Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 32 n° 250

Archive for 26 febbraio 2016

Lecture about the opera Lucio Silla by W. A. Mozart

Posted by fidest press agency su venerdì, 26 febbraio 2016

lucio sillaToronto Thursday, March 03, 2016 6:30pm – 8:30pm Istituto Italiano di Cultura – 496 Huron St.,Presented by: Opera Atelier In collaboration with: Istituto Italiano di Cultura, Toronto. Free admission.
Lucio Silla is an Italian opera in three acts composed by Wolfgang Amadeus Mozart. The libretto was written by Giovanni de Gamerra. This dramatic opera is associated with one of Mozart’s sojourns in Milan. The Austrian genius was sixteen when he composed this jewel of bel canto dedicated to the general and dictator of Ancient Rome and Lucio Silla made its debut on 26 December 1772, when Mozart was almost seventeen. It was the third opera that Amadeus had staged in the Regio Ducal Theatre.
Gerard Gauci is a painter and a theatre designer whose sensibility is literally and figuratively operatic. As resident set designer for Toronto’s Opera Atelier he creates vast and sumptuous on-stage environments for the works of Monteverdi, Lully and Mozart. As a painter Gauci, creates miniature tableaux depicting famously preserved interiors of grand homes and palaces throughout Europe and America.
Marshall Pynkoski founded Opera Atelier with his partner Jeannette Lajeunesse Zingg and he has since directed a wide range of period productions of Baroque and early Classical opera and ballet in close collaboration with Tafelmusik Baroque Orchestra. He has collaborated with many of the finest artists in the world of early music and his productions of opera and ballet have toured throughout North America, Europe and Asia. He is recipient of numerous awards including the Toronto Arts Award, the Ruby Award for outstanding contribution to opera in Canada, and the TIME Magazine award for Classical music. He was named Chevalier dans l`Ordre des Arts et des Lettres and has most recently directed Mozart’s Lucio Silla for the Salzburg Festival in 2013.

Posted in Cronaca/News, Estero/world news, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre, Uncategorized | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

L’accord UE/Royaume-Uni : beaucoup de bruit pour (presque) rien?

Posted by fidest press agency su venerdì, 26 febbraio 2016

Adopté suite à une démarche unilatérale de Cameron et grâce à la bonne volonté manifestée par ses homologues, le récent accord entre l’Union européenne (UE) et le Royaume-Uni (RU) contient nombre de rappels et d’ajustements qu’il conviencameront de mettre en perspective d’un point de vue à la fois politique et juridique.Tel est l’objet de ce Mot d’Yves Bertoncini, Alain Dauvergne et António Vitorino qui se concentre sur trois éléments clés :
1. L’accord UE-RU contient nombre de rappels utiles à l’attention des « Eurosceptiques », mais aussi de l’ensemble des Européens ;
2. L’accord UE-RU contient quelques « réformes » substantielles, dont la mise en œuvre appelle à la vigilance ;
3. L’accord UE-RU ne devrait avoir qu’un impact limité sur la construction européenne.
La conclusion de l’accord UE-RU présente au final un avantage majeur : celui de permettre aux Européens et à leurs dirigeants d’en revenir aux autres défis pressants qu’ils doivent affronter ensemble, notamment la crise des réfugiés et la menace terroriste, défis beaucoup plus déterminants pour le futur de l’UE et le bien-être de ses citoyens. (photo: cameron)

Posted in Estero/world news, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

“Clinical Experiences in Acupuncture and TCM”

Posted by fidest press agency su venerdì, 26 febbraio 2016

umberto mazzantiBologna March 12 and 13, 2016 From the 1986, the Association of Medical Acupuncturists A.M.A.B organizes every year an International Congress on TCM and Acupuncture that is open to everyone who is interested and completely free.
Our history is long 30 years and the speakers who will participate in these days, Italian and foreign acupuncturists, have contributed to the history of our conferences. In these 30 years, the Association of Medical Acpuncturists of Bologna (A.M.A.B) has grown and established itself as associative reality at national and international level. For all of us it is a great professional achievement as physicians and acupuncturists.The two-day conference will be an opportunity to discuss the clinical experiences of important acupuncturists from different parts of Italy and Europe as well as a valuable opportunity to upgrade in acupuncture.
There will be simultaneous translation from Italian and English. Partecipation is completely free.
The Poster Session is open to medical students, medical doctors, acupuncturists and clinical researchers interested in acupuncture.Posters will be on display throughout the Congress in the foyer of the Congress Palace. (umberto mazzanti, bologna)

Posted in Cronaca/News, Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Toshiba Medical Represents Attractive Investment in Diagnostic Imaging Market, says GlobalData Analyst

Posted by fidest press agency su venerdì, 26 febbraio 2016

londonLONDON, UK (GlobalData) Investing in Toshiba Medical, which is seeking potential partners, is likely to deliver strong returns for companies looking to expand into the diagnostic imaging space, particularly in the Japanese market, according to an analyst with research and consulting firm GlobalData.Thanks to a growing population with a steady demand for non-invasive diagnostic procedures, imaging devices have remained a lucrative investment and GlobalData forecasts that the global diagnostic imaging market will be valued at $42.4 billion by 2020.As Sarah Janer, GlobalData’s Analyst covering Medical Devices, explains: “Toshiba Medical is a steady performer and its sales make up 10% of the thriving global market, which is tempting for companies looking to break into diagnostic imaging.
“Japanese firms are especially interested, as Toshiba Medical possesses 19.2% of the diagnostic imaging market in Japan. Canon Inc. and Fujifilm are stepping up to bid, and while both offer digital radiography devices, heavy investment in Toshiba Medical could expand their range to computed tomography (CT) and magnetic resonance imaging (MRI) systems.” GlobalData estimates that the current markets for CT and MRI devices are expanding at compound annual growth rates of 14.3% and 10.4%, respectively.Janer notes: “Investment opportunities are so attractive that Toshiba’s CEO Masashi Muromachi has hinted at already receiving opening bids significantly higher than the reported asking price of $3 billion for an 80% share. Canon and Fujifilm have partnered with other firms to improve the strength of their bid, demonstrating a strong eagerness to invest.“Certainly, as both companies have less than a 3% share of the global diagnostic imaging market, a buyout could significantly boost their chances of competing with imaging titans like Siemens or GE Healthcare.”
Although Toshiba ranks fourth for global market share, collaboration could lead to innovation and some fierce competition down the road, depending on what percentage of Toshiba Medical is sold off.Janer continues: “A 51% percent company share could result in some collaboration, but Toshiba’s restructuring plans would need to succeed. Full investment would result in a more stable outlook and a market share increase of up to 20% for the successful buyer, according to GlobalData.”

Posted in Estero/world news, Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Profughi: corridoio umanitario

Posted by fidest press agency su venerdì, 26 febbraio 2016

ProfughiRoma Fiumicino Lunedì 29 febbraio 2016 briefing per la stampa è alle 11.45 al Terminal 5 di Fiumicino. Lunedì 29 febbraio 2016 da Beirut arriverà a Fiumicino, il primo cospicuo gruppo di profughi siriani che grazie al progetto dei “corridoi umanitari”, entrerà in tutta sicurezza e legalmente in Italia.Si tratta di 24 famiglie, 93 persone in tutto – di cui 41 minori – che in ragione della loro condizione di vulnerabilità hanno ottenuto un visto umanitario a territorialità limitata rilasciato dall’ambasciata italiana in Libano.
La maggior parte proviene da Homs, città siriana ormai rasa al suolo. Altri da Idlib e Hama. Una volta in Italia saranno traferiti in diverse località.Lo scorso 4 febbraio la piccola siriana Falak, malata di tumore, con la sua famiglia era giunta a Roma aprendo di fatto il primo varco legale verso l’Europa. Si tratta di un progetto-pilota che nel quadro di un accordo raggiunto a metà dicembre tra governo italiano, la Comunità di Sant’Egidio. la Federazione delle Chiese Evangeliche in Italia (FCEI), e la Tavola Valdese, prevede l’arrivo di un migliaio di casi in due anni non solo dal Libano, ma presto anche dal Marocco e dall’Etiopia.

Posted in Cronaca/News, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

“Minicogenerazione, un affare per 150mila imprese agricole”

Posted by fidest press agency su venerdì, 26 febbraio 2016

cogenerazioneVerona “Ci stiamo battendo perché l’Unione Europea riconosca ancora gli incentivi alle aziende agricole che vogliono investire nella cogenerazione”. Lo ha detto oggi intervenendo a Progetto Fuoco in Fiera a Verona al convegno organizzato da AIEL sulla mini cogenerazione da biomasse, Giuseppe Castiglione sottosegretario al Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali. Il rappresentante del governo con delega alle energie rinnovabili, si è detto soddisfatto per la collaborazione avviata negli ultimi due anni con le parti che rappresentano una filiera di 150.000 imprese agricole. “Collaborazione da cui è nata la nuova programmazione 2014/2020 e un proficuo rapporto con le Regioni finalizzato a usare al meglio le risorse del territorio. Nel decreto di luglio abbiamo messo l’impresa agricola al centro dell’attenzione sulle rinnovabili insistendo perché Bruxelles mantenga gli incentivi”. Plaudendo a Progetto Fuoco come fonte di insegnamento e traino per il comparto, il sottosegretario ha ribadito l’impegno perché per quest’anno vengano assegnate le risorse e perché tra il 2017 e il 2020 in materia di mini cogenerazione ci sia finalmente una disposizione univoca.
La cogenerazione, tecnica che permette di produrre energia elettrica e calore da fonti rinnovabili non fotovoltaiche con impianti sotto i 200 kW elettrici, è attualmente regolata in Italia dal decreto ministeriale 6 luglio 2012 che sta per essere scalzato da un nuovo decreto ministeriale attualmente al vaglio di Bruxelles: decreto che tuttavia scadrà il 31 dicembre 2016. Evidenti quindi le difficoltà per chi, nel settore primario, voglia investire in queste tecnologie fruendo degli aiuti che per l’anno in corso ammontano a 5,8 miliardi di euro. Marco Mezzadri, referente tecnico del gruppo Mini cogenerazione da biomasse e biogas di AIEL, ha spiegato che c’è ancora spazio per le richieste dal momento che diverse aziende si sono viste respingere le domande. Esistono vari tipi di generatori di piccola taglia e di gassificatori, per i quali le tariffe relative al vecchio decreto restano in vigore per un anno dall’entrata in vigore del prossimo DM sugli incentivi. “Il mio consiglio a chi sta sotto i 200 kW elettrici- ha detto Mezzadri – è di fare immediatamente l’investimento; per impianti superiori bisogna invece attendere l’entrata in vigore del nuovo decreto”. Foto: cogenerazione)

Posted in Cronaca/News, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Riforma del sistema Radiotelevisivo e direttiva servizi media audiovisivi

Posted by fidest press agency su venerdì, 26 febbraio 2016

BruxellesBruxelles giovedì 3 marzo 2016 dalle ore 15 alle ore 18 e 30, al Parlamento Europeo, presso la sala ASP 1E2, in un incontro organizzato dalla Parlamentare del Gruppo EFDD- Movimento 5 stelle, Isabella Adinolfi. L’Incontro, moderato dal Giurista Fulvio Sarzana vedrà tra gli altri, la partecipazione del presidente della Commissione di vigilanza sulla RAI, Roberto Fico, della stessa parlamentare presso la Commissione Cultura del Parlamento Europeo Isabella Adinolfi, del Presidente dell’Associazione REA-Radio televisioni Associate Antonio Diomede, del Professore di diritto costituzionale e diritto delle comunicazioni elettroniche all’Università di Milano Marco Orofino, e del Blogger e Giornalista Piero Ricca. L’evento è gratuito.

Posted in Estero/world news, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Pensioni e l’informazione farlocca

Posted by fidest press agency su venerdì, 26 febbraio 2016

pensionati“Il nostro sistema (previdenziale) e’ stato stabilizzato e messo in sicurezza. Cio’ dovrebbe indurre a maggiore prudenza coloro che propongono tagli alle pensioni, deindicizzazioni varie e contributi di solidarieta’ che, assieme alle notizie (errate) delle basse pensioni pagate dall’Inps, hanno il solo effetto di aumentare elusione ed evasione contributiva. Cosi’ la dichiarazione di Alberto Brambilla, cordinatore del Comitato tecnico scientifico di Itinerari Previdenziali, il centro studi che si occupa del nostro sistema pensionistico, che ha tenuto un convegno in merito qualche giorno fa.E’ un ribaltamento di quanto viene propalato nelle varie trasmissioni televisive e radiofoniche, dove impera la caccia alle pensioni “d’oro”. “Se … anche noi guardiamo al tema delle pensioni attraverso “lenti” che accentuino il focus intergenerazionale, non possiamo non evidenziare come la partita si giochi, in realta’, su un terreno che a conti fatti e’ ben diversA da quanto possa apparire ad un primo sguardo.”, dichiara Edoardo Zaccardi di Itinerari Previdenziali, che aggiunge “Il Terzo Rapporto su Il Bilancio del sistema previdenziale italiano, redatto a cura del Centro Studi e Ricerche di Itinerari Previdenziali,… certifica come una partita tra ‘generazioni’ non abbia ragione d’esistere, quanto meno sul terreno delle pensioni ‘pure’. Il tema, semmai, si pone tra contribuenti e beneficiari di prestazioni, ma di tipo assistenziale, tra quanti lavorano, versano contributi e pagano le tasse e quanti, a ragione o meno, fruiscono di prestazioni: e’ questo il campo nel quale si può giocare l’odierna ed eventuale partita tra generazioni . Insomma, qualche approfondimento sul nostro sistema previdenziale e assistenziale, andrebbe fatto, al di la’ delle informazioni farlocche che ci vengono propalate ogni giorno dai media.

Posted in Cronaca/News, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Caso Libia e interventi militari

Posted by fidest press agency su venerdì, 26 febbraio 2016

libia“Pensare che la situazione in Libia possa essere risolta con un intervento di terra senza mettere dei paletti ben precisi è fuori da ogni logica. È infatti impensabile mettere gli scarponi in quel territorio senza la seguente premessa: la presenza di un governo solido che, data la situazione, non può che essere di tipo federale prevedendo larghe autonomie a Cirenaica, Tripolitania e Fezzas. In un sistema federale di questo tipo saranno sia la Lega Araba che l’Unione africana, l’Ue, la Russia e gli Usa a volerne fare parte. E questo è un bene”.Lo dichiara l’on. di Area Popolare, Alessandro Pagano.“In Libia gli equilibri sono fragili e l’Occidente non può pensare di entrare in una terra così difficile come farebbe un elefante in una cristalleria… La nostra priorità – spiega Pagano – deve essere il depotenziamento del rischio che la presenza occidentale diventi il collante fra i Paesi arabi disposti ad annientare differenze e diffidenze pur di contrastare un nemico comune”.“Se il nostro Paese dovesse decidere di dare l’ok a un intervento militare dovrà essere pienamente consapevole che – conclude Pagano – i rischi per questo contingente, che sarebbe logico fosse a guida italiana, arriverebbero da due fronti: da parte dell’Isis e di fazioni contrarie al nuovo governo pronti a mettere in pratica attacchi terroristici e rivolte popolari da parte di chi si dice contrario alle scelte politiche/gestionali della nuova amministrazione. Alla luce di tali rischi è ovvio che i paletti cui abbiamo fatto riferimento in precedenza debbano essere insuperabili”.

Posted in Estero/world news, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Mogherini visita la sede del Programma DREAM della Comunità di Sant’Egidio a Maputo

Posted by fidest press agency su venerdì, 26 febbraio 2016

mogheriniFederica Mogherini, Alto Rappresentante dell’Unione Europea per gli Affari esteri e la politica di sicurezza, ha visitato ieri la sede del Programma DREAM della Comunità di Sant’Egidio a Maputo, intrattenendosi a lungo con i responsabili del Programma, medici, infermieri, alcune donne, attiviste “Eu DREAM”, e numerosi bambini nati sani grazie a un Programma che lotta contro l’AIDS e distribuisce gratuitamente la terapia a 300.000 malati in 10 paesi africani. Dei 46 centri DREAM nel continente, ben 13 sono in Mozambico, Paese dove il Programma ha preso le mosse nel 2002, dieci anni dopo la pace firmata a Roma il 4 ottobre 1992 grazie alla mediazione di Sant’Egidio. Recentemente, a cominciare dal Mozambico, DREAM si è trasformato in DREAM 2.0, che significa “Disease Relief through Excellent and Advanced Means” (“Liberazione dalle malattie attraverso mezzi avanzati ed eccellenti”) e che mira a prevenire e curare tutte quelle patologie (come ad esempio la tubercolosi, le malattie croniche o alcuni tumori) che vengono poco o per niente trattate a causa della scarsità di risorse dei sistemi sanitari africani. Una scelta di rafforzare e difendere il diritto alle cure per tutti, resa possibile dalla formazione del personale medico locale e dallo sviluppo della telemedicina. Al Centro para Crianca, Federica Mogherini ha anche incontrato i rappresentanti di BRAVO, il programma che la Comunità di Sant’Egidio ha sviluppato per la registrazione allo stato civile di bambini e adulti, con oltre 100.000 mozambicani iscritti all’anagrafe dal 2010. Programmi che si iscrivono in un più ampio coinvolgimento di Sant’Egidio nella società mozambicana. La Comunità, infatti, dopo il lavoro per la pace negli anni ’90, non ha mai interrotto il suo impegno per la stabilità nel Paese, anche recentemente attraversato da tensioni.
Commentando i temi affrontati durante la visita, accompagnata da un’accoglienza festosa, Federica Mogherini ha osservato: “Ringrazio Sant’Egidio per il suo lavoro tenace in favore della pace in Africa. Ma anche per DREAM, un grande progetto per la salute, che ha saputo anzitutto ascoltare le donne africane e che lotta in difesa dei loro diritti”.
Proprio le donne attiviste di DREAM testimoniano con maggiore convinzione la possibilità di riscatto dallo stigma della malattia. Non solo non temono più l’AIDS, ma aiutano altri a seguire bene la terapia, sia con incontri in città e nelle zone rurali, sia con visite ai pazienti a casa e in ospedale. Le donne diventano così protagoniste di un movimento di liberazione dall’esclusione e dal pregiudizio, che cambia la cultura e la società.

Posted in Estero/world news, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Fermate Erdogan! Fermate il massacro!

Posted by fidest press agency su venerdì, 26 febbraio 2016

mercatino bolzanoBolzano Sabato 27 febbraio, ore 15, Piazza Municipio. Associazione per i popoli minacciati e Associazione Diaco con la comunità kurda locale organizzano una manifestazione di protesta per l’interventismo della Turchia nel già intricato conflitto siriano.
Dopo i bombardamenti turchi dell’enclave kurdo-siriana di Afrin, la zona più occidentale del Rojava, l’Associazione per i Popoli Minacciati (APM) accusa il governo turco del presidente Erdogan di gravissime violazioni dei diritti umani. Non vi è stata alcuna provocazione da parte dell’amministrazione di Afrin ma ciononostante da ieri notte (18 febbraio) l’esercito turco bombarda diverse località e villaggi nel distretto di Afrin. In particolare sono stati bombardati i villaggi di Shaykh al Hadid (Shiye), Derbalout, Hammam, Freriye, Sanare e Qarmitlike. Le granate cadono anche nel centro di Afrin, regione che si è dichiarata autonoma, e si contano già i primi morti e feriti tra la popolazione civile rimasta sul posto.Il governo turco giustifica il proprio attacco sostenendo che milizie kurdo-siriane avrebbero attaccato postazioni militari turche, ma le milizie kurde, impegnate a difendere il territorio dai miliziani dell’IS e dalle truppe del regime siriano di Bashar al-Assad, negano con forza e parlano di un “vile attentato terroristico”.La popolazione civile di Afrin subisce dal 2012 gli attacchi militari e i blocchi delle strade che collegano l’enclave kurda di Afrin con la capitale provinciale di Aleppo da parte di diverse organizzazioni radical-islamiche come il Fronte Al Nusra, Ahrar Al Sham, Jaish Al Islam, Jaish Al Mujahidin e non ultimo il cosiddetto Stato Islamico IS. Il governo turco da parte sua ha sempre lasciato via libera alle milizie radical-islamiche mentre interviene ora contro la popolazione civile kurda. Nelle regioni di Afrin molti civili resistono nonostante il conflitto e vorrebbero restare ma gli ultimi attacchi rischiano di costringere chi è rimasto a fuggire e a cercare asilo e protezione altrove.E’ evidente che il governo turco mira a impedire la costituzione di una regione autonoma kurda in Siria, proprio lungo la frontiera con la Turchia, se necessario molto probabilmente anche invadendo la regione. La maggioranza dei Kurdi e delle altre minoranze presenti sul territorio come gli Assiro/Aramei, i Cristiani, gli Yezidi, gli Alawiti, i Drusi, gli Ismailiti o gli Sciiti si oppongono decisamente all’intervento turco in Siria. Il governo turco dal canto suo sostiene principalmente i gruppi radical-islamici e non l’opposizione laica che dopo la dittatura di Assad chiede una Siria democratica.

Posted in Diritti/Human rights, Estero/world news, Uncategorized | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Le intercettazioni WikiLeaks

Posted by fidest press agency su venerdì, 26 febbraio 2016

moscaLe intercettazioni di WikiLeaks stanno assumendo l’assurdo ruolo di una rinnovata visibilità a Berlusconi. Ovviamente da Brunetta a Romani, da Gasparri a Santanchè & C. parlano solo delle intercettazioni di carattere politico, ma trascurano le affermazioni più importanti, quelle che documentano i “pannicelli sporchi” dell’ex-cavaliere.
Hanno anche la pretesa di chiedere una indagine parlamentare, ma solo sui temi che interessano loro per accreditare la favoletta di un complotto contro quel governo, del quale lo stesso Berlusconi si è servito per stilare accordi nel settore energetico tra l’Italia e la Russia”. Leggiamo, infatti, nel dettagliato resoconto pubblicato da L’Espresso, una affermazione che lascia interdetti, stante la gravità che vi si afferma e che qui riporto integralmente: Per gli americani non era chiaro cosa Valentini (uomo di fiducia dell’allora presidente del consiglio, distaccato in Russia a spese pubbliche, per curare gli interessi di Berlusconi -non dell’Italia- n.d.r.) facesse esattamente a Mosca, «ma si vocifera ampiamente che curi gli interessi di Berlusconi in Russia». Nel cablogramma, la diplomazia di via Veneto riferiva che i contatti degli Usa sia nel partito dell’allora premier sia nel centro sinistra credessero che «Berlusconi e i suoi collaboratori stessero approfittando personalmente e lautamente di molti degli accordi nel settore energetico tra l’Italia e la Russia». Ciò fa riferimento a quanto sostenuto in questi ultimi anni secondo cui l’Italia paga il gas e il petrolio russo il 20% in più delle altre nazioni europee. Una maggiorazione del 20% a carico dei consumatori italiani, significa un consistente aumento del costo dell’energia, che colpisce le famiglie e, principalmente, le imprese. Un calcolo per difetto ci indica un maggior esborso di 180 euro l’anno per famiglia, considerando una unità “familiare” anche le industrie; una media ponderata riporta il maggior esborso che grava su 20 milioni di unità familiari, che a 180 euro per unità diventano 3 miliardi e 600 milioni di maggior costo per ogni anno, e di possibile guadagno di Berlusconi e dei suoi amici. Ci rimane l’affermazione proveniente dalle intercettazioni degli americani, delle quali nessuno osa parlare, né a livello di stampa né, tanto meno, a livello politico. Le urla che denunciano un complotto servono solo a distogliere l’attenzione dal ben più grave conflitto di interessi. (Rosario Amico Roxas in sintesi)

Posted in Confronti/Your opinions | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Sindrome da fatica cronica

Posted by fidest press agency su venerdì, 26 febbraio 2016

londraLa Sindrome da Fatica Cronica non aumenta il numero di decessi da tumore o da malattie cardiovascolari. Incrementa però la mortalità da suicidio. E’ quanto dimostrato da uno studio, recentemente pubblicato su The Lancet, che ha analizzato 2.147 casi nell’area di Londra. “E’ una ricerca importante che evidenzia come la Sindrome porta i pazienti ad avere comportamenti più salutisti – afferma il prof. Umberto Tirelli, Direttore del Dipartimento di Oncologia Medica dell’Istituto Nazionale Tumori, Centro di Riferimento Oncologico di Aviano (PN) -. La percentuale di decessi riscontrata è inferiore rispetto a quella di molte malattie psichiatriche che sono spesso associate all’abuso di alcol, fumo, disordini affettivi e della personalità. E’ necessario però valutare in modo accurato e tempestivo gli episodi di depressione che possono verificarsi in questa categoria di persone”. La Sindrome da Fatica Cronica si manifesta quando per almeno sei mesi il senso di spossatezza non viene alleviato dal riposo. In Italia 300.000 persone sono colpite dal disturbo e per questo sono costrette a rinunciare al lavoro, ad andare a scuola, alle proprie attività e relazioni sociali e, più in generale, ad avere una buona qualità di vita. Spesso si tratta di pazienti che stanno affrontando cure oncologiche. “Negli ultimi anni molto è stato fatto per aumentare l’informazione su questa patologia e oggi molti medici sono in grado di riconoscerla e diagnosticarla correttamente- aggiunge il prof. Tirelli -. Tuttavia a livello normativo il disturbo è ancora un oggetto sconosciuto. I pazienti incontrano quindi grandi difficoltà nel farsi riconoscere la malattia e anche nel ricevere o accettare le cure. Nel Centro di Aviano negli ultimi 20 anni abbiamo visitato migliaia di persone afflitte dalla Sindrome. La depressione non è la causa ma solo una conseguenza. Abbiamo messo a punto con MyGenomics un test genetico che valuta la suscettibilità genetica di sviluppare una stanchezza cronica ed eventualmente una sindrome da fatica cronica. Dai dati preliminari in nostro possesso può esservi anche un incrementato rischio familiare della patologia o comunque della suscettibilità a svilupparla. La terapia che si basa prevalentemente su antivirali, immunomodulatori ed integratori, può essere efficace ma soltanto in una minoranza dei malati – conclude il prof. Tirelli -.Recentemente abbiamo attivato presso il Kosmic Center di Pordenone una nuova terapia con ossigeno-ozonoterapia (autotrasfusione di sangue), che sta dando buoni risultati nella CFS”.

Posted in Cronaca/News, Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Le sfide globali tra cambiamenti climatici e risorse energetiche

Posted by fidest press agency su venerdì, 26 febbraio 2016

Roma Lunedì 29 febbraio, alle ore 16.00, Piazza di San Marco 51 presso la Società Italiana per l’Organizzazione Internazionale (SIOI), si terrà l’incontro “Le sfide globali tra cambiamenti climatici e risorse energetiche: l’importanza geostrategica dell’Artico”. L’evento è promosso dalla SIOI in occasione del lancio del nuovo Master sullo “Sviluppo Sostenibile, Geopolitica delle Risorse e Studi Artici”, organizzato d’intesa con il Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale, il Ministero dell’Ambiente ed il Centro per un Futuro Sostenibile.Alla conferenza interverranno il presidente della SIOI Franco Frattini, il Ministro dell’Ambiente Gian Luca Galletti, l’Ambasciatore degli Stati Uniti in Italia, John Phillips, il presidente del Centro per un Futuro Sostenibile, Francesco Rutelli e il Senior Arctic Official del Ministero degli Esteri, Rossella Franchini.

Posted in Cronaca/News, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Osservatorio Export: le esportazioni online valgono 6 miliardi di eur

Posted by fidest press agency su venerdì, 26 febbraio 2016

porta nuova milanoMilano. L’Export italiano che passa attraverso canali digitali vale circa 6 miliardi di euro e rappresenta ancora una quota marginale, di poco superiore al 4%, delle esportazioni totali di beni di consumo. La maggior parte del fatturato dell’Export online è riconducibile ai grandi retailer online, seguiti dai marketplace (come eBay) e dai siti di vendite private. Il settore più esportato attraverso canali digitali è il Fashion, che pesa per oltre il 65% delle vendite online oltreconfine, mentre gli altri comparti tipici del Made in Italy, ossia Food e Design, hanno un’incidenza più contenuta con circa il 15% ciascuno. E i principali mercati di sbocco restano quelli occidentali (Europa e USA) con l’aggiunta di Giappone e Russia, mentre sono poco presidiati Cina e Sud America.Questi sono alcuni dei risultati della ricerca dell’Osservatorio Export della School of Management del Politecnico di Milano presentata questa mattina a Milano al convegno “Export e Digitale, un binomio niente male”1. La Ricerca rileva come pesi complessivamente 1,5 mi liardi di euro l’Export online “diretto”, in cui l’interazione con il cliente finale è gestita da un operatore con ragione sociale italiana, attraverso i siti dei produttori (come Diesel, Giordano Vini, Ermenegildo Zegna), i siti di retailer online o multicanale (come LuisaViaRoma, YOOX NET-A-PORTER GROUP) o i marketplace “italiani” (come eBay.it). L’Export online diretto è riconducibile per il 70% circa al Fashion, seguiti dal Food e dall’Arredamento/Home Design, con il 10% ciascuno. Il canale più rilevante è quello dei retailer nazionali che valgono per il 60%, mentre il 25% è generato da siti propri di aziende produttrici e il 15% da marketplace con dominio .it.Vale invece 4,5 miliardi di euro l’Export online “indiretto”, attraverso i siti di eCommerce dei grandi retailer online stranieri (ad esempio Zalando, JD.com, Suning.com), i grandi marketplace (Amazon ed eBay con domini stranieri, Tmall.com) o i siti delle vendite private internazionali (Vente-privee.com, VIP.com) che acquisiscono prodotti in Italia per poi venderli in tutti i paesi in cui sono presenti. Anche in questo caso, la quota più rilevante (65%) è riconducibile al Fashion, mentre Food e Arredamento/Home Design pesano ciascuno per il 17%. Il canale più significativo è quello dei retailer online stranieri con oltre la metà del totale transato, seguiti dai marketplace con un terz o e dai siti delle vendite private con poco più del 10%.
Oltre un quarto della domanda finale italiana è riconducibile ai mercati esteri che, visto il calo della domanda interna, sono sempre più importanti per la nostra economia. Il Made in Italy è un fattore chiave per il successo delle esportazioni verso i Paesi emergenti, ma i Paesi europei restano ancora i principali mercati di sbocco. L’Osservatorio Export ha analizzato lo scenario macroeconomico italiano rilevando come la cosiddetta “propensione all’Export” – il rapporto tra valore complessivo delle esportazioni e PIL – si attesti mediamente oltre il 25% e abbia superato il 29% nel 2014. Oltre il 20% delle imprese manifatturiere attive in Italia, circa 89.000, è esportatore. Negli ultimi anni, la rilevanza dei mercati esteri è cresciuta, per la maggiore incidenza della domanda estera su quella interna: il fatturato medio delle imprese italiane all’estero nel 2015 &egrave ; cresciuto del 18% rispetto al 2010, a fronte di una caduta sul mercato interno di circa 10 punti.
Nel 2014 la domanda estera netta, ossia la differenza tra esportazioni e importazioni, ha contribuito a contenere il calo del PIL per il terzo anno consecutivo. Le esportazioni di beni e servizi sono cresciute del 2,7%, raggiungendo quasi 475 miliardi di euro (di cui 387 da esportazioni di beni e 98 di servizi): un dato che fa dell’Italia l’ottavo esportatore di merci a livello mondiale e quattordicesimo per i servizi. I dati 2015 (non ancora definitivi) mostrano un’ulteriore accelerazione dell’Export (+3,5%). I Paesi dell’Unione Europea rimangono i principali mercati di sbocco delle esportazioni italiane, con un peso complessivo superiore al 50%, grazie alla vicinanza geografica, l’assenza di barriere doganali, la somiglianza di regolamentazioni e abitudini commerciali. Gli USA sono il terzo Paese di sbocco e il primo mercato non europeo, seguito, tra i mercati extra-europei dalla Cina, dove i marg ini di crescita sono ancora ampi, vista la quota di mercato italiana relativamente bassa e il progressivo ampliamento della classe media potenzialmente interessata al Made in Italy.

Posted in Estero/world news, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Lezioni-concerto per il 500° anniversario del Ghetto di Venezia

Posted by fidest press agency su venerdì, 26 febbraio 2016

Chiesa_luterana_riesteRoma-Venezia. La Chiesa Evangelica Luterana in Italia (CELI), che riunisce le comunità luterane dell’intera penisola, annuncia che la sua Comunità di Venezia promuove – insieme a SAE Venezia, Beit Venezia e Medici Archive Project – una serie di quattro incontri, dedicati alle relazioni musicali tra mondo ebraico e mondo cristiano, in occasione dei 500 anni dalla fondazione del Ghetto di Venezia.In forma di lezioni-concerto – curate da Piergabriele Mancuso, Direttore del Centro Veneziano di Studi Ebraici Internazionali – gli appuntamenti daranno vita alla manifestazione Il linguaggio e la scrittura musicali quali mezzo e materia di dialogo interreligioso – Secoli XII-XIXIl programma di incontri – coordinato da Michaela Böhringer, Delegata per l’Ecumenismo della comunità luterana lagunare – si svolgerà presso la Chiesa in Campo Santi Apostoli, Cannaregio 4448 (cfr. paragrafo “Calendario delle lezioni-concerto”).
“Siamo felici di promuovere questa manifestazione, in occasione del cinquecentenario del Ghetto, per almeno tre motivi – spiega Michaela Böhringer della Comunità luterana di Venezia – Perché è segno della nostra amicizia nei confronti della comunità ebraica ed è stata ideata nel solco della tradizione di ecumenismo e dialogo interreligioso che da sempre caratterizza la nostra comunità e i luterani in Italia. Perché si svolgerà presso la nostra Chiesa, la cui storia è un simbolo di libertà religiosa. E perché avrà come filo conduttore la musica che accompagna da secoli la fede protestante e i suoi culti”.Come la fondazione del Ghetto fu segno tangibile di segregazione e subordinazione della minoranza ebraica nei confronti della maggioranza cristiano-cattolica, anche i luterani furono oggetto di periodiche vessazioni e repressioni, praticamente obbligati alla clandestinità e al silenzio: fino a quando, due secoli fa, poterono celebrare per la prima volta un culto proprio nella Chiesa di Campo Ss. Apostoli, sede dell’odierna manifestazione. E in cui, regolarmente si svolgono eventi musicali perché la musica – strumento potente della Riforma, con un circolo virtuoso che portò alla nascita e allo sviluppo di una innovativa e ricca cultura musicale europea – ha ancora oggi un enorme rilievo nella formazione e nella quotidianità dei luterani.Peraltro, nel periodo a cavallo tra ‘800 e ‘900, le comunità ebraiche, nel pieno di un’onda di revisione delle proprie antiche tradizioni, proprio nel repertorio musicale della tradizione protestante tedesca identificarono un modello cui attenersi.Un fenomeno che riguardò anche Venezia sia perché il suo Ghetto, da luogo di segregazione, divenne presto spazio di intensa interazione umana e culturale (non solo all’interno della comunità ebraica ma anche in relazione al mondo maggioritario), sia perché la laguna fu teatro di un costante ed esteso meticciato musicale in cui forme e contenuti musicali vennero vicendevolmente scambiati e fatti propri da gruppi sociali diversi.Calendario delle lezioni-concerto. Gli appuntamenti si svolgeranno sempre di martedì, alle ore 17.
1° marzo – Italkim, la più antica comunità della Diaspora: la radice giudeo-gregoriana del canto liturgico in Italia.
22 marzo – Amsterdam, il Levante, Venezia: città cosmopolita. Cosa resta del repertorio musicale del ghetto veneziano?
12 aprile – Il ruolo della musica nei processi di avvicinamento all’ebraismo: da Ovadiah ha-ger ai neofiti di Sannicandro Garganico
26 aprile – Fuori dal ghetto: la riforma dell’ebraismo europeo e la nascita del repertorio musicale colto.

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Cercare lavoro in un altro Paese EU

Posted by fidest press agency su venerdì, 26 febbraio 2016

opportunita-lavoroUna legge per rivitalizzare la rete dei Servizi europei per l’impiego (EURES) con un database a livello UE che includa le persone che cercano un impiego e le offerte di lavoro è stata approvata dal Parlamento giovedì. Lo scopo è di migliorare la corrispondenza tra offerta e domanda nel mercato del lavoro UE. Le norme aggiornate, già concordate con il Consiglio, presteranno più attenzione alle regioni transfrontaliere e ai giovani.Il rinnovato portale EURES dovrebbe incrociare automaticamente i curricula e le offerte di lavoro adeguate. Inoltre, tutte le offerte di lavoro presso i servizi pubblici per l’impiego di ogni Stato membro saranno disponibili sul nuovo portale europeo.I deputati hanno approvato l’accordo raggiunto con i rappresentanti degli Stati membri durante i negoziati dello scorso anno con 576 voti favorevoli, 56 contrari e 21 astensioni.Heinz K. Backer (PPE, AT), relatore, ha affermato durante il dibattito:” Vediamo alti livelli di disoccupazione in alcuni paesi dell’UE mentre, allo stesso tempo, ci sono altrove 2 milioni di posti di lavoro vacanti perché c’è mancanza di manodopera qualificata. La piattaforma EURES potrebbe facilitare l’accesso a centinaia di posti di lavoro che sono vacanti, con fino a 1,4 milioni di posti di lavoro che potrebbero essere resi disponibili”.
La corrispondenza automatica tra le offerte di lavoro e le richieste sarà gratuita per i lavoratori, sena alcuna discriminazione sulla base della loro nazionalità per quanto riguarda occupazione, salario e le altre condizioni lavorative. Inoltre, l’accesso per le persone con disabilità deve essere assicurato.I negoziatori del Parlamento hanno cercato di allargare la rete offrendo lo status di membro anche alle organizzazioni private, qualora quest’ultime forniscano servizi d’assistenza ai lavoratori e ai datori di lavoro. I deputati hanno inserito alcuni emendamenti per promuovere il mercato del lavoro transfrontaliero.Il regolamento, così come votato dal Parlamento, deve ancora essere formalmente approvato dal Consiglio dei Ministri. Entrerà in vigore dopo la sua pubblicazione nella Gazzetta ufficiale dell’UE.

Posted in Cronaca/News, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Fine del segreto bancario a San Marino per i cittadini UE

Posted by fidest press agency su venerdì, 26 febbraio 2016

san marinoUn accordo comunitario con la Repubblica di San Marino che renderà più difficile per i cittadini UE aprire conti bancari in tale Paese per nascondere capitali al fisco, è stato approvato giovedì dal Parlamento. In base all’accordo, dal 2017 l’Unione europea e San Marino si scambieranno automaticamente le informazioni sui conti finanziari dei reciproci residenti.L’UE e San Marino avevano raggiunto un accordo nel mese di dicembre scorso per reprimere le frodi e l’evasione fiscale. Le informazioni saranno scambiate non solo sul reddito, come interessi e dividendi, ma anche sui saldi e sui proventi della cessione delle attività finanziarie.L’accordo garantisce che San Marino applicherà misure più restrittive, equivalenti a quelle in vigore dal marzo 2014 nell’Unione Europea. L’accordo è anche conforme allo standard globale 2014 sullo scambio automatico d’informazioni sui conti finanziari promosso dall’OCSE.Le amministrazioni fiscali degli Stati membri UE e di San Marino potranno:
identificare in modo chiaro ed inequivocabile i contribuenti interessati, amministrare e far applicare le loro legislazioni fiscali in situazioni transfrontaliere, valutare la probabilità di evasioni fiscali perpetrate e evitare ulteriori indagini non necessarie.
L’accordo, approvato con 607 voti a favore, 22 contrari e 18 astensioni, entrerà in vigore il primo gennaio 2017.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Estero/world news, Uncategorized | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Approvato l’aiuto UE alla Tunisia: più importazioni di olio d’oliva “duty-free”, ma con salvaguardie

Posted by fidest press agency su venerdì, 26 febbraio 2016

Tunisi2Per contribuire a rafforzare l’economia tunisina, duramente colpita nel 2015 da attacchi terroristici, i deputati hanno approvato la proposta di un piano di emergenza dell’UE per importare 70 mila tonnellate extra di olive tunisine “duty-free” per il 2016 e il 2017. I deputati hanno emendato il testo affinché la Commissione presenti una valutazione di medio termine e modifichi tali misure, nel caso dovessero danneggiare i produttori di olio d’oliva dell’UE.In una risoluzione separata, anch’essa votata giovedì, i deputati hanno sostenuto i negoziati avviati recentemente per creare una zona di libero scambio con la Tunisia.Il Parlamento europeo ha sostenuto la misura d’emergenza di sostegno all’economia della Tunisia con 475 voti a favore, 126 contrari e 35 astensioni. La misura prevede importi di olio d’oliva nell’Unione per 35.000 tonnellate all’anno a dazio zero per due anni (2016 e 2017).”La Tunisia ha fatto molta strada dalla Primavera araba, come uno dei pochi Paesi che ha davvero raggiunto una transizione democratica. La Tunisia è stata il bersaglio di attacchi terroristici proprio perché è sulla strada per il consolidamento della propria democrazia. Questi attacchi hanno avuto un terribile impatto sul settore turistico e sull’economia in generale, in un periodo di grave crisi economica. Vogliamo che la Tunisia ce la faccia e dobbiamo aiutarla con misure concrete che promuovano subito la sua economia”, ha affermato la relatrice Marielle de Sarnez (ALDE, FR), nel dibattito prima del voto.Le preoccupazioni espresse dalle regioni produttrici di olio d’oliva nell’UE hanno portato i deputati a proporre alcune “misure correttive” nel medio termine, qualora l’equilibrio del mercato UE fosse turbato e il settore fosse colpito duramente.In particolare, i deputati hanno emendato il testo introducendo l’obbligo di tracciabilità delle merci, affinché i dazi zero si applichino solo all’olio d’oliva effettivamente prodotto in Tunisia, e cancellando la possibilità di prolungare le misure d’emergenza oltre il periodo deciso di due anni. Inoltre, il parlamento ha inserito la richiesta alla Commissione di presentare una valutazione intermedia sull’impatto sul mercato UE.Fra i paesi UE, l’Italia è uno dei maggiori importatori di olio d’oliva, come confermano sia i dati per il periodo 2014/2015, sia le stime per il 2015/2016. In particolare, le stime sulla produzione nazionale di olio d’oliva per il 2015/2016 parlano di 445.000 tonnellate, a fronte di un consumo stimato, per lo stesso periodo, di 592.794.In una risoluzione separata, anch’essa votata giovedì, i deputati accolgono con favore i negoziati per la creazione di una zona di libero scambio con la Tunisia lanciata lo scorso ottobre e hanno posto l’accento sulle difficoltà economiche affrontate dalla Tunisia dopo gli attacchi terroristici che hanno portato al collasso del turismo nel 2015. Loro chiedono un accordo “progressivo e asimmetrico” per “contribuire alla stabilità della Tunisia, al consolidamento della sua democrazia e al rilancio della sua economia”.L’olio d’oliva rappresenta il principale prodotto agricolo esportato dalla Tunisia verso l’Unione. Il settore dell’olio d’oliva in Tunisia impiega direttamente e indirettamente più di un milione di persone, ossia circa un quinto dell’occupazione agricola nazionale.
In base ai precedenti accordi commerciali con l’UE, la Tunisia già beneficia di una quota pari a 56.700 tonnellate a dazio zero per l’olio d’oliva vergine. Nel 2014/2015, le esportazioni di olio d’oliva tunisino verso l’UE hanno raggiunto la cifra di 145.200 tonnellate (contando sia i volumi soggetti al duty free che le esportazioni tassate normalmente). Nel 2013/2014, le esportazioni sono state dell’ordine di 32.000 tonnellate e nel 2012/2013 di 111.400 tonnellate.La quota extra di 35.000 tonnellate si applicherebbe una volta che la normale quota annuale sia esaurita, mantenendo quindi le importazioni di olio d’oliva all’interno dell’attuale volume.

Posted in Cronaca/News, Politica/Politics, Uncategorized | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

PE: utilizzare la flessibilità disponibile per riforme e crisi rifugiati

Posted by fidest press agency su venerdì, 26 febbraio 2016

europa-261011-cLe priorità UE economiche, sociali e del mercato unico per il 2016 sono state adottate giovedì con tre risoluzioni separate. I deputati hanno dato il loro contributo all’imminente Consiglio europeo economico di marzo, concentrandosi sull’attuazione del Patto di stabilità e crescita, i suoi aspetti sociali e come sfruttare ulteriormente il potenziale economico del mercato comune.La risoluzione preparata da Maria João Rodrigues (S&D, PT), adottata con 395 voti favorevoli, 203 contrari e 50 astensioni, sottolinea che il Patto di stabilità e crescita dovrebbe essere attuato in modo completo, mentre lo spazio previsto per la flessibilità dovrebbe essere utilizzato per gli investimenti e le riforme strutturali e per affrontare le sfide della migrazione e della sicurezza. Inoltre, i deputati chiedono un cambiamento delle politiche fiscali sul lavoro, una migliore adesione nazionale alle raccomandazioni specifiche per Paese, più investimenti nazionali nei Paesi con gli avanzi di bilancio più alti e azioni contro una pianificazione fiscale aggressiva.
La relatrice ha affermato che: “In un periodo di crisi, dobbiamo rinforzare la coesione interna dell’UE con un recupero economico più forte ed equilibrato. Quello di cui ha bisogno l’Europa oggi è una maggiore attenzione su investimento e domanda interna, dato soprattutto l’elevato surplus esterno dell’eurozona. Allo stesso tempo, è necessaria una seconda ondata di riforme, migliorando l’istruzione, l’innovazione, l’amministrazione pubblica, la riscossione delle tasse e garantendo sistemi di welfare sostenibili ed equi che riducano le ineguaglianze sociali.” Una risoluzione a firma Sofia Ribeiro (PPE, PT), adottata con 404 voti favorevoli, 201 contrari e 35 astensioni, pone l’accento sull’importanza degli indicatori sull’occupazione recentemente introdotti nell’Analisi annuale della crescita così da monitorare anche gli sviluppi sociali negli Stati membri. I deputati chiedono una definizione a livello europeo della giustizia sociale, che dovrebbe essere rispettata dalle politiche sociali e d’occupazione, in particolare quando si applicano le riforme strutturali che colpiscono in modo più forte i gruppi vulnerabili. In fine, sostengono che i governi nazionali dovrebbero gradualmente spostare l’imposizione fiscale dal lavoro ad altre settori tassabili.Per la relatrice Ribeiro “l’introduzione degli indicatori sociali – percentuale degli occupati, disoccupazione giovanile e disoccupazione di lungo termine – assicurerà una valutazione degli squilibri interni negli Stati membri, garantendo quindi una possibilità di rivedere le loro riforme economiche e sociali quando necessario. Questo è un grande passo che ci permette di rafforzare il pilastro sociale nel processo del Semestre europeo, dando risposta alle aspettative, ai dubbi e ai bisogni dei nostri cittadini.”
In una risoluzione di Catherine Stihler (S&D, UK), adottata con 462 voti favorevoli, 166 contrari e 7 astensioni, i deputati insistono affinché venga incluso il mercato unico come pilastro nel Semestre europeo, “con un sistema per monitorare e identificare periodicamente gli ostacoli specifici per Paese” al mercato unico e una valutazione della sua integrazione e competitività. I deputati aggiungono che l’attenzione dovrebbe essere rivolta alla crescita e al lavoro, incluse le PMI. “Il Mercato unico è una risorsa fondamentalmente importante da cui dipende la futura prosperità economica dell’Unione Europea e il suo potenziale sinora inutilizzato, stimato essere di 1 bilione di euro, è l’opportunità per assicurare che esso vada bene tutti noi. Per garantire in modo efficace lavoro, crescita e competitività, il progresso dell’integrazione del Mercato unico negli Stati membri deve essere accompagnato da una migliore gestione e da una più ampia trasparenza, incluso il rafforzamento e l’attuazione della legislazione UE esistente”, ha affermato Catherine Stihler.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »