Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 32 n° 15

Archive for 15 gennaio 2016

WTTC Comment in response to the attacks in Jakarta

Posted by fidest press agency su venerdì, 15 gennaio 2016

JakartaDavid Scowsill, President & CEO of the World Travel & Tourism Council (WTTC), said: “It is with deep regret that we hear that the world yet again is struck by an act of terrorism in Jakarta, causing the loss of innocent lives. We extend our deepest condolences to the families of all the victims of this brutal attack. Our thoughts are with them at this terrible time.Terrorism is a global problem, and now Indonesia has become the target of this violence. Fortunately Indonesia is an extraordinarily resilient country, as it has faced up to and overcome various incidents over the last 15 years. We are confident that the country will show its resilience once again.The best response to these terrorist attacks is for travellers to support the country and to continue to visit this beautiful destination. We encourage the government to continue to put the appropriate security measures in place.”
The World Travel & Tourism Council is the global authority on the economic and social contribution of Travel & Tourism. It promotes sustainable growth for the industry, working with governments and international institutions to create jobs, to drive exports and to generate prosperity. WTTC’s annual Global Summit brings together over 1,000 delegates to discuss the opportunities, challenges and issues facing the industry, while its Tourism for Tomorrow Awards recognise the industry’s power to be a positive force in sustainability.The sector is a key driver for investment and economic growth globally. In 2014, Travel & Tourism generated 9.8% of global GDP, some $7.6 trillion, and supported almost 277 million jobs, or 1 in 11 jobs worldwide. By the end of 2015, Travel & Tourism is expected to contribute US$7,860 trillion, 10% of global GDP, and to account for 284 million jobs, 9.5% of total employment.For almost 25 years, WTTC has been the voice of this industry globally. Members are the Chairs, Presidents and Chief Executives of the world’s leading, private sector Travel & Tourism businesses. These Members bring specialist knowledge to guide government policy and decision-making, raising awareness of the importance of the industry as an economic generator of prosperity.

Posted in Estero/world news, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Risks and challenges of multinational corporations operating in fragile and conflict-affected areas

Posted by fidest press agency su venerdì, 15 gennaio 2016

amsterdamAmsterdam. Wars and conflicts continue to destabilise large parts of the world. In 2014, there were more than 400 political conflicts. This includes 21 full-fledged wars, spread over the entire world, but concentrated in the Middle East, the Maghreb region and Sub-Saharan Africa. Worldwide, 55 million people fled their homes – as refugees or as internally displaced people. The result is that more and more businesses are currently operating in fragile and conflict-affected areas – either because they were already operating in a country when a conflict broke out, or because they arrived in a country that was already engaged in a conflict or during the post-conflict phase because they see opportunities for business. A new SOMO paper focuses on these risks and challenges, and offers recommendations on how to reduce business-related human rights violations in conflict-affected areas.Human rights abuses in conflict-affected areas, the lack of corporate accountability in such situations and the risk of sparking or intensifying a conflict are three types of risks that this paper addresses. The report highlights a number of cases in the Democratic Republic of Congo to illustrate to what degree multinational companies are involved. A local subsidiary of Dutch beer manufacturer Heineken, for example, was allegedly paying taxes to rebel groups engaged in human rights violations. Meanwhile, a local subsidiary of the Swiss-German Danzer Group, a major timber company, was accused in a German court of complicity in a violent attack on local villagers by Congolese police and military forces. In a report published last year on cobalt mining in Katanga province, it was reported that a Chinese mining company has violently ended peaceful protests by workers to demand a fair remuneration and respect for their rights, with some protesters dying in the event.‘These cases are just some notable examples’, says SOMO researcher Mark van Dorp, ‘and they reflect some of the challenges that companies encounter when operating in conflict-affected areas. Companies are confronted with questions such as: Should they be paying rebels or security forces to protect their assets? What are the criteria for assessing whether local business partners have been engaged in war crimes? And how can companies avoid buying conflict minerals or agro-commodities? Ultimately, companies should take extra care to act responsibly when operating in conflict-affected areas, because the most serious human rights abuses take place in exactly those settings.’This paper calls on governments to introduce measures to make ‘enhanced due diligence’ processes mandatory for any company, irrespective of where their operations are located, but with a special focus on companies operating in conflict-affected areas. The authors recommend that the Prosecutor of the International Criminal Court initiate an investigation into the conduct of corporate agents regarding their individual criminal liability for international crimes committed by their subsidiaries or business partners. This would complement the current practice of holding only political or military leaders criminally responsible. Moreover, the authors also propose including conflict sensitivity as a key aspect of international standards for responsible business practices that will serve as an added tool for the prevention of harmful practices of multinational companies in conflict settings.

Posted in Estero/world news, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Dolore post operatorio: solo 10% dei pazienti trattato secondo le linee guida

Posted by fidest press agency su venerdì, 15 gennaio 2016

doloreNonostante la riconosciuta professionalità degli anestesisti, i modelli di cura individuati dalle Società scientifiche, le prescrizioni della Legge 38, la disponibilità di trattamenti efficaci e l’esistenza di linee guida ‘evidence based’, la gestione del dolore post operatorio in Italia risulta ben al di sotto degli standard europei, e può essere definita subottimale. Lo rileva – suffragando l’allarme con una notevole mole di dati – un articolo scientifico realizzato da un’equipe guidata dalla professoressa Flaminia Coluzzi, docente di Anestesia e Rianimazione dell’Università ‘La Sapienza’ di Roma, e pubblicato a novembre sulla European Review for Medical and Pharmacological Sciences. L’articolo propone un raffronto fra i dati raccolti attraverso due survey – del 2006 e del 2012, su un campione rappresentativo di oltre il 40% degli ospedali pubblici italiani (ben 289 le strutture che hanno risposto alla survey del 2012) – realizzate a cura della SIAARTI (Società Italiana di Anestesia, Analgesia, Rianimazione e Terapia Intensiva). I risultati di queste indagini sono stati discussi oggi nel corso di una conferenza stampa che si è svolta a Milano. Dal punto di vista dell’organizzazione, solo la metà degli ospedali analizzati – e con notevoli sperequazioni regionali – ha attivato un Servizio del dolore acuto post operatorio (Acute Pain Service): un’unità delineata dalla SIAARTI e inserita nelle linee guida già nel 2010, secondo un modello organizzativo nel quale l’anestesista deve assumere un ruolo di coordinamento di un team responsabile proprio della gestione del dolore post operatorio. Dal punto di vista dei servizi, solo il 10% dei pazienti sottoposti a intervento chirurgico ha ricevuto un trattamento del dolore post operatorio rispondente alle linee guida, che richiedono un trattamento personalizzato sul tipo di paziente e sul tipo di dolore. Si tratta di terapie multimodali e controllabili dal paziente sotto supervisone medica.
“Tutti noi siamo consapevoli che nonostante la riconosciuta preparazione degli anestesisti, i quali hanno il compito istituzionale di garantire l’analgesia in fase post chirurgica, il dolore post operatorio è trattato nella maggior parte dei casi attraverso presidi a infusione fissa e continua – afferma il professor Guido Fanelli, Direttore della U.O.C. di Anestesia e Rianimazione e del Centro Hub di terapia del Dolore dell’A.O.U. di Parma, Direttore scientifico Biogenap del CNR e Direttore Scientifico di Fondazione ANT –. Ciò significa che l’effetto antalgico non è adeguatamente modulato nel tempo, né sufficientemente adattato alle caratteristiche specifiche del paziente, come l’intervento cui è stato sottoposto, la sua massa corporea, il sesso o il metabolismo. Questi presidi non rispondono pienamente neanche ai moderni standard di sicurezza, perché non sono dotati di alcun sistema d’allarme, ad esempio per i casi di interruzione del flusso di medicinale. La sfida che dobbiamo affrontare è quindi anzitutto di natura culturale: tutti i professionisti della salute, dal chirurgo all’anestesista, senza tralasciare l’infermiere, devono convincersi che l’analgesia personalizzata, che contempli anche il coinvolgimento del paziente, non rappresenta un maggior dispendio di risorse e di energie, ma al contrario un efficientamento economico e un’ottimizzazione, in termini di appropriatezza terapeutica, della gestione del paziente post chirurgico”.
“Già nel 2004 – dichiara Fabio Rizzi, Presidente III Commissione permanente Sanità e Politiche Sociali di Regione Lombardia – la nostra Regione ha emanato un decreto che impegnava ogni ospedale a nominare un proprio ‘Comitato Ospedale-Territorio Senza Dolore’. In quel decreto, attraverso un Manuale Operativo messo a punto in collaborazione con gli specialisti di diversi poli ospedalieri regionali, erano esplicitati compiti e obiettivi degli ospedali nel contrasto di ogni tipo di sofferenza, incluso il dolore post operatorio. Nel campo della lotta al dolore, la Lombardia ha mostrato di essere una delle regioni più sensibili e solerti d’Italia: non solo siamo stati fra i primi a varare le delibere necessarie all’istituzione dei centri Hub per la terapia del dolore cronico, ma credo che fra gli ospedali lombardi si registri uno dei più elevati tassi di attivazione di servizi dedicati al trattamento del dolore acuto. I dati diffusi quest’oggi rafforzano il nostro convincimento che la cura del dolore post operatorio ha bisogno soprattutto di sinergia fra i diversi operatori sanitari e di un crescente coinvolgimento dei pazienti, obiettivi per i quali la Regione è già attiva nello stimolare una formazione continua promossa direttamente dai nostri poli ospedalieri e per i nostri professionisti”. Ma al di là della Lombardia e di poche altre regioni virtuose, ancor più dei dati colpisce il raffronto fra quanto emerso dalla survey del 2006 e i risultati dell’indagine del 2012: non solo non si rilevano miglioramenti sostanziali – nonostante le nuove linee guida SIAARTI e la Legge 38, entrambe intervenute nel 2010 – ma si nota un calo notevole dell’offerta formativa dedicata al dolore post operatorio: nel 2006 il 57% degli specialisti che hanno risposto alla survey avevano partecipato ad almeno un evento ECM sul dolore post operatorio, mentre nel 2012 solo il 37% ha avuto modo di approfondire questi temi attraverso appuntamenti di Educazione Continua in Medicina. Proprio per questo – e in vista del lancio in Italia di un nuovo prodotto in grado di garantire sicurezza ed efficacia inedite nel trattamento del dolore post operatorio – Grünenthal Italia ha presentato in occasione della conferenza stampa di oggi a Milano la nuova iniziativa Change Pain Acute. “Sulla scia del successo della grande campagna Change Pain, dedicata al dolore cronico e nata cinque anni fa grazie alla collaborazione con EFIC, siamo orgogliosi, oggi, di lanciare questa nuova iniziativa di formazione e informazione su tutto il territorio nazionale – dichiara Thilo Stadler, Regional General Manager South Europe & Nordics di Grünenthal –. Con Change Pain Acute, Grünenthal Italia promuoverà la diffusione di conoscenze scientifiche rigorose, fra i professionisti della salute, sulla gestione ottimale del dolore post operatorio, e al contempo una maggior attenzione dei cittadini per il proprio diritto a non soffrire, anche a seguito di un intervento chirurgico”.
Durante la conferenza stampa, infatti, è stato ricordato che ogni anno in Italia sono costretti a ricorrere alla chirurgia circa 4 milioni di pazienti, e più dell’80% di loro riferisce di aver sofferto di dolore post operatorio. Un numero preoccupante soprattutto in considerazione di alcuni aspetti: anzitutto l’aumento dei tempi di degenza in presenza di dolore post operatorio d’intensità notevole; in secondo luogo la considerevole incidenza dei casi di evoluzione di questo tipo di sofferenza in dolore cronico – anche per interventi di modesta entità, basti pensare che in Italia il dolore post operatorio, proprio perché mal gestito, si cronicizza nell’80% degli interventi di ernia inguinale; e infine la capacità del dolore post operatorio di contrassegnare negativamente l’esperienza di cura, inducendo i pazienti a non seguire più la strada chirurgica per successive esigenze terapeutiche, anche quando sarebbe la più appropriata ed efficace.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Critiche alla quantità di zuccheri ammessa in alimenti per l’infanzia

Posted by fidest press agency su venerdì, 15 gennaio 2016

OMSIl Parlamento dovrebbe porre il veto a un progetto legislativo sulla composizione degli alimenti per l’infanzia che permette una quantità eccessiva di zucchero e quindi non protegge i lattanti e bambini contro l’obesità, secondo un progetto di risoluzione che sarà votato mercoledì. Il testo raccomanda di ridurre il tenore massimo di zucchero in modo che corrisponda alle indicazioni dell’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS).

Posted in Cronaca/News, Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Un decalogo per prevenire la fibrillazione atriale

Posted by fidest press agency su venerdì, 15 gennaio 2016

fibrillazione atrialeCirca un milione di persone in Italia sono colpite da fibrillazione atriale, un’aritmia cardiaca che costituisce la prima causa di ictus. Si stima che ogni anno siano almeno 50.000 gli ictus causati dalla fibrillazione atriale. Le dieci regole per prevenire la fibrillazione atriale e promuovere un approccio multidisciplinare cardio-neurologico per il suo trattamento sono al centro di Atrial Fibrillation and Stroke Back to the Future on Heart – Brain Interactions, una due giorni organizzata dalla Cardiologia dell’Ospedale Maggiore che vedrà a Bologna, il 15 e 16 gennaio, i maggiori specialisti di tutto il mondo e una platea di oltre 400 medici.
Le dieci regole per prevenire la fibrillazione atriale:
1. Evitare obesità e sovrappeso
2. Evitare l’abuso di alcool
3. Abolire il fumo di sigaretta
4. Svolgere un’attività fisica e sportiva moderata, evitando gli eccessi
5. Tenere sotto controllo la pressione arteriosa e curare l’ipertensione
6. Tenere sotto controllo la glicemia e curare il diabete
7. Curare le apnee ostruttive nel sonno
8. Dopo i 65 anni prestare attenzione al rilievo del polso in occasione di visite mediche
9. Eseguire un elettrocardiogramma in caso di riscontro di polso irregolare
10. Dopo i 50 anni, in caso di familiarità per fibrillazione atriale sottoporsi a visita cardiologica.
La Cardiologia deI Maggiore, centro di riferimento nel trattamento della fibrillazione atriale
Grazie alla terapia anticoagulante orale è possibile evitare gli ictus provocati dalla fibrillazione atriale. A Bologna sono oltre 12 mila le persone con fibrillazione atriale seguite dai centri della rete BoNTao (Bologna Network Terapia anticoagulante orale), che utilizzano farmaci anticoagulanti orali di ultima generazione (cosiddetti NAO, Nuovi Anticoagulanti Orali). La Cardiologia dell’Ospedale Maggiore, che fa parte della rete ed è centro di riferimento per lo studio e lo sviluppo dei NAO, ne assiste circa un migliaio.
La dotazione tecnologica, la competenza professionale maturata nel corso di 25 anni e l’attivazione di percorsi dedicati che semplificano, rendendolo più tempestivo, il trattamento dei pazienti con fibrillazione atriale, fanno della Cardiologia dell’Ospedale Maggiore, diretta da Giuseppe Di Pasquale, un centro Hub della rete cardiologica metropolitana per il trattamento delle aritmie cardiache e la gestione in emergenza del paziente con infarto miocardico acuto. Sono oltre 3 mila le procedure di ablazione eseguite al Maggiore. L’ablazione consiste nella mappatura e bruciatura, attraverso piccole sonde direttamente inserite nel cuore, dei circuiti elettrici anomali all’origine delle aritmie. In costante aumento, inoltre, i pazienti con aritmie gravi che si rivolgono alla Cardiologia dell’Ospedale (30 nel 2015).

Posted in Cronaca/News, Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: | Leave a Comment »

Unione Naz. Consumatori su Renault

Posted by fidest press agency su venerdì, 15 gennaio 2016

auto industryIn relazione alle notizie di stampa emerse su Renault ed il possibile coinvolgimento della casa automobilistica nello stesso meccanismo di interferenza con i test di omologazione per le emissioni che ha colpito la Volkswagen, l’Unione Nazionale Consumatori reitera la richiesta, fatta fin dall’inizio dell’affaire Volkswagen, ossia la necessità di un’indagine a 360 gradi su tutte le case automobilistiche. “I risultati di prove fatte in laboratori scelti dalle case dovrebbero essere almeno verificati. Per questo è necessario rivedere al più presto le procedure europee per rendere i risultati dei tests più aderenti alle effettive condizioni di utilizzo” ha dichiarato Raffaele Caracciolo, esperto di automotive dell’Unione Nazionale Consumatori.
“Sia l’autorità di omologazione che i servizi tecnici, ossia gli enti designati dall’autorità di omologazione di uno Stato membro come laboratori per l’esecuzione delle prove, devono essere pubblici. Occorre superare la Direttiva 2007/46 che, di fatto, permette ai fabbricanti di omologare un veicolo nel paese dell’UE considerato più accessibile e, automaticamente, tutti gli altri Stati membri sono tenuti ad immatricolare i veicoli senza necessità di ulteriori controlli, sulla base del certificato di conformità” ha concluso Caracciolo.

Posted in Spazio aperto/open space, Uncategorized | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Università: Corso per mediatori europei

Posted by fidest press agency su venerdì, 15 gennaio 2016

università per stranieri di perugiaAll’Università per Stranieri di Perugia, è stato inaugurato il primo corso di “Alta Formazione per Mediatori europei per l’intercultura e la coesione sociale”. Formerà, per la prima volta a livello nazionale, operatori capaci di svolgere una preziosa attività di mediazione tra i cittadini immigrati, le istituzioni e la società civile. Il corso inaugurato oggi offre una visione lontana dalle “profezie di sventura”, ha avvertito Marco Impagliazzo, docente all’Università per Stranieri e Presidente della Comunità di Sant’Egidio, osservando come la presenza degli immigrati in Europa (35 milioni di stranieri e 50 milioni di residenti di origine straniera) riveli una “ristrutturazione decisiva” delle nostre società e dunque rappresenti “una sfida da cogliere e da vincere”. “Già viviamo insieme come in un grande condominio con persone di provenienze diverse – ha detto Impagliazzo – ma occorre ora costruire con solide fondamenta la casa comune”. Gli allievi del Corso per mediatori – ha concluso – studiano “per essere pontefici, cioè costruttori di ponti” per superare quell’esclusione generatrice di molti mali, come, recentemente, gli attentati di Parigi.Daniela Pompei, responsabile dei servizi ai migranti della Comunità di Sant’Egidio, ha sottolineato “l’inedita collaborazione tra Stato, mondo accademico e società civile sulla frontiera strategica dell’integrazione”. Il corso, con 140 iscritti da 40 paesi diversi, ha un importante profilo nazionale e consentirà la validazione unica delle competenze del “mediatore culturale”. Dopo 16 anni nel campo della formazione, ha osservato Daniela Pompei, “si avvertiva l’esigenza di alzare il livello professionale” e superare la frammentazione delle esperienze “per costruire una strategia culturale non solo per le emergenze ma per dare chiavi di inclusione nelle periferie”. “Mediatore non è mero traduttore – ha concluso – ma interprete profondo della cultura italiana: è portatore di una visione per il futuro”. Il sottosegretario al Miur, Davide Faraone, ha sottolineato l’impegno del ministero per “rafforzare le reti dell’inclusione per contrastare chi specula sulle paure”. Il corso per Faraone rappresenta “un modello strategico” da diffondere e su cui investire per creare “anticorpi contro le strategie tristi della paura”. Ricordando poi l’importante riforma della legge sulla cittadinanza, in corso in Parlamento, il sottosegretario ha osservato come proprio la cultura sia “la via giusta per diventare italiani”.

Posted in Cronaca/News, Università/University | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »