Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 31 n° 275

Archive for 5 marzo 2016

AnaCap acquires €2 billion NPL portfolios from GE and RBS

Posted by fidest press agency su sabato, 5 marzo 2016

The Royal Bank of ScotlandAnaCap Financial Partners (“AnaCap”), the specialist European financial services private equity firm, has announced the successful completion of the acquisition of two portfolios of Italian non-performing loans (NPLs) with a face value of more than €2 billion.
The portfolios have been acquired by AnaCap Credit Opportunities III, LP from two Italian securitization special purpose vehicles whose asset-backed securities were majority owned by GE Capital Real Estate and The Royal Bank of Scotland. They comprise of two separate portfolios, each having a gross book value of about €1 billion and including secured and unsecured SME loans, with the secured positions held against residential and other commercial property.The acquisition adds to AnaCap credit funds’ existing holdings in Italy, which include two NPL portfolios totaling €2.5 billion, acquired from UniCredit in 2014 and 2015. AnaCap funds have now purchased around €8 billion of Italian NPLs over the past four years, as well as a €550 million performing portfolio of Italian salary guaranteed loans.
Justin Sulger, a Partner at AnaCap Financial Partners LLP, commented:“We are delighted to have completed the acquisition of these two portfolios, adding to our extensive track record in the Italian market. Our earlier NPL investments mean that we are very familiar with these types of residual claims and their varied servicing requirements. We are also pleased to continue to work with a growing range of financial institutions undergoing restructuring across Europe, including numerous repeat transactions, as well as a broadening network of trusted local partners.”

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Research shows management strategy tools need a column for emotion

Posted by fidest press agency su sabato, 5 marzo 2016

Warwick Business SchoolEvidence from neuroscience shows business managers are living a ‘rationality façade’ by using strategy tools and are missing a key ingredient in decision-making – emotion. Gerard Hodgkinson, of Warwick Business School, says there is a pressing need for management to acknowledge the role of emotions and to build a new wave of tools that incorporate it into their strategic thinking if businesses’ performances are to be improved.Drawing on the insights of behavioural neuroscience Professor Hodgkinson, Robert Wright, of the Hong Kong Polytechnic University, and Jamie Anderson, of Warwick Business School, found emotion played a part in managers’ decision-making despite their attempts to use cold logic in making strategic decisions.The majority of tools and techniques used to help managers reflect strategically on the future of their businesses require them to think on a systematic basis to identify opportunities and threats before coming to a decision. “By ignoring the crucial role played by emotion such techniques have resulted in the creation of ‘rationality façades’,” said Professor Hodgkinson, who led the research. “In contrast to the ‘cold cognition logic’ of these tools, our research starts from the basic premise that strategists are attached emotionally to their businesses and as such the strategic issues that could have a bearing on the future well-being and effectiveness of their business are emotionally-laden. Hence, it makes sense to investigate how organisational decision-makers represent those issues in emotional terms, rather than in purely cognitive terms.”Drawing on the insights of behavioural neuroscience, Hodgkinson’s team asked a sample of 26 UK senior executives of primarily SMEs to list the strategic issues they were most concerned about in relation to their businesses. The researchers picked out the 19 issues most commonly mentioned such as ‘the current availability of skilled workers in the UK’, ‘the bailout of European banks’, ‘increased university tuition fees’, and ‘asylum seekers in the UK’.A comparable second sample of senior executives was then asked to rate each of the 19 issues in terms of how they felt about them emotionally, using a series of 16 seven-point scales. If the managers had reflected ‘objectively’, as implied when using standard management tools, then surely they would have rated them about the same, but their responses varied markedly, thus confirming the researchers’ expectations that strategic issues are not processed uniformly, in an objective manner. “What makes some managers feel calm fills others with anxiety, and what comforts some leaves others with a deep sense of unease,” said Dr Wright. “Using sophisticated statistical analysis techniques, we identified sub-groups of managers who share highly similar perceptions and beliefs, emotionally speaking, that set them apart from their counterparts in other sub-groups.” Professor Hodgkinson has developed a strategy tool – adapting the repertory grid used in psychology – to help managers map their emotional response to issues their business faces.“Managers need to reconnect with their emotional side,” says Professor Hodgkinson. “Using the repertory grid alongside traditional tools will help them do this.“This research illuminates the potentially crucial role played by emotion in strategists’ mental representations of the strategic issues they confront, in an attempt to safeguard the longer-term survival of their businesses, with important implications for organisational adaptation and performance.”It provides an early demonstration of the feasibility of adapting ‘the repertory grid technique’ to build on recent advances in the psychological foundations of strategic management theory. “In practical terms, our findings pave the way for a new generation of management strategy tools and techniques to help organisational decision-makers to identify the extent to which they are in agreement emotionally, not just cognitively, with regard to the issues confronting them. This will provide an important foundation for companies and organisations to move forward in these turbulent times.”

Posted in Estero/world news, Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Colombia Is Top International Country Searching S. Fla. Real Estate in Jan

Posted by fidest press agency su sabato, 5 marzo 2016

colombiaMIAMI — Colombia leads all global consumers searching online for South Florida real estate, according to new statistics from the MIAMI Association of REALTORS® (MIAMI). Colombia finished as the top international country using MIAMI’s search portal, http://www.Miamire.com, in January 2016. Colombia has now led the online search rankings for two consecutive months. Brazil, which led the Miamire.com searches for 13 consecutive months from June 2014 through June 2015, finished runner-up for the second straight month. The January 2016 statistics also showcased strong interest from the Philippines and the United Kingdom.“South Florida real estate attracts international home buyers unlike any other region in the U.S.,” said Mark Sadek, the 2016 MIAMI Chairman of the Board. “Long known as a Gateway to the Americas, Miami’s shopping, restaurants, lifestyle, geographical position, tropical climate, international banking system and growing technological hub continue to attract foreign investors and home buyers.”
Colombian home buyers tied with Argentinians in purchasing the third-most Miami real estate among foreign countries, according to the 2015 Profile of International Home Buyers in Miami Association of Realtors Business Areas. Colombia registered 10 percent of all foreign Miami transactions, according to the survey conducted by MIAMI and the National Association of REALTORS. Only Venezuelan (13 percent) and Brazil (12 percent) buyers purchased more.Colombians moving to South Florida are often upper-middle-class families who want to enjoy their prosperity earned in their homeland as professionals and entrepreneurs. Colombians spend the second-most on South Florida property among foreign buyers. The $516,000 average purchase price of Colombians tied with Argentina and only trailed Brazil ($766,000), according to the 2015 survey.
Philippine and United Kingdom buyers increased their online interest in South Florida real estate in January 2016. The Philippines’ fifth-place finish among Miamire.com foreign visitors was the country’s highest-ever finish. The United Kingdom, meanwhile, posted its highest appearance since it finished seventh in February 2015.
The MIAMI Association of REALTORS® was chartered by the National Association of Realtors in 1920 and is celebrating 96 years of service to Realtors, the buying and selling public, and the communities in South Florida. Comprised of six organizations, the Residential Association, the Realtors Commercial Alliance, the Broward Council, the Jupiter Tequesta Hobe Sound (JTHS) Council, the Young Professionals Network (YPN) Council and the award-winning International Council, it represents more than 41,000 real estate professionals in all aspects of real estate sales, marketing, and brokerage. It is the largest local Realtor association in the U.S., and has official partnerships with 136 international organizations worldwide. MIAMI’s official website is http://www.miamire.com

Posted in Estero/world news, recensione | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Local economies point to the future

Posted by fidest press agency su sabato, 5 marzo 2016

Shirin MahalatiINDORE, India — How does a nation whose economy is growing by 7 percent a year allow for economic prosperity without fueling the rising inequality between rich and poor? How does it connect with the global market system without losing its spiritual and social values? These were some of the questions that animated a recent symposium titled “Strengthening Local Economies for a Just Global Order”, held on 23 February at Devi Ahilya University of Indore.Some 150 faculty and students participated in the event, organized by the Baha’i Chair for Studies in Development and the University’s School of Economics.This dialogue on strengthening local economies was initiated some seven years ago when the Institute for Studies in Global Prosperity organized a series of seminars on the discourse on science, religion, and development in India. The Baha’i Chair in Indore is now giving greater attention to local economies in light of the growing concern in the country about the negative effects of globalization, particularly on rural populations.In her opening remarks, Dr. Shirin Mahalati, Head of the Baha’i Chair, stressed the need to avoid dichotomies on the question of globalization, where it is either rejected wholesale or blindly embraced with no thought of its effects.”We have to learn the balance of opening ourselves to the globe without losing all that we have that is precious,” she said.A rich dialogue about various dimensions of social and economic development in India followed, focusing primarily on the question of local economies. Speakers discussed some of the challenges and shortcomings of the current approaches to globalization and offered insights about various interventions that could assist India to navigate the path forward. The keynote speaker, a well-known Indian economist, Amitabh Kundu, emphasized the need to strengthen local and regional economies as a response to the growing inequality and ecological degradation that India faces as its doors open to the global market. He also proposed that thinking at the level of local economies can help India find creative solutions to dealing with the challenge of sustaining economic growth while at the same time controlling carbon emissions. “We need a paradigm shift that involves changes in lifestyles and production processes, and this will require interventions to strengthen the local economy.”
Arash Fazli, a researcher with the Institute for Studies in Global Prosperity and collaborator with the Baha’i Chair, also talked about the opportunity to learn about new economic approaches at the level of villages.”Village economies have their own logic that allows certain features of the community to be maintained — for example, the relationship to nature and social cohesion,” he said. “We need to draw on both modern and traditional systems, without romanticizing imitating the former or the latter.”When village economies develop, why must they be limited to either capitalist or socialist models?” We are seeking to forge new patterns and new models.” The Dean of Social Sciences, Dr. Ahuja Kanhaiya award, emphasized the need for economic models that would reinforce the values of community life, such as compassion, contentment, cooperation, justice, and a sense of duty towards the common Some 150 facultygood.”Unfortunately,” he mentioned, “at present economic growth is being driven by consumerism and competition that are destroying these values.”Speakers also discussed the need for economic growth to be balanced and just, requiring development to be viewed within a broader vision of the spiritual and material prosperity of humanity.”Economic models today give humanity a very limited range of options in explaining human behavior,” Dr. Fazli said. “One is to explain it in terms of greed, self-interest, and profit motive. The other is to say that the only way to organize society is to have absolute equality. The path to move past these limitations is becoming clearer. “”We have to account for people’s own sense of themselves as being more than material beings, more than just highly intelligent animals. We have to learn about and develop models — inspired by a more holistic sense of the human being — that can explain behavior. These models don’t currently exist. “”Focusing on economic activity at the local level allows a population to learn to modernize collectively and in a consultative manner so that values the community holds dear are not sacrificed by blindly adopting external models,” stated Dr. Fazli. “An active process of learning is under way at the level of villages and localities as they apply certain economic and spiritual principles with the aim of achieving prosperity in the whole sense of the word. This is a process that can gain in strength day after day. ”
(photos: Shirin Mahalati, Some 150 faculty)

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

LuganoMusica: OSI diretta da Zacharias

Posted by fidest press agency su sabato, 5 marzo 2016

Christian Zacharias, Pianist und Dirigent / 07.02.2010 / Koelner Philharmonie

Christian Zacharias, Pianist und Dirigent / 07.02.2010 / Koelner Philharmonie

PollakLugano venerdì 11 marzo alle ore 20.30 nella Sala Teatro del LAC di Lugano prosegue il ciclo di concerti sinfonici di LuganoMusica, con un altro appuntamento che vede protagonista l’Orchestra della Svizzera italiana guidata questa volta da Christian Zacharias, nella duplice veste di direttore e di pianista solista. La serata avrà inizio con il Concerto n. 25 in do maggiore di Mozart, per proseguire poi con una pagina di raro ascolto, l’aria da concerto Ch’io mi scordi di te? per soprano e orchestra con pianoforte obbligato, sempre di Mozart, con il giovane soprano tedesco Marie-Sophie Pollak, particolarmente apprezzata nel repertorio sei-settecentesco.
Nella seconda metà del programma Zacharias lascerà la tastiera del pianoforte per salire sul podio e dirigere l’OSI nella Quarta Sinfonia di Schubert. Biglietti Categoria 1: Fr. 90/85, Categoria 2: Fr. 70/65, Categoria 3: Fr. 55/50, Categoria 4: Fr.40/35/18,
Categoria 5: Fr. 25/20/12 (più costi di prenotazione) Riduzioni per studenti, apprendisti e beneficiari AVS e AI. Late Night Modern 5: biglietto unico Fr 15 (posto non numerato)Prevendita presso la biglietteria del LAC, online su http://www.luganolac.ch, presso tutti i punti Ticket Corner (uffici postali, Manor, stazioni FFS) e online su http://www.ticketcorner.com http://www.luganolac.ch, (foto: Christian Zacharias, Pollak)

Posted in Estero/world news, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Si aprono nuove possibilità commerciali tra la Grecia e Trieste

Posted by fidest press agency su sabato, 5 marzo 2016

triesteSi rafforzano le possibilità di collaborazione economica tra Trieste e la Grecia. Ieri una delegazione guidata da Marina Kedros Pappas, Console generale onorario di Grecia a Trieste e Marco Della Puppa, segretario generale della Camera di Commercio Italo-Ellenica di Salonicco e composta da 12 imprenditori ellenici è stata infatti ricevuta dal presidente della Camera di commercio di Trieste, Antonio Paoletti.Una visita importante data la presenza a Trieste da ben tre secoli di una ricca comunità greca, che oggi è composta da circa 600 persone, perfettamente integrate che sono una parte importante della città. La presenza della delegazione è avvenuta inoltre in un momento decisamente propizio dato che per la prima volta alcune aziende greche parteciperanno a Olio Capitale, il Salone degli oli extra vergini tipici e di qualità organizzato da Aries, che prende il via domani alla stazione Marittima. . Una notizia accolta con grande interesse dalla delegazione, che ha sottolineato la volontà di far partecipare un’imbarcazione greca alla prossima edizione della Barcolana, magari abbinando questa presenza d uno stand con prodotti tipici ellenici, organizzando nel contempo incontri B2B con le aziende locali.

Posted in Cronaca/News, Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Giappone: Contaminazione radioattiva

Posted by fidest press agency su sabato, 5 marzo 2016

Grizzly

A Grizzly Bear catches a fish in a river in the Great Bear Rainforest in British Columbia, Canada.

TOKYO (GIAPPONE) Gli impatti ambientali del disastro nucleare di Fukushima Daiichi avranno effetti per secoli su foreste, fiumi ed estuari. È quanto emerge da “Radiation reloaded”, nuovo rapporto diffuso oggi da Greenpeace Giappone, secondo cui gli elementi radioattivi a lunga vita sono stati assorbiti da piante e animali, riconcentrati tramite le catene alimentari, e trascinati a valle verso l’Oceano Pacifico da tifoni, da inondazioni e dallo scioglimento della neve.«Il Programma di decontaminazione del governo giapponese non avrà quasi nessun impatto sulla riduzione del rischio ecologico legato all’enorme quantità di radioattività emessa nel disastro nucleare di Fukushima», afferma Kendra Ulrich, senior campaigner nucleare di Greenpeace Giappone. «Già oltre 9 milioni di metri cubi di scorie nucleari sono sparsi su almeno 113 mila siti nella Prefettura di Fukushima. Questo mentre il governo Abe vuol far passare la favola che cinque anni dopo l’incidente nucleare la situazione stia tornando alla normalità. E, purtroppo per le vittime, ciò significa che gli viene raccontato che possono tornare in sicurezza in ambienti in cui i livelli di radiazione sono spesso ancora troppo elevati e circondati dalla una pesante contaminazione».Con

foresta

Great Bear Rainforest in Canada. Creek in the woods. Great Bear Regenwald in Kanada. Ein Bach flisst durch einen Wald.

il rapporto lanciato oggi, basato su un grande volume di ricerche scientifiche indipendenti effettuate nelle zone colpite nell’area di Fukushima, l’organizzazione ambientalista denuncia anche la posizione profondamente sbagliata dell’Agenzia internazionale per l’energia atomica e del governo Abe, sia in termini di rischi di decontaminazione che di rischi per l’ecosistema. Lo studio si basa inoltre sulle analisi dell’impatto ambientale della catastrofe nucleare di Cernobyl, per trarre un’indicazione del possibile futuro delle aree contaminate in Giappone.Le analisi mostrano come evidenti i seguenti impatti ambientali:
· Elevate concentrazioni di radioelementi riscontrate nelle nuove foglie e, almeno nel caso del cedro, anche nel polline;
· Aumento di mutazioni nella crescita degli abeti con l’aumento dei livelli di radioattività;
· Mutazioni ereditarie riscontrate nelle farfalle tipo Pseudozizeria maha, Dna danneggiato nei vermi nelle zone altamente contaminate e riduzione della fertilità nella rondine comune;
· Diminuzione dell’abbondanza di 57 specie di uccelli nelle aree a maggiore contaminazione, evidenziata da uno studio di quattro anni;
· Elevati livelli di contaminazione da cesio riscontrati nei pesci d’acqua dolce di importanza commerciale;
· Contaminazione radiologica degli estuari che rappresentano uno degli ecosistemi più importanti.
«Ancora non si vede la fine di questa drammatica vicenda per le comunità di Fukushima», continua Ulrich. «Quasi 100 mila persone non sono tornate a casa e molti non saranno mai in grado di farlo. La maggior parte dei cittadini si oppone al riavvio dei reattori nucleari, e molti di essi chiedono lo sviluppo delle fonti rinnovabili, le uniche opzioni sicure e pulite in grado di soddisfare le esigenze del Giappone. Il governo giapponese dovrebbe mettere gli interessi dei suoi cittadini prima di ogni altro», conclude.
Dal marzo 2011 ad oggi Greenpeace ha condotto 25 indagini radiologiche su Fukushima. Nel 2015, si è concentrata sulla contaminazione delle montagne boscose nel distretto di Iitate, a nord-ovest della centrale nucleare di Fukushima Daiichi. Sia le analisi di Greenpeace che ricerche indipendenti hanno dimostrato come la radioattività si muova dai bacini montani contaminati, fino a entrare negli ecosistemi costieri. Il fiume Abukuma, uno dei più grandi del Giappone, che scorre in gran parte attraverso prefettura di Fukushima, nei primi cento anni dopo l’incidente potrebbe scaricare in mare 111 TBq di Cesio-137 e 44 TBq di Cesio-134.Attualmente un team di ricercatori di Greenpeace Giappone sta studiando la contaminazione radioattiva dei sedimenti oceanici e alla foce del fiume sulla costa di Fukushima. L’indagine sottomarina è condotta da una nave di ricerca giapponese, con l’appoggio della Rainbow Warrior. Il disastro di Fukushima rappresenta il più grande rilascio di radioattività nell’oceano. Insieme all’incidente nucleare di Cernobyl è l’unico di livello 7 mai verificatosi sinora. (foto: foresta, Grizzly)

Posted in Estero/world news, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Guardare il mondo con gli occhi di Darwin

Posted by fidest press agency su sabato, 5 marzo 2016

darwinParma. Ritorna venerdì 11 marzo, a partire dalle ore 9.30, nell’Aula Magna del Palazzo Centrale dell’Ateneo (via Università 12), l’appuntamento annuale con il “Parma Darwin Day”, promosso e organizzato dal Dipartimento di Bioscienze dell’Università di Parma per celebrare la figura di Charles Darwin e come importante occasione di informazione e confronto culturale rivolta non solo agli esperti del settore, ma a chiunque sia interessato a questo genere di tematiche.“Guardare il mondo con gli occhi di Darwin” significa aprire lo sguardo sulla natura, e quindi anche su noi stessi, guidati dal faro delle scoperte del grande scienziato inglese senza le quali nulla avrebbe senso in biologia.I temi scelti per il Darwin Day di quest’anno non solo evidenziano come l’evoluzione sia ovunque, ma mostrano anche che il suo studio può avere delle straordinarie ricadute di tipo pratico. La vita ha avuto origine oltre 3,5 miliardi di anni fa. I meccanismi dell’evoluzione in questo lungo periodo di tempo hanno prodotto innumerevoli soluzioni ai problemi biologici che gli organismi devono risolvere. Il risultato è una serie di adattamenti spesso raffinati e meravigliosi a cui ispirarsi per possibili applicazioni anche nella nostra quotidianità.Programma:
9.30 Saluto delle Autorità e introduzione
10.00 Marco Vannini – Università di Firenze“Darwin e l’evoluzione visti (o mal visti …) con gli occhi della Scuola italiana, dall’Unità d’Italia ad oggi”
11.00 Cristina Castracani – Università di Parma“Citizen Science al servizio di Darwin: cittadini in cerca di evoluzione”
12.00 Alfonso Troisi – Università di Roma “Tor Vergata””Il Dr. House incontra Mr. Darwin. La medicina evoluzionistica oggi e domani”
15.00 Marco Ferrari – Caposervizio Scienza di Focus “L’evoluzione è ovunque”
16.00 Renato Bruni – Università di Parma“Erba Volant – Imparare l’innovazione dalle piante”
17.00 Marco Dorigo – Università di Bruxelles
La cooperazione in sciami di robot
Coordina gli interventi Donato A. Grasso, del Dipartimento di Bioscienze dell’Università degli Studi di Parma. Ingresso libero

Posted in Cronaca/News, Università/University | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Camerino: Si ampliano in corsi di laurea in lingua inglese

Posted by fidest press agency su sabato, 5 marzo 2016

Ambientamento_CamerinoSi amplia l’offerta dei corsi i laurea in lingua inglese erogati dall’università di camerino grazie alle importanti novità per il corso di laurea triennale in Scienze Geologiche, Ambientali e Naturali: dal prossimo anno accademico 2016/2017, infatti, le attività didattiche e formative del corso saranno interamente erogate in lingua inglese.“Vogliamo dare agli studenti che scelgono il nostro corso – ha dichiarato il prof. Piero Farabollini, Coordinatore del corso di laurea – un respiro più internazionale, vogliamo che le competenze acquisite possano essere spendibili non solo sul mercato italiano, ma anche su quello estero, sia in aziende private e nell’attività professionale che in enti ed istituzioni pubbliche o in attività di ricerca. Avere poi studenti provenienti da Paesi stranieri sarà un valore aggiunto sia per noi docenti che per gli studenti italiani che potranno avere un confronto a livello internazionale già nel periodo della formazione”.
Il corso di laurea continuerà a prevedere due indirizzi, uno in Geologia e l’altro in Scienze Naturali ed Ambientali, con l’obiettivo di formare professionisti esperti in analisi geo-ambientale, gestione dell’ambiente e del territorio attraverso un approccio sostenibile per la tutela della biodiversità, riduzione dei rischi derivanti da un uso improprio delle risorse naturali attraverso la combinazione di competenze interdisciplinari.“Dopo la Laurea magistrale, coordinata con successo dalla Prof.ssa Eleonora Paris e già in lingua inglese da diversi anni, ora con la laurea triennale completiamo il percorso formativo internazionale nel campo della Geologia – afferma il prof. Emanuele Tondi, Responsabile della Sezione di Geologia della Scuola di Scienze e Tecnologie. L’obiettivo è quello di aiutare i nostri studenti ad inserirsi attivamente nei numerosi progetti scientifici a carattere internazionale della Sezione di Geologia (http://geologia.unicam.it/) e a trovare opportunità lavorative nelle nuove realtà europee che si stanno delineando, come ad esempio la Macroregione Adriatico-Ionica”. “L’Università di Camerino – ha dichiarato il Rettore Flavio Corradini – continua a perseguire con convinzione la politica dell’internazionalizzazione. Siamo convinti che questa sia la strada giusta e ce lo confermano anche i risultati in termini di immatricolazioni ottenuti dagli altri corsi di laurea dell’Ateneo che sono erogati in lingua inglese. Non solo infatti nel corso degli anni è aumentato notevolmente il numero di studenti stranieri che scelgono il nostro Ateneo, ma anche gli studenti italiani hanno dimostrato di apprezzare fortemente questa ulteriore opportunità”.

Posted in Cronaca/News, Università/University | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Dibattito con il Primo ministro svedese Stefan Löfven

Posted by fidest press agency su sabato, 5 marzo 2016

sveziaParlamento europeo. Mercoledì 9 marzo alle ore 15:00 , i deputati discuteranno la situazione attuale dell’UE con il Primo ministro svedese Stefan Löfven. Löfven, politico di estrazione socialdemocratica che da ottobre 2014 è alla guida della prima coalizione di governo in assoluto tra socialisti e verdi in Svezia. Al termine del dibattito in Plenaria, ci sarà una conferenza stampa con Löfven e il Presidente del Parlamento europeo Martin Schulz.Dalle elezioni europee del 2014, i seguenti capi di Stato e di governo hanno preso parte a discussioni in Plenaria, in aggiunta a quelle tradizionali delle Presidenze del Consiglio entranti e uscenti:
19 maggio 2015: il Primo ministro ungherese Viktor Orbán, sulla situazione in Ungheria
8 luglio 2015: il Primo ministro greco Alexis Tsipras sull’UE, sui summit sull’Euro e sulla situazione in Grecia
7 ottobre 2015: il Presidente francese François Hollande e il Cancelliere tedesco Angela Merkel sulla situazione dell’UE
19 gennaio 2016: il Primo ministro polacco Beata Szydło sulla situazione in Polonia

Posted in Estero/world news, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Giornata della donna: deputati chiedono misure UE per proteggere le donne rifugiate

Posted by fidest press agency su sabato, 5 marzo 2016

otto donne e un mistero 3Parlamento europeo. In un progetto di risoluzione che sarà posto in votazione martedì 8 marzo, i deputati chiederanno una riforma delle politiche e delle procedure di migrazione e asilo dell’UE per includere misure di genere che garantiscano la sicurezza delle donne in cerca di asilo, spesso in viaggio con bambini piccoli e altre persone a carico. Poco prima della votazione, l’Alto Commissario delle Nazioni Unite per i Rifugiati Filippo Grandi si esprimerà sul tema in Plenaria.Nel testo della risoluzione si richiede che, nel momento di valutare le domande di asilo, le forme di violenza individuali e di genere come lo stupro, la violenza sessuale, le mutilazioni genitali femminili, i matrimoni forzati o la violenza domestica dovrebbero essere riconosciuti come motivi validi per richiedere asilo in Europa.Tra le misure volte a garantire le esigenze della donna durante tutto il processo di asilo figurano:
zona notte e servizi igienici separati per genere personale e interpreti femminili servizi sanitari di genere come cure prenatali e postnatali e consulenza traumi per le donne che hanno subito violenza di genere
cura dei bambini durante lo screening e il colloquio per la richiesta d’asilo
informazioni per le donne e sul loro diritto di presentare richiesta di asilo indipendentemente dal loro coniuge, come aspetto chiave per l’emancipazione delle donne formazione specifica di genere per il personale, compresa una formazione sulla violenza sessuale, sul traffico e sulla mutilazione genitale femminile.

Posted in Cronaca/News, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Superbatteri: i deputati vogliono limitare l’uso di antibiotici nell’agricoltura

Posted by fidest press agency su sabato, 5 marzo 2016

batteri patogeniParlamento europeo mercoledì 9 marzo. Per combattere la crescente resistenza dei batteri, come la salmonella e il campylobacter, agli antibiotici attuali, l’uso dei farmaci antimicrobici esistenti dovrebbe essere limitato, mentre si dovrebbero sviluppare farmaci di nuova generazione.Nella votazione di giovedì sulla proposta di modifica della legge UE in materia di medicinali ad uso veterinario, i deputati chiederanno probabilmente di vietare il trattamento antibiotico collettivo e preventivo degli animali e di prendere misure atte a stimolare la ricerca di farmaci di nuova generazione.Secondo il progetto di risoluzione, i medicinali veterinari non devono, in nessun caso, servire a migliorare le prestazioni o a compensare pratiche di allevamento inadeguate. L’uso profilattico degli antibiotici per i singoli animali (cioè come misura preventiva e in assenza di segni clinici d’infezione) deve essere limitato e attuato solo quando è completamente giustificato da un veterinario.Per combattere la resistenza antimicrobica, la nuova legge autorizza la Commissione europea a stabilire quali antimicrobici devono essere riservati esclusivamente al trattamento umano.
Per incoraggiare la ricerca di nuovi antimicrobici, i deputati dovrebbero proporre l’uso di incentivi, tra i quali: periodi più lunghi di tutela per la documentazione tecnica sui nuovi farmaci, protezione commerciale dei principi attivi innovativi e degli investimenti significativi nelle analisi condotte per migliorare un prodotto antimicrobico esistente o per tenerlo sul mercato.
I deputati voteranno giovedì anche la relazione di Claudiu Ciprian Tănăsescu (S&D, RO), che modifica un’altra legge per migliorare la procedura d’immissione sul mercato di medicinali ad uso veterinario, che deve essere separata da quella sui farmaci per gli esseri umani. Il Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie (CEPCM) ha recentemente comunicato che i batteri negli esseri umani, nel cibo e negli animali continuano a mostrare resistenza agli antimicrobici più diffusi. Gli scienziati affermano che la resistenza alla ciprofloxacina, un antimicrobico importante per il trattamento delle infezioni umane, è molto alta nel campylobacter, riducendo così le opzioni per il trattamento efficace delle gravi infezioni alimentari. Anche i batteri di salmonella, resistenti a diversi farmaci, continuano a proliferare in tutta Europa.

Posted in Estero/world news, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , , , | Leave a Comment »

Latte e frutta nelle scuole: migliorare l’educazione alimentare

Posted by fidest press agency su sabato, 5 marzo 2016

fruttaParlamento europeo lunedì 7 marzo Secondo il progetto di legge, concordato a titolo provvisorio con i ministri dell’UE in discussione lunedì e in votazione martedì, i bambini europei dovrebbero presto ottenere maggiori benefici da una migliore educazione alimentare e dal finanziamento dei programmi su latte, frutta e verdura nelle scuole.Qualora il progetto fosse approvato, i programmi scolastici su latte e frutta, attualmente separati, verranno accorpati, e i fondi annuali destinati al nuovo programma unico passeranno da 20 milioni di euro a 250 milioni di euro.Quasi 10 milioni di bambini nell’UE hanno beneficiato del programma sulla frutta e circa 19 milioni del programma sul latte nel periodo 2013/2014.
Il programma per il latte nelle scuole è stato istituito nel 1977. Il programma per la frutta, che include attività di formazione, è stato introdotto invece nel 2009. Entrambi i programmi sono stati creati per promuovere il consumo di frutta, verdura, latte e prodotti lattiero-caseari, ma hanno finora operato sotto diversi regimi giuridici e finanziari. Tutti i 28 Stati membri partecipano al programma per il latte nelle scuole e 25 di essi a quello per la frutta nelle scuole (non partecipano: Regno Unito, Finlandia e Svezia).
Il consumo di frutta, verdura e latte è in calo in tutta Europa. Più di 20 milioni di bambini europei sono sovrappeso e gli adolescenti mangiano in media solo il 30 o 50% della dose giornaliera consigliata di frutta e verdura.

Posted in Estero/world news, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Migrazione:dibattito sul vertice UE-Turchia e sul prossimo Consiglio europeo

Posted by fidest press agency su sabato, 5 marzo 2016

rifugiati sirianiJeanine Hennis-Plasschaert, in rappresentanza della Presidenza del Consiglio olandese, e Valdis Dombrovskis, vicepresidente della Commissione, discuteranno mercoledì 9 marzo mattina, in un dibattito con i deputati, l’esito del vertice UE-Turchia sulla crisi dei rifugiati. Saranno inoltre discussi i punti all’ordine del giorno della prossima riunione del Consiglio europeo di primavera (17-18 marzo).Far fronte ai bisogni umanitari dei migranti e dei rifugiati bloccati in Grecia e Turchia, attuare il piano d’azione UE-Turchia e facilitare il ripristino il normale funzionamento dello spazio Schengen saranno i temi dibattuti nel corso della riunione straordinaria tra i capi di Stato e di governo e il Primo ministro turco Ahmet Davutoglu.
Martedì pomeriggio otto marzo, la Commissione aggiornerà i deputati sull’attuazione dell’Agenda europea sulla migrazione e sui progressi nella ricollocazione dei rifugiati.

Posted in Estero/world news, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Una Nave di Libri per Barcellona

Posted by fidest press agency su sabato, 5 marzo 2016

barcellonaBarcellona dal 20 al 24 aprile la VII edizione si svolge in forma particolarmente coinvolgente: durante la Festa di “San Giorgio, i libri e le rose” gli uomini regalano alle donne una rosa e vengono contraccambiati con un libro. Si tratta di una grande manifestazione popolare all’insegna dell’amore per i libri e per la cultura, durante la quale la città che si riempie di rose e libri, con autori per le strade a firmare copie ai loro fans, e poeti che recitano le loro poesie nelle piazze.
Leggere: tutti ogni anno è sulla Rambla con un grande stand con i libri degli scrittori che partecipano all’evento a bordo della nave Grimaldi Lines. Anche il viaggio è pertanto particolarmente coinvolgente, grazie a scrittori, attori, registi e cantanti che ne prendono parte.
Leggere:tutti cura il programma letterario e culturale sulla Nave dei Libri per Barcellona, organizzata in collaborazione con Grimaldi Lines, perchè anche il viaggio verso Barcellona sia all’insegna dell’amore per i libri e per la cultura.
Molti e di grande richiamo gli autori che hanno già accolto con entusiasmo l’invito di salire a bordo. Tra questi gli scrittori Diego De Silva, Emanuela Ersilia Abbadessa, Mario Bernardi Guardi, Roberto Ippolito, Lorenzo Marone, Sara Rattaro, Roberto Riccardi, Vittorio Russo, Fiorella Cappelli, Anna Appolloni, Gaetano Savatteri e il regista Mimmo Calopresti, lo chef Renato Bernardi. Sulla nave sarà inoltre allestita la mostra fotografica “I tanti Pasolini”, realizzata dall’Archivio Riccardi e curata da Maurizio Riccardi e Giovanni Currado, in occasione dei 40 anni della scomparsa di uno degli intellettuali più illuminati del novecento italiano.L’attracco nel capoluogo catalano è previsto per la sera del 21 aprile. Il giorno successivo ci sarà la possibilità di visitare la città, mentre il 23 aprile si parteciperà alla grande festa di “San Giorgio, i libri e le rose”; anche Leggere:tutti sarà sulla via principale di Barcellona con un’installazione dal significato tanto delicato quanto importante. Sulla Rambla infatti sarà posizionata una barca, utilizzata dai migranti per arrivare in Italia in cui saranno esposti i libri, scritti nelle lingue dei Paesi del Mediterraneo. Un simbolo per affermare con forza che non esistono confini né di razza né di colore e che la cultura può, anzi deve, essere portatrice di messaggi di pace e di solidarietà.Il tema della migrazione è tra l’altro il filo rosso degli incontri organizzati quest’anno per “Una nave di libri”. A bordo infatti ci saranno autori, arrivati in Italia come migranti, oggi considerati tra le voci più originali del panorama letterario nazionale e non solo: tra questi, Anilda Ibrahimi, giornalista e scrittrice albanese oggi residente in Italia, e la giovane italo-libanese Leyla Khalil.

Posted in Estero/world news, Recensioni/Reviews, Uncategorized | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Mostra internazionale Libri antichi e di pregio a Milano

Posted by fidest press agency su sabato, 5 marzo 2016

mostra libri antichiMilano 11-13 marzo. ALAI Associazione Librai Antiquari d’Italia presenta la quarta edizione della Mostra Internazionale Libri Antichi e di Pregio a Milano Milano dall’11 al 13 marzo 2016, nella suggestiva cornice del Salone dei Tessuti, sede prestigiosa e strategica posta a soli 500 metri dalla Stazione Centrale del capoluogo lombardo in via Sam Gregorio 29 si svolgerà la grande mostra-mercato, che si riconferma il più importante evento del mercato librario d’antiquariato in Italia, dopo il grande successo di pubblico delle precedenti edizioni, con la conferma del patrocinio di Comune di Milano, Città Metropolitana di Milano, Regione Lombardia, Camera di Commercio di Milano, il sostegno di Assicurazioni Generali e il supporto di AbeBooks. Oltre 30 prestigiose librerie antiquarie italiane e internazionali presenteranno al pubblico alcuni tra i loro volumi più preziosi: libri miniati, incunaboli, documenti rari ed edizioni di pregio contemporanee per il piacere di collezionisti, esperti bibliofili e di tutti gli appassionati della carta stampata. Un vero e proprio patrimonio, ampio e articolato, che delinea la storia dell’umanità, fatta di cultura e bellezza. Qui gli editori espositori.
La Mostra Internazionale Libri Antichi e di Pregio a Milano anche presenta un ricco programma di incontri: sabato 12 marzo alle ore 10.30 Stefano Zuffi parlerà di Geografia reale e mondi fantastici: libri e sogni all’epoca di Bosch; alle 11.30 Stefano Salis coordinerà l’incontro Un genio dell’illustrazione italiana: Antonio Rubino con lo studioso dell’illustrazione Santo Alligo e l’editore Fabio Vittucci; alle 12.30 sarà presentato anche il libro di Giancarlo Petrella dal titolo À la chasse au bonheur. I libri ritrovati di Renzo Bonfiglioli e altri episodi di storia del collezionismo italiano del Novecento (Olschki, 2016); alle ore 15.30 Marco Carminati illustrerà Le peripezie dei codici di Leonardo Da Vinci; alle 17.30 sarà la volta di Marcello Jori con Gli Albi dell’Avventura pubblicati da Skira, mentre alle 18.30 si terrà l’incontro Il Beckett per bibliofili ritrovato con Stefano Salis e Francesco Michielin, artista, bibliofilo e curatore del libro edito da Scheiwiller. Domenica 13 marzo alle ore 10.30 si terrà la presentazione del secondo numero della Rivista di cultura del libro, pubblicazione ricca di contributi di livello accademico e bibliografico con cui l’Associazione Librai Antiquari d’Italia porta avanti l’obiettivo di dare voce al prezioso patrimonio di esperienze e informazioni che librai e collezionisti raccolgono sul libro e la sua storia; l’incontro sarà coordinato da Pier Luigi Vercesi con il Presidente dell’ALAI Marco Cicolini, il direttore della rivista Giovanni Biancardi e il condirettore di Charta Mauro Chiabrando. Alle ore 11.30 Stefano Salis modererà la presentazione del libro e della suite Nove Tagliacarte (Henry Beyle Edizioni) con il designer Alessandro Mendini, l’editore Vincenzo Campo e il bibliofilo Pier Luigi Vercesi; alle ore 16 sarà la volta di Arte e astrologia. Lo zodiaco intellettuale con Stefano Zuffi e la storica dell’arte Alessandra Novellone.
Venerdì 11 marzo – dalle ore 17.30 alle 20.30 Sabato 12 marzo – dalle ore 10.30 alle 19.30 Domenica 13 marzo – dalle ore 10.30 alle 17.30 Biglietto di ingresso € 10.00 valido per tutta la durata della mostra.

Posted in Cronaca/News, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Il numero di rifugiati burundesi ha raggiunto quota 250mila, mentre il finanziamento rimane pari al 3 per cento

Posted by fidest press agency su sabato, 5 marzo 2016

burundi_mapLa situazione in Burundi continua ad essere molto tesa e il numero di persone costrette a fuggire e cercare rifugio nei paesi vicini ha oltrepassato quota 250mila. L’Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i Rifugiati (UNHCR) teme che questa cifra possa anche essere superata.Il numero medio di nuovi arrivi settimanali è stato superiore alle mille unità in Tanzania, 500in Uganda, 230 in Rwanda e 200 nella Repubblica Democratica del Congo. Il numero di ritorni spontanei è stato molto esiguo.Per evitare un’ulteriore deterioramento della situazione è importante mantenere il sangue freddo e sollecitare una continua attenzione internazionale. Il diritto di lasciare il paese e chiedere asilo deve essere rispettato.Nonostante i recenti sforzi di alto livello per coinvolgere il governo, l’UNHCR non ha riscontrato significativi miglioramenti delle condizioni di sicurezza e dei diritti umani sul campo. Anche il deterioramento della situazione economica costituisce un motivo di preoccupazione e potrebbe innescare ulteriori spostamenti.Gli ultimi dati a disposizione dell’UNHCR indicano che 250.473 persone sono state registrate come rifugiati nella Repubblica Democratica del Congo (21.186); Rwanda (73.926); Tanzania (131.834); Uganda (22.330); e Zambia (1.197) dall’inizio di aprile dello scorso anno, quando il presidente Pierre Nkurunziza ha annunciato l’intenzione di correre per un terzo mandato, che ha poi vinto.Anche se di recente c’è stata un leggera tregua rispetto agli episodi di violenza, i rifugiati che arrivano nei paesi di accoglienza continuano a denunciare le violazioni dei diritti umani in Burundi e le difficoltà che incontrano nel lasciare il paese. L’UNHCR ha anche ricevuto un numero crescente di segnalazioni da parte dei rifugiati rispetto a casi di detenzione e di violenza sessuale e di genere durante il transito.Circa 1.700 rifugiati burundesi sono arrivati ​​nella Repubblica Democratica del Congo dall’inizio dell’anno. Molti vivono nelle aree rurali povere, dove le condizioni sono dure, e circa due terzi (14.772) sono nel campo di Lusenda, che sta raggiungendo la sua capacità massima di 18mila persone.Il sovraffollamento è un problema in tutti i paesi ospitanti, tra cui la Tanzania, che ha accolto più burundesi rispetto a qualsiasi altro paese. Il campo di Nyarugusu ospita circa 143mila persone, di cui quasi 80mila arrivate ​​dallo scorso aprile. Il decongestionamento del campo rappresenta una priorità e i nuovi arrivi sono indirizzati a Ndutu, mentre altri già presenti a Nyarugusu vengono inviati al campo di Mutendeli, recentemente riaperto. È previsto l’allestimento di un altro campo a Karago, ma la capacità di quel campo e di quello di Mutendeli è limitata a causa delle riserve idriche insufficienti.In Rwanda, circa 48mila rifugiati burundesi vivono nel campo di Mahama, il più grande campo del Rwanda, e più di 26mila a Kigali e in altre città. Con il protrarsi delle condizioni di insicurezza in Burundi, i rifugiati stanno finendo i loro risparmi, il che incrementerà il loro bisogno di assistenza. Il governo, dal canto suo, ha chiarito che non ha in programma di trasferire i rifugiati burundesi e manterrà le sue porte aperte.
In Uganda, circa due terzi dei burundesi arrivati durante l’anno scorso sono ospitati nell’insediamento per rifugiati di Nakivale (14.876), nella regione del Sud-Ovest, il 21 per cento nella capitale Kampala, e i rimanenti negli insediamenti di Kyaka II, Oruchinga e Kisoro. Nella maggior parte dei casi si tratta di giovani donne e bambini, con un numero sproporzionatamente basso di giovani uomini. Si sta lavorando per estendere le aree di insediamento a Nakivale e nelle altre località. L’accesso all’acqua continua a rappresentare un problema e l’UNHCR sta trasportando riserve idriche a bordo in camion a Nakivake, ma si tratta di una soluzione costosa e insostenibile.
Come per gli altri paesi d’asilo, il finanziamento costituisce un grave problema che sta colpendo l’accesso all’istruzione, all’assistenza sanitaria, ai mezzi di sussistenza, di consulenza e molto altro, anche se l’Uganda permette alle persone di lavorare e viaggiare.L’UNHCR ha richiesto 175,1 milioni di dollari per la risposta umanitaria in Burundi nel 2016 e ha finora ricevuto 4,7 milioni di dollari, pari a circa il 3 per cento. L’Agenzia ringrazia i donatori per la generosità dimostrata fino ad oggi, ma fa appello affinché arrivino con urgenza ulteriori finanziamenti.

Posted in Estero/world news, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Bilancio in crescita per Lamberet S.p.A.

Posted by fidest press agency su sabato, 5 marzo 2016

lamberetUn 2015 decisamente positivo per Lamberet S.p.A., filiale italiana del gruppo leader nel settore della carrozzeria refrigerata. In linea con i risultati positivi conseguiti dalla casa madre, il fatturato 2015 di Lamberet Italia si attesta a 31mln di euro, segnando un incremento dei ricavi del 28,4% rispetto all’anno precedente.
In Italia a fronte di una crescita del mercato isotermico del 18%, la quota di mercato di Lamberet passa dal 23,5% del 2014 al 27,1% del 2015, segnando così un aumento del +3,6%. I veicoli venduti lo scorso anno sul mercato nazionale sono stati circa 1.000, tra nuovi e usati. «Siamo decisamente soddisfatti dei risultati positivi conseguiti nel 2015 dalla nostra azienda in Italia – commenta Vincenzo Aristide Di Salvo, CEO di Lamberet S.p.A. – Questo trend di crescita è dovuto sia a un incremento generale del mercato, ma di certo anche agli investimenti tecnici ed operativi che abbiamo fatto nel corso del 2015, che sono pari a 3,5 mln di euro, che includono la nuova sede di Lainate, operativa dallo scorso settembre in sostituzione di quella di Cerro Maggiore».La nuova sede, che si trova nella zona industriale di Lainate, alle porte di Milano, si sviluppa su una superficie di 15mila mq e comprende sia gli uffici amministrativi che la parte di officina-ricambi, con aree sosta e spazi di manovra pensate per i mezzi pesanti.
Nell’area magazzino sono catalogate tutte le parti di minuteria necessarie al montaggio degli oltre 40 gruppi frigo a listino: barre laterali, parti elettriche, luci, catadiottri, guarnizioni. Ora, nel caso sia necessaria una sostituzione per usura o incidente, il cliente non è costretto a rivolgersi a un’officina ma può trovare subito, direttamente in sede, il pezzo di ricambio di cui necessita. Nella sede di Lainate infatti si trovano ricambi per veicoli immatricolati dal 1991 e un enorme listino che comprende circa 4mila articoli suddivisi per codice per le varie gamme e componenti di tutti i generi, dai telai alle porte. (foto: lamberet)

Posted in Uncategorized | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

TOI! TOI! TOI! per Eleonora Buratto, Ambassador Martino Midali, al debutto alla Metropolitan Opera House di New York

Posted by fidest press agency su sabato, 5 marzo 2016

Eleonora BurattoIl 4 marzo, con repliche il 9-12-15 e 18, prima volta nel prestigioso teatro newyorchese per il giovane soprano mantovano Eleonora Buratto, Norina protagonista del Don Pasquale di Donizetti, diretta dal M° Maurizio Benini, insieme a un cast d’eccezione composto dal tenore messicano Javier Camarena e dal grande basso Ambrogio Maestri. “Auguro a Eleonora tutto il successo che si merita. L’ho conosciuta poco tempo fa – racconta Martino Midali – ma è subito nata una bella intesa. Mi sono trovato di fronte una ragazza giovane, ma con una grande determinazione. Ha scelto di intraprendere una carriera particolarmente impegnativa, che la porta a sacrifici a volte fin troppo grandi per la sua età, ma l’ho sempre vista con il sorriso sulle labbra. Ecco perché è una donna Midali ideale”. La giovane artista nata a Mantova, città designata capitale italiana per la cultura del 2016, veste lo stilista Martino Midali per tutte le sue occasioni di vita, pubblica e privata, ritrovandosi in uno stile capace di soddisfare le esigenze di una carriera che la porta in giro per il mondo a calcare le scene dei teatri d’opera più importanti. Dopo il successo ottenuto in occasione dell’apertura della stagione del Petruzzelli di Bari, l’interprete italiana riconosciuta a livello mondiale, dopo l’impegno nella Grande Mela sarà all’Opera di Liegi sulle note del Requiem di Mozart, quindi ancora negli States ad aprile per il Falstaff al Chicago Symphony Center e quindi in giugno al Gran Teatre Liceu di Barcellona con la Bohème. (foto: Eleonora Buratto)

Posted in Estero/world news, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre, Uncategorized | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »