Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 33 n° 203

Archive for 4 febbraio 2016

Expert comments on $43bn (£30bn) proposed acquisition of Syngenta by ChemChina

Posted by fidest press agency su giovedì, 4 febbraio 2016

Kamel Mellahi, a Professor of Strategic Management at Warwick Business Schoolwho has studied key Chinese businesses for a number of years, has made the following statement comment on the $43bn (£30bn) proposed acquisition of Syngenta by ChemChina: “This is an acquisition driven primarily by growth strategy, and not potential synergies that usually result in cost cutting and reduction of workforce. So the deal is good news for both Syngenta’s shareholders as well as its employees.”Syngenta has been going through challenging times recently, mainly because of its exposure to uncertainties in emerging markets and the recent collapse of commodity prices. For ChemChina, acquiring one of the world’s leading manufacturer of agricultural and chemicals and seeds with world class resources and capabilities will enable it to access valuable knowledge that could help its drive for innovation.”Most of the problems with such acquisitions tend to rise later on when the two firms try to integrate their processes. But typical of international acquisitions by Chinese firms, ChemChina is keeping Syngenta’s existing management which will continue to run the company, while the board of directors will be chaired by ChemChina’s head.”

Posted in Estero/world news, Università/University | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

EU promotes aquaculture at Green Week in Berlin

Posted by fidest press agency su giovedì, 4 febbraio 2016

berlinoDid you know that aquaculture products make up a quarter of seafood consumed in the EU? Or that the EU is the 8th largest aquaculture producer in the world – even if its share is only 1.53%?
If not, you’re not alone: many people in Europe know very little about aquaculture. The European Commission is trying to change this. An important step: bringing aquaculture into schools to raise awareness among children and teenagers, Europe’s future consumers of fish and seafood.
The Commission has developed a handy school kit for teachers, providing material to raise awareness of aquaculture among schoolchildren aged 12 to 18. The booklet contains information on how to integrate aquaculture into lessons and encourage pupils to learn more about aquaculture in their community. Pupils are encouraged to meet a local fish farmer or researcher and develop a project showing what they have learnt: in videos, cookbooks, experiments, webpages…
On Monday, 18 January, the Commission organised an event at the International Green Week in Berlin to promote this booklet, part of the Commission’s “Farmed in the EU” aquaculture campaign, among German aquaculture stakeholders and educators.
Two German schools took part in testing the school kit in 2015 and used the event to share their – largely positive – experiences. In addition participants learned about aquaculture in Germany and the EU, and about future areas of research.
Both educators and aquaculture experts proved enthusiastic about using the “Farmed in the EU” school kit to introduce young people to aquaculture. But they also agreed that more needed to be done to encourage networking between the education and aquaculture communities and to match schools with aquaculture experts from the region. Gaining further support from both sides will be crucial to disseminate the school kit across Europe and make sure a maximum of schools benefit.
Visitors at the International Green Week still have the chance to find out more about the “Farmed in the EU” campaign, the school kit and European aquaculture in general at the European Commission stand themed “From Farm to Fork” in the ErlebnisBauernhof Hall (Hall 3.2.). There, they can not only learn about European agriculture and food safety, but also about fish farming, how it benefits the environment and human health, and how it contributes to a sustainable supply of fisheries products in the EU. A quiz and other games for visitors of all ages introduce fish farming to a wider audience. (photo: Karmenu Vella)

Posted in Estero/world news, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

The 2016 quotas to ensure sustainable fisheries in EU

Posted by fidest press agency su giovedì, 4 febbraio 2016

Fishmonger A4 Poster

Fishmonger A4 Poster

In fixing the fishing opportunities for 2016 for the Atlantic, North Sea and Black Sea, the Council confirmed the gradual transition to sustainable fishing that the EU initiated years ago and then formalized in the now two-year-old Common Fisheries Policy.
After long and intense negotiations, the December Council reached a number of noteworthy political agreements. In fixing the fishing opportunities for 2016 for the Atlantic, North Sea and Black Sea, the Council confirmed the gradual but relentless transition to sustainable fishing that the EU initiated years ago and then formalized in the now two-year-old Common Fisheries Policy.
The new fishing limits set for 2016 mean that 32 fisheries will be fished in line with maximum sustainable yield (MSY). Together with the 4 stocks already regulated for the Baltic Sea, this brings to 36 the total number of fisheries managed at MSY in the EU. For a few more stocks levels were set in a way that allows achieving MSY in 2017 or (for very difficult cases) in 2018, but not beyond that date – which leaves sufficient leeway to meet the deadline of 2020 set by the recent reform.
A second fundamental objective of that reform was the phase-out of discards. An obligation to land all catches has been in force for pelagic fisheries, but the operation is more delicate for demersal fisheries and now – thanks to the successful negotiations in Council – it can start as planned at the beginning of this year. By way of compensation for its efforts to land all the fish caught, the fishing industry receives additional quotas (called “top-ups”) that correspond to the amounts of fish they can no longer discard and have to bring to port. Another important outcome is the urgent attention given to specific species. For sea bass, a stock in steep decline that had not been managed at EU level until 2015, the Commission’s tough recovery scheme was readily endorsed. In other cases the Council opted for gradual quota reductions over a few years rather than an immediate drop in 2016, but all decisions stayed within the lines set by scientific advice. In closing, Commissioner Vella thanked the Presidency and the delegations for the excellent work and announced he will be submitting to the Council this year some new and ambitious measures for the Mediterranean basin. (photo: inseparable)

Posted in Estero/world news, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Commission publishes summary report on ocean governance consultation

Posted by fidest press agency su giovedì, 4 febbraio 2016

ocean governanceWhat can the EU do to promote the sustainable use of seas and oceans and preserve internationally shared marine resources? How can it help secure the conditions of sustainable blue growth? European Commissioner for Environment, Maritime Affairs and Fisheries, Karmenu Vella today announced the results of a European Commission consultation on international ocean governance which took place from June to October 2015, alongside a ‘listening tour’ with stops in Portugal, Ireland, Malta, the United States, Norway, Chile, Spain and France, among others. The public consultation aimed at assessing the current ocean governance framework and the EU’s role in achieving better ocean governance worldwide. The Commission received over 150 replies from a variety of groups, the largest being public authorities (26%), citizens (19%), NGOs and businesses (each 17%).
For the vast majority of respondents, the current framework is not effective enough: we need better implementation of rules and better coordination between existing bodies, we need to fill existing legal gaps on exploitation and we need to improve ocean knowledge. Regional Seas Conventions and Regional Fisheries Management Organisations are invaluable, but could be strengthened. Existing agreements like the FAO Port State Measures Agreement need to be ratified for them to take full effect.
Respondents confirmed that the EU has an important role to play on the international scene to tackle these challenges, particularly by exerting its economic and political weight. The EU is already spearheading the global fight against illegal fishing, pushing for a new international legal agreement under the UN to preserve marine biodiversity in areas beyond national jurisdiction, and promoting research cooperation through an Atlantic Ocean research alliance with the US and Canada (the ‘Galway declaration’).
The European Commission is grateful to all those who have taken the online survey on ocean governance and plans to follow it up with a political initiative on ocean governance in the coming months. (photo: ocean governance)

Posted in Estero/world news, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Civil Liberties Chair calls for urgent clarity on the new Safe Harbour agreement

Posted by fidest press agency su giovedì, 4 febbraio 2016

Theeuropean parliament will insist on the binding and written assurances suggested by the US for the new EU-US data transfer deal, Civil Liberties Committee Chair Claude Moraes stresses after the Commission’s announcement on Tuesday. The Chair expresses his “key concerns about an announcement which is not underpinned by any actual text”.The Commission on Tuesday afternoon announced that they have reached a new EU-US agreement for a “Privacy Shield” to replace Safe Harbour.Speaking on the Commission’s proposal, the Chair of the Civil Liberties, Justice and Home Affairs Committee in the European Parliament, Claude Moraes (S&D, UK), said:”The new framework announced by Commissioner Jourová has no written text and my first concern is that it has too much in common with the previous Safe Harbour decision. The announcement does not indicate any measures which are legally binding on either party, but relies on “declaration” by the US authorities on their interpretation of the legal situation regarding surveillance by the US intelligence services. Another key concern is that the creation of an Ombudsman which could be a positive step forward in assessing the complaints of citizens does not seem to be underpinned in the current statement by sufficient legal powers. We await further developments on this proposal.It is imperative that on such an important agreement, which sees the transfer of mass EU and US business and citizens’ data with such high privacy and economic implications, that the newly named agreement “Privacy Shield” is quickly developed and the concerns expressed are quickly answered. Without a stronger legal backing, the proposals announced today could again be challenged by the European Court of Justice. Members of the European Parliament will insist that we have a strong agreement that would survive such a challenge.I am also concerned that there is no actual change in US law. Rather the agreement is based on an exchange of letters by an administration which is coming to its end. This is a shaky situation which needs to be addressed to give us confidence that “Privacy Shield” is something more substantial than is suggested in the initial announcement.”

Posted in Estero/world news, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

اليوم الأخير من ملتقى الشرق الأوسط للتأمين يقيّم تأثير بيئة الاقتصاد الكلي الإقليمية واتجاهاتها على قطاع التأمين‎

Posted by fidest press agency su giovedì, 4 febbraio 2016

middle east insuranceالمنامة، البحرين، 3 فبراير 2016: إن المواضيع المتعلقة بأسعار النفط، وارتفاع أسعار الفائدة، والاستقرار الجيوسياسي والتي تؤثر بشكل كبير على مسار النمو والتنمية في قطاع التأمين في منطقة الشرق الأوسط، ستشكل أساس المناقشات بشأن فرص قطاع التأمين في اليوم الأخير من الملتقى.
هذا وسوف تستهل أعمال الملتقى لهذا اليوم بتحليل هام للعوامل التي تشكل مسار قطاع التأمين في المنطقة من قبل رئيس الاقتصاديين في مجلس البحرين للتنمية الاقتصادية، د. يارمو كوتيلاين، خريج جامعتي كامبردج وهارفارد. ويتلو ذلك عقد نقاش بين الرؤساء التنفيذيين والذي يجمع مراكز القيادة في القطاع والذين سيتناولون أبرز القضايا التي تؤثر على شركات التأمين وإعادة التأمين والوساطة في السوق. وسيتم إدارة هذه المناقشات من قبل كل من السيد صفدر جعفر، العضو المنتدب والمستشار الاكتواري لمنطقة الشرق الأوسط وأفريقيا في شركة ميليمان، والسيد أشرف بسيسو، الرئيس التنفيذي لمجموعة سوليدرتي القابضة، والسيد تيودور ألكسندريسكو، المدير العام لمنطقة الخليج في شركة متلايف، والسيد ياسر البحارنة، الرئيس التنفيذي للمجموعة العربية للتأمين (أريج)، والسيد جميل باهو، رئيس مجلس الإدارة والعضو المنتدب في مجموعة الهلال العالمية.
وسيشهد الحضور في الملتقى أيضاً مقابلة شخصية حصرية مع أحد أكثر كبار الشخصيات تميزاً في قطاع التأمين بمنطقة الشرق الأوسط، وهو السيد مظفر اكتاس، رئيس مجلس إدارة شركة ويليس لإعادة التأمين في منطقة تركيا والشرق الأوسط وأفريقيا.
كما سيستضيف الملتقى بعد ظهر اليوم جلستين هامتين بشأن التأمين على مسؤولية المدراء والموظفين، وعلى المسؤولية الإلكترونية وحماية البيانات. وسيقود هاتين الجلستين شخصيات ذائعة الصيت في قطاع التأمين، وهم على التوالي؛ السيدة سوزان دينجول، الشريك في شركة نورتون روز فولبراي، والسيد مهند عبدالمجيد، رئيس وحدة تأمين المؤسسات المالية في شركة اي آي جي، والسيدة آيلنج مالون، رئيس وحدة التعويضات والتأمين الإلكتروني في شركة ايه آي جي لمنطقة الشرق الأوسط وشمال أفريقيا.
وستختتم أعمال الملتقى وفق جدول الأعمال المنصبّ على التكنولوجيا المتجددة بكلمة حول التكنولوجيا الرقمية يلقيها السيد جوناثان ماتشيت، مدير أول الاستشارات التأمينية لمنطقة الشرق الأوسط وشمال أفريقيا في إرنست آند ينغ، حول كيف أن تحليلات البيانات تساعد في إحداث ثورة في قطاع التأمين في المنطقة. وكيف أن قطاع التأمين العالمي قد تعرض لتغيير كبير نتيجة تطبيق للبيانات كبيرة والتحليلات المتقدمة والتي غيرت بشكل جذري عملية تقييم المخاطر وتحديد الأسعار. وسيتناول السيد جوناثان كيفية لقطاع التأمين الإقليمي أن يحقق المنافع المرجوة من هذه التكنولوجيا.
منتدى الشرق الأوسط للتأمين هو منصة رائدة في قطاع التأمين في المنطقة التي قدت دوراً رئيسياً في تطوير هذا القطاع ودفع عجلة نموه خلال الاثنتي عشرة سنة الماضية. هذا وسيعقد المنتدى تحت رعاية مصرف البحرين المركزي، وبمشاركة كبرى مؤسسات التأمين في المنطقة بهدف استقطاب القادة الأكثر تميزا في مجال التأمين تحت منصة واحدة لتقييم التوجهات الحالية في القطاع ووضع مسارات جديدة لنمو القطاع.
تم تدشينها في عام 1993، إذ تقوم الشرق الأوسط العالمية للإستشارات بربط الأسواق من خلال تقديم ذكية وتنفيذ الاستراتيجيات. وتعتبر الشرق الأوسط العالمية للاستشارات بوابة ربط ومنصة تقديم تقارير حول الفرص المتوفرة في الأسواق التي تشهد نمو سريع بما في ذلك المغرب، وغرب أندونيسيا في الشرق بالإضافة إلى الشرق المتوسط وشمال أفريقيا، وشرق آسيا. وتفتخر الشرق الأوسط العالمية بوجودها في قلب هذه الأسواق المتنوعة منذ أكثر من 22 عاماً.(photo: middle east insurance)

Posted in Roma/about Rome | Leave a Comment »

Super Bowl, l’atto finale della stagione della National Football League (NFL)

Posted by fidest press agency su giovedì, 4 febbraio 2016

Super BowlSanta Clara (California, USA) 7 febbraio 2016. Il più grande spettacolo alla fine del week end, l’evento sportivo-mediatico per antonomasia, l’unico capace di “paralizzare” un’intera Nazione, gli Stati Uniti. Il Super Bowl, l’atto finale della stagione della National Football League (NFL), la Lega professionistica statunitense di football americano, è l’evento in grado di battere ogni record di audience, una manifestazione che tiene incollati alla televisione milioni di americani più di ogni altra disciplina sportiva (baseball e basket – gli altri due sport popolari negli USA – in primis). Il Super Bowl si conferma come uno dei maggiori business mondiali in quanto unisce sport, spettacolo e intrattenimento. Multinazionali, aziende e commercial a livello mondiale fanno a gara per accaparrarsi gli spazi pubblicitari durante questo evento in quanto non c’è palcoscenico migliore per una visibilità planetaria.
Il 7 febbraio, a Santa Clara (California, USA), Denver Broncos e Carolina Panthers si sfideranno per il Super Bowl numero 50 della storia. Lo spot “Ran football Super Bowl 2015” prodotto dalla ProSiebenSat1 (Germania) è stato premiato con la “Mention d’Honneur” nella Sezione “Sport Adverts” a “Exsport Movies & Tv 2015”, organizzato dalla FICTS – Federation Internationale Cinema Television Sportifs (114 Nazioni affiliate e presieduta dal Prof. Franco Ascani Membro della “Commissione Cultura e Patrimonio Olimpico del CIO”), riconosciuta dal Comitato Internazionale Olimpico (CIO) per il quale promuove i valori dello sport attraverso le immagini. I lungometraggi hollywoodiani non sono l’unica “categoria merceologica” promossa tramite costosissimi spot durante l’evento sportivo (30’’ di spot possono arrivare a costare 5 milioni di dollari). Numerosi filmati promozionali di produttori e registi indipendenti, di case di produzione, new media che sono tutti diventati virali, hanno partecipato alle varie edizioni di “Sport Movies & Tv” nonché ai Festival del “World FICTS Challenge”, il Campionato Mondiale della Televisione, del Cinema, della Cultura e della Comunicazione sportiva nei 5 Continenti all’insegna dello slogan “FICTS is Culture through sport”. Milano (Italia) ospiterà, dal 15 al 20 Novembre 2016, “Sport Movies & Tv – 34th Milano International FICTS Fest” a conclusione del “World FICTS Challenge”. Il Comitato Organizzatore ha previsto uno sconto del 30% sulla “Quota di Iscrizione” per coloro che iscriveranno le opere entro il 20 Febbraio 2016. Regolamento ufficiale e “Scheda d’iscrizione” disponibile su http://www.sportmoviestv.com.La NBC Universal (tra i 1.172 Canali Televisivi sportivi nel mondo), il colosso televisivo americano che ha acquisito dal Comitato Internazionale Olimpico anche i diritti di trasmissione per le prossime sei edizioni dei Giochi Olimpici fino al 2032 su tutte le piattaforme multimediali (tv, internet e mobile), trasmetterà in diretta la partita. (photo: Super Bowl)

Posted in Cronaca/News | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Migrazione, “Corsa a ostacoli verso l’Europa”

Posted by fidest press agency su giovedì, 4 febbraio 2016

medici senza frontiereMSF denuncia, in un rapporto diffuso oggi a livello internazionale, il catastrofico fallimento dell’Unione Europea nel rispondere ai bisogni umanitari di rifugiati, richiedenti asilo e migranti nel 2015 e presenta una fotografia drammatica, emersa dai progetti MSF per la migrazione, dell’impatto medico-umanitario delle politiche europee su migliaia di persone in fuga.“Non solo l’Unione Europea e i governi hanno fallito collettivamente nell’affrontare la crisi, ma con le loro barriere e la risposta caotica ai bisogni umanitari delle persone in fuga hanno di fatto peggiorato le condizioni di migliaia di uomini, donne e bambini già vulnerabili” ha dichiarato Brice de le Vingne, direttore delle operazioni di MSF.Attraverso le testimonianze dirette di operatori e pazienti di MSF e i dati medici raccolti in decine di progetti, il rapporto “Corsa a ostacoli verso l’Europa” mostra le medici senza frontiere1conseguenze umanitarie delle decisioni europee e dimostra come le politiche di deterrenza abbiano costretto MSF e altre organizzazioni ad aumentare drasticamente le proprie attività nei punti di ingresso all’Europa.“Mai prima d’ora abbiamo dovuto avviare così tanti progetti in Europa o imbarcarci per salvare vite in mare. Mai prima d’ora abbiamo dovuto assistere così tanti disperati alle frontiere, curando le conseguenze fisiche e psicologiche dei drammatici viaggi, delle violenze subite e della mancanza di assistenza” ha detto la dott.sa Federica Zamatto, responsabile medico progetti migrazione MSF. “Nel 2016 i paesi europei devono fare un bilancio del costo umano delle loro decisioni, assumersi le loro responsabilità e imparare dagli errori commessi per mettere al centro i bisogni dei più vulnerabili.” (foto: medici senza frontiere)

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Le reazioni alla proposta di Tusk al Regno Unito dominano il dibattito pre-vertice

Posted by fidest press agency su giovedì, 4 febbraio 2016

Jean-Claude JunckerLe prestazioni sociali per i lavoratori migranti nel Regno Unito, onestà contro populismo e come garantire il rispetto delle opinioni dei vari Paesi in materia di integrazione europea sono state le questioni chiave sollevate nel dibattito di mercoledì dai leader dei gruppi politici del Parlamento, in vista del prossimo referendum britannico sull’adesione all’UE. Il dibattito rappresenta il contributo del Parlamento al Consiglio europeo del 18-19 febbraio prossimi, che si concentrerà anche sull’immigrazione. Dopo un primo giro di interventi con il ministro degli esteri olandese, Bert Koenders, il Presidente della Commissione UE, Jean-Claude Juncker e i capigruppo del Parlamento europeo, il dibattito continuerà fino a mezzogiorno con gli interventi degli altri deputati e le dichiarazioni finali di Koenders e Juncker.

Posted in Estero/world news, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Il PE non pone il veto all’aggiornamento dei limiti delle emissioni per i veicoli

Posted by fidest press agency su giovedì, 4 febbraio 2016

auto industryLa commissione ambiente del Parlamento europeo terrà un’audizione pubblica sulla procedura RDE il prossimo 23 febbraio. La risoluzione della commissione ambiente che raccomanda al PE di porre il veto al progetto di atto delegato della Commissione europea che istituisce la procedura per i test sulle emissioni degli autoveicoli in condizioni reali di guida (RDE) non ha ottenuto, mercoledì, la maggioranza assoluta dei membri del Parlamento, necessaria per la sua approvazione.”Una trattativa intensa ha avuto luogo con i governi e la Commissione europea, dopo che la commissione ambiente ha sostenuto l’obiezione, alla quale poi la Commissione europea ha effettivamente dato seguito”, ha detto il Presidente della commissione ambiente Giovanni La Via (PPE, IT). “Ora abbiamo impegni chiari presi dalla Commissione europea: una clausola di revisione, con un calendario preciso, al fine di abbattere i valori massimi di emissione ai livelli che sono stati concordati dai co-legislatori e, nel lungo termine, una proposta di riforma del regime di omologazione UE per le auto, così come richiesto dal Parlamento”.”Accolgo quindi con favore la decisione responsabile della Plenaria, che permetterà di proseguire con la nuova procedura RDE, al fine di abbattere le emissioni di NOx delle automobili che, al momento, sono dal 400 al 500% oltre i limiti ufficiali. Abbiamo evitato incertezze, perché l’industria deve ora soddisfare scadenze rigorose, ma sostenibili. In Europa, avremo una migliore qualità dell’aria per i nostri cittadini senza perdere posti di lavoro “, ha concluso La Via.Secondo la Commissione europea, l’aumento temporaneo dei limiti, oggetto dell’obiezione votata oggi, è giustificato dalla necessità di considerare i dubbi tecnici relativi all’uso dei nuovi dispositivi portatili di misurazione delle emissioni (PEMS), così come i limiti tecnici per il miglioramento – nel breve termine – della performance, in condizioni reali di guida, del rilevamento delle emissioni per le autovetture a diesel attualmente prodotte. La proposta di risoluzione della commissione ambiente è stata respinta con 323 voti contrari, 317 in favore e 61 astensioni.

Posted in Cronaca/News, Uncategorized | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

L’UE deve superare la paura e le divisioni per preservare Schengen

Posted by fidest press agency su giovedì, 4 febbraio 2016

SchengenNel dibattito di martedì con la Presidenza olandese e la Commissione, molti deputati hanno sottolineato che l’UE deve superare le paure e le divisioni che la paralizzano, ma anche gestire efficacemente la migrazione e i flussi dei rifugiati. Proteggere concretamente le frontiere esterne dell’UE è essenziale per salvaguardare l’area di Schengen. Alcuni deputati hanno inoltre chiesto tolleranza zero per gli attacchi razzisti e violenti contro i migranti e rifugiati.I deputati hanno evidenziato la necessità di rispettare il principio di non respingimento e discusso su come dovrebbe essere finanziata la struttura dei rifugiati in Turchia. Il ministro olandese per gli affari esteri, Bert Koenders, esprimendosi in nome della Presidenza del Consiglio, ha affermato che il flusso di migranti “deve essere ridotto”. A tal fine, le misure già concordate devono essere attuate, in particolare per quanto riguarda il ricollocamento e gli hotspot. Ha poi espresso particolare preoccupazione per la situazione umanitaria nei Balcani occidentali e per i rischi che corrono i minori non accompagnati che entrano in Europa. Dichiarazione di Bert Koenders. Il commissario per l’immigrazione, Dimitris Avramopoulos, ha riconosciuto che “pochi progressi” sono stati finora compiuti negli Stati membri “in prima linea”, come pure in tutti gli altri. L’elenco delle cose da fare è lungo: la delocalizzazione, il reinsediamento, gli hotspot, i rimpatri. Per quanto riguarda Schengen, “la Commissione si sta preparando per ogni evenienza (…), ma non si tratta della fine di Schengen o di tagliare fuori uno Stato membro.” Sugli attentati di Colonia, Avramopoulos ha negato che tutti i rifugiati e gli immigrati rappresentino una minaccia per il nostro ordine pubblico: “Non lo sono”. Dichiarazione di Dimitris Avramopoulos. Il leader del gruppo PPE, Manfred Weber (DE), ha dichiarato che “non si tratta di mancanza d’idee ma di uno stallo, al Consiglio come pure in quest’Aula, (…) una divisione che dobbiamo superare per salvaguardare Schengen.” Ha quindi evidenziato che l’UE deve dotarsi di efficaci controlli alle frontiere, per sostenere le sue autorità e per permettere a Frontex di accedere al sistema di informazioni di Schengen. Ha quindi concluso, ricordando che “ci aspettiamo che coloro che sono ospitati e protetti nei Paesi UE, rispettino le sue culture e leggi”. Dichiarazione di Manfred Weber (PPE, DE)
Il leader dell’S&D, Gianni Pittella (IT), ha affermato che “c’è un virus che infetta l’Europa, il virus della paura”, che sta impedendo all’UE di prendere le decisioni giuste e minaccia di distruggerla. Pittella ha ammonito che i flussi di migranti in arrivo aumenteranno durante la primavera e sottolineato la particolare situazione di rischio dei bambini migranti. Dichiarazione di Giovanni Pittella (S&D, IT) “Non abbiamo mesi o anni per riscrivere il regolamento dell’UE, abbiamo solo un paio di settimane”, ha sostenuto Syed Kamall (ECR, UK). “Se gli Stati membri non sono in grado di gestire le proprie frontiere (…) allora non bisogna sorprendersi che altri vogliano lasciare la partita”, aggiungendo che “Schengen non ha bisogno di essere riscritto, ha bisogno di funzionare meglio”. Dichiarazione di Syed Kamall (ECR, UK)Il leader del gruppo ALDE, Guy Verhofstadt (BE) ha chiesto alla Presidenza UE di agire, in linea con l’articolo 78 del trattato (asilo e protezione internazionale), di assumere il controllo delle frontiere esterne dell’UE e di istituire una forza di risposta rapida. “L’Europa deve ottemperare a questo compito”, e ha aggiunto che la decisione di agire potrebbe essere presa durante il prossimo Consiglio europeo. Dichiarazione di Guy Verhofstadt (ALDE, BE)”La gestione della crisi dei rifugiati richiede più cooperazione, non scelte selettive di alcuni Stati membri che mettono in discussione le decisioni comuni” ha affermato Dimitrios Papadimoulis (EUL/NGL, GR). Ha ricordato che solo 400 rifugiati su 160.000 bloccati in Grecia e in Italia sono stati ricollocati fino ad ora. Rebecca Harms (Verdi/ALE) ha concordato sul fatto che sia necessaria una migliore gestione delle frontiere ma ha anche sottolineato che bisogna dare più sostegno ai rifugiati in Turchia, per assicurare qualcosa di più che la sola sopravvivenza. Dichiatrazioni di Dimitrios Papadimoulis (EUL/NGL, GR) e Rebecca Harms (Verdi/ALE, DE)”La gestione UE della migrazione è un completo fallimento (…) sta mostrando l’altra medaglia della solidarietà” ha detto Laura Ferrara (EFDD, IT). “Guardiamo agli effetti senza guardare alle cause” ha aggiunto, criticando anche i leader europei che scaricano le responsabilità alla Turchia. “Sveglia! Schengen è un fallimento e l’UE è un fiasco. Chiudiamo le frontiere e proteggiamo l’Olanda”, ha chiesto a Koenders Vicky Maeijer (ENF, NL)

Posted in Estero/world news, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

TiSA: il PE chiede protezione per le imprese e i servizi pubblici UE

Posted by fidest press agency su giovedì, 4 febbraio 2016

impreseIl PE ha chiesto, nelle raccomandazioni approvate mercoledì, che i negoziati in corso sull’Accordo sugli scambi di servizi (TiSA) tra Paesi che rappresentano il 70% del commercio globale nel settore servizi, si concludano con un accordo che faciliti l’accesso delle imprese UE ai mercati internazionali, ma che non forzi l’UE, le autorità nazionali e locali ad aprire i servizi pubblici alla concorrenza, ovvero non limiti il loro diritto di regolamentare nell’interesse pubblico.Per Viviane Reding (PPE, LU) “il voto di oggi rappresenta una svolta. Sono orgogliosa di aver raccolto un ampio sostegno tra i vari schieramenti politici per cambiare l’orientamento della politica commerciale UE, nell’interesse delle imprese UE così come dei consumatori”.
Reding ha affermato: “Dopo due anni passati a osservare le trattative TiSA e a prestare attenzione alle preoccupazioni dei cittadini, il PE è ora seduto al tavolo dei negoziati. Ieri, la Commissione europea aveva un assegno in bianco. Oggi, è vincolata a un chiaro mandato parlamentare. Se le nostre raccomandazioni saranno rispettate, allora TiSA garantirà più diritti ai nostri cittadini in Europa e rimuoverà alcuni ostacoli per le nostre società all’estero. In caso contrario, il Parlamento non esiterà a porre il veto a quest’accordo”.
Per proteggere le imprese UE da una concorrenza sleale all’estero, i deputati chiedono ai negoziatori UE:
– reciprocità nell’accesso al mercato, poiché i servizi UE sono già aperti alla concorrenza straniera rispetto a quelli dei suoi partner. In particolare, l’accesso dovrebbe essere ricercato negli appalti pubblici internazionali, nelle telecomunicazioni, nei trasporti e nei servizi finanziari e digitali;
– di arginare le pratiche restrittive dei Paesi terzi nei confronti delle società UE, come la localizzazione forzata dei dati o le limitazioni alla presenza di capitali stranieri;
– meno procedure burocratiche per le PMI, che sono prive di risorse umane e finanziarie necessarie per farsi strada tra le norme del commercio internazionale.
Inoltre, i deputati hanno stabilito delle aree che devono essere escluse dai negoziati:
– i servizi pubblici UE, come l’istruzione, la sanità, i servizi sociali, il sistema di sicurezza sociale e i servizi audiovisivi,
– la protezione dei dati dei cittadini UE deve essere aggiornata agli standard attuali e futuri,
– l’UE dovrebbe accettare solo i lavoratori stranieri altamente qualificati, sotto contratto e per un periodo di tempo strettamente limitato, e
– il diritto dell’UE, dei legislatori nazionali e locali di legiferare nell’interesse pubblico deve essere protetto adeguatamente, poiché dovrebbero avere il diritto di cambiare idea e, se lo desiderano, rinazionalizzare i servizi che sono stati precedentemente aperti alla concorrenza privata.
– includere una clausola di revisione che renda consenta ad una parte di recedere dall’accordo oppure di sospendere gli impegni sulla liberalizzazione di un servizio, in caso di violazione delle norme del lavoro e di quelle sociali.
I deputati chiedono tutele e più informazioni per i consumatori UE che viaggiano e usano i servizi all’estero, ad esempio con riferimento alle tariffe di roaming, alle commissioni di pagamento delle carte di credito, e alla protezione contro spam e pratiche di geoblocking.I deputati sostengono la richiesta della Cina di aderire ai negoziati e cercano di assicurare una futura “multilateralizzazione” dell’accordo.La Commissione europea dovrebbe fornire schede informative per il pubblico, spiegando ogni parte dell’accordo, e pubblicare anche resoconti fattuali per ogni ciclo di negoziazione sul sito web Europa.I negoziati per l’Accordo sugli scambi di servizi, iniziati nell’aprile 2013, aiutano a stabilire requisiti minimi globali per il commercio in settori come quelli dei servizi finanziari, digitali e dei trasporti. I partecipanti includono 23 membri dell’OMC, che insieme rappresentano il 70% del commercio globale nel settore servizi.

Posted in Cronaca/News, Economia/Economy/finance/business/technology, Uncategorized | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

American Heart Association, IBM Watson Health e Welltok lavoreranno insieme per trasformare la salute del cuore

Posted by fidest press agency su giovedì, 4 febbraio 2016

cuoreCon il cognitive computing l’AHA personalizza e basa su standard scientifici una nuova offerta per la prevenzione sul posto di lavoro.
Nel primo giorno dell’American Heart Month, l’American Heart Association (AHA) ha annunciato di avere a piano lo sviluppo di una soluzione prima nel suo genere per migliorare la salute dei dipendenti sul posto di lavoro che sfrutta le potenzialità del cognitive computing di IBM Watson. La prima applicazione di Watson alle malattie cardiovascolari combina le metodologie di misurazione scientifica di AHA con le valutazioni sanitarie ottenute grazie al cognitive analytics e sarà messa a disposizione attraverso la piattaforma per l’ottimizzazione della salute di Welltok. Il progetto ha lo scopo di contribuire ad alleviare l’impatto delle malattie cardiovascolari, che colpiscono oggi più di 85 milioni di americani.Il programma aiuterà a valutare le condizioni dell’ambiente di lavoro, così come la salute dei dipendenti in base alla metodologia di misurazione di AHA. Punto centrale dell’offerta è il nuovo Workplace Health Achievement Index. L’Index utilizza le migliori esperienze per misurare e classificare le iniziative che le aziende propongono ai dipendenti in tema di salute, valutandole anche su quanto viene fatto in termini di prevenzione sul luogo di impiego. L’Index è il risultato dell’impegno della AHA CEO Roundtable, un’organizzazione dedicata alla salute sul posto di lavoro di cui fanno parte alcuni dei CEO delle più grandi imprese degli USA. La AHA CEO Roundtable è servita da “laboratorio” di sviluppo, test e perfezionamento dell’Index. Nello sviluppo della nuova offerta, Watson avrà il ruolo di fornire, grazie all’analisi cognitiva dei dati contenuti nell’Index, una guida su come un datore di lavoro supporti la salute dei propri dipendenti, ad esempio verrà condiviso come le aziende progettino, misurino e promuovano programmi di prevenzione e tutela della salute dei lavoratori.
Utilizzando la piattaforma Welltok online o via mobile, ogni singolo dipendente potrà decidere se compilare il questionario “My Life Check” di AHA, che misura “Life’s Simple 7”, i principali indicatori relativi alla salute cardiovascolare: niente fumo, mangiare sano, essere fisicamente attivi, raggiungere e mantenere il peso forma, tenere monitorata la pressione arteriosa, controllare il colesterolo e ridurre gli zuccheri nel sangue. Welltok sfrutta le informazioni fornite dai consumatori attraverso il questionario e i dati raccolti tramite i device indossabili per il fitness, le bilance wireless e i dispositivi da polso per misurare la pressione per fornire consigli personalizzati e aiutare l’individuo a fare scelte sane che potrebbero ridurre l’eventuale rischio di malattie cardiovascolari.
“Con ‘Life’s Simple 7’ e ‘Workplace Health Achievement Index’, proponiamo un programma scientifico per una vita sana e per il benessere in azienda”, ha detto Eduardo Sanchez, MD, MPH, Chief Medical Officer for Prevention, American Heart Association. “Con questo programma, gli individui e i loro datori di lavoro saranno in grado di beneficiare di soluzioni cognitive personalizzate, progettate per aiutare a migliorare la salute del cuore e ridurre i costi dell’assistenza sanitaria. La nostra speranza è che si possa stabilire un nuovo standard per il miglioramento continuo della qualità del luogo di lavoro. ”
Ginni Rometty CEO di IBM è un membro della AHA CEO Roundtable e IBM integrerà questa offerta nella propria strategia per la prevenzione in tema di salute. Il programma sfrutterà la capacità di elaborazione del linguaggio naturale di Watson, le competenze di question and answer e di analisi, e Watson sarà “istruito” sulle finalità e sulle misure sanitarie specifiche per il benessere del sistema cardiaco in modo da poter raccomandare alle imprese le modalità di creazione di un “ambiente sano” per il cuore.
“La nuova era del cognitive computing ha il potenziale per contribuire a trasformare la salute personale, ed è per questo che siamo ansiosi di vedere questa offerta in azione per sostenere il benessere dei lavoratori”, ha detto Kyu Rhee, MD, MPP, Chief Health Officer, IBM Watson Health. “Questa è la prima volta che Watson si occupa della salute del cuore, e non vediamo l’ora di lavorare con un maggior numero di membri della AHA CEO Roundtable, modello per le iniziative dedicate alla salute cardiaca in azienda”.Il carico globale relativo a possibili malattie cardiache che affliggono la forza lavoro di una multinazionale, ammonta in un anno a circa 1 – 3 morti e a più di 312.6 miliardi di dollari in spese sanitarie e perdita di produttività. La cattiva alimentazione, la mancanza di attività fisica regolare e altri importanti fattori di rischio che causano malattie cardiache e ictus sono responsabili di almeno il 25% delle spese sanitarie attribuibili ai datori di lavoro.Un nuovo studio condotto da AHA e Nielsen ha rilevato che i dipendenti che si sentono incoraggiati dal proprio management a partecipare a programmi di prevenzione sanitaria sul luogo di lavoro hanno circa il doppio di probabilità di mangiare sano, e il 69% di essi sostiene che le iniziative di prevenzione hanno un forte impatto sulla soddisfazione relativa al lavoro.
La ricerca AHA ha dimostrato che attenersi semplicemente ai ‘Life’s Simple 7’ può aiutare a ridurre il rischio di malattie cardiache, ictus, cancro e molti altri problemi di salute. Le persone che raggiungono l’equilibrio ideale in tutti i sette i punti (“salute cardiovascolare ideale”) a 50 anni possono diminuire significativamente il rischio di incorrere in malattie cardiache e ictus.
“Mettere questo innovativo programma nelle mani dei consumatori, li aiuterà a mantenere e anche a migliorare il proprio stato di salute”, ha dichiarato Jeff Margolis, presidente e CEO di Welltok. “Non vediamo l’ora di lavorare con IBM e AHA, nonché con le più importanti aziende del Paese, per ottimizzare la salute dei lavoratori degli Stati Uniti e cercare di eliminare il tributo umano e minimizzare l’impegno finanziario relativo alle malattie del cuore.”
Welltok mette a disposizione una piattaforma HIPAA compatibile che consente ai dipendenti di partecipare ai programmi relativi alla salute, proteggendo la propria privacy. I dati del Workplace Health Achievement Index e l’adesione a Life’s Simple 7 saranno de-identificati e memorizzati in Watson Health Cloud.

Posted in Cronaca/News, Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Conferenza stampa prostata e cuore dottor Cestari e professor Parati Auxologico MIlano

Posted by fidest press agency su giovedì, 4 febbraio 2016

La prostataMilano Martedi’ 9 FEBBRAIO 2016 – ore 11 Auditorium Auxologico – Ospedale San Luca Piazzale Brescia, 20 L’urologo e il cardiologo hanno trovato nel laser “a raggio verde” il mezzo più sicuro per guarire l’ipertrofia prostatica benigna (IPB), un disturbo che colpisce fino l’80% degli italiani over 50 anni. Infatti alcuni di loro, a causa di problemi cardiocircolatori, non possono avvalersi della chirurgia urologica e sono quindi condannati al catetere anche per lunghi periodi. Si tratta di uno strumento che consente di operare in tutta sicurezza migliaia di pazienti in terapia con farmaci anticoagulanti e/o antiaggreganti – fluidificanti del sangue per la prevenzione dei trombi. L’impiego del nuovo laser al triborato di litio consente di non sospendere mai, nemmeno per un solo giorno, la terapia “salvavita” ( come invece avviene con le altre metodiche chirurgiche ) ed è indicato anche nei sempre più numerosi portatori di stent coronarci. Inoltre, salvaguarda la potenza sessuale e la continenza urinaria.Relatori:
Professor ANDREA CESTARI Direttore dell’ Unità Operativa di Urologia e del Centro Avanzato di Urotecnologie Istituto Auxologico Italiano, Milano
Professor GIANFRANCO PARATI Direttore del Dipartimento Cardio-Neuro-Metabolico e della Unità Operativa di Cardiologia – Istituto Auxologico Italiano,Università degli Studi di Milano–Bicocca
Professor PATRIZIO RIGATTI Coordinatore Scientifico dell’ Unità Operativa di Urologia e del Centro Avanzato di Urotecnologie Istituto Auxologico Italiano ,Milano

Posted in Cronaca/News, Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

La prevenzione, un faro che ci aiuta a tenere lontani i tumori

Posted by fidest press agency su giovedì, 4 febbraio 2016

porta nuova milanoMilano “I CAN. WE CAN”. L’Istituto Nazionale dei Tumori stasera ci ricorda che insieme si può trovare una soluzione per sconfiggere il cancro. Lo fa puntando un faro sulla facciata dell’ospedale in occasione del World Cancer Day, promosso dalla Union for International Cancer Control (UICC) affinché si uniscano le forze per lottare contro il tumore. L’Istituto si unisce all’iniziativa con lo slogan “INT CAN” che campeggia all’interno del fascio luminoso proiettato sulla struttura e che la illuminerà da oggi pomeriggio fino a domani sera.“La giornata Mondiale contro il Cancro – dichiara Enzo Lucchini, Presidente dell’Istituto Nazionale dei Tumori – è l’occasione per fare luce sulle modalità con cui combatterlo: con corretti e salutari stili di vita utili a prevenirlo, con un pronto riconoscimento dei segni che manifesta al suo nascere, con un’efficace terapia, disponibile per un sempre maggiore numero di forme tumorali. L’Istituto Nazionale dei Tumori, operando dalla sua fondazione contro il cancro a tutti i livelli, partecipa e sostiene il WCD richiamandone la finalità, appunto ‘facendo luce’ sulla propria facciata”. “L’obiettivo è diffondere un’educazione individuale e collettiva che porti ad azioni concrete – spiega il Direttore Scientifico di INT, Giovanni Apolone -. La Fondazione IRCCS Istituto Nazionale dei Tumori aderisce all’iniziativa World Cancer Day sostenendo il messaggio che corretti stili di vita e la diagnosi precoce possono contribuire a una drastica diminuzione dell’incidenza del cancro, migliorare il controllo della malattia e ridurre la mortalità. Questi obiettivi possono essere raggiunti anche e soprattutto grazie a progetti di ricerca che permettano di aumentare la efficacia e la efficienza di programmi di intervento in questi ambiti”.
Sul sito dell’INT campeggia l’immagine del World Cancer Day e i canali social Twitter e Facebook ricorderanno l’importanza della prevenzione, leitmotiv della campagna internazionale, con gli hashtag #IcanWecan e #IcanINTcan.Ogni giorno vengono diagnosticati mille nuovi casi di tumore, ma l’Italia resta uno dei paesi in Europa con il più elevato tasso di sopravvivenza. Questo grazie alla ricerca avanzata e alle cure d’avanguardia, ma molto può fare la prevenzione. Sono numerosi gli studi, in corso all’Istituto dei Tumori, che partono proprio dalla prevenzione e dalla diagnosi precoce.I dati dello studio EUROCARE5, a cui i ricercatori dell’INT hanno dato un contributo fondamentale, ci mostrano ad esempio che il primo passo per progredire nella lotta contro il cancro è intervenire precocemente per aumentare la sopravvivenza e offrire ai pazienti una migliore qualità di vita. Dall’analisi dei registri tumori (oltre 10 milioni di pazienti adulti in 30 Paesi Europei) è emerso che la sopravvivenza per tumore in Europa, a 5 anni dalla diagnosi, aumenta costantemente e che proprio in Italia sono stati compiuti passi davvero significativi.Inoltre l’INT promuove programmi e ricerche indirizzate alla prevenzione primaria e secondaria. Tra questi il progetto Me Me Me per prevenire le malattie croniche legate all’età, il progetto DIANA 4 – TEVERE volto a ridurre la sindrome metabolica e il conseguente rischio di sviluppare tumore alla mammella, DIANA-5, che ha l’obiettivo di ridurre le recidive di carcinoma mammario, bioMILD, studio clinico che coinvolge forti fumatori ad alto rischio di tumore polmonare ed EPIC, lo studio europeo che si occupa della correlazione tra nutrizione e cancro.All’Istituto dei Tumori è attivo un centro antifumo, nato per informare i cittadini sui rischi della sigaretta e il Programma Prostata, che unisce ricerca e collaborazione multidisciplinare per monitorare l’andamento clinico della malattia; vengono inoltre organizzati, nella struttura di Cascina Rosa, corsi e seminari sulla corretta alimentazione per prevenire il cancro. Tra le campagne di sensibilizzazione, è attiva in Istituto la Make Sense Campaign, per sensibilizzare la popolazione sull’incidenza dei tumori testa-collo. Per questo tipo di tumori, è inoltre in partenza il progetto DietINT per la prevenzione delle ricadute tumori testa e collo attraverso la dieta.È infine attivo un servizio di genetica medica che ha l’obiettivo diidentificare gli individui ad aumentato rischio genetico di tumore, ai quali fornire appropriati programmi di sorveglianza per la diagnosi precoce e possibili opzioni preventive (intervento sui fattori di rischio, chirurgia di riduzione del rischio).

Posted in Cronaca/News, Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Libia: Un disastro bellico annunciato

Posted by fidest press agency su giovedì, 4 febbraio 2016

libiaBarbara Spinelli è intervenuta nel corso della Sessione Plenaria del Parlamento europeo nel punto in agenda dedicato alla situazione in Libia, alla presenza di Bert Koenders, ministro degli affari esteri dei Paesi Bassi, in rappresentanza della Vicepresidente della Commissione/Alto rappresentante dell’Unione per gli affari esteri e la politica di sicurezza.“Sono meno ottimista di lei, Signor Koenders”, ha detto la deputata del GUE/NGL. “Temo l’ennesima guerra in Libia, perché conosciamo ormai i disastri delle guerre antiterroriste dell’Occidente. Non dimentichiamo che i rifugiati sono il frutto del caos che da anni seminiamo ovunque. I foreign fighters parlano confusamente di Islam, ma pensano soprattutto se stessi come War Generation”.“Non avete saputo sciogliere il nodo siriano ed evidentemente non lo volete, visto che alla Conferenza di Ginevra accettate il diktat turco: niente rappresentanti curdi ai negoziati, per ora. L’unico a volerli è Putin: forse il solo che sa l’indispensabilità dei Curdi ai fini di una vittoria contro l’Isis”.
“Stessa cecità in Libia: il fallito intervento del 2011, più il caos siriano, hanno finito con l’aprire le porte libiche all’Isis, e ora preparate altri interventi militari senza preoccuparvi che in quel Paese vi sia di nuovo uno Stato, cioè il monopolio sull’uso della violenza legittima”. “Non per ultimo: penso che il governo italiano non debba mettere i piedi in Libia, per difendere interessi economici o di prestigio, a causa del suo passato coloniale”.

Posted in Estero/world news, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Flos Olei Tour in New York

Posted by fidest press agency su giovedì, 4 febbraio 2016

map oilNew York 8 Febbraio 2016, nelle eleganti sale del The Yale Club – New York City (50 Vanderbilt Avenue, New York, NY 10017, US), una delle location più rappresentative della città presentazione Flos Olei, la prima e unica guida internazionale (in doppia lingua, italiano e inglese) interamente dedicata all’extravergine, pubblicata dall’esperto internazionale Marco Oreggia e curata assieme alla giornalista Laura Marinelli.Nata come concorso e guida, nel corso degli anni Flos Olei si arricchisce di una linea di cosmetici, un’applicazione iPhone-iPad, la rete dei Flos Olei Point e soprattutto dà vita a un’importante iniziativa, quella dei Flos Olei Tour, giunti alla quinta tappa. Questo appuntamento a New York è un tour speciale che consiste nella coesione di due progetti indipendenti: la guida Flos Olei 2016 di Marco Oreggia e Laura Marinelli e The Ultimate Guide to Italian Wine 2016 di Daniele Cernilli (in formato App, in inglese). È così che i migliori oli extravergine italiani e internazionali saranno affiancati dai vini italiani selezionati da Doctor Wine, con l’obiettivo di presentare due prodotti di tradizione orientati all’eccellenza.
“I Flos Olei Tour – spiega Oreggia – sono il naturale punto di arrivo del nostro progetto. Infatti già da diverso tempo stavamo pensando di organizzare delle tappe internazionali per presentare i migliori esemplari pubblicati nella nostra guida alla stampa e agli operatori di ciascun paese. Dopo le prime esperienze – in Germania, Roma, Londra e Varsavia – abbiamo deciso di arricchire il nostro paniere con vino e prodotti agroalimentari d’eccellenza capaci di sposarsi mirabilmente con gli extravergine”.
Per questa tappa abbiamo scelto New York, negli Stati Uniti, considerandolo uno dei più importanti mercati mondiali sia per l’olio che per il vino. Infatti, nel complesso e spesso contraddittorio contesto delle abitudini alimentari degli Americani, l’opinione pubblica è in realtà molto interessata ai prodotti di qualità, e l’olio è sempre più percepito come un alimento salutare, specialmente tra le nuove generazioni che seguono una dieta bilanciata.
Il format prevede due momenti: uno dedicato alla presentazione dei due libri (13.00 – 14.30), riservato a operatori e giornalisti; e uno (14.00 – 20.00) aperto al pubblico, con degustazioni libere di olio extravergine di oliva e vino. Nel corso della prima parte alla presentazione della guida Flos Olei seguirà una degustazione didattica di olio condotta da Marco Oreggia e Laura Marinelli. Nel pomeriggio i produttori di olio e di vino presenteranno le loro eccellenze a giornalisti (14.00 – 15.30), operatori (15.30 – 18.30) e pubblico (18.30 – 20.00). “I produttori che parteciperanno al Flos Olei Tour – sottolinea Laura Marinelli – sono imprenditori che vogliono far conoscere la propria filosofia, basata sull’eccellenza e sul desiderio di lavorare in gruppo, per mostrarsi nella veste migliore a uno dei mercati più importanti a livello internazionale”. (photo map oil)

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

L’irriverente. Ecco perchè l’Italia è, nel mondo, un Paese provinciale. Grazie ministra Pinotti

Posted by fidest press agency su giovedì, 4 febbraio 2016

Roberta PinottiHo seguito casualmente una trasmissione di una tv nazionale in cui la ministra della Difesa, Roberta Pinotti, si districava tra due giornalisti che facevano di tutto per farle dire anche quello che non sapeva e/o non voleva dire. Disquisivano sui contingenti militari italiani (una volta si chiamavano guerre, ma oggi si preferisce “missione di pace”) sparsi per il mondo, in particolare dopo gli “inviti” Usa perche’ il nostro Paese sia piu’ presente nello scacchiere mediorentiale e quello -molto probabile a breve termine- libico. Molto diplomatica, la nostra ministra, proprio come un comune mortale si aspetta che sia un ministro che fa il gioco di squadra del proprio governo, della Nato e degli accordi internazionali a vari livelli.
Ma i giornalisti sono degli incontentabili, per cui, proprio alla fine della trasmissione e’ scattata una domanda che proprio non c’entrava nulla col contesto, ma che serve forse a fare qualche titolo e qualche chiosa. Ed eccoci qui. Giornalista: ministro, lei per chi tifa nelle elezioni Usa? E Pinotti, sorridendo e mentre si alzava dalla sua sedia per andare via: io tifo per Hilary. Sorrisi da entrambe le parti, buonasera a tutti.
Hillary Diane Rodham, anche perche’ vive in un Paese (Usa) il cui il maschilismo dei nomi e’ straripante, e’ nota quasi esclusivamente come “la Clinton” poiche’ moglie di quel Bill che e’ stato presidente Usa per ben due volte in passato. E comunque una persona che, per le sue qualita’, e’ stata anche senatrice e Segretaria di Stato (il nostro ministro della Difesa), ma che comunque ha il marchio del cognome del marito.
Bene, la candidata piu’ probabile per il partito democratico (quello americano…) alla nomination Usa per le prossime elezioni presidenziali, in continuita’ con l’attuale innovatrice politica di Barack Obama, contrapposta a dei bacchettoni repubblicani che fanno sembrare dei laici estremisti i “due milioni” del Foro Massimo di sabato scorso a Roma… la signora Clinton, per la nostra Roberta Pinotti e’ Hillary. Non solo, ma per la nostra ministra della Difesa e’ la sua candidata preferita al piu’ importante scranno politico mondiale. Per capire: ve l’immaginate se il presidente Barack Obama, in occasione delle primarie del nostrano partito democratico, avesse trovato un giornalista che gli avesse chiesto per chi tifava come premier per l’Italia, e avesse risposto Matteo Renzi? Roba da mantenersi la pancia dalle risate? Si’, nel caso di Obama, ma non nel caso della ministra Pinotti. Che invece e’ drammatico e sintomatico della politica italiana in casa e nel contesto
internazionale. Non bisogna essere irriverenti per aspettarsi che un ministro, ad una domanda cosi’ inopportuna in quel contesto, avesse risposto qualcosa tipo: non parteggio per nessuno e avro’ ottimi rapporti col futuro ministro Usa alla Difesa e con tutto il Governo che gli elettori americani sceglieranno, visto che e’ un Paese con cui non siamo in guerra e i cui consigli seguiamo con molta solerzia ed attenzione. Ma la Pinotti.. no. Lei e’ partigiana, e’ un ministro che -diciamo- dimentica di esser tale e si comporta come una qualunque segretaria di sezione del Pd della sua Genova. E’ molto probabile che questa presa di posizione in quella trasmissione “non se la filera’” nessuno. Ma, a noi che ci piace il diritto, il savoir-faire, la lealta’, l’impegno nei ruoli e nei contesti, se fossimo stati un ministro della Repubbica, non ci sarebbe mai venuto in testa di dire, come potrebbe forse accadere per l’elezione di un consigliere di quartiere di un piccolo comune italiano, che si’, noi fidiamo che Mario sia eletto. This is Italy, people. (Vincenzo Donvito, presidente Aduc)

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »