Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 33 n° 335

Prestigioso cartellone di LuganoMusica

Posted by fidest press agency su venerdì, 29 gennaio 2016

fatimaLugano lunedì 8 febbraio alle 20.30 si esibirà presso il Teatrostudio LAC il violoncellista russo Nikolay Shugaev, in duo con la pianista Fatima Alieva. Il programma accosta pagine di Beethoven, Schubert e Rachmaninov. Il ciclo di concerti intitolato “Nuove generazioni” punta i riflettori su alcuni giovani musicisti che si perfezionano attualmente presso il Conservatorio della Svizzera italiana di Lugano, offrendo così la possibilità al pubblico di LuganoMusica di incontrare artisti emergenti e di apprezzarne il talento. E’ il caso del violoncellista Nikolay Shugaev, nato a Mosca nel 1988. Dopo essersi diplomato con il massimo dei voti presso il prestigioso Conservatorio Gnesin della sua città e presso il Conservatorio di Stato, il giovane strumentista è oggi iscritto al Conservatorio della Svizzera italiana, dove studia con Enrico Dindo. Negli anni ha frequentato masterclass con diversi giganti del violoncello, quali Geringas, la Gutman, Hoffman, Kliegel, Kirshbaum e Maisky. Vincitore di molti concorsi internazionali, si è già esibito nelle più importanti sale russe ed europee insieme a famosi musicisti, quali Enrico Dindo, Danilo Rossi, Massimo Quarta, Fazil Say e Andrei Korobeinikov. Al LAC, Shugaev sarà accompagnato dalla pianista Fatima Alieva, nota per lo straordinario virtuosismo e la passionalità delle sue interpretazioni. La Alieva, vincitrice di innumerevoli concorsi nazionali in Russia e internazionali in Nikolay Shugaevtutta Europa, ha studiato con Elisso Virsaladze al Conservatorio di Mosca, con Nora Doallo al Conservatorio della Svizzera italiana ed ha seguito master e corsi di perfezionamento con Homero Francesch, William Grant Naborè, Akiko Ebi, Dmitri Bashkirov. Il duo Shugaev-Alieva si è esibito nella stagione 2014-2015 alla Sala Verdi di Milano. Per il concerto al LAC, i due artisti hanno scelto un repertorio che prende le mosse dal classicismo di Beethoven, con la Sonata in sol minore op. 5 n. 2, per poi offrire al pubblico un capolavoro quale la Sonata in la minore “Arpeggione” di Schubert, intrisa di malinconico lirismo. Punto d’approdo finale sarà la musica di un connazionale dei due interpreti, Sergej Rachmaninov, con la Sonata in sol minore op. 19. Nikolay Shugaev suona un violoncello di Giovanni Paolo Maggini (1624). (foto: fatima, Nikolay Shugaev)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: