Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 32 n° 250

Archive for 5 febbraio 2016

A new start for Social Europe

Posted by fidest press agency su venerdì, 5 febbraio 2016

As Institut Jacques Delors underlines in the foreword of this Report, “if European policy-making jeopardises cohesion and sacrifices social standards, there is no chance for the European project to gather support from European citizens”. “The message and concrete actions coming from Europe must change”, said also Nicolas Schmit, Minister of Labour, Employment and the Social and Solidarity Economy, at the beginning of the Luxembourg Presidency of the Council of the European Union. This Report, commissioned by the Ministry of Labour, Employment and the Social and Solidarity Economy of Luxembourg, focuses on ‘Why’ a new start for Social Europe is necessary, and on ‘How’ a new start for Social Europe is feasible.It identifies three pillars on which the Social Europe project should be grounded:
1) an investment strategy in human capital which can set the basis for growth and competitiveness based on social inclusion and resilience;
2) an enhanced and fairer labour mobility across EU member states to build a truly European labour market;
3) a pro-convergence reform of the European economic governance that can reconcile social and macroeconomic objectives.
For each of these pillars, a first section introduces key challenges and outlines the policy issues at stake. A second section offers an account of the debate, visions and proposals shared by experts and policy-makers who gathered in Luxembourg for the ‘A New Start for Social Europe?’ round tables, jointly organized by the Jacques Delors Institute and the Ministry of Labour, Employment and the Social and Solidarity Economy of Luxembourg. The publication aims at fostering debate on making progress toward Social Europe and building up a policy agenda for the coordination of social policies in Europe. It highlights some policy areas where concrete improvements are feasible or more urgent and presents concrete policy recommendations. The three chapters written by our research fellow David Rinaldi are complemented by contributions from Jacques Delors, Nicolas Schmit and Marianne Thyssen.

Posted in Estero/world news, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

The history of the Lampedusa

Posted by fidest press agency su venerdì, 5 febbraio 2016

lampedusaFebruary 9 – March 12 Winnipeg Public Library MILLENNIUM LIBRARY 251 Donald St., Winnipeg Tuesday, February 9: 6:00-6:20 pm: Opening Ceremony 6:30-7:00 pm: Mariella Bertelli, IBBY Canada (International Board of Books for Young People), speaks on the history of the Lampedusa library and how wordless picture books can be enjoyed by all, regardless of language.
Accompanying the exhibit are two activities for children of any age – Write a Postcard (to the children of Lampedusa) and Create your own Silent Book (make and take your own silent book using the supplies provided). Activities are available during the library’s open hours for the duration of the exhibit.This international traveling exhibit features over 100 of the most notable wordless picture books in the world, and is part of the children’s library that is been created by IBBY Italia for Lampedusa, Italy. The Lampedusa library is to serve the many refugee children – and local families – arriving from Africa and the Middle East. Sponsored by Istituto Italiano di Cultura, Toronto.

Posted in Cronaca/News, Uncategorized | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Global response to Zika must provide contraceptives to all says IPPF

Posted by fidest press agency su venerdì, 5 febbraio 2016

zikaAs a case of sexually transmitted Zika infection was reported in the US yesterday, the International Planned Parenthood Federation’s (IPPF) Director General, Tewodros Melesse urged that more must be done to ensure contraceptive access is at the forefront of the response. In a statement by IPPF’s Director General, Tewodros Melesse said in response to reports of Zika in Ireland and US today. “The World Health Organization (WHO) on Monday declared Zika a Public Health Emergency of International Concern. Further guidelines are needed for a comprehensive effort to tackle the epidemic. We need more guidance from WHO to ensure that the rights of women are at the forefront of the Zika response. Updates are essential now that sexual transmission, is emerging as a potential mode of infection that puts people at risk.” It is clear that further surveillance and research is necessary to confirm if this is a possible mode of transmission. If proved that the Zika virus can be sexually transmitted, it will be important to ensure the integration of Sexually Transmitted Infections (STI) prevention strategies as part of control efforts. The Centres for Disease Control (CDC) reported that it is likely that the infection in the US was transmitted through sexual contact. IPPF will continue to monitor the situation. With this potential for sexual transmission, it is advised to ensure access to condoms and to promote use along with other forms of contraceptive methods. Male and female condoms are effective for preventing unintended pregnancies as well as the transmission of HIV and other sexually transmitted infections (STIs).In response to the calls for women to delay pregnancy in some of the affected countries, Mr Melesse said” It is essential to recognize that women have the right to make decisions about their reproduction, including if and when they have children, but this is not always possible in areas of poverty and where sexual and gender based violence rates are high.”
“Delaying pregnancy will not be an option for some, so every response must be tailored to the individual. The Zika response must include a sensitive approach to pregnant women who are concerned and need testing, while access to contraception should be available to all. Governments must ensure that their medical services have the supplies for those whose want it. We recommend that strengthening family planning programs and access to safe abortion services for those women who need it and where it is permitted by law should be included in the strategies for responding to the Zika outbreak.” IPPF is a network of sexual and reproductive health and rights organisations in 170 countries that are equipped to monitor and respond to any member of the public who wants information, services, contraception and access to abortion and are available to serve at the first point of response.

Posted in Estero/world news, Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Respect for Human Rights as a Precondition for Peace

Posted by fidest press agency su venerdì, 5 febbraio 2016

Abu Bakr al-BaghdadiThe European Parliament discussed a draft resolution tabled by Swedish MEP Lars Adaktusson (EPP) at its plenary session from 1 to 5 February 2016. The draft calls for a European Parliament resolution on war crimes, crimes against humanity and genocide committed against Christians, Yazidi, and other religious and ethnic minorities in Syria and Iraq by the so-called ISIS/Da’esh.
The Conference of European Churches appreciates the efforts of European Parliament in addressing this important subject. Religious and cultural civilisations in the Middle East region are disappearing day by day. We are witnessing one of the most extreme forms of human rights violations in that region, which needs to be prevented and stopped. The destruction of religious communities, ethnic groups and their property—including religious and cultural sites with immeasurable value for humanity—is happening in the Middle East in a systematic and coordinated way. People are being murdered every day.Most victims are members of religious and ethnic minorities including Christians from the ancient churches (Chaldeans/Assyrians/Syriacs) in the region. Yazidi, Turkmen, Shabak, Sabaean Mandeans, Kaka’i, Sabian, Shia Muslim, moderate Sunni Muslim communities, as well as Kurds are captured by militants of the self-proclaimed Islamic State (IS) and other extremist groups.With this resolution the European Parliament is sending a strong message to the UN Security Council to refer the situation in Iraq and Syria to the International Criminal Court. Upon such a referral the Court can assume jurisdiction. Only then could an investigation of these crimes commence under the Convention on the Prevention and Punishment of the Crime of Genocide (Genocide Convention). The Genocide Convention obliges state parties to ‘punish’ and ‘prevent’ genocide wherever it occurs via international criminal justice mechanisms. The intention of ISIS is to attack any group that disagrees with their political agenda or view of society. Their intention to destroy social, economic, cultural, religious, and moral foundations has been eminently evident from observations made to date.
The Conference of European Churches (CEC) urges all state and non-state actors to pay special attention to the religious dimension of this conflict. CEC deplores the use of Islam for political purposes and the kidnapping of people especially women, children, priests, and bishops. CEC denounces the systematic targeting of Christian churches, monasteries, and other buildings by extreme militants. It asks all relevant regional players to advocate for religious diversity, religious tolerance, and pluralism in the inflamed region. The systematic vandalism, separation of families, violence, murder, and rape as part of the war strategy is unacceptable. Therefore, CEC urges all parties of the existing conflict to find a peaceful solution and to seek the promotion and protection of human rights and respect for human dignity of all people. We urge parties in the conflict to establish an immediate ceasefire and to engage in meaningful dialogue for viable political solutions to the crisis in Syria and Iraq and to create the climate for a national and multilateral reconciliation.Religion can and should be part of the solution; it should never have been permitted to become any part of the problem. Strong interreligious dialogue can contribute to social stability, mutual respect and religious tolerance, diversity, and peace. All parties in the conflict need to recognise the importance of the spiritual and cultural value of all religious and ethnic minorities in the Middle East region in order to create peaceful and inclusive democracies.

Posted in Estero/world news, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Abolizione banconote da 500 euro?

Posted by fidest press agency su venerdì, 5 febbraio 2016

Banca europea per gli investimenti“La lotta al contante è centrale ai fini del contrasto dell’evasione fiscale e lotta alla criminalità. Mi auguro che l’Europa, su impulso di Mario Draghi, intraprenda una politica di riduzione del contante cominciando proprio dalle banconote da 500 euro che guarda caso in Europa sono anche chiamate “Bin Laden”. “Negli ultimi cinque anni è cresciuto il deposito di banconote da 500 euro nelle banche delle regioni italiane dove l’export è forte: +273% in Veneto, +3853% in Trentino Alto Adige (da 7 a 288 milioni di euro), +847% in Emilia Romagna, +393% in Lombardia. Nel 2015, le banche italiane hanno accolto biglietti da 500 euro in misura cento volte superiore rispetto a quanto ne hanno distribuiti.
“Il prossimo 5 aprile 2016 è la sesta edizione del No Cash Day (www.nocashday.org), la giornata contro il contante, per la prima volta in versione europea. In tale occasione verrà letto a Copenaghen il “Manifesto dell’ePayment” nel quale il punto “riduzione del contante” è centrale”.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Estero/world news, Uncategorized | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

La Darden School of Business apre un nuovo campus a Washington D.C.

Posted by fidest press agency su venerdì, 5 febbraio 2016

darden schoolLa University of Virginia Darden School of Business ha annunciato che i prestigiosi programmi MBA for Executives (EMBA) e Global MBA for Executives (GEMBA) saranno offerti in una nuova location nell’area di Washington D.C., oltre che al campus storico di Charlottesville.
A partire da agosto 2016, gli executives intenzionati a conseguire un MBA presso la Darden School of Business mentre lavorano o perseguono altri interessi a tempo pieno potranno farlo in una nuova struttura all’avanguardia a Rosslyn, vicino a Washington D.C.
“Washington D.C. è un accesso globale, dove business e politica si intersecano” spiega Scott Beardsley, Dean della Darden School of Business. “Da sessant’anni, la Darden forma leader in campo economico, amministrativo e militare attraverso i suoi MBA e programmi executive. L’area della capitale è stata una scelta ovvia per la nostra nuova struttura, dato che la Virginia ha sempre avuto stretti legami con la capitale degli Stati Uniti. La prossimità della nuova struttura con la Union Station e gli aeroporti della regione, e la cadenza dei corsi che si terranno una volta al mese dal venerdì alla domenica, rendono il programma facilmente accessibile agli executives provenienti dalla maggior parte delle aree metropolitane degli Stati Uniti e dalle principali città internazionali”. L’Executive MBA ─ così come l’MBA residenziale ─ è impartito dai professori di alto livello della Darden School of Business e conferisce un MBA della University of Virginia. L’esperienza dell’Executive MBA di Washington D.C. rispecchierà quindi quella garantita presso la University of Virginia di Charlottesville.Il formato del programma è ideale per gli studenti internazionali che vogliono trasferirsi negli Stati Uniti e lanciarsi in esperienze diverse e varie durante gli studi, come l’imprenditorialità o il lavoro in organizzazioni non-profit.Il campus nell’area di Washington D.C. è il primo di una serie di potenziamenti che saranno attuati nel corso del 2016 e che consentiranno agli studenti di personalizzare e globalizzare ulteriormente la loro esperienza di studio nell’Executive MBA. Ai leader di impresa che saranno accolti nel programma verrà fornita la scelta tra due location di studio (quella di Washington D.C. o quella di Charlottesville) e due programmi (EMBA oppure l’opzione globale, GEMBA).Gli studenti dell’EMBA effettueranno una o più residencies in Brasile, Cina, Europa o India. Gli studenti del GEMBA effettuerano residencies in tutti questi paesi. In aggiunta ai viaggi in destinazioni come New York, Hong Kong, Londra e la Silicon Valley, gli studenti potranno modellare e accrescere ulteriormente la loro esperienza globale scegliendo tra insegnamenti a scelta e progetti di consulenza globali. La Darden offre opportunità in decine di paesi nel mondo, tra i quali Cuba, l’Uganda, la Francia, il Sudafrica, il Giappone, il Messico, ecc. Gli studenti possono inoltre creare il proprio progetto globale in accordo con il corpo professorale.
“La missione della nostra scuola è quella di migliorare il mondo creando leader responsabili, che abbiano anche competenze globali e imprenditoriali. La concentrazione di imprenditorialità e innovazione a Washington D.C., la sua influenza a livello internazionale e la sua tradizione di leadership sono in linea con i punti di forza della Darden School of Business” conclude Scott Beardsley.
Indipendentemente dalla sede di studio, tutti gli studenti trascorreranno del tempo a Charlottesville, alla University of Virginia (una delle più grandi università di ricerca al mondo e l’unica università negli Stati Uniti ad essere stata nominata patrimonio dell’umanità dall’UNESCO) e nella capitale degli Stati Uniti, Washington, D.C.L’MBA della Darden è classificato n° 2 nel mondo da The Economist.

Posted in Estero/world news, Università/University | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Tumore alla prostata

Posted by fidest press agency su venerdì, 5 febbraio 2016

Prostata urinary_bladderIn Abruzzo, il tumore della prostata colpisce ogni anno 540 persone, ma sono ben 35mila le nuove diagnosi registrate solo nel 2015 in tutta Italia. È la prima neoplasia tra gli uomini di età superiore ai 65 anni, ma tra questi cittadini, 8 su 10 non sanno che si può prevenire attraverso la conduzione di sani stili di vita. Tra gli over70 abruzzesi, ben il 43% è in sovrappeso, il 15% addirittura obeso, un terzo dei nonni (il 32%) consumano alcool in quantità rilevante, il 9% fuma e sei su dieci sono completamente sedentari. Una situazione preoccupante, che ha portato l’Associazioni Italiana di Oncologia Medica (AIOM) a lanciare il progetto Prostata: sul tumore vince chi gioca d’anticipo, un vero e proprio “Tour della prevenzione” in ventitre città, che porta gli oncologi a parlare esclusivamente agli anziani di lotta alle neoplasie nei centri ricreativi per la terza età. L’iniziativa, realizzata con successo da AIOM grazie al contributo incondizionato di Janssen, farmaceutica di Johnson & Johnson, è giunta al quindicesimo appuntamento, che si svolge oggi pomeriggio alle 16.30 presso il Centro di Ascolto e Servizi Assistenziali (Via Grappa, 176, Contrada San Martino) di Chieti Scalo. Il tour si focalizza soprattutto sui tumori della terza età, in primo luogo quello della prostata per spiegare che si deve prevenire, ma anche che quando colpisce può essere vinto e si può tornare ad una vita normale.
“Il fatto che il 79% degli anziani ritiene che modificare le proprie abitudini sbagliate arrivati alla terza età non serva a molto è preoccupante – spiega il prof. Michele De Tursi, medico chirurgo specialista in Oncologia Medica presso il Dipartimento di Scienze Orali e Mediche all’Università “G. D’Annunzio” di Chieti –. È invece ampiamente dimostrata l’azione protettiva e antitumorale della dieta mediterranea e di una regolare attività fisica, in grado di contrastare i principali processi degenerativi legati all’invecchiamento, prevenire i disturbi cardiovascolari e metabolici e diminuire anche il rischio oncologico. Basti pensare che smettere di fumare in età avanzata, come confermano recenti studi, riduce il rischio di invalidità e mortalità fino al 34%”.
“Negli anziani, il rischio di cancro è 40 volte più alto rispetto alle persone di 20-40 anni e 4 volte maggiore rispetto a quelle di 45-65 anni. Tuttavia, il 40% dei tumori può essere prevenuto attraverso uno stile di vita sano – aggiunge l’esperto –. Abbandonare comportamenti a rischio come il fumo o la sedentarietà presenta enormi vantaggi anche in un’età matura, riducendo la probabilità di sviluppare una neoplasia; una dieta sana ha importanti effetti preventivi e, anche nelle persone colpite da cancro, rallenta la progressione della malattia e aiuta il paziente a rispondere meglio alle terapie. L’oncologo ha un ruolo chiave nell’indicare al paziente non solo in cosa consiste la patologia e a quali trattamenti sarà sottoposto, ma soprattutto come gestire il tumore nel quotidiano, a partire dalla correzione di quei comportamenti scorretti come il fumo, il consumo di alcolici, alimentazione poco equilibrata e la sedentarietà”. “La maggior dei tumori nella terza età – evidenzia il prof. De Tursi – sono scoperti in fase avanzata. E spesso non tutti questi pazienti accedono ai trattamenti più innovativi. Per questo nel corso dell’incontro di oggi saranno illustrati anche i concetti di screening e di tempestività della diagnosi. Prima si intercetta la malattia, maggiori sono le possibilità di superarla con una buona qualità di vita, anche se si è ultrasettantenne. Oltre il 91% dei pazienti colpiti da tumore della prostata oggi sopravvive o convive con il cancro. Ma a differenza di altri tumori, per quello prostatico non esistono ancora programmi di screening efficaci come la mammografia e il sangue occulto nelle feci”.
Durante l’incontro sarà anche distribuito l’opuscolo informativo realizzato da AIOM, che consente a tutti i cittadini, ai malati e ai caregivers di conoscere la patologia, capire cos’è e quando può essere fatto il psa e fornisce consigli pratici su come gestire il forte impatto che la malattia ha nella quotidianità della persona.
“La nostra azienda è orgogliosa di scendere in campo al fianco degli oncologi dell’AIOM in un progetto così importante – afferma Massimo Scaccabarozzi, Managing Director di Janssen, che rende possibile il progetto –. Le campagne focalizzate sulla prevenzione e sulla creazione di cultura sui tumori rappresentano la nuova frontiera nella collaborazione tra società scientifiche e aziende farmaceutiche. Il nostro scopo non è solo fornire ai pazienti le migliori terapie possibili ma contribuire a far sì che cultura, conoscenza e prevenzione possano continuare a diventare un’arma in più a disposizione per la sconfitta di un male, che conoscendolo meglio, può in primis essere evitato e poi, quando purtroppo dovesse presentarsi, essere curato nel miglior modo possibile”.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Nuove linee guida AACE per la gestione del diabete

Posted by fidest press agency su venerdì, 5 febbraio 2016

diabete_21-300x224Le prime settimane del 2016 hanno già visto la pubblicazione delle linee guida 2016 per la gestione clinica e assistenziale del diabete, messe a punto dall’AACE, l’associazione che riunisce gli Endocrinologi Clinici Americani, linee guida che erano già state aggiornate nel corso del 2015. Il nuovo aggiornamento, a pochi mesi dalla precedente edizione, è un segno di quanto rilevanti siano le novità che si stanno registrando nel trattamento e nella gestione clinica di questa patologia che in Italia colpisce oltre 3 milioni di persone.
Le linee guida americane verranno presentate e discusse, facendo riferimento agli aspetti più innovativi per la realtà italiana, in occasione del “1st AME Diabetes Update” che si apre domani a Napoli promosso dall’Associazione Medici Endocrinologi (AME).“La novità dell’edizione 2016 delle Linee Guida AACE, spiega Enrico Papini, responsabile scientifico AME e Direttore Struttura Complessa Endocrinologia e Malattie del Metabolismo, Ospedale Regina Apostolorum, Albano Laziale, è l’indicazione circa l’impiego precoce, nelle prime fasi della malattia, delle terapie innovative. Queste ultime, infatti, consentono di raggiungere un soddisfacente controllo dei valori glicemici minimizzando il rischio di provocare pericolosi episodi di ipoglicemia. Il miglioramento e la maggiore stabilità del controllo metabolico, così assicurati, sono rilevanti per la prevenzione delle complicanze che, nel tempo, possono derivare dal diabete mal controllato, sotto forma di impegno cardiovascolare, renale, oculare e della circolazione degli arti inferiori. Si stima che il diabete sia associato ad un aumento molto sensibile del rischio di mortalità da varie cause, ed è quindi di fondamentale importanza un trattamento precoce della malattia e la prevenzione delle sue complicanze”.“Le nuove terapie, recentemente introdotte, chiarisce Giorgio Borretta, S.C. Endocrinologia e Malattie del Ricambio, Azienda Ospedaliera S. Croce e Carle, Cuneo, controllano i livelli glicemici e sono in grado di prevenire, come già detto, le crisi ipoglicemiche garantendo ai pazienti lo svolgimento delle più comuni attività, come guidare un’auto, con la certezza di poterlo fare in sicurezza. Ma, l’aspetto più innovativo è rappresentato dalla capacità di questi farmaci di far perdere peso interrompendo il circolo vizioso rappresentato da alcune molecole per il controllo glicemico che tendevano a far ingrassare. Per il diabete di tipo 2, infatti, uno dei fattori sfavorevoli a un adeguato compenso metabolico è proprio rappresentato dal sovrappeso: disporre di farmaci capaci di agire sulla perdita di peso corporeo è fondamentale”.“Recentemente si sono resi disponibili in Italia due di questi farmaci di nuova generazione: la liraglutide, un analogo dell’ormone GLP-1 che rende più armonica la secrezione degli ormoni pancreatici, che si è dimostrata efficace nel trattamento del sovrappeso e dell’obesità, interagendo con specifici recettori cerebrali che regolano l’appetito. Il dapagliflozin è invece la prima terapia che agisce sui reni permettendo l’eliminazione dello zucchero in eccesso, con riduzione importante della glicemia, perdita di peso e abbassamento della pressione arteriosa. L’arrivo in Italia di queste molecole rappresenta un significativo passo avanti compiuto dalla ricerca scientifica che arricchisce il panorama delle terapie innovative contro il diabete di tipo 2, una malattia considerata dall’OMS un’epidemia in tutto il mondo”, continua Edoardo Guastamacchia, docente presso l’Istituto di Endocrinologia dell’Università di Bari.
“L’impiego precoce di queste molecole rappresenta certamente un vantaggio per i pazienti, ma apre nuovi dibattiti circa la sostenibilità per il SSN a fronte di un costo maggiore di questi farmaci, commenta Silvio Settembrini, Medico Dirigente di Malattie Metaboliche e Diabetologia, ASL Napoli 1 Centro, Napoli e uno dei principali organizzatori del Diabetes Update. Queste considerazioni hanno indotto finora alcuni criteri limitativi nella prescrivibilità di queste molecole e nella loro associazione con altri principi terapeutici. È tuttavia auspicabile che nel corso dei prossimi mesi si possa giungere a concedere da parte degli organi regolatori una più ampia rimborsabilità di questi farmaci che presentano anche il vantaggio di una durata molto più protratta della loro efficacia nel tempo.
Le linee guida AACE non introducono novità assolute per quanto riguarda gli stili di vita della persona con diabete, ma sottolineano l’importanza di un dialogo con il paziente capace di influire sui comportamenti non corretti e, in particolare, sulla sedentarietà e il sovrappeso, sempre più diffusi nel mondo occidentale. La loro modifica, prosegue Settembrini, attraverso anche una sorta di “terapia comportamentale” prevede l’adozione di un regime dietetico specifico, maggiori conoscenze sull’indice glicemico dei diversi cibi e delle congrue associazioni tra gruppi alimentari diversi, e l’attività fisica regolare. È necessaria una sana alimentazione con preferenza per i grassi insaturi vegetali, la limitazione degli zuccheri a rapido assorbimento e, per chi si sottopone a terapia con insulina, il conteggio dei carboidrati. Non meno importanti, una attività fisica moderata, per almeno 150 minuti a settimana e il riposo notturno di almeno 7 ore”, conclude Settembrini.

Posted in Cronaca/News, Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Le Neuroscienze viste dagli studenti del liceo Calini di Brescia

Posted by fidest press agency su venerdì, 5 febbraio 2016

santa_giulia_brescia_010_choistro_san_salvatoreBrescia Sabato 6 febbraio presso il liceo statale A. Calini di Brescia sarà presentato “Pillole di Neuroscienze”, un volume scritto “a quattro mani” dai medici e dai ricercatori dell’Irccs Fatebenefratelli di Brescia e dagli studenti. Il libro sintetizza infatti il lavoro svolto insieme dai ragazzi e dagli specialisti sui principali disturbi psichici curati presso il centro San Giovanni di Dio di Brescia. L’azione educativa del liceo, che diventa la chiave di lettura del volume, è così sintetizzata: «educare all’osservazione e all’ascolto per saper cogliere ed utilizzare in modo critico le informazioni». I capitoli del libro sono la sintesi, effettuata dagli studenti, delle conferenze tenute dagli specialisti e si presentano quindi come una lettura del tema scientificamente corretta ma condotta dal punto di vista dei ragazzi. Un’esperienza dunque molto complessa e avanzata nella lettura di patologie come l’Alzheimer e l’autismo, che sarà a sua volta analizzata nel corso del convegno di presentazione da Marco Tarolli, dirigente scolastico del liceo Calini, fra Marco Fabello, direttore generale dell’Irccs Fatebenefratelli, Roberta Rossi, ricercatrice dell’Irccs, Giambattista Tura, responsabile dell’unità operativa di psichiatria dell’Irccs, Stefania Triva della Copan, Alessandro Ardenghi, ideatore e coordinatore del progetto e Enrico Abeni, coordinatore dei gruppi di lavoro. La presentazione si terrà alle 10 presso l’aula magna dell’istituto in via Monte Suello 2 a Brescia.

Posted in Cronaca/News, scuola/school | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

IBM potenzia la sua offerta di social business con nuovi clienti e servizi

Posted by fidest press agency su venerdì, 5 febbraio 2016

Milano. Ibmibm ha annunciato un’ulteriore espansione della piattaforma per il social business progettata per offrire ai clienti di tutto il mondo strumenti di collaborazione di nuova generazione grazie a IBM Verse e IBM Connections. IBM ha inoltre annunciato nuove soluzioni che renderanno più semplice raccogliere e condividere le informazioni tra i team di lavoro.
I social network promuovono l’innovazione, aumentando la collaborazione all’interno delle aziende. Un sondaggio di IBM dimostra che il 64 per cento dei CIO intervistati intende investire nella collaborazione interna, nel social networking e nel cloud entro il 20191. Un numero sempre maggiore di organizzazioni sta implementando strumenti di collaborazione quali IBM Verse e IBM Connections per poter ottenere una maggiore visibilità su opinioni, attività e comportamenti. Integrando la tecnologia cognitiva in questi sistemi, IBM aiuta i clienti ad apprendere dai dati con nuove modalità.Ad esempio, Lufthansa Group, la più grande compagnia aerea europea, è recentemente passata da Jive a IBM Connections per offrire ai dipendenti un modo più semplice e intelligente per lavorare insieme. IBM ha aiutato Lufthansa Group a trasferire oltre 120.000 utenti su Connections in meno di un anno, e dalla migrazione Lufthansa è stata in grado di offrire nuovi servizi ai clienti, migliorando al contempo la collaborazione, la fiducia e la produttività all’interno dell’organizzazione.“In precedenza, le nostre capacità di collaborazione ci hanno spesso costretto a pensare e a lavorare in maniera poco creativa – con flussi di comunicazione e conoscenza monodirezionali, che restavano solo nelle menti, sugli hard disk e nelle e-mail”, ha dichiarato Heike Griess-Nega, Responsabile delle piattaforme di collaborazione, Corporate IT, Deutsche Lufthansa AG. “Adesso IBM Connections ci sta aiutando a liberarci dagli schemi e a scambiare idee abbattendo confini e fusi orari”.Gli strumenti di collaborazione di IBM stanno aiutando anche le comunità di piccole aziende agricole dell’Africa orientale, accrescendo la trasparenza dei prezzi e dell’inventario. La collaborazione tra il Business Partner di IBM WebGate e TruTrade – una joint venture tra imprese commerciali africane, Rural African Ventures Investments e Self Help Africa – ha portato allo sviluppo della piattaforma myLLL su IBM Domino, ospitata sul Cloud IBM.La nuova soluzione di IBM aiuta gli imprenditori agricoli a comunicare tra di loro in aree geograficamente isolate, stipulare accordi commerciali, monitorare i pagamenti da mobile e accrescere il fatturato dei piccoli proprietari terrieri. Come risultato, i piccoli agricoltori possono acquisire nuove informazioni sui prezzi e sull’inventario in modi che non erano possibili prima, agevolando la collaborazione, aumentando le vendite e trasformando la vita dei piccoli agricoltori in tutta la regione.Flex Contact Center, una società di servizi professionali e televendite, ha recentemente implementato IBM Connections Cloud nella propria community interna, conosciuta come Conectados, per ridurre la dipendenza dalle e-mail, eliminare la necessità di investimenti in infrastrutture costose e offrire ai dipendenti un accesso più rapido ai dati dei clienti. Dopo aver incrementato del 25 per cento la produttività dei dipendenti grazie alla collaborazione basata sul cloud, l’azienda ha optato per un approccio simile al social business per la posta elettronica e sta ora estendendo IBM Verse a 11.000 dipendenti in tutto il mondo.“Uno dei peggiori ostacoli alla redditività di un’azienda è avere l’energia del suo personale frenata da una serie di strumenti di collaborazione obsoleti”, ha dichiarato Jeff Schick, General Manager Enterprise Social Solutions, IBM Corporation. “Lufthansa, TruTrade e Flex Contact Center hanno evitato questa trappola riconoscendo i vantaggi di essere un’azienda social. Con gli strumenti di social business IBM, i nostri clienti sono in grado di sfruttare il valore della conoscenza collettiva dei loro dipendenti e di utilizzarla per innovare dall’interno la loro impresa”.IBM espande IBM Connections per agevolare la collaborazione globale
Nell’attuale contesto aziendale, che vede il 70 percento dei dipendenti impegnati in attività “social” sia internamente sia esternamente1, le organizzazioni lavorano in maniera differente. Le imprese social tendono sempre di più ad acquisire e analizzare le conoscenze dai social network interni e a condividerle in tutta l’azienda per aumentare il loro vantaggio competitivo.Oggi IBM aggiunge nuove funzionalità a IBM Connections per aiutare sempre più aziende a trasformare i dati social in insight e a prendere decisioni più rapide e consapevoli. I nuovi miglioramenti consentiranno agli utenti di:
· Personalizzare le community per ruolo o funzione: community specializzate per utenti LOB in reparti quali marketing, risorse umane, vendite e altri – abbinati a nuovi layout di pagina, widget mobile e l’aggiunta di contenuti multimediali – aiutano le organizzazioni a semplificare la collaborazione.
· Gestire i file in maniera più semplice: le sottocartelle personali ora disponibili su Connections consentono agli utenti di visualizzare in anteprima i file prima di scaricarli e trasferire più facilmente le informazioni da Connections al proprio desktop.
· Rimanere produttivi in movimento: i nuovi miglioramenti estendono i sondaggi e le indagini ai dispositivi mobile e permettono agli utenti di modificare in modo sicuro i documenti, le presentazioni e i fogli elettronici dal loro dispositivo Android o iOS preferito. Inoltre, gli amministratori disporranno di funzionalità avanzate che permetteranno loro di rendere sicura l’app mediante una password per livello di applicazione piuttosto che utilizzare altre credenziali.

Posted in Cronaca/News, Uncategorized | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Il Toro cozzante del Museo Archeologico Nazionale della Sibaritide

Posted by fidest press agency su venerdì, 5 febbraio 2016

toro cozzanteTorino dal 1° marzo al 4 settembre 2016 si terrà l’esposizione al museo Egizio del Toro cozzante del Museo Archeologico Nazionale della Sibaritide. Il reperto in bronzo raffigura un toro in atto di caricare, appunto “cozzante”, ed è il simbolo della colonia di Thurii, riprodotto come emblema sulle monete della città.Realizzato con tecniche a fusione e databile tra la fine del V e gli inizi del IV secolo a.C., presenta integrazioni di restauro che ne attestano l’utilizzo anche in età romana.
La pregevole fattura artistica traspare dalla raffinata cura della resa dei dettagli anatomici, che esprimono la grande capacità del modellato degli artigiani dell’epoca. I restauri effettuati sul manufatto in epoca romana documentano una persistenza nella Sibaritide della koinè culturale greca, che sarà, per un lungo arco di tempo, tratto distintivo e caratterizzante dell’intero territorio.
Il bronzetto è stato rinvenuto in località Casa Bianca, nel Parco Archeologico di Sibari in Cassano allo Ionio (Cosenza), nel corso della campagna di scavi del 2004, diretta da Emanuele Greco, direttore della Scuola Archeologica Italiana di Atene.
La presenza del Toro cozzante all’esposizione torinese pone al centro dell’attenzione il Museo Archeologico Nazionale della Sibaritide, guidato da Adele Bonofiglio e sancisce la bontà delle scelte del Polo Museale della Calabria, diretto da Angela Tecce, mirate alla valorizzazione del patrimonio storico, artistico e archeologico della nostra regione. (foto: toro cozzante)

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

L’UE deve continuare ad aiutare la Libia

Posted by fidest press agency su venerdì, 5 febbraio 2016

libia mercenariDal dibattito di mercoledì con il ministro degli Affari esteri olandese, Bert Koenders, è emerso come la disgregazione economica e la violenza in Libia stiano permettendo alle organizzazioni estremiste di fiorire. Per i deputati le ripercussioni dei conflitti in Libia stanno destabilizzando anche la regione del Sahel. In una risoluzione posta in votazione giovedì, il Parlamento chiede all’UE e alla comunità internazionale di prepararsi a sostenere gli sforzi dei libici nell’attuazione dell’Accordo politico libico.
Nel testo approvato con 478 voti favorevoli, 81 contrari e 81 astensioni, il Parlamento europeo accoglie con favore l’Accordo politico libico siglato il 17 dicembre 2015 e sostiene il governo d’intesa nazionale di recente formazione e le istituzioni nazionali che devono guidare la Libia verso una transizione post rivoluzionaria, riportandola sul cammino della costruzione di un Paese democratico, pacifico, stabile e prosperoso.
I deputati esprimono preoccupazione circa le ripercussioni del conflitto libico sulla sicurezza in Egitto e, in modo particolare, in Tunisia, oltre che in Algeria e nei suoi giacimenti petroliferi e sottolineano il ruolo del conflitto libico nell’esacerbare l’estremismo in Tunisia. La crescente presenza di organizzazioni e di movimenti estremisti in Libia è altrettanto preoccupante e i deputati considerano questi gruppi come la principale minaccia alla stabilità e alla sicurezza dell’intera regione, come pure alla sicurezza dell’Europa.Il Parlamento europeo chiede che l’UE e la comunità internazionale continuino a fornire assistenza umanitaria, finanziaria e politica per far fronte alla situazione umanitaria in Libia, alle difficoltà degli sfollati interni e dei rifugiati e a quelle dei civili che affrontano l’interruzione dell’accesso ai servizi di base.

Posted in Estero/world news, Politica/Politics, Uncategorized | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Il PE chiede un’azione immediata per proteggere le minoranze religiose dall’ISIS

Posted by fidest press agency su venerdì, 5 febbraio 2016

parlamento europeoI deputati europei, in una risoluzione posta in votazione giovedì, chiedono alla comunità internazionale di intraprendere azioni immediate per combattere il sistematico sterminio di massa delle minoranze religiose perpetrato dal cosiddetto Stato Islamico in Iraq e in Siria (ISIS) o Daesh. Il testo chiude il dibattito del 20 gennaio scorso con il Capo della politica estera UE, Federica Mogherini. I deputati ribadiscono la loro ferma condanna all’ISIS/Daesh e alle sue vergognose violazioni dei diritti umani, che prendono di mira deliberatamente cristiani, yazidi, turkmeni, sciiti, shabak, sabei, Kaka’e e sunniti, che non condividono la loro interpretazione dell’Islam. Hanno inoltre ricordato che, secondo lo Statuto di Roma della Corte penale internazionale (CPI), queste violazioni equivalgono a “crimini di guerra”, “crimini contro l’umanità” e “genocidio”. La risoluzione, approvata per alzata di mano, chiede all’UE di nominare un Rappresentante speciale permanente per la libertà di religione e di credo e chiede a tutti i Paesi della comunità internazionale di impedire crimini di guerra, crimini contro l’umanità e genocidi all’interno dei propri territori. Il testo aggiunge che tutti gli Stati membri dell’UE dovrebbero aggiornare i loro sistemi giuridici e legislativi al fine di impedire che i loro cittadini partano per unirsi all’ISIS/Daesh e ad altre organizzazioni terroristiche. Gli Stati dovrebbero anche assicurare che i loro cittadini che dovessero unirsi alle organizzazioni terroristiche siano sottoposti il prima possibile a procedimenti penali. In Iraq e in Siria l’ISIS sta perpetrando una sistematica e diffusa violenza e viola i diritti umani internazionali e il diritto umanitario dei membri dei gruppi di minoranze, inclusi cristiani e yazidi, turkmeni, sciiti, shabak, sabei, kak’e e sunniti. Secondo le Nazioni Unite, “in alcuni casi, queste violazioni potrebbero costituire crimini di guerra e crimi contro l’umanità”.

Posted in Estero/world news, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Carnevale in piazza San Marco

Posted by fidest press agency su venerdì, 5 febbraio 2016

carnevale venezia piazza san marco

carnevale venezia arsenale3

Venezia venerdì 5 febbraio 2016, nella splendida struttura in legno, un allestimento fiabesco davanti al Museo Correr e tra le due Ali Napoleoniche che ricrea l’atmosfera della Repubblica Serenissima con ponti, statue e botteghe, disegnata da Massimo Checchetto scenografo del Teatro La Fenice, si alterneranno artigiani dei mestieri veneziani, il concorso della maschera più bella e gli spettacoli di musica e teatro curati dal Gran Teatro La Fenice.Protagoniste dunque le botteghe artigiane con l’Atelier Nicolao e l’Atelier Longhi di Francesco Briggi, i maestri del Consorzio Vetro Artistico di Murano Promovetro, gli artigiani dell’associazione El Felze, quelli del Consorzio dei Mascareri, del Politecnico Calzaturieri del Brenta, gli storici tessutai Fortuny, Bevilacqua, Rubelli e Consorzio dei Tajapiera Restauratori Veneziani.La Piazza apre alle 11.00 ed è subito di scena la Venezia che crea, costruisce gondole e remi, maschere, costumi, mentre alle 11.10, 14.00, 16.10 è la volta degli spettacoli di Bolle di sapone e di magia a cura di Pantakin Venezia.Imperdibile a mezzogiorno, con replica alle 15.30, la piece del Teatro Stabile del Veneto, Arlecchino Furioso, divertentissimo viaggio alla scoperta della Commedia dell’Arte.Alle 12.30, e replica alle 14.30, un grande classico, Il concorso per la maschera più bella che vede sfidarsi nella piazza più bella del mondo i costumi e le maschere più originali provenienti da tutto il mondo.
carnevale venezia piazza san marco1Alle 14.30 in scena va lo sfizioso spettacolo, prodotta da Eventia, “Storie di amor…cortigiano”. Una piéce teatrale sulla figura della celeberrima cortigiana honesta Veronica Franco e sull’incontro veneziano tra la medesima cortigiana e il futuro re di Francia Enrico III di Valois. Lo spettacolo, di e con Maurice Agosti e Chiarastella Seravalle, è curato da Arte-Mide e vedrà anche delle incursioni della Compagnia de Calza I Antichi.
Alle 15.30 torna in piazza San Marco anche la commedia dell’arte curata dal Teatro Stabile del Veneto con l’Arlecchino Furioso. Gli attori di “Stivalaccio Teatro” Sara Allevi, Anna De Franceschi, Michele Mori e Marco Zoppello manderanno in scena un gioco scenico a cura di Giorgio Sangati realizzato in occasione del Carnevale 2016 che rappresenta un breve e divertentissimo viaggio alla scoperta della “Commedia dell’arte” che ha reso i teatranti italiani famosi in tutto il mondo.
Gran finale alle 16.30 con il Teatro La Fenice che presenta Brass Operà, un gruppo di ottoni e voce recitante che eseguirà, arie e sinfonie dal repertorio operistico e lirico italiano: dal “Libiamo” della Traviata, al coro delle Zingarelle e Matadores e molto altro.
Venerdì all’Arsenale oltre alla consueta programmazione dello spettacolo “La Marangona”, a vivacizzare la riva delle Campane, dalle 19 alle 23, ci sarà la marching’ band “Girlesque Street Band”, la prima ed unica street band italiana tutta al femminile. Girlesque mantiene il format efficace del connubio fra sound e movimento ma lo reinterpreta con il linguaggio delle donne: 12 giovanissime musiciste provenienti da tutta la Toscana che strizzano l’occhio al Burlesque, ma solo con qualche lontana reminiscenza. Suonano, ballano e giocano con la grinta e l’entusiasmo tipici di una street band che si rispetti, ma senza scordare la grazia e l’eleganza del loro universo femminino. La Girlesque Street Band si alternerà agli spettacoli de “La Marangona” spettacolo che mescola videoproiezione, musica e pirotecnica, e che si ripeterà alle ore 20, 21, 22, chiudendo ogni sera con un concerto su una barca storica. (foto: carnevale venezia piazza san marco, arsenale)

Posted in Cronaca/News, Viaggia/travel | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »