Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 33 n° 338

Archive for 2 febbraio 2016

Il Ribelle HEAD Novak Djokovic domina e conquista gli Australian Open per la sesta volta in carriera

Posted by fidest press agency su martedì, 2 febbraio 2016

Novak DjokovicE si aggiudica il primo Grande Slam della stagione in una finale tutta HEAD. Djokovic, che promuove la racchetta HEAD Graphene XT Speed, ha sconfitto il compagno HEAD Andy Murray 6-1, 7-5, 7-6(3) vincendo l’undicesimo Grande Slam della sua carriera. Il No. 1 del mondo entra nella storia eguagliando il numero di vittorie di un Grande Slam come Rod Laver e Bjorn Borg e il record di vittorie in Australia come Roy Emerson.Andy Murray, che promuove la racchetta HEAD Graphene Radical, ha giocato la sua quinta finale a Melbourne di cui quattro contro Djokovic . Il giocatore Serbo rimane imbattuto nelle finali degli Australian Open, avendone vinte 6 su 6. Djokovic ha vinto 11 degli ultimi 12 match contro Murray con un totale di 22-9 partite contro lo scozzese. “Mi preparo sempre al meglio per le sfide contro gli avversari più forti”, ha commentato il vincitore mentre Murray comunicava le sue intenzioni di abbandonare il torneo in caso di nascita del figlio. “Io mi alleno studiando il gioco dei miei avversari e per ottenere il massimo. Conosco il livello del mio gioco e cerco di raggiungerlo in ogni partita.Murray commenta con umorismo la sua sconfitta: “Mi sembra di essere già stato qui” ha detto scherzando. “La sesta vittoria degli Australian Open è un incredibile impresa per Novak e quello che ha fatto nell’ultimo anno, gli 11 titoli nella scorsa stagione e due in questa appena incominciata, rappresentano un successo grandioso”.Nella finale di doppio maschile, il giocatore HEAD Radek Stepanek ha raggiunto la finale in coppia con Daniel Nestor sconfitti con il punteggio di 2-6, 6-4, 7-5 da Jamie Murray e Bruno Soares. Stepanek e Nestor hanno giocato in coppia per la prima volta e, dopo questo Melbourne, stanno pianificando di continuare a farlo per tutta la stagione. (foto Novak)

Posted in Cronaca/News, Estero/world news, Uncategorized | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Put ‘The Innovation Principle’ at Heart of Europe’s Economy

Posted by fidest press agency su martedì, 2 febbraio 2016

Mario Pinca“It’s time to put The Innovation Principle’ at the heart of Europe’s economic revival,” said Mario Pinca, CEO of healthcare service leader, Copma. Speaking in response to a high-level conference in Brussels this week, Pinca said that Europe is lagging behind in innovation and economic development because it is too slow to recognise powerful new products and services.
The conference, “A better framework for innovation”, was host by BusinessEurope, the EU’s leading business lobby group. Speakers from leading industrials giants such as Volvo, Bayer and BASF, joined European Commission Vice-President Jyrki Katainen (a former Finnish Prime Minister) and Carlos Moedas, the European Commissioner for Research, Science and Innovation, to pitch a new direction for Europe’s regulatory pathways.
Alberto Rodolfi, President of Copma, remarked: “The Innovation Principle is a simple, straightforward idea, requiring that whenever the EU’s institutions consider policy or regulatory proposals, the impact on innovation should be fully assessed and addressed. That seems like common sense, but too often EU policy stifles innovation – Europe’s economy and consumers are suffering because of an overly cautious policy-making approach which favours the status quo.” The conference heard how one of the key determinants of business success in today’s fast moving markets is the capacity to innovate, adapt and exploit new technologies and business models. Conference sponsors, The European Risk Forum, said that if adopted and used well, the principle will raise awareness of the link between regulation and innovation; it will signal to global investors the commitment of the EU to promote innovation, improving business confidence.
“At Copma we agreed. It’s time Europe rebalanced its regulatory structure,” said Mario Pinca. “We are adding our voice to this week’s call for The Innovation Principle to be at the centre of European decision-making. We believe that its application will rebuild confidence in European markets and strengthen incentives to invest in innovation in the EU.”“More than that. At Copma we believe that existing technologies, such as our peer reviewed PCHS probiotic based sanitation system, need to be evaluated not just in the context of The ‘Precautionary’ Principle, but also The Innovation Principle. This means, simply, that there will be greater balance in regulatory decision-making, helping decision-makers become more aware of the trade-offs needed to protect citizens and the environment from risks whilst also supporting innovation.” “In our case, at Copma, we have developed a step-change in healthcare hygiene technology. At a moment when antimicrobial resistance #AMR is wasting patient’s health and healthcare budgets, our PCHS system is capable of substantially enhancing patient wellbeing and strongly impacting healthcare cost reduction.” “Evaluated with a series of independent academic studies, with highly significant results, PCHS faces persistent push-back by the entrenched interests of the chemical cleaning lobby. The chemical cleaning lobby benefits from an overly cautious regulatory approach, a pace of change which fails to understand the pace of innovation.” “Our probiotic approach is just one of many healthcare innovations across Europe forced to compete on an uneven playing field. For the sake of Europe’s economy, its patients and its citizens, we call on the European Commission to put The Innovation Principle at the heart of government, so that Europe can become an innovation superpower, instead of playing global catch-up with the United States and Asia.” (photo: Mario Pinca)

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

La cultura delle banche oggi

Posted by fidest press agency su martedì, 2 febbraio 2016

banca europeaRoma mercoledì 24 febbraio 2016, ore 11.00 ABI – Associazione Bancaria Italia Scuderie di Palazzo Altieri, via Santo Stefano del Cacco si terrà la presentazione del libro edito da Il Mulino La cultura delle banche oggi. Viaggio attraverso un anno di iniziative di Costantino d’Orazio, con un’introduzione di Antonio Patuelli, Presidente di ABI, e una prefazione di Attilio Brilli. L’ABI ha censito più di 2.500 iniziative artistico-culturali promosse e segnalate dalle banche che operano in Italia. Una selezione di queste iniziative č raccontata dallo storico d’arte, Costantino D’Orazio, nel volume che sarŕ presentato il prossimo 24 febbraio. Un viaggio immaginario attraverso le innumerevoli iniziative culturali promosse dalle banche in tutta Italia e non solo. Un percorso che si snoda tra cittŕ piccole e grandi, dove le banche arricchiscono e sostengono il territorio attraverso l’arte, la musica, lo spettacolo, l’editoria e la letteratura, confermandosi importanti e fondamentali promotori culturali di cui oggi il nostro Paese non può fare a meno. (foto: abi)

Posted in Cronaca/News, Economia/Economy/finance/business/technology, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Pagamenti in contanti e con carte: le novità dal 2016

Posted by fidest press agency su martedì, 2 febbraio 2016

euroSi tratta dell’ennesima modifica alla soglia oltre la quale i pagamenti in contanti sono vietati, alzata da 1.000 a 3.000 euro. Precisiamo che l’unica novità è questa, mente le regole fissate dalle norme antiriciclaggio rimangono invariate.
In estrema sintesi è vietato effettuare tramite contanti pagamenti, di qualsiasi tipo e natura, di somme pari o superiori a 3.000 euro. Si va dal pagamento di una fattura, di un debito tra due persone, del conto di un medico, della merce acquistata in un negozio, etc.etc. La regola vale per tutti i soggetti, imprese, professionisti e privati consumatori, in rapporto tra di loro.Il divieto riguarda anche pagamenti frazionati in modo artificioso, ovvero in modo non certificato da un contratto oppure da una rateizzazione promozionale o di legge. Vi rientrano , in poche parole, tutti i casi dove il frazionamento appare eseguito con fini elusivi.La regola si applica anche al pagamento di stipendi, ora possibile in contanti fino a 3.000 euro e con qualsiasi altro mezzo per importi superiori (assegno, bonifico, etc.). Attenzione, però, ciò vale solo in ambito privato. Le aziende pubbliche devono continuare ad eseguire i pagamenti di stipendi e pensioni oltre la vecchia soglia di 1.000 euro con modalità esclusivamente elettroniche (bonifici bancari o postali, accredito su carte prepagate, etc.).Per quanto riguarda il pagamento dei canoni di affitto, una interessante ulteriore novità: torna la possibilità di pagarli in contanti perché è stata abrogata la norma che imponeva pagamenti tracciabili a prescindere dal loro importo. Ovviamente deve comunque essere rispettata la nuova soglia. La vecchia soglia di 1.000 euro resta per gli assegni (bancari e circolari) trasferibili, i vaglia (postali e cambiari), i libretti di deposito al portatore e per i trasferimenti in contanti nell’ambito dei servizi di pagamento, ovvero quando dietro compenso un prestatore di servizi trasferisce contanti da un soggetto ad un altro.
Per altri servizi di pagamento, dove il trasferimento non avviene in contanti ma è tracciato (per banca, posta, istituti di moneta elettronica,etc.) non si applica alcun limite.Non cambia nulla per i prelievi di contanti agli sportelli bancari o al bancomat. Per questi non si applica la soglia (non sono pagamenti) né scatta in automatico alcuna segnalazione della banca alle Autorità di controllo. Le segnalazioni avvengono solo se vi sono sospetti che l’operazione avvenga per scopi elusivi della legge antiriciclaggio.
Già dal Giugno 2014 i negozi, i professionisti ed in genere i venditori di prodotti e/o servizi devono accettare, per pagamenti di importo superiore a 30 euro, mezzi elettronici come il bancomat.
Dal 1 Gennaio 2016 l’obbligo si è esteso anche ai pagamenti effettuati con carte di credito, a parte i casi di oggettiva impossibilità tecnica. Inoltre dal 1 Luglio 2016 la regola si applicherà anche ai pagamenti dei parcheggi nelle aree destinate alla sosta (1).
Viene anche ridato impulso ai micropagamenti con carta (di credito o debito), prevedendo per quelli inferiori ai 5 euro nuove disposizioni ministeriali che dovranno assicurare l’applicazione del Regolamento UE 751/2015 in special modo relativamente alla riduzione delle commissioni applicabili.
E’ il Ministero dell’economia che dovrà provvedere, e quindi le vere novità per il consumatore si vedranno in quel momento.
Per finire, una nota curiosa sulla modifica della soglia al contante: la Legge di Stabilità 2016 è intervenuta sull’art.49 comma 1 del D.lgs.231/2007 stabilendo che “le parole: «euro mille» sono sostituite dalle seguenti: «euro tremila»”. Ma in realtà la cifra rimasta sul suddetto comma 1 era ancora di “12.500 euro” perché le successive modifiche alla soglia erano avvenute non intervenendo direttamente sul comma ma semplicemente enunciando la modifica (si veda per esempio il D.lgs.201/2011 che citava “ Le limitazioni all’uso del contante e dei titoli al portatore di cui all’articolo 49 comma 1 (….) sono adeguate all’importo di euro mille.” ). E’ chiaro per chiunque, quindi, quanto mal eseguita e volendo dubbia sia questa modifica, pur potendo dirsi chiara l’intenzione del legislatore. Materia per avvocati? La segnalazione era dovuta. (Rita Sabelli, responsabile Aduc aggiornamento normativo)

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

185 morti per attacchi di Boko Haram in 6 giorni

Posted by fidest press agency su martedì, 2 febbraio 2016

Gold_AfricaDopo i recenti attacchi dei miliziani di Boko Haram, l’Associazione per i Popoli Minacciati (APM) ha accusato l’Unione Africana (UA) di fallimento nella protezione della popolazione civile e nella lotta anti-terrorismo. Se l’UA richiede ancora più soldi per combattere il gruppo terroristico Boko Haram, deve presentare una strategia per frenare la violenza in Africa Occidentale e migliorare realmente la protezione della popolazione civile. Secondo l’APM, la forza regionale di pace dell’UA Multinational Joint Task Force (MNJTF) finora non è stata molto efficace. In maggio 2015 la MNJTF è stata portata a 8.700 soldati per poter combattere Boko Haram in tutti i paesi africani in cui il gruppo terroristico è attivo. Nella conferenza dei donatori che si tiene oggi 1 febbraio 2016 ad Addis Abeba (Etiopia) dovrebbero essere approvati fino a 100 milioni di euro per finanziare e rafforzare la MNJTF.Negli ultimi sei giorni in Nigeria, Camerun e Ciad sono state uccise almeno 185 persone e 213 persone sono rimaste ferite in gravi attacchi di Boko Haram. Nello stato federale di Borno in Nigeria 86 persone sono state uccise nella notte del 30 gennaio nel villaggio di Dalori, mentre 62 persone sono rimaste ferite. Tre attentatori suicidi si sono fatti esplodere dopo essere riusciti a penetrare in un campo profughi. Pochi giorni prima, il 25 gennaio, cinque commercianti sono stati uccisi nelle vicinanze della città di Maiduguri e due giorni dopo, il 27 gennaio, 13 persone sono morte in un triplice attentato e 30 persone sono rimaste ferite. Nello stato federale nigeriano di Adamawa lo scorso 29 gennaio un bambino di 12 anni si è fatto saltare in aria al mercato di Gombi uccidendo dieci persone.
Domenica 31 gennaio nel Ciad si sono avuti due attentati suicidi nei quali sono rimaste uccise tre persone e altre 56 sono rimaste ferite. Lo scorso 25 gennaio gli attacchi a tre villaggi in Camerun hanno causato 28 morti e 65 feriti. L’inseguimento dei miliziani di Boko Haram da parte dell’esercito camerunese e nigeriano ha causato altri 40 morti tra la popolazione civile.Gli attentati dimostrano quanto sia pericoloso Boko Haram e quanto poco coordinata sia la lotta anti-terrorismo in Africa Occidentale. In effetti, ogni volta che la pressione su Boko Haram si fa più forte in Nigeria, l’organizzazione terroristica si sposta in altri paesi africani. Per combattere efficacemente Boko Haram é fondamentale che i paesi interessati si coordinino tra di loro.

Posted in Cronaca/News | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

“Possiamo ancora definirci italiani?

Posted by fidest press agency su martedì, 2 febbraio 2016

pensionatiNel servizio più importante per i cittadini, la Salute, è giusto che ci sia una disparità di trattamento secondo la Regione di residenza?” se lo chiede Roberto Messina, Presidente di Senior Italia FederAnziani, che dichiara: “Assistiamo a una pericolosa diversità tra istituzioni Regionali, che lasciano i pazienti disorientati e preoccupati”. Alcuni esempi? “Le norme nazionali conferiscono al medico di medicina generale, almeno sulla carta, il potere di scegliere quali farmaci prescrivere, in scienza e coscienza, nell’interesse del paziente di cui conoscono meglio di chiunque altro la storia clinica, e sempre nell’ottica di privilegiare l’aderenza alla terapia. Pur premettendo che la nostra organizzazione è estremamente favorevole al maggiore utilizzo di farmaci equivalenti e biosimilari, riteniamo che la Regione Puglia, attraverso il piano che il Direttore del Dipartimento Salute sta studiando in questi giorni, svilisca il ruolo del medico e metta a rischio l’aderenza alla terapia. La linea di intervento in questione, infatti, spingerebbe i medici a privilegiare criteri economici nella prescrizione dei farmaci, in luogo di criteri di carattere scientifico, col solo obiettivo di aumentare l’uso di equivalenti e biosimilari a prescindere dai bisogni dei pazienti.
C’è poi il caso della Toscana, che ha deciso di bloccare l’applicazione del Decreto Lorenzin sull’appropriatezza, riportando le decisioni e le modalità di applicazione delle stesse al livello regionale. In Emilia Romagna, invece, viene tolto ai medici il potere prescrittivo che gli veniva conferito dall’AIFA. Questa, con determina del 4/11/2015, aveva disposto per il principio attivo ranolazina l’eliminazione del piano terapeutico, stabilendo che il medicinale divenisse soggetto a prescrizione medica. Dal canto suo, la Regione Emilia Romagna ha riportato come modalità di richiesta del farmaco il Piano Terapeutico Regionale, benché si sappia che l’eliminazione del Piano Terapeutico porti significativi benefici in termini di continuità terapeutica e di aderenza alle cure.
E’ chiaro che di fronte a tanti episodi come questi – conclude Messina – il paziente non può che essere disorientato e confuso, senza avere alcuna certezza circa la stabilità delle regole, ed avendo spesso la sensazione che non sia la tutela della sua salute il primo criterio seguito da chi è pronto a disfare le norme”.

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Economia vs Mercati, a chi la prima mossa?

Posted by fidest press agency su martedì, 2 febbraio 2016

borsaA cura di Marco Jean Aboav, Macro Portfolio Manager di MoneyFarm. L’inizio del 2016 ci ha dato modo di trattare un argomento riguardo i mercati finanziari che spesso non è del tutto chiaro: chi fa la prima mossa tra l’economia e il mercato? Il dibattito in merito a chi fa la prima mossa si è rivelato un terreno produttivo all’interno del panorama accademico e le conclusioni sono che i dati macroeconomici aiutano a fare previsioni di lungo periodo (ma sono irrilevanti nel breve), i mercati possono continuare ad essere irrazionali per molto più tempo di quanto si creda, la relazione tra finanza ed economia si sta evolvendo poiché gli attori del mercato cercano di evitare il crearsi di opportunità di arbitraggi e le aspettative e l’umore degli investitori nel breve impattano di più rispetto ai dati macro.Cerchiamo di approfondire portando un esempio che ha fatto infuriare gli investitori per un lungo periodo di tempo: durante la crisi del 2008, l’S&P 500 ha perso metà del proprio valore tra la fine del 2007 e l’inizio del 2009, l’economia degli stati Uniti d’America è cresciuta del -3% nel 2008 e del -2.7% nel 2009; i rendimenti, escluse le aziende in perdita, collassarono del 60% nello stesso periodo.
I mercati rimbalzarono nel marzo 2009 grazie al bazooka monetario della FED, muovendosi in anticipo rispetto alla ripresa economica. A primo impatto sembrò che il mercato anticipò l’economia, coi rendimenti che aumentarono tra il 2009 e il 2010. Tuttavia, guardando le vicende dalla prospettiva del mercato del credito, gli indicatori economici già avevano iniziato a mostrare segni di debolezza prima della crisi con il TED spread (la differenza tra il tasso Interbancario a 3 mesi su deposti in Dollari americani ed il rendimento dei titoli di stato a 3 mesi), già elevato nel 2007; un chiaro segno che qualcosa sarebbe successo nell’economia. Solo qualche trimestre più tardi abbiamo scoperto che il driver della crisi è stato il mercato del credito e che dunque, i dati economici avevano anticipato la negatività che si sarebbe presentata sul mercato, sebbene solo una minima parte degli economisti anticiparono la fragile condizione economica che gli Stati Uniti stavano vivendo. Sembra dunque che durante l’intera crisi economica, l’economia e il mercato non avessero un ruolo definito.Questa relazione dinamica è sempre stata caratterizzata sia in fasi rialziste che ribassiste. Quello che conta davvero nel muovere i mercati durante i differenti cicli economici sono le aspettative degli operatori circa le condizioni economiche e gli utili delle società, e come poi queste aspettative si rivelino lontane dai dati reali (con conseguente aumento o diminuzione della propensione al rischio degli investitori).Molte banche d’investimento producono indicatori di “sorpresa” economica e di utili per mostrare quanto queste aspettative si siano rivelate lontane dai dati effettivi, come ad esempio l’indice Economic Surprise di Citigroup, che fornisce un numero negativo quando le aspettative degli economisti sono più alte dei dati macro (ad esempio la crescita del PIL è risultata pari al 2.5% contro delle aspettative del 3.0%), indicando che gli operatori del mercato hanno aspettative eccessive sui fondamentali economici. Nell’agosto 2008 l’indicatore era superiore a 70 punti, indicando come gli economisti iniziassero ad essere più pessimisti sull’economia americana, e, nonostante dati economici già deboli, gli economisti iniziavano ad aspettarsi dati ancora peggiori. Guardando anche alle aspettative sugli utili societari, la comunità degli analisti finanziari nel 20008 era molto ottimista sull’andamento dei profitti delle compagnie dell’indice S&P. I dati mostrano che nella prima metà del 2008, nel 25% dei casi gli utili sottoperformarono le attese con un picco del 38% all’inizio del 2009, il valore più alto da molti anni. Questa combinazione di aspettative più basse rispetto a dati macro e utili suggerisce che gli investitori erano posizionati eccessivamente su asset rischiosi, generando le forti correzioni del 2008 all’impennarsi dell’aversione al rischio.La crisi finanziaria del 2008 e altri momenti di mercati turbolenti ci hanno insegnato l’importanza di misurare le aspettative nelle analisi di mercati e dati macro. I mercati possono essere irrazionali e lontano dai fondamentali per un lungo periodo. Gli operatori di mercato sono fortemente influenzati da economisti e analisti finanziari. Capire le interazioni tra macroeconomia, mercati e aspettative è fondamentale per muoversi nei vari cicli economici. Sfortunatamente, le relazioni sono mutevoli e l’abilità degli investitori sta proprio nel sapersi adattare ai vari contesti.Focalizzarsi sulle ultime dinamiche di mercato ci permette di capire come i mercati abbiano anticipato/ritardato l’economia nell’ultimo anno. L’indice MSCI World per le economie sviluppate a metà del 2015 aveva raggiunto il punto più alto da diversi anni, prima di una forte correzione di più del 15% durata fino all’inizio di quest’anno. La crescita economia globale è più lenta che in passato, ma non ancora negativa. La Cina sta rallentando, ma cresce ancora più di tutte le altre economie sviluppate. Per quanto riguarda le aspettative l’indice di Citigroup di “sorpresa” economica per le economie avanzate è al momento in negativo, segnalando quindi che i dati macro siano peggiori delle aspettative. Sul fronte opposto, le aspettative degli analisti sugli utili mostrano un sentiment sempre più pessimista sui profitti delle società dei paesi sviluppati, il che coincide col fatto che gli utili a livello globale sono circa il 30% più bassi rispetto al picco del 2014.
Sembra che questa volta dinamiche di mercato e dinamiche macro siano in qualche modo poco legate, ma senza una chiara relazione. Da un punto di vista macro, i dati in generale sono stati abbastanza positivi, mentre il sentiment di mercato è fragile. In questo contesto, è importante per gli investitori capire l’effetto di politiche monetarie più accomodanti portate avanti dalla European Central Bank e dalla Bank of Japan, che possono permettere ai mercati di raggiungere un relativo grado di stabilità nel breve e medio termine.

Posted in Cronaca/News, Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Questa settimana al Parlamento Europeo

Posted by fidest press agency su martedì, 2 febbraio 2016

strasburgo-parlamento-europeoStrasburgo. Migrazione/Schengen. Domani pomeriggio, dalle 15, gli eurodeputati discuteranno con Il Primo Vice- Presidente della Commissione Europea Frans Timmermans, sulla crisi dei rifugiati e sui controlli alle frontiere, sia interne che esterne dell’UE. In un dibattito congiunto, interrogheranno anche la Commissione sulla situazione del fondo UE per i rifugiati in Turchia e sul rispetto del principio di non-respingimento dei rifugiati.
Consiglio Europeo. Mercoledì mattina, dalle 9, gli eurodeputati esprimeranno le loro opinioni circa l’imminente referendum nel Regno Unito in vista del summit dei 28 capi di Stato e di governo del 18 e 19 febbraio a Bruxelles. Al dibattito interverranno anche il Presidente della Commissione Europea Jean-Claude Juncker e il Ministro degli Affari Esteri Olandese Bert Koenders, in rappresentanza della presidenza di turno dell’UE.
Imposta sui redditi d’impresa. In seguito alle raccomandazioni del Parlamento, domani mattina, il Commissario europeo alla Fiscalità, Pierre Moscovici, presenterà le ultime proposte della Commissione sull’imposta sui redditi d’impresa. verrà discussa anche una bozza di direttiva del Consiglio per contrastare l’erosione della base imponibile e il trasferimento di attività (BEPS), che segue il piano d’azione per le tasse sui redditi d’impresa stabilito dall’Ocse.
Emissioni inquinanti. Mercoledì sarà votata una proposta di veto su una bozza di decisione della Commissione europea, la quale alzerebbe i limiti per le emissioni di Nox per i veicoli diesel del 110% una volta che saranno prese in considerazione le emissioni in condizioni di guida reale su strada e non quelle su banco (le cosiddette real drive emissions RDE).
Status di economia di mercato per la Cina. Un dibattito circa il riconoscimento UE della Cina come “economia di mercato” si terrà oggi pomeriggio con il Commissario europeo al Commercio, Cecilia Malmström. Gli eurodeputati chiederanno alla Commissione quali sono i requisiti presi in considerazione per determinare lo status della Cina come economia di mercato e se si intendono valutare le conseguenze che una tale decisione potrebbe avere sull’industria e sull’occupazione in UE.
Aggressioni sulle donne. Nella serata di mercoledì, gli eurodeputati discuteranno la questione sulle violenze sessuali e gli abusi contro le donne in luoghi pubblici. In un precedente dibattito, che avrà luogo domani, i MEPs chiederanno alla Commissione UE e al Consiglio quando ci sarà un nuovo piano strategico per l’Uguaglianza di Genere e sui Diritti delle Donne. (Il voto sarà mercoledì).
Presidenti di Estonia e Nigeria. Il Presidente dell’Estonia, Toomas Hendrik Ilves, parlerà in Parlamento nella seduta di domani a mezzogiorno. Invece, il Presidente della Nigeria, Muhammadu Buhari, terrà un discorso al Parlamento mercoledì a mezzogiorno.

Posted in Estero/world news, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

I tagliagole dell’Isis arriveranno in Italia?

Posted by fidest press agency su martedì, 2 febbraio 2016

NUOVO DRAMMA DEI MIGRANTI, ANNEGANO DUE DONNE A PANTELLERIA«I tagliagole dell’Isis possono arrivare in Italia infiltrati nei barconi di profughi che ogni giorno arrivano sulle nostre coste. Lo dicono da tempo i servizi di intelligence di mezzo mondo, ieri lo ha ribadito anche il ministro francese della Difesa Jean-Yves. Solo Renzi e Alfano continuano a ripetere il mantra che “i terroristi non arrivano coi i barconi”. L’irresponsabilità e l’incompetenza di chi ci governa sta mettendo in grave pericolo tutti gli italiani. Per l’ennesima volta, Fratelli d’Italia chiede al Governo di mettere fine alla folle politica delle “porte aperte a tutti”: 1. stop agli sbarchi, subito un blocco navale al largo delle coste libiche; 2. intervento, anche militare, a sostegno del governo di unità nazionale (o del governo legittimo libico se le fazioni non troveranno un accordo) per aiutarlo a sconfiggere l’Isis e a riprendere il controllo delle coste e dei porti; 3. basta accoglienza indiscriminata, perché per noi i profughi sono solo donne, bambini e nuclei familiari che scappano da zone di guerra. Per gli altri porte chiuse; 4. espulsione e rimpatrio di chi non ha titolo a stare in Italia». Lo dichiara il presidente di Fratelli d’Italia, Giorgia Meloni.

Posted in Cronaca/News, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

L’irriverente. Dobbiamo continuare a vivere in un Paese sessuofobico che ha paura di se stesso?

Posted by fidest press agency su martedì, 2 febbraio 2016

Rai: sede di romaLa Rai ha spostato in seconda serata una trasmissione dedicata all’educazione sessuale. E’ accaduto alla puntata di PresaDiretta del 31 gennaio e sembra che lo abbiano fatto per non urtare la sensibilita’ del pubblico della prima serata. Lo denuncia l’on. Nicola Fratoianni, membro della commissione parlamentare di vigilanza, preannunciando anche un’interrogazione in merito.
E’ dei giorni scorsi l’oscuramento con pannelli di alcune statue in Campidoglio a Roma, dove si vedevano alcune nudita’. Chi lo ha deciso avra’ anch’esso pensato di non urtare la sensibllita’ del presidente dell’Iran in visita nella nostra capitale. Piu’ di mezzo mondo ha riso dietro il fatto in se’ e il nostro Paese.
Se accendiamo una qualunque tv, pubblica o privata che sia, o sfogliamo una qualunque rivista cartacea o una qualche pubblicita’, siamo sommersi di notizie, ammiccamenti sessuali e di storie di violenze di ogni tipo, che, per quanto ci riguarda- sono anche piu’ oscene (dal punto di vista umano) di due genitali o un seno al vento. Poi ci sono altre oscenita’ che non fanno parte della figura del corpo umano, e sono quelle che ascoltiamo anche nelle aule parlamentari, in ogni film o telefilm o spettacolo di intrattenimento mondano o culturale o politico, fin nei cartoni animati (non sono osceni quei cartoni animati in cui i protagonisti sono dei porcellini che poi, durante uno spot, si invita a mangiarseli in forma di salame o alimenti del genere?… e non e’ questione di essere vegetariani….).
Osceno -per quanto ci riguarda- e’ un concetto intimo, e la sua socializzazione e’ sempre sinonimo di violenza di qualcuno su qualcun altro, questo qualcuno che vuole imporre all’altro il proprio concetto e la propria pratica di oscenita’. Ogni volta che leggiamo di una sentenza di un giudice in merito, oltre che mantenerci la pancia dalle risate che ci provoca, subito dopo ci rattristiamo: e’ il Paese in cui siamo nati ed in cui continuiamo a vivere. Si’, lo so, siamo testardi a non cambiare Paese, ma c’e’ sempre un qualche motivo o una una qualche bellezza che ci fa distrarre. Quanto accaduto si chiama censura. Reazione che, oltre nel linguaggio intimo di ognuno di noi, anche giudizialmente e’ ammessa. Abbiamo scoperto l’America? No, era stata gia’ scoperta. Ne scriviamo solo perche’, da irriverenti quali siamo verso questa sorta di “pudicismo di Stato”, auspichiamo che, a furia di parlarne, qualcuno ci rifletta sopra, si incazzi in ogni ambito e ne faccia tesoro per chi dipende dalle sue decisioni e per i propri figli. (Vincenzo Donvito, presidente Aduc)

Posted in Cronaca/News, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Venezia: maratona per l’ultimo sabato di carnevale

Posted by fidest press agency su martedì, 2 febbraio 2016

maratona veneziaVenezia sabato 6 febbraio il Venicemarathon Club darà il via, per il terzo anno consecutivo, al programma di allenamenti di gruppo finalizzati a promuovere la pratica sportiva in tutte le sue forme e preparare le persone alle competizioni del ricco calendario di eventi che il club veneziano propone da aprile a ottobre.Si inizia quindi con una special edition, organizzata in collaborazione con il Cus Venezia, che si inserisce nel palcoscenico di eventi del Carnevale, quest’anno dedicato alle arti, ai mestieri, e alle tradizioni e dove anche il running trova una sua collocazione essendo per molti un’arte, un mestiere e una tradizione.Fritoe (frittelle), galani e vin brulè, offerti a tutti i partecipanti nel ristoro finale, daranno ancora più gusto e sapore a questa grande festa. Tutti saranno invitati ad indossare una maschera di carnevale e la più bella si aggiudicherà anche un premio.L’iniziativa è gratuita e aperta a tutti. La partenza è fissata alle ore 8.00 da San Basilio, dove all’interno del terminal passeggeri, grazie al prezioso supporto di V.T.P. (Venezia Terminal Passeggeri), è previsto il deposito borse, una zona spogliatoio e il ristoro finale. Due sono i percorsi a disposizione: uno da 5 e uno da 10 chilometri. Chiunque potrà scegliere di correre, camminare o fare nordic walking. Esperti runners, fitwalkers e nordic walkers accompagneranno i partecipanti, spiegando tecnica e segreti di ogni disciplina, mentre i pacemakers aiuteranno a cadenzare il ritmo e percorrere i chilometri a velocità controllata.Entrambi i percorsi partiranno da San Basilio e proseguiranno lungo le Fondamenta fino alla Punta della Dogana, attraverseranno poi il Canal Grande tramite il Ponte dell’Accademia e proseguiranno verso Campo Santo Stefano fino a Piazza San Marco. Qui il tracciato più breve farà ritorno a San Basilio lungo il medesimo tragitto, mentre gli altri proseguiranno fino ai Giardini Pubblici per poi ritornare sempre a San Basilio. (foto: maratona venezia)

Posted in Cronaca/News, Viaggia/travel | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

IBM nominata leader nel Magic Quadrant di Gartner per il Sales Performance Management

Posted by fidest press agency su martedì, 2 febbraio 2016

ibmIBM (NYSE: IBM) ha annunciato il posizionamento nel quadrante dei leader nel rapporto Magic Quadrant for Sales Performance Management (SPM) di Gartner, curato dall’analista Tad Travis e pubblicato il 21 gennaio 2016. IBM ha conseguito il posizionamento più avanzato per la completezza della visione.Il portafoglio di Sales Performance Management (SPM) di IBM migliora i risultati di business e l’efficienza operativa, grazie a una migliore gestione dei piani di incentivazione delle remunerazioni e a una amministrazione più intelligente dei territori e delle quote di vendita. Gestori e amministratori possono acquisire il controllo delle proprie attività operative, eliminare le sorprese e prendere decisioni strategiche migliori per i programmi di incentivi variabili.Secondo il rapporto, “I leader dimostrano una visione innovativa del modo in cui la tecnologia può aiutare i top manager delle vendite a raggiungere gli obiettivi di business. Hanno la capacità di tradurre in pratica tale visione attraverso prodotti, servizi e solidi risultati di business dimostrati sotto forma di fatturato e utili. Hanno conseguito successi significativi presso i clienti in Nord America, in EMEA e Asia/Pacifico, in un’ampia varietà di settori, con dimostrate implementazioni nelle organizzazioni superiori a 500 utenti. I leader sono spesso il parametro rispetto al quale gli altri operatori del mercato si misurano. Secondo le stime di Gartner, la parte di mercato relativa al solo software, a cui contribuiscono i più grandi fornitori di SPM, ha superato i 715 milioni di dollari e arriverà a 1,54 miliardi di dollari nel 2019”.“Il Sales Performance Management di IBM rappresenta le fondamenta del nostro modo di tradurre la strategia di business in obiettivi realizzabili per il nostro personale di vendita”, spiega David Waterfall, Director of Global Sales Compensation in Applied Materials. “La soluzione ci ha permesso di essere più mirati nelle nostre strategie di vendita e di aumentare la fiducia dei dirigenti nel nostro processo di pianificazione e gestione dei compensi derivanti dalle vendite”.“Crediamo che l’ultima valutazione di Gartner rispecchi il valore che le soluzioni per la gestione delle performance di vendita offrono ai nostri clienti”, commenta Alistair Rennie, General Manager, Industry Solutions in IBM. “Le nostre soluzioni incentivano i comportamenti giusti da parte dei dipendenti e migliorano i risultati di business e l’efficienza operativa, consentendo ai nostri clienti di eliminare gli imprevisti e prendere decisioni strategiche migliori per i programmi di incentivi variabili”.Le aziende di tutto il mondo utilizzano l’SPM IBM per colmare il divario fra strategia di business e performance di vendita:
· Riducendo i pagamenti in eccesso delle commissioni
· Automatizzando e ottimizzando i tempi di elaborazione dei compensi
· Sviluppando metriche di analisi delle vendite e insight
· Pianificando, definendo e gestendo gli obiettivi delle quote di vendita
· Assegnando e gestendo la copertura del territorio e la capacità di vendita
· Rispettando i requisiti di verifica e conformità delle autorità di regolamentazione
Il software SPM di IBM supporta l’attività di analytics e cognitive computing dell’azienda, che aiuta le organizzazioni a estrarre preziosi “insights” da tipologie di dati nuove ed emergenti, per essere più agili e competitive.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Mieloma multiplo: parere favorevole del CHMP per elotuzumab

Posted by fidest press agency su martedì, 2 febbraio 2016

commissione europeaIl Comitato per i medicinali per uso umano (CHMP) dell’Agenzia Europea dei Medicinali (EMA) ha espresso parere favorevole per elotuzumab, anticorpo sperimentale immunostimolante, nel trattamento del mieloma multiplo in combinazione con lenalidomide e desametasone nei pazienti che hanno ricevuto almeno una precedente terapia. La richiesta sarà ora riesaminata dalla Commissione Europea, che ha l’autorità di approvare i medicinali nell’Unione Europea.
“Il parere positivo del CHMP significa che siamo a un passo dall’offrire una nuova opzione terapeutica ai pazienti europei con mieloma multiplo che hanno già ricevuto almeno una precedente terapia” ha affermato Michael Giordano, senior vice president, head of Development, Oncology, Bristol-Myers Squibb. “Attendiamo ora la decisione della Commissione Europea per poter estendere ai pazienti con mieloma multiplo il progresso offerto dall’immuno-oncologia”.
Il parere favorevole del CHMP si basa sui dati dello studio di fase III, in aperto, ELOQUENT-2, che ha valutato elotuzumab in combinazione con lenalidomide e desametasone (ERd) vs lenalidomide e desametasone (Rd). I risultati dello studio clinico hanno mostrato una riduzione del 30% del rischio di progressione della malattia o di morte con ERd rispetto a Rd e un aumento relativo del 52% del tasso di sopravvivenza libera da progressione a due anni. Le reazioni avverse più comuni (> 20%) con ERd vs Rd erano rispettivamente: affaticamento (61,6% vs 51,7%), diarrea (46,9% vs 36,0%), febbre (37,4% vs 24,6%), costipazione (35,5% vs 27,1%), tosse (34,3% vs 18,9%), neuropatia periferica (26,7% vs 20,8%), nasofaringite (24,5% vs 19,2%), infezioni dell’apparato respiratorio superiore (22,6% vs 17,4%), diminuzione dell’appetito (20,8% vs 12,6%) e polmonite (20,1% vs 14,2%). I risultati sono stati pubblicati sul New England Journal of Medicine il 2 giugno 2015.
Elotuzumab è un anticorpo immunostimolante che ha come bersaglio specifico SLAMF7 (Signaling Lymphocyte Activation Molecule Family member 7), una glicoproteina di superficie espressa sulle cellule di mieloma, indipendentemente dalle anomalie citogenetiche, sulle cellule Natural Killer (NK), sulle plasmacellule e, a livelli più bassi, su una sottopopolazione specifica di cellule immunitarie differenziate della linea ematopoietica.
Elotuzumab agisce attraverso un duplice meccanismo d’azione: legandosi a SLAMF7 sulle cellule NK le attiva direttamente e, legandosi a SLAMF7 sulle cellule di mieloma, le rende sensibili al riconoscimento e alla distruzione da parte delle cellule NK, attraverso il meccanismo di citotossicità cellulo-mediata anticorpo-dipendente.
Il 30 novembre 2015, la Food and Drug Administration ha approvato elotuzumab in combinazione con lenalidomide e desametasone per i pazienti con mieloma multiplo che avevano ricevuto da una a tre precedenti linee di terapia. La sicurezza e l’efficacia di elotuzumab devono essere ancora valutate da altre Autorità sanitarie.
Bristol-Myers Squibb e AbbVie hanno sviluppato insieme elotuzumab, ma solo Bristol-Myers Squibb sarà impegnata nella commercializzazione del farmaco.
Il mieloma multiplo è una neoplasia ematologica, o del sangue, maligna che si sviluppa nel midollo osseo. Si manifesta quando una plasmacellula, un tipo di cellula presente nella parte centrale del midollo osseo, diventa cancerosa e si moltiplica senza controllo. Sintomi comuni del mieloma multiplo sono dolore osseo, affaticamento, insufficienza renale e infezioni.
Malgrado i recenti avanzamenti degli ultimi anni nel trattamento del mieloma multiplo, soltanto meno della metà dei pazienti sopravvive 5 o più anni dopo la diagnosi. Una caratteristica comune per molti pazienti è che manifestano cicliche remissioni e recidive, durante le quali sospendono il trattamento per un breve periodo per eventualmente riprenderlo. Si stima che annualmente siano diagnosticati più di 114.200 nuovi casi di mieloma multiplo e che più di 80.000 persone muoiano per questa malattia nel mondo.

Posted in Cronaca/News, Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

«Nella proposta di istituire un elenco comune dell’UE di paesi d’origine sicuri dei richiedenti asilo mancano le garanzie sui diritti fondamentali»

Posted by fidest press agency su martedì, 2 febbraio 2016

barbara spinelliBarbara Spinelli ha presentato un’interrogazione scritta alla Commissione europea, co-firmata dalle eurodeputate Martina Anderson (GUE/NGL), Soraya Post (S&D) e Ana Gomes (S&D).«Numerosi esperti e ong hanno espresso seria preoccupazione per la proposta della Commissione europea di istituire un elenco comune dell’UE di “paesi d’origine sicuri” dei richiedenti asilo», ha dichiarato l’eurodeputata del gruppo GUE-NGL. «Una decisione grave soprattutto per quanto concerne la Turchia».«Le critiche riguardano la possibile violazione del diritto al non respingimento, il divieto di espulsioni collettive, la possibile violazione del diritto alla non discriminazione e del diritto a un ricorso effettivo. Diritti sanciti rispettivamente dagli articoli 18, 19, 21, 47 della Carta dei Diritti Fondamentali dell’Unione europea».«Vorrei qui ricordare», denuncia Barbara Spinelli, «che i Paesi elencati nella proposta della Commissione sono inclusi negli elenchi nazionali di soli dieci Stati membri (dunque non la maggioranza), a eccezione generalmente della Turchia. Inoltre, la relazione della Commissione che introduce la proposta di direttiva rileva che in tutti i Paesi interessati avvengono atti di persecuzione per motivi LGBTI, così come in alcuni Paesi vi è persecuzione contro i Rom, donne o bambini».Citando il caso C-383/13, in cui la Corte di Giustizia ha sancito il diritto a essere sentiti da giudici o funzionari pubblici e il diritto ad accedere al proprio fascicolo, «entrambi diritti fondamentali dell’ordinamento giuridico dell’Unione, consacrati dalla Carta», l’eurodeputata ha chiesto alla Commissione «in che modo ritenga che la proposta garantirà che le richieste di asilo di ciascun richiedente saranno esaminate e che le decisioni saranno prese in modo individuale, obiettivo e imparziale, come previsto dall’Articolo 10 (a) della Direttiva 2013/32/UE, nel rispetto dei diritti sanciti dalla Carta dei Diritti Fondamentali dell’Unione europea e dalla Convenzione di Ginevra».

Posted in Estero/world news, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Mettere Il ‘Principio di Innovazione’ al centro dell’Economia Europea

Posted by fidest press agency su martedì, 2 febbraio 2016

BruxellesE’ ‘tempo di mettere Il Principio dell’Innovazione’ al centro della ripresa economica dell’ Europa “, ha dichiarato Mario Pinca Amministratore Delegato dell’azienda leader di servizi di assistenza sanitaria, Copma. Parlando in risposta ad una conferenza di alto livello a Bruxelles questa settimana, Pinca ha detto che l’Europa è in ritardo in materia di innovazione e sviluppo economico, perché è troppo lenta nel riconoscere prodotti e servizi efficaci e nuovi. Il convegno, “Un quadro migliore per l’innovazione”, è stato ospitato da BusinessEurope, gruppo economico leader dell’UE. I relatori provenienti da importanti realtà industriali giganti come Volvo, Bayer e BASF, si sono unite al vicepresidente della Commissione Jyrki Katainen (un ex primo ministro finlandese) e Carlos Moedas, il commissario europeo per la Ricerca, la Scienza e l’Innovazione, per lanciare una nuova direzione di percorsi regolamentari per l’Europa. Gli industriali hanno fatto questo passo – mettere ‘Il Principio dell’Innovazione’ al centro del processo decisionale in tutti i settori della politica. Alberto Rodolfi, presidente di Copma, ha commentato: “Il principio di innovazione è un’idea semplice, chiara, che richiede che ogni volta che le istituzioni dell’UE considerano la politica o proposte di regolamentazione, l’impatto sull’innovazione sia pienamente valutato e affrontato. Ciò sembra sensato, ma troppo spesso la politica dell’UE soffoca l’innovazione – l’economia e i consumatori europei stanno soffrendo a causa di un approccio politico eccessivamente prudente che favorisce lo status quo.”La conferenza ha ribadito come uno dei fattori determinanti del successo di business nei mercati in rapida evoluzione di oggi è la capacità di innovare, adattare e sfruttare le nuove tecnologie e modelli economici. Gli Sponsor della conferenza, il Forum sul Rischio Europeo, hanno asserito che, se adottato e usato bene, il principio aumenterà la consapevolezza del legame tra la regolamentazione e l’innovazione; sarà il segnale per gli investitori globali dell’impegno dell’UE per promuovere l’innovazione, migliorare la fiducia delle imprese.
“In Copma siamo d’accordo. E ‘tempo che l’Europa riequilibri la sua struttura regolamentare “, ha detto Mario Pinca. “Stiamo aggiungendo la nostra voce alla chiamata di questa settimana sul Principio dell’Innovazione perché sia al centro del processo decisionale europeo. Noi crediamo che la sua applicazione ricostruirà la fiducia nei mercati europei e rafforzerà gli incentivi a investire in innovazione nell’UE.”
“Più di ciò. In Copma crediamo che le tecnologie esistenti, come il nostro sistema di sanificazione PCHS a base di prodotti probiotici pubblicato a livello scientifico, abbiano bisogno di essere valutati non solo nel contesto del Principio ‘Precauzionale’, ma anche del Principio dell’Innovazione. Questo significa, semplicemente, che ci sarà maggiore equilibrio nel processo decisionale normativo, aiutando i decisori diventano più consapevoli dei compromessi necessari per proteggere i cittadini e l’ambiente dai rischi, sostenendo anche l’innovazione.”
“Nel nostro caso, in Copma, abbiamo sviluppato un cambiamento radicale nella tecnologia di igiene. In un momento in cui la resistenza antimicrobica #AMR sta sprecando la salute dei pazienti e dei bilanci della sanità, il nostro sistema PCHS è in grado di valorizzare notevolmente il benessere dei pazienti e avere un forte impatto sulla riduzione dei costi di assistenza sanitaria.” “Valutata con una serie di studi accademici indipendenti, con risultati altamente significativi, il PCHS affronta la persistente respinta da parte degli interessi radicati della lobby di pulizia chimica. I gruppi di pulizia chimica beneficiano di un approccio normativo eccessivamente prudente, con un ritmo di cambiamento che non riesce a capire il ritmo dell’innovazione.” “Il nostro approccio probiotico è solo una delle tante innovazioni sanitarie in tutta Europa costretti a competere su un campo di gioco irregolare. Per l’interesse dell’economia europea, dei suoi pazienti e dei suoi cittadini, chiediamo alla Commissione europea di mettere Il Principio di Innovazione al centro del governo, in modo che l’Europa possa diventare una superpotenza di innovazione, invece di giocare alla rimonta globale con gli Stati Uniti e l’Asia.

Posted in Uncategorized | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Telematica e pantano burocratico

Posted by fidest press agency su martedì, 2 febbraio 2016

Borsa Merci Telematica Italiana«È inaccettabile la decisione del Governo di abrogare il decreto legge del giugno 2012 con cui era stato introdotto l’utilizzo esclusivo della modalità telematica per la presentazione della Segnalazione certificata di inizio attività (S.C.I.A.). In tre anni e mezzo non si è stati in grado di procedere alla pubblicazione delle norme attuative di quel provvedimento, di fatto rendendolo vano e finendo per eliminarlo. Una marcia indietro sconcertante, simbolo dell’incapacità da parte della nostra classe dirigente di rendere organiche innovazioni anche banali, senza le quali risulta impossibile affrancarsi dal pantano burocratico in cui ci dibattiamo da decenni».
Lo dichiara l’ing. Sandro Simoncini, docente a contratto di Urbanistica e Legislazione Ambientale presso l’università Sapienza di Roma e presidente di Sogeea SpA.«Dovunque sia stata adottata, la modalità telematica ha dato ottimi risultati, contribuendo a velocizzare le pratiche, dando tempistiche più accettabili sia ai professionisti che ai cittadini e, soprattutto, innalzando gli standard di trasparenza delle procedure: il formato elettronico, di fatto, rappresenta una fotografia certa e datata della documentazione e impedisce che una pratica possa essere in tutto o in parte smarrita o manipolata. Ora, però, le pubbliche amministrazioni che non si erano ancora adeguate saranno dispensate dal farlo, lasciando a ciascuna un eccessivo potere discrezionale: sarà il singolo Comune, ad esempio, a decidere se e quando sarà consentito oppure obbligatorio l’invio della S.C.I.A. online. In pratica, un’Italia che come al solito viaggerà a velocità diverse a seconda dei capricci di ciascuna istituzione e che continuerà a risultare incomprensibile anche per il più smaliziato investitore straniero. L’ennesima occasione mancata di un Paese che fatica tremendamente a imporsi quel cambio di passo necessario per imboccare definitivamente la strada del rilancio».

Posted in Cronaca/News, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Rinasce la fondazione Einaudi

Posted by fidest press agency su martedì, 2 febbraio 2016

einaudiRoma. Mercoledì 3 Febbraio alle ore 10.30, presso la sala stampa della Camera Deputati, si terrà la conferenza stampa per la presentazione del nuovo corso della Fondazione Einaudi, che mira a diffondere le idee del liberalismo e a riformularle in chiave contemporanea. Nel corso della conferenza stampa, a cui parteciperanno Giuseppe Benedetto, Davide Giacalone e Mario Lupo, saranno presentati il nuovo Consiglio di Amministrazione e alcune prime indicazioni in merito al programma delle prossime attivita’ politico-culturali.La Fondazione Einaudi di Roma – la cui Assemblea ha di recente approvato una proposta di ricapitalizzazione e di rilancio che consente all’Ente, dopo una parentesi di gravi difficolta’ economiche e finanziarie, di iniziare un nuovo corso – promuove la conoscenza e la diffusione del pensiero liberale attraverso studi, ricerche e iniziative culturali, dedicando particolare attenzione alle tematiche politiche ed economiche, tanto nei loro presupposti storici quanto nella loro incidenza sulla vita sociale. Sin dalla sua nascita, avvenuta nel 1962 per iniziativa di Giovanni Malagodi, la Fondazione ha svolto una preziosa funzione di diffusione delle idee e delle opere dei principali esponenti della cultura liberale – economisti, filosofi, politici – troppo spesso ignorati anche in ambito accademico. Attraverso la concessione di borse di studio mirate a ricerche e approfondimenti specifici, la Fondazione ha inoltre contribuito alla formazione di una classe dirigente più sensibile alle istanze di un liberalismo moderno e consapevole dei grandi processi di trasformazione che stanno cambiando il mondo.Nel corso della sua esistenza la Fondazione è stata presieduta da personalità che hanno svolto un ruolo di rilievo nel campo culturale e in quello politico: Gaetano Martino, statista e più volte ministro nonché fisiologo di fama mondiale; Ruggero Moscati, storico tra i maggiori del Novecento; Vittorio Badini Confalonieri, ministro e insigne penalista; Franco Mattei, economista, manager e per molti anni direttore generale della Confindustria; Giancarlo Lunati, scrittore e manager, presidente del Touring Club Italiano; Valerio Zanone, uomo di cultura, deputato, senatore, più volte Ministro, segretario del PLI, recentemente scomparso; Roberto Einaudi, architetto e nipote di Luigi Einaudi; Mario Lupo, manager di lungo corso che è stato al vertice di numerose primarie società private e pubbliche. (foto:einaudi)

Posted in Cronaca/News, Recensioni/Reviews, Roma/about Rome, Uncategorized | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Roma International Estetica

Posted by fidest press agency su martedì, 2 febbraio 2016

estetica fiera di romaAlla Fiera di Roma dal 6 all’8 febbraio, giunge alla sua nona edizione. La manifestazione dedicata all’estetica professionale e al benessere, oltre ai settori espositivi e convegnistici consolidati nelle precedenti edizioni – Estetica e Benessere, Make-up & Nails, Formazione professionale – punta nel 2016 sull’ampliamento e approfondimento della professionalità. Le oltre 100 aziende espositrici mostreranno le attrezzature, le soluzioni e i prodotti più performanti offerti oggi dalla ricerca e dal mercato, in un’ottica di sviluppo di tutto il settore, mentre eventi scientifici e divulgativi, in un vario programma di convegni e talk show, vedranno autorevoli esperti del settore estetico e scientifico intervenire su temi di grande attualità, per raccontare l’evoluzione del mondo della bellezza, per far conoscere gli sviluppi e gli avanzamenti del settore dell’estetica professionale e del benessere, e per condividere le esperienze alla ricerca di nuovi canali di business. Durante i tre giorni della manifestazione, di cui sabato e domenica per la prima volta aperti anche al pubblico mentre il lunedì sarà riservato ai soli operatori di settore, saranno presenti aree dedicate ai cosmetici, ai trattamenti corpo, a tutto ciò che si trova in una cabina estetica, al make up e al mondo del nails, con la competizione internazionale delle Nailympion, di Antonio Sacripante, nail artist di fama mondiale. Roma International Estetica è un appuntamento completo – afferma Gerarda Rondinelli, Exhibition Manager di Fiera Roma – fatto di incontri, performance dimostrazioni, convegni e occasioni di approfondimento dei temi più importanti legati al benessere e all’estetica salutista; ma anche un momento di aggiornamento professionale e di anticipazione delle tendenze di un mondo vivace e variegato, che coniuga business e moda, medicina e bellezza, alta tecnologia e ricerca scientifica.

estetica fiera di roma1

Una scelta organizzativa che conferma la serietà dell’approccio a un settore economico che investe anche la sfera della salute e della qualità della vita. Anche quest’anno, dunque, il palinsesto di Roma International Estetica sarà arricchito da importanti appuntamenti congressuali, affidando al prof Pier Antonio Bacci la direzione scientifica di “Camminare in Bellezza” e degli aggiornamenti professionali ECM. Le moderne conoscenze hanno ormai dimostrato che i cosiddetti inestetismi, così come le patologie degenerative e tutti i processi d’invecchiamento, sono espressione di alterazioni cellulotessutali. Ciascuno diventa gestore del proprio corpo, condividendo con medici e operatori il mantenimento della propria salute e della propria bellezza. Questo è il concetto del prof Pier Antonio Bacci che ha preparato un interessante programma in collaborazione con l’Accademia Italiana della Bellezza, la SIME Società Italiana di Medicina Estetica, l’Accademia Italiana di Flebologia e Patologie Estetiche di Flebologia, la Società di Medicina Rigenerativa polispecialistica SIMCRI. “Impara a depurarti: il pass per la tua bellezza” è appunto il titolo di una sessione dell’Area congressuale in programma sabato 6 febbraio, mentre nella giornata di domenica 7 febbraio “La ginecologia estetica: follia o necessità”, sulle nuove richieste e moderne proposte. Nel pomeriggio, invece, “Le proporzioni della bellezza in Piero della Francesca”, sessione dedicata alle proporzioni descritte da Piero della Francesca nel settecentesimo anno della sua nascita a Sansepolcro e quelle usate nei trattamenti estetici: le proporzioni sono le basi della vita, della bellezza, della natura, dell’alimentazione, della fisica, dell’architettura e della geometria, infine di tutto quello che è bello, sano ed ordinato.estetica fiera di roma2 Quest’anno all’area congressuale si aggiunge una nuova sessione, “Evoluzione Estetica”, curata dalla direttrice di Esthetitaly Silvia Fossati e suddivisa in 3 macrosezioni: School, appuntamenti di formazione di base per studenti e giovani estetisti diplomati e per le allieve e allievi del II e III anno di Istituti e Scuole di Estetica Professionale il seminario “Professione Estetista: Nuovi Scenari” sotto la direzione scientifica del Dott. Giovanni Di Castri; Expert, appuntamenti di alta specializzazione rivolti ad estetisti esperti; Trend, appuntamenti con le tendenze e l’aggiornamento d’avanguardia, rivolti all’intera categoria della professione estetica. Elemento di novità è l’Endosphères Mobile Beauty Station, una clinica mobile attrezzata come un vero e proprio salotto dove verrà offerto al pubblico un rilevamento gratuito della tipologia di tessuto e della presenza e/o tipologia di cellulite. Uno spazio dove verranno esposte le macchine e il lettino per illustrare il trattamento innovativo volto a combattere l’adipe in eccesso. Si riconferma la “Piazza della Bellezza”, uno spazio dedicato al dibattito condotto da Carolina Rey dove verranno affrontati temi sensibili insieme a professionisti del settore come il ruolo dell’estetica nell’adolescenza, le follie delle bellezze e i miti da sfatare sulle diete. Curiosità, soluzioni mediche ed estetiche a confronto. La consueta area “Mondo Massaggio”, curata dalla Naturopata Gaetana Di Maio, quest’anno diventerà un “Wellness Portal”: un vero e proprio portale della bellezza e del benessere, inteso globalmente come unione di corpo e mente. Infatti, le dimostrazioni dal vivo degli operatori specializzati in trattamenti appresi nei cinque continenti, saranno accompagnate da tecniche complementari come oli essenziali, cristalloterapia, campane tibetane, ecc. (foto: estetica fiera di roma)

Posted in Cronaca/News, Recensioni/Reviews, Roma/about Rome, Uncategorized | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »