Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 33 n° 244

Archive for 28 gennaio 2016

How Brussels should deal with the question of China’s Market Economy Status

Posted by fidest press agency su giovedì, 28 gennaio 2016

shanghai-chinaThe European Union should not rush into granting Market Economy Status to China. Such a step would not only make it harder for the EU to impose anti-dumping duties on Chinese imports, exposing vulnerable European industries to a new price war. It would also risk creating a publicly visible clash of member states’ interests, further suffering of the EU’s legitimacy in the eyes of citizens and business communities, and another blow to the EU’s credibility as an international actor.In their China Policy Brief the MERICS experts Mikko Huotari, Jan Gaspers and Olaf Böhnke analyse the implications of removing one of the last roadblocks against unfair competition from EU-China trade relations. The authors urge European policy-makers to formulate common European interests from a position of strength and to enter into hard-handed negotiations with China. At the same time, the EU should shore up its trade defence regime to prepare for possible conflicts with China.
For the EU, the question of whether or not to grant Market Economy Status (MES) to China should not be on autopilot, regardless of China’s expectation to reach that status in December. EU policymakers should aim to find a solution between fully accommodating China and seeking open confrontation. In doing so, the EU should adopt and combine elements of approaches already pursued by some of the EU’s key Western partners, such as Australia, Canada, or the US. A possible EU strategy could include one or more of the following elements:
Transitional and sectoral bargains: The EU could grant MES in steps taking into account determinations of whether or not specific industries in China operate according to market principles.
Package deal: China would make concessions in exchange for MES. These could include export self-restrictions or a more level playing field for foreign companies in China.
WTO compliance: At the very least, the EU should push China for better compliance with its WTO commitments and to seek progress on concluding the planned WTO agreement on government procurement.
According to the MERICS authors the December 2016 deadline must be pushed back, giving the EU more time to develop a coordinated approach. In the meantime, the EU needs to modernise its trade defence mechanisms to prepare for the impact of the MES decision and possible retaliation from China.
When China joined the World Trade Organisation in 2001, a clause of China’s accession protocol explicitly allowed other states to use specific calculation methods to determine whether imported Chinese goods were unfairly priced. When this clause expires in December 2016, China expects to be automatically accepted as a full market economy by other WTO member states. The granting of MES would make it harder for those states to protect their trade interests from on-going unfair competition against China’s state-led economy.
China has not evolved into a full-fledged market economy in the 15 years since its accession to the WTO. Economic competition between China and Europe remains unfair. China’s current economic slowdown heightens the prospects of a trade war as China is increasingly trying to push its own overcapacities into the global market and to improve its export competitiveness with a further devaluation of its currency.The prevailing preference in the European Commission to proactively grant MES to China poses significant economic and political risks. Taking this step at this point in time would increase the impact of Chinese dumping and put pressure on a number of European industries, especially on heavy industries in Italy, Germany, Spain, France and Poland. Though the net effects are hard to predict, the EU is almost certain to lose credibility among its business community and citizens if it is not seen as fighting for a better deal for its own companies. The EU would also look weak in comparison with other international actors, most of whom are taking a more strategic stance towards Beijing on this issue.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Companies can raise investment by taking care of their staff

Posted by fidest press agency su giovedì, 28 gennaio 2016

Warwick Business SchoolLooking after your employees is good for business with new research finding that it brings in 35 per cent more investment from socially responsible funds. The study looked at 1,585 US corporations and 47 socially responsible investment (SRI) funds and found that those companies who treated their employees best had the most money poured into them by SRI funds. Onur Tosun, of Warwick Business School, looked at a host of indicators as to why SRI funds invest in different firms and found employee relations as the most important and it was especially noticeable in the construction, transportation, financial sector and personal services industries – which covers anything providing a service for people from law and accounting to cleaners and beauty shops.
Dr Tosun said: “This increased investment makes sense as firms investing in their employees signal high corporate social responsibility (CSR), which in turn potentially enhances a firm’s reputation and prestige.“Firms can improve their employee relations in a number of ways: for example by improving the working conditions for employees, fair wages and even by organising social events.“A good example is Pride Transport, a Utah-based trucking company. It uses employee engagement as a competitive advantage to keep good drivers. Not only is their pay competitive, but they find accommodation for them while they are on the road and help their families while the truckers are away.“Improvements in this area of CSR have been known to boost loyalty, employee contribution, and motivation through which productivity, firm performance and firm value increase. Naturally, this would draw funds’ investment.“My research also shows firms in specific sectors can benefit more from increased CSR efforts, but on the whole CSR investment is a worthwhile endeavour for any firm looking to attract SRI funds.”In the paper Is Corporate Social Responsibility Sufficient Enough to Explain the Investment by Socially Responsible Funds? Dr Tosun used the Kinder, Lydenberg and Domini Index (KLD) to measure 1,585 US companies’ CSR scores in employee relations, society, governance and environment.To look at the sensitivity of SRI funds towards CSR Dr Tosun measured the responses of 47 funds to the changes in firms’ CSR strategy by using the US Forum for Sustainable and Responsible Investment, which also goes by the name of US SIF, which shows their screening criteria for investment and the Thomson Reuters’ S12 database, which reveals the type and amount of shares funds hold.The study found that a one standard deviation point increase in employee relations saw the SRI funds whose criteria centred on CSR invest 17.2 per cent more, while a one point rise in society realised a 16.6 per cent increase in SRI investment, for environment it was 10 per cent and governance 10.4 per cent. SRI funds sensitive to the changes in firms’ CSR increase their ownership in firms by 15 per cent when those companies have a higher CSR score in all areas by one standard deviation point.“I found strong evidence that SRI funds increase their ownership in firms who increase their CSR policies,” said Dr Tosun. “Specifically, my results indicate SRI mutual funds with high CSR sensitivity have distinctively higher ownership in firms when those companies improve CSR in employee relations. Plus a one point increase in the employee relations area of CSR in firms resulted in 35 per cent more investment by SRI funds that concentrated its investing criteria on employee relations, which was the most of any of the criteria.“Increases in society CSR, such as improving housing in a bad neighbourhood by a construction company or covering education fees for local children, also sees firms gain a significant growth in investment. McDonald’s is a good example, it has a society focus CSR. Ronald McDonald House Charities provides free ‘home away from home’ accommodation to families while their child is in hospital.”
To make sure it is SRI funds responding to changes in firms’ CSR strategy and not the other way round Dr Tosun examined what new SRI funds did when looking at which firms to invest in.“The results showed the new funds responded to higher employee relations scores as well, so the causal relationship must be that way round,” said Dr Tosun.The research also showed SRI Mutual Funds perform better than the Nasdaq in 2007, 2008, and 2011.Dr Tosun added: “These results indicate that SRI portfolios had higher returns than the market around the financial crisis. This may be useful for investors seeking reliable investment options during times of financial instability and high uncertainty.”

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

How technology will drive the next wave of circular and service-based economics

Posted by fidest press agency su giovedì, 28 gennaio 2016

By Rob van den Heuvel, Senior Vice President Global Asset Management at DLL. Business leaders today face unprecedented challenges, in part due to the astonishing rate of technological advancement. The main topic of discussion at the World Economic Forum in Davos2 in January this year revolved around the impact of digital technology and the Internet of Things, which is set to revolutionize the way businesses serve their customers. In this new age, there are great commercial opportunities for those that utilize this new technology effectively. At the moment, much of this potential is being lost because the data is not being fully utilized. However, if businesses do draw on it effectively, the new industrial wave could generate up to $11.1 trillion a year by 2025, according to McKinsey. Harvard professor Michael Porter, a globally recognized authority on competitiveness, believes the Internet of Things is reshaping business and society. The rise of smart, digitally connected products will, he writes in Harvard Business Review, “generate real-time readings that are unprecedented in their variety and volume. Data now stands on par with people, technology, and capital as a core asset of the corporation and in many businesses is perhaps becoming the decisive asset.”While technology might unleash a new industrial revolution, we are also living in an age where our economic activities are threatening the planet on which we all depend. The great challenge, therefore, is for business leaders also to develop models that draw less and less on finite, non-renewable resources such as metals and minerals and reduces carbon emissions, offsetting two of the biggest environmental challenges we face: resource scarcity and global warming. There is a way forward which addresses both these issues and could help businesses to both engage their customers and develop a more environmentally friendly approach to commerce known as the circular economy, in which goods are designed to be recycled, reused, refurbished or remanufactured, extending their product life cycles. The circular economy concept, informed by such ideas as cradle to cradle, is also about driving towards a low carbon economy and utilizing healthy materials to make products, all of which lends itself to creating positive closed loop manufacturing systems.
This is the ideal. But how do we get there? The answer could be through developing service-based models, facilitated by servitization, in which customers demand smarter, added value services. Instead of selling an asset in a one-off transaction, the supplier provides a service such as selling the service of light rather than supplying lighting products or providing on-going medical scans rather than a scanner. This model is already familiar in some sectors such as office technology.
But the revolutionary shift is that more and more suppliers can go down this road. Porter describes how the service-based model, underpinned by the Internet of Things, will boost customer engagement: “The ability to remain connected to the product and track how it’s being used shifts the focus of a company’s customer relationship from selling—often a predominantly onetime transaction—to maximizing the customer’s value from the product over time. This opens up important new requirements and opportunities for marketing and sales.” They will maintain ownership of the product and will often be responsible, as part of the deal, for servicing it during use. The Internet of Things means that most suppliers will be able to monitor and keep in constant touch with their equipment digitally, facilitating an enhanced service: they can optimize the equipment, predict problems before they occur and fix them without breakdowns and radically improve minute by minute, their understanding of customer behaviour and needs. The second thing this service model does is enable the producer to maintain control over the assets in service and plan for their return and next life cycle. They will be incentivized to make things that are durable and perform well and that can be remanufactured, refurbished or recycled at the end of their first lifecycle. The process is, therefore, both profitable, competitive and environmentally responsible. Peter Lacy and Jakob Rutqvist, authors of the new book, Waste to Wealth, see such service-based models as one of the clear routes to the circular economy and describe how manufacturers should, “consider the entire product lifecycle when setting strategy”. In this scenario, products “must be designed for optimal use, maintenance, reuse, remanufacture, and recycling to avoid issues such as fast quality degradation, short lifespan, low utilization rate, and low recycling/return, which can directly impact the company’s bottom line.”
Putting together these deals is, however, more complex than a straightforward sale of an asset. First, you need to decide on the model to be used such as pay for use, leasing and rental, and then find ways to agree on terms that are viable for both parties, and enable the supplier to take back the asset at the end of use and recapture its value in a second or third life cycle. This is an area that DLL has been heavily involved in and from our experience, we can see that the right financial solutions will drive forward these new customer-centric circular economy models. Indeed, Lacy and Rutqvist explain that companies thinking of adopting a service-based model may “need to think creatively about financing, potentially collaborating with financial institutions such as banks and insurers to make it practically viable.” At DLL we are seeing that financial institutions can do more, working as collaborators and partners in the journey to circularity. Lacy and Rutqvist add that more than 80 percent of the service based-models they have studied are “blending it with one or more circular business models”, often paired with Product Lifecycle Extension models to repair or upgrade products. Indeed, we have built a Lifecycle Asset Management division, which facilitates revenue generating second and third life refurbishment business models. It is here that we have been expanding our capabilities to provide asset data, giving our customers more insights into the usage of their assets through the whole product lifecycle. This service-based model helps customers reduce the costs of ownership, get more efficient usage of their assets, and is beneficial for business and the environment. In this brave new world, financial solutions like our own lifecycle asset management division can provide the wiring for this new infrastructure: the Internet of Things and service-based models linked to the circular economy. And this is driving a revolutionary shift in the way we do business.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

GranitePhone: A completely secured Smartphone

Posted by fidest press agency su giovedì, 28 gennaio 2016

SmartphoneAs a result of an efficient collaboration (development completed in less than four months) between Archos Group (Archos and Logic Instrument) and Mirabilis (Sikur), the GranitePhone is entirely designed around Sikur’s security solution. The secured Smartphone is marketed by the Mirabilis Group in North and South America. Logic Instrument is a partner for EMEA.
Intended for users (consumer, professional and enterprise) wishing to protect the integrity and confidentiality of their communications, GranitePhone offers the highest level of security for voice, messages, data and instant messaging of all Smartphones available today.
The Center for Strategic and International Studies and McAfee estimated annual losses resulting from cyber-attacks close to 400 billion Euros. Smartphones are increasingly being used as gateways for hackers accessing user credentials or reading sensitive stored data, even if the devices are not connected to the network.
Thanks to Granite OS, the operating system developed by Sikur, the 5-inch Smartphone offers complete protection. Users can’t leave the Granite OS and they are tied to the preinstalled apps. There is no way to download applications from an App Store or install apps from an SD card. This ensures that no malware can infiltrate the system. In addition, the disabled GPS Tracking improves user privacy.
“We conducted a bug bounty program for the last eighteen months and we are the only company worldwide that has not been hacked yet!” Kenny Holroyd, Director of Sikur, said proudly.Loic Poirier, CEO of Logic Instrument, stated: “We expect to have delivered a significant volume by the end of March and Logic Instrument will distribute GranitePhone in Europe. We are proud to participate in the development, the production and the distribution of this high-value solution which both demonstrates our technological expertise and broadens our offer to our customers”.Lightweight (142g), ultrathin, powerful and elegant, it will appeal to those for whom secure communication is paramount, without sacrificing technology and design. The Smartphone features a 4G LTE module, a 16 and an 8 megapixels camera, a full-HD display, an 8-core processor, 2GB of RAM and 16GB of storage. (Photo: Smartphone)

Posted in Estero/world news, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Pyramid Research Predictions 2016

Posted by fidest press agency su giovedì, 28 gennaio 2016

PyramidPyramid Research predicts worldwide revenue from fixed, mobile and pay-TV services to remain flat in 2016, welcome news after a tumultuous year that 2015 was with a weak macroeconomic environment and significant currency devaluations. The New Year will offer stronger-than-ever opportunities to monetize digital transformation investments for telcos thanks to growing consumer appetite for bundles of services and content and enterprise need for streamlined operations, greater mobility and increased customer value.According to Pyramid’s ICT Predictions report, telcos will see a significant upside in smart home, insurance, automotive and security sectors, and greater usage of cloud services, M2M/IoT solutions, and mCommerce solutions in enterprise markets in 2016 worldwide. Internet giants including Google, Amazon, Facebook and Apple will give telcos a run for their money in these greenfield domains however, as they continue to pioneer the digital wave – that is, identifying and moving into new digital domains which are not necessarily yet on telcos’ radar.
Highlights from Pyramid’s ICT Predictions include:
2016 will be the last year when fixed service revenue will decline over our 5-year forecast period. Service bundling and convergence services as well as increasing availability and affordability of broadband services and higher bandwidth broadband connections are turning the tide for telcos.
India will account for roughly one-fourth of all mobile net additions in 2016, and together with China, US, Nigeria, DRC and Myanmar will represent 52% of all subscriptions added worldwide during the year.
2016 will be a pivotal period for the global IoT industry when leading MNOs will start commercializing NB-IoT solutions to accelerate the adoption of IoT services, by making it more efficient to connect things in areas hard to reach or that require a long battery life.
Africa will see new, regional players emerging in 2016 owing to the expected M&A activity during the year that will be motivated by spectrum acquisition and consolidation.
The M&A activity in Mexico and the US should continue in 2016, with Televisa, Movistar and AT&T all looking for assets in Mexico and America Movil in the US that can accelerate the availability of quad-play offerings as well as cross-border synergies.
Most European telecoms markets will either return or get close to revenue growth in 2016. Operator and investor’s confidence on the outlook of the European telecoms industry will improve as there is clear evidence of revenue stabilization/return to growth after several years of top-line pressure. (photo: Pyramid)

Posted in Estero/world news, Uncategorized | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Omaggio a Gene Kelly

Posted by fidest press agency su giovedì, 28 gennaio 2016

TAKE ME OUT TO THE BALL GAME, Gene Kelly, 1949

TAKE ME OUT TO THE BALL GAME, Gene Kelly, 1949

Studio Universal (Premium Mediaset DT) celebra Gene Kelly, attore regista coreografo e ballerino per i 20 anni dalla scomparsa con una maratona di suoi film, martedì 2 febbraio dalle 10.55 alle 20.25.
Si parte con Due marinai e una ragazza (1945) di George Sydney per proseguire con Facciamo il tifo insieme (1949) di Busby Berkeley, Un giorno a New York (1949) di Stanley Donen e Gene Kelly, Un americano a Parigi (1951) di Vincente Minnelli e Cantando sotto la pioggia (1952) di Stanley Donen e Gene Kelly.Gene Kelly, nome completo Eugene Curran Kelly (Pittsburgh, 23 agosto 1912 – Beverly Hills, 2 febbraio 1996), è stato un ballerino, attore, cantante, regista, produttore cinematografico e coreografo statunitense.
Esordisce a Broadway nel 1938 come ballerino di fila mentre 2 anni dopo è coreografo e protagonista del musical Pal Joy. Approda a Hollywood nel 1942 a fianco di Judi Garland e nel 1945 ottiene la sua prima nomination all’Oscar per Due marinai e una ragazza, in coppia con Frank Sinatra. Nel 1946 balla con il rivale Fred Astaire, in Ziegfield Follies, nel 1949 interpreta Facciamo il tifo insieme sempre con Sinatra e Esther Williams per poi dirigere e recitare Un giorno a New York. Poi i due capovalori: il classico Un americano a Parigi (1951), vincitore di 6 premi Oscar, e l’indimenticabile Cantando sotto la pioggia (1952) diretto da Stanley Donen. Nel 1951 Kelly venne insignito di un Oscar onorario “in apprezzamento della sua versatilità come attore, cantante, regista e ballerino, e in particolare per i suoi spettacolari successi nell’arte della coreografia cinematografica”. Il premio gli venne nuovamente consegnato durante la cerimonia degli Academy Awards del 1984, dopo che la statuetta andò perduta in un incendio che aveva distrutto la residenza dell’attore l’anno precedente.
Nel 1956 vinse un Orso d’Oro al Festival di Berlino per il film Trittico d’amore, mentre nel 1960 gli venne conferita la Légion d’honneur dal governo francese. Ottenne anche un premio alla carriera dall’American Film Institute nel 1985 e, nel 1994, fu insignito della National Medal of Arts dal Presidente Bill Clinton, ma all’epoca le sue cattive condizioni di salute non gli consentirono di ritirare di persona l’onorificenza. (foto: Gene Kelly)

Posted in Cronaca/News, Uncategorized | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Lista degli esami di laboratorio ad elevato rischio di inappropriatezza nelle persone con diabete

Posted by fidest press agency su giovedì, 28 gennaio 2016

laboratorio igieneAcido urico: Non è indicato per aumentare la capacità di predire gli eventi cardiovascolari né per motivare un trattamento ipouricemizzante finalizzato a ridurre il rischio cardiovascolare.
Apolipoproteine A e B: Possono essere considerate nella stratificazione del rischio cardiovascolare del soggetto diabetico ma allo stato attuale non sono raccomandate
Autoanticorpi anti-GAD: Sono un importante ausilio diagnostico ove non sia chiara dal punto di vista clinico la diagnosi di diabete tipo 1 e nei casi inquadrati come diabete tipo 2 ad esordio precoce ( Calcio: Non è un esame di routine nella gestione della malattia diabetica. Il suo dosaggio si raccomanda solo una tantum nei pazienti diabetici con osteoporosi di nuova diagnosi e, annualmente, in corso di trattamento con vitamina D (soprattutto se si utilizza il calcitriolo). E’ raccomandato almeno in presenza di malattia renale cronica allo stadio 3b (GFR< 45 ml/min per 1.73 m2) .
C-peptide: Non può essere considerato un esame di routine nel diabete. La sua misurazione è indicata solo quando vi è forte incertezza sulla tipologia del diabete, soprattutto se questa informazione può influenzare la scelta terapeutica.
Creatinchinasi (CK): Non è raccomandato durante terapia con statine a meno che non ci sia un fondato sospetto di miopatia.
Enzimi epatici (ALT, AST, GGT): Se ne raccomanda il dosaggio al momento della diagnosi di diabete e poi a cadenza annuale o biennale (più spesso solo se i valori sono alterati o se è documentata una steatosi epatica).
Esame chimico delle urine: E’ esame di scarsissima utilità. La glicosuria non è raccomandata per lo screening del diabete né per il monitoraggio del compenso glicemico. La ricerca di una positività per nitriti ed esterasi leucocitaria è raccomandata solo nei pazienti diabetici con sintomi/segni clinici suggestivi di IVU. La ricerca della microlbuminuria deve basarsi sul test specifico.
Emocromocitometrico: Non è raccomandato in presenza di normale funzione renale o di lieve insufficienza. Va effettuato nei diabetici con insufficienza renale moderata/grave (eGFR 65 anni.
Urea (azotemia): Non è utile per la valutazione della funzionalità renale del paziente diabetico e nulla aggiunge rispetto alla stima del filtrato glomerulare con le formule basate sulla creatinina. Può essere utile solo in caso di insufficienza renale molto grave (eGFR Urinocoltura: E’ raccomandata solo in presenza di sintomi/segni suggestivi di infezione delle vie urinarie. Non vi è alcuna indicazione allo screening e al trattamento antibiotico della batteriuria asintomatica.
Vitamina D: Non è raccomandata nella gestione della malattia diabetica. La supplementazione cronica con vitamina D ha dimostrato scarsi e/o assenti benefici sul compenso glicemico, sulla mortalità e sullo sviluppo e progressione delle complicanze croniche del diabete.

Posted in Cronaca/News, Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Lancio del Global Design Degree

Posted by fidest press agency su giovedì, 28 gennaio 2016

san diegoDomus Academy, in collaborazione con Domus Academy School of Design a NewSchool, San Diego ( U.S.A.), annuncia il lancio del Global Design Degree, che permetterà agli studenti di sperimentare un percorso formativo internazionale frequentando due anni di corso a Milano e due anni a San Diego. Al termine di questa esperienza internazionale, che combina il meglio dell’Italian design con la creatività e l’innovazione della California, gli studenti otterranno un diploma di laurea dalla Western Association of Schools and Colleges (WASC), NewSchool of Architecture & Design San Diego, e un diploma da Domus Academy Milano.
Domus Academy School of Design a NewSchool ha già aperto le iscrizioni per la sessione autunnale 2016 per i corsi di laurea in Interior Architecture & Design e in Product Design.”A Milano gli studenti sono immersi nella capitale del design, mentre San Diego, d’altra parte, offre una visione contemporanea sulla progettazione e l’innovazione tecnologica, lo stile di vita e la sostenibilità” ha dichiarato Alberto Bonisoli, Chief Academic Officer e ad interim Domus Academy Dean “La collaborazione tra Domus Academy School of Design a NewSchool San Diego e Domus Academy Milano è molto più di un semplice percorso di laurea. Si tratta di un’esperienza davvero globale che aprirà per gli studenti molte porte verso la creatività, una carriera di successo, e il mondo stesso, fornendo conoscenza di due culture progettuali e ampliando i contatti all’interno del mercato internazionale “.In entrambi i paesi, gli studenti seguiranno corsi tenuti da esperti del settore non solo per costruire basi teoriche, ma anche sviluppare progetti concreti con le aziende . Gli studenti hanno lavorato direttamente con firme del calibro di BMW Design Group, Crea International, Audio United, Elic , Fiat, Swenyo, Frog Design , FutureBrand, La Triennale di Milano, Matteo Thun & Partners, Pambianco, RCS Media Group, Studio Urquiola, Co -merge e Whirlpool.Attraverso la costituzione di Domus Academy School of Design a NewSchoool, le due università hanno da tempo iniziato una collaborazione che offre agli studenti locali una reale esperienza del design italiano, coinvolgendo docenti di fama mondiale da Milano e concentrandosi su una filosofia progettuale human-centered e un approccio formativo basato su progetti reali.
“Il design in Italia è da sempre un asset strategico per le aziende, e il successo del made in Italy è stato dovuto al magico incontro tra imprenditori, designer visionari e la competenza dei migliori artigiani “, ha dichiarato Elena Pacenti, direttore di Domus Academy School of Design a NewSchool . “Gli imprenditori nel settore produttivo e del mobile capirono che potevano differenziare i propri marchi attraverso il design.Il dialogo tra queste due realtà ha dato alla luce numerosi prodotti diventati ormai iconici.
Vogliamo infondere ai nostri studenti il concetto di ‘design come forma mentis’, e offrire loro un’esperienza internazionale in modo che possano essere pronti a risolvere qualsiasi tipo di problema in qualsiasi campo -dagli edifici ai prodotti, dagli interni alla grafica ”
Il nuovo Global Design Degree rappresenta un ulteriore passo del continuo impegno di NewSchool e Domus Academy verso l’innovazione, l’internazionalità e la promozione delle diversità culturali nella formazione.

Posted in scuola/school | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

“È ora di interrompere la pratica di prescrivere esami di laboratorio inutili”

Posted by fidest press agency su giovedì, 28 gennaio 2016

diabete_21-300x224La Società Italiana di Diabetologia, in assoluta sintonia con il Ministero della Salute, nell’ottica di ottenere attraverso l’appropriatezza delle prescrizioni un risparmio che consenta di garantire un maggiore accesso all’innovazione e quindi una migliore assistenza sanitaria, fornisce il suo contribuito nel mettere in evidenza sprechi nella richiesta di esami di laboratorio alle persone con diabete. “In un momento di ristrettezze economiche com’è quello attuale – afferma il professor Enzo Bonora, Presidente della SID – la ricerca dell’appropriatezza in sanità rappresenta un capitolo importante della spending review. In quest’ottica, la Società Italiana di Diabetologia, consapevole che evitare sprechi è fondamentale per liberare risorse in campo diagnostico e terapeutico, ha redatto un Position Statement sull’appropriatezza nella prescrizione alle persone con diabete di oltre 20 parametri di laboratorio che risultano essere stati prescritti troppo spesso nel 2014. Il Servizio Sanitario Nazionale potrebbe funzionare benissimo e forse anche meglio con il Fondo Sanitario allocato per il 2016 , se tutti applicassero in ogni circostanza le ‘4 C’ indispensabili per fare bene il medico: Conoscenza, Competenza, Compassione e Coscienza. L’appropriatezza, sia nelle procedure diagnostiche che nelle scelte terapeutiche, ne sarebbe una logica conseguenza”.
La spesa per il diabete. Attualmente, l’assistenza medica ai circa 4 milioni di italiani con diabete costa al Servizio Sanitario Nazionale circa 16 miliardi di euro, pari a quasi il 15% del Fondo Sanitario Nazionale. Questa spesa (circa 4 mila euro per paziente per anno se vengono considerati i costi reali e non le tariffe virtuali) è così distribuita: 1% per visite specialistiche diabetologiche, 1% per esami di laboratorio di routine come l’emoglobina glicata, 4% per farmaci anti-diabete orali e iniettivi, 4% per dispositivi (siringhe, aghi, lancette e strisce reattive). A fronte del 10% circa della spesa totale attribuibile alla gestione ordinaria della malattia, ben il 90% è da riferire a ricoveri ordinari e Day Hospital (il 68% circa), altri farmaci (14%), consulenza specialistiche extra-diabetologiche, esami strumentali, esami di laboratorio diversi da quelli utilizzati per il monitoraggio ordinario della malattia ma spesso prescritti aille persone con diabete, procedure terapeutiche ambulatoriali (8%).
Le raccomandazioni della SID. Il documento non riguarda i parametri di laboratorio standard utilizzati nel monitoraggio del diabete e neppure l’automonitoraggio glicemico domiciliare, ma un’altra ventina di parametri di laboratorio che vengono spesso prescritti alle persone con diabete senza forti evidenze di una loro reale utilità clinica se non in casi particolari. Si va dal dosaggio dell’acido urico a quello degli enzimi epatici (ALT, AST, GGT), dal dosaggio del calcio a quello della vitamina D, dall’emocromo all’esame fisico-chimico delle urine. Ognuno dei parametri esaminati dagli esperti della SID, ha una sua utilità all’interno di condizioni situazioni cliniche particolari, ma è di limitata o nulla utilità nella grande maggioranza delle circostanze in cui viene prescritto. La SID stima che, su base nazionale, il risparmio annuo derivante da un minor ricorso a questi esami inappropriati nelle persone con diabete (prescritti da specialisti di tutte le discipline e da medici di medicina generale), ammonta a oltre 50 milioni di euro (equivalente alla somma degli stipendi lordi di oltre 600 diabetologi o a tutta la spesa per farmaci anti-diabete consumati in una regione con 5 milioni di abitanti). Il position statement si propone di offrire raccomandazioni evidence-based ai diabetologi, agli altri specialisti e ai medici di medicina generale. Queste raccomandazioni si riferiscono alle sole persone con diabete. Di seguito sono riportate in breve le principali raccomandazioni. “La SID ritiene – sottolinea il presidente Enzo Bonora – che se tutte le società scientifiche facessero altrettanto per le aree cliniche di loro competenza si potrebbe avviare un percorso virtuoso in grado di determinare risparmi ben superiori ai 100 milioni di euro annui ipotizzati dal Ministero della Salute”.

Posted in Cronaca/News, Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Cresce in fretta il G-test, il test di screening non invasivo

Posted by fidest press agency su giovedì, 28 gennaio 2016

cellule cutaneeVa effettuato a partire da un prelievo di sangue materno che permette di ‘guardare’ nel DNA del feto nella pancia della mamma per identificare eventuali malattie cromosomiche. Alle Trisomie 13,18 e 21 (Down) si aggiungono tre importanti Sindromi da Delezione cromosomica: Cri du Chat il cui nome deriva da un tipico modo di piangere del neonato, 1p36 in cui manca una parte del cromosoma 1 e 2p33.1 che colpisce il cromosoma 2. Patologie che fanno paura e che per molte delle quali non esiste ancora una cura. Alcune sono compatibili con la vita, altre prevedono diversi gradi di disabilità fisica e intellettiva, sino a quelle che prevedono la nascita di un bambino con una prospettiva di vita estremamente breve. Malattie rare? Non proprio: se prendiamo le anomalie cromosomiche singolarmente si tratta di patologie relativamente frequenti ma basta fermarsi a fare due calcoli perché l’insieme delle condizioni analizzate da questo test di screening assumano contorni molto diversi.Moltiplicando l’incidenza per il numero delle nascite, solo le Trisomie 13, 18 e 21 contano circa 779 casi nel nostro Paese a cui bisogna aggiungere circa 474 casi di neonati affetti da delezioni e microdelezioni (ne sono state prese in considerazione otto: Sindrome Cri du Chat, Jacobson, Van der Woude, Prader- Willy, Delezione 1p36 Delezione 16p12 e Trisomie). A questo punto abbiamo una stima di 1253 casi ossia 1 bambino ogni 406 nati vivi.
Il nostro corpo è composto da cellule. Per poter funzionare, le cellule hanno bisogno di “istruzioni” che sono contenute nel nostro DNA. Nel DNA ci sono migliaia di geni e ogni cellula contiene una copia di queste “istruzioni” come un qualsiasi elettrodomestico che venga fornito con il suo manuale. Questa specie di grande enciclopedia quindi (il DNA) si attorciglia e si posiziona sui cromosomi in numero di 23 coppie (per un totale di 46). Ogni cambiamento nel numero, dimensioni o struttura dei cromosomi può creare l’informazione genetica. Le mutazioni cromosomi che si possono verificare all’atto del concepimento o essere ereditate da uno dei due genitori. Possono avvenire due tipi principali di mutazione: nel numero di cromosomi, come nella trisomia (nella sindrome di Down ad esempio i soggetti hanno 47 cromosomi invece che 46. In particolare il cromosoma 21 si presenta in 3 copie anziché 2) o nella struttura, con l’aggiunta o perdita di materiale, come nel caso delle delezioni. Il termine delezione indica che una parte del cromosoma è assente e con essa i geni che contengono le informazioni per il buon funzionamento del nostro organismo. Una delezione, quindi, può portare ritardo mentale e dello sviluppo, difficoltà di apprendimento e diverse altre problematiche, la cui gravità dipende dalla grandezza e dalla localizzazione della delezione stessa. Alcune sindromi da delezione sono ormai conosciute e sono state aggiunte alle anomalie che il G-Test può individuare. Avere un figlio sano è il primo desiderio di ogni coppia e le moderne biotecnologie permettono di valutare eventuali rischi in un periodo sempre più precoce della gravidanza. E’ il motivo dell’ampia diffusione della diagnostica prenatale spesso dedicata alle donne che hanno una gravidanza oltre i 35 anni ma che si sta diffondendo anche tra quelle più giovani: si pensi che si sono sottoposte ad amniocentesi anche l’1,88% delle donne con meno di 25 anni con picchi dell’8.88% nelle Marche, del 3,07% nel Lazio che si posiziona al secondo posto e del 3.04% dell’Umbria. E anche nella fascia 25-29 anni il ricorso a questa indagine invasiva coinvolge una media del 3% di donne sul territorio nazionale che si impenna al 10% nel caso delle Marche, all’8,02% in Umbria e al 6,33% del Lazio che comunque porta a casa una medaglia di bronzo. Al crescere dell’età materna cresce il riscorso all’amniocentesi: l’hanno eseguita il 32,33% delle donne tra 38-40 anni e il 35% delle over 40 anche se sforano la media nazionale almeno 5 regioni: Liguria (63,59%), Umbria (59,79), Valle D’Aosta (59,65) e Basilicata (43,08%) mentre il Lazio segue al sesto posto con il 42,38%. Tassi in alcuni casi troppo alti anche in termini di rischio abortivo, un dazio pagato in circa l’1- 1,5% dei feti sottoposti ad indagini invasive (dati Rapporto CEDAP Certificati di assistenza al parto 2015).
MALATTIE CROMOSOMICHE NON EREDITARIE – “L’attenzione alla maternità e all’evento nascita gode quindi della massima attenzione ed è considerato sempre più prezioso per gli individui e le società intere” spiega il Professor Giuseppe Novelli Rettore dell’Università e Specialista in Genetica Umana: ”E’ importante quindi conoscere tempestivamente anche la presenza di condizioni genetiche che non vengono ereditate da uno dei due genitori ma che si verificano in maniera casuale e che possono colpire chiunque nella popolazione generale. Malattie che talora diventano più frequenti all’aumentare dell’età della gestante. Sapere se il feto presenta delle anomalie gravi permette di impostare un percorso di sostegno prima della nascita, ma anche di decidere se portarla a termine nel caso che la malattia del bambino abbia una prognosi infausta, basti pensare alla trisomia 22 in cui i nati vivi sono una rarità, ai neonati con Sindrome di Van der Woude che nascono con gravi alterazioni dello sviluppo di testa e volto e con labio-palatoschisi, sino alla Trisomia 13 in cui la metà dei neonati muore entro il primo mese e solo il 10% sopravvive sino a un anno. Nella maggior parte dei casi si tratta di malattie associate a disabilità mentale o fisica, immunodeficienze, anomalie cardiache, convulsioni, disturbi ormonali ecc”.
L’IMPORTANZA DEL COUNSELING GENETICO – E’ per questo motivo che la gestione dei risultato positivo dello screening è una fase delicata e fondamentale: i futuri genitori alle prese con un risultato che evidenzia il rischio di una malattia di questo tipo non possono essere lasciati soli ma hanno bisogno di essere accompagnati in un percorso di ‘counseling genetico’ che preveda diverse figure professionali.

Posted in Cronaca/News, Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Recital Maria João Pires

Posted by fidest press agency su giovedì, 28 gennaio 2016

Maria João PiresLugano martedì 2 febbraio al Teatro LAC. Protagonisti della serata saranno una decana della tastiera, l’artista settantaduenne Maria João Pires, e il trentenne Miloš Popovic, vincitore di numerosi concorsi internazionali, tra cui quelli di Gorizia e Belgrado. La Pires, insignita nel 2002 del prestigioso IMC-Unesco International Music Prize, si dedica da decenni alla riflessione sull’influenza che l’arte può esercitare sulla vita e sulla società, portando nei suoi seminari internazionali le sue innovative idee pedagogiche. Maestra e allievo hanno collaborato all’interno di un singolare progetto in Belgio, dove attualmente Popovic vive: nell’ambito della Music Chapel Reine Elisabeth hanno preso parte al Partitura Project, in cui un gruppo di giovani pianisti di talento si sono uniti intorno alla grande artista portoghese per creare una virtuosa sinergia, un’alternativa possibile in un mondo troppo concentrato sulla competitività.
Est e ovest d’Europa si incontrano nell’esperienza di Maria João Pires e Miloš Popovic – portoghese lei, serbo lui -, intorno alla musica di due grandi autori nati e vissuti invece nel cuore del vecchio continente: Beethoven e Schubert. I protagonisti del concerto rappresentano anche due generazioni distanti, l’una erede dell’altra, e sarà perciò interessante ascoltarli separatamente e in duo.
Elegante il programma in cartellone: a fare da sipario iniziale e conclusivo, due pagine di Schubert a quattro mani, entrambe composte nell’ultimo anno di vita dell’autore, il 1828. L’Allegro in la minore Lebensstürme D 947 è un lavoro singolare, forse concepito come movimento di una sonata mai scritta e pervaso da un profondo senso di inquietudine. Celeberrima la Fantasia in fa minore D 940, considerata un vero pilastro nel repertorio per duo pianistico ed attraversata dalla splendida vena melodica di Schubert. La Fantasia è dedicata ad una allieva, la giovane nobildonna Caroline Esterházy, che con il compositore austriaco ebbe una relazione amorosa.
Di Beethoven, la Pires interpreterà l’op. 111, ultima sonata del genio di Bonn, caratterizzata da una ricerca formale innovativa per l’epoca e incentrata sulla sublime arte della variazione. Popovic eseguirà invece l’op. 53, la Waldstein – dal nome del dedicatario -, esempio della cosiddetta seconda maniera beethoveniana, in cui profondità d’ispirazione e virtuosismo tecnico – caratteristiche che Beethoven incarnava sia da autore che da pianista – si fondono con esiti di sorprendente modernità. Appuntamento alle 20.30 alla Sala Teatro LAC martedì 2 febbraio 2016 – 20.30 (foto: Maria João Pires)

Posted in Estero/world news, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Una proposta di formazione e apprendistato in Germania per i giovani europei

Posted by fidest press agency su giovedì, 28 gennaio 2016

berlinoSiete interessati a un periodo di formazione professionale e di apprendistato in Germania? Se avete tra i 18 e i 27 anni, siete cittadini europei e siete in possesso di un diploma di scuola media superiore allora può fare al caso vostro il programma MobiPro del Ministero del lavoro della Germania, che offre attività di formazione professionale con tirocinio e apprendistato in Baviera e Renania settentrionale-Vestfalia. È il messaggio diffuso dal servizio Eures dell’Agenzia Piemonte Lavoro, che il 2 e il 3 febbraio a Torino effettuerà le selezioni: chi è interessato a candidarsi deve inviare il proprio cv a eures@cittametropolitana.torino.it entro il 31 gennaio 2016. Sono 8 i profili ricercati dai tedeschi: tecnici dei servizi di ristorazione, cuochi, parrucchieri, elettricisti, meccanici, meccatronici, autisti e receptionist. L’apprendistato previsto dal programma di mobilità formativa MobiPro è basato sul sistema duale, vale a dire pratica e formazione retribuita in azienda e formazione nella scuola professionale.
Per partecipare al reclutamento del 2 e 3 febbraio non è richiesta la conoscenza del tedesco o dell’inglese: è in programma una fase di preparazione linguistica intensiva gratuita a Torino e un percorso di orientamento alla professione in Germania. Chi supererà il livello B1 di lingua tedesca alla fine del corso avrà la possibilità di partire per un tirocinio di 4-6 settimane in un’azienda tedesca.
E se al termine azienda e tirocinante si trovano bene insieme, verrà stipulato un contratto di apprendistato che, a seconda della professione scelta, durerà dai 3 anni ai 3 anni e mezzo.

Posted in Estero/world news, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Risultati Novartis

Posted by fidest press agency su giovedì, 28 gennaio 2016

novartisForte crescita del fatturato (in v.c.) su base annua, incremento del risultato operativo e dell’utile per azione, al netto degli eventi eccezionali2 Il fatturato cresce del 5% (in v.c.) e il risultato operativo al netto degli eventi eccezionali del 10% (in v.c.) Il margine operativo al netto degli eventi eccezionali aumenta di 1,3 punti percentuali. Il risultato operativo (-2 in v.c.) diminuisce soprattutto a causa degli ammortamenti relativi ai nuovi asset di Oncology
L’utile netto (-18%) ha risentito degli eccezionali guadagni del 2014 (derivanti dalla vendita di azioni di Idenix e LTS) e degli oneri straordinari del 2015 (relativi alle consociate in Venezuela)
L’utile annuo per azione, al netto degli eventi eccezionali, cresce del 10% (in v.c.) a 5,01 dollari
Il cambio sfavorevole ha inciso negativamente, fino al -10%, sul fatturato e fino al -15% sul risultato operativo ‘core’ Il free cash flow è di 9,3 miliardi di dollari, in flessione del 15% (in dollari) a causa degli andamenti valutari
· Quarto trimestre solido, con crescita del fatturato pari al 4% (in v.c.) e del risultato operativo ‘core’ pari al 9% (in v.c.)
o La forte performance dei Farmaceutici compensa la flessione di Alcon
· Costante dinamismo dell’innovazione, con autorizzazioni e richieste di approvazione chiave nel quarto trimestre
Approvato Entresto in Europa per lo scompenso cardiaco cronico
Approvato Cosentyx per AS e PsA in Europa e, a gennaio 2016, negli Stati Uniti
Sandoz presenta il dossier registrativo in Europa per il biosimilare etanercept e negli Stati Uniti per pegfilgrastim
· Focalizzazione della Divisione Alcon sui core business Surgical e Vision Care, con il programma di crescita in corso o Il business dei farmaci oftalmici di Alcon viene trasferito alla Divisione farmaceutici, unendo così la forza dei brand Alcon a quella del Farma nello sviluppo e nel marketing
· Fare leva sulle economie di scala nel Gruppo porterà a una maggiore efficienza e innovazione
Centralizzazione delle attività produttive del Gruppo per ottimizzare la capacità di pianificazione e contenere i costi
Integrazione interdivisionale di alcune funzioni dello sviluppo farmaci per migliorare l’allocazione delle risorse, delle tecnologie e degli standard allo scopo di incrementare ulteriormente l’innovazione o Si prevede che questi cambiamenti possano generare ogni anno un contenimento dei costi superiore al miliardo di dollari entro il 2020, a partire dal 2016; i costi una tantum della ristrutturazione, pari a 1,4 miliardi di dollari, saranno ripartiti nell’arco di 5 anni
· Cambiamenti nella leadership Novartis con effetto dal 1° febbraio 2016
Mike Ball è nominato Divisione Head e CEO di Alcon, subentrando a Jeff George
Vas Narasimhan diventa Global Head Drug Development e Chief Medical Officer
Andre Wyss è nominato President delle Novartis Operations
· Proposto per il 2015 un dividendo per azione di 2,70 franchi svizzeri, in crescita del 4%
· Previsioni per il 2016: Si prevede che fatturato e risultato operativo ‘core’ siano sostanzialmente in linea con quelli dell’anno precedente (foto: novartis)

Posted in Cronaca/News, Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Crescita demografica, espansione economica e energia

Posted by fidest press agency su giovedì, 28 gennaio 2016

energia bluEntro il 2050 la domanda globale di energia aumenterà del 50%. A metterlo in evidenza è Avvenia (www.avvenia.com), pioniere nel campo della sostenibilità ambientale e dell’efficienza energetica.«Ma il prezzo del petrolio continuerà a scendere negli anni a venire» sottolineano gli esperti di Avvenia, perché l’Opec da sola non metterà in campo manovre restrittive contro i cali del prezzo dell’oro nero.Da oltre un anno il petrolio subisce infatti pesanti cali a causa del crescente eccesso di offerta proprio perché l’Opec non ha mostrato alcuna intenzione di reagire in virtù del fatto che sarebbe questa una manovra unilaterale che risulterebbe beneficiare gli altri produttori.Allo stesso tempo Avvenia prevede che i miglioramenti dell’efficienza energetica ed il maggiore utilizzo dei combustibili a più basso contenuto di carbonio contribuiranno a dimezzare la carbon intensity dell’economia globale, ovvero la quantità di emissioni di gas a effetto serra.Le analisi di Avvenia confermano la convinzione che per soddisfare la crescente domanda di energia saranno necessarie fonti diverse da quelle petrolifere.«Certo, come ogni fenomeno economico o storico, anche il petrolio subisce, di norma sul lungo termine, andamenti ciclici che presentano crescita o decrescita del prezzo. Questo tipo di comportamento viene di solito studiato, al fine di pianificare ed attuare gli investimenti, delle grandi compagnie che lavorano nell’estrazione/distribuzione/raffinazione» spiega l’ingegnere Giovanni Campaniello, fondatore e amministratore unico di Avvenia, che non ha dubbi che il petrolio abbia ormai smesso di rispondere alle dinamiche di domanda e offerta. Ed ultimamente, osserva Avvenia, il petrolio ha rappresentato di per sé un fattore di rischio per queste compagnie costrette a gestire approvvigionamenti indicizzati in base al prezzo del greggio e non sempre in grado di adeguare il prezzo di vendita agli hub continentali per via di una forte depressione dei consumi ovvero della domanda.«Volendo quindi allargare il focus di quanto affermiamo, ovvero l’irrazionalità dell’andamento dei prezzi del greggio, legato oramai da anni a pura speculazione economica o finanziaria e che in quanto tale come tale rischia di fare la fine dei titoli subprime, è un tipo di fenomeno che ha radici piantante ben indietro nel tempo» aggiunge l’ingegnere Giovanni Campaniello.«Abbiamo assistito ad una crescita quasi forsennata del prezzo del petrolio al barile in un momento in cui l’economia ristagnava e la domanda diminuiva. Al contempo le stesse grandi società hanno rivisto i propri piani di investimenti in opere di ingegneria e costruzioni; questo settore, però, è corso dai tempi ai ripari per ridurre la propria vulnerabilità a queste dinamiche. Ed a questo tipo di soluzione dovrebbe giungere tutto il settore industriale ed economico rendendosi sempre più indipendente dall’andamento del costo delle materie prime» conclude l’ingegnere Giovanni Campaniello.A giovare dei prezzi alti del greggio, osservano gli analisti di Avvenia, sono state sicuramente nazioni come Russia (70% del loro export si basa su gas e petrolio), Arabia Saudita e anche gli Stati Uniti con i forti e rapidi investimenti nel settore delle estrazioni.Cosa ha portato al crollo del prezzo del petrolio che dal luglio del 2014 è sceso del 70%? Secondo Avvenia diversi fattori ne sono all’origine. La geopolitica di un tempo sembra essere drasticamente cambiata; neanche un decennio fa sarebbe bastata un folata di venti di guerra per veder salire il prezzo del petrolio al barile.Oggi, invece, con un panorama Medio Orientale e Nord Africano dilaniato da guerre civili e religiose, i continui attentati a raffinerie e ai punti nodali di distribuzione e di stoccaggio, nonché i continui furti e la nascita di un vero e proprio mercato nero su cui oggi si vende a 20 dollari al barile contro i 30 dollari di quando costava 60 dollari sui listini ufficiali, sembrano non contare più nulla. E L’Opec stessa che riunisce i 13 maggiori Paesi estrattori di greggio non riesce a stabilire una politica sui numeri che riguardano le quantità da immettere sul mercato.Secondo Avvenia lo scontro, l’Islam sunnita di Riad e quello sciita di Teheran, è la vera ragione di quanto sta accadendo. Il percorso intrapreso dall’Iran nei confronti delle istituzioni internazionali per favorire la soppressione delle sanzioni economiche ha aperto a nuovi scenari in cui gli schemi della geopolitica tradizionale sono saltati. É in gioco un predominio sull’area, è in gioco il nome di chi deciderà cosa sarà del prezzo del petrolio di qui sino al suo prossimo esaurimento, nonostante di per sé l’Arabia Saudita rappresenti solo il 13% delle riserve mondiali.Non basta neanche la guerra che i Sauditi hanno dichiarato alle società che pensavano di sfruttare il fracking per immettere nuovo gas e petrolio “non convenzionale” sui mercati, anche Europei, a giustificare questi prezzi. Già con una prima riduzione del 30% dei prezzi in dollari al barile i creditori stavano chiudendo i rubinetti e le linee di credito a queste compagnie oramai prossime al fallimento perché i prezzi di vendita non ripagano i costi operativi, nonostante gli States abbiano duramente difeso la loro politica industriale nel settore pompando barili su barili ogni giorno: 11,6 milioni circa contro gli 11,5 dell’Arabia Saudita e i 10,8 della Russia. E l’Iran promette di introdurre altri 10 milioni di barili al giorno con un costo di produzione dichiarato di 10 dollari al barile.
E la Russia? La Russia è un Paese che fino al 2007 ha conosciuto un tasso di crescita del PIL dell’8% mettendosi in coda ad altre superpotenze economiche come la Cina. Il suo ruolo strategico, soprattutto in campo energetico, è stata quasi la chiave della sua enorme espansione. Ma si è trovata però ben presto in una congiuntura davvero sfavorevole, partita con la difficile posizione in cui si è posta nei confronti dell’Europa sulla questione “Ucraina”. La crescita si sa, si fa anche e soprattutto nel privato con aziende che si indebitano per investire, in questo caso in valuta estera. Così, crisi diplomatiche, sanzioni e prezzi ridicoli del petrolio, stanno mettendo in ginocchio un colosso che viene più volte accusato di aver riacceso la “guerra fredda”, con una moneta sempre più debole ed un export dai volumi economici drasticamente ridotti. E l’asse con Teheran sarà fondamentale nonostante il ribasso dei prezzi non favorisca assolutamente Mosca.
Cosa ci aspettiamo per il futuro? Ripartiamo dalla causa di base. Il prezzo del petrolio è quasi uno specchio della guerra geopolitica tra Iran e Arabia Saudita, ovvero la guerra nell’Islam. Non solo però: le sanzioni imposte all’Iran nel 2011 hanno permesso all’Arabia Saudita di conquistare un vantaggio strategico nel muovere sui mercati asiatici. Vantaggio che ora rischiano di perdere.
Negli Anni ’80, ultimo caso in cui si ricorda una crisi del genere, gli Arabi non furono in grado di frenare la caduta dei prezzi ed alla fine ci rinunciarono, vedendolo arrivare a 10 dollari al barile, ed affidandosi alla speranza nella ciclicità degli eventi. Non c’era questo Iran però.Sappiamo che fino a 25 dollari al barile gli Arabi potrebbero continuare ad estrarre senza però poter pianificare ulteriori iniziative o investimenti erodendo comunque le loro riserve. Sappiamo anche che, nonostante i bassi costi di estrazione, il prezzo di equilibrio del petrolio al barile Saudita è di 95 dollari al barile mentre per quello Iraniano è 70 dollari circa, quindi decisamente più basso. Ecco perché l’Iran spaventa così tanto.D’altro canto l’Arabia Saudita può contare su 3 anni di riserve mentre l’Iran rimarrebbe a secco dopo soli 20 mesi, nonostante sia la quarta riserva mondiale. E quanto registrato negli ultimi 2 giorni di borsa della scorsa settimana è sicuramente un fenomeno di speculazione finanziaria che ancora di più, nella confusa situazione, mette in luce come lo spettro di una bolla sia vicino.Le compagnie petrolifere hanno iniziato ad emettere obbligazioni ad altro rendimento, tipicamente quindi ad altro rischio e potenzialmente spazzatura, che sono il pane quotidiano di esperti e professionisti speculatori, delle quali il 50% è già deteriorato.La domanda globale sale ed i prezzi crollano mentre la produzione viene mantenuta costante e rischia di essere aumentata dall’Iran: ciò che ci aspettiamo è una discesa dei prezzi sino ai 20 dollari al barile, soprattutto in questa fase iniziale di uscita di Teheran dal periodo di sanzioni con una potenziale immissione in blocco di milioni di barili di petrolio sul mercato. Politiche più assennate potrebbero poi riportarlo nel terzo e quarto trimestre 2016 intorno ai 50 dollari al barile.Secondo Avvenia, infine, gli investimenti, a causa dei bassi margini di profitto, tendono a ridursi e quindi anche il volano economico legato al petrolio rallenta, perché il break-even è lontano dagli attuali prezzi, volendo anche considerare un prezzo medio negli ultimi mesi di 50-60 dollari al barile.Nel frattempo le grandi compagnie stoccano il petrolio in alto mare in navi cisterna per attendere prezzi agli hub europei ancora più alti e marginalizzare di più nella fase di iniziale controtendenza (rialzo), non bastassero gli attuali di margini di guadagno.Lo spettro per tutti i Paesi è quello di una deflazione dei prezzi con un rallentamento della crescita. Questo perché purtroppo ancora oggi la crescita di quasi tutte le economie di Stato risente delle dinamiche dei mercati energetici da cui dichiarano di volersene rendere indipendenti ma da cui non si staccano a causa dei forti gettiti fiscali e qui si veda il caso dell’Italia in particolare. L’efficienza energetica concludono gli analisti di Avvenia è quindi l’unica vera possibilità di cambiare tale situazione facendo leva su di una riduzione del fabbisogno energetico a parità di produzione.

Posted in Cronaca/News, Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Carcinoma polmonare

Posted by fidest press agency su giovedì, 28 gennaio 2016

Boehringer Ingelheim1 Boehringer Ingelheim ha annunciato oggi i risultati dello studio LUX-Lung 7. Afatinib, target therapy anti-EGFR di seconda generazione, ha dimostrato superiorità rispetto a gefitinib, terapia di prima generazione, in termini di sopravvivenza libera da progressione di malattia e tempo intercorso sino al fallimento terapeutico in pazienti con carcinoma polmonare non a piccole cellule (NSCLC) avanzato o metastatico, con mutazioni comuni di EGFR (Del19 o L858R), in prima linea di trattamento. Lo studio di Fase IIb ha raggiunto due endpoint co-primari: sopravvivenza libera da progressione di malattia (PFS) secondo revisione indipendente, e tempo intercorso sino al fallimento terapeutico (definito come l’intervallo di tempo intercorso dall’inizio della terapia fino alla sua interruzione per qualsiasi motivo). I risultati dello studio LUX-Lung 7 verranno presentati oggi in occasione del 14esimo Congresso Annuale del British Thoracic Oncology Group (BTOG) in corso a Dublino. I risultati relativi alla sopravvivenza globale (OS), terzo endpoint co-primario, non sono ancora maturi e verranno presentati in futuro.I risultati dello studio LUX-Lung 7 dimostrano che afatinib ha ridotto in modo significativo il rischio di progressione di malattia del 27% rispetto a gefitinib. Il miglioramento in termini di PFS risulta più marcato nel corso del tempo, con una percentuale significativamente maggiore di pazienti vivi e liberi da progressione a 18 mesi (27% versus 15%) e 24 mesi (18% versus 8%), dimostrando quindi un maggior beneficio nel lungo termine del trattamento con afatinib rispetto a gefitinib. Oltre al superiore beneficio in PFS, i pazienti nel braccio con afatinib hanno avuto una permanenza in trattamento significativamente maggiore e quindi un rischio di fallimento terapeutico ridotto del 27% rispetto a gefitinib. Un numero significativamente superiore di pazienti ha avuto una risposta obiettiva (riduzione clinicamente significativa delle dimensioni del tumore) con afatinib rispetto a gefitinib (70% versus 56%), con durata mediana della risposta rispettivamente di 10,1 mesi e 8,4 mesi. Il miglioramento della PFS riscontrato con afatinib è stato consistente nella maggior parte dei sottogruppi predefiniti, tra cui sesso, età, razza e tipo di mutazione di EGFR.Il principal investigator dello studio LUX-Lung 7, il Prof. Keunchil Park, Direttore dell’InnovativeCancer Medicine Institute (ICMI) del Samsung Medical Center, Facoltà di Medicina dell’Università Sungkyunkwan di Seoul, ha così commentato: “LUX-Lung 7 è il primo studio internazionale a confrontare direttamente due target therapy anti-EGFR nel trattamento di prima linea, e i suoi risultati dimostrano i benefici dell’inibitore di seconda generazione afatinib rispetto alla terapia di prima generazione gefitinib. Questi risultati offrono un importante orientamento nella scelta della terapia di prima linea per pazienti con tumore polmonare positivo per mutazioni di EGFR”.Gli eventi avversi osservati nello studio LUX-Lung 7 sono stati consistenti con i profili di sicurezza noti dei due farmaci. Il trattamento in entrambi i bracci è risultato generalmente tollerabile, con una bassa percentuale di interruzione pari al 6,3%, sia con afatinib sia con gefitinib. La frequenza complessiva di eventi avversi gravi è stata simile per entrambe le terapie (afatinib: 44,4%; gefitinib: 37,1%); gli eventi avversi più comuni di grado ≥3 sono stati: con afatinib, diarrea (12,5%) e rash/acne (9,4%); con gefitinib, aumento di aspartato-aminotransferasi (AST)/alanina aminotransferasi (ALT) (8,8%) e rash/acne (3,1%). Interstiziopatia polmonare farmaco-correlata è stata riportata in quattro pazienti in terapia con gefitinib e in nessun paziente in terapia con afatinib.“LUX-Lung 7 è il secondo studio positivo che ha confrontato direttamente afatinib con un inibitore delle tirosin-chinasi (TKI) di EGFR di prima generazione nel carcinoma polmonare, dimostrando che le terapie anti-EGFR di prima e seconda generazione non sono uguali”, ha dichiarato il Dottor Mehdi Shahidi, Medical Head, Solid Tumor Oncology di Boehringer Ingelheim. “E’ interessante che la differenza in termini di PFS osservata nello studio LUX-Lung 7 risulti più marcata con il passare del tempo e più che raddoppiata a 24 mesi con afatinib”.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: | Leave a Comment »