Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 33 n° 203

Archive for 6 febbraio 2016

Syria must not be a silent crisis for women and girls says IPPF

Posted by fidest press agency su sabato, 6 febbraio 2016

siriaIn reaction to yesterday’s pledges made from donor governments to Syria’s aid conference in London, IPPF Director General Tewodros Melesse said more action should be taken to ensure that sexual and reproductive health and rights are at the centre of humanitarian efforts.Mr Melesse stated that “We have seen some great progress today and we must celebrate that governments have come together to tackle one of the largest humanitarian crises we have seen in a long time. But we must not forget that in the response, sexual and reproductive health services should also be a top priority.Women and girls are disproportionately influenced by humanitarian crises exposed to early marriage, trafficking, rape, forced pregnancies, unattended service delivery during complicated pregnancies and delivery.We could save lives by putting money and efforts into an integrated comprehensive package on reproductive health into the standard humanitarian response. IPPF has been doing this for years, our staff work on both sides of the border and on the frontline. Beyond the immediate crisis, we also work with those affected, for the long term”.In Syria 46,500 women will suffer gender-based violence, including rape, as a result of the ongoing conflict. This shows a great need to ensure that the human rights of women and girls are protected and able to access sexual and reproductive healthcare.
IPPF Member, the Syrian Family Planning Association is on the front line when it comes to dealing with the less-reported consequence of every war- sexual and reproductive health and rights.Syrian Family Planning Association Executive Director Dr. Lama said ” When a woman comes to our services they are typically lost and without hope. Our indicator of success is that we help the hopeless to have hope.”
Over the last 10 years, IPPF has reached millions of people during floods, conflicts, earthquakes, cyclones. When health care often collapsed, our Member Associations continued to reach the underserved, which makes up three quarters of IPPF clients.

Posted in Estero/world news, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Sharing economy driving growth in mobile payment technology

Posted by fidest press agency su sabato, 6 febbraio 2016

Warwick_Business_School_Scarman_road_viewThe booming sharing economy is leading to an increase in mobile payment use, said Pinar Ozcan, Associate Professor of Strategic Management at , at the WBS PayTech Conference at The Shard.PwC estimate the global sharing economy will grow from $15 billion in 2013 to $335 billion in 2025 and Dr Ozcan believes that will push up the use of mobile payment technology as well.
The rise of sharing platforms such as Airbnb and Uber means mobile technology is taking an increasing role in the way consumers pay for services and goods.Dr Ozcan is researching the sharing economy and told the WBS PayTech Conference, hosted at Warwick Business School’s London base at The Shard, that growth in mobile technology, especially PayTech is driving its growth.“Many of these sharing platforms use mobile payment technology and so their growth will encourage the growth of PayTech in this area,” said Dr Ozcan, who is embarking on a research project to map the factors needed to boost the sharing economy in the UK.“These platforms encourage business at an individual level, rather than going through companies. Calling for a taxi through Uber or booking a room on Airbnb or even finding the nearest car repair shop all involves apps. They are doing business from peer to peer and bypassing companies and it is all done through mobile payment technology.“This all happens on the mobile phone, it is the device where you book all these things, and the app allows you to send a payment with one click.“Paypal, Apple Pay and Google Wallet have stolen an early march, certainly in the US and Europe, but there are many smaller players with great innovative products in the sector, as we are finding out at the conference.”
Dr Ozcan’s research found that while they recently became quite popular, mobile payments, particularly NFC-based ones, were delayed in the West for 15 years due to squabbling egos of banks and technology firms.
“It has been recognised since the early 2000s that Near Field Communication (NFC) was the preferred choice of technology to get the mobile payment industry rolling,” said Dr Ozcan. “But mobile operators needed access to bank accounts, while banks, in turn, needed mobile operators because the user’s bank information and the payment software needed to be integrated into the mobile service of the user. But wrangling over who dealt with – and essentially owned – the consumer resulted in it being delayed.”The arrival of Apple Pay in 2015 has brought the return of Google Wallet and Dr Ozcan believes it will lead to rapid growth in the technology that had stalled for more than a decade.“Now that Apple has joined them, the fact that two big technology players are backing the payments system on their devices will certainly help with more widespread adoption issues,” said Dr Ozcan. “One interesting difference between Apple Pay and Google Wallet, though, is that Apple won’t have any access to information about what users buy or how much they paid. Google, on the other hand, ‘sees’ every transaction that a user makes.“One thing that Apple has done right is to use its reputation as a top technology firm and platform provider to strike deals with the industry leaders in banking and mobile communications to finally get them to co-operate. When a company like Apple gets behind a technology, nobody wants to miss that boat.”

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Estero/world news, Università/University | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Ciclo “Suono Italiano Madrid”

Posted by fidest press agency su sabato, 6 febbraio 2016

costanza savareseMadrid Martes, 16 de febrero El concierto tendrá lugar en el Palacio de Abrantes (c/ Mayor, 86) a las 20,00 horas y será de ACCESO LIBRE. Las entradas -dos por persona- podrán retirarse desde una hora antes del comienzo. Madrid Tras el éxito del Trío Estrio, el del dúo Cicchese – Panzarella y Giuseppe Andaloro, la nueva edición del ciclo “Suono Italiano Madrid” del Instituto Italiano de Cultura sigue el próximo 16 de febrero con el concierto de Globeduo, formado por el brillante flautista Andrea Oliva y Costanza Savarese, una de las artistas punteras de la nueva generación. El trayecto del ciclo “Suono Italiano Madrid” – que el IIC Madrid ha puesto en marcha nuevamente junto al Cidim (Comitato Nazionale Italiano Musica) y con el patrocinio de Unión Fenosa Gas- sigue de forma brillante con el concierto de Globeduo, formado por dos artistas de excepcionales dotes interpretativas e instrumentales, el flautista Andrea Oliva y la guitarrista Costanza Savarese. Globeduo Ofrecerá un excepcional concierto en el que escucharemos la Pavana op. 50, con los arreglos realizados por Stefan Nesyba y publicada por la Schott Edition, la reelaboración de Anton Giulio Priolo del poema dramático Peer Gynt, de Ibsen y la música de escena de Edvard Grieg, Danza de “la Vida breve” de Manuel De Falla, Movies de Bruno Battisti d’Amario, una de las figuras más importantes en el mundo de la guitarra italiana y la Sonatina de Dvorak, una obra celebrativa para un opus especial, en cuatro movimientos en los que se expresa la dulzura de la vida americana.
Andrea Oliva, Primera flauta solista de la Orchestra dell’Accademia Nazionale di S. Cecilia de Roma, ha sido definido por Sir James Galway como uno de los mejores flautistas de su generación, una estrella brillante en el mundo de la flauta. Tras titularse, en tan solo cinco años, en el Istituto Musicale “Vecchi-Tonelli” de Módena bajo la dirección de G. Betti, ha seguido cursos de perfeccionamiento con C. Montafia, G. Cambursano, J. C. Gérard y Sir J. Galway y ha iniciado enseguida una brillante carrera que lo ha llevado a actuar en algunas de las más importantes salas de todo el mundo: Carnegie Hall de Nueva York, Museo de Arte Contemporáneo de Londres, Bunka Kaikan Hall de Tokyo, Hong Kong Academy etc. Entre los numerosos premios que ha ganado en los concursos internacionales de flauta más importantes, destacan el Primer Premio en los de Kobe (2005, primer italiano que ha obtenido tal reconocimiento) y el 3° Premio en el ARD de Mónaco (2004). Miembro efectivo de la Orchestra Giovanile Gustav Mahler, ha frecuentado la Accademia Herbert von Karajan, y ha sido invitado, con tan solo 23 años, como Primera flauta invitada por la Berliner Philharmoniker, bajo la dirección de batutas tan prestigiosas como C. Abbado, L. Maazel, V. Gerghiev, S. Oramo, M. Jansons y B. Haitink. Colabora, como Primera Flauta con numerosas orquestas con la Bayerische Rundfunk y Orchestra da Camera de Mónaco, Bamberger Symphoniker, Mahler Chamber Orchestra y Chamber Orchestra of Europe. Ha actuado varias veces como solista con la Orchestra Nazionale di S. Cecilia dirigido por C. Hogwood, M. W. Chung, A. Pappano, M. Honeck. y colabora asiduamente con eminentes artistas como A. Lonquich, E. Pace, N. Carusi, A. Hewitt, I. Fliter y Sir J. Galway. Junto a la actividad concertística, mantiene la didáctica en la Accademia nazionale di S. Cecilia de Roma y el Conservatorio de la Suiza italiana (Lugano). Ha grabado para los sellos VDM Records, Le Chant de Linos, Amadeus, Wide Classique, Hyperion, Brillant y Sony.
Costanza Savarese, la han convertido en una de las artistas punteras de la nueva generación. Ha debutado recientemente, en calidad de solista, con orquesta en el Concertgebouw de Amsterdam, la Presidential Concert Hall de Ankara y el Palau de la Música de Valencia (acompañada por los “Solisti dell’Accademia Nazionale di Santa Cecilia”). Tiene ya en programa tournées como solista con orquestas y en formaciones de cámara en las principales salas de conciertos de China y del Sur de Asia. Costanza ha ganado dos Los Angeles Global Music Awards: en la categoría “instrumental solo per formance” con el disco Constance, y el otro en la categoría “chamber music” con el Cd Globe en dúo con Andrea Oliva. Su poliédrica y acentuada personalidad artística la ha llevado a debutar en el 75º Festival del Maggio Musicale Fiorentino, en calidad de productora artística e intérprete líder con Alessio Boni (ganador de dos Golden Globe) y el Glob Ensemble con su concierto-espectáculo Vespucci: l’Impresa Italiana nel Nuovo Mondo. Con Andrea Oliva ha realizado y publicado el segundo Cd, Morningen el otoño de 2014, que está teniendo una notable acogida. Costanza participa además en numerosos proyectos musicales de diferentes géneros. Ha grabado música de Astor Piazzolla en colaboración con Nazzareno Carusi y Enrico Fagone. Ha sido invitada recientemente a colaborar en un proyecto de video-arte para guitarra, performer vocal y live electronics con Hermes Intermedia (grupo de poli-artistas patrocinado por Ennio Morricone para la Biennale di Venezia). El gran compromiso de Costanza con la música moderna queda testimoniado en su proyecto Contemporary Ways: ha realizado encargos para guitarra y orquesta y obras de cámara a importantes compositores italianos; composiciones en las cuales la guitarra siempre tiene un papel relevante. Toca una guitarra Matthias Dammann, construida expresamente para ella. (photo: Costanza Savarese)

Posted in Estero/world news, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

I rifugiati in Francia

Posted by fidest press agency su sabato, 6 febbraio 2016

rifugiatiSi stima che attualmente circa 4.000 rifugiati e migranti vivano nella “giungla” di Calais e circa 2.500 a Grande-Synthe, al confine con Dunkerque, spesso in situazioni disperate, che peggiorano drammaticamente durante i mesi invernali. L’UNHCR esprime particolare preoccupazione per le condizioni di vita dei bambini, soprattutto dei minori separati e non accompagnati, e valuta positivamente il fatto che siano stabiliti in via emergenziale posti aggiuntivi di accoglienza, come il centro per minori (Maison du jeune réfugié) a St Omer (gestito da France Terre d’Asile), o altre strutture in grado di fornire risposte al bisogno di protezione dei bambini, compresi i minori di 15 anni. Inoltre, dovrebbero essere urgentemente prese in esame ed esplorate possibili opzioni per semplificare le procedure di protezione dei bambini, in particolare per coloro che hanno familiari in un altro degli Stati membri dell’UE.
L’UNHCR si dichiara soddisfatto delle diverse misure messe in campo dalle autorità francesi per fornire assistenza d’emergenza ai rifugiati e migranti che vivono a Calais e Grande-Synthe e rispondere agli urgenti bisogni umanitari. Queste misure comprendono la decisione di stabilire un centro temporaneo chiamato “Centre d’Accueil Provisoire” (CAP), Centro di Accoglienza Temporaneo, a Calais, gestito da La Vie Active, e di organizzare il trasferimento volontario di rifugiati e migranti in centri di accoglienza chiamati “Centres d’Accueil et Orientation” (CAO), Centri di Accoglienza e Orientamento, distribuiti in tutto il paese. Questi ultimi centri offrono accoglienza temporanea a coloro che vogliano avvalersi di questa possibilità, indipendentemente dal fatto che abbiano o meno presentato richiesta d’asilo. All’inizio di febbraio, più di 700 persone erano ospitate nel CAP di Calais e 2.431 persone hanno deciso di essere trasferite in uno dei 92 CAO da quando l’iniziativa è stata avviata, il 22 ottobre 2015.Alla luce della nostra analisi, le persone rifugiate e migranti che vivono a Calais e Dunkerque trarrebbero grande benefici se i servizi di informazione e consulenza legale fossero intensificati. Nella situazione attuale, i residenti della “giungla” di Calais ricevono informazioni confuse, a volte inaccurate e contrastanti, e da una serie di fonti diverse. Sarebbe invece cruciale rafforzare il coordinamento tra tutte le parti nel fornire assistenza e informazioni precise e oggettive, anche a coloro che sono ospitati nei CAO.Nel migliore dei casi, in questi luoghi viene fornita un’assistenza umanitaria attraverso interventi palliativi volti ad alleviare le sofferenze più gravi. In particolar modo, le persone coinvolte hanno bisogno di maggiori informazioni rispetto alle opportunità a loro disposizione in Francia, e coloro che hanno bisogno di protezione internazionale devono essere fortemente incoraggiati a chiedere asilo nel Paese. Occorre, inoltre, fornire informazioni accurate rispetto alle possibili conseguenze del non presentare richiesta d’asilo. Un’altra importante misura dovrebbe essere quella di assicurare strutture di accoglienza adeguate e servizi di supporto specifici, inclusi assistenza legale e psico-sociale.Un’altra misura che deve essere rafforzata è l’utilizzo delle disposizioni legali esistenti per coloro che hanno familiari in Stati membri dell’Unione Europea, così da accelerare le procedure per il ricongiungimento familiare. Un passo esemplare in questa direzione è stato fatto con la recente decisione della Corte Suprema del Regno Unito, in cui i giudici del tribunale di asilo hanno stabilito che tre bambini separati e non accompagnati e un fratello maggiore (da cui dipende uno dei minori) avessero diritto a ricongiungersi con i propri familiari in Gran Bretagna in attesa che le loro richieste di asilo fossero esaminate dal Ministero degli Affari Interni.
L’UNHCR da tempo sostiene l’implementazione proattiva del Regolamento di Dublino III e raccomanda agli Stati di usare questa opportunità per accelerare la procedura che consente ai minori separati e non accompagnati che si trovino in uno Stato membro dell’UE di ricongiungersi con i propri familiari in un altro Stato membro.L’UNHCR è pronto a supportare le autorità in tutte queste misure, e intensificherà la propria presenza nel campo di Calais a partire dall’8 Febbraio 2016.

Posted in Cronaca/News, Estero/world news, Uncategorized, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Giubileo della Misericordia: un’icona di Russia Cristiana al Papa Giovanni XXIII

Posted by fidest press agency su sabato, 6 febbraio 2016

iconaBergamo. La singolare iniziativa prenderà avvio domenica 7 febbraio: Mons. Francesco Braschi, presidente dell’Associazione Russia Cristiana, celebrerà la Santa Messa delle ore 17 nella chiesa dell’Ospedale, e successivamente, alla presenza di alcuni Maestri iconografi di Seriate, nella hall del reparto di Ostetricia (ingresso 7), avrà luogo la cerimonia di inaugurazione dell’icona. La scelta della Torre 1 non è casuale: qui vengono ricoverate le donne con gravidanze difficili, le neomamme con i loro bambini, i neonati che hanno bisogno di cure speciali in Patologia neonatale. “Nel 2015 hanno visto la luce al Papa Giovanni XXIII più di 4mila bambini – spiega il direttore generale Carlo Nicora – . Sui neonati del 2016 e sulle loro famiglie veglierà ora, in un momento delicato come la nascita, la Madonna della Misericordia. E’ un’ulteriore conferma dell’affetto che nutrono i bergamaschi per la nostra struttura, e riprende la tradizione dei benefattori che donavano dipinti all’allora Ospedale Maggiore”. na grande tavola lignea raffigurante la Madonna della Misericordia dipinta dai maestri della Scuola iconografica di Seriate, sarà esposta nel corso dell’anno giubilare all’ospedale Papa Giovanni XXIII di Bergamo. Così l’Associazione Russia Cristiana (Villa Ambiveri, Seriate), in collaborazione con la direzione dell’ospedale, ha voluto offrire un singolare segno di fede e di cultura per la celebrazione dell’Anno della Misericordia.
Nella tradizione dell’icona esistono due tipologie espressive della protezione divina sull’umanità: una, più diffusa in Oriente, vede la Vergine stendere il suo manto librandosi in volo sopra i fedeli; l’altra, più nota in Occidente (ha trovato realizzazioni insigni in Simone Martini, Piero della Francesca e altri ancora), presenta la Madonna che allarga il manto per accogliervi il popolo cristiano. Proprio a questa seconda tipologia appartiene la grande icona che per un anno vorrebbe porsi come un simbolo tangibile di misericordia e speranza in un luogo tra i più vissuti e sofferti della città, riprendendo un’antica tradizione che apparteneva a molti ospedali italiani. La Scuola iconografica di Seriate, che da quasi 40 anni opera nell’ambito dell’Associazione Russia Cristiana, ripropone attraverso mostre, corsi, seminari e altre iniziative la ricca e ancor poco nota tradizione dell’icona, testimoniando la comunanza delle radici cristiane, che affondano nel comune patrimonio della Chiesa d’Oriente e d’Occidente, segno di un’unità che viene prima e sopra ogni divisione. La tavola della Madonna della Misericordia, che ci riporta allo splendore dell’icona bizantina ma anche all’arte del nostro Medioevo italiano, ne è la riprova. (foto: icona)

Posted in Cronaca/News, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Industry del turismo mondiale

Posted by fidest press agency su sabato, 6 febbraio 2016

milanodavedereMilano dall’11 al 13 febbraio, riunisce nel cuore del quartiere di Fiera Milano a Rho gli operatori del turismo di tutto il mondo. Un parterre particolarmente ricco, che premia il format innovativo della manifestazione: presenze di prestigio, sia sul fronte degli espositori sia su quello dei buyer, che hanno colto l’opportunità unica offerta dall’appuntamento milanese per promuoversi e sviluppare il proprio business. Grazie anche alla spinta di EXPO – che ha permesso a Milano di aumentare il proprio tasso di occupazione di camere del 18%, posizionandosi per tasso di crescita davanti a Madrid, Lisbona, Barcellona e Berlino, e superando Monaco, Vienna, Amsterdam, Londra e Parigi – l’Italia ed in particolare il capoluogo lombardo si confermano una location ideale per ospitare una Fiera internazionale del turismo come Bit. Unica manifestazione italiana a raccogliere più di 100 Paesi, oltre 2.000 aziende e circa 1.500 Buyer su 4 macro aree espositive (Leisure, MICE, Luxury e Destination Sport) e unico appuntamento nel nostro Paese dedicato ai segmenti MICE e Luxury, Bit2016 ha quindi tutte le carte in regola per diventare leader nel panorama fieristico italiano, grazie anche all’innovativa suddivisione per segmenti di business.Sempre seguendo i trend di mercato, Bit ha deciso inoltre di puntare sui settori che fanno registrare in Italia le migliori performance anche nei mesi invernali del 2016, come il turismo culturale ed enogastronomico, seguito da quello dedicato a fitness e benessere e dal turismo d’affari e congressuale, che sta vivendo un momento di ripresa. Una strategia che, in linea con quella del Gruppo Fiera Milano, vuole valorizzare i segmenti in crescita, con un occhio a possibili future acquisizioni.
Le 4 macro aree espositive – LEISURE WORLD, LUXURY WORLD, MICE WORLD e DESTINATION SPORT – sono pronte ad accogliere espositori, buyer e visitatori, mettendo a disposizione un palinsesto ricco di novità e opportunità di business.
L’offerta dell’area LEISURE WORLD che, tra Italia e Estero, conta il 75% degli espositori di Bit2016, spazia dal turismo tradizionale a quello enogastronomico grazie all’area dedicata Food&Wine (segmento nel quale rientra l’8% degli espositori Leisure), passando per lo sport, dove trovano spazio il 15% degli espositori Leisure, fino al progetto pilota Bit.Golf in collaborazione con MediaGolf Group che organizza G4T (2% degli espositori). Un gruppo ampio e variegato, che offre una panoramica a 360° sul mondo del turismo e le sue ultime tendenze.
L’area LUXURY WORLD, nella quale sono presenti il 9% degli espositori della manifestazione, è riservata solo agli operatori del segmento del lusso e offrirà una serie di servizi esclusivi per gli espositori della industry e occasioni di business matching con buyer internazionali altamente profilati.
Boom per l’area MICE WORLD, preferred partner di Federcongressi&Eventi: con espositori più che triplicati rispetto all’edizione pilota 2015 (nel 2016 rappresenteranno il 16% delle aziende presenti) è questa una delle rivelazioni di Bit2016, nonché unico appuntamento italiano dedicato a questo segmento. Offerta e spazio dedicato al mondo MICE sono stati costruiti all’insegna del business e del networking e prevedono una sala eventi dedicata alle opportunità di formazione e agli osservatori e studi di settore: tutto il meglio per incrementare le proprie opportunità sul mercato.
L’area DESTINATION SPORT, infine, permetterà al pubblico di visitatori di sperimentare una vasta gamma di attività sportive e incontrare atleti ed esperti, mentre gli espositori potranno vendere servizi e prodotti direttamente sul posto. Sabato 13, inoltre, Bit2016 promuoverà il turismo attraverso lo sport con la prima edizione della Bit.Run, una 10 km organizzata in collaborazione con l’Ente del Turismo della Thailandia, che partirà da San Siro per raggiungere DESTINATION SPORT in Bit. (foto: bit)
Tra le novità extraeuropee, da segnalare presenze importanti da parte di Paesi emergenti che puntano al mercato europeo per promuovere la propria offerta turistica. Tra questi, Iran e Azerbajan figurano tra quelli più ricchi di potenzialità per il settore turistico.
L’Iran, per esempio, è una delle nuove mete più promettenti grazie alla distensione dei rapporti diplomatici con l’Europa: secondo i dati del ministero del turismo iraniano, a partire dal 2013 il turismo dal Vecchio Continente è aumentato del 240% e l’estate scorsa il Paese sarebbe stato visitato da circa 1,49 milioni di visitatori europei.
Riflettori puntati anche sull’Azerbaijan, Paese nella cui economia il settore turistico sta acquistando un peso sempre più importante: secondo l’UNWTO, nel 2014 il Paese ha infatti contato oltre 2 milioni di arrivi turistici internazionali, grazie alla ricchezza del patrimonio storico, culturale e naturale che ha contribuito allo sviluppo di varie forme di turismo, da quello business, a quello sportivo e medico.

Posted in Cronaca/News, Viaggia/travel | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

La prossima settimana al Parlamento Europeo

Posted by fidest press agency su sabato, 6 febbraio 2016

parlamento europeoLa prossima settimana gli eurodeputati saranno impegnati in diverse delegazioni in Turchia, Italia, Germania, Arabia Saudita e Qatar.
Turchia/rifugiati.
Due delegazioni della Commissione Bilanci e della Commissione Libertà civili, giustizia e affari interni saranno in Turchia. I deputati del Bilancio parleranno dell’uso dei fondi europei di preadesione con le autorità turche, indagheranno sull’uso delle misure UE di supporto per i rifugiati dalla Siria e Iraq e visiteranno un campo profughi. Anche gli eurodeputati della commissione Libertà civili, giustizia e affari interni visiteranno un campo profughi e altri progetti di supporto per i rifugiati, incontreranno interlocutori turchi, Ong internazionali e altri partner per valutare la situazione da vicino. (Lunedì e martedì)
Germania/Rifugiati
Da mercoledì a venerdì la “Commissione Diritti della donna e uguaglianza di genere” invierà una delegazione a Monaco per incontrare le autorità locali bavaresi e visitare un centro che ospita alcune rifugiate e un altro campo profughi in cui studiare le modalità di accoglienza per i richiedenti asilo .
Italia/Traffico di esseri umani.
Una delegazione della Sottocommissione SEDE farà visita all'”Operazione navale Sofia” e incontrerà il Ministro dell’Interno italiano e Membri del Parlamento italiano per discutere del supporto UE alle operazioni di contrasto all’immigrazione irregolare e imparare dall’esperienza italiana come condurre tali operazioni. (Da lunedì a mercoledì)
Arabia Saudita e Qatar
Da lunedì a mercoledì una delegazione della “Commissione Affari esteri” si recherà in Arabia Saudita e a Doha, in Qatar , per discutere delle relazioni fra l’UE ,l’Arabia Saudita e il Qatar e per discutere della situazione nei paesi arabi vicini.

Posted in Estero/world news, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Missione umanitaria: 280 interventi di chirurgia plastica in Paraguay grazie ai medici di Aicpe Onlus

Posted by fidest press agency su sabato, 6 febbraio 2016

equipeI chirurghi plastici Marco Stabile di Cremona, Gianluca Gatti e Alessandro Giacomina di Pisa hanno ricevuto il ringraziamento del Ministro della Salute del Paraguay, Antonio Barrios. Tra gli interventi più eseguiti: esiti da ustione, malformazioni congenite come il labbro leporino e danni da interventi malriusciti.
280 interventi di chirurgia ricostruttiva in 12 giorni in diverse città del Paraguay: è fitto d’impegni il calendario della seconda missione di Aicpe Onlus, associazione nata nel 2013 come branca di Aicpe (Associazione Italiana di Chirurgia Plastica Estetica) con lo scopo di svolgere attività di chirurgia plastica ricostruttiva solidale nel mondo.Tre i chirurghi plastici italiani impegnati nella missione: Marco Stabile, fondatore e tesoriere di Aicpe Onlus, originario di Cremona e referente di chirurgia plastica alla Asl di Piacenza, alla sesta missione umanitaria; Gianluca Gatti e Alessandro Giacomina, toscani, già uniti professionalmente nel progetto “Percorso labiopalatoschisi” all’ospedale Santa Chiara di Pisa, alla loro prima esperienza di volontariato all’estero.Gli specialisti italiani sono in Paraguay per partecipare al programma “Ñemyatyro Paraguay” (Ricostruzione in Paraguay), che prevede la realizzazione di interventi chirurgici gratuiti a beneficio di pazienti in gravi condizioni e privi dei mezzi economici sufficienti, ed è portato avanti dal Ministero della Salute paraguaiano attraverso il Centro Nazionale Ustionati diretto da Bruno Balmelli, paraguaiano di origine italiana.
Iniziata il 26 gennaio, la missione proseguirà fino al 7 febbraio: oltre ai chirurghi italiani comprende anche il chirurgo plastico francese Roland Boileau. Se l’anno scorso ad accogliere i volontari c’era il presidente della Repubblica, Horacio Cartes, quest’anno c’è stato il Ministro della Salute, Antonio Barrios, che ha ringraziato i medici per il lavoro svolto. Inoltre l’ambasciata d’Italia ad Asunciòn ci ha presentato i chirurghi plastici alla stampa paraguaiana. «Abbiamo in programma 280 interventi di chirurgia ricostruttiva, che offriranno così alla popolazione più povera l’opportunità di subire l’intervento senza doversi spostare fino alla capitale, cosa impossibile per la gran parte dei pazienti – afferma Stabile -. Le problematiche trattate sono soprattutto esiti di ustioni con cicatrici gravemente retraenti, ma anche a malformazioni congenite o a gravi sequele di interventi precedenti. Molto diffuso, soprattutto tra i bambini, il labbro leporino. Le strutture sanitarie sono piuttosto buone, soprattutto se confrontate con quelle dell’Africa, e ho notato un miglioramento rispetto all’anno scorso. Tuttavia sono molte le persone che non hanno accesso ai servizi medici di base».
Per Aicpe Onlus è un periodo di intenso lavoro con tre missioni in corso. Oltre a quella in Paraguay, i chirurghi plastici Francesco Bellezza e Paola Emiliozzi sono impegnati in Togo, mentre Claudio Bernardi e Paola Pasquini in Guatemala.
AICPEonlus: è la branca di Aicpe (Associazione Italiana di Chirurgia Plastica Estetica) dedicata alla beneficenza ed al volontariato. Nata nel 2013 con l’intento di sostenere in modo concreto i soci che sono impegnati in prima persona in progetti no profit in giro per il mondo, AICPEonlus raccoglie e gestisce i fondi in rapporto ad esigenze specifiche, ma in particolare organizzando missioni periodiche di chirurgia plastica umanitaria. Attualmente è presente in Paraguay, Guatemala e Togo. (foto:equipe)

Posted in Cronaca/News, Estero/world news, Medicina/Medicine/Health/Science, Uncategorized | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Roma, comunità libanese in festa per le reliquie di San Marun

Posted by fidest press agency su sabato, 6 febbraio 2016

concerto libanesiRoma. Sono poco meno di quattromila i libanesi che vivono in Italia. La maggior parte in Lombardia (in provincia di Como), seguita da Lazio ed Emilia-Romagna. La città con la comunità più numerosa è Roma con circa 500 persone, per lo più professionisti e commercianti.
Nazione multiconfessionale, l’unica con una maggioranza non islamica in tutto il medioriente, i figli del Libano presentano analoghe caratteristiche in Italia, dove la comunità cristiana maronita è certamente la più rappresentativa.
Dall’8 al 13 febbraio 2016, in occasione del trasferimento a Roma delle reliquie di San Marun, patrono della Chiesa Antiochena Maronita, la Procura generale del Patriarcato antiocheno maronita promuove una settimana di festeggiamenti all’insegna della spiritualità, della cultura e dell’enogastronomia libanese e araba.
Evento d’eccezione si annuncia il concerto corale e strumentale in onore di San Marun, con la partecipazione del coro Santa Rafqa proveniente dal Libano, una delle più importanti formazioni del mondo arabo, composta da 55 elementi. L’esibizioni, che avrà luogo giovedì 11 febbraio 2016, dalle ore 21, presso la Basilica di Santa Maria sopra Minerva (piazza della Minerva 42), si dividerà in due parti: nella prima sarà eseguita musica sacra maronita con canti in siriaco e in arabo, nella seconda saranno protagoniste le musiche orientali e di diverse tradizioni. Durante il concerto sarà fornito il programma dettagliato, con la descrizione completa dei brani in esecuzione.L’ingresso è libero.
Il concerto sarà preceduto, martedì 9 febbraio dalle ore 19, da una festa liturgica presso la Chiesa Nazionale del Libano in via Aurora 6 (zona via Veneto) e presso il Pontificio Collegio Maronita in via di Porta Pinciana 18, limitrofo alla chiesa. La messa sarà presieduta da monsignor Francois Eid, procuratore patriarcale a Roma. Seguirà un momento conviviale, con l’accoglienza e la venerazione delle reliquie del santo.
I festeggiamenti si concluderanno con una cena di beneficenza il 13 febbraio presso il Grand Hotel Parco dei Principi in via Frescobaldi 5 (Villa Borghese) dalle ore 20, con piatti della cucina libanese. I biglietti dovranno essere acquistati entro il 10 febbraio.
Gli eventi sono promossi dalla Parrocchia Maronita di Roma unitamente al suo cappellano corepiscopo Tony Gebran e sotto il patrocinio di sua eccellenza reverendissima Monsignor Francois Eid, procuratore patriarcale maronita a Roma. La Basilica di Santa Maria sopra Minerva è di proprietà del Fondo edifici di culto (Fec) e data in concessione ai frati domenicani. (foto: concerto libanesi)

Posted in Cronaca/News, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Italiani meno europeisti?

Posted by fidest press agency su sabato, 6 febbraio 2016

europa comunitariaGli italiani sono sempre meno europeisti. Lo conferma l’ultimo sondaggio realizzato dal prof. Renato Mannheimer per Eumetra Monterosa. Si è scesi da un consenso del 70% nel 1994 al 64% rilevato nel 2005, 60% nel 2008, 57% nel 2010 e 51% nel 2011. Il dato è poi calato ancora, sino a giungere attorno al 39% nel 2013 e a crollare poi al 27% registrato oggi. Insomma, in relativamente poco tempo, si è verificato un abbassamento drastico dei giudizi positivi espressi.“I motivi di questo trend sono molteplici – questa è l’analisi di Mennheimer – ma possono essere ricapitolati sinteticamente. All’inizio, quando l’UE fu costituita, essa era vista dagli italiani come il concretizzarsi di un ideale e, al tempo stesso, una fonte di benefici anche sul piano economico-finanziario. Poi, con il passare del tempo, Bruxelles, oltre a fornirci fondi e incentivi, specie al Sud, ha cominciato a chiedere al nostro Paese degli adempimenti e delle politiche di rigore. Ciò non è stato apprezzato, sia perché alcuni vantaggi si sono trasformati in costi, sia, specialmente, perché molti dissentono dal tipo di rigore che l’Europa ha voluto imporre. Su questo punto, si sa, la discussione è molto ampia e i governi che si sono succeduti alla guida del Paese hanno assunto posizioni assai differenti tra di loro. Al tempo stesso, il dibattito si è allargato nel Paese, con una netta spaccatura di atteggiamenti rispetto all’Europa, la quale è diventata un argomento di discussione e di confronto anziché un’istituzione comunque apprezzata da tutti, come era agli inizi. E la fragilità mostrata dall’UE in certe sue decisioni – o, talvolta, non decisioni – ha accentuato le perplessità nel nostro Paese.Oggi, risultano più favorevoli alla UE specialmente le persone con un titolo di studio più elevato, forse perché hanno a disposizione maggiori strumenti di informazione. Ma anche tra costoro, la netta maggioranza esprime una valutazione negativa dell’Unione Europea. Gli imprenditori, i professionisti e i lavoratori autonomi esprimono un maggior consenso, anche qui però minoritario (37%). Gli operai, le casalinghe e i pensionati – vale a dire ceti meno centrali socialmente – manifestano valutazioni nettamente inferiori. Sono perplessi in misura decisamente maggiore i più anziani. Le valutazioni più negative si trovano, come era prevedibile, tra i votanti per la Lega e per il M5S, ma anche nel PD l’atteggiamento critico è assai diffuso e coinvolge la metà dell’elettorato di questo partito.Questo crescente orientamento critico verso la UE, così diffuso, spiega perché i “toni duri” assunti dal Presidente del Consiglio in questi ultimi mesi siano stati ben accolti dai nostri concittadini. Tanto che il 65% ritiene giusto l’atteggiamento del Presidente del Consiglio.Se però l’obiettivo di Renzi era quello di recuperare fiducia nei confronti suoi e del suo esecutivo si può dire che esso non sia stato raggiunto: l’indice di fiducia verso il premier è inferiore oggi 30% mentre quello verso il Governo nel suo complesso è ancora più basso attorno al 28%.

Posted in Cronaca/News, Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »