Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 31 n° 301

Archive for 18 febbraio 2016

الشرق الأوسط للاستشارات العالمية تطلق التقرير الرئيسي للتوقعات المستقبلية لقطاع التأمين

Posted by fidest press agency su giovedì, 18 febbraio 2016

ehsan blake pic“التقرير البارز حول قطاع التأمين يظهر يمثل زيادة الاعتماد على عائدات الاستثمار؛ 38% من المشاركين في المسح يعتزمون الابتعاد بمحافظهم الاستثمارية عن الاستثمارات العقارية
المنامة، البحرين، 18 فبراير 2016: أطلقت شركة الشرق الأوسط للاستشارات العالمية، وهي الجهة المنظمة للدورة الثانية عشرة لملتقى الشرق الأوسط للتأمين، تقريراً شاملاً للتوقعات المستقبلية لقطاع التأمين في اليوم الأخير من ملتقى الشرق الأوسط للتأمين 2016، وهو المنصة الرائدة لقطاع التأمين التي يدعمها مصرف البحرين المركزي من الجانب الاستراتيجي. ويمثل هذا التقرير تقرير التوقعات المستقبلية لقطاع التأمين في الشرق الأوسط 2016” دليلاً بالغ الأهمية للشخصية الرائدة في قطاع التأمين التي تتخذ قرارات استراتيجية لعام 2016.
وأكد د. إحسان عباس- رئيس مجلس إدارة شركة الشرق الأوسط للاستشارات العالمية – في معرض تعليقه على تقرير التوقعات على الأهمية الكبيرة للمنصة مصدرة التقرير، قائلاً “عمل ملتقى الشرق الأوسط للتأمين بوصفه منصة التأمين الرائدة التي ترسم اتجاه القطاع وتحدد طرقاً جديدة للنمو – وينبع نجاحه بشكل كبير وبلا أدنى شك من الدعم الهائل من جانب مصرف البحرين المركزي.”
وتابع السيد عباس قائلاً تبرز براعة التقرير في كونه يجمع بين الرؤى التحليلية المتعمقة من جانب الشخصيات البارزة في قطاع التأمين – والتي جرى جمعها من خلال مسح مستفيض لمعنويات الممارسين لأعمال التأمين – وتحليل قوي لتأثير الاقتصاد العالمي على أسواق التأمين في الشرق الأوسط. ويقدم التقرير أيضاً للمشاركين في القطاع تصنيفاً فعالاً ومرئياً لشركات التأمين مقارنة بنظرائها على المستويين الإقليمي والمحلي استناداً إلى معايير مالية مختلفة.
وأشار بليك جود – الرئيس التنفيذي للبحوث في شركة الشرق الأوسط للاستشارات العالمية والذي ترأس العمل المشمول في التقرير – إلى أن النمو في منتجات التأمين التجاري زاد في عام 2014 بنحو 6.6% (مقارنة بنسبة 19.6% في منتجات التأمين الشخصي) في الشرق الأوسط (منطقة مجلس التعاون الخليجي وتركيا والأردن) – في ظل نمو كبير في أقساط التأمين في فئة منتجات التأمين الشخصي في المملكة العربية السعودية والأردن والبحرين.
فوفقاً للسيد جود، ليست الأسواق القائمة كبيرة الحجم بالدرجة التي تكفي لدعم شركات التأمين المحلية بأعدادها الحالية حتى لو كانت المنافسة أقل حدة من شركات التأمين الدولية. وقال السيد جود مشيراً إلى النسبة المجتمعة على نطاق القطاع (والتي تتجاوز في الأسواق الأكبر 100%) أن صافي عائد الاستثمارات، التي تشمل استثمارات منخفضة المخاطر قليلة واستثمارات عقارية أكثر مما ينبغي، يسد الفجوة.
ويبرز التقرير أيضاً أن التعهد بالتأمين هو مسألة تنافسية بدرجة كبيرة في أغلب الأسواق وأن شركات التأمين إجمالاً تعتمد بدرجة كبيرة على عائد الاستثمارات لتعويض الفارق. ويعرض هذا الأمر شركات التأمين إلى مخاطر الإعسار في حالة عدم تحقيق الاستثمارات لأداء جيد.
واختتم السدي جود “تحقق شركات التأمين البحرينية والكويتية نسب مجتمعة جيدة، وينبغي على الشركات في أي مكان آخر تطوير نموذج أعمالها للانتقال نحو ربحية تعهدات التأمين وخفض اعتمادها على صافي عائد الاستثمارات.”
وعلى جانب الاستراتيجة، تظهر نتائج مسحنا وجود تحول في المحافظ الاستثمارية من حيث الانحراف بعيداً عن الاستثمارات العقارية، إذ يعتزم، في الواقع، نحو 38% من المشاركين في المسح خفض هذه الاستثمارات.
ويمكن تحميل “تقرير التوقعات المستقبلية لقطاع التأمين في الشرق الأوسط 2016” من الرابط http://meglobaladvisors.com/2016/meif/MEIF2016_Outlook_Report.pdf.
وستُعقد الدورة السنوية الثالثة عشرة لملتقى الشرق الأوسط للتأمين في شهر فبراير 2017. وللحصول على مزيد من أخر المستجدات، يُرجى زيارة http://www.meglobaladvisors.com.
النهاية
حول منتدى الشرق الأوسط للتأمين
منتدى الشرق الأوسط للتأمين هو منصة رائدة في قطاع التأمين في المنطقة التي قدت دوراً رئيسياً في تطوير هذا القطاع ودفع عجلة نموه خلال الاثنتي عشرة سنة الماضية. هذا وسيعقد المنتدى تحت رعاية مصرف البحرين المركزي، وبمشاركة كبرى مؤسسات التأمين في المنطقة بهدف استقطاب القادة الأكثر تميزا في مجال التأمين تحت منصة واحدة لتقييم التوجهات الحالية في القطاع ووضع مسارات جديدة لنمو القطاع.
نبذة حول الشرق الأوسط العالمية للإستشارات
تم تدشينها في عام 1993، إذ تقوم الشرق الأوسط العالمية للإستشارات بربط الأسواق من خلال تقديم ذكية وتنفيذ الاستراتيجيات. وتعتبر الشرق الأوسط العالمية للاستشارات بوابة ربط ومنصة تقديم تقارير حول الفرص المتوفرة في الأسواق التي تشهد نمو سريع بما في ذلك المغرب، وغرب أندونيسيا في الشرق بالإضافة إلى الشرق المتوسط وشمال أفريقيا، وشرق آسيا. وتفتخر الشرق الأوسط العالمية بوجودها في قلب هذه الأسواق المتنوعة منذ أكثر من 22 عاماً.
للمزيد من المعلومات الرجاء زيارة meglobaladvisors.com.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Estero/world news | Leave a Comment »

Venice and Shanghai: the first and the last Ghetto

Posted by fidest press agency su giovedì, 18 febbraio 2016

venice and shanghaiShanghai Jiaotong University, N.1954 Huashan Road 2016.02.24, Wednesday/ 周三, 14.00-15:30 New Upper Hall S201. Venice is deservedly famous for its incomparable beauty and history that have long been the source of legend and inspiration. Less known is the fact that, for centuries, Venice was also a focal point of Jewish life and culture and it gave the world the name and concept of ‘Ghetto’. As the Ghetto approaches its 500th anniversary in 2016, this lecture will illustrate the main events of five centuries of history and offer a look at the present of the Ghetto. (Prof. Shaul Bassi, Ca’ Foscari University of Venice)
Although Tilanqiao District has been listed as Shanghai Historic Cultural District since 2003, it is rarely receiving attention as such. As a living heritage, the question of how to benefit the local community with sustainable development while maintaining the features of heritage still remains an obstacle and a challenge for heritage conservators. In order to solve this, it is necessary to first study the diverse cultures of Tilanqiao District, evaluate its heritage value, and then set clear conservation goals and directions (Prof. Du XiaoFan, Fudan University) Moderator: Prof. Cao Yongkang (Director of International Research Center for Architectural Heritage Conservation in Shanghai JiaoTong University)

Posted in Estero/world news, Università/University | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Rabbi Shmuley Boteach’s World Premier of New TV Talk Series “DivineIntervention”

Posted by fidest press agency su giovedì, 18 febbraio 2016

new yorkNew York Premieres Weekdays at 3pm ET starting Monday, February 22, 2016 – VisionTV has announced a new addition to its afternoon lineup. Divine Intervention, an original new talk series hosted by relationship guru Rabbi Shmuley Boteach, will premiere on the specialty channel in Canada weekdays at 3pm ET starting Monday, February 22. Rabbi Shmuley has been called “the most famous Rabbi in America” by Washington Post and Newsweek. In each of the eighteen, 30-minute episodes, Rabbi Shmuley conducts one-on-one counseling sessions with individuals seeking self-improvement, spiritual growth, and practical advice to make positive changes in their lives. Subjects range from sexuality, infidelity, divorce, abuse, platonic marriage and religion, to parenting, self-worth, eating disorders, and gender-related issues.“No subject is taboo; we deal with absolutely everything,” said Rabbi Shmuley.Currently, Divine Intervention will be broadcast in Canada only, however VisionTV will be posting each episode online the following day at 9am ET for US and international viewers. The episodes will be available online at: http://visiontv.ca/divine-intervention.As a child of divorce, Rabbi Shmuley admits that he deeply relates to other people’s problems. One episode that was particularly painful for Rabbi Shmuley to film was a discussion with his mother regarding her marriage to his father; that discussion broke down many family dynamics for the first time.In fact, half of Rabbi Shmuley’s 30 books, including Kosher Lust, Kosher Sex, and 10 Conversations You Need To Have With Your Children, were inspired by his childhood experiences, how he dealt with relationship challenges, and consciously sought ways to be a better husband, and father to his nine children.Rabbi Shmuley previously hosted the hit reality TV series Shalom in the Home, which premiered in Canada on VisionTV’s sister channel ONE, in which he guides troubled families on a 10-day journey to constructively address their problems.

Series Executive Producer Moses Znaimer refers to Rabbi Shmuley as “dynamic and ultra-contemporary, and yet deeply rooted in tradition”, and was inspired to create Divine Intervention following Rabbi Shmuley’s appearances at his annual ideacity conference in Toronto where he spoke about the importance of lust to a happy family life.

Posted in Estero/world news, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Rita Marcotulli performs at Jazz bistro in Toronto

Posted by fidest press agency su giovedì, 18 febbraio 2016

rita marcotulliToronto Monday, February 22, 2016 / 7:00-8:15pm AND 9:30-10:45pm Jazz Bistro, 251 Victoria Street, Presented by: Istituto Italiano di Cultura. RITA MARCOTULLI PERFORMS AT JAZZ BISTRO IN TORONT OWell known amongst contemporary jazz audiences at home in Italy and abroad, Rita Marcotulli has performed with musicians such as Kenny Wheeler and Pat Metheny to name a few. See this highly skilled performer play in a style that derives as much from pop and folk, as it does from jazz.
Rita Marcotulli was born in Rome, Italy. Playing piano from early childhood, Marcotulli studied classical music at the Santa Cecilia Conservatory before being drawn to Brazilian music. She also began moving onto the fringes of jazz and established a local reputation at first, before becoming well known among contemporary jazz audiences both at home and abroad. This was largely due to playing with musicians such as Chet Baker, Richard Galliano, Jon Christensen, Palle Danielsson, Peter Erskine, Steve Grossman, Joe Henderson, Hélène La Barrière, Joe Lovano, Tony Oxley, Michel Portal, Enrico Rava, Michel Bénita, Aldo Romano and Kenny Wheeler. In 1987 she was nominated for the Best Young Talent award in the Music Jazz Poll and the following year she was a member of Billy Cobham’s band, touring Europe and the USA and appearing on 1989’s Incoming. She spent some time in Sweden, before returning to Italy in the early 90s. In the late 90s, she played the San Remo festival in duo with Pat Metheny and also appeared as a member of a piano trio, with Paul Bley and John Taylor, at the Olympic Theatre of Vicenza. Among other musicians with whom Marcotulli has worked and sometimes recorded are Sal Nistico, Pino Daniele, Andy Sheppard, Charlie Mariano, Marilyn Mazur, Roberto Gatto, Bob Moses, and she has had a long-term musical relationship with Dewey Redman. Marcotulli has claimed the influence of musicians such as Thelonious Monk, Bill Evans and John Coltrane. (via allmusic.com)

Posted in Estero/world news, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre, Uncategorized | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Expert comment on Apple Pay launching in China

Posted by fidest press agency su giovedì, 18 febbraio 2016

Pinar Ozcan, of Warwick Business School an Associate Professor of Strategic Management and researches Apple Pay and mobile payment comments on Apple Pay launching in China. Dr Pinar Ozcan said: “Adoption of Apple Pay in China does depend largely on the alliances Apple builds, particularly with financial institutions. As always, a force to consider in China is Alibaba. The giant conglomerate with more than 400 million Chinese consumers so far invested largely on QR codes and more recently on selfie-payments. Rather than a battle between Apple and its competitors in NFC (Near Field Communication) payments, such as Google Wallet, it seems to me that the battle in China might be between Apple and local competitors like Alibaba and Tencent over the actual payment technology. “In the US, Apple Pay’s fingerprint-identification system and the storage of consumers’ secure payment details on the phone itself rather than the cloud, give Apple Pay great advantages, at least in terms of security as perceived by consumers. It seems that this will be critical in China as well. “According to a recent survey by Deloitte, around 70% of Chinese expressed willingness to use mobile payments. However, this and other surveys also reveal that a large proportion of Chinese consumers have concerns about the security of mobile payment services. This is a clear advantage for Apple as the company is known for its meticulous attention to security, also proven in other industries before like in the case of the mp4 technology that revolutionised the music industry. “Back in 2009, Apple’s iPhone entered China with a cross-subsidised deal with China Mobile, which helped it attract a high number of middle-class consumers. With the steady annual wage increase in China, Apple’s potential customers are continuing to increase.”

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Estero/world news, Uncategorized | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Gravity-Defying Cliff Divers Leap into 2016

Posted by fidest press agency su giovedì, 18 febbraio 2016

Red Bull Cliff DivingFrom natural wonders and visual feasts to historic sites and modern day metropolises – in its eighth season, the Red Bull Cliff Diving World Series will bridge pure venues and urban surroundings as much as it will push boundaries. In 2016, this gravity-defying sport will hit new as well as proven ground in North America, Europe, Asia and the Middle East to crown two new champions during nine tough and testing competitions, including seven stops for female athletes.
Japan and the UAE are new to the calendar of the 2016 World Series, in which the sport’s top athletes launch from 27 metres, hitting the water at speeds of 85kph just three seconds later. Between June and October, the competition will be hosted in Texas, Denmark, Portugal, France, Italy, the United Kingdom, Bosnia & Herzegovina before embracing the latest additions to the calendar in Asia. The champions for both men and women will be crowned during a premiere event in Dubai.
In June, the 2016 World Series season kicks off at Hell’s Gate at Possum Kingdom Lake in the USA state where everything is bigger, Texas. Two towering cliffs, rising dramatically out of the region’s first water supply reservoir, provide the platform for the season’s premiere stop. The next competition takes the Series back to Europe and to its most northerly point, Copenhagen. The Danish capital city provides the athletes with a panoramic view of the royal palace, Amalienborg, and the adjacent domed Marble Church when mounting the 27-metre platform on the cantilever roof of the Opera House. Going into July, a return to the World Series’ classics is scheduled: cliff diving directly off the cliff face on the Portuguese Azores, where the unique volcanic archipelago in the middle of the Atlantic Ocean serves Red Bull Cliff Diving1as the take-off point for awe-inducing dives for the fifth consecutive time, will again be held on Vila Franca do Campo islet offshore from São Miguel; followed by La Rochelle, France. The town with the apt name of ‘little cliff’ will be the lynchpin for the cliff diving elite for the sixth time in the eight years of the series. The daunting venue in the Bay of Biscay topped its own record of the biggest World Series crowd of 75,000 spectators along the quay walls in 2015. Also on the verge of becoming an all-time favourite, but certainly the home of European Cliff Diving: Polignano a Mare, where cliffs are the foundation of everyday life, marks the halftime stop of the 2016 season end of August.
After a three-year break, the World Series returns to the UK and to the picturesque location of the Blue Lagoon in Pembrokeshire, South West Wales. The circular-shaped former slate quarry, now a National Trust site, with its high cliffs provides a Colosseum-like setting in the middle of pastoral farmland. From the serenity of this usually quiet corner of the country, the divers travel south to a place where diving from great heights has been a tradition for centuries: the ‘Stari Most’, the old bridge of Mostar in Bosnia and Herzegovina, and the country’s most recognizable landmark.
October takes the cliff diving elite to new grounds in the south-east of Japan. Sandanbeki is a cliff towering along the coast of Shirahama Town, and will provide an all-natural setting for the penultimate stop of the 2016 season. The coronation of the champions will take place at the end of October during the first ever World Series competition in the UAE. Spotlighting the sport’s cream of the crop, the Dubai Marina will provide the spectacular setting for the final showdown for the very first time.
Never before has the Red Bull Cliff Diving World Series comprised more competitions than it does in its eighth year – nine stops, including seven competitions for the women and two brand new locations. Since 2009, it has provided a platform for gasp-inducing action and dives of ever-growing complexity, featuring the elite athletes as well as young talent and has introduced a Women’s World Series in 2014. Cliff diving is gravity-defying freefall punctuated by awe-inducing tricks. The sport’s best athletes leap aesthetically from almost three times the Olympic height with no protection, except their concentration, skill and physical control.
Britain’s Gary Hunt laid down his legacy as a five-time champion in 2015, with a winning streak of five consecutive victories, securing 25 wins in 50 stops since 2009. America’s Rachelle Simpson, who was the first woman to receive the overall winner’s trophy for diving gracefully from 20m, defended her title to become 2015’s Women’s World Series champion. In 2016, this most recognized series of competitions will once again stay true to its fundamentals: it’s pure; it’s fast and it’s jaw-dropping. (photo: Red Bull Cliff Diving)

Posted in Estero/world news, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Jacques Delors ouvre ses archives d’ancien Président de la Commission européenne à la consultation

Posted by fidest press agency su giovedì, 18 febbraio 2016

delorsParis, 17 février 2016 30 ans après la signature de l’Acte unique européen, l’Institut Jacques Delors ouvre les archives personnelles de son Président fondateur à la consultation. Ces archives couvrent la période de 1984 à 1994.Ce fonds est composé de textes d’interventions de Jacques Delors, d’entretiens et d’articles de presse, de notes préparatoires et comptes rendus de rencontres à haut niveau (principalement rédigés en français).On y retrouve des documents sur les négociations de l’Acte unique européen, la mise en place du marché unique, le renforcement de l’Europe sociale et du Dialogue social, la montée en puissance du budget européen. Sont également présentes des archives liées au traité de Maastricht, à la citoyenneté européenne, à l’UEM, à l’euro. Les archives de Jacques Delors permettent d’éclairer le rôle de la Commission lors de la réunification allemande et dans la transition économique et démocratique des pays de l’ex-Union soviétique et de l’Europe centrale et orientale.Elles font aussi écho à la dislocation de l’ex-Yougoslavie et aux conflits du Proche-Orient, notamment à la guerre du Golfe. Une ample documentation se réfère d’autre part aux négociations de l’Uruguay round, à partir de 1986, dans le cadre des négociations commerciales du « GATT ». Sont également présents des documents de préparation du Livre blanc « Croissance, compétitivité, emploi : les défis et les pistes pour entrer dans le XXIe siècle ».Ces archives sont consultables auprès d’organisations partenaires en Belgique, en France, en Italie, en Pologne, en Suisse, ainsi que dans nos bureaux de Paris et de Berlin.
Une bourse post doctorale, un prix du meilleur mémoire de master et un séminaire de travail annuel sont mis en place afin de favoriser la consultation du fonds d’archives de Jacques Delors et de promouvoir l’étude de l’histoire de la construction européenne. (foto: delors)

Posted in Estero/world news, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

“Ride to Moscow”: in bicicletta dal Friuli fino a Mosca

Posted by fidest press agency su giovedì, 18 febbraio 2016

ridePartirà il 29 luglio da Ronchi dei Legionari (GO) per arrivare sulla Piazza Rossa a Ferragosto. Obiettivo: «Raccogliere fondi per aiutare i ragazzi senza famiglia che vivono negli istituti», spiega l’ideatore Paolo Ferraris.
Oltre 2.800 km in bicicletta per aiutare i ragazzi orfani russi. È il progetto solidale “Ride to Moscow” organizzato e promosso dall’associazione GEOforCHILDREN che vedrà Paolo Ferraris, presidente di GEOforCHILDREN e ideatore dell’iniziativa, il fratello Alessandro Ferraris e Arturo Giustina unire il Friuli con Mosca in bicicletta. Il trio partirà da Ronchi dei Legionari (GO) il 29 luglio per arrivare nella capitale russa il 15 agosto: 18 giorni per percorrere oltre 2.800 km e attraversare Slovenia, Austria, Repubblica Ceca, Polonia e Bielorussia. Al loro fianco, a coordinare l’intero tour, Roberto Travan socio fondatore di Starbene Group insieme con lo stesso Giustina. “Ride to Moscow” è un’iniziativa di solidarietà per promuovere il fondo “Una porta per la Vita”, a favore dei ragazzi orfani russi nell’intento di aiutarli nello studio affinché possano trovare un lavoro alla loro uscita dall’istituto dove sono cresciuti.«Il progetto “Ride to Moscow” è nato per dare ulteriore impulso all’attività di GEOforCHILDREN, ma anche per sensibilizzare sulla condizione che molti ragazzi russi vivono», premette il presidente dell’associazione e ideatore del progetto Paolo Ferraris. «Il fondo che abbiamo chiamato “Una porta per la Vita”, andrà infatti ad aiutare ragazzi russi tra i 10 e i 18 anni, orfani, che vivono all’interno di istituti fino al raggiungimento della maggiore età perché nel momento in cui questi giovani lasciano la struttura di accoglienza compaiono i primi seri problemi nella loro vita. I dati mostrano che oltre l’80% di loro non riesce ad integrarsi completamente nella società e rimane pertanto ai margini. Vogliamo accompagnarli e assisterli economicamente nel passaggio tra l’abbandono dell’istituto e l’entrata nella vita attraverso percorsi di formazione che possano permettere loro di trovare un lavoro e così favorire una maggiore integrazione nel tessuto sociale».Diciassette le tappe in programma per unire il Friuli alla capitale russa; circa 160 km ogni giorno fino al tappone finale che supererà i 200 km. «Una parte della prima tappa, da Ronchi dei Legionari a Lukovica in Slovenia, sarà aperta a tutti. Chiunque vorrà accompagnarci per i primi 100 km circa della nostra avventura potrà farlo», continua Paolo Ferraris. «È un modo per coinvolgere il territorio e per permettere a tutti di poter sostenere il nostro progetto in aiuto dei ragazzi russi». Infatti per la prima tappa sarà prevista una quota di iscrizione che sarà interamente riversata nel fondo “Una porta per la Vita”. «Stiamo cercando di organizzare anche un’iniziativa del tutto simile anche in occasione della diciassettesima e ultima tappa con il nostro arrivo sulla piazza Rossa», aggiunge presidente di GEOforCHILDREN.L’adesione a “Ride to Moscow” è aperta anche alle aziende con la possibilità di “firmare” una tappa o sostenere il viaggio dei tre imprenditori. Tutti i soldi raccolti saranno versati sul fondo “Una porta per la Vita” per i bambini russi in quanto i costi dell’iniziativa saranno interamente sostenuti da Geoclima, società dello stesso Ferraris da sempre vicina a GEOforCHILDREN. Al fianco dell’associazione sono già scese in campo Starbene Group, Geoclima e l’agenzia di comunicazione EoIpso oltre alle associazioni Bisiachi in Bici e Ichona bike. Hanno inoltre dimostrato interesse all’iniziativa Zamil, GMC Refrigerazione, Cesped, Rosenberg Italia, Clima Tech e Geoflange. (foto: ride)

Posted in Estero/world news, Recensioni/Reviews, Viaggia/travel | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Sudan: Il Giubileo tra i rifugiati cristiani

Posted by fidest press agency su giovedì, 18 febbraio 2016

Daniel Adwok«Non hanno niente e possono perdere la cittadinanza in ogni momento». Così monsignor Daniel Adwok, arcivescovo di Khartoum, descrive ad Aiuto alla Chiesa che Soffre la condizione di circa un milione e mezzo di sudsudanesi che a causa del conflitto in atto nel più giovane Stato al mondo, hanno riparato nel vicino Sudan.Sebbene la discriminazione dei cristiani non costituisca un fenomeno nuovo in Sudan – nel paese la sharia è applicata anche ai non musulmani – in seguito alla secessione del sud a maggioranza cristiana, nel luglio 2011, la situazione è nettamente peggiorata. Nel 2012 il governo di Omar al-Bashir ha revocato la cittadinanza a chiunque avesse origini nelle regioni meridionali – l’attuale Sud Sudan – condannando oltre mezzo milione di abitanti del Sudan, in maggioranza cristiani, allo status di rifugiato. Provvedimento che ha di certo contribuito al drastico calo del numero di cristiani, diminuiti dai 5,5 milioni del 2010 ad appena un milione.Ma la guerra civile in Sud Sudan ha costretto migliaia di cristiani a migrare comunque nel Nord a maggioranza islamica. «Molti dei rifugiati hanno subito profondi traumi», spiega monsignor Adwok notando come l’Anno della Misericordia indetto da Papa Francesco possa rappresentare un’ottima opportunità per invitare i cristiani afflitti dalla guerra e dalla violenza a perdonare.Il presule ha preso parte al recente incontro tra Papa Francesco ed i vescovi sudanesi e sudsudanesi. Nel colloquio il Pontefice ha sottolineato l’importanza dei catechisti in Sudan, dove molti cristiani, a seguito della secessione del Sud, sono sparsi su tutto il territorio nazionale, spesso in piccole comunità lontane dai grandi centri. «Ancora oggi vi sono molte parrocchie vuote – afferma monsignor Adwok – perché non vi sono catechisti. Ecco perché il Santo Padre ha voluto ribadire l’importanza di queste figure».Per far in modo che i tanti cristiani rifugiati in Sudan possano vivere pienamente il giubileo della Misericordia, il Papa ha voluto che fossero nominati quattro “missionari delle misericordia” laici, scelti ognuno da un diverso campo profughi, per impartire la catechesi. «Un’idea meravigliosa per raggiungere le migliaia di cristiani che hanno sofferto a causa della guerra civile e invitarli a perdonare, senza cercare vendetta».Continua intanto il sostegno di Aiuto alla Chiesa che Soffre al programma Save the Saveable, programma scolastico nato nel 1986 per volere dell’allora arcivescovo di Khartoum, il cardinale Gabriel Zubeir Wako. Il progetto garantisce un’educazione alle migliaia di piccoli rifugiati nei campi della periferia di Khartoum ed in trent’anni di vita ha permesso a migliaia di bambini di essere educati ai valori cristiani e alle bambine – escluse dalle scuole statali d’ispirazione islamica – di ricevere un’istruzione. (Daniel Adwok)

Posted in Estero/world news, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Alle origini della Turchia contemporanea

Posted by fidest press agency su giovedì, 18 febbraio 2016

maxxxIRoma venerdì 19 febbraio, ore 18.30 Alle origini della Turchia contemporanea MAXXI Galleria 1 Via Guido Reni, 4/A ingresso € 5,00 – 3 incontri € 10,00 – gratuito per i titolari myMAXXI incontro dal titolo Alle origini della Turchia contemporanea.
Ne parleranno Marco Ansaldo, giornalista inviato speciale, Docente di Giornalismo Estero Università LUISS di Roma; Lucio Caracciolo Direttore di Limes, Rivista Italiana di geopolitica; Hou Hanru Direttore Artistico MAXXI e curatore della mostra; Giovanna Melandri Presidente Fondazione MAXXI.Dice Lucio Caracciolo: “Dalla crisi migratoria alla guerra di Siria, dalla lotta al terrorismo al futuro dell’Unione Europea, il ruolo della Turchia è sempre più rilevante per il nostro presente e per il nostro futuro. Cominciamo ad

maxxIa

Roma 29 04 2015, Museo MAXXI. InaugurazioneIstanbul Passion Joy Fury. ©Musacchio&Ianniello diritti riservati

esplorarne storia, identità, culture e progetti, senza pregiudizi e con curiosità”.Nel suo intervento, Marco Ansaldo si concentrerà sul momento difficile che stanno vivendo in Turchia la società civile e i media: “La Turchia oggi costituisce un grande problema internazionale, che coinvolge molti aspetti: politici, economici, diritti umani, libertà di espressione”. E si chiede: “Possiamo continuare a fidarci del Sultano?”.
Secondo appuntamento: venerdì 1 aprile con l’incontro dal titolo La nuova Istanbul tra neoliberismo e processi di gentrificazione in cui vengono analizzati i processi urbanistici e le nuove forme di auto – organizzazione degli abitanti di Istanbul e della Turchia più in generale.Terzo appuntamento venerdì 29 aprile con l’incontro Le sfide economiche della Turchia il cui tema centrale è il rapporto tra l’idea tradizionale e contemporanea di “capitale” e i diversi modelli di produzione esistenti in Turchia come il passaggio dalla tradizione artigiana e manifatturiera, all’attuale comparto industriale e terziario avanzato. Istanbul: un laboratorio per il presente è organizzato in collaborazione con Limes (foto maxxi)

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

ZesTrip, start up di esperienze di viaggio, sbarca a Londra

Posted by fidest press agency su giovedì, 18 febbraio 2016

londonDopo aver aiutato turisti italiani e stranieri ad affrontare l’Expo di Milano e il Giubileo romano, ZesTrip (www.zestrip.net) si espande all’estero e sbarca a Londra, grazie al finanziamento di 100 mila euro raccolto. La capitale del Regno Unito, dopotutto, è la quinta ‘città italiana’ dopo Roma, Milano, Napoli e Torino, con 250mila italiani residenti, e non poteva mancare tra le proposte di viaggio. 850 proposte, con attività speciali in più di 50 città, sono i numeri della piattaforma in un solo anno. Il punto forte della piattaforma sono i Local Expert: guide per tour privati, chef, cuochi a domicilio, artigiani, architetti, guide alpine e fotografi, con un forte legame con il territorio e il desiderio di accompagnare i viaggiatori in esperienze indimenticabili. Grazie a professionisti e dilettanti qualificati, ZesTrip è in grado di offrire esperienze di viaggio uniche: basta scegliere una delle centinaia di attività proposte sulla piattaforma online, contattare il Local tramite chat per costruire un’esperienza completamente su misura e confermare la prenotazione, senza intermediari.Dal tour che segue le tracce di Jack lo Squartatore a quello che percorre le tappe dei Beatles su una Mini, dal giro in bici nel Parco reale dei cervi al tradizionale rito del tè delle cinque, sono già disponibili oltre 150 attività londinesi tra cui scegliere. Senza dimenticare la classica visita alle bellezze artistiche e culturali inglesi, ma con il quid in più della passione di un local che il turista potrà scegliere dopo aver studiato il suo profilo e letto il pensiero dei precedenti viaggiatori, senza il filtro di agenzie di viaggio o tour operators.“Siamo sostenitori della rivoluzione economica del XXI secolo, quella della sharing economy – afferma Michele Arisi, ceo di ZesTrip – e vogliamo contribuire al suo sviluppo nel settore del turismo. Non è più necessario fare affidamento sul grande tour operator per essere sicuri di organizzare una vacanza super. Aprendo a Londra, vorremmo esportare l’Italian way dell’ospitalità nel Regno Unito e all’estero, proponendo professionisti e più in generale Local che sono in linea con la nostra idea di viaggio”.La startup, incubata dal PoliHub del Politecnico di Milano, è nata all’inizio del 2015 dall’idea di tre ragazzi under30, Michele Arisi, Andrea Pasino e Carlo Vezzoni, con la passione per i viaggi, per la condivisione e per l’innovazione. Il concetto alla base della piattaforma è quello di trasportare la sharing economy nel mondo del turismo: guide Local che desiderano condividere la propria passione e la propria esperienza propongono attività per tutti i gusti e per tutti i budget a turisti desiderosi di dare al proprio viaggio quel pizzico di sapore, quello “zest” in più. La combinazione tra sharing economy e l’inclinazione social della piattaforma, che mette in contatto i Local con i viaggiatori, ha convinto un gruppo di Angel Investors capitanato da Stefano Calderano, attualmente CEO di Jusp (tra le poche startup italiane ad aver ricevuto un finanziamento di venture capital a sei zeri), a investire oltre centomila euro nel progetto, che hanno permesso la crescita e l’espansione londinese.
Zest è un vocabolo inglese che significa grande entusiasmo ed energia, ma anche scorza di agrume. Così come un grande chef aggiunge la scorza di limone ad un buon piatto, in modo da renderlo una vera esperienza per il palato, il viaggiatore che entra a far parte della community di ZesTrip potrà trovare il sapore mancante per la propria avventura. Basta scegliere una delle attività proposte sulla piattaforma online, in compagnia di coinvolgenti Local che desiderano condividere la propria passione e la propria esperienza. Appassionati di trekking, cuochi, designer, artigiani, architetti, fotografi, esperti d’arte o di musica, ma sempre con un forte legame col territorio e la voglia di guidare gli altri in esperienze indimenticabili, sono a disposizione dei viaggiatori di tutto il mondo.

Posted in Cronaca/News, Estero/world news, Viaggia/travel | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

L’imprenditoria italiana che vince arriva dal Nord Est

Posted by fidest press agency su giovedì, 18 febbraio 2016

ags«Lavoriamo con la cura di un artigiano ma ci muoviamo come una multinazionale». Questo il modello di business che ha portato al successo AGS, azienda con sede a Rosà (Vi) e a Udine, che opera nella subfornitura avanzata per i settori dell’elettronica e dell’elettromeccanica. AGS ha fatto segnare l’anno scorso la crescita record del 43%. Come spiega Denis Vigo, imprenditore veneto quarantacinquenne, fondatore di AGS insieme con Renato Comelli, che ha voluto dare all’azienda una precisa filosofia: «Credo molto nel Made in Italy e credo molto nel valore aggiunto che, come italiani, sappiamo dare a quello che facciamo. Il concetto del Made in Italy è stato applicato nel fornire un servizio globale e un prodotto completo che va dalla progettazione alla consegna, lavorando con produttori dislocati in tutto il mondo, con un accurato controllo qualità e il tutto gestito sempre in Italia. Siamo così passati dal Made al Brain in Italy». Il target di AGS, partendo dal Nordest, è di estendere la propria rete commerciale in Europa, Asia, Stati Uniti e Brasile: «Ma il cuore pulsante resta in Italia, resta nel nostro territorio al quale siamo profondamente legati partecipando a numerose iniziative di solidarietà e sostenendo alcune attività sportive».Con 16 dipendenti in Italia (la metà assunta nell’ultimo anno) e le altre 150 persone che lavorano nell’indotto, AGS ha registrato un incrementato del fatturato del 2015 di oltre il 40% rispetto al 2014, arrivando a movimentare oltre 20milioni di unità di prodotti», dice Vigo. «La crescita aziendale è stata lenta ma progressiva. Da quando nel febbraio 2004 abbiamo dato vita ad AGS abbiamo posto attenzione alla sviluppo di una struttura che potesse essere solida e in grado di recepire tutte le richieste del mercato». Due i settori di operatività dell’azienda: una divisione è dedicata al mondo delle schede elettroniche – PCB – e delle tastiere, l’altra a quello degli stampi a iniezione e stampaggio di materiale plastico. «Produciamo principalmente in Cina, dove del resto viene prodotto l’80% delle schede elettroniche mondiali. Alla produzione però abbiniamo una gestione tutta italiana: la sede centrale è in Italia, qui viene fatta la progettazione e lo sviluppo, mentre il controllo qualità viene effettuato direttamente presso le sedi dei nostri fornitori dal nostro personale italiano», spiega Vigo. «Abbiamo sviluppato un sistema di logistica che azzera i tempi di consegna e assicura un pronto servizio al cliente finale con la possibilità di tracciare interamente il prodotto grazie alla tecnologia Near Field Comunication». Destinatari sono i grandi gruppi dell’automotive, delle telecomunicazioni, dell’automazione, della domotica e del lighting. Il mercato di riferimento per AGS è prevalentemente l’Europa, ma obbiettivo dell’azienda è di puntare ad una crescita di fatturato, ripartito tra Nord America, America Latina e Asia. L’anno scorso ci siamo concentrati su Francia, Svizzera e Stati Uniti. L’Italia resta comunque il bacino di riferimento fondamentale per la nostra azienda visto che assorbe la parte più importante delle nostre vendite ».E per il futuro? «Restando in Europa, pensiamo che la Germania rappresenterà un importante sbocco. Stiamo sondando anche il Giappone: un mercato interessante e in sviluppo dal quale stiamo avendo i primi interessanti riscontri – conclude Vigo. – Contiamo di incrementare il volume di affari e di arrivare entro pochi anni ad un fatturato di 50milioni di euro».
AGS srl – Fondata nel 2004 da Denis Vigo e Renato Comelli, opera in tutto il mondo con due divisioni: da una parte circuiti stampati (PCB) e tastiere, dall’altra stampi ad iniezione e stampaggio di materiale plastico. AGS si pone come partner globale in grado di seguire il cliente dalla progettazione alla logistica, dalla consulenza in fase di progettazione alla consegna del prodotto finito e tracciabilità dello stesso, gestendo offerte, documenti tecnici, controllo qualità e organizzazione logistica. Alle sedi italiane di Rosà (Vi) e Udine si aggiungono gli uffici esteri in Cina, Brasile, USA, Europa. (foto:ags)

Posted in Cronaca/News, Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Svelato il ruolo centrale del metabolismo nel funzionamento dei linfociti T umani

Posted by fidest press agency su giovedì, 18 febbraio 2016

Università di Napoli “Federico II”JPGIl meccanismo molecolare che controlla la funzionalità dei linfociti T dell’uomo è stato chiarito da una ricerca scientifica condotta dal gruppo del Prof. Giuseppe Matarese del Dipartimento di Medicina Molecolare e Biotecnologie Mediche dell’in collaborazione con il Laboratorio di Proteomica dell’ITB-CNR e il Laboratorio di Immunologia dello IEOS-CNR. I risultati dello studio sono stati pubblicati sulla prestigiosa rivista Immunity.I linfociti T umani sono delle cellule “sentinella” deputate alla protezione dell’organismo dalle infezioni. Così come tali cellule ci proteggono dall’ambiente esterno, esse possono anche, se malfunzionanti, attaccare strutture proprie e causare malattie autoimmunitarie, come la sclerosi multipla, il diabete giovanile e l’artrite reumatoide. In questo contesto esistono diversi sottogruppi di linfociti T con funzioni differenti ed opposte. Per esempio, alcuni hanno una funzione propriamente di protezione (detti T convenzionali, Tconv) ed altri hanno funzioni di controllo dell’infiammazione (detti T regolatori, Treg). Il meccanismo di funzionamento intimo di questi differenti stipiti cellulari è stato oggetto di numerosissimi studi che però fino ad oggi non hanno rivelato a pieno il perché delle loro differenze funzionali.
Combinando i risultati di proteomica e metabolomica in questo studio si è finalmente svelato come il metabolismo degli zuccheri e quello lipidico in cellule Treg e Tconv umane, in un’alternanza dinamica nell’organismo in toto o in coltura, sia in grado di controllare le loro capacità di crescita e le loro funzioni specifiche. Grazie a tali evidenze si è compreso come il metabolismo cambi in funzione dello stato di crescita e che non sempre le condizioni di coltura in vitro rispecchino quanto accade nell’organismo. Il nostro approccio di studio – proteomica clinica combinata alla Systems Biology ed analisi di metabolica funzionale – a nostra conoscenza mai utilizzato precedentemente, dovrebbe aiutare ad identificare nuove metodologie per condizionare tali linfociti per terapie cellulari di malattie immunologiche ed autoimmunitarie come la sclerosi multipla.Il lavoro, che vede coinvolti tra gli altri il Dr. Claudio Procaccini, la Dr.ssa Fortunata Carbone, la Dr. Veronica De Rosa e il Dr. Mario Galgani (dell’Istituto per l’Endocrinologia e Oncologia Sperimentale (IEOS) del CNR di Napoli) e il Prof. Pierluigi Mauri (dell’Istituto di Tecnologie Biomediche (ITB) del CNR di Milano), è stato finanziato principalmente dalla Fondazione Italiana Sclerosi Multipla (FISM), dall’European Research Council (ERC) e dalla European Foundation for the Study of Diabetes (EFSD).

Posted in Cronaca/News, Medicina/Medicine/Health/Science, Università/University | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Trapianto mandibola artificiale

Posted by fidest press agency su giovedì, 18 febbraio 2016

trapianto mandibola.pngPadova. Per la prima volta in Italia, a Padova, è stato ricostruito con un trapianto artificiale di mandibola, il volto di un paziente di mezza età di nazionalità italiana affetto da osteonecrosi. Le ripetute infezioni gli compromettevano la capacità funzionale e i dolori gli causavano limitazioni di salute. La Chirurgia Maxillo-Facciale dell’Azienda Ospedaliera/Università di Padova diretta dal prof. Giuseppe Ferronato, ha eseguito con i ricercatori dott.ssa Giorgia Saia e dott.ssa Giordana Bettini coordinati dal dott. Alberto Bedogni – esperto nel trattamento delle patologie ossee radio e farmaco indotte, assieme ad un team di ingegneri, il delicato intervento portato a termine con successo.E’ stata così inserita al paziente in sole 4 ore una nuova mandibola artificiale in titanio di gr. 26 contenente i fori necessari affinchè muscoli e nervi vi si inserissero naturalmente. La protesi artificiale personalizzata ha sostituito buona parte della mandibola originale includendo il condilo e il mento, regioni indispensabili per le funzioni di movimento della mandibola – articolazione della parola, masticazione, deglutizione e competenza delle labbra – nonché dell’aspetto esteriore del volto. La tecnica progettata e sviluppata dai ricercatori padovani in strettissimo rapporto con ingegneri e bio-ingegneri di un’azienda italiana leader nel settore della ricerca e della produzione di dispositivi medici, ha permesso la realizzazione di una protesi artificiale che ha riprodotto fedelmente le caratteristiche anatomiche della porzione mancante e deformata della mandibola del paziente, comprendendone anche le inserzioni muscolari indispensabili.La realizzazione della protesi ha comportato l’elaborazione al computer delle immagini dello scheletro facciale del paziente grazie alla tomografia computerizzata. Le immagini realizzate hanno prodotto un modello virtuale 3D della mandibola. Così il chirurgo ha simulato da remoto in tempo reale l’intervento chirurgico.E’ stato specchiato il lato sano sulla mandibola mancante (mirroring) e ricostruita la mandibola a computer, la forma finale ha ricalcato quella mandibolare del paziente. Un raggio laser ha fuso per strati la polvere di titanio formando così la nuova mandibola.
Dalla sensibile riduzione del rischio di complicanze, alla riduzione della possibilità di rigetto; dal recupero della migliore forma del volto in un unico intervento alla respirazione autonoma post-operatoria.
Dalla riduzione della necessità di accesso tracheostomico alla rapida ripresa dell’alimentazione già dalla prima giornata dopo l’intervento e al rapido recupero della qualità della vita generale.L’Azienda Ospedaliera di Padova, conferma l’effettiva stabilità della mandibola innestata nel paziente alcuni mesi fa, e dichiara riuscito il trapianto di mandibola in titanio. Il paziente ora puo’ masticare, parlare, respirare e deglutire normalmente e soprattutto non ha più dolori. E’ tornato ad una normalità di vita.
Questo intervento migliora il supporto del labbro inferiore, la simmetria finale della parte inferiore del viso e la competenza delle labbra. Il vantaggio delle protesi artificiali personalizzate è da considerarsi soprattutto nei casi in cui la regione anteriore della mandibola sia inclusa nell’asportazione. Il costo medio di un impianto di questa tipologia è di circa € 3.500 e prevede l’applicazione a basso impatto sugli individui, specie nei soggetti adulti. “Le nuove protesi progettate, conferma il Prof. Giuseppe Ferronato – hanno dimostrato anche una buona resistenza al trattamento chemio-radioterapico e potrebbero essere utilizzate nella cura dei tumori maligni del cavo orale aprendo così la strada ai pazienti oncologici critici che non sopporterebbero altrimenti, interventi ricostruttivi complessi”. (foto: trapianto mandibola)

Posted in Cronaca/News, Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

GVN Zika task force

Posted by fidest press agency su giovedì, 18 febbraio 2016

Ospedale Spallanzani, RomaRoma Ospedale Spallanzani. Il Global Virus Network- GVN, in rappresentanza di 35 centri di eccellenza distribuiti in 26 nazioni, composta da esperti virologi di fama internazionale, al fine di dare risposte adeguate ai problemi legati ai nuovi virus, ha annunciato la formazione del GVN Zika task force, presieduta da Scott Weaver, co-presidente per il GVN Chikungunya Task force e direttore della University of Institute del Texas Medical Branch per le infezioni umane e immunità.Il GVN Zika Task force è destinato a crescere per affrontare l’urgente necessità di mettere in rete e condividere informazioni e ricerca a livello internazionale. L’annuncio è stato dato ieri da Robert Gallo, co-fondatore del GVN e presidente del Leadership Comitato Scientifico del GVN e José Esparza, presidente della GVN.
Giuseppe Ippolito, Direttore Scientifico dell’Istituto per le malattie Infettive Lazzaro Spallanzani, già membro attivo del Global Virus Network, è stato chiamato a fare parte della Zika Task Force come rappresentante esperto italiano: “Siamo contenti – dichiara Ippolito – di mettere al servizio le nostre conoscenze nella risposta internazionale alla pandemia. Il nostro Istituto ha avviato un progetto di collaborazione con i colleghi della Slovenia e del Brasile per studiare la patogenesi dell’infezione da virus Zika: non vediamo l’ora di condividere le nostre scoperte con gli altri membri della GVN Task Force “. Marta Branca, Commissario straordinario dell’INMI Spallanzani ha così commentato: “ Sono onorata che il nostro Istituto ancora una volta si attesti una risorsa a livello mondiale per le malattie infettive. Auguro a tutto il gruppo buon lavoro”.

Posted in Cronaca/News, Medicina/Medicine/Health/Science, Uncategorized | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

European Business Awards

Posted by fidest press agency su giovedì, 18 febbraio 2016

business awards8 società italiane sono state nominate tra le finaliste vincendo il titolo Ruban d’Honneur dell’edizione 2015/16 dell’European Business Awards sponsorizzato da RSM.Le finaliste sono state scelte tra oltre 678 National Champions da un pannello di giudici formato da leader politici e accademici e imprenditori di tutta Europa. I giudici adesso intervisteranno ciascuno dei 110 finalisti europei al fine di nominare gli 11 vincitori finali per ciascuna categoria, che saranno annunciati in una cerimonia di gala nel mese di giugno.
Gli European Business Awards hanno coinvolto quest’anno oltre 32.000 imprese provenienti da 33 paesi europei, raggiungendo così un record alla sua nona edizione.I finalisti italiani sono:
Bisol S.r.l. – Treviso
Collistar S.p.A. – Milano
GSI Global System International S.p.A. – Milano
Inglass S.p.A. – HRS Flow – Treviso
Landi Renzo S.p.A. – Reggio Emilia
Magaldi Industrie S.r.l. – Roma
Markas S.r.l. – Bolzano
TEC. INN. S.r.l. – Perugia
Jean Stephens, CEO di RSM, il 6 network al mondo di società indipendenti di consulenza e revisione contabile e lead sponsor degli European Business Awards, commenta: “in RSM aiutiamo le medie aziende di operare in un sistema globale sempre più complesso e in rapida evoluzione. I vincitori del titolo Ruban d’Honneur sono aziende con cui i professionisti del network lavorano quotidianamente, ed è incoraggiante vedere la loro crescita e prosperità. Auguriamo loro buona fortuna per il terzo ed ultimo round della competizione e non vediamo l’ora di annunciare i vincitori finali per categoria al Gala Event”.Kristian Bresciani, Partner di RSM Palea Lauri Gerla, dice: “Queste 8 eccellenze italiane ci rendono orgogliosi e rafforzano il nostro impegno a supportare le aziende di medie dimensioni nel nostro paese durante i loro percorsi di crescita dalla dimensione locale a quella internazionale.”Adrian Tripp, CEO degli European Business Awards, dice: “Sopravvivere nella situazione economica attuale è già abbastanza arduo, innovarsi e crescere come hanno fatto i vincitori del titolo Ruban D’Honneur di quest’anno è meritevole di nota. L’Europa ha bisogno di maggiori realtà professionali come queste. Ben fatto a tutte loro.”Accanto al pannello di giudici indipendenti, è in corso una votazione del pubblico, che deciderà i ‘National Public Champions’, uno per ogni paese europeo. Per votare per la vostra azienda preferita andate sul sito http://www.businessawardeurope.com. I vincitori del voto del pubblico saranno annunciati il 7 marzo. Gli European Business Awards (EBA) sono il prestigioso riconoscimento dell’eccellenza, le best practice e l’innovazione nella comunità imprenditoriale europea. Ulteriori sponsors e partners includono ELITE e PR Newswire. (foto: business awards)

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Estero/world news, Uncategorized | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

1 milione di bambini a rischio in Africa orientale e meridionale per malnutrizione

Posted by fidest press agency su giovedì, 18 febbraio 2016

africa

Secondo l’UNICEF, circa 1 milione di bambini ha bisogno di cure per malnutrizione acuta grave in Africa Orientale e Meridionale. Due anni di piogge irregolari e siccità si aggiungono agli effetti provocati da El Niño, uno dei più forti eventi metereologici degli ultimi 50 anni, che sta avendo grave impatto sulla vita dei bambini più vulnerabili. Nella regione milioni di bambini sono a rischio per fame, scarsità d’acqua e malattie. La situazione è aggravata dall’aumento del prezzo del cibo, che costringe le famiglie a saltare i pasti e a vendere i propri beni.Lesotho, Zimbawbe e la maggior parte delle provincie del Sudafrica hanno dichiarato lo stato di calamità a causa della sempre più grave mancanza di risorse. In Etiopia, il numero di persone che hanno bisogno di assistenza alimentare probabilmente aumenterà da oltre 10 a 18 milioni entro la fine del 2016.Per quanto concerne l’impatto di El Niño sui bambini nella regione, l’UNICEF sottolinea che:
– In Etiopia, a causa della scarsità delle piogge nelle ultime 2 stagioni, circa 6 milioni di bambini hanno bisogno di assistenza alimentare, con tassi sempre più elevati di abbandono scolastico perché i bambini sono costretti a percorrere lunghe distanze in cerca di acqua.
– In Somalia, più di due terzi di tutti coloro che hanno urgente bisogno di assistenza sono popolazioni sfollate.
– In Kenia, piogge consistenti e inondazioni causate da El Niño hanno aggravato la situazione nelle aree colpite dal colera;
– In Lesotho, un quarto della popolazione è stata colpita dagli effetti di El Niño, che influiscono sulle già gravi condizioni di un paese in cui il 34% dei bambini sono orfani, il 57% delle persone vivono sotto il livello di povertà e circa un adulto su quatto è affetto da HIV/AIDS.
– In Zimbawbe, circa 2,8 milioni di persone vivono in condizioni di insicurezza alimentare. La siccità ha ridotto la capacità dei pozzi d’acqua aumentando il rischio di malattie legate all’acqua, soprattutto diarrea e colera.
– Il Malawi sta affrontando la peggior crisi alimentare degli ultimi nove anni, con 2,8 milioni di persone (oltre il 15% della popolazione) a rischio di fame; il numero di casi di malnutrizione acuta grave è aumentato del 100% in due soli mesi, da dicembre 2015 a gennaio 2016.
– In Angola, circa 1,4 milioni di persone sono state colpite dalle difficili condizioni metereologiche e 800.000 persone vivono in situazioni di insicurezza alimentare, principalmente nelle provincie semi aride meridionali.“Il fenomeno meteorologico El Niño si esaurirà, ma il prezzo più alto lo pagheranno negli anni a venire i bambini – molti dei quali già vivono alla giornata –,” ha dichiarato Leila Gharagozloo – Pakkala, Direttore Regionale dell’UNICEF per l’Africa Orientale e Meridionale. “I Governi stanno rispondendo con le risorse disponibili, ma questa è una situazione senza precedenti. La sopravvivenza dei bambini dipende dalle azioni attuate oggi.”
Secondo l’OCHA, se nella seconda metà di quest’anno le condizioni agricole miglioreranno, le comunità colpite impiegheranno circa due anni per riprendersi dalla siccità aggravata dagli effetti di El Niño.
Gli appelli umanitari dell’UNICEF per i paesi dell’Africa meridionale colpiti dal El Niño sono stati finanziati per meno del 15%. Le richieste di fondi dell’UNICEF per i paesi colpiti sono così divisi: Angola: 26 milioni di dollari; Etiopia: 87 milioni di dollari; Lesotho: 3 milioni di dollari; Malawi: 11 milioni di dollari; Somalia: 15 milioni di dollari; Swaziland: 1 milione di dollari e Zimbawbe: 12 milioni di dollari

Posted in Estero/world news, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »