Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 32 n° 250

Archive for 17 gennaio 2016

British Artists in NYC – 20th Century Auctions, February 2016

Posted by fidest press agency su domenica, 17 gennaio 2016

a father and his daughters

Posted in Estero/world news, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

The fragility of the Italian political system

Posted by fidest press agency su domenica, 17 gennaio 2016

matteo renziThe Italian political system, now pole for the substantial disappearance of all perhaps centrist and intermediate – so inspired liberal Catholic – wobbled dangerously. One leg, one of the Democratic Party, is solid, or if you want less fragile, apparently. Renzi the controls but not the rules, both at the national level, where the party is now reduced to being the only parliamentary groups – the majority with Renzi renziani but not – as at regional and local level, where the prime minister does not touch the ball to the point to have already put in the account of losing the next administration (at least not to have his men truly in the race). In addition, the perception that the results obtained by the government, especially on the decisive front of the economy, are well below of what was promised and repeatedly stated, exposes the majority party to an inexorable erosion of consensus, for more accentuated by certain events like that of Banca Etruria, that in the climate of witch hunt that remains in the country – and that Renzi did nothing to make it less phobic – is likely to go far beyond its true scope.
The second leg, the center-right, is a victim of the dimming of the star without Berlusconi that neither Berlusconi nor his have the courage to acknowledge it. Which blocks the physiological as well as necessary parts and assigns the League Salvini a leadership role entirely improper. Far from making the “nice gesture” that Giuliano Ferrara has repeatedly asked – interpreting the thought of all the faithful reasoning, by Confalonieri Doris, Ghedini by Gianni Letta – the former Knight continues to imagine a return to the field – with such bellicose statements as pathetic – but at the same time avoids concrete commitments and keeps ambiguously open some channels of communication with what it considers its most natural disciple (who has just made the mistake of being on the wrong side). And he persisted, it becomes impossible to form a new government of moderate strength, with leadership and renewed programs.
Finally there is the third leg, that of the Movement 5 stars, which is just as supported by the growth in Europe of forces inflated by the wind of anti-politics, which blows stronger than ever, is likely to implode under the weight of contradictions which brings with it since its inception and that the story of the mayor of a municipality in the Neapolitan pentastellato put so mercilessly stripped to make them look as irresolvable. In fact, when Beppe Grillo and other elders first defended the mayor of Quarto, then gave up in the belief that doing so would save their (alleged) virginity of executioners of bad policy, the movement ends victim of his own watchwords executioner, so just a suspicion (easily made at the table) to finish the gallows. Game that pays when you are meant to stay and a protest movement, essentially anti-system, but that becomes deadly when it comes into play as the ruling party (in local and national level). So far Grillo and Casaleggio had exorcised the problem with the expulsions – until it became a mass phenomenon – and marginalization (see the mayor of Parma). But this affair, despite the stinging resignation of folklore Professor Becchi, accusing the leaders grillini had abandoned the dream of direct democracy by opting for the old democracy-directed, and the fracture on the election of constitutional judges was produced between MPs, finally convinced of how it takes the political negotiation, and the “base of the web”, who lived the agreement with the Democratic Party as a mess, are all unmistakable signs that the process of transformation, or if you institutionalization , the M5S weigh heavy question marks as macigni.Dunque, a political system already weak because pole in a country that does not have an inherent simplification policy, and already sick because it suffers from the fact that none of the diseases that have arisen with the end of the First Republic has been remedied in almost a quarter century, now it threatens to go into a coma because none of the three legs on which make it stand up. Sure, Renzi has its advantage, as noted by Alessandro Campi, had many critics but no real opponent. But this is both the reason for his strength (momentary) and its weakness (structural), because a leader who is such a lack of others is always destined to be a loser, sooner or later.
No hope, then? Well, three flames, though feeble, we can keep them on. The first concerns its Renzi. The man has untapped potential qualities that could turn to bear for lack of alternatives is essential. But change must register: study statesmanlike, transform personal ambitions in political ambitions, change his attitudes and behavior, perhaps the most solid programmatic bases and really innovative, build a team of government and a ruling class capable of making conductor and no more solo. Do not have much time, 2016 will be a year darn complicated. The second hope, this really small, is that some members pentastellare emerge from the gray, and knows how to bring all those votes from the populism that the political ambitions of the government. It is said that man right there, and it’s called Di Maio. Even here we have already spoken. The assessment remains the same: I wish it were. But even here the clock is ticking, and the explosion of contradictions grilline does nothing but shorten it. So, if you really Di Maio and those with him, or he has something different to say and to give the country other than the heated soup of rejection and contempt of the policy without an organic vision of the international and domestic problems that we have, you face forward. Now or never. Finally, the last expectation is now a flame extinguished, and goes on again: the construction of a liberal-reformist subject, able to revive the confidence of those who had once hoped for Monti and centrists. And, of course, is not the assembly of pieces and scraps of existing things. Some answers in the field there, but with flounder and Marchini so far he has turned to Milan and Rome. While it is the national stage that demands a new force. And it’s also a new force in the sense of not having those traits leaderistici that are typical of the Second Republic. There needs to be a real party, not to be born in the house of a master but by a handful of men and women who share some values, have in common the strain cultural and define a project for the country. Off the three flames of hope, off Italy. (Enrico Cisnetto editor Terza repubblica) (Traslate by Google)

Posted in Politica/Politics, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Le fragilità del sistema politico italiano

Posted by fidest press agency su domenica, 17 gennaio 2016

Enrico Cisnetto, “Cortina InConTra”

Enrico Cisnetto

Il sistema politico italiano, ormai tripolare per la sostanziale scomparsa di tutte le forse centriste e intermedie – tanto di ispirazione liberale che cattolica – traballa pericolosamente. Una gamba, quella del Pd, è solida, o se si vuole meno fragile, solo apparentemente. Renzi la controlla ma non la governa, tanto a livello nazionale, dove il partito è ormai ridotto ad essere i soli gruppi parlamentari – a maggioranza con Renzi ma non renziani – quanto a livello regionale e locale, dove il premier non tocca palla fino al punto da aver già messo nel conto di perdere le prossime amministrative (quantomeno per non avere uomini veramente suoi in gara). Inoltre la percezione che i risultati ottenuti dal governo, specie sul fronte decisivo dell’economia, siano decisamente al di sotto di quanto promesso e reiteratamente dichiarato, espone il partito di maggioranza ad un’inesorabile erosione di consensi, per di più accentuata da alcune vicende, come quella della Banca Etruria, che nel clima di caccia alle streghe che permane nel Paese – e che Renzi non ha fatto nulla per rendere meno fobico – rischia di andare ben al di là della sua reale portata.
La seconda gamba, quella del centro-destra, è vittima dello spegnersi della stella berlusconiana senza che né Berlusconi né i suoi abbiano il coraggio di prenderne atto. Cosa che blocca il fisiologico oltre che necessario ricambio e assegna alla Lega di Salvini un ruolo di leadership del tutto improprio. Lungi da fare il “bel gesto” che Giuliano Ferrara gli ha più volte chiesto – interpretando il pensiero di tutti i fedelissimi ragionanti, da Confalonieri a Doris, da Ghedini a Gianni Letta – l’ex Cavaliere continua a far immaginare un suo ritorno in campo – con dichiarazioni tanto bellicose quanto patetiche – ma nello stesso tempo evita impegni concreti e mantiene ambiguamente aperti alcuni canali di comunicazione con quello che reputa il suo più naturale discepolo (che ha solo il torto di essere sulla sponda sbagliata). E lui permanendo, diventa impossibile la formazione di una nuova forza moderata di governo, con classe dirigente e programmi rinnovati.
C’è infine la terza gamba, quella del Movimento 5 stelle, che proprio mentre è sorretta dalla crescita in tutta Europa di forze gonfiate dal vento dell’anti-politica, che spira più forte che mai, rischia di implodere sotto il peso delle contraddizioni che si porta dietro fin dalla sua nascita e che la vicenda del sindaco pentastellato di un comune del napoletano ha messo così spietatamente a nudo da farle sembrare come irresolubili. Infatti, nel momento in cui Beppe Grillo e gli altri maggiorenti prima hanno difeso il sindaco di Quarto, poi lo hanno mollato nella convinzione che così facendo avrebbero salvato la loro (presunta) verginità di giustizieri della mala politica, il Movimento finisce vittima delle sue stesse parole d’ordine giustizialiste, per cui basta un sospetto (facilmente costruibile a tavolino) per finire alla forca. Gioco che paga quando si è e s’intende restare un movimento di protesta, sostanzialmente anti-sistema, ma che diventa esiziale nel momento in cui ci si mette in gioco come partito di governo (negli enti locali come a livello nazionale). Finora Grillo e Casaleggio avevano esorcizzato il problema con le espulsioni – fino a farlo diventare un fenomeno di massa – e le marginalizzazioni (vedi il sindaco di Parma). Ma quest’ultima vicenda, le urticanti dimissioni del pur folcloristico professor Becchi, che accusa i capi grillini di aver abbandonato il sogno della democrazia diretta optando per la vecchia democrazia eterodiretta, e la frattura che sull’elezione dei giudici costituzionali si è prodotta tra i parlamentari, finalmente convinti di come sia necessaria la negoziazione politica, e la “base del web”, che ha vissuto l’accordo con il Pd come un inciucio, sono altrettanti inequivocabili segnali del fatto che sul processo di trasformazione, o se si di istituzionalizzazione, del M5S gravano punti interrogativi pesanti come macigni.Dunque, un sistema politico già debole perché tripolare in un paese che non ha nel suo dna la semplificazione politica, e già malato perché soffre del fatto che a nessuna delle patologie manifestatesi con la fine della Prima Repubblica sia stato posto rimedio in quasi un quarto di secolo, ora rischia di entrare in coma perché nessuna delle tre gambe su cui si articola si regge in piedi. Certo, Renzi ha dalla sua il vantaggio, come ha fatto notare Alessandro Campi, di avere molti critici ma nessun vero avversario. Ma questo è al tempo stesso il motivo della sua forza (momentanea) e della sua debolezza (strutturale), perché un leader che è tale per mancanza d’altri è sempre destinato ad essere perdente, prima o poi.
Nessuna speranza, allora? Beh, tre fiammelle, pur flebili, possiamo tenerle accese. La prima riguarda proprio Renzi. L’uomo ha qualità potenziali inespresse che potrebbero trasformarlo da sopportato per mancanza di alternative a indispensabile. Ma deve cambiare registro: studiare da statista, trasformare le ambizioni personali in ambizioni politiche, modificare i suoi atteggiamenti e comportamenti, darsi basi programmatiche più solide e davvero innovative, costruire una squadra di governo e una classe dirigente capace di renderlo direttore d’orchestra e non più solista. Non ha molto tempo, il 2016 sarà un anno maledettamente complicato. La seconda speranza, questa davvero piccola, è che qualche esponente pentastellare emerga dal grigiore, e sappia portare tutti quei voti dall’area del populismo a quella della politica con ambizioni di governo. Si è detto che l’uomo giusto c’è, e si chiama Di Maio. Anche in questa sede ne abbiamo già parlato. La valutazione rimane la stessa: magari fosse. Ma anche qui il tempo stringe, e l’esplodere delle contraddizioni grilline non fa che accorciarlo. Dunque, se davvero Di Maio e chi con lui o per lui ha qualcosa di diverso da dire e da dare al Paese che non sia la minestra riscaldata del rifiuto e del disprezzo della politica senza una visione organica dei problemi interni e internazionali che abbiamo, si faccia avanti. Ora o mai più. Infine, l’ultima aspettativa è una fiammella ora spenta, e che va riaccesa: la costruzione di un soggetto liberal-riformista, capace di rianimare la fiducia di chi a suo tempo aveva sperato in Monti e nei centristi. E che, naturalmente, non sia l’assemblaggio di pezzi e rimasugli di cose esistenti. Qualche risposta in campo c’è, ma con Passera e Marchini finora è rivolta a Milano e Roma. Mentre è la scena nazionale che reclama una nuova forza. E che sia anche una forza nuova, nel senso di non avere quei tratti leaderistici che sono tipici della Seconda Repubblica. C’è bisogno di un partito vero, che nasca non in casa di un padrone ma da un manipolo di uomini e donne che condividono alcuni valori, hanno in comune il ceppo culturale e definiscono un progetto per il Paese. Spente queste tre fiammelle di speranza, spenta l’Italia. (Enrico Cisnetto direttore Terza repubblica)

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

L’ex Primo Ministro danese Helle Thorning-Schmidt assume la guida di Save the Children International

Posted by fidest press agency su domenica, 17 gennaio 2016

helle thorningSave the Children International annuncia la nomina di Helle Thorning-Shmidt come nuovo Chief Executive Officer. Già Primo Ministro del Governo danese, Helle Thorning-Shmidt sostituisce Jasmine Withbread alla guida della più importante organizzazione internazionale indipendente dedicata a salvare i bambini e tutelarne i diritti, con la responsabilità di programmi che raggiungono ogni anno più di 55 milioni di bambini in 120 paesi del mondo. Nell’annunciare la nuova nomina, Sir Alan Parker, Chairman di Save the Children International, ha dichiarato: “Siamo felici di nominare un nuovo CEO che ha dimostrato fino ad oggi una forte leadership internazionale e passione nel migliorare il mondo in favore dei bambini. Come organizzazione, siamo dedicati ad aiutare i bambini che più ne hanno bisogno in qualunque luogo si trovino. Nel prossimo decennio abbiamo l’opportunità concreta di promuovere e realizzare ulteriori progressi significativi, in particolare nell’ambito del contrasto della mortalità infantile, dell’educazione e della protezione dei minori. Nello stesso tempo, siamo chiamati a rispondere ad un numero crescente di crisi umanitarie che colpiscono i bambini in diverse parti del mondo.”
Helle Thorning-Shmidt, 49 anni, è stata Primo Ministro alla guida della coalizione di Governo per un intero mandato parlamentare dal 2011 al 2015, e ha guidato il Partito Socialdemocratico danese per 10 anni. Membro del Parlamento Europeo dal 1999 al 2004, è stata anche consulente internazionale della Confederazione dei Sindacati. Durante il suo mandato come Primo Ministro ha aumentato i fondi per gli aiuti internazionali raggiungendo lo 0,83% del PIL del Paese. Nata a Copenaghen e di lingua madre danese, Helle ha una laurea in Scienze Politiche all’Università di Copenhagen e un Master in Studi Europei al College of Europe a Bruges, è sposata con Stephen Kinnock, membro del Parlamento inglese, e ha due figli.

Posted in Estero/world news, Recensioni/Reviews, Uncategorized | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Nano World Cancer Day 2016

Posted by fidest press agency su domenica, 17 gennaio 2016

università studi milanoMilano martedì 2 febbraio 2016 ore 11.30 Università di Milano-Bicocca Sala Rodolfi, Edificio U6 Piazza dell’Ateneo Nuovo, 1. E’ un evento pan-Europeo organizzato nell’ambito del World Cancer Day (4 febbraio) che ha lo scopo di diffondere la conoscenza della Nanomedicina e delle opportunità che essa offre nella lotta al cancro. L’evento è realizzato attraverso conferenze stampa simultanee in 12 paesi in Europa.La conferenza stampa italiana è organizzata dall’Università di Milano-Bicocca e dall’Istituto Nazionale dei Tumori con la collaborazione della Fondazione Don Carlo Gnocchi Onlus. Interventi:
Cristina Messa, Rettore Università di Milano-Bicocca
Furio Gramatica, Fondazione Don Gnocchi e ETPN (European Technology Platform on Nanomedicine)
Nadia Zaffaroni, direttore Farmacologia Molecolare Fondazione IRCCS Istituto Nazionale dei Tumori
Federico Caligaris Cappio, Direttore Scientifico AIRC
Federico Pantellini, Medical Affairs Director Oncology Celgene Italia
Emilia De Biasi, Presidente Commissione permanente Igiene e Sanità del Senato
Modera Francesco Nicotra, Università di Milano-Bicocca

Posted in Cronaca/News, Università/University | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Austria: “annullate temporaneamente” le regole di Schengen

Posted by fidest press agency su domenica, 17 gennaio 2016

Dopo l’annuncio da parte del Cancelliere austriaco Werner Faymann della decisione di “annullare temporaneamente” le regole di Schengen sulla libera circolazione in Europa e di rafforzare il controllo delle persone alle frontiere, dalla Regione Friuli Venezia Giulia si rende noto “il rammarico per una decisione che si spera non infici le ottime relazioni transfrontaliere del Friuli Venezia Giulia con l’Austria e l’auspicio che la sospensione sia veramente temporanea. La Regione non ha ovviamente competenza su questo tipo di situazioni ma, se ci saranno, valuterà tempestivamente le eventuali ricadute sul territorio e i provvedimenti conseguenti. Sono già stati presi i primi contatti con le Autorità centrali del Governo italiano, che stanno monitorano gli sviluppi”.

Posted in Estero/world news, Politica/Politics, Uncategorized | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »