Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 31 n° 301

Archive for 11 dicembre 2015

EU Passenger Name Record (PNR): Civil Liberties Committee backs EP/Council deal

Posted by fidest press agency su venerdì, 11 dicembre 2015

european parliamentThe provisional deal reached by Parliament and Council negotiators last week on an EU directive regulating the use of Passenger Name Record (PNR) data for the prevention, detection, investigation and prosecution of terrorist offences and serious crime was endorsed by the Civil Liberties, Justice and Home Affairs Committee on Thursday by 38 votes to 19, with 2 abstentions. The draft directive will be put to a vote by Parliament as a whole early next year.”We cannot wait any longer to put this system in place. (…) The choice is not between an EU PNR system and no EU PNR system; it is between an EU PNR system and 28 national PNR systems that will have vastly differing, or absent, standards for protecting passenger data”, said Parliament’s Civil Liberties Committee lead negotiator on the EU PNR proposal, Timothy Kirkhope (ECR, UK).
The EU PNR directive would oblige airlines to hand EU countries their passengers’ data in order to help the authorities to fight terrorism and serious crime. MEPs sought to ensure, in three-way talks (“trilogues”) with the Council and Commission, that the draft law complies with the proportionality principle and includes strict personal data protection safeguards.PNR data is information provided by passengers and collected by air carriers during reservation and check-in procedures, such as travel dates, travel itinerary, ticket information, contact details, baggage information, payment information, etc.
The agreed directive will provide for the transfer by air carriers to EU member states’ “Passenger Information Units” (PIUs) of PNR data of passengers of “extra-EU flights” (i.e. from a third country to an EU member state or vice-versa). It will allow, but not oblige, member states to apply its provisions also to “intra-EU flights” (i.e. from an EU member state to one or more of the other). If a member state wishes to apply this directive to intra-EU flights, “it shall give notice in writing to the Commission to that end”, says the text.Non-carrier economic operators, such as travel agencies and tour operators which provide travel-related services including booking flights, for which they collect and process PNR data, are not included in the directive’s scope, but it does allow member states to provide, under their domestic law, for a system for collecting and processing PNR data from these operators. The PNR data may be processed “only for the purposes of prevention, detection, investigation and prosecution of terrorist offences and serious crime”. A single list of offences has been agreed upon, including, for example, trafficking in human beings, participation in a criminal organisation, cybercrime, child pornography, and trafficking in weapons, munitions and explosives.
The PNR data provided by the air carriers to the national PIUs is to be retained for a period of five years. For the first six months, the data will be “unmasked”, i.e. will include personal identifying information. The data will then have to be “masked out” for the remaining four and a half years. Depersonalising data through “masking out” means rendering certain data elements of such data invisible to a user, such as name(s), including the names of other passengers on PNR and number of travellers on PNR travelling together, address and contact information, etc. (i.e. data elements which could serve to directly identify the passenger to whom the PNR data relate).At the insistence of the Parliament’s lead negotiator, the initial storage period during which the PNR data are not “masked out” is six months (the Council’s general approach sought to prolong the first period during which the data are fully accessible to two years, from the 30 days in the initial Commission proposal presented in 2011).
Data protection safeguards inserted by MEPs during the negotiations include:
• an obligation for national PIUs to appoint a data protection officer responsible for monitoring the processing of PNR data and implementing the related safeguards, and to act as a single point of contact on all issues relating to the processing of the passengers’ PNR data,
• duties and powers for the national supervisory authority, which will be in charge of checking the lawfulness of the data processing and conduct investigations, and
• access to the full PNR data set, which enables users to immediately identify the data subject, should be granted only under very strict and limited conditions after the initial retention period.
All processing of PNR data should be logged or documented, and passengers should be clearly and precisely informed about the collection of PNR data and their rights.
At MEPs’ request, the agreed text requires the Commission to carry out a review of the EU PNR directive two years after its transposition into national laws. It must pay special attention to compliance with personal data protection standards, the necessity and proportionality of collecting and processing PNR data for each of the stated purposes, the length of the data retention period, and also “the effectiveness of the sharing of data between the member states”. The necessity of introducing non-carrier economic operators within the scope of the directive should also be looked at during the review process, says the agreed text.In the light of this review, a proposal to amend the EU PNR directive could be presented.

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

L’alta moda italiana a Buckingham Palace

Posted by fidest press agency su venerdì, 11 dicembre 2015

alta modaIn occasione dell’annuale ricevimento degli auguri di Natale per i membri del mondo diplomatico al cospetto di Sua Maestà la Regina Elisabetta II a Buckingham Palace Mrs Karen Lawrence Terracciano consorte dell’Ambasciatore d’Italia S.E. Pasquale Terracciano ha scelto di indossare un abito di Alta Moda firmato dallo stilista Michele Miglionico. Mrs Lawrence Terracciano ha indossato un evening dress di linea scivolata con corpino senza maniche in tulle e pizzo valencienne drappeggiato in chiffon nero e gonna con piccolo strascico in velluto devorè grigio con disegni stilizzati in lurex nero. Una cappa in broccato di seta della collezione “Madonne Lucane” ed una sciarpa di taffettas doppiata di visone intarsiato nero e fuxia hanno completato l’immagine dell’ outfit haute couture appositamente creato per l’evento.
Inoltre Mrs Lawrence Terracciano ha indossato gioielli Bulgari Alta Gioielleria, clutch Bulgari, shoes luxury Max Mara e guanti Sermoneta Gloves. Tutto questo per sostenere e diffondere nel Regno Unito l’eccellenza del Made in Italy. (foto: alta moda)

Posted in Cronaca/News, Estero/world news, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: | Leave a Comment »

Convogli del WFP nella città yemenita di Taiz per scongiurare una imminente crisi umanitaria

Posted by fidest press agency su venerdì, 11 dicembre 2015

YemenSANA’A – Due convogli per l’assistenza umanitaria del Programma Alimentare Mondiale delle Nazioni Unite (WFP) sono arrivati nella città di Taiz, nello Yemen centrale, con soccorsi per i cittadini assediati che vivono in condizioni difficili. L’assistenza alimentare è sufficiente a sfamare circa 145.000 persone per un mese. Due convogli di 35 camion con generi alimentari di vario tipo sono arrivati martedì nelle aree di Salah e al-Qahira mentre un terzo convoglio è al momento diretto nel distretto di Mudhafar.“Stiamo superando delle enormi sfide per riuscire ad accedere alle aree e consegnare assistenza di cui si ha estremo bisogno nella città, che negli ultimi due mesi ha visto un peggioramento della situazione umanitaria”, ha detto Purnima Kashyap, Rappresentante e Direttrice del WFP in Yemen.“Il WFP ha bisogno di sicurezza e di agibilità negli spostamenti interni, per raggiungere il maggior numero di persone con assistenza alimentare, prima che diventi ancora più acuta la fame”. Kashyap ha aggiunto che il WFP, finanziato esclusivamente su base volontaria, ha urgente bisogno di fondi per i propri interventi.A novembre, il WFP ha consegnato assistenza alimentare a 10.000 persone nella città – un piccolissimo numero rispetto a quanti sono in stato di bisogno. A causa degli intensi combattimenti e dei bombardamenti aerei, l’accesso via terra a Taiz è stato estremamente difficile. I camion del WFP sono stati fermi ai checkpoints e l’accesso è stato, in generale, molto limitato.Tuttavia, nelle settimane passate, il coordinamento tra le parti, a terra, ha permesso al WFP di fare arrivare l’assistenza umanitaria nella città di Taiz.“Continuiamo a fare appello a tutte le parti in conflitto affinché ci aiutino a fornire assistenza salva-vita in maniera tempestiva in tutto il paese”, ha detto Muhannad Hadi, Direttore Regionale del WFP per il Medio Oriente, il Nord Africa, l’Europa dell’Est e l’Asia Centrale. “Approfittiamo di tutte le opportunità che ci permettono di consegnare sempre più assistenza”.
Taiz si trova in uno dei 10 governatorati, sui 22 complessivi che compongono lo Yemen, stretti nella morsa di un’insicurezza alimentare grave considerata a livello d’emergenza, un livello sotto la carestia sulla scala della Classificazione Integrata delle Fasi di Sicurezza Alimentare. Almeno un nucleo familiare su cinque nell’area non ha abbastanza cibo per condurre una vita in salute, ha perso i mezzi di sostentamento e rischia la vita a causa dei tassi di malnutrizione acuta a cui è esposto. Il conflitto ha peggiorato la già precaria sicurezza alimentare del paese aumentando, in meno di un anno, di oltre tre milioni il numero di quanti soffrono la fame. Secondo un Rapporto sui bisogni umanitari nel 2016, 7,6 milioni di persone in Yemen vivono in una situazione di grave insicurezza alimentare, un livello che necessita di urgente assistenza alimentare esterna.
Il WFP ha superato immense difficoltà per poter raggiungere un milione di persone, in media, ogni mese dall’inizio del conflitto. A novembre, il WFP ha consegnato cibo a tutti i 19 governatorati che registrano livelli di fame critici e d’emergenza, raggiungendo 1,8 milioni di persone.

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: | Leave a Comment »

L’Europa. Colpevole di tutto? Mah…

Posted by fidest press agency su venerdì, 11 dicembre 2015

europa-261011-cIn attesa dei risultati definitivi delle elezioni regionali francesi di domenica prossima, sembra che l’Europa, ovvero la Ue, stando alle dichiarazioni dei politici nostrani e francesi, sia responsabile dei nostri mali. Da ultimo, anche il nostro presidente del Consiglio, Matteo Renzi, dichiara che “Se l’Europa non cambiera’ rapidamente direzione, le istituzioni europee diverranno le migliori alleate di Marine Le Pen”. Sembra che la memoria difetti anche al nostro presidente, perche’ non e’ stata l’Europa a portare il nostro debito pubblico al 100% quando decidemmo di entrare nella Ue, ne’ a decidere il cambio lira/ marco, visto che nel 2001, ultimo anno della nostra moneta, ci volevano ben 990 lire per fare un marco e non 990 marchi per fare una lira, e non sono le burocrazie europee ad approvare le direttive e i regolamenti comunitari ma e’ il Parlamento europeo, che e’ eletto dai cittadini comunitari, cosi’ come i trattati sono sottoscritti dai
rappresentanti dei Paesi membri, di destra o di sinistra, compreso il nostro.
Se si vuole fare un richiamo ai Paesi comunitari dobbiamo farlo perche’ il processo di unificazione europea si e’ fermato. Tanto per fare un esempio, se i servizi di sicurezza dei 28 Paesi europei si fossero integrati, probabilmente avremo evitato la strage del 13 novembre a Parigi. (Primo Mastrantoni, segretario Aduc)

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: | Leave a Comment »

SIP e SIPPS presentano la prima Consensus sulla vitamina D

Posted by fidest press agency su venerdì, 11 dicembre 2015

La Consensus sulla vitamina D in età pediatrica, promossa dalla Società Italiana di Pediatria (SIP) e dalla Società Italiana di Pediatria Preventiva e sociale (SIPPS), in collaborazione con la Federazione Medici Pediatri (FIMP), è il primo documento del genere nel nostro Paese. La Consensus fornisce le raccomandazioni mirate alla prevenzione dell’ipovitaminosi D in età pediatrica, individuando i soggetti a rischio ed indicando le modalità di profilassi/trattamento. “La principale novità del documento è rappresentata dalle recenti acquisizioni scientifiche relative alle azioni extrascheletriche della vitamina D nel bambino e nell’adolescente”, spiega Giuseppe Saggese, Presidente della Conferenza Permanente dei Direttori delle scuole di specializzazione in Pediatria e coordinatore e scientifico della Consensus. “Sino ad ora sapevamo che la vitamina D previene malattie dell’apparato osseo, come il rachitismo e l’osteoporosi, perché favorisce nell’organismo i processi di assorbimento del calcio, elemento costitutivo dell’apparato scheletrico. Nuove evidenze suggeriscono che la vitamina D ha un ruolo positivo in alcune patologie autoimmuni, come il diabete mellito 1 e l’artrite idiopatica giovanile, ma anche nell’asma, nel broncospasmo e nelle infezioni respiratorie ricorrenti. Alcuni studi hanno messo in luce che i bambini con queste infezioni hanno livelli più bassi di vitamina D e si è visto anche che la vitamina D ne migliora il decorso. Si tratta di letteratura recente ancora oggetto di approfondimento, ma i risultati sono incoraggianti e aprono nuove prospettive di utilizzo della vitamina D. In attesa di dati definitivi i pediatri devono comportarsi usando i principi del buonsenso e facendo riferimento alle raccomandazioni della Consensus”. Nonostante le evidenze sui benefici della vitamina D, la maggior parte dei bambini italiani ne è carente. “L’ipovitaminosi D, condizione che va dall’ insufficienza al deficit di vitamina D, riguarda oltre un bambino su due, con punte massime in epoca neonatale e nell’adolescenza, dove si arriva a percentuali del 70%” spiega il Presidente SIP Giovanni Corsello. Quali sono i soggetti a rischio? Il primo fattore di rischio è la scarsa esposizione solare, principale fonte di approvvigionamento della vitamina D. Il nostro organismo infatti la produce attraverso la sintesi cutanea indotta dall’esposizione ai raggi solari. “Gioco e attività fisica all’aria aperta dovrebbero essere maggiormente incoraggiati soprattutto durante la bella stagione, anche perché da novembre a febbraio l’inclinazione dei raggi ultravioletti è insufficiente a favorire la produzione di vitamina D”, aggiunge Corsello. “Il consiglio è rivolto soprattutto agli adolescenti che registrano i deficit più elevati di vitamina D anche a causa di stili di vita errati, come passare molte ore chiusi in casa davanti al computer o alla tv e non fare attività fisica”. L’allattamento al seno esclusivo prolungato, senza supplementazione di vitamina D, tipico di alcune culture come quelle araba o africana, è un fattore di rischio perché il latte materno, pur essendo l’alimento ideale per il neonato, non contiene quantità sufficienti di vitamina D. A rischio i bambini obesi perché il tessuto adiposo “sequestra” la vitamina D e quelli con la pelle scura perché questa non permette ai raggi solari di filtrare, un tema non trascurabile per l’attività di prevenzione svolta dai pediatri vista la sempre più elevata componente di bambini migranti.
LE CONSEGUENZE DELL’IPOVITAMINOSI D Nel neonato la vitamina D, previene il rachitismo carenziale. “Nel bambino e nell’adolescente la vitamina D, così come il calcio e l’attività fisica, ha un impatto positivo sui processi di acquisizione della massa ossea”, spiega Giuseppe Di Mauro Presidente SIPPS. “Un individuo raggiunge il suo livello più elevato di massa ossea intorno ai 20 anni: tanto maggiore è il picco tanto minore è la probabilità di andare incontro all’osteoporosi nelle età successive della vita, soprattutto dopo la menopausa. I bambini italiani mediamente non arrivano al 50% del fabbisogno giornaliero di calcio. Pediatri e genitori devono incoraggiarli di più a fare colazione con una bella tazza di latte, un’abitudine italiana da difendere”, aggiunge Di Mauro.
LE RACCOMANDAZIONI – Primo anno vita. La Consensus raccomanda la profilassi con vitamina D per tutti i neonati per tutto il primo anno di vita, indipendentemente dall’allattamento. Infatti né il latte materno, né quello in formula (anche se addizionato) riescono a soddisfare il fabbisogno giornaliero di vitamina D. Per raggiungerlo si dovrebbe consumare un litro di latte in formula al giorno, quantità alla quale il bambino arriva solo quando è prossimo allo svezzamento. La profilassi è inoltre raccomandata a tutte le donne in gravidanza o che allattano.
Da 1 a 18 anni la profilassi giornaliera è raccomandata solo nei soggetti a rischio: bambini di etnia non caucasica ed elevata pigmentazione, con ridotta esposizione solare, che seguono regimi alimentari inadeguati come la dieta vegana, bambini con insufficienza renale o epatite cronica, obesi, affetti da malattie infiammatorie croniche o da celiachia.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: | Leave a Comment »

Laurea Magistrale honoris causa in Medicina e Chirurgia al prof. Stephen Coplan Harrison

Posted by fidest press agency su venerdì, 11 dicembre 2015

Stephen CoplanUniversità Statale di Milano. Il Prorettore Daniela Candia, a nome del Rettore Gianluca Vago, ha consegnato a Harrison la pergamena di laurea ad honorem con la seguente motivazione: “Per aver aperto la strada a una nuova visione della Biologia e della Biomedicina fondando il campo della soluzione delle strutture delle macchine macromolecolari e aver così gettato le basi della moderna comprensione della virologia e della risposta immune al virus”Il prof. Stephen Coplan Harrison, nato a New Haven (Connecticut), si è laureato in Biofisica all’Università di Harvard nel 1967. Dopo un periodo di attività post-dottorale a Cambridge (UK), ha intrapreso una lunga e prestigiosissima carriera proprio all’Università di Harvard, dove al momento è Giovanni Armenise-Harvard Professor of Basic Biomedical Science and HHMI Investigator. È membro della National Academy of Sciences (USA), della European Molecular Biology Organization (EMBO), della Royal Society ed è stato insignito dei più importanti premi internazionali nel settore. Alla valenza scientifica il prof. Harrison associa una sincera dedizione alla promozione della scienza come veicolo di miglioramento della condizione umana, soprattutto nell’ambito biomedico; questo suo impegno è testimoniato dalla vice-presidenza della Helen Hay Whitney Foundation, un charitable trust che si propone di avviare i migliori laureati in medicina a una carriera scientifica, con l’obiettivo di plasmare le figure di medical scientists e di formare la classe dirigente biomedica.
Il prof. Harrison dedica una notevole percentuale del suo tempo non solo all’attività didattica, ma anche alla promozione delle carriere e della formazione dei giovani scienziati; per 25 anni, dal 1971 al 1996, ad Harvard ha ricoperto la carica di chairman del Board of Tutors in Biomedical Sciences, una funzione che gli ha consentito di fornire assistenza personale e professionale nell’orientamento delle scelte e nella soluzione dei problemi a più di 1600 giovani ricercatori.
Nella comunità scientifica internazionale il prof. Harrison è considerato il padre della strutturistica moderna. Formatosi come strutturista, la disciplina “ultima” della biologia, quella che decifra come le cose sono veramente fatte, Harrison, animato da una visione in anticipo sui tempi, indirizzò ben presto la sua ricerca alla comprensione dei sistemi, soprattutto in relazione alle “proprietà emergenti” dei sistemi, quelle che derivano dall’interazione dei componenti e che non possono essere intuite o svelate dalla conoscenza dei singoli componenti. Negli anni in cui non esistevano sincrotroni o criocristallografia e i computer avevano capacità di calcolo piuttosto limitate si propose l’obiettivo di decifrare la struttura di un intero virus. Questo comportò sia l’invenzione di nuove tecnologie, sia un approccio rivoluzionario alla data collection e alla computazione dei dati. Il risultato fu la prima struttura di un virus nella sua interezza: il tomato bushy stunt virus; a questo fecero seguito il virus del papilloma umano, il virus della dengue, i rotavirus e l’HIV.
Accanto all’impegno in virologia strutturale, lo scienziato statunitense ha applicato le sue metodologie e il suo ingegno alla soluzione della struttura di altre importanti macchine molecolari: i complessi proteina/DNA, l’enhanceosome, il cinetocoro. Il suo lavoro sui virus ha portato a numerosi progressi nel campo della vaccinologia. (foto: Stephen Coplan)

Posted in Cronaca/News, Università/University | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

La pesca in Sicilia, quale futuro?

Posted by fidest press agency su venerdì, 11 dicembre 2015

pesca in siciliaFavignana sabato 12 dicembre, a partire dalle ore 10.30, nel Palazzo Florio nel corso di un convegno organizzato dal Gruppo di Azione costiera per lo sviluppo sostenibile delle zone di pesca delle isole minori che riunisce Favignana, Marettimo, Levanzo, Lipari, Vulcano, Stromboli, Alicudi, Filicudi, Salina, Panarea, Pantelleria e Ustica verranno sviluppati i temi su: “La pesca in Sicilia, quale futuro? Da Expo 2015 alle opportunità della nuova programmazione Europea.” Introdurranno i lavori Giuseppe Pagoto, sindaco di Favignana e presidente del GAC Isole di Sicilia, e Fabrizio Di Paola, sindaco di Sciacca e presidente della rete dei GAC Siciliani. Modera: Vito Manca, giornalista. Alle 10.45 la prima sessione dal titolo “Il GAC Isole di Sicilia e l’esperienza del Cluster biomediterraneo ad Expo 2015”” con gli interventi di: Pietro La Porta, responsabile amministrativo GAC Isole di Sicilia; Michele Ritunno, imprenditore nel settore della pesca; Angelo Schillaci, esperto rete GAC; Stefano Donati, direttore Area Marina Protetta Isole Egadi.
Alle 11.45 la seconda sessione “Programma operativo Fondo europeo affari marittimi e pesca 2014-2020”: Opportunità e prospettive per lo sviluppo della pesca in Sicilia”. Interventi di: Giuseppe Dimino, responsabile del servizio Programmazione del Dipartimento regionale della Pesca Mediterranea; Giovanna Segreto, responsabile del servizio GAC del Dipartimento regionale della Pesca Mediterranea; Giovanni Basciano, vice presidente AGCI Agrital; Monica Chalabardo, coordinatore GAC OESTE Portogallo; Evelina Jepson, manager of FLAG Glavinitsa-Tutrakan-Slivo Pole. Conclusioni di Dario Cartabellotta, dirigente generale Dipartimento regionale della Pesca Mediterranea. Seguirà l’inaugurazione del “Museo del Mare” di Palazzo Florio, realizzato nell’ambito dell’azione 1.5 del PSL-GAC Isole di Sicilia.
L’obiettivo anche in questa occasione è la promozione del mare e della pesca artigianale, mare come tradizioni, gente, mare cultura, gastronomia e divertimento. Un momento che punta alla promozione del territorio e allosviluppo della cultura turistica e dell’accoglienza integrate e ad attrarre il turismo in forme nuove con una diversificazione dell’offerta e il potenziamento della fruizione. Si punta a rendere protagoniste le eccellenze dei luoghi, ma anche il pescato locale che diventa prelibatezza a tavola, in modo da ampliare gli sbocchi di mercato delle produzioni ittiche e diffonderne la conoscenza tra i consumatori, agendo sulla promozione del settore pesca e della sua offerta di prodotti ittici. “Il Gruppo di Azione Costiera “Isole di Sicilia” – afferma Giuseppe Pagoto, sindaco delle Egadi e presidente del Gac – ha attuato diversi progetti di sviluppo rivolti agli operatori della pesca. L’obiettivo principale è di rafforzare la competitività delle zone di pesca, ristrutturare e orientare le attività economiche, promuovendo pesca-turismo ed itti-turismo senza determinare un aumento dello sforzo di pesca. Con l’avvio imminente della prossima programmazione 2014-2020 ci candideremo a realizzare ulteriori interventi che possano migliorare l’attrattività dei nostri territori. La pesca artigianale e locale è un perno del nostro sistema sociale ed economico che va ulteriormente rilanciato”. (foto: pesca in sicilia)

Posted in Cronaca/News, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: | Leave a Comment »

Il Pesce dell’Adriatico approda sulle tavole bavaresi

Posted by fidest press agency su venerdì, 11 dicembre 2015

pesce adriaticoIl pesce dell’Adriatico sbarca sulle tavole della Baviera grazie a Fish Very Good, progetto del Gruppo di Azione Costiera Friuli Venezia Giulia, di cui l’azienda speciale Aries è capofila, per la valorizzazione e la riscoperta del pesce locale, finanziato dal Fondo Europeo per la Pesca 2007-2013.Per una settimana a partire da mercoledì 16 dicembre, i prodotti ittici dell’Alto Adriatico saranno protagonisti nei menu del ristorante Adriatico all’interno di Eataly – Monaco di Baviera, così da farli conoscere e apprezzare ad un pubblico di potenziali nuovi consumatori. Un’azione coadiuvata da un programma promozionale sviluppato da Aries nel quale rientrano anche una serie di show cooking per chef che permetteranno di esaltare le caratteristiche del pesce del Friuli Venezia Giulia facendolo apprezzare maggiormente ai ristoratori tedeschi.
Un’iniziativa che si incardina perfettamente nella strategia di sviluppo dei settori della pesca e dell’acquacoltura attuata nell’ambito del Gac Fvg e che è stata presentata ieri, mercoledì 9 dicembre, a Monaco, alla presenza di un folto pubblico di ristoratori e giornalisti.
<Grazie alla collaborazione tra il Gac Fvg-Aries, la Camera di Commercio Italo-Tedesca e Eataly diamo il via all’azione di promozione dei prodotti ittici dell’Alto Adriatico in Germania – ha spiegato il Presidente della Camera di Commercio di Trieste, Antonio Paoletti -. A partire da mercoledì prossimo, per una settimana, pesci, crostacei e molluschi pescati in Friuli Venezia Giulia potranno essere serviti freschi sulle tavole dei Baveresi. Il nostro obiettivo è favorire l’approvvigionamento di pesce di stagione e di valorizzarne sia il gusto sia le proprietà nutrizionali. Inoltre verranno inoltre organizzati dei corsi di preparazione del nostro pesce dedicati ai ristoratori di Monaco>.
L’evento è stato inoltre il contesto ideale per annunciare l’imminente messa in rete della nuova app FishTourFvg, dedicata al turismo naturalistico e alla pesca nelle zone costiere del Friuli Venezia Giulia e disponibile in 4 lingue, che verrà presentata pubblicamente la prossima settimana.<Il pescato dell’area Adriatico-ionica merita sicuramente una buona promozione sul mercato tedesco – ha detto lo chef stellato del ristorante Adriatico, Lucio Pompili, all’interno di Eataly -. I consumatori bavaresi apprezzano poi particolarmente questi prodotti tipici anche perché spesso conoscono le zone di produzione. Inoltre la promozione all’interno di Eataly sicuramente offre una vetrina d’eccellenza che caratterizza l’alta qualità del prodotto>.Dello stesso tenore il segretario generale della Camera di Commercio Italo Tedesca di Monaco di Baviera, Alessandro Marino. <Organizzare il primo evento promozionale italiano all’interno di Eataly Monaco a pochi giorni dalla sua apertura ci ha permesso di sfruttare appieno la visibilità mediatica e la curiosità del pubblico per dare maggiore visibilità ai prodotti dell’Alto Adriatico – ha spiegato -. Così promuoviamo prodotti ittici provenienti da una zona molto vicina al mercato bavarese che grazie ad una filiera più corta garantiscono maggiormente i consumatori sia per qualità sia per freschezza rispetto ad altri proventi da più lontano>.
Aries punta quindi a rafforzare la promozione del Friuli Venezia Giulia verso l’estero con particolare attenzione ai mercati più vicini i quali sono il target ideale per un prodotto come quello ittico che deve essere sempre fresco, vicino e genuino. (foto pesce adriatico)

Posted in Cronaca/News, Estero/world news, Uncategorized | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Non educhiamo i bambini all’odio

Posted by fidest press agency su venerdì, 11 dicembre 2015

guerradi Fortunato Di Noto Fondatore e presidente Meter onlus. Come raccontare la guerra ai bambini? Negli ultimi decenni la letteratura scientifica e la saggistica hanno cercato di rispondere a questa profonda domanda, ponendo in essa anche una nuova prospettiva: come i bambini raccontano la guerra, chi la subisce o chi la vede attraverso lo schermo televisivo e le nuove tecnologie, rifiutandola, ‘bannandola’ o ricordandola con un fiore, una candela, una preghiera. Quella che stiamo vivendo, è una guerra mondiale ‘frammentata’, ma globale, che si confonde tra finzione e realtà, senza la percezione minima della vera guerra e violenza. Dai risultati di alcuni studi emerge un quadro drammatico: è accertato che i bambini trascorrono davanti alla tv (o navigano in Internet) circa 4/5 ore al giorno, la maggior parte delle quali in solitudine, senza il filtro educativo degli adulti – anche loro attratti dalla violenza e dagli effetti della guerra. I notiziari di guerra e i reportage dal fronte, insieme alla violenza nelle fiction, sono diventati una costante che può o potrebbe incrementare la violenza e l’aggressività nei telespettatori, in particolare nei minori (come rilevano gli studi di Groebel, 1993, e Comstock, 1991). È evidente, e verificabile in maniera empirica, che i minori, dopo aver visto o ascoltato le news di guerra o la spettacolarizzazione della stessa, propendono a comportamenti ‘militarizzati’, facendo acquistare armi giocattolo per fare il ‘soldato’. Una reazione e un comportamento che tendono a giustificare l’aggressione e la guerra giusta. Ma è sempre giusta? Pensiamo alle bombe sganciate con la scritta: ‘Ve le inviamo con amore!’. Ma l’amore include la morte, la distruzione? Gesù Cristo non ci dice di ‘amare il nemico’ e di ‘perdonarlo’? Di non offendere chi ci ha offeso?
La guerra si può raccontare partendo dal perdono e dal dialogo, ‘che non è negoziare’ (Papa Francesco, 10 novembre 2015, al Convegno di Firenze). Certo, è difficile dialogare e perdonare, ma è l’unica via per ‘lavare’ il sangue, e anche se fosse ‘scarlatto’, farlo diventare ‘bianco come la neve’. Questo potrebbe avvenire in vari modi comunicativi, se i media, spesso anche quelli cattolici, riuscissero a non farsi influenzare dall’audience e dalla spettacolarizzazione del male, che viene presentato come un bene. In proposito, vediamo cosa ha prodotto la ‘guerra’ dell’immigrazione, con i morti e l’esposizione del bambino ‘spiaggiato’ anche sui nostri settimanali e media di ispirazione cattolica. Far vedere ciò che il male compie, dovrebbe essere per ogni cosa, per ogni evento. Le immagini e i video sono potenti, ma la parola è più potente, ‘è potentissima quando viene dall’anima e mette in moto tutte le facoltà dell’anima nei suoi lettori; ma, quando il di dentro è vuoto e la parola non esprime che se stessa, riesce insipida, noiosa’ (Francesco De Santis); aggiungerei, violenta e devastante, quando genera guerra su guerra, odio su odio, distanze e muri sempre più alti. Immaginiamo quando la parola deve raccontare fatti già di per sé tragici.
Dopo gli attentati di Parigi (e non è la prima volta, dato che la Madonna del Carmine, dove sono parroco, ha vissuto con dolore la perdita del brigadiere Giuseppe Coletta nella strage di Nassyria, nel 2003), la catechesi e la celebrazione eucaristica con bambini e adolescenti hanno consentito di approfondire le loro paure e angosce. La risposta dei bambini è stata limpida, chiara e drammaticamente spiazzante: ‘Non abbiamo paura della guerra, abbiamo paura delle persone’. La massiccia comunicazione quotidiana, a tutte le ore – non rispettando la fascia protetta in tv –, sembra innestare il distacco emotivo dagli eventi tragici, suscitando la ‘paura dell’altro e nell’altro’, sia vicino che lontano. Spesso la narrazione della guerra, essendo più ‘telegenica’ della pace, riduce i corpi martoriati in oggetti da ostentare senza pietà.
Grande è la responsabilità dei media cattolici, i quali hanno il dovere di raccontare ai bambini che tra le mani devono avere matite, colori, quaderni, libri; andare a scuola e ai musei. Devono raccontare che sono e siamo chiamati a essere a immagine e somiglianza di Dio, che è amore. Dobbiamo educarli all’amore e non alla guerra e alla conflittualità, anche se a volte è inevitabile. Il terrore genera la paralisi, e le immagini e i racconti di guerra senza percorsi di speranza provocano ‘immagini statiche e inoculate di odio’.
Allora, che fare? Mostrare o nascondere ai bambini le immagini di guerra? Facciamo un’ipotesi: che non le mostri chi propaganda la guerra, ma le mostri e le racconti, per educarli alla pace, chi ha scelto la civiltà del rispetto e della dignità delle persone. Interroghiamoci piuttosto su come raccontarle, non utilizzando la vita dei bambini, diventati un business dell’emozione.

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: | Leave a Comment »

Malattia renale cronica

Posted by fidest press agency su venerdì, 11 dicembre 2015

reniAppropriatezza della cure e migliore qualità di vita dei pazienti: questi gli obiettivi principali del Piano Diagnostico Terapeutico Assistenziale sulla Malattia Renale Cronica (MRC) la cui richiesta al Ministero della Salute è stata avanzata da Medici, Associazioni di Pazienti, Aziende Ospedaliere e rappresentanti delle Istituzioni in occasione dell’incontro “PDTA dell’Insufficienza Renale Cronica: sfida, appropriatezza, sostenibilità”, che si è svolto recentemente ad Arezzo all’interno del X Forum sul Risk Management in Sanità. La Malattia Renale Cronica, che in Italia fa registrare circa 3 milioni di pazienti, è una condizione patologica irreversibile nella quale i reni non riescono più a svolgere la loro funzione principale di “filtro” del sangue, con conseguente accumulo di tossine, di scorie e di liquidi nel circolo ematico del paziente. Ad oggi sono disponibili diverse terapie sostitutive renali, quali la dialisi extracorporea (emodialisi) e la dialisi peritoneale. Ad essere effettuata principalmente presso le strutture ospedaliere è l’emodialisi; al contrario, la dialisi peritoneale viene eseguita a domicilio grazie all’utilizzo di una membrana peritoneale in grado di sfruttare le capacità naturali del corpo.In alcune Regioni, la dialisi peritoneale viene effettuata da una percentuale di pazienti talmente bassa che è possibile dedurre come la maggior parte di questi venga avviata subito all’emodialisi. In questo modo, dunque, i pazienti non hanno la possibilità di accedere ad una terapia che consenta il mantenimento della funzionalità urinaria residua, una migliore qualità di vita e una maggiore sostenibilità economica. Al contrario, il Friuli Venezia Giulia ha recentemente messo in atto una delibera, atto n. 153 del 30 gennaio 2015, attraverso la quale è stata stabilita la necessità di utilizzare la dialisi peritoneale in almeno il 20% dei pazienti in dialisi. Secondo gli esperti sarebbe opportuno che il PDTA Nazionale recepisse questo obiettivo nell’ottica di sostenere e affiancare quelle Regioni indietro rispetto allo sviluppo di questa metodica, garantendo così una integrazione sociosanitaria e assistenziale più corretta.
In questi termini, infatti, appare necessario colmare la mancanza di uniformità presente sul territorio garantendo equità di accesso alle terapie.Inoltre, appare opportuno sottolineare come il paziente nefropatico, nel corso della sua malattia, vada incontro ad esigenze primarie e specialistiche differenti che fanno però parte di un unico processo di cura.
Da qui la necessità di un nuovo modello di sistema integrato che miri a valorizzare sia gli attori dell’assistenza primaria sia la rete specialistica nefrologica. Solo attraverso il coinvolgimento coordinato di vari attori del Sistema, infatti, è possibile assicurare prevenzione primaria e diagnosi precoce, garantire un miglioramento della qualità di vita dei pazienti, curare le complicanze e, infine, ottimizzare l’uso delle risorse disponibili.
Dichiara Antonio Santoro – Presidente Società Italiana di Nefrologia (SIN): “Nella Malattia Renale Cronica, la scelta dell’opzione terapeutica non può prescindere né dalle caratteristiche né dalle esigenze del paziente. E’ opportuno, infatti, offrire un trattamento personalizzato che tenga conto sia dell’aspetto clinico sia delle esigenze di vita quotidiane del paziente. Per esempio, sarebbe opportuno che i pazienti impegnati dal punto di vista lavorativo eseguissero la dialisi peritoneale, nelle ore notturne e comodamente a casa propria, senza che vi sia la necessità di recarsi presso le strutture ospedaliere, a giorni alterni e ad orari prestabiliti. Oggi i pazienti hanno la possibilità di accedere ad un’offerta plurima di trattamenti e questo rappresenta un grosso passo avanti nella gestione di una patologia complessa, ma con cui è possibile convivere.”

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: | Leave a Comment »

Dow Chemical to Merge with Du Pont?

Posted by fidest press agency su venerdì, 11 dicembre 2015

Warwick Business SchoolAn expert comment on the rumoured Dow Chemical Du Pont merger, John Colley, a Professor of Practice at Warwick Business School and an expert on large so-called mega-mergers, has made the following statement: “In a year likely to register a record volume of acquisitions globally, two of the USA’s oldest businesses appear set to merge in a $120Bn deal in a deal certain to be popular with shareholders.”The intention is to merge their respective divisions. This will create greater scale and scope economies, regional and divisional management savings and importantly higher market shares and more market influence. Ultimately this may mean less competition, less consumer choice and conceivably higher prices. However competition regulators in a number of markets will have plenty to say about these issues.”These regulatory concerns could jeopardise the deal. The Department of Justice showed its teeth earlier in the week with GE withdrawing from the sale of its consumer durables business to Electrolux. This was as a result of signs that the deal would not be cleared. More concerning, is the tag ‘merger of equals’ which normally precedes a botched integration. Clarity and unity of leadership in achieving merger benefits is critical to achieving the expected returns. Research shows that ambiguity in leadership usually results in a failed merger, just ask Daimler and Chrysler for one.
“Savings have been estimated at $3Bn a year. This is likely to be a conservative figure. Much will be through job reductions, so employees are unlikely to favour the deal. In process industries, such as chemicals, enormous scale economies can be achieved through merging and concentrating production on the biggest most modern plant located nearest to demand.”The newly created business will split into three new businesses, thereby avoiding the label of a chemicals conglomerate which attracts a discount in the share price. (Typically investors shun conglomerate shares due to low growth expectations.) Activist shareholders have been lobbying for a split.Their belief is that constituent businesses will have better stock market ratings separately, than as a whole. Overall the deal should create significant value in an industry which has struggled for growth in recent years. Petrochemicals and agrochemicals have been highly competitive markets with sluggish growth. The new businesses are likely to be plastics, agrochemicals and speciality chemicals.”

Posted in Estero/world news, Università/University | Contrassegnato da tag: | Leave a Comment »

Monitoring democracy, rule of law and fundamental rights – mini-hearing in the Civil Liberties Committee

Posted by fidest press agency su venerdì, 11 dicembre 2015

European CommissionThis event is organised in the framework of the preparatory process for the Civil Liberties Committee own-initiative legislative report, under Article 225 TFEU, on “the establishment of an EU mechanism on democracy, the rule of law and fundamental rights” as a follow-up to the European Parliament resolution of 10 June 2015 on the situation in Hungary, in which the EP mandated the Civil Liberties Committee to “contribute to the development and elaboration” of a future Commission proposal on such a mechanism.The mini-hearing will be opened by the Chair of the Civil Liberties Committee, Claude Moraes (S&D, UK), and by the rapporteur on the legislative own-initiative report on a mechanism on democracy, the rule of law and fundamental rights, Sophie in’t Veld (ALDE, NL).
It will gather senior experts from the European Commission, the EU Fundamental Rights Agency, the Council of Europe and the Bingham Centre for the Rule of Law, who will present their experiences with drafting and/or applying sets of indicators in the frame of their respective institutions’ everyday work. Under Article 225 TFEU, “(t)he European Parliament may, acting by a majority of its component Members, request the Commission to submit any appropriate proposal on matters on which it considers that a Union act is required for the purpose of implementing the Treaties. (…)”

Posted in Estero/world news, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: | Leave a Comment »

Celebrating 50 years of freedom and human rights

Posted by fidest press agency su venerdì, 11 dicembre 2015

This year’s Human Rights Day celebrates 50 years of two landmark international human rights convenants: the International Convenant on Economic, Social and Cultural Rights, and the International Convenant on Civil and Political Rights. To mark the occasion, the European Agency for Fundamental Rights (FRA) acknowledges their contribution in shaping and strengthening human rights protection worldwide.
The two Convenants and the Universal Declaration of Human Rights formed the International Bill of Human Rights, which established that every person is born with civil, political, cultural, economic and social rights. These rights were established with the belief that peace is not possible without a decent standard of living for everyone across the globe; and that a person’s economic security and independence grants each person their personal freedom. While much has changed over these last 50 years, the values in these two Convenants remain constant. They helped shaped the EU’s very own bill of rights, the EU Charter for Fundamental Rights. Today is a day to remind ourselves that the rights and freedoms enshrined in these two Convenants 50 years ago are as relevant now as they were then. They remind us of the need to continue to work towards open and inclusive societies, and to promote, respect and protect all people so they can live their life with dignity.

Posted in Estero/world news, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: | Leave a Comment »

Amazon Echo, the Ultimate Christmas Gift: How to Buy It in Italy

Posted by fidest press agency su venerdì, 11 dicembre 2015

amazonNew York Amazon Echo seems to be the ultimate Christmas gift this year judging by a huge interest from buyers and tech experts. A cylinder-shaped speaker, Amazon Echo is powered by Bluetooth and is an interactive tool that plays your favorite music, creates a shopping list for you, would tell you what to wear based on weather conditions or will remind you what¹s your schedule like, as it connects to your Google calendar. The magic word to address Echo is Alexa. Just like that, Alexa will play Christmas music when asked or order your groceries.
There is no wonder that this versatile, friendly, the most natural yet voice control/ home assistance hybrid is flying off the shelves. The price is also reasonable, starting at $179.99 USD.There is only one issue ­ Amazon Echo, like many other new gadgets, has only been released in America. A release date has not yet been announced for Italy.Big Apple Buddy, a shopping concierge in New York, was founded with the mission to bridge this gap in cross-border shopping, giving a chance to anyone in the world to access the latest tech products directly from the U.S.So if you believe that Amazon Echo is your ideal Christmas gift, simply go to Big Apple Buddy¹s website and order it today, as if you were shopping directly from the U.S. The company has partnered up with reliable shipping carriers, Fedex, UPS and DHL, meaning you will receive your Echo in as little as a week.The process of ordering gadgets through Big Apple Buddy is extremely easy – you simply tell the company what they would like to buy from America and you will have your product personally sourced and shipped to your doorstep. The startup has already developed a loyal client-base in over 70 countries around the world. Their clientele are mainly professionals, who simply want the latest products quickly and hassle-free.When you order your products through Big Apple Buddy, you will experience a completely personalized and seamless shopping experience. The company handles the entire process for the client from order to delivery. They will source the item as quickly as possible, check and repackage the goods upon arrival at their facility, prepare all necessary customs documentation and have the parcel safely shipped to your doorstep.All costs are set out in a free quote with a minimum service fee of $40 per order. The service fee covers all the legwork the company does for its clients, including discount negotiations, packaging, shipping and providing personalized product and shopping advice.Big Apple Buddy has a mission to eliminate international shopping barriers, giving consumers access to the latest tech products as soon as they are released in America, regardless of where they are in the world. This Christmas, Santa is coming to Italy, too.

Posted in Estero/world news, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: | Leave a Comment »

Redesigning EMU: what agenda after the Greek negotiations?

Posted by fidest press agency su venerdì, 11 dicembre 2015

europeThis synthesis by David Rinaldi, Eulalia Rubio and Emmet Strickland summarizes the debates which took place at the occasion of a conference organised by the Jacques Delors Institute and the MACIF on the subject of what improvements to bring to the Economic and monetary union in which Pierre Moscovici delivered a keynote speech, before debating the subject with Xavier Ragot, President of the OFCE.
The debate was introduced by Alain Montarant, President of the MACIF, and moderated by Yves Bertoncini, Director of the Jacques Delors Institute. This synthesis is structured on the following three issues:
1. Resolving conflicts of legitimacy;
2. Democratizing the eurozone;
3. Tackling EMU divergences.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Estero/world news | Contrassegnato da tag: | Leave a Comment »

Banche salvate – Abete su Radio 24 a Focus Economia

Posted by fidest press agency su venerdì, 11 dicembre 2015

Banca d'ItaliaBisognava chiedere a Ue posizione formale, è il sistema bancario che ha salvato le banche, non il governo.
“Se si fosse potuto intervenire con il fondo esistente di tutela dei depositi, cosa che era stata prevista e che è stata impedita dall’UE, certamente l’investimento per banche sarebbe stato minore e non ci sarebbe stato alcun onere per gli obbligazionisti, bisognava purtroppo obbligare l’Unione europea a prendere una posizione formale e non soltanto informale”
Luigi Abete, Pres FeBAF, Federazione Banche Assicurazioni e Finanza e pres Gruppo Bnl, spiega durante Focus Economia di Sebastiano Barisoni su Radio 24 come le altre banche hanno salvato i 4 istituti dal fallimento: “I 2.350 mil che sono stati emessi, sono il quadruplo del contributo al fondo di risoluzione previsto per il 2015 dalle normative europee, quello è un costo secco, non c’è nessuna garanzia, la garanzia interviene sulla parte implementativa del finanziamento che va oltre i 2350 mil e che ha consentito la liquidità necessaria per superare questa fase di passaggio. Nel migliore dei casi per le banche che hanno operato questo contributo, l’onere per il 2015 è 2350 mil, nel peggiore dei casi si aggiungerà un ulteriore onere nel 2016, questo è previsto dalla normative vigente, ma questo non per darsi i meriti, perché i meriti in queste condizioni sono difficilmente allocabili, quanto per dire che comunque il settore bancario ha dato un contributo importante per evitare che il processo di applicazione della normativa del bail-in diventasse talmente significativo da creare una quantità indistinta di soggetti colpiti.”

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: | Leave a Comment »