Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 31 n° 301

Archive for 2 marzo 2016

Open Blue Takes Another Big Step Forward with GLOBALG.A.P. Aquaculture Certification and Friend of the Sea

Posted by fidest press agency su mercoledì, 2 marzo 2016

open blueOpen Blue, the largest supplier of cobia to the US market and the largest deep water open-ocean farm in the world, continues to demonstrate a company-wide commitment to responsible mariculture by achieving two major certifications at the beginning of 2016.
Open Blue achieved the GLOBALG.A.P. Aquaculture Standard for the second year, following a comprehensive assessment of their business by Quality Certification Services (QCS), an independently accredited certification body and GLOBALG.A.P. member. Open Blue also complied with the four criteria defined in the Friend of the Sea GLOBALG.A.P. Add-on. Certified cobia under the Open Blue brand can now display the Friend of the Sea logo in combination with the GLOBALG.A.P. Number.“Achieving the GLOBALG.A.P. Aquaculture Standard is a significant milestone for our rapidly growing company,” said Dave Plumer, CEO of Open Blue. “ Our innovative approach is to raise and harvest fish miles offshore in their natural ocean habitat in a responsible and sustainable way that honors and protects our sensitive ocean ecosystems. Our auditor was impressed with the strides our company has made in such a short time period to achieve these results. It requires a commitment and contribution of staff at all levels of the company and we are delighted with this GLOBALG.A.P. Certification.”Plumer added that the company is “equally delighted to receive certification from Friend of the Sea, whose mission is the conservation of the marine habitat and making seafood sustainability a reality. Open Blue is fully aligned with these objectives through our vision to feed current and future generations in harmony with the ocean. Consumers want their seafood to be great tasting, healthy and raised in an environmentally sustainable way. Earning this distinguished consumer eco label from Friend of the Sea will provide us with an opportunity to demonstrate our commitment directly to the consumers who choose our fish.” said Plumer.Brian O’Hanlon, Open Blue Founder said: “Setting our company up for success by meeting the requirements of these important standards is in line with our strategy to provide our customers with healthy and safe quality products from Panama. Our operations are based on meeting a high standard and we are committed across our hatchery, farm and processing operations to focus on responsible practices to support environmental and social responsibility across every aspect of our business.” Open Blue is a pioneer and leader in deep water, open-ocean raised fish. Open Blue cobia are carefully cultivated in the pristine ocean waters of the Caribbean Sea near Panama, far offshore and away from sensitive ecosystems. Their fish have plenty of room to grow in large, stress-free, deep-water enclosures, and they produce a reliable, sustainable source of premium fish. Open Blue is the single largest supplier of fresh cobia to the US and the largest deep-water, open-ocean farm in the world. Their offshore operations are the culmination of a decade of cutting-edge investigative research on deep ocean aquaculture, in collaboration with the world’s leading scientific laboratories and universities.

Posted in Estero/world news, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Red Cross alarm over deteriorating situation as thousands are stranded in Greece

Posted by fidest press agency su mercoledì, 2 marzo 2016

red crossAthens Thousands of people are stranded in Greece without food, running water and basic supplies as the situation at the country’s northern border spirals into a struggle for survival for migrants desperate to find safety.Up to 8,000 people are stranded in Idomeni on Greece’s northern border with the former Yugoslav Republic of Macedonia. Almost all are Syrian or Iraqi, and 40 per cent are children. Two overflow camps have been set up to cope with the increasing numbers of people, but they are without running water, sufficient food, baby food, toilets or hygiene items. Violence has also flared at the border crossing as desperation among migrants mounts.“Greece cannot cope with this alone – food supplies have run out at the northern border and the situation is one of despair,” said Simon Missiri, director of Europe for the International Federation of Red Cross and Red Crescent Societies (IFRC).At least 30,000 people have been stranded across Lesvos, Chios, Samos, Athens and Idomeni after Austria and countries along the Western Balkan route significantly reduced the number of people allowed to cross their borders last week. Afghans, who were previously able to move onward in search of asylum, are no longer permitted to travel beyond Greece.Mr Missiri said: “The rest of Europe should not pull down the shutters and pretend this isn’t happening. At least 40 per cent of those trapped in Greece are children. For families who have already experienced more trauma and distress than most of us could ever imagine to be put in this position is appalling.”The Greek authorities are working hard to meet basic needs but with no sign the situation will improve and numbers continuing to increase, the IFRC is gravely concerned about the welfare of those stranded. The Hellenic Red Cross is providing emergency supplies and medical care but more support is urgently needed as families travelling with elderly and disabled relatives, babies and young children are spending their tenth day without proper shelter. Missiri said: “Our teams are on the shores of Lesvos, the streets of Athens and the border camps of the north and support thousands of people every day but the erratic policies of countries along the route are making it almost impossible for people to get what they need most – safety, and to be treated with dignity.”The IFRC is running an emergency appeal for 13.1 million Swiss francs to support 200,000 people across Greece and is preparing to mobilize extra staff and stocks to support the Hellenic Red Cross as it responds across the country, as well as in the north. (photo: red cross)

Posted in Estero/world news, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

“Complimenti al Maestro Morricone per l’Oscar la sua musica e la sua semplicità incantano”

Posted by fidest press agency su mercoledì, 2 marzo 2016

morriconeLo ha dichiarato il direttore della sala stampa del Sacro Convento di Assisi, padre Enzo Fortunato. “Ricordiamo ancora le emozioni che ci fece provare ad Assisi quando diresse l’orchestra nella Basilica di San Francesco e quando definì il poverello di Assisi ‘il più importante Santo Italiano che merita tutta la nostra ammirazione per la sua modestia e per il suo sacrificio’. Rivolto ai giovani il Maestro li invitò anche a leggere un libro sulla vita del Santo”. “Ennio Morricone – continua padre Fortunato – ci rivelò in una intervista per il nostro sito sanfrancesco.org che le musiche più appropriate per raccontare la vita, la testimonianza e la storia di San Francesco sono quelle del film Mission con doppio coro e 200 persone che suonano e cantano. Sono certo – conclude il francescano – che l’arte e la musica ci aiuteranno a passare dall’amore di sé all’amore per il bello, dalla filoautia alla filocalia”.

Posted in Cronaca/News, Uncategorized | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Londra: Welcome Italia

Posted by fidest press agency su mercoledì, 2 marzo 2016

london-centralLondra L’Associazione Internazionale “Pugliesi nel Mondo” sarà presente nei gg. 21-23 ottobre 2016 alla IV° Edizione di Welcome Italia, con dei propri Stand insieme alle Aziende Pugliesi. L’evento si terrà a Londra presso la rinomata Royal Horticultural Halls. Welcome Italia, organizzata dalla Camera di Commercio Italiana di Londra, è lo show leader in UK dedicato alla promozione del Food & Beverage italiano. L’evento rappresenta una preziosa opportunità per tutti coloro che intendono entrare o rafforzare la propria presenza nel mercato UK utilizzando Londra come hub internazionale. L’obiettivo di questa iniziativa è quello di promuovere i prodotti, il territorio e la cultura enogastronomica italiana. Alle Aziende pugliesi questo evento offre la possibilità di incontrare potenziali clienti interessati ai propri prodotti in UK e la prima giornata del venerdì è aperta esclusivamente agli operatori del settore (buyer, importatori, distributori ecc…)

Posted in Cronaca/News, Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Giovanni Ceccarelli Visiting Fellow dell’Università di Princeton

Posted by fidest press agency su mercoledì, 2 marzo 2016

princeton universityGiovanni Ceccarelli sarà affiliato allo Shelby Cullom Davis Center for Historical Studies, istituto fondato nel 1968, presso il Dipartimento di Storia, con un finanziamento ad hoc dell’Università di Princeton.
L’Università di Princeton è tra le più prestigiose al mondo (collocandosi al 7° posto nella classifica Times Higher Education, al 6° nello Shanghai Ranking e al 4° della Forbes America’s Top College), potendo vantare tra i suoi docenti e laureati oltre 40 premi Nobel, tra cui Albert Einstein e più di recente l’economista Paul Krugman. Nota per essere la più selettiva università statunitense (il tasso di ammissione è pari ad appena il 7,4% delle domande), Princeton annovera tra i suoi laureati più celebri Michelle Obama e il fondatore di Amazon Jeff Bezos. Il Dipartimento di Storia è noto per le sue eccellenze nell’ambito degli studi sul Rinascimento e sulla Storia delle scienze; tra i suoi docenti più celebri vanno ricordati – oltre ai professori emeriti Peter Brown, Robert Darnton e Natalie Zemon Davis – Anthony Grafton, Harold James e Jeremy Adelman.
Quella presso lo Shelby Cullom Davis Center for Historical Studies è una Visiting Fellowship altamente selettiva conferita a studiosi scelti tra decine di candidature; negli ultimi 15 anni solo due studiosi italiani hanno ottenuto questa posizione. L’affiliazione è offerta per sviluppare una ricerca sul tema che ogni due anni è individuato come ambito principale di studio del Dipartimento di storia di Princeton. Si tratta quindi di un lavoro di squadra che coinvolge numerosi studiosi intorno al medesimo argomento. I risultati del lavoro di studio vengono poi presentati e valutati nell’ambito di un ciclo d’incontri seminariali.
Ceccarelli svilupperà un progetto intitolato “Risk, Culture, and Business in Renaissance Florence” in cui avrà modo di proseguire una linea di ricerca che lo vede impegnato da anni. L’indagine vuole migliorare la comprensione di come – in altre epoche e in contesti culturali differenti dal nostro – venisse percepito il rischio. Ambito privilegiato d’analisi saranno la Firenze rinascimentale e il suo mercato assicurativo, un contesto ideale per testare se le più recenti teorie sull’antropologia del rischio e sulla scelta in condizioni d’incertezza possano dare un contributo alla ricerca storica. In particolare, saranno studiate le interazioni tra quanti – come giuristi, teologi e matematici – affrontavano la questione da un punto di vista teorico e quanti – come gli uomini d’affari – lo facevano nella loro quotidiana attività economico-finanziaria. L’auspicio è che lo studio del passato possa offrire utili spunti alle attuali ricerche nell’ambito della finanza comportamentale.
Giovanni Ceccarelli (1969) è professore associato di Storia economica all’Università di Parma (Dipartimento di Economia) e Chercheur associé del Centre d’études des mondes modernes et contemporaines dell’Université Bordeaux 3. Laureato nel 1997 all’Università Ca’ Foscari di Venezia, ha conseguito il Dottorato di Ricerca all’Università Bocconi di Milano (2002). Prima di arrivare all’Università di Parma come Ricercatore in Storia economica nel 2005, ha avuto una borsa biennale post-dottorato all’Università di Padova.

Posted in Cronaca/News, Università/University | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Studio IBM: i CMO devono affidarsi alla “Creative Disruption” per rafforzare la fedeltà al brand

Posted by fidest press agency su mercoledì, 2 marzo 2016

ibmSecondo un nuovo studio dell’Institute for Business Value di IBM (NYSE: IBM), due terzi dei Chief Marketing Officer (CMO) di tutto il mondo ritengono che la sfida di business più impegnativa che dovranno affrontare sia la convergenza dei settori industriali, dato che le tecnologie disruptive stanno abbattendo le barriere di ingresso che in passato esistevano tra settori allora ben distinti. Di conseguenza, lo studio IBM “Redefining Markets” ha rilevato che per il 63 per cento dei CMO le priorità di investimento di quest’anno saranno legate alla necessità di offrire una customer experience più approfondita e focalizzata.Per realizzare il report sono stati intervistati 723 CMO in tutto il mondo, appartenenti a 18 diversi settori industriali. I CMO intervistati hanno identificato le seguenti quattro priorità per il 2016:
× Arricchire l’“Arc of Engagement”: i CMO considerano come prima priorità assoluta la creazione di una migliore customer experience. Tre quarti dei CMO più autorevoli utilizzano eventi e marketing esperienziale più estesamente dei direttori marketing meno innovativi.
× Adottare la “Creative Destruction”: il 67 per cento dei CMO sta riesaminando la propria strategia alla luce della disruption provocata dalla tecnologia. I CMO delle organizzazioni leader hanno maggiori probabilità di adottare la “creative destruction” e di realizzare modelli di business più aperti e collaborativi per promuovere l’innovazione in modo efficace.
× Utilizzare l’approccio Data-driven per ogni decisione di marketing: anche se i CMO hanno compiuto grandi progressi nell’analytics, il 60 per cento di essi si sta orientando a sfruttare una quantità maggiore di insight nelle campagne di marketing dei prossimi 3-5 anni.
× Aumentare il Digital Acumen: il 79 per cento dei CMO prevede di assumere collaboratori con competenze digital per aumentare l’efficacia digitale delle loro funzioni marketing. La maggior parte di essi è alla ricerca di risorse all’esterno della propria azienda e quasi tre quarti (il 74 per cento) prevede di stabilire partnership con altre aziende per avvalersi delle loro competenze digitali oppure di ricorrere a società di consulenza.
Nell’ambito di questo studio, IBM ha identificato due sottogruppi distinti di CMO: i Torchbearer (i leader, che provengono da imprese con solidi risultati finanziari e reputazione altrettanto forte, come riportato dai loro CMO) e i Market Follower (coloro che provengono da aziende con risultati finanziari e profili di mercato meno brillanti). Le differenze tra questi due gruppi si sono evidenziate chiaramente:
× i CMO Torchbearer hanno la percezione di aver compiuto progressi molto più ampi relativamente alla gestione delle crescenti quantità di dati (47% contro il 27% dei Market Follower)
× i CMO Torchbearer sono più concentrati sulla mappatura dei percorsi del cliente (82% rispetto al 65% dei CMO Market Follower)
× i CMO Torchbearer sono più propensi a sperimentare modelli di business più aperti e collaborativi, che consentono loro di ampliare la propria portata e il proprio raggio d’azione, con l’obiettivo di creare maggior valore complessivo.

Posted in Cronaca/News, Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Personale di pittura dell’artista Antonella Magliozzi

Posted by fidest press agency su mercoledì, 2 marzo 2016

Antonella MagliozziPonte de Sor (Portogallo) dal 12 marzo al 16 aprile, 2016 Centro Sete Sóis Sete Luas l’inaugurazione della mostra sarà preceduta da un’importante conferenza tenuta dal Premio Nobel 2015 per la Pace, Mohamed Fadhel Mahfoudh, presidente dell’Ordine degli Avvocati della Tunisia. Antonella Magliozzi, originaria di Gaeta Città d’Arte, è un’artista dalle convinzioni tradizionaliste ereditate dal padre, combinate a un grande dono geniale per l’astrazione e per gli eccezionali toni della tavolozza.
Ha sperimentato una personale dimensione pittorica di derivazione astratto-informale che ella ama definire con il termine “Graffialismo”. Le composizioni di Antonella Magliozzi si riempiono di una natura virtuale rigogliosa che affonda la sua presa su tutta la tela, con graffi di colori e terre naturali che tracciano novelle, autentiche e originali cromie luminose dale quali traspare tutto il pathos dell’artista: nelle sue opere riesce a produrre emozioni e stati d’animo che trapelano dai segni e dai colori stesi sulla tela, suggeriti dalla relazione tra l’uomo, la Natura e l’Anima.
La mostra si inserisce nella programmazione di eventi artistici e socio-culturali dell’associazione Sete Sóis Sete Luas che agisce come una “rete culturale” mondiale, fondata nel 1993 in Italia. Scopo principale del Festival Sete Sóis Sete Luas, grazie ai quattro Centri S.S.S.L. (in Italia a Pontedera – Toscana; in Portogallo a Ponte de Sor – Alentejo; in Francia a Frontignan – Linguadoca – Roussillon; nell’arcipelago di Capo Verde a Ribeira Grande, Santo Antao Island) è quello di consentire a molti artisti di esporre le loro creazioni al di fuori del loro Paese di origine, promuovendo uno spirito di internazionalizzazione e cooperazione culturale.
La Magliozzi è onorata di rappresentare e portare nuovamente all’estero il nome della sua amatissima e nobile città e ringrazia sentitamente il Primo Cittadino dr. Cosmo Mitrano per averla supportata con viva partecipazione, dimostrando una sensibilità istituzionale che caratterizza il rapporto della sua amministrazione con il mondo della cultura.
Si ricorda che, grazie alla lungimirante sensibilità del Sindaco di Gaeta, nell’anno 2013 è stato siglato il protocollo di adesione del Comune laziale alla Rete culturale del Festival Sete Sóis Sete Luas alla quale aderiscono numerose Istituzioni di diverse nazionalità, tra cui, Italia, Portogallo, Francia, Brasile, Capo Verde, Croazia, Grecia, Israele, Marocco, Romania e Spagna.
La presenza e l’intervento del Premio Nobel per la pace 2015 e la realizzazione di un laboratorio creativo con gli studenti di Ponte de Sor rappresentano ulteriore ed emozionante motivo di entusiasmo per l’artista Antonella Magliozzi, onorata di poter condividere appieno le proprie esperienze in un progetto dagli altissimi valori culturali e sociali. La mostra, a ingresso gratuito

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Schengen conviene a tutti. Come l’Unione Europea. Fatti e ragionamenti

Posted by fidest press agency su mercoledì, 2 marzo 2016

Uno studio della Cgia di Mestre ha valutato in oltre 10 miliardi di euro all’anno i costi che l’Italia dovrebbe sostenere se fossero ripristinati i controlli ai confini tra i Paesi (26 di cui 4 non Ue) che oggi partecipano a questo accordo di libera circolazione. Uno studio che ha preso spunto da altrettante valutazioni francese e tedesca. Studio che, per chi oggi non si accontenterebbe solo di abolire questo trattato, ma di praticschengenamente eliminare l’Unione magari con qualcosa di ibrido per alcuni scambi commerciali, non prende in considerazione tutti gli altri aspetti economici.
L’aria antieuropeista non è una cosa secondaria, visto l’avanzare dei vari movimenti e partiti contrari in alcuni Paesi dell’Ue e, soprattutto, le politiche di alcuni Paesi membri che pretendono di trarre dall’Unione solo quel che da’ loro un vantaggio tangibile e immediato: la politica di chi non va oltre il proprio naso non e’ una peculiarita’ solo delle politiche amministrative ed economiche del nostro Paese (che, invece, su Schengen, a nostro avviso, non si sta comportando male).
Scrivo quindi per fare l’elogio del nostro governo in merito e parlar male degli altri? Non mi interessa. Non sono una persona che si inquadra in schieramenti, ma ragiono solo a fatti specifici, valutandoli caso per caso: quello che dovrebbe essere la Politica (notare la “p” maiuscola).
E i fatti specifici sarebbero un elenco di dati positivi che non basterebbe tutta la mia vita residua per scriverne. Uno solo valga per tutti: i diritti che oggi in Italia abbiamo per gli utenti e i consumatori, per quanto siano molto sgangherati, inapplicati, violati e travisati, se non ci fosse stata l’Unione, oggi non li avremmo neanche sulla carta. E forse e’ teoricamente piu’ semplice fare battaglie per il rispetto della legge che non per l’introduzione di una nuova, perche’- per il rispetto- ci si puo’ sempre rivolgere ad altri poteri cosiddetti separati del nostro ordinamento (per esempio, la magistratura), mentre per l’introduzione di nuovi c’e’ solo la politica (che -in questo caso- e’ con la “p” minuscola). Ho scritto “forse”, perche’, non avendo buttato definitivamente la spugna (pur se la tentazione e’ umana e forte) mi do’ ancora qualche chance. In Aduc opero con questa logica.
Ma ora faccio un salto indietro, culturale, per significare cio’ che mi ha portato a concepire e mettere in pratica l’unica forma di politica ed economia che credo possa servirci per farci e per fare meno male, a noi umani e al nostro Pianeta nel suo complesso: il federalismo, come politica di riduzione del danno. Ci sono arrivato da giovane (avevo 12-14 anni, gli anni ’60 del secolo corso) quanto tutti i giovani che non badavano solo al calcio o a “rubare” un bacio a qualche compagna di classe, si cimentavano, oltre alla letteratura e alla musica tipica di quell’epoca e di quell’eta’, in letture come “Risorgimento liberale” di Piero Gobetti, il “Che fare” di Lenin, i vari testi di Bakunin o Cafiero o Gramsci o Engels, in una scuola che in storia non ti faceva mai arrivare a studiare le due guerre mondiali e in cui il fascismo non era storia, ma solo realta’ toccante e circolante dei tanti -per vari motivi- nostalgici di qualcosa. Mi incrociai casualmente con la lingua internazionale esperanto e cominciai -affascinato- a studiarla, per arrivare poi a scoprire -ancor piu’ affascinato- l’esistenza del “Manifesto di Ventotene”, quello scritto in quell’isola da Altiero Spinelli ed Ernesto Rossi, li’ esiliati dal regime fascista dell’epoca, quell’isola che il nostro attuale capo del governo ha di recente visitato per significare la scelta sua e del suo governo in materia di Europa.
Questa nota autobiografica mi serve per meglio inquadrare la valutazione economica e cultural/politica che intendo fare per commentare i dati della Cgia di Mestre. Commento che, nella necessaria brevita’ di questo scritto esprimo in due modi:
– cultural/politico: si vuole tornare ad un’Europa dove spesso ci voleva il visto per spostarsi da un Paese ad un altro, un Europa in cui gli Stati si massacravano fra di loro per l’ardita volonta’ di supremazia del loro modello rispetto ad altri (forma estrema: il nazismo)?
– economico: basterebbero da soli i 10 miliardi all’anno della Cgia di Mestre… ma si possono semplicemente aggiungere tutti gli altri aspetti economici e finanziari del nostra quotidianita’: dal burro negli scaffali dei supermercati ai negozi di arredamento (tipo Ikea) che rendono piu’ vivibili le nostre case, dai voli aerei che con qualche decina di euro ci portano a Londra o Madrid al massiccio apporto di lavoratori dagli altri Paesi membri che qui stanno meglio loro e fanno stare meglio anche noi.
Questa, molto in sintesi, e’ la mia Europa che, per stare meglio, dovrebbe trasformarsi in Stari Uniti d’Europa, su modello istituzionale Usa. C’e’ un dato che manca, ed e’ quello che oggi sta mettendo in crisi l’Unione: l’arrivo dei rifugiati e degli immigrati. Dovrei aprire un altro capitolo, ma faccio una sola valutazione perche’, magari in momenti successivi a questo, ci sia un punto di partenza per ragionarci: siamo sicuri che l’arrivo di alcuni milioni di rifugiati ed immigrati possa mettere in crisi un territorio, un’economia e una cultura che coinvolge centinaia di milioni di persone (forse, in merito, gli Usa, il piu’ potente Stato del mondo, non ci hanno insegnato nulla?). Un’ottica che, ovviamente, deve andare di pari passo con la spasmodica voglia dei nostri imprenditori di investire in alcuni Paesi extra-Ue che non fanno altro che chiedercelo tutti i giorni? Un’ottica che deve confrontarsi anche con la necessita’ -su cui ognuno deve farci mente locale- se e’ il caso di continuare ad avere in casa quattro apparecchi tv e tre automobili, piuttosto che un paio di pc/tv e diverse biciclette che dovrebbero poter circolare dando salute a chi pedala e a chi le incrocia?

Posted in Cronaca/News, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Possibile attribuzione a Michelangelo del dipinto Crucifixio

Posted by fidest press agency su mercoledì, 2 marzo 2016

CrucifixioDurante una recente conferenza stampa il Prof. Lionello Puppi, uno dei più grandi esperti mondiali di Arte, ha esposto alla mostra di Treviso, dedicata alla figura del celebre pittore El Greco, un dipinto “Crucifixio”, sostenendo che la tesi di una possibile attribuzione a Michelangelo. Il Prof. Vittorio Sgarbi dopo l’annuncio del Prof. Puppi ha mostrato scetticismo, dichiarando di “Non vedere la mano del Grandissimo in quel dipinto”. Chiediamo al Prof. Puppi, per la nostra rubrica culturale “Artisti sulle vie del Giubileo” una replica.
Qual è la sua replica al giudizio del Prof. Sgarbi, il quale sostiene che l’opera “Crucifixio” non è di Michelangelo, come lei ha affermato recentemente?
“Posso soltanto fare un’osservazione: prima di esprimere un giudizio Sgarbi dovrebbe visionare l’opera. Non mi risulta che, al momento, il Prof. Sgarbi l’abbia vista e, probabilmente, giudica basandosi sulla foto che è stata pubblicata nelle varie riviste. E’ un parere che, comunque, rispetto anche se non posso accettare giudizi frettolosi basati semplicemente sulla visione di una fotografia. Mi rammarico che Sgarbi parli prima di vedere l’opera di persona. Ho esposto l’opera alla mostra di Treviso su El Greco perché fosse possibile sia agli specialisti sia al pubblico dare un giudizio e una valutazione.
Per quali motivi lei ritiene che il dipinto in questione si possa attribuire a Michelangelo?
“In parte sono prove documentali e diagnostiche unite ad una somma di ragioni che mi hanno portato a questa conclusione. Non la pongo come verità assoluta ma come proposta di studio. D’altronde se ne parla nelle corrispondenze epistolari tra Michelangelo e Vittorio Colonna. Auspico che gli studiosi possano venire a studiare l’opera e giudicarla direttamente”.
Vuole aggiungere qualcosa?
“Ribadisco solo l’invito al Prof. Sgarbi. Nessuna polemica in merito ma un invito al dialogo”.
Sono ormai diversi mesi che la mostra “El Greco in Italia. Metamorfosi di un genio” è aperta al pubblico. Un primo bilancio?
“Grande soddisfazione per il buon afflusso di persone . Questa mostra nasce da tanti anni di lavoro, presenta delle novità molto consistenti come l’attività di El Greco durante la sua permanenza in Italia. La mostra acquista una valenza particolare proprio nell’anno del Giubileo perché, così, l’Italia si allinea alle grandi mostre di arte internazionale”. (fonte:portale.lombardinelmondo.org) foto: Crucifixio)

Posted in Cronaca/News | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

La trasformazione digitale in forma di cartoon

Posted by fidest press agency su mercoledì, 2 marzo 2016

cartoonNegli ultimi anni la rete è stata protagonista di un’evoluzione straordinaria che ha gettato le basi per una ‘nuova era’ e un ‘nuovo mondo’. Un mondo in cui la tecnologia è in grado di connettere gli oggetti, anche quelli più impensati, grazie a software e sensori che permettono di scambiare dati e comunicare con altri oggetti, persone e processi.Il ‘nuovo mondo’ interconnesso comporta enormi benefici in termini di produttività, sostenibilità e qualità della vita, e le sue possibilità e i campi di applicazione sono infiniti, dai processi produttivi alla mobilità, dalla medicina all’efficienza energetica, dagli elettrodomestici alla sicurezza fisica, fino al controllo di un’intera città con il solo limite dettato dalla fantasia.Ma, come tutte le nuove opportunità, deve conquistare pienamente la fiducia degli utenti, prima di essere ampiamente adottata.“Il principale ostacolo che l’IoT deve superare è dato dalla vastità della sua portata,” dichiara Stefano Bossi, amministratore delegato di VEM sistemi, “Il nostro compito è quello di riuscire a trasmettere correttamente e compiutamente le potenzialità e il valore dell’IoT alle imprese.”“In altre parole, per lo cartoon1sviluppo dell’IoT è necessario dare alle aziende e alle persone un’idea chiara di cosa vuol dire rivedere i processi, la produzione, la logica del business grazie all’Internet of Things, e dei suoi vantaggi,” prosegue Bossi. “Il cartoon, nella sua immediatezza e vivacità, ci è sembrata la modalità più adatta a promuovere un tema così dirompente, che abbiamo potuto rappresentare in modo semplice e diretto, esemplificando in modo accattivante la vita con e senza l’IoT.”Le IoT Stories di Elliot, ideate da VEM con la collaborazione di Cisco, rappresentano le avventure di un “doppio” Elliot che vive in due mondi paralleli; uno tradizionale e poco innovativo, e uno “digitale”, in cui la vita e il lavoro si svolgono in ambienti che hanno abbracciato l’Internet delle cose, mostrando chiaramente i benefici dell’IoT, nell’Industry 4.0, nell’ambito della building automation, nei data center, nella sicurezza e nella vita quotidiana di tutti. “Il nostro obiettivo è guidare i clienti verso un futuro sempre più connesso,” conclude Bossi, “per permettere loro di sfruttare appieno le infinite potenzialità della trasformazione che stiamo vivendo.” (cartoon)

Posted in Cronaca/News, Recensioni/Reviews, Uncategorized | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

“Italia per le Imprese, con le PMI verso i mercati esteri”

Posted by fidest press agency su mercoledì, 2 marzo 2016

Duomo_e_Battistero_di_ParmaParma giovedì 3 marzo 2016 presso la Sala Aurea della Camera di Commercio, si svolgerà il secondo appuntamento previsto dal Roadshow 2016 “Italia per le Imprese, con le PMI verso i mercati esteri” patrocinato dal Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale, promosso e sostenuto dal Ministero dello Sviluppo Economico e organizzato da ICE-Agenzia. Obiettivo del Roadshow, che attraverserà tutta l’Italia con un programma di date molto intenso, sarà quello di supportare le aziende sui temi dell’internazionalizzazione, fornendo servizi di consulenza e assistenza a quelle realtà che intendono cogliere opportunità di sviluppo e crescita sui mercati esteri. Nel biennio 2014/2015 la partecipazione alle 27 tappe da parte delle aziende è stata di 6225 aziende, 7750 incontri B2B con una soddisfazione complessiva del 96,30%.
Importante sottolineare come sia fondamentale per il rilancio dell’economia nazionale saper individuare per ogni territorio le eccellenze produttive, che se ben seguite e assistite, potranno avere successo e farsi apprezzare sui mercati internazionali, con vantaggio per l’intero sistema Paese.
Il Roadshow ICE si configura come un’opportunità da cogliere come dimostrano casi aziendali di successo.
Tra i relatori che interverranno alla plenaria di grande interesse sarà la partecipazione di Andrea Berti, Senior Product Manager della società d’importazione statunitense Atalanta Corporation, uno dei più grandi importatori privati di prodotti alimentari negli USA. I prodotti Italiani rappresentano nel 2015 circa 100 Milioni di dollari di fatturato per la società. Alcune aziende del territorio, che hanno avuto modo di beneficiare dei servizi di assistenza e consulenza offerti da ICE-Agenzia, da SACE e SIMEST, realizzando positivi percorsi di internazionalizzazione, hanno voluto raccontare la loro esperienza di crescita e di sviluppo sui mercati globali.

Posted in Cronaca/News, Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Studenti americani in visita all’Ospedale dei Bambini e all’Università di Parma

Posted by fidest press agency su mercoledì, 2 marzo 2016

parma universitàParma Un gruppo di 15 studenti di diverse università nordamericane ha visitato nei giorni scorsi l’Ospedale dei Bambini “Pietro Barilla” dell’Azienda Ospedaliero-Universitaria di Parma, nel contesto di una serie di visite alle strutture sanitarie e socio-assistenziali di eccellenza emiliano-romagnole.Il nutrito gruppo di studenti statunitensi si trova per un semestre di studio in Italia presso l’organizzazione internazionale University Studies Abroad Consortium (USAC) che ha organizzato – per il secondo anno consecutivo – un corso universitario in “Salute Pubblica, Salute Globale e Analisi dei Sistemi Sanitari” tenuto da docenti dell’Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia e dell’Università degli Studi di Parma. Tra questi il Prof. Carlo Signorelli, Ordinario di Igiene, e la Dott.ssa Anna Odone, dottoranda di ricerca.Gli studenti, accompagnati durante la visita dal Dott. Bertrand Tchana, cardiologo pediatra dell’Ospedale dei Bambini, e dai medici della Direzione Sanitaria Dott. Pietro Manotti e Dott. Antonio Ferrari, hanno potuto approfondire i modelli organizzativi e di cura di una struttura di nuova concezione del Servizio Sanitario Nazionale.Nella seconda parte della mattinata, all’Unità di Sanità Pubblica del Dipartimento di Scienze Biomediche, Biotecnologiche e Traslazionali dell’Università di Parma, la Prof.ssa Lorella Franzoni, Presidente del Corso di Laurea in Medicina e Chirurgia dell’Ateneo, ha tenuto un seminario in cui sono state presentate le attività in ambito di salute globale svolte dal Centro Universitario per la Cooperazione Internazionale (CUCI), alla presenza delle Prof.sse Cesira Pasquarella e Maria Luisa Tanzi.Per gli studenti americani si è trattato senz’altro di un’ottima opportunità di formazione “sul campo” attraverso un’iniziativa che, come altre del genere, va nella direzione dell’internazionalizzazione delle esperienze di eccellenza locali favorendo la diffusione di modelli formativi, di ricerca e di assistenza di successo.

Posted in Cronaca/News, Università/University | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Fibrosi Polmonare Idiopatica

Posted by fidest press agency su mercoledì, 2 marzo 2016

Boehringer IngelheimIngelheim, Germania. Una survey internazionale, a cui hanno partecipato oltre 500 persone che convivono con la fibrosi polmonare idiopatica (IPF) in oltre 20 Paesi del mondo, rivela le reali emozioni che provano coloro che sono affetti da questa grave malattia.Nel mondo sono circa 3 milioni i pazienti con IPF, eppure si sa ancora poco di questa patologia. I risultati dell’indagine vengono resi noti nella Giornata Mondiale delle Malattie Rare 2016 dedicata al tema: ‘La Voce dei Pazienti’, riconoscendo l’importanza per i pazienti stessi di rendere esplicite le proprie necessità.Diagnosticare la fibrosi polmonare idiopatica (IPF) può essere difficile e, all’inizio, circa la metà dei pazienti riceve una diagnosi non corretta. Il tempo medio che intercorre dalla comparsa dei primi sintomi alla diagnosi va da uno a due anni, e i pazienti sono messi di fronte alla realtà di dover affrontare una malattia incurabile.Il “caos” emotivo vissuto dai pazienti affetti da fibrosi polmonare idiopatica trova un chiaro riflesso nelle risposte fornite; molti degli intervistati, hanno dichiarato di essersi sentiti ‘preoccupati’ (49%), ‘spaventati’ (45%) e ‘confusi’ (34%) quando alla fine hanno ricevuto la diagnosi.Alla domanda ‘cosa le viene in mente quando pensa alla fibrosi polmonare idiopatica?’, la risposta più frequente è stata ‘mancanza di fiato’ (32%), uno dei sintomi più comuni dell’IPF. Poiché la malattia causa la formazione progressiva di tessuto cicatriziale a livello polmonare, che si accumula e si ispessisce con il passare del tempo. Chi è affetto da fibrosi polmonare idiopatica ha notevoli difficoltà a svolgere normali attività quotidiane, come farsi una doccia o vestirsi, proprio a causa della dispnea.L’indagine rivela che la natura progressiva e imprevedibile di questa malattia respiratoria, dall’esito infausto, costituisce un peso a livello emotivo, per coloro che ne sono affetti; circa un quarto (23%) degli intervistati ha dichiarato di ‘temere di non poter più essere in grado di fare le cose che era abituato a fare prima di ammalarsi’ e una persona su tre ha affermato di sentirsi “frustrata” da questa condizione (29%). Le emozioni dei pazienti variano dopo aver ricevuto la diagnosi e dopo le cure mediche; il 31% ha avuto emozioni più positive e ha pensato a prospettive più rosee, mentre il 28% ha provato emozioni più negative, con aspettative più fosche.Il Dottor Toby Maher, Specialista di Medicina Respiratoria presso il Royal Brompton Hospital di Londra ha dichiarato: “Quest’indagine, che fa riflettere, riecheggia le parole dei miei pazienti quando parliamo di cosa significhi vivere con la fibrosi polmonare idiopatica (IPF). Fortunatamente negli ultimi anni ci sono stati molti progressi nel trattamento dell’IPF. Come medici, possiamo aiutare i pazienti ad affrontare le emozioni negative vissute al momento della diagnosi, e migliorare la loro visione del futuro con la malattia, così da iniziare, con spirito positivo, una terapia efficace”.Una precoce e corretta diagnosi dell’IPF è fondamentale, perché consente di avviare tempestivamente la terapia farmacologica e le altre modalità di gestione della malattia.Le associazioni di pazienti svolgono, anch’esse, un ruolo molto importante per aiutare i pazienti a convivere meglio con la patologia; il 42% degli intervistati ha dichiarato che le associazioni di pazienti sono riuscite a farli sentire meno isolati e hanno reso possibile l’accesso a informazioni importanti.Robert Davidson, Presidente della Fondazione Canadese sulla Fibrosi Polmonare (Canadian Pulmonary Fibrosis Foundation – CPFF) ha affermato: “Vivere con la fibrosi polmonare idiopatica può spaventare, e troppe poche persone hanno la consapevolezza del senso di emarginazione che può affliggere chi convive con una malattia rara come l’IPF. Quest’indagine è un’occasione importante per coloro che ne sono affetti: per farsi ascoltare e per migliorare la rete di supporto e assistenza”Nonostante, talvolta, il futuro con l’IPF possa apparire in una luce realmente cupa, molte persone affette dalla malattia hanno espresso una visione positiva per l’anno a venire. Quando è stato chiesto cosa loro, o qualcuno che conoscono con IPF, vorrebbe fare nel prossimo anno, il 39% ha dichiarato che ‘vorrebbe godersi il tempo con la famiglia’ e uno su cinque (21%) ha risposto che ‘vorrebbe viaggiare o andare in vacanza’.

Posted in Estero/world news, Medicina/Medicine/Health/Science, Uncategorized | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Campagna ‘Make in India’: Frost & Sullivan è al centro dell’attenzione

Posted by fidest press agency su mercoledì, 2 marzo 2016

india-travel-insuranceMILANO Centinaia di poster pubblicitari esposti in posizioni strategiche nelle principali città dell’India celebrano il primo posto di Frost & Sullivan in India per crescita, innovazione e leadership. La campagna pubblicitaria del governo indiano fa seguito a un potente discorso tenuto di fronte al Primo Ministro britannico David Cameron, alle Autorità britanniche e a leader aziendali internazionali presso la Guildhall di Londra lo scorso novembre. Durante la sua visita nel Regno Unito, il Primo Ministro indiano Narendra Modi ha evidenziato l’incredibile tasso di crescita dell’economia del paese (secondo la Banca Mondiale, +7,5% nel 2016) e le grandi opportunità per gli investimenti futuri nella regione. Citando il pionieristico studio di Frost & Sullivan sui 100 paesi più importanti per la Crescita, l’Innovazione e la Leadership nel mondo, il primo ministro Modi ha osservato la posizione al primo posto in India dell’azienda di consulenza per la crescita. Le prospettive positive per gli investimenti indiani sono state ribadite dai recenti rating di Moody, dall’indice competitivo globale del Forum Economico Mondiale e dalle raccomandazioni dell’ONU.
Durante la sua visita, il Primo Ministro Modi ha sottolineato come i flussi di investimento diretto in India siano aumentati del 40% quest’anno, rispetto all’anno scorso, ristabilendo la fiducia degli operatori a livello globale. L’India è sulla soglia di una grande rivoluzione informatica”, osserva il Primo Ministro Modi. “La stiamo incoraggiando per velocizzare la diffusione dei servizi ai nostri 1,25 miliardi di abitanti. Nuove tecnologie ed energie rinnovabili sono il nostro nuovo mantra. Qualsiasi cosa facciamo, la faremo in modo più pulito e più ‘green’. L’efficienza energetica, il riciclo dell’acqua, la termovalorizzazione e i programmi ‘clean India’ e per la pulizia dei fiumi fanno parte di queste iniziative, che forniscono nuove opportunità di investimento nelle tecnologie moderne e nelle risorse umane.” Sono stati avviati anche diversi programmi strategici, come l’iniziativa manifatturiera ‘Make in India’, le campagne ‘Digital India’ e ‘Skills India’ e la campagna ‘Start Up India’. Secondo Aroop Zutshi, Global President e Managing Partner di Frost & Sullivan, “La manifattura globale sta andando verso la quarta generazione della rivoluzione manifatturiera (Manufacturing 4.0) che ridefinirà i termini di differenziazione tra i diversi paesi. L’iniziativa Make in India promossa dal Primo Ministro Modi non solo darà slancio al potenziale manifatturiero indiano, ma ristabilirà anche l’immagine del paese a livello globale come polo di innovazione altamente tecnologico.”

Posted in Cronaca/News, Estero/world news | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Infezioni difficili in oncologia

Posted by fidest press agency su mercoledì, 2 marzo 2016

broncopatiaRoma 4 Marzo 2016 ore 8.30 Centro Congressi Multimediale Via Fermo Ognibene 23 un incontro interattivo tra esperti per discutere proprio di infezioni difficili in oncologia e dermatologia e degli aspetti economici che ne derivano. Responsabile scientifico del convegno è Luigi Toma, infettivologo degli Istituti Fisioterapici Ospitalieri.Sono 25.000 i decessi annuali in Europa a causa di infezioni da germi multiresistenti (MDR) con un costo annuale complessivo pari a 1,5 miliardi di euro. I dati emergono da recenti studi dell’European Centre of Disease Prevention and Control (ECDC). Se il fenomeno dell’antibiotico-resistenza continuerà a crescere come oggi, si stima che nel 2050 le persone che nel mondo moriranno per queste infezioni saranno 10 milioni all’anno, con un costo complessivo di 100 triliardi di dollari per anno. Lo sviluppo negli ultimi anni di farmaci sempre più efficaci in ambito oncologico e dermatologico ha notevolmente migliorato la spettanza e la qualità di vita di molti pazienti con tali patologie ed analogo risultato è stato ottenuto con i farmaci altamente efficaci contro l’infezione da HIV. “Queste nuove opportunità terapeutiche – precisa Luigi Toma – determinano inevitabilmente una maggiore complessità dei pazienti che, diventando sempre più anziani e/o immunodepressi, sono maggiormente esposti a complicanze infettive spesso sostenute da MDR.” Un altro aspetto che rende più complessa la gestione clinica delle complicanze infettive, specie nel paziente anziano, è rappresentato dal sempre maggior uso di dispositivi medici all’interno del corpo umano e dall’intrinseca capacità da parte di alcuni microrganismi di formare il cosiddetto “biofilm microbico” su tali dispositivi.
“La gestione clinica di tali complicanze – chiarisce Toma – non può prescindere dal supporto del microbiologo clinico che a sua volta viene investito con sempre maggiore frequenza della responsabilità di scelte terapeutiche che tengano anche conto delle caratteristiche peculiari dei singoli ceppi microbici.”Anche il settore della microbiologia clinica ha conosciuto negli ultimi anni notevoli progressi metodologici e strutturali che permettono oggi di avere in pochissimo tempo l’identificazione microbica dell’agente eziologico in molte complicanze infettive.”Non tutti gli ospedali – sottolinea Marta Branca, Commissario Straordinario IFO – hanno un reparto di microbiologia clinica in grado di fornire tali servizi e questo a volte determina: inappropriatezza terapeutica, aumento dei costi di degenza, incremento della mortalità e della farmaco-resistenza.

Posted in Cronaca/News, Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »