Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 32 n° 220

Archive for 19 gennaio 2016

MEIF 2016: Modest growth or stagnation in premiums for Middle East insurance industry

Posted by fidest press agency su martedì, 19 gennaio 2016

Manama, Bahrain, Bahrain: The convener of the 12-year Middle East Insurance Forum (MEIF) – Middle East Global Advisors – is set to reveal cutting-edge insights on the outlook of the Middle East’s insurance industry in the second in a series of groundbreaking reports. The “Finance Forward Middle East Insurance Outlook Report 2016” will be launched at the region’s leading insurance platform this February 2nd at the Gulf Hotel in Bahrain. Speaking ahead of the presentation of the report Dr. Sayd Farook, Vice Chairman and CEO of Middle East Global Advisors, shared: “The Outlook Report is expected to serve as a definitive guide helping leaders in the industry make key strategic decisions and capitalize on emerging opportunities.”The uniqueness of the report, he continued, is that it combines meaningful insights from insurance leaders – gathered from an extensive survey of practitioners’ sentiment – with robust analysis of the impact of the global economy on the Middle East’s insurance markets as well as comparative analysis of markets in the GCC and Levant. According to the report, the outlook for the insurance industry in the short term is of modest growth or stagnation in premiums, particularly on the commercial side. Growth in the personal lines (19.6 % in 2014 as compared to 6.6% for commercial lines) has been supported by regulations making motor and health insurance mandatory in several markets and as the penetration of these lines increases, the growth rate in premiums is likely to slow. Even though personal line growth is expected to slow, survey respondents were more optimistic about revenue growth over the medium term in personal lines than in commercial lines. Survey results of the Outlook Report highlighted that portfolio allocation is largely a result of long-term recognition of overexposure to the real estate sector at the expense of more diversified investments across the fixed income market.
Speaking about the importance of this observation, Blake Goud, Chief Research Officer at Middle East Global Advisors added that “Insurers are expecting to continue to invest in investment-grade fixed income, which includes US Treasury bonds. As regulatory requirements are updated, there is greater impetus not just for higher investment grade fixed income allocations but also more local market fixed income (particularly home country debt).” Technology is a major force shaping the outlook of the industry and Blake shared that, “Changing consumer behavior due to advancements in technology which provides easy access to information is one the most disruptive trends that insurance providers perceive to be important over the coming years.”The “Finance Forward Middle East Insurance Outlook Report 2016” will be launched at MEIF 2016 on 2nd February 2016.
MEIF 2016 is a two-day gathering of the insurance industry’s leaders taking place on the 2nd and 3rd of February at the Gulf Hotel in Manama, Kingdom of Bahrain. For more information, visit http://www.meif2016.com. (Photo: insurance)

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Estero/world news, Uncategorized | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Expert comment on the annual GDP figures from China

Posted by fidest press agency su martedì, 19 gennaio 2016

shanghai-chinaExpert comment on the annual GDP figures from China Kamel Mellahi, of Warwick Business School, is a Professor of Strategic Management and researches business in China.
Professor Kamel Mellahi said: “Against the backdrop of disappointing consumer spending, intensifying deflationary pressures, tepid export growth, and a stock market that looks out of control these figures were expected for 2015. It’s not the stellar growth of the past decades, but it’s still a decent growth given the current local and global economic conditions.”China is slowly moving from ‘Made in China’ to ‘Made for China’. The economy is no longer driven primarily by huge investment in manufacturing to produce cheap goods destined primarily for export markets. It is now moving from an export-led, low-cost producer economy, towards one driven chiefly by domestic consumption and underpinned by services, innovation and entrepreneurship.”Sustaining a decent growth during a period of major structural recalibration is not something that is easily sniffed at. China’s economy is undergoing a major restructuring. The slowdown of the Chinese economy is an expected side effect of the current recalibration of the economy.”The 13th five-year plan, which will be made public in March, is going to provide a roadmap for the future of the Chinese economy. Its major objective is to avoid the middle-income trap and transform the country from a low to a high income economy by 2020. The focus is going to be on sustainable growth obtained through innovation, use of technology, quality and efficiency.”It must be said that the government has pulled out all the stops to prop up local consumption and avert a hard landing. During the last year, the People’s Bank of China has cut the benchmark lending rates numerous times, lowered the level of reserves banks are required to hold to spur lending to stimulate growth, and fast-tracked approvals for new investment projects. As a result, the new engines of China’s economy are slowly picking up steam. In particular, the service sector continues to rise, albeit slowly.
“Plus, despite the slowdown of the economy, wage growth is rising at around 10%, unemployment is remaining relatively low at around 6%, and more importantly consumption expenditures are rising, albeit, slower than anticipated.”The government has set a very ambitious growth target for the next couple of years. It remains to be seen whether such growth level can be sustained over the long run. The target is very challenging, especially in the context of promised supply side reforms.

Posted in Cronaca/News, Economia/Economy/finance/business/technology, Estero/world news | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Relocation, border control, asylum reform and legal migration – debate in committee

Posted by fidest press agency su martedì, 19 gennaio 2016

European UnionMEPs of the Civil Liberties Committee discussed on Monday how to make the EU relocation system work effectively, as part of a comprehensive strategy for a better management of the migration and refugee flows into Europe.The committee held on Monday evening a first exchange of views on the own initiative report on “The situation in the Mediterranean and the need for a holistic EU approach to migration”, drafted by Roberta Metsola (EPP, MT) and Kashetu Kyenge (S&D, IT).The strategic report addresses the main challenges the EU is facing in the field of migration, including the relocation mechanisms, the fight against human smugglers, the management of the external borders and the cooperation with other countries, the reform of the asylum rules, and the need to establish legal ways for migrants and refugees to enter Europe.During the debate, several MEPs insisted that the Dublin regulation (which determines the Member State responsible to deal with an asylum demand) needs to be reviewed, while many focused on the urgency of strengthening the EU´s external borders to avoid the collapse of Schengen.

Posted in Estero/world news, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Versarien’s Low Profile Heatsinks Gain Prestigious Industry Award

Posted by fidest press agency su martedì, 19 gennaio 2016

versarienVersarien (VRS.L), the advanced engineering material group, has been recognised for its innovation in thermal management with an accolade from one of the United States’ leading technology publications. The 40th Annual Electronic Products’ ‘Product of the Year’ Awards have just been announced and Versarien’s LPH00xx low-profile heatsink offering has been cited among the winners.These highly respected and influential awards acknowledge revolutionary products that are capable of transforming electronics design. The magazine’s editorial team assessed thousands of entries, covering all aspects of the global electronics business. 12 different companies received awards and Versarien was unique in being the only British company to be a recipient.Versarien’s LPH00xx series of low-profile heatsinks are targeted at passive cooling within space constrained environments. These products are based on the proprietary VersarienCu™ microporous copper foam material. The structure of this material, which consists of a homogenous distribution of tiny interconnected pores, presents a very large surface area through which superior heat dissipation capabilities can be derived. The heatsinks provide a compact and cost-effective way to efficiently cool modern high density electronic systems where ICs are packed closely together.”This award shows that Versarien has the ability to take game-changing material technology and apply it to commercially viable products offering major operational benefits to the electronics engineering community,” states Neill Ricketts, CEO and Founder of Versarien. “The combination of limited space and higher component counts have serious implications for thermal management. The LPH00xx series is helping to bring things back in engineers’ favour.”
Founded in 2010, Versarien Technologies delivers thermal management solutions by focusing on the specific design parameters in high performance heat transfer applications and by exploiting its knowledge of game-changing new materials. The company provides a range of standard and customer specific thermal products. These primarily include VersarienCu™, a patented porous metal foam technology, but in addition there is a range of highly advanced aluminium heatsinks. Versarien Technologies is part of the AIM-listed Versarien Group (VRS.L) of advanced materials companies. This also includes graphene producer 2-DTech. http://www.versarien.com (photo: versarien)

Posted in Estero/world news, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Roma uomini e dei

Posted by fidest press agency su martedì, 19 gennaio 2016

luce archeologia

Roma teatro Argentina Cinque incontri da gennaio a marzo (24 gennaio – 21 febbraio – 28 febbraio -13 marzo – 20 marzo) raccontano la Capitale e le sue memorie storiche disseminate potenti e numerose in un paesaggio di struggente bellezza, dove i monumenti marcano indelebilmente la Roma del passato conservandone il nitore e il fascino di sempre. Filo conduttore del secondo ciclo di incontri è ROMA. UOMINI E DEI per un viaggio nella Roma imperiale, un’irresistibile attrazione visiva, una grande metropoli, centro culturale e religioso, ma soprattutto politico ed economico di un impero vastissimo che ha insegnato al mondo un modo di vivere grandioso. A guidarci negli antichi percorsi e testimonianze, segni millenari di storia e cultura, traccia di uno splendore che non ha mai interrotto il dialogo con la nostra civiltà moderna, saranno gli interventi di storici dell’arte, studiosi ed esperti, moderati dal professor Claudio Strinati.
Si parte domenica 24 gennaio con il primo appuntamento (ore 11) dal titolo Una città a colori: Eugenio La Rocca e Orietta Rossini raccontano come l’algido aspetto delle sculture classiche abbia progressivamente ceduto il posto a una veste di colori forti e vivaci, svelando le valenze cromatiche di marmi, statue, architetture, terrecotte architettoniche. Viaggio attraverso la ricostruzione della policromia, che è parte del linguaggio estetico, per accompagnare il pubblico alla scoperta di nuove occasioni di meraviglia.
ara pacisGli appuntamenti continuano domenica 21 febbraio (ore 11) con Città di uomini e dei descritta dai contributi di Andrea Giardina, Paolo Sommella e Marisa Ranieri Panetta, per restituire il ritratto di una Roma, gelosa custode di storie e memorie, durante gli oltre quaranta anni di regno di Augusto, dal 27 a.C. al 14 d.C., ormai capitale di un impero di dimensioni già mondiali, che si avviò a diventare, anche dal punto di vista edilizio ed urbanistico, una città imperiale, la “città per eccellenza”, l’Urbe, centro indiscusso dell’Orbe.
Il viaggio continua domenica 28 febbraio (ore 11) con Gli spazi del sacro. Culti antichi e nuovi, conversano Luciano Canfora, Annalisa Lo Monaco, Massimiliano Ghilardi, per spiegare perché e come Cesare divenne dio dopo morto mentre Augusto lo si affermò quasi da vivo. Alla morte dell’imperatore in carica, il rituale dell’apoteosi sanciva il passaggio dalla condizione umana a quella divina e lo rendeva visibile e percepibile alla folla degli spettatori. Roma ebbe, accanto al popolo eterogeneo dei suoi abitanti, un’ingente popolazione di dei, culti diversi, spesso di origini straniere come quelli di Iside e Serapide, Mitra e infine Cristo.
Segue domenica 13 marzo Una città d’acqua e giardini Acquedotti, terme, fontane, ninfei con Maria ara pacis particolareRosaria Barbera ed Emilia Talamo per attraversare la Roma-città di acque e acquedotti e stupefacenti giardini arricchiti da ninfei, giochi d’acqua, ruscelli, statue preziose, tempietti, terrazze, vasche marmoree. Le strutture dedicate alle acque furono tra le più imponenti della città e l’acqua fu una presenza costante, con centinaia di fontane di quartiere, acquedotti che attraversarono il tessuto urbano, alimentando gli imponenti e straordinari complessi termali.
A chiudere il ciclo di incontri domenica 20 marzo (ore 11) L’immagine di Cesare nella storia e nell’arte con Eugenio La Rocca, Francesco Prosperetti e Claudio Strinati, alla scoperta di Caio Giulio Cesare, simbolo per eccellenza di forza e potere politico, leader cinico e spregiudicato ma anche razionale e lucido, è senza dubbio una delle figure più popolari e di rilievo nella letteratura e nell’arte mondiali. La statura gigantesca, la misura universale di Cesare era apparsa evidente già ai contemporanei: Virgilio nelle Georgiche (I 463-88) descrive i segni che cielo e terra, realtà naturali soprannaturali diedero della sua uccisione.
ROMA. UOMINI E DEI è realizzata dal Teatro di Roma in collaborazione con la Sovrintendenza Capitolina ai Beni Culturali, la Soprintendenza Speciale per il Colosseo, il Museo Nazionale Romano e l’Area Archeologica di Roma, l’Istituto Nazionale di Studi Romani e con il mensile di archeologia Archeo. Il consenso avuto nella passata edizione conferma che la “cura” del tesoro comune della memoria è indice di civiltà e che promuovere la conoscenza e la tutela dei beni culturali attiva nuova cultura e nuova civiltà. (foto: luce archeologia, ara pacis)

Posted in Cronaca/News, Recensioni/Reviews, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

“Five versions of darkness”

Posted by fidest press agency su martedì, 19 gennaio 2016

arciuliRoma sabato 23 gennaio alle 17.30 nell’Aula Magna della Sapienza. Questo programma, ideato specialmente per la IUC, è un viaggio nella notte, come la hanno sentita ed espressa cinque diversi musicisti, a partire dai romantici Schumann e Liszt – perché sono stati i romantici a scoprire il fascino misterioso e inquietante della notte – per arrivare al Novecento di Bartok e ai contemporanei Crumb (che a sua volta coinvolge nel proprio pezzo anche Thelonius Monk) e Sciarrino.
Emanuele Arciuli si è imposto come una delle voci più originali e interessanti della nuova scena concertistica. Il suo repertorio spazia da Bach alla musica d’oggi, di cui è considerato uno dei più convinti interpreti. Con molti compositori, soprattutto americani, ha stabilito un proficuo rapporto di stima e collaborazione. È professore ospite al College Conservatory of Music di Cincinnati, alla UCLA di Los Angeles e in altre università americane. È regolarmente ospite di prestigiose istituzioni musicali internazionali, fra cui Teatro alla Scala e Berliner Festwochen e suona con importanti orchestre, come quelle di Rotterdam, Bruxelles, Indianapolis, Vienna, San Pietroburgo, Rio de Janeiro e la Sinfonica Nazionale della RAI. Ha inciso numerosi cd, tra cui quello dedicato a musiche di Adams e Rzewski è stato votato dalla critica come miglior disco italiano del 2006. Nel 2011 gli è stato conferito dalla critica musicale italiana il Premio Abbiati come miglior solista dell’anno. Arciuli apre il suo recital con i Gesänge der Frühe op. 133. Scritti nel 1853, sono una delle ultime composizioni di Robert Schumann, ormai affetto da gravi disturbi emotivi e mentali, che di lì a poco lo avrebbero condotto a un tentativo di suicidio e alla follia. Questi Canti dell’aurora non emergono dalla notte alla luce, nonostante il titolo, ma sono anzi irresistibilmente attratti dalle tenebre, in questo caso le tenebre della follia, che cominciavano ad avvolgere il compositore. Con questi cinque brevi pezzi dal tono intimo e semplice, ma anche sfuggenti e inafferrabili, Schumann dà dunque il suo addio alla luce e alla vita.
Seguono i Notturni nn. 1 e 3 del 1998 di Salvatore Sciarrino, il compositore italiano contemporaneo più eseguito nel mondo. Nella musica di Sciarrino, che si vanta di essere nato libero e di non appartenere a nessuna scuola, si avverte qualcosa di veramente particolare, che induce ad un diverso modo di ascoltare e ad un’emozionante presa di coscienza di sé e del mondo sonoro circostante. La sua musica, impalpabile come un sottile pulviscolo di suoni iridescenti, si spinge talvolta fino al confine tra suono e silenzio e i suoi titoli evocano spesso l’ombra e la notte.
Si torna all’Ottocento con Franz Liszt, che in Après une lecture de Dante del 1856 interpreta la “Divina Commedia” con un approccio iperromantico. L’Inferno è qui rappresentato da un tema in cui appare ripetutamente la quinta diminuita, definita “diabolus in musica”, mentre il Paradiso è rappresentato da un mistico corale. E alla fine appaiono tre temi distinti ma uniti, che simboleggiano le tre teste del Satana dantesco.
Segue Eine kleine Mitternacht Musik dell’ottantesettenne Georg Crumb, uno dei padri fondatori della musica contemporanea americana, di cui Arciuli è considerato uno dei maggiori interpreti, non solo in Europa ma negli Usa stessi, come dimostra la nomination ai Grammy Awards del suo cd dedicato a Crumb. Il titolo di questo lavoro del 2001 allude chiaramente a una famosissima composizione di Mozart, ma in realtà non ha nulla a che vedere col compositore salisburghese: si tratta invece, secondo la definizione dell’autore stesso, di “ruminations around Round Midnight”, il famoso brano di Thelonius Monk.
Il concerto si conclude con Im Freien.Sz 81 (“All’aperto”) del 1926 di Bela Bartók. Il più noto e ampio di questi cinque brevi pezzi è il quarto – dedicato alla moglie del compositore e intitolato “Musica della notte” – dove sonorità pianistiche inedite ricreano in un’atmosfera sospesa e misteriosa i suoni notturni della natura.
Si inviano comunicato stampa (anche nel testo di questa mial), bio e foto. Ringrazio anticipatamente della diffusione che vorrete dare alla notizia. (foto: arciuli)

Posted in Cronaca/News, Roma/about Rome, Università/University | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Finalissima del “Sanremo Music Awards”

Posted by fidest press agency su martedì, 19 gennaio 2016

SARAHivanaVenerdì 12. Febbraio.2016, al Fairmont Hotel di Montecarlo si terrà la finalissima del “Sanremo Music Awards”. Per festeggiare i 15 anni di attività la famosa Kermesse bisserà il successo ottenuto nell’esordio al Cremlino di Mosca: Ospiti Internazionali, Big della canzone italiana, oltre 90 televisioni da tutto il mondo che manderanno in onda la consegna degli “Awards”, Mediaset coinvolta nell’iniziativa, oltre 100 testate giornalistiche Media Partner dell’evento e 45 radio che parteciperanno alla promozione del “Premio Radio.2016”, istituito quest’anno per la prima volta. Nicola Convertino, Patron e ideatore della manifestazione, insieme a Vittorio Brazzorotto, l’organizzatore generale e Umbi Maggi, il Direttore Artistico, hanno messo in gioco tutte le loro forze per realizzare un evento che segnerà l’inizio di un progetto internazionale che porterà il “Made in Italy” e la canzone italiana a fondersi con realtà diverse dal quotidiano che puntualmente bussa alla porta dei nostri giovani artisti. Naturalmente la manifestazione da sempre ha avuto un risvolto umanitario, per Montecarlo una parte dei fondi saranno destinati a favore dell’Associazione A.S. STAR TEAM FOR THE CHILDREN MC del Principe Alberto che aiuta i bambini più poveri del mondo con la realizzazione di scuole, villaggi, centri medici e lo fa con la direzione di Mauro Serra. Il Sanremo Music Awards da sempre ha creato delle osmosi musicali e culturali con i paesi che nei passati 15 anni hanno ospitato la manifestazione (Messico, Romania, Uzbekistan, Russia, Spagna, Tenerife, Tunisi, Gelendzhik etc. etc.). Dal 2016 oltre al consueto concerto/evento, ogni paese ospitante la manifestazione produrrà un programma televisivo titolato proprio “Sanremo Music Awards”, un reality dove si svilupperanno le doti dei partecipanti a “tuttotondo”. Ma lo start avverrà proprio a Montecarlo dove gli Artisti in “Nomination” faranno la differenza, come si confà ad ogni consegna internazionale di “Awards”, dagli MTV Music Awards ai Montecarlo Music Awards, i Grammy Awards e tanti altri. Gli Artisti in “Nomination” sono Lara Fabian che troviamo in gara per la categoria “Miglior Artista Femminile”, Sylvie Vartan con il “Premio alla Carriera”, Peppino di Capri “Premio alla Carriera”, Ivana Spagna come “Miglior Artista Dance”, i Pooh ”Miglior Band dell’anno”, il “Premio Evergreen” e “Evento 2015”, Claudio Baglioni per “Miglior Artista Maschile” e “Premio Autore”, Paul Young per “Premio Evergreen”, Leroy Gomez paul(Santa Esmeralda) “Miglior Brano Dance”, Tony Esposito “Premio World Music”, Antonello Venditti come “Miglior Artista Maschile”, Sarah Jane Morris come “Miglior Artista Pop”, Alan Sorrenti come “Miglior Artista Anni 80”, Tullio De Piscopo come “Miglior Brano anni 80”, Cugini di Campagna “Miglior Band Anni 80”, Eugenio Finardi come “Miglior Artista Maschile”, Le Orme come “Premio Progressive Rock” e altri a seguire. Nel Parterre sono previsti ospiti del mondo della moda, dello sport e del Jet Set internazionale, personaggi di casa a Montecarlo e abituati ai lustrini delle serate di gala dove lo sfarzo si fonde in maniera suadente con l’Arte e la genialità degli Artisti che consumano il proscenio. Un Gran Galà, meglio definita Cena/Spettacolo, con le golose portate del Fairmont che si scioglieranno nei palati dei commensali prima dello Show, ma anche le “giovani leve” faranno spettacolo; il “Premio Radio.2016” e il “Premio Rivelazione dell’anno” saranno appannaggio dei giovani partecipanti del “Sanremo Music Awards” provenienti dalle oltre 300 selezioni avvenute in tutto il territorio italiano nel corso dell’anno, i “Writers” saranno protagonisti della scenografia e ancora i barzellettieri, i comici, le vallette e i co-conduttori provenienti dal concorso indetto dal portale YouBiTi. Insomma il giorno 12.Febbraio a Montecarlo si potrà vivere una sorta di favola moderna ed esserci può rendere la frase “C’ero anch’io” un tormentone che tutti i presenti potranno pronunciare con l’orgoglio. (foto: SARAH, ivana, paul)

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

A Bruxelles apre BRAFA Art Fair 2016

Posted by fidest press agency su martedì, 19 gennaio 2016

brafaBruxelles da Sabato 23 a Domenica 31 Gennaio 2016 Bruxelles da Sabato 23 a Domenica 31 Gennaio al Tour & Taxis, Avenue du Port 86 C, Bruxelles Orari: 11-19 (Giovedì 28 Gennaio late opening fino alle 22) Ingressi: intero 25 €, under 16 gratuito, under 26 e gruppi (minimo 10 persone) 10 €diventa capitale europea dell’arte in occasione della 61ª edizione di BRAFA Art Fair.
Organizzata dall’Associazione Foire des Antiquaires de Belgique a partire dal 1955, la manifestazione ospita quest’anno 137 gallerie d’arte internazionali che espongono più di 15.000 opere di ogni epoca: l’edizione più ricca di sempre. “Cerchiamo di promuovere la varietà di stili e generi artistici” spiega il presidente BRAFA Harold t’Kint de Roodenbeke “Vogliamo stupire collezionisti e visitatori, risvegliare la loro attenzione e allo stesso tempo valorizzare il lavoro degli antiquari, che sono dei veri e propri cacciatori di tesori”.Tra gli highlights 2016 il “Busto di donna” di Alberto Giacometti esposto dalla Boon Gallery di Knokke (Belgio) valutato intorno ai 2 milioni di euro, due tele di March Chagall in mostra presso Galerie Boulakia (Parigi) e Francis Maere Fine Arts (Gent), ma anche il dipinto della pittrice russa Natalia Sergeevna Goncharova “Donna sulla poltrona” proposto da Chiale Fine Art (Racconigi CN). Tre le altre presenze italiane le gallerie milanesi Il Quadrifoglio e Robertaebasta, a cui si aggiunge la Burzio Gallery di Londra, gestita dall’italiano Luca Burzio.
Ogni giorno alle 15 sono previste visite guidate in francese, inglese e olandese, mentre alle 16 è possibile partecipare a BRAFA Art Talks: un ciclo di conferenze che ha luogo nei 9 giorni della manifestazione come approfondimento delle diverse specializzazioni artistiche in mostra. Sabato 30 Gennaio 2016 è in programma un incontro dedicato al Museo Egizio di Torino: la curatrice Alessia Fassone presenterà al pubblico internazionale l’istituzione, le attività della Fondazione e il percorso di visita recentemente rinnovato, nella conferenza intitolata: Museo Egizio 1824-2015: dalle collezioni alle connessioni. Ospite d’onore 2016 è Gent Floralien, festival dedicato alle creazioni vegetali nato nel 1808 nell’omonima cittadina belga: le straordinarie decorazioni floreali firmate dal designer Mark Colle saranno un’anteprima dell’evento ufficiale che ricoprirà di fiori e piante il centro storico di Gent dal 22 Aprile al 1° Maggio 2016. (foto: brafa)

Posted in Cronaca/News, Estero/world news | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Electro Power Systems S.A, sannuncia l’acquisizione di MCM Energy Lab

Posted by fidest press agency su martedì, 19 gennaio 2016

energiaElectro Power Systems S.A, società operante nel settore dell’energia sostenibile e specializzata in sistemi e soluzioni di stoccaggio di energia a zero impatto ambientale, quotata sul mercato regolamentato Euronext di Parigi, annuncia l’acquisizione del 70% del capitale di MCM Energy Lab (“MCM”) – centro di ricerca e sviluppo d’eccellenza. EPS deteneva già il 30% di MCM, grazie all’acquisizione della divisione Energia e System Integration (“Elvi Energy”) di Elvi Elettrotecnica Vitali S.p.A. (“Elvi”), avviata il 14 dicembre 2015 e completata il 29 dicembre 2015. La transazione conclusa oggi per 315.000 Euro, di cui il 76% verrà reinvestito in EPS, rappresenta l’ultimo step dell’operazione che ha portato all’acquisizione del 100% di Elvi Energy e di MCM, per un controvalore complessivo di 2.756.922 Euro, di cui il 51% verrà reinvestito in EPS, a seguito di un futuro aumento di capitale riservato ad Elvi e al management team di Elvi Energy.“La transazione, completata oggi, è segno della capacità e della vision del nostro Gruppo, che sa anticipare le tendenze, facendo leva sull’esperienza del team di gestione in EPS, per cogliere l’opportunità del mercato globale,” ha dichiarato Carlalberto Guglielminotti, Chief Executive Officer di EPS Group.
Si tratta della finalizzazione del progetto congiunto tra EPS ed Elvi, volto a trasformare EPS in un gruppo di energy storage totalmente integrato, sotto il nuovo brand “Electro Power System Group”. Il portafoglio di Elvi Energy include impianti ibridi per 4.6MW installati in 7 paesi, e sistemi di energy storage per 9.5MWh realizzati.
Elvi Energy è specializzata nello sviluppo e produzione di sistemi inverter, PCS, controller e software per l’integrazione di tecnologie di accumulo (Li-ion, Pb, NaNiCl, e LiFePO) e generazione di energia in reti e micro-reti sofisticate. L’acquisizione del 100% del capitale di Elvi Energy e di MCM Energy Lab rafforza il cambio di passo nella strategia operativa di EPS, che diventa il punto di riferimento per soluzioni integrate di flessibilità e capacità al servizio di sistemi elettrici sostenibili, perfettamente posizionato per fornire energia dalle fonti rinnovabili, a un costo inferiore e in modo sostenibile in aree geografiche
svantaggiate o isolate. Tramite tale operazione, EPS ed Elvi Energy forniranno soluzioni di energia pulita, sostenibili e fruibili, favorendo gli obiettivi globali del COP21 fissati a Parigi da 196 paesi.
Gabriele Marchegiani, Executive Vice President di EPS Group per lo sviluppo del business, ha riferito: “Questa transazione conferma il grande team, l’esperienza e i progetti che abbiamo costruito con EPS e ci fornisce l’opportunità di creare economie di scala, data l’enorme opportunità di mercato che si apre nelle economie emergenti.”

Posted in Cronaca/News, Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Riconoscimento ad “Altiero Spinelli”

Posted by fidest press agency su martedì, 19 gennaio 2016

aula senatoRoma Venerdì 22 gennaio 2016, alle ore 12.00, si terrà a Roma nella Sala Zuccari, a Palazzo Giustiniani, la cerimonia di consegna da parte del Movimento Federalista europeo del Solenne Riconoscimento “Altiero Spinelli” ai costruttori dell’Europa federale al Presidente emerito della Repubblica, Sen. Giorgio Napolitano. La cerimonia avverrà alla presenza del Presidente della Repubblica e del Presidente del Senato. Hanno già confermato la loro presenza il Sottosegretario di Stato Sandro Gozi, il Presidente Giuliano Amato, i Senatori Pierferdinando Casini, Emanuele Macaluso, Mario Monti, gli Onorevoli Sergio Boccadutri, Roberto Gualtieri e Lia Quartapelle.Nel momento in cui l’Europa soffre di una crisi d’identità che ne minaccia le stesse fondamenta, e in cui le crisi sono diventate più frequenti e virulente, senza che siano stati ancora approntati gli strumenti economici, politici e soprattutto istituzionali per poterle affrontare, la perseveranza e la lealtà verso la causa europea di personalità come il Presidente Napolitano meritano di essere additate come un esempio.Per queste ragioni nel 2007 il Movimento Federalista Europeo aveva attribuito il “Riconoscimento Altiero Spinelli” Presidente emerito Carlo Azeglio Ciampi. Oggi il MFE è onorato di conferire questo riconoscimento al Presidente Napolitano che, in tutti gli alti incarichi che ha ricoperto, ha sempre messo al centro della propria azione nelle istituzioni nazionali ed europee l’obiettivo dell’unione politica e federale dell’Europa, nel solco tracciato dal Manifesto di Ventotene.
Programma della cerimonia Indirizzo di saluto
Pietro Grasso, Presidente del Senato della Repubblica
Motivazioni del Riconoscimento
Giorgio Anselmi, Presidente del Movimento Federalista Europeo
Intervento del Presidente emerito della Repubblica, Giorgio Napolitano

Posted in Cronaca/News, Roma/about Rome, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Curare il diabete con le staminali: mito o realtà?

Posted by fidest press agency su martedì, 19 gennaio 2016

diabete_21-300x224Basta la parola ‘cellule staminali’ per cominciare a sognare e a favoleggiare di cure futuribili. E Il diabete non sfugge a questa regola. Tra miti e realtà, la Società Italiana di Diabetologia (SID) fa il punto della situazione ad oggi, nel documento ‘Cellule staminali nella terapia del diabete’ che esamina tutti i filoni di ricerca in corso nel mondo. Da quelli a un passo dalla clinica, a quelli ancora proiettati nel futuro. Curare il diabete con le staminali è una possibilità di giorno in giorno più vicina. “Lo dimostra il fatto – ricorda il professor Lorenzo Piemonti, Diabetes Research Institute-IRCCS Ospedale San Raffaele e coordinatore del Gruppo di Studio ‘Medicina rigenerativa in ambito diabetologico’ della Società Italiana di Diabetologia (SID) – che nell’ottobre del 2014 è iniziata la prima sperimentazione nell’uomo per la terapia del diabete di tipo 1, utilizzando cellule produttrici di insulina, derivate da cellule staminali. E sono in fase di ‘traslazione’ nell’uomo almeno altri tre approcci simili”. E’ l’alba della traduzione in clinica e della finalizzazione a scopo terapeutico delle tante conoscenze accumulate negli ultimi decenni nel campo della biologia delle cellule staminali. “Come tutti i campi di frontiera – prosegue Piemonti – è più che corretto avere una grande fiducia per il futuro, ma è altrettanto necessario mantenere un sano realismo e un doveroso rigore scientifico. Va comunque sottolineato che la medicina rigenerativa con cellule staminali ha la potenzialità non solo di trattare, ma di guarire in modo definitivo il diabete.” Il trapianto di isole pancreatiche o di pancreas è in grado di correggere molto bene i valori di glicemia. Ma questo approccio è limitato dalla scarsa disponibilità di donatori e dalla necessità di utilizzare una terapia immunosoppressiva per evitare il rigetto. L’approccio con le cellule staminali potrebbe consentire di superare entrambi i problemi.
Le cellule staminali possono essere utilizzate per sostituire le cellule produttrici di insulina mancanti o malfunzionanti; di questo potrebbero beneficiare tutti i pazienti con diabete di tipo 1 e quelli con diabete secondario a gravi malattie pancreatiche in cui sia presente un deficit di secrezione dell’insulina. Ma le cellule staminali possono essere utilizzate anche per mantenere vive le cellule beta pancreatiche (quelle che producono insulina), proteggendole dall’attacco del sistema immunitario (alla base del diabete di tipo 1) o dal danno legato al ‘troppo lavoro’, nel diabete di tipo 2. Infine esiste la possibilità di utilizzare cellule staminali anche per trattare le complicanze del diabete e favorire la riparazione di organi come il cuore, il rene e l’occhio.
“Le cellule staminali – spiega Piemonti – sono cellule primitive non specializzate, dotate della capacità di trasformarsi in diversi altri tipi di cellule del corpo attraverso un processo denominato differenziamento cellulare”. Dalla vita embrionaria, fino alla morte il nostro corpo contiene cellule staminali di diverso tipo e con diversa ‘potenza’, cioè capacità di differenziarsi in più tessuti. Le cellule più ‘potenti’ (totipotenti e pluripotenti) sono generalmente presenti solo in fase embrionale e fetale. Cellule a potenza ‘intermedia’ (multipotenti) o ‘limitata’ (unipotenti) sono presenti invece per tutta la vita. Questa regola però non è assoluta. Alcune cellule staminali, anche dopo la nascita, mostrano capacità differenziativa elevata. Inoltre è stato dimostrato che è possibile fare acquisire le caratteristiche delle staminali pluripotenti, anche a cellule non staminali prelevate dall’adulto. Questa scoperta (processo di riprogrammazione) è valso il premio Nobel nel 2012 a ShinyaYamanaka dell’Università di Kyoto e a John Gurdon dell’Università di Cambridge.“Per semplificare – spiega Piemonti – si può immaginare che la cellula sia come un computer. Mano a mano che matura e si differenzia, utilizza alcuni programmi e ne spegne altri. In questo modo acquisisce la sua ‘specializzazione’. La riprogrammazione permette di tornare ad avere a disposizione tutti i programmi originali e quindi di poter indirizzare nuovamente la cellula verso la direzione desiderata. Ad esempio nel caso del diabete, nella direzione delle cellule producenti l’insulina. Questo processo, che durante la vita embrio-fetale avviene in modo spontaneo e richiede mesi, può essere riprodotto in laboratorio in appena 2-3 settimane. In questo modo è quindi possibile partendo da una cellula della cute, ritornare ad uno stadio staminale e poi ridifferenziare quella cellula in una producente insulina.”
La SID ha costituito nell’ultimo anno un gruppo di studio, dedicato alla medicina rigenerativa in campo diabetologico. “Il primo obiettivo – spiega Piemonti – è di dare soprattutto informazioni sulle opportunità e limiti attuali della medicina rigenerativa in campo diabetologico. Il secondo è quello di creare una sinergia tra i gruppi con maggiore interesse e competenza in questo settore, per rendere sempre più competitivo a livello internazionale il nostro Paese”.“Negli ultimi anni ci sono stati troppi episodi in cui persone malate o loro familiari sono stati illusi sulla possibilità concreta ed immediata di ricorrere alla terapia con cellule staminali o presunte tali per varie patologie – afferma il prof. Bonora, presidente della Società Italiana di Diabetologia. Per questo abbiamo deciso di costituire un gruppo di lavoro formato da esperti che operano con assoluto rigore scientifico. A questi esperti, che stanno lavorando personalmente in questo campo in maniera per ora del tutto sperimentale, abbiamo chiesto di redigere un documento ufficiale che rifletta la posizione della nostra società e che ponga in evidenza la realtà, alimentando la fiducia ma evitando le mistificazioni. Sappiamo che in un futuro non lontano la terapia con cellule staminali sarà utilizzata con successo nel diabete ma dobbiamo essere corretti nell’affermare che questa terapia oggi non è disponibile”.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

I selfie cambiano la percezione della bellezza: la medicina estetica diventa sempre più personalizzata

Posted by fidest press agency su martedì, 19 gennaio 2016

patrizia gilardinoIl chirurgo plastico milanese Patrizia Gilardino presenta le tendenze del 2016. «Trattamenti combinati, uso della tossina botulinica e attenzione al corpo. Mantenendo sempre fede ad una regola: risultati naturali» Selfie, video e utilizzo dei social cambiano la percezione dell’invecchiamento. «I segni del tempo non sono più univoci, ma dipendono molto da come una persona si vede», premette Patrizia Gilardino chirurgo plastico di Milano. La vera tendenza che nel corso del 2016 andrà sempre più affermandosi è nella nuova percezione della bellezza. «Oltre ad essere un fenomeno sociale, il ricorso periodico e sempre maggiore alle fotografie sta cambiando la visione di noi stessi. Non più quei canoni in un certo modo stigmatizzati e che facevano riferimento a una certa attrice o modella, ma una bellezza su misura. Così si accettano rughe anche evidenti e profonde, e si preferisce intervenire su aspetti magari meno marcati che però vengono percepiti come peggiorativi del proprio aspetto».Cosa cambia? «Innanzitutto si va a modificare il rapporto con il medico estetico», aggiunge Gilardino. «Le richieste di intervento per ringiovanire il volto sono tendenzialmente più mirate: i trattamenti vengono combinati per essere maggiormente efficaci anche in zone particolarmente difficili come nel caso dell’uso del peeling con un trattamento di rivitalizzazione». Accanto al laser CO2 frazionato, che resta un must per il ringiovanimento del volto, e ai tradizionali filler, si sta facendo largo la tossina botulinica. «Sta infatti crescendo la fiducia nei confronti del botulino in particolare per le zone d’elezione nel contrastare le rughe glabellari, quelle della fronte e per attenuare le cosiddette zampe di gallina».
In secondo luogo si tende a considerare tutto il corpo. «Zone come le braccia o l’interno coscia, che fino a qualche tempo fa venivano poco prese in considerazione, adesso stanno diventando delle aree dove le pazienti percepiscono in modo profondo il passare degli anni. A fronte anche dei passi in avanti che ha fatto la medicina estetica, sono in crescita le soluzioni per rassodare la pelle: anche in questo caso parliamo di interventi combinati – per esempio con radiofrequenze e trattamenti di biorivitalizzazione – che permettono di restituire elasticità alla cute. Per il trattamento delle adiposità localizzate c’è la smartlipo, mentre per combattere la cellulite l’abbinamento della carbossiterapia con trattamento Icoon e una dieta mirata risulta molto efficace».
Terzo: l’attenzione alla novità. «Continua l’inseguimento delle novità che la medicina estetica offre continua Gilardino. «Tutto ciò che viene proposto come nuovo ha un appeal maggiore nei confronti dei pazienti. Attenzione però: negli ultimi anni non sono state proposte delle vere novità capaci di rivoluzionare l’intero ambito estetico, quanto degli aggiornamenti alle tecniche già conosciute e consolidate. Da non dimenticare che in medicina estetica non esiste la bacchetta magica: ogni trattamento richiede tempo e comunque necessita di un corretto stile di vita. La raccomandazione è sempre quella di non presentarsi nello studio del medico con già in tasca l’autodiagnosi, ma di sottoporsi al consiglio dell’esperto e lasciarsi guidare verso la soluzione migliore per risolvere il caso personale».Conclude Gilardino: «In ogni caso, il risultato richiesto va nella direzione di una sempre maggiore naturalezza, senza eccessi. Inoltre, è bene non dimenticare che attività fisica e alimentazione corretta rappresentano dei naturali strumenti per mantenere più a lungo i risultati».Patrizia Gilardino – profilo professionale. Laureata in Medicina e Chirurgia all’Università degli Studi di Milano nel 1988, Patrizia Gilardino si è specializzata nella Scuola di Chirurgia Plastica Ricostruttiva dell’Università degli Studi di Milano nel 1993. Iscritta all’Ordine dei Medici di Milano dal 1989, ha lavorato fino al 2003 all’Unità Funzionale di Chirurgia Plastica dell’Ospedale Multimedica di Sesto San Giovanni. Esercita la libera professione al Poliambulatorio della Guardia di Finanza di Milano, al Centro Dermatologico Europeo, nel proprio studio di via Colonna a Milano e nello studio di via Colombo 44 a Piacenza. È membro della Società di verifica e controllo di qualità e della Società americana di chirurgia plastica. È socio Sicpre (Società italiana di chirurgia plastica, ricostruttiva ed estetica) ed è iscritta all’Associazione Italiana Chirurgia Plastica Estetica (Aicpe)
http://www.gilardinochirurgiaestetica.eu. (foto: patrizia gilardino)

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Parte da Brescia l’innovazione in cardiologia

Posted by fidest press agency su martedì, 19 gennaio 2016

ospedale bresciaBrescia dal 28 al 30 gennaio 2015 Il Simposio, organizzato dall’Istituto di Cardiologia dell’Università e Spedali Civili di Brescia e promosso dalla Fondazione Internazionale Menarini, sarà inaugurato giovedì 28 nel pomeriggio al Museo Santa Giulia in Via Piamarta 4, per proseguire venerdì 29 e sabato 30 nell’Aula Magna della Facoltà di Medicina, Università degli Studi di Brescia, in Viale Europa 11.
La partecipazione è aperta a tutti i medici, è gratuita e assegna crediti formativi ECM. Le malattie cardiache rappresentano la principale causa di morte e malattia e sono responsabili del 15-20 per cento della spesa sanitaria. E i costi medici per queste patologie sono destinati a triplicare nei prossimi anni. Per quanto riguarda le terapie, anche se sono stati approvati nuovi farmaci per il trattamento delle malattie cardiovascolari, la prevenzione non è soddisfacente a causa del continuo aumento di obesità e diabete.
Per risolvere questa situazione abbiamo bisogno di innovazione, ma in che modo? Il rischio è quello di prolungare una vita non in salute, costellata da ripetute ospedalizzazioni e scarsa qualità di vita. L’obiettivo è invece quello di ridurre il numero di persone con malattie cardiache. (Marco Strambi)

Posted in Cronaca/News, Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

L’Uber moment è arrivato anche per le banche

Posted by fidest press agency su martedì, 19 gennaio 2016

banca centrale europeaDi Federica Mascia, Content manager at MoneyFarm.com. Per il settore finanziario è giunto il momento di cambiare: evolversi o soccombere. Antony Jenkins, ex CEO di Barclays, ha una visione da incubo per il futuro delle grandi banche, figuriamoci per quelle piccole. A suo avviso per le banche è ormai giunto l’«Uber moment», quindi la rivoluzione tecnologica (e non solo) che ha travolto il settore dei trasporti, volge ora il suo sguardo verso il settore finanziario con beneficio dei clienti. Le banche che non sapranno stare al passo o competere con le nuove realtà del fintech, finiranno per chiudere. In un interessante discorso dal titolo Approaching the Uber Moment in Financial Services, Jenkins ha descritto infatti la tecnologia come una «forza inarrestabile», che porterà ai clienti un servizio migliore di quello offerto oggi dalla grandi banche, che rischiano di trasformarsi in mero capitale.
L’ormai ex chief-executive di Barclay’s (licenziato quest’estate) prevede una vera e propriarivoluzione del settore nei prossimi 10 anni, che vedrà avvantaggiate rispetto agli attuali player le nuove realtà tecnologicamente più avanzate.
La corsa verso l’implementazione degli attuali servizi finanziari è già iniziata ma non è escluso che le nascenti banche digitali come ad esempio la spagnola Atom Bank che intende operare esclusivamente online, o i servizi di consulenza finanziaria online come MoneyFarm, non possano spodestare le grandi banche tradizionali.
Si perché, sottolinea Jenkins, non solo è tardi ma sussiste un problema di fondo: le banche tradizionali con le le loro filiali fisiche avrebbero già potuto fornire un servizio molto più personale e distinguersi eventualmente per tale valore aggiunto. Ma non ci sono riuscite e ora dovranno offrire «un servizio almeno 10 volte migliore rispetto a quelli già previsti» per poter competere.
Altra sfida, oltre quella tecnologica e dei costi ridotti, è quella del personale, dell’esperienza e della qualità. Sono mancati gli stimoli e anche in questo le banche hanno sbagliato.«Se le banche vogliono competere davvero devono diventare luoghi interessanti per i quali lavorare. E non può essere solo una questione di soldi, perché francamente il denaro non sarà più quello di un tempo, prima della crisi del 2008», ammonisce Jenkins.
Le banche sapranno stare al passo?
Qualcuno sta già correndo ai ripari e per quanto riguarda il risparmio gestito anche le grosse firme del settore, come Charles Schwab o BlackRock si stanno muovendo verso i robo advisor. Schwab ha recentemente lanciato i “Portafogli intelligenti” mentre BlackRock, ha acquisito FutureAdvisor, leader nel digital wealth management. È facile immaginare che in futuro la consulenza tradizionale evolverà verso sistemi più evoluti e innovativi in grado di gestire con maggiore efficienza i risparmi e di ponderare un maggior numero di variabili che possono influenzare l’investimento.Profilazione del cliente, gestione puntuale dell’ammontare investito e supporto multicanale (mail, chat, social network, mobile app etc.) sembrano essere parte del futuro della consulenza finanziaria. Un futuro che vede finalmente coinvolti non solo i grandi investitori, ma anche i piccoli e medi risparmiatori, che possono ora, grazie ai costi ridotti e soluzioni di investimento più flessibili, trovare il modo di dare valore ai propri soldi. Sembra essere in atto non una semplice rivoluzione tecnologica ma la democratizzazione di un settore che, troppo a lungo, ha sottoposto i clienti a costi elevati e indebiti, oltre che a pratiche farraginose e poco trasparenti. Non possiamo che concordare con Jenkins sul fatto che l’«Uber moment» è arrivato: salire a bordo o stare a terra.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

المنتدى الدولي للتمويل الإسلامي يتناول التحديات التنظيمية لتسريع عجلة تطوير قطاع التمويل الإسلامي في أفريقيا

Posted by fidest press agency su martedì, 19 gennaio 2016

finance
منتدى أفريقيا التاريخي يستضيف أهم صانعي السياسات لتوجيه المناقشات بشأن اللوائح التنظيمية التي تحقق إدماج التمويل الإسلامي في النظام المالي وإدراك فرص التمويل الإسلامي
الخرطوم، السودان – 18 يناير 2015: سيكون المنتدى الدولي للتمويل الإسلامي في دورته الثانية المقبلة (المنتدى الدولي للتمويل الإسلامي 2016) بمثابة منصة رئيسية للمناقشات بالغة الأهمية بشأن تطوير تنظيم قطاع التمويل الإسلامي في قارة أفريقيا والرقابة عليه على نحو فعال. ويرى الكثيرون أن هذه المسألة لا غنى عنها للمساعدة على ازدهار قطاع التمويل الإسلامي في أفريقيا ووضع هذا القطاع على قدم المساواة مع قطاع التمويل التقليدي.
وتأوي البلدان الأفريقية نحو ربع السكان المسلمين في العالم، وقد حققت إنجازات مختلفة في الوقت الحالي فيما يتعلق بإعداد إطار قانوني وتنظيمي لتمكين ممارسات الخدمات المصرفية الإسلامية ومنتجاتها ومؤسساتها. ولا يوجد في الوقت الحالي سوى القليل من البلدان التي لديها لوائح تنظيمية تيسّر أنشطة التمويل الإسلامي بشكل كامل. والسودان، وهو البلد المضيف للمنتدى الدولي للتمويل الإسلامي 2016، هو أحد البلدين الوحيدين في العالم اللذين يتوافق نظامهما المصرفي مع الشريعة بشكل كامل.
ووقعت المؤسسة الإسلامية لتنمية القطاع الخاص، وهي ذراع القطاع الخاص التابعة لمجموعة البنك الإسلامي للتنمية، في سبتمبر 2015 اتفاقية مع الهيئة التنظيمية الإقليمية للسوق المالية التابعة للاتحاد الاقتصادي والنقدي لغرب أفريقيا. وتهدف الشراكة إلى حشد موارد الدول الأعضاء في الاتحاد والقطاع الخاص على المدى الطويل، وخاصة المشروعات الصغيرة والمتوسطة. ويشمل أحد أهم مجالات التعاون تبادل المعلومات التي من شأنها المساعدة في إعداد الإطار التنظيمي لمساعدة التمويل الإسلامي على الازدهار في منطقة غرب أفريقيا.
وسلط تقرير صادر عن المؤسسة الإسلامية لتنمية القطاع الخاص في سبتمبر 2015 تحت اسم “التمويل الإسلامي في أفريقيا: مستقبل واعد” الضوء على فرص النمو الهائلة للتمويل الإسلامي في أفريقيا. وتشمل التحديات التنظيمية المحددة في التقرير عدم الاتساق التنظيمي ونقص الوعي والمعرفة المالية من جانب العديد من المستخدمين النهائيين والعملاء ونقص رأس المال البشري المؤهل والحاجة إلى وجود بيئة أعمال تدعم نمو التمويل الإسلامي.
وتعمل أغلب البلدان الأفريقية بنظام مصرفي مزدوج في ظل لوائح تنظيمية مستقلة للخدمات المصرفية الإسلامية. وتشمل البلدان التي أصدرت صكوكاً في عام 2015 جامبيا (230 مليون دولار أمريكي) والسودان (70 مليون دولار أمريكي) والسنغال (210 ملايين دولار أمريكي) ونيجيريا (700 مليون دولار أمريكي) وجنوب أفريقيا (500 مليون دولار أمريكي). وأعلنت عدة بلدان مثل تونس ومصر والمغرب في ذات الوقت اهتمامها بالاستفادة من سوق الصكوك لتمويل البنية التحتية، وهي الآن في طور وضع اللمسات الأخيرة على أطرها القانونية لتشجيع إصدار الصكوك.
ولازال هناك الكثير من العمل أمام افريقيا لتكون على قدم المساواة مع البلدان المتقدمة في التمويل الإسلامي مثل البحرين وماليزيا، وهناك فرصة كبيرة في المنتدى الدولي للتمويل الإسلامي 2016 الذي سيُعقد في شهر فبراير لإجراء مناقشات بشأن أفضل الممارسات للمساعدة في تهيئة المجال في أفريقيا على مستوى القارة والمستوى العالمي.
والمنتدى الدولي للتمويل الإسلامي هو مبادرة مبتكرة من جانب شركة الشرق الأوسط للاستشارات العالمية، وهي منصة لتحليل المعلومات تخدم الأسواق الناشئة، وبنك الخرطوم، وهو أحد أكبر البنوك في أفريقيا والذي أسس مؤخراً بي أو كي انترناشونال في البحرين في إطار جهوده لبناء ممر بين السودان ومجلس التعاون الخليجي.
وسيُعقد المنتدى الدولي للتمويل الإسلامي في يومي 9 و10 فبراير 2016 في فندق روتانا السلام. ولمزيد من التفاصيل بشأن المنتدى، يُرجى زيارة http://www.IFIF2016.com.
تم تدشينها في عام 1993، إذ تقوم الشرق الأوسط العالمية للإستشارات بربط الأسواق من خلال تقديم ذكية وتنفيذ الاستراتيجيات. وتعتبر الشرق الأوسط العالمية للاستشارات بوابة ربط ومنصة تقديم تقارير حول الفرص المتوفرة في الأسواق التي تشهد نمو سريع بما في ذلك المغرب، وغرب أندونيسيا في الشرق بالإضافة إلى الشرق المتوسط وشمال أفريقيا، وشرق آسيا. وتفتخر الشرق الأوسط العالمية بوجودها في قلب هذه الأسواق المتنوعة منذ أكثر من 22 عاماً.
للمزيد من المعلومات الرجاء زيارة meglobaladvisors.com.
نبذة عن المنتدى الدولي للتمويل الإسلامي
المنتدى الدولي للتمويل الإسلامي هو منصة فريدة تجمع الجهات الرائدة العالمية لمناقشة الفرص الهائلة التي يقدمها قطاع التمويل الإسلامي إلى الاقتصادات النامية في القارة الأفريقية. ويهدف المنتدى إلى إقامة جسور بين أفريقيا والأسواق الرئيسية للتمويل الإسلامي للمساعدة في بناء قدرات التمويل الإسلامي في أفريقيا.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Estero/world news | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »