Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 32 n° 55

Archive for 20 gennaio 2016

Sustainably farmed scallops from Peruvian Acuapesca confirmed Friend of the Sea certified

Posted by fidest press agency su mercoledì, 20 gennaio 2016

peruvianThe Peruvian company Acuacultura y Pesca Group (Acuapesca) has been confirmed Friend of the Sea certified for scallops from sustainable aquaculture. After an independent assessment audit Acuapesca was found compliant with Friend of the Sea strict criteria of sustainability.Acuapesca has been operating since 1989 in the remote and pristine areas of Guaynumá Bay and Nunura Beach with 5 farms and one processing plant. Water parameters are checked periodically. The development of the facilities has not damaged critical ecosystems. The species (Argopecten purpuratus) is a native species, whose broodstocks are captured in the bay and induced to spawn in laboratory, for later reintroduction in the bay to continue the growth process. The scallops are grown in long line cages.
Acuapesca Group has also been audited according to Friend of the Sea social accountability requirements.
“We are proud of being confirmed Friend of the Sea”, comments José Luis Bellina Kohler of Acuapesca. “In accordance with our environmental policy and strategy, Acuapesca will continue with further investments in sustainable aquaculture, in order to preserve the resources for future generations”. (photo: peruvian)

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Stop geo-blocking and boost e-commerce and digital innovation, says Parliament

Posted by fidest press agency su mercoledì, 20 gennaio 2016

european parliamentGeo-blocking consumers’ online access to goods and services on the basis of their IP address, postal address or the country of issue of credit cards is unjustified and it must stop, says Parliament in a resolution voted on Tuesday. MEPs want Europe to seize the opportunities opened up by new technologies, such as Big Data, cloud computing, the Internet of Things or 3D-printing, and to have an innovation-friendly policy towards online platforms.The 16 digital single market initiatives announced by the European Commission last May to boost the digital economy and innovation must be tabled without delay, MEPs insist.”We have ensured that this report on the digitisation of the EU economy, society and public administrations determines legislative and non-legislative action to benefit consumers and to preserve Europe’s competitive social market economies”, said Internal Market Committee co-rapporteur Evelyne Gebhardt (S&D, DE).”Europe has already missed two waves of innovation. First social networks, then the sharing economy. If we don’t want to miss the next wave, we have to look to the Internet of Things, Big Data and machine-to-machine communication. They can radically transform our economy and our legislation needs to reflect that”, said Industry Committee co-rapporteur Kaja Kallas (ALDE, ET).Increasing consumer choice and removing barriers to innovative start-ups Parliament’s recommendations to boost the digital single market were approved by 551 to 88, with 39 abstentions. MEPs want proposals by the Commission to: end unjustified geo-blocking practices, so as to improve EU consumers’ access to goods and services. MEPs welcome the proposal on cross-border portability of online content services “as a first step” in this direction,
ensure equivalent and future-proof consumer protection, regardless of whether digital content is purchased online or offline,
find innovative solutions on cross-border parcel delivery to improve services and lower costs,
remove barriers to SMEs, start-ups and scale-ups and seize the opportunities based on new technologies, such as Big Data, cloud computing, the Internet of Things or 3D-printing; an innovation-friendly policy towards online platforms (e.g. search engines, app stores) that facilitates market entry should be maintained,
review the ePrivacy directive to ensure consistency of its provisions with the new EU data protection rules.
Sharing economy
Parliament is concerned about the differing national approaches taken so far by EU member states to regulating the internet and the “sharing economy”, which offers new business models for selling goods and services online (for example, Uber, eBay or Airbnb). MEPs ask the Commission to assess the need to protect consumers in the sharing economy and, where clarification is needed, to ensure the adequacy of consumer-related rules in the digital sphere. Other topics addressed in the resolution include copyright, telecoms, VAT rules, audiovisual media, e-skills, e-government, and employment rights.

Posted in Cronaca/News, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Napoleon and Josephine

Posted by fidest press agency su mercoledì, 20 gennaio 2016

Napoleon and JosephineNew York February 10-16, 2016 Palm Beach the Week of Valentine’s Day. Lion Heart Autographs, for nearly forty years an internationally recognized dealer of autographs and manuscripts focusing on art, history, literature, music and science, has announced an extraordinary opportunity to acquire the finest marriage document ever signed by Napoleon and Josephine. This rare Valentine’s Day opportunity celebrates history’s most romantic and often controversial couple – Napoleon & Josephine. Lion Heart’s rare and evocative marriage contract is not only signed by the historic couple, but by other French notables, including six of Napoleon’s original eighteen marshals (the highest military rank during the Empire). The Valentine’s Day presentation of such a unique, historical document marks the first time Lion Heart Autographs has offered it for sale; it is one of only a handful known to exist in private hands. Lion Heart Autographs will display the document at The Palm Beach Jewelry, Art & Antique Show at the Palm Beach County Convention Center from February 10-16, 2016, where it will be offered for $20,000. Media can have a sneak peek at the contract in New York prior to the show.Marie-Josèphe-Rose Tascher de La Pagerie, known as Josephine, was one of the most celebrated women of the 19th century, playing a colorful and pivotal role in the life of her six-year-younger husband, Napoleon Bonaparte. She was one of the most important women in the salons of Paris and her tumultuous love affair with General Bonaparte is well documented. Glamorous and a well-connected socialite, Josephine engaged in several love affairs with highly placed political and military leaders after the failure of her first marriage. Bonaparte, immediately smitten by her upon their first meeting, wed Josephine on March 9, 1796 only a few days before he left on his Italian campaign. During his absence he sent the first of many love letters he would pen throughout their marriage.
Napoleon and Josephine’s marriage was opposed by many members of his family because she was an older widow with children. His mother and sister were especially upset declaring that his new wife considered them well below her status. During Bonaparte’s 1799 Egyptian campaign Josephine purchased the Chateau de Malmaison near Paris taking a special interest in gardens and becoming proficient in botany and horticulture.Throughout history stories are told of Napoleon and Josephine’s constant separations and rumors of her interest in other lovers. Infidelities troubled the marriage from the start although the couple renewed their marriage vows on December 1, 1804. The following day Napoleon was crowned Emperor and she Empress. The coronation became one of the most famous events of European history, but Josephine’s inability to give birth to a son strained their marriage, and in 1810, Napoleon had the marriage annulled on the pretext that a parish priest had not been present Napoleon and Josephine1at the original ceremony. Nonetheless, Napoleon and Josephine remain one of history’s most famous couples. The former Emperor’s last words were reported to be “France, armee, tete d’ armee, Josephine.” (France, army, head of the army, Josephine).The contract witnessed by Napoleon and Josephine celebrates the marriage between General August Hulin (1758-1841) and Marie Jeanne-Louise Tiersonnier (1782-1826). Hulin was an infantryman who rose through the ranks to join the Gardes Français. In the days leading to the storming of the Bastille in 1789, Hulin gave several inflammatory speeches, and on July 14, he organized a small band of armed men at the Hôtel de Ville, marched them to the Bastille where they opened fire and liberated the prisoners. It was this act that sparked the French Revolution. Though recognized as a hero, Hulin was imprisoned during the Reign of Terror. He later rejoined the army and served as an officer during the Napoleonic Wars and as military governor of Paris during Napoléon’s 1812 Russian campaign, where he suppressed a coup against the emperor.In addition to Napoleon and Josephine’s signatures, the contract is signed by a remarkable cast including six of Napoleon’s original 18 marshals: John Baptiste Bessiers (1786-1813), Louis Nicholas Davout (1770-1823), Andre Massena (1758-1817), Edouard Adolphe Casimire Mortier (1768-1835), Joachim Murat (1767-1815; Napoleon’s brother-in-law and future King of Naples), and Catherine-Dominique de Perignon (1754-1818); two queens: Bonaparte’s step-daughter Hortense Eugenie Cecile Bonaparte (1783-1837) and his sister Marie Annonciade De Caroline Bonaparte Murat (1782-1839); two kings: Murat and Napoleon’s brother Louis-Napoleon Bonaparte (1778-1846) and father to Napoleon’s heir; the three former consuls of France, and many others including Maurice-Jean Raguideau De La Fosse (1759-1805) the Paris notary who presided over Napoleon and Josephine’s own marriage. Just twelve days prior to signing this document, the French Senate proclaimed Napoleon Emperor of France, making this marriage contract one of the earliest documents signed by the Emperor and his wife.
Other highlights to be featured by Lion Heart Autographs at The Palm Beach Jewelry, Art & Antique Show include a letter by Albert Einstein on how intellectuals and the working class should work together; doodles by President Dwight D. Eisenhower on White House stationery; a decorative proclamation signed by President Harry Truman declaring the end of WWII; a very moving letter by Louisa May Alcott about her ailing father and the care she is providing him; a land grant for a revolutionary soldier signed by Benjamin Franklin; an impressive document signed by Thomas Jefferson as Secretary of State about U.S. fishing rights; a very fine art related letter by Henri Matisse; an unpublished handwritten letter by Charles Darwin sending his photograph to a former shipmate aboard the “Beagle;” a charming letter by Mark Twain in which he offers his autograph to a young collector, and much more. (Photo: Napoleon and Josephine)

Posted in Estero/world news, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

The European neighbourhood and the EU’s security of supply with natural gas

Posted by fidest press agency su mercoledì, 20 gennaio 2016

ucrainaAs domestic gas production in the EU is falling, the EU’s gas import dependence will probably rise in the future. Security of supply is thus ever more important. However, the gas transit from Russia to the EU via the Eastern route is still insecure due to the conflict between Russia and Ukraine. Russia’s Gazprom together with Western European companies now plans to double the capacity of the existing Nord Stream 1 pipeline with “Nord Stream 2”. This raises geopolitical questions on the Ukrainian transit route, but also legal questions on the regulatory status of Nord Stream 2, especially since Central and Eastern European Member States urge the Commission to stop the project by political or legal means. Given that Nord Stream 1 operates without any Intergovernmental Agreement and the German government backs the Nord Stream 2 project, the question remains whether the Commission would have explicit legal means to prevent the building of Nord Stream 2. To find a compromise between the diverging interests among EU Member States, Philipp Offenberg proposes, in this Policy paper, a bilateral agreement between the EU and Russia to find a coherent regulatory framework for all Russian export pipelines to the EU – the Ukrainian route, the Yamal pipeline via Belarus, Nord Stream 1 and potentially Nord Stream 2. In this agreement Russia should commit itself to a minimum transit volume through Ukraine.
Alors que sa production interne de gaz diminue, l’Union européenne risque à l’avenir de devenir de plus en plus dépendante de ses importations de gaz. La sécurité d’approvisionnement est donc d’autant plus importante. Toutefois, le transit du gaz de la Russie vers l’UE via la route orientale reste peu sûr en raison du conflit entre la Russie et l’Ukraine. L’entreprise russe Gazprom, en partenariat avec des entreprises d’Europe occidentale, envisage de doubler la capacité du gazoduc Nord Stream 1 en construisant Nord Stream 2.
Ce projet soulève des questions géopolitiques sur la route de transit ukrainienne, mais aussi des questions juridiques sur le statut réglementaire de Nord Stream 2, notamment depuis que les pays d’Europe centrale et orientale appellent la Commission européenne à stopper le projet par des moyens politiques ou juridiques. Étant donné que Nord Stream 1 fonctionne sans aucun accord intergouvernemental et que le gouvernement allemand soutient le projet Nord Stream 2, la question est de savoir si la Commission dispose de moyens juridiques explicites pour empêcher la construction de Nord Stream 2.Afin de trouver un compromis entre les intérêts divergents des États membres de l’Union européenne, Philipp Offenberg, chercheur associé de notre bureau en Allemagne, le Jacques Delors Institut – Berlin, propose, dans ce Policy paper, un accord bilatéral entre l’UE et la Russie afin de trouver un cadre réglementaire cohérent pour tous les gazoducs reliant la Russie à l’UE : la route ukrainienne, le gazoduc Yamal via le Bélarus, Nord Stream 1 et potentiellement Nord Stream 2. Dans cet accord, la Russie devrait s’engager sur un volume de transit minimum via l’Ukraine.(foto: gas)

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Expert comment on Unilever’s annual results

Posted by fidest press agency su mercoledì, 20 gennaio 2016

Martin Kunc, of Warwick Business School, an Associate Professor of Operational Research and Management Science and researches the consumer goods industry comments on Unilever’s annual results. Dr Martin Kunc said: “The problem that Unilever is facing is directly related to the falling commodity prices. The emerging economies where most of Unilever’s profits are coming from are becoming weaker due to the decline in commodity prices.”The decline in commodity prices impacts directly on the purchasing power of consumers in emerging economies. Consequently, inflation in emerging economies, which is where consumer goods companies like Unilever make most of their profits, will decline reducing Unilever’s profits further in 2016.”While the decline of the costs of raw materials may help Unilever to reduce costs, it will not be enough to sustain profits in the face of widespread weak demand this year. Moreover, future financial problems in emerging economies will create unemployment further hurting demand and sales for Unilever. Consequently, Unilever will face a tough environment in 2016 where deflation is a real possibility to sustain sales.”

Posted in Estero/world news, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Ricerca: nell’economia digitale i CFO devono ripensare come misurare lo stato di salute delle proprie aziende

Posted by fidest press agency su mercoledì, 20 gennaio 2016

produzione-industrialeThe Digital Finance Imperative, la nuova ricerca realizzata dal Chartered Global Management Accountant (CGMA), ha dimostrato che i CFO d’Europa, Medio Oriente e Africa (EMEA) hanno bisogno di ripensare gli strumenti per misurare lo stato di salute delle proprie aziende nell’era del digitale. Come evidenziato dallo studio, benché la prevalenza del valore di un’azienda derivi da risorse intangibili quali il “sentiment” del consumatore e il brand, pochi tra i professionisti del settore amministrativo intervistati hanno affermato di avere accesso ai dati necessari a misurare e monitorare questi elementi fondamentali per il business – solo il 16% per quanto riguarda il customer sentiment.Il report, promosso da Oracle, sostiene che con il proliferare di modelli di business digitali la misurazione attraverso KPI innovativi del valore di business di tali risorse intangibili assumerà un’importanza sempre crescente. Attualmente, infatti, le risorse intangibili rappresentano l’80% del valore delle aziende che compongono l’indice S&P 500 (2). Coloro che hanno partecipato alla ricerca condotta nell’area EMEA affermano che i principali driver di valore per le loro aziende sono costituiti da: customer satisfaction (75%), qualità dei processi di business (62%) e relazione con il cliente (62%).La ricerca ha inoltre evidenziato che i professionisti della finanza aziendale della regione EMEA faticano ad avere accesso e ad analizzare i dati relativi a tali risorse intangibili. In base a quanto emerso, infatti, solo il 16% degli intervistati è in grado di raggruppare e analizzare i dati che riguardano il customer sentiment e solo il 16% ha accesso a dati che mostrano l’impatto del brand sul business. E ancora, solo il 29% sostiene di essere in grado di misurare la qualità del proprio processo di business (3).
“Il settore amministrativo si trova in una posizione privilegiata per diventare il “timone” di un modo moderno di condurre il business, ma per farlo deve essere in grado di estrarre i dati rilevanti dall’intera organizzazione utilizzando sistemi ERP e per il performance management moderni e basati su cloud”, ha affermato Laurent Dechaux, Vice President for ERP Western Europe di Oracle Applications. “Senza questa capacità c’è il rischio che le linee di business digitalmente più esperte aggirino interamente il finance, generando le proprie analisi strategiche per presentarle direttamente al management”.Quando è stato chiesto fino a che punto i dipartimenti finance sono stati ri-allineati per supportare nuovi preziosi driver, solo il 10% ha dichiarato di essere stato coinvolto a 360° nell’ottica di ‘fornire misurazioni non-finanziarie rispetto agli obiettivi strategici’.
Noel Tagoe, FCMA, CGMA, executive director of education al CIMA e uno degli autori del report ha commentato: “Dal momento che la digitalizzazione rende più difficile per le aziende differenziarsi e ottenere valore aggiunto, la qualità del processo decisionale è diventata essenziale per il successo di un’impresa, e il dipartimento finance può assumere una posizione trainante nell’assicurare questo risultato. Avendo una visione ampia dell’azienda e le competenze necessarie per interagire con diversi interlocutori, è in grado di garantire che le imprese raggruppino, analizzino e utilizzino i dati al fine di migliorare le proprie performance”.Lo studio include approfondimenti forniti da 367 dirigenti di 29 nazioni appartenenti all’area EMEA.

Posted in Cronaca/News, Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Sesta edizione di Giornalista Italiano

Posted by fidest press agency su mercoledì, 20 gennaio 2016

giornalista italianoLa sesta edizione di Giornalista Italiano esce in un momento particolare per il paese e soprattutto per la professione del giornalista. Che, più di ogni altra, deve tener conto dei mutamenti in corso e di nuove leggi come la riforma della pubblica amministrazione, il nuovo sistema elettorale, il Jobs Act che ridisegna il mondo del lavoro e il “nuovo” Senato. Se si moltiplicano gli ambiti del fare informazione, di pari passo aumenta il bisogno di professionalità di chi in questo settore è chiamato ad operare.Ci sono nozioni, regole, leggi che chi fa il giornalista non può, e non deve, ignorare. Non può perché parole, idee, concetti diffusi male possono ledere l’altrui dignità, il diritto alla riservatezza, possono diffamare o influenzare i mercati finanziari.Questo libro, in più di 900 domande e risposte, approfondisce i temi nei quali un giornalista si può imbattere quando svolge il proprio lavoro. Molto utile anche per la preparazione all’esame da professionista, scritto in maniera sintetica e approfondita, Giornalista Italiano è un volume che non dovrebbe mancare nel primo cassetto di ogni buon redattore. Autori: Carlo Guglielmo Izzo, Fabio Ranucci, Adriano Izzo.Pagine: 480 Prezzo: 29,00 euro. (foto: giornalista italiano)

Posted in Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Siccità e carestia: morire di fame nel 2016 in Africa

Posted by fidest press agency su mercoledì, 20 gennaio 2016

Gold_AfricaMentre le siccità sono periodici fenomeni naturali, nel mondo attuale le carestie sono esclusivamente causate dall’uomo. Quando tra il 1983 e il 1985 più di 400.000 persone morirono di fame nel nord dell’Etiopia – incidentalmente portando per la prima volta il mondo occidentale a cantare “we are the world” e ad esprimere uno straordinario livello di solidarietà – gli alti tassi di mortalità erano dovuti soprattutto alle politiche governative e all’utilizzo del cibo come arma politica e di guerra. Quando nel 1992, 300.000 somali perirono in condizioni terribili, fu perché oltre al clima particolarmente arido nel paese impazzava una guerra tra clan, e i grandi numeri di sfollati spesso non potevano essere raggiunti.In questo inizio del 2016 gli esperti di tutto in mondo prevedono che il fenomeno climatico che chiamiamo El Nino – che ha provocato lunghi periodi senza precipitazioni anche in Italia, causando tassi di inquinamento atmosferico altissimi in tante città – metterà a rischio di fame milioni di persone nel continente africano. La lista dei paesi a rischio è impressionante: Malawi, Zimbabwe, Etiopia, Sud Sudan, Somalia, Sudan hanno i più grandi numeri di bocche da sfamare, ma l‘agricoltura è in ginocchio anche in Nigeria, in Ciad, nella Repubblica Centroafricana e addirittura nel ricco Sud Africa, ma la lista prosegue ancora con Kenya, Uganda, Congo e Gabon. Anche Amref ha lanciato un appello per l’Etiopia. Secondo il World Food Programme, nell’Etiopia centrale e orientale fino a 15 milioni di persone “nel 2016 si troveranno ad affrontare una grave e forte insicurezza alimentare”.

Posted in Estero/world news, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Le 10 invenzioni che hanno cambiato il mondo

Posted by fidest press agency su mercoledì, 20 gennaio 2016

terapia laserDa internet alla stampa 3D, passando dalla tecnologia GPS sulle automobili all’utilizzo del laser per il recupero dei monumenti. I primi quindici anni del terzo millennio sono carichi di innovazioni e scoperte scientifiche, tecnologiche e mediche che hanno migliorato il progresso scientifico e anche la vita quotidiana di miliardi di persone nel mondo. Ma quali sono gli ambiti più innovativi? Il campo più intraprendente pare sia quello tecnologico (78%), seguito da quello scientifico (65%) e medico (58%). Quali invece i maggiori benefici che le innovazioni tecnologiche hanno portato? Innanzitutto semplificare le azioni quotidiane più diffuse (86%), oltre che migliorare la comunicazione tra persone in diverse parti del globo (76%) e permettere la risoluzioni di problemi di carattere generale prima impensabili (72%), risparmiando tempo, risorse ed energie (68%). Nel novero delle dieci innovazioni tecnologie del 21° secolo che hanno cambiato il mondo spiccano social network (45%), smartphone (41%) e l’impego del laser in ambito medicale e per la conservazione dei beni artistici (38%). E’ quanto emerge da un monitoraggio condotto da Found! su 50 testate internazionali, dedicate scienza, tecnologia e attualità, oltre che su un panel di 60 esperti nel campo dell’innovazione, della sociologia e della scienza applicata, per capire quali siano state le scoperte degli ultimi 15 anni che hanno concretamente rivoluzionato la vita del genere umano, migliorandone gli aspetti più importanti, ma soprattutto la quotidianità.
“Nel corso degli ultimi anni le scoperte scientifiche e l’innovazione tecnologica hanno davvero rivoluzionato la vita quotidiana delle persone – afferma il sociologo Saro Trovato –. Basti pensare all’influenza che innovazioni come il laser applicato in medicina ha avuto su milioni di persone che in tutto il mondo hanno potuto beneficiare dei benefici di tale progresso. Allo stesso modo i social network hanno ridefinito il modo di conoscersi e mantenere contatti sociali, con effetti solo qualche anno fa inimmaginabili sull’intero tessuto sociale. Per non parlare del GPS, chi avrebbe mai immaginato il pensionamento pressoché totale delle cartine cittadine solo alla fine degli anni ’90?”.
Ma in quali ambiti si sono verificate le scoperte più rivoluzionarie in grado di cambiare le abitudini di milioni di persone? Secondo gli esperti il campo dove le innovazioni sono state più impattanti è sicuramente quello della tecnologia (78%), dove social network, stampanti 3D e smartphone hanno dato una svolta alla giornata tipo delle persone. Non sono mancate le scoperte in ambito scientifico (65%) e medico (58%): la mappatura del DNA, il trattamento laser di calcoli e tumori, ma anche interventi ai limiti della fantascienza come il trapianto del viso, hanno sensibilmente migliorato la vita delle persone in tutto il mondo.
“Oltre alle innovazioni nell’elettronica e quelle relative ai social network, il laser applicato alla medicina e al recupero dei beni artistici ha dato ampio slancio al progresso della società moderna – afferma Paolo Salvadeo, AD di Quanta System – Teorizzato da Einstein ma sviluppato solo a partire dagli anni ‘60, il laser è stato usato negli ultimi anni per scopi medici o di recupero del patrimonio artistico-culturale, cambiando la vita a molte persone. La sua forza e la sua precisione infatti hanno permesso a centinaia di migliaia di pazienti di affrontare con maggiore serenità operazioni chirurgiche un tempo impensabili o irrealizzabili, con eccellenti risultati. Ma non solo, il laser ha permesso il recupero di moltissime opere, patrimonio dell’umanità. E le opere sono terapeutiche… per l’anima”.
Quali sono invece i benefici che le innovazioni tecnologiche hanno portato alla popolazione mondiale negli ultimi 15 anni? Se dai un lato queste scoperte hanno avuto l’effetto immediato di rendere più facili le azioni quotidiane più comuni (86%), dall’altro hanno permesso di comunicare con gli altri in maniera più diretta e costante da ogni parte del mondo (76%) e di trovare informazioni di qualsiasi tipo in breve tempo sul web in qualsiasi luogo ci si trovi (68%). L’innovazione tecnologica e scientifica ha permesso inoltre di risolvere problemi la cui soluzione era ritenuta impossibile (72%), come la cura di malattie prima considerate incurabili e il restauro di opere d’arte e monumenti vecchi di migliaia di anni, risparmiando inoltre tempo ed energie grazie al miglioramento delle tecniche utilizzate (62%).
Del tema delle innovazioni in grado di cambiare il mondo si sono occupati anche alcuni scienziati della British Science Association, che hanno redatto la loro personale lista delle 10 recenti invenzioni che hanno profondamente cambiato la vita moderna, riportata dall’autorevole quotidiano inglese Telegraph. Oltre agli acclamati social network, al walkman, al GPS, agli SMS, fino alle carte di credito, gli scienziati inglesi hanno inserito anche altre innovazioni che oggi si danno per scontate ma che sono state altrettanto rivoluzionarie nel corso degli ultimi decenni: le scarpe da ginnastica, i cibi già pronti, il codice a barre, le microonde e la Playstation.
ECCO INFINE LE 10 INVENZIONI DEL 3° MILLENNIO CHE HANNO CAMBIATO IL MONDO:
I SOCIAL NETWORK (45%)
GLI SMARTPHONE (41%)
L’UTILIZZO DEL LASER IN MEDICINA e NEL RECUPERO DEL PATRIMONIO ARTISTICO (38%)
LA TECNOLOGIA USB (33%)
IL GPS (29%)
LA STAMPA 3D (26%)
WIKIPEDIA (23%)
LE AUTO IBRIDE (22%)
L’IPOD (19%)
LA MAPPATURA DEL GENOMA UMANO (17%)

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Eliminare il geo-blocking e sostenere l’e-commerce e l’innovazione digitale

Posted by fidest press agency su mercoledì, 20 gennaio 2016

european parliamentIl Parlamento europeo, in una risoluzione approvata martedì, chiede la fine del geo-blocking dell’accesso online dei consumatori ai servizi fatto sulla base dei loro indirizzi IP, indirizzi postali e del Paese che ha rilasciato la carta di credito. I deputati vogliono che l’Europa sappia cogliere le opportunità offerte dalle nuove tecnologie, quali i Big Data, il cloud computing, l’Internet delle cose o la stampa 3D, e si doti di una politica favorevole all’innovazione per le piattaforme online.I deputati insistono che le 16 iniziative sul mercato unico digitale, annunciate dalla Commissione europea lo scorso maggio per sostenere l’economia digitale e l’innovazione, devono essere discusse senza ritardo.”Abbiamo assicurato che questa risoluzione sulla digitalizzazione dell’economia, della società e delle pubbliche amministrazioni dell’UE preveda interventi legislativi e non legislativi per creare benefici ai consumatori e preservare le economie sociali di mercato competitive dell’Europa”, ha detto la correlatrice per la commissione mercato interno, Evelyne Gebhardt (S&D, DE).”L’Europa ha già mancato due ondate d’innovazione. La prima sui social network e poi quella sulla sharing economy. Se non vogliamo perdere la prossima, dobbiamo rivolgerci all’internet delle cose, ai “big data” e alla comunicazione macchina a macchina. Questi possono trasformare radicalmente la nostra economia e la nostra legislazione ha bisogno di adeguarsi” ha sostenuto la correlatrice per la commissione industria Kaja Kallas (ALDE, ET).Aumentare la scelta dei consumatori e rimuovere le barriere per le start-up innovativeLe raccomandazioni del Parlamento per sostenere il mercato unico digitale sono state approvate con 551 voti favorevoli, 88 contrari e 39 astensioni. I deputati vogliono delle proposte da parte della Commissione per: porre termine alle pratiche di geo-blocking non giustificate, in modo da migliorare l’accesso ai beni e servizi. I deputati accolgono la proposta sulla portabilità transfrontaliera del contenuto online dei servizi “come primo passo” verso questa direzione;
assicurare una protezione equivalente a prescindere se il contenuto digitale è acquistato online o offline;
trovare soluzioni innovative per la consegna transfrontaliera dei pacchi per migliorare i servizi e limitare i costi;
rimuovere le barriere per le piccole e medie imprese, start-up e scale-up e cogliere le opportunità che si basano sulle nuove tecnologie TIC, come i “Bg Data”, il “cloud computing”, l’internet delle cose o le stampanti 3D; una politica d’innovazione verso piattaforme online (ad esempio i motori di ricerca, gli app stores) che faciliti l’ingresso nel mercato dovrebbe essere mantenuta; e
rivedere la direttiva sull’ePrivacy per assicurare la coerenza delle sue disposizioni con la nuova normativa UE sulla protezione dei dati.

Posted in Estero/world news, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Continua la crescita di LSWR Group: acquisito il 50% di Quine

Posted by fidest press agency su mercoledì, 20 gennaio 2016

Quella conclusa il 29 dicembre 2015 è la quarta acquisizione dell’anno di LSWR Group. Attraverso Edra S.p.A il Gruppo ha rilevato il 50% di Quine Business Publisher con contestuale conferimento in Quine delle proprie testate tecniche Meccanica&Automazione, Officina Moderna, Pulizia Industriale e Sanificazione. “Dopo l’acquisizione avvenuta a gennaio delle attività di Elsevier Urban & Partner, branch polacca del gruppo internazionale Elsevier, l’acquisizione del catalogo libri di UTET Scienze Mediche e la recente acquisizione del 50% dell’agenzia di comunicazione Imagine S.r.l., abbiamo deciso di investire in un’azienda focalizzata come Quine per consolidare e crescere le attività votate allo sviluppo della conoscenza tecnicaprofessionale, nonché per diffondere l’entusiasmo e il know how che hanno portato il nostro Gruppo a raddoppiare il fatturato negli ultimi tre anni” ha affermato Giorgio Albonetti, presidente di LSWR Group.”Abbiamo individuato in Quine Business Publisher un’interessante opportunità di investimento poiché condivide con Edra la stessa focalizzazione sui contenuti tecnici, la riconosciuta autorevolezza e la leadership nei settori dell’aggiornamento e della formazione tecnica e professionale in cui opera. Quine è il veicolo ideale per svilupparvi all’interno i nostri asset tecnici della meccanica, del cleaning e dell’automotive in sinergia con le testate già pubblicate da Quine – ha spiegato Ludovico Baldessin, COO di LSWR Group – supportando Quine nell’evoluzione della propria offerta di soluzioni di marketing, formazione, aggiornamenti professionali e strumenti digitali replicheremo velocemente il caso di successo di LSWR Group”.”Il nostro partner ha saputo dimostrare che investendo nei prodotti e in soluzioni innovative si possono creare nuovi posti di lavoro nell’editoria: siamo felici di poter crescere in un Gruppo che ci porterà grandi sinergie nell’ambito scientifico grazie ad Edra e in quello normativo professionale con la casa editrice La Tribuna” ha commentato Marco Zani, Amministratore Delegato di Quine.La gestione di Quine sarà affidata, in continuità con il passato, all’AD Marco Zani, con la carica di Presidente assegnata a Giorgio Albonetti. L’operazione di acquisizione è stata coordinata, da un lato, da Giovanni Viganò, CFO di LSWR Group, assistito dal team di Orrick, Herrington & Sutcliffe, composto da Anna Spanò, Special Counsel, e Daniele Sotgiu, Associate e dall’altro dallo Studio legale Riva e Associati, con un team coordinato dal partner Simone Riva.LSWR Group è un Gruppo internazionale con sede a Milano, riferimento delle comunità medicoscientifiche, tecniche e giuridicolegali e leader in 4 aree: marketing solutions, education, professional update e advanced tools. Nato con l’acquisizione del ramo d’azienda delle attività di Elsevier in Italia nel 2013, il Gruppo ha registrato un fatturato consolidato pari a 23.5 milioni di Euro nel 2014 ed opera oggi con un network di più di 160 dipendenti. Tra le attività più note si ricordano, tra le altre: Edra, Dica33.it, DoctorNews, Farmacista33, FarmacistaPiù, FarmaMagazine, PuntoEffe, DentalCadmos, Medikey, L’informatore Farmaceutico – Codifa, La Tribuna.
Quine Business Publisher, è l’editore di riferimento nella sostenibilità del costruito. Con le testate AiCARR journal, Blu&Rosso, CASA&CLIMA, Guida dell’installatore Professionale, il Giornale dell’Ingegnere e il Quotidiano digitale casaeclima.com, ogni giorno raggiunge migliaia di progettisti e operatori dell’efficienza energetica, garantendo aggiornamento professionale e un appezzato know how tecnico.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

La liuteria e l’archetteria secondo l’Academia Cremonensis di Cremona

Posted by fidest press agency su mercoledì, 20 gennaio 2016

liuto scarpullaliutoMadrid. Dal 26 al 28 gennaio l’Istituto Italiano di Cultura di Madrid, in collaborazione con l’Academia Cremonensis e la Fundación de Ferrocarriles Españoles, ospiterà laboratori e seminari di liuteria e archetteria con protagonisti allievi e maestri dell’Academia Cremonensis di Cremona. Tre giorni completamente dedicati alla musica in cui, oltre ai seminari centrati sulla liuteria classica, un’arte antica profondamente legata al territorio cremonese, verrà offerto anche un concerto a cura del gruppo Concuerda con due violini e il violoncello dell’Academia Cremonensis, il contrabbasso e la chitarra saranno invece del gruppo. L’INGRESSO SARÀ LIBERO fino a esaurimento posti e i biglietti si inizieranno a distribuire un0ora prima del concerto. CONCUERDA è progetto convergente di stili, epoche strumenti e personalità. È la concordanza, tra gli strumenti a corda, del carattere incisivo dell’attacco alla spiumatura per la chitarra flamenca con il carattere del legato degli strumenti a corda e ad arco.
Le giornate saranno caratterizzate da una serie di seminari e laboratori di liuteria e archetteria, prova acustica, misurazioni e considerazioni sul quartetto d’archi e sugli archetti dell’Academia Cremonensis e l’ultimo incontro del 28 gennaio sarà dedicato alla presentazione dello speciale quartetto del Maestro Giovanni Lucchi, montato in oro, da parte della Fondazione Lucchi. (foto:liuto)

Posted in Cronaca/News, Estero/world news, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Joint Venture Edenred – Embratec: dall’Italia la soluzione per i manager brasiliani

Posted by fidest press agency su mercoledì, 20 gennaio 2016

san paolo brasileFondata nel 1999, Embratec sviluppa carte carburanti e soluzioni di manutenzione in Brasile, servendo circa 15,000 clienti aziendali ed è accettata in 19,000 stazioni di servizio affiliate e officine di manutenzione. Nel 2014, Embratec ha prodotto 3,492 milioni di realiin volume di emissioni, facendo di Embratec un protagonista di rilievo nell’attività di carte carburante in Brasile.
Embratec sviluppa inoltre soluzioni sui promettenti mercati delle agevolazioni ai dipendenti e anticipo di salario. Nel 2014, queste attività hanno prodotto un’emissione di volume rispettivamente di 455 milioni di reali e 522 milioni di reali.
Nel 2014, Embratec ha raggiunto complessivamente 4,470 milioni di reali in emissione di volume, 275 milioni di reali di fatturato e 90 milioni di reali in EBITDA rappresentando un margine di EBITDA sui ricavi di oltre il 30%.
Edenred ed Embratec uniranno le loro attività brasiliane di Expense Management e l’attività di Anticipo Salario di Embratec in una joint-venture, partecipata al 65% da Edenred e al 35% dagli azionisti storici di Embratec.Edenred contribuirà con le sue attività di Ticket Car e Repom, Embratec porterà alla joint-venture tutte le proprie attività di carta carburante, manutenzione e trasporto merci gestite con i marchi Ecofrotas ed Expers. Sarà incorporata anche l’attività di anticipo salari, che ha un forte potenziale di crescita. Sulla base dei dati del 2014, l’emissione di volume e il reddito della nuova entità, dovrebbero essere rispettivamente di 7,631 milioni di reali and 450 milioni reali . La nuova entità farà di Edenred una figura chiave nel mercato brasiliano della carta carburante con una quota di mercato di circa il 18% (escluso il trasporto merci). Il Gruppo servirà circa 27,000 clienti e potrà contare su una rete di 23,500 stazioni di servizio affiliate. La transazione consentirà ad Edenred di raddoppiare le dimensioni delle proprie operazioni in Brasile.
Edenred, inoltre, acquisirà un interesse del 100% nell’attività di agevolazioni ai dipendenti di Embratec, sviluppata col nome di Ecobeneficios. Questa attività ha prodotto 455 milioni di reali[5] in emissione di volume nel 2014. L’ acquisizione consoliderà la quota di mercato di Edenred in Brasile e aumenterà del 3% le emissioni di volume locale per tale attività.
L’alleanza con Embratec è del tutto in linea con la strategia di Edenred di accelerare il proprio sviluppo nell’ Expense Management, il secondo pilastro di crescita per il Gruppo. Il tasso di crescita annuo di questa attività ha superato il 20% tra il 2009 e il 2014, aumentando il contributo di Expense Management all’emissione di volume del Gruppo dal 7% al 14%. A seguito della transazione e sulla base dei dati del 2014, l’Expense Management inciderà per il 17% sull’emissione di volume di Edenred. Come promemoria, il Gruppo ha inoltre una call option per aumentare la propria partecipazione in UTA fino al 51%, opzione che può essere esercitata dal 2017 in avanti[6]. Edenred raggiungerebbe, pertanto, il proprio obiettivo di produrre più del 30% della propria emissione di volume in Expense Management entro il 2017.L’infrastruttura in Brasile fa della strada il mezzo di trasporto preferito per merci e persone. Il consumo di carburante B2B nel 2014 era pari approssimativamente a 60 miliardi di litri e il tasso di penetrazione del mercato per carte carburante è basso (tra il 15 e il 20%). Il mercato brasiliano di Fuel & Fleet offre, quindi, un forte potenziale di crescita.“Edenred è lieta di cogliere questa occasione unica: questa alleanza raddoppierà la dimensione delle nostre operazioni nel mercato brasiliano della carta carburante. Incorporeremo l’esperienza del team di Embratec beneficiando del sostegno dei suoi azionisti storici. Questo accordo è completamente in linea con la strategia di Edenred di accelerare la propria espansione nell’Expense Management, che mantiene prospettive di crescita promettenti” ha dichiarato Bertrand Dumazy, Presidente di Edenred e Amministratore Delegato.
Edenred finanzierà questo affare contribuendo alla nuova entità principalmente con la propria attività brasiliana di Expense Management. Della nuova entità Edenred deterrà una quota del 65%, integrata da un pagamento in contanti di 790 milioni di reali, pari a circa 180 milioni di Euro[7]. La transazione comporta un multiplo di circa 14 volte EBITDA (margine operativo lordo) al valore degli attivi (incluse alcune sinergie).La combinazione delle risorse e dell’esperienza di Embratec e di Edenred genererà numerose opportunità per creare valore attraverso sinergie commerciali e mutualizzazione delle risorse.La nuova joint-venture dedicata all’Expense Management e alle attività di Embratec nelle agevolazioni ai dipendenti, verranno consolidate nel bilancio di Edenred sul completamento della transazione, che avrà un impatto accrescitivo sull’utile netto del Gruppo pari a circa il 2%, nel 2016 (su base annua e prima dell’impatto della contabilità di acquisto)La chiusura della transazione è soggetta all’approvazione delle autorità competenti, tra le quali CADE, l’autorità garante della competizione brasiliana. Ci si aspetta che venga finalizzata nel primo semestre del 2016.L’Italia è stata la prima country del Gruppo a commercializzare una soluzione integrata per la gestione delle spese professionali: ExpendiaSmart®. Tale tecnologia si propone come alternativa all’anticipo di cassa, grazie alla combinazione dei vantaggi dei pagamenti elettronici con il controllo centralizzato delle spese. ExpendiaSmart® è in grado di rispondere alle esigenze di ogni tipologia d’impresa e dei suoi dipendenti e di aumentare la produttività riducendo i costi di gestione dell’anticipo cassa e delle spese di viaggio attraverso un sistema completamente automatizzato.

Posted in Cronaca/News, Economia/Economy/finance/business/technology, Uncategorized | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

QUI! Group chiude il 2015 con un fatturato di 650 milioni di euro

Posted by fidest press agency su mercoledì, 20 gennaio 2016

gregorio fogliani

Si tratta di una crescita pari a 40 milioni, +7% rispetto al 2014, con aree di business che hanno raggiunto fino al +10% e con un Ebitda raddoppiato rispetto allo scorso anno. Prima azienda a capitale interamente italiano nel settore dei titoli di servizio per il welfare aziendale e sociale, nei sistemi di pagamento e nei circuiti di loyalty, è diventata una delle maggiori realtà del settore in Italia. E ora guarda all’estero: Stati Uniti e Sud America.In Brasile, il Gruppo genovese ha costituito QUI! Group Brasil, acquistato una società di pagamenti e prevede, entro marzo, di chiudere alcune partnership strategiche, tra cui quella con un’importante media company, per emettere milioni di carte di pagamento con sevizi a valore aggiunto (QUI! Group è autorizzata a operare come IMEL, Istituto di moneta elettronica autorizzato da Banca d’Italia. Questo gli permetterà di affermarsi definitivamente, anche all’estero, nel settore dei pagamenti e dei circuiti di fidelizzazione. “Abbiamo iniziato a operare in Brasile e contiamo di riuscire a emettere le prime carte di pagamento entro il primo semestre 2016. Per il prossimo biennio guardiamo invece al Messico e agli Stati Uniti, due paesi in cui stiamo già stingendo accordi importanti e facendo scouting di talenti – afferma Gregorio Fogliani, presidente di QUI! Group. – La strategia che punta all’innovazione continua sta pagando anche all’estero. In Italia intanto continuiamo a fare investimenti, soprattutto in ricerca e sviluppo: 15 milioni negli ultimi tre anni, anche per consolidare due poli di eccellenza tecnologica, Genova e Napoli, per l’innovazione nei settori di business del Gruppo, con l’inserimento in azienda di giovani talenti selezionati attraverso le collaborazioni con le università – prosegue Gregorio Fogliani. – Payment e loyalty sono sicuramente due settori dove saremo molto impegnati nel 2016. Abbiamo intenzione, anche attraverso le partnership che saremo in grado di annunciare entro la primavera, di arrivare all’emissione di milioni di carte di pagamento e aumentare la rete di loyalty di decine di migliaia di esercizi. Questo ci posizionerà definitivamente come leader di mercato”, conclude Gregorio Fogliani. Nel 2015, ha contribuito alla crescita di QUI! Group anche l’aumento delle richieste del suo prodotto di punta, il buono pasto elettronico QUI! Ticket Electronic. Il Gruppo ha inoltre consolidato il suo ruolo nel settore pubblico: è stato riconfermato vincitore anche nell’ultima gara Consip per la fornitura di buoni pasto per la Pubblica Amministrazione in 5 lotti su 7 e ha stretto un accordo con ANCI (Associazione Nazionale dei Comuni Italiani) per rinnovare e digitalizzare il welfare pubblico degli enti locali interessati.
Il Gruppo, nell’ultimo anno, ha investito 2 milioni in formazione delle proprie risorse. Negli ultimi due anni, sono state 500 le assunzioni, per la gran parte di giovani, su cui il Gruppo, in cui l’età media delle risorse è 33 anni, crede fortemente.
QUI! Group, leader italiano nei titoli di servizio per Il welfare aziendale e sociale, nei sistemi di pagamento e nei circuiti loyalty, in 4 anni è passato a 440 (2010) a 650 milioni di euro di fatturato (2015) con oltre 20 milioni di fruitori dei propri servizi. Sono invece circa 180 mila i punti vendita convenzionati in Italia e oltre 1milione le carte prepagate in distribuzione. Il Gruppo è composto da QUI! Financial Services srl (finanziaria), QUI! Network srl (rete), Paybay (tecnologia) e Welfare Company srl (welfare). (foto: gregorio fogliani)

Posted in Cronaca/News, Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Otto Group sceglie PowaTag per lo shopping multicanale

Posted by fidest press agency su mercoledì, 20 gennaio 2016

A modern smartphone and a old classic cell phone side by side.

A modern smartphone and a old classic cell phone side by side.

Amburgo. Otto Group, il secondo retailer online più grande al mondo, al quale fanno riferimento oltre 120 brand inclusi BonPrix, Otto, Crate & Barrel e Hermes ha scelto la soluzione di mobile commerce PowaTag per offrire ai suoi milioni di clienti un innovativo e semplice modo per acquistare i prodotti dei suoi brand. L’accordo con Powa Technologies permetterà ai consumatori di portare a termine gli acquisti in pochi secondi con un semplice touch di smartphone attraverso una serie di punti di ingaggio tra cui QR code, Audio Tag, beacon Bluetooth, NFC e social media.Nel corso dell’ultimo esercizio, i ricavi di Otto Group, trascinati dalla divisione e-commerce sono stati superiori ai 12 miliardi di euro. I brand appartenenti ad Otto Group controllano anche 400 negozi fisici. Con le previsioni che stimano il settore del mobile commerce raggiungere il valore di 573 miliardi di euro in due anni[1], la partnership con PowaTag permetterà al Gruppo di valorizzare al meglio i suoi asset, offrendo ai clienti un’esperienza di acquisto multicanale. “PowaTag è una soluzione estremamente intelligente perchè trasforma i dispositivi mobili in una porta d’accesso per effettuare gli acquisti. Grazie alla sue caratteristiche e alla sua presenza globale, PowaTag può migliorare considerevolmente l’esperienza di shopping dei nostri clienti”, ha dichiarato Hanjo Schneider, membro del Consiglio esecutivo di Otto Group.PowaTag è “a prova di futuro” e grazie alla sua piattaforma multi-dimensionale è in grado di adattarsi alle mutevoli esigenze dei consumatori . Il trigger più recente utilizza la tecnologia di riconoscimento visivo, che permette ai consumatori di acquistare un prodotto in pochi secondi semplicemente inquadrando con lo smartphone l’inserzione pubblicitaria senza dover ricorrere alla scansione del QR Code. “I dispositivi mobili hanno agito da catalizzatore per creare una nuova generazione di consumatori sempre connessi e che vogliono interagire con i brand in maniera personalizzata. Otto Group ha pienamente riconosciuto i cambiamenti radicali che si stanno verificando nel settore retail e abbracciando PowaTag sarà in grado di andare incontro alle mutate abitudini dei consumatori, soddisfando le loro crescenti richieste di libertà e flessibilità all’acquisto”, ha dichiarato il CEO e fondatore di Powa Technologies Dan Wagner.”La partnership strategica con il secondo più grande retailer online del mondo – ha concluso Dan Wagner – è un grande attestato di fiducia nei confronti della soluzione che abbiamo ideato per rivoluzionare il settore retail. Questo accordo ha una portata senza precedenti, ci permetterà di trasformare l’esperienza di acquisto di milioni di clienti di Otto Group e supportare la sua continua crescita in tutto il mondo”.
Powa Technologies è un’azienda inglese specializzata nella realizzazione di soluzioni innovative per l’e-commerce con sede a Londra e uffici in oltre 18 città nel mondo tra cui Milano, New York, Città del Messico, Madrid, Parigi, Berlino, Hong Kong e Pechino. Le tecnologie di Powa sono state ideate per offrire un vero e proprio canale omni-comprensivo a brand e retailer. Powa possiede tre linee di prodotto – PowaWeb (soluzione di e-Commerce sul web), PowaPOS (innovativo dispositivo per pagamenti) e PowaTag (una soluzione mobile per effettuare acquisti ovunque ti trovi).Tutti i prodotti Powa hanno la certificazionre PCI di livello 1 e quindi sono completamente sicuri.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Cisco investe 100 milioni di dollari per accelerare la digitalizzazione dell’Italia

Posted by fidest press agency su mercoledì, 20 gennaio 2016

ciscoA seguito di un incontro tenuto oggi fra il Primo Ministro Matteo Renzi, il CEO di Cisco Chuck Robbins e l’Amministratore Delegato di Cisco Italia Agostino Santoni, Cisco ha annunciato una serie di investimenti strategici in Italia per un valore di 100 milioni di dollari nei prossimi tre anni.Quanto annunciato oggi vede Cisco in linea con il crescente impegno del governo italiano per favorire la trasformazione digitale e coglierne i benefici, adottando un approccio su due fronti: lo sviluppo delle competenze digitali e della consapevolezza delle opportunità offerte dal digitale ed il sostegno alla comunità delle start up innovative italiane.
Sviluppare consapevolezza e competenze digitali in Italia
· Cisco ha firmato un accordo con il Ministero dell’Istruzione, Università e Ricerca che prevede azioni di formazione per docenti e studenti sui percorsi del programma Cisco Network Academy®, permettendo a questi ultimi di acquisire le nuove competenze digitali richieste dal mercato ed avere quindi maggiori opportunità di occupazione. A tale scopo, Cisco amplierà ulteriormente il suo Programma Networking Academy®, nato per fornire le competenze necessarie oggi e in futuro per operare con successo in un mondo sempre più interconnesso, inserendo moduli focalizzati sulle tecnologie per l’industria 4.0 e la cybersecurity.Sviluppare la comunità di start up tecnologiche innovative in Italia
· Cisco, come primo passo nello sviluppo dell’ecosistema delle startup italiane, sta valutando opportunità di investimento con Invitalia Ventures. Questo consentirà a Cisco di investire nello sviluppo delle migliori start-up del paese e di contribuire ad accelerare il potenziale tecnologico dell’Italia.
Cisco ha inoltre annunciato che, sulla base di questi investimenti, porterà avanti nei prossimi tre anni iniziative legate alla Ricerca e Sviluppo, alla collaborazione con le università italiane ed alla trasformazione digitale di due settori industriali di eccellenza del nostro Paese: il settore manifatturiero ed il settore agroalimentare. L’azienda continuerà a investire nella sua attività di ricerca basata in Italia nei laboratori Cisco® Photonics di Vimercate (MB), che guidano a livello mondiale lo sviluppo delle nuove tecnologie Cisco per le reti ottiche collaborando da tempo anche con importanti realtà della ricerca universitaria italiana.Sono inoltre in via di definizione nuove opportunità di collaborazione con il mondo accademico, focalizzate su formazione e ricerca nell’area della cybersecurity; infine, sarà ulteriormente ampliato l’impegno di Cisco a fianco delle imprese italiane del settore manifatturiero e agroalimentare nel loro percorso di trasformazione digitale, accelerando l’adozione di soluzioni tecnologiche in grado di rafforzare la loro competitività e di affermare nel mondo il primato di innovazione e di qualità del Made in Italy.
Chuck Robbins, CEO di Cisco, ha dichiarato: “Ammiro molto il Primo Ministro Renzi per la passione con cui persegue l’obiettivo di sfruttare la tecnologia per trasformare profondamente l’Italia, e per noi è un onore poter collaborare. Incrementando i suoi investimenti, Cisco svilupperà un ecosistema di talenti, imprenditorialità e innovazione che accelererà il percorso digitale del Paese e lo aiuterà a cogliere l’opportunità senza precedenti che ha di fronte”. (foto: cisco)

Posted in Cronaca/News, Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Balcani: tra i rifugiati/migranti più di 1 su 3 è un bambino

Posted by fidest press agency su mercoledì, 20 gennaio 2016

balcaniL’UNICEF ha oggi lanciato un allarme per i bambini che stanno arrivando nell’Europa sudorientale in questo rigido inverno, perché sono fisicamente esausti, impauriti, stressati e spesso hanno bisogno di assistenza medica. Le temperature sotto lo zero e la neve stanno aggravando le deboli condizioni fisiche dei bambini, mentre molti altri bambini in viaggio non hanno abiti adeguati o accesso ad una nutrizione appropriata alla loro età. Inoltre, la mancanza di rifugi e di inadeguato riscaldamento in molti centri di accoglienza, così come di bus e treni stanno ulteriormente aggravando la situazione. Secondo l’UNICEF, tra i rifugiati e i migranti arrivati (nei Paesi dell’area Balcanica) adesso più di uno su tre è un bambino: una percentuale che continua a crescere. Secondo fonti nazionali, nella Ex Repubblica Jugoslava di Macedonia, a dicembre la percentuale di bambini era del 37%, rispetto al 23% di settembre; in Serbia, a dicembre, i bambini rappresentavano il 36% rispetto al 27% di settembre. Presso gli spazi a misura di bambino dell’UNICEF in Serbia, a dicembre, la maggior parte dei bambini in transito erano neonati e bambini tra i 5 e i 9 anni. Nel 2015, su oltre un milione di rifugiati e di migranti che hanno attraversato il Mediterraneo e sono arrivati in Europa via mare, si stima che 253.700 erano bambini – uno su quattro.Il Coordinatore Speciale UNICEF per la crisi dei Rifugiati e dei Migranti in Europa, Marie-Pierre Poirier ha dichiarato che i bambini sono particolarmente soggetti a infezioni respiratorie, problemi di digestione e diarrea. L’uso non controllato di alimenti per bambini può comportare serie conseguenze per la loro salute.Secondo l’UNICEF le informazioni condivise sui bambini più vulnerabili in transito presso i confini restano insufficienti, principalmente a causa della rapidità con cui le popolazioni si spostano.Poirier ha detto che l’UNICEF si sta impegnando con i suoi partner per sviluppare piani di emergenza per le popolazioni in movimento e per aiutare il crescente numero di persone che rimane bloccata lungo il viaggio.Negli ultimi 3 mesi, l’UNICEF e i suoi partner hanno aiutato 81.000 bambini con servizi, spazi a misura di bambino adatti all’inverno nella Ex Repubblica Jugoslava di Macedonia, in Serbia e in Croazia. Inoltre, circa 18.000 bambini hanno ricevuto cure specialistiche presso spazi UNICEF per madri e figli.Nell’ultimo mese, l’UNICEF ha distribuito 13.500 kit comprendenti abiti invernali, coperte, fasciatoi e passeggini. In Croazia, 6.000 bambini hanno ricevuto equipaggiamenti per l’inverno, un numero simile è stato rifornito anche nella Ex Repubblica Jugoslava di Macedonia, mentre in Serbia, circa 8.000 bambini hanno ricevuto aiuti di base per l’inverno. Nello stesso periodo:
– Nella Ex Repubblica Jugoslava di Macedonia, 11.651 donne, delle quali 803 erano in gravidanza, hanno ricevuto assistenza. Nell’ultima metà di dicembre, 394 donne e 495 bambini hanno avuto accesso a servizi sanitari.
– In Serbia, 2.802 bambini sono stati allattati al seno e/o hanno ricevuto alimenti appropriati alla loro età, e 1.508 madri hanno ricevuto consulenza e supporto sulla salute e la nutrizione dei loro figli.
– In Croazia, più di 1.200 bambini hanno ricevuto cure presso gli spazi per madri e bambini e 352 madri hanno avuto supporto per l’allattamento al seno.

Posted in Estero/world news, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »