Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 32 n° 250

Archive for 16 gennaio 2016

Brazil Leads Global Consumers Searching for South Florida Real Estate

Posted by fidest press agency su sabato, 16 gennaio 2016

MIAMI — Brazil continues to top all foreign countries searching online for South Florida real estate, according to new statistics from the MIAMI Association of REALTORS® (MIAMI), America’s largest local Realtor group. The South American nation of 200 million residents finished as the top international country using MIAMI’s search portal, http://www.Miamire.com, in November 2015.Brazil has now ranked as the top foreign nation using http://www.Miamire.com in 17 of the last 18 months. The last time Brazil didn’t rank first was July 2015 when Colombia took top honors. The newly-released MIAMI statistics also showcase increased interest from the Philippines and Mexico.“Despite the strength of the U.S. dollar, Brazilians continue searching for and investing in South Florida properties,” said Mark Sadek, the 2016 MIAMI Chairman of the Board. “Miami real estate offers security of investment for many international buyers who face economic uncertainty at home. A gateway to the world with the nation’s highest concentration of foreign-born residents, Miami is also a major center for high-impact commercial development.” Brazilian home buyermiamis purchased the third-most Miami real estate among foreign countries, according to the 2015 Profile of International Home Buyers in Florida conducted by the National Association of REALTORS® (NAR). Brazil registered 12 percent of all foreign Miami transactions in the 12 months ending in June 2015. Only Venezuelan (21 percent) and Argentinian (13 percent) buyers purchased more.
Brazilians primarily select South Florida when purchasing real estate in the Sunshine State, according to the 2015 survey. Of all Brazilians buying properties in Florida, 62 percent bought in South Florida (44 percent in Miami-Miami Beach and 18 percent in Fort Lauderdale).Brazilians moving to South Florida are often upper-middle-class families who want to enjoy their prosperity earned in their homeland as professionals and entrepreneurs. Brazilians spend the fourth-most on Florida property among foreign buyers. Brazilians spent an average mean price of $587,700 on Florida real estate in 2015.
Philippine and Mexican buyers increased their online interest in South Florida real estate in November 2015. The Philippines’ eighth-place finish among Miamire.com foreign visitors was the country’s highest since it also ranked eighth in May 2015, Sept. 2014 and April 2014. Mexico, meanwhile, appeared in the top-10 countries for the first time since it finished eighth in March 2015. Other top 10 markets were Colombia, Russia, India, Canada and United Kingdom.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Estero/world news, Uncategorized | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Federalising the Eurozone: Towards a true European budget?

Posted by fidest press agency su sabato, 16 gennaio 2016

euroDiscussions about a future fiscal capacity for the euro area are too often limited to a comparison of the technical advantages and disadvantages of different modalities of cross-country fiscal shock absorbers. This Policy paper aims to broaden the debate, by connecting these discussions with debates on fiscal union and the exercise of political power in EMU.Through an analysis of past and current debates on EMU, this Policy paper by Eulalia Rubio identifies five different rationales for deepening budgetary integration in a monetary union: ensuring fiscal discipline and stable sovereign debt markets, protecting euro area countries against the risk of asymmetric shocks, equipping the euro area with a capacity to stabilize the economy over the cycle, providing budgetary support for convergence and providing an appropriate fiscal backstop for the banking union. The paper discusses the relevance of these various rationales in today’s EMU and their different implications as regards to mutualizing budgetary resources and powers.A key message of the paper is the need to reflect on the sequence and consistency between actions taken in response to different logics for budgetary integration. For instance, the creation of an ambitious Eurobonds scheme, while not intended to stabilize national economies, it would undoubtedly provide a financial buffer to countries in economic difficulty, thus diminishing the need for a euro-area cross-country stabilisation mechanism. On the contrary, if Eurozone leaders opt for moving towards a market-based fiscal discipline regime, they shall assume that the existence of powerful EMU-level fiscal stabilisation mechanisms is imperative. This Policy paper is a contribution to the Istituto Affari Internazionali (IAI) and Centro Studi sul Federalismo (CSF) research project “Which Government for the European Union? An analysis of the current European institutional balance and its possible development”. (photo: federalising)

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Estero/world news, Uncategorized | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Civil Liberties MEPs back deal on minimum EU standards to guarantee fair trials for children

Posted by fidest press agency su sabato, 16 gennaio 2016

european parliamentMEPs of the committee on Civil Liberties endorsed on Thursday the agreement reached by the Parliament and the Council last December to set in the EU a minimum set of standards to guarantee the right of children to a fair trial.The aim of the directive is to make legal protection of children who are suspected or accused of a crime more consistent within the EU, providing a structured “catalogue of rights” that meet their specific needs. Among the priorities is ensuring that children are able to understand and follow the proceedings, preventing re-offending and fostering their social integration.The text was passed with 48 votes in favour, 1 against and 3 abstentions. The agreement still needs to be approved by the plenary. Once formally adopted by both Parliament and Council, Member States will have 3 years from the date of its publication in the EU Official Journal to transpose it to national law.

Posted in Estero/world news, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Martin Nilsson new co-manager of Catella Hedgefond

Posted by fidest press agency su sabato, 16 gennaio 2016

martin nilssonCatella has appointed Martin Nilsson as new co-manager of the award-winning fund, Catella Hedgefond. In addition to his current role as manager of the Catella Nordic Long Short Equity fund, Martin will now also join the Catella Hedgefond management team. Together with Sven Thorén, he will manage one of several independent equity mandates, focusing on the Nordic stock markets. The team associated with Catella Hedgefond is otherwise unchanged, with Ulf Strömsten as the responsible lead manager.Martin Nilsson has been a fund manager at Catella since May 2015, and has since then successfully managed Catella Nordic Long Short Equity together with Ola Mårtensson. Martin already has many years of experience from various roles within both research and portfolio management. He has worked as a portfolio manager at Nordea, where he was responsible for managing several equity funds focused on Nordic stocks. Prior to that, he worked as an analyst at Alecta.“Martin is an excellent complement to the existing managers on the team, and he has already demonstrated successful management during his time at Catella. It is therefore quite natural to also include Martin on the Catella Hedgefond team,” says Erik Kjellgren, head of the Swedish fund operations. The objective of Catella Hedgefond is to deliver consistent, positive returns regardless of the performance of the equity markets. The fund was yesterday named Hedge Fund of the Year by Fondmarknaden.se for the second consecutive year, partly because it is a resilient hedge fund that stands up well in downward markets and that also follows the upturns. (photo: martin nilsson)

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Estero/world news, Uncategorized | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

MEPs debate relocation, hotspots, Schengen and Dublin rules with Avramopoulos

Posted by fidest press agency su sabato, 16 gennaio 2016

dublinoMigration Commissioner Dimitris Avramopoulos joined the Civil Liberties Committee on Thursday to debate the implementation of measures to tackle the migration and refugee crisis, including relocation and work in the reception “hotspots”. MEPs also raised the issue of the future of Schengen as well as the need for a review of the Dublin system.Commissioner Avramopoulos condemned the recent terrorist attacks in Istanbul and referred to the recent proposals on firearms and counter-terrorism. He called on Parliament to look for compromises on these pieces of legislation. Regarding migration and refugee flows, the Commissioner admitted the relocation scheme was not working and asked member states to step up their efforts. Several MEPs asked the Commission to focus on promoting legal ways for migrant and refugees to enter Europe and criticised the lack of progress by Turkey in controlling migrant flows and combatting smugglers.

Posted in Estero/world news, Politica/Politics, Uncategorized | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

More durability for SUV drivers: Nokian Tyres extends the use of Aramid Sidewall Technology

Posted by fidest press agency su sabato, 16 gennaio 2016

nokianNokian Tyres, the world’s northernmost tyre manufacturer, is increasing the use of its Aramid Sidewall Technology in SUV tyres designed for demanding and versatile winter use. From the beginning of 2016 onwards, nearly all premium products from the pioneer of winter driving will feature the unique Aramid Sidewall Technology that provides additional safety and durability. The new technology will also be included in products that are already on the market.The Aramid fibre that Nokian Tyres uses in the sidewall compound stiffens and strengthens the tyre’s sidewall, allowing it to better withstand impacts and cuts that can easily puncture the tyre. The same material is also utilised in the aviation and military industries.
Durability has been one of the most requested features for tyres from SUV drivers who want to enjoy the passenger car-like features of their large and powerful vehicles. According to research, tyres are most often damaged by impacts to the tyre sidewall. Typical scenarios include driving into unexpected potholes with low inflation pressure and parking too carelessly, allowing a sharp kerb to damage the sidewall. No repair is recommended for sidewall damage. Such damage usually requires fitting a replacement tyre.
– This new innovation that improves durability under surprising conditions has been extremely well received by SUV drivers. Tyre retailers have also been excited about the new invention that is entirely unique and provides added value for customers who want to enjoy care-free off-roading and urban driving. We want to maximise the features of our existing premium products and will be introducing this innovation at the beginning of 2016 in our winter products tailored for different markets, says Head of Product Management Petri Niemi. (photos: nokian)

Posted in Estero/world news, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

FRA calls for action to end widespread violence against women throughout the EU

Posted by fidest press agency su sabato, 16 gennaio 2016

istanbulFollowing the violent attacks that took place on 31 December, FRA calls for action to combat the violence against women that the Agency’s research has shown is prevalent across all ages and walks of life throughout the EU.
“The abuse that took place in Cologne and elsewhere on New Year’s Eve was appalling and a grave abuse of the victims. There is no hierarchy of rights holders: respect must be shown to everyone,” said FRA Director Michael O’Flaherty. “However, FRA research clearly demonstrates that the majority of perpetrators of violence against women are among the family or friends and acquaintances of the victim. The events of last month must not be used as an excuse to incite prejudice against migrants or any other groups.”
FRA’s ground breaking report on violence against women, which was based on a representative survey of 42,000 women throughout the EU, showed that women are at risk of gender-based violence in all areas of life, at home and at work, in public and online. At the same time, the majority of incidents are perpetrated by people known to the victim.22% of all women has suffered violence at the hands of a partner Of those who had been physically or sexually abused by someone other than a partner,30% identified a family member as the perpetrator, 22% a friend or acquaintance, and 22% somebody else known to the victim. A total of 30% of said the perpetrator of physical or sexual violence carried out against them was a stranger. Since the publication of the results, FRA has been active in engaging with EU institutions, national governments, international bodies and non-governmental organisations, as the findings make clear that action is needed by a wide variety of groups, from policy makers through health professionals to internet service providers.
In its analysis of the survey findings, FRA underlines the need for:
Campaigns to combat violence against women to be directed at men as well as women, as any solution to violence against women must include men.
EU Member States to ratify the Council of Europe’s ‘Istanbul Convention’ on preventing and combating violence against women and domestic violence
Police, healthcare professionals, employers and specialist victim support services to be well trained and equipped with the necessary resources and powers to assist victims
Internet and social media firms to proactively assist victims of cyberharassment to report abuse
Improved and harmonised data collection on violence against women in EU Member States.

Posted in Estero/world news, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

UNICEF-OMS: appello per le comunità sotto assedio in Siria

Posted by fidest press agency su sabato, 16 gennaio 2016

unicef“Questa settimana, la distribuzione degli aiuti umanitari alle comunità sotto assedio di Madaya, Foua’a e Kafraya, ha rappresentato un passo importante per una popolazione che ha disperato bisogno di aiuto.
Durante la missione a Madaya, le nostre squadre hanno trovato molti bambini stressati e affamati – alcuni dei quali gravemente malnutriti, così come gli adulti. La popolazione della città, composta da 40.000 persone, ha potuto contare soltanto sull’aiuto di 2 medici con limitate possibilità di salvare le vite dei civili. I servizi sanitari, comprese le vaccinazioni sono al collasso. I bambini più piccoli a Madaya non sono stati vaccinati contro la polio, morbillo o altre malattie negli ultimi 10 mesi.
Quello di Madaya non è un caso isolato. In tutta la Siria, ci sono 15 diverse aree con civili tenuti sotto assedio dalle parti in conflitto. Circa 400.000 persone sono state intrappolate in queste aree, a volte per anni, con un accesso molto ridotto al cibo, all’acqua potabile, ai servizi sanitari o altri servizi di base. Molte vite sono andate perdute, in particolare tra i bambini e gli anziani. Nel paese, oltre 4 milioni di persone vivono in aree difficili da raggiungere. A queste aree è consentito solo un ingresso sporadico agli aiuti umanitari. L’assedio e la mancata possibilità dell’accesso umanitario ai civili continua ad essere utilizzato come tattica di guerra che vìola le leggi del Diritto internazionale umanitario. La malnutrizione è una grave minaccia per le persone e i bambini che hanno malattie croniche e sono intrappolati in queste aree, che li rende ancor più vulnerabili ed è causa di un sottosviluppo nel lungo periodo. Inoltre, le madri malnutrite hanno più probabilità di avere bambini malnutriti.
Se gli aiuti umanitari non saranno distribuiti prontamente e con regolarità in tutte le aree sotto assedio e in quelle difficili da raggiungere in Siria, i livelli di malnutrizione continueranno a crescere e molte vite andranno perdute. L’accesso accordato per una limitata consegna di aiuti umanitari non è abbastanza. E’ necessario che gli assedi in Siria terminino subito, che vengano effettuate ricognizioni sullo stato di salute delle popolazioni e sui loro altri bisogni, che sia presente sul posto personale medico, che vengano garantite cure terapeutiche nutrizionali e siano evacuati i malati e i feriti che devono essere curati.
L’OMS e l’UNICEF chiedono a tutte le parti in conflitto di rispettare i loro obblighi in accordo con il Diritto internazionale umanitario per consentire e facilitare un accesso umanitario immediato e senza interruzioni a tutte le aree nel paese”.

Posted in Estero/world news, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Imesa, commessa da 7 milioni dal colosso Petrofac

Posted by fidest press agency su sabato, 16 gennaio 2016

imesaImesa, azienda del Gruppo Schiavoni che si colloca tra i leader europei nella produzione di sistemi elettromeccanici, ha acquisito una commessa del valore di 7 milioni di euro da Petrofac, primaria società operante a livello mondiale nei servizi per il settore Oil & Gas e con forte presenza negli Emirati Arabi e nell’area del Golfo Persico. La commessa comprende la fornitura di quadri elettrici destinati alla Kuwait National Petroleum Company (Knpc), società statale di raffinazione del Kuwait, nell’ambito di un importante intervento di riqualificazione della raffineria di Mina Abdullah.“Un risultato di particolare rilievo per due ragioni. In primo luogo – commenta il presidente del Gruppo, Sergio Schiavoni – Imesa acquisisce un cliente molto importante e strategico: Petrofac è una realtà da 20mila persone che si distingue per l’alto profilo tecnico e che si sta imponendo in un mercato sempre più selettivo, visto il calo del prezzo del petrolio. Il secondo motivo di soddisfazione è legato al fatto di essere stati scelti nell’ambito di un progetto ad alto contenuto tecnologico, il Clean Fuel Project, che consentirà al Kuwait di modernizzare i propri impianti di raffinazione”.L’elevata specializzazione dei suoi prodotti, unita a velocità di consegna e a prezzi altamente competitivi, ha consentito all’azienda italiana di prevalere su un gruppo di imprese estremamente qualificate, con sede operativa per la gran parte nell’area del Golfo. Imesa imesa1era già inclusa nella vendor list della Knpc, che seleziona i suoi fornitori secondo parametri molto esigenti, ma ad incidere come fattore vincente è stata in particolare la capacità dell’azienda di soddisfare i livelli di certificazione richiesti e di garantire rapidi tempi di consegna.
La fornitura si articola nel dettaglio in 33 quadri di media tensione da 6.6 Kv per un totale di 450 scomparti; i quadri sono a tenuta d’arco interno, offrono quindi completa sicurezza anche per chi si trova ad operare sul quadro o nelle immediate vicinanze. La commessa comprende anche l’assistenza per la messa in servizio, con l’attivazione di un service point in Kuwait per fornire al cliente un supporto ottimale.Questo nuovo successo di Imesa si inquadra nella fase di espansione che l’azienda sta attraversando in Medio Oriente. Dal 2006 Imesa presidia quest’area attraverso la sua società operativa Tecnosistemi e punta ad ampliare la propria presenza in modo sempre più capillare e stabile.
Il Gruppo Schiavoni è una realtà consolidata nei settori dell’elettrotecnica industriale, energia, oil & gas e costruzioni. Nato negli anni ’60 ad Ancona per iniziativa di Sergio Schiavoni, si distingue per capacità di innovazione e ricerca di nuovi mercati; collabora con importanti gruppi industriali e negli ultimi anni ha operato in 39 Paesi. Tra le principali realizzazioni: i quadri elettrici per la prima portaerei italiana ‘Cavour’; per la Fincantieri installazioni per molte navi da crociera; la ricostruzione dell’impianto elettrico stradale della città di Bassora, distrutto nel conflitto iracheno.
Imesa spa, basata a Jesi (An), con sedi a Roma, Milano e Dubai, è tra i leader europei nella produzione di quadri elettrici di media e bassa tensione, sezionatori isolati in sf6 per la media tensione da interno e da esterno, sistemi di supervisione e controllo e impianti elettrici chiavi in mano. Conta 200 dipendenti e vanta collaborazioni con importanti aziende italiane ed estere come: Enel, Saipem, Terna, Technimont, Converteam, Fincantieri, Eni, Enipower, Ansaldo Sistemi Industriali, Technip Italy e Lukoil. (foto: imesa)

Posted in Cronaca/News, Economia/Economy/finance/business/technology, Uncategorized | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

ZURICH: Davos_World Economic Forum

Posted by fidest press agency su sabato, 16 gennaio 2016

Zurich Insurance Group ha contribuito allo sviluppo del “Global Risks Report 2016” a cura del World Economic Forum presentato oggi a Davos, sulle probabilità, il potenziale impatto e le interconnessioni dei rischi globali nel prossimo decennio.Cecilia Reyes, Chief Risk Officer del Zurich Insurance Group, ha dichiarato: “Il cambiamento climatico sta acuendo più rischi che mai in termini di crisi idriche, scarsità di prodotti alimentari, ridotta crescita economica, debole coesione sociale e accresciuti rischi di sicurezza. Nel frattempo, a causa dell’instabilità geopolitica, le imprese stanno affrontando cancellazioni di progetti, revoche di licenze, interruzioni della produzione, danni ai beni aziendali e limitazioni dei movimenti transfrontalieri di capitali. I conflitti politici, a loro volta, rendono ancora più insormontabile la sfida del cambiamento climatico – riducendo i potenziali per una cooperazione politica, nonché deviando risorse, innovazioni e tempo dalla resilienza e prevenzione del cambiamento climatico”.
· Il rischio con il maggior potenziale di impatto nel 2016 è la carenza di interventi atti a mitigare il cambiamento climatico e il rispettivo adattamento. Dalla prima edizione del Report nel 2006, è la prima volta che un rischio ambientale conquista il primo posto in classifica.
· Il fallimento delle politiche di mitigazione e adattamento al cambiamento climatico ha un potenziale negativo maggiore rispetto alle armi di distruzione di massa (2° posto), alle crisi idriche (3° posto), alle migrazioni involontarie su larga scala (4° posto) e ai forti shock dei prezzi delle fonti energetiche (5° posto).
750 esperti hanno valutato 29 diversi rischi globali, esaminando il loro impatto e la loro probabilità di verificarsi nei prossimi dieci anni.Per la prima volta in 11 anni il rapporto presenta un panorama di rischio così diversificato. Nella top five dei rischi con il maggior potenziale di impatto sono rappresentate ben quattro diverse categorie: ambientale, geopolitica, sociale ed economica.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Chiesa Luterana – 50° anniversario importante simbolo dell’ecumenismo

Posted by fidest press agency su sabato, 16 gennaio 2016

Chiesa_luterana_riesteVenezia La Chiesa Evangelica Luterana in Italia (CELI), che riunisce le comunità luterane dell’intera penisola, annuncia che martedì 19 gennaio 2016 alle ore 18:30 la Comunità luterana di Venezia festeggerà – ad Abano Terme (PD) – il 50° anniversario della locale Cappella di San Giuseppe, luogo di preghiera di protestanti e cattolici di lingua tedesca.L’ evento sarà celebrato con un culto presso la stessa Cappella, opera di Giulio Brunetta, collocata all’interno della chiesa cattolica del Sacro Cuore e costituita da un’aula di forma ellittica, compenetrata da un minore ambiente di pianta circolare.
Heiner Bludau, Decano della Chiesa Evangelica Luterana in Italia, interverrà con un saluto ai presenti.
Al culto, la comunità lagunare ha invitato i rappresentanti di tutte le confessioni cristiane: mons. Claudio Cipolla, Vescovo cattolico di Padova, ha già confermato la sua partecipazione.“La Cappella di San Giuseppe fu una delle prime testimonianze ecumeniche d’Italia e ‘nacque’ nel 1966 dallo spirito del Concilio Vaticano II: ogni domenica, da decenni, i luterani – in maggioranza ospiti tedeschi, svizzeri e austriaci delle terme – vi celebrano così il culto domenicale anche in madrelingua, grazie all’ospitalità generosa dei cattolici della parrocchia del Sacro Cuore di cui la Cappella fa parte” spiega Bernd Prigge, Pastore della Comunità luterana di Venezia. Ed aggiunge: “Ci riempie, pertanto, di gioia la possibilità di festeggiare questa importante ricorrenza proprio durante la Settimana di preghiera per l’unità dei cristiani: a testimoniare, ancora una volta, il clima fraterno tra tutte le confessioni cristiane nonché la netta prevalenza di elementi in comune tra le Chiese luterana e cattolica rispetto alle differenze pur esistenti”.Sarebbe impossibile celebrare questo anniversario, senza ricordare alcuni uomini e donne che hanno caratterizzato la storia della Cappella di San Giuseppe.Più di tutti, i coniugi tedeschi Kirschner: Friedrich, ingegnere luterano vissuto in Italia dal 1933 al 1980 (anno della sua scomparsa), e Ludovika, cattolica attiva ma sempre impegnata affinché gli ospiti luterani di Abano potessero celebrare i propri culti.
Ma anche Don Marcello Pulze, parroco cattolico che – in nome dell’ecumenismo – si dedicò all’imponente progetto della Cappella, pochissimi anni dopo la costruzione del Sacro Cuore.
E il pastore emerito Johannes Hertel, da Calw, che – il 2 giugno 1968 – celebrò nella cappella il primo culto luterano. Così come Don Aldo Fabris che, appassionato dello studio delle lingue, vi celebrò a lungo la messa per i cattolici tedeschi: era talmente legato da amicizia ai luterani da essere designato da un pastore quale padrino della figlia e da suonare spesso l’organo nel culto luterano dopo la messa cattolica.E, ancora. Don Antonio Pontarin, successore di Don Marcello, che continuò a dare diritto di ospitalità ai luterani. O il Pastore Jürg Kleemann che s’impegnò affinché la cura delle anime non venisse più affidata a religiosi all’inizio della propria carriera inviati dalla Chiesa regionale della Baviera o del Baden Württemberg, bensì concertata con la comunità di Venezia, perché un numero crescente di suoi membri si stava trasferendo sulla terraferma nei pressi di Padova: così il pastore di Venezia è, da tempo, responsabile del lavoro dell’assistenza spirituale ad Abano Terme, sede della casa pastorale.
Infine, Marie-Therese Voltan, il buono spirito dell’ecumene ad Abano, da due decenni a fianco di pastore e pastori luterani quale persona di riferimento della comunità cattolica nonché attiva nella preparazione della meditazione ecumenica di fine anno e della Giornata mondiale di preghiera.
E’ la comunità luterana più antica d’Italia: la presenza in Laguna di persone di fede protestante risale infatti al XVI secolo, cioè sin dagli anni della Riforma di Martin Lutero.
Nella sua storia la Comunità luterana di Venezia ha spesso dovuto dare prova di coraggio ma, nonostante periodiche vessazioni e repressioni, le idee di Lutero non furono così osteggiate come altrove, grazie alla mentalità aperta della città lagunare in tema religioso.Oggi, la piccola comunità di Venezia è composta da 120 persone in tutto, metà residenti in laguna e l’altra metà distribuite tra Padova, Vicenza, Treviso e Abano Terme.

Posted in Cronaca/News, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Dibattito con Mogherini su Siria, Arabia Saudita e Iran

Posted by fidest press agency su sabato, 16 gennaio 2016

federica_mogheriniStrasburgo. Gli sviluppi in Siria e le tensioni tra l’Arabia Saudita e l’Iran saranno discussi con il capo della politica estera dell’Unione europea Federica Mogherini nel pomeriggio di martedì. Mercoledì pomeriggio, i deputati discuteranno, sempre con Mogherini, come proteggere le minoranze religiose dalle violenze del cosiddetto Stato Islamico o ISIS, e valuteranno la situazione umanitaria in Yemen, così come le crescenti tensioni nel sud-est della Turchia.

Posted in Estero/world news, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Strasburgo: Anteprima sessione plenaria

Posted by fidest press agency su sabato, 16 gennaio 2016

strasburgo-parlamento-europeoStrasburgo 18-21 gennaio 2016. Il Parlamento verificherà il rispetto dello stato di diritto in Polonia Il Parlamento discuterà, martedì pomeriggio, lo stato di diritto e le restrizioni alla libertà di stampa in Polonia, subito dopo le dichiarazioni del Consiglio, della Commissione e del Primo Ministro polacco, Beata Szydło. Dibattito con i Presidenti Tusk e Juncker su migrazione, terrorismo e referendum inglese sull’UE I deputati, mercoledì pomeriggio, interrogheranno il Presidente del Consiglio, Donald Tusk, e il Presidente della Commissione, Jean-Claude Juncker, sugli esiti del summit dei leader UE tenutosi il 17 e il 18 dicembre scorso a Bruxelles. Il Parlamento discuterà le priorità della Presidenza olandese con il Primo Ministro Mark Rutte
I deputati, mercoledì mattina, discuteranno le priorità della Presidenza olandese dell’UE con il Primo Ministro, Mark Rutte, e il Presidente della Commissione, Jean-Claude Juncker.
Clausola di mutua difesa: il Parlamento discuterà il ruolo dell’UE
Il Parlamento discuterà, mercoledì pomeriggio, le ripercussioni della decisione francese di invocare, per la prima volta nella storia, la clausola di mutua difesa del trattato UE per chiedere l’aiuto degli Stati membri nella sua “guerra” contro il cosiddetto Stato Islamico (ISIS). Giovedì sarà posta in votazione una risoluzione.
I deputati discuteranno l’accordo di Parigi sul clima con il Presidente COP21 Laurent Fabius
L’accordo globale sulla lotta ai cambiamenti climatici dello scorso dicembre sarà discusso mercoledì pomeriggio con il ministro francese degli affari esteri e dello sviluppo internazionale, Laurent Fabius. Il ministro Fabius aveva presieduto l’incontro a Parigi della Convenzione quadro delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici (COP21) che ha raggiunto tale accordo. Una delegazione di parlamentari europei ha partecipato alle trattative e l’accordo ha ora bisogno dell’approvazione del Parlamento prima di poter essere ratificato dall’Unione europea.
I deputati discutono possibilità di porre veto alla proposta di allentare i limiti alle emissioni diesel
Sarà discussa lunedì una proposta di veto a un progetto di decisione preparata dalla Commissione per aumentare i limiti delle emissioni del monossido d’azoto (NOx) per gli autoveicoli diesel fino al 110%, quando sarà introdotta la tanto attesa procedura dei test sulle emissioni in condizioni reali di guida (RDE). La votazione si terrà durante la prossima sessione plenaria di febbraio.
Fermare il geo-blocking e promuovere il mercato unico digitale delle app
Con una che sarà discussa e votata martedì, i deputati delle commissioni mercato interno e industria chiedono che si ponga termine alle pratiche di geo-blocking, cosi come alle discriminazioni basate sugli indirizzi IP, gli indirizzi postali o il Paese che ha rilasciato le carte di credito, al fine di migliorare l’accesso dei consumatori Ue ai beni e servizi. Chiedono inoltre una rapida adozione delle 16 iniziative sul mercato unico digitale annunciate dalla Commissione lo scorso maggio.

Posted in Estero/world news, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Crescita senza controllo dei tumori

Posted by fidest press agency su sabato, 16 gennaio 2016

istituto nazionale tumoriRicercatori dell’Istituto Nazionale Tumori Regina Elena (IRCCS) di Roma, dell’Università di Trieste e del Laboratorio Nazionale CIB scoprono il legame tra due determinanti chiave dell’insorgenza dei tumori e delle metastasi, le forme mutate della proteina p53 e YAP. Nel cancro questi fattori non agiscono in maniera indipendente ma si alleano per dare il via, insieme, a un programma genetico che spinge il tumore a crescere. Lo mette in evidenza uno studio finanziato da AIRC e appena pubblicato sulla rivista scientifica EMBO Reports.Da oltre 30 anni diverse ricerche nel mondo cercano di far luce sui segreti dei mutanti della proteina p53 per capire come questi riescano a scatenare tumori e metastasi. Parallelamente, un grande interesse si è concentrato negli ultimi anni sulla proteina YAP che, presente in maniera abnorme in moltissimi tumori, è senza dubbio un altro importante protagonista della trasformazione tumorale e della propensione dei tumori a dare metastasi e a resistere alla chemioterapia.Due strade che corrono parallele verso il cancro, senza elementi di connessione: così sono state a lungo considerate le forme mutate della proteina p53 e YAP. Ora, però, dal lavoro di un gruppo di ricercatori diretto da Giovanni Blandino,coordinatore delle attività di ricerca del laboratorio di Oncogenomica Traslazionale dell’Istituto Tumori Regina Elena e da Giannino Del Sal, direttore del Dipartimento di Scienze della Vita dell’Università di Trieste e capo dell’unità di oncologia molecolare del Laboratorio Nazionale CIB di AREA Science Park a Trieste, emerge uno scenario che vede questi due pilastri molecolari dei tumori intimamente connessi. I dettagli molecolari di questa singolare relazione sono descritti in un articolo appena pubblicato dalla prestigiosa rivista scientifica internazionale EMBO Reports.Sono più della metà i pazienti con cancro che nel patrimonio genetico delle cellule malate hanno mutazioni nel gene che codifica per la proteina p53. Queste alterazioni sono tra i tratti principali che contraddistinguono e segnano il destino delle cellule tumorali. La proteina p53, quella normale, è considerata uno dei più potenti freni alla trasformazione maligna. Quando tutto funziona regolarmente, essa lavora a difesa dell’integrità del genoma, impedendo alle cellule di riprodursi in presenza di alterazioni nella sequenza del proprio DNA. Danneggiamenti del DNA non sono infrequenti durante la vita di una cellula e possono insorgere per svariati motivi. Non sono pericolosi, a patto che la cellula si impegni a ripararli prima di continuare sulla propria strada, per non correre il rischio di accumulare mutazioni che possono indurne la trasformazione. p53 controlla queste delicate operazioni, in concerto e in associazione con altre proteine fondamentali.Nei tumori, p53 viene persa o più di frequente si ritrova in forma mutata. Da guardiano buono, si trasforma così, nelle sue forme alterate, in un pericoloso nemico che accelera la trasformazione tumorale e la progressione della malattia verso esiti infausti.Nonostante le intense ricerche, i meccanismi attraverso cui queste proteine aberranti agiscono sono ancora in parte sconosciuti. Per esempio, mentre si sa che i mutanti di p53 sono in grado di indurre l’espressione di geni che spingono le cellule tumorali a proliferare senza controllo, a oggi si conoscono solo alcuni dei partner con cui essi si associano per controllare e alterare l’espressione di questi e altri geni.«Oggi possiamo dire che tra questi partner c’è anche YAP» afferma Blandino e spiega: «YAP è una proteina capace di guidare la trascrizione di geni e quindi il comportamento delle cellule. Attiva geni che servono a far crescere gli organi durante lo sviluppo embrionale e a rigenerare e rinnovare i tessuti adulti. Nei tumori tuttavia YAP sembra sfuggire ai rigidi controlli ai quali solitamente è sottoposta e per questo, accumulandosi nel nucleo delle cellule, le riprogramma rendendole più attive nella proliferazione, maligne e capaci di dare origine alle metastasi».Il team coordinato da Blandino e da Del Sal ha scoperto che YAP e le proteine p53 mutate, insieme, sono responsabili dell’attivazione di una serie di geni che spingono le cellule tumorali a proliferare senza controllo. Per dare il via a questo programma è necessario, infatti, che le proteine interagiscano fisicamente. A riprova dell’importanza della relazione fatale, messa in luce dai ricercatori analizzando un gruppo di pazienti con tumore al seno, emerge chiaramente che nel tessuto malato l’espressione anormale di geni della proliferazione è correlata alla contemporanea presenza di mutanti della proteina p53 e di YAP iperattivo e che questi sono associati a un peggior andamento della malattia.«Sapevamo da un precedente studio che nelle cellule tumorali YAP è controllata da segnali metabolici a loro volta regolati dai mutanti di p53» commenta Del Sal, professore ordinario di biologia applica all’Università di Trieste. Lo scienziato, che di recente aveva pubblicato uno studio sulle connessioni tra YAP e la via metabolica che produce colesterolo, spiega: «Il legame tra questi protagonisti tumorali, però, non si ferma lì. L’abbiamo capito analizzando in dettaglio i programmi genetici che essi riescono ad attivare e allora abbiamo indagato la loro capacità di legarsi e operare insieme. Solo così è emerso come, con l’intima relazione tra YAP e i mutanti di p53, si arrivi nel tumore a sovvertire contemporaneamente il metabolismo e la capacità delle cellule di proliferare».
La scoperta, realizzata anche grazie ai finanziamenti messi a disposizione da AIRC, l’Associazione Italiana per la Ricerca sul Cancro, ha una grande rilevanza clinica. Blandino infatti conclude: «Possiamo pensare di spezzare o impedire il legame tra YAP e i mutanti di p53 nei tumori progettando strategie terapeutiche specifiche. YAP non è indispensabile ai tessuti normali nell’organismo adulto, mentre i mutanti di p53 sono presenti solo nel tessuto malato. Una simile strategia, quindi, potrebbe avere elevate possibilità di precisione e successo».

Posted in Cronaca/News, Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Conferenza: Open a door to Israel

Posted by fidest press agency su sabato, 16 gennaio 2016

Altare della patria (3)Roma giovedì 21 gennaio 2016 – ore 11.30 Complesso del Vittoriano, Ala Brasini Salone Centrale conferenza su “OPEN – A DOOR TO ISRAEL”
Intervengono: Modera Alessandro Cecchi Paone
Naor Gilon – Ambasciatore d’Israele in Italia
Joel Lion –Direttore per gli Affari Pubblici Ministero Affari Esteri Israele
Alessandro Nicosia – Responsabile spazi espositivi Ala Brasini, Complesso del Vittoriano
Il progetto è stato voluto dal Ministero degli Affari Esteri di Israele e portato nel nostro paese dall’Ambasciata d’Israele in Italia con l’obiettivo di far conoscere Israele in tutta la sua bellezza e complessità.Nove porte concepite come una grande installazione multimediale e interattiva si aprono sul patrimonio e la cultura di Israele. Roma è stata scelta come prima tappa e anteprima mondiale di questo progetto che proseguirà in un tour che toccherà la Francia, gli Stati Uniti, la Cina, la Polonia, la Russia, il Giappone, l’Argentina e il Brasile.Open-a door to Israel- Discover/Experience/Connect è realizzata con il patrocinio del Ministero degli Affari Esteri di Israele e dell’Ambasciata d’Israele in Italia e organizzata da Comunicare Organizzando con il coordinamento generale di Alessandro Nicosia.

Posted in Cronaca/News, Roma/about Rome, Uncategorized | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

In Siria ci sono altre 14 ‘Madaya’

Posted by fidest press agency su sabato, 16 gennaio 2016

unicef“L’UNICEF accoglie positivamente l’accesso, consentito questa settimana, nella città sotto assedio di Madaya ai bambini intrappolati e conferma che sono stati riscontrati casi di malnutrizione acuta. Le conferme arrivano a seguito della partecipazione dell’UNICEF alla seconda missione umanitaria congiunta UN/Syrian Arab Red Crescent/ICRC nella zona, lo scorso giovedì.L’UNICEF è profondamente rattristato e scioccato dopo aver assistito alla morte di Ali, un ragazzo di 16 anni gravemente malnutrito morto nel centro medico della città di fronte ai nostri occhi. Presso questo ospedale (precario) visitato dall’UNICEF, c’erano solo due dottori e 2 operatori sanitari qualificati che stanno lavorando instancabilmente. La squadra dell’UNICEF e gli operatori dell’OMS hanno rilevato che 25 bambini sotto i 5 anni sono malnutriti. In 22 bambini è stato riscontrato uno stato di malnutrizione, compreso tra moderato e grave. Tutti questi bambini stanno ricevendo adesso le cure necessarie presso l’ospedale, attraverso aiuti sanitari e alimenti nutritivi specifici che le Nazioni Unite e l’ICRC hanno inviato lunedì.La squadra ha visitato altri 10 bambini tra i 6 e i 18 anni. 6 di loro hanno mostrato segni di malnutrizione acuta. Un ragazzo di 17 anni è in pericolo di vita e ha un disperato e immediato bisogno di essere evacuato presso un’altra struttura medica. Una donna in gravidanza al nono mese in travaglio ha urgente bisogno di essere trasferita.Le squadre delle Nazioni Unite insieme con la SARC panificano di continuare la ricognizione sulla situazione a Madaya domenica per raccogliere ulteriori informazioni. Le persone che abbiamo incontrato a Madaya erano esauste e estremamente deboli. I dottori erano emotivamente scioccati e mentalmente abbattuti, lavorano continuamente con risorse molto limitate per garantire cure ai bambini e alle persone che ne avevano bisogno. E’ inaccettabile che accada una cosa del genere nel 21° secolo.Squadre dell’UNICEF e dell’OMS hanno lavorato con il personale sanitario per stabilire un centro di raccordo con servizi terapeutici ambulatoriali per il trattamento della malnutrizione. Gli operatori sanitari sono stati formati sui protocolli per la malnutrizione acuta grave.Mentre esprimiamo il nostro shock per la situazione a Madaya, non dimentichiamo che in tutta la Siria ci sono altre 14 ‘Madaya’. In queste aree le diverse parti in conflitto hanno utilizzato l’assedio come tattica di guerra, e a bambini e civili innocenti è stato impedito di accedere ad aiuti e servizi salvavita.
Giovedì, separatamente, l’UNICEF – nell’ambito di un convoglio congiunto UN-SARC- ICRC – è stato in grado di inviare dieci camion con aiuti per altre due aree assediate, Foah e Kefraya, di cui beneficeranno i circa 6.000 bambini intrappolati nella zona.
L’UNICEF ribadisce il suo precedente appello a tutte le parti in conflitto di: togliere l’assedio sulle comunità in Siria; concedere, senza ostacoli, l’accesso umanitario incondizionato e continuo per permettere alle squadre di operatori di effettuare valutazioni sulla salute, la nutrizione e le altre necessità umanitarie, fornire cure terapeutiche mediche e nutrizionali, poter far evacuare immediatamente donne e bambini in condizioni critiche”.

Posted in Estero/world news, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »