid and Rome. There are marches in Durban and Cape Town, Beirut, Kampala, Seoul and Kiev. Already, there have been crowds of more than 45,000 in Sydney, where demonstrators observed a minute’s silence for those suffering the effects of climate change.The marches kicked off on Friday, with 60,000 people marching in Melbourne, in the largest-ever climate protest in Australia. Yesterday saw protests across the Pacific and Asia, with marches in New Zealand, Fiji, Japan, Bangladesh, the Philippines, Egypt, Cameroon and South Africa. In Johannesburg, a city built on coal fields, protesters carried banners reading “Coal kills”. More than 2,300 events in over 175 countries have united people calling for a world powered not with dirty, obsolete fossil fuels, but with clean, sustainable renewable energy. Security measures forced the cancellation of mass demonstrations in France and Belgium, so Greenpeace and other organisations created a digital link-up, #March4Me, which put nearly thirty thousand would-be marchers in touch with those who could march on their behalf.
Kumi Naidoo, executive director of Greenpeace, said: “Across five continents, people have taken to the streets to demand that we change the way we power our world. In towns and cities across the globe, people have called for political leadership on climate change. They want a climate deal that keeps temperature rises in the safe zone, that calls time on the fossil fuel era, and that sets us on a course towards 100% renewable energy by the middle of the century. If in two weeks we have that, then Paris will have delivered an historic agreement. The people have marched, and we’ll be keeping up the pressure over the coming fortnight, but now it’s over to the politicians.”

Posted in Estero/world news, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: | Leave a Comment »

L’Ermetismo, gli Oracoli Caldaici e l’Esoterismo Moderno

Posted by fidest press agency su lunedì, 30 novembre 2015

ermete-thothSecondo l’antica religiosità egizia Thoth era il dio della scrittura e quindi veniva considerato il “rivelatore della sapienza degli Dei”. Quando i Greci vennero in contatto con la cultura egiziana assimilarono a Thoth il loro dio Ermete, che era “l’interprete e il messaggero degli Dei”, e per identificare ancor più precisamente Ermete con il Grande Thoth lo qualificarono con l’appellativo di Trismegisto, ossia tre volte grandissimo.Nell’età ellenistica verso il III secolo a. C. sino all’età imperiale (II e III secolo d. C.) nacque e si sviluppò una ricca letteratura che pretendeva di essere stata ispirata dal Grandissimo Ermete, ossia “divinamente rivelata”.Le ricerche moderne a partire dal XVIII secolo hanno stabilito che gli scritti ermetici o la letteratura ispiratasi ad Ermete sono degli pseudoepigrafi composti da autori diversi, che si nascondono sotto la maschera o lo pseudonimo del dio egizio e/o greco (Thoth/Ermete).
Nel Novecento si è scoperto che i più importanti scritti ermetici non sono neppure espressione della cultura egizia, ma del tardo ellenismo.
La letteratura ermetica può essere divisa in due parti: 1°) i trattati dell’ermetismo popolare, che si occupano delle scienze occulte e risalgono al III secolo a. C.; 2°) i trattati dell’ermetismo dotto, che si occupano di filosofia e di teologia da un punto di vista magico e risalgono al II e III secolo d. C.
I trattati dell’ermetismo dotto sono i più interessanti e si suddividono in a) Corpo Ermetico (Corpus Hermeticum); b) Asclepio; c) Citazioni ed estratti che si trovano in Stobeo; d) Testimonianze e frammenti che si trovano in numerosi autori cristiani.Le caratteristiche essenziali dell’ermetismo (popolare e dotto) sono quattro: 1°) esso è una dottrina esoterica; 2°) si presenta come una rivelazione divina; 3°) il dio rivelante è Ermete Trismegisto; 4°) la dottrina ermetica non si serve di dimostrazioni logiche e razionali, ma di una iniziazione misterica, magica ed occulta. Tuttavia vi sono caratteristiche comuni all’ermetismo popolare ed altre a quello dotto.Ora la retta ragione ci insegna che i veri segreti o misteri (i quali sorpassano ogni intelletto creato) non li possono conoscere neppure gli iniziati, che sono uomini anch’essi. avicennaInfatti i cosiddetti segreti esoterici sono segreti artificiali creati dall’uomo e non veri segreti superiori all’uomo e all’angelo. Ma la natura dell’uomo, che è creata e finita, comporta necessariamente dei misteri o segreti che lo sorpassano e siccome quelli veri e soprannaturali sono inconoscibili (sino a che Dio non ce li riveli), l’esoterista, lo gnostico e il teurgo se ne fabbricano di finti. Costoro ostentano, per vanità, presunti segreti (che sono favole inventate da loro per dirsi “Maestri” e “divini”) e rifiutano di ricevere da Dio la Rivelazione di quelli veri, che li sorpassano per non dover ammettere di essere discepolL’ermetismo volgare tratta più propriamente la magia, l’astrologia, l’alchimia e l’occultismo in generale. Esso, quindi, costituisce la negazione radicale della metafisica e della speculazione o filosofia teoretica greca. Infatti l’astrologia serve a conoscere il futuro per trarne vantaggi, l’alchimia produce l’oro per arricchirsi, la magia domina le forze della natura per acquistare il potere su di esse e sugli uomini.L’ermetismo passa dall’universale al particolare, non si interessa del perché delle cose, delle loro cause. Esso è una sorta di precursore del nominalismo occamista e del liberismo o sensismo britannico del XVIII secolo. Infatti si interessa del concreto per trarne un vantaggio pratico e materiale.
Esse sono così riassunte da Feustigière, che è il massimo esperto di ermetismo: “la nuova scienza sarà un mistero e la trasmissione di un mistero. Color che sanno saranno degli eletti, e ci sarà una distanza infinita tra questi eletti e la gente comune. Inoltre il mezzo per ottenere la conoscenza sarà l’atto del culto, o, ad un livello inferiore, la pratica magica: in breve si passa dalla filosofia alla religiosità pagana e alla magia”.La magia è una forma di conoscenza, ma non perfetta e tale è la gnosi esoterica degli ermetici. Così ogni forma più moderna di esoterismo (cfr. Evola e Guénon) non disprezza totalmente la magia in sé, ma la ritiene un’anticamera, se pur imperfetta e rozza, per la gnosi o conoscenza iniziatica, occulta, misterica e auto-divinizzante. Farsi Dio da sé è l’utopia, l’allucinazione o l’errore che accomuna tutte le forme di esoterismo antiche, orientali, occidentali e Maimonidemoderne.  L’ermetismo dotto esaspera il dualismo Dio-mondo. Dio è totalmente separato dal mondo e completamente inconoscibile. Tra Dio e creatura non vi è analogia, ma totale equivocità. Perciò il problema di Dio come era stato posto e affrontato dalla metafisica platonica e aristotelica viene totalmente rovesciato dalla conoscenza ermetica. Infatti per quest’ultima la ragione non può dire e conoscere nulla sull’esistenza e sulla natura di Dio. Quindi occorre una nuova forma di conoscenza o gnosi riguardo alla Divinità, non più fondata sulla ragione e la dimostrazione logica, bensì su una certa rivelazione di Ermete legata al suo culto e alla sua conoscenza iniziatica ed esoterica che porta sino all’estasi o all’uscir da sé per farsi Dio (cfr. Corpus Hermeticum, X, 4-6).L’ermetismo presenta Dio come “altro da tutto ciò che è, senza forma né figura, privo di essenza, totalmente trascendente da essere completamente ineffabile” (Corpus Hermeticum, II, 5; IV, 9).
Inoltre vi è una serie indefinita di intermediari o eoni tra la Divinità e il mondo, che denotano la tendenza giudaizzante ed eretico/cristiana della gnosi pagana. Nel Corpo Ermetico si insegna che 1°) al vertice di ogni cosa si trova Dio, il quale è assieme maschio e femmina (cfr. Androgino primitivo e Ermafrodito), capace di generare da solo; 2°) poi viene il Logos, figlio primogenito di Dio supremo; 3°) quindi il Demiurgo o l’Intelletto puro che è il secondogenito del Dio supremo; 4°) segue l’Anthropos che è l’Uomo incorporeo o lo gnostico; 5°) infine viene l’Intelletto terreno che viene dato all’uomo comune e rappresenta quanto di divino si trova nell’uomo.
La nascita dell’uomo terrestre o dell’uomo comune è dovuta ad una caduta dell’Anthropos che ha voluto congiungersi alla natura materiale. Così l’uomo che era luce si è trasformato in intelletto o anima, ma la materia in cui è caduto l’uomo è il male assoluto, radicale o la pienezza del male. Quindi la salvezza consiste nella liberazione dalla materia, tramite la conoscenza salvifica o gnosi, la quale consiste nel conoscere se stessi e convincersi che la vera natura umana è l’intelletto e che è necessario distaccarsi da tutto ciò che è materia, che è tenebra e male. Ora siccome l’intelletto è Dio in noi, conoscere se stessi significa conoscere Dio.La salvezza dell’uomo non è nell’aldilà, egli non deve aspettare la morte per farsi Dio. Infatti può cogliere il suo fine rigenerandosi dalla potenza malvagia della materia mediante la gnosi, distaccandosi dal corpo e unendosi, col suo intelletto purificato estaticamente, all’Intelletto divino.
Gli Oracoli Caldaici sono un documento, analogo agli scritti ermetici, composto probabilmente da Giuliano il Teurgo nel II secolo d. C. Noi possediamo solo numerosi frammenti degli Oracoli, un’opera in esametri ripiena di “religiosità scomposta di ispirazione orientale”, che è una delle caratteristiche dell’ultimo paganesimo, il quale si era totalmente distaccato dalla fonte della metafisica classica per aderire alla gnosi orientale. È a questo paganesimo corrotto che si rifanno i neopagani esoteristi, mentre i Padri ecclesiastici e i Dottori scolastici si son rifatti alla metafisica pagana di Platone e Aristotele e alla filosofia morale classica di Socrate e Seneca.Gli Oracoli Caldaici si riferiscono anziché alla saggezza egizia (come il Corpo Ermetico) alla sapienza babilonese. Infatti l’elio-latria della Caldea di Babilonia o il culto del dio Sole (Mithra) gioca in essi un ruolo fondamentale, che verrà ripreso dal mitraismo romano e dal neo-paganesimo esoterico (cfr. J. Evola, La via della realizzazione di sé secondo i misteri di Mithra, in “Quaderni di testi evoliani”, n. 4, Roma, Fondazione Julius Evola, s. d.).La magia è l’arte di dominare la natura per ricavarne potere naturale, la teurgia è la magia applicata preternaturalmente alla religione, ossia essa evoca e agisce sugli Dei per arrivare alla liberazione dal corpo e all’unione con la Divinità.La teurgia consta di due elementi: 1°) l’uso dei simboli, per cui si fabbricavano statuette magiche per ottenerne oracoli, riempiendone le cavità con animaletti, erbe o pietre “magiche”, considerate come simboli della loro causa divina e contenenti potenzialità preternaturali; 2°) l’uso della trance di un medium, in cui la Divinità era temporaneamente rinchiusa in un essere umano e non in una statua. La persona posseduta dalla Divinità, da un demone o da un defunto entrava in trance, ossia subiva delle alterazioni psicologiche e parlava a nome di colui che la possedeva. Il fatto più rimarchevole è che la chiamata del medium o dell’operatore umano, in teurgia caldaica, era ritenuta la causa dell’ingresso della Divinità (del demone o del defunto) nella persona subendo, così, la Divinità una costrizione da parte del medium.Moshè Idel (Cabbalà. Nuove prospettive, Firenze, Giuntina, 1996; Maimonide e la mistica ebraica, Genova, Il Melangolo, 2000; Le porte della giustizia, Milano, Adelphi, 2001) spiega che la cabala ebraica è all’origine della gnosi e dell’esoterismo pagano e che consiste essenzialmente in una pratica teurgica o nella magia sacra, che porta al contatto con gli Dei. In ogni caso, per gli Oracoli Caldaici, la teurgia è ritenuta necessaria e indispensabile per giungere all’unione col divino. La teurgia assume un significato molto importante nella filosofia neoplatonica a seconda che sia accettata (Giamblico, Giuliano l’Apostata e Proclo) o non accettata (Plotino e Porfirio).Porfirio è stato il primo filosofo neoplatonico a commentare gli Oracoli Caldaici, ritenuti la Bibbia del paganesimo, ossia una specie di “divina rivelazione”, che la filosofia doveva accogliere come base delle sue riflessioni. Tuttavia Porfirio nella maturità dopo l’incontro con Plotino (205-270) criticò la teurgia in cui aveva creduto nella giovinezza facendo osservare che gli Dei non possono essere sottoposti ai voleri degli uomini, dei teurgi e dei medium. Giamblico (245-325) invece (De mysteriis, II, 11, 96 ss.) si discosta notevolmente da Plotino e da Porfirio della maturità (234-305) e riconosce il valore positivo della teurgia in cui nell’evocazione del medium si verifica un invasamento e una possessione “divina”. La teurgia è una attività superiore alla ragione umana; in essa non è compromessa la potenza degli Dei poiché Giamblico, accogliendo la critica di Porfirio alla teurgia caldaica, la corregge in modo tale che non solo non è l’uomo che sale agli Dei, ma è la potenza degli Dei a scendere sino agli uomini per liberarli da questo mondo materiale ed elevarli al mondo degli Dei. Si tratta di un’iniziativa degli Dei più che dei teurgi. Tuttavia Giamblico teorizza in maniera talmente radicale l’incapacità della metafisica e della ragione umana a condurre l’uomo alla conoscenza e al raggiungimento del suo fine, contraddicendo anche Plotino, da segnare la fine della filosofia metafisica pagana. Infine Proclo (410-485) compie l’opera e concepisce la teurgia come superiore a tutte le altre capacità. Secondo Marino (Vita di Proclo, 28 a cura di R. Masullo, Napoli, 1985) Proclo stesso possedeva la teurgia in una misura cospicua e aveva quindi la capacità di unirsi agli Dei mediante le pratiche teurgiche. Anche per Proclo la conoscenza degli Dei si raggiunge solo attraverso la pratica teurgica e meta-razionale, non con l’intelletto e la filosofia.
L’opposizione di contraddizione tra 1°) esoterismo, paganesimo teurgico da una parte e 2°) sana metafisica, cristianesimo dall’altra consiste nel fatto che mentre il primo cerca l’auto-deificazione, il secondo ritiene che l’uomo con la ragione può arrivare a conoscere l’esistenza di Dio, ma per conoscere la sua natura e per l’unione con Lui ha bisogno della grazia santificante o dono gratuito soprannaturale di Dio all’uomo.S. Agostino compendia in una breve frase questa opposizione irriducibile: “Tu [gnostico] hai voluto, benché fossi uomo, farti Dio per poi perire; ma Cristo, essendo Dio, volle farsi uomo per ritrovare ciò che si era smarrito” (Sermone 188, cap. 3, PL XXXVIII, 1004).
S. Bernardo di Chiaravalle approfondisce questa dottrina scrivendo: «Il Verbo venne a noi per insegnarci a diventare simili a Lui. Sapeva che gli angeli e i proto-parenti, nella loro presunzione, erano caduti perché avevano voluto farsi simili a Dio. Allora disse: “andrò Io e mi mostrerò loro di modo che chi vuol essere simile a Me trovi la sua salvezza imitandomi”» (Sermone I sull’Avvento, 114, PL CLXXXIII, 37).
Perciò la somiglianza con Dio è la via per la salvezza, ma essa è un dono soprannaturale e gratuito di Dio alla creatura e non una gnosi o tecnica magica per farsi da sé Dio. La pretesa della gnosi esoterica è la strada per la dannazione. Infatti l’inganno di Lucifero consiste nel mentire alla creatura per farle credere di non aver bisogno di un Dio trascendente, ma bensì di essere essa stessa Dio. (d. Curzio Nitoglia) (foto: ermete-thoth, ritiro spirituale, avicenna, maimonide)

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Nascita dello Stato di Israele

Posted by fidest press agency su lunedì, 30 novembre 2015

israeleIl 29 novembre 1947 alle 12:40, l’ONU votava la risoluzione che avrebbe portato poi alla creazione dello Stato di Israele. In quel giorno l’Assemblea Generale delle Nazioni Unite votò il piano di spartizione della Palestina mandataria, CHE PREVEDEVA LA CREAZIONE DI DUE STATI, UNO ARABO E L’ALTRO EBRAICO, con l’assegnazione di Gerusalemme al controllo internazionale (risoluzione ONU 181). E così tutti a contare, uno dopo l’altro, i “si”, “no”, “astenuto”… Per essere approvata infatti la risoluzione doveva ottenere due terzi dei voti a favore – e per ben due volte, a settembre, non li aveva ottenuti. Perciò quell’ennesima conta parve interminabile. A presiedere l’assemblea il brasiliano Oswaldo Aranha, accanto a lui il segretario generale dell’Assemblea, il norvegese Trygve Lie.
Quando fu il turno della Francia, i nervi erano a fior di pelle: il suo voto era il più atteso ed incerto. Tutti si aspettavano un’ennesima astensione. Così quando giunse il suo “si”, i sionisti seduti nella galleria della sala, esplosero in un grandioso applauso di sollievo e gioia. Il presidente richiamò l’ordine, ricorda David Horowitz, delegato sionista all’assemblea, e allora “l’emozione divenne quasi un dolore fisico”. Era il momento del verdetto finale: 33 si, 13 no, 10 astenuti. La mozione era passata. In quel momento ricorda ancora Horowitz “sentimmo battere le ali della storia su di noi”. La gioia esplose dentro la sala, per le strade di New York e per quelle di mezzo mondo. A Gerusalemme Golda Meir si rivolse alla folla dal balcone del palazzo dell’Agenzia ebraica e disse: ”Per duemila anni abbiamo aspettato la nostra liberazione. Ora che è qui è così grande e meravigliosa che va oltre le parole umane. Ebrei, gridò, Mazel tov! ”
In tutta Israele vi furono celebrazioni e l’entusiasmo pervase tutte le strade, perché finalmente ogni ebreo ‘errante’ aveva la possibilità di avere un proprio stato, in cui vivere senza doversi nascondere o subire soprusi. Finalmente, i Sabra, gli ebrei che già vivevano in Eretz Israel (la terra di Israele) da oltre 3mila anni, poterono darsi una organizzazione sociale più moderna e riconosciuta a livello internazionale.
Il giornalista di Yediot Ahronot, David Giladi, descrisse così le celebrazioni nella prima città ebraica moderna di Israele: “La scorsa notte Tel Aviv non ha chiuso occhio. È andata in giro selvaggia. Ha dato sfogo a quella gioia desiderata ardentemente da tante generazioni che non hanno vissuto abbastanza per provarla. Ha vagato chiassosa, turbolenta, è stata inghiottita da una tempesta di entusiasmo che circondava giovani e meno giovani” – e raccontò ancora – “La città ha cantato dal cuore, ha danzato in confusi cerchi concentrici, ha fatto scoppiare le trombe, ha agitato le bandiere ed ha sollevato il bicchiere alla vita (Lechaim!) dello Stato di Israele. Tel Aviv era ubriaca dalla vittoria”.
I rappresentanti degli stati arabi furono scioccati da quel risultato: i delegati di Siria, Libano, Iraq, Arabia Saudita, Yemen ed Egitto, scrisse poi il segretario generale Trygve Lie, “si alzarono e uscirono dalla sala dell’Assemblea”. L’alto Comitato Arabo trasmise subito al segretario generale Lie un comunicato con cui informava che gli arabi di Palestina “non accetteranno mai alcuna potenza che li costringa a rispettare la spartizione”. L’unico modo per dare corso alla spartizione, si leggeva, sarebbe stato quello di cancellare tutti quanti loro – uomini, donne e bambini. I chierici del seminario islamico Al-Azhar del Cairo invocarono a loro volta un “jihad mondiale in difesa della Palestina araba”, scrive ancora Horowitz.La mattina dopo in Palestina esplosero i primi colpi dei Paesi arabi in quella che sarebbe poi stata la Guerra di Indipendenza di Israele o, per il mondo arabo, la “Nakba” – la catastrofe.(Fonti e citazioni: mosaico-cem.it & Ynetnews.com) (foto israele) (Emanuel Baroz)

Posted in Cronaca/News, Politica/Politics, Uncategorized | Contrassegnato da tag: | Leave a Comment »