Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 31 n° 301

Archive for 4 dicembre 2015

Masraf Al Rayan Receives Prestigious WIBC Performance Award for Best Performing Islamic Bank Globally

Posted by fidest press agency su venerdì, 4 dicembre 2015

MasrafManama, Bahrain: Last night, the 22nd annual World Islamic Banking Conference (WIBC) recognized excellence within the Islamic finance and banking industry at a high profile Gala Dinner in the Gulf Hotel in Bahrain. 18 WIBC Performance Awards were granted to the top Islamic financial institutions based purely on their performance at the global, regional and national levels.Masraf Al Rayan came away with the global award, testament to its strong performance in the financial metrics of the WIBC Leaderboard. The Leader board, an initiative conceived by the conveners of WIBC – Middle East Global Advisors – is a groundbreaking performance assessment tool aimed at enabling Islamic financial institutions to benchmark their performance against their peers. It formed the basis of the WIBC Performance Awards, which aggregates numerous financial metrics from the Leaderboard.
The WIBC Performance Awards represents WIBC’s a commitment to objective and quantitative approach to assessing banking performance.Speaking on her bank’s win of the industry’s flagship award within the Southeast Asian category, the CEO of Hong Leong Islamic Bank, Raja Teh Maimunah Raja Abdul Aziz, said:“We are honoured to be recognized as the best performing bank and we believe that the recognition gained is based on our transparency and our strict adherence of Islamic banking principles which include honesty and integrity to all our stakeholders. At Hong Leong Islamic Bank, we engage in proactive reporting to support the fundamental elements of corporate sustainability as well as to enhance market perceptions on Islamic finance. More importantly, an element reflecting an increased global financial reporting standards in our Annual reporting is that also includes Shari’ah audit report”.Dr. Sayd Farook, Vice Chairman & CEO of Middle East Global Advisors, the convenors or WIBC, also highlighted the sheer importance of rigorous objective assessment underpinning the awards: “The WIBC Performance Awards are based on a solid quantitative methodology, assessing Islamic banks across more than a dozen indicators of financial performance, financial stability , governance and social responsibility. This award cannot be manipulated and is also audited by Ernst and Young.”Dr. Farook continued: “This evening’s award winners should be commended on the quality and dedication of the management team and their sincerity not only to perform well, but also to do it on a sound and ethical basis.”The Awards were delivered by H.E. Rasheed Mohamed Al Maraj, Governor of the Central Bank of Bahrain and Mr. Khalid Hamad, Executive Director for Banking Supervision at the Central Bank of Bahrain. (photo: Masraf)

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Estero/world news, Uncategorized | Contrassegnato da tag: | Leave a Comment »

Bank of Khartoum International is officially launched today at WIBC 2015

Posted by fidest press agency su venerdì, 4 dicembre 2015

Manama, BahrainManama, Bahrain. At a press conference on the sidelines of the 22nd annual World Islamic Banking Conference (WIBC 2015), the Bank of Khartoum International (BOKI) was officially launched to the global Islamic financial community as the latest entrant to the fast-growing Islamic banking sector of the Kingdom of Bahrain. WIBC is an ideal platform for the launch given its reputation as the leading hub for new initiatives and innovations within the Islamic finance industry.In his opening remarks, Fadi Salim Al Faqih, Board Member & Group CEO of the Bank of Khartoum highlighted BOKI’s role as a bridge serving to strengthen Sudan’s ties with the GCC:“The establishment of our first overseas branch in Bahrain is a highly significant milestone for Bank of Khartoum (BOK) and Sudan. It serves to illustrate our transformational strategy to expand our geographic footprint outside Sudan, and further strengthen ties with the GCC region.”Mr. Al Faqih commented on the integral role of WIBC 2015 as “the perfect global forum to showcase the continued strategic evolution of Sudan’s leading Islamic financial institution with a history of over 100 years.”The CEO of BOKI, Nabeel Ebrahim Al Tattan, articulated the strategy of BOKI moving forward: “BOKI aims to become a prominent wholesale banking solutions provider in Bahrain, recognised for offering innovative Sharia-compliant products and services, with a commitment to exceptional service quality.”BOKI received an Islamic Wholesale Bank Branch Licence from the Central Bank of Bahrain on 9th November 2015 and is expected to commence operations in early 2016 as the first overseas branch of the Bank of Khartoum, Sudan.Bank of Khartoum (BOK) is the leading Islamic financial institution in Sudan and the country’s longest-established bank, with operations spanning more than 100 years. BOK has the distinction of being the only financial institution in Sudan that is not on the sanctions list of the U.S. Office of Foreign Assets Control (OFAC). It is also the first bank in Sudan to be rated by the Islamic International Rating Agency (IIRA), with ‘AA-’ (long-term) and ‘A-1’ (short-term) ratings and a ‘Stable’ outlook.BOK is owned by prominent regional pioneers in Islamic banking, led by Dubai Islamic Bank as a major shareholder and the likes of Islamic Development Bank, Abu Dhabi Islamic Bank, Sharjah Islamic Bank and Etisalat.BOK is the bank of choice in Sudan for local corporates, multinational corporations, the United Nations, non-governmental organisations, embassies and consumers. Its global correspondent banking partnership network comprises international and regional banks from the UK, Europe, the Middle East and Asia.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Estero/world news | Contrassegnato da tag: | Leave a Comment »

MIAMI and JTHS Merge Organizations

Posted by fidest press agency su venerdì, 4 dicembre 2015

MIAMI — The Jupiter-Tequesta-Hobe Sound Association of Realtors (JTHS) has officially merged with the MIAMI Association of Realtors (MIAMI), the largest local Realtor association in the U.S. The merger closed on September 22, 2015.The new JTHS Council of the MIAMI Association of Realtors is being led by JTHS President Nancy Lubeck. The JTHS Bmiami1oard of Directors will continue to lead and direct the services, issues and needs of their 1,500 members in Palm Beach and Martin counties, as the JTHS Board of Governors.MIAMI is assuming most JTHS administrative functions, allowing JTHS leadership and staff to focus on assisting and building the success of its members. The JTHS headquarters will remain in Jupiter, Fla. Former association executive Joanne Werstlein has become JTHS vice president.“The JTHS family is incredibly enthused about joining the nation’s largest local Realtor association,” Lubeck said. “Merging with the MIAMI Association of Realtors will provide major cost savings for members on local dues and Supra electronic access keys. This merger will also help our Realtors gain top-notch real estate education, global business opportunities, tremendous international media visibility and more than 100 marketing tools and services exclusive to MIAMI members.” MIAMI hosts more than 3,500 member seminars each year with 86 percent offered free to members. MIAMI members have access to five computer labs throughout the tri-county region for technology and Multiple Listing Service training. A sixth computer lab is planned for members at the Jupiter office. MIAMI also provides its members more than 100 premium marketing tools and services to each of its 41,000 members, contributing to their success and helping better serve their customers. MIAMI plans to increase educational opportunities for the new JTHS Council which will be focused on their members’ needs and interests.The combined MIAMI association now includes a Corporate Board, Miami Residential Board, Realtors Commercial Alliance, Broward Council, JTHS Council, Young Professionals Network (YPN) Council, award-winning International Council and an Educational Foundation.“The completion of this merger is an historic achievement in the 95-year history of our MIAMI association,” said John Dohm, MIAMI Chairman of the Board. “Combining the success, services, and programs of JTHS and MIAMI will bring new opportunities and resources to all of our members. MIAMI is a truly global association and this merger provides us with a larger platform to present all that Southeast Florida has to offer to the rest of the world. MIAMI has official partnerships with more than 135 international organizations worldwide.” JTHS leaders initially contacted MIAMI about merging earlier this year. Both parties thoroughly considered and discussed options and benefits to the members. On Aug. 13, JTHS members participated in a well-attended town hall meeting, which provided them the opportunity to address any final questions about the merger. On Aug. 14, the JTHS members voted overwhelmingly to join MIAMI. The MIAMI leadership unanimously approved the merger. JTHS President Nancy Lubeck and MIAMI Chairman John Dohm led the merger initiative. Serving on the official Merger Committee were: Bill Hall, Barbara Fox, Sue Gaieski, Patricia Fitzgerald, Nancy Cardone, Anita McKernan, and Chris Cox of JTHS, and Mark Sadek, Christopher Zoller, Liza Mendez, Moe Veissi, Natascha Tello, Martha Pomares, Jack Levine, Terri Bersach and Teresa King Kinney of MIAMI.

Posted in Estero/world news, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: | Leave a Comment »

Final day of World Islamic Banking Conference (WIBC) assesses impact of oil prices on Middle Eastern economies

Posted by fidest press agency su venerdì, 4 dicembre 2015

new realities.jpgManama, Bahrain, Oil prices, one of the biggest macro forces affecting the growth and development of Islamic finance, will be a critical discussion point at on the final day of the World Islamic Banking Conference (WIBC).Today kick-started with an engaging analysis on the future of commodities in the ‘new – new normal’ era by a former CIO of the World Bank. Wall Street investment banker Dr. Hani Findakly of the Clinton Group shared his insights on the role of technology in promoting a “mirage” of commodity-driven growth. He emphasized that the Islamic institution of awqaf constitutes a potentially huge source of funding for investments in the MENA region. The Awqaf system, which according to his own estimates holds over USD1.5 trillion, can be used to energize economies and employment: “In the context of this Islamic Banking conference, it is high time to recognize the critical importance of one of the largest resource in the Islamic world: the Waqf (or Islamic trust) system…much of it [is] in idle assets, spread across the globe from Morocco to Egypt, to Saudi Arabia and across Asia in Singapore, Malaysia, Indonesia, among others. Some of it can be unlocked to transform the economies of many countries by funding start-ups and venture-capital businesses to accelerate innovation, job creation, and dynamic growth.”Today will also feature a powerful line-up of experienced and respected leaders from the asset management and FinTech sectors.This afternoon’s Asset Allocation Outlook 2016 series will chart the future of asset classes, currencies, energy and commodities for the global investment community gathered at WIBC. Pioneers leading the series include Kurt Lieberman, CEO of Magni Global, Onur Takmak, Founding Partner & Chairman of RHEA Asset Management, Farouk Sousa, Citi’s Head of Middle East Economics, Fadi Al Said, Director at Lazard Gulf, Naomi Heaton, CEO of London Central Portfolio Ltd and Wael Ziada, Managing Director at EFG Hermes. The question of how the Fintech revolution will impact Islamic financial services will be taken up by experts that include Paul Boots of Beehive, Abdul Haseeb Basit of the UK’s Innovation Finance, Steve Polsky, Founder of Juvo Mobile, Matthew Joseph Martin, Founder of Blossom Finance, and Andrew Dix, CEO & Founder of Crowdfund Insider.Another highlight of the morning sessions was the global launch of the Finance Forward Islamic Finance Outlook 2016, delivered by Dr. Sayd Farook, Vice Chairman and CEO of Middle East Global Advisors. The Report will provide groundbreaking analysis and a comprehensive outlook to chart the direction of the global Islamic financial services industry. The insights are intended to help the Islamic banking leader understand the developments in the regulatory, economic, demographical and technological landscape. (photo: new realities)

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Estero/world news, Uncategorized | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

La Conferenza del Comites “I giovani digitali nel web”

Posted by fidest press agency su venerdì, 4 dicembre 2015

buenos airesBUENOS AIRES – Il primo dicembre la Commissione Scienza e Tecnologia del Com.It.Es di Buenos Aires, da me presieduta, ha realizzato una conferenza dal titolo “I giovani digitali nel web” in collaborazione con la Dirección Nacional de Proteccion de Datos Personale, progetto “Con vos en la Web” del Ministerio de Justicia de la Nacion, rappresentati dal Lic. Ezequiel Passeron e dal Lic. Marco Villan.I temi trattati sono stati:
-La famiglia nell’era digitale
-Visualizzazione delle immagini (Sexting)
-Discriminazioni web (Ciberbullismo)
-Molestie web (Grooming) – Identità digitale
Hanno manifestato grande interesse le massime autorità italiane in Argentina. Erano presenti:
Martin Lorenzini, Capo Ufficio Sociale e Coordinamento Consolare dell’Ambasciata d’Italia in Argentina
Maria Mazza, Direttrice dell’Istituto Italiano di Cultura
Riccardo Smimmo, Console Generale d’Italia a Buenos Aires
Vittorio Dragonetti, Dirigente Scolastico presso l’Ambasciata d’Italia e coordinatore di tutte le scuole italiane (primarie e seciondarie)
Verónica Morello, rrappresentante dell’ ENIT (organismo ufficiale italiano per il turismo)
Dario Signorini, Presidente del Com. It. Es. di Buenos Aires.
C’erano inoltre rappresentanti di varie istituzioni: Jose Luis De Lorenzo, Jose Bianco, Liliana Brusca, Karin Orlandi, Mario Milano, Jorge Converso ed altre importanti personalità della nostra collettività.
Gradita la presenza del cantante italiano Gianni Nazzaro accompagnto da Silvana Dilorenzo, cantante argentina d’origine italiana.
L’obiettivo principale di questa prima conferenza era fare prendere coscienza dei benefici e delle criticità dell’uso di internet e delle reti sociali e segnalare i pericoli e orientare le soluzioni. Obiettivo raggiunto ampiamente, come anche sottolineato dalle autorità presenti.
Un profondo ringraziamento a tutti i presenti e specialmente all’Ambasciatrice Teresa Castaldo che. non potendo partecipare personalmente a causa della sua agenda piena di impegni, si è fatta rappresentare dal Consigliere Mario Lorenzini.
Grazie anche a Maria Mazza, direttrice dell’Istitutro Italiano di Cultura, sempre così ben disposta a collaborare alle attività della bostra collettività.Voglio inoltre ringraziare José Conde e Josè Bianco per i reportaggi radio. Ed un grazie particolare a Gian Luigi Ferretti ed al quotidiano “L’Italiano” che è stato l’unico organo di stampa a diffondere la conferenza. (ANTONIO MORELLO Presidente della Commissione Scienza e Tecnologia del Comites di Buenos Aires)

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: | Leave a Comment »

Nuovo presidente Fondazione Papa Giovanni XXIII

Posted by fidest press agency su venerdì, 4 dicembre 2015

fondazione.jpgBergamo. Avvicendamento alla presidenza della Fondazione Papa Giovanni XXIII. Il notaio Armando Santus succede al saggista Marco Roncalli, che resta membro del Consiglio di amministrazione, confermato in toto, insieme al direttore della Fondazione don Ezio Bolis, dal vescovo di Bergamo monsignor Francesco Beschi.Il consiglio di amministrazione della Fondazione è altresì composto da monsignor Pasquale Pezzoli, sign.na Elisa Bortolato, dott. Giuseppe Giovanelli e prof. Luigi Roffia. La Fondazione Papa Giovanni XXIII (www.fondazionepapagiovannixxiii.it) è nata nel 2000 per volontà della Diocesi di Bergamo con l’intento di raccogliere, custodire, studiare e divulgare il prezioso patrimonio documentario di Angelo Giuseppe Roncalli, san Giovanni XXIII.Riversato dal suo segretario, cardinale Loris Francesco Capovilla, tale patrimonio consta di oltre 10.000 carte tra fascicoli, foto e volumi.L’attività della Fondazione Papa Giovanni XXIII comprende la promozione di studi, seminari, convegni, mostre e iniziative culturali (in collaborazione con diversi enti fra i quali le Università di Bergamo, Pavia e Pisa) per approfondire la conoscenza di Papa Roncalli.La sede della Fondazione è a Bergamo in via Arena 26. (foto: fondazione)

Posted in Cronaca/News, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: | Leave a Comment »

Rinnovo del mandato della commissione speciale in materia fiscale

Posted by fidest press agency su venerdì, 4 dicembre 2015

parlamento europeoIl lavoro della commissione speciale del Parlamento in materia fiscale continuerà con un nuovo mandato per altri sei mesi, a partire dal 2 dicembre come deciso mercoledì dalla Plenaria. Il lavoro della commissione s’incentrerà su regimi e pratiche fiscali pericolose delle aziende a livello europeo e internazionale.La risoluzione è stata approvata con 561 voti favorevoli, 56 voti contrari e 5 astensioni.
Il mandato è stato preparato dai coordinatori dei gruppi politici della prima commissione in materia fiscale e approvato all’unanimità dalla Conferenza dei Presidenti (composta dal Presidente del PE e dai leader dei gruppi politici), prima che l’intero Parlamento esprimesse il proprio sostegno.La struttura della commissione speciale in materia fiscale (TAXE II) sarà la stessa di quella che l’ha preceduta. La nuova commissione si baserà sul lavoro svolto da quella precedente, in particolare nell’affrontare le questioni irrisolte evidenziate nella sua risoluzione del 25 novembre.La commissione speciale avrà il compito, tra l’altro, di esaminare l’operato della Commissione europea in materia di aiuti di Stato e fiscalità, il rispetto da parte degli Stati membri delle normative fiscali nonché la pianificazione fiscale aggressiva da parte delle imprese.La nuova commissione monitorerà inoltre il rispetto da parte degli Stati membri e delle istituzioni UE delle raccomandazioni presentate dalla prima commissione TAXE. Inoltre, darà seguito alle raccomandazioni decise dalle istituzioni internazionali, quali l’OCSE e il G20.

Posted in Estero/world news, scuola/school | Contrassegnato da tag: | Leave a Comment »

Stabilità: Binetti (Ap): prevedere formazione per ridurre costi della medicina difensiva

Posted by fidest press agency su venerdì, 4 dicembre 2015

Paola-Binetti“La legge di stabilità potrebbe offrire una doppia via di uscita, sufficientemente onorevole per il governo, a garanzia della salute dei cittadini, ma anche nel pieno rispetto delle nuove norme comunitarie che pongono limiti ben precisi all’orario di lavoro di medici ed infermieri”. Lo scrive in una nota Paola Binetti, deputato di Area popolare (Ncd- Udc).
“Le risorse potrebbero arrivare dalla cosiddetta medicina difensiva che sta raggiungendo dei costi sempre più proibitivi sia per le aziende che per i singoli professionisti. La Commissione parlamentare d’inchiesta sugli errori in sanita ritiene che, già la sola medicina difensiva che si riferisce al surplus di spesa sanitaria non legata a finalità terapeutiche ma alla riduzione del rischio di contenzioso, valga annualmente 10 miliardi di Euro, pari allo 0,75% del Prodotto Interno Lordo- spiega la deputata-.
Le ragioni per le quali la medicina difensiva è praticata sono ampiamente riconducibili al timore di una denuncia da parte dei pazienti, che va ad alimentare un contenzioso, che sta sfuggendo di mano alle stesse strutture sanitarie.
Il 77,9% dei medici intervistati in una recente indagine- commenta – ha ammesso di aver tenuto almeno un comportamento di medicina difensiva nell’ultimo mese di lavoro proponendo il ricovero di pazienti che riteneva gestibili ambulatorialmente, prescrivendo un numero di esami maggiore rispetto a quello ritenuto necessario per effettuare la diagnosi.
Contrastare l’abnorme sviluppo della medicina difensiva non può però essere ricondotto esclusivamente ad una operazione della legge di stabilità, servono, infatti, investimenti in formazione che riguardano la classe medica a tutti i livelli, le direzioni aziendali, i pazienti e le associazioni che li rappresentano. Occorre capire e far capire che ci troviamo davanti a degli sprechi di tali dimensioni da sottrarre risorse preziose su altri fronti dell’assistenza e della cura. Quando i malati chiedono più assistenza domiciliare- spiega Binetti- perché anziani soli disabili, quando i pazienti affetti da malattie rare reclamano un’attenzione specifica sui trattamenti innovativi di cui hanno assoluto bisogno, quando l’ampio settore delle dipendenze chiede una revisione radicale dei modelli organizzativi, a tutti costoro occorrerebbe ricordare lo spreco che suppone la medicina difensiva. Ma bisognerebbe ricordarlo anche quando il personale medico-infermieristico affronta turni massacranti, per mettersi in gioco a fianco dei malati ricoverati in aree ad alta intensività.
Grazie alle direttive europee faremo una piccola rivoluzione di cui tutti sentivano un estremo bisogno, ma per questo occorre cominciare e ricominciare investendo il mondo della formazione della informazione, perché le risposte siano efficaci e trasparenti”.

Posted in Cronaca/News, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: | Leave a Comment »

Fine del segreto bancario in Liechtenstein per i cittadini UE

Posted by fidest press agency su venerdì, 4 dicembre 2015

LiechtensteinUn accordo comunitario con il Liechtenstein, che renderà più difficile per i cittadini dell’Unione europea aprire conti bancari in tale Paese per nascondere capitali al fisco, è stato approvato mercoledì dal Parlamento. In base all’accordo, a partire dal 2018 l’Unione europea e il Liechtenstein si scambieranno automaticamente le informazioni sui conti finanziari dei reciproci residenti.L’UE e il Liechtenstein si erano accordati nel mese di ottobre scorso per reprimere le frodi e l’evasione fiscale. Le informazioni saranno scambiate non solo sul reddito, come interessi e dividendi, ma anche sui saldi e sui proventi della cessione di attività finanziarie.L’accordo, approvato con 561 voti a favore, 49 contrari e 30 astensioni, garantisce che il Liechtenstein applicherà misure più restrittive, equivalenti a quelle in vigore dal marzo 2014 nell’Unione europea. L’accordo è anche conforme allo standard globale 2014 sullo scambio automatico di informazioni sui conti finanziari promosso dall’OCSE.Le amministrazioni fiscali degli Stati membri UE e in Liechtenstein potranno:
identificare in modo chiaro ed inequivocabile i contribuenti interessati,
amministrare e far applicare le loro legislazioni fiscali in situazioni transfrontaliere,
valutare la probabilità di evasioni fiscali perpetrate, e
evitare ulteriori indagini non necessarie.
L’accordo entrerà in vigore il 1° gennaio 2016.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Estero/world news | Contrassegnato da tag: | Leave a Comment »

Tensione e violenza al confine tra Grecia ed ex Repubblica Jugoslava di Macedonia

Posted by fidest press agency su venerdì, 4 dicembre 2015

balcaniL’UNHCR esprime forte preoccupazione per la situazione di tensione e violenza al confine tra Grecia ed ex Repubblica Jugoslava di Macedonia. Chiede pertanto alle autorità di entrambi i Paesi di gestire i confini in maniera da garantire il rispetto dei diritti umani e dei principi di protezione dei rifugiati.A seguito delle restrizioni all’ingresso di rifugiati e migranti di Paesi diversi da Siria, Afghanistan e Iraq da parte delle autorità lungo la rotta balcanica occidentale, negli ultimi giorni le tensioni sono cresciute a Idomeni, sul lato greco del confine. In diverse occasioni, queste tensioni hanno portato a violenza e alla chiusura temporanea della frontiera.In questo contesto, l’UNHCR esprime cordoglio per la morte di un uomo marocchino al confine, in circostanze ancora da chiarire. Questo tragico evento sottolinea ulteriormente la necessità da parte delle autorità di agire in maniera appropriata. Chiediamo alle autorità greche di ripristinare la sicurezza come azione prioritaria, per assicurare la protezione di coloro che ne hanno bisogno e la tutela degli operatori umanitari e dei volontari.Mezzi di trasporto sono stati messi a disposizione dei rifugiati e dei migranti che non sono stati ammessi nell’ex Repubblica Jugoslava di Macedonia per tornare ad Atene, dove sono disponibili servizi di prima accoglienza e assistenza e lo staff UNHCR è presente per offrire pareri individuali e consulenze legali ad personam.L’UNHCR ribadisce le proprie preoccupazioni per le conseguenze delle chiusure delle frontiere messe in atto da diversi paesi dei Balcani. L’UNHCR raccomanda di tracciare il profilo delle persone basandosi sulle loro esigenze di protezione e non sulla loro nazionalità. L’UNCHR e altre organizzazioni si appellano agli stati coinvolti perché ristabiliscano la cooperazione e i meccanismi di risposta convenuti al summit dei Balcani Occidentali dell’8 Ottobre e all’incontro dei leader balcani del 25 novembre.

Posted in Estero/world news, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: | Leave a Comment »

REMAX, Fiaip, Casashare Credipass e Wikicasa insieme per il futuro dell’immobiliare

Posted by fidest press agency su venerdì, 4 dicembre 2015

remax.jpgSecondo un’indagine condotta da RE/MAX Europe in 16 paesi del nostro Continente, emerge che internet è chiaramente il mezzo prescelto per le ricerche immobiliari.L’81% degli intervistati in Europa preferisce utilizzare i portali immobiliari generici per iniziare la propria ricerca della casa dei sogni e più del 65% concentra la sua ricerca utilizzando siti web di agenti immobiliari.Oggi i portali immobiliari generici sono al primo posto anche per quanto riguarda il tasso di successo, seguiti dalla richiesta di consigli e segnalazioni da parte di amici e parenti e da ricerche effettuate su siti web gestiti da agenzie e agenti immobiliari. Nel 76% dei casi, tramite l’utilizzo di strumenti online per la ricerca di un immobile, si trova un riscontro positivo che culmina in un acquisto. Questi dati confermano che l’innovazione tecnologica e gli strumenti di promozione e visibilità online stanno diventando, oggi, sempre di più i mezzi utilizzati anche nell’ambito del Real Estate.Negli ultimi anni, sempre più privati si improvvisano ‘agenti immobiliare self-made’, ma nella maggior parte dei casi non riescono a gestire la trattativa con successo arrivando alla corretta finalizzazione. E’ questo che li differenzia da un professionista dell’immobiliare che può presentarsi con un ‘biglietto da visita’ composto da conoscenza approfondita del settore, comprensione delle dinamiche dell’andamento del mercato, e competenza della materia. Nel nostro Paese, alla fine, 1 italiano su 2 che vuole acquistare o vendere un immobile, sceglie di affidarsi ad un agente immobiliare.“Con la previsione di una ripresa graduale del mercato che comunque si manterrà ben sotto i livelli pre crisi – commenta Dario Castiglia, Presidente di RE/MAX Italia – gli agenti immobiliari che vogliono‎ avere successo devono necessariamente munirsi di tutti i supporti disponibili sul mercato: che questi possano derivare da un franchising di successo, da l’utilizzo di tecnologie all’avanguardia, dall’uso di un portale di collaborazione, dal supporto finanziario.
Real Estate Innovation Day vuole offrire una panoramica di quali strumenti di successo sono oggi disponibili sul mercato per dare una marcia in più alla nostra categoria”.L’evento Real Estate Innovation Day nasce proprio dalla voglia delle aziende che operano nel settore immobiliare in diversi ambiti, di collaborare perché il cliente possa trovare nei professionisti del settore un punto di riferimento a cui rivolgersi.Per questo motivo all’incontro, svoltosi questa mattina a Roma, hanno partecipato esponenti di RE/MAX Italia – network immobiliare in franchising presente in Italia dal 1996 e che conta oggi più di 210 agenzie e oltre 1.400 agenti affiliati sul territorio italiano, Casashare.it – active finder immobiliare pensato per i professionisti del settore e per le esigenze dei moderni clienti. WikiCasa – portale immobiliare business to consumer in cui vengono visualizzati solo contenuti proposti da agenti immobiliari per garantire al cliente finale un servizio di livello offerto solo da professionisti del Real Estate, e Credipass – società di mediazione creditizia che in pochi anni è diventata leader del mercato anche attraverso un forte orientamento alla tecnologia e all’innovazione ed una notevole propensione allo sviluppo di sinergie col mondo immobiliare per cui ha creato una piattaforma di servizi costituendo l’azienda Casapass con la quale offre un’ampia gamma di opportunità per operatori immobiliari.Il 1° Real Estate Innovation Day ha inoltre riscontrato l‘appoggio di Fiaip, Federazione Italiana Agenti Immobiliari Professionali, ed il Presidente Nazionale, Paolo Righi, ha accettato l’invito a partecipare così da poter offrire agli ospiti la visione ‘super partes’ ed istituzionale della Federazione, all’attuale andamento delle dinamiche dell’attività svolta oggi dai professionisti del settore del Real Estate.Secondo Pietro Pellizzari, fondatore di WikiCasa – portale immobiliare business to consumer in cui vengono visualizzati solo contenuti proposti da agenti immobiliari – la tecnologia sta rivoluzionando sempre di più anche il settore immobiliare. I clienti si evolvono grazie ai nuovi strumenti che l’innovazione mette loro a disposizione. Le informazioni immobiliari, vero valore degli intermediari, sono facilmente reperibili e accessibili sul web. Oggi più che mai le agenzie devono offrire servizi nuovi, innovarsi e sfruttare la tecnologia a proprio vantaggio. WikiCasa, il portale annunci degli agenti immobiliari, promuove il Real Estate Innovation Day e tutti gli eventi di formazione e informazione che si propongono di ridare slancio alla professionalità della categoria.Concorde anche il pensiero di Massimiliano Pochetti, Presidente di Casashare.it, che vede nella gestione delle informazioni un vero processo di trasformazione dei dati in conoscenza e non un tentativo bigotto di tornare a segretarle. La necessità quindi di adeguarsi al cambiamento è un dovere per tutti i professioni del settore. I potenziali clienti di oggi avrebbero bisogno di uno o più mediatori?
“Certamente si, ma ancor prima viene l’esigenza di essere ascoltati, seguiti e coinvolti nella speranza di riuscire a portare a compimento il progetto abitativo. – remax1dichiara Massimiliano Pochetti – Il professionista dovrà confrontarsi e soprattutto gestire le informazioni pubbliche online al fine di ottenere o mantenere un ruolo centrale nel moderno mercato”.La modernità oggi è sinonimo di evoluzione e quindi si ritorna a parlare di innovazione, fulcro dell’incontro che vede anche la partecipazione di Credipass e Casapass.“Abbiamo accolto immediatamente e favorevolmente l’invito a partecipare al Real Estate Innovation Day spinti dal titolo stesso dell’evento, che oltre a creare grandi aspettative – INNOVATION – rappresenta la principale peculiarità che contraddistingue le nostre aziende, permettendoci di superare brillantemente questi ultimi anni di recessione. – dichiara Enrico Quadri, Amministratore Delegato Casapass – “I temi che affronteremo durante questo Forum e i concetti che esprimeremo, sono finalizzati a dimostrare che la ripartenza del mercato immobiliare non può prescindere da un maggiore e miglior utilizzo della leva del credito”.Oggi, attraverso la tecnologia ed un Marketing evoluto, Credipass e Casapass sono in grado di comunicare al consumatore e alla clientela degli operatori immobiliari, in modo efficace e pragmatico, che è giunto il momento di tornare a progettare l’acquisto della casa approfittando di un irripetibile momento di grazia del mercato del credito immobiliare.Ripresa che è stata positivamente riscontrata anche da RE/MAX Italia, network immobiliare che conta oggi più di 1.400 professionisti che ogni giorno affiancano acquirenti e venditori nel delicato momento della compravendita.“Dopo 20 anni dal suo sbarco in Italia, RE/MAX continua a crescere, indipendentemente dall’andamento del mercato grazie a sistemi, strategie, metodologie e programmi formativi che continuano a rendere il nostro Gruppo innovativo – dichiara Riccardo Bernardi, AD della divisione Corporate Grandi Clienti di RE/MAX Italia – “l’incontro di oggi rappresenta un momento di condivisione di quelli che per noi si sono dimostrati essere la chiave vincente del nostro metodo come gli Open House, l’organizzazione di eventi specifici, il modello di agenzia e la vera collaborazione MLS che venti anni fa abbiamo importato direttamente dal nord America”. (foto: remax)

Posted in Cronaca/News, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Rapporto sulle migrazioni

Posted by fidest press agency su venerdì, 4 dicembre 2015

fuga migrantiLa Fondazione Ismu stima che al 1° gennaio 2015 la popolazione straniera in Italia ha raggiunto 5,8 milioni di presenze (regolari e non), con un aumento di 150mila unità (+2,7%) rispetto all’anno precedente in cui gli immigrati erano quasi 5,6 milioni. Nel corso dell’ultimo biennio le dinamiche del fenomeno migratorio presentano significative novità, sia a causa dei perduranti effetti che la crisi economica continua ad avere sul mercato del lavoro, sia a causa dei cambiamenti geo-politici e dei conflitti che stanno investendo le regioni del Medio Oriente. Il primo elemento di novità è dato dall’elevato numero di migranti e di richiedenti protezione internazionale arrivati via mare nel nostro Paese che nel 2014 hanno raggiunto la cifra record di 170mila unità1, contro le 43mila del 2013. Scenario che è ulteriormente cambiato nel corso del 2015: a causa della pericolosità della tratta Libia-Italia i flussi di migranti si sono diretti principalmente verso la Grecia che ha registrato, dal 1° gennaio fino al 20 novembre 2015, 715mila arrivi, contro i 143mila dell’Italia.L’aumento degli arrivi ha determinato un cambiamento significativo anche dal punto di vista della composizione dei flussi che si riflette in un incremento rilevante di richiedenti asilo che nel 2014 sono cresciuti esponenzialmente arrivando a totalizzare 65mila domande (a queste vanno aggiunte le 61.545 domande presentate tra il 1° gennaio e il 10 ottobre 2015). Se da un lato cresce il numero di richiedenti asilo, dall’altro continuano a diminuire i flussi per lavoro (-84% dal 2010). Altro elemento di forte novità è il costante aumento delle acquisizioni di cittadinanza italiana, in particolare tra i minori di 15 anni: nel biennio 2013-2014 sono 231mila gli stranieri che sono diventati italiani (130mila solo nel 2014, mentre nel 2012 erano poco più di 60mila). Cresce anche il numero degli italiani residenti all’estero (nel 2014 erano 5 milioni). Il fenomeno dell’irregolarità, pur registrando una leggera ripresa, rimane comunque a un livello fisiologico (l’incidenza è inferiore al 7%): al 1° gennaio 2015 Ismu stima che non abbiano un valido titolo di soggiorno 404mila stranieri (contro i 350mila alla stessa data dell’anno precedente). Sul fronte lavorativo si registra un aumento dell’occupazione straniera: infatti dopo un lieve calo nel I trimestre 2015, il numero di occupati stranieri è tornato a crescere nel II trimestre, portando a un saldo positivo di 50mila unità rispetto allo stesso periodo del 2014. Gli stranieri hanno superato la soglia del 10% del totale degli occupati.
Al convegno, moderato dal vicedirettore del Corriere della Sera Venanzio Postiglione, hanno partecipato Mariella Enoc, Presidente della Fondazione Ismu; Vincenzo Cesareo, Segretario Generale della Fondazione Ismu; Fabrizio Spada, direttore Rappresentanza Commissione europea a Milano; Ernesto Galli della Loggia, professore emerito di storia contemporanea; Gian Carlo Blangiardo, Responsabile Settore Monitoraggio Fondazione Ismu; Valeria Setti, Unità di Migrazione Legale e Integrazione alla Direzione Generale Migrazione e Affari Interni della Commissione Europea; Federico Soda, Direttore per il Mediterraneo dell’Organizzazione internazionale per le migrazioni (OIM); Stefano Manservisi, Capo di gabinetto dell’Alto Rappresentante dell’Unione Europea per gli affari esteri e la politica di sicurezza. Nel corso del convegno sono state assegnate due targhe Ismu, una a Save the Children, l’altra a Nawal Soufi.

Posted in Cronaca/News, Uncategorized, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: | Leave a Comment »

Un Viaggio di 100 anni nelle neuroscienze

Posted by fidest press agency su venerdì, 4 dicembre 2015

alzheimer-cervelloQuest’anno Lundbeck ha celebrato i cento anni dalla sua fondazione e attraverso questo Forum abbiamo voluto ripercorrere questo secolo attraverso le scoperte scientifiche e le relative applicazioni in medicina che hanno consentito di raggiungere traguardi importanti per la diagnosi e cura delle malattie mentali. Tutto questo con lo sguardo rivolto in avanti, pensando al futuro, ai prossimi decenni.
Oggi il nostro Gruppo ha consolidato nell’industria farmaceutica il ruolo di azienda specializzata nel trattamento di patologie del Sistema Nervoso Centrale e che ha il coraggio di investire ancora in ricerca in un’area terapeutica tra le più difficili in cui poter sviluppare nuovi trattamenti, focalizzando sulla salute mentale tutta la nostra attività. Abbiamo puntato la nostra ricerca sullo studio e la cura delle patologie di origine neurologica, come Parkinson, Alzheimer, Huntington e siamo rimasti gli unici a fare ricerca nell’ambito delle patologie mentali di origine psichica come ansia, depressione, schizofrenia, alcoldipendenza, ambito in cui il rischio di fallimento e l’alta percentuale d’insuccessi ha portato molte aziende a disinvestire. In questo quadro abbiamo deciso di puntare strategicamente sull’Italia, ad esempio con l’apertura nel 2000 dello stabilimento di chimica fine di Padova dove abbiamo già investito oltre 40 milioni di euro.
Nel 2014 il 21% del fatturato è stato impiegato in ricerca e nel futuro le strategie aziendali prevedono un ulteriore rafforzamento del nostro impegno in ricerca. Il sistema nervoso centrale rappresenta l’ultima frontiera e sarà il protagonista del 21° secolo. La sfida sarà quella di gestire la cronicità di milioni di malati che sono destinati ad aumentare esponenzialmente, diventando la patologia cronica più frequente.
Il nostro obiettivo è quello di dare risposte sempre più innovative, perché se questo rappresenta un beneficio per l’azienda lo è anche per i malati.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: | Leave a Comment »

La neuroeconomia al forum delle neuroscienze

Posted by fidest press agency su venerdì, 4 dicembre 2015

la_potenza_del_pensiero_02Se il nostro cervello fosse costituito dalla sola corteccia prefrontale, la parte ‘nobile’, che ci differenzia dagli animali, dove hanno sede le facoltà mentali superiori, potremmo essere sicuri delle nostre scelte economiche e affidarci alle teorie dell’economia neoclassica. Invece dobbiamo fare i conti con le più recenti ricerche delle neuroscienze che solo da pochi anni hanno compreso due elementi fondamentali: uno che le emozioni intervengono a gamba tesa anche nelle cosiddette decisioni razionali, due che il cervello non è poi così affidabile e ci inganna specialmente quando abbiamo a che fare con il denaro.
Se n’è accorto anche l’ex Presidente della Banca Centrale Jean Claude Trichet quando ha affermato: “come responsabile delle politiche in tempo di crisi ho visto che i modelli economici e finanziari a disposizione forniscono un aiuto limitato” il che si traduce nel fatto che quando abbiamo a che fare con il denaro è bene chiamare in causa gli scienziati. Strana ma ormai consolidata commistione di competenze di cui parla al Forum delle Neuroscienze il Prof. Matteo Motterlini, Direttore del CRESA (Centro di Ricerca in Epistemologia Sperimentale e Applicata) e Ordinario di Filosofia della Scienza all’Università San Raffaele dove insegna Economia Cognitiva e Neuroeconomia.
“Le neuroscienze sono la chiave della ‘scatola nera’ del comportamento economico. Da alcuni anni studi sull’attività cerebrale hanno rivelato che il cervello umano ha risposte precise di fronte a situazioni come perdite, guadagni e rischi e ora sappiamo ad esempio che esiste un fenomeno chiamato ‘avversione alle perdite’ per il quale perdite e guadagni non hanno lo stesso valore: perdere 100 euro fa più ‘male’ rispetto alla gioia di vincere la stessa somma. Inoltre il cervello non ama il rischio e attiva l’amigdala che in maniera del tutto istintiva (e quindi al di sotto del livello della coscienza) porta a prendere decisioni che prediligono la cautela anche quando sarebbero convenienti. L’esempio è noto: se anche voi siete propensi a rifiutare una scommessa che vi da la possibilità di vincere o perdere 100 euro al 50% è perché l’amigdala si accende a segnalare proprio l’avversione all’idea di non avere un vantaggio. Perdere infatti genera un vero e proprio dolore emotivo. Tanto che paradossalmente, il pensiero di perdere porta talvolta a rinunciare a vincere.”
Immaginate di partecipare a questo gioco di investimento: potete decidere se tenervi 100 euro oppure investirli. L’investimento consiste nel darli allo sperimentatore, il quale lancerà una moneta: se uscirà testa avrete perso i 100 euro, se uscirà croce ne avrete vinti 250. Il gioco prevede venti turni. Chi ha voglia può farsi i calcoli, ma chiunque noterà che conviene investire essendo l’utilità attesa maggiore per ogni turno. Eppure, proprio perché il nostro cervello emotivo è progettato per evitare le perdite, la maggior parte delle persone “sane di mente” (in questo esperimento il sessanta per cento) si comporta in modo irrazionale, nel senso che preferiscono guadagnare di meno pur di evitare le potenziali perdite. Non solo, in una situazione che può rivelarsi particolarmente istruttiva riguardo alla vostra reazione di fronte all’andamento dei mercati in tempi recenti, si assiste al fatto che la decisione di investire è fortemente influenzata dall’esito del turno precedente. Dopo una scommessa persa, cioè, la volontà di investire nella successiva diminuisce significativamente. La controprova viene dallo studio di soggetti con lesioni dell’amigdala che di fronte alle decisioni economiche hanno mostrato un comportamento più razionale perché non subiscono l’effetto ‘emotivo’ delle perdite. Le emozioni quindi entrano a gamba tesa nelle decisioni economiche e ci rovinano i piani: per compensare una perdita di, poniamo, 100 euro, dovremmo guadagnarne o vincerne a breve distanza almeno 225.
In uno studio del 2014 su duemila persone intervistate nel corso di un test ‘psico-finanziario’ realizzato proprio dal team del CRESA del San Raffaele sono state analizzate le correlazioni tra stati d’animo e trappole cognitive che possono condizionare le scelte di un investimento. Interessanti i risultati: le donne vivono le perdite economiche in modo più traumatico (22% contro il 16% degli uomini) ma i maschi cadono nella trappola dell’eccessiva fiducia in sé stessi tendendo a sopravvalutare la propria capacità di controllare gli eventi (e di converso, sottovalutando i rischi).
Meccanismo ben noto dalle aziende che studiano strategie per mascherare i pagamenti e quindi diminuire la resistenza a spendere grazie a formule ‘all inclusive’, pacchetti di servizi e braccialetti di palline per pagare le consumazioni nei villaggi turistici. Le fiches dei casinò sono un esempio lampante ma anche l’uso massivo di denaro elettronico tramite carte di pagamento che ci fanno ‘soffrire’ di meno di fronte ad un pagamento. Spendere una moneta ‘simbolica’ infatti non sembra avere lo stesso ‘costo’ psichico.
La razionalità di cui ci vantiamo quando prendiamo decisioni economiche sarebbe un altro errore di valutazione.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: | 1 Comment »

Depressione: la malattia del secolo

Posted by fidest press agency su venerdì, 4 dicembre 2015

Roma. E’ la malattia a maggiore incidenza nel mondo e al primo posto nei paesi occidentali e nel 2020 sarà la maggior causa di disabilità dopo le malattie cardiovascolari. Secondo la Relazione del 2011 dell’ECNP (European College Neuropsychopharmacology) che ha condotto uno studio triennale, coinvolgendo trenta paesi (Unione Europea, Svizzera, Islanda e Norvegia) e una popolazione complessiva di 514 milioni di persone, sono 30,3 milioni le persone affette da Depressione Maggiore in Europa.
In Italia – Secondo il Rapporto OsMed (Uso dei farmaci in Italia) 2013, presentato dall’AIFA, la depressione colpisce il 12,5% della popolazione assistibile, di cui solo il 34,3% assume farmaci antidepressivi. Ad oggi ancora un’elevata percentuale della popolazione adulta che presenta sintomi depressivi non chiede aiuto a nessuno7 e solo circa un terzo dei pazienti riceve terapie antidepressive4. Eppure in questi soggetti il rischio di suicidio è trenta volte superiore rispetto alla popolazione generale. Ma soprattutto, se non trattata, la depressione tende alla cronocità e alla progressiva disabilità, così come spiegato dagli esperti internazionali riuniti all’Accademia dei Lincei di Roma per il Forum delle Neuroscienze.
Inoltre il 50% dei pazienti non ottiene risultati dal primo trattamento e abbandona, semplicemente, la ricerca di una terapia efficace. La malattia si manifesta con vissuti di profonda tristezza, dolore morale, senso d’inutilità, disperazione, perdita dello slancio vitale, incapacità di provare gioia e piacere, disinteresse per le normali attività, inadeguatezza nello svolgimento del lavoro abituale. Quello che prima era semplice diventa difficile, non è possibile partecipare alla vita sociale, non si prova più alcun interesse. Il paziente lamenta di non provare più affetto per i propri cari, di sentirsi distaccato da qualsiasi situazione.
Disturbi somatici – Oltre alla salute psicologica, anche la salute fisica delle persone con sintomi depressivi risulta decisamente compromessa, se paragonata al resto della popolazione adulta: nel mese precedente l’intervista le prime dichiarano mediamente più giorni vissuti in cattive condizioni fisiche (10 giorni vs 2 giorni), in cattiva salute psicologica (16 giorni vs 2 giorni) e più giorni con limitazione delle abituali attività (7 giorni vs 1 giorno). La depressione porta con sé una spiccata comorbidità con cancro, diabete e malattie cardiache, il che si traduce in un maggior rateo di mortalità precoce e, soprattutto, evitabile, così come sottolineato anche dall’OMS (http://www.who.int/mediacentre/factsheets/fs369/en/)
Disturbi cognitivi non riconosciuti nemmeno dai pazienti – Alla depressione si associano frequentemente disturbi cognitivi che tendono a manifestarsi per oltre il 94% del tempo nel corso degli episodi depressivi, rappresentati da difficoltà nell’attenzione, nella concentrazione e memorizzazione. Il rallentamento ideativo si traduce in incertezza e in alcuni casi in incapacità di prendere qualunque decisione, anche la più semplice, creando notevoli disagi e scadimento delle prestazioni. I sintomi di tipo cognitivo sono associati a peggiori esiti clinici e sociali della malattia. Sebbene i sintomi cognitivi della depressione siano spesso frequentemente associati alla depressione e causino problemi nelle funzioni e nella produttività sul lavoro, vi è una scarsissima consapevolezza al riguardo: quando si chiedeva di identificare i segni della depressione, solo il 33% degli intervistati menzionava la scarsa memoria, il 44% l’indecisione e il 57% la difficoltà di concentrazione
Crollo verticale della qualità di vita – L’impatto della depressione sulla qualità di vita è drammatico per il paziente ma anche per tutta la famiglia, poiché corrode il funzionamento individuale e sociale della persona, riducendo la capacità di interpretare un ruolo “normale” nelle diverse attività in ambito familiare, socio-relazionale e lavorativo. Le persone con questo disturbo sembrano ‘scomparire’ dalla vita sociale e lavorativa. Evitamento e progressivo ritiro sociale fanno di questi pazienti dei ‘malati invisibili’ e tenendo conto che, per ogni paziente, sono coinvolti almeno due-tre familiari, il numero delle persone coinvolte indirettamente dal disturbo depressivo è di 4-5 milioni.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: | Leave a Comment »

Si apre l’era dell’epigenetica “artificiale”

Posted by fidest press agency su venerdì, 4 dicembre 2015

cervelloRoma, Come spesso accade è la Natura che offre gli spunti della ricerca e in questo caso il pensiero corre al modo in cui proprio la luce è il fattore che regola meccanismi biologici e metabolici in batteri, funghi e alghe. Per non parlare delle piante che dalla luce dipendono anche per il nutrimento. Queste osservazioni della Natura si sono fuse con lo studio della neurofisiologia, con i meccanismi della visione, con la genetica e si sono sposate con le più moderne tecniche di stimolazione ottica cerebrale per portare ad una nuova branca di studi molto promettente, l’optogenetica. Se il nome sembra ostico, sarà più facile ricordarlo quando diremo che nel prossimo futuro con questa tecnica saremo in grado di trattare molte patologie cerebrali e non. L’argomento sarà oggetto di una relazione al Forum delle Neuroscienze in corso a Roma presso l’Accademia dei Lincei, l’evento internazionale che fa il punto sulla ricerca sul cervello.
In termini di tempo la sfida più prossima, alla quale stanno lavorando all’Istituto Italiano di Tecnologia di Genova, diretti da Fabio Benfenati, Coordinatore del Center for Synaptic Neuroscience and Technology dell’Istituto Italiano di Tecnologia di Genova, è la realizzazione della prima ‘retina artificiale’ realizzata con raffinati materiali biocompatibili: ‘in pratica funziona come un minuscolo pannello fotovoltaico che cattura gli stimoli luminosi e li trasforma in stimoli elettrici capaci di attivare i neuroni posti in contatto con l’interfaccia. Il materiale polimerico (una grande molecola che ha l’aspetto di una lunga catena, alla quale possono essere legate ramificazioni) è in grado pertanto di imitare l’azione dei fotorecettori retinici (coni e bastoncelli) che fisiologicamente trasformano la radiazione luminosa in attività elettrica dei neuroni retinici. Si è infatti dimostrato che, una volta impiantato in retine affette da degenerazione dei fotorecettori (quello che succede nella Retinite pigmentosa e nella degenerazione maculare) come protesi retinica, tale materiale è in grado di ripristinare la sensibilità alla luce della retina malata. “Al momento siamo passati dalla sperimentazione sui ratti a quella sui suini, un modello molto più simile a quello umano e se dovesse funzionare potremmo avere i primi test sull’uomo ottimisticamente entro un paio d’anni” prosegue Benfenati.Ma i ricercatori hanno fatto balzi in avanti ancora più ambiziosi e si sono spinti ad utilizzare delle fibre ottiche per stimolare, proprio con la luce, i neuroni, arrivando a capire che non solo è possibile indurre le cellule nervose a produrre proteine fotosensibili derivate da cellule microbiche (opsine) in grado di eccitare o inibire elettricamente i neuroni se stimolate con la luce, ma addirittura ad usare la luce per accendere o spegnere i geni, in una forma raffinata di epigenetica che potremmo definire ‘artificiale’.
“Stiamo lavorando su cellule che producono particolari proteine chiamate ‘opsine’” prosegue Benfenati “Identificate negli anni ‘70 e oggi utilizzate per “dare ordini” ai neuroni che si vogliono studiare. Attraverso dei vettori virali, ossia virus programmati per veicolare materiale genetico ma che non inducono malattie, è possibile “iniettare” all’interno delle cellule neuronali il gene che codifica l’opsina. L’inserimento di questo gene fa si che il neurone designato, divenga sensibile allo stimolo luminoso e risponda a “comandi” impartiti dall’esterno con una precisione temporale dell’ordine di millisecondi”. Da questo punto di vista, “interrogare” il cervello con la luce permette di stimolare o inibire in modo specifico solo i neuroni che sono stati trasformati a produrre le “opsine” fotosensibili, mentre la stimolazione elettrica, usata nell’uomo ad esempio nella terapia del morbo di Parkinson, provoca solo eccitazione in tutte le cellule nella zona in cui viene inserito l’elettrodo, senza distinguere i vari tipi cellulari.
Inserendo i geni delle opsine all’interno dei neuroni, i ricercatori usano la luce emessa da fibre ottiche per innescare a comando l’attività di cellule cerebrali specifiche. Questa tecnologia, detta optogenetica, permette di studiare specifici tipi cellulari nel cervello, eccitandoli, inibendoli o modificando l’espressione genica, cosa impossibile con la semplice stimolazione mediante elettrodi (che esercitano solo una azione eccitatoria).Verso una ‘epigenetica artificiale’ – Se l’epigenetica è l’azione dell’ambiente sull’attivazione o la disattivazione dei geni, in futuro potremo usare la luce per accendere i geni benefici e disattivare quelli pericolosi a nostro piacimento. Proprio come utilizziamo un comune interruttore, potremo usare la luce per modificare il nostro DNA, modificare geni malati e quindi curare molte patologie. Gli scienziati stanno sfruttando l’optogenetica per capire come gruppi definiti di neuroni causano eventi fisiologici e comportamenti complessi nei vermi, nei moscerini, nei pesci, negli uccelli e nei mammiferi. Questi studi stanno permettendo anche di comprendere l’origine di disturbi come la depressione, i disturbi del sonno, il morbo di Parkinson e la schizofrenia e rappresentano un promettente futuro approccio terapeutico a queste patologie.L’optogenetica è la combinazione dell’ottica e della genetica, per controllare eventi ben definiti entro qualsiasi specifica cellula del tessuto vivente, non solo di quello nervoso. Comporta, l’inserimento nelle cellule di geni che permettono di rispondere alla luce emessa da particolari sonde a fibra ottica impiantate in siti specifici del cervello.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science, Roma/about Rome | Leave a Comment »

Ultima mostra di Marco Victor Romano

Posted by fidest press agency su venerdì, 4 dicembre 2015

montaioneMontaione. Il 12 dicembre alle ore 17:00 nella Tenuta di Castelfafi a Montaione si terrà un incontro promosso da Francesco Gucci, Direttore della Galleria Nuvole Volanti per presentare il catalogo dell’ultima mostra di Marco Victor Romano e un’esposizione temporanea di alcune opere selezionate degli artisti della Galleria, fra alcune tele dei Caravaggisti Rocco Normanno e Michelangelo della Morte, i cui lavori sono stati molto apprezzati dal pubblico e dalla critica. All’evento parteciperanno personalità del mondo dell’arte e della cultura, artisti e addetti ai lavori.
La presenza della Galleria Nuvole Volanti in un luogo così esclusivo come la Tenuta di Castelfalfi, conosciuta in tutto il mondo per la bellezza delle sue strutture ricettive e gli straordinari campi da golf, frequentata da un pubblico internazionale che qui apprezza l’indiscutibile fascino e le straordinarie bellezze del paesaggio toscano, sta divenendo sempre più il riferimento culturale della Tenuta che ha mantenuto il suo essere borgo antico permeato di fascino e storia, dove non mancano, grazie all’attività della Galleria, importanti proposte espositive e culturali.
Nell’anno che ha visto il successo di tutte le attività espositive proposte e il consolidamento del rapporto fra la Galleria e Toscana Resort Castelfalfi, la Galleria è lieta di annunciare come Toscana Resort Castelfalfi abbia scelto un’opera di Marco Victor Romano per essere presente all’evento esclusivo di Rolls-Royce “A strive for perfection. A celebration of Design & Luxury”, promosso dalla storica casa automobilistica che si svolgerà a Londra il prossimo 4 dicembre alla Saatchi Gallery.
In occasione della celebrazione londinese, i luxury brand presenti nell’elitaria pubblicazione sono stati chiamati a dare il loro contributo alla serata con un’opera d’arte che fosse il più rappresentativa possibile della loro essenza e della loro filosofia.
Toscana Resort Castelfalfi ha scelto un’opera dell’artista Marco Victor Romano, “ReLive”, capace, nella sua apparente semplicità, di amplificare visivamente e metaforicamente lo spirito più autentico, i valori e la storia della Tenuta. Grazie alla creatività dell’artista, natura e arte si fondono nella figura dell’ulivo per rappresentare la storia di Castelfalfi: così come l’antico borgo, un tempo abbandonato, è potuto tornare a nuova vita, allo stesso modo la pianta d’ulivo, che conserva nella sua essenza la memoria e la storia di quello che è stata, continua a generare nuovi frutti. L’ulivo e l’“innesto onirico” diventano il simbolo artistico di un luogo che si fa radice e cuore pulsante di un progetto di rinascita.
Un’opera interattiva che consentirà ai visitatori di contribuire alla sua crescita e alla sua personalizzazione con l’apposizione, sui rami dell’albero, di speciali foglie che verranno distribuite durante il vernissage. Un’operazione dal forte contenuto metaforico che richiama la linfa vitale portata alla Tenuta e alla sua crescita dai suoi ospiti.
ReLive rimarrà esposta a Londra per la durata dell’evento e tornerà esposta a Castelfalfi per diventare parte integrante del patrimonio artistico e culturale della Tenuta. (foto: montaione)

Posted in Cronaca/News, Recensioni/Reviews, Uncategorized | Contrassegnato da tag: | Leave a Comment »

Dicembre, mese della Reumatologia Pediatrica e dell’età evolutiva all’Istituto Gaetano Pini

Posted by fidest press agency su venerdì, 4 dicembre 2015

Quando si parla di reumatismi, il luogo comune ci porta ad associare questi disturbi ad acciacchi, dolori e gonfiori alle articolazioni accusati dai nostri nonni. In realtà le malattie reumatiche non riguardano soltanto adulti e anziani, ma interessano un numero elevato di adolescenti e di bambini. I genitori devono porre le dovute attenzioni ai primi campanelli d’allarme già nel primo anno del bambino, soprattutto se i sintomi si presentano dopo un’influenza con febbre alta, dopo un’infezione o una vaccinazione. Quando a questi segnali si associano dolore e gonfiore delle articolazioni, sarà il pediatra ad indirizzarli verso visite specialistiche nelle strutture dedicate, come l’Istituto Ortopedico Gaetano Pini, dove il bambino può essere seguito per tutto l’iter di cura, dalla prima infanzia all’adolescenza, fino all’età adulta da un team di lavoro dedicato. La dottoressa Irene Pontikaki e il dottor Maurizio Gattinara, dirigenti medici dell’ospedale milanese, lavorano a diretto contatto con bambini e ragazzi e per tutto il mese di dicembre saranno a disposizione di tutti coloro che vorranno scrivere per ricevere informazioni e consigli, all’indirizzo mail reuma.infantile@gpini.it.“La patologia di cui ci occupiamo maggiormente è l’artrite idiopatica giovanile, una patologia cronica, di origine infiammatoria, che esordisce prima dei 16 anni. La malattia reumatica non è ereditaria ma può esserci una predisposizione su base immunogenetica associata a un fattore scatenante, spesso sconosciuto. A volte da un’infezione batterica o virale può scatenarsi un’artrite che può durare settimane: è questo il momento di fare degli accertamenti”, precisa la dottoressa Pontikaki.Tra i primi sintomi dell’artrite giovanile c’è il gonfiore degli arti, associato a dolore: “Dolori o gonfiori articolari possono essere confusi con quelli dell’arto rotto e spesso i genitori si rivolgono prima all’ortopedico che al reumatologo”, sottolinea Pontikaki.
Se per gli adolescenti la consapevolezza del proprio corpo è più chiara, per i bambini sono i genitori a dover stare all’erta: “Quando una o più articolazioni si gonfiano – aggiunge il dottor Gattinara – il bambino, che magari ancora non sa parlare, trascina una gamba o non usa un arto per lungo tempo in caso di dolore”. Ecco perché sono i genitori a dover comprendere che è il momento di intervenire con una visita specialistica: “Intervenire per tempo è fondamentale per evitare ulteriori complicazioni come l’uveite, una malattia spesso asintomatica che colpisce gli occhi soprattutto nelle bambine intorno agli 8 anni”.“La forma sistemica interessa le articolazioni e l’infiammazione delle membrane sierose, come la zona pleurica o il pericardio ed è associata a febbri elevate. Queste forme hanno un esordio precoce e, secondo gli ultimi riscontri, si tratterebbe di manifestazioni auto-infiammatorie di tipo genetico che si possono diagnosticare con indagini genetiche. La forma poliarticolare si verifica invece quando sono interessate più di quattro articolazioni: in tal caso si è in presenza di una poliartrite e le complicanze possono essere soprattutto a danno dell’occhio (uveite). Più lievi e curabili le forme siero-negative, mentre quelle con un fattore reumatoide positivo (meno del 10%) sono più rare ma più pericolose e invalidanti. Le forme oligoarticolari sono le più diffuse e hanno una prognosi migliore, riguardano poche articolazioni. Anche queste possono portare a problemi oculari (uveiti) per cui è necessario l’intervento di un oculista. Un’altra forma di artrite idiopatica giovanile molto diffusa e facilmente diagnosticabile, che colpisce soprattutto maschi adolescenti, è quella legata al gene HLAB27: questo dà origine a uveite acuta e interessa soprattutto le anche, i piedi, le inserzioni tendinee della fascia plantare e il tendine d’Achille”.
Per quanto riguarda il trattamento della malattia, la dottoressa Pontikaki precisa: “All’inizio si parte con terapie anti-infiammatorie: esiste un particolare farmaco immunosoppressore somministrabile anche in tenera età. Successivamente il paziente viene trattato con le terapie biologiche che agiscono sul meccanismo patogenetico dell’artrite: questi farmaci vengono somministrati in regime ospedaliero o ritirati nella farmacia dell’ospedale. Il medico prescrittore avrà un quadro clinico ben preciso del paziente e monitorerà il successo della terapia o eventuali eventi avversi ogni due/quattro mesi”.Nei reparti di Reumatologia Pediatrica e dell’Età Evolutiva dell’Istituto Ortopedico Gaetano Pini, altamente specializzato per tutte queste forme di artrite giovanile, vengono effettuate oltre 4mila visita all’anno e seguiti circa 2mila pazienti.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Italia: Costo depressioni

Posted by fidest press agency su venerdì, 4 dicembre 2015

In Italia il costo sociale della Depressione, inteso come ore lavorative perse, è pari a 4 miliardi di euro l’anno, e per l’intera economia europea è stato stimato un costo pari a 92 miliardi di euro, di cui 54, (pari al 59%), correlati a costi indiretti per assenza lavorativa.
Questo il quadro che riguarda il nostro Paese dove, secondo il Rapporto OsMed (Uso dei farmaci in Italia) 2013, presentato dall’AIFA, la depressione colpisce il 12,5% della popolazione assistibile, con solo il 34,3% dei pazienti che assume farmaci antidepressivi.
A questo si aggiungono i dati relativi all’impatto sociale sulla popolazione che, tenendo conto che, per ogni paziente, sono coinvolti almeno due-tre familiari, riguarda in Italia 4-5 milioni di persone coinvolte indirettamente dal disturbo depressivo.
L’impatto economico di questa malattia, infatti, deve essere valutato in termini di costi diretti e indiretti. I primi sono da ricondurre alla diagnosi, al trattamento – farmacologico e psico-terapeutico -, alla riabilitazione, assistenza e prevenzione delle ricadute nel lungo termine, mentre i secondi si riferiscono alla perdita di produttività del paziente (non solo in fase acuta) e delle persone impegnate nella sua assistenza e alla morte prematura, considerato il rischio di suicidio.
Per quanto riguarda i costi diretti a carico del SSN, nel nostro Paese, i costi medi annuali (ricoveri ospedalieri, specialistica ambulatoriale, farmaci antidepressivi ecc.) per il trattamento di un paziente depresso ammontano a 4.062,40 euro .
Sono questi alcuni degli elementi alla base della discussione scientifica del Forum “Un Viaggio di 100 anni nelle neuroscienze” tenuto a Roma il 3 dicembre presso l’Accademia dei Lincei e organizzato da The European House-Ambrosetti, in occasione dei 100 anni di Lundbeck. L’appuntamento è stato voluto come momento di confronto e dibattito sugli sviluppi scientifici delle neuroscienze e delle applicazioni in medicina. Secondo la ricerca IDEA (Impact of Depression in the Workplace in Europe Audit), che ha coinvolto in tutta Europa oltre 7000 adulti di età compresa fra i 16 e i 64 anni, lavoratori e dirigenti, o che lo fossero stati negli ultimi 12 mesi, ben il 20% degli intervistati aveva avuto una diagnosi di depressione e il numero medio di giornate di congedo dal lavoro durante l’ultimo episodio di depressione era 36 giorni.
Un manager su 3 tra quelli intervistati ha ammesso di non avere risorse economiche o strumenti formali per affrontare il problema.
E i problemi sul lavoro si correlano al rischio doppio di disoccupazione, pensionamento anticipato, alla maggiore disabilità e all’alto rischio di vivere in condizioni di emarginazione e povertà così come sottolineato con forza anche dall’OECD (Organisation for Economic Co-operation and Development). A questo si aggiunge che, nonostante gli alti tassi di assenteismo a causa della depressione, una persona su quattro tra quelle affette da depressione ha dichiarato di non aver comunicato il proprio problema al datore di lavoro. Di queste, una su tre ha motivato tale scelta adducendo il timore di perdere il posto di lavoro.È necessario dunque, anche dal punto di vista strettamente economico, oltre che di salute pubblica, maggiore attenzione ad un fenomeno sociale che ha assunto dimensioni rilevantissime e che, secondo le stime più recenti, nel 2020 sarà la causa maggiore di disabilità dopo le malattie cardiovascolari.
Chiara in questo contesto la posizione dell’OMS, secondo cui l’effetto del trattamento terapeutico di tutte le forme di depressione sui costi legati alla produttività del lavoratore fa ritenere che il risparmio generato da un minor assenteismo e da un maggiore rendimento lavorativo possa compensare le spese sostenute per il trattamento stesso.

Posted in Cronaca/News, Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: | Leave a Comment »