Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 31 n° 275

Archive for 10 marzo 2016

MEPs strengthen rights of children in criminal proceedings

Posted by fidest press agency su giovedì, 10 marzo 2016

europa-261011-cMEPs backed new rules on Wednesday to ensure that children who are suspected or accused of a crime get a fair trial. The directive, informally agreed with the Council last December, recognises the right of anyone under 18 to be assisted by a lawyer and to be accompanied by the holder of parental responsibility (or another appropriate adult) through most of the proceedings.“The text presents a catalogue of rights and guarantees as a common European model of fair trials for minors in which we strike a balance between the need to ascertain responsibility for crime and the need to take due account of minors’ vulnerability and specific needs”, said Caterina Chinnici (S&D, IT), who steered the legislation through Parliament. The new directive was approved by 613 votes to 30, with 56 abstentions.
The draft directive aims to ensure that children can understand and follow court proceedings and are prevented from re-offending. The child’s best interest must always be the primary consideration, says the text. The directive also includes the right to an individual assessment by qualified personnel and to a medical examination if the child is deprived of liberty.
MEPs inserted a provision to ensure that children always have the right of access to a lawyer. Exceptions to this right may be made only if it deemed not to be proportionate in the light of the circumstances of the case, or in exceptional cases, at the pre-trial stage, given the child’s best interest..Separate detention from adults and other fair trial safeguards. The directive would require EU member states to ensure that deprivation of liberty, and in particular detention, is imposed on children only as a last resort and for the shortest appropriate period. Children who are detained should be held separately from adults, unless it is considered to be in the child’s best interests not to do so.The directive also includes other safeguards, such as:
the right for children to be promptly informed about their rights and about general aspects of the conduct of the proceedings, information to be provided to the holder of parental responsibility or another appropriate adult, nominated by the child and accepted as such by the competent authority,the right to be accompanied by that person during court hearings and at other stages of the proceedings such as police questioning,the right to protection of privacy during criminal proceedings, including the option of having court hearings involving children held in the absence of the public, and specific training for justices, prosecutors and other professionals who deal with criminal proceedings involving children.The directive now needs to be formally approved by the Council of Ministers. Once published in the EU Official Journal, member states will have three years in which to transpose it into their national laws. Denmark, the UK and Ireland have opted out of this directive and will not be bound by it.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Estero/world news, Uncategorized | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Why are some pages on Wikipedia so much longer than others?

Posted by fidest press agency su giovedì, 10 marzo 2016

Warwick_Business_School_Scarman_road_viewA new study has found it is not only how famous or popular the subject is, but more if it generates what the researchers call ‘cumulative growth effect’.After all the longest page on the English Wikipedia is a ‘List of law clerks of the Supreme Court of the United States’, while ‘1919 Birthday Honours’ and ‘Lists of Comets by type’ are also in the top 10.The biggest page that isn’t a list is ‘Opinion polling for the 2015 United Kingdom general election’, at number three according to Wikipedia, and ‎’Constituency election results in the United Kingdom general election, 1929’ at 10.None of these subjects are likely to capture the general public’s imagination, but new research has found the way Wikipedia works produces a snowball of editors onto a page – known as a ‘cumulative growth effect’.The open source platform relies on a host of editors – or Wikipedians – to contribute, organise and edit the site and researchers found that articles tend to snowball, with the number of contributions to an article increasing as it gets longer and longer.
Without this cumulative growth effect, articles would have been up to 45 per cent shorter according to Aleksi Aaltonen, of . Dr Aaltonen said: “We found the way in which Wikipedia’s content production is organised is inherently motivating for users. The gradual nature of content development encourages and inspires users and editors – it snowballs.“This motivational mechanism may emerge from the fact that once the content is there subsequent users are able to build on it bit by bit and see the results immediately rather than having to contribute an entire article.“As a consequence, articles that are edited heavily and therefore grow in length will continue to be edited more.”In the article Cumulative Growth in User-Generated Content Production, published in Management Science, Dr Aaltonen and Stephan Seiler, of Stanford University, used eight years of data looking at articles on the Roman Empire on the English Wikipedia.The data set contains the full text of every version of all articles from the beginning of the online encyclopaedia in January 2001 to January 2010. This allowed the researchers to track the evolution of the content of each article on the Roman Empire.“Looking at this data set, we found surprisingly strong evidence for a cumulative growth effect,” said Dr Aaltonen. “More specifically, when we controlled for the popularity of individual articles and the overall editing activity at different times as well as for a number of other factors, we still found that the current length of the article has a positive impact on the amount of editing it receives.”
The Roman Empire section, which comprises 1,310 unique articles, was chosen by the researchers as the knowledge on the topic could be assumed to undergo relatively little change during the sample period. This helped to control for possible new information on the subject coming to light that could otherwise affect the evolution of the content.Dr Aaltonen said: “The main lesson we can draw from the findings is that any action that increases content can trigger further contributions.“Two ways to achieve an increase in content and grow the length of a page is to incentivise users to contribute content or, even more directly, to pre-populate articles with content. These interventions can lead to a magnified effect as more editors are attracted to the content and as they contribute so it snowballs.“Because many organisations such as Sony, Xerox, Disney, Microsoft and Intel harness wikis – server programs that allows users to collaborate in forming the content of a website – often using the same software and a similar page layout, these findings are likely to carry over to those related platforms.“Importantly, we also found the additional activity induced by the cumulative growth effect leads to an increase in content quality.
“Our findings are therefore relevant for the design of other open content production platforms as well. Importantly, the platform provider has some degree of control over the source of the motivational mechanism we identify – that is the amount of content.”

Posted in Estero/world news, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Expert comment: Proposed Merger of LSE and Deutsche Borse

Posted by fidest press agency su giovedì, 10 marzo 2016

borsaExpert comment on the proposed Merger of LSE and Deutsche Borse, John Colley, Professor of Practice at Warwick Business School and an expert on mega mergers, has made the following statement: “After an initial announcement last week, stock exchange boards in Frankfurt and London are currently working on how to make the proposed merger of Europe’s leading stock exchanges more attractive to shareholders as potential bidders wait in the wings. So far the benefits are being aired as £250M of administration savings, mainly IT, and ‘capital compression’ of £7Bn for investors as the same capital requirement would satisfy both exchanges.”The savings seem rather meagre in a merger which appears to be designed to avoid upsetting staff, directors and, indeed, competition authorities. Previous stock exchange merger attempts have attracted sufficient attention to prevent progress and hence the particularly gentlemanly approach on this occasion.”The real issue is achieving scale to compete on a global scale against already consolidated opponents. Europe needs a strong champion to compete against the US exchanges and Hong Kong. In the past European competition authorities have tended to see such mergers at a European level. The issue this time may be the complications of a possible Brexit.”Whilst promoted as a ‘merger of equals’ with top jobs respectively filled by a balance of directors from both businesses, in practice such arrangements rarely work. ‘Mergers of equals’ usually result in a lack of clarity in direction and leadership as both camps jockey for influence. A result is a confused structure and a failure to drive cost savings opportunities arising from the merger. This situation can persist for several years before investor pressure results in one camp taking overall responsibility and addressing the necessary savings.”Currently the most likely intervention is likely to come from the US network of exchanges and clearing houses ‘Intercontinental Exchange’ lead by founder and president Jeffrey Sprecher. However the current approach of the LSE and Deutsche Borse may not be aggressive enough to see off Sprecher’s unwanted attention. Intercontinental, based in Atlanta, was founded in 2000 compared to the rather more illustrious history of LSE founded in 1571 and opened by Queen Elizabeth.”

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Estero/world news, Uncategorized | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Friend of the Sea first sustainable seafood program recognized

Posted by fidest press agency su giovedì, 10 marzo 2016

commissione europeaby EU National Accreditation Body. Friend of the Sea is the first certification scheme for products from sustainable fisheries and aquaculture to have achieved official endorsement by an EU National Accreditation Body. This is the highest possible recognition of consistency and integrity that any certification program could aim at.
Only EU National Accreditation Bodies can carry out accreditation activities in the EU, according to the regulation of the European Parliament and Commission n° 765 of July 9, 2008. Any other private accreditation would thus be not compliant with EU Accreditation rules and possibly in infringement. Friend of the Sea is now working only with those Certification Bodies that have applied for this official EU accreditation.
“EU National Accreditation positions Friend of the Sea above any other sustainable fisheries certification program, as far as independence and credibility are concerned”, comments Paolo Bray, Director and Founder of Friend of the Sea. “We are disappointed to learn that the new GSSI benchmark will accept application of schemes not compliant with the EU Accreditation rules as this surely weakens the validity of the GSSI assessment, with a potential to mislead companies and consumers.”

Posted in Cronaca/News, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Jueves, 17 de marzo. Ciclo “Suono Italiano Madrid”

Posted by fidest press agency su giovedì, 10 marzo 2016

roberto giordanoTras los éxitos del trío Estrio, del dúo Cicchese – Panzarella, de Giuseppe Andaloro y de Globeduo, el ciclo “Suono Italiano Madrid” del Instituto Italiano de Cultura, continúa el próximo 17 de marzo con el concierto del célebre pianista Roberto Giordano. El ciclo “Suono Italiano Madrid” -que el IIC Madrid ha puesto en marcha nuevamente esta temporada junto al Cidim (Comitato Nazionale Italiano Musica) y con el patrocinio de Unión Fenosa Gas- continúa con el concierto de Roberto Giordano, joven y excelente pianista de destacada fama internacional. “Pianista excelente, de gran clase y elegancia”, “Virtuoso sin par”, “Músico refinado y sensual”, “Poeta del piano”, son algunas de las expresiones con las que la crítica le ha descrito. Tras su nombramiento como artista reconocido por parte el Gobierno belga, Roberto Giordano simultanea con la carrera concertística, la docencia de piano principal en el Institut Supérieur de Musique et Pédagogie de Namur y en el Conservatorio Francesco Cilea de Reggio Calabria. En Calabria, su tierra de origen, ha ideado y realizado el Cantiere Musicale Internazionale, instituto de formación musical de inspiración innovadora y completa. Giordano ofrecerá un excepcional concierto en el que se proponen piezas de Scarlatti, Brahms, Mendelssohn y Chopin. (foto: roberto giordano)

Posted in Estero/world news, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre, Uncategorized | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Le nuove prospettive offerte dalle “terapie rigenerative”

Posted by fidest press agency su giovedì, 10 marzo 2016

ricercatoreRoma dal 9 all’11 marzo 2016 sesto Congresso C.O.R.T.E. presieduto dal prof. Nicolò Scuderi presso il Palazzo dei Congressi di Roma Eur. Intervento del prof. Mauro Picardo. Le ricerche cliniche e laboratoristiche svolte in questi anni sulla riparazione delle ferite difficili ci hanno portato a capire meglio i meccanismi biologici alla base delle rigenerazione tissutale, la rilevanza della ‘comunicazione’ e cooperazione tra le varie popolazioni cellulari e il ruolo dei mediatori solubili. Una delle sessioni del Congresso riguarda il lichen scleroatrofico (LS) una patologia infiammatoria a carattere cronico-recidivante che può interessare, con formazioni maculari o a placche, le mucose genitali maschili e femminili, la cute adiacente e in misura meno significativa la cute di altri siti corporei. Si caratterizza a livello clinico, con uno stato di sclerosi e/o atrofia tessutale inteso come pallore, perdita di elasticità ed indurimento dei distretti coinvolti. Per la sua elevata incidenza, circa il 25% delle osservazioni nei centri di patologia vulvare e per le importanti ripercussioni funzionali, è causa di una elevata morbilità soprattutto a carico della popolazione femminile. La maggiore frequenza nelle donne con un rapporto femmine/maschi variabile da 10:1 a 6:1 accosta il LS da un punto di vista patogenetico ad altre patologie di tipo autoimmunitario. In considerazione dell’ipotesi patogenetica quale malattia a carattere infiammatorio ed immuno-mediata, il Lichen scleroatrofico ha mostrato una elevata sensibilità alla terapia steroidea locale, con buoni o ottimi risultati sui sintomi, sulla obiettività e nel ridurre le conseguenze funzionali della malattia. Inoltre è stata osservata una regressione dei parametri dell’infiammazione e del danno tessutale anche a livello istologico. Il clobetasolo propionato, farmaco principe in questa azione, usato localmente come unguento o pomata, ha dimostrato un’efficacia superiore rispetto ad altri trattamenti finora effettuati. L’uso del cortisone ad elevata potenza prevede un trattamento di circa 20-30 giorni, due volte al giorno, per poi passare ad applicazioni bisettimanali come mantenimento per alcuni mesi. È importante in seguito monitorare la terapia in funzione del risultato e dei possibili effetti collaterali. Una possibile evoluzione è quella in un carcinoma che coinvolge la cute e le mucose per cui la pazienti debbono essere controllate periodicamente. Una nuova frontiera del trattamento del lichen è la terapia rigenerativa che ha lo scopo di cercare di riattivare le cellule che costituiscono il derma e arrestare o fare regredire il processo sclerotico. Tra le terapie proposte c’è utilizzazione del plasma arricchito di piastrine (PRP) e la combinazione del PRP con cellule staminali mesenchimali isolate dalla cellule adipose del grasso addominale. Le esperienze in corso in diversi centri Italiani dimostrano una significativa efficacia del trattamento che porta, soprattutto se iniziato in fasi non molto avanzate della malattia, a una riduzione della sclerosi con un miglioramento della sintomatologia dolorosa. Studi sperimentali sulle cellule staminali mesenchimali sembrano indicare che un importane ruolo dopo la loro reimpianto sia la produzione di fattori di crescita più che l’eventuale differenziamento in cellule del derma in accordo con alte ricerche in corso.
Staminali: La terapia cellulare… senza cellule. Le cellule staminali diventano vere e proprie ‘fabbriche di farmaci’. I ricercatori dell’Istituto Neurologico Carlo Besta di Milano le hanno utilizzate per la prima volta al mondo per ricavarne proteine e fattori di crescita e aiutare il corpo nel riformare naturalmente e più velocemente i suoi vasi sanguigni e tessuti. Grazie a questa nuova tecnica, infatti, ferite croniche come le ulcere diabetiche si sono cicatrizzate in un tempo sino a due volte più breve. Questo innovativo intervento di medicina rigenerativa è possibile grazie all’uso di piccole strutture, gli scaffolds, costituite della più sottile fibra di seta, che vengono ‘immerse’ nelle cellule staminali e che come spugne si imbevono delle benefiche molecole prodotte da queste ultime. Gli scaffolds, una volta collocati nella lesione, le rilasciano poco per volta, aiutando l’organismo in una cicatrizzazione rapida. Si tratta di un approccio del tutto nuovo all’uso delle cellule staminali. Infatti, invece di usarle direttamente come una sorta di panacea capace di diventare qualsiasi tipo di cellula e così riparare ogni tipo di danno all’interno del corpo, le abbiamo utilizzate come produttrici di molecole attive, una sorta di capsule che contengono più farmaci, senza la necessità di trapiantarle nel corpo. Abbiamo realizzato una vera e propria terapia cellulare senza l’impiego di cellule direttamente innestate sul soggetto trattato. I vantaggi nell’uso della matrice ‘decellularizzata’ sono una più facile conservazione, una riduzione della possibilità di reazioni immunologiche e dunque di rigetto, o patogene, di infezione. Questa ricerca suggerisce un uso potenziale di queste strutture decellularizzate nella cura di ulcere croniche diabetiche negli esseri umani.
L’acne inversa. Un altro risvolto della ricerca sulla riparazione tissutale è la dimostrazione del ruolo rilevante dei processi infiammatori nella induzione del danno tissutale e del ritardo nei processi di riparazione. Focalizzare la terapia verso i mediatori dell’infiammazione a seconda delle patologie può migliorare il decorso o prevenire la perdita di sostanza. L’idrosadenite suppurativa, anche conosciuta come acne inversa o malattia di Verneuil, é una dolorosa malattia cronica, orfana di diagnosi e terapie. Interessa l’epitelio del follicolo pilifero e, in via secondaria, le ghiandole sudoripare apocrine delle zone ‘inverse’ – ascelle, glutei, zona perianale, inguine e seno – ma non disdegna di colpire anche collo, cuoio capelluto e addome. Si manifesta con un’infiammazione della pelle, caratterizzata dalla comparsa noduli sottocutanei infiammatori (cisti), ascessi singoli o multipli, ricorrenti e recidivanti, e fistole. Le neoformazioni creano dei canali sottocutanei che le mettono in collegamento tra loro, estendendo il perimetro dell’infiammazione. Tipico della patologia é il fatto che gli ascessi si aprano (suppurazione), dando luogo alla fuoriuscita di pus ed altro materiale organico purulento risultato. L’estensione e la gravità delle lesioni è molto variabile; alcuni pazienti presentano forme lievi che interessano una sola regione mentre, nella maggior parte dei casi, è presente un coinvolgimento a livello di più aree. Non sappiamo la percentuale di prevalenza dell’idrosadenite suppurativa. La letteratura scientifica internazionale riferisce dati differenti che oscillano tra l’1% circa al 4% della popolazione generale. La patologia colpisce soggetti di ambo i sessi, tuttavia sembra esserci una prevalenza maggiore nelle donne rispetto agli uomini (con un rapporto M:F da 1:2 a 1:5). Sono state riscontrate differenze di genere anche rispetto alla localizzazione delle lesioni: nel sesso maschile è più frequente l’interessamento della regione ascellare, inguinale e interglutea, mentre nella donna la zona ascellare, sottomammaria e importante coinvolgimento della regione genitale. L’esordio della patologia è riscontrabile con maggiore frequenza tra le seconda e la terza decade di vita (20-30 anni), ma anche in età pre-puberale o dopo i 50 anni circa.
Le cause dell’idrosadenite suppurativa non sono ancora conosciute, tuttavia alcuni studi hanno rilevato il coinvolgimento di fattori che potrebbero aggravare il quadro, quali: fattori genetici (malattia può divenire familiare), ormonali e stile di vita (fumo e obesità possono aggravare i sintomi della patologia). Da recenti evidenze anche l’alimentazione ha un ruolo nella frequenza con cui si manifestano gli ascessi. La malattia oltre all’importante sintomatologia ha notevoli riflessi sulla qualità della vita e sui rapporti interpersonali. La terapia non è definita ma vengono in genere prescritti antibiotici topici e sistemici per periodi prolungati e derivati della vitamina A in particolare l’acitretina. Recentemente è stato dimostrato che la somministrazione di farmaci biologici ed in particolare di anticorpi anti la citochina infiammatoria TNFalfa, sono in grado di migliorare significativamente l’evoluzione delle manifestazioni a dimostrazione che la patologia è inizialmente infiammatoria e che successivamente si sviluppa la crescita batterica che dà origine alle fistole e alla produzione di pus. Il microbioma sella cute. L’ipotesi patogenetica che si sta sviluppando considera che in seguito a stimoli ormonali o ad alterazioni del metabolismo del glucosio ed in particolare delle resistenza periferica all’insulina, possano indursi fenomeni infiammatori in gradi di modificare sensibilmente il microbioma cutaneo, cioè della composizione della flora batterica e micotica che normalmente è presente sulla superficie cutanea rappresentata da alcuni miliardi di batteri di alcune specifiche specie il cui equilibrio risulta essere fondamentale nel mantenimento dell’omeostasi cutaneo e nel controllo dell’insorgenza di fenomeni infiammatori e nei processi di riparazione dei tessuti. Obiettivo capire come si sviluppa il microbioma sulla cute e quale sia la sua funzione e soprattutto come bisogna preoccuparsi di ricostituirlo nella riparazione delle feriti difficili con l’utilizzazione di antibiotici specifici e per periodi di tempo limitato e con attento utilizzo di antisettici aspecifici. Ma uno dei problemi più frequenti è quello di riuscire a mantenere il risultato raggiunto dopo i trattamenti terapeutici, aspetto molto importante in considerazione della elevata incidenza di recidive di lesioni ulcerative in relazione alle patologie di base. Tra gli i vari aspetti riabilitativi è estremamente importante l’alimentazione, purtroppo non sempre correttamente considerata: soprattutto i soggetti anziani e defedati vanno facilmente in deficit nutrizionale con una diminuzione della concentrazione di proteine tissutali.

Posted in Cronaca/News, Medicina/Medicine/Health/Science, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Vocazione Formazione Futuro: Obiettivo o “chimera” per i giovani chirurghi?

Posted by fidest press agency su giovedì, 10 marzo 2016

chirurgia esteticaRoma dal 9 all’11 marzo 2016 sesto Congresso C.O.R.T.E. presieduto dal prof. Nicolò Scuderi presso il Palazzo dei Congressi di Roma Eur. Intervista al prof. Emanuele Cigna. Le premesse, per comprendere se questo sia ancora, nello scenario attuale, un obiettivo possibile, non sono delle migliori: come far innamorare qualcuno di un mestiere stancante, logorante, difficile, pericoloso e non più remunerativo? “E questa è la parte, se vogliamo, più facile – spiega Emanuele Cigna, presidente dei giovani chirurghi – perché l’amore non accetta regole né confini. Fortunatamente l’amore nasce ‘da dentro’ e la chirurgia è ricca di fascino, si lascia amare”. Il problema sorge dopo, ed è enorme: “oggi ci sono ben 5 mila posti meno del necessario per l’accesso alle Scuole di specializzazione – aggiunge Cigna – scuole che troppo spesso ‘non formano’ vista l’impossibilità di eseguire gli interventi in prima persona; cinque, anche sei anni di vita passata a fare i segretari, i burocrati, anche i portantini”. Si sopporta, si soffre, tutto per assecondare quella voglia di raggiungere l’amata chirurgia, “che ci spinge ad andare ancora avanti, almeno ancora per un poco…”. E poi? E poi la fine: precariato, assenza di concorsi, premi assicurativi alle stelle, nessuna tutela, nessun modo di fare esperienza. “Siamo davvero arrivati alla fine? Forse ancora no – commenta il presidente dei giovani chirurghi – ma siamo molto, molto vicini! Ed in questa profonda desolazione (desolazione, sì!) si inserisce con difficoltà, pochi soldi e tanta voglia il lavoro della nostra Società Polispecialistica dei Giovani Chirurghi: una società di giovani per i giovani. E si inserisce con forza: un Congresso nazionale di tre giorni, in una delle sedi più prestigiose della capitale e a contatto di gomito con i nostri maestri, gli ‘esempi’ di quello che dovremmo, e vorremmo, essere domani. Un congresso con 5 sessioni plenarie, 18 sessioni specialistiche, 45 corsi di formazione teorica e pratica. Con la forza della simulazione, anche virtuale, dell’attività chirurgica, e delle migliori giovani menti oggi disponibili e con l’aiuto appunto, dei maestri illuminati, che fortunatamente ancora ci sono”.Non sarà la Società Polispecialistica Italiana dei Giovani Chirurghi, da sola, a rappresentare e trovare la soluzione del problema, ma sarà sicuramente un ingranaggio-chiave nel motore che farà ripartire il mondo della chirurgia in Italia. La soluzione? Per quanto ci riguarda è semplice e la conosciamo già: Vocazione, Formazione e Futuro. Serve solo la forza di metterla in pratica. E la nostra Società questa forza ce l’ha”.

Posted in Cronaca/News, Medicina/Medicine/Health/Science, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Nutrizione e ferite: L’approccio alimentare per guarire prima e meglio

Posted by fidest press agency su giovedì, 10 marzo 2016

cibiRoma dal 9 all’11 marzo 2016 sesto Congresso C.O.R.T.E. presieduto dal prof. Nicolò Scuderi presso il Palazzo dei Congressi di Roma Eur. Intervento del prof. Giovanni Scapagnini. E’ noto da tempo che i deficit nutrizionali possono costituire un ostacolo al processo di guarigione delle ferite, e nutrienti di diversa natura risultano necessari per la rigenerazione tissutale delle ferite, risultando cruciali nel migliorare i tempi e gli esiti finali di guarigione. Il processo di guarigione delle ferite, causate da un evento accidentale o conseguenti ad un intervento chirurgico, comporta l’attività di una rete intricata di eventi biologici che coinvolgono cellule del sangue, mediatori tissutali, citochine e fattori di crescita. Ciò si traduce in una maggiore attività cellulare che determina un’accelerazione del metabolismo ed un aumento del fabbisogno energetico da compensare con un adeguato apporto di uno o più nutrienti. Un apporto proteico adeguato è, ad esempio, assolutamente essenziale per una corretta guarigione della ferita. Nello specifico, alcuni studi sperimentali e clinici hanno evidenziato l’importanza di assicurare adeguati livelli tissutali di arginina e glutamina, aminoacidi in grado di influenzare la guarigione delle ferite e la funzione immunitaria. In particolar modo l’arginina, substrato fondamentale per la produzione di ossido nitrico, sembra svolgere un ruolo molto rilevante nel condizionare la ne angiogenesi e la corretta riepitelizzazione. Molti micronutrienti, hanno attratto l’attenzione per un loro potenziale effetto funzionale in corso di guarigione delle ferite. La vitamina A, ad esempio, riveste un ruolo di primaria importanza nel stimolare i meccanismi di riepitelizzazione.
La vitamina C è necessaria per la formazione del collagene, per una corretta funzione immunitaria, oltre ad essere anche un antiossidante tissutale. La vitamina E è il principale antiossidante liposolubile con azione specifica sul derma, tuttavia, gli effetti della vitamina E sulle ferite chirurgiche sono ancora inconclusivi. La glucosamina, un amminomonosaccaride precursore dei glicosamminoglicani, il principale componente della cartilagine, molto utilizzato nelle patologie articolari, sembra essere un substrato fondamentale per la produzione di acido ialuronico nella ferita. Recentemente anche sostanze fitochimiche di origine vegetale, sono state sperimentati nel contesto della guarigione delle ferite. La bromelina, un enzima vegetale presente nell’ananas, somministrato in soggetti con ferite traumatiche o a seguito di interventi chirurgici, riduce l’edema, il bruciore, il dolore ed i tempi di olio-imbottigliatoguarigione. Numerosi studi hanno inoltre validato l’efficacia ed il meccanismo di azione di Centella asiatica ed Aloe vera, piante medicinali utilizzate per decenni, sia per via topica che enterale, per migliorare la guarigione delle ferite. Numerose altre sostanze ‘non nutrienti’, contenute in alimenti comuni o piante, sono oggetto di ricerche sperimentali e cliniche, in quanto potenzialmente efficaci nel promuovere aspetti del processo di guarigione delle ferite. Tra le sostanze più interessanti vi sono alcuni appartenenti alla famiglia dei polifenoli quali ad esempio le catechine del tè, i flavanoli del cacao, l’idrossitirosolo dell’olio di oliva, e la curcumina, il pigmento giallo che dà il colore al curry. Una delle sostanze che è stata maggiormente studiata in termini di guarigione delle ferite è proprio la curcumina, in quanto, a livello scientifico, sono note da anni le proprietà antinfiammatorie e antiossidanti di questa molecola. Sia il danno ossidativo che i processi infiammatori sono fenomeni in grado di condizionare tempie qualità di guarigione della ferita, soprattutto in un contesto di ulcere cronicizzate, suggerendo un possibile utilità di una terapia nutrizionale con un composto in grado di modulare efficacemente questi fenomeni. Ricerche sviluppate nel nostro e in altri laboratori hanno evidenziato che uno dei principali meccanismi di azione della curcumina e di altri polifenoli, è legato alla specifica capacità di attivare un fattore di trascrizione fondamentale per la sopravvivenza cellulare allo stress, l’Nrf2, e parallelamente inibire l’Nfk-B, un segnale fondamentale nell’innescare i processi infiammatori e di morte programmata. La curcumina, oltre alle sue capacità di controllare infiammazione e stress ossidativo, è un potente modulatore del TGF-β, un fattore di crescita ritenuto fondamentale nei processi di riepitelizzazione e nella formazione di cheloidi. Uno dei principali limiti dell’utilizzo della curcumina per bocca è comunque legato alla sua scarsa biodisponibilità. Tale limite è stato affrontato attraverso diversi approcci mirati a migliorare assorbimento e cinetica, e che hanno permesso recentemente di valutare in maniera adeguata l’efficacia della curcumina nel contesto della guarigione delle ferite, su modelli animali. Altri polifenoli sono, invece, naturalmente dotati di discreta biodisponibilità, e tra questi i flavanoli contenuti nei semi della fava di Theobroma cacao (la parte della pianta usata per la produzione del cacao), in particolar modo i monomeriepicatechine e catechine, sono sempre più oggetto di studio per le loro capacità di interferire positivamente sulla fisiologia della cute e sulla rigenerazione tissutale (modulazione su infiammazione, angiogenesi, produzione di collagene). Anche i polifenoli dell’olio d’oliva, l’idrossitirosolo e l’oleuropeina, sono stati recentemente esplorati nel contesto delle strategie nutrizionali per ottimizzare aspetti legati alla qualità della guarigione delle ferite, e un recente studio clinico ha dimostrato un efficacia dell’assunzione di olio di oliva nel ridurre i tempi di guarigione post chirurgici.

Posted in Cronaca/News, Medicina/Medicine/Health/Science, Roma/about Rome, Uncategorized | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

“Perché ancora stentano a decollare le terapie avanzate con cellule staminali”

Posted by fidest press agency su giovedì, 10 marzo 2016

cellule staminaliRoma dal 9 all’11 marzo 2016 sesto Congresso C.O.R.T.E. presieduto dal prof. Nicolò Scuderi presso il Palazzo dei Congressi di Roma Eur. Intervento della prof.ssa Cinzia Marchese. “L’utilizzo di cellule staminali adulte per applicazioni di terapia cellulare avanzata, rappresenta oggi uno dei settori della medicina di maggior interesse. “La capacità plastica delle cellule staminali ha dimostrato non solo di essere in grado di riparare organi o tessuti danneggiati da malattie o traumi – precisa Cinzia Marchese, ordinario di Medicina di Laboratorio e presidente del Corso di Laurea di Tecniche di Laboratorio Biomedico e direttore del Laboratorio di Biotecnologie Cellulari del Dipartimento Medicina Sperimentale dell’Università ‘La Sapienza’ di Roma – ma anche di ripristinare la funzionalità di questi organi, o almeno di migliorarla. L’elevato potenziale proliferativo in vitro, il trofismo, la capacità antinfiammatoria ed in modo particolare la possibilità di transdifferenziare verso cellule specializzate, se im-piantate nel giusto contesto, fanno si che le cellule staminali da midollo o derivate dal tessu-to adiposo (Mesenchimal Stem Cells – MSC) possano essere considerate un valido stru-mento per la rigenerazione di tessuti, malattie degenerative e malattie rare. Nonostante ciò, l’identificazione delle terapie cellulari con una nuova categoria di farmaci biologici, basati su cellule e tessuti che si sono dimostrati efficaci nella cura di una patologia, ha fatto si che queste terapie avanzate (TA) siano state collocate sotto l’egida dell’Agenzia Italiana del Farmaco AIFa. Tale regolamentazione se da un lato impone criteri specifici e selettivi atti a garantire, in primo luogo, la sicurezza del prodotto finale poiché destinato alla somministra-zione a pazienti, dall’altro cozza con la mancata valorizzazione della prestazione da parte del Servizio Sanitario Nazionale. Infatti ad oggi non esistono DRG dedicati che attribuiscano ‘valore’ alle terapie avanzate anche se spesso queste sono l’unica alternativa alla mancanza di strategie terapeutiche percorribili. La medicina rigenerativa nelle malattie rare. La medi-cina rigenerativa è caratterizzata da una forte innovazione tecnologica e scientifica svilup-pata nel corso degli anni e si avvale delle competenze scientifiche e del rigore metodologico impiegato nella realizzazione di prodotti di terapia cellulare a base di cellule autologhe da utilizzare per la rigenerazione di tessuti danneggiati da patologie destruenti o assenti per mancato sviluppo, come nel caso delle malattie rare. Un esempio è rappresentato dalla realizzazione di mucosa vaginale autologa a partire dalle cellule isolate dalla biopsia del vesti-bolo vaginale in pazienti con Sindrome di Mayer Rokitansky Kuster Hauser (MRKH). La MRKH è caratterizzata da agenesia congenita dell’utero e della vagina in donne che mo-strano uno sviluppo normale dei caratteri sessuali secondari e un cariotipo normale 46, XX e colpisce almeno 1 su 4.500 donne. Il trattamento di elezione consiste nella creazione di una neovagina ed è in genere proposto per consentire i rapporti sessuali ed il miglioramento della qualità di vita delle pazienti attraverso il superamento definitivo della propria menoma-zione.La ricostruzione del canale vaginale ed il rivestimento con lembi di mucosa autologa ricostruita in vitro, se confrontate con metodiche che usano lembi di cute o tratti del sigma, rappresenta il trattamento di elezione in quanto è contraddistinto da aspetti di minore invasività, assenza di esiti cicatriziali e risultati ottimali da un punto di vista sia fisiologico che psicologico. Le indicazioni a questo tipo di intervento possono essere allargate anche ad al-tre patologie come la Sindrome di Morris e più in generale a patologie dello sviluppo dei dot-ti Mulleriani, fino a patologie oncologiche in cui la radioterapia mirata abbia procurato danni severi. E’ da sottolineare che la ricostruzione della mucosa vaginale con prodotti di terapia cellulare è indicata nell’ambito di patologie rare in cui non sia presente una valida alternativa terapeutica e solo quando il trattamento di correzione conservativa (uso di dilatatori) non sia percorribile. Le limitazioni dimensionali del servizio di medicina rigenerativa unitamente alla mancanza di DRG regionali, che definiscano il valore della prestazione, non consentono di fare fronte alla domanda di prestazioni in continuo aumento non riuscendo a garantire una risposta adeguata alla richiesta dei pazienti. Tutti i prodotti di medicina rigenerativa non so-no ad oggi erogati all’interno del Servizio Sanitario Nazionale e pur rappresentando un ele-mento di eccellenza e di unicità per l’Azienda Policlinico Universitario Umberto I soffrono della limitazione di fondi disponibili per la certificazione ed il mantenimento delle strutture dedicate.

Posted in Cronaca/News, Medicina/Medicine/Health/Science, Roma/about Rome, Uncategorized | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Italia: vittime tabagismo

Posted by fidest press agency su giovedì, 10 marzo 2016

sigaretteOgni anno in Italia meno di 18 mila fumatori si rivolgono ai centri antifumo e chiede aiuto per smettere di fumare. Più o meno la metà di questi ce la fanno (meno dello 0,1%) ma circa 11 milioni di persone continuano a far parte della schiera dei fumatori. Purtroppo il 65% tenta di smettere da solo e la cosa raramente funziona. Smettere di fumare sigarette è difficilissimo perché bisogna liberarsi da una dipendenza complessa che uccide ogni anno oltre 6 milioni di persone nel mondo per patologie correlate e che provoca più morti di alcol (2,5 milioni), obesità (2,8 milioni), incidenti stradali (1,2 milioni) e omicidi (473mila) messi insieme. Se il 50% dei fumatori italiani passasse alla e-cig si stima che si potrebbero salvare oltre 40 mila vite ogni anno e risparmiare almeno 3 miliardi di costi sanitari. Se almeno una volta nella vita avete pensato di voler smettere di fumare o di minimizzare gli effetti delle sigarette sulla salute propria o dei familiari è su Amazon in versione Kindle scaricabile su numerosi dispositivi: smartphone, tablet e pc un nuovo e agile manuale scritto dagli autori di ‘101 motivi per non fumare’ un medico, Fabio Beatrice e una giornalista scientifica Johann Rossi Mason.
‘La verità sulla sigaretta elettronica’ nasce da un lungo percorso scientifico e intellettuale: “Dopo il boom del 2011 , la novità aveva conquistato tutte le pagine dei giornali e le vie cittadine con la comparsa di negozi e fumatori con la loro scia di vapore che li faceva assomigliare ad allegri trenini. All’euforia dello svapo è seguita però una certa delusione per chi aveva pensato di smettere solo accendendo il nuovo dispositivo. Ci siamo resi conto che la gente aveva in mano uno strumento dalle grandi potenzialità ma nessuno aveva capito come usarlo per ottenere il risultato di passare dalla sigaretta all’elettronica superando la dipendenza e il craving.
Mentre i ricercatori iniziavano a studiare gli effetti del nuovo modo di fumare concentrandosi sulla dicotomia ‘fa bene o fa male? ’ a Torino il dottor Beatrice e il suo staff iniziava a pensare ad un metodo, senza mai perdere di vista l’utilizzatore finale. L’elettronica infatti ha permesso di allargare gli orizzonti verso un approccio nuovo, di ‘riduzione del danno’ in cui il fumatore viene accompagnato in un percorso con obiettivi che tengono conto della sua storia di tabagista e sono tagliati su di lui.
“Come medici ed esperti dell’argomento ci auspichiamo che sempre più persone smettano, ma siamo anche consapevoli che la cessazione totale è un traguardo difficile e non è un obiettivo percorribile da tutti. Anche una diminuzione significativa delle sigarette fumate e del loro venefico corollario in termini di sostanze tossiche e cancerogene in certi casi può essere utile. Ai fumatori preme maggiormente il piacere immediato rispetto al beneficio di un futuro remoto. Bisogna far loro presente che i vantaggi sulla salute si toccano con mano sin dai primi giorni e crescono vertiginosamente. Dopo 20 minuti dalla fine dell’ultima sigaretta la pressione arteriosa si normalizza, dopo 8 ore il livello di ossigeno inizia a normalizzarsi, dopo due settimane il cuore pompa il sangue con rinnovato vigore, la funzione polmonare migliora del 30%, dopo 5 anni dall’ultima cicca spenta nel posacenere la mortalità per tumore al polmone torna quasi normale e dopo 10 il rischio di ammalarsi di un tumore fumo-correlato torna ad un livello di rischio da semaforo verde.
Secondo il Ministero della Salute, i decessi attribuibili al tabacco nel nostro Paese sono circa 80 mila all’anno in Italia: il 48% a patologie oncologiche (38.400 decessi), il 25 % a patologie cardiache (20mila), il 17% a patologie respiratorie croniche (13.600), il 10% ad altre patologie(8.000). Ed è evidente come gli italiani vogliano liberarsi dalla dipendenza dal fumo: nella ricerca Doxa-ISS il 45% degli intervistati nel 2013 e il 35,3% nel 2014 riteneva che i ‘vaporizzatori’ possano essere un buon mezzo per smettere di fumare.
In base alle linee guida un fumatore può essere definito ‘ex’ non prima di sei mesi dall’ultima sigaretta e le percentuali di cessazione a 12 mesi non sono confortanti: solo il 5% riesce senza aiuto, il 12% smette con l’ausilio della terapia comportamentale, il 16,8% con i prodotti sostitutivi della nicotina e il 25% con i farmaci.
Un fumatore su due può abbandonare l’uso della sigaretta tradizionale con una significativa riduzione del danno respiratorio grazie a un uso guidato della sigaretta elettronica. È la conclusione a cui sono giunti i ricercatori dell’Osservatorio Fumo, Alcol e Droga dell’Istituto Superiore di Sanità in collaborazione con il Centro Antifumo dell’Ospedale San Giovanni Bosco ASL TO 2 di Torino che hanno monitorato l’uso dell’e‐cig in 34 forti fumatori resistenti ad ogni tipo di intervento di cessazione al fumo. Lo studio ha riguardato 34 fumatori, 18 uomini e 16 donne, di età media di 40 anni, che consumavano circa 20 sigarette al giorno da almeno venti anni, reclutati al centro Antifumo dell’Ospedale San Giovanni Bosco di Torino.
Risultati superiori a tutti gli altri metodi: “Già dopo il primo mese di studio, il 74% dei partecipanti utilizzava la sola sigaretta elettronica, un 18% fumava sia la sigaretta elettronica che una/cinque sigarette normali e solo un 8% dei partecipanti continuava a fumare le normali sigarette” spiega Fabio Beatrice, Direttore Centro Antifumo San Giovanni Bosco di Torino “I fumatori di elettronica e i fumatori misti presentavano un valore di monossido di carbonio nell’espirato significativamente più basso, raggiungendo i livelli cosiddetti normali (0,3‐0,5%) presenti nella popolazione non fumatrice. Con questo studio abbiamo dimostrato inoltre che il metabolita plasmatico della nicotina, la ‘cotinina’, aveva concentrazioni simili a quelle di partenza nei tre gruppi, indicando che i fumatori di elettronica erano capaci di assumere tutta la nicotina necessaria per evitare il fenomeno di ‘craving’ ossia la crisi di astinenza. Dopo otto mesi dall’inizio dello studio, oltre il 50% dei partecipanti allo studio usava esclusivamente la sola sigaretta elettronica, un 24% si dichiarava fumatore misto ed un 26% tornava ad essere fumatore di sole sigarette di tabacco. Tuttavia in questi ultimi due gruppi è presente una riduzione significativa del numero di sigarette quotidiane con una conseguente diminuzione significativa, del monossido di carbonio nell’espirato e pertanto una significativa diminuzione dell’indicatore di danno polmonare”.

Posted in Cronaca/News, Medicina/Medicine/Health/Science, Uncategorized | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Shanghai G20: allarme crisi sistemica

Posted by fidest press agency su giovedì, 10 marzo 2016

shanghai-chinaIl summit dei ministri delle finanze e dei banchieri centrali del G20, recentemente tenutosi a Shanghai, ha dato un messaggio preoccupante sul futuro dell’economia e della finanza globale. Ha riconosciuto apertamente che le politiche ‘lanciate’ dopo la grande crisi non stanno producendo i risultati positivi desiderati. “La politica monetaria da sola non riesce a promuovere una crescita bilanciata”, è scritto nella dichiarazione finale, per cui il G20 dovrebbe promuovere un programma coordinato di stimoli attraverso “l’uso flessibile della politica fiscale per rafforzare la crescita, l’occupazione e la fiducia”.
Sono solo enunciazioni di buona volontà. Mancano azioni concordate e progetti reali di rilancio dell’economia. Nel contempo vi è una lunga lista di preoccupate dichiarazioni come “eccesso di volatilità, movimenti disordinati sui mercati dei cambi, pesante caduta nei prezzi delle commodity, accresciute tensioni geopolitiche, rischi di revisione al ribasso delle aspettative economiche globali”.
Il dato è che l’altalena dei mercati, purtroppo, continua mentre i governi e le economie procedono in ordine sparso, ognuno per proprio conto e anche in aperta competizione sia sul fronte monetario che finanziario.
Perciò è assai interessante il fatto che negli ultimi giorni alcuni dei maggiori attori economici, attivi durante la crisi del 2007-8, abbiano espresso pubblicamente i loro dubbi sulle attuali strategie economiche e finanziarie.
Mervyn King, governatore della Bank of England nel periodo 2003-2013, ha recentemente affermato che “le maggiori banche dei più grandi centri finanziari del mondo avanzato hanno fallito, provocando un crollo generalizzato della fiducia e la più grave recessione dopo quella degli anni trenta. Come è successo? E’ stato il fallimento degli uomini, delle istituzioni o delle idee? Se non si comprendono le cause sottostanti alla crisi non capiremo mai quello che è successo e saremo incapaci di prevenire una sua ripetizione e di sostenere una vera ripresa delle nostre economie”.
Persino Alan Greenspan, che per vent’anni ha governato la Federal Reserve fino alla vigilia della crisi, ha ammesso che la riforma finanziaria americana, conosciuta come la legge Dodd-Frank, ha fallito. “Avrebbe dovuto affrontare i problemi che avevano portato alla crisi del 2008, ma non lo sta facendo. Le banche ‘too big to fail’ erano la questione cruciale allora e lo sono anche adesso. Gli investimenti nei settori reali sono molto al di sotto della media perché l’incertezza sul futuro continua a dominare.” Purtroppo è così.
Infatti molti indicatori dimostrano che la finanza sta pericolosamente operando con il vecchio schema del ‘business as usual’. Ad esempio, un recente studio del Credit Suisse prova che il mercato globale del ‘leveraged finance’, dopo la contrazione registratasi a seguito della crisi, è ritornato ai suoi massimi livelli. Il ‘leveraged finance’ comporta l’accensione di prestiti sulla base di un capitale minimo dato in garanzia (la famosa leva del debito) per acquistare titoli, soprattutto prodotti finanziari ad alto rischio come i derivati. In pratica si scommette prevedendo un guadagno superiore ai costi del capitale preso a prestito. Sono tutte operazioni fatte dalle grandi banche!
Nel periodo 2011-14 questo mercato a livello mondiale è cresciuto del 42%. L’esposizione delle banche europee è anch’essa aumentata, anche se in dimensioni minori, del 16%. Nel 2014 le banche europee hanno incassato ben 5 miliardi di dollari con tali operazioni speculative. E’ riconosciuto da tutti, a cominciare dalle banche centrali e dalle altre agenzie di controllo, che, nonostante siano consapevoli dell’enorme rischiosità dei citati giochi finanziari, continuano ad astenersi dall’intervenire. Sono anche il frutto amaro della politica del tasso di interesse zero che oggettivamente spinge sui facili sentieri della speculazione.
Ancora una volta quindi il G20 ha concluso i propri lavori predicando rigore ma con un negativo e clamoroso nulla di fatto che consente il solito ‘laissez-faire’. (Mario Lettieri già sottosegretario all’Economia e Paolo Raimondi economista)

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

I deputati europei chiedono chiarimenti sull’accordo UE-Turchia e il rispetto del diritto internazionale

Posted by fidest press agency su giovedì, 10 marzo 2016

giornalistiturchiaParlamento europeo. In un dibattito in plenaria con il Consiglio e la Commissione, la maggior parte dei leader dei gruppi politici ha insistito che i negoziati di adesione con la Turchia e i colloqui sulla liberalizzazione dei visti per i cittadini turchi che viaggiano verso l’UE non dovrebbero essere collegati alla questione dei profughi.Le minacce alla libertà di stampa in Turchia e il recente sequestro del quotidiano Zaman da parte delle autorità, così come il trattamento riservato alle minoranze curde da parte del governo turco, sono stati discussi durante il dibattito con il ministro olandese Jeanine Hennis-Plasschaert, in rappresentanza del Consiglio, e il Vicepresidente della Commissione Valdis Dombrovskis.
Nel corso del dibattito si è inoltre discusso dei preparativi per il prossimo vertice del Consiglio europeo, che si terrà il 17-18 marzo prossimi. I deputati hanno inoltre parlato di politica fiscale e di coordinamento delle politiche economiche del “semestre europeo”, punti che figurano all’ordine del giorno del prossimo giorno del vertice.Le modifiche alle regole per i visti implicano la commutazione del Paese interessato da una lista a un’altra, nell’allegato del relativo al regolamento del 2001, e tali modifiche sono soggette alla procedura di codecisione che necessita un accordo fra Parlamento e Consiglio.Il miliardo di euro proveniente dal bilancio dell’UE, cosi come presentato dalla Commissione per i rifugiati in Turchia, come pure eventuali fondi ulteriori provenienti dall’UE, dovrà essere negoziato e approvato dal Parlamento nel quadro della procedura di bilancio.

Posted in Estero/world news, Politica/Politics, Uncategorized | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Stesse garanzie per i minori nei processi penali in tutta l’UE

Posted by fidest press agency su giovedì, 10 marzo 2016

corte europea giustiziaLe nuove norme per garantire che i minori indagati o accusati di un crimine ricevano un processo equo in qualsiasi Stato UE si trovino, sono state approvate mercoledì. La direttiva, già concordata con il Consiglio, stabilisce il diritto per i minori di diciotto anni a essere assistiti da un avvocato e accompagnati dal titolare della responsabilità genitoriale (o da un altro adulto idoneo) nel corso del procedimento.”Il testo presenta un elenco di diritti e di garanzie per un modello comune europeo di giusto processo per i minori, in cui trovare un equilibrio tra la necessità di accertamento della responsabilità del crimine e quella di tenere in debita considerazione la vulnerabilità dei minori e le specifiche esigenze”, ha dichiarato la relatrice Caterina Chinnici (S&D, IT). “Il risultato ottenuto rispecchia in modo significativo l’esperienza italiana in questo campo”, ha aggiunto.Il progetto di direttiva mira a garantire che i minori abbiano lo stesso diritto di comprendere e seguire i procedimenti giudiziari in tutta l’Unione europea. La situazione giuridica sul trattamento dei minori, infatti, varia molto fra Paese e Paese. La direttiva è stata approvata con 613 voti favorevoli, 30 voti contrari e 56 astensioni.I deputati hanno inserito una disposizione volta a garantire che i minori abbiano sempre il diritto irrinunciabile a essere assistiti da un avvocato difensore. Le eccezioni a questo diritto sono valide solamente nel caso in cui sia ritenuto non proporzionato alle circostanze del processo o, in casi eccezionali, nella fase pre-processuale, se è nell’interesse superiore del minore.
La direttiva impone agli Stati membri di garantire che la privazione della libertà sia disposta ai minori solo come misura di ultima istanza e della più breve durata possibile. I minori dovrebbero inoltre essere detenuti separatamente dagli adulti, a meno che si ritenga preferibile non farlo nel loro interesse.La direttiva include anche altre garanzie, tra cui:
il diritto a essere accompagnato dal titolare della responsabilità genitoriale o da un altro adulto idoneo durante le udienze in tribunale e in altre fasi del procedimento, come gli interrogatori di polizia;
il diritto alla tutela della privacy durante il procedimento penale;
la formazione specifica per giudici, pubblici ministeri e tutti i professionisti coinvolti nell’amministrazione della giustizia minorile. La direttiva deve ora essere formalmente approvata dal Consiglio dei ministri. Una volta pubblicata nella Gazzetta ufficiale dell’Unione europea, gli Stati membri avranno tre anni di tempo per recepirla nella loro legislazione nazionale.Danimarca, Regno Unito e Irlanda hanno scelto di non appoggiare questa direttiva e non saranno vincolati dalla sua applicazione.

Posted in Diritti/Human rights, Estero/world news, Uncategorized | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Priorità PE per bilancio 2017: superare le crisi e accelerare la ripresa economica

Posted by fidest press agency su giovedì, 10 marzo 2016

parlamento europeoBruxelles Parlamento europeo. Il bilancio comunitario del prossimo anno si concentrerà sulla crisi dei rifugiati e sulla ripresa economica, con un aumento quantitativo e qualitativo degli investimenti. È quanto affermano i deputati in una risoluzione votata mercoledì. Il Parlamento evidenzia i problemi legati alla disoccupazione di lungo termine e giovanile, nonché le disparità che caratterizzano lo sviluppo economico in Europa. Ricorda inoltre che la crisi dei rifugiati non sarà di natura temporanea.I deputati ricordano che il bilancio dell’UE possiede una capacità limitata per far fronte alle crisi che sta affrontando l’Europa.”Stiamo preparando il quarto bilancio annuale all’interno del piano di spesa comunitario a lungo termine, il quadro finanziario pluriennale (QFP), ed è chiaro che quest’anno, ancora una volta, non ci saranno abbastanza fondi per permettere all’UE di affrontare tutti i compiti assegnateli dagli Stati membri”, ha dichiarato il relatore Jens Geier (S&D, DE), la cui relazione è stata approvata con 425 voti favorevoli, 200 contrari e 78 astensioni. “Abbiamo ora la possibilità di rispondere alla nuova situazione revisionando il QFP, che dovrebbe iniziare alla fine dell’anno. Mi rivolgo quindi ancora una volta al Consiglio: basta negare la realtà, fate in modo che il bilancio dell’Unione europea possa far fronte alle crisi”, ha aggiunto.
I deputati, inoltre, rilevano che il bilancio UE ha già fornito una risposta immediata alla crisi in corso dei rifugiati. Tuttavia, la crisi è ancora lontana dall’essere risolta e, pertanto, per affrontarla “sono necessarie risorse finanziarie supplementari sostanziali”. Si dicono profondamente preoccupati per il basso livello dei contributi che gli Stati membri versano sui due fondi fiduciari dedicati alle crisi esistenti (il fondo fiduciario regionale per la Siria e il fondo fiduciario di emergenza per l’Africa) e “per la mancanza di uniformità nella solidarietà dimostrata dagli Stati membri dinanzi alla crisi dei rifugiati”.Per quanto riguarda i 3 miliardi di euro stanziati per i rifugiati in Turchia, la risoluzione esorta la Commissione europea a spiegare in che modo il contributo comunitario pari a 1 miliardo di euro verrebbe messo a disposizione nei limiti dei rispettivi massimali del bilancio dell’Unione per il 2016 e il 2017. Si evidenzia inoltre come i fondi e lo strumento fiduciari “non rientrino nel bilancio dell’UE ma non siano nemmeno esterni ad esso, ragion per cui mancano il processo di assunzione di responsabilità e il processo democratico necessari”.
La ripresa economica in Europa oggi è ancora “al di sotto del proprio potenziale di crescita”, afferma la risoluzione. Il Parlamento mette in luce alcuni problemi ricorrenti, quali l’elevata disoccupazione di lungo termine e quella giovanile, le disparità economiche tra le diverse regioni e Paesi dell’UE e il persistente “divario tra i cittadini europei più ricchi e quelli più poveri”. Rafforzare gli investimenti, “anche tramite un migliore aumento coordinato degli investimenti pubblici e privati, con particolare attenzione agli obiettivi di Europa 2020”, dovrebbe quindi rappresentare una priorità per il bilancio del 2017.
Le linee guida saranno discusse il 14 marzo in una riunione trilaterale con la Commissione e la Presidenza olandese del Consiglio. La Commissione dovrebbe presentare a fine maggio la propria proposta di bilancio dell’UE per il 2017. Il bilancio del prossimo anno dovrà poi essere concordato tra il Consiglio e il Parlamento entro la fine di dicembre di quest’anno.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Estero/world news, Politica/Politics, Uncategorized | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Nuovo e più efficace defibrillatore biventricolare

Posted by fidest press agency su giovedì, 10 marzo 2016

ospedale bresciaE’ disponibile anche in Italia un nuovo e più efficace defibrillatore biventricolare impiantabile sottocute. Serve per curare lo scompenso cardiaco ed è compatibile con la risonanza magnetica in tutto il corpo. Con questa nuova tecnologia, realizzata da Medtronic, è stato effettuato il primo impianto, in Italia, dal Professor Antonio Curnis, Direttore dell’Aritmologia presso gli Spedali Civili di Brescia. Nel mondo ne soffrono più di 22 milioni di persone, con un’incidenza pari a 2 milioni di casi l’anno. Solo in Italia, i pazienti sono 747.000. Si tratta dello scompenso cardiaco, la condizione per cui il cuore non riesce a svolgere adeguatamente la propria funzione di pompa, determinando l’accumulo di liquidi a livello degli arti inferiori, dei polmoni e in altri tessuti. I pazienti affetti da questa patologia hanno una aspettativa di vita molto compromessa se non opportunamente trattati. Lo scompenso cardiaco è responsabile del 1-2% della spesa totale per l’assistenza sanitaria. Questa spesa potrebbe essere ridotta grazie al nuovo sistema per la resincronizzazione cardiaca, da oggi disponibile e di possibile utilizzo in circa il 20% dei pazienti con scompenso cardiaco, che permette di aumentare la risposta alla terapia e quindi ridurre i costi diretti e indiretti dei pazienti.“Abbiamo effettuato con successo l’impianto di questo nuovo defibrillatore biventricolare in un paziente maschio di 74 anni con cardiopatia dilatativa. Nonostante i dispositivi cardiaci impiantabili siano sempre meno invasivi e di facile applicazione, esiste ancora una percentuale di pazienti non responders, ovvero che non riescono a beneficiare appieno della terapia con defibrillatore biventricolare. – afferma il Prof. Antonio Curnis -. Fino ad oggi il medico doveva ricercare con difficoltà la causa di questa mancata risposta clinica modificando manualmente i diversi parametri del dispositivo impiantato. Con la tecnologia utilizzata oggi i parametri della stimolazione vengono invece adeguati automaticamente e costantemente sulla base delle condizioni del paziente.” La grande sfida che raccoglie questa innovazione tecnologica è, come definito nell’ Expert Consensus Statement on CRT EHRA/HRS (raccomandazioni internazionali sul trattamento dei pazienti affetti da scompenso cardiaco), massimizzare il numero di pazienti che beneficiano appieno dei vantaggi della terapia di resincronizzazione cardiaca.La seconda novità risiede nel fatto che i pazienti impiantati, benché portatori di un dispositivo medico impiantabile, potranno sottoporsi, se necessario, all’esame di risonanza magnetica su tutti i distretti del corpo, anche con nuova tecnologia di campo magnetico a 3 Tesla per ambiti diagnostici complessi. Tale possibilità era fino ad oggi preclusa ai portatori di defibrillatore impiantabile biventricolare. “Si stima che il 40% dei pazienti con defibrillatore cardiaco dovrà sottoporsi, entro 4 anni dall’impianto, a un’indagine di risonanza magnetica, esame clinico diventato ormai fondamentale per la corretta diagnosi di molte patologie” – dichiara il dottor Maurizio Lunati, Direttore della Cardiologia 3 Elettrostimolazione dell’Ospedale Niguarda Ca’ Granda di Milano, dove a breve è previsto l’impianto del nuovo dispositivo. – “Rispetto ai precedenti defibrillatori, la nuova tecnologia consente al paziente di accedere alle indagini di risonanza magnetica e, pertanto, permette di fare una diagnosi appropriata di eventuali condizioni patologiche potenzialmente letali.” La terapia con dispositivo biventricolare si è dimostrata efficace nel ridurre in maniera significativa mortalità e ospedalizzazioni per scompenso cardiaco, entrando in linea guida in Classe di indicazione IA; i nuovi dispositivi impiantati oggi vanno nella direzione di migliorare ulteriormente la gestione del paziente con scompenso cardiaco.

Posted in Cronaca/News, Medicina/Medicine/Health/Science, Uncategorized | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Donne: tumore al seno e osteoporosi

Posted by fidest press agency su giovedì, 10 marzo 2016

tumore al senoL’osteoporosi non è un problema legato solo all’invecchiamento della popolazione ma sempre più spesso colpisce donne anche giovani. Lo sanno bene le 250.000 donne italiane che ogni anno iniziano la terapia ormonale adiuvante dopo aver subito un intervento per tumore al seno. Ma essere consapevoli non è sufficiente: osteoporosi e fragilità ossea sono ancora poco trattate anche in via preventiva, soprattutto in questa tipologia di pazienti nonostante le raccomandazioni delle recenti Linee Guida Nazionali sia di AIOM (Associazione Italiana di Oncologia Medica) che di SIOMMMS (Società Italiana dell’Osteoporosi, del Metabolismo Minerale e delle Malattie dello Scheletro). Lo conferma un’indagine condotta da Onda, l’Osservatorio nazionale sulla salute della donna, svolta grazie al contributo incondizionato di Amgen, su un campione di 81 donne, con un’età compresa tra 32 e 81 anni, affette da tumore alla mammella in terapia ormonale adiuvante con inibitori dell’aromatasi.L’87% delle donne si dichiara consapevole e ben informata sul fatto che l’osteoporosi sia una possibile conseguenza della terapia con inibitori dell’aromatasi. Oltre la metà delle intervistate teme gli effetti negativi della terapia e l’osteoporosi è la conseguenza che spaventa maggiormente: ben 7 donne su 10 la citano ancora prima di un’eventuale inefficacia della terapia antitumorale. Importante il ruolo dell’oncologo che informa correttamente le sue pazienti nel 99% dei casi. Ma, nonostante questo, il 43% non inizia alcun trattamento per prevenirla e la percentuale sale addirittura al 76% tra le donne più giovani che, invece, necessiterebbero di più attenzione proprio per l’impatto potenzialmente maggiore delle fratture in termini sociali e di salute.”Il tumore del seno colpisce oggi molte giovani donne. Alcune terapie a cui vengono sottoposte, però, danneggiano seriamente la salute delle ossa” afferma Francesca Merzagora, Presidente di Onda “per questo abbiamo svolto l’indagine. Abbiamo constatato che le donne italiane sono informate sulle conseguenze che la terapia adiuvante ormonale può provocare sulle loro ossa, soprattutto grazie al ruolo proattivo dell’oncologo. È interessante sottolineare però che, mentre la maggior parte del campione over 50 assume farmaci per la salute delle ossa, tra le più giovani 4 donne su 5, non hanno mai assunto una terapia specifica. Tra le donne che non hanno ricevuto diagnosi di osteoporosi, 3 su 5 non assumono alcuna terapia per prevenirla. Inoltre, ben il 60% delle donne intervistate, di età inferiore ai 50 anni, dichiara di non aver mai effettuato esami per controllare la salute delle ossa (MOC/ultrasonografia) dopo l’inizio della terapia ormonale. Dai risultati emerge, inoltre, che le direttive indicate nelle recenti Linee Guida non vengono ancora applicate. Queste ultime definiscono come le cure per prevenire l’osteoporosi in donne trattate con terapia ormonale adiuvante con inibitori dell’aromatasi, a seguito di un tumore alla mammella, dovrebbero essere somministrate sin dall’inizio della terapia senza necessità di alcun esame preliminare.”La terapia di blocco ormonale induce una riduzione degli estrogeni che, oltre ad esercitare effetti positivi sul seno, accelera notevolmente il processo di distruzione dell’osso, aumentando di molto il rischio fratturativo delle pazienti. Infatti, anche AIOM e SIOMMMS hanno affrontato il problema, stilando e aggiornando le Linee Guida e raccomandando di iniziare una terapia per la fragilità ossea in concomitanza con l’inizio del trattamento con inibitori dell’aromatasi.La maggioranza delle fratture avviene a livello vertebrale. Si tratta di fratture molto frequenti e purtroppo spesso asintomatiche ma, al tempo stesso, facilmente rilevabili con una radiografia o semplicemente misurando l’altezza: il calo di un solo centimetro è fortemente indicativo e prognostico.Anche l’AIFA, con un recente aggiornamento della Nota 79 ha riconosciuto che il rischio di frattura delle donne in blocco ormonale adiuvante con inibitori dell’aromatasi è talmente alto da giustificare la rimborsabilità dei farmaci per la fragilità ossea sin dall’inizio della terapia antitumorale senza la necessità di esami specifici.“Il fatto che le donne non siano trattate in maniera adeguata stride particolarmente con quella che è la possibilità terapeutica a disposizione sia dello specialista dell’osso sia dell’oncologo. L’aggiornamento della Nota 79, infatti, non stabilisce né una soglia di intervento in base alla densitometria né la necessità di appurare se si sia già verificata una frattura. Quindi, la paziente ha la possibilità e il diritto di essere trattata in prevenzione primaria fin dall’inizio della terapia ormonale e per tutta la sua durata” afferma Francesco Bertoldo, Endocrinologo del Centro Malattie del Metabolismo Minerale e Osteoncologia del Policlinico GB Rossi – Università di Verona. “Particolarmente preoccupante è che le donne giovani, che meriterebbero ancora più attenzione, sono sottotrattate. Tra l’altro, esistono dati che dimostrano come le donne con tumore della mammella, in trattamento con inibitori dell’aromatasi che fanno anche una terapia per la fragilità ossea abbiano una mortalità molto più bassa per il tumore rispetto alle donne che non la fanno e un più basso rischio di ripresa della malattia.”Le Linee Guida italiane sono concordi nel raccomandare l’importanza di salvaguardare la salute dell’osso in queste pazienti attraverso l’utilizzo di farmaci in grado di prevenire la perdita di massa ossea e con dimostrata efficacia antifratturativa.“In questa direzione, interessanti novità arrivano dai congressi internazionali come l’ASCO di Chicago e il Breast Cancer Symposium di San Antonio durante i quali sono stati presentati i dati dello studio di Fase III ABCSG-18, condotto su donne operate per tumore alla mammella in trattamento con inibitori dell’aromatasi, che assumevano denosumab o placebo” fa eco il Professor Daniele Santini, Oncologo Medico dell’Università Campus Bio-Medico di Roma. “Tale studio, oltre ad aver evidenziato una riduzione del 50% del rischio di comparsa di frattura clinica, ha mostrato una riduzione del rischio di ricomparsa della malattia che si attesta intorno al 18%. A conferma di ciò il dato della recente meta-analisi dell’Early Breast Cancer Trialist Group, pubblicata su Lancet, evidenzia come anche altri antiriassorbitivi possano migliorare la DFS (Disease Free Survival ovvero l’intervallo di tempo prima che la malattia si ripresenti) nelle donne in post-menopausa.”

Posted in Cronaca/News, Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Travel blogger d’Italia

Posted by fidest press agency su giovedì, 10 marzo 2016

raccontaci di maltaMalta dal 23 al 26 Maggio travel blogger d’Italia lanciata da Malta Tourism Authority rivolto ai blogger italiani che vogliano mettersi alla prova raccontando Malta. La modalità è quanto mai semplice: una volta sottoscritto il form, lasciate un messaggio di non più di 140 caratteri in cui promuovete voi stessi e la vostra candidatura. Una commissione interna all’ente insieme alla redazione di The Trip, valuterà tutti i testi arrivati e sceglierà 3 vincitori che si uniranno al viaggio a Malta.
Ma non è finita: i 3 partecipanti al viaggio saranno incaricati di assumere lo speciale ruolo di inviati speciali e, coordinati dalla redazione di The Trip Magazine, parteciperanno alla produzione di contenuti originali che verranno pubblicati nella speciale edizione della rivista tutta dedicata all’arcipelago maltese, la cui uscita è prevista a fine Settembre 2016. Naturalmente i blogger saranno liberi di sbizzarrirsi nel raccontare Malta dal loro punto di vista sulle proprie pagine personali e sui propri profili social: si prevede un programma ricco di sorprese ed un viaggio che seguirà un itinerario davvero non convenzionale!Quindi parola d’ordine TheTripMalta e pronti a partire per il cuore del Mediterraneo! (foto: raccontaci di Malta)

Posted in Cronaca/News, Viaggia/travel | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »