Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 31 n° 321

Archive for 20 dicembre 2015

Spagna oggi si vota

Posted by fidest press agency su domenica, 20 dicembre 2015

madridNon si può dire molto sull’andamento del voto e delle tendenze elettorali degli spagnoli in quanto sono proibiti i sondaggi ad urne aperte. Si sa solo che il partito popolare del premier Mariano Rajoy appare avvantaggiato sul partito socialista di Pedro Sanchez. Vi sono, però, a ridosso i due nuovi partiti il Podemos di Pablo Iglesias e il Ciudadanos di Albert Rivera. I commentatori politici ritengono che il partito popolare per governare ha bisogno di allearsi con una delle nuove formazioni e quella di Iglesias pare la più accreditata. Secondo il Gesop il partito popolare otterrà non più di 115 seggi su 350 nel congresso dei deputati mentre il Podemos tra i 70 e i 74. In questo caso avremmo una maggioranza risicata e il rischio di instabilità politica. I socialisti, invece, non andrebbero oltre gli 80-85 seggi.

Posted in Estero/world news, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: | Leave a Comment »

“Port Corpus Christi’s Strategic Location and Deep Ship Channel is Favored for Large Crude Oil Tankers”

Posted by fidest press agency su domenica, 20 dicembre 2015

corpus christie2Corpus Christi, TX, USA – U.S. Congressional leaders reached an agreement to lift a 40-year-old ban on crude oil exports on Friday, December 18, 2015. The Senate voted overwhelming in favor, sending the legislation to President Obama for his signature. The House voted to pass the legislation in separate action earlier Friday.The agreement would end the U.S. crude oil export ban, enacted in the 1970s in response to an export embargo to the United States enforced by Arab members of the Organization of Petroleum Exporting Countries. With U.S. oil production now rivaling that of Saudi Arabia, supporters of lifting the ban said U.S. policy should be updated to reflect the new energy landscape.”For the last several years, the Port of Corpus Christi has been investing in water and land side infrastructure to support exporting crude when the ban was lifted. Considering our proximity to Mexico and with both Permian and Eagle Ford Shale oil coming into the port, the Port of Corpus Christi is well positioned to serve our customers who plan to export oil and to supply their foreign markets,” said Judy Hawley, Port Corpus Christi Chair. With infrastructure capabilities to handle liquid bulk, deep water shipping channels, and a strategic corpus christie1location within U.S. oil producing regions; Port Corpus Christi is positioned to positively benefit from the repeal of the crude oil export ban. The United States, South Texas, and the Coastal Bend region will see an increase of domestic energy production translating into more energy related jobs, improvement to the U.S. balance of trade, energy security, lower gasoline prices, and the strengthening of America’s geopolitical standing around the world.“Lifting the crude oil export ban will boost the American economy, fostering job creation and lowering energy costs at home. Doing away with this antiquated policy gives the United States an opportunity to promote stronger relationships with our allies around the world, who can now diversify their energy supply and enhance their national security,” said U.S. Senator John Cornyn.Ruben Martin III, President and Chief Executive Officer of Martin Midstream Partners commented, “The Port of Corpus Christi is poised to become a world class crude oil export facility and Martin, through its existing Corpus Christi multimodal crude terminal and ongoing expansion of these facilities, is well positioned to service the needs of the largest crude oil vessels calling on the Port today as well as those which will call on the Port after the deepening of the channel.”This action corpus christietaken by the U.S. Congress will unleash the full potential of America’s energy boom, creating new jobs by the hundreds of thousands across the region and the United States. It will increase investments in the region generating a greater economic growth impacting regional and U.S. economies, workers, and consumers. Federal, state, and local taxes from expanding crude oil exports could reach $14.5 Billion in 2020. Technology advances in drilling will set the United States to surpass both Russia and Saudi Arabia as the largest global producer of crude oil. It will increase America’s energy security by continued investment in – and development of – resources here at home allowing a greater U.S. diplomatic leverage worldwide.
Omar Garcia, President & CEO, STEER said, “Lifting the ban on oil exports will continue to directly impact the Eagle Ford Shale region by ensuring this growth is both long-term and sustainable. South Texas and the Corpus Christi region has greatly benefitted from the oil and gas industry, according to the most recent data available the economic impact was nearly $87 billion.” Garcia added, “Countless studies over the past few years have shown the benefits of opening oil exports. One such study by Rice University’s Center of Energy Studies shows that the Eagle Ford stands to benefit the most from the approval to export oil due to decreased transportation costs and type of production. “Free trade of transportation fuels is already allowed in the United States. In 2013, the U.S. exported $150 billion of petroleum products. The lifting of crude oil exports will help narrow the trade deficit by $22.3 billion in 2020. “A lifting of the crude oil export ban would certainly be good for the Port of Corpus Christi,” said NuStar President and CEO Brad Barron. “NuStar’s North Beach Terminal is the end point for our South Texas crude oil pipeline and storage system that brings crude from the Eagle Ford Shale play to the port, and we could immediately begin loading the large export cargoes of crude from our existing dock space at the port.”

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Estero/world news | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Catella acquires initial portfolio for Dutch residential fund

Posted by fidest press agency su domenica, 20 dicembre 2015

catellaMunich-based investment manager Catella Real Estate has acquired an initial portfolio consisting of three housing complexes with a total of 303 residential units for the fund Panta Rhei Dutch Residential. The properties are located in the greater Den Haag and Eindhoven regions in the Netherlands. “All the properties are located in high-growth regions in Netherlands with increased demand. Also our local property manager is the market leader in care services at the Eindhoven location”, says Henrik Fillibeck, MD of Catella Real Estate AG.
The acquisition in Rijswijk in the Den Haag region relates to a property that was built in 1974 and has 17,140 square metres of leasable space. Following partial refurbishment in 2005, the property is now in excellent condition. It has a total of 160 residential units as well as 58 underground and 100 outside parking spaces. The property is fully leased and has below-average tenant turnover. The lease agreements are index-linked and tied to the inflation rate in the Netherlands.Two further building complexes, De Hoeve and Wilgenhof, with a total of 143 residential units, were also acquired. De Hoeve was built in 1996 and Wilgenhof in 2008. They have leasable space measuring 12,600 square metres. Both properties meet the latest technical standards and are fully leased. The leases are also index-linked.The capital from the first closing was called as planned to fund the acquisition of the three properties by the end of the year. The existing homogenous group of investors consists primarily of major professional investors based in Germany.The Panta Rhei Dutch Residential fund was launched at the beginning of this year and focuses on the up-and-coming residential property market in the Netherlands. The open-ended special fund is managed in cooperation with the Dutch partner Panta Rhei. The target volume for the fund is EUR 150 million and the target yield is between 6 and 7 % and dividends are expected to be between 4 and 4.5 % per year.

Posted in Estero/world news, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: | Leave a Comment »

Sport Media Pearl Awards winners announced at star-studded evening attended by NBA legend Yao Ming and footballing great Alessandro Del Piero

Posted by fidest press agency su domenica, 20 dicembre 2015

Abu DhabiAbu Dhabi. The elite in sport journalism were recognised for their work at a glittering ceremony in the UAE capital last night as the Sport Media Pearl Awards capped off a six-month journey to find the best in sport media.The evening at the Etihad Towers complex in Abu Dhabi welcomed a host of notable faces from the world of sport as Italian footballer Alessandro Del Piero joined NBA star Yao Ming and Olympic Gold Medallist Jonathan Edwards.The Awards are the first internationally to be dedicated to awarding excellence in the sport journalism industry and have seen a huge number of submitted entries.An expert executive committee led by the AIPS (International Sports Press Association) studied more than 700 international submissions across a range of categories from sport photography and weblog to writing and audio. Eighty-five submissions were then shortlisted at an event in Abu Dhabi in November.The judging panel, led by AIPS President Gianni Merlo and consisting of 11 sport media professionals including Sport Media Pearl Awards ambassador Yao Ming, a former NBA All-Star, then began the process of choosing three finalists for each category.
The finalists, along with sport media professionals from around the world, convened at Etihad Towers as the final winners were announced at the event hosted by former Olympic athlete Jonathan Edwards. The winner of each category was awarded the prestigious Pearl trophy and US$10,000 in prize money, with the second and third placed finalists receiving US$5,000 each.H.E. Mohamed Ebraheem Al Mahmood, Chairman and Managing Director of Abu Dhabi Media, said: “This ceremony represents a great achievement for the finalists of the Sport Media Pearl Awards and also for Abu Dhabi as the emirate strives to develop the outstanding talent there is in sport storytelling.
“Abu Dhabi Media is a leading media organisation and we continue to foster talent in all aspects of the evolving media landscape. To be associated with the very best in the world, and having them here in Abu Dhabi, will add momentum to the process of inspiring excellence.”Managed by AIPS and hosted by Abu Dhabi Media, the Sport Media Pearl Awards have set out to celebrate the industry’s unsung heroes – the men and women who bring the drama of sporting achievement to life for a global audience. By showcasing the best in sport journalism, they aim to help foster a new generation of talent.The Awards recently completed a worldwide promotional tour visiting 14 countries and 15 major sport events, including the UEFA Champions League Final in Berlin, the Special Olympics in Los Angeles and the European Games in Baku. At each port of call, sport journalists were encouraged to submit their work.Gianni Merlo, President of AIPS, said: “The journey to the ceremony has been exhilarating. It has been an absolute privilege to study the incredible work of so many talented journalists in all forms of sport media. The Sport Media Pearl Awards proves that the passion to tell the story of sport is as strong as ever.”As well as the main journalistic categories, there were several special categories, including Sport for a Better World, which focuses on coverage dedicated to a sporting initiative and aims to improve the lives of marginalised members of society. The winner of this category was Paul Radley of The National newspaper in the UAE with US$50,000 being awarded to Christina Noble, the non-profit organisation that was the subject of Radley’s feature, “Street Kids Find Haven in Sport”.

Posted in Estero/world news, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Union Varsan de Monteverde is the first coffee producer to obtain the Friend of the Earth certification

Posted by fidest press agency su domenica, 20 dicembre 2015

coffee producerThe Costa Rican coffee producer underwent a thorough third party assessment audit and was found compliant with Friend of the Earth criteria for sustainable agriculture. Costa Rica has a long history of coffee production. Coffee export revenues have helped improving its economy for centuries. Nowadays, Costa Rica is one of main coffee producers in the world, quite distinguished for its specialty quality coffee. Union Varsan, comprising 18 farms, grows coffee (Coffea arabica) in the northern mountains of Costa Rica, close to the Monteverde Cloud Forest Reserve. Over the time, the forest ecosystem has not been damaged by the cultivation of the coffee plants. Indeed, since 1990 preservation activities have been intensified. The company has adopted an innovative system for the transformation of local waste into animal feed and compost. Water and air are not contaminated by the cultivation processes. No hunting, trapping or trafficking of wild animals is permitted.
coffee producer1Besides the coffee production, the organization has implemented initiatives of ecotourism and short educational programs for overseas colleges and high school students on themes related to sustainable production.
“Sustainability is the milestone of our mission, as we aim to conduct our activities in an environmentally and socially responsible way”, states Mr. Jose L. Vargas of Union Varsan. “Friend of the Earth certification is an important confirmation of our commitment and a very special stimulus to strengthen our mission.” (photos: coffee producer)

Posted in Estero/world news, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

XII Dubai Film Festival

Posted by fidest press agency su domenica, 20 dicembre 2015

dubai film1AMBI Group di Andrea Iervolino e Monika Bacardi annuncia il grande successo per la world premiere di All Roads lead to Rome durante la chiusura del XII Dubai Film Festival. I produttori Andrea Iervolino e Monika Bacardi hanno partecipato alla prima mondiale del film da loro prodotto, con protagonisti la star di Sex & the City Sarah Jessica Parker, Raoul Bova, Paz Vega, Claudia Cardinale e Rosie Day.
Il film ha di fatto chiuso il festival, entusiasmando il pubblico presente. Dopo la proiezione, l’esclusivo Closing Gala nella splendida location dello “ZERO GRAVITY” di Dubai ha raccolto le più alte personalità degli Emirati Arabi, che si sono congratulati con i due produttori presenti all’evento.Durante il festival Andrea Iervolino e Monika Bacardi hanno colto l’occasione per chiudere importanti accordi di distribuzione del listino di produzioni AMBI in tutto il Middle East.
Nella splendida cornice del lussuoso Hotel Jumeirah Al Qasr e del Mina A Salam, quartier generale del festival, i due produttori hanno avuto la possibilità di incontrare i maggiori esponenti del mondo dell’entertainment, che ormai da qualche anno ha suscitato l’interesse dei più grandi imprenditori degli Emirati Arabi.
dubai filmAll Roads Lead to Rome sarà distribuito dallo stesso distributore che serve Warner Bros. in tutto il Middle East.
Maggie (Parker) è una severa madre single e insegnante universitaria di scrittura di New York. Nel tentativo di ristabilire un rapporto con la sua problematica figlia teenager Summer (Day), decide di intraprendere un viaggio in un borgo toscano dove era stata da giovane. All’arrivo, Maggie si imbatte in Luca (Bova), un ex amante molto bello che è ancora scapolo e vive con la madre ottantenne Carmen (Cardinale). Summer (a cui manca il suo fidanzato di New York) e Carmen (che, contro la volontà di Luca, sta segretamente pianificando le sue nozze con Marcellino, il suo unico vero amore di Roma) rubano d’impulso la macchina di Luca e corrono a Roma. Maggie e Luca presto permetteranno alle due coppie di trascorrere del tempo insieme e approfondire meglio la conoscenza gli uni degli altri. (foto: dubai film)

Posted in Estero/world news, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: | Leave a Comment »

Risultato del Sondaggio sull’orientamento scolastico

Posted by fidest press agency su domenica, 20 dicembre 2015

scuola-digitale-casnati-como-800x500_cSono poco più della metà i ragazzi dell’ultimo anno della scuola secondaria inferiore che hanno già deciso quale scuola superiore frequentare il prossimo anno. Ma, nonostante sia ormai partito il conto alla rovescia verso le iscrizioni, al via il 22 gennaio per chiudersi il 22 febbraio, sul fronte dell’orientamento c’è ancora molto da fare.
Secondo un sondaggio realizzato da Skuola.net, in collaborazione con Radio 24, su circa 2500 ragazzi di terza media, il 38 per cento degli studenti ha già fatto sia attività di orientamento che il questionario orientativo, il 28 per cento ha fatto almeno una delle due cose, ma a preoccupare è quel 35 per cento che non si è visto proporre dalla scuola nè l’uno nè l’altro. Fra chi ha fatto orientamento inoltre, il 65 per cento non ha avuto la possibilità di un colloquio personalizzato per capire quale potrebbe essere la scelta migliore.
Fra i ragazzi a cui la scuola ha offerto una qualche forma di orientamento, il 48 per cento si dice comunque molto soddisfatto, a fronte di un 13 per cento che invece si dichiara per niente soddisfatto.
Entrando più nel merito, si scopre che fra i ragazzi che hanno fatto orientamento, il 24 per cento ha visitato un’azienda e ha avuto la visita a scuola di qualcuno che lavora in azienda per conoscere più da vicino il mondo del lavoro. Il 7 per cento ha fatto soltanto la visita in azienda, il 17 per cento ha avuto a scuola la visita di qualcuno che lavora in azienda. A fronte di questo 48 per cento di ragazzi che ha avuto quindi un qualche contatto con il mondo dell’impresa, c’è però un 52 per cento che non si è visto offrire dalla scuola alcuna opportunità di questo genere.
Lo scollamento con il mondo del lavoro è ancora più evidente se si considera che il 40 per cento dei 13enni che hanno risposto al sondaggio non ha idea di quali siano le professioni più richieste sul mercato del lavoro. Solo un 17 per cento ha una vaga idea grazie alle informazioni ricevute in famiglia e un 18 per cento grazie alle informazioni ricevute a scuola.
Poi c’è il capitolo riguardante i vari indirizzi di studio. Il 70 per cento degli studenti che si è visto proporre un’attività di orientamento si dice convinto che la propria scuola ha illustrato in maniera completa i vari indirizzi di scuola superiore, sia per quanto riguarda i licei, che gli istituti tecnici e i professionali. Fra questi, il 67 per cento ha avuto la possibilità di ascoltare a scuola un esperto che ha illustrato in maniera specifica gli indirizzi e gli sbocchi degli istituti tecnici. Nonostante questo, il 33 per cento degli studenti resta convinto che gli istituti tecnici siano scuole adatte ai ragazzi meno bravi a scuola e che i migliori vadano al liceo, a conferma di un pregiudizio che è duro da sconfiggere, nonostante le tante sessioni di informazione realizzate nelle scuole da parte delle istituzioni e di Confindustria. Il 55 per cento invece è convinto che questo sia solo appunto un pregiudizio.

Posted in Cronaca/News, scuola/school | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Pensioni, al via Class action per riavere inflazione persa dal 2012

Posted by fidest press agency su domenica, 20 dicembre 2015

pensionatiControllare il cedolino Inps di agosto dove dovevano arrivare i rimborsi, inviare la lettera di diffida all’istituto pensionistico e prepararsi a ricorrere: queste le mosse suggerite dallo studio legale Frisani e dalla società Gestione Crediti Pubblici, a Milano a circa 300 pensionati che affollavano l’hotel Ritz (ma migliaia erano collegati in streaming). Sganciati dal recupero dell’inflazione per gli anni 2012-13 dal decreto “Salvaitalia” del governo Monti, dopo la sentenza della Consulta che lo scorso maggio ha annullato gli effetti del provvedimento non hanno riavuto il “maltolto” o ne hanno ottenuto solo una parte poiché l’assegno pensionistico secondo il governo Renzi era alto. Per loro adesso si profila la possibilità di un ricorso collettivo: in cambio di circa 100 euro più Iva si fanno autorizzano i legali dello Studio, sparsi in tutta Italia, a curare il contenzioso con la pubblica amministrazione. Il decreto “salvaitalia” ha tolto a circa 4 milioni di italiani l’aggancio automatico della pensione all’inflazione annuale, abbattendo da un 1 a un 3% il potere d’acquisto dell’assegno con risultati che si ripercuotono sugli anni successivi perché quell’aumento del costo della vita non viene mai più recuperato. A maggio di quest’anno, la sentenza della Consulta numero 70 ha annullato il decreto Salvaitalia. Ma per rimborsare i pensionati il governo ha emanato un nuovo decreto che riconosce la rivalutazione automatica al 100% solo a chi prende fino a 3 volte il minimo Inps, mentre scende al 40% per i trattamenti fra 3 e 4 volte il minimo Inps, al 20% agli assegni fra 4 e 5 volte il minimo Inps e al 10 % fra 5 e 6 volte il minimo Inps. Tradotto: con 1440 euro lordi, tre volte il minimo Inps che vuol dire meno di 1100 euro netti, il governo consente di recuperare il 40% dell’inflazione. Si scende al 20% poco oltre i 1600 euro netti. Il rimborso poi si azzera poco oltre i 2100 netti per un lordo Inps pari a circa 3 mila euro, cioè oltre le 6 volte il minimo Inps.
La vicenda riguarda in primo luogo i pensionati Inps e Inpdap e tra questi i medici ospedalieri privati e pubblici. «In questi anni si sono sentite affermazioni non vere – spiega il giornalista Franco Abruzzo, presidente dell’Unione nazionale pensionati italiani – si è ad esempio ricordato che la spesa per le pensioni è il 15,7% del Pil contro una media Ue del 10%, ma si dimentica che dei 247 miliardi erogati da Inps 43 lo stato li riprende in tasse e altri 34 sono di assistenza (cassa integrazione etc) e la differenza è in linea con la spesa europea. Il “salvaitalia” ha toccato le pensioni, un diritto acquisito; diciotto milioni di pensionati italiani oggi chiedono giustizia». In molti hanno spedito raccomandata di costituzione in mora su carta alla sede centrale Inps o via Pec. Come si fa? la spiegazione è disponibile al sito http://www.rimborsopensioni.it, dove dal 2016 chi aderisce al ricorso di GCP potrà costantemente consultare la posizione della propria domanda. Ma alla raccomandata è preferibile unire il ricorso vero e proprio. «La raccomandata all’ente pensionistico- avverte l’avvocato Piero Frisani – serve ad interrompere i tempi di prescrizione. Con il ricorso ci sono altri vantaggi, in caso di procedimento giudiziario il magistrato può investire la Corte Costituzionale e ove questa annullasse il decreto, il governo dovrebbe restituire le somme». Non solo gli arretrati, «Noi – dice Frisani – puntiamo non ad un bonus una tantum ma a titolo di rivalutazione: quanto restituito deve aggiungersi per sempre all’assegno pensionistico percepito con effetto sul futuro. Ove invece il governo scegliesse la strada di un nuovo decreto sperequativo quest’ultimo non varrebbe per chi ha fatto ricorso, in quanto successivo all’instaurarsi del contenzioso». Ricordiamo che il mancato recupero dell’inflazione non riguarda le pensioni Enpam per le quali la normativa, autonoma, prevede per ora rivalutazione al 75% dell’indice Istat fino a 4 volte il minimo Inps e del 50 % per le somme eccedenti. (Mauro Miserendino)

Posted in Cronaca/News, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Linee guida volte ad aiutare gli Stati ad affrontare problemi di sicurezza dei rifugiati

Posted by fidest press agency su domenica, 20 dicembre 2015

rifugiatiLe raccomandazioni sono contenute in un documento presentato dall’Assistente Alto Commissario per la protezione, Volker Türk, in occasione di un incontro intergovernativo. Il documento sostiene che la sicurezza nazionale e la protezione internazionale dei rifugiati non si escludono a vicenda e richiede di adottare un approccio comprensivo che assicuri di raggiungere entrambi gli obiettivi. Attualmente, con la crescente polarizzazione del dibattito politico in materia di rifugiati in alcuni paesi, la preoccupazione è che i richiedenti asilo e i rifugiati possano diventarne vittime e che la protezione dei rifugiati – che ha permesso di salvare la vita di milioni di persone dalla seconda guerra mondiale in poi – possa essere in pericolo.Due punti importanti da tenere in considerazione sono che i rifugiati sono essi stessi in fuga da persecuzioni e violenze, compresi spesso atti terroristici; e che la Convenzione sui rifugiati del 1951 esclude esplicitamente le persone combattenti o che hanno commesso crimini gravi.Per quanto riguarda i controlli alle frontiere, l’UNHCR comprende la necessità degli Stati di mettere in pratica adeguate misure di sicurezza nei punti d’accesso, per esempio aumentando i controlli, compreso l’uso di dati biometrici come le impronte digitali e la scansione dell’iride. Le raccomandazioni dell’Agenzia includono una guida pratica per garantire che queste e altre misure siano eseguite correttamente e proporzionalmente, che siano soggette a controllo giudiziario, e che si evitino le discriminazioni, ad esempio in base a nazionalità, razza, etnia o religione. Le domande di asilo devono essere esaminate individualmente.Nei casi riguardanti l’esclusione di persone per gravi atti criminali o terroristici, il documento raccomanda che venga condotta una valutazione legale e dei fatti, se necessario, da parte di unità specializzate nelle clausole di esclusione. L’Agenzia offre delle linee guida su questo aspetto e sulle relative misure da attuare, tra cui la gestione delle richieste di estradizione e di detenzione. Essa rileva anche che le persone che forniscono fondi alle organizzazioni terroristiche possono essere essi stessi esclusi dallo status di rifugiato, a seconda delle circostanze individuali.La registrazione rappresenta una parte cruciale del processo di protezione dei rifugiati e l’UNHCR ritiene che sia essenziale introdurre sistemi adeguati per le pratiche di registrazione, oltre che per il monitoraggio dell’identità e della sicurezza – anche in situazioni di afflussi di rifugiati su larga scala. Dal momento che i rifugiati sono persone che rischiano della propria vita, lo scambio di informazioni tra Stati deve essere condotto in linea con i principi e le norme di protezione dei dati stabiliti dalla legge.Il reinsediamento e altre forme di ammissione rimangono uno strumento chiave per garantire sicurezza ai rifugiati e offrire una soluzione alla loro condizione. Alla luce dell’attuale numero record di migranti forzati a livello mondiale – circa 60 milioni – il documento afferma che oggi più che mai è fondamentale che il reinsediamento e altre forme di ammissione continuino a essere opzioni praticabili ed efficaci a disposizione della comunità internazionale per affrontare le questioni relative ai rifugiati. I programmi di reinsediamento, gestiti dall’UNHCR insieme agli Stati riceventi, in molti casi comportano meccanismi di screening di gran lunga più severi di quanto richiesto nel caso di altre forme di ammissione nel paese. Ciò nonostante, per placare ogni preoccupazione, le raccomandazioni dell’UNHCR includono il supporto per mantenere nel tempo i controlli di sicurezza – se non altro per il fatto che i programmi di reinsediamento rappresentano un’alternativa sicura e regolare ai pericoli del mare e ad altri viaggi che non mettono solo a rischio la vita dei rifugiati, ma che altresì recano profitto ai trafficanti e rendono ancora più difficile il lavoro delle forze di sicurezza di confine. Probabilmente il rischio più grande in ogni contesto di insicurezza è rappresentato dall’aumento della xenofobia e della diffamazione diretta nei confronti di persone che fuggono da conflitti violenti. Il documento invita gli Stati a esercitare continuamente il proprio ruolo di guida nello sdrammatizzare e de-politicizzare le sfide associate alla gestione dei flussi di rifugiati.

Posted in Diritti/Human rights, Estero/world news, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: | Leave a Comment »

Amazzonia: Le terre degli indigeni bruciano

Posted by fidest press agency su domenica, 20 dicembre 2015

amazzoniaIn Brasile la mafia del legno continua ad appiccare incendi dolosi in aree abitate da comunità indigene che proteggono la foresta amazzonica, per costringerle ad abbandonare i propri territori e continuare ad alimentare i traffici illegali, deforestando in aree protette. È quanto denuncia Greenpeace, che da tempo collabora con alcune di queste tribù indigene per difendere le loro terre e quindi la loro sopravvivenza. Da mesi, nello stato amazzonico del Maranhão, divampano incendi molto estesi che hanno interessato i territori dell’Alto Turiaçu, di Araribóia, e di Caru. In queste riserve, costantemente minacciate, nell’indifferenza del governo, e nella Riserva Biologica Gurupi si trova ciò che rimane della foresta amazzonica dello Stato del Maranhão. Secondo il leader indigeno Antônio Wilson Guajajara, gli incendi sono atti criminali perpetrati dalla mafia del legno come rappresaglia per le attività di monitoraggio e protezione della foresta svolte dalle comunità locali. Nel periodo tra agosto e ottobre del 2015 è stata registrata una media di 560 nuovi focolai al giorno, con le fiamme che hanno consumato il 45 per cento (circa 190 mila ettari) della foresta del Territorio Indigeno di Araribóia. Atti di deforestazione selvaggia e illegale che mettono in serio pericolo la sopravvivenza di numerose comunità Guajajara e Awá-Guajá, tra le ultime tribù indigene a essere entrate in contatto con il mondo occidentale e tra i popoli più minacciati al mondo.
«La deforestazione illegale in territori indigeni è una piaga che affligge tutto il Brasile. Le popolazioni locali lottano per proteggere la loro casa e invece di essere tutelate, come previsto dalla legge brasiliana, vengono lasciate in balia della mafia del legno che continua a prosperare, ricorrendo sempre più spesso alla violenza» dichiara Martina Borghi, Campagna Foreste di Greenpeace Italia. «A inizio settembre Greenpeace ha aiutato gli indigeni Ka’apor fornendo mezzi tecnologici per il monitoraggio indipendente del loro territorio. Questa misura ha permesso loro di non esporsi più in prima persona, ma non ha evitato che la mafia del legno continuasse ad appiccare incendi per isolarli»Ora a bruciare è la riserva indigena del Caru. Le fiamme che circondano i villaggi degli Awá-Guajá hanno consumato gli alberi da frutta, reso inagibili le vie di accesso al fiume e rendono impossibile andare a caccia. Ciò significa che in questo momento gli Awá-Guajá non sono più in grado di alimentare le proprie famiglie. Da giorni gli indigeni lavorano costantemente per cercare di spegnere gli incendi e il supporto del governo non è affatto sufficiente. La situazione è così disperata che gli indigeni devono combattere le fiamme praticamente da soli. «Il governo brasiliano deve fare molto di più per proteggere queste popolazioni dalla mafia del legno. Ma anche il resto del mondo ha le sue responsabilità. La continua richiesta di legname pregiato brasiliano è il principale motore della mafia del legno, e alimenta la violenza e le ritorsioni che portano a questi terribili incendi. È responsabilità dei compratori internazionali di legname amazzonico garantire che le loro filiere non siano collegate alla deforestazione illegale. Solo quando il legname illegale smetterà di essere redditizio, la situazione per i popoli indigeni dell’Amazzonia potrà veramente migliorare», conclude Borghi.

Posted in Estero/world news, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: | Leave a Comment »

Francesco Martinelli, finalista al concorso per giovani ricercatori a Edimburgo

Posted by fidest press agency su domenica, 20 dicembre 2015

biblio università parmaUniversità di Parma. Francesco Martinelli, iscritto al 3° anno del Corso di Dottorato in Biofarmaceutica-Farmacocinetica, è stato selezionato tra i 5 finalisti del “Pat Burnell New Investigator Award Finalist” nell’ambito del Drug Delivery to the Lung 26 (DDL26), conferenza svoltasi dal 9 all’11 dicembre a Edimburgo (Scozia).Francesco ha svolto la sua ricerca concentrandosi sul concetto di “Particle Engineering” per la produzione di polveri inalatorie sotto il coordinamento del prof. Ruggero Bettini e della prof.ssa Francesca Buttini presso il laboratorio di Tecnologia Farmaceutica.Il dott. Martinelli ha presentato il suo lavoro di dottorato nell’ambito di una sezione dedicata ai giovani ricercatori ed è stato scelto tra almeno 40 progetti, a testimonianza dell’alto livello della ricerca svolta in questi tre anni all’interno del Dipartimento di Farmacia dell’Università di Parma. La presentazione intitolata “Pharmaceutical Development of Sodium Hyaluronate Respirable Dry Powders for Targeted Drug Delivery” si è particolarmente focalizzata sulla possibilità di produzione di particelle respirabili contenenti ialuronato, utili sia per una terapia mirata che per il trattamento di patologie che colpiscono l’apparato respiratorio quali COPD, asma e enfisema polmonare. Inoltre, la collaborazione con l’Institute of Pharmaceutical Science del King’s College London (UK) ha permesso la valutazione della biocompatibilità in linee cellulari rilevanti a livello polmonare.
Quest’ultima parte del lavoro è stata realizzata sotto la supervisione del prof. Ben Forbes.Questa conferenza, giunta alla sua 26a edizione, ha ospitato più di 600 delegati provenienti da tutto il mondo, riuniti dal loro interesse per la somministrazione di farmaci per via polmonare e nasale. Il DDL è organizzato ogni anno da una commissione volontaria dell’Aerosol Society comprendente membri di industrie e accademie e riceve costantemente una considerevole attenzione da parte degli specialisti del settore.

Posted in Estero/world news, Università/University | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Assisi: Apertura porta santa basilica San Francesco

Posted by fidest press agency su domenica, 20 dicembre 2015

assisi1Assisi domenica 20 dicembre alle 10.30, la Porta Santa della Basilica Inferiore di San Francesco sarà aperta dal Vescovo di Assisi, Monsignor Domenico Sorrentino, in concorso con il Custode del Sacro Convento di Assisi, padre Mauro Gambetti, e il frate più anziano della comunità francescana, padre Vladimiro Penev. Assisi rappresenta uno dei luoghi simbolo di questo Anno Santo anche perché considerata seconda tappa giubilare e proprio per questo motivo l’evento, che verrà trasmesso in diretta streaming sul sito http://www.sanfrancesco.org, sarà seguito da migliaia di pellegrini e giornalisti provenienti da tutto il mondo.
“Un anno di misericordia e grazia. Abbiamo l’opportunità di rivolgere i nostri cuori e le nostre menti verso Dio e verso i nostri fratelli, soprattutto i più deboli – ha dichiarato il Custode del Sacro Convento di Assisi, padre Mauro Gambetti – . La Porta Santa della Basilica di San Francesco d’Assisi si apre per i fragili corpi che attendono la salvezza, per i cuori sognanti o angosciati, per gli sguardi profondi o disorientati e per offrire una dimora a tutti. La dimora di Dio. Una Porta che ci conduce ad abbracciare il prossimo e ad essere testimoni di un’umanità aperta all’accoglienza, alla carità e alla fratellanza. Questo stile – ha auspicato il custode – non vuole essere una parentesi, ma la trama della vita quotidiana”.

Posted in Cronaca/News, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , | 1 Comment »