Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 31 n° 259

Archive for 15 marzo 2016

International composition competition Città di Udine

Posted by fidest press agency su martedì, 15 marzo 2016

udineAukay music publishing company is proud to announce new projects associated with the International Composition Competition “Città di Udine”. The winning compositions and some finalist works will be performed publicly and we will produce a CD of the live performance.
Additionally, we are working to select some of the submitted compositions to be used in a collaboration with the contemporary dance company Arearea. Our goal is to give more space to contemporary music and to its interaction with other performing arts.The rules and conditions of the international composition competition “Città di Udine” (eleventh edition) are online on Taukay’s website.
We are accepting submissions in two categories:
– compositions for chamber instrumental group or solo instrument
– electroacoustic music.
Deadline: March 31th 2016

Posted in Uncategorized | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Europe at a crossroads: toward a global strategy

Posted by fidest press agency su martedì, 15 marzo 2016

European Union plansThe European Union plans to adopt a “Global Strategy” for its foreign and security policies (EGS) at its June 22 summit. The document is the result of years of reflection on the increasing complexity of Europe’s external relations and interconnections.
A fundamental problem for the EU is that neither its individual member states nor the bloc as a whole possess the capacity and authority to react effectively to global threats. Europe’s individual nations may be indispensable, but none has the outreach and resources to act as a great power. The union has wide authority on specific global matters such as trade, but foreign affairs are kept outside its purview. This is the case even as the EU has prepared the groundwork for a common approach to external policy following the Lisbon Treaty (2009), and shown through its sanctions diplomacy that unified policy responses can be agreed upon.Europe’s individual nations may be indispensable, but none has the European Union plans1outreach and resources to act as a great power. For Europe, the point of having a global strategy is to enable it to help shape the long-term conditions affecting the EU as a whole, while preserving the bloc’s advantages in global competition. The continent risks being overtaken by rivals able to project power globally – even on an individual, ad hoc basis. That means Europe must surmount internal differences to protect its economic, political, cultural and demographic identity.This year’s EGS will replace the European Security Strategy (ESS) approved back in 2003. The change is long overdue. As the summer of 2016 approaches, Europe’s need for global orientation is becoming more urgent.However, the agenda of the EU’s June summit is becoming increasingly crowded. This suggests that even if the EGS is accepted, it will not be a milestone event. Instead, the summit and its preparatory stages will be completely overshadowed by news from the United Kingdom, where a referendum on continued EU membership will be held on June 23, the day after the summit. Public opinion polls indicate a very close race between the “in” and “out” votes.In case the “out” vote wins, both the EU and the UK would presumably suffer in communized areas like trade. However, the UK, as one of Europe’s core nations, would continue to matter in the global strategic balance – provided Brexit does not trigger Scotland’s declaration of independence. Having the British as independent players may even allow more flexibility in coordinating the policies of countries that can make a difference in global affairs. Europe, by contrast, could suffer if the UK’s departure triggers more fragmentation and makes it harder to build consensus.In a similar fashion, Brexit could well revitalize NATO as a common security platform. The EU, however, would be pulled apart as security interests of its member states diverge. This especially applies to some of the EU’s eastern members, whose dependence on the United States will likely strengthen the trend toward sub-regionalization and the emergence of new fault lines. While Poland and the Baltics favor a strong U.S. link, the Czech Republic, Hungary and Slovakia might opt for broader ties with Russia. In each case, the European global interest in joint crisis management would be overshadowed by the logic of U.S.-Russian tensions.
The format diplomacy used to contain the Ukraine conflict and Iran’s nuclear program is one way to combine the weight of Europe’s leading nations with institutional heft of the entire EU – at least for as long as the U.S. refrains from “big-twoism” or unilateral action. Although it may seem paradoxical, the more European nations achieve a consensus on a common global orientation under EGS, the better their chances of preserving a strategic consensus with their counterparts in Washington. (photo: European Union plans)

Posted in Estero/world news, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

ADB Safegate: joining forces to improve airport operations worldwide

Posted by fidest press agency su martedì, 15 marzo 2016

aeroporto-romaADB Group and Safegate Group unite to form ADB Safegate, providing advanced airport operations systems from approach to departure.
ADB Safegate, a global player in delivering airport performance, has been created following the announcement by European private equity firm PAI Partners and ADB Airfield Solutions to acquire Safegate International, a leading player providing aircraft docking guidance systems, gate management systems, airfield lighting solutions and air traffic control systems.With over 900 employees in more than 20 countries, ADB Safegate integrates complementary products, solutions and services for the gate, tower and airfield at key airports worldwide.These capabilities enable ADB Safegate to offer airports new ways to address their growing challenges, which include rising traffic density, greater regulatory focus on airport efficiency to maximize airspace use, growing passenger demand for a better airport experience, the requirement to ensure ever safer operations and the need to become fully sustainable. By developing more integrated, more intelligent solutions, ADB Safegate helps airports achieve superior performance from approach to departure.“ADB Safegate can build on a long-standing reputation and a large installed base at over 2,000 airports in 175 countries. We are creating a true world leader in advanced solutions for aircraft guidance on the ground, with unmatched capabilities to help our customers face the challenges of the future. With our combined pool of talent, our global reach and our cumulative experience, we are able to design and deliver innovative solutions and services that help airports to effectively meet the demands of rapidly growing air and ground traffic,” says Christian Onselaere, CEO, ADB Safegate.“Our vision is to be the first-choice partner to help airports operate safely, efficiently and sustainably.
We see an opportunity as a joint company to increase our product, solution and service offering to our customers.Our combined R&D capabilities will allow us to be more innovative and enable us to capture new market opportunities that are created as airports invest in improved traffic management and increased operational efficiency in the world’s busiest airspaces,” says Per-Olof Hammarlund, Head of Sales & Marketing, ADB Safegate.ADB Safegate is a leading provider of solutions that boost efficiency, improve safety, raise environmental sustainability and reduce operational costs for airports. The company partners with airports to explore their current situations, identify bottlenecks and jointly solve them through integrated solutions that address airport operations from approach to departure. These solutions tackle every aspect of traffic handling and guidance, from approach, runway and taxiway lighting, to tower-based traffic control systems, to intelligent gate and docking automation. ADB Safegate has more than 900 employees in more than 20 countries and operates in more than 175 countries, serving more than 2,000 airports.

Posted in Estero/world news, Uncategorized | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Printer and copier makers deliver impressive product energy efficiency results in Europe

Posted by fidest press agency su martedì, 15 marzo 2016

BruxellesBrussels. The makers of printers and copiers have boosted energy efficiency of their products by more than one third in Europe within four years (2011-2014). The reduction of energy consumption is the outcome of a self-regulation initiative taken by all major manufacturers of the imaging equipment to decrease their environmental footprint (Voluntary Agreement -VA- on Ecodesign). The Voluntary Agreement, endorsed by the European Commission, requires manufacturers to comply with a strict set of design and information requirements related to energy consumption, recyclability, and optimised use of paper.In its latest Energy Efficiency Report, Edif ERA – the independent inspector overseeing and reporting on the VA, said that energy consumption from inkjet products has been reduced by 35.6% over the period 2011-2014. Moreover, the sales and energy consumption of non-compliant products in the EU have been more than halved within the same period. Today, the market coverage of the VA signatory companies in Europe is more than 99%.
“For the fourth year in a row, our industry is able to demonstrate not only impressive energy efficiency results but also how self-regulation can be a successful policy alternative for Europe. The self-regulation model we are following is unique with very concrete results: More than 97% of the printers our industry puts on the market are compliant to the standards we agreed” said EuroVAprint President Maxime Furkel of Lexmark.The agreement developed by EuroVAprint (the association grouping all major manufacturers of imaging equipment that operate in Europe) is binding for its 15 signatories.

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

EU citizenship in practice – hearing about rights, obstacles and participation

Posted by fidest press agency su martedì, 15 marzo 2016

europa-261011-cFree movement, consular protection, cross-border circulation of public documents, the right to petition and European election reform will be at the core of a hearing hosted by the legal affairs, civil liberties, constitutional affairs and petitions’ committees on Tuesday, between 09:15 and 17:15. MEPs and invited guests will discuss concrete ways to simplify and facilitate the exercise of EU citizens’ rights in their daily life.The hearing is organized jointly by the European Commission (DG Justice and Consumers) and the European Parliament (LIBE, PETI, AFCO and JURI Committees). After introductions by the chairs of the four organising committees and Věra Jourová, Commissioner for Justice, Consumers and Gender Equality, the hearing will be divided in four parts:
· Effective exercise of Union Citizenship and free movement rights
(09.40 – 10.30);
· Consular protection cross border circulation of public documents and civil law cooperation (11.15 – 12.45);
· Enhancing the democratic dimension of the European elections and reinforcing Union Citizenship (14.30 – 15.20);
· The citizens’ right to address the EU (16.10 – 17.15).
Invited speakers come from universities, NGOs, think tanks and other EU institutions.
The hearing will take place in the József Antall (JAN) building, room 4Q1 tomorrow (Tuesday) between 09.15 and 12.45 and between 14.30 and 17.30, and can be followed live via EP Live.

Posted in Diritti/Human rights, Estero/world news, Uncategorized | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Logic Instrument launches business tablet for 349€

Posted by fidest press agency su martedì, 15 marzo 2016

tabletLogic Instrument presents the Logic 116 Pro, which combines the advantages of tablets and the functionality of a laptop. With its latest development, the specialist for rugged mobile computer presents for the first time a tool dedicated to enterprises that wants to equip their sales force with a Windows 10 tablet that is at the same time ultra-mobile, lightweight, powerful and complete thanks to its detachable keyboard.Weighting only 700 grams, the 11.6-inch Full-HD device can be used easily and conveniently anywhere you go – ideal for frequent travelers. More than adequate performance is ensured by a fast Intel® Atom™ x5 quad-core processor and 4GB of RAM. Data is stored on the 116 Pro’s 64 GB internal memory or on SD cards up to 64 GB. The integrated hinged stand allows viewing of videos and presentations without having to hold the device. If necessary, the tablet can be transformed effortlessly via a click-in keyboard into a laptop. When not in use, the keyboard is used as protection for the screen.The Logic 116 Pro uses Windows 10 as operating system and is thus ideally suited for the use with Microsoft’s Office programs for working in a familiar effective environment.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Estero/world news, Uncategorized | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Giovani e disturbi dell’apprendimento: dall’integrazione all’inclusione

Posted by fidest press agency su martedì, 15 marzo 2016

biblio università parmaI Disturbi Specifici dell’Apprendimento (DSA) sono un gruppo eterogeneo di condizioni evolutive che si evidenziano con significative difficoltà nell’acquisizione e nell’uso delle abilità di lettura, scrittura e calcolo. Queste condizioni si manifestano con l’inizio della scolarizzazione e coinvolgono uno specifico dominio di attività lasciando intatto il funzionamento intellettivo generale.
La possibilità di accedere all’università è per gli studenti con DSA una prospettiva nuova, che difficilmente poteva essere pensata solo pochi anni fa. Oggi la presenza di questi studenti nelle università è in rapido aumento e richiede provvedimenti specifici per assicurare loro pari opportunità di apprendimento e successo formativo.
Secondo le ultime rilevazioni del Miur, (MIUR 2014 MIUR – D.G. per gli Studi, la Statistica e i Sistemi Informativi – Servizio Statistico) sono circa 90 mila gli alunni con diagnosi di DSA. La percentuale della popolazione scolastica interessata è pari al 4%. La dislessia è il più diffuso e noto dei DSA. Il fenomeno è dunque in crescita, considerando anche che ci sono molti DSA non ancora diagnosticati, perché le stime attuali si basano sull’affluenza ai servizi e sulle diagnosi accertate. Tra gli studenti universitari dislessici, il 60% non ha ancora avuto una diagnosi prima dell’entrata all’università. Solo un dislessico su 3 o 4 viene diagnosticato in età evolutiva.
Di questi temi si è parlato all’Università Europea di Roma, nel seminario “Disturbi Specifici dell’Apprendimento e Autismo: successi raggiunti e da ottenere”.
E’ intervenuta, fra gli altri, la psicologa Sara Pelli, responsabile del servizio di orientamento dell’Università Europea di Roma, che ha tenuto una relazione sul tema della presa in carico e dei provvedimenti specifici per assicurare agli studenti DSA pari opportunità di apprendimento e successo formativo.
“Le università hanno fatto passi in avanti rispetto all’accoglienza e gestione di questi studenti ma rimangono moti aspetti che richiedono riflessioni, approfondimenti, iniziative concrete”, ha spiegato Sara Pelli. “Tra questi, in primis, il raccordo tra scuola e università. Nonostante i dati confortanti relativi al numero di iscritti, non sempre gli studenti DSA vedono l’università come opzione reale. La scuola è quindi l’area su cui lavorare perché spesso i ragazzi sono scoraggiati a proseguire gli studi. Solitamente gli studenti che arrivano all’università, secondo i dati a disposizione, appartengono a un ceto medio alto e hanno famiglie di riferimento per le quali il raggiungimento del diploma e della laurea è davvero importante. Laddove questo non accade, essi possono venire dissuasi dai docenti a proseguire gli studi, perché classificati come studenti che non hanno voglia di studiare, che hanno altri interessi, che è meglio indirizzare ad attività professionali, pur essendo invece ragazzi con ampie capacità e possibilità. In questo modo, lungo la strada perdiamo persone valide e capaci.
Non si vuole negare la difficoltà di questi studenti. Ma bisogna fare in modo che averne qualcuno in aula con tali caratteristiche sia un valore aggiunto”.
Secondo Sara Pelli “il passaggio culturale, la sfida, per le università e in genere per la società è di passare dal concetto di integrazione a quello di inclusione dei ragazzi con DSA”.
“L’inclusione – ha spiegato la psicologa – comprende e supera il concetto di integrazione, che presuppone una visione della disabilità come deficit, come mancanza da colmare. Mentre, invece, l’idea di inclusione definisce risorsa e ricchezza ogni diversità.
La prospettiva inclusiva esige la rimozione di tutti gli ostacoli che impediscono la partecipazione degli studenti alla vita scolastica e universitaria.
L’inclusione è un diritto fondamentale ed è in relazione al concetto di appartenenza. Un’educazione inclusiva permette alla scuola e all’università di divenire di qualità. Ciascuno è benvenuto, può imparare con i propri tempi e soprattutto può partecipare.
Tutte le persone, con o senza disagi, devono essere messe in condizione di poter agire e interagire alla pari.
L’Università Europea di Roma avvierà percorsi per l’ingresso di questi studenti nei corsi di laurea, affinché nessuno sia costretto a rinunciare alla realizzazione delle proprie aspirazioni. Lo spirito di inclusione dell’uomo è anche sottolineato da Papa Francesco nella sua affermazione: costruire la società dell’inclusione, vincere la cultura dello scarto.
Questa cultura dello scarto tende a diventare mentalità comune, che contagia tutti.
La vita umana, la persona non sono più sentite come valore primario da rispettare e tutelare. Le vittime di tale cultura sono proprio gli esseri umani più deboli e fragili”.
“E’ importante, perciò – ha concluso Sara Pelli – promuovere sempre l’inclusione, in ogni contesto, per vincere l’egoismo e la cultura dello scarto”. (Foto:sara pelli)

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science, scuola/school | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Tajani: l’esenzione dai visti facilita le relazioni fra Perù e UE

Posted by fidest press agency su martedì, 15 marzo 2016

Il vice-presidente vicario del Parlamento europeo Portrait of Antonio Tajani ha ricevuto oggi il Presidente del Perù Ollanta Humala. In occasione della visita, Tajani ha sottolineato come l’accordo di esenzione da visti fra l’Unione europea e il paese latinoamericano faciliterà le relazioni economiche e imprenditoriali fra le due aree. “Il Perù è un Paese che offre sicurezza giuridica e stabilità politica, garanzie essenziali per le Piccole e Medie Imprese che vogliono lavorare con questo partner”. Secondo Tajani, l’accordo sui visti aumenterà anche il flusso di turisti nelle due direzioni.Durante l’incontro Humala e Tajani hanno discusso fra l’altro anche di formazione, cambiamenti climatici, lotta al terrorismo e al narcotraffico.La visita del Presidente Humala al Parlamento fa parte del suo viaggio a Bruxelles, in occasione della firma dell’accordo di esenzione dai visti per soggiorni di corta durata fra Perù e UE.

Posted in Estero/world news, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Primo isolamento a Padova di Zika virus dalla saliva

Posted by fidest press agency su martedì, 15 marzo 2016

zikaIl gruppo di virologi dell’Unità Operativa di Microbiologia e Virologia dell’Azienda Ospedaliera-Università di Padova diretto dal Professor Palù sta monitorando, nei viaggiatori di rientro dalle regioni tropicali del globo, l’andamento epidemico di Zika virus sin da quando l’infezione si è propagata in Polinesia Francese (2013) e in Brasile, Centro-Sud America (2015). Una decina di casi di infezione da Zika virus sono stati diagnosticati e segnalati finora con incidenza in viaggiatori veneti provenienti da aree endemiche. Un evento scientifico di grande interesse, oggetto di pubblicazione in questi giorni sulla Rivista Eurosurveillance, è rappresentato dal fatto che i virologi padovani sono riusciti, per la prima volta in letteratura, ad isolare Zika virus in coltura dalla saliva. Il campione proveniva da un paziente che presentava i sintomi tipici di febbre, mialgia, artralgia, congiuntivite e eritema cutaneo maculare, dopo un viaggio nella Repubblica Domenicana. Il soggetto, che è stato monitorato con tecniche di diagnostica molecolare per oltre un mese per la presenza del genoma virale nei fluidi organici, aveva concentrazioni di RNA di Zika virus molto più elevate nella saliva (3 milioni di copie/ml) che nelle urine (1 milione di copie/ml) e nel sangue (30 copie/ml) ed una persistenza più lunga nel tempo del virus nella saliva (oltre 30 giorni).
L’isolamento in colture cellulari del virus, la classica prova per rivelare la presenza dell’agente eziologico dell’infezione e la sua contagiosità, e’ avvenuta nei primi giorni successivi all’esordio dei sintomi, quando il paziente non aveva sviluppato ancora anticorpi contro il virus. Il lavoro del gruppo del Professor Palù ha importanti implicazioni per comprendere la biologia del virus e la sua trasmissibilità. Zika virus infatti è stato in precedenza isolato da urine, latte e liquido seminale umani e la sua infettività correlata, conseguentemente, anche a trasmissione per allattamento e rapporti sessuali. E’ presto per dire se l’infezione da Zika virus possa trasmettersi, oltre che per la via classicamente accertata del morso della zanzara Aedesaegypti, anche per contagio interumano via saliva o dispersione salivare peraerosol. Serviranno, allo scopo, osservazioni cliniche più estese tra contatti (attualmente in corso) e sperimentazioni su modelli animali.

Posted in Cronaca/News, Medicina/Medicine/Health/Science, Università/University | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Gran Croce al merito e Diritto Umanitario alla Marina Militare e al corpo delle Capitanerie di Porto

Posted by fidest press agency su martedì, 15 marzo 2016

cerimonia marina militareOltre 160 mila vite di migranti salvate, 366 scafisti consegnati all’autorità giudiziaria: è in cifre il risultato dell’attività della Marina Militare in Mare Nostrum e che, a un anno e mezzo dalla sua conclusione (31 ottobre 2014), viene ricordato. Ed è anche la motivazione per cui l’Istituzione al merito umanitario, con sede a Barcellona, ha voluto riconoscere alla stessa Marina e al Corpo delle Capitanerie di Porto il suo più alto riconoscimento: la Gran Croce al merito e diritto umanitario. A consegnarla, nel corso di una cerimonia nella biblioteca di Palazzo Marina, il principe di Capadocia e San Bartolomeo, Don Rafael Andujar y Vilches e il dottor Roberto Schiavone di Favignana, rispettivamente gran cancelliere e presidente della delegazione per l’Italia e l’Europa dell’Est dell’Istituzione. “Un atto dovuto – hanno tenuto a sottolineare i rappresentanti dell’Istituzione – per quanto fatto. Un riconoscimento da parte di una piccola organizzazione senza scopo di lucro per un grande gesto al quale andrebbe il Premio Nobel”.
Il riconoscimento onorifico internazionale promosso dal Merito umanitario nel 1999 per celebrare e premiare chi si è distinto per il sentimento di generosità e di amore per altri, sono stati ritirati dal sottocapo di Stato Maggiore della Marina, ammiraglio di squadra Claudio Gaudiosi, che ha ricordato come “la Marina non lascia indietro nessuno e malgrado Mare Nostrum sia conclusa sta continuando a operare con Mare Sicuro”. Per il corpo delle Capitanerie ha ritirato la Gran Croce il Comandante Generale, l’ammiraglio ispettore Vincenzo Melone.
Sono oltre tremila le personalità insignite con il riconoscimento onorifico Internazionale del Merito umanitario, tra gli altri il Dalai Lama e Rita Levi di Montalcini. (foto: cerimonia marina militare)

Posted in Cronaca/News, recensione | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Dichiarazione congiunta ONU sulla Siria

Posted by fidest press agency su martedì, 15 marzo 2016

siriaDopo cinque anni di conflitto assurdo e brutale, oltre 250.000 siriani sono stati uccisi e oltre metà della popolazione è stata costretta ad abbandonare la propria casa. Circa 4.6 milioni di persone sopravvivono a stento in luoghi dai quali in pochi riescono a fuggire e che gli aiuti non riescono a raggiungere. Altri 4.8 milioni di persone hanno abbandonato il paese. La Siria è oggi un paese molto diverso – a tratti quasi irriconoscibile – e ci vorranno generazioni per ricostruirlo.In queste ultime settimane, però, si stanno vedendo segni di progresso, fragili barlumi di speranza. Stanno cadendo meno bombe; l’accesso umanitario è stato garantito in alcuni luoghi; da tutti gli schieramenti i negoziatori si stanno preparando per incontrarsi e parlare. Come organizzazione umanitaria, accogliamo con favore il progresso laddove significhi vero cambiamento.L’ONU, le ONG e i partner hanno colto queste nuove opportunità di raggiungere le persone che non hanno avuto nulla per molto tempo. Nonostante il pericolo e le incertezze, si stanno sperimentando nuovi metodi di consegna, cercando costantemente di negoziare vie per raggiungere le persone. Attraverso i regolari aiuti e le recenti consegne nelle città sotto assedio, siamo riusciti a raggiungere oltre 6 milioni di persone dall’inizio del 2016.Però, fino a che tutte le parti di questo conflitto non smetteranno di colpire i civili, le scuole, i negozi e gli ospedali, continueremo a far loro pressione affinchè tengano conto dei loro obblighi e li rispettino. Ai checkpoint, forniture e attrezzature mediche vengono ancora rimosse: questo è inaccettabile.Fino a che le parti in conflitto non apriranno completamente l’accesso sicuro e libero a tutti, continueremo a provare a raggiungere i civili con qualsiasi mezzo, non importa quanto impegnativo. Siamo ora in grado di raggiungere un maggior numero di persone nelle aree assediate: ma non possiamo ancora raggiungere un siriano su cinque fra coloro che si trovano sotto assedio e hanno bisogno urgente di aiuto e protezione.Anche se stiamo cominciando a distribuire beni di prima necessità alle comunità che sono state escluse per alcuni mesi o più, non è sufficiente. Per esempio, siamo estremamente preoccupati per la situazione nelle zone rurali a nord di Homs e ad Aleppo, dove 500.000 persone sono bloccate tra fronti di combattimento attivi. Due milioni di persone sono in aree controllate dall’ISIL (Stato Islamico dell’Iraq e del Levante).Noi e i nostri partner rimaniamo pronti a portare assistenza. L’ONU continua a lavorare per negoziare l’accesso con tutte le parti, e consegnare aiuto alle persone nelle aree difficili da raggiungere, inclusi i luoghi assediati che non abbiamo ancora potuto raggiungere. Nessuno vuole vedere un sesto anno di conflitto aprirsi il 15 marzo. I giovani in Siria hanno bisogno di speranza, e di credere che nel loro paese ci sia un futuro. Hanno bisogno di credere che avranno educazione, cure sanitarie, case e lavori. Che la vita sia più che paura, violenza e fame.Uniamo le nostre voci per far appello a tutte le parti, locali e internazionali, affinché questo anniversario sia l’ultimo e affinché i dialoghi politici portino vera pace e la fine della sofferenza in Siria.La missione dell’Ufficio dell’ONU per il Coordinamento degli Affari Umanitari (OCHA) è quella di mobilitare e coordinare un’azione umanitaria morale ed efficace in collaborazione con attori nazionali ed internazionali.

Posted in Cronaca/News, Estero/world news, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Obesità infantile

Posted by fidest press agency su martedì, 15 marzo 2016

obeso“Una proposta di legge volta a contrastare, attraverso il potenziamento dell’ attività sportiva, l’obesità infantile, problema di notevole rilevanza sociale e di salute pubblica che nel nostro paese colpisce un bambino su quattro. Vita sedentaria e alimentazione poco corretta sono le cause principali del fenomeno per il quale necessitano, oltre ad una forte campagna di sensibilizzazione, anche delle norme che aiutino le istituzioni ad incentivare la pratica dello sport da parte di bambini e ragazzi. Tra televisione, strumenti informatici e videogiochi, i bambini fanno sempre meno attività sportiva. Se a questo si aggiunge un’alimentazione non corretta, non ci si deve stupire se i dati sull’obesità infantile sono sempre di più allarmanti. E lo sport rappresenta un’importante risposta a questa emergenza sociale” lo annuncia, in una nota, Nino Minardo, deputato di Area popolare.
“La proposta di legge – spiega Minardo – oltre a dettare disposizioni per la prevenzione e cura dell’ obesità infantile tramite l’esercizio dell’ attività motoria e sportiva, prevede un Piano nazionale annuale per la prevenzione e la cura dell’ obesità attraverso la diffusione dello sport con il coinvolgimento delle scuole. Il progetto, infatti, è volto alla promozione di programmi di formazione motoria nella scuola primaria e alla diffusione tramite i mezzi di comunicazione, dell’ informazione sulle priorità di azione, all’ educazione ad una corretta alimentazione, alla divulgazione di trasmissioni sullo sport e la cultura sportiva ed alla promozione ed organizzazione di attività motorie per i disabili. Lo sport è elemento base perché contribuisce al miglioramento della qualità della vita dei bambini e le istituzioni devono attivarsi per promuoverlo, con il coinvolgimento dei pediatri” conclude.

Posted in Cronaca/News, Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Biosimilari, nuova alleanza tra clinici e payer

Posted by fidest press agency su martedì, 15 marzo 2016

farmaciI farmaci biosimilari offrono grandi opportunità di sostenibilità per il Servizio sanitario, ma le esigenze di risparmio vanno conciliate con appropriatezza terapeutica e indicazioni prescrittive dei clinici. Un progetto promosso da IMS Health con il supporto incondizionato di Janssen ha messo a confronto payer e clinici sul tema dei biosimilari per elaborare proposte su nuovi modelli di approvvigionamento e sulle possibili soluzioni tecniche in grado di conciliare le istanze di tutte le parti.Importanti le indicazioni emerse sulla centralità dell’alleanza clinici/payer e il valore di strumenti di approvvigionamento diversi dalla gara, come Accordo Quadro e trattative negoziali, che hanno portato alla stesura di un elenco di best practice condivise, otto “comandamenti” utili a sfruttare al meglio le opportunità terapeutiche ed economiche offerte da biologici originator e biosimilari.

Posted in Cronaca/News, Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Italiani all’estero

Posted by fidest press agency su martedì, 15 marzo 2016

New York“Il prossimo 21 marzo inizieranno i lavori dell’Assemblea Plenaria con i nuovi consiglieri del CGIE, la cui elezione, come ho avuto modo di denunciare pubblicamente in tempi non sospetti, è sembrata, sia nelle modalità con cui si è svolta sia nella partecipazione al voto, più una forzatura che una reale esigenza di rinnovo”. Lo dichiara in una nota Aldo Di Biagio, senatore di Area Popolare. Oggi però tutto questo deve essere messo alle spalle – prosegue – “perché i nuovi Consiglieri e soprattutto i membri del comitato di presidenza, che sarà eletto il 21 marzo, saranno investiti di maggiore responsabilità proprio perché, toccherà loro dare nuova dignità alle rappresentanze del mondo dell’emigrazione lavorando ad una seria e moderna riforma delle stesse. Avendo chiaro questo obiettivo ben si comprenderà come il rinnovo dei vertici del CGIE dovrà essere ispirato e orientato dall’idea di lavorare tutti in funzione di un interesse e bene comune senza lasciare spazio a manovre volte solo a soddisfare interessi particolari. Manovre che, purtroppo, vedo già in atto da parte di chi non ha alcun interesse al futuro delle rappresentanze ma cerca di spremere fino alla fine questi organismi per meri calcoli personali”. Stiamo infatti già assistendo – evidenzia Di Biagio – “ad un’azione di sciacallaggio di chi tenta di vendere il proprio opportunismo come contrapposizione, rispolverando vecchie battaglie di retroguardia che certamente non hanno più senso di esistere in questo momento storico. Se si dovesse lasciare spazio a queste manovre l’esito sarebbe solo di veder morire un organismo che, non possiamo nascondercelo, si trova in una situazione di difficoltà e per come viene erroneamente percepito all’esterno. Per essere chiari io sono dell’idea che questo non sarà e non deve essere l’ultimo CGIE, come da più parti sembra paventarsi, ma sicuramente dovrà essere l’ultimo CGIE prima della necessaria e tanto attesa riforma organica delle rappresentanze degli italiani all’estero”. Di Biagio conclude: “Una riforma che non può più aspettare e che darà nuova linfa alle rappresentanze. Una riforma di cui proprio questo CGIE dovrà farsene carico ed essere protagonista con una importante opera di proposizione e costruzione che, soltanto attraverso una intesa comune scevra da sterili e passate contrapposizioni, potrà raggiungere quei risultati che tutti ci auspichiamo. Mi auguro che da parte di tutti si sappia raccogliere questa importante opportunità”.

Posted in Estero/world news, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Quello che Medici di famiglia e pazienti sanno sui probiotici

Posted by fidest press agency su martedì, 15 marzo 2016

medico_famigliaGrazie alla collaborazione di oltre 1.000 Medici di medicina generale, su tutto il territorio nazionale, è stata realizzata una fotografia che rivela la reali conoscenze di medici e pazienti sulla disbiosi intestinale, le sindromi correlate, l’utilizzo dei probiotici.Disbiosi intestinale: molte cause. Gli MMG che hanno avuto più pazienti con disbiosi intestinale la correlano a forme influenzali (65%), IBS – Sindrome dell’intestino irritabile (63%), stress o ansia (49%) e patologie metaboliche (40%). La sindrome dell’intestino irritabile (IBS) è senza dubbio il più comune disturbo funzionale gastrointestinale associato a disbiosi intestinale. Colpisce circa il 7-10% della popolazione. Sono molti gli studi che hanno dimostrato la relazione tra IBS e squilibrio del microbiota intestinale: esistono infatti differenze significative tra il microbiota intestinale dei pazienti affetti da IBS rispetto a quello dei soggetti sani.
Probiotici, una cura molto usata. L’86% dei Medici ha prescritto in un anno ad almeno 5 pazienti dei probiotici per combattere la disbiosi intestinale rilevando, in oltre 3 casi su 4 un risultato positivo. L’83% dei Medici di medicina generale, nei casi si disbiosi, riferisce i pazienti al gastroenterologo, la maggior parte, nel 55% dei casi, quando non trova una soluzione efficacie attraverso le abituali terapie, il 20% se affronta casi di disbiosi cronica e il 7% in qualsiasi caso. È importante assumere correttamente i probiotici, lasciando loro il tempo necessario per essere efficaci: “Inutile pretendere che 3-4 giorni di somministrazione di probiotici siano sufficienti a restituire l’equilibrio intestinale” spiega il Prof. Cucchiara “sia per i bambini che per gli adulti sono necessarie almeno 3-4 settimane di trattamento; stile di vita e alimentazione corretti faranno il resto”. I pazienti si informano? Oltre alla sintomatologia legata a disfunzioni dell’apparato intestinale, come i disturbi intestinali funzionali (74,7%) o fasi di diarrea acuta (58,8%), i pazienti chiedono al loro Medico di famiglia informazioni sui probiotici legate alla prevenzione per viaggi imminenti (27,6%). “Ciascuno di noi possiede un proprio microbioma, unico e individuale come un’impronta digitale.” spiega il Professor Lorenzo Drago, Direttore Laboratorio di Analisi Chimico-Cliniche e Microbiologiche, IRCCS Galeazzi, Università di Milano “Grazie alle ultime scoperte sappiamo che esiste una parte «centrale» del microbioma, il core microbioma, che resta invariata, e una parte esterna, che è invece condizionata da abitudini di vita, alimentazione, e condizioni geografiche. Ad esempio, quando si viaggia in un paese straniero” continua il Professor Drago “è molto frequente che dei microorganismi ignoti disturbino il microbioma creando il cosiddetto “dismicrobismo intestinale”, In pratica quello che succede è che alcuni organismi prendono il sopravvento e portano a forme diarroiche.” Questo avviene soprattutto per i bambini più piccoli che sono maggiormente soggetti e condizionati dai cambiamenti nelle abitudini alimentari e nello stile di vita. Inoltre, mentre il microbioma di un adulto è già formato e sostanzialmente stabile, quello di un bambino, soprattutto nei primi anni di vita, è in continua evoluzione.Ci sono probiotici e probiotici. I Medici di medicina generale, pur prescrivendo probiotici, lo fanno più di 4 medici su 5, ritengono necessarie, lo dichiara il 96,6%, maggiori approfondimenti sulla tematica. Dal 2005 il Ministero della Salute ha definito che il termine probiotico è riservato a quei microrganismi che si dimostrano in grado, una volta ingeriti in adeguate quantità, di esercitare funzioni benefiche per l’organismo. Si tratta, in sostanza, di batteri che vengono assunti attraverso preparazioni specifiche o alimenti che li contengono e che riescono a colonizzare l’intestino umano. Ma non tutti i ceppi sono uguali e intercambiabili. Studi recenti hanno dimostrato come due ceppi, il Bifidobacterium longum BB536 e il Lactobacillus rhamnosus HN001, hanno effetti benefici, essendo in grado di sopravvivere alle avverse condizioni gastrointestinali, di aderire alla mucosa intestinale e di interagire con l’ambiente intestinale.

Posted in Cronaca/News, Medicina/Medicine/Health/Science, Uncategorized | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Safer internet

Posted by fidest press agency su martedì, 15 marzo 2016

internetRoma Primo piano sulla sicurezza in rete martedì 15 marzo alle 10:00 all’Università degli Studi Link Campus University di Roma (via Nomentana 335) nell’evento Safer Internet con la presidente degli Stati Generali dell’Innovazione, Flavia Marzano e la lectio magistralis di Pierluigi Paganini, chief Information Security Officer presso Bit4ID, membro del gruppo Threat Landscape Stakeholder Group dell’agenzia ENISA (European Union Agency for Network and Information Security) e direttore scientifico del master in Sicurezza informatica e cybersecurity dell’Ateneo.
All’evento (aperto al pubblico, su prenotazione) intervengono anche Anthony Cecil Wright, presidente di ANSSAIF (Associazione Nazionale Specialisti in Sicurezza), Fabrizio Gergely, responsabile tecnico Enterprise Public Sector di CISCO, Emma Pietrafesa giornalista di Tech Economy, Pasquale Russo, direttore generale di Link Campus University, Carlo Maria Medaglia, direttore del dipartimento di Ricerca di Link Campus University e direttore del Centro di Ricerca Dasic. L’evento è patrocinato da CISCO, Stati Generali dell’Innovazione, ANSSAIF.

Posted in Cronaca/News, Università/University | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »