Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 31 n° 301

Archive for 13 marzo 2016

Labour mobility in the euro area: cure or curse?

Posted by fidest press agency su domenica, 13 marzo 2016

Labour mobilityThe euro area has to address its imbalances and instability. Labour mobility in a currency union can be both a curse or a cure in this context. When job seekers move from areas with high employment to regions with many vacancies, they act effectively as shock absorbers. However, when young and better educated individuals move from structurally weak regions to dynamic ones, they can contribute to imbalances.In this Policy paper, Anna auf dem Brinke and Paul-Jasper Dittrich from our office in Germany, the Jacques Delors Institut – Berlin, look at the years following the crisis of 2008. Did labour mobility increase or decrease imbalances in the euro area? In times of low growth, the data suggest that labour mobility is rather a cure than a curse. However, its potential for the citizens of the currency area is not fully exploited yet. For labour mobility to play a role in the stabilization of the euro area against future asymmetric shocks much more policy action is needed. This is true for the national as well as the European level.To this end they discuss three complementary strategies. First, there is a need to facilitate more flexible working conditions and invest more in infrastructure that allows people to work and live in different countries. Second, there is a need to take measures to fully integrate the national labour markets into one European labour market. Third, there is a need for complementary institutions such as a permanent adjustment mechanism to further reduce the effect of asymmetric shocks. Labour mobility is a necessary but not sufficient ingredient for reducing imbalances in the euro area. The data show clearly that in the wake of the Great Recession, increasing labour mobility has the potential to lower unemployment and stabilize the euro area. (photo: Labour mobility)

Posted in Estero/world news, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Tristan International tuna now Friend of the Sea labeled in the US

Posted by fidest press agency su domenica, 13 marzo 2016

tristanAmerican company Tristan International positively concluded Friend of the Sea audit for yellowfin and bigeye tuna. Derived products can carry the Friend of the Sea sustainability seal of approval. Tristan International is supplied by Transmarina’s boats operating in the Southeast Pacific Ocean (FAO Area 87). Tuna is considered to be not overexploited in the mentioned fishing area according to the latest stock assessments. Fishermen use only long lines and purse seines. No protected areas are affected by the fishing activity. None of the by-caught species are included in the IUCN Red list of endangered species. The fishery activities are monitored by the IATTC (Inter-America Tropical Tuna Commission). A comprehensive traceability system is in place to guarantee that all Friend of the Sea requirements are fulfilled and that no mixing occurs between certified and not certified origins. “We share the same sustainability vision of Friend of the Sea program”, remarks Mr. Ari D. Dorfsman, Vice President/Operations of Tristan International. “Friend of the Sea has become the leading sustainability standard for many species and this recognition provides an important added value for our products”.
Founded in 2003, Tristan International was incorporated to promote the sales of Japanese-style ULT frozen Tuna Products in the United States and Canada.As a production partner of Transmarina C.A., a fishing and processing company with exports to Japan and Europe located in Manta-Ecuador, Tristan International is able to offer seamless distribution of ULT sashimi-grade products across the country from ocean to consumer.
The company has its offices and plant in Dania Beach, Florida, and has invested in a state-of-the-art facility built to the high standards found in modern Japanese plants. It has ULT rooms to store its prized product at -76°F, temperature needed to keep its sashimi quality.
Friend of the Sea is an international certification program for products from sustainable fisheries and aquaculture. Over 450 companies in more than 50 countries have relied on Friend of the Sea to assess the sustainability of their seafood origins. Audits, based on best and most updated available scientific data, are run by accredited independent certification bodies.

Posted in Estero/world news, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Catella: Increasing competition in the French property markets shows demand from investors

Posted by fidest press agency su domenica, 13 marzo 2016

Paris-antenne-vue-eiffel-tourThe new publication “Property Market Trends, France Spring 2016” provides an in-depth assessment of the commercial real estate market in France and its future perspectives. On the rental market in Île-de-France, the report identified several important trends. After a first half seeing take-up trending strongly downward, activity has been much more dynamic in the second half of 2015, thanks to a more favorable macroeconomic context. As a result, take-up has revived enough to see the year ending slightly better than 2014. In total, year-on-year take-up has grown by 1.2% to reach 2.21 million square meters. The small- and medium-surface markets have been the most dynamic: up 12% from 2014 with a transaction volume of almost 1.5 million square meters.While this is still well short of the record performances of 2006 and 2007, these are the best results in these size categories since 2008. However, take-up for surfaces of over 20,000 sq.m has been down since early 2015, showing an overall decrease of 37% compared to 2014, despite a recovery toward the year’s end. Vacancy rates have started to decline, driven both by a recovery in large-surface transactions in existing new buildings and a slight drop in releases. Overall, the vacancy rate in Ile-de-France fell slightly, by 0.3 point, to 7%. Headline rents have remained broadly stable and there has been a further increase in incentives, which reached 21.5% in Ile-de-France.As has been seen in the rental market, the investment market has experienced an exceptional second half of the year following its lacklustre first six months. €26.2 billion have been invested in the non-residential real estate market in France, up 2.5% over 2014. This result was only surpassed in 2006 and 2007. Despite this similarity, the two markets have followed very different trajectories in the past two years. The investment market continues to benefit greatly from the very high volume of liquidity available for properties, coupled with the relatively limited supply of same. This has generated, with increasing competition between players, higher values and severely reduced yields.Unlike in 2014, it has been transactions in the €100-to-€300 million range which have proved the strongest market impetus in 2015. But deals in excess of €500 million have shown a sharp decline after the truly outstanding performance the previous year. While offices have remained the most sought-after product type, warehouses have been the strongest growing product in 2015. Investment funds have strengthened their dominance in the French market, while there has also been a comeback by SIIC-listed companies, insurance companies and SCPIs.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Estero/world news, Uncategorized | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Entrepreneurs’ dreams of saving the planet being crushed by economic reality

Posted by fidest press agency su domenica, 13 marzo 2016

Onu palaceEnvironmental entrepreneurs are being forced to forgo some of their green ideals despite the historic Paris COP21 summit agreement to cut greenhouse gas emissions, new research has found.The 1,000 largest companies alone are responsible for one-fifth of total global greenhouse gas emissions according to the United Nations Environment Programme, while a study by Duke University says the US needs to reduce emissions by 40 per cent by 2030 to reach the goal it agreed at Paris in December.But attempts by start-ups to set up environmentally-friendly businesses are being stymied by money-backers, suppliers and customers.
The study found some environmental entrepreneurs become disillusioned after having to compromise so much to attract investors and clients.Deniz Ucbasaran, of Warwick Business School, said: “Entrepreneurs passionate about green issues might need to be prepared for some soul searching as ‘enacting a brave new world’ through launching a new venture is unlikely to be without concession to others’ values.
“Attempts to ‘stand out’ by the entrepreneurs portraying their values and beliefs on the environmental benefits of the business are, in most part, counterproductive for gaining legitimacy from investors, suppliers and even customers or clients.
“Their ambitions to ‘break free’ and enact their ‘hopes and dreams to make a difference’ often need to be tempered by the realities of attracting investors and other stakeholders whose primary goal is making money and not environmental issues.“This led to some entrepreneurs to question if it was all worth it as they had to compromise the scope of their ‘green’ ambitions.”
Professor Ucbasaran and Dr Isobel O’Neil, of Nottingham University Business School, examined six new ventures over four years to understand how they gain support and investment for their paper Balancing “What Matters To Me” With “What Matters To Them”: Exploring The Legitimation Process Of Environmental Entrepreneurs published in the Journal of Business Venturing.
They conducted 18 interviews with the principle entrepreneur as well as 24 interviews with individuals involved in the ventures including investors, customers, employees and suppliers and analysed company documents.Professor Ucbasaran said: “First, the environmental entrepreneur’s own values and beliefs anchor initial decisions about how to gain support from investors, suppliers and customers: the ‘what matters to me’ stage.“But they are then toned down as their attention shifts to gain support from investors and other stakeholders: the ‘what matters to them’ stage. Eventually, the entrepreneurs arrive at an approach that tries to balance ‘what matters to them and me’.
“Lastly, the lack of harmony, caused by this balance often leads to some feelings of demotivation, stress and even led some of the entrepreneurs to question their entrepreneurial ambitions.”The research found the entrepreneurs were initially surprised by resistance to their vision of ‘making a difference’ and building an environmentally-friendly business, but the need to ensure the continued survival of their ventures forced them to adapt.“They realised a compromise was needed to gain legitimacy in order to engage investors and stakeholders, attract resources, and in turn, improve the prospects of survival and longer-term success,” said Professor Ucbasaran.“This saw the entrepreneurs shape their offering into one that was likely to be more widely accepted.”But such a shift in perspective often conflicted with the entrepreneurs’ original ideals and led to feelings of inauthenticity and mental stress.Coping strategies were developed to help, but Professor Ucbasaran said: “If left unresolved, these emotions might interfere with the entrepreneur’s well-being and the effective running of the business.“We found being a successful environmental entrepreneur involves balancing both the external demands of investors, suppliers and customers while also remaining true to one’s own values and beliefs.“However, we must offer a note of caution to entrepreneurs seeking to embed their values and beliefs into their businesses; balancing ‘what matters to me’ with ‘what matters to them’ is likely to demand less discussion of environmental or social change goals than perhaps hoped for.”

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Newtonian politics: the master cliché about Bosnia

Posted by fidest press agency su domenica, 13 marzo 2016

Recent ESI presentations on refugeesOne debate in EU capitals today is whether Bosnia is “ready for the next step.” The conventional wisdom that Bosnians cannot coordinate when it comes to EU matters is wrong. The history of relations between Bosnia and the EU since 2000 shows that whenever Bosnian institutions were seriously challenged by the EU to co-ordinate, they were able to do so – often to the surprise of their European counterparts. A new ESI report explores this history and sets the record straight. It tells the forgotten story of Bosnia-EU relations. It shows that it was not squabbles between Bosnia’s political leaders and their inability to work together that delayed Bosnia’s long overdue application for membership, but arbitrary conditions, specially devised for Bosnia and applied to no other accession country.
Idomeni1At the same time we argue for a concrete step to be taken by EU leaders without delay. The next step in the process would be a decision by the 28 EU member states to ask the European Commission to prepare an opinion (avis) on the Bosnian application. In the case of Croatia in 2003, it took two months for EU member states to ask the Commission to do this.Receiving a questionnaire is not a reward for political leaders. It is like a voucher for three months in a boot camp for civil servants, with a program designed by ex-Royal Marines: the civil service equivalent of circuit training, obstacle courses, swimming and boxing. You put yourself through this only if you are highly motivated and believe in the process. Bosnia’s Europeanisers in the public administration do not need more carrots and sticks to work on Bosnia’s EU agenda. They need to be taken seriously. Then they and their colleagues will respond to professional challenges professionally.It was high time for Bosnia to submit an application for EU membership. It is high time for the EU to treat Bosnia as a normal candidate: strictly but fairly. The sooner the Bosnian civil service at all levels of the state can work on answering the questionnaire to obtain candidate status, the better for Bosnian citizens, for the EU and for the cause of reforms. The EU should encourage the ambition of the Bosnian presidency, not thwart it. It is a bet that the EU should be willing to make now, in its own interest. (photo: Burgtheater in Vienna)

Posted in Estero/world news, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Idomeni proposal – Bosnia and the first circle of hell Upcoming events on refugees

Posted by fidest press agency su domenica, 13 marzo 2016

IdomeniIn recent weeks ESI analysts have continued to present proposals to European decision makers on how to deal with the current refugee crisis while preserving Europe’s commitment to the principles of the Refugee Convention – in Ankara and Istanbul, Athens and Rome, Vienna, Skopje and Tirana; presenting the basic principles behind the Merkel-Samsom plan with ministers and opposition leaders, parliamentarians and heads of asylum agencies, EU commissioners and ambassadors.Then, earlier this week, the Turkish government presented a version of the Merkel-Samsom plan to the EU in Brussels. German Chancellor Angela Merkel spoke of a “possible breakthrough, if this plan is implemented.” The practical difficulties of implemention remain immense. The clock is ticking. And as we argued many times concerning previous proposals, such as relocation, the devil is in the details. Four questions and one emergency need to be addressed:How can Greek institutions return those who reach Greece from Turkey in accordance with the core principles of international asylum law? How can the EU support Greek efforts to achieve this? Can the EU find ways to send to Greece asylum case workers instead of (only) police officers and soldiers?
How can a voluntary humanitarian resettlement scheme by a coalition of willing states (going far beyond the one-for-one exchange offered by Turkish prime minister Davutoglu), which has been negotiated in parallel for weeks, be implemented rapidly? Germany indicated that it is willing to take the lead – but when will this begin?
Recent ESI presentations on refugees1How can the EU support the creation of better conditions for the large number of refugees now in Turkey, who are likely to remain in the country for the foreseeable future?
How can the goal of visa liberalisation – which Turkish leaders have for a long time linked to the full implementation of any readmission agreement – be achieved before the summer, as ESI recommended in presentations and publications in recent months; a goal which Turkish prime minister Davutoglu has now embraced?
Finally, what can EU member states do to help Greece in light of the dramatic images near Greece’s Northern border without undermining the core ideas behind the Merkel-Samsom plan? In recent days ESI presented the following idea to decision makers: a coalition of willing EU member states should go ahead immediately and offer to Greece and Turkey to resettle a few thousand Syrian refugees now in Greece – beginning with families, women and children now trapped at Idomeni – on the condition that these families first return to Turkey within the next two weeks. The rationale for this is obvious: if Germany and other states were to agree to take refugees directly from Greece they would merely create a pull effect – exactly the opposite of the objective underlying the Merkel Plan, which is to help resettle people directly from Turkey. Such a humanitarian rescue would need to be accompanied by a very clear message: that after a full EU-Turkey agreement enters into force this week, anyone moving to Greece will thereby undermine their chance for any resettlement, and still risk being returned.This would be a powerful signal of what a successful conclusion of the EU-Turkey deal would mean: not a move towards a fortress Europe, but a step towards destroying the business model of smugglers and moving from a disorderly to an orderly process. (photos:Recent ESI presentations on refugees

Posted in Estero/world news, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , | 1 Comment »

Curcumina e sindrome metabolica

Posted by fidest press agency su domenica, 13 marzo 2016

curcuminaLa curcumina è il componente attivo più studiato della curcuma, é dotata di un ampio spettro di attività farmacologiche e mostra una potenziale attività per il trattamento della sindrome metabolica, l’obesità e il diabete. Nel tessuto adiposo umano, la curcumina riduce l’espressione di adipochine, interleuchina-6 (IL-6) e tumore necrosis factor-alfa (TNF), potenti agenti pro infiammatori e induce l’espressione di adiponectina, l’agente antinfiammatorio più importante secreto dagli adipociti. La curcumina presenta effetti anti-iperglicemici e insulina sensibilizzanti. Inoltre, la curcumina è inibitore selettivo della 11-betaHSD122 umana, la cui attività è in relazione con alte concentrazioni di cortisolo nel tessuto adiposo e con lo sviluppo di obesità centrale, insulino-resistenza, e diabete in modelli murini. Nell’uomo il cortisolo è uno dei fattori importanti nel promuovere la sindrome metabolica. La curcumina è purtroppo una molecola scarsamente biodisponibile quando assunta per via orale ed è per questo che negli ultimi anni sono sorte diverse forme di curcumina, dove la sostanza si trova coniugata ad altre molecole allo scopo di favorirne l’assorbimento e un’emivita più lunga. Sulla base di queste conoscenze, alcuni ricercatori hanno valutato in uno studio(1) controllato randomizzato, la tollerabilità e l’efficacia di un complesso curcumina-fosfatidilserina in forma di fitosoma e di fosfatidilserina pura in soggetti in sovrappeso affetti da sindrome metabolica, con particolare attenzione alla intolleranza al glucosio e all’accumulo di grasso di tipo androide. Un gruppo di 127 soggetti, sono stati sottoposti a un trattamento di 30 giorni che includeva correzione dietetica e modificazione dello stile di vita. I soggetti hanno mostrato una perdita di peso inferiore al 2%. Tra questi, 44 soggetti sono stati assegnati casualmente rispettivamente o a un gruppo che per ulteriori 30 giorni ha proseguito aggiungendo l’assunzione CUR-SER o a un gruppo che ha proseguito aggiungendo solo fosfatildiserina.
I risultati riguardanti le misurazioni antropometriche e la composizione corporea sono stati analizzati al momento dell’arruolamento e dopo 30 e 60 giorni. La somministrazione di curcumina aumenta la perdita di peso dall’ 1,88 al 4,91%, una percentuale di riduzione del grasso corporeo (0,70-8,43%), una riduzione del girovita (2,36-4,14%), il miglioramento della riduzione della circonferenza fianchi 0,74-2,51% e la riduzione del BMI (dalle 2.10 al 6,43% del) (p <0,01 per tutti i confronti). La Fosfatidilserina da sola non ha mostrato alcun effetto statisticamente significativo. La tollerabilità è stata molto buona per entrambi i trattamenti. Anche se preliminari, i risultati suggeriscono che una forma biodisponibile di curcumina è ben tollerata e in grado di influenzare positivamente la gestione di peso nelle persone in sovrappeso affetti da sindrome metabolica. (Eugenia Gallo CERFIT Fitovigilanza AOU Careggi – Università di Firenze fonte Fitoterapia33)

Posted in Cronaca/News, Medicina/Medicine/Health/Science, Uncategorized | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Italia-Ucraina: forum sulle opportunità economiche

Posted by fidest press agency su domenica, 13 marzo 2016

foodexUdine mercoledì 16 marzo alle 15.30 nella Sala Valduga della Camera di Commercio di Udine, forum “Ucraina: nuove rotte per lo sviluppo”. Gli obiettivi dell’incontro (per cui è necessario prenotarsi quanto prima) sono molteplici, a partire dalle informazione sull’apertura del collegamento aereo tra Venezia e Ucraina, indispensabile per l’avvicinamento dei due Paesi. Sarà inoltre presentato OpenGateItaly, strumento promosso e supportato dal Consolato Onorario di Ucraina e dalla Camera di Commercio nazionale di Ucraina per agevolare la collaborazione tra i due Paesi e saranno illustrati i principi generali che regolano i rapporti Italia-Ucraina nella giurisprudenza commerciale, societaria e internazionale. Sarà infine presentato il processo di accesso ai fondi messi a disposizione dall’Ue. Dopo gli interventi d’apertura del presidente Cciaa Giovanni Da Pozzo e di Marco Toson, console onorario di Ucraina per le Tre Venezie, interverranno sulle “Nuove rotte verso Kiev” Vladimir Alifanov, sales manager dell’Ukraine International Airlines e Fabrizio Forno, Sales Manager Italia-Ukraine di International Airlines. Di OpenGateItaly parlerà il console Toson e del diritto in ambito commerciale in Ucraina si occuperà l’avvocato Virgilio Calabrese (Studio Legale Calabrese). Su come accedere ai Fondi Europei interverranno infine Diego Cancian e Debora Varaschin, esperti Eu Project. (foto: foodex)

Posted in Cronaca/News, Economia/Economy/finance/business/technology, Uncategorized | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

BCE: Finanziamento alle banche

Posted by fidest press agency su domenica, 13 marzo 2016

banca centrale europeaʺLa decisione di Draghi di fornire ulteriore finanziamenti alle banche sembra più un’agevolazione per gli istituti di credito che una risposta efficace alla crisi dell’economia europea, e non elimina le criticità che permangono nell’Eurozona.L’esperienza recente infatti c’insegna che il maggior finanziamento da parte della Bce agli istituti bancari non indica automaticamente un incremento del credito reale per favorire la ripresa dell’economia. E’ quindi importante che gli organismi di vigilanza monitorino l’effettivo accesso al credito per consentire la ripresa delle piccole imprese: fermo restando che sarebbe anche auspicabile che l’accesso al credito di cittadini ed imprese avvenga ad interessi molto bassi, max a 0.50%, visto il tasso Bce pari a zero.Non dimentichiamoci, infatti, che la crescita continua a rallentare, la stagnazione avanza e senza la ripresa dei consumi e la riduzione del debito pubblico degli Stati, l’Unione Europea non si risolleverà al livello degli altri grandi complessi statali. Ma anche questa decisione di Draghi ci rafforza nella necessità che si definisca, una volta per tutte, la proprietà dell’Euro. Noi riteniamo che dovrebbe appartenere ai popoli europei e non al sistema di banche private dell’Eurosistema che crea artificialmente miliardi di moneta elettronica virtuale sulla quale poi specula lucrando interessi prelevati dall’economia realeʺ.Così in una nota il responsabile nazionale della Comunicazione FdI, Federico Mollicone.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Estero/world news, Uncategorized | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Papa Francesco: Nuovo umanesimo

Posted by fidest press agency su domenica, 13 marzo 2016

sant'egidio1La Comunità di Sant’Egidio saluta i tre anni di pontificato di Papa Francesco come un dono per la Chiesa e per il mondo. “In un tempo che ha visto alzarsi troppi muri tra i popoli – afferma il presidente Marco Impagliazzo – Francesco è stato un costruttore di ponti nel suo apostolato quotidiano e nello scenario internazionale ed ecclesiale, come dimostrano le nuove relazioni che si sono aperte tra Cuba e gli Stati Uniti e lo storico incontro con il patriarca russo Kirill”.
“E’ un Papa – sottolinea Impagliazzo – che, leggendo la realtà a partire dalle periferie, si è fatto voce dei poveri indicando a tutti la via per colmare le distanze e sanare le ferite delle nostre società, non ultima quella ambientale. Non a caso ha scelto di aprire la prima porta santa del Giubileo della Misericordia a Bangui, capitale del Centrafrica dilaniato dalla guerra. Francesco ha saputo dare un nuovo slancio missionario alla Chiesa proponendo di vivere la gioia del Vangelo: una forza “in uscita”, capace di offrire al mondo un nuovo umanesimo in anni attraversati da tanti conflitti e da una violenza diffusa che colpisce soprattutto i più deboli”.

Posted in Spazio aperto/open space, Uncategorized | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Chiara Lubich e il suo sogno di un mondo unito

Posted by fidest press agency su domenica, 13 marzo 2016

«Donna di intrepida fede, mite messaggera di speranza e di pace», così papa Benedetto XVI dipingeva Chiara Lubich nel messaggio inviato per il suo funerale, otto anni fa. E papa Francesco, all’avvio della causa di beatificazione nel gennaio 2015, esortava a «far conoscere al popolo di Dio la vita e le opere di colei che, accogliendo l’invito del Signore, ha acceso per la Chiesa una nuova luce sul cammino verso l’unità».Il presente achiara lubichnniversario della sua morte, avvenuta il 14 marzo 2008, vede un rincorrersi di eventi che confermano il graduale avverarsi di un sogno: «Vedere nel mondo realizzarsi pian pianino, o anche in fretta se possibile, la fraternità universale».
A Sarajevo, in Bosnia e Erzegovina, la comunità dei Focolari composta da cattolici, ortodossi, musulmani e persone di convinzioni non religiose raccoglierà nell’incontro Il messaggio di dialogo e di pace il risultato di anni di impegno fianco a fianco. Sarà aperto alla città, con la partecipazione dell’arcivescovo cardinale Vinko Puljić. Una convinzione che attraversa il dialogo in atto anche negli altri Paesi balcanici e che passa dal reciproco riconoscimento di tradizioni e nazionalità.
Lo mostra il programma educativo Perle di Skopje, in Macedonia: un asilo, legato all’università, che accoglie bambini delle varie etnie, coinvolge le famiglie e fonda il suo progetto educativo sugli ideali di fratellanza della Lubich. Un’iniziativa del professore Aziz Shehu, musulmano, già ordinario e pro-decano presso la facoltà di Pedagogia.
Che si tratti di un processo irreversibile lo hanno testimoniato anche i 110 giovani croati, serbi, ruteni, ungheresi, albanesi e macedoni, con altri della Bulgaria e Romania, insieme per la prima volta agli inizi di marzo, all’insegna di Balcani: noi siamo uno.
Sono oltre 200 gli eventi promossi dalle comunità dei Focolari in Europa. A Minsk, Bielorussia, una giornata dal titolo Viviamo per l’unità. In Svezia incontri familiari nelle sei città dove sono presenti comunità del Movimento. A Monaco, Germania, il primo “Chiaratag”. A Lisbona, Portogallo, una tavola rotonda su Chiara e la pace con giornalisti e membri qualificati della Commissione Giustizia e Pace. A Siviglia, Spagna, il focus andrà su Chiara Lubich, educatrice alla pace, con il contributo dell’Iman Allal Baschar della Moschea del Re Abdul Aziz al Saud di Marbella e di d. Manuel Palma Ramírez vice direttore del Centro Studi Teologici di Siviglia.
A Medellín, Colombia, non c’è famiglia che non abbia perso, in questi 50 anni di conflitto, almeno uno dei componenti. Così anche tra i membri della comunità dei Focolari: tre generazioni con storie come quella di Rosa, che dopo l’assassinio del figlio per mano di un amico, non si abbandona alla vendetta, ma impugna con tutte le forze il coraggio del perdono, lavorando nel centro sociale del quartiere per diffondere riconciliazione, cure, cultura. Progetti di formazione in diverse città della Colombia, Ecuador, Venezuela e Messico vedono l’alternarsi di generazioni di bambini che, diventati professionisti e insegnanti, si assumono il compito della formazione dei nuovi cittadini alla cultura della fratellanza e alla pace.
Innumerevoli sono nelle Americhe gli incontri, simposi, conferenze e concerti, dalla dimensione spirituale e di preghiera, a quella interreligiosa o ambientale, da New York e San Francisco, negli USA, a Santiago del Cile, passando da La Habana, in Cuba, Neza, nello Stato messicano di Nezahualcoyotl, Caracas, in Venezuela, Rio de Janeiro, in Brasile, Mendoza, in Argentina.
Nel Pacifico, significativi gli incontri ad Honolulu, nelle isole Hawaii, e a Noumea, in Nuova Caledonia.
Boldrini lauraIn Australia focus sulla pace e l’accoglienza, con appuntamenti a Canberra, Melbourn, Sydney e Perth, quest’ultimo preparato dai giovani e tenuto all’aperto nella centrale Northbridge Piazza.
In Nuova Zelanda incontri a Wellington e Christchurch su Politics for Unity: Making a World of Difference.
In Corea del Sud appuntamenti animati da trentuno comunità nei diversi territori per approfondire il legame tra Chiara Lubich e la pace.
Nelle Filippine, all’università De La Salle di Manila, il simposio Carisma dell’unità, una eredità senza tempo indagherà nei percorsi che hanno avuto luogo in 50 anni di vita del Movimento dei Focolari nel continente asiatico.
In Vietnam, a Vung Tau, 300 persone provenienti da tutto il Paese si raduneranno per più giorni all’insegna della condivisione e della spiritualità dell’unità.
In Pakistan sono previsti incontri di spiritualità e Messe per la pace in sette città.
Appuntamenti anche in Burkina Faso, Costa d’Avorio, Camerun, Nigeria, Kenya, Uganda per nominarne solo alcuni.
In Burundi, nell’attuale situazione di tensione sociale, si raccoglieranno intorno al tema Misericordiosi come il Padre Celeste, siamo costruttori di pace.
Nella Rep. Democratica del Congo un collegamento telefonico unirà le grandi città del Paese: Lubumbashi, Goma, Kikwit e Kinshasa. Qui 1500 persone, alla presenza di ambasciatori, membri dell’UNESCO, esponenti di diverse confessioni cristiane, autorità musulmane, rifletteranno su come vivono La pace nella famiglia.
In Italia, la presenza diffusa di comunità dei Focolari suscita localmente numerose iniziative.
A Roma, 280 giovani si danno appuntamento presso il Parlamento con la presidente della Camera Laura Boldrini, il Ministro degli Esteri Gentiloni e altri parlamentari. Pasquale Ferrara, diplomatico, Michele Zanzucchi, direttore di Città Nuova, Shahrzad Houshmand, teologa musulmana, saranno gli interlocutori per discutere i contenuti di un manifesto con proposte concrete sulla pace, il disarmo e la riconversione industriale.
All’università di Pisa una lezione di Antonio M. Baggio nel Corso di Giurisprudenza: L’amore degli amori. Ispirazione religiosa e laicità della politica in Chiara Lubich.
Al Palazzo Ducale di Genova un approfondimento della Laudato sì durante l’evento Le religioni dialogano per la pace e per l’ambiente, con Husein Salah, presidente della Comunità islamica, Giuseppe Momigliano, rabbino capo, Gnanathilaka Mahauswewe, monaco buddista, Andrea Ponta, ingegnere ambientale, Roberto Catalano, centro dialogo interreligioso dei Focolari.
Me attraverso te è il titolo di un evento itinerante a Milano, una sorta di “abbraccio” alla città e di interazione tra gruppi diversi. E ancora dialogo, integrazione, perdono per il ciclo di appuntamenti Il mio mondo è come il tuo? …passi per ri-conoscersi.
All’auditorium del Centro Mariapoli di Castelgandolfo, Roma, si ritroveranno membri del Corpo diplomatico, accreditati presso l’Italia e presso la Santa Sede, e esponenti del mondo della cultura, accolti dalla presidente dei Focolari Maria Voce, per ricordare Chiara Lubich sotto il profilo La cultura del dialogo come fattore di Pace.In Medio Oriente, mentre i conflitti armati continuano a seminare distruzione e ad uccidere la speranza, le comunità dei Focolari in Siria affermano che «della pace siamo responsabili anche noi. Se crediamo che Dio, Signore della Storia, può vincere il Male e ci ascolta, pecchiamo di omissione se non preghiamo incessantemente Lui, per il quale sono possibili le cose impossibili e può sostenerci nel raggiungere l’obiettivo grandioso di fare di tutta l’umanità una sola famiglia. Perciò pregare, mentre cambiamo i nostri cuori e facciamo circolare i beni».
Il senso del 14 marzo 2016 sta proprio in questo: far convergere l’impegno e la preghiera di molti, da tanti punti della terra, per rendere il mondo più unito.Parallelamente la Causa di Beatificazione di Chiara Lubich, iniziata il 27 gennaio 2015, sta seguendo l’iter previsto dalla normativa. Molte le persone che ad oggi hanno potuto offrire la loro testimonianza, di diverse Chiese e di convinzioni non religiose. Un mosaico che evidenzia l’esemplarità della sua vita, impegnata con quanti Dio poneva sul suo cammino a «farsi santi insieme». (Victoria Gómez)

Posted in Cronaca/News, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Egitto: parlamentare espulso perchè “colpevole” di essere stato in Israele

Posted by fidest press agency su domenica, 13 marzo 2016

Tawfik OkashaCairo 403 parlamentari egiziani, pari a più di due terzi della Camera, hanno votano l’espulsione del parlamentare Tawfiq Okasha (che è anche un popolare conduttore televisivo) “colpevole” d’essersi incontrato la scorsa settimana con l’ambasciatore d’Israele al Cairo, Haim Korem. L’Egitto ha piene relazioni diplomatiche con Israele dal 1979, ma nella società egiziana i rapporti diretti con lo stato ebraico rimangono un pesante tabù.
L’espulsione del deputato Tawfik Okasha dal parlamento egiziano “rappresenta un segnale inviato a Israele” per dimostrare che Il Cairo non accetterà mai una normalizzazione dei rapporti con quel paese. E’ quanto ha affermato il presidente del partito di sinistra egiziano Tagammu, Ali Abdel Al, intervistato dall’emittente televisiva “al Ghad”. “Con questa decisione – ha aggiunto – il parlamento del Cairo ha voluto far capire che non ha accettato il fatto che Akkash si sia incontrato con l’ambasciatore israeliano e abbia discusso con lui della situazione della sicurezza in Egitto. Per quanto ci riguarda Akkash ha violato i nostri principi per il suo incontro con l’ambasciatore israeliano e chiediamo provvedimenti per i 12 deputati che lo hanno difeso in quanto in parlamento nessuno deve consentire la normalizzazione dei rapporti con Israele“. (Fonte: Israele.net, 3 Marzo 2016)
Nella foto in alto: il parlamentare egiziano Tawfik Okasha (a destra) durante il suo incontro con l’ambasciatore d’Israele al Cairo Haim Koren

Posted in Cronaca/News, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Gli IFO sono impegnati anche nei Campi Rifugiati siriani in Libano

Posted by fidest press agency su domenica, 13 marzo 2016

missione umanitariaDomenica partirà un’equipe di specialisti del San Gallicano, coordinata dal Prof. Aldo Morrone, per continuare l’Impegno clinico-scientifico in tale terra martoriata. Sono oltre tremila i rifugiati già visitati e più di 200 gli operatori sanitari e umanitari (medici, infermieri, psicologi) che hanno ricevuto aggiornamenti clinico-assistenziali, per eseguire diagnosi precoci di malattie sia nei campi profughi, sia nei Centri clinici per la popolazione più povera libanese e palestinese.
Il Libano, con una popolazione di poco più di quattro milioni di abitanti, sta attraversando una grave situazione umanitaria e clinica, per la presenza sul proprio territorio di oltre un milione e mezzo di profughi, in gran parte provenienti dalla Siria, dove la guerra continua ormai da oltre 5 anni e la tregua è ancora troppo fragile e in molti casi non rispettata. Gli ospedali e i centri clinici, non sono più in grado di garantire un accesso a tutti, in particolare per le donne e i bambini.
“Abbiamo da poco firmato un accordo di collaborazione con la Regione Lazio, – evidenzia Marta Branca, Commissario Straordinario degli IFO – proprio per portare il nostro contributo medico e scientifico nei Paesi terzi, in particolare nelle aree di guerra, consapevoli che il diritto alla tutela della salute è un diritto inalienabile e che può contribuire al benessere di tutti noi. Curare le persone nei loro Paesi, significa garantire salute a tutti e contrastare la diffusione di patologie.L’equipe dell’Istituto San Gallicano visiterà i casi clinici più complessi e svolgerà attività clinica nei campi di Shatila, Ketermaya e Khalde nella periferia di Beirut. Inoltre proseguirà nell’attività di formazione attraverso l’uso di materiali didattici e scientifici appositamente prodotti per la realtà siriana e libanese, in collaborazione con l’Università di Beirut. Si tratta di insegnare a diagnosticare le malattie più gravi e a maggior rischio di diffusione, attraverso il riconoscimento di lesioni cutanee che compaiono, talvolta anche mesi prima, delle diverse patologie infettive o internistiche.
Con questa modalità Low Cost & High Efficacy ( basso costo e alta resa) si riesce a realizzare un’attività clinico assistenziale e di ricerca scientifica anche in condizioni di ridotta disponibilità di strumenti e apparecchiature mediche. “Restituire dignità e salute alle donne e ai bambini fuggiti dagli orrori della guerra – afferma Aldo Morrone – ci sembra il modo di migliore per tutti di realizzare la ricerca clinica tras-lazionale e trans-nazionale, specifica degli IFO. In tal modo possiamo curare molte persone prima che sia troppo tardi e impedire la diffusione di malattie nei campi, sempre terribilmente affollati, garantendo i rifugiati, le loro famiglie e gli operatori sanitari”.La missione umanitaria clinico – scientifica è svolta in collaborazione con la onlus Armadilla, IISMAS, la Fondazione Makhzoumi ed è sostenuta dall’8 per mille della Chiesa Valdese. (foto: missione umanitaria)

Posted in Cronaca/News, Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Unione Petrolifera: Dati carburanti

Posted by fidest press agency su domenica, 13 marzo 2016

petrolioSecondo i dati resi noti oggi dall’Unione Petrolifera, nel mese di febbraio i consumi di carburanti (benzina + gasolio) sono risultati pari a circa 2,4 milioni di tonnellate, di cui 0,6 milioni di tonnellate di benzina e 1,8 di gasolio, con una crescita del 4,8% rispetto allo stesso mese del 2015.
“Al di là dell’aumento dovuto all’anno bisestile, si sta registrando un piccolo rialzo nei consumi di carburanti. Un fatto positivo, considerato che gli anni più bui della crisi aveva fermato gli italiani, costringendoli a viaggiare molto meno” ha dichiarato Massimiliano Dona, Segretario dell’Unione Nazionale Consumatori.
Secondo lo studio dell’associazione di consumatori, i consumi di benzina, dopo aver toccato il picco nel 2007 (11.892 migliaia di tonnellate), sono costantemente scesi fino al 2015, raggiungendo il record negativo di 7816 tonnellate, registrando un crollo del 34,28%. Rispetto al 2008 il calo è del 29,23%. Ovviamente rispetto al 2014 si segnala una flessione ridotta (-1,08%), visto che gli spostamenti già due anni fa erano al minimo.
Più contenuto il ribasso per il gasolio, che registra un andamento più altalenante: scende dal 2007 al 2009, risale nel 2010 e 2011, si abbassa nel 2012, 2013, aumenta nel 2014 e 2015 (+2,01% dal 2014 al 2015).
In ogni caso, rispetto al 2007, la contrazione è dell’11,05% (-10,38% dal 2008)
Ad incidere su questi dati, ovviamente, anche il cambiamento della consistenza del parco veicolare. In questi anni, infatti, salgono le autovetture a gasolio e gpl, rispetto a quelle a benzina. In tal senso si spiega il balzo positivo ed in controtendenza del consumo di Gpl auto, +75% dal 2007 al 2015.
Al di là degli spostamenti dovuti al tipo di alimentazione, comunque, i carburanti nel loro complesso sono mediamente diminuiti, dal 2007 al 2015, del 16,06% (-13,88% dal 2008 al 2015). Nel 2015, invece, salgono nei confronti del 2014 dell’1,43%.
“Insomma nel 2015 si osserva un primo segnale positivo che prosegue nel 2016, come confermato dai dati dell’Unione Petrolifera di oggi. Ma la strada per tornare ai valori precrisi è ancora molto lunga” ha concluso Dona.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Spazio aperto/open space, Uncategorized | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Renzi tra i nemici a sinistra e gli avversari a destra

Posted by fidest press agency su domenica, 13 marzo 2016

Enrico Cisnetto, “Cortina InConTra”

Enrico Cisnetto

Poco se mi giudico, tanto se mi confronto. Non sappiamo se Matteo Renzi abbia fatto propria questa modalità di approccio alla vita (politica, nel caso specifico), ma siamo convinti che gli si attagli perfettamente. Perché il ragazzo fiorentino, se si giudica la sua azione politica e di governo, si merita non poche critiche – e noi non gliele abbiamo mai fatte mancare, seppure sempre costruttive, anche a rischio di farci iscrivere d’ufficio nel partito dei “gufi” – ma non appena si volge lo sguardo sui suoi avversari, vicini e lontani, ecco che vien voglia di portarlo in trionfo. Partiamo da ciò che succede a casa sua e nei dintorni. Sono due anni che assistiamo solo a spargimenti di rancore, senza la benché minima capacità di dare dignità politica e progettuale a quella che si fatica a chiamare opposizione interna. Vale per Bersani e quelli della cosiddetta “minoranza” – che giustamente il professor Giovanni Orsina ha definito gente che “brontola come una pentola di fagioli borlotti che sta bollendo, ma non ha la forza né la voglia di fare qualcosa” – ma anche per il ben più strutturato D’Alema, che ora auspica che “il malessere crei una nuova forza” capace di regolare i conti prima alle elezioni amministrative e poi al referendum costituzionale. Ma l’alternativa a Renzi con chi andrebbe costruita? Con Gianni Cuperlo (da dentro) o Pippo Civati (da fuori)? E per far numero dovrebbe imbarcare da Sel ormai vedova di Vendola (riflusso nel privato) ai giustizialisti di Micromega, dai comunisti d’antan fino ai “no a tutto” in salsa Syriza-Podemos? Come dice Orsina, suvvia non scherziamo.In realtà a D’Alema non da fastidio, come dice, che Renzi non voglia tenere insieme il centro-sinistra, e neppure, come infatti non dice (ma per pudore), che stia sconfiggendo i comunisti a casa loro: il primo che voleva archiviare quella storia con tutti i retaggi che si porta dietro è proprio l’ex presidente del Consiglio. No, gli rode che il ragazzo riesca laddove lui aveva fallito, pur avendo praticato il riformismo e cercato con insistenza un modus vivendi con Berlusconi esattamente come Renzi (via Confalonieri, persino il tramite è sempre lo stesso). Sia chiaro, molte delle critiche che D’Alema rivolge a Renzi sono fondate. Ma allora la partita va giocata a viso aperto, avendo il coraggio di battersi sullo stesso terreno, quello riformista, non inseguendo il partito della “sinistra doc”, che non può che essere minoritario e come tale avere l’unica funzione di far perdere l’erede sfacciato. Si chiama regolamento di conti, non battaglia politica. E difficilmente interessa agli italiani. A cui non sfugge, per esempio, che non si può gridare allo scandalo – pur essendocene pienamente motivo – per le primarie farsa di oggi quando si è stati analogamente protagonisti di quelle di ieri (non dissimili) e non si è fatto niente per dare a quell’istituto elettorale la regolamentazione legislativa che necessita. Così come non piace, agli italiani, che scelte decisive come decidere a chi mettere in mano il destino di città come Roma, Milano o Napoli, o se approvare o meno riforme nientemeno che della Costituzione non vengano prese in democratici congressi ma diventino oggetto di complotti e vendette, cui si sentono del tutto estranei.Sull’altro fronte, il caso Roma – con le divisioni su Bertolaso e l’assurda rinuncia a Marchini – dimostra non solo che il centrodestra è lontano mille miglia dall’aver risolto i suoi problemi esistenziali, ma anche che – come più volte denunciato da TerzaRepubblica – la convivenza tra Berlusconi e Salvini è impossibile. Qui l’empasse è tanto semplice da decrittare quanto difficilissimo da superare: se Forza Italia cede alla Lega e ne riconosce la leadership, il centrodestra sarà inevitabilmente minoritario e lascerà a Renzi il campo libero per conquistare il voto dei moderati; viceversa, se Salvini si chiama fuori o mette le cose in modo da farsi mettere fuori, il centrodestra perde un blocco di voti significativo – che ragionevolmente troveranno il modo di saldarsi con quelli del movimento 5stelle – ma riguadagna la possibilità di fare il pieno dei voti moderati. In questo secondo caso, però, tornerebbe al centro del ring Berlusconi – non fosse altro per mancanza di figure spendibili – che invece di essere un plus finirebbe per rappresentare un handicap. Come si vede, un’equazione irrisolvibile. O meglio, che sarebbe risolvibile se il Cavaliere: a) non avesse la necessità di difendere il suo impero, decisamente sottoposto a corrosione, e dunque di fare accordi sottobanco o per interposta persona (Verdini?) con Renzi; b) si decidesse ad appendere definitivamente le scarpe al chiodo. Condizioni, queste, non date, almeno per ora.Tutto questo – debolezza dei nemici a sinistra e fragilità degli avversari a destra – nulla toglie al fatto che il percorso renziano del “partito della nazione”, o come diavolo lo si vuole chiamare, sia assai poco limpido e lineare. Anzi. I lettori più affezionati ricorderanno che in tempi meno che non sospetti – cioè prima che dicesse ad Enrico Letta di “stare sereno” – suggerimmo a Renzi di imboccare una strada extra Pd, e quando entrò a palazzo Chigi di non fare il segretario del partito. Dunque, siamo consapevoli che occorra una forza “centrale” (che non significa centrista) del sistema politico, anche se rispetto al “partito pigliatutto” che vorrebbe Renzi attraverso un meccanismo elettorale iper maggioritario, preferiamo un sistema di alleanze tra diversi partiti uniti da una condivisione programmatica e selezionati da un voto proporzionale con sbarramento alto e sfiducia costruttiva. E temiamo che aver scelto la strada del premieriato forte per effetto del progressivo svuotamento del Parlamento, unita ad un premio di maggioranza mostruoso non solo non sia cosa buona e giusta in assoluto, ma diventi la corda cui Renzi stesso rischia di impiccarsi, perché restiamo convinti che in un eventuale (e molto probabile) ballottaggio tra lui e un candidato 5stelle (moderato, esteticamente presentabile e dotato di buona capacità mediatica) quest’ultimo rischi di vincere. E sì, perché il fatto di essere indispensabile per mancanza di alternative, fa presto a trasformarsi da vantaggio a fregatura.Lo sappiamo, l’analisi è deprimente, perché ci consegna non solo una fotografia impietosa di una realtà che è brutta a vedersi, ma anche ben pochi appigli a cui pensare di potersi aggrappare. Ma non è colpa nostra. (Enrico Cisnetto direttore Terza repubblica.it)

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Olio tunisino

Posted by fidest press agency su domenica, 13 marzo 2016

olio-imbottigliato“A parole il PD e il Ministro Martina sono per sostenere gli agricoltori e la produzione italiana, nei fatti siglano un accordo scellerato con la Tunisia. Martina è incapace di difendere gli agricoltori italiani e lombardi: 9 volte su 13 ha disertato il Consiglio europeo, perchè sa che a Strasburgo vale come il due di picche.L’essere bergamasco avrebbe dovuto insegnargli qualcosa dei veri bisogni dei nostri agricoltori, invece con i fatti dimostra il contrario. è curioso anche vedere come il Patito Democratico, con la scusa della lotta la terrorismo, abbia preferito difendere gli interessi del Primo Ministro Tunisino Habib Essid, uno dei maggiori produttori di olio del Paese, invece che tutelare i produttori nostrani.Il Pd predica bene e razzola male, e a farne le spese questa volta sono i produttori italiani di olio di oliva, il vero petrolio italiano. I loro eurodeputati hanno votato a favore di quel provvedimento al parlamento europeo, l’alto commissario Mogherini, anch’essa del PD, ha gestito in prima persona questo provvedimento e oggi Martina piange lacrime di coccodrillo e si dice fermamente contrario all’inondazione dei mercati italiani ed europei di olio tunisino. Credo che con questa vicenda abbia dimostrato tutta la propria inadeguatezza, faccia l’unica cosa che può fare per salvare almeno la faccia: si dimetta”, così Dario Violi, consigliere regionale del M5S Lombardia commenta il via libera europeo all’ingresso di 35.000 tonnellate di olio d’oliva dalla Tunisia.

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »