Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 31 n° 259

Archive for 16 marzo 2016

Wrong and outdated views towards LGBT people endanger their fundamental rights

Posted by fidest press agency su mercoledì, 16 marzo 2016

fundamental rightsIn some Member States, doctors still view homosexuality as a disease and transsexuality as a mental disorder, according to findings from a new report by the EU Agency for Fundamental Rights (FRA). Such negative views of lesbian, gay, bisexual and trans (LGBT) people in society, among professional groups and policy makers hampers efforts to counter discrimination and hate crime. In the first-ever comparative survey across 19 Member States of the views of public officials, health officials, teachers and police officers, the positive impact of EU initiatives were largely acknowledged. However, they also recognised the lack of information and professional training about the needs of LGBT people prevents them from acting to help counter the discrimination LGBT people continually face.
“LGBT people have the same rights to education, to healthcare and to be treated equally as everyone else. They too have the right to live their life in dignity, free from fear and discrimination,” says FRA Director Michael O’Flaherty. “FRA’s latest findings reveal how some doctors still wrongly believe that homosexuality is a disease. They underscore the need for the EU and its Member States to empower public officials to act on their duty to deliver high quality service to help end the suffering many LGBT people experience.”FRA spoke to the professional groups best placed to identify the barriers and drivers in implementing fundamental rights policies on the ground. Some of the key findings that conseil de l'europeemerged that can be found in the ‘Professionally speaking: challenges to achieving equality for LGBT people’ report include:Society can be hostile view towards LGBT people and professionals can harbour prejudices, such as believing that homosexuality is a disease that can be caught. This points to the need for more positive EU and national awareness-raising campaigns, such as in the EU’s list of actions to improve respect for LGBT people and their rights. All professional groups have low levels of awareness and knowledge about LGBT needs. This underlines the importance of professional training, and civil society partnerships and cooperation to help counter prejudice, especially towards trans people in healthcare, and better deliver the same high level of service that most other people enjoy.The lack of objective information, particularly in schools, can result in bullying and prejudice in later life, and force LGBT youths to hide their sexual orientation/ gender identity. Member States should work with education authorities and schools to formulate targeted campaigns to help make schools a safer and friendlier place for LGBT people.LGBT hate crime often goes unrecognised, unreported and unrecorded. Member States should make more efforts to ensure the laws guarding against hate crime are properly enacted, and that greater efforts are made to improve LGBT hate crime reporting which should be recorded.
The report surveyed public officials, doctors, teachers and police officers about which laws and policies work and which do not, and why, when it comes to protecting and promoting the rights of LGBT people. A comprehensive EU-wide overview of LGBT-relevant laws and policies can be found in a FRA report launched in December 2015. This report also looks at the problems intersex people face.The findings complement the results from FRA’s ground-breaking EU LGBT survey which revealed large-scale fear and discrimination among LGBT people across the EU. The full dataset from the survey will be available later this year.
The EU Agency for Fundamental Rights (FRA) provides evidence-based advice to EU and national decision makers, thereby contributing to more informed and better targeted debates and policies on fundamental rights.

Posted in Diritti/Human rights, Estero/world news, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Coldwater Prawns of Norway AS confirmed Friend of the Sea

Posted by fidest press agency su mercoledì, 16 marzo 2016

Barents_Sea_mapColdwater Prawns of Norway AS positively concluded Friend of the Sea renewal audit for cold water prawns (Pandalus borealis). Derived products can proudly continue to display the international sustainability seal of approval. The target stock is fished in the Barents Sea within Maximum Sustainable Yield. The Norwegian fisheries management regime is aiming at maximizing the long term sustainable yield of the living marine resources and at the same time protecting biodiversity and the functioning of ecosystems. There are fishing quota established for each of the three Scandinavian countries operating in this fishing area and for each fishery. Accurate data on all catches is collected through an electronic reporting system.
Fishing does not interfere with Marine Protected Areas. The used trawls do not dig into the bottom of the seabed as the caught species live on or above muddy seabed. The boats operate from 200 to 700 mt deep at a minimum distance of 12 miles from the Norwegian Coast.
“Norway has for years been acknowledged as one of the world’s leading countries in sustainable fisheries management. We are now pleased that Friend of the Sea has re-certified Cold Water Prawns of Norway as sustainably harvested”, says Mrs.Adelheid Stenevik of Coldwater Prawns of Norway. Coldwater Prawns of Norway AS Since it was founded in 2007/2008, the company has increased its market share of Norwegian-caught coldwater prawns from just under 45% to more than 90%. During the few years the company has been in operation, CPN has become Norway’s biggest sales company for Norwegian-caught prawns. The feedback in Norway, and not least internationally, has been 100% positive.
In 2011, the company started its own production company in Senjahopen, Norway. CPN’s operating revenues increased from NOK 15 million in its first year of operation in 2008 to NOK 439 million in 2014. Our expertise and market share will ­continue to grow in step with our ambitions. With one of the world’s finest, purest and healthiest products, we are investing in the future.

Posted in Estero/world news, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Victor Pinchuk joins the International Advisory Board of the Atlantic Council

Posted by fidest press agency su mercoledì, 16 marzo 2016

Ucraina-graUkrainian businessman and philanthropist Victor Pinchuk has joined the International Advisory Board of the Atlantic Council. He is the first Ukrainian invited to the International Advisory board of this leading US think tank.
“The Atlantic Council advocates among global leaders for a free, democratic and successful Ukraine,” said Victor Pinchuk. “I am honored to join its International Advisory Board. I have worked for over 10 years to connect Ukraine to the world and empower change makers for Ukraine. Today, this is more important than ever. The Atlantic Council is a great partner for this.”
Fred Kempe, President and CEO of the Atlantic Council said: “The Atlantic Council is both delighted and honored to welcome Victor Pinchuk to its International Advisory Board. An epitome of a businessman and philanthropist, Victor embodies the Atlantic Council’s mission of ‘Working Together to Secure the Future.’ His efforts promoting Ukraine’s partnership with the European Union is matched by his unwavering commitment to promoting human rights in Ukraine.”
The Atlantic Council is a Washington-based leading think tank that seeks to promote constructive US leadership and engagement in the world based on the central role of the Atlantic Community, working with its allies and partners, to meet global challenges. Its International Advisory Board (IAB) is a uniquely influential group of global business and policy leaders who provide perspectives to the Atlantic Council’s president and board. Among the IAB’s members are the CEOs or Chairmen of Blackstone, Coca Cola, Unilever and other leading global companies, as well as former heads of state and government and senior policy makers like Former Prime Minister of Spain José María Aznar, former Prime Minister of Pakistan Shaukat Aziz, former Prime Minister of Sweden Carl Bildt, Former National Security Advisor to US President Jimmy Carter Zbigniew Brzezinski, former US Secretary of Defense Charles T. Hagel, and former President of Poland Aleksander Kwaśniewski, among others.
Victor Pinchuk is a Ukrainian businessman and philanthropist. In 1990, he founded Interpipe Company on the basis of his patented innovations in pipe design, engineering and production, which were successfully adopted by leading metallurgical factories in the former USSR. In 2007, he founded EastOne Ltd., an international investment advisory company Mr. Pinchuk served two terms as an elected Member of the Ukrainian Parliament, from 1998 to 2006. He retired from politics to focus on his business and philanthropic activities. For over 12 years Mr. Pinchuk has developed philanthropic projects in Ukraine and internationally. In 2006, he consolidated these activities under the Victor Pinchuk Foundation, which became the largest private Ukrainian philanthropic foundation. It focuses on education, fostering Ukraine’s international integration, healthcare, and providing access to the inspiration of contemporary art. Mr. Pinchuk serves on the International Advisory Council of Brookings Institution, the Board of the Peterson Institute for International Economics, and the board of trustees of the Museum of Contemporary Art (MOCA). (Copyright © 2016 YES, All rights reserved)

Posted in Estero/world news, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Expert comment on the Bank of Japan holding interest rates at minus 0.1

Posted by fidest press agency su mercoledì, 16 marzo 2016

Warwick Business SchoolBen Knight of Warwick Business School is a Professor of Economics and has researched the Japanese economy.Professor Ben Knight said: “The prospects for Japan’s exports are not good at the moment so the Bank is relying on domestic demand to maintain the economy’s momentum but it its questionable as to whether that is likely to happen “There was a sharp fall in consumer confidence reported in the monthly index produced by the Cabinet Office in February. If this is followed by a further fall in March and compounded by a fall in the quarterly Tankan index of business confidence in April the next meeting at the Central Bank may decide a further easing of monetary policy is needed.”The unchanged policy stance of Japan’s Central Bank is unsurprising after recent ‘big deal’ changes, but it is questionable whether it can persist with this ‘steady as you go’ approach.”

Posted in Recensioni/Reviews, Università/University | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

I primi risultati della nuova Global Investment Survey

Posted by fidest press agency su mercoledì, 16 marzo 2016

london-centralLondra. Questione di generazioni. Così si può riassumere il rapporto che hanno gli italiani con le nuove tecnologie anche quando si parla di investimenti.Gli investitori sopra i 40 anni infatti dichiarano una minor confidenza e apertura verso canali alternativi per investire legati a nuovi device e alle possibilità offerte dalla Rete rispetto ai Millennial. È quanto emerge dai primi dati rilasciati dalla nuova edizione della Global Investment Survey – giunta al quarto anno – realizzata da Legg Mason Global Asset Management, uno dei principali gestori globali diversificati. L’indagine è stata realizzata in 19 paesi e ha raccolto i dati di oltre 5000 rispondenti, e per la prima volta ha voluto mettere a confronto i comportamenti di due macro-classi di età quelli tra i 40 e i 75 anni e i più giovani (18-39).
Solo il 13% degli investitori più maturi si dichiara propenso a fare investimenti tramite cellulare contro il 35% dei connazionali più giovani. Soltanto il 12% degli over 40 prende in considerazione l’ipotesi di investire mediante venditori online conosciuti – come ad esempio Amazon – rispetto al 30% dei Millennial italiani.Ma le divergenze non finiscono qui: il 30% delle nuove generazioni di investitori è ben disposto a fare investimenti attraverso un’applicazione dedicata (come Schwab) mentre lo è solo il 10% degli investitori italiani più navigati.Il 32% dei Millennial prenderebbe in considerazione la possibilità di servirsi di una piattaforma di consulenza automatizzata in rete per consigli di investimento rispetto ad appena il 10% degli over 40.
Il 27% dei Millennial italiani è disposto a fare investimenti avvalendosi di una piattaforma dedicata di social media contro l’8% degli investitori maturi.Notevoli differenze si notano anche in relazione ad uno dei temi più caldi legato alle nuove tecnologie, quello dei robo-advisor. Mentre il 69% degli investitori over 40 si dichiara sereno nell’investire in base ai consigli ricevuti dal proprio consulente finanziario, solo il 35% lo sarebbe nel seguire quelli di un robo-advisor. Al contrario il 67% dei Millennial si sentirebbe sicuro affidandosi a consulenti non in carne ed ossa.Esiste però un tratto comune tra i due gruppi di investitori, che caratterizza l’Italia rispetto agli altri paesi europei in cui l’indagine è stata svolta: il ruolo del promotore finanziario.Più della metà degli investitori maturi (53%) si affida ad un promotore finanziario per i propri investimenti: si tratta della più alta percentuale registrata in Europa dopo il Belgio (59%). Decisamente lontani paesi come Germania (35%), Francia (36%) e Regno Unito (36%).
Anche per i Millennial il ruolo del promotore finanziario è sempre più rilevante: vi si affida il 70% dei rispondenti, la più alta percentuale in Europa dopo la Francia (73%).“La nostra indagine registra come il ruolo del promotore finanziario stia diventando sempre più importante nel nostro paese” – dichiara Marco Negri, country head Italy per l’Italia. “La survey del 2015 evidenziava come vi si affidasse solo il 40% dei rispondenti, mentre ora lo sceglie più della metà degli stessi (53%). Il che testimonia come, indipendentemente dall’età, l’investitore italiano senta sempre più forte – in un contesto di mercato sempre più difficile da decifrare e in cui vengono a mancare i classici investimenti sicuri e redditizi – la necessità di affidarsi ad un esperto che possa dare consigli su misura rispetto alle esigenze e alla propensione al rischio di ognuno. Le nuove tecnologie saranno sempre più un ulteriore strumento a disposizione degli investitori che si affiancheranno ai canali e alle figure tradizionali ma non stupisce come a mostrarsi fin da subito più aperti e propensi all’utilizzo siano le generazioni più giovani, così come accade in altri campi” conclude Negri.
Legg Mason è una società di gestione di investimenti globale con un totale di 671,5 miliardi di dollari Usa di patrimonio gestito, al 31 dicembre 2015. La società offre una gestione attiva degli asset in molti dei principali centri di investimento del mondo. Legg Mason ha la sua sede centrale a Baltimora, Stati Uniti, ed è quotata presso il New York Stock Exchange (codice: LM).

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Ford lancia l’edizione 2016 di ‘Driving Skills For Life’

Posted by fidest press agency su mercoledì, 16 marzo 2016

auto fordFord ha annunciato un investimento in Europa di 2,9 milioni di euro per portare anche nel 2016, per il quarto anno consecutivo, il programma di corsi gratuiti di guida responsabile ‘Driving Skills For Life’.L’edizione 2016 di ‘Driving Skills For Life’ sarà estesa a 13 paesi europei e debutterà in Finlandia e Polonia tornando inoltre in Italia, Belgio, Danimarca, Francia, Germania, Olanda, Regno Unito, Romania, Russia, Spagna e Turchia.In Italia, il DSFL è stato lanciato nel 2013 e ha toccato 5 città (Roma, Milano, Pavia, Napoli e Padova), coinvolgendo in totale oltre 1.500 giovani nella fascia d’età 18-25 anni, i quali hanno potuto acquisire una maggiore consapevolezza sui rischi alla guida, imparare a evitare le distrazioni e apprendere le manovre di gestione dell’auto in caso di emergenza.Per l’edizione Italiana 2016 del DSFL, presentata oggi alla Sala Stampa della Camera dei Deputati in occasione della conferenza di lancio della 7a edizione del progetto di utilità sociale Ecopatente, http://www.ecopatente.it, Ford tornerà a Roma nel mese di maggio e a Milano ad ottobre, e per la prima volta toccherà le isole sbarcando a Palermo, sempre nel mese di ottobre.“Troppi ragazzi sono coinvolti in incidenti che sono spesso causati dall’inesperienza e dalle difficoltà che incontrano nel gestire situazioni d’emergenza”, ha dichiarato Jim Graham, responsabile del programma Ford DSFL. “Con questo ulteriore investimento di 2,9 milioni di euro metteremo a disposizione di altri 7.000 ragazzi europei le conoscenze e gli strumenti necessari per prevenire i rischi e affrontare gli eventuali imprevisti alla guida, mettendoli nelle condizioni di proteggere la propria e l’altrui vita”.Nel corso del training, gli istruttori di guida Ford insegnano ai ragazzi la teoria e le tecniche di guida responsabile, per imparare a riconoscere tempestivamente le situazioni di pericolo, controllare il veicolo in situazioni d’emergenza, evitare le distrazioni, gestire gli spazi e tenere sotto controllo la velocità.L’edizione italiana 2016 includerà anche una sessione destinata ad approfondire le tematiche della mobilità ‘green’, per affiancare al messaggio della responsabilità quelli della coscienza ambientale e della ecosostenibilità. Le nuove generazioni potranno così contribuire a rendere le strade più sicure, adottando comportamenti virtuosi, e ad accompagnare le città nel percorso che un domani le trasformerà in smart cities sempre più efficienti e integrate sul fronte della mobilità.Le sessioni prevedono anche l’utilizzo di speciali tute, sviluppate da Ford in collaborazione con centri di ricerca specializzati, che simulano lo stato di ebbrezza e quello di alterazione da stupefacenti. Grazie alla ‘Drink Driving Suit’ e alla ‘Drug Driving Suit’, i ragazzi possono sperimentare, da sobri e in ambienti controllati, gli effetti di queste sostanze sui riflessi, sui sensi e sulla capacità sia di analizzare le condizioni di guida che di riconoscere tempestivamente le situazioni di pericolo.“I giovani guidatori hanno generalmente tanto da imparare in termini di responsabilità alla guida e valutazione dei rischi”, ha aggiunto Graham. “Con Driving Skills For Life offriamo loro una modalità divertente e istruttiva per completare il loro processo di formazione e diventare sia automobilisti più responsabili che ambasciatori della sicurezza”. (foto: auto ford)

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

CorelDRAW® Graphics Suite X8

Posted by fidest press agency su mercoledì, 16 marzo 2016

immagini 2010Corel ha annunciato oggi la disponibilità di CorelDRAW® Graphics Suite X8, la nuova release dell’acclamata soluzione grafica che velocizza e semplifica i flussi di lavoro di progettazione professionale, grafica per il web ed editing delle immagini, offrendo al contempo maggiore controllo. La nuova suite consente a grafici, artisti e aziende di trasformare l’energia creativa in opere d’arte che lasciano il segno su qualsiasi supporto. Le nuove funzionalità velocizzano e ottimizzano il processo creativo, soprattutto quando si lavora con i font, le immagini e gli oggetti. CorelDRAW Graphics Suite X8 è l’ambiente ottimale per chiunque desideri creare grafica su Windows 10, oltre a offrire eccezionali esperienze su Windows 7 e Windows 8.1.Sia i nuovi utenti che quelli che si affidano da anni a CorelDRAW possono approfittare di un’ampia gamma di strumenti di apprendimento e di un ambiente personalizzabile per mettersi subito all’opera e creare un’app a propria misura. La nuova politica di upgrade aperta rende molto conveniente il passaggio a CorelDRAW Graphics Suite X8 da qualsiasi versione precedente.“Con la nuova versione X8, abbiamo risolto molti dei problemi che i grafici professionisti affrontano quotidianamente offrendo un ambiente di progettazione potente più rapido e intelligente che mai. Da importanti aggiunte, come il nuovo Corel Font Manager, allo strumento Coltello notevolmente migliorato, l’intera suite consente agli utenti di ottenere con facilità gli aspetti e i risultati professionali richiesti dai loro clienti” ha affermato Gérard Métrailler, Vicepresidente della divisione Products for Graphics & Productivity di Corel.“Professionisti e aspiranti tali possono risparmiare tempo e aumentare notevolmente la produttività con processi semplificati e un numero ridotto di passaggi, tanto da trovare questa soluzione irrinunciabile. E con il supporto ai monitor a risoluzione ultra high e a penne e dispositivi touchscreen, la versione X8 è perfetta per i dispositivi Windows 10 di ultima generazione. Gli utenti che possiedono la versione X7 o le versioni precedenti, fino alla 1.0, troveranno un incredibile elenco di nuove funzionalità insieme alla nostra nuova politica di upgrade, tanto che il passaggio alla versione X8 sarà una “scelta ovvia” ha aggiunto Métrailler.
Corel è una delle maggiori aziende di software al mondo e fornisce alcuni dei prodotti per la grafica, la produttività e i contenuti digitali più noti nel settore. La società si è affermata per la capacità di offrire ai clienti più scelte e di fornire soluzioni facili a utilizzare. La mission aziendale è semplice: aiutare le persone a raggiungere nuovi livelli di creatività e produttività.

Posted in Cronaca/News, Economia/Economy/finance/business/technology, Uncategorized | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Rilancio dell’Europa

Posted by fidest press agency su mercoledì, 16 marzo 2016

europa comunitariaMontesilvano (Pescara) i giorni 17 e 18 marzo prossimi la XV Assemblea Congressuale Nazionale AICCRE. “L’Unione Europea si trova in una situazione di notevole criticità”. Recita il documento politico preparatorio al Congresso: “l’ondata migratoria, proveniente in particolare dall’area mediterranea dell’Africa e dal Medio Oriente, sta evidenziando la crisi dell’Unione Europea che ha le sue radici nel mancato completamento dell’assetto istituzionale avviato con il Trattato di Maastricht (7 febbraio 1992)”. L’AICCRE opererà perché i rapporti con i Paesi mediterranei dell’Africa e con quelli medio orientali siano impostati e sviluppati dall’Unione Europea sulla base di strategie autenticamente sopranazionali e di politiche mediterranee volte al perseguimento di una integrazione euro-araba-africana che superi la concezione coloniale che ha caratterizzato detti rapporti nell’ottocento e nel novecento. Al tal fine, l’AICCRE opererà affinché “i poteri regionali e locali rivendichino nei riguardi dei soggetti governativi europei e nazionali l’assunzione di precise responsabilità per andare oltre l’attuale Unione Europea intergovernativa”. Il Governo sopranazionale della Unione Europea “deve rispondere ad un Parlamento eletto a suffragio universale e diretto e a un Senato degli Stati nel quale siano rappresentati i poteri regionali e locali”. Necessita, pertanto, “una Costituzione per l’Unione Europea federale, per la quale il Parlamento Europeo che sarà eletto nel 2019 dovrebbe avere un mandato costituente, attraverso al quale, tra l’altro, dovranno essere stabiliti i principi e i valori della tradizione culturale dell’occidente, a partire dal rispetto della persona umana”.All’interno dei lavori dell’Assemblea, si svolgeranno due sessioni plenarie internazionali “Nord-sud dialogo sulle migrazioni. Buone pratiche ed esperienze degli Enti locali”, organizzate con il supporto della Commissione europea e Platforma.
Il 18 marzo l’Assemblea eleggerà le nuove cariche dell’AICCRE.
Parteciperanno, tra gli altri: Luciano D’Alfonso, Presidente della Regione Abruzzo; Giuseppe Di Pangrazio, Presidente del Consiglio Regionale dell’Abruzzo, Michele Picciano, Presidente AICCRE; Carla Rey, Segretario Generale AICCRE; Emilio Verrengia, Segretario Generale Aggiunto AICCRE; Stefano Bonaccini, Vice Presidente CCRE e Presidente Regione Emilia-Romagna; Santo Caruso, Sindaco Comune Aci Sant’Antonio (CT) e Portavoce CCRE sulle Migrazioni; Michele Bordo, Presidente Commissione Politiche dell’Unione europea, Camera dei Deputati; Michela Giuffrida, Parlamentare Europeo; Georges Fahd, Vice Presidente della Municipalità di Achkout (Monte Libano); George Patoulis, Presidente Sezione greca CCRE; Janette Uhlmann, Centro Integrazione Mediterranea, Banca Mondiale; Frédéric Vallier, Segretario Generale Consiglio dei Comuni e delle Regioni d’Europa (CCRE); Vincenzo Amendola, Sottosegretario di Stato Ministero Affari Esteri e Cooperazione internazionale; Federica Chiavaroli, Sottosegretario di Stato Ministero Giustizia; Paolo Guerrieri, Commissione Politiche dell’Unione, Senato della Repubblica; Patrizia Toia, Parlamentare Europeo; Agnese Papadia, DG Migrazioni e Affari interni, Commissione europea; Giampiero Gramaglia, Giornalista, Consigliere Istituto Affari Internazionali.
L’Aiccre è la Sezione italiana del Consiglio dei Comuni e delle Regioni d’Europa (Ccre), Associazione che raggruppa gli amministratori di oltre 100.000 enti territoriali in 28 paesi dell’Unione europea, dell’Europa centrale e orientale e di Israele. Il Ccre si è costituito a Ginevra nel gennaio 1951 ed è dal 5 maggio 2004 la Sezione europea della CGLU (Città e governi locali uniti)

Posted in Cronaca/News, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Renoir: Oltraggio e Seduzione

Posted by fidest press agency su mercoledì, 16 marzo 2016

Due giovani ragazze al piano - Renoir 1892Il 22 e il 23 marzo negli UCI Cinemas sarà proiettato Renoir. Oltraggio e Seduzione, il tour cinematografico nella Barnes Foundation di Philadelphia che conserva la più grande collezione al mondo dell’artista francese. Il dottor Albert C. Barnes (1872-1951) ammirava Renoir al punto di raccoglierne oltre 181 opere, risalenti soprattutto all’ultima fase della sua produzione. Distribuito da Nexo Digital in collaborazione con MYmovies.it nell’ambito della Stagione della Grande Arte al Cinema, il tour cinematografico offrirà un accesso illimitato a questa straordinaria collezione, che permette di comprendere perché la figura Renoir abbia diviso l’opinione pubblica per oltre 100 anni. Durante il lungometraggio, diretto da Phil Grabsky, gli spettatori saranno guidati dai principali critici d’arte del New York Times e del Washington Post, da studiosi di fama internazionale e da diversi artisti.
L’arte dell’impressionista francese è stata molto influenza dal suo viaggio per l’Italia nell’inverno del 1881-1882: Venezia, forse Firenze, Roma, Napoli, la Calabria, Capri e Palermo, sono le città che hanno spinto Renoir a dipingere soggetti più atemporali, un’anticipazione delle ricerche che avrebbe portato avanti sino alla morte. In quest’ultimo periodo, dominato da monumentali nudi femminili, lo stile del pittore si arricchì di riferimenti all’arte classica e l’uso del colore si fece più tratteggiato, come nei suoi lavori giovanili. Renoir. Oltraggio e Seduzione racconta proprio la reinvenzione artistica di Renoir, esplorandone le profonde implicazioni per Picasso e Matisse, che descrisse i suoi nudi come “i più belli mai dipinti”. Le multisale del circuito UCI Cinemas che proietteranno Renoir. Oltraggio e Seduzione il 22 e il 23 marzo alle 18.00 e alle 20.30 sono: UCI Ancona, UCI MilanoFiori, UCI Bicocca (MI), UCI Meridiana Casalecchio di Reno (BO), UCI Campi Bisenzio (FI), UCI Casoria (NA), UCI Montano Lucino (CO), UCI Curno (BG), UCI Ferrara, UCI Firenze, UCI Fiume Veneto (PN), UCI Fiumara (GE), UCI Lissone (MB), UCI Cinepolis Marcianise (CE), UCI Venezia Marcon, UCI Messina, UCI Mestre, UCI Molfetta (BA), UCI Moncalieri (TO), UCI Parco Leonardo (RM), UCI Perugia, UCI Piacenza, UCI Pioltello (MI), UCI Porta di Roma, UCI Porto Sant’Elpidio (FM), UCI Reggio Emilia, UCI Roma Est, UCI Romagna Savignano sul Rubicone (FC), UCI Sinalunga, UCI Torino Lingotto, UCI Verona.
Quelle che lo proietteranno solo il 22 marzo alle 20.30 sono invece: UCI Alessandria, UCI Arezzo, UCI Bolzano, UCI Cagliari, UCI Catania, UCI Certosa (MI), UCI Palermo, UCI Roma Marconi, UCI Senigallia (AN), UCI Villesse (GO), UCI Jesi (AN), UCI Pesaro, UCI Fano (PU), UCI Palariviera (San Benedetto del Tronto).L’UCI Casoria, l’UCI Cagliari, l’UCI Catania, l’UCI Messina, l’UCI Venezia Marcon, l’UCI Fano, L’UCI Jesi, l’UCI Senigallia e l’UCI Roma Marconi applicheranno il normale prezzo dell’intero e del ridotto festivo, per le restanti multisale il prezzo del biglietto è di 11€ per l’intero e 9€ per ridotto. Tramite la nuova App gratuita di UCI Cinemas è possibile acquistare i biglietti ed effettuare il check-in nelle sale senza il passaggio alle casse, sia per gli acquisti di biglietti tramite App che per quelli acquistati on line sul sito http://www.ucicinemas.it. Due sono le modalità per usufruire del SALTA LA CODA ALLE CASSE: attraverso il biglietto paper-less disponibile nell’apposita sezione ”My UCI” dell’App gratuita di UCI per dispositivi Apple, Android e Windows Phone, dove sono disponibili i biglietti acquistati sia con l’App, sia tramite il sito http://www.ucicinemas.it, e sul sito http://www.ucicinemas.it stampando comodamente da casa i biglietti acquistati o presentando all’ingresso delle sale i biglietti elettronici inviati via mail. I clienti possono comunque acquistare i biglietti anche presso le casse della multisale, tramite call center (892.960) e le biglietterie automatiche self-service presenti sul posto.

Posted in Estero/world news, recensione, Uncategorized | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Siria: il costo della guerra per i bambini

Posted by fidest press agency su mercoledì, 16 marzo 2016

D220-0301-19.jpg

Sono trascorsi cinque anni dallo scoppio della guerra in Siria nel 2011. L’atroce sofferenza e la grande migrazione causate dal conflitto costituiscono la più grande crisi umanitaria del nostro tempo. Oltre 250.00 persone sono morte e 12 milioni di persone sono state costrette ad abbandonare le loro case e la loro terra natale. World Vision è intervenuta in soccorso dei bambini sfollati e delle loro famiglie dall’inizio di questa sanguinosa guerra. Dal 2011 a oggi World Vision ha assistito oltre 2,37 milioni di profughi e rifugiati, in Siria e nei paesi limitrofi, Giordania, Iraq, Libano e Turchia.Cinque lunghi anni di conflitto siriano hanno lasciato milioni di bambini e le loro famiglie di fronte a scelte sempre più disperate. Il numero di coloro che fuggono dalla violenza in Siria aumenta ogni giorno. Le famiglie riescono con molta difficoltà a provvedere al proprio sostentamento, costringendo i bambini a matrimoni precoci e al lavoro minorile, solo per aiutare i propri cari a sopravvivere.
E’ questo il costo terrificante del conflitto siriano. 275 miliardi, 689 miliardi, 1,3 trilioni di dollari. Queste sono le cifre spaventose rivelate dal rapporto The Cost of Conflict for Children, pubblicato da World Vision in collaborazione con Frontier Economics. “Questa guerra è già costata una perdita di 275 miliardi di dollari per l’economia siriana. Non saranno mai recuperati, non potranno mai essere investiti per garantire istruzione, assistenza sanitaria, mezzi di sussistenza, protezione e un futuro ai bambini siriani”, commenta Conny Lenneberg, Responsabile dei Programmi in Medio Oriente di World Vision. Il rapporto stima che se la guerra finisse quest’anno, il costo sarebbe di 689 miliardi, mentre se il conflitto continuerà fino al 2020, il costo per la Siria sarà di 1,3 trilioni di dollari. “I numeri che mostrano l’impatto a livello economico della guerra in Siria e nei paesi limitrofi sono una finestra sulle sofferenze umane causate da questo conflitto. Dietro ogni statistica, ogni percentuale, ogni dollaro, c’è un bambino, un bambino che non può più andare a scuola, un bambino che deve andare a letto affamato, un bambino che non può ricevere le cure mediche di cui ha bisogno, un bambino che non ha neanche un tetto sotto cui vivere”, conclude Wynn Flaten, Syria Crisis Response Director di World Vision.Senza aiuti per ricostruire le vite dei milioni di profughi siriani, questa guerra costerà loro molto di più, il loro futuro e quello dei loro bambini. “Il rapporto vuole dimostrare e ribadire l’urgenza per la comunità internazionale a mobilitare la propria forza diplomatica, per porre fine a questo conflitto una volta per tutte”, afferma Fran Charles, Syria Crisis Response Advocacy Director di World Vision.
World Vision è presente in Siria e nei paesi limitrofi, soccorrendo la popolazione siriana in fuga e portando aiuti umanitari. Nel 2015 World Vision ha distribuito vestiti e ha aiutato 34.885 persone a proteggersi per l’inverno in Siria, Iraq, Libano e Giordania. 27.840 persone, di cui 14.545 bambini, in Siria e Iraq, hanno ricevuto assistenza sanitaria. Abbiamo garantito supporto psicologico e programmi educativi a 12.054 bambini, che altrimenti sarebbero stati costretti ad abbandonare la scuola. L’anno scorso, World Vision ha distribuito buoni pasto, alimenti nutrienti e cibo a 557.549 persone. Infine, World Vision ha raggiunto 468.984 persone, di cui 261.289 bambini, con la distribuzione di acqua e kit igiene, la costruzione di infrastrutture per la distribuzione dell’acqua, di latrine e impianti di depurazione nei campi profughi. (foto: siria in guerra)

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Italia: ratifica del parlamento agli accordi internazionali

Posted by fidest press agency su mercoledì, 16 marzo 2016

camera deputati2L’On. FitzGerald Nissoli, nell’Aula di Montecitorio, è intervenuta per dichiarazioni di voto favorevoli su alcune importanti ratifiche di accordi internazionali.
Nello specifico sono state approvate, dalla Camera dei Deputati, le ratifiche concernenti: l’accordo di associazione tra Unione europea ed i suoi Stati membri, e l’America Centrale; il Trattato di “assistenza giudiziaria in materia penale tra il Governo della Repubblica italiana ed il Governo della Repubblica del Panama”; il “Memorandum d’intesa tra il Governo della Repubblica italiana e il Consiglio dei Ministri della Bosnia ed Erzegovina sulla cooperazione nel settore della difesa” e l’accordo sul “reciproco riconoscimento dei titoli attestanti studi universitari o di livello universitario rilasciati nella Repubblica italiana e nella Repubblica popolare cinese”.
In particolare, l’On. Nissoli, per quanto concerne l’accordo di associazione tra la Ue e l’America Centrale, ha rilevato l’azione dell’Ue “tesa a contribuire lo sviluppo e la riduzione della povertà in America Centrale, in linea con gli obiettivi dell’Onu, rafforzando al contempo la lotta al terrorismo”. “Un accordo di particolare importanza – ha detto l’On. Nissoli – per il suo rilievo strategico, sia in termini politici ed economici”.
Sempre rimanendo nel quadrante latino americano, sull’accordo di cooperazione giudiziaria tra l’Italia e Panama, l’On. Nissoli ha sottolineato che la cooperazione giudiziaria può “essere una buona premessa per migliorare i rapporti tra i due Paesi ed intensificare, di conseguenza, le relazioni economiche e culturali, in un clima di fiducia dei rispettivi ordinamenti”.
Invece per quanto riguarda l’intesa fra l’Italia e Bosnia, l’On. Nissoli ha rilevato che la cooperazione militare tra i due Paesi sarà utile per “aumentare la sicurezza e la stabilità nell’area balcanica”.
Infine, l’On. Nissoli ha dichiarato il voto favorevole del suo Gruppo parlamentare sulla ratifica dell’accodo sul riconoscimento dei titoli di studio fra l’Italia e la Cina, precisando che tale accordo favorirà lo studio dell’italiano presso le scuole secondarie cinesi in modo da facilitare l’accesso alle Università italiane. Per tanto rappresenta un passo indirettamente significativo “per la promozione dell’italiano in Cina”.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Malawi riapertura ex campo per rifugiati

Posted by fidest press agency su mercoledì, 16 marzo 2016

MalawiL’Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i Rifugiati (UNHCR) accoglie con favore la decisione del governo del Malawi di riaprire un ex campo per rifugiati per far fronte al crescente numero di persone in fuga dal Mozambico. Circa 10mila rifugiati sono stati registrati finora nel sud del Malawi.La maggior parte dei nuovi arrivati, che sono entrati in Malawi da metà dicembre, si trovano in un unico villaggio, Kapise, circa 100 chilometri a sud della capitale del Malawi, Lilongwe. Altri sono sparsi in tutto il vicino distretto di Chikwawa. Fino ad oggi, 9.600 persone sono state registrate dal personale dell’UNHCR e del governo, ma altri sono in attesa di essere registrati. Complessivamente si stima la presenza di quasi 11.500 rifugiati.I tassi giornalieri di arrivi in Malawi sono cresciuti nel corso del mese scorso. Da circa 130 persone al giorno prima di fine febbraio, ora gli arrivi quotidiani a Kapise sono pari a circa 250 persone. I mozambicani che sono arrivati ​​nella prima parte dell’anno dichiarano di essere fuggiti a causa di attacchi mortali sferrati contro i loro villaggi. Le persone arrivate più di recente hanno dichiarato di essere partite per paura degli scontri in atto nel mese corrente tra le forze governative e la RENAMO, il principale gruppo di opposizione, che vuole prendere il controllo di sei province del nord (Manica, Sofala, Tete, Zambezia, Nampula e Niassa).La decisione del governo del Malawi è stata annunciata nella giornata di venerdì e riguarda la riapertura del campo per rifugiati di Luwani, dove è possibile garantire servizi di base e sicurezza. Se Kapise si trova a soli cinque chilometri dal confine, Luwani è collocato circa 65 chilometri all’interno del Malawi.Il campo di Luwani precedentemente ospitava rifugiati mozambicani durante la guerra civile (1977-1992) ed è stato definitivamente chiuso nel 2007. I preparativi sono in corso per consentire i trasferimenti, che l’UNHCR auspica di iniziare a breve. Luwani dispone di più di 160 ettari di spazio, in parte ricoperto da foresta. I rifugiati avranno strutture e servizi migliori in questo sito, tra cui servizi sanitari, istruzione, accesso all’acqua e alla protezione. E, soprattutto, sarà più sicuro. L’UNHCR apprezza la generosità del Malawi ad ospitare così tante persone. L’Agenzia ha inoltre ribadito l’importanza di mantenere le porte aperte a persone in fuga da situazioni di pericolo.Diversi partner, tra cui UNICEF, PAM e MSF, stanno fornendo servizi essenziali a Kapise, tra cui pozzi per l’acqua, cibo e assistenza sanitaria. Ciò ha contribuito a migliorare le condizioni generali che tuttavia rimangono molto difficili. In futuro tale sito sarà utilizzato principalmente come un campo di transito.La mancanza di fondi per l’UNHCR e per gli altri attori sul campo rappresenta un problema. Sono necessari 1.8 milioni di dollari USA per soddisfare i bisogni immediati, ma saranno necessari altri fondi per far fronte al crescente numero di arrivi. Il Malawi ospita già circa 25mila rifugiati, per lo più provenienti dalla regione dei Grandi Laghi e del Corno d’Africa, in un campo che si trova a circa 50 chilometri da Lilongwe – il campo di Dzaleka – che ora è al completo. Le razioni di cibo sono state tagliate del 50 per cento dal mese di ottobre e le risorse per assistere i rifugiati sono limitate.

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Hewlett Packard Enterprise presenta nuovi sistemi iperconvergenti per le medie aziende

Posted by fidest press agency su mercoledì, 16 marzo 2016

HC380_2node_BezelHewlett Packard Enterprise (HPE) ha presentato una nuova appliance all-in-one che riunisce capacità di calcolo, storage software-defined e virtualizzazione intelligente per aiutare le aziende di medie dimensioni e le filiali di realtà enterprise a creare macchine virtuali (VM) in soli cinque click. Creata sulla base del server più diffuso al mondo, il sistema HPE ProLiant DL380, la nuova appliance HPE Hyper Converged 380 (HC 380) consente alle aziende di completare il processo di trasformazione in un’infrastruttura ibrida, grazie ad una semplificazione delle operazioni IT e ad una riduzione dei costi complessivi.Il mercato iperconvergente continua a crescere a ritmo sostenuto, tanto che si prevede possa raggiungere un giro d’affari di 5 miliardi di dollari entro il 20191. Questa crescita è alimentata dalla continua richiesta di un approccio ai server virtuali, ai desktop virtuali e alle infrastrutture cloud ibride che sia economicamente più conveniente e, al tempo stesso, ottimizzato per l’operatività. Ciononostante, i clienti diffidano dall’introdurre nuovi silos che possano limitare la flessibilità dei nuovi business. “Le aziende di medie dimensioni e le filiali delle grandi imprese si trovano ad affrontare la sfida di restare competitive su scala enterprise avvalendosi tuttavia di risorse decisamente minori”, ha dichiarato Ric Lewis, senior vice president e general manager, Converged Datacenter Infrastructure di HPE. “Con l’appliance HC 380 queste realtà potranno ora disporre di un distributore automatico di VM che permetterà loro di portare a termine i propri processi con la velocità del cloud”.
HPE mette inoltre a disposizione un unico punto di contatto con system assurance e un’assistenza attiva a livello mondiale per l’hardware, il software e il cloud privato HPE, nonché per gli ambienti VMware. Gli esperti HPE sono sempre pronti a intervenire per fornire una risposta rapida su base 24/7, aiutando i clienti ad adottare e concretizzare rapidamente i vantaggi del sistema HC 380.
Il sistema HC 380 sarà disponibile a partire dal 31 marzo 2016; i prezzi saranno comunicati al momento del rilascio. (foto: HC380_2node_Bezel)

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Strategie delle imprese alimentari

Posted by fidest press agency su mercoledì, 16 marzo 2016

strategie impreseDopo Expo2015, il Governo ha indicato come obiettivo per il settore alimentare un aumento dell’export che porti a 50 miliardi di euro entro il 2020. Grazie ad un aumento dell’8% nel 2015 si è arrivati alla quota di 36,9 miliardi. L’imminente fiera alimentare Cibus (a Parma in maggio), dove sono attesi migliaia di buyer da ogni continente, potrà essere una prima verifica della tendenza dell’export nel 2016 e nei prossimi anni in USA, Europa, ASIA nonché nei nuovi mercati come Iran e Argentina.
Ma cosa c’è dietro il successo di un comparto come l’alimentare, uno dei migliori tra i manifatturieri, con un fatturato di 133 miliardi e 58mila imprese? Innovazione dei processi produttivi, sviluppo di nuovi prodotti, valorizzazione della tradizione e attenzione ai mercati esteri, secondo un gruppo di ricerca della Università Cattolica che ha presentato oggi il libro “Strategie e performance dell’industria alimentare”, edito da McGraw-Hill.
Per la prima volta è stata indagata la performance economico-aziendale del settore, attraverso la rielaborazione dei dati di bilancio di 448 imprese ed un questionario rivolto a 120 di esse, caratterizzate da maggiore competitività.“All’inizio dell’indagine intuivamo che il settore alimentare aveva risposto bene alla crisi, ma l’obiettivo era proprio quello di scoprire le cause di questa tenuta – ha dichiarato il professor Lorenzo Ornaghi, Presidente dell’Alta Scuola di Economia e Relazioni Internazionali dell’Università Cattolica – Immaginavamo di dover analizzare sicuramente ragioni di ordine economico, ma la nostra attenzione si è focalizzata anche nel capire chi fossero gli imprenditori, i loro percorsi personali, la loro capacità di far tesoro delle esperienze dei fondatori e, non da ultimo, le modalità con le quali affrontano il tema della successione nella guida dell’impresa”. La prima fase della ricerca ha visto l’analisi dei principali dati di bilancio delle imprese nei sette anni dal 2007 al 2013. In particolare, l’analisi si è focalizzata su: Ricavi, EBITDA/Vendite (margine lordo), ROA (Return on Assets), Posizione finanziaria netta (PFN), Mezzi propri/Mezzi di terzi, liquidità primaria. La seconda fase della ricerca si è basata sulla somministrazione di un questionario alle 120 imprese caratterizzate da maggiore competitività e rappresentative dei diversi comparti.«L’internazionalizzazione – ha spiegato Fabio Antoldi, Direttore del Centro di ricerca per lo Sviluppo imprenditoriale (CERSI) dell’Università Cattolica e autore del libro insieme a Daniele Cerrato e Antonio Campati – denota inequivocabilmente il Dna delle imprese di successo, un processo non recente e che si sta allargando: stanno comparendo nuove direttrici di export che sono prevalentemente Stati Uniti, Canada e mercati asiatici. A ciò si associa spesso una notevole capacità innovativa, incrementale non radicale, che si manifesta soprattutto nel packaging, nei nuovi formati e nel lancio di nuovi prodotti. Mediamente le imprese d’eccellenza presentano tre, quattro innovazioni all’anno, puntando sulla qualità, ma anche sulla tradizione perché si tratta per la maggior parte di aziende familiari dove le generazioni che si susseguono garantiscono una certa continuità”.Questa forza strutturale del comparto rende possibile l’obiettivo dei 50 miliardi di euro di export da raggiungere entro il 2020, come ha sottolineato Luigi Scordamaglia, Presidente di Federalimentare:“C’è un percorso di continuità che parte dalla ricerca fatta da Ornaghi sulle principali imprese italiane dell’industria alimentare, passa attraverso la grande vetrina di Expo 2015 che si è rivelata un palcoscenico unico per il nostro modello agroalimentare ed una piattaforma unica d’incontri di affari, grazie alla presenza d’imprese straniere, top buyer, investitori da tutto il mondo, distributori e fornitori, e arriva fino a Cibus 2016.
La prossima edizione di Cibus rappresenterà, quindi, l’occasione di consolidare e rilanciare l’eredità di Expo e sarà una nuova occasione di business, l’obiettivo è chiaro: 50 miliardi di export entro il 2020, un obiettivo possibile anche grazie all’apertura verso nuovi mercati dove esportiamo non solo il Made in Italy, ma quello che definiamo Made with Italy, il know how italiano ed il modo efficiente e sostenibile di produrre eccellenze”.“Mostreremo al mondo – ha concluso Scordamaglia – come nessuno al pari delle nostre aziende alimentari è in grado di coniugare innovazione e tradizione con prodotti d’eccellenza che da un lato affondano in un’ inimitabile tradizione secolare, dall’altro hanno un contenuto di innovazione e servizio che li rende adatti non solo alle esigenze del consumatore di oggi, ma anche a quello di domani”. (foto: strategie imprese)

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Air France KLM premiata agli Ima 2016

Posted by fidest press agency su mercoledì, 16 marzo 2016

air franceNel corso dell’evento gli ospiti, oltre 250 figure di spicco del mondo dei viaggi d’affari, hanno potuto assistere alla tanto attesa premiazione dei vincitori: 97 candidature, 27 premi attribuiti dalla giuria e due Rising Star assegnate in base al voto dei lettori della rivista MISSION. La giuria di IMA, composta da 11 travel manager di vasta esperienza operanti in primarie aziende italiane e multinazionali, ha selezionato dapprima una short list di finalisti, pubblicata a metà dicembre 2015, per poi decretare i 27 vincitori, annunciati ieri durante la serata di gala. Il Gruppo Air France KLM, presentatosi per le categorie “MIGLIOR PROGRAMMA FEDELTA’ INDIVIDUALE” e “MIGLIOR PROGRAMMA FEDELTA’ AZIENDALE” si è aggiudicato entrambi i riconoscimenti per i suoi programmi Flying Blue di Air France KLM e BlueBiz di Air France, KLM, Alitalia e Delta. (foto: premiazione ima)

Posted in Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Tumore alla prostata

Posted by fidest press agency su mercoledì, 16 marzo 2016

La prostataIn Italia vivono 398mila uomini dopo la diagnosi di tumore della prostata, che rappresenta il 20% di tutte le neoplasie individuate fra gli over 50. Oggi sono disponibili trattamenti realmente innovativi, come il Radio-223, il primo radiofarmaco efficace nei pazienti con tumore della prostata e metastasi ossee. Questa nuova terapia non solo aumenta la sopravvivenza globale, ma funziona anche nei pazienti ritrattati che hanno già ricevuto un primo trattamento con il farmaco. I dati sono stati presentati al 31° Congresso dell’Associazione europea di urologia (European Association of Urology – EAU) in corso a Monaco. Nella sessione dedicata al tumore prostatico resistente alla castrazione (CRPC), sono stati presentati anche i dati di sicurezza ed efficacia a lungo termine di uno studio di fase I/II sul derivato sperimentale BAY-1841788 (ODM-201).
“Il tumore prostatico resistente alla castrazione si diffonde quasi sempre al di fuori della sede di esordio e porta allo sviluppo di metastasi, influenzando significativamente la sopravvivenza e la qualità di vita dei pazienti”, ha spiegato il professor Fred Saad, FRCSC, Chief of Urology, Director of G-U Oncology all’Université de Montréal. “Sono disponibili terapie come il Radio-223 che possono controllare la malattia e prolungare la sopravvivenza. Per questo ci impegniamo a proseguire lo studio di queste molecole per meglio comprendere gli approcci ottimali di trattamento”.
I risultati dello studio di Fase I/II di ritrattamento con Radio-223 (Abstract 764) hanno indicato che questo radionuclide è ben tollerato e permette un controllo della progressione della malattia nel tessuto osseo, quando somministrato dopo un ciclo iniziale di trattamento. Lo studio internazionale, multicentrico, prospettico, in aperto, con Radio-223 ha incluso 44 pazienti con tumore prostatico metastatico resistente alla castrazione che avevano precedentemente completato un ciclo di sei iniezioni e che non avevano mostrato progressione durante il primo trattamento. Di questi pazienti, 29 (66%) hanno ricevuto il ciclo completo di ritrattamento con 6 iniezioni, una ogni 4 settimane. Gli eventi avversi osservati correlati al trattamento (TEAE), in questa popolazione selezionata per lo studio di ritrattamento, erano comparabili a quelli osservati nello studio di fase III ALSYMPCA con Radio-223. I risultati degli obiettivi secondari, che includevano il tempo alla progressione radiologica in sede ossea, il tempo alla progressione di fosfatasi alcalina (ALP) e antigene prostatico specifico (PSA) e la sopravvivenza libera da progressione radiologica (rPFS), basata su RM/TC e scintigrafia ossea, suggeriscono il controllo della progressione della malattia ossea in questo studio esplorativo di singolo braccio. Le caratteristiche del prodotto indicano che lo schema registrato di trattamento con Radio-223 comprende 6 iniezioni di 50 kBq/kg di peso corporeo somministrate a intervalli di 4 settimane. L’efficacia e la sicurezza del Radio-223 nella schedula di trattamento esteso e di incremento della dose (NCT02023697) verranno esaminate nello studio randomizzato di Fase II attualmente in corso.
“Il Radio-223 ha un meccanismo d’azione specifico, è caratterizzato da sicurezza e da un miglioramento significativo della sopravvivenza globale comprovati nei pazienti con tumore prostatico resistente alla castrazione che presentano metastasi ossee sintomatiche senza malattia viscerale nota”, ha affermato Volker Wagner, MD PhD, Global Clinical Development di Bayer e responsabile del programma di sviluppo di Radio-223. “Bayer continua a studiare l’utilizzo di Radio-223 in diverse popolazioni di pazienti e ambiti terapeutici allo scopo di migliorare le opzioni di trattamento per i pazienti di tutto il mondo”. Altri dati presentati all’EAU 2016 comprendono gli aggiornamenti dallo studio di fase I/II ARADES di BAY-1841788 (ODM-201) (Abstract 765), che ha mostrato l’efficacia e il favorevole profilo di sicurezza di questo agente fino a 3 anni dopo il trattamento in 77 pazienti non trattati precedentemente con inibitore di CYP17. Il tempo mediano alla progressione di PSA (incremento ≥ 25% e ≥ 5 ng/ml rispetto al basale) è stato di 109,7 settimane (IC 95%: 49,1 – 109,7) nei pazienti naïve alla chemioterapia e non è stato raggiunto (IC 95%: 24,0 – non raggiunto) in quelli pretrattati con la chemioterapia. Durante il trattamento, fatigue o astenia di ogni grado sono stati i più comuni eventi avversi riportati da 27 pazienti (35%). La maggior parte degli altri eventi avversi erano di grado 1-2. Gli eventi avversi correlati al trattamento si sono manifestati in 27 pazienti (35%); solo due sono stati osservati durante il secondo anno di trattamento, mentre nessuno si è verificato nel terzo anno di terapia. “Il cancro prostatico è la seconda più comune forma di tumore negli uomini nel mondo e nuove opzioni di trattamento sono necessarie per colpire tutti gli stadi della malattia. In Bayer il programma di sviluppo clinico sul tumore della prostata è volto a ricercare terapie anti-tumorali innovative per ottenere un beneficio ottimale nei pazienti, indipendentemente dallo stadio e dalla fase della malattia”, ha continuato il dott. Wagner. “Siamo impegnati a esplorare ulteriori usi di Radio-223 e a svelare il potenziale di BAY-1841788 (ODM-201) nei pazienti con cancro della prostata”. Il Radio-223 è stato approvato in più di 40 Paesi in tutto il mondo. BAY-1841788 (ODM-201) è un nuovo antagonista del recettore per gli androgeni a duplice azione, per uso orale, sperimentale, che non ha ancora ricevuto l’approvazione dalle Autorità sanitarie. Il cancro della prostata resistente alla castrazione (CRPC) e le metastasi osseeIl tumore prostatico è il secondo tipo di neoplasia maligna più comunemente diagnosticata negli uomini in tutto il mondo. Nel 2012, circa 1,1 milioni di maschi adulti hanno ricevuto la diagnosi di questa malattia e 307.000 sono morti nel mondo. Il tumore della prostata costituisce la quinta causa principale di morte per cancro al mondo e quello resistente alla castrazione ne rappresenta la forma avanzata. La maggioranza degli uomini con tumore prostatico resistente alla castrazione presenta metastasi ossee sintomatiche, che causano dolore, eventi scheletrici (come fratture o compressione del midollo spinale) e sono associate ad una ridotta sopravvivenza. Infatti, le metastasi ossee portano a un aumentato rischio di morbidità e morte in questi pazienti.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

I Macchiaioli: Le collezioni svelate

Posted by fidest press agency su mercoledì, 16 marzo 2016

cristiano banti

Roma 16 marzo – 4 settembre 2016 Chiostro del Bramante I Macchiaioli: Le collezioni svelate. La mostra ha il pregio di presentare al pubblico per la prima volta importanti dipinti dei Macchiaioli e non solo, collocandoli nel contesto delle antiche collezioni che in origine li ospitarono.Le opere che appartenevano a grandi collezioni del passato – come quella di Cristiano Banti, Diego Martelli, Rinaldo Carnielo, Edoardo Bruno, Gustavo Sforni, Mario Galli, Enrico Checcucci, Camillo Giussani, Mario Borgiotti – oggi sono confluite per lo più in collezioni private e rappresentano un nucleo inedito del più importante movimento pittorico italiano del XIX Secolo.
In mostra oltre 110 opere che rappresentano la punta di diamante di ricchissime raccolte di grandi mecenati dell’epoca, personaggi di straordinario interesse, accomunati dalla passione per la pittura, imprenditori e uomini d’affari innamorati della bellezza, senza i quali oggi non avremmo potuto ammirare questi capolavori. Talvolta donate dagli autori stessi e più spesso acquistate per sostenere gli amici pittori in difficili momenti, queste opere – in grado di assecondare il piacere estetico e arricchire le più grandi quadrerie – sono diventate capolavori ricercati anche dai grandi intenditori d’arte dei nostri giorni.
In un percorso di 9 sezioni – ciascuna intitolata alla collezione di provenienza – il visitatore ha la possibilità di scoprire i Macchiaioli, il movimento pittorico più importante dell’Ottocento italiano e il clima storico che fa da sfondo alla vicenda di questi artisti, oltre ai temi, ai contenuti e ai personaggi di questo rivoluzionario movimento: si potranno ammirare opere quali Il Ponte Vecchio a Firenze (1878 ca.) di Telemaco Signorini – fortunosamente recuperato da Borgiotti sul mercato inglese: un capolavoro non più visto da decenni -, Il giubbetto rosso (1895) di Federico Zandomeneghi, Marcatura dei cavalli in Maremma (1887) e Ciociara (Ritratto di Amalia Nollemberg) del 1881 ca. di Giovanni Fattori, Place de la Concorde (1875) e Campo di neve (1880 ca.) di Giuseppe De Nittis, accanto al Ritratto di Alaide Banti in giardino (1875 ca.) di Cristiano Banti, Cucitrici di camicie rosse (1863) di Odoardo Borrani, Sforni in veranda che legge (1914 ca.) e il Ritratto della moglie Isa (1902 ca.) di Oscar Ghiglia.
In mostra, dunque, anche opere a cavallo tra Ottocento e Novecento che raccontano come le conquiste formali e concettuali dei Macchiaioli furono recepite e sviluppate dalle successive generazioni di pittori. Con il Patrocinio dell’Assessorato Cultura e Turismo del Comune di Roma, la mostra I Macchiaioli. Le collezioni svelate curata da Francesca Dini è prodotta e organizzata da Dart – Chiostro del Bramante e Arthemisia Group. (foto: cristiano banti)

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre, Roma/about Rome, Uncategorized | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »