Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 33 n° 203

Archive for 9 febbraio 2016

Christie’s France: the third edition of its Handbags & Accessories

Posted by fidest press agency su martedì, 9 febbraio 2016

third editionParis/Dubai – Christie’s France is pleased to announce the third edition of its Handbags & Accessories auction which will take place in Paris on March 5th during Fashion Week. Each season, the sale features exceptional handbags, trunks and accessories from French Maisons such as Hermès, Chanel, Dior, and Louis Vuitton. Additionally, on March 17th in Dubai, in celebration of Christie’s 10th anniversary in the city, the auction house will hold its first sale of rare handbags in the region as part of the Elements of Style concept in conjunction with watches and jewellery. (photo: third edition)

Posted in Cronaca/News, Estero/world news, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

The EU needs a security strategy based on common interests

Posted by fidest press agency su martedì, 9 febbraio 2016

mogheriniEU High Representative for Foreign Affairs and Security Policy Federica Mogherini, during a discussion on the U.S.-led military coalition fighting Daesh, also known as Islamic State or ISIS. The formulation of such a strategy is urgent, as the dramatic events of last year, including the terrorist attacks in France and the migration crisis, have demonstrated. The community’s responses to these challenges have shown an alarming lack of coherence and strategic depth. In theory, the EU has had a security strategy of its own – alongside that of NATO – for the past 13 years. After the 9/11 attacks on the United States and the ensuing “war on terror,” the European Council accepted a European Security Strategy (ESS) in late 2003. Never a grand example of strategic thought, the ESS was subjected to what was deemed to be a thorough review five years later. It has now become obsolete.
The process of creating the ESS’s successor is being coordinated by Federica Mogherini, the EU’s High Representative for Foreign Affairs and Security Policy. The European Union Institute for Security Studies is also at work on it. The process has entered the stage of consultations and negotiations with EU member states.After the 9/11 attacks on the United States and the ensuing “war on terror,” the European Council accepted a European Security Strategy (ESS) in late 2003. Never a grand example of strategic thinking, the ESS was subjected to what was deemed to be a thorough review five years later. It has now become obsolete. At this point, indications are that the EGS will neither be a detailed defense strategy, nor a foreign policy strategy, nor even a joint security and defense strategy policy. It will rather be a deepened and more specific version of the ESS. Operational and sector strategies, such as military defense strategy, could then follow as logical next steps.If Ms. Mogherini’s project proves successful, it could, in theory at least, be a step toward transforming the vulnerable EU into a more secure community of states. However, for that to happen, the EGS must not dodge one issue that is of critical importance to EU members: how they define their strategic interests.A lasting international security system can only be built on the basis of common interests; in difficult moments, mere joint values are insufficient. That is one of the key lessons to learn from the crises, internal and international, that have haunted the EU in recent years.The strategic security environment today is undergoing drastic changes. Before our eyes, the stabilizing systems created during the Cold War, such as the UN, NATO and the Organization for Security and Cooperation in Europe (OSCE), are losing their effectiveness. Relative stability is giving way to destabilization in many areas around the world. On top of this, the financial crisis has undermined the economic foundations of security. New challenges and threats – global terrorism, cyberattacks, nuclear security asymmetries, hybrid warfare, migrations – are gaining significance. In a nutshell, uncertainty is increasing; the risks are growing.
In such conditions, a natural, defensive reaction occurs in nation states: hiding inside a shell of one’s own fears. The effect is “short-termism” and burying one’s head in the sand. Decreasing trust between members of a community undermines international organizations. These spiraling processes can lead to the “nationalization” of security policies in individual countries.
In this environment, there is a growing risk that an ineffective, or even counter-effective, international order will emerge. The result could be an anarchic, non-polar world with numerous, ever more unstable players, focused on their own problems and goals. This would be a medieval-style universe of chaos, full of conflicts between weakened powers, political fragmentation and ad hoc initiatives aimed at short-term gains: a world inherently unstable, operating in conditions of permanently high risk. (photo: mogherini)

Posted in Estero/world news, Politica/Politics, Uncategorized | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

The European Union’s external borders

Posted by fidest press agency su martedì, 9 febbraio 2016

Montenegro exodusThere is a race today in Europe between two very different concepts of how to restore control over the European Union’s external borders. One plan foresees the orderly large-scale resettlement of hundreds of thousands of refugees from Turkey and an end to the Balkan route by controlling the Aegean through close cooperation between Greece and Turkey. Versions of this plan are backed by German chancellor Angela Merkel, although crucial details remain to be settled and negotiated.However, there is also a radically different plan which proposes blocking all refugee movement by constructing a new wall across the Southern Balkans, an insurmountable fence along the green borders between Greece and all of its northern neighbours: Macedonia, Albania and Bulgaria. This idea is the brainchild of Hungarian prime minister Viktor Orban, and backed by other Central European political leaders.The decision as to which of these plans will be implemented and backed by European institutions will have far-reaching consequences for Greece, Balkan stability, EU relations with Turkey and the future of refugee law around the world.In recent weeks, ESI presented its analysis on the refugee issue in Vienna, Berlin, Brussels, Washington, Athens, Istanbul, and Munich; we explained what it would take to implement the Merkel plan; and argued why the Orban plan was certain to fail. It would needlessly and unfairly antagonize Greece, destabilise the Western Balkans and create a huge demand for readily available smuggling services. It would also require a fence on the scale of the Iron Curtain or the Israeli fence along its Egyptian border (which took three years to build) and the readiness to use deadly force to have any real chance to stop those determined and desperate enough to cross the Iranian-Turkish border or brave the deadly Aegean.(photo: Montenegro exodus)

Posted in Estero/world news, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Teaser trailer Desconocido – Al cinema dal 31 marzo

Posted by fidest press agency su martedì, 9 febbraio 2016

DesconocidoIl thriller spagnolo Desconocido – Resa dei conti, opera prima del regista Dani de la Torre e interpretato dallo straordinario Luis Tosar (Cella 211) vince ai Goya Miglior Montaggio e Miglior Sonoro, grazie al ritmo particolarmente adrenalinico e coinvolgente del film, nelle sale italiane dal 31 marzo. Desconocido, che aveva già aperto i Venice Days all’ultima edizione della Mostra Internazionale del Cinema di Venezia, e aveva molto colpito il pubblico del festival Capri Hollywood, si distingue anche per la sua trama dal tema particolarmente scottante: la crisi del sistema bancario ai danni dei cittadini e le sue drammatiche e feroci conseguenze umane. Il film sarà distribuito in Italia da Satine Noir, label di Satine Film, che punta su opere d’autore e di genere indirizzate a un pubblico giovane e maggiormente attratto da film spettacolari, senza per questo trascurare un sottotesto di riflessione sulla realtà che ci circonda. Elemento che caratterizza tutti i film di Satine, che distribuirà in Italia anche Truman, trionfatore alla notte dei Goya con ben cinque premi, tra cui Miglior Film.
Carlos (Luis Tosar), un direttore di banca ambizioso e spregiudicato che ha frodato i suoi clienti con investimenti fallimentari, finisce per ritrovarsi, a sua volta, vittima di un ricatto terrificante e senza apparente via d’uscita. Una telefonata anonima e inattesa trasformerà la sua giornata, iniziata nella normale routine quotidiana e familiare, in una folle corsa contro il tempo e contro un nemico apparentemente invisibile, che rivuole i suoi soldi, fino all’ ultimo centesimo. (foto: desconocido)

Posted in Cronaca/News, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Le Commissioni Bilanci e Libertà civili del PE in Turchia per l’emergenza rifugiati

Posted by fidest press agency su martedì, 9 febbraio 2016

turchia-ist3Fino a giovedì, due delegazioni delle commissioni Libertà Civili e Bilanci del Parlamento Europeo saranno in Turchia per valutare come il paese stia gestendo l’accoglienza dei rifugiati.Gli eurodeputati della commissione Libertà civili visiteranno un campo profughi, incontreranno le associazioni che danno sostegno ai rifugiati e parteciperanno a riunioni con interlocutori turchi, ONG internazionali e altri partner per valutare la situazione sul campo.Delegazione presente da lunedì a giovedì: Sylvie Guillaume (Capo della delegazione, S&D, FR), Peter Niedermüller (S&D, HU), Nathalie Griesbeck (ALDE, FR), József NAGY (PPE, SK), Tanja Fajon (S&D, SI), Frank ENGEL (PPE, LU) e Anna Maria Corazza Bildt (PPE, SE). Gli eurodeputati della commissione Bilanci discuteranno l’uso dei fondi di preadesione UE con le autorità turche e analizzeranno l’uso di misure di sostegno comunitario per i rifugiati dalla Siria e dall’Iraq, visitando un campo profughi. Una conferenza stampa si terrà presso la delegazione dell’UE a Ankara martedì alle ore 15.00.
Delegazione presente da lunedì a mercoledì: Jean ARTHUIS (ALDE, FR, capo della delegazione), José Manuel Fernandes (PPE, PT), Paul Rübig (PPE, AT), Inese Vaidere (PPE, LV), Jens Geier (S&D, DE), Jean-Paul Denanot (S&D, FR), Anders Vistisen (ECR, DK), Anneli Jäätteenmäki (ALDE, FI), Younous OMARJEE (GUE/NGL, FR), Ernest MARAGALL (Greens, ES) e Marco ZANNI (EFDD, IT).Il Cinque stelle Marco Zanni, della commissione Bilanci, sarà l’unico europarlamentare italiano nelle due delegazioni. E’ possibile concordare video interviste ad hoc, che saranno realizzate sul posto con il supporto del servizio audiovisivo del Parlamento Europeo e poi spedite ai media interessati.Più di un milione di migranti e rifugiati sono entrati nell’Unione Europea nel 2015 attraverso la Turchia. A oggi vi sono più di 2,5 milioni di rifugiati in Turchia stessa. Alla fine di novembre 2015, l’UE e la Turchia hanno stretto un accordo per cercare di controllare i flussi migratori verso l’Europa. La Turchia riceverà un supplemento di € 3 miliardi dal bilancio degli stati membri dell’Unione Europea al fine di sostenere i rifugiati nel paese.

Posted in Estero/world news, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Crisi alimentare in Sud Sudan

Posted by fidest press agency su martedì, 9 febbraio 2016

sud sudanJUBA – Il Sud Sudan affronta livelli di insicurezza alimentare senza precedenti, con 2,8 milioni di persone, quasi il 25 per cento della popolazione del paese, che continua ad avere urgente bisogno di assistenza alimentare e almeno 40.000 persone sull’orlo di una catastrofe. Questo l’allarme delle tre agenzie ONU, oggi.L’organizzazione per l’Alimentazione e l’Agricoltura delle Nazioni Unite (FAO), il Fondo delle Nazioni Unite per l’Infanzia (UNICEF) e il Programma Alimentare Mondiale (WFP) hanno sottolineato come questi dati siano particolarmente preoccupanti, perché mostrano un aumento della fame durante il periodo successivo al raccolto, un periodo in cui il paese è solitamente caratterizzato da sicurezza alimentare.Si stima che il numero di persone che soffrono di insicurezza alimentare raggiungerà l’apice durante la prossima stagione di magra, solitamente peggiore tra aprile e luglio, quando è più bassa la disponibilità di cibo. Un aggiornamento dello Integrated Food Security Phase Classification (IPC) dei partner umanitari evidenzia come la stagione di magra inizierà presto quest’anno e che il periodo della fame sarà più lungo degli anni passati.Secondo le tre agenzie ONU, la stagione secca, che sta cominciando ora, potrebbe causare ulteriori difficoltà a quanti stanno affrontando dei gravi livelli di fame. Gli sfollati nello Unity State colpito dal conflitto che, per sopravvivere, si sono nutriti di pesce e ninfee, con le acque che recedono stanno esaurendo le uniche fonti di cibo rimaste. Furti di bestiame hanno privato molte persone di prodotti animali come il latte, che erano i principali mezzi di sostentamento durante la scorsa stagione di magra. Senza un’affidabile assistenza umanitaria nella stagione secca, si troveranno, nei prossimi mesi, di fronte a una catastrofe.Per questo motivo, le agenzie ONU chiedono una rapida attuazione dell’accordo di pace firmato lo scorso anno e l’accesso senza limitazioni nelle aree del conflitto per consegnare scorte necessarie alle aree più colpite.“Non sono solo le aree colpite direttamente dal conflitto a soffrire di insicurezza alimentare. Circa 200.000 persone negli stati di Bahr El Ghazal settentrionale e Warrap hanno visto un peggioramento del loro accesso al cibo dovuto a fattori quali inflazione e interruzioni del mercato legati al conflitto,” ha detto Serge Tissot, Rappresentante FAO in Sud Sudan. “Un’implementazione immediata dell’accordo di pace è assolutamente essenziale per migliorare la situazione alimentare.”“Durante la stagione secca, dobbiamo fare grandi sforzi per pre-posizionare cibo in modo da continuare ad assistere le persone quando le strade diventano impercorribili per la pioggia,” ha detto Joyce Luma, Direttrice WFP nel paese. “La crescente insicurezza in Equatoria impedisce la consegna di assistenza umanitaria attraverso le strade principali, rallentando i nostri sforzi nel preparare e rispondere alle persone che hanno più bisogno.”
Il rapporto IPC di oggi evidenzia la grave preoccupazione per la prevalenza generale di livelli di malnutrizione d’emergenza. La malnutrizione in Sud Sudan è dovuta soprattutto al consumo di cibo inadeguato, insieme ad altri fattori quali malattie, abitudini alimentari e limitati servizi sulla salute e sulla nutrizione.“Le famiglie fanno tutto quello che possono per sopravvivere ma ora sono a corto di opzioni,” ha detto Jonathan Veitch, rappresentante UNICEF in Sud Sudan. “Molte aree dove c’è più bisogno sono irraggiungibili a causa della sicurezza. È essenziale che ci venga dato accesso senza impedimenti, ora. Se possiamo raggiungerli, possiamo aiutarli.”
Lavorando con molte organizzazioni non governative internazionali e locali, FAO, UNICEF e WFP continuano a consegnare soccorsi salvavita e per la protezione dei mezzi di sostentamento, in circostanze difficili.La FAO prevede di assistere, nel 2016, 2,8 milioni di persone producendo cibo e proteggendo il bestiame, un numero maggiore delle 2,4 milioni di persone raggiunte lo scorso anno. I soccorsi di emergenza della FAO per i mezzi di sostentamento includono kit di coltivazione, kit di pesca e vaccinazioni per bestiame per oltre 5 milioni di capi. L’ obiettivo dell’UNICEF, nel 2016, è di curare oltre 165.000 bambini per malnutrizione acuta. L’anno scorso il numero di bambini curati ha superato i 144.000, 53 per cento in più rispetto al 2014.Il WFP ha fornito assistenza alimentare e nutrizionale a circa 3 milioni di persone in Sud Sudan nell’ultimo anno, lavorando con 87 NGO partner e usando ogni strumento a disposizione, inclusi lanci aerei, chiatte, trasferimenti di contante, acquisto di cibo locale e cibi nutritivi speciali.

Posted in Estero/world news, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Chirurgia plastica, i dati della Gran Bretagna

Posted by fidest press agency su martedì, 9 febbraio 2016

chirurgia esteticaNel Regno Unito la chirurgia plastica sembra non sentire crisi, come dimostrano i dati della British Association of Aesthetic Plastic Surgeons (Baaps) relativi al 2015: «Anche i britannici continuano a sentire, sempre più forte, il richiamo della chirurgia estetica» afferma Pierfrancesco Cirillo, segretario dell’Associazione Italiana di Chirurgia Plastica Estetica (Aicpe), omologa della Baaps, realtà dedicate esclusivamente all’indirizzo estetico della chirurgia plastica.I dati della Gran Bretagna, che segnano una crescita del 12.5 nel 2015 rispetto all’anno precedente, sono un indicatore dell’andamento del settore nell’anno appena terminato anche se i dati relativi al mercato italiano nel 2015, realizzati come ogni anno da Aicpe, saranno resi noti a marzo in occasione del convegno nazionale dell’associazione che si terrà a Firenze. «Dalla Gran Bretagna arrivano segnali importanti – afferma Cirillo -. Come rileva la Baaps, il fatto che molte celebrities, tra cui Sharon Stone, Jamie Lee Curtis, Kelly Rowland e Jane Fonda, abbiano ammesso di essere ricorse al bisturi ha in parte sdoganato l’idea che i risultati della chirurgia plastica siano solo artificiali e hanno dimostrato che, se ben fatto, il cosiddetto “ritocchino” può dare risultati naturali e piacevoli».Ben 7 dei 10 interventi più popolari in Gran Bretagna, nel 2015 ha registrato una crescita a doppia cifra. Secondo il report britannico, l’aumento del seno (mastoplastica additiva) resta l’intervento più praticato con una crescita del 12% rispetto al 2014. «L’era degli eccessi sembra al tramonto: anche in Uk, così come in Italia, le pazienti sembrano preferire taglie più piccole e proporzionate» commenta Cirillo. In crescita anche il lifting facciale (+16%) e la liposuzione (+20%): «Un segno che, dopo anni di ricorso a trattamenti poco invasivi, i pazienti sono giunti alla conclusione che la medicina estetica ha risultati limitati e non comparabili con quelli del bisturi».Un altro trend è la crescita tra gli interventi in pazienti maschi: il lifting di viso e collo è cresciuto del 14%; la blefaroplastica del 15.5% e rinoplastica (+14%), oltre a un 20% di crescita per la liposuzione negli uomini e un aumento del 13% nella riduzione del seno maschile, la ginecomastia. «Come in Italia, anche in Gran Bretagna i pazienti maschi sono una minoranza – si parla del 9% del totale -, ma resta un fatto che stanno aumentando: secondo i dati Baaps gli uomini sono raddoppiati negli ultimi dieci anni» conclude il segretario Aicpe.
AICPE. L’Associazione Italiana Chirurgia Plastica Estetica (www.aicpe.org), l’unica in Italia dedicata esclusivamente alla chirurgia estetica, è nata nel settembre 2011 per dare risposte concrete in termini di servizi, tutela, aggiornamento e rappresentanza. Ad AICPE, gemellata con l’American Society for Aesthetic Plastic Surgery (ASAPS), la più importante società di chirurgia estetica al mondo, hanno aderito oltre 250 chirurghi in tutta Italia. Membri Aicpe possono essere esclusivamente professionisti con una specifica e comprovata formazione in chirurgia plastica estetica, accomunati da un codice etico comportamentale che li distingue dentro e fuori la sala operatoria. L’associazione ha elaborato e pubblicato le prime Linee Guida del settore, consultabili sul sito internet, che stabiliscono i fondamentali parametri operativi dei principali interventi. Scopo di AICPE è tutelare pazienti e chirurghi plastici: disciplinando l’attività professionale con riferimento sia all’attività sanitaria, sia alle norme etiche; rappresentando i chirurghi plastici estetici nelle sedi istituzionali, scientifiche, tecniche e politiche per tutelare la categoria e il ruolo; promuovendo la preparazione culturale e scientifica.

Posted in Estero/world news, Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »