Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 33 n° 338

Archive for 1 dicembre 2015

A Roma il Colosseo illuminato contro la pena di morte

Posted by fidest press agency su martedì, 1 dicembre 2015

colosseoLa Giornata Internazionale CITIES FOR LIFE, “Città per la Vita, Città contro la pena di morte”, si celebra ogni 30 novembre su iniziativa della Comunità di Sant’Egidio, in ricordo dell’anniversario della prima abolizione per legge della pena capitale decisa da uno stato europeo, il Granducato di Toscana, nel 1786. E’ un’iniziativa straordinaria che negli anni ha riunito amministrazioni locali e società civili di ogni parte del mondo, unite in questa battaglia di civiltà e per la vita. Quest’anno 2031 città del mondo hanno aderito a Cities for Life. E il 30 novembre 382 eventi in contemporanea in tutto il mondo con l’accensione del Colosseo a Roma per dire NO ALLA PENA DI MORTE.
Il Colosseo illuminato quest’anno anche per celebrare la avvenuta abolizione della pena di morte in Nebraska, primo stato “conservatore” ad averla abolita e 7mo Stato USA ad abolirle la pena di morte negli ultimi 7 anni. (colosseo)

Posted in Cronaca/News, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: | Leave a Comment »

Expert comment on China’s yuan set to be given reserve status by the IMF

Posted by fidest press agency su martedì, 1 dicembre 2015

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

Expert comment on China’s yuan set to be given reserve status by the IMF Kamel Mellahi, of, is a Professor of Strategy and researches business in China and other emerging economies. Professor Kamel Mellahi said: “The inclusion of the yuan in the basket of international currencies is a huge symbolic victory for China, but comes with strings attached to it. China has been loosening its tight grip on the management of the yuan for a while, but now the PBOC is going to come under immense pressure to be more transparent and improve its way of communicating with international markets. This requires massive cultural and procedural changes. “Also, China will have to loosen its grip on the management of its currency and introduce a bunch of financial reforms. This may result in a loss of vital control over the management of the currency and the flow of yuan across China’s borders.”China has lobbied extremely hard to get the yuan added to the elite basked of reserve currencies. Joining the US dollar, the British pound, the euro and the Japanese yen is a big achievement for the Chinese Government and sends a strong signal about the important role of China in global financial markets. It is also a vote of confidence in the economic and financial reforms underway in China. “This is not only a symbolic achievement but could in the long term challenge the dominance of the US dollar as the global reserve currency of choice. In the short term, there is an expectation that the inclusion of the yuan in the basket of reserve currencies will draw more than $150 billion of foreign currencies into Chinese bonds.”

Posted in Cronaca/News, Economia/Economy/finance/business/technology, Università/University | Contrassegnato da tag: | Leave a Comment »

Greenpeace: Climate talks open with “great sense of potential”

Posted by fidest press agency su martedì, 1 dicembre 2015

summit clima1Commenting on today’s developments at the UN climate summit in Paris, Martin Kaiser of Greenpeace said:“We came to Paris hoping this summit will call time on the fossil fuel era. The oil, coal and gas companies came here hoping for the exact opposite, but at the end of day one we’d rather be us than them.There was good and bad to be heard from the podium, but on balance there is a sense of great potential here in Paris.”He added:“On the good side we saw French President Hollande call coal and oil the energy of yesterday. Obama and other leaders announced huge sums of money for new renewable energy research, and a coalition of vulnerable countries called for the world to be powered entirely by renewable by the middle of the century. Meanwhile India’s Prime Minister Modi launched a groundbreaking global solar alliance, and a growing coalition of countries and companies made clear their commitment to ending fossil fuel subsidies.
On the bad side, too few world leaders announced new measures to cut carbon pollution at home. Those leaders will soon be leaving Paris. It will now be for their negotiators to deliver a deal that protects nations whose very survival is threatened by climate change.”

Posted in Cronaca/News, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: | Leave a Comment »

Concert by Vesuvius Ensemble

Posted by fidest press agency su martedì, 1 dicembre 2015

christmasToronto Thursday, December 10, 2015 7:30 Heliconian Club – 35 Hazelton Avenue, Toronto Vesuvius EnsembleIn collaboration with: Istituto Italiano di Cultura Tickets: General $25 /Seniors $20 / Students $15, to be purchased at the door
Concert by VESUVIUS ENSEMBLEJoin us for the special Christmas performance of the Vesuvius Ensemble! Secular songs mixed with special Christmas music celebrating the birth of the Messiah. Our special guests will make the evening perfect with a pastoral played on the Zampogna (Italian bagpipes), traditionally played on Christmas night by Italian shepherds. Vesuvius Ensemble. Francesco Pellegrino, Romina Di Gasbarro, Marco Cera, Lucas Harris Sponsored by the Istituto Italiano di Cultura. (foto: christmas)

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: | Leave a Comment »

Catella’s Nominating Committee pending the 2016 Annual General Meeting

Posted by fidest press agency su martedì, 1 dicembre 2015

Géraldine LathamA Nominating Committee has been appointed for Catella AB (publ) pending the Annual General Meeting of 30 May 2016, pursuant to a resolution adopted at the Annual General Meeting held on 21 May 2015 regarding principles for the Nominating Committee.The Nominating Committee comprises the following persons:Patrik Tigerschiöld, appointed by Bure Equity AB (publ), and Chairman of the Nominating Committee
Johan Claesson, appointed by CA Plusinvest AB, and Chairman of the board in Catella AB
Thomas Andersson Borstam, private and appointed by TAB Holding AB Pending the Annual General Meeting, the duties of the Nominating Committee will be to present proposals regarding the number of directors, fees to the directors and auditors, the composition of the Board of directors, a Chairman of the board, a resolution regarding a Nominating Committee, a Chairman of the general meeting, and choice of auditors.
Catella is a financial advisor and asset manager with in-depth knowledge of property, fixed income and equities. Catella is a leader in the property sector, with a strong local presence in Europe, and employs some 500 professionals in 12 countries. Catella is listed on First North Premier on Nasdaq Stockholm. (foto: Géraldine Latham)

Posted in Cronaca/News, Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Digital Magics nomina Alberto Fioravanti Presidente Esecutivo e annuncia la nuova governance

Posted by fidest press agency su martedì, 1 dicembre 2015

alberto fioravantiI tre Amministratori Delegati avranno la responsabilità e le relative deleghe per poter operare nelle seguenti aree di attività: Alessandro Malacart – Corporate & Finance, Layla Pavone – Industry Innovation, Gabriele Ronchini – Portfolio Development.Il Vicepresidente Marco Gay affiancherà il Presidente Alberto Fioravanti nelle attività di rappresentanza, e in particolare avrà il ruolo di sviluppare i rapporti corporate con soggetti istituzionali e privati, affiancando il team di Digital Magics nell’implementazione dei piani strategici aziendali.
Edmondo Sparano, Chief Digital Officer, sarà punto di riferimento per la selezione e il processo di analisi delle nuove iniziative digitali inerenti le startup, che si confermano il cuore pulsante di Digital Magics, e i programmi di Open Innovation. (foto: alberto fioravanti)

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Europol: deal on new powers to step up EU police cooperation and fight terrorism

Posted by fidest press agency su martedì, 1 dicembre 2015

europolThe EU police agency Europol will be able to step up efforts to fight terrorism, cybercrime and other criminal offences and respond faster, thanks to a deal struck by Parliament and Council on new governance rules endorsed by Civil Liberties Committee MEPs on Monday. The new powers come with strong data protection safeguards and democratic oversight.The deal agreed by Parliament and Council on 26 November and backed by a broad majority of Civil Liberties Committee MEPs on Monday (43 to 5 with 4 abstentions), will enhance Europol’s mandate to ensure that it is fully equipped to counter the increase in cross-border crimes and terrorist threats.”The new Europol rules are the best answer that we can give to the terrorist threat. In the last month alone, 446 people have been killed. As lawmakers, we have a responsibility to face up to this challenge and act. We owe it to the citizens and to the victims”, said Parliament’s lead MEP Augustin Díaz de Mera (EPP, ES).
The new EU regulation will make it easier for Europol to set up specialised units to respond immediately to emerging terrorist threats and other forms of serious and organised crime. It also includes clear rules for existing units or centres such as the Internet Referral Unit, which ensures the swift removal of websites praising terrorist acts or encouraging EU citizens to join terrorist organisations, and the European Counter Terrorism Centre, which officially starts work on 1 January 2016.Europol will in some cases be able to exchange information directly with private entities such as firms or NGOs, which should enable it to work faster. For example, it will be able to contact social network service provider Facebook directly to ask it to delete a web page run by ISIS or request details of other pages that might be run by the same user, so as to prevent the spread of terrorist propaganda.In order to avoid information gaps in the fight against organised crime and terrorism, the new rules state that member states should provide Europol with the data necessary to fulfil its objectives.
To this end, Europol should also submit an annual report to the European Parliament, the Council, the Commission and national parliaments on the information provided by individual member states, with a view to encouraging further information sharing. MEPs have ensured that Europol’s new powers will go hand in hand with increased data protection safeguards and parliamentary scrutiny. The European Data Protection Supervisor (EDPS) will be responsible for monitoring Europol’s work and there will be a clear complaints procedure under EU law for citizens.To ensure democratic control, Europol’s work will be overseen by a Joint Parliamentary Scrutiny Group with members from both national parliaments and the European Parliament.Parliaments’ negotiators also ensured that all information exchange agreements between Europol and third countries will be assessed within 5 years after the entry into force of the new regulation, to ensure that they comply with data protection rules and EU standards for policing.

Posted in Estero/world news, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: | Leave a Comment »

Le ragioni del crollo del prezzo delle materie prime

Posted by fidest press agency su martedì, 1 dicembre 2015

prezzo del petrolio1Tutto è iniziato lo scorso novembre con la riunione dell’OPEC (Organizzazione dei Paesi Esportatori di Petrolio), durante la quale è stato deciso di lasciare invariato il livello di produzione del greggio a 30 milioni di barili al giorno.Prima del meeting, il prezzo era già sceso di circa il 36% rispetto a giugno dello stesso anno e il mantenere inalterato il livello di produzione ha creato notevoli pressioni ribassiste sul prezzo del petrolio: una domanda in calo da Cina ed Europa, combinata con una solida crescita della produzione negli Stati Uniti e con la protezione in Asia delle quote di mercato dell’Arabia Saudita, hanno creato (e stanno tuttora stanno creando) un forte eccesso di offerta, con conseguenze inevitabili per il prezzo del petrolio.Durante gli ultimi tre mesi, i principali indici legati al petrolio hanno in gran parte scambiato al di sotto dei 50 dollari al barile (lo stesso livello visto durante la crisi) e non è da escludersi che nei prossimi giorni possa raggiungere il livello più basso dal 2003 (quando la crescita cinese iniziò ad accelerare).
Il problema non riguarda solo il petrolio. Il Bloomberg Commodity Index, che riassume le performance di 22 risorse naturali è sceso di due terzi rispetto al picco del 2008, al livello più basso dal 1999.L’andamento mostra come il prezzo delle materie prime sia tornato ai valori iniziali, come se il superciclo degli ultimi 15 anni, quando la fame di carbone, petrolio e metalli dai produttori cinesi creò un mercato prezzo del petrolio2rialzista fino al 2011, non sia mai esistito. Sono molti i fattori a cui può essere attribuito il crollo dei prezzi delle materie prime. Prima di tutto, come già detto, il rallentamento dell’economia cinese è una questione fondamentale; la Cina è stato il motore più importante per la domanda di materie prime da quando iniziò a registrare tassi di crescita del PIL a doppia cifra.Nel 2000, la Cina consumava infatti il 12% della domanda mondiale di metallo, mentre ora la percentuale è salita al 50%. Riguardo all’acciaio in particolare, la domanda cinese è più grande di quella di Russia, India, Giappone e Korea messe insieme e tra il 1998 e il 2008, la domanda di ferro è cresciuta di più di cinque volte.Ma alla fine del 2014, la percentuale cinese di consumo globale di petrolio era pari al 10%; per rame e zinco era al 45% e per l’alluminio e il nickel superiore al 50%. Ecco perché la crescita cinese è così importante per bilanciare domanda e offerta di materie prime e per quali ragioni il recente crollo nell’import e nell’export cinesi abbiano influito sui relativi prezzi.
La ragione principale è che tutte le materie prime sono prezzate in dollari. Quando il dollaro si rafforza, ceteris paribus, ci vorranno meno dollari per comprare una determinata materia prima e da questo il ribasso dei prezzi.Oltre a questo però, ci sono effetti più indiretti, ma ugualmente importanti. Una valuta che si indebolisce (in risposta a un dollaro molto forte) tipicamente genererà un rialzo dei prezzi espressi in valuta domestica. In risposta a queste pressioni inflazionistiche, la banca centrale di un paese importatore può ricorrere a misure restrittive, diminuendo quindi la domanda aggregata, incluso quella per materie prime. Inoltre, oltre che ad agire sulla domanda delle economie più esposte al dollaro, l’apprezzamento della valuta impatta anche sull’offerta di materie prime; si pensi infatti alle società che esportano materie prime, che si trovano in breve periodo a produrre in valuta debole (moneta locale) e a vendere in valuta forte (il dollaro USA). I loro margini di profitto aumentano in pochissimo tempo e gli incentivi a tagliare la produzione sono ben pochi.
prezzo petrolioQuest’ultima considerazione sul fatto di come un dollaro forte possa non solo indebolire la domanda ma incentivare la produzione di petrolio, è oggi cruciale, dato che il recente apprezzamento è stato possibile grazie al deflusso di captali dai mercati emergenti. Se si guarda ai movimenti delle valute dei maggiori esportatori di petrolio e materie prime contro il dollaro, notiamo come il rublo russo abbia perso il 30.3% nell’ultimo anno, il real brasiliano il 31.1%, la corona norvegese il 21.6%, il dollaro canadese il 16.0% e il peso colombiano il 30.6%. Solo il Riyal saudita è rimasto pressoché inalterato, ma come molti sostengono, probabilmente ancora per poco. Una valuta debole crea, come già detto, grandi pressioni inflazioniste all’interno del paese, danneggiando l’industria locale e il sistema finanziario delle economie colpite, in particolari quelle emergenti. Ma le società orientate all’export, come le compagnie minerarie o di estrazione, hanno ben pochi incentivi a tagliare la produzione. D’altro lato, il World Trade Index (petrolio scambiato alla borsa americana) è solo pochi punti percentuali dai minimi di agosto. Anche tutte le altre materie prime più cicliche (rame, acciaio) hanno già superato al ribasso i precedenti limiti e l’oro, in vista dell’imminente rialzo dei tassi da parte della Fed, continua a registrare nuovi minimi. Dato anche il forte rialzo del dollaro, potrebbe essere che i mercati abbiano già scontato gli effetti del molto anticipato rialzo dei tassi d’interesse USA, e pertanto la valuta statunitense potrebbe non rafforzarsi ancora ulteriormente. In questo secondo scenario, le attuali valutazioni delle materie prime potrebbero rappresentare una buona opportunità di acquisto. Ultimo ma non meno importante, va considerato il rischio geopolitico legato all’area mediorientale. Un eventuale aggravamento delle varie situazioni di crisi in quell’area, così come l’inasprirsi dei rapporti tra Russia e Turchia, potrebbero far aumentare il prezzo del petrolio. E dato che il petrolio ha un chiaro effetto magnetico su tutto il settore, potrebbe spingere al rialzo tutti i prezzi delle materie prime, generare pressioni inflazionistiche e spingere gli investitori a investimenti più sicuri, come può essere l’oro.   (Fonte: MoneyFarm)   (foto: prezzo petrolio)

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: | Leave a Comment »

Terrorismo immigrazione

Posted by fidest press agency su martedì, 1 dicembre 2015

NUOVO DRAMMA DEI MIGRANTI, ANNEGANO DUE DONNE A PANTELLERIA“L’allarme lanciato dal presidente del Copasir Stucchi dovrebbe indurre il governo a maggiore attenzione e prudenza. Quello che proprio non si può fare è trattare il problema come un affare di ordinaria amministrazione. Quando il pres. Stucchi dice che non si può escludere che attraverso i barconi arrivino anche terroristi fa intendere che non abbiamo gli strumenti per ‘tracciare’ gli arrivi e seguirli tutti. Il che significa che Renzi e Alfano non sono riusciti a capire che alla tragedia dell’immigrazione si è agganciata quella del terrorismo islamico. Quegli strumenti di individuazione che potevano essere attivati per controllare allora il flusso migratorio, sarebbero stati oggi ancora più utili per combattere le infiltrazioni terroristiche. Tra i sistemi di sicurezza, sarebbe ipotizzabile introdurre un metodo di controllo, come la fedina penale, e monitoraggio che consenta con assoluta certezza l’identificazione di uno straniero in tutti gli spostamenti. Cosa che oggi paradossalmente non avviene. Del resto, le occupazioni abusive in tutta Italia trasformate in centri per rifugiati clandestini che ospitano extracomunitari privi di identità accertata lo confermano. Nel prossimo question time alla Camera, mercoledì, chiederemo al ministro Alfano di avviare rigorose procedure di controllo delle presenze clandestine nelle decine di immobili occupati”. È quanto dichiara il capogruppo di Fratelli d’Italia-Alleanza nazionale Fabio Rampelli.

Posted in Cronaca/News, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: | Leave a Comment »

“This Changes Everything”

Posted by fidest press agency su martedì, 1 dicembre 2015

Naomi KleinEsce anche in Italia al cinema l’atteso film documentario tratto dal libro di Naomi Klein, “Una rivoluzione ci salverà”. Girato in nove paesi e cinque continenti diversi nel corso di quattro anni, è un tentativo epico per reinventare la grande sfida che il cambiamento climatico rappresenta. Il film è composto da sette ritratti di comunità in prima linea nella lotta al surriscaldamento del pianeta, dal Canada alla Cina, dalla Grecia all’India e oltre.Queste storie si intrecciano alla narrazione di Naomi Klein che traccia i nessi tra il surriscaldamento planetario e il vigente sistema economico. Diretto dal regista Avi Lewis e prodotto tra gli altri da Alfonso Cuarón, il film arriva in Italia grazie a Camera Distribuzioni Internazionali. Sarà distribuito mercoledì 2 dicembre in 51 sale italiane attraverso il circuito The Space in collaborazione con Lumière.

Posted in Cronaca/News | Contrassegnato da tag: | Leave a Comment »

“PlumeStars”: a scuola d’impresa nella Silicon Valley

Posted by fidest press agency su martedì, 1 dicembre 2015

Silicon ValleyLa Silicon Valley come grande scuola d’impresa e come opportunità di crescita per idee innovative. Così l’ha vissuta Anna Giulia Balducci, assegnista di ricerca del Centro Interdipartimentale Biopharmanet-TEC dell’Università di Parma e amministratore delegato della startup innovativa PlumeStars srl, che grazie al suo progetto imprenditoriale ha partecipato con altri 9 aspiranti imprenditori dell’Emilia Romagna al programma Silicon Valley TVLPx, sostenuto da Aster ed Emila-Romagna Start-up: un’iniziativa ideata per far acquisire ai partecipanti un “Silicon Valley mindset” e al tempo stesso per fornire un’opportunità di crescita ai progetti imprenditoriali in un luogo tra i più stimolanti del mondo; questo grazie all’aiuto di docenti delle Università di Stanford, Berkeley e Santa Clara e ad eventi di networking con investitori, imprenditori e consulenti.Il viaggio nella Silicon Valley ha permesso ai partecipanti di imparare a valorizzare i propri prodotti, senza dimenticare i problemi da risolvere, il mercato e l’aspetto finanziario. La dott.ssa Balducci e gli altri 9 aspiranti imprenditori hanno potuto visitare il parco Google e i suoi 69 edifici, la sede Apple a Cupertino, Intel e il Plug&Play, uno tra gli acceleratori d’impresa e spazi di coworking più grandi al mondo (i nomi di due dei progetti finanziati da questi ultimi parlano da soli: PayPal e Dropbox), hanno partecipato ad eventi di networking in aziende come IBM e nelle sedi dei “venture capitalist”, e hanno presentato le proprie startup.Tutto ciò costituirà senz’altro un bagaglio importante per lo sviluppo di PlumeStars, startup innovativa nata in seno all’Università di Parma e impegnata nello sviluppo di polveri antibiotiche per somministrazione inalatoria per la cura di infezioni polmonari. PlumeStars nasce da un’idea sviluppata e poi brevettata all’Università di Parma che rivendica la deposizione molecolare di acidi grassi su particelle di antibiotici per ottenere polveri altamente respirabili e stabili. PlumeStars è licenziataria esclusiva di questo brevetto, dal quale sono nati i due prodotti inalatori attualmente in sviluppo. Si tratta di polveri a base di amikacina e tobramicina, che sono state sviluppate e progettate nel Centro Interdipartimentale Biopharmanet-TEC dell’Università di Parma nell’ambito progetto regionale POR-FESR 2007-2013.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Estero/world news | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

“La Maison du Roi 1690-1792”

Posted by fidest press agency su martedì, 1 dicembre 2015

guardie del re2Milano 4 dicembre 2015 – 30 gennaio 2016 Vernissage, venerdì 4 dicembre dalle 16.00 alle 19.00 Palazzo del senato Archivio di stato di Milano Splendori delle tenute d’apparato delle guardie dei re di Francia da Luigi XIV a Luigi XVI mostra a cura di Gabriele Mendella. Alla presenza del Console generale aggiunto di Francia, Madame Fesneau-Castaing, L’Archivio di Stato mostra itinerante “La Maison du Roi 1690-1792” (4 dicembre 2015 – 30 gennaio 2016) ideata e curata da Gabriele Mendella, sarto d’epoca di livello internazionale, coadiuvato da M. Jérémie Benoit, conservatore della Reggia di Versailles, e supportato nella ricerca iconografica e documentaristica da archivi e musei di tutta Europa Ventisei manichini a grandezza naturale, completi di uniformi, equipaggiamenti e armi originali, offrono allo spettatore un’immagine viva, più vera del vero, dei vari corpi di guardia civili e militari che componevano La Maison du Roi.La mostra “La Maison du Roi 1690-1792” racconta, attraverso la ricostruzione delle sfarzose divise delle guardie dei Re di Francia, l’evoluzione del costume e della moda militare da Luigi XIV a Luigi XVI dal 1690 al 1792: dai giustacorpi aderenti, con grandi paramani e ampie falde, tipici degli ultimi anni di regno di Luigi XIV, allo stile ampio e pesante della “Reggenza”, al taglio più equilibrato della metà guardie del re1del secolo, per finire con le linee dell’habit della fine del ‘700.Ma la mostra “La Maison du Roi 1690-1792” è anche l’occasione di cogliere il ruolo che ebbero le guardie del Re di Francia: infatti La Maison du Roi non solo era il corpo più prestigioso dell’esercito regio, una truppa d’elite temuta su tutti i campi di battaglia, superiore sia da un punto di vista strategico sia tattico, ma anche strumento dell’immagine sfarzosa del potere che i Re di Francia, partecipativo ai cerimoniali della vita a corte.Il punto focale della mostra è rappresentato dalla ricostruzione della celebre tenuta indossata dalle Gardes de la Manche, vale a dire quelle Guardie del Corpo della compagnia scozzese destinate ad affiancare il sovrano costantemente, ovunque andasse, fino a sfiorarne, appunto, la “manica”.Fra i pezzi finali, che chiudono simbolicamente l’esposizione, vi è la tenuta indossata dalle Gardes du Corps di Luigi XVI a Versailles nelle funeste giornate del 5-6 ottobre 1789, quando diversi di loro sacrificarono la vita, nello sforzo di salvare la regina Maria Antonietta dalla folla che aveva invaso gli appartamenti reali a guardie del re3Versailles.La mostra “La Maison du Roi 1690-1792” è il frutto di oltre 3 anni di studi accurati e minuziosi di più di 4.000 fra documenti, oltre a rarissimi pezzi autentici conservati in collezioni private e pubbliche, fra cui: Musée de l’Armée di Parigi, Château de l’Emperi di Salon de Provence, Museo Nazionale di Zurigo, Museo dello Château de Penthes di Ginevra, Victoria & Albert Museum di Londra, Musée de la Mode et du Costume de la ville de Paris.Ma la mostra è anche l’esaltazione dell’eccellenza artigiana sartoriale, visto che le divise sono state riprodotte seguendo gli stessi metodi e usando la stessa qualità e tipo di panni specificati nei contratti di forniture.
Immenso anche il lavoro per equipaggiamenti e armi, realizzati con materiali identici a quelli dell’epoca, sulla base dei rari pezzi originali conservati al Musée de l’Armée e in altre collezioni private. In mostra 2 alabarde, 5 spade e 2 fucili originali del XVII e XVIII secolo.
La mostra “La Maison du Roi 1690-1792” prosegue nel corso del 2016 alla Reggia di Caserta (date da definire), alla Reggia di Versailles (date da definire) e a Londra (sede e date da definire). (mostra: guardie del re)

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: | Leave a Comment »

Proiezione alla presenza degli autori e di Mina Schett Welby

Posted by fidest press agency su martedì, 1 dicembre 2015

love is allFirenze Venerdì 4 dicembre alle 17.00 presso lo SPAZIO ALFIERI, via dell’Ulivo 6, proiezione alla presenza degli autori e di Mina Schett Welby L’immagine di un uomo inerte a letto, attaccato al respiratore polmonare che con una voce sintetica chiedeva al Presidente della Repubblica di poter morire, entrò nella case italiane nel settembre 2006. Pochi mesi dopo quell’uomo, inascoltato dalla politica e dalla giustizia, decise di prendersi ciò che gli apparteneva e guidato dagli attivitsi radicali morì, sottraendosi a una vita che per lui era divenuta una tortura atroce e incessante. Sono passati dieci anni dall’irruzione nei palinsesti di quell’immagine e sebbene nel nostro paese il dibattito sulle questioni del fine vita non abbia fatto sostanziali progressi, quell’immagine è divenuta l’icona della lotta per i diritti civili e per l’autodeterminazione dei cittadini.Love is ALL racconta la storia dell’uomo che si cela dietro a quell’icona e lo fa attraverso gli scritti, le narrazioni, le poesie, i dipinti e le sperimentazioni fotografiche di quello stesso uomo. (foto: love is all)

Posted in Cronaca/News, Recensioni/Reviews, Uncategorized | Contrassegnato da tag: | Leave a Comment »

“Il Natale dell’Alzheimer: dire, fare curare…”

Posted by fidest press agency su martedì, 1 dicembre 2015

ospedale bresciaBrescia Dal 3 al 17 dicembre, nell’ambito di “Il Natale dell’Alzheimer: dire, fare curare…”, saranno organizzati convegni, spettacoli e celebrazioni per i malati e le loro famiglie, con l’obiettivo di sensibilizzare e superare la paura per una delle malattie più invalidanti. «Sono circa 15.000 le persone affette da demenza nella provincia di Brescia, più della metà delle quali affette da malattia di Alzheimer. L’80-85% di queste persone è assistita al proprio domicilio dai familiari, con il frequente ricorso a personale di assistenza privato (badanti). Nell’Irccs Fatebenefratelli, ogni anno, vengono effettuate circa 5000 visite ambulatoriali rivolte in modo specifico alle persone con disturbi della memoria, ma il problema maggiore per i famigliari e le badanti, che incide pesantemente sulla loro qualità di vita, è costituito dai disturbi comportamentali quali l’insonnia, l’irritabilità, l’aggressività, la mancanza di collaborazione, il rifiuto della badante, le convinzioni errate della realtà. Sono questi i disturbi che mettono in difficoltà le famiglie e le inducono a cercare aiuto nei servizi sanitari – spiega Orazio Zanetti, responsabile dell’unità operativa Alzheimer dell’Irccs bresciano – Per fortuna esiste nella nostra provincia una buona rete di servizi sia diagnostici sia assistenziali, alcuni dei quali destinati all’assistenza domiciliare, anche se ci auguriamo che la riforma attesa del settore della riabilitazione ospedaliera non costituisca una penalizzazione per i malati affetti da demenza e da malattia di Alzheimer e per i loro famigliari». Zanetti ne parlerà con il direttore generale fra Marco Fabello, la coordinatrice dell’unità Annamaria Rossetti, la geriatra Giulia Lussignoli, gli educatori Filippo Mazzini e Silvia Di Cesare il 3 dicembre dalle 17. La tavola rotonda si terrà all’Irccs. Sabato 12 dicembre dalle 15 si terrà invece una lezione-spettacolo d’improvvisazione teatrale per i familiari dei pazienti affetti da demenza, a cura dell’associazione culturale Ardega. Giovedì 17 dicembre, alle 15, la celebrazione della Santa Messa con don Fabio Corazzina e fra Luca Beato, seguita dal rinfresco, suggellerà il ciclo d’incontri.

Posted in Cronaca/News, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: | Leave a Comment »

Mitico tango

Posted by fidest press agency su martedì, 1 dicembre 2015

mitico tangoSan Donà di Piave giovedì 3 dicembre alle ore 21 al Teatro Metropolitano Astra di San Donà di Piave appuntamento all’insegna della passionalità e dell’emozione con MITICO TANGO, che vede in scena Adrian Aragon e Enrica Boaglio assieme ad altre due coppie di ballerini – Pablo Moyano e Roberta Beccarini, Pablo Velez e Daniela Kyzyima – accompagnati dalle musiche dal vivo del Quintetto I Fiori Blu ovvero Gloria Clemente – Pianoforte, Pietro Sinigaglia Voce – Corno francese – Percussioni, Matteo Rovinalti – Violino, Davide L’Abbate – Chitarra e Andrea Cozzani – Basso elettrico. Sulle note dei tanghi più celebri, in un percorso che va da Gardel a Piazzolla passando per le varie contaminazioni che questo genere ha attraversato, musicisti e danzatori trasportano il pubblico in un emozionante viaggio dalla Buenos Aires di inizio secolo a Parigi, toccando i più famosi brani che hanno fatto la storia del tango. Su queste indimenticabili note si dipanano gli incontri delle coppie che in un viaggio immaginario arrivano al Vecchio Continente e ai carrugi di Genova, dove la malinconia del “sentimento triste che si balla” viene raccolta dalla voce di De Andrè e dalle sue storie. Mitico tango è una serata indimenticabile di mondi lontani, solitudini che si incontrano e emozioni notturne.
Adrian Aragon e Erica Boaglio insieme dal 1994, vantano esperienze di altissimo mitico tango1livello nell’ambito del tango e questo ha permesso loro di toccare i massimi vertici della professione. Costantemente impegnati in tournée e seminari in Europa come in America Latina, protagonisti assoluti di festival e grandi eventi, ammaliano da tempo le platee di tutto il mondo interpretando come pochi tutta la passione di questo intramontabile ballo. I Fiori Blu, direzione Pietro Sinigaglia, è un progetto musicale che unisce la passione e il lavoro di una vita che ha esplorato il territorio del tango e la musica italiana d’autore, nel segno di Fabrizio De Andrè e del suo amico fragile, Luigi Tenco. Tutto comincia da uno sguardo trasversale che quasi per caso cerca di coniugare in una sola musica le sonorità scure, meditative, sensuali ma mai lascive del tango con la raffinatezza del pensiero che si trasforma in parola comune, del comune mortale, tanto cara a De Andrè. È l’incontro dell’immortalità, inseguita dal passo lento della milonga notturna, con la mortalità dei vinti cantati e poi risorti nelle canzoni del cantautore, poeta. (foto: mitico tango)

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: | Leave a Comment »

Ricerca nel settore delle energie rinnovabili con nuovi fondi

Posted by fidest press agency su martedì, 1 dicembre 2015

Paris-antenne-vue-eiffel-tourGreenpeace commenta positivamente l’annuncio di Barack Obama e della “Breakthrough energy Coalition” – un gruppo di investitori privati capeggiato da Bill Gates e Mark Zuckerberg – di sostenere la ricerca nel settore delle energie rinnovabili con nuovi fondi per un valore di diversi miliardi di dollari. L’annuncio è stato fatto oggi all’apertura del vertice sui cambiamenti climatici di Parigi.«Un finanziamento dell’ordine di miliardi di dollari per sviluppare le energie rinnovabili è benvenuto in un settore che già registra enormi progressi. Potrà aiutarci a raggiungere l’obiettivo di un mondo 100% rinnovabile per tutti entro il 2050. Obama ha dichiarato che stavolta intende fare sul sul serio. E se questi nuovi fondi saranno realmente usati per incentivare tecnologie pulite e rinnovabili, che già sono in grado di produrre ottimi risultati, allora dimostrerà di fare davvero sul serio», ha dichiarato Martin Kaiser di Greenpeace.Continua Kaiser: «Abbiamo però bisogno di metodi democratici per decidere come usare le ingenti risorse che saranno stanziate. Che per esempio non possono essere usate per finanziare rimedi discutibili come la geo-ingegneria, che potrebbe forse stabilizzare le emissioni nel breve periodo ma che non scongiura affatto i rischi a lungo termine. Ancora non sappiamo chi deciderà come distribuire questi fondi, ma le persone che più subiscono gli impatti del cambiamento climatico dovranno avere voce in capitolo».«Il presidente francese Hollande ha aperto i negoziati di Parigi riconoscendo il ruolo chiave delle rinnovabili per contenere il riscaldamento globale ed evitare gli scenari peggiori. Affermando che l’aumento della temperatura globale deve restare al di sotto di 1,5°C, Hollande ha ammesso che per alcuni Paesi presenti al summit è questione di sopravvivenza. È anche molto importante che il presidente francese abbia riconosciuto l’importanza di sottoscrivere un accordo vincolante. Ora sta a lui e agli altri leader riuniti a Parigi raggiungere questo obiettivo», ha dichiarato Jean-Francois Julliard, direttore esecutivo di Greenpeace Francia.

Posted in Estero/world news, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

“Matematica e poesia: un incontro possibile”

Posted by fidest press agency su martedì, 1 dicembre 2015

FullSizeRende“Matematica e poesia: un incontro possibile” è il titolo del workshop tenutosi nei giorni scorsi presso l’Istituto Comprensivo di Orsogna, un pomeriggio di interventi e contributi su un tema affascinante, non solo per gli addetti ai lavori. La mente va a qualcosa di serioso e pesante, ma niente di più lontano! E’ stata una vera e propria festa! Gli studenti, la gente comune, i genitori e i docenti che hanno affollato l’atrio della Scuola Secondaria di I grado, hanno respirato un clima cordiale, partecipato, attento con l’alternarsi di interventi di alto livello sul tema proposto, di intermezzi musicali e di contributi degli alunni. Le porte della scuola si sono aperte alle ore 15:30 e le circa tre ore di lavori sono trascorse in un baleno. La Preside, dott.ssa Irma D’Amico, ha accolto tutti con garbo e riconoscenza. L’incontro è stato aperto, e poi chiuso, dall’esibizione al flauto degli alunni guidati dal prof. D’Alfonso che ha dato avvio ufficialmente al pomeriggio, a sottolineare l’attenzione che questo Istituto dedica alla musica, essendo proprio una Scuola ad Indirizzo Musicale.
Subito è stato il momento della Prof.ssa Mara Di Nardo che è intervenuta sul tema “Leopardi scientifico”, uno degli argomenti più stimolanti della giornata che ha catturato l’interesse di molti dei presenti. Nell’intervento sono stati illustrati con grande competenza, sia la vita del famoso poeta, sia le sue opere, le quali molto spesso fanno riferimento alla matematica e all’astronomia Il secondo contributo è stato offerto dalla Prof.ssa Cornelia Auriti e ha avuto come argomento “Geometria e passione”. In esso la docente ha messo in evidenza come qualsiasi materia possa essere esaltata dalla passione ed aiutare a costruirne una. I momenti accademici sono stati inframmezzati coi contributi degli alunni delle classi terze che hanno portato esempi dal loro studio, citando Leopardi, Dante, Asimov e mostrando degli esperimenti sul “Nastro di Moebius”. Di nuovo ci sono state esibizioni di brani musicali al pianoforte, come a dimostrare che la musica raccoglie in sé tutti gli aspetti trattati. Per concludere il pomeriggio di lavori c’è stato un piccolo rinfresco, accettato di buon grado da tutti i partecipanti.Il successo dell’iniziativa è stato incontestabile e ci si augura che sia la prima di un lungo elenco. (foto: FullSizeRende)

Posted in scuola/school, Università/University | Leave a Comment »

Proposta della Commissione Europea sull’economia circolare

Posted by fidest press agency su martedì, 1 dicembre 2015

bruxelles (1)Bruxelles 2 dicembre. Nel corso della mini plenaria di mercoledì, gli eurodeputati discuteranno la nuova proposta della Commissione Europea sull’economia circolare (ovvero come aumentare il riutilizzo e il riciclo dei rifiuti). Inoltre voteranno il prolungamento della commissione speciale Taxe, sulla fiscalità e gli accordi fiscali fra Stati membri e multinazionali. L’aula poi discuterà e voterà la proposta di istituire un meccanismo di reclami per eventuali violazioni dei diritti fondamentali da parte dell’agenzia Frontex. Infine sarà votato un accordo fiscale fra EU e Liechtenstein per uno scambio di informazioni sui titolari di conti di risparmio nel principato che, se approvato, sarebbe un passo significativo verso la fine del segreto bancario in quello stato.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Estero/world news | Contrassegnato da tag: | Leave a Comment »

Iran, SACE firma accordi con tre principali banche private iraniane

Posted by fidest press agency su martedì, 1 dicembre 2015

TiranaNel corso della missione Governo-imprese in Iran, SACE ha firmato tre accordi di collaborazione con le principali banche private iraniane – Bank Pasargad, Bank Parsian e Saman Bank – con l’obiettivo di facilitare una più rapida ed efficace ripresa dell’interscambio e degli investimenti italiani nel Paese, una volta raggiunto il traguardo dell’implementation day.“Si sta aprendo una nuova era per le relazioni economiche con l’Iran, grazie agli importanti passi compiuti in sede internazionale – ha dichiarato il Presidente di SACE, Giovanni Castellaneta, già Ambasciatore d’Italia a Teheran e Washington -. SACE è pronta a fare la sua parte per aiutare le imprese italiane a coglierne tutto il potenziale, non appena il quadro normativo lo consentirà, e gli accordi firmati oggi vanno proprio in questa direzione”. In base ad essi, SACE e le banche intendono attivare una collaborazione, compatibilmente con la regolamentazione applicabile e il ripristino del sistema dei pagamenti, per identificare progetti di breve e medio-lungo termine di mutuo interesse e per sviluppare le strutture assicurativo-finanziarie più adatte a supportarli. L’expertise maturata negli anni dalle tre banche nel sostegno alle importazioni consentite, anche da parte di aziende di piccola e media dimensione, costituisce un importante valore aggiunto degli accordi.Il set d’intese conferma l’impegno di SACE al fianco delle imprese italiane in un mercato complesso come l’Iran, caratterizzato da elevati profili di rischio, ma capace di offrire, in prospettiva, un elevato potenziale di business per il nostro Paese. Secondo le stime di SACE, la cessazione del quadro sanzionatorio potrebbe infatti portare a un incremento dell’export italiano nel Paese di quasi 3 miliardi di euro entro il 2018, con le migliori opportunità nei comparti della meccanica strumentale, dell’oil&gas e dei trasporti.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Estero/world news | Contrassegnato da tag: | Leave a Comment »

Violenza del terrorismo palestinese

Posted by fidest press agency su martedì, 1 dicembre 2015

gerusalemme-porta-dei-leoniGerusalemme Nuovo giorno di sangue in Medio Oriente. Due persone, un poliziotto e una donna, sono state accoltellate a Gerusalemme.
Un agente di polizia è stato colpito alla Porta di Damasco da un palestinese che è stato ucciso dalle forze di sicurezza. L’agente ha riportato ferite di media gravità. Secondo la ricostruzione della polizia, l’assalitore – un palestinese di 38 anni della Cisgiordania (Giudea e Samaria) – si aggirava nella zona e «non appena ha visto due poliziotti di pattuglia ha estratto il coltello ed ha assalito uno di loro al grido di “Allah u Akbar” colpendo uno dei due al collo». I poliziotti hanno reagito sparando e uccidendo l’aggressore.
Una donna è stata poi accoltellata presso la fermata di un autobus a Gerusalemme. La polizia israeliana ha reso noto di aver arrestato un adolescente palestinese che «ha ammesso di essere stato coinvolto nell’episodio». Due altri palestinesi, trovati nelle vicinanze, sono stati fermati per accertamenti. La donna accoltellata è una cittadina delle Filippine, di circa 30 anni e non è ancora noto se fosse in Israele per turismo o per lavoro. È stata ricoverata in un ospedale di Gerusalemme in condizioni medie. (fonte:Il Messaggero.it) (foto: violenza)

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »