Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 31 n° 301

Archive for 15 dicembre 2015

Ciudadanos will be the central player in Spanish politics after the general elections

Posted by fidest press agency su martedì, 15 dicembre 2015

madridThe general elections of December 20 in Spain will transform the political landscape of the past 40 years. The sharp decline of the two main parties, the conservative Popular Party and the socialist PSOE, is set to benefit the new party Ciudadanos. According to the latest polls Ciudadanos, led by 36-year old Albert Rivera, could win more than 20% of the vote and become the second largest party, ahead of the PSOE. Ciudadanos has ruled out taking part in coalition governments. But, the party will play a crucial role in supporting the new government (probably led by the PP) and in defining the policies implemented in the next legislature.To support the next Spanish government, Ciudadanos has promised to demand economic and political reforms. The party includes in its ranks some leading figures of Spanish liberalism, like Luis Garicano, professor of economics at the LSE, who could play a key role in Spanish economic policy in the coming years. In addition, the party may emerge as the first political force in Catalonia and will be a key player in reforming the Spanish territorial model and in crafting a solution to the challenge of Catalan independence.Is Ciudadanos a party of the left, right or centre? Which voters will the party attract? What kind of internal cohesion and territorial representation can it count on? In the article Going National: Ciudadanos from Catalonia to Spain, Professors Juan Rodríguez Teruel and Astrid Barrio of the University of Valencia present the ‘identity card’ of the political party that, together with Podemos, could introduce radical change in a party system which has remained very stable for over 30 years.

Posted in Estero/world news, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: | Leave a Comment »

Banks to boost spending on payment technologies in 2016

Posted by fidest press agency su martedì, 15 dicembre 2015

budgetBanks across the world are set to significantly increase spending on new payment technology in 2016, according to a new report from Ovum, the independent technology firm.Driven by increased emphasis on security, changing consumer behaviour, and new technologies – such as Blockchain, mobile payments, and real-time payment transactions, almost two in three (61%) banks globally will increase their spending on payment technology next year.This is up significantly on 2015, when just over half (52%) increased their IT expenditure on payment technology. Most tellingly the proportion of banks reporting significant increases in payments’ spending (over 6%) has leaped from near 10% to almost 30%. Ovum says that such a major shift is representative of the transformative levels of change happening in the payments market.Gilles Ubaghs, Senior Analyst within Ovum’s Financial Services Technology team, comments: “Investment levels in payments have been high in recent years, driven by the need to deploy new payment services, cope with the overall rise in electronic transaction volumes, and replace ageing legacy infrastructure. 2016 will see an increase in this trend.”
Ovum is a leading global technology research and advisory firm. Through its 180 analysts worldwide it offers expert analysis and strategic insight across the IT, telecoms, and media industries. Founded in 1985, Ovum has one of the most experienced analyst teams in the industry and is a respected source of guidance for technology business leaders, CIOs, vendors, service providers, and regulators looking for comprehensive, accurate, and insightful market data, research, and consulting. With 23 offices across six continents, Ovum offers a truly global perspective on technology and media markets and provides thousands of clients with insight including workflow tools, forecasts, surveys, market assessments, technology audits, and opinion. In 2012, Ovum was jointly named Global Analyst Firm of the Year by the IIAR.
Ovum is a division of Informa plc, one of the leading business and academic publishing and event organizers globally, headquartered in London. Informa is quoted on the London Stock Exchange. (photo budget)

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Estero/world news, Uncategorized | Contrassegnato da tag: | Leave a Comment »

Alibaba to acquire South China Morning Post

Posted by fidest press agency su martedì, 15 dicembre 2015

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

Kamel Mellahi, a Professor of Strategic Management at who has extensively researched business in China, has made the the following statement:”There are a lot of complementarities between SCMP and Alibaba’s resources and capabilities. Beside its deep pockets and well-known brand, Alibaba can use its internet platform to boost web traffic to the SCMP website and increase its presence in the digital space.”The takeover will likely bring SCMP to the digital age by leveraging Alibaba’s expertise and knowledge of the internet. Plus, one could see Alibaba boosting the readership and reach of SCMP by bundling access to the paper with a purchase of one of its various services. The bundling strategy can help boost the SCMP’s reach and revenue with little cost for Alibaba.”Concerns about the future editorial independence of SCMP are legitimate. For sure, the editorial independence of SCMP is going to be tested. It will be interesting to see if the paper is going to carry on running articles that are critical of the Chinese government or offend powerful political or business actors. I think a lot of observers would be surprised if the SCMP does not take on a more pro-China stance in the future.”

Posted in Estero/world news, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Nel COP21 i baha’i vedono un movimento verso l’unità

Posted by fidest press agency su martedì, 15 dicembre 2015

baha'i(BWNS) — Il risultato della conferenza delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici della settimana scorsa, noto come COP21, che ha prodotto un accordo firmato da 196 nazioni per ridurre le emissioni di gas a effetto serra, è un passo significativo verso una maggiore unità e collaborazione tra le nazioni mentre il mondo impara ad affrontare importanti sfide globali, dice la Baha’i International Community (BIC).«Dal punto di vista dell’unità nell’azione, la conferenza di Parigi deve essere considerata un successo», ha detto Serik Tokbolat, rappresentante della BIC presso le Nazioni Unite. «Anche se alcuni hanno obiettato che il documento finale non soddisfa ciò che è realmente necessario per prevenire gli effetti principali del cambiamento climatico, il mondo ha dimostrato di essere capace di riunirsi a livello globale e di consultarsi a fondo sul proprio futuro».Il signor Tokbolat ha rappresentato la BIC assieme a una delegazione baha’i durante la conferenza, che ha riunito migliaia di rappresentanti di governi, di imprese e della società civile.«Nelle nostre attività, nelle nostre discussioni e nelle nostre dichiarazioni, ci siamo proposti di richiamare l’attenzione sulla necessità che individui, comunità e istituzioni in tutto il mondo sviluppino nuovi modelli di azione e di interazione che possano aiutare l’umanità collettivamente ad baha'i1assumere un atteggiamento più equilibrato nei confronti dell’ambiente.«L’umanità può prendere alcuni provvedimenti per prevenire gli effetti negativi del cambiamento climatico e migliorare il suo rapporto con il pianeta se agirà con visione e determinazione», ha detto.
Il principale contributo della Baha’i International Community al COP21, ha detto il signor Tobkolat, è una dichiarazione ufficiale, intitolata «Visione condivisa, determinazione condivisa: scegliamo insieme il nostro futuro globale.”Il documento spiega che «modelli sostenibili di vita individuale e collettiva … richiedono non solo nuove tecnologie, ma anche una nuova consapevolezza degli esseri umani, tra cui una nuova concezione di noi stessi e del nostro posto nel mondo».Anche il Forum internazionale sull’ambiente (IEF), un’organizzazione di ispirazione baha’i, ha partecipato alla manifestazione. La BIC e il Forum hanno organizzato, co-sponsorizzato o partecipato a una serie di eventi collaterali del COP21.Arthur Dahl, Presidente del Forum ed ex vice assistente del direttore esecutivo del Programma ONU per l’ambiente (UNEP), ha detto che «il Forum internazionale sull’ambiente ha cercato di allargare la discussione sui cambiamenti climatici oltre la scienza e le soluzioni tecnologiche per includere una trasformazione sociale basata su valori che sarà fondamentale per l’attuazione dell’accordo di Parigi.«Il Forum ha sostenuto questa tesi con esempi pratici tratti dall’apprendimento in alcune comunità baha’i, come quelle di Vanuatu e della Malesia dopo i disastri naturali che le hanno colpite, e in corsi di ispirazione baha’i sui cambiamenti climatici, nonché nella ricerca basata sui valori per imparare a motivare stili di vita sostenibili e sui meccanismi di responsabilità nel governo internazionale». (foto: baha’i)

Posted in Cronaca/News, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: | Leave a Comment »

Esce la sesta edizione di giornalista italiano

Posted by fidest press agency su martedì, 15 dicembre 2015

giornalista italianoLa sesta edizione di Giornalista Italiano esce in un momento particolare per il paese e soprattutto per la professione del giornalista. Che, più di ogni altra, deve tener conto dei mutamenti in corso e di nuove leggi come la riforma della pubblica amministrazione, il nuovo sistema elettorale, il Jobs Act che ridisegna il mondo del lavoro e il “nuovo” Senato. Se si moltiplicano gli ambiti del fare informazione, di pari passo aumenta il bisogno di professionalità di chi in questo settore è chiamato ad operare.Ci sono nozioni, regole, leggi che chi fa il giornalista non può, e non deve, ignorare. Non può perché parole, idee, concetti diffusi male possono ledere l’altrui dignità, il diritto alla riservatezza, possono diffamare o influenzare i mercati finanziari.Questo libro, in più di 900 domande e risposte, approfondisce i temi nei quali un giornalista si può imbattere quando svolge il proprio lavoro. Molto utile anche per la preparazione all’esame da professionista, scritto in maniera sintetica e approfondita, Giornalista Italiano è un volume che non dovrebbe mancare nel primo cassetto di ogni buon redattore.Autori: Carlo Guglielmo Izzo, Fabio Ranucci, Adriano Izzo.Pagine: 480 Prezzo: 29,00 euro (foto: giornalista italiano)

Posted in Cronaca/News, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: | Leave a Comment »

Endocrinologia romana in prima linea contro Malattia di Cushing

Posted by fidest press agency su martedì, 15 dicembre 2015

L’endocrinologia romana partner della cordata europea che punta a migliorare la diagnosi, la terapia e la qualità di vita delle persone affette da Malattia di Cushing: gli endocrinologi del Policlinico La Sapienza Roma di Roma, insieme ai pazienti e ad altri specialisti sono impegnati in prima linea nella ‘call to action’ promossa da ARCUS, il Gruppo d’azione per le malattie rare sulla Malattia di Cushing, a cui hanno aderito già diversi Paesi europei, ufficializzato dal Parlamento europeo a Bruxelles lo scorso settembre, che con il sostegno di Novartis ha chiamato all’azione tutta l’endocrinologia europea. Capofila del progetto, l’endocrinologia italiana guidata da Annamaria Colao, Professore Ordinario di endocrinologia all’Università degli Studi Federico II di Napoli e Presidente dell’European Neuroendocrine Association. ARCUS è il primo network europeo sulla Malattia di Cushing, costituito per migliorare l’aspettativa e la qualità di vita dei malati di Cushing attraverso l’attività di una rete europea di riferimento (ERN) impegnata ad aumentare la conoscenza tra i medici e i pazienti europei, rendere più tempestiva la diagnosi e attuare i trattamenti il più precocemente possibile.«Siamo molto orgogliosi di far parte di questa task force dell’endocrinologia nazionale voluta e promossa dalla professoressa Annamaria Colao, con la quale negli anni abbiamo collaborato nello studio delle patologie ipofisarie – afferma Andrea Isidori, Professore di Endocrinologia dell’Università Sapienza e Dirigente Medico nell’UOC di diagnosi endocrinologiche, andrologia e medicina della riproduzione del Policlinico Umberto I di Roma – era assolutamente necessario pensare alla creazione di una rete europea dal momento che la Malattia di Cushing oltre ad essere rara è anche complessa e spesso caratterizzata da una sintomatologia estremamente subdola che necessita di esperti endocrinologi per essere riconosciuta e trattata precocemente. La presa in carico del paziente, inoltre, deve essere globale e per questo è importante la presenza di un team multidisciplinare che abbracci competenze diversificate e di grande levatura. La vera innovazione del progetto ARCUS consiste, a mio avviso, nel voler fornire un percorso semplificato al paziente che può giungere al Centro di riferimento ultraspecialistico seguendo una via semplice e, soprattutto, perché questo consente di stabilire quali sono gli esami da fare e dove eseguirli, mentre adesso in molti casi i pazienti sono sottoposti a indagini inutili. Lavorare insieme, condividendo la ricerca e in collaborazione con più centri specialistici, significa far crescere la consapevolezza della malattia tra i medici e i pazienti, e fornire strumenti al territorio per il suo tempestivo riconoscimento».
Tante le novità in arrivo, a cominciare dalla ridefinizione dei Centri di eccellenza fino all’e-learning e a software specifici di tipo educazionale per i medici generalisti, endocrinologi e pazienti per i quali nascerà un sito web dedicato, con diverse sezioni come quella per interagire con gli specialisti o il ‘cerca-specialista’, una lista consultabile di clinici con competenze nella Malattia di Cushing, o l’elenco dei Centri d’eccellenza più vicini a casa.
La scarsa conoscenza della Malattia di Cushing comporta ritardi diagnostici da 5 a 10 anni prima di ricevere una diagnosi certa, situazione che oggi può essere superata capitalizzando la direttiva 2001/24/UE sull’assistenza transfrontaliera dei pazienti, per la quale i malati possono cercare le cure migliori in altri Paesi secondo specifiche regole dettate dalla Commissione Europea. Una nuova pagina si apre per la Malattia di Cushing, causata da un tumore benigno dell’ipofisi che provoca un’eccessiva produzione di ormone adrenocorticotropo (ACTH) e colpisce soggetti in giovane età, tra i 20 e i 30 anni, più spesso donne. Riconoscere i sintomi e iniziare i trattamenti precocemente è possibile solo in Centri di comprovata esperienza.
«La nostra struttura – spiega il professor Isidori – fa parte del gruppo GINepRI, il Gruppo Interdisciplinare sulle Neoplasie della Regione Ipotalamo-ipofisaria che comprende una task-force con il centro di neurochirurgia, la chirurgia maxillo-facciale, la neuroradiologia, l’oculistica oltre ovviamente l’endocrinologia. La struttura è un centro di riferimento regionale per il Lazio per le malattie rare, ad essa afferiscono ambulatoriamente circa un quinto di pazienti endocrinologici del Lazio, inclusi i pazienti con Malattia di Cushing. Il Centro è dotato di un day hospital con 6 posti letto, un ambulatorio, servizi di diagnostica strumentale e un laboratorio di altissimo livello per i dosaggi ormonali. Seguiamo attivamente circa 80 pazienti con una media di circa 15 nuovi casi di Sindrome di Cushing ogni anno. Siamo convinti che oggi più che mai sia necessario integrare le competenze e, adesso che è possibile la libera circolazione in ambito europeo dei pazienti, assicurare loro la possibilità di essere inseriti in una rete multispecialistica dedicata alla Malattia di Cushing ovunque risiedano o decidano di farsi curare».
ARCUS prevede la creazione di reti d’eccellenza sulla Sindrome di Cushing e la realizzazione di tre obiettivi: aumentare il grado di conoscenza della patologia tra i medici, i pazienti, le istituzioni e l’opinione pubblica; promuovere i progressi scientifici; formare i medici per permettere il riconoscimento precoce dei sintomi e l’equità d’accesso alle cure in tutta Europa. Passi importanti che potrebbero essere replicati per altre malattie rare.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: | Leave a Comment »

Parlamento europeo: No agli aiuti di stato

Posted by fidest press agency su martedì, 15 dicembre 2015

parlamento europeoUna risoluzione del Parlamento europeo potrebbe aprire le porte per aiuti di stato e finanziamenti europei per nuove centrali nucleari in Europa.Alcuni eurodeputati stanno cercando di includere aiuti di stato per l’energia nucleare in un progetto di risoluzione del Parlamento europeo sull’Unione Europea dell’Energia. Questo progetto sarà discusso oggi, alle 17:00, dalla plenaria del Parlamento europeo a Strasburgo.Nei passaggi più controversi, la risoluzione “invita la Commissione ad assicurare che l’UE fornisca un quadro per consentire agli Stati membri che intendono portare avanti nuovi progetti in materia di energia nucleare di agire in tal senso, nel rispetto delle norme UE in materia di mercato interno e concorrenza” e “sottolinea che l’energia nucleare dovrebbe essere sostenuta in qualsiasi forma dai meccanismi di finanziamento dell’UE o dalle istituzioni finanziarie dell’UE”.Il Direttore Esecutivo di Greenpeace Italia Giuseppe Onufrio ha commentato: «Alcuni europarlamentari stanno tentando disperatamente di allungare la vita all’industria nucleare. Nessuna strenna natalizia però, può nascondere l’evidenza: nonostante decenni di sussidi, sono ormai passati anni dalla costruzione dell’ultimo reattore nucleare in Europa. I pochi in costruzione al momento subiscono anni di ritardo e fenomenali aumenti nei costi. L’energia nucleare è uno spreco di denaro pubblico e di tempo prezioso nella lotta ai cambiamenti climatici. Gli italiani hanno fatto una scelta chiara di abbandonare il nucleare e si aspettano che i loro rappresentanti al Parlamento europeo dicano chiaramente che aiuti di Stato e finanziamenti europei sono possibili solo per le fonti rinnovabili, l’efficienza energetica e le reti dell’energia».Già nell’ottobre 2013, la Commissione ha deciso di escludere l’energia nucleare dalle linee guida sugli aiuti di Stato all’energia ed all’ambiente. L’unico caso di aiuti di Stato al nucleare per la costruzione di una nuova centrale nel Regno Unito è al momento soggetto al vaglio della Corte di Giustizia. La Commissione sta inoltre investigando i possibili sussidi statali ad una centrale nucleare in l’Ungheria (Paks II), della cui realizzazione è incaricata la compagnia russa Rosatom ed i cui fondi provengono in parte dalla Russia, attraverso un prestito internazionale dal governo di Putin a quello di Orban.

Posted in Estero/world news, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: | Leave a Comment »

Palermo: Orlando conferisce cittadinanza onoraria al popolo curdo

Posted by fidest press agency su martedì, 15 dicembre 2015

cittadinanza onorariaIl sindaco Leoluca Orlando ha conferito la cittadinanza onoraria di Palermo al popolo curdo e per esso al suo riconosciuto rappresentante, Abdullah Öcalan. A ritirare la cittadinanza onoraria è stata Ebru Gunay avvocato del leader del Pkk, il partito dei lavoratori del Kurdistan, che da oltre 17 anni è rinchiuso in regime di isolamento in un carcere turco. Alla cerimonia di Palazzo delle Aquile, oltre al sindaco Orlando e all’avvocato Ebru Gunay, erano presenti, tra gli altri gli assessori alla Partecipazione e alla Scuola, Giusto Catania e Barbara Evola, i consiglieri comunali e il presidente della Consulta delle Culture, Adham Darawsha.“Siamo molto orgogliosi – ha detto il sindaco Leoluca Orlando – di aver conferito al popolo curdo e per esso al suo leader, Abdullah Ocan la cittadinanza onoraria di Palemo. A conferma del sacrosanto diritto di questo popolo di aver riconosciuto l’esistenza della propria terra: il Kurdistan, una regione divisa tra Turchia, Siria, Iraq ed Iran. La città di Palermo – continua il sindaco -, riconosce, cosi, le costanti azioni di promozione dei diritti umani, di tutela del diritto alla vita, di sostegno alle garanzie internazionali che devono essere previste per tutte le donne e gli uomini del pianeta, indipendentemente dall’appartenenza culturale, dalla provenienza e dall’orientamento religioso, politico, filosofico e sessuale. La nostra adesione alla campagna contro la pena di morte con il conferimento di cittadinanza onoraria a numerosi condannati a morte e la convinzione che la mobilità umana debba essere riconosciuta come un diritto inalienabile rappresentano caratteristica qualificante di una città che, con la Carta di Palermo, ha esplicitato la sua missione politica per la costruzione della pace nel mondo e prioritariamente, in ragione della sua collocazione geografica, nel bacino del Mediterraneo. Il nostro ringraziamento – conclude il sindaco di Palermo – va ad Abdullah Öcalan, che rappresenta il simbolo della lotta del popolo curdo, per il riconoscimento della sua autonomia politica e per la sua auto-determinazione. Egli è stato il promotore e l’artefice del processo di pace, riconducendo dentro canali esclusivamente politici la rivendicazione di un intero popolo, senza dimenticare che ancora oggi si trova rinchiuso in un carcere speciale, nell’isola di Imrali, in condizioni di isolamento tanto gravi da esser state giudicate “disumane” nel 2003 dalla Corte europea dei diritti dell’uomo, condizione che si rivela un ostacolo alla soluzione pacifica della questione curda e rappresentano simbolicamente la condizione di isolamento che vive l’intero popolo curdo, la cui richiesta di “autonomia democratica” all’interno della Turchia e il riconoscimento delle differenze culturali sono costantemente mortificati. Infine, porgo il mio ringraziamento all’avvocato di Ocalan, Ebru Gunay per essere stata qui a Palermo e alla quale ho confermato l’amicizia del popolo palermitano e siciliano con quello curdo”.”Il riconoscimento al popolo curdo, attraverso il suo leader Abdullah Ocalan – ha detto l’assessore alla Partecipazione, Giusto Catania -, è un atto di solidarietà nei confronti di un popolo che sta combattendo il terrorismo e l’espansione del Califfato; un popolo che lotta per la sua autodeterminazione territoriale, diritto cancellato anche per la responsabilità della comunità internazionale.Consegnare nelle mani del suo leader Abdullah Ocalan la cittadinanza al popolo curdo è anche un atto di risarcimento nei confronti di un leader politico cui, in sfregio all’art.10 della nostra Costituzione, il nostro Paese non ha garantito il diritto d’asilo”.Per il presidente della Consulta delle Culture, Adham Darawsha, “a cittadinanza onoraria a Ocalan è l’ennesima prova che Palermo mette al primo posto i diritti delle persone e quindi dei popoli. Come fu nel caso del leader palestinese Barghuti. Anche oggi vogliamo cercare di dare un segnale tangibile di solidarietà verso un popolo che ha subito troppe ingiustizie. Auspicando che la Turchia riprenda al più presto le trattative di pace e cessa ogni violenza nel confronto del popolo curdo”. (foto: cittadinanza onoraria)

Posted in Cronaca/News, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: | Leave a Comment »

Accordo tra Confimprenditori e Aniem per le imprese edili

Posted by fidest press agency su martedì, 15 dicembre 2015

Policlinico Caserta Nov 2010Mettere insieme competenze e servizi, per il raggiungimento di obiettivi di comune interesse in favore delle imprese edili.E’ la finalità dell’accordo siglato oggi tra la Confimprenditori, la confederazione nazionale di categoria che rappresenta imprenditori e professionisti e l’Aniem, l’Associazione Nazionale Imprese Edili Manifatturiere, aderente a Confimi Industria.“Con questa intesa vogliamo rafforzare la nostra rappresentanza e rappresentatività, attraverso collaborazioni ed intese a livello nazionale e territoriale, a favore di un comparto chiave come quello dell’edilizia – spiega il presidente della Confimprenditori, Stefano Ruvolo – Un accordo che, fuor di metafora, renderà anche le nostre strutture ancora più solide e con fondamenta più robuste per resistere al peso di nuove sfide. Cultura dello stare insieme e condivisione di valori comuni sono, a mio avviso, due degli ingredienti più importanti per affrontare la crisi e per guardare lontano”.
Aggiunge il Presidente di Aniem Dino Piacentini: “Siamo molto soddisfatti di questo protocollo di intesta sottoscritto in completa sinergia con Confimprenditori, perché è un ulteriore elemento che contribuisce a mettere gli interessi di imprese e lavoratori al centro della nostra iniziativa associativa, con l’obiettivo di rendere più funzionale il nostro comparto: è su questa scommessa che si gioca il futuro del nostro settore; o riusciamo a modernizzarci, ad avvicinarci agli altri sistemi, a semplificare radicalmente regole e procedure, a stimolare ed incentivare processi di aggregazione tra le imprese oppure saremo destinati ad una inesorabile agonia del nostro mercato interno”.Sulla base dell’accordo, la Confimprenditori riconosce le Edilcassa come casse edili di riferimento per i propri associati del settore edilizia, mentre L’Aniem riconosce la Confimprenditori come partner del sistema Aniem, in rappresentanza del mondo dei piccoli imprenditori, coinvolgendola nelle trattative sindacali compresi i rinnovi contrattuali con i sindacati di categoria Fillea-Cgil, Filca-Cisl e Feneal-Uil.

Posted in Cronaca/News, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: | Leave a Comment »

Burundi: Il Giubileo della riconciliazione

Posted by fidest press agency su martedì, 15 dicembre 2015

burundi«Il Giubileo della Misericordia rappresenta una grande opportunità per il Burundi. Senza il perdono e la misericordia non può esserci alcun tipo di riconciliazione e la riconciliazione è quanto di più ha bisogno il nostro paese». Così dichiara ad Aiuto alla Chiesa che Soffre Monsignor Joachim Ntahondereye, vescovo di Muyinga in Burundi, che ieri ha aperto la Porta Santa della Cattedrale di Muyinga.Il presule ha raccontato ad ACS come nel paese africano il clima resti acceso. Le tensioni hanno avuto inizio nell’aprile scorso, la decisione del presidente Nkurunziza di correre per un terzo mandato ha innescato numerose proteste in tutto il paese. La Costituzione e gli accordi di pace di Arusha limitano infatti a soli due mandati di 5 anni il periodo in cui un presidente può rimanere in carica.
La Chiesa locale ha sin da subito denunciato l’irregolarità della candidatura di Nkurunziza. «Noi vescovi abbiamo scritto due lettere pastorali – ricorda monsignor Ntahondereye – sottolineando l’importanza di lavorare per una vera democrazia, che non escluda nessuno e si prefigga il raggiungimento del bene comune e della giustizia sociale». Dopo un fallito tentativo di colpo di stato nello scorso maggio, il presule ritiene che non vi sia pericolo di un nuovo golpe, «specie perché i maggiori esponenti dell’opposizione hanno dovuto riparare all’estero». «Vi è tuttavia l’alta burundi1probabilità di una ribellione, che potrebbe replicare in Burundi quanto già accaduto in Centrafrica».
«Questo succederà se non si lavora per la riconciliazione», afferma monsignor Ntahondereye, notando come questo ambito rappresenti la principale sfida per la Chiesa locale, le cui diocesi hanno tutte recentemente tenuto un sinodo sul tema. Grande in tal senso è anche il contributo delle Commissioni diocesane di Giustizia e Pace che operano quotidianamente e su tutto il territorio per insegnare alla popolazione a superare i conflitti senza ricorrere alla violenza. «Molto importanti sono i comitati di riconciliazione, cui la gente fa riferimento per risolvere le controversie. Si tratta di comitati composti da membri di varie religioni, a cui si rivolgono anche i musulmani».Il pensiero del presule va poi ai circa 200mila rifugiati burundesi che si trovano oggi in Tanzania, Ruanda e repubblica Democratica del Congo. «Non possiamo trascurarli, dobbiamo comprenderli e confortarli. E impegnarci per creare le condizioni di pace che permettano loro di tornare a casa».Un’altra delle attuali sfide della Chiesa Burundese è la formazione dei laici. «Solo loro possono permettere alla Chiesa di incidere sulla realtà politica e sociale. Oggi, guardando ai nostri politici in maggioranza cattolici, non possiamo fare a meno di chiederci perché non testimonino la loro fede anche in ambito politico, lasciandosi ispirare da valori cristiani quali la giustizia, la verità e la ricerca del bene comune». (foto: burundi)

Posted in Cronaca/News, Estero/world news, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: | Leave a Comment »

Alimentazione: ‘Semaforo’ contagrassi per i cibi VS prodotti DOC, DOP o IGP: chi ha ragione?

Posted by fidest press agency su martedì, 15 dicembre 2015

Roma Università campus biomedico Trigoriapoliclinico trigoria -_vista_aerea. Di chi fidarsi tra il ‘semaforo’ dei divieti alimentari, introdotto in questi anni da vari Paesi dell’Unione Europea, e le indicazioni del Diritto europeo, che invece tutelano i prodotti come il Parmigiano Reggiano o il prosciutto di Parma?Il sistema a colori (rosso, giallo e verde), introdotto in Inghilterra alcuni anni fa e in via di estensione ora anche in Scandinavia e Francia, si prefigge di fornire al consumatore dati sulle quantità di sale, zuccheri e grassi presenti nei vari alimenti, di fatto consigliandone alcuni e sconsigliandone altri con un puro criterio numerico; i marchi di tutela come DOP, DOC e IGP, d’altro canto, proteggono – e non da oggi – alimenti come olio d’oliva, pasta, dolci o salse che fanno parte da sempre della dieta mediterranea e, in caso di diffusione del criterio ‘matematico del semaforo alimentare, sarebbero fortemente penalizzati. È uno ‘scontro’ tra due visioni diverse della qualità nutrizionale e organolettica dei prodotti alimentari.
Per fare il punto sulle questioni di stretta attualità legate al tema della comunicazione dei prodotti alimentari e chiarire le contraddizioni di questo sistema in un contesto di Diritto comunitario che protegge i prodotti tradizionali e legati al territorio, si tiene stamani presso l’Università Campus Bio-Medico di Roma (Via Alvaro del Portillo, 21 – Trigoria), il workshop La comunicazione dei prodotti alimentari tra regole europee e internazionali, organizzato dal Presidente del Corso di Studi in Scienze dell’Alimentazione e della Nutrizione Umana, Prof.ssa Laura De Gara, in collaborazione con il Prof. Francesco Bruno, docente di Diritto alimentare presso l’Università del Molise e l’ateneo ospitante. Nel corso del dibattito verrà messo in discussione anche il ruolo di ‘advisor’ a livello scientifico di istituzioni come l’Organizzazione Mondiale della Sanità in casi come quello delle carni rosse di qualche settimana fa, allorché l’OMS divulgò i dati di un suo rapporto sulla presunta nocività e ‘insalubrità’ di queste carni, creando nell’opinione pubblica un allarmismo ingiustificato dal punto di vista scientifico. Campanelli d’allarme che, di fatto, rischiano di condizionare fortemente le scelte dei consumatori, con conseguenze gravi sulla libertà individuale, la libera iniziativa economica e le regole della concorrenza, violate da interventi che – pur apparentemente salutistici – potrebbero poi concretizzarsi in atti che falsano il libero mercato dei prodotti alimentari, in Europa e non solo. Perché il contesto internazionale ed europeo, a livello legislativo, che dovrebbe garantire ai consumatori la possibilità di scegliere gli alimenti in modo consapevole, è minato sovente da una comunicazione non trasparente e, anzi, tesa a distorcere gli equilibri del mercato dei prodotti enogastronomici per altri interessi.

Posted in Cronaca/News, Medicina/Medicine/Health/Science, Università/University | Contrassegnato da tag: | Leave a Comment »

“Facebook at Work”

Posted by fidest press agency su martedì, 15 dicembre 2015

A woman uses an iPad with a Facebook app in this photo illustration in SofiaClub Méditerranée annuncia oggi la sua partnership con Facebook e diventa la prima compagnia di turismo al Mondo ad offrire “Facebook at Work” a tutto il suo staff, formato da circa 13,000 impiegati in più di 40 Paesi.
“Facebook at Work” è una versione di Facebook pensata appositamente per il business, uno strumento rivoluzionario che sta profondamente cambiando il modo di comunicare all’interno delle aziende. Per Club Med, realtà operante in 66 Resort presenti in tutti i cinque continenti, “Facebook at Work” può essere sicuramente un modo per rimuovere le barriere spazio-temporali, aiutando così i team sparsi in tutto il mondo ad interagire e a confrontarsi sulle proprie realtà lavorative, con l’obiettivo di condividere e migliorare l’esperienza dei clienti nei Resort. Club Med ha rivoluzionato il modo di vivere la vacanza, creando una vacanza all-inclusive senza compromessi. Mosso dallo stesso spirito pioneristico, “Facebook at Work” è in grado di contribuire sensibilmente al modo in cui i team Club Med comunicano e collaborano tra di loro. Una App User-friendly, che utilizza la stessa interfaccia Facebook ed è dotata delle stesse funzioni, quali “like”, “chat”, “questionari”, traduzione, etc., è stata pensata ad hoc per dispositivi mobile e per aumentare a dismisura le possibilità di condivisione di pensieri ed idee. In questo modo tutti i team Club Med, dai G.O.® ai membri del General Management, saranno in grado di abbattere le frontiere e le barriere linguistiche e di contattarsi senza limiti in qualsiasi parte del Mondo e con qualsiasi dispositivo tecnologico, dallo smartphone al tablet al computer.

Posted in Cronaca/News, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: | Leave a Comment »

“Fiscalità Trust: Interventi per disciplina ad hoc”

Posted by fidest press agency su martedì, 15 dicembre 2015

camera deputati“La mancanza di una disciplina di fonte legislativa che affronti in maniera compiuta ed organica la fiscalità del trust, soprattutto sotto il profilo delle imposte indirette, ha determinato un freno alla diffusione dell’istituto nel nostro Paese. Pertanto il perfezionarsi di una disciplina fiscale organica del trust non potrà che migliorare la fruibilità dell’istituto per un’amplissima platea d’investitori internazionali come le aziende in primis, ma anche privati desiderosi di effettuare investimenti nel nostro Paese, fungendo da volano per l’attrazione di capitali esteri. L’intervento renderà l’istituto agile e accessibile da parte di tutte le famiglie italiane, con esigenze di pianificazione patrimoniale in favore di soggetti deboli per il raggiungimento di finalità meritevoli di tutela.” E’ quanto ha affermato il Presidente Maurizio Bernardo VI Commissione Finanze della Camera, in merito ad una possibile revisione della disciplina fiscale del trust in Italia.“Le peculiarità del trust lo rendono uno strumento estremamente flessibile ed in grado di fornire efficaci risposte alle più disparate esigenze, sia in ambito privato che commerciale, infatti la mancanza di una disciplina ad hoc ha altresì generato un aumento del contenzioso tributario, con tutte le evidenti ripercussioni negative in termini di efficienza della ‘macchina della giustizia’ ed oneri diretti per Stato e cittadini.” Aggiunge Bernardo “La mancata regolamentazione da parte del Legislatore tributario, inoltre, frenando implicitamente l’utilizzo dello ‘strumento trust’, ha contribuito in maniera importante a non risolvere l’annoso problema della scarsa attenzione riservata in Italia ad attività di pianificazione patrimoniale e ordinato passaggio generazionale della ricchezza, in primis imprenditoriale.”Conclude il Presidente “Peraltro, questa incompiutezza della disciplina ha sovente consentito un utilizzo distorto dell’istituto giuridico contribuendo a creare un ‘clima di sospetto’ ed ostacolando la sana diffusione nel nostro ordinamento di un valido strumento per risolvere in maniera unitaria problematiche che, diversamente, necessiterebbero del ricorso a diversi istituti tipici del diritto civilistico, riduzione del contenzioso tributario, incentivo alla pianificazione patrimoniale e all’ottimizzazione del passaggio generazionale della ricchezza, miglioramento delle capacità previsionali in relazioni alle entrate erariali da imposizione indiretta.”

Posted in Diritti/Human rights, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: | Leave a Comment »

Nasce l’alleanza fra Italia e Stati Uniti per combattere i tumori del sangue

Posted by fidest press agency su martedì, 15 dicembre 2015

Un ponte della ricerca e dell’assistenza per definire strategie comuni fra le due sponde dell’Atlantico. L’intesa è stata siglata fra la Società Italiana di Ematologia (SIE) e quella americana (ASH, American Society of Hematology) a Orlando (USA) durante il 57° Congresso ASH che si è svolto in Florida dal 5 all’8 dicembre. “È il riconoscimento del grande valore svolto in questi anni dai nostri ricercatori – spiega il prof. Fabrizio Pane, presidente SIE -. Gli scienziati italiani sono secondi solo agli USA per numero di pubblicazioni sulle principali riviste internazionali. Ed è la prima volta che l’ASH firma un’intesa di questo tipo con una società europea”. Quali gli obiettivi? “Innanzitutto – sottolinea il prof. Pane – redigeremo linee guida condivise. In questo senso possiamo affermare con orgoglio di disporre di strumenti molto avanzati. Quelle italiane infatti includono quasi tutte le malattie del sangue, invece negli USA questi documenti si occupano del trattamento di un numero limitato di patologie ematologiche. Inoltre offriremo a dieci giovani clinici italiani una borsa di studio per frequentare per almeno un anno una prestigiosa Università americana, sotto l’egida condivisa delle due società scientifiche”. “L’ematologia è una specialità molto vivace – conclude il prof. Pane -, che spazia dalla ricerca clinica a quella traslazionale. In questi anni abbiamo assistito all’introduzione di armi sempre più efficaci che hanno permesso di cronicizzare numerose neoplasie. Anche per una patologia tradizionalmente difficile da trattare come il mieloma multiplo oggi si stanno aprendo prospettive importanti grazie all’immuno-oncologia. Questa malattia fa registrare ogni anno in Italia circa 4.500 nuovi casi, è particolarmente difficile da trattare perché dà origine a ‘subcloni’ resistenti, in grado di adattarsi all’ambiente in cui la terapia agisce. Quindi è necessario adottare strategie combinate per raggiungere l’efficacia terapeutica. Il mieloma multiplo passa di solito dalla fase attiva alla remissione durante il trattamento, per poi presentare frequenti recidive. Oggi circa il 42% dei pazienti è vivo a 5 anni dalla diagnosi. L’immuno-oncologia permette inoltre di raggiungere un profilo di tossicità ottimale, eliminando molti effetti collaterali legati ad esempio alle terapie classiche come la perdita dei capelli”.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science, Uncategorized | Contrassegnato da tag: | Leave a Comment »