Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 32 n° 250

Archive for 18 dicembre 2015

“FED rate rise: lift-off, finally, but the saga will continue”

Posted by fidest press agency su venerdì, 18 dicembre 2015

Federal ReserveFrom Pictet Wealth Management by Cristophe Donay. The Fed has finally moved interest rates up from their historic lows. Market reaction has been muted, since the much-trailed hike was fully priced in across asset classes. But, as we have long stressed, attention will now shift to the pace and timing of further tightening, which will create further market instability in 2016.
As expected, but what next?
As we had expected, the Fed raised short-term interest rates yesterday for the first time in almost a decade, increasing the target range for the federal funds rate by 25 basis points to 0.25-0.50%.The focus will now move to what comes next. We expect the pace of tightening to be very gradual, with only a further two 25-basis point increases in 2016, taking the target range to 0.75-1.00% by the end of the year. This is a slower than the consensus, which is for three rate rises in the coming year. We think that tightening monetary conditions as a result of a stronger dollar and widening corporate bond spreads will deter the Fed from moving more aggressively.Moreover, the Fed has stressed that policy remains data-dependent, and that it will pay particular attention to inflation as measured by PCE (personal consumption expenditure). This is currently at just 1.3%, well below the 2% target. The evolution of US inflation in the coming year will be a key variable for markets.
Monetary policy will therefore remain very accommodative, with interest rates well below nominal GDP growth, as the Fed seeks to maintain favourable financing conditions and support economic growth. However, its effectiveness in this respect will be weakened by the imbalances created by the desynchronisation of the monetary policies of the main central banks. Developments in December have reinforced the divergence between the Fed and the ECB, with the latter taking rates further into negative territory and announcing an extension of QE. One result is that, although the USD bull trend is largely played out, we expect the dollar to strengthen further in 2016.
The immediate impact of the Fed’s tightening on markets has been very limited, since the ‘dovish hike’ was widely anticipated, and fully priced in across asset classes. This was a factor in the recent widening of corporate bond spreads, notably in US high-yield, and further monetary tightening will continue to push up spreads during 2016.
Our core scenario for the coming year remains unchanged. Tighter monetary conditions will contribute to a lack of momentum in US economic growth, which we project at 2.3% in 2016, little changed from an estimated 2.5% in 2016. Given an absence of momentum in economic growth and corporate earnings growth (which we expect at just 5% in 2016 for the S&P 500), as well as stretched valuations, returns potential for developed equity markets will be limited, to around 7-10% (including dividends). European equities are likely to outperform US equities, since economic recovery in the euro area is less advanced and monetary policy is more supportive.Uncertainty over the timing and magnitude of Fed tightening, combined with the imbalances created by the desynchronisation of central bank policies, means that volatility on financial markets will increase in 2016. Robust diversification will therefore remain highly important. We expect a gradual rise in rates on 10-year US Treasuries to 2.7% by the end of 2016, as monetary policy tightens. However, US Treasuries will likely remain attractive to protect portfolios against shocks to equity markets. Although the Fed’s historic rate rise looks to have passed off smoothly, the calm on markets is unlikely to last for long.

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: | Leave a Comment »

New EU rules on data protection put the citizen back in the driving seat

Posted by fidest press agency su venerdì, 18 dicembre 2015

New EU data protection legislation, informally agreed on Tuesday and backed by Civil Liberties MEPs on Thursday morning, will create a uniform set of rules across the EU fit for the digital era. It should also improve legal certainty and boost trust in the digital single market for citizens and businesses alike. Clear and affirmative consent to data processing, the right to be forgotten and strong fines for firms breaking the rules are some of the new features.”The new rules will give users back the right to decide on their own private data”, said Parliament’s lead MEP on the regulation, Jan Philipp Albrecht (Greens, DE).”At the same time, the new rules will give businesses legal certainty and chances for competition. It will create one single common data protection standard across Europe. This implies less bureaucracy and creates a level playing field for all business on the European market”, he added.The informal agreement reached by Parliament and Council on Tuesday evening was backed by 48 votes to 4, with 4 abstentions.The new rules will replace the EU’s current data protection laws which date from 1995, when the internet was still in its infancy, and give citizens more control over their own private information in a digitised world of smart phones, social media, internet banking and global transfers. At the same time they aim to ensure clarity and legal certainty for businesses, so as to boost innovation and the further development of the digital single market.The new rules include provisions on: clear and affirmative consent to the processing of private data by the person concerned, so as to give consumers more control over their private data. This could for example mean ticking a box when visiting an Internet website or by another statement or action clearly indicating acceptance of the proposed processing of the personal data. Silence, pre-ticked boxes or inactivity will thus not constitute consent. It should also be as easy for a consumer to withdraw consent as to give it kids on social media: children below a certain age will need to get their parents’ permission (“parental consent”) to open an account on social media such as Facebook, Instagram or Snapchat, as is already the case in most EU countries today. The new, flexible rules ensure that member states can set their own limit provided it is not below 13 or above 16 years, thus giving them the freedom to maintain those they already apply.This flexibility was included at the pressing request of member states. Parliament’s negotiators would have preferred an EU-wide age limit of 13 years,right to be forgotten: Consumers will thus have the “right to be forgotten” or erased from the databases of companies holding their personal data, provided there are no legitimate grounds for retaining it,the right to know when your data has been hacked: companies and organisations will be required to notify the national supervisory authority of serious data breaches as soon as possible so that users can take appropriate measures,plain language: MEPs insisted that the new rules must put an end to “small print” privacy policies. Information should be given in clear language before the data is collected,fines of up to 4% of firms’ total worldwide annual turnover should constitute a real deterrent to breaking the rules,firms will have to appoint data protection officer if they are handling significant amounts of sensitive data or monitoring the behaviour of many consumers. Firms whose core business activity is not data processing will be exempt from this obligation so as to avoid red tape,one-stop-shop for complaints and enforcement: national Data Protection Authorities (DPAs) will be enhanced to become a first instance body where citizens can complain about data breaches. Cooperation among the DPAs will also be significantly strengthened to ensure consistency and oversight.

Posted in Estero/world news, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: | Leave a Comment »

WTTC dissects global environmental reporting legislation following COP21

Posted by fidest press agency su venerdì, 18 dicembre 2015

tourism_travel_world_map_-_magicwall.caThe World Travel & Tourism Council (WTTC) welcomes the agreement reached following COP21 in Paris, which binds the world’s governments to report openly on their plans to cut greenhouse gas emissions and keep global warming below 2 degrees Celsius.Whilst this agreement does not set specific targets it does obliges governments to be transparent about the policies they put in place to address the challenge of climate change.The Travel & Tourism sector has long been acknowledging its responsibility to ensure its growth is sustainable and inclusive. WTTC estimates Travel & Tourism to grow by 3.5% in 2015, bringing the sector’s total contribution to the world economy to US$7.8 trillion, and supporting 284 million jobs across the globe. Our sector’s very success depends on the preservation of the environment, cultures and people that we visit.Today, WTTC launches an online tool that helps companies in any industry or sector understand the laws and regulations by country and stock exchanges relating to the reporting of Environmental, Social and Governmental (ESG) issues. Based on WTTC’s “Environmental, Social & Governance reporting in Travel & Tourism: Trends, Outlook and Guidance” report, the tool, which can be found here, allows companies to see the specific legislation or regulation on ESG reporting by country linked to the year of in which such rules were introduced. This information applies to all industries, not just Travel & Tourism. David Scowsill, President & CEO WTTC, said: “After the Paris COP21 agreement, which puts a legally-binding obligation on countries to prepare plans to alleviate climate change, it is more important than ever that companies – in any industry – are able to evaluate their environmental impact before taking any relevant steps. However, companies do not always know how to report on their sustainable practices or are aware of which laws and regulations are in place and the obligations which they bring.”“The WTTC online tool shows the legislation and regulation in place in any country and stock exchange around the world governing ESG issues. Whilst as a sector we continue to look to improve our sustainable practices and the legislation on ESG reporting, the tool allows organisations to communicate with and engage stakeholders. The onus is on all companies in all industries to report their environmental impact, this tool helps them understand where they need to act.” “Reporting on the practices we are implementing to combat climate change is a starting point and a commitment towards a more sustainable future of not just our sector but any industry.”

Posted in Estero/world news, Viaggia/travel | Contrassegnato da tag: | Leave a Comment »

Brazil is Top Foreign Country Searching for South Florida Real Estate

Posted by fidest press agency su venerdì, 18 dicembre 2015

Miami-skyline-for-wikipediaMIAMI — Brazil continues to lead all global consumers searching online for South Florida real estate, according to new statistics from the MIAMI Association of REALTORS® (MIAMI), America’s largest local Realtor group. The South American nation of 200 million residents finished as the top international country using MIAMI’s search portal, http://www.Miamire.com, in October 2015.Brazil has now ranked as the top foreign nation using http://www.Miamire.com in 16 of the last 17 months. The last time Brazil didn’t rank first was July 2015 when Colombia took top honors. The newly-released MIAMI statistics also showcase increased interest from India and the United Kingdom.“Like all international home buyers, Brazilians are at home in South Florida and love the world-class amenities, restaurants, shopping and security of investment,” said Christopher Zoller, a 27-year Miami-based Realtor and the 2015 Residential President of MIAMI.Brazilian home buyers purchase the third-most South Florida real estate among all foreign countries, according to the 2014 Survey of International Home Purchases conducted by the National Association of REALTORS® (NAR) for MIAMI. Brazil registered 11 percent of all foreign South Florida deals last year. Venezuelan and Argentinian buyers finished first and second, respectively, at 16 and 12 percent.Brazilians moving to South Florida are often upper-middle-class families who want to enjoy their prosperity earned in their homeland as professionals and entrepreneurs. Brazilians spend the most on average on Miami-Dade and Broward properties among foreigners: $495,000 average sale price compared to $245,000 among all buyers in Florida.
Consumers from India and the United Kingdom increased their online interest in South Florida real estate in October 2015. India’s fifth-place finish was the country’s highest since it also ranked fifth in February 2015. India is the second-most populous country in the world with more than 1.2 billion residents. The United Kingdom registered its highest-finish since it took seventh in February 2015.
Nationally, Miami is one of the top markets for most of the highest ranking countries searching for property in the U.S. – including Brazil, Germany, and France.

Posted in Estero/world news, Viaggia/travel | Contrassegnato da tag: | Leave a Comment »

New data protection standards to ensure smooth police cooperation in the EU

Posted by fidest press agency su venerdì, 18 dicembre 2015

New rules on data transfers for policing and judicial purposes, informally agreed on Tuesday and backed by Civil Liberties Committee MEPs on Thursday morning, will set high standards of data protection to protect citizens’ rights and freedoms. They should also enable police forces across Europe to work together faster and more efficiently to counter serious crime and terrorism.
The committee approved the new rules by 53 votes to 2, with 1 abstention.”This is an historic agreement, since it is the first time we have fully harmonised rules covering police and criminal justice authorities on data protection in the EU. These rules, applying to cooperation between EU member states and with third countries on transferring and processing of data, should facilitate the sharing of information, while at the same time ensuring that European citizens’ fundamental rights are not violated”, said Parliament’s lead MEP on the directive, Marju Lauristin (S&D, EE).”How police and criminal authorities use personal data can affect our lives to a great extent. It, thus, has to be done correctly and under appropriate legal framework”, she added.The draft directive on the protection of individuals with regard to the processing of personal data for the purposes of prevention, investigation, detection or prosecution of criminal offences will be the first instrument to comprehensively harmonise 28 different law enforcement systems with respect to data processing for law enforcement purposes as well as set minimum standards for data processing for policing purposes within each member state. EU countries may set higher standards than those enshrined in the directive if they so wish.The draft directive also complements the agreements reached previously this month on Europol. Together they ensure a robust and harmonised level of data protection in the entire European law enforcement sector. The rules should thus clarify police cooperation arrangements at all administrative levels and give citizens greater certainty as to the law. The safeguards will apply to everyone, whether victim, criminal or witness. the directive will set out clear rights for individuals and establish an independent supervisory authority with enforcement powers.During the three-way-talks between Parliament, Council and Commission, Parliament’s negotiators insisted on the mandatory presence of a Data Protection Officer to monitor all data transfers as well as a prior assessment being carried out in cases where data processing is likely to entail high risk for a person’s rights and freedoms.

Posted in Estero/world news, Politica/Politics, Uncategorized | Contrassegnato da tag: | Leave a Comment »

Riforma Rai: approvata

Posted by fidest press agency su venerdì, 18 dicembre 2015

Rai: sede di roma“Essere riusciti ad approvare un’ottima riforma della Rai senza il ricorso alla fiducia, con un dibattito ampio e costruttivo, è motivo per me di grande soddisfazione”.
Così il senatore del Partito democratico Raffele Ranucci e relatore sul provvedimento.
“Sia in Commissione che in aula si è animato un confronto molto franco, a volte duro, ma costruttivo – sottolinea l’esponente pd – che ha permesso di superare la logica impropria dell’intromissione della politica nella gestione quotidiana della Rai. Con questa riforma il rapporto fra servizio pubblico e istituzioni resta forte, con l’elezione di quattro dei sette consiglieri da parte di Camera e Senato, ma quest’ultime saranno equidistanti. Sarà compito della commissione di Vigilanza accertare il rispetto dei criteri di imparzialità e pluralismo dell’informazione”.
“La riforma introduce importanti novità in materia di governance – agiunge Ranucci – con l’istituzione della figura dell’Amministratore delegato, le cui competenze in una prima fase saranno espletate dal Direttore generale. Resta la delega sul riassetto normativo del settore, affidata al governo che può adottare, entro dodici mesi dalla data di entrata in vigore della legge, un decreto legislativo per la modifica del testo unico dei servizi di media audiovisivi e radiofonici, seguendo alcuni criteri direttivi”.
“Auspico che quest’ultimo passaggio – conclude il relatore – avvenga in tempi rapidi affinché la riforma dell’azienda pubblica di servizio radiotelevisivo e di informazione sia completa sotto tutti i punti di vista”.

Posted in Cronaca/News, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: | Leave a Comment »

Il Parlamento europeo in campo per la sicurezza dei giocattoli con il marchio CE

Posted by fidest press agency su venerdì, 18 dicembre 2015

Il Parlamento europeo e la Guardia di Finanza insieme per promuovere la sicurezza dei giocattoli. Il 18 dicembre 2015 alle ore 15.00 a Roma nel negozio di giocattoli Little Big Town in Via C. Battisti 120 D (Piazza Venezia) i Vicepresidenti del Parlamento Europeo Antonio Tajani e David Sassoli e il Colonnello Davide Cardia, Capo Ufficio Operazioni Comando Provinciale Roma della Guardia di Finanza presenteranno i dati relativi al 2015 riguardanti il fenomeno di contraffazione dei giocattoli nel nostro Paese.
Nel periodo di Natale vengono acquistati oltre il 60% di tutti i giocattoli dell’anno. E’ dunque il momento più opportuno per sensibilizzare genitori e nonni sulla scelta e l’utilizzo più sicuro dei giocattoli. Per questo Natale possiamo essere ancora più tranquilli. Dal luglio 2011 i giocattoli venduti nell’UE devono rispondere ai requisiti di sicurezza e sistemi di controllo più rigorosi al mondo grazie alla direttiva europea sulla sicurezza dei giocattoli.
Affinché un giocattolo sia davvero sicuro, non basta il rispetto di standard e regole o la marcatura europea. La sicurezza dipende, infatti, anche dall’utilizzo del giocattolo in relazione all’età del bambino cui è destinato. A cosa devono prestare attenzione i genitori prima di mettere nelle mani dei propri bambini i giocattoli? Questo e altri quesiti sono al centro della Campagna lanciata dalla Commissione europea per meglio informare su come acquistare e utilizzare i giocattoli nel modo più sicuro. La sicurezza dei nostri figli è in cima alle nostre preoccupazioni. Per questo l’Unione europea ha approvato delle regole sulla sicurezza dei giocattoli che garantiscono il livello di protezione più alto al mondo. Anche quest’anno, promuoviamo una campagna sulla sicurezza dei giocattoli per sensibilizzare genitori, negozianti e produttori sull’importanza del marchio CE, e sull’uso più adatto delle diverse tipologie di giocattoli.

Posted in Estero/world news, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: | Leave a Comment »

“Dieselgate”: Il Parlamento istituisce una commissione d’inchiesta

Posted by fidest press agency su venerdì, 18 dicembre 2015

VolkswagenBruxelles. Il Parlamento ha deciso di istituire una commissione d’inchiesta composta da 45 membri per indagare sulle violazioni delle norme comunitarie in materia di misurazioni delle emissioni di auto e sulla mancata adozione da parte della Commissione e delle autorità degli Stati membri di misure per far rispettare le norme UE. La commissione d’inchiesta presenterà una relazione intermedia entro 6 mesi e quella finale entro un termine di 12 mesi dall’inizio dei suoi lavori.La proposta di decisione è stata approvata con 354 voti favorevoli, 229 contrari e 35 astensioni.Il compito della commissione sarà quello di indagare su:
il presunto inadempimento da parte Commissione di verificare i cicli di prova utilizzati;
la presunta mancata adozione da parte della Commissione e delle autorità degli Stati membri di misure appropriate ed efficaci per sorvegliare rendere effettiva l’applicazione dell’esplicito divieto di “impianti di manipolazione”;
la presunta omissione da parte della Commissione dell’introduzione di prove che riflettano le condizioni reali di guida;
la mancata fissazione da parte degli Stati membri di sanzioni effettive, proporzionale e dissuasive applicabili ai costruttori per le violazioni,se la Commissione e gli Stati membri disponevano di elementi di prova dell’uso di meccanismi di manipolazione prima del 18 settembre 2015, data in cui è scoppiato lo scandalo.

Posted in Estero/world news, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: | Leave a Comment »

Powa Technologies in partnership con China UnionPay per conquistare il mercato cinese

Posted by fidest press agency su venerdì, 18 dicembre 2015

pechinoLondra UnionPay Network Payment, leader nel mercato cinese nel settore dell’ acquiring, ha stretto una partnership strategica delle durata di 10 anni con Powa Technologies per offrire ai 1.3 miliardi clienti di China Union Pay la soluzione di mobile commerce PowaTag.
L’accordo prevede la nascita di una joint venture tra le due società per integrare i servizi offerti da Powa Tag nei sistemi di pagamento mobile e POS del circuito Union Pay e aiuterà i retailer a fare breccia nel gigantesco mercato O2O (online to offline) cinese, che ha raggiunto il valore di 304.94 miliardi di Yuan nel primo semestre del 2015, facendo registrare un tasso di crescita dell’80% annuo.Sin dal suo lancio, PowaTag ha catturato l’attenzione mondiale, avendo siglato accordi di partnership con oltre 1200 brand. La peculiarità delle soluzione é quella di trasformare ogni singolo materiale di comunicazione, dalla pubblicità ai social media, dai volantini ai prodotti stessi in un punto vendita virtuale, consentendo ai consumatori di fare acquisti ovunque e in qualsiasi momento con un semplice touch sullo smartphone.La joint-venture verrà inizialmente lanciata nella provincia di Guangdong, consentendo ai 106 milioni di abitanti della regione della Cina sudorientale di effettuare acquisti con PowaTag presso 400.000 retailer. L’app verrà integrata a poco a poco da tutti i retailer che operano in Cina e già entro la fine del 2016 si prevede che 50 milioni di consumatori avranno la possibilità di fare acquisti con PowaTag da un milione di retailer.PowaTag Union Pay é la versione in co-branding dell’app PowaTag sviluppata con UnionPay Network Payment appositamente per il mercato cinese, per poter essere integrata con i terminali di vendita China Union Pay.Con oltre 7.14 bilioni di Yuang spesi per lo shopping online nei primi sei mesi del 2015 e una crescita annuale delle vendite online del 25%, lo scopo della join-venture PowaTag UnionPay é quello di diventare leader di mercato nei settori O2O e dei pagamenti mobili, offrendo ai retailer un canale di vendita multicanale.A differenza di altre piattaforme di pagamento mobile che stanno cercando di entrare nel mercato cinese, PowaTag si caratterizza per essere una soluzione di mobile commerce a 360 gradi. L’app, disponibile sia per il sistema operativo iOS che per Android, oltre alla pratica del mobile shopping consente di ricevere informazioni sui prodotti ed offerte speciali direttamente sullo smarphone, non ha bisogno della tecnologia NFC per essere abilitata nel POS, é funzionante con tutte le carte di debito e credito del circuito China Union Pay e puó essere immediatamente adottata da qualsiasi retailer che aderisce a tale circuito.“La neonata sinergia rientra tra i progetti intrapresi da China UnionPay Network Payment. I nostri prodotti per l’internet mobile per il mercato O2O e per il POS fanno parte di un unico ecosistema, e questo velocizzerà l’integrazione di PowaTag ed e ne aumenterà le sue potenzialità. Ci aspettiamo che almeno 50 milioni di consumatori utilizeranno la nuova piattaforma entro un anno dal suo lancio”, ha dichiarato Mr. Hu presidente di PowaTag UnionPay.“PowaTag é uno straordinario canale che facilita lo shopping ai consumatori e rivoluziona lo scenario retail. La sinergia con China Union Network Payment permetterà a PowaTag di diventare un leader di mercato in Cina nel mobile commece e nelle vendite O2O. Il paese puó già vantare il mercato e-commerce più grande al mondo, siamo orgogliosi di svolgere un ruolo cruciale, permettendo a milioni di retailer di entrare in un settore che é alla ricerca di soluzioni digitali all’avanguardia”, ha dichiarato il CEO e fondatore di Powa Technologies Dan Wagner.“Grazie a questo accordo, PowaTag rafforza ulteriormente la sua presenza nell’area Asia Pacifica, la regione con il più alto tasso di crescita al mondo per quanto riguarda la penetrazione di smartphone e la diffusione dell’ecommerce. Diventare leader in una area del mondo così competiva é prova della validità della rivoluzione che Powa sta portando avanti nel settore delle vendite al dettaglio”, ha dichiarato Alessandro Gadotti, CEO Asia Pacific di Powa Technologies.

Posted in Cronaca/News, Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: | Leave a Comment »

A Parigi si conclude il progetto “Parlez-vous Global?”

Posted by fidest press agency su venerdì, 18 dicembre 2015

Parigi torre-eiffel1Parigi. Il lungo cammino intrapreso dal progetto “Parlez-vous global?” tre anni fa, dopo aver coinvolto oltre 12.000 insegnati e 35 mila studenti delle scuole secondarie di 7 Paesi in Europa e Africa (Italia, Francia, Austria, Romania, Senegal, Burkina Faso, Benin), è arrivato a conclusione a Parigi, ieri 16 dicembre, con un seminario organizzato da UNMFREO (Union Nationale des Maisons Familiales Rurales) e patrocinato dall’UNESCO.L’evento, intitolato “L’éducation aux monde set aux autres, un enjeu de citoyenneté”, ha ripercorso le tappe del progetto “Parlez-vous global?”, il cui obiettivo è stato quello di lanciare una sfida didattica per ripensare la scuola, attraverso la cittadinanza globale, e affrontare le grandi sfide dei nostri giorni: migrazioni, diritti umani, sviluppo sostenibile.La scelta di Parigi come luogo conclusivo di questa esperienza è particolarmente significativa: nella capitale francese, colpita duramente dal terrorismo, è stato affrontato il tema della salvaguardia e la promozione di quei valori che per primi rischiano di essere accantonati di fronte alla paura, la cittadinanza globale e la solidarietà.Durante il seminario, arricchito da confronti e tavole rotonde, sono intervenuti, discutendo del ruolo dei formatori e delle strategie di promozione di metodi pedagogici originali: rappresentanti dell’agenzia ONU, Valentina Auricchio (Capo del Dipartimento all’Educazione allo sviluppo della Commissione europea), Marie Bluteau del Centro nazionale pedagogico e il presidente di MFR Xavier Michelin. La chiusura dei lavori è stata affidata a Stéphane le Foll, portavoce del Governo francese e Ministro dell’Agricoltura.La sfida e gli obiettivi di “Parlez-vous global?”, oggi ancora più urgenti visto il clima di paura, diffidenza e chiusura verso il resto del mondo che sta crescendo in Europa, verranno portati avanti dall’Unione europea attraverso il programma DEAR (Development Education and Awareness Raising) , che ha lo scopo di informare e sensibilizzare i cittadini europei sulle sfide globali creando uno spirito di partecipazione. Questo programma, che negli ultimi quattro anni ha finanziato progetti per un totale di 143 milioni di euro, avrà un ruolo di grande rilevanza nell’Agenda che pone gli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile per il 2030, in particolare per ciò che concerne l’obiettivo 4.7 (Cittadinanza mondiale, sviluppo sostenibile e stili di vita).

Posted in Estero/world news, scuola/school | Contrassegnato da tag: | Leave a Comment »

Il Parlamento chiede che le armi UE non cadano nelle mani sbagliate

Posted by fidest press agency su venerdì, 18 dicembre 2015

Bruxelles. Con la votazione di giovedì, il Parlamento ha chiesto agli Stati membri di applicare gli 8 criteri del Codice di condotta UE per le esportazioni di armi in modo più coerente e rigoroso, considerando il drastico cambiamento del contesto globale della sicurezza intorno all’UE. I deputati hanno sottolineato che tale commercio può non essere in linea con gli interessi di sicurezza dell’UE e che interessi politici o nazionali non devono prevalere sul processo decisionale per le licenze di l’esportazione.”La sicurezza dei cittadini europei è più sotto minaccia ora rispetto agli anni scorsi, a causa dei conflitti in atto nel nostro vicinato e all’aumento del contrabbando e del traffico di armi nell’UE”, ha affermato la relatrice Bodil Valero (Verdi/ALE, SE).”Gli Stati membri dell’UE che esportano armi devono tener presente che i Paesi ai quali hanno venduto armi in passato non sono più stabili e devono rafforzare l’attuale regime comunitario per l’esportazione di armi”, ha aggiunto. In conclusione, ha ricordato che “in qualità di maggiori esportatori mondiali di armi, devono avere una responsabilità particolare per assicurare che l’UE rimanga un sostenitore credibile dei diritti umani”.Nella risoluzione approvata giovedì con 249 voti favorevoli, 164 contrari e 128 astensioni, i deputati rilevano che una diffusione incontrollata delle armi rappresenta un serio rischio per la pace e per la sicurezza, per i diritti umani e per lo sviluppo sostenibile. Rilevano, inoltre che, nonostante la situazione in Siria e in Iraq, le maggiori attività terroristiche e i conflitti nel Medio Oriente e in Nord Africa, non sia stato introdotto nessun cambiamento alle regole in vigore.Nel 2013, gli Stati membri dell’UE hanno esportato verso Paesi terzi armi per un importo totale di 26 miliardi di euro.
I deputati ritengono che la posizione comune del Consiglio, che precisa le regole sull’esportazione di armi, non sia stata applicata rigorosamente e sia stata interpretata incoerentemente ed evidenziano l’assenza di controlli indipendenti e sanzioni in caso di violazioni. Inoltre, gli Stati membri dovrebbero includere criteri nazionali più vincolanti.
Per il Parlamento, la trasparenza e il controllo pubblico del quadro di controllo delle esportazioni devono essere potenziati. I deputati invitano gli Stati membri a fornire informazioni dettagliate, attraverso un reporting standardizzato, su ogni licenza rilasciata. Infine, la relazione annuale sulle esportazioni di armi da parte dell’UE, in futuro, dovrebbe in futuro essere rilanciata come una banca dati pubblica e interattiva.

Posted in Estero/world news, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: | Leave a Comment »

Epatite C tra il dire e il fare

Posted by fidest press agency su venerdì, 18 dicembre 2015

epatite C ospedale cardarelli“A un anno dalla stipula del contratto per la rimborsabilità delle nuove terapie contro l’Epatite C sono stati trattati solo la metà dei 50mila pazienti che la ministra della Salute Beatice Lorenzin aveva promesso di curare con il fondo per i nuovi farmaci”: lo denunciano i rappresentanti delle associazioni Arcigay, Anlaids, Lila, Nadir, Mario Mieli e Plus a margine del convegno “Stop coinfezione Hiv Hcv” supportato dall’azienda farmaceutica Gilead che si è tenuto questa mattina a Roma. “C’è un ragionevole rischio che il sistema italiano non riesca ad arruolare per tempo i 50.000 pazienti come previsto dal contratto (riservato) con l’azienda Gilead, compromettendo quindi gli sconti che il contratto prevede – sottolineano i rappresentanti delle associazioni – se questo si avverasse, sarebbe molto grave visto che i pazienti con coinfezione HIV/HCV sono già inseriti in percorsi di cura che potrebbero garantire non solo il rapido accesso al trattamento con i nuovi farmaci, ma anche un livello altissimo di aderenza al trattamento e alle cure”. “I dati presentati ad oggi hanno evidenziato con forza come i maggiori benefici in termini di salute pubblica e costo efficacia deriverebbero dall’immediato trattamento di tutte le persone con coinfezione Hiv/Hcv”. “L’Aifa, l’azienda farmaceutica Gilead e il Ministero della Salute sembrano fare il gioco delle tre carte, auspicando il trattamento del maggiore numero di pazienti ma negando ogni trasparenza sugli accordi presi ” afferma Massimo Oldrini, presidente della Lega Italiana per la Lotta all’AIDS (Lila) che durante il suo intervento ha esposto un manifesto di denuncia verso i tre soggetti che decidono sull’accesso ai nuovi farmaci. “Manca un piano concreto per garantire i farmaci alle circa 8000 persone con Hiv e Epatite C che rischiano la vita, a differenza di quanto stanno facendo altri paesi, come Spagna e Portogallo” sottolinea Simone Marcotullio vice presidente di Nadir Onlus. “Non solo è immorale non trattare pazienti che potrebbero guarire definitivamente con farmaci oggi altamente efficaci, ma è anche miope in termini di salute pubblica e un aggravio per il sistema sanitario nel lungo periodo – continua Michele Breveglieri, Responsabile Salute Arcigay – in Italia, infatti, le persone con Hiv che attendono di utilizzare i nuovi farmaci per l’epatite C sono circa 30.000″. Più volte le associazioni di pazienti e cittadini nonchè la comunità scientifica di riferimento e gli organismi consultivi del Ministero della Salute in Italia hanno fatto presente la problematica, ma Aifa ha sempre ignorato le richieste. “In Spagna, le persone con Hiv possono accedere al trattamento per epatite C, di fatto, senza grandi restrizioni perché è riconosciuto che l’infezione da Hiv è un fattore che influisce pesantemente sulla salute complessiva dell’individuo con Epatite C – ha evidenziato durante il convegno Diego Garcia, dell’associazione Feat spagnola – il farmaco costa circa 20.000 euro con un tetto di 750 milioni di euro per il 2015 e 52000 pazienti stimati per il trattamento, non come in Italia in cui il prezzo non è noto”.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: | Leave a Comment »

No ai brevetti di piante ottenute con tecniche tradizionali

Posted by fidest press agency su venerdì, 18 dicembre 2015

Il Parlamento ha approvato, giovedì, una risoluzione non legislativa secondo cui il divieto di brevettabilità dei prodotti ottenuti mediante tecniche di selezione convenzionali, è essenziale per stimolare l’innovazione, per la sicurezza alimentare e per le piccole imprese. I deputati, sorpresi dalla decisione dell’Ufficio europeo brevetti di concedere brevetti su tali prodotti, chiedono alla Commissione di chiarire con urgenza le norme UE esistenti e di tutelare l’accesso dei costitutori al materiale biologico.I deputati ricordano che la selezione vegetale è un processo innovativo praticato dagli agricoltori e dalle comunità agricole sin dalla nascita dell’agricoltura. Inoltre, ritengono che l’accesso al materiale biologico sia essenziale per stimolare l’innovazione e lo sviluppo di nuove varietà, al fine di garantire la sicurezza alimentare a livello globale, far fronte ai cambiamenti climatici e impedire la nascita di monopoli. La risoluzione approvata con 413 voti favorevoli, 86 voti contrari e 28 astensioni, stabilisce che i prodotti ottenuti dai procedimenti essenzialmente biologici, come piante, sementi, caratteristiche autoctone e geni, dovrebbero quindi essere esclusi dalla brevettabilità.Il Parlamento chiede alla Commissione di chiarire con urgenza le norme UE esistenti, in particolare la direttiva UE sulla protezione giuridica delle invenzioni biotecnologiche, e di tramettere questi chiarimenti all’Ufficio europeo brevetti (UEB), così da assicurare che i prodotti ottenuti con tecniche di riproduzione convenzionali non possano essere brevettabili. Inoltre, i deputati hanno insistito affinché l’UE e gli Stati membri debbano garantire l’accesso e l’utilizzo del materiale ottenuto mediante procedimenti essenzialmente biologici per ottenere varietà vegetali.

Posted in Estero/world news, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: | Leave a Comment »

Da un batterio una possibilità di cura per una malattia genetica rara

Posted by fidest press agency su venerdì, 18 dicembre 2015

parma universitàParma. Un gruppo di ricercatori dell’Università di Parma ha identificato un enzima di origine batterica in grado di eliminare l’acido urico, sostanza che se si accumula in eccesso nell’organismo può risultare gravemente tossica per l’uomo. In particolare, in una rara malattia genetica chiamata sindrome di Lesch-Nyhan (detta anche “gotta giovanile”) l’acido urico tende ad accumularsi fin dalla nascita a causa di un difetto genetico, provocando nelle forme più gravi della malattia menomazioni motorie e disturbi del comportamento.Il lavoro, a firma di Nicola Doniselli, è stato coordinato da Riccardo Percudani, professore di bioinformatica presso il Dipartimento di Bioscienze dell’Università di Parma e pubblicato sulla rivista scientifica del gruppo Nature “Scientific Reports”, una delle più prestigiose riviste scientifiche internazionali “open access”L’idea alla base del progetto era individuare enzimi somministrabili all’uomo per ridurre i livelli di acido urico nei pazienti iperuricemici, cioè che presentano un accumulo di questa sostanza nel sangue. A questo scopo viene già utilizzato un enzima, chiamato “uricasi”, in grado rendere l’acido urico eliminabile dall’organismo nelle forme più gravi di iperuricemia, anche di origine non genetica. Questo enzima però presenta alcune controindicazioni che ne limitano l’impiego terapeutico.
 Attraverso un innovativo metodo di analisi bioinformatica i ricercatori hanno identificato nel genoma di un batterio chiamato Agrobacterium fabrum (responsabile di un tumore molto diffuso nelle piante e noto come “galla del colletto”) un enzima che, se rimosso, rende il microrganismo incapace di metabolizzare l’acido urico.“Il vantaggio del nuovo enzima di origine batterica consiste nel fatto che elimina l’acido urico senza produrre acqua ossigenata, sostanza altamente tossica per le cellule. Quest’ultimo aspetto – spiega Riccardo Percudani, docente di Bioinformatica presso il Dipartimento di Bioscienze e coordinatore dello studio – è particolarmente interessante, dal momento che l’obiettivo finale è di mettere a punto una terapia farmacologica efficace e quanto più possibile priva di effetti collaterali”.L’importanza di questo studio risiede da un lato nella scoperta di un enzima potenzialmente utile nella terapia di patologie da accumulo di acido urico, dall’altro nella messa a punto di un nuovo metodo per caratterizzare la funzione di proteine non ancora studiate attraverso l’utilizzo di sistemi informatici.
Il team di ricerca si è avvalso della collaborazione del professor Alessandro Dal Palù del Dipartimento di Matematica e Informatica e del professor Angelo Merli del Dipartimento di Bioscienze.
La sindrome di Lesch-Nyhan è un difetto congenito del metabolismo delle purine, costituenti fondamentali del DNA e dell’RNA. È causata dall’insufficienza di un enzima chiamato ipoxantina-guanina fosforibosiltransferasi (HPRT). Caratteristica della malattia è la sovrapproduzione di acido urico che si manifesta subito dopo la nascita e che può causare gotta e calcoli renali. I bambini che presentano le forme più gravi del difetto enzimatico sono colpiti da menomazioni motorie e da disturbi del comportamento che si manifestano con morsi alle mani, dita, labbra e lingua. La malattia è trasmessa a figli di sesso maschile da madri portatrici sane. La diagnosi avviene attraverso la misura della concentrazione di acido urico nel sangue (uricemia) e dell’attività dell’enzima HPRT. I primi segnali della malattia sono in genere “sabbia” nel pannolino dei neonati e dopo alcuni mesi le manifestazioni motorie e comportamentali. In presenza di soggetti affetti dalla malattia nella stessa famiglia, è consigliato un test genetico di mutazioni HPRT1 prima della nascita. A oggi non esistono terapie risolutive.Questo lavoro è stato possibile grazie ai finanziamenti della Fondazione Telethon.

Posted in Cronaca/News, Medicina/Medicine/Health/Science, Università/University | Contrassegnato da tag: | Leave a Comment »

Luigi Rotunno è il nuovo presidente della Resorts Brasile

Posted by fidest press agency su venerdì, 18 dicembre 2015

rotunnoLuigi Rotunno, direttore generale del La Torre Resort di Porto Seguro-Bahia è il nuovo presidente dell’Associazione Brasiliana di Resorts – ABR – Resorts Brasile, assumendo l’incarico al posto di Luiz Daniel Guijarro (foto). La Resorts Brasil attualmente conta con 50 associati di 14 Stati del Brasile, Durante la cerimonia d’insediamento sono state discusse la nuova struttura dell’associazione e le mete per il prossimo biennio.“L’associazione è più matura e negli ultimi anni ha guadagnato corpo e visibilità, promuovendo le basi per la nuova gestione che porterà criteri più moderni di gestione e una nuova struttura di incarichi, in cui ogni direttore avrà più autonomia per sviluppare progetti relativi al settore di sua responsabilità”, ha affermato Gujarro.Rotunno, ha poi sottolineato i progetti più significativi dell’associazione, cominciando dal cambiamento del marchio che mira ad aumentare la visibilità dei resort nei confronti dei vari tipi di pubblico. “L’ABR adesso sta muovendosi con un carattere più commerciale e una maggior partecipazione istituzionale, accompagnando i progetti di legge con un atteggiamento più attivo, oltre agli investimenti che abbiamo fatto in training, partecipazione a fiere e workshop e ad aumentare l’azione nei confronti di enti governativi”, ha dichiarato il nuovo presidente dell’associazione.“D’ora in avanti abbiamo come meta l’aumento del numero di associati, portando all’ABR la maggior quantità possibile di stabilimenti qualificati, oltre ad investire in workshop di training di agenti di viaggi, che ci hanno dato un ritorno molto buono. L’obiettivo è creare due certificazioni, una per premiare l’agenzia e l’altra il venditore. Oggi abbiamo 200 agenti specializzati e vogliamo raddoppiare questo numero, promuovendo due training a semestre e premiando quelli che si distinguono nelle vendite”, ha aggiunto Rotunno.Oltre a Rotunno, la ABR – Resorts Brasil ha nominato Guilherme Martini, del Costa do Sauípe, come vicepresidente dell’associazione, e anche i nuovi direttori: J.C. Pollak, del Sofitel Jequitimar (direttore finanziario); Carolina Abud, del Grand Palladium (direttrice di Comunicazione), Wellington Estruquel, della Rede Mabu (direttore di Intelliigenza di Affari), Munir José Calaça, del Rio Quente Resorts (direttore di Rapporti Istituzionali), Rafael Pires, del Costão do Santinho (direttore di Sviluppo), Orlando Giglio, dell’ Iberostar (direttore di Fiere ed Eventi) e João Francisco, del Malai Manso Resort (direttore supplente). João Bueno rimane come direttore esecutivo dell’associazione. (foto: rotunno)

Posted in Estero/world news, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: | Leave a Comment »

La storia delle genti di Milano e della Lombardia raccontata dagli scheletri

Posted by fidest press agency su venerdì, 18 dicembre 2015

Milano 19 dicembre 2015, 9.30-13.00 Antiquarium “Alda Levi”, via de Amicis 17 I resti ossei provenienti dallo scavo di necropoli sono un inestimabile patrimonio culturale: permettono di raccontare l’evoluzione demografica, delle malattie e del contesto sociale nel tempo, fornendo informazioni preziose in mancanza di altre fonti o talvolta sconfessando quanto noto dai documenti storici. Per poter «far parlare» i resti umani è necessario raccogliere informazioni in maniera esaustiva e su vasta scala e mettere al contempo i dati raccolti a confronto, attraverso l’applicazione di tecnologie e la costruzione di banche dati antropologiche, attualmente non esistenti in Italia.
Nel 2015 Regione Lombardia ha promosso e finanziato un progetto di ricerca proposto dal LABANOF, Laboratorio di Antropologia e Odontologia Forense, Università degli Studi di Milano, in collaborazione con la Soprintendenza Archeologia della Lombardia, teso alla costituzione di un database che raccolga i dati ottenuti dall’analisi e dallo studio delle necropoli lombarde, allo scopo di trarre informazioni preziose sull’evoluzione della popolazione nel corso dei secoli. I risultati di questo lavoro vengono presentati in questa occasione insieme ad alcuni spunti di riflessione sulla storia biologica della popolazione milanese e lombarda.Programma
h 9:30: Saluti
Filippo Maria Gambari, Soprintendenza Archeologia della Lombardia
Fabrizio Slavazzi, Dipartimento di Beni Culturali e Ambientali, Università degli Studi di Milano
Marco Sannazaro, Dipartimento di Storia, archeologia e storia dell’arte, Università Cattolica, Milano
Rappresentante Regione Lombardia
h 10:00: Archeologia e Antropologia
Filippo Maria Gambari, Soprintendenza Archeologia della Lombardia
h 10:30: La storia di Milano e della Lombardia dall’analisi delle necropoli: archeologia e antropologia a confronto
Anna Maria Fedeli, Soprintendenza Archeologia della Lombardia
Cristina Cattaneo, LABANOF, Dipartimento di Scienze Biomediche per la Salute,Università degli Studi di Milano
h 11:30: DNA e scheletri: cosa ci possono dire le analisi genetiche
Antonio Torroni/Carlo Previderè/Barbara Bertoglio, Università degli Studi di Pavia
h 12:00: Storia, ambiente e uomo: la prospettiva del naturalista
Marco Caccianiga, Dipartimento di Bioscienze, Università degli Studi di Milano
h 12.30: Presentazione della Banca Dati
Daniele Gibelli e Cappella A, Caruso V, Castoldi E, Cattaneo C, Mattia M, Mazzarelli D, Pappano P, Sguazza E LABANOF Dipartimento di Scienze Biomediche per la Salute, Università degli Studi di Milano
Francesco Sardanelli/Luca Sconfienza, Servizio di Radiologia, Ospedale San Donato, Università degli Studi di Milano
h 13:00: Conclusione

Posted in Cronaca/News, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: | Leave a Comment »

Mozione di sfiducia a Renzi

Posted by fidest press agency su venerdì, 18 dicembre 2015

camera deputati“Abbiamo presentato mozione di sfiducia a Renzi perché lo riteniamo politicamente responsabile della bolla finanziaria innescata in Italia negli ultimi anni, generata dall’opaco sistema bancario nostrano che lui ha servito puntualmente, senza difendere famiglie e imprese. Lo riteniamo responsabile di aver favorito le speculazioni su alcuni istituti di credito e di aver condannato a morte i risparmiatori di altri, di non aver dato indirizzi chiari e perentori a Banca d’Italia e Consob, diventando complice della mancata vigilanza sui banchieri di provincia. Sono sue colpe di cui deve rispondere al Parlamento, più gravi di quel conflitto d’interessi che viene giustamente attribuito al ministro Boschi, vecchio cavallo di battaglia della sinistra, che tanto lo agita. Noi voteremo la sfiducia alla Boschi, perché siamo lineari e non ha senso chiedere che il governo vada a casa e poi non essere disposti a mandare a casa un suo solo ministro. Ci vadano tutti, anche se a rate… Ma dobbiamo constatare che il M5S ha commesso un grave errore impedendo alla Camera di discutere e votare domani anche la mozione di sfiducia a Renzi presentata dal centrodestra. La lettura è immediata: i 5 stelle incassano il giudice costituzionale e salvano Renzi”. È quanto dichiara il capogruppo di Fratelli d’Italia-Alleanza nazionale Fabio Rampelli.

Posted in Cronaca/News, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: | Leave a Comment »

Barbara Spinelli: detenzione dei richiedenti asilo e uso della forza per il prelievo delle impronte: “Se questo è il prezzo di Schengen, no grazie!”

Posted by fidest press agency su venerdì, 18 dicembre 2015

strasburgo-parlamento-europeoStrasburgo. Nel corso della seduta Plenaria del Parlamento europeo a Strasburgo si è svolto il dibattito su “Detenzione dei richiedenti asilo e uso della forza nei loro confronti”, preceduto dalle dichiarazioni del Consiglio e della Commissione.La deputata Barbara Spinelli (Gue-Ngl) ha preso la parola alla presenza di Dimitris Avramopoulos, Commissario per la migrazione, gli affari interni e la cittadinanza, e Nicolas Schmit, ministro del Lavoro lussemburghese, in rappresentanza della Presidenza del Consiglio.«Leggo nel comunicato della Commissione sugli hotspot italiani che Roma deve “dare una cornice legale all’uso della forza” per il prelievo di impronte e le detenzioni prolungate. Sarà difficile, dicono i giuristi, a meno di violare due articoli della Costituzione: il 13 e il 24. Mi chiedo anche come l’Unione intenda far fronte a detenzioni e violenze verso i rifugiati che si estendono: in Ungheria, Bulgaria, Polonia, Francia, Spagna.«In Italia le espulsioni forzate sono attuate anche quando i giudici sospendono i rimpatri. Il governo danese confisca da domenica scorsa i gioielli dei rifugiati – anelli nuziali esclusi – per pagarne i costi.«È grave che tali misure siano presentate come urgenti e obbligatorie “per salvare Schengen”. Che il Presidente del Consiglio Europeo Tusk raccomandi 18 mesi di reclusione dei richiedenti asilo, sempre “per salvare Schengen”. Che non siano invece considerati obbligatori il non-refoulement, l’habeas corpus, la ricerca di alternative alla detenzione sistematica, la non coercizione su persone vulnerabili o minori.«Non ci si può limitare a imporre solo misure repressive mentre la Carta, i trattati, il pacchetto asilo del 2013 prevedono diritti e clausole discrezionali ben più vincolanti.«Se questo è il prezzo di Schengen: No grazie! – come cittadina europea rinuncio volentieri a Schengen, senza esitare».

Posted in Estero/world news, Politica/Politics, Uncategorized | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »