Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 32 n° 106

Archive for 17 dicembre 2015

MIAMI Honored For Fifth Consecutive Year for Global Achievement

Posted by fidest press agency su giovedì, 17 dicembre 2015

 

lyndaMIAMI — For the fifth consecutive year, the MIAMI Association of REALTORS® (MIAMI) has earned the National Association of REALTORS (NAR) Platinum Award for Global Achievement. The platinum award is the highest distinction bestowed by NAR to an association for its ability to expand the global business opportunities of its members. MIAMI is the only association in the U.S. to achieve Platinum Council status each year since the program’s inception in 2011.Among the 110 global councils operating nationwide, only 17 were named Platinum Councils in 2015. Jupiter-Tequesta-Hobe Sound Association of Realtors (JTHS), which merged with MIAMI in September, earned gold status. NAR also recognized other leading real estate associations with gold and silver classifications. Associations are evaluated for communication, outreach, member value, education and media/publicity.“Being named a Platinum Council for the fifth consecutive year exemplifies our commitment to international business expansion and excellence,” said John Dohm, the 2015 MIAMI Chairman. “South Florida is the nation’s leading destination for international home buyers and investment. Through our Realtor education, media relations and member outreach departments, MIAMI is focused on helping its 41,000-plus members capture a larger share of the global real estate market.”
MIAMI has 136 international partnerships, which help create greater exposure for South Florida and the local real estate market, increased business opportunities and a stronger economy.NAR made its global achievement presentations at the International Night Out Dinner at the REALTORS® Conference and Expo in November in San Diego. As part of being honored with NAR’s highest global council distinction, MIAMI will be featured with a profile on Realtor.org/global.

Posted in Estero/world news, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

How companies can do well by doing good

Posted by fidest press agency su giovedì, 17 dicembre 2015

Warwick_Business_School_Scarman_road_viewA new study has identified three common factors that ensure CSR – or Corporate Social Responsibility – adds to a company’s bottom line.
CSR has become a strategic part of most businesses and is used by companies to advance some social good and also allows them to enhance their organisational performance. Most organisations are integrating social and environmental issues into their core strategies. But can organisations do well while doing good?To answer this, academics reviewed 163 research papers from top-tier journals published from 2000 to 2014 on the link between CSR and company performance.In A Review of the Nonmarket Strategy Literature: Toward a Multi-Theoretical Integration published in the Journal of Management, Kemal Mellahi, of Warwick Business School, Jędrzej Frynas, of Middlesex University, Pei Sun, of Fudan University, and Donald Siegel, of University at Albany SUNY, argue the proper use of CSR can improve a company’s performance and so ensure that by doing good they also do well.Professor Mellahi said: “It is clear that the results are far from consistent. A lot of firms haven’t found the sweet spot of doing well while doing good at the same time. More than one third of CSR studies did not find a positive relationship between CSR and performance. Several studies found that CSR actually has a negative impact on performance. But some interesting trends can be observed.”The study identified three factors that moderate the impact of CSR on performance. First, in order for CSR to pay-off, the organisation must be able to adapt and align its CSR activities with the concerns of key stakeholders. It must have the capacity to influence stakeholders by having the ability to “to identify, act on, and profit from opportunities to improve stakeholder relationships”. Secondly, communicating a company’s CSR activity is another important factor. Professor Mellahi added: “The visibility of CSR is very important. While managers are right to worry about self-promoting and publicising their CSR activities as they can be seen as ‘goodwashing’ or ‘greenwashing’, they need to be transparent about what they are doing, where the investment is going and the impact it’s having.”The third factor is that the CSR must be consistent with what the organisation does, it needs to be committed to CSR.
Professor Mellahi said: “CSR may backfire if the firm is accused of hypocrisy, where it boasts about its CSR achievements in one area while acting irresponsibly in another.”The study also highlights the potential negative impact of CSR initiatives when they are driven primarily by a manager’s ego or personal concerns. Business leaders who engage in CSR activities to boost their personal reputation and advance their personal career may hurt the bottom line. “If an organisation’s CSR is just an indulgence of the CEO then it produces a negative effect on performance,” said Professor Mellahi. “Managers are most likely to support and be loyal to social or political stakeholders to which they are most closely tied and so devise their CSR around them. This is not good for the organisation’s performance though and can alienate other stakeholders.”Professor Mellahi added: “When managers are driven by self-serving motives they tend to spend an exceedingly large amount of resources on initiatives without a clear strategy or visible results.”

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Expert comment on the US Federal Reserve raising interest rates Ben Knight, of Warwick Business School, is an economist

Posted by fidest press agency su giovedì, 17 dicembre 2015

Federal ReserveProfessor Ben Knight said: “The rise in the US base interest rate represents an expected change in US monetary policy which will slowdown the US economy a touch and strengthen the dollar due to the attraction of US financial assets for global investors. “Any slowdown will hit the exports of countries like the UK for which the US is a big customer. However, the rise in the US dollar will have the opposite effect because it improves the competitiveness of imports into the US market. The direct effect on US GDP growth is generally larger, but offset to some extent by the rise in the dollar so the overall effect on exports and global GDP growth rates outside the US will be small but observable. However, if the rate rises continue and become larger, the downside impact in advanced economies will be more serious.”Even in the short run a large capital outflow may cause large falls in exchange rates of some developing economies who may be forced to raise their own rates of interest to contain this flow and to limit the higher inflation rates caused by the fall in their exchange rates. This rise in rates in countries like India will reinforce the 2015 global slowdown in 2016.”

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Estero/world news | Contrassegnato da tag: | Leave a Comment »

Tips on Protecting Company’s Data from Hacking

Posted by fidest press agency su giovedì, 17 dicembre 2015

Holidays are around the corner, and more workers than ever will be working remotely while enjoying their christmas vacation. It’s becoming a common practice, especially for small businesses, to set up remote offices, or at least to hire freelancers who are not bound by one location.Small businesses are not always aware that when an employee connects to company’s network from another location, especially a place with public wi-fi, the whole network gets exposed and can be easily hacked into. This applies to Starbucks, restaurants, hotels, airport and other public wi-fi locations. Open wi-fi networks do not use any kind of encryption for the data one receives and sends on the Internet, and most websites on open networks do not use a secure protocol or an ‘https’ URL.The fact that public locations use open wi-fi connections makes them wide open to attacks like identity thefts and data snooping. One does not even have to be really knowledgeable in hacking as there is software – like Wireshark – that makes it absolutely easy to spy on someone’s Internet activity on an unsecured network.However, there is a solution: a simple encryption method that can be used by anyone, called a VPN. VPNs, or Virtual Private Networks, connect you to the Internet through an encrypted tunnel. VPN server acts as a relay between the Internet and a company’s private network, so nobody can see what data is being shared over the Internet. All that can be seen is that you are connected to a VPN server.A VPN service provider, such as NordVPN.com, can offer multiple benefits to small businesses, including secure data connections between remote workers and the power to create remote working environment without being scared of data breaches.

Posted in Estero/world news, Viaggia/travel | Contrassegnato da tag: | Leave a Comment »

FRA’s new Director takes up the reins

Posted by fidest press agency su giovedì, 17 dicembre 2015

viennaVienna. On 16 December, a new era begins for FRA as Michael O’Flaherty starts work as its new Director, actively taking part in the Agency’s Management Board meeting and in a public round table event welcoming him to Vienna. Here is keen to engage with partners and stakeholders.
“These are challenging times, in which we must remain firm in our human rights resolve. The Fundamental Rights Agency has a critical role to play and I take on the position of its director with a determination to ensure that it will deliver on its responsibility.”The Agency has built up an impressive body of knowledge and expertise. This work is of critical importance to support the EU institutions and Member States in finding sustainable solutions to the fundamental rights challenges in the EU today. I look forward to continue strengthening the impact of the FRA outputs whereby they contribute to the strengthening of fundamental rights protection in very concrete and practical terms.”I firmly believe in the importance of building alliances and working closely with FRA’s many partners and networks. Together we must build a culture of human rights that is embedded in the Charter of Fundamental Rights and the other European and international human rights obligations. On this basis and in respect for our various competencies, we all working together will ensure societies that are open and inclusive and that promote, respect and protect all human rights for all.”

Posted in Estero/world news, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: | Leave a Comment »

Ministers agree on fishing catch limits for 2016

Posted by fidest press agency su giovedì, 17 dicembre 2015

Fishmonger A4 Poster

Fishmonger A4 Poster

EU ministers have reached an agreement on fishing opportunities for 2016 in the Atlantic, North Sea and Black Sea, following discussions at the Agriculture and Fisheries Council on 14 and 15 December. Karmenu Vella, the EU’s Commissioner for Environment, Maritime Affairs and Fisheries, presented the Commission’s proposals which were the basis for negotiations.
Reacting to the outcome of the Council, Commissioner Vella said: “Our responsibility to our citizens and to the sector is to deliver on the objectives and ambitions of the Common Fisheries Policy. One of the fundamental objectives of the Common Fisheries Policy is that stocks are fished at a level that can keep them at maximum sustainable yield (MSY). We cannot jeopardise the longer term sustainability for the shorter term considerations. With this said, I am happy to announce that we have made good progress together with the Member States.”The Commission’s goal, and one of the pillars of the EU’s reformed Common Fisheries Policy (CFP), is to have all stocks fished at sustainable levels by 2020 at the latest. Fishing at Maximum Sustainable Yield (MSY) levels allows the fishing industry to take the highest amount of fish from the sea while keeping fish stocks healthy. Europe started in 2009 with only 5 Total Allowable Catches of stocks at MSY. Yesterday’s agreement will bring 36 stocks to MSY in the North Sea, the Atlantic and the Baltic Sea and sets the foundation so that all stocks are fished at sustainable levels in the next two years.
The CFP also aims to eliminate the wasteful practice of discards in EU fisheries by gradually introducing an obligation to land all catches. The agreement therefore includes so-called quota “top-ups” for some fisheries that will come under the landing obligation in 2016. (foto: fishing)

Posted in Estero/world news, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: | Leave a Comment »

«Une souveraineté partagée pour contrôler des frontières déjà partagées»

Posted by fidest press agency su giovedì, 17 dicembre 2015

Notre Président, António Vitorino, prend position sur les principaux enjeux du Conseil européen des 17-18 décembre 2015 en répondant aux questions suivantes:
1. Le Conseil européen va se livrer à un exercice de bilan et perspectives de ces orientations et décisions face à la crise des réfugiés : sur quoi doit-il d’abord insister ?
2. Le Conseil européen va évoquer la lutte contre le terrorisme, qui replace l’espace Schengen au cœur des débats au niveau européen : quelles sont vos recommandations sur ce registre ?
3. Le Conseil européen va évoquer le parachèvement du marché unique dans toutes ses dimensions : quels sont les enjeux prioritaires à vos yeux?
4. Les dirigeants de l’UE vont également revenir sur les projets de la réforme de l’Union économique et monétaire : quels sont les enjeux de court terme à vos yeux?
5. Le Conseil européen devrait faire le point sur les négociations préalables au référendum sur l’appartenance du Royaume-Uni à l’UE : qu’en attendez-vous?

Posted in Estero/world news, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: | Leave a Comment »

Hungary: MEPs call for threats to the rule of law to be monitored

Posted by fidest press agency su giovedì, 17 dicembre 2015

hungaryThe EU should start immediately to monitor threats to democracy, the rule of law and fundamental rights in Hungary, says Parliament in a resolution voted on Wednesday. The EU Commission should assess whether the combined effect of government measures there has led to a “systemic deterioration”, which, if the Commission fails to address it, could trigger similar developments in other member states too, it adds.The resolution, passed by 327 votes to 293, with 61 abstentions, reiterates Parliament’s call on the Commission “to initiate immediately an in-depth monitoring process concerning the situation of democracy, the rule of law and fundamental rights in Hungary”, as part of the “rule of law framework”, a Commission tool designed to tackle emerging systemic threats to the rule of law in an EU member state.
The resolution criticises the Commission’s assessment of developments in Hungary, presented in a debate on 2 December, as focusing “mainly on marginal, technical aspects of the legislation, while ignoring the trends, patterns and combined effect of measures (..).”Recent Hungarian government measures have “rendered access to international protection extremely difficult”. The rules “unjustifiably criminalised refugees, migrants and asylum seekers”, and the government uses “xenophobic rhetoric linking migrants to social problems or security risks”, observes the text.MEPs note that these latest measures come on top of earlier steps that contribute to “a systemic deterioration in the rule of law and fundamental rights”, including:
· the freedom of expression, including academic freedom,
· human rights of migrants, asylum seekers and refugees,
· restrictions and obstructions to the activities of civil society organisations,
· rights of people belonging to minorities, including Roma, Jews and LGBTI,
· the functioning of the constitutional system,
· the independence of the judiciary, and
· many worrying allegations of corruption and conflicts of interest.
Parliament warns that the EU’s failure to act against Hungary so far may be prompting the emergence of similar developments in other member states.

Posted in Estero/world news, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: | Leave a Comment »

Police cooperation: MEPs OK EU deal with Bosnia to fight crime and terrorism

Posted by fidest press agency su giovedì, 17 dicembre 2015

europolA new agreement establishing police cooperation between Europol and Bosnia Herzegovina to step up the joint fight against organised crime, terrorism and other forms of serious international crime was approved by Parliament on Wednesday.MEPs approved the Council draft text establishing police cooperation with Bosnia by 314 votes to 181, with 68 abstentions. This agreement governs “operational and strategic cooperation” which entails exchanging information such as specialist knowledge, general situation reports and strategic analyses, but could also include the exchange of personal data and classified information.On Tuesday, Parliament also approved an agreement on strategic cooperation between Europol and the United Arab Emirates. This agreement does not allow for any exchange of personal data.Under current rules, Parliament need only be consulted before the Council establishes police cooperation agreements with third countries. However, in recently-concluded talks on new rules to govern Europol, Parliament’s negotiators insisted on inserting a review clause to apply to all such agreements.This means that the operation of all existing international agreements between Europol and third countries will be assessed within five years of the entry into force of the new regulation to ascertain that they comply fully with data protection standards and meet EU standards on policing.Under the Lisbon Treaty, Parliament decides on an equal footing with Council on Europol. Once the new Europol regulation enters into force, Parliament’s green light will be needed for any new EU police cooperation agreements with third countries.

Posted in Estero/world news, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: | Leave a Comment »

Fisheries Control Agency to become part of new European Border and Coast Guard capacity

Posted by fidest press agency su giovedì, 17 dicembre 2015

Algarve, Portugal

Algarve, Portugal

The European Commission proposed an ambitious package of measures to establish a European Border and Coast Guard and guarantee effective border control both on land and at sea.Designed to meet the new challenges and political realities faced by the EU, both as regards migration and internal security, the European Border and Coast Guard will be composed of a newly created European Border and Coast Guard Agency and the national authorities and coastguards responsible for border management.
The legislative package adopted today seeks to enhance and reinforce cooperation in order to support national authorities carrying out coastguard functions. The cooperation will include sharing information on ships and movements, providing surveillance and communication services including space-based infrastructures, sensors and drones, as well as capacity building and sharing, which also includes joint risk assessment and operations at sea.
Within this framework, the European Fisheries Control Agency will contribute substantially to improving border control: by sharing information, assets and intelligence with the new European Border and Coast Guard Agency and with the European Maritime Safety Agency. The European Fisheries Control Agency has particular know-how and experience in the global fight against illegal fishing, which is often related to other criminal activities such as drug trafficking or smuggling of people and of weapons or other goods. Thanks to its international mandate, it has already developed a privileged network with third countries, in particular with Mediterranean countries such as Turkey, Albania, Lebanon, Israel, Egypt, Tunisia, Algeria and Morocco.
Coastguard authorities carry out operational activities at sea, including border control, but also activities regarding maritime transport, fisheries control, customs, and marine pollution. Today’s legislative package therefore enhances the EU’s response capacity at sea not only in relation to border management, but also to threats and risks of other major crisis situations at sea. (photo: fishing)

Posted in Estero/world news, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: | Leave a Comment »

Nuovo premio “Norma Cossetto – 10 Febbraio”

Posted by fidest press agency su giovedì, 17 dicembre 2015

camera deputati2Roma lunedì 21 dicembre, alle ore 11.30, presso la Sala Stampa della Camera dei Deputati (via delle Missione 4, Roma) Simone Cristicchi e Jan Bernas verranno insigniti del premio, a riconoscimento della meritoria opera divulgativa svolta attraverso lo spettacolo teatrale “Magazzino 18”. Tanto l’artista romano quanto il ricercatore storico e giornalista interverranno alla cerimonia.
La prima Riunione Nazionale del Comitato 10 Febbraio, associazione di promozione sociale che da oltre dieci anni si occupa delle celebrazioni della ricorrenza del Giorno del Ricordo, ha visto la partecipazione, tra gli altri, del presidente della Giunta Esecutiva dell’Unione Italiana (l’organizzazione che raccoglie le comunità italiane in Slovenia e Croazia), Maurizio Tremul, del presidente della Federazione delle Associazioni degli Esuli Istriani Fiumani e Dalmati, Antonio Ballarin, del presidente della Lega Nazionale (sodalizio sorto a tutela degli italiani irredenti nel 1891), Paolo Sardos Albertini, del presidente dell’Associazione Nazionale Dalmata, Guido Cace, e della presidentessa del Comitato provinciale dell’ANVGD, Donatella Schurzel. Michele Pigliucci, presidente nazionale del Comitato 10 Febbraio, ha introdotto i lavori sottolineando sia le importanti iniziative finora svolte (conferenze, presentazioni librarie, rappresentazioni teatrali e non solo, in sinergia con amministrazioni locali ed istituzioni culturali, scolastiche ed accademiche), sia le prospettive future. All’insegna del motto “dare un futuro al Ricordo”, Pigliucci ha ricordato le profonde radici dell’italianità sulle coste dell’Adriatico orientale e la necessità di renderle un patrimonio condiviso della comunità nazionale.
Lorenzo Salimbeni, segretario del Comitato Scientifico del C10F, ha poi spiegato la necessità di sostenere i giovani storici e ricercatori che in tutta Italia vogliono contribuire agli studi sui temi dell’italianità adriatica e pertanto sarà preziosissimo il tutorato che giungerà grazie alla collaborazione di personalità come il prof. Giuseppe Parlato, che è intervenuto come presidente del Comitato Scientifico, il prof. Marco Cimmino, storico militare esperto di Grande Guerra in particolare, e la dott.ssa Daria Garbin, ricercatrice e studiosa originaria di Spalato. Non solo illustri storici affiancheranno i sempre più numerosi attivisti e aderenti del C10F, ma anche personalità di spicco provenienti dal mondo della cultura e della comunicazione raccolte nel Direttivo Nazionale: a tal proposito Carla Isabella Elena Cace, esule dalmata di terza generazione, autrice di numerosi libri sulla storia del Confine Orientale e componente dell’Esecutivo Nazionale del Comitato, ha presentato il vignettista Alfio Krancic, il giornalista e scrittore Gabriele Marconi, Silvano Olmi, Marco Petrelli, e portato il saluto di Gian Marco Chiocci, direttore del quotidiano “Il Tempo”, e ancora Michele De Feudis e Marzia Crali. Alcuni dei nomi che hanno deciso di aderire al progetto. Prima di far intervenire i numerosi dirigenti locali del Comitato intervenuti da tutta Italia, Emanuele Merlino, autore di spettacoli teatrali sul tema e membro dell’Esecutivo Nazionale, ha ricordato le iniziative svolte anche in collaborazione con associazioni culturali slovene.
Nel corso della cerimonia, i membri dell’Esecutivo Nazionale illustreranno più approfonditamente gli esiti della Riunione Nazionale, le prospettive e le motivazioni che hanno condotto al conferimento del riconoscimento.

Posted in Cronaca/News, Recensioni/Reviews, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Aiuti finanziari ai migranti

Posted by fidest press agency su giovedì, 17 dicembre 2015

I governi donatori si sono impegnati a stanziare un importo iniziale di 687,2 milioni di dollari per permettere all’agenzia dell’ONU per i rifugiati di aiutare circa 60 milioni di migranti forzati o apolidi in tutto il mondo nel corso del prossimo anno.Questo impegno, che è stato preso nel corso di un incontro tra donatori a Ginevra, arriva in un momento in cui sono in corso emergenze particolarmente gravi, come quella in Siria, Sud Sudan, in Repubblica Centrafricana, Nigeria e nuove crisi, come in Burundi e Yemen, così come la crisi di rifugiati in Europa. Le necessità finanziare per il 2016 dell’Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i Rifugiati (UNHCR) sono pari a 6,5 miliardi di dollari, il budget più cospicuo mai presentato all’inizio di un anno. L’importo che i donatori si sono impegnati a donare quest’anno è di gran lunga superiore rispetto a quello dello scorso anno, quando in un incontro simile erano stati promessi 500,8 milioni di dollari. Sebbene le donazioni promesse nella giornata odierna non siano sufficienti a coprire tutte le esigenze, sono comunque importanti in quanto danno in anticipo all’organizzazione una fondamentale indicazione sui finanziamenti per il prossimo anno, permettendo, così, di pianificare e continuare le operazioni senza interruzioni.”Non abbiamo mai visto prima così tante persone in fuga da guerre e violenze rivolgersi alla comunità internazionale in cerca di aiuto,” ha dichiarato l’Alto Commissario delle Nazioni Unite per i Rifugiati António Guterres. “Siamo profondamente grati per i generosi sforzi compiuti dai donatori per permetterci di rispondere a queste esigenze. Dobbiamo anche riconoscere, però, che con livelli di migrazioni forzate mai visti prima, il divario tra ciò che è necessario e risorse disponibili continua ad aumentare, e noi spesso abbiamo difficoltà a fornire anche un livello minimo di protezione e di assistenza a tutti coloro che ne hanno bisogno. Se il mondo non comincia ad affrontare alla radice le cause delle migrazioni forzate, queste non avranno mai fine. “Guterres ha anche ringraziato i Paesi e le comunità che accolgono i rifugiati, che spesso con poche risorse proprie continuano ad accogliere e a prendersi cura di persone in fuga da guerre e persecuzioni.A parte un piccolo contributo annuo a carico del bilancio ordinario delle Nazioni Unite, i programmi dell’UNHCR sono interamente finanziati da contributi volontari da parte di governi e ​​donatori privati. Negli ultimi cinque anni, le necessità finanziarie sono quasi raddoppiate, dal momento che il numero di migranti forzati continua a crescere. Anche i contributi ai programmi dell’UNHCR sono aumentati significativamente, ma non abbastanza per essere al passo con le necessità. Il budget attuale dell’UNHCR per il 2015 è pari a 7,2 miliardi di dollari, con 3.2 milioni di dollari ricevuti all’inizio di dicembre.

Posted in Estero/world news, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Premio Sacharov: “Raif Badawi ha avuto il coraggio di dire no alle barbarie”

Posted by fidest press agency su giovedì, 17 dicembre 2015

Raif Badawi“Raif Badawi ha avuto il coraggio di alzare la voce e dire no alle barbarie. Ecco perché lo hanno punito” ha dichiarato Ensaf Haidar, la moglie dell’attivista per i diritti umani saudita, ritirando il premio Sacharov 2015 per la libertà di pensiero a Strasburgo mercoledì 16 dicembre. Badawi è stato premiato dal Parlamento europeo per la sua lotta per la libertà di parola e di pensiero in Arabia Saudita.
“Badawi è diventato un simbolo e un riferimento per tutti quelli che combattano per i diritti fondamentali nella regione, e oltre” ha sottolineato il presidente del Parlamento europeo Martin Schulz durante la cerimonia. “Nonostante i rischi, attraverso la sua attività di blogger ha coraggiosamente incoraggiato il pensiero libero esercitando la sua libertà di espressione e colmando un vuoto lasciato dalla mancanza di libertà di stampa nel suo paese”.Il Presidente del PE ha anche chiesto l’amnistia al re Salman d’Arabia Saudita e di liberare immediatamente e incondizionatamente Raif Badawi.Il Presidente del PE Martin Schulz ha anche invitato la autorità saudite di interrompere la censura sistematica dell’espressioni pacifiche, riferendosi a personalità come Waleed Abu al-Khair, Abdulkarim Al-Khodr, Ashraf Fayadh e Ali Mohammed al-Nimr. Il Presidente è stato appluadito quando ha richiesto la liberazione di Mohammed al-Nimr, attualmente condannato a morte. E ha ricordato che l’Arabia Saudita è stata eletta al Consiglio dei diritti umani dell’ONU.”Siamo preparati ad un confronto sui diritti umani”, ma “nessun gesto di terrore o sistema penale disumano ci potrà dissuadere dalla lotta per i diritti umani. Nessun alibi legato alla sicurezza, nessun accordo sulle armi o sul petrolio ci farà cedere” ha aggiunto Schulz.Il Presidente ha anche ricevuto i rappresentanti dei due finalisti 2015: Maria-Alejandra Aristeguieta-Alvarez, rappresentante dell’opposizione democratica del Venezuela e Olga Shorina, il direttore esecutivo della Fondazione Boris Nemtsov per la libertà.
“I liberi pensatori arabi devono nascondere le proprie idee per riuscire ad andare avanti” ha ricordato la moglie Ensaf Haidar, citando il marito durante la cerimonia a Strasburgo. “Le idee libere e aperte sono considerate blasfeme nell’ideologia adottata dalle società arabe, in cui ogni pensiero libero è decadenza e una deviazione rispetto al vero cammino”.”Raif Badawi non è un criminale. È uno scrittore e un libero pensatore: questo è il solo crimine di Raif Badawi. Quello di essere una voce libera in un paese che non accetta altro che il pensiero unico”. Attualmente la moglie vive in esilio in Canada con i loro figli.”È solo un pensatore musulmano che ha rifiutato di far parte del gruppo di ecclesiastici che vivono fuori del tempo e governano usando leggi ingiuste e tiranniche”.Haidar ha ringraziato il Parlamento europeo per il premio: “Il conferimento del Premio Sacharov a Raif Badawi è momento storico. Un atto di coraggio per tutti coloro che hanno sostenuto Raif”.
Raif Badawi è un blogger e un sostenitore della libertà di pensiero e di espressione. É stato condannato a dieci anni di carcere, 1.000 frustate e una multa per ospitare dei messaggi considerati blasfemi dalle autorità saudite sul suo sito web, che promuove il dibattito sociale, politico e religioso.La prima serie di frustate pubbliche a gennaio 2015 ha provocato grandi proteste a livello internazionale e hanno anche suscitato delle preoccupazioni per la sua salute, che finora ha impedito ulteriori pene. Ma Badawi si trova ancora in carcere e non potrà ritirare il premio di persona.Purtroppo questo non è un evento insolito nella storia del Premio Sacharov. Fra molti altri, Aung San Suu Kyi, Premio Sacharov 1990, ha vinto il premio mentre era agli arresti domiciliari e ha ricevuto il premio di persona 23 anni più tardi.

Posted in Estero/world news, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Profughi: corridoi umanitari

Posted by fidest press agency su giovedì, 17 dicembre 2015

corridoi umanitari“Questo progetto è come un accordo di pace perché permetterà di salvare tante vite umane”. Il presidente della Comunità di Sant’Egidio, Marco Impagliazzo, ha commentato con queste parole l’avvio, questa mattina, dei primi corridoi umanitari di profughi verso l’Italia. E’ la prima volta in assoluto per il nostro Paese. “In questo modo – ha spiegato – chi ne ha diritto potrà finalmente entrare nel nostro Paese evitando i cosiddetti viaggi della morte”. Grazie alla firma di un accordo tra la Comunità di Sant’Egidio, la Federazione delle Chiese evangeliche in Italia e la Tavola Valdese, da una parte, il ministero degli Esteri e quello dell’Interno dall’altra, è stato inaugurato quindi il progetto che consentirà, per il momento, a mille profughi – attualmente in Marocco, Libano ed Etiopia – di giungere nel nostro Paese con visti rilasciati per “motivi umanitari” a spese delle stesse associazioni. Quindi senza l’intervento economico dello Stato e – sottolinea Impagliazzo – con un vantaggio anche per la sicurezza: “Sarà massima rispetto a chi arriva con i barconi perché i controlli saranno scrupolosi e verranno prese anche le impronte digitali”.
Il progetto dei “corridoi umanitari” è stato illustrato questa mattina in una conferenza stampa presso la Comunità di Sant’Egidio. Prevede l’ingresso in Italia di profughi in condizioni di “vulnerabilità” come donne sole con bambini, vittime potenziali della tratta di essere umani, anziani, persone affette da disabilità o serie patologie, e soggetti riconosciuti dall’UNHCR come rifugiati. Si tratta di una “buona pratica” che può costituire un modello replicabile anche in altri Paesi europei. Lo credono le tre sigle che hanno firmato l’accordo. Il presidente di Sant’Egidio aggiunge che in questo modo sarà sperimentata anche la possibilità di reintrodurre nella legislazione italiana il sistema della sponsorship, e in prospettiva in Europa, come già avviene in altri continenti: la possibilità di una chiamata da parte di un “garante” (associazione o singoli privati) disponibile ad assicurare allo straniero alloggio e sostentamento, in modo anche da rendere effettivi tanti ricongiungimenti familiari.
A partire da oggi verranno quindi istituiti uffici in Marocco, in Libano e, successivamente, in Etiopia per profughi provenienti da Siria, Etiopia e altri Paesi dell’Africa Subsahariana. Si provvederà a comporre le liste con le persone “in condizioni di vulnerabilità” per trasmetterle alle autorità consolari italiane che rilasceranno visti a “territorialità limitata” (quindi solo per l’Italia).
Le spese per i viaggi, in aereo o in nave, per l’ospitalità e l’assistenza legale saranno tutte a carico delle associazioni, in larga parte con l’8 per mille della Tavola Valdese e con fondi della Comunità di Sant’Egidio anche grazie ad una colletta straordinaria che verrà realizzata per questo Natale in tutto il mondo. Ai profughi, una volta arrivati in Italia, si offrirà anche un programma di integrazione che prevede l’apprendimento della lingua italiana, l’avviamento al lavoro e l’iscrizione a scuola per i minori.
“Mille persone, per ora, e speriamo di più in futuro – ha commentato Impagliazzo – saranno finalmente sottratte al rischio di morire in mare, ma anche allo sfruttamento economico da parte dei mercanti di uomini. E’ molto significativo avere avviato questo progetto ecumenico con le comunità evangeliche italiane e anche che parta proprio all’inizio del Giubileo della misericordia”.
Il presidente della Federazione delle Chiese Evangeliche in Italia, Luca Maria Negro, ha espresso la sua soddisfazione per il progetto perché “non è più possibile che ancora oggi in Italia non ci sia posto per una madre che deve partorire”, come la madre di Gesù a Natale , e ha sottolineato che la presenza degli stranieri in Italia “non è solo questione di accoglienza ma arricchisce il nostro Paese anche dal punto di vista economico e del sistema pensionistico”.
Il moderatore della Tavola Valdese Eugenio Bernardini, ha raccontato che tutto parte dalla presenza delle Chiese evangeliche, di Sant’Egidio e di altre associazioni a Lampedusa, dal loro dire “basta” alle morti in mare e alla ricerca, da oltre un anno a questa parte, di soluzioni alternative: “Ma oggi finalmente partono i corridoi umanitari”. Ha anche spiegato che al momento è disponibile un milione di euro per le spese del progetto e che si attendono altre donazioni. I profughi verranno accolti in Piemonte, Sicilia, Toscana a Roma, dove la comunità di Sant’Egidio utilizzerà anche la sua rete di scuole di lingua e cultura italiane per integrare le persone che giungeranno e i suoi corsi di mediatori culturali. Aiuteranno anche altre associazioni come “Papa Giovanni XIII” presente nei campi profughi al confine tra Siria e Libano. Era presente alla conferenza stampa anche l’imam della Magliana Sami Salem, attivo nel lavoro di integrazione degli stranieri nella periferia di Roma. (foto: corridoi umanitari)

Posted in Estero/world news, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Il Parlamento si oppone alla nuova autorizzazione per il mais OGM e a una lista di specie invasive

Posted by fidest press agency su giovedì, 17 dicembre 2015

Granoturco di Marano, 2010, olio su tela, cm 65 x 70Il Parlamento, mercoledì, ha approvato una risoluzione che chiede alla Commissione europea di ritirare la propria autorizzazione all’uso di mais glisofato tollerante NK603xT25 negli alimenti e nei mangimi. I deputati evidenziano che il glisofato, un erbicida, è classificato dall’OMS come “probabilmente cancerogeno”. Il PE invita la Commissione a sospendere tutte le autorizzazioni per alimenti e mangimi OGM fino a quando la procedura di autorizzazione, attualmente sotto riesame, non sarà stata migliorata.Il Parlamento ricorda che, nonostante abbia espresso da molto tempo le proprie critiche sul funzionamento non ottimale della procedura di autorizzazione UE per gli alimenti e i mangimi geneticamente modificati, il 4 dicembre scorso, la Commissione aveva autorizzato il mais NK603xT25 e l’MON87427 per uso in alimenti e in mangimi.
I deputati hanno ricordato che l’erbicida glisofato, tollerato dal mais NK603xT25 (insieme a un altro erbicida, l’ammonio-glufosinato), è stato classificato il 20 marzo 2015 come “probabilmente cancerogeno” per l’uomo dall’Agenzia internazionale per la ricerca sul cancro dell’Organizzazione mondiale della sanità. Tuttavia, l’Autorità europea per la sicurezza alimentare aveva affermato, il 12 novembre scorso, che l’erbicida difficilmente potrebbe rappresentare un rischio cancerogeno per l’uomo.

Posted in Estero/world news, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Iniziativa legislativa per combattere la pianificazione fiscale aggressiva e l’evasione

Posted by fidest press agency su giovedì, 17 dicembre 2015

Il Parlamento europeo ha approvato un’iniziativa legislativa che dettaglia una serie di misure per migliorare la trasparenza, il coordinamento e la convergenza delle politiche fiscali delle imprese. L’impulso del PE nel persuadere gli Stati membri ad agire per contrastare la pianificazione fiscale aggressiva e l’evasione da parte delle multinazionali in Europa è stato determinato dalle rivelazioni su “Luxleaks” del novembre 2014 riguardo agli accordi sospetti del Lussemburgo.La risoluzione, redatta dalla commissione per gli affari economici e monetari del Parlamento, è stata approvata con 500 favorevoli, 122 voti contrari e 81 astensioni. La Commissione dovrà rispondere a ognuna delle proposte approvate dai deputati, anche se non dovesse presentare una proposta legislativa.
“Questa relazione mostra la determinazione sia del PE sia dei cittadini europei per un vero cambiamento nella legislazione, in modo da evitare che le compagnie passino da un Paese a un altro per ridurre le loro imposte fin quasi ad azzerarle. Lo scandalo ‘Luxleaks’ ha mostrato come molte di queste compagnie se la siano cavata, evitando tasse che avrebbero potuto essere utilizzate per costruire scuole, ospedali o abbassare il debito nazionale”, ha detto la co-relatrice Annelise Dodds (S&D, UK).”L’evasione fiscale delle imprese rappresenta ogni anno una perdita pari a dieci miliardi per i bilanci nazionali, porta a una competizione sleale tra le società e mina la fiducia dei cittadini europei negli Stati e nei governi”, ha detto l’altro co-relatore Luděk Niedermayer (PPE, CR), aggiungendo che “la rapida adozione delle misure proposte dal Parlamento e dall’OCSE fornirebbe un’opportunità unica, non solo per migliorare la riscossione dei tributi nazionali ma anche per garantire la più leale competizione fiscale delle imprese e per ridurre i costi di adeguamento.”Le misure legislative proposte si basano sul lavoro della commissione speciale in materia fiscale del PE, detta TAXE, le cui raccomandazioni sono state approvate il 26 novembre scorso dalla Plenaria:
elaborare, entro giugno 2016, una proposta di rendicontazione paese per paese su profitto, regime fiscale e finanziamenti
elaborare una proposta per introdurre un’etichetta “contribuente onesto”
introdurre, come primo passo da intraprendere, una base imponibile comune (CCTB) che, in seguito, dovrebbe essere anche consolidata (CCCTB)
elaborare una proposta per una codice comune europeo di identificazione fiscale
elaborare una proposta per una tutela giuridica degli informatori
meccanismi di composizione delle controversie transfrontaliere in materia di imposizione
elaborare una proposta per un nuovo meccanismo con cui gli Stati membri dovrebbero scambiare informazioni tra loro se intendono introdurre nuove indennità, sgravi esenzioni, incentivi, ecc. che potrebbero incidere sulla base imponibile degli altri Stati
stimare il divario fiscale delle imprese (differenza tra le imposte sulle società dovute e versate)
rafforzare il mandato e migliorare la trasparenza del gruppo Codice di condotta del Consiglio sulla tassazione delle imprese
fornire orientamenti sui regimi fiscali sugli utili riconducibili ai brevetti (patent boxes) in modo da assicurare che non abbiano effetti dannosi
avanzare una definizione di “stabile organizzazione” e “sostanza economica” in modo da assicurare che i profitti siano tassati dove il valore è creato
avanzare una definizione europea di “paradiso fiscale” e proporre contromisure da applicare nei confronti di coloro che ricorrono a tali paradisi fiscali
migliorare il quadro in materia di prezzi di trasferimento nell’UE.

Posted in Estero/world news, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: | Leave a Comment »

Cooperazione di polizia: via libera del PE all’accordo con la Bosnia Erzegovina per contrastare criminalità e terrorismo

Posted by fidest press agency su giovedì, 17 dicembre 2015

Il Parlamento europeo ha approvato, mercoledì, un nuovo accordo che istituisce una cooperazione di polizia tra l’Europol e la bosnia erzegovina per aumentare la lotta comune contro la criminalità organizzata, il terrorismo e altre gravi forme di criminalità internazionale e prevede la possibilità di scambio di dati personali e documenti classificati.
Il Parlamento ha approvato il progetto di testo del Consiglio che istituisce una cooperazione con la Bosnia con 314 voti favorevoli, 181 contrari e 68 astensioni. Questo accordo regola “la cooperazione operativa e strategica” che prevede uno scambio di informazioni, come conoscenze specialistiche, relazioni sulla situazione generale e analisi strategiche ma potrebbe comprendere anche lo scambio dei dati personali e delle informazioni classificate.Il Parlamento, martedì, ha approvato anche un accordo su una cooperazione strategica tra l’Europol e gli Emirati Arabi Uniti. Tale accordo non permette nessuno scambio di dati personali.
In base alla legislazione corrente, il Parlamento deve essere consultato solo prima che il Consiglio istituisca accordi di cooperazione di polizia con i paesi terzi. Tuttavia, nei recenti colloqui sulle nuove norme che governeranno l’Europol, i negoziatori del PE hanno insistito per inserire una clausola di revisione da applicare a tutti questi accordi.Questo significa che il funzionamento di tutti gli accordi internazionali esistenti tra l’Europol e i paesi terzi sarà valutato entro cinque anni dall’entrata in vigore del nuovo regolamento per verificare che tali accordi si attengano in pieno ai criteri sulla protezione dei dati e soddisfino gli standard sui controlli.In base al trattato di Lisbona, il Parlamento decide su un piano di parità con il Consiglio sull’Europol. Una volta che il nuovo regolamento Europol entrerà in vigore, il parere favorevole del Parlamento sarà necessario per ogni accordo di cooperazione di polizia dell’UE con i paesi terzi.

Posted in Estero/world news, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: | Leave a Comment »

Migrazioni forzate

Posted by fidest press agency su giovedì, 17 dicembre 2015

NUOVO DRAMMA DEI MIGRANTI, ANNEGANO DUE DONNE A PANTELLERIAGINEVRA. Dal Medio Oriente all’Africa, un numero di persone senza precedenti è costretto a fuggire dalle proprie case a causa di guerre e conflitti. Nel frattempo, in altri luoghi, e in particolare in alcune zone dell’Asia, inondazioni, tempeste, cicloni e siccità stanno distruggendo case e mezzi di sussistenza di un numero sempre crescente di persone.
Mentre i governi e la comunità umanitaria si stanno impegnando per trovare risposte efficaci, è sempre più urgente comprendere le cause profonde che determinano i livelli attuali di migrazioni forzate. Questo è il tema dell’ottavo Dialogo dell’Alto Commissario sulle Sfide per la Protezione che ha avuto inizio a Ginevra nella giornata odierna del 16 dicembre.
“Oggi il nostro mondo si trova a un bivio”, ha dichiarato il massimo rappresentante dell’Agenzia delle Nazioni Unite per i Rifugiati António Guterres in apertura del forum di due giorni intitolato “Capire e affrontare le cause profonde delle migrazioni forzate.”
“Da un punto di vista umanitario, questo momento storico è caratterizzato da due gravi problemi in un contesto di insicurezza globale: una moltiplicazione apparentemente incontrollabile dei conflitti violenti in un contesto di insicurezza globale, e gli effetti pervasivi e crescenti delle catastrofi naturali e dei cambiamenti climatici che stanno già definendo il nostro presente e che condizioneranno ancora di più il nostro futuro,” ha aggiunto. L’Alto Commissario delle Nazioni Unite per i Rifugiati, che terminerà il suo mandato a fine dicembre, dopo 10 anni in carica, ha sollecitato un approccio che vada al di là della risposta immediata in termini di emergenza per prendere in considerazione “quello che ci ha portati qui, prima di tutto.”
“Considero questo Dialogo un’opportunità per fare un passo indietro e guardare alle cause che sono alla base del fenomeno per quello che sono – fattori molteplici, interconnessi, sovrapposti, che si rafforzano reciprocamente e che si accumulano contribuendo, infine, a spingere le persone a fuggire delle proprie case,” ha dichiarato. “E’ chiaro che non possiamo trattare queste cause separatamente, ma che dobbiamo considerarle nel loro insieme”, ha aggiunto.
Il numero di persone costrette a lasciare le proprie case a causa di conflitti e violenze ha raggiunto livelli mai visti dalla fine della seconda guerra mondiale, con quasi 60 milioni alla fine del 2014. Tra le crisi contemporanee alimentate da molteplici cause c’è la crisi in Sud Sudan, il paese più giovane del mondo, dove 1,6 milioni di persone sono state costrette ad abbandonare le loro case a causa della guerra scoppiata due anni fa, a causa della fame che ne è conseguita, o per entrambi i motivi. Maggiori informazioni sulla loro difficile situazione possono essere consultate al link in fondo alla pagina.
In zone depresse del Bangladesh, nel frattempo, migliaia di persone sono già state costrette a migrare a causa delle mareggiate e dell’aumento del livello del mare legati ai cambiamenti climatici, mentre altri milioni di persone rischiano di dover fuggire in futuro. Informazioni su questi casi di migrazioni forzate sono disponibili al link in fondo alla pagina.Il Dialogo dell’Alto Commissario, che durerà fino a giovedì, riunisce governi, organizzazioni intergovernative, società civile e altri importanti partner umanitari ed accademici. Oltre a sottolineare la necessità di una comprensione più approfondita delle cause delle migrazioni forzate, del presente, del passato e del futuro, Guterres ha evidenziato la necessità crescente di distinguere tra fattori che innescano e fattori che invece sono alla base di questi spostamenti. Ha inoltre segnalato la necessità di una rinnovata volontà politica e di una leadership per permettano di proteggere e trovare soluzioni per coloro che sono stati costretti a fuggire e di concentrarsi sullo sviluppo sostenibile, sul buon governo, sullo stato di diritto e sui diritti umani per prevenire che la fuga diventi una necessità e per raggiungere soluzioni sostenibili.”La leadership e la volontà politica sono essenziali per porre fine ai conflitti violenti che hanno costretto alla fuga decine di milioni di persone e per ridimensionare definitivamente la progressione del riscaldamento globale”, ha dichiarato Guterres. “Ma nel frattempo, la cooperazione allo sviluppo ha anche un ruolo fondamentale da svolgere nello sforzo per combattere all’origine le cause delle migrazioni forzate.”

Posted in Estero/world news, Uncategorized, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: | Leave a Comment »

Rafforzare Europa politica

Posted by fidest press agency su giovedì, 17 dicembre 2015

consiglio europeo“In vista del Consiglio Europeo di oggi in cui verrà fatto il punto della situazione sulle strategie attuate e da attuare a livello comunitario, è necessario rafforzare la credibilità e la concretezza dell’Europa politica, quell’Europa da cui tutti i cittadini si dovrebbero sentire rappresentati e tutelati.” Ha dichiarato il Presidente Maurizio Bernardo Commissione Finanze della Camera in merito a quanto avverrà nei prossimi giorni a Bruxelles. “E’ importante pensare ad una appartenenza che non sia solo nazionale ma che abbia vere e proprie garanzie e radici nell’Europa di cui tutti noi facciamo parte. L’unità è la chiave di volta su cui si deve poggiare sempre più l’Unione Europea, soprattutto alla luce degli ultimi avvenimenti terroristici che hanno coinvolto l’Europa e il mondo intero.”

Posted in Estero/world news, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: | Leave a Comment »