Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 34 n° 349

Archive for 5 dicembre 2015

UNFCCC and Trade-related issues and intellectual property

Posted by fidest press agency su sabato, 5 dicembre 2015

The 21st Conference of the Parties to the United Nations Framework Convention on Climate Change (COP21/CMP11) will be held in Paris from 30 November to 11 December 2015. This year’s conference is crucial because the expected outcome is a new international agreement on climate change, applicable to all, to keep global warming below 2°C. Although the UNFCCC negotiations do not as such deal with trade, specific trade
issues are regularly raised in UNFCCC context, which is also expected in Paris. Regarding trade in general, many countries have triclimateed to introduce parallel discussions concerning trade issues under the UNFCCC, in particular within the framework of the discussions concerning the “impact of the implementation of response measures”. As a matter of principle, the UNFCCC is not the appropriate forum to discuss trade measures and to elaborate on additional disciplines. The WTO is the established international body tasked with this purpose, and any decision regarding the use of trade measures under the UNFCCC would undermine this role. The EU argues that the UNFCCC (Article 3(5), which provides that measures taken to combat climate change, including unilateral ones, should not constitute a means of arbitrary or unjustifiable discrimination or a disguised restriction on international trade), and the Kyoto Protocol (Article 2(3), which provides that developing
countries shall strive to implement policies and measures in such a way as to minimize adverse effects on international trade) already contain the necessary provisions on the trade-climate relationship. Therefore it is proposed to continue to oppose discussion of trade measures under UNFCCC. More concretely, the following outcomes would be undesirable:
Limited Limited o the adoption of any trade provision going beyond already existingConvention principles, in particular the restriction of the use of unilateral trade measures as part of climate change policies; o the establishment of formal links between the UNFCCC institutions andWTO;o the launching of any working programme or mechanism on trade measures;
Regarding intellectual property rights (IPR), many countries keep proposing to introduce references to the role of IPR as a barrier to the dissemination of innovation and provisions promoting transfers of technology that do not sufficiently safeguard the voluntary nature of such activities. Accepting such language would create the strong risk of weakening IPR as an incentive to innovation in the area of climate related technologies. Empirical evidence proves that IPR do not hamper the use and dissemination of climate-related technologies in developing countries and cannot be seen as an obstacle to technology transfer. Only a minute proportion of patents for Climate Change Mitigation Technologies (CCMT) are actually filed in developing countries. Two studies conducted jointly by the European Patent Office and the
United Nations Environment Programme show that less than 1% of all patent applications relating to CCMT from the last 30 years (1980 to 2009) have been filed in Africa and less than 3% of worldwide CCMT patent applications are filed in Latin America.
Pursuant to Article 3(5) of the UNFCCC, modelled on Article XX of GATT, “he Parties should cooperate topromote a supportive and open international economic system that would lead to sustainable economic growth and development in all Parties, particularly developing country Parties, thus enabling them better to address the problems of climate change. Measures taken to combat climate change, including unilateral
ones, should not constitute a means of arbitrary or unjustifiable discrimination or a disguised restriction on international trade.”

Posted in Diritti/Human rights, Estero/world news | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

EU PNR: Parliament’s rapporteur welcomes Home Affairs Ministers green light to deal

Posted by fidest press agency su sabato, 5 dicembre 2015

bruxelles (1)Following the Justice and Home Affairs Council confirmation of the deal on the EU Passenger Name Record (PNR) directive, the Parliament’s Civil Liberties Committee lead negotiator, Timothy Kirkhope (ECR, UK), said:”I am very pleased that the Council has accepted the proposal I put forward earlier this week [see press release from 2 December].We cannot wait any longer to put this system in place. This is a good agreement that will deliver an effective tool for fighting terrorism and serious crime.This has always been a careful balancing act to ensure the system was proportionate to the risk that we face. I will now recommend that the Civil Liberties Committee accepts this deal without delay.PNR data is looking for patterns of behaviour, not profiling people’s background or seeking to extract sensitive information. Its usefulness is not restricted to detecting terrorists and foreign fighters; it has been crucial in the detection of people and drug trafficking, and other serious criminals.The choice is not between an EU PNR system and no EU PNR system; it is between an EU PNR system and 28 national PNR systems that will have vastly differing, or absent, standards for protecting passenger data.”
The Parliament’s Civil Liberties, Justice and Home Affairs Committee is expected to vote on the deal on 10 December. The draft directive will then be put to a vote by Parliament as a whole in early 2016 and formally approved by the EU Council of Ministers.Member states will have to transpose the EU PNR directive into their national laws at the latest two years after its entry into force. The UK and Ireland have opted in to this directive, while Denmark has a “blanket” opt-out for justice and home affairs legislation.

Posted in Diritti/Human rights, Estero/world news | Contrassegnato da tag: | Leave a Comment »

A Trilogue between Science, Administration and Stakeholders

Posted by fidest press agency su sabato, 5 dicembre 2015

economic adviceThe Directorate General for Maritime Affairs and Fisheries of the European Commission (DG MARE), in collaboration with the European Association of Fisheries Economists (EAFE) and the University of Malta is organising an international conference on the integration of economic advice in fisheries management.This conference will take place on 04-05 February 2016 in Malta and will be opened by Mr Karmenu VELLA, Commissioner for the Environment, Maritime Affairs and Fisheries. It will give an opportunity to actors and stakeholders from a wide range of domains and maritime regions of the world, to explore how economic advice can contribute to fisheries management in a rapidly evolving social and economic context.The conference will take the form of plenary sessions followed by several parallel sessions and panel discussions, with the participation of some 30 selected speakers and fisheries scientists, economists, administrators, industry representatives and other stakeholders. Registration will be limited to some 200 participants who will be able to exchange experience and to express their viewpoints, wishes and objections (in particular in the context of the Common fisheries Policy) during the discussion sessions and through the conference twitter account: #EUFishEconEU_MARE (photo: economic advice)

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: | Leave a Comment »

Philippines launches world’s first national human rights investigation into 50 big polluters

Posted by fidest press agency su sabato, 5 dicembre 2015

filippineParis. The Philippines Commission on Human Rights (CHR) announced that it will launch an investigation on December 10 (International Human rights Day), which could hold fossil fuel companies responsible for the impacts of climate change, such as extreme weather events. This will be the world’s first national human rights investigation into big polluters. The 50 companies that will be investigated include include Chevron, ExxonMobil, BP, Royal Dutch Shell, ConocoPhillips. They are a part of the 90 legal entities that are responsible for the majority of global CO2 and methane emissions in the earth’s atmosphere, as identified by peer-reviewed research into so-called ‘Carbon Majors’ published in 2014.“The response of the Philippines’ Human Rights Commission to the petition signals a turning point in the struggle to avoid catastrophic climate change. It opens a critical new avenue of struggle against the fossil fuel companies driving destructive climate change,” said the International Executive Director at Greenpeace International.“This should hopefully inspire other human rights commissions around the world to take similar action. If I were a CEO of a fossil fuel company, I would be running scared. This is yet another indications that we are seeing the end of the fossil fuel era.” The CHR disclosed in a press conference on 4 December in Paris that its investigation will involve all stakeholders including the 50 corporations, and include consultations and studies. As triggered by the petition, it will organise an investigation committee devoted to climate change and human rights.“This investigation is not just about how fossil fuel companies do business, but that they do business at all in the future. It’s time we held those to account who are most responsible for the devastating effects of climate change,” said Zelda Soriano, legal and political advisor at Greenpeace Southeast Asia.“We’re absolutely behind the Commission on Human Rights in seeking the opinion and cooperation of UN human rights experts and scientists, and its courageous investigation into these distant and faceless companies.”
Greenpeace Southeast Asia, together with 14 organisations and 20 individuals, filed the petition on 22 September 2015 calling for this investigation to take place. Over 100,000 signatures have been gathered in support of the initiative online from Change.org, SumOfUs and Greenpeace Southeast Asia, while eight international NGOs also provided advice and support . Among other requests, the complaint asks for the CHR:to officially put these companies on notice,
to request plans from these companies on how they intend to eliminate, remedy and prevent damages (or threatened damages) resulting from the impacts of climate change, and; to recommend to the government that it provides human rights mechanism where victims of climate change can be monitored and assisted.

Posted in Estero/world news, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: | Leave a Comment »

1950-70. Graphic design, creatività ed esperienza

Posted by fidest press agency su sabato, 5 dicembre 2015

grafica made in ItalyMadrid Palacio Quintanar, 11 de diciembre de 2015 – 29 de febrero de 2016 se inaugurará la exposición “Made in Italiy. 1950-70 Graphic design, creatività ed esperienza”, organizada por el Palacio Quintanar en colaboración con el Instituto Italiano de Cultura de Madrid y AIAP, Asociación Italiana de Diseño. La muestra -más de 150 trabajos de destacados y reconocidos diseñadores gráficos italianos- se podrá visitar hasta el próximo 29 de febrero. La exposición no pretende reflejar la totalidad del diseño gráfico italiano de los años 50-70, sino que busca una síntesis que permita localizar nuevas líneas de investigación histórica. Se trata de una importante ocasión de promoción cultural para Italia, un homenaje a los “maestros” del arte gráfico italiano y a sus creaciones que, además de comunicar, interpretar y traducir la realidad en formas visibles, han contribuido a constituir la identidad social, económica y cultural de la Italia del siglo pasado. Se expondrán los trabajos de destacados y reconocidos diseñadores, como Franco Grignani, Bob Noorda, Giancarlo Iliprandi, Heinz Waibl, Silvio Coppola, Michele Provinciali, Max Huber o Massimo Vignelli, pero también es posible descubrir la obra de otros profesionales menos conocidos como Franco Bassi, Ilio Negri, Giulio Confalonieri, Mimmo Castellano, Mario Dagrada o Alfredo Mastellaro que también tuvieron un importante papel en la generación del fenómeno económico y social que fue el “Made in Italy” y que todavía no han sido suficientemente valorados. Destacan las composiciones pop diseñadas por Franco Maria Ricci por encargo de Scic, los potentes iconos multicolores de Giancarlo Iliprandi para Aflex, los bizarros anuncios de Michele Provinciali, las vibrantes composiciones de Mimmo Castellano en los aparatos de iluminación de Guzzini, los carteles de Franco Grigani para Alfieri & Lacroix o las portadas de un gran editor en búsqueda de un relanzamiento en el mercado que elaboró Mario Dagrada para Rizzoli.Todas las obras, como perfecta síntesis de creatividad y maestría, inventiva y conocimientos prácticos, contribuyeron a difundir una cultura visual única y coherente con el espíritu de la época. No se trata de “expertos”, sino más bien de “eclécticos” dedicados a prestar sus habilidades a distintos sectores de la producción industrial y cultural, como por ejemplo la producción de muebles, complementos para la decoración de interiores y de nuevos materiales para el hogar, entre otros. Crear imágenes únicas para comunicar ideas y nuevos productos fue el apasionante acierto del prodigio “Made in Italy”, que tuvo lugar en el ámbito económico-empresarial de Italia en los años 50, 60 y 70. (photo: grafica made in Italy)

Posted in Estero/world news, Uncategorized | Contrassegnato da tag: | Leave a Comment »

Sharing economy

Posted by fidest press agency su sabato, 5 dicembre 2015

digital economyIl successo di piattaforme come Uber e Airbnb ha portato alla ribalta l’economia della condivisione (EdC) – o sharing economy – spesso per aspetti controversi e in assenza di regole chiare a livello UE. Il Comitato Europeo delle regioni (CdR) è il primo organo dell’UE ad adottare una posizione formale sul tema. Nel parere sulla dimensione locale e regionale dell’economia della condivisione leader locali e regionali chiariscono le ragioni per le quali la EdC va incentivata e regolata meglio, in modo da garantire i diritti dei consumatori, dei lavoratori e prevenire la concorrenza sleale senza soffocare l’innovazione. La”economia della condivisione” (EdC) si basa sulla condivisione delle risorse mediante piattaforme e, sebbene questo tipo di pratiche sia diffuso da tempo all’interno di associazioni, famiglie o gruppi sociali, l’attuale sviluppo del digitale apre prospettive completamente nuove per la cultura e l’economia della condivisione, sia per le imprese, sia per nuove forme di governance dei beni comuni.”L’EdC è una parte crescente dell’economia ed è in grado di migliorare la qualità della vita nelle nostre città, promuovere la crescita e l’occupazione, soprattutto a livello di economie locali, nonché ridurre l’impatto ambientale delle imprese e del consumo” ha dichiarato Benedetta Brighenti (IT/PSE), vicesindaco del Comune di Castelnuovo Rangone (MO) e relatrice del parere, dopo il voto favorevole della plenaria. “Al tempo stesso”, ha aggiunto, “dobbiamo impedire che le piattaforme di EdC orientate al profitto eludano le norme in materia di antitrust, fiscalità, sicurezza sociale e tutela dei consumatori, distorcendo così il mercato senza dover sostenere costi fissi comparabili a quelli delle imprese tradizionali. Abbiamo bisogno di un approccio coordinato a livello europeo, che tenga conto del carattere ambivalente dell’EdC.” L’economia della condivisione ha assunto una varietà di forme e modalità nelle diverse regioni e città d’Europa, spiega la relatrice: “Una delle citta’ che ha aperto la strada e’ Bologna. Il capoluogo emiliano, da sempre terreno fertile per l’innovazione, l’efficienza e la collaborazione, ha visto crescere negli ultimi anni realta’ capaci di creare valore aggiunto per la comunità attraverso nuove forme di partecipazione e impresa in campo urbanistico, architettonico, sociale. Attraverso il “Regolamento sulla collaborazione per la cura e rigenerazione dei beni comuni” il cittadino ha l’opportunità di un nuovo protagonismo nel governo, nella gestione e nel miglioramento della città”. La Commissione europea si è impegnata a varare un’agenda europea per l’economia della condivisione o collaborativa entro il 2016. Secondo i membri del Comitato, è importante che le nuove regole non siano troppo pervasive, per non soffocare l’innovazione economica. Una regolamentazione europea puntuale è invece necessaria per le situazioni di interesse transfrontaliero o per le minacce al corretto funzionamento del mercato unico, ma negli altri casi i governi nazionali, regionali e locali devono avere la possibilità di adattare le normative al contesto locale. In particolare, regioni e città devono essere libere di incentivare iniziative di EdC capaci di attivare nuovi servizi in ambiti strategici come la mobilità e il turismo sostenibile, i servizi alla persona, l’ambiente, la cultura e la formazione” ha concluso Brighenti.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: | Leave a Comment »

“OEB – Online Educa Berlin”

Posted by fidest press agency su sabato, 5 dicembre 2015

berlinoBerlino. “Un punto di riferimento della ricerca europea sulle nuove tecnologie per l’apprendimento e la valutazione delle softskills”. Così Brian Holmes, direttore dell’“Agenzia europea per l’istruzione, gli audiovisivi e la cultura” (EACEA), descrive ENACT nel corso della premiazione del progetto di ricerca sviluppato dalla “Federico II” nell’ambito di “OEB – ONLINE EDUCA BERLIN” (http://www.online-educa.com/), la più importante conferenza internazionale sul supporto delle tecnologie alla formazione  a Berlino (2-4 dicembre 2015).
Basata su sistemi di intelligenza artificiale, innovative metodologie psicologiche e ambienti virtuali, “ENACT” punta a migliorare le abilità di comunicazione e negoziazione delle persone attraverso l’utilizzo di un avatar che riesce a interagire con l’utente. L’avatar, in particolare, fornisce al giocatore cinque possibili risposte per ogni interazione; le risposte vengono poi elaborate dal sistema per valutare lo stile di negoziazione dell’utente. “La creazione di strumenti in grado di compiere una valutazione formale delle softskills, ovvero delle capacità di interagire, risolvere conflitti, lavorare in team e prendere decisioni – spiega il numero uno dell’EACEA Brian Holmes – è una priorità non solo per il mondo della scuola, ma anche per quello del lavoro. L’Europa sta investendo molto in questo settore, soprattutto per consentire anche alle piccole imprese di accedere a strumenti di selezione del personale efficaci e sostenibili”.Finanziato dall’Unione Europea nell’ambito del Programma “LLP – KA3 Multilateral projects”, “ENACT” (Enhancing Negotiation skills through on-line Assessment of Competencies and interactive mobile Training), il progetto ENACT (http://enactskills.eu/) è stato sviluppato dal NAC-Laboratorio di Cognizione Naturale e Artificiale dell’Università “Federico II” di Napoli in collaborazione con l’Università di Plymouth, la start-up “Aidvanced srl”, Fondazione Mondo Digitale, il Ministero dello Sport della Turchia e dalla Fondazione Fundetec di Madrid.“Il riconoscimento dell’EACEA – afferma Davide Marocco, coordinatore del progetto, docente di Psicometria presso la Federico II di Napoli – è una significativa conferma dell’importanza di trovare nuovi modi per misurare ed esercitare le nostre abilità. Un’ulteriore testimonianza in questo senso è arrivata anche dal confronto diretto con i visitatori e gli stakeholder. Abbiamo avuto numerose proposte di acquisto della piattaforma, che per ora è gratuita e liberamente accessibile online. Ma in ogni caso queste richieste confortano perché dimostrano che la ricerca riesce effettivamente a rispondere anche a delle esigenze di mercato”.Non solo Enact. Il NAC presenta all’OEB anche gli altri prodotti della sua ricerca, tra cui Block Magic, Stelt ed Emogic.
Block Magic. Si tratta della versione 2.0 dei vecchi “blocchi logici” adottati da generazioni di insegnanti. In continuità con i vecchi blocchi montessoriani, le forme e la tavoletta interattiva di Block Magic puntano a sviluppare nei più piccoli la manualità, le potenzialità manipolative e la capacità di prendere iniziativa. Composto da blocchi manipolabili arricchiti dalla tecnologia digitale, Block Magic sfrutta le antenne Rfid e Nfc grazie alle quali il software propone esercizi, stimola e sviluppa le abilità creative, matematiche, logiche, strategiche e sociali. In particolare, nel corso della risoluzione degli esercizi da parte del bambino, Block Magic offre un feedback sia acustico che visivo che lo guida durante gli esercizi.
Stelt è una piattaforma per la creazione giochi in grado di sfruttare materiali tangibili come carte, materiali didattici o oggetti di uso quotidiano e elementi di intelligenza artificiale. La piattaforma permette agli utenti di creare ambienti di apprendimento specifici per le proprie esigenze attraverso un sistema autore (editor). STELT è in grado di potenziare gli oggetti fisici con l’utilizzo della tecnologia attraverso interfacce naturali.
Emogic è un prototipo per il test e il training di abilità cognitive come il ragionamento astratto attraverso un approccio innovativo basato sulla manipolazione. Il Sistema si fonda sull’utilizzo di oggetti concreti in sostituzione ai classici test “carta e matita” e alla presenza di tutor artificiali in grado di misurare opportunamente le risposte o produrre appropriati feedback conseguenti all’interazione con l’utente.

Posted in Cronaca/News, Università/University | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Combustibili fossili e cambiamenti climatici

Posted by fidest press agency su sabato, 5 dicembre 2015

centrale-a-carboneLa Commissione per i diritti umani delle Filippine ha annunciato che il prossimo 10 dicembre (Giornata mondiale per i diritti umani) aprirà un’inchiesta che potrebbe mettere sul banco degli imputati le maggiori compagnie dei combustibili fossili, accusate degli impatti dei cambiamenti climatici, come gli eventi meteorologici estremi.Sarà la prima indagine al mondo sui diritti umani che vede imputati i grandi inquinatori.Tra le cinquanta compagnie sotto inchiesta compaiono le italiane Eni ed Italcementi, insieme a ExxonMobil, BP, Shell e Chevron. Fanno tutte parte delle novanta realtà considerate responsabili della maggior parte delle emissioni di CO2 e di metano, come ha mostrato la ricerca “Carbon Majors”, pubblicata nel 2014 dopo aver superato il vaglio della peer review: http://climateaccountability.org/pdf/MRR%209.1%20Apr14R.pdfLa Commissione per i diritti umani delle Filippine ha aperto l’inchiesta in seguito a una petizione promossa da Greenpeace insieme ad altre 14 organizzazioni che ha raccolto oltre centomila firme. «L’iniziativa rappresenta un punto di svolta nella lotta contro i cambiamenti climatici », afferma Kumi Naidoo, direttore esecutivo di Greenpeace International. «Si apre un nuovo filone nella battaglia contro le compagnie dei combustibili fossili, responsabili dei disastri causati dal riscaldamento globale. Ci auguriamo che altre commissioni per i diritti umani in tutto il mondo intraprendano inchieste analoghe».

Posted in Cronaca/News, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: | Leave a Comment »

Natale dei 100 alberi d’autore

Posted by fidest press agency su sabato, 5 dicembre 2015

sergio valente

Roma : Spazio La Lanterna . 100 alberi di Natale d’autore . Nella foto : Sabrina Persichino con Sergio Vaalente e Irene Ferri

simona e sabrina

Anche per il 2015 Sabrina Persechino partecipa alla manifestazione promossa ormai da 21 anni dall’Associazione Sergio Valente, Il Natale dei 100 alberi d’autore, quest’anno rivolta alla Fondazione Luigi Maria Monti per sostenere la ricerca sul Melanoma Unit condotta dall’I.D.I. (Istituto Dermopatico dell’Immacolata).
Riconoscibile nello stile e con forte identità architettonica, l’albero della designer Sabrina Persechino è una decostruzione luminosa, o al contrario una costruzione apparentemente casuale, in corian realizzata con l’aiuto dell’ebanisteria De Marinis. Una struttura che sembra manifestare la teoria dell’imprevisto: linee accidentali lasciano spazio alla luce di filtrare creando un insieme disordinato ma in un perfetto e studiato equilibrio.

Posted in Cronaca/News, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , | 1 Comment »

Cosa significa lavorare nel mondo delle Telecomunicazioni?

Posted by fidest press agency su sabato, 5 dicembre 2015

mediterraneoRoma Lunedì 14 dicembre, dalle ore 10.00, presso Sala delle Lauree, Facoltà di Economia, Università La Sapienza di Roma incontro “Lavorare nel settore delle telecomunicazioni internazionali – Focus sul Mediterraneo”. Il mondo delle Telecomunicazioni rappresenta un nodo chiave sia per le professioni del futuro che per la crescita e la sicurezza non solo di aziende, ma anche dei singoli paesi.
Interverrà Giovanni Ottati, Ceo di VueTel, azienda romana, secondo operatore internazionale italiano in Telecomunicazioni che da anni connette i paesi del Nord Africa e dell’Africa Sub-sahariana con il resto del mondo. L’evento sarà anche l’occasione per capire come sia possibile lavorare in territori difficili, ma con un grosso potenziale di crescita; il quadro di riferimento dei più importanti operatori di telecomunicazioni nel Mediterraneo (quali sono, dove sono operativi, dinamiche competitive, valore complessivo del mercato); l’importanza strategica del Mediterraneo a livello mondiale nonostante le vicende attuali; gli scenari futuri per il Mediterraneo (riportare la Sicilia/l’Italia al centro del mercato delle tlc, possibile polo al Sud del Mediterraneo a complemento di Marsiglia e della Sicilia).
Già da qualche anno, i paesi africani stanno conoscendo elevati tassi di sviluppo delle tecnologie internet e mobile. Nel 2000 gli utilizzatori d’internet erano quattro milioni, nel 2014 sono arrivati a 297 milioni (su una popolazione totale di oltre un miliardo), quest’anno raddoppieranno. Oggi ci sono circa 500 milioni di abbonati telefonici, di cui circa il 90% è su dispositivo mobile; nel 2019 gli utenti mobile saranno circa 950 milioni.

Posted in Cronaca/News, Roma/about Rome, Università/University | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Sapienza e Maire Tecnimont insieme per un nuovo polo tecnologico sulla Tiburtina

Posted by fidest press agency su sabato, 5 dicembre 2015

la sapienzaRoma mercoledì 09 dicembre 2015 ore 11.00 sala Senato Accademico – palazzo del Rettorato piazzale Aldo Moro 5 avrà luogo la firma dell’accordo di collaborazione tra Sapienza e Maire Tecnimont su alcune aree di ricerca e sviluppo, con particolare riferimento ai materiali innovativi per applicazioni industriali ad alto contenuto tecnologico e green. L’accordo prevede la creazione di un centro di eccellenza di ricerca applicata e, in futuro, un incubatore di start-up innovative presso la storica sede della Maire Tecnimont a Roma. Partecipano alla firma Eugenio Gaudio, Rettore di Sapienza Università di Roma, Fabrizio Di Amato, Presidente del Gruppo Maire Tecnimont e Pierroberto Folgiero, Amministratore Delegato del Gruppo.

Posted in Cronaca/News, Roma/about Rome, Università/University | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Microscopia Confocale, nuova tecnologia di ultima generazione al San Gallicano

Posted by fidest press agency su sabato, 5 dicembre 2015

san gallicanoRoma Il servizio di Microscopia Confocale all’Istituto San Gallicano si dota di una nuova tecnologia di ultima generazione. Il nuovissimo microscopio confocale presenta un software integrato alla valutazione demoscopica in grado di ottimizzare la qualità delle immagini e consentire la valutazione di tumori di maggiori dimensioni. Maggior accuratezza dell’esame, dati microscopici dettagliati in tempo reale ed in modo non invasivo sono i vantaggi del nuovo dispositivo. L’Istituto San Gallicano è uno dei pochissimi centri in Europa e unico nel Lazio ad avere in dotazione tale tecnologia. Negli ultimi anni l’esperienza in campo microscopico confocale dell’ISG è cresciuta enormemente. Nel biennio 2013-2014 sono stati valutati circa 1000 pazienti affetti sia da tumori cutanei che da malattie infiammatorie della pelle, più di 60 sono state le pubblicazioni scientifiche. Le collaborazioni internazionali hanno reso possibile la realizzazione di progetti di ricerca insieme ad Istituti come il Dermatology Research Center dell’University of Queensland in Australia e il Memorial Sloan Ketteing Cancer Center di New York, USA. Molti i traguardi raggiunti: dal nuovo trattamento per la cheratosi attinica e altre neoplasie cutanee non melanoma, alla ideazione e realizzazione di software che danno la possibilità anche a specialisti meno esperti del settore di effettuare diagnosi tramite microscopia confocale, all’ottimizzazione di una metodica di “micro biopsia” microinvasiva, senza dolore e esiti cicatriziali.La microscopia confocale è una tecnica diagnostica oramai molto diffusa che offre vantaggi sia in termini di incremento della sensibilità e specificità diagnostica che nella gestione clinica. E’ comunque importante avere presente che è una metodologia clinica e non sostituisce in alcun modo l’istologia. Piuttosto, questa metodica permette la visualizzazione di aspetti microscopici della lesione tumorale utili al supporto della diagnosi clinica, della definizione dello stato della malattia e dell’estensione cutanea. Il confocale, affiancandosi alle altre metodiche di diagnostica non invasiva, favorisce ed aiuta le scelte terapeutiche e la gestione clinica del paziente.“Per le neoplasie cutanee non melanoma – spiega Marco Ardigò della Dermatologia Clinica ISG e in missione per un anno come “visiting academic” presso l’University of Queensland – abbiamo lavorato sull’utilizzo di nano particelle (Foroderm) in grado di veicolare i farmaci all’interno del tumore in aree specifiche della proliferazione maligna per migliorarne la disponibilità e per ridurne le dosi ed i conseguenti effetti collaterali. In questo caso, la microscopia confocale ha avuto un ruolo fondamentale nella ricerca ed è stata utilizzata con successo per monitorare l’effetto terapeutico delle terapie dal punto di vista microscopico e per studiare la farmacocinetica e la farmacodinamica.“Una parte del lavoro con l’University of Queensland ha avuto come focus l’ottimizzazione di una metodica di “micro biopsia” microinvasiva, inventata negli ultimi 3 anni presso la UQ, in grado di prelevare piccoli campioni di cute (circa 2000 cellule) utilizzata per lo studio della genetica e biochimica delle lesioni cutanee. In questo ambito il contributo dell’ISG è stato particolarmente significativo con l’invenzione e realizzazione di un “apparecchio” per la guida della “micro biopsia” tramite l’utilizzo della microscopia confocale.”“La straordinaria disponibilità di nuove tecnologie da parte dell’University of Queensland associata alla profonda conoscenza della microscopia confocale sviluppata negli anni dal nostro Istituto ha dato vita ad un binomio di collaborazione altamente proficuo – precisa Enzo Berardesca, Direttore della Dermatologia Clinica ISG. – Ci sono ottime possibilità di ulteriori sviluppi che porteremo avanti insieme a collaborazioni altrettanto vantaggiose da un punto di vista clinico–scientifico con altre realtà internazionali come il Memorial Sloan Ketteing Cancer Center di New York.”

Posted in Cronaca/News, Medicina/Medicine/Health/Science, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Tasse su vincite in casinò esteri

Posted by fidest press agency su sabato, 5 dicembre 2015

Estoril CasinoLe vincite ottenute dai giocatori italiani in casinò dell’Unione Europea saranno considerate tassate “alla fonte”, così come accade per le somme vinte nelle sale del nostro Paese. Come riporta Agipronews è quanto intende fare il Governo, con una disposizione contenuta nel disegno di legge “per l’adempimento degli obblighi derivanti dall’appartenenza dell’Italia all’Unione europea”, approvato oggi in esame preliminare.
La norma “parifica il trattamento fiscale delle vincite conseguite in case da gioco di altri Stati membri a quello applicabile alle vincite conseguite presso le case da gioco nazionali”. Un provvedimento che punta a sanare il contenzioso nato dopo che la Corte di Giustizia Europea, e in seguito anche le Commissioni Tributarie italiane, hanno ritenuto non conforme ai principi comunitari la disparità di trattamento tra le vincite ottenute nei casinò comunitari e in quelli italiani.
In passato, ricorda Agipronews, ai giocatori italiani, l’Agenzia delle Entrate ha contestato le vincite come redditi non dichiarati. Adesso, con la nuova disposizione, le somme vinte in case da gioco dell’Unione Europea saranno considerate tassate a monte, come accade per quelle ottenute nelle sale italiane, dunque non verranno applicati ulteriori prelievi. (PG/Agipro)

Posted in Estero/world news, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: | Leave a Comment »

I morti della baia del Bengala

Posted by fidest press agency su sabato, 5 dicembre 2015

Bay_of_Bengal_mapMentre si attende la ripresa dei pericolosi viaggi via mare nella Baia del Bengala, i paesi della regione hanno oggi affermato che l’unico modo per ridurre le perdite di vite umane in mare è lavorare insieme per fronteggiare i movimenti migratori misti con approcci complessivi e sostenibili.Venerdì scorso, delegati da più di 20 paesi e organizzazioni internazionali si sono incontrati a Bangkok per il secondo “incontro speciale sulla migrazione irregolare nell’Oceano Indiano”. I delegati hanno fatto il punto sui risultati raggiunti a partire dallo scorso incontro di maggio, quando circa 5.000 rohingya e bangladesi erano sbarcati dopo settimane alla deriva nel mare.“Con 60 milioni di persone sfollate nel mondo oggi, un numero senza precedenti, è diventato ormai chiaro che la questione dei movimenti forzati è un fenomeno globale che nessun paese può risolvere da solo,” ha detto Volker Türk, Assistente per la Protezione dell’Alto Commissario delle Nazioni Unite per i Rifugiati.“I numeri che osserviamo in questa regione possono essere gestiti, e noi accogliamo con favore l’approccio regionale proposto,” ha aggiunto. “Il fatto che solo 1.000 persone hanno intrapreso il viaggio in mare da settembre, ci offre uno spazio di opportunità per mettere in atto questi piani.” Durante l’incontro, l’UNHCR, l’Organizzazione Internazionale per le Migrazioni (IOM) e l’Ufficio delle Nazioni Unite per il Controllo della Droga e la Prevenzione del Crimine (UNODC), hanno presentato un documento che offre una guida agli Stati colpiti dal fenomeno sulle risposte immediate che possono porre in essere quando questo tipo di movimenti riprenderanno. Il documento delinea la necessità di maggiori e coordinati sforzi per la ricerca e il salvataggio in mare, per le operazioni di sbarco prevedibili così come per un’accoglienza e permanenza ben organizzate. Sottolinea anche l’importanza di procedure di registrazione effettive per identificare le persone che hanno bisogno di protezione internazionale e i gruppi vulnerabili come donne, bambini e vittime di tratta.“Finché i rifugiati potranno tornare a casa in modo volontario, dignitoso e sicuro, avremo bisogno di trovare forme di riparo temporaneo, di accolgienza umanitaria alternativa che assicurino loro l’accesso alla sanità, all’educazione, al lavoro,” ha detto Türk. “Permettere loro di lavorare in paesi che hanno bisogno di manodopera e importano lavoro è una strategia doppiamente vincente: dà loro dignità e autonomia, e alleggerisce l’onere dei paesi ospitanti”.Aprendo i lavori, il Ministro degli Esteri tailandese Don Pramudwinai ha sottolineato che le soluzioni devono andare dalla prevenzione alla cura, e comprendere promozione di mezzi di sostentamento, migrazione sicura, applicazione severa della legge, e una protezione temporanea per chi è già partito, sospendendo soluzioni più durature.Durante una recente visita nella regione ddel Myanmar Rakhine, Türk, dell’UNHCR, ha notato progressi nell’individuazione di soluzioni per gli sfollati interni, ma ha anche sentito delle “lamentele legittime” che devono ancora essere affrontate. “Il cuore della questione è assicurare un’identità legale a tutte le persone del territorio del Myanmar e le libertà fondamentali che ne derivano, come la libertà di movimento, la non-discriminazione e l’accesso ai servizi,” ha dichiarato. “Speriamo che il nuovo governo darà a questa questione l’attenzione che merita, alla luce del fatto che la mancanza di questi diritti innesca i trasferimenti e, di conseguenza, ha delle ripercussioni internazionali”.Ha aggiunto che gli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile offrono il quadro di riferimento per affrontare le cause profonde e assicurare che nessuno sia lasciato indietro rispetto a salute, educazione, lavoro e dignità legale, tra gli altri diritti.Si stima che circa 95.000 persone abbiano intrapreso questo pericoloso viaggio dal 2014, con più di 1.000 morti in mare e centinaia trovati sepolti in fosse comuni non riconosciute.

Posted in Estero/world news, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Pazienti affetti da adenocarcinoma

Posted by fidest press agency su sabato, 5 dicembre 2015

tumore polmoneE’ una forma di tumore polmonare non a piccole cellule o NSCLC in stadio avanzato, per essere sottoposti al test di valutazione delle mutazioni di EGFR, impedendo, a volte, di poter ricevere la terapia più appropriata per la loro malattia. Un nuovo report presenta le riflessioni degli operatori sanitari e delle associazioni di pazienti sulle carenze esistenti a livello nazionale nella conduzione del test di valutazione dello stato mutazionale di EGFR a cui, secondo le linee guida, dovrebbero essere sottoposti al momento della diagnosi tutti i pazienti rispondenti a determinati criteri.Il Dottor Matthew Peters, Professore di Medicina Respiratoria della Macquarie University, Australia e Presidente della Global Lung Cancer Coalition ha dichiarato: “Come evidenzia il report, benché ci siano differenze da un Paese all’altro, ci sono però chiare barriere comuni per quanto riguarda l’accesso al test per le mutazioni di EGFR e alla terapia personalizzata da parte di tutti i pazienti che soddisfano i criteri per l’effettuazione del test. L’educazione di pazienti, operatori sanitari e della popolazione generale è fondamentale. Bisogna fare di più per avvicinarci a una situazione in cui tutti i pazienti con NSCLC ricevano la terapia più appropriata al loro caso”.Ecco alcuni temi rilevanti a livello nazionale individuati dagli esperti di Europa Occidentale e Nord America:
• Germania: il rimborso insufficiente del costo del test per la ricerca delle mutazioni di EGFR si ripercuote sulle percentuali di conduzione dello stesso nei pazienti ricoverati (la diagnosi nella maggior parte dei pazienti avviene in ospedale);
• Italia: il test per la valutazione dello stato mutazionale di EGFR viene condotto in un alto numero di pazienti, ma alcuni pazienti e caregiver chiedono di iniziare la terapia di prima linea in attesa di ricevere i risultati del test;
• Spagna: molti centri oncologici stanno raggiungendo percentuali elevate di conduzione del test per le mutazioni di EGFR, ma esitono disparità, in quanto alcuni di essi risentono sempre più della crisi economica;
• Regno Unito: nonostante le alte percentuali di conduzione del test per le mutazioni di EGFR, alcuni pazienti cominciano la terapia prima che siano disponibili i risultati del test e quindi la terapia non è personalizzata per la mutazione di EGFR;
• Canada: i servizi sanitari in Canada vengono erogati con finanziamento pubblico dalla singola provincia e questo comporta difficoltà nel garantire che tutti i pazienti dell’intero Paese, rispondenti ai criteri, vengano sottoposti al test per le mutazioni di EGFR al momento della diagnosi;
• Stati Uniti: una quota consistente delle scelte terapeutiche non si basa sul sottotipo di mutazione di EGFR e, di conseguenza, non vengono avviati trattamenti personalizzati più appropriati ad ogni singolo paziente.
Gli esperti sono d’accordo nell’indicare che tutti i pazienti con NSCLC ritenuti idonei per l’analisi mutazionale di EGFR debbano essere sottoposti ai test diagnostici più appropriati e aver accesso a terapia personalizzata. Tra gli ostacoli comuni, che impediscono ciò, vi sono le difficoltà a ottenere campioni adeguati di tessuto tumorale da analizzare e i ritardi nel ricevere i risultati del test.
Eppure è importante, in quanto i dati dimostrano che, rispetto alla chemioterapia, le terapie target anti-EGFR rallentano in maniera significativa la progressione della malattia. Si è anche osservato un prolungamento della sopravvivenza complessiva dei pazienti con la mutazione di EGFR più comune (del19), rispetto alla chemioterapia.Il Dottor Mehdi Shahidi, Responsabile Medico, Oncologia, Tumori Solidi di Boehringer Ingelheim ha dichiarato: “Le percentuali di conduzione del test EGFR sono decisamente migliorate negli ultimi anni, ma c’è ancora molto da fare. Le terapie target possono portare beneficio ai pazienti con tumore polmonare positivo alle mutazioni di EGFR, ritardando la progressione della malattia e, per alcuni di loro, offrendo un beneficio in termini di sopravvivenza, rispetto alla chemioterapia. Ecco perché è cosi importante condurre il test per le mutazioni di EGFR e agire sulla base dei suoi risultati. Le equipe sanitarie devono ottimizzare gli strumenti, le risorse e i test disponibili per migliorare l’accesso alla terapia personalizzata, per il bene ultimo dei pazienti”.
Per aiutare a contestualizzare somiglianze, differenze e barriere presenti nella pratica quotidiana, è stato realizzato, nei vari Paesi, il Report ‘Improving the Use of EGFR Mutation Testing in Advanced Non-Small Cell Lung Cancer – Insights from Around the World’ (Migliorare l’Uso del Test per le Mutazioni di EGFR nel Tumore Polmonare Non a piccole cellule Avanzato – Prospettive dal Mondo) relativo al test di ricerca delle mutazioni di EGFR e alla terapia personalizzata, con i punti di vista basati sull’esperienza reale di chi opera sul campo, nell’ambito del tumore polmonare, operatori sanitari e associazioni di pazienti. I dati si riferiscono alla situazione in Canada, Germania, Italia, Spagna, Regno Unito e Stati Uniti. Trovate il report integrale all’indirizzo: http://lifewithlungcancer.info/content/global-insights-report-egfr-testing Questo Report è stato realizzato a partire dai risultati di una recente indagine internazionale che ha coinvolto oncologi che si occupano di tumore polmonare e altri esperti nel campo del NSCLC avanzato.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

In fuga dai combattimenti in Sud Sudan

Posted by fidest press agency su sabato, 5 dicembre 2015

sud sudanI recenti combattimenti tra i gruppi locali (noti come “I Ragazzi Freccia”) e l’esercito sud sudanese nella regione dell’Equatoria Occidentale in Sud Sudan hanno costretto alla fuga più di 4,000 persone verso la remota regione della Repubblica Democratica del Congo orientale.Ad oggi, due team dell’UNHCR hanno registrato l’arrivo di 3,464 nuovi rifugiati nelle zone vicine al confine nel territorio di Dungo, nella RDC. Inoltre 1,206 rifugiati congolesi, che prima risiedevano in Sud Sudan, sono fuggiti nella stessa area in seguito ai combattimenti. L’insediamento di Ezo in Sud Sudan, che prima ospitava circa 3,300 rifugiati congolesi, è ora praticamente vuoto, dato che le famiglie di rifugiati rimanenti sono fuggite in campi vicini.La registrazione in R.D. del Congo sta avvenendo in aree lungo il confine e altre persone sono in arrivo. L’ufficio dell’UNHCR più vicino è a Bunia, distante 400 chilometri, e il team dell’UNHCR ha impiegato diversi giorni per raggiungere le località dove si trovano i rifugiati.Il novanta per cento dei rifugiati sud sudanesi sono donne e bambini. Alcuni hanno camminato per tre giorni, portando con sé solo i beni più importanti. Molti uomini sono rimasti a casa, in Sud Sudan.Mentre alcuni rifugiati hanno dormito all’aperto o in capanne abbandonate senza tetto, la maggior parte è ospitata da famiglie locali, fra cui rifugiati sudanesi di conflitti precedenti. L’UNHCR ha distribuito teli di plastica a 409 persone.I rifugiati hanno urgente bisogno di riparo, cibo e cure mediche. L’ospedale più vicino si trova a circa 80 chilometri di distanza. Ulteriori valutazioni aiuteranno a determinare altre forme di supporto. Molti dicono che non torneranno in Sud Sudan senza pace.Il conflitto nel Sud Sudan è scoppiato a Juba due anni fa, in questo mese. Finora ha costretto 2.3 milioni di persone a lasciare le proprie case, 650.000 dei quali hanno attraversato il confine come rifugiati e 1.65 milioni sono sfollati all’interno del Paese. La maggior parte dei rifugiati si trova in Etiopia (226.000), Sudan (198.000), Uganda (172.000) e Kenya (49.000). Perfino in queste condizioni, il Sud Sudan continua ad ospitare 265.000 rifugiati dalle regioni del Sud Kordofan e del Blue Nile del vicino Sudan.

Posted in Estero/world news, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: | Leave a Comment »

Pakistan: Dialogo interreligioso

Posted by fidest press agency su sabato, 5 dicembre 2015

dialogo interreligiosoSegnali positivi per il dialogo interreligioso in Pakistan. Si rafforza l’opera del Peace Center di Lahore, il centro dei frati domenicani nato nel novembre 2010 per la promozione del dialogo interreligioso e da sempre sostenuto da Aiuto alla Chiesa che Soffre. Del consiglio del centro fa parte anche il Grande Imam della seconda maggiore moschea del Pakistan, la Moschea Badshahi di Lahore, l’Imam Syed Muhammad Abdul Khabir Azad. L’Imam Azad collabora a stretto contatto con il direttore del Peace Center, il religioso domenicano padre James Channan, per migliorare i rapporti tra la piccola minoranza cristiana e la maggioranza musulmana. In particolare, il chierico islamico è fortemente impegnato nel controllare gli imam delle moschee rurali che nei loro sermoni incitano spesso all’odio interreligioso fino a lanciare delle vere e proprie campagne anticristiane attraverso gli altoparlanti delle moschee, ad esempio in occasione di accuse di blasfemia ai danni di cristiani.«Il nostro lavoro di riconciliazione interviene soprattutto in seguito ad attentati come quelli di Lahore – spiega ad ACS Padre Channan – per cercare di guarire le ferite e convincere le vittime a non cercare vendetta». Il religioso e l’imam sottolineano l’alto numero di vite spezzate in Pakistan dal terrorismo: oltre 60mila soltanto dopo l’attacco alle Torri Gemelle del settembre 2001. «Inizialmente il dialogo interreligioso1governo pachistano ha fortemente sottovalutato la minaccia terroristica interna al paese – afferma l’Imam Azad – ma oggi il numero di terroristi va diminuendo, soprattutto grazie ad un’efficace campagna anti-terrorismo».Ancora alto è invece il numero di casi di abuso della legge antiblasfemia. «L’unico modo per limitare l’abuso è punire chi si serve impropriamente della legge per scopi personali», afferma padre Channan ricordando anche i molti omicidi extra-giudiziali legati alla cosiddetta “legge nera”: dal ministro cristiano Shahbaz Bhatti alla coppia di coniugi cristiani, Shahzad e Shama Masih, gettati vivi in una fornace di mattoni nel novembre 2014. Casi che l’imam Azad ha più volte condannato, anche in quanto rappresentante della comunità musulmana. «Ho ricevuto molte minacce a causa delle mie affermazioni a sostegno della comunità cristiana e contro l’abuso della legge antiblasfemia – dichiara il leader religioso islamico ad ACS – Ma continuerò a portare avanti la mia missione, perché è quanto di più il Pakistan ha bisogno oggi». (foto: dialogo interreligioso)

Posted in Estero/world news, Spazio aperto/open space, Uncategorized | Contrassegnato da tag: | Leave a Comment »

Cavalleria rusticana e Pagliacci in diretta dalla Royal Opera House di Londra

Posted by fidest press agency su sabato, 5 dicembre 2015

royal operaLondra. L’Italia è la protagonista della nuova produzione del Covent Garden. Cavalleria Rusticana e Pagliacci saranno dirette da Antonio Pappano, il più giovane direttore della Royal Opera House. L’allestimento è affidato a Damano Michieletto, regista giovane e moderno, cresciuto alla scuola Paolo Grassi di Milano. L’appuntamento nelle sale di The Space Cinema è giovedì 10 dicembre. Figlio di beneventani, Pappano ha suonato per diletto il pianoforte prima a Londra e quindi negli Stati Uniti, stimolato dal padre. Non hai conseguito un diploma e ciò ha generato contestazioni pesanti sulla sua professionalità. Ma Pappano non si è mai arreso arrivando al clamoroso ingaggio dalla Royal Opera House come più giovane direttore delle orchestre dell’istituzione londinese.
Cresciuto alla scuola d’arte Paolo Grassi di Milano, Michieletto è laureato in lettere moderne alla Ca’ Foscari. Ha modernizzato il melodramma ideando Donizetti in spiaggia, Puccini in un hangar, Rossini su un treno. Solo lui poteva riproporre in chiave moderna la Cavalleria rusticana di Pietro Mascagni e Pagliacci di Ruggero Leoncavallo. Sul palco ci saranno Carmen Giannattasio e i mezzi soprani Martina Belli ed Elena Zilio, insieme alle star Eva-Maria Westbroek e Aleksandrs Antonenko. Cavalleria rusticana è ambientata in un villaggio del Sud Italia e narra l’amore del contadino Turiddu verso Lola. Pagliacci racconta la via in una compagna di teatro. Le due opere, ambientate nel secolo scorso, sono messe in scena come voluto dai compositori quali parte del movimento verista che ha riprodotto la realtà della vita dell’Italia popolare. (photo: royal opera)

Posted in Estero/world news, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre, Uncategorized | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Documento segreto Ue: COP21 non tocchi gli interessi commerciali

Posted by fidest press agency su sabato, 5 dicembre 2015

parigi“Non si faccia nessuna menzione specifica su questioni inerenti al commercio e alla proprietà intellettuale” nei negoziati sul clima e ogni tentativo di inserire questi temi nella discussione della COP21 di Parigi non potrà essere accettato. Questa la posizione del Trade Policy Committee dell’Unione Europea deciso il 20 novembre scorso, documento strappato alla segretezza dai movimenti Stop TTIP europei, che sottolinea come la Convenzione Quadro del’Onu sul cambiamento climatico non sia il forum adatto per parlare di commercio internazionale, considerata l’attività di forum multilaterali della WTO, l’Organizzazione Mondiale del Commercio, e che “ogni misura adottata per combattere il cambiamento climatico” non dovrebbe costituire un mezzo di “restrizione del commercio internazionale”.Mentre, insomma, difronte alla instabilità mondiale Ong, Sindacati e movimenti ribadiscono da Parigi la propria richiesta che siano le Nazioni Unite a gestire le crisi globali, clima in testa, e che al massimo le altre assisi siano considerate strumentali rispetto agli obiettivi che la comunità politica internazionale si dia, ancora una volta la logica del “business is business” prevale.”Prima di tutto gli interessi commerciali, ecco nero su bianco l’ipocrisia dell’Unione Europea con il suo doppio standard” sottolinea Alberto Zoratti, presidente dell’Ong Fairwatch osservatrice alla COP21 di Parigi sul clima e tra le realtà promotrici di Stop TTIP Italia. “Impedire alla COP di poter trattare degli impatti delle liberalizzazioni del commercio sulla lotta al cambiamento climatico, rispostando tutto alla WTO e ai trattati commerciali come il TTIP significa indebolire strutturalmente il negoziato climatico, inserendo una gerarchia de facto che favorisce gli interessi economici rispetto alla tutela dell’ambiente”.”Già la pubblicazione del capitolo sullo sviluppo sostenibile del TTIP , il trattato transatlantico ancora in negoziato” continua Zoratti, “mostra come ogni riferimento al rispetto di accordi multilaterali sull’ambiente o alle stesse convenzioni dell’Organizzazione Internazionale del Lavoro sia retorico, senza alcun meccanismo sanzionatorio capace di far rispettare questi principii”.Intanto i negoziati sul clima a Parigi avanzano con difficoltà, mentre pare ci siano aperture sulla questione del loss and damage, non si è ancora trovata una quadra sulle risorse destinate all’adattamento (100 miliardi di dollari all’anno entro il 2020) e sull’entità del taglio delle emissioni di gas climalteranti, in un quadro che vede la concentrazione di CO2 atmosferica avvicinarsi alla soglia di allarme delle 450 parti per milione.”La lotta al cambiamento climatico” conclude Zoratti, “non può prescindere da un profondo ripensamento del modello di sviluppo attuale: la ricetta proposta dai trattati commerciai bilaterali e dalla stessa WTO, basata su liberalizzazioni e deregolamentazioni spinte rischia di aggravare un fenomeno che minaccia la stabilità ecologica e sociale dell’intero pianeta. Bisogna cambiare sistema per non cambiare clima, sostenendo una seria riconversione e transizione ecologica e sociale che guardi più ai territori, alle produzioni sostenibili, ai limiti dell’ecosistema che non al mercato globale: questa è la nostra posizione come movimenti sociali presenti a Parigi, una richiesta necessaria e non più rimandabile prima di superare il punto di non ritorno”

Posted in Cronaca/News, Spazio aperto/open space, Uncategorized | Contrassegnato da tag: | Leave a Comment »

Un laser Made in Italy per salvaguardare il patrimonio artistico della Cina

Posted by fidest press agency su sabato, 5 dicembre 2015

incontro delegazioneIn volo da Malpensa verso Pechino per salvaguardare il patrimonio artistico del Paese del Dragone grazie alla più avveniristica tecnologia Made in Italy. E’ notizia di questi giorni, infatti, che una delegazione tutta italiana è stata scelta dalla Cina per un importante progetto di amicizia e gemellaggio tra i beni artistici e culturali dei due paesi. Di tale delegazione, chiamata “Beni Artistici”, capeggiata dal Professor Leonardo Masotti, fa parte la varesina Quanta System SpA, del Gruppo El.En. (Segmento Star di Borsa Italiana ELN.MI), la quale, informata di essere stata prescelta dalle autorità cinesi, ha deciso con orgoglio di proporre la donazione alla Cina di un laser per il restauro conservativo. Tale gesto, oltre che fortemente simbolico, farà sì che parte del tesoro artistico e culturale che racconta la millenaria storia della Repubblica Popolare Cinese potrà ritornare al proprio originario splendore.Si tratta di un patrimonio di inestimabile valore che ha visto protagoniste le diverse dinastie dell’Impero e che ora, come testimonia un allarme lanciato la scorsa estate dal Governo cinese, rischia di finire schiacciato dal peso dell’incuria e del tempo. Quanta System è stata la prima, tra tutti, ad accogliere l’appello di Xi Jinping, presidente della nazione più popolosa del mondo, mettendo a disposizione quanto di meglio è stato realizzato dopo anni di ricerca da uno staff di ingegneri e tecnici. Questa tecnologia, infatti, è in grado di operare con efficacia senza pari su superfici marmoree, legni, stucchi, ori, bronzi, carte antiche, superfici policromatiche, dipinti, quadri ed affreschi.L’intervento in Cina non è il primo del suo genere eseguito con i laser della Quanta e del Gruppo El.En.: è di poche settimana fa, infatti, la riapertura del Battistero di Firenze, in parte tirato a lucido con la stessa tecnologia. Recentemente con i laser di Quanta System sono stati effettuati restauri di preziosi sarcofaghi egizi della XXI Dinastia conservati presso i Musées Royaux d’Art et d’Histoire di Bruxelles, della Torre di Pisa, degli affreschi della Villa dei Misteri di Pompei, e di moltissime opere conservate nei Musei Vaticani, dove questa estate è iniziato il lavoro per riportate al loro antico splendore 500 tra statue, busti ed opere scultoree dei Giardini, sempre mediante laser donati da Quanta System, questa volta al Sommo Pontefice.Tra l’altro, il 30 novembre 2015, proprio in virtù del suo impegno nel mondo come portabandiera del restauro conservativo mediante i laser, Quanta System ha ottenuto una importante onorificenza, da parte del comune di appartenenza: la Cittadinanza Onoraria. ”Per avere onorato il nome della città di Solbiate Olona nel mondo, oltre che lo spirito d’impresa, l’ingegno e la cultura italiani, prodiga nel fornire tecnologie laser anche per il restauro di opere importantissime, patrimonio dell’umanità”.A rendere possibile l’intervento in Cina sarà il laser “Thunder Art”, operante con tre colori (lunghezze d’onda), a 1064 (infrarosso), 532 (verde) e 355 nanometri (ultravioletto).
L’Associazione CPAFFC – Chinese People Association for Friendship with Foreign Countries, dopo essersi consultata con le massime autorità governative cinesi, renderà infine noto a quale istituzione verrà assegnata la preziosissima apparecchiatura. E’ prevista una delegazione che si recherà a Pechino, della quale farà parte l’Ing. Paolo Salvadeo, CEO di Quanta System. Con lui saranno presenti la signora Maria Moreni, presidente dell’Associazione Physeon che patrocina i marchi High Quality Italy e High Quality China, con altri alti dirigenti della Camera dei Deputati e della Presidenza del Consiglio dei Ministri.La donazione del laser Thunder Art è stata preannunciata ai dirigenti cinesi, capi delegazione, durante l’incontro bilaterale “CPAFFC – ITALY DAY “, tenutosi il 27 Novembre presso la Regione Lombardia. (foto: incontro delegazione)

Posted in Cronaca/News, Recensioni/Reviews, Uncategorized | Contrassegnato da tag: | Leave a Comment »