Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 32 n° 220

Archive for 19 dicembre 2015

La Maison Cointreau: Laetitia Casta Has Invited Eva Longoria to Join the Cointreau Creative Crew

Posted by fidest press agency su sabato, 19 dicembre 2015

cointreau“I am a doer. People think I am passionate!” Introduction with Eva Longoria, sharing confidences with Laetitia Casta for the Cointreau Creative Crew. The tone is set. Eva Longoria, actress, producer, activist, and philanthropist confides her dreams, actions, struggles and designs to become an accomplished woman but also to work for a better world through her foundations. She faces daily challenges.
“Goals give you direction but dreams have power,” Eva Longoria starts off, her expression as bright and beautiful as it is rare. Eva Longoria was the first guest of Laetitia Casta in the creative encounters organised by Cointreau Creative Crew to highlight talented individuals who question the ways things are done without losing their own sense of purpose and who ceaselessly explore their own creativity.”I’ve known Eva for a long time. The discussions during our first meeting were about women, how we view the world and what has to be done to help women to forge their own way, to develop, to accomplish things. Eva is a person who has incredible internal beauty, she is sensitive and considerate and at the same time has a strength of character which defies everything! During the dinner for her Parisian Global Gift Gala foundation, I was able to appreciate how she has evolved and was impressed, moved, and overwhelmed! “Cocktail and confidences” is a wonderful time which provides the energy, the hope, and the desire to dare!” explained Laetitia Casta.
cointreau1“The Creative Test,” the second webisode, was made by Guila Clara Kessous, the youngest UNESCO Artist for Peace who campaigns tirelessly for a better world with imagination, joy, and humility. Guila Clara Kessous, who trained in positive psychology at the prestigious Harvard University, tailored the “Creative Test” for the Cointreau Creative Crew, which is used to reveal someone’s personality from their designs. Simple yet deeply interesting, this concept, which is as innovative as it is surprising, is set out in a refreshing way during the series of webisodes.The third webisode: “Twist and Fizz” is literally sparkling when Alfred Cointreau, Cointreau Heritage Manager and Cocktail Designer, puts his creativity to work in homage to Laetitia Casta, Eva Longoria and Guila Clara Kessous.
“A dream? A colour? A quote? A fragrance? These are the four questions they were each asked and which formed the basis for my inspiration. It gave me great pleasure to create a unique, customised recipe, a real signature cocktail. Creating something for these 3 iconic personalities represents a real challenge! Attention to detail is important, the flavours, the aromas, the colours, the taste, etc… Each creation is an exercise in style where simplicity was the order of the day, while being sophisticated. Elegance in a signature Cointreau Fizz is to be savoured wisely,” observes Alfred Cointreau.
The Cointreau Creative Crew is a philanthropic programme interspersed with creative encounters which are positively divine. Representing the strong message given by Laetitia Casta, complemented by unexpected moments with Guila Clara Kessous, not forgetting cocktail creations designed by Alfred Cointreau, the first series of encounters contains some surprising and unexpected content presented with dynamic freshness. Designed to inspire, the webisodes are the linchpin of a programme aimed at all women, wherever they are in the world, who have dreams and want to fulfil them. Cointreau is their Parisian zest*, a boldness which will enable them to set off on an adventure exploring their creativity, paving the way to achievement. Whether they want to launch a fashion label, open a restaurant, break out in design, make a film, become a chef, illustrator, or an artist, the Cointreau Creative Crew makes suggestions and guides people in these directions, across the five continents.

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: | Leave a Comment »

Industry thought leader joins Ovum’s Financial Services Technology practice

Posted by fidest press agency su sabato, 19 dicembre 2015

london-centralLondon Ovum is delighted to announce that David Bannister, one of the most respected commentators in the financial technology industry, will be joining its Financial Services practice in January to develop and grow its research across the wholesale payments and corporate banking areas.“David has a well-deserved reputation as an industry thought leader, having spent over two decades commenting and driving debate around the rapidly changing role of technology within financial institutions,” said Kieran Hines, Practice Leader of Ovum’s Financial Services Technology group. “The team and I are looking forward to working with him, and I have no doubt that our clients will be as excited as I am about his decision to join us”.Before moving to Ovum, David was the editor of Banking Technology, one of the leading fintech publications in the industry. He has been covering technology issues for 36 years and specialising in financial technology for the past 24.“2016 is going to be a very important year across the payments industry as a combination of regulatory requirements and technological innovations accelerate the rate of fundamental change, and I’m very much looking forward to the opportunity presented by joining Ovum to focus on these issues and examine them in depth.”David is a well-known panellist and speaker on the conference circuit and has taken part in many international events, including Sibos, the International Payments Summit, EBAday and the ISITC Vendor Forum. He has also provided consultancy and training for a number of leading IT and financial technology providers including IBM, HP, Misys, and Oracle.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Estero/world news | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

PayU’s Strategy in High-Growth Countries Pays Off

Posted by fidest press agency su sabato, 19 dicembre 2015

amsterdamAmsterdam. PayU is a leading payment services provider with presence in 16 high growth markets across the world. Globally, more than 160,000 merchants use the company’s platform to process their payments and over 10 million buyers have registered to its online and mobile services which allow no less than 250 payment methods across the globe.In 2015, the company registered a double digit growth (ranging from 40% to 80%) in each of its markets with Colombia, India, Russia and Turkey showing the highest growth. According to Larry Illg, CEO of PayU Group, both external and internal factors contributed to propel the company’s outstanding results in these key regions as well as in the rest of the world:“We are seeing that growth markets from around the world come online in a major way thanks to continuous advancements in technology”, highlights Illg. “The apparition of middle-classes and the increasingly important role of mobile devices in emerging regions both contribute to the current shift in worldwide commerce and lay the ideal conditions for the implementation of our tailored solutions.”
By being physically present in each of the country it operates in, PayU is able to better understand the needs of consumers and adapt its services in order to deliver more accurate and up-to-date solutions. This ‘Global Player, Local Expert’ strategy undoubtedly pays off within fast-growing markets where constant innovation and adaptability are needed to meet consumer’s ever-evolving needs and habits.
“The current state of global economy certainly impacts growth markets but it has minimal influence on long term business-builders like PayU”, explains Illg. ”Our strategy and ambition for 2016 is to sustain our growth by improving the e-commerce education of all parties, enhancing the online shopping experience for both merchants and consumers and, last but certainly no least, battling against fraud with innovative technology.’’
PayU is the leading online payment service provider dedicated to creating a fast, simple and efficient payment process for merchants and buyers in 16 high growth countries in Asia, Central and Eastern Europe, Latin America, the Middle East and Africa. These markets represent a potential consumer base of over 2.2 billion people and the company now counts more than 1,400 payment specialists constantly working to exceed PayU’s 160,000+ merchants and millions of buyers.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Estero/world news | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Burundi: Mancato impegno dei governi africani nella gestione della crisi in Burundi

Posted by fidest press agency su sabato, 19 dicembre 2015

burundi_mapL’Associazione per i Popoli Minacciati (APM) esorta i governi africani a impegnarsi maggiormente per una soluzione politica della crisi in Burundi e per la tutela della popolazione civile dalle violazioni dei diritti umani. Non mancano certo gli appelli alla pace e al dialogo delle organizzazioni non governative e dei singoli politici, ma sia l’Unione Africana (UA), sia la Comunità dell’Africa orientale (EAC) sia la Conferenza Internazionale sulla regione dei grandi laghi sembrano muoversi con troppa esitazione, senza molte idee e con poca coerenza. Gli interessi nazionali , la concorrenza tra di loro e la mancante neutralità così come la mancanza di volontà politica e la divergenza di opinioni in questioni basilari intralciano ogni tentativo di trovare una soluzione politica per la crisi in Burundi. I governi africani hanno perso un’occasione per mostrare responsabilità in una situazione di crisi.Il fallimento dell’EAC è probabilmente l’esempio più eclatante della mancata assunzione di responsabilità dei governi africani. Nel vertice dell’EAC previsto per lo scorso 30 novembre 2015 la presidenza dell’organizzazione sarebbe dovuta toccare al Burundi. Per evitare discussioni interne e non urtare il discusso governo del Burundi scegliendo un altro paese per la presidenza, l’EAC ha semplicemente rimandato il vertice a data da definire. L’atteggiamento con cui si è scelto di mettere la testa nella sabbia piuttosto che affrontare i problemi, certamente non può contribuire in modo costruttivo alla risoluzione della grave crisi che scuote il Burundi.Anche l’Unione Africana (UA) ha per mesi mantenuto una posizione di attesa. Il presidente ugandese Yoweri Museveni incaricato dall’UA di mediare per un dialogo in Burundi sembra invece essere occupato più con la propria campagna elettorale che con la crisi in Burundi e la sua non sembra essere una posizione neutra. Il dialogo in questo modo non fa progressi. Inoltre nei colloqui finora tenuti sulla crisi in Burundi non si è mai tenuto conto della situazione della popolazione civile. Nonostante l’UA abbia deciso delle sanzioni contro il Burundi e il Consiglio di Sicurezza dell’Unione Africana abbia in ottobre 2015 proposto di prepararsi a un intervento delle truppe di pace africane, tale intervento rischia di creare maggiori tensioni per la mancata neutralità dei paesi vicini del Burundi. Inoltre non è chiaro se la missione di pace africana voglia far impiegare le truppe dell'”African Capacity for Immediate Response to Crises (ACIRC)” o dell'”African Standby Force (ASF)”. Non manca certo il sostegno finanziario a entrambe le truppe, ma loro efficienza in situazioni di crisi è più che dubbia.

Posted in Diritti/Human rights, Estero/world news, Uncategorized | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Blacklist degli ebrei italiani

Posted by fidest press agency su sabato, 19 dicembre 2015

sinagoga roma“La creazione e divulgazione di una blacklist degli ebrei italiani è vergognosa. Inserire in una lista di proscrizione – l’ennesima – personalità della cultura, dell’informazione, dell’imprenditoria, solo perché appartenente alla comunità ebraica, ricorda i momenti più bui del nostro Paese e dell’Europa. Mai bisogna abbassare la guardia dinanzi a rigurgiti di intolleranza e antisemitismo. Alla presidente della Comunità ebraica romana, Ruth Dureghello e a tutti gli amici ebrei coinvolti in questa scandalosa vicenda, va la mia e la nostra amicizia e solidarietà”. Con queste parole il presidente della Comunità di Sant’Egidio, Marco Impagliazzo, interviene sulla vicenda della “blacklist” degli ebrei apparsa in questi giorni su un sito internet.

Posted in Cronaca/News, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Continue violazioni dei diritti umani in Iran messe in luce in un voto dell’ONU

Posted by fidest press agency su sabato, 19 dicembre 2015

Onu palaceNew York. Nazioni Unite. Il mese scorso, 20 baha’i sono stati arrestati dalle autorità iraniane, che hanno anche effettuato una serie di chiusure coordinate di negozi, a danno di circa 28 baha’i proprietari degli esercizi. Oggi l’ONU ha espresso «grave preoccupazione» per questa discriminazione religiosa e per altre continue violazioni dei diritti umani in Iran.Con un voto di 81 contro 37 e 67 astensioni, l’Assemblea generale delle Nazioni Unite ha approvato una risoluzione che affronta la situazione generale dei diritti umani in Iran, esprime preoccupazione non solo per le persecuzioni religiose ma anche per il frequente ricorso del governo alla pena di morte, per il mancato rispetto delle procedure legali, per le restrizioni alla libertà di espressione e per la discriminazione in atto contro le donne e le minoranze etniche.«Accogliamo con favore questa risoluzione», ha detto Bani Dugal, la principale rappresentante della Baha’i International Community presso le Nazioni Unite. «Ciò dimostra che la comunità internazionale è informata e preoccupata per le continue violazioni dei diritti dei cittadini iraniani da parte del loro governo in una vasta gamma di aree, nonostante il governo sostenga il contrario e prometta di migliorare.«Certamente per i baha’i iraniani, la politica della persecuzione sistematica e capillare è rimasta invariata. Proprio il mese scorso, mentre l’Assemblea generale stava esaminando questa risoluzione, le autorità iraniane hanno arrestato 20 baha’i in tre città e hanno chiuso almeno 28 imprese baha’i in altre sei città. Queste azioni dimostrano che il programma anti-baha’i è molto articolato e diretto dal governo», ha detto la signora Dugal.Tra le altre cose, la risoluzione esprime «profonda preoccupazione» per «le continue gravi limitazioni e restrizioni al diritto alla libertà di pensiero, di coscienza, di religione o di credo».La risoluzione inoltre chiede al governo di rilasciare i sette dirigenti baha’i imprigionati e «di eliminare, nel diritto e nella pratica, tutte le forme di discriminazione, compresa la chiusura delle imprese e altre violazioni dei diritti umani contro persone appartenenti a minoranze religiose riconosciute e non riconosciute».La risoluzione è stata presentata dal Canada e co-sponsorizzata da 44 altri paesi. Essa è stata presa dopo che Ahmed Shaheed, il relatore speciale sui diritti umani in Iran, e dal Segretario generale dell’ONU Ban Ki-moon hanno presentato alcuni rapporti sui diritti umani in Iran, adducendo numerosi esempi di continue violazioni del diritto internazionale dei diritti umani da parte del governo dell’Iran.

Posted in Diritti/Human rights, Estero/world news | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Da un’analisi indipendente la conferma dell’importanza del biosimilare

Posted by fidest press agency su sabato, 19 dicembre 2015

“Abbiamo sempre sostenuto che l’ingresso dei biosimilari sul mercato, ma soprattutto nella pratica clinica, era in grado di determinare importanti miglioramenti nell’assistenza farmaceutica resa ai cittadini europei e dunque italiani” dice Stefano Collatina, coordinatore dell’Italian Biosimilar Group. “Il rapporto che IMS ha elaborato per conto della Commissione europea fornisce ora una conferma scientifica del ruolo svolto da questi nuovi farmaci”. Infatti, le analisi svolte da IMS evidenziano che l’inserimento dei biosimilari nei protocolli di trattamento ha determinato in primo luogo un allargamento del numero dei pazienti che possono essere avviati a trattamenti allo stato dell’arte e soprattutto nei paesi in cui l’accesso alle terapie biotecnologiche era più limitato. Il rapporto osserva anche una riduzione del prezzo dei farmaci biotecnologici, anche se ovviamente in misura minore rispetto a quanto avviene con i farmaci equivalenti. “E’ un dato atteso, dal momento che realizzare un biosimilare comporta il ricorso a tecnologie estremamente sofisticate” spiega Collatina “e un costo della sperimentazione sovrapponibile a quello dei nuovi medicinali coperti da brevetto. C’è anche un altro aspetto che va sottolineato, e cioè che il settore dei biosimilari si sta espandendo ma non a detrimento della comparsa di nuovi farmaci biotecnologici”.Per il coordinatore dell’IBG c’è stata però anche la conferma di una grande disparità nel ricorso ai biosimilari tra i diversi paesi dell’UE e tra un’area terapeutica e l’altra. “Sfortunatamente l’Italia non è ancora nel gruppo di testa e questo deve suonare come un campanello d’allarme. Ora più che mai siamo alle prese non solo con la sostenibilità della spesa sanitaria, ma con difficoltà nel garantire l’accesso alle cure più aggiornate” conclude Collatina “promuovere il ruolo dei biosimilari significa operare concretamente per risolvere questi problemi e anche per aiutare l’economia del nostro paese”.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science, Uncategorized | Contrassegnato da tag: | Leave a Comment »