Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 31 n° 259

Archive for 19 marzo 2016

Europe must rise to the challenges/ L’Europe doit s’élever à la hauteur des défis

Posted by fidest press agency su sabato, 19 marzo 2016

europeThe 28 Member States of the European Union must rise to the challenges they face in the refugee crisis, in the economic and monetary crisis with its prolonged high levels of youth unemployment, and in the wars and trouble spots in their neighbourhood. None of these challenges can be resolved by one Member State alone; they all urgently require shared solidarity. The current crisis of solidarity which is paralysing Europe therefore needs to be overcome. In these difficult circumstances, the blame game is in full swing. But the situation is too serious for us to waste time on recriminations. We want to look ahead together. We are convinced that the major tasks facing us must not be seen in isolation. Partial solidarity is not an option. Solidarity can only succeed when it takes into account the wider context, and it is only by taking this approach that we will find solutions. In this context, a strong Franco-German partnership and understanding is the foundation on which we can make progress. This appeal co-signed by French and German political and academic actors has been published on the 17 March 2016 in Les Échos, the Frankfurter Allgemeine Zeitung and the Financial Times
Les 28 États membres de l’Union européenne (UE) sont mis à l’épreuve par la crise des réfugiés, la crise économique et monétaire qui génère un chômage des jeunes massif et persistant, par les guerres et les conflits qui secouent ses voisins. Aucun de ces défis ne peut être relevé par un État isolément ; chacun d’entre eux somme les États d’être solidaires. Il est donc crucial de surmonter la crise de solidarité qui paralyse l’Europe actuellement. Dans un contexte difficile, les accusations entre États fusent de toutes parts. La situation est pourtant trop grave pour perdre du temps en récriminations. Nous voulons aller de l’avant ensemble. Nous en sommes persuadés : il faut embrasser ces défis d’un seul regard. Il ne saurait y avoir de solidarité partielle. Ce n’est que dans une perspective globale que la solidarité pourra prévaloir et que des solutions pourront se dessiner. Et c’est sur la force de la coopération et de la compréhension franco-allemande que repose tout progrès.Cet appel initié par des acteurs politiques et académiques allemands et français est paru le 17 mars dans Les Échos, la Frankfurter Allgemeine Zeitung et le Financial Times.(photo: europe)

Posted in Estero/world news, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Expert comment on Anbang being set to acquire Starwood Hotels & Resorts Worldwide

Posted by fidest press agency su sabato, 19 marzo 2016

Kamel Mellahi, of Warwick Business School is a Professor of Strategic Management and researches business in China. Professor Kamel Mellahi said: “Strategically Marriott is a better suit for Starwood, but Anbang’s offer is very attractive. It will be interesting to see if Marriott comes back with a better counter-bid. This will trigger a bidding war that I think Anbang is going to win. Plus, a Starwood-Marriott deal may trigger regulatory opposition.”The acquisition of Starwood fits well with Anbang’s internationalisation strategy. Anbang tends to acquire well-performing landmark properties and businesses with a very strong brand, and, judging from past deals, Anbang often pays a premium for ‘trophy’ landmark buildings and businesses.”

Posted in Estero/world news, Università/University | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Three billion people at risk from cooking emissions

Posted by fidest press agency su sabato, 19 marzo 2016

ranyee chiangby Maria Lazarte. (abstract) There is a dark side to cooking that half the world population knows only too well as it costs the lives of four million people every year – that’s three times the number of deaths from HIV/AIDS. Most are women and children.“Picture your kitchen at home, but instead of a gas or electric stove, there is an open fire because that is all you can afford. Your eyes sting and water, and you cough from the smoke. Your children are nearby, also breathing it in. It’s like exposing them to the second-hand smoke of 400 people smoking a cigarette. We don’t typically think of cooking as a health risk; it’s supposed to be nourishing,” says Ranyee Chiang, Chair of the ISO committee on Clean Cookstoves (ISO/TC 285) in a poignant and inspiring TEDx talk about the three billion people who have to cook on open fires and traditional stoves. (photo: Ranyee Chiang)

Posted in Estero/world news, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Curso monográfico de conversación y cocina regional italiana

Posted by fidest press agency su sabato, 19 marzo 2016

cocinoMadrid. El Instituto Italiano de Cultura de Madrid ha consolidado durante las últimas temporadas, con rotundo éxito, su curso monográfico de conversación y cocina regional italiana. Cada mes el curso se ha dedicado a descubrir los platos y productos típicos de una zona de Italia; la cita del próximo 5 de abril se ocupará de desvelar los secretos y las bondades de la cocina de fusión.El Palacio de Abrantes (sede del Instituto en la calle Mayor, 86) cuenta para esta actividad con una cocina única: amplia, moderna y de singular belleza, en uno de cuyos rincones una acogedora mesa sirve para que los alumnos concluyan la clase cenando los platos que previamente han preparado. La iniciativa, que cuenta con el profesor Matteo Re como maestro, ha recorrido ya las excelencias culinarias de las regiones italianas de Campania, Toscana, Apulia, Lombardía y una cena de Navidad típica, entre otras.Cada uno de estos encuentros acoge a 10 alumnos que no necesariamente tienen que estar matriculados en el Instituto, y que no necesitan ser expertos cocineros. Todos ellos participan de forma activa en la preparación de los platos y, por supuesto, de la cena final. El nivel de italiano no es tampoco una barrera, ya que se admiten alumnos de nivel básico.El menú de la sesión del próximo 5 de abril, dedicada a la cocina italiana de fusión, y que por 50 € prepararán y cenarán los participantes en el curso, será el siguiente:
Aperitivo con Prosecco e parmesano en escamas
Avocado lime, guindilla y gambas
Mafaldine (pasta larga) calabacín, setas shiitake y pesto
Pollo con limón en salmuera y aceitunas
Crema de mango y queso mascarpone
Vino italiano
Desarrollo del curso: Recepción de los alumnos en la cocina del Instituto Italiano de Cultura. Se servirá un aperitivo italiano.
Breve presentación del curso y de los platos que se prepararán. Clase práctica de cocina en la que todos los laumnos participan de forma activa en la preparación de los platos. Se terminará con la desgustación en una cena de los platos elaborados.
El profesor les animará al diálogo en italiano. Se admiten también los alumnos de nivel básico de italiano.
Elaboración de platos sencillos que podrán prepararse en casa sin dificultad. Por esta razón, no es necesario ser cocineros expertos para participar en el curso. Los grupos serán de máximo 10 personas (mínimo 6). Al finalizar el curso, las recetas se enviarán por correo electrónico. Todo el material del curso será suministrado por el Instituto Italiano.(foto: cocino)

Posted in Estero/world news, Recensioni/Reviews, Uncategorized | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

“Sviluppo di Metallacrowns porosi e magnetici per applicazioni sensoristiche”

Posted by fidest press agency su sabato, 19 marzo 2016

parma universitàParma. Il progetto bilaterale Italia-USA dal titolo “Sviluppo di Metallacrowns porosi e magnetici per applicazioni sensoristiche”, coordinato dal dott. Matteo Tegoni del Dipartimento di Chimica dell’Università di Parma, è stato selezionato dal Ministero degli Affari Esteri come Progetto Bilaterale di Grande Rilevanza per il biennio 2016-2017. Questo progetto verrà sviluppato in collaborazione con il gruppo di ricerca del prof. Vincent L. Pecoraro del Dipartimento di Chimica della University of Michigan a Ann Arbor (USA). Il progetto è uno dei 23 progetti bilaterali inseriti nella Dichiarazione Congiunta di Cooperazione Scientifica e Tecnologica fra Italia e Stati Uniti d’America per gli anni 2016-2017, firmata a Roma il 14 gennaio scorso. Lo stesso progetto ha anche ricevuto contributo finanziario dal Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale attraverso la Direzione Generale per la Promozione del Sistema Paese.Il progetto riguarda lo sviluppo di una classe di composti chimici chiamati Metallacrowns, studiati da oltre quindici anni dal gruppo del dott. Tegoni. Essi hanno peculiari proprietà di luminescenza, magnetismo e riconoscimento di ioni, derivanti dalla loro struttura che vede confinati molti ioni metallici in una architettura molecolare di piccole dimensioni. Nello specifico, il progetto bilaterale ha l’obiettivo di sviluppare materiali porosi allo stato solido contenenti unità di metallacrowns i quali abbiano la proprietà di cambiare le loro proprietà magnetiche in funzione dell’assorbimento di molecole ospiti all’interno dei pori del solido. La dott.ssa Vittoria Marzaroli, dottoranda di ricerca, sarà in prima linea nel portare avanti queste ricerche nei prossimi due anni.
L’inizio della collaborazione fra il gruppo del dott. Matteo Tegoni e il gruppo del prof. Vincent L. Pecoraro risale al 2008: da allora vi è stato un costante scambio di personale ricercatore e di studenti di dottorato fra i due laboratori. Attualmente i due gruppi sono anche partner nel progetto europeo Marie Curie IRSES “ METALLACROWNS – metallacrowns-based innovative materials and supramolecular devices”, finanziato nell’ambito del settimo programma quadro dell’Unione Europea per gli anni 2013-2017. Quest’ultimo, coordinato dal dott. Tegoni, vede la partecipazione anche di gruppi di ricerca di Francia, Polonia e Ucraina.I gruppi del dott. Tegoni e del prof. Pecoraro hanno recentemente pubblicato sulla rivista Chemistry, a European Journal un articolo congiunto riguardante l’isolamento della prima architettura supramolecolare porosa a base di metallacrowns. Il prof. Luciano Marchiò e il dott. Corrado Atzeri del Dipartimento di Chimica dell’Ateneo parmense sono coautori del lavoro (http://dx.doi.org/10.1002/chem.201600562). In particolare il dott. Atzeri, che ha da qualche giorno conseguito il titolo di dottore di ricerca in Scienze Chimiche presso il nostro Ateneo, aveva trascorso nel 2014 otto mesi negli USA per studi e ricerche riguardanti questo progetto. Questi risultati e queste collaborazioni sono stati infine la base per la firma a inizi 2016 di un accordo quadro di collaborazione per la ricerca e per la didattica fra le due istituzioni (Università di Parma e del Michigan), accordo che costituirà auspicabilmente una base solida per l’implementazione in futuro di nuovi progetti di ricerca e di internazionalizzazione fra i due Atenei.

Posted in Cronaca/News, Università/University | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Accordo Air France-Atout France per il 2016

Posted by fidest press agency su sabato, 19 marzo 2016

air franceFrédéric Meyer, Direttore di Atout France Italia e Jérôme Salemi, Direttore generale di Air France Italia hanno firmato questa settimana, nella sede di Atout France a Milano, in via Aurelio Saffi 21, un accordo valido per tutto il 2016.Si tratta di un importante accordo di collaborazione per la promozione della destinazione Francia verso il grande pubblico, i professionisti del turismo e del turismo d’affari e, in generale, gli attori del settore.Atout France si impegna a comunicare le destinazioni, le promozioni e i prodotti specifici di Air France per il mercato italiano, attraverso i suoi vari canali di comunicazione – newsletter, facebook, twitter, Google+ – e sul sito http://www.france.fr, e Air France si impegna sua volta a supportare Atout France nelle operazioni mirate alla stampa, ai tour operator e agenti di viaggio, dal Mediatour alla presentazione della rivista Rendez-vous en France, alle giornate di partenariato a Parigi, il France Meeting Hub, i workshops e il Road Show Francia.« Siamo orgogliosi di questo nuovo accordo per il 2016 con Atout France che ancor più dimostra la nostra volontà di collaborare a 360° coinvolgendo tutti i nostri interlocutori tradizionali, dai professionisti del settore alla stampa, dal grande pubblico a chi ci segue sui social media » dichiara Jérôme Salemi, Direttore generale di Air France Italia.« Sono particolarmente felice dell’accordo con Air France che permette di rinforzare la Promozione della destinazione Francia in un anno ricco di eventi culturali e sportivi a livello internazionale » dichiara Frédéric Meyer, Direttore di Atout France Italia. Da segnalare in particolare che il magazine Rendez-vous en France, di prossima pubblicazione, diffuso in 100.000 copie, sarà presente nelle Lounge di Air France dal mese di maggio, veicolata attraverso i titolari di carte di credito e presentata negli eventi ufficiali di Atout France Saranno anche avviate azioni congiunte Air France-Atout France di promozione turistica della destinazione Francia.

Posted in Estero/world news, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Un giro intorno al mondo con la Ford Model T

Posted by fidest press agency su sabato, 19 marzo 2016

World Tour1Fare il giro del mondo non è cosa da tutti. Farlo a bordo di una Ford Model T con oltre 100 anni sulle spalle è una sfida che tenterebbero in pochi. Ma è esattamente quella raccolta dagli olandesi Dirk e Trudy Regter. La coppia ha iniziato il proprio viaggio nell’estate del 2012, quando è partita da Edam, Olanda, per raggiungere Cape Town, Sud Africa. La prima tappa è durata 180 giorni, nel corso dei quali i Regter hanno percorso circa 22mila chilometri. Nel 2013 la Model T ha raggiunto gli Stati Uniti e il Canada, viaggiando attraverso 22 stati e percorrendo, sempre in 180 giorni, 28mila chilometri. Nel 2014 la meta è stata il Sud America, dove al contachilometri ne sono stati aggiunti altri 26mila.La coppia, che a bordo della Model T ha viaggiato, a oggi, per oltre 80mila chilometri, ha dato il via a questa entusiasmante avventura nell’ambito di un’iniziativa filantropica a supporto dei progetti dell’agenzia no-profit SOS Children’s Village.Nel 2016 e nel 2017 continueranno a viaggiare raggiungendo Nuova Zelanda, Australia, Indonesia, superando la catena dell’Himalaya per toccare Cina e Mongolia, prima di fare ritorno in Olanda attraversando l’Europa Centrale.Un video-racconto del loro incredibile viaggio è disponibile qui: https://youtu.be/hhwVjJvEjAs.
Viaggiare a bordo di un’auto centenaria, anche se leggendariamente affidabile come la Model T, richiede una meticolosa attenzione a ogni aspetto tecnico e meccanico, facilitata dalla semplicità del design di una tra le Ford più vintage assoluto che rende agevoli le operazioni di manutenzione e riparazione.Dirk e Trudy Regter, entrambi in pensione, hanno acquistato la ‘tin lizzie’ del 1915 nel 1997, dopo essere stati già proprietari di una Model T del 1923 e di una Model A del 1928. La passione per le Ford d’epoca è stata trasferita a Dirk da suo padre e da sua nonno.Ford realizzò 15 milioni di Model T tra il 1908 e il 1927. La produzione iniziò negli Stati Uniti, ma si estese rapidamente a Danimarca, Germania, Irlanda, Regno Unito e Spagna, diventando, di fatto, la prima auto globale della storia. La Model T trasformò l’esperienza di mobilità del mondo dando vita al trasporto individuale di massa grazie alle sue caratteristiche uniche, come l’accessibilità, la facilità di manutenzione e la robustezza.“In Africa una delle ruote anteriori non ha retto alle sollecitazioni, ma siamo riusciti ad aggiustarla semplicemente facendola saldare da un fabbro”, ha spiegato Dirk Regter. “Per tutti gli altri interventi me la cavo più che bene con gli attrezzi, e per andare molto lontano basta qualche cacciavite, un martello, del nastro adesivo americano, qualche cinghia e delle fascette da elettricista”.La Ford Model T globetrotter, spinta da un motore a benzina di cilindrata 3.0, è completamente originale, con la sola eccezione degli pneumatici, un po’ più larghi per incrementare il comfort di guida su fondi irregolari e sulle lunghe distanze. Un treno di gomme dura circa 15mila chilometri su strade asfaltate, molto meno su superfici irregolari come le mulattiere sudamericane o gli sterrati africani.“Al confine tra Sud Africa e Botswana abbiamo incontrato un agricoltore che aveva nel suo granaio una vecchia Model T, e ci ha regalato una gomma per la ruota di scorta per aiutarci nella nostra avventura”, ha concluso Dirk. (foto: World Tour)

Posted in Cronaca/News, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Opportunità da non perdere: rilascio immediato della banda 700 con il contestuale passaggio al digitale DVB-T2

Posted by fidest press agency su sabato, 19 marzo 2016

mercato digitaleAl MiSE non capiscono che il rilascio immediato della banda 700 con il contestuale passaggio al digitale DVB-T2 è una opportunità da non perdere per inserirsi tra i grandi d’Europa nel veicolare lo sviluppo tecnologico degli anni 2030 e per risanare tutto il comparto radiotelevisivo. La UE ha inviato in missione speciale il Commissario Oettinger a spiegare che se non facciamo questo passo ora rimarremo “fregati” per un trentennio visto e considerato che l’Italia, oltretutto, è in tremendo ritardo anche con la fibra ottica. Non ci sono motivazioni economiche o finanziarie per non cogliere l’attimo nel lanciarsi verso il mondo dello sviluppo delle reti mobili per sperare in una crescita non solo basata sul consumo dei prodotti ma sull’efficienza dei servizi. Il Governo non può limitarsi a dire che l’Italia non è pronta. In verità siamo tutti pronti. E’ prontissima l’emittenza locale che, venendo a disporre di ben 58 programmi per ogni regione, si salva dal massacro della incasinata pianificazione AGCOM. E’ pronta la telefonia mobile che non vede l’ora di annettersi 12 canali della Banda 700. Allora qual è il problema? Non sono pronte le Reti nazionali, ovvero Mediaset, che nonostante tutto con il T2 raddoppierebbe la capacità trasmissiva? Allora dobbiamo ancora una volta constatare che in Viale America le teste di pezza sono sempre quelle a suo tempo piazzate per gestire il noto conflitto d’interessi tra la politica e le frequenze. Ma questa volta l’Europa non ci sta. Sono in gioco gli interessi di tutta la UE nei confronti dei Paesi asiatici per la corsa allo sviluppo tecnologico mondiale.

Posted in Estero/world news, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Primarie U.S.A.: elezioni di metà mandato, governo diviso, povero Obama

Posted by fidest press agency su sabato, 19 marzo 2016

obamanobel1_intRoma mercoledì 23 marzo 2016, ore 11.00 aula Mauro Wolf – dipartimento di Comunicazione e ricerca sociale via Salaria 113/117, si tiene il quarto appuntamento del ciclo di seminari Sistemi Politici Comparati, promosso dal dipartimento di Comunicazione e Ricerca Sociale e dalla Fondazione Nova Spes, dal titolo “Primarie, elezioni di metà mandato, governo diviso: povero Obama”. Il dibattito si concentra sul “modello americano”, le sue peculiarità, le affinità con i maggiori sistemi politici occidentali. Intervengono Rita di Leo della Sapienza, Giampiero Gramaglia dell’ Istituto Affari Internazionali, Francesco Marchianò del Centro di Riforma dello Stato. L’incontro, aperto fino ad esaurimento posti.

Posted in Estero/world news, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Word as performance

Posted by fidest press agency su sabato, 19 marzo 2016

Roma mercoledì 23 marzo 2016, ore 10.00 giovedì 24 marzo 2016, ore 10.00 aula I – Istituto italiano di Studi Orientali ISO via Principe Amedeo 182b si tiene il simposio internazionale “Words as Performance: Oral Narratives, Poetry and Storytelling in Japan” che affronta il tema del rapporto tra parola e performance in Giappone da una prospettiva triplice: poesia, narrazione orale e arti declamatorie. Il simposio, primo del genere in Italia, fornisce l’occasione per esperti provenienti da Stati Uniti, Europa e Giappone di confrontarsi sul tema della parola e sulle sue declinazioni in campo performativo.

Posted in Cronaca/News, Roma/about Rome, Università/University | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Bioetica: In ricordo di Giovanni Berlinguer

Posted by fidest press agency su sabato, 19 marzo 2016

Giovanni BerlinguerRoma lunedì 21 marzo 2016, ore 11.00 aula Marini Bettolo, Edificio di Botanica piazzale Aldo Moro 5, ha luogo la presentazione del volume 4 anno XXIII di “Bioetica. Rivista interdisciplinare in ricordo di Giovanni Berlinguer”. Personalità di primo piano della cultura italiana, Giovanni Berlinguer ha contribuito con la sua intensa attività di docente e saggista a diffondere la cultura scientifica e l’analisi critica del sistema sanitario italiano. È stato deputato al Parlamento italiano e al Parlamento europeo, ha ricoperto numerosi incarichi istituzionali e, in particolare, è stato presidente del Comitato Nazionale per la Bioetica, oltre che membro del Consiglio sanitario nazionale. Coordina l’incontro Vincenzo Nesi, preside della facoltà di Scienze Matematiche, fisiche e naturali. Intervengono Maurizio Mori, direttore della rivista, Piergiorgio Donatelli, Alberto Oliviero e Fabrizio Rufo della Sapienza e Silvana Salerno del Centro Ricerche Enea – Casaccia.

Posted in Cronaca/News, Roma/about Rome, Università/University | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

“Made in Italy – Eccellenze in Digitale”

Posted by fidest press agency su sabato, 19 marzo 2016

BariBari lunedì 21 marzo, dalle ore 10.30 presso la ex Sala Verde della Camera di Commercio di Bari, si terrà la conferenza stampa conclusiva di “Made in Italy – Eccellenze in Digitale”. Il progetto, realizzato con il contributo di Unioncamere e Google Italia, si è svolto presso l’ente camerale barese da giugno 2015 a marzo 2016 ed è stato finalizzato ad incrementare la competitività commerciale delle aziende del territorio barese e dalla BAT tramite l’accrescimento delle competenze digitali. Nel corso dell’evento verranno resi noti il numero delle aziende coinvolte, il supporto erogato e i primi risultati raggiunti. Interverranno il Segretario Generale della CCIAA di Bari, Dott.ssa Angela Partipilo, il Tutor Camerale, Dott. Francesco Mininni, i Digital Strategist coinvolti nel progetto, Dott.ssa Valeria Lanzolla e Dott. Vito Macina, e i rappresentati di tre realtà imprenditoriali che hanno conseguito notevoli risultati a seguito del supporto ottenuto.

Posted in Cronaca/News, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Mal di schiena: iniziativa delle farmacie

Posted by fidest press agency su sabato, 19 marzo 2016

farmacia verbanoOltre 500 farmacie coinvolte in tutta Italia, da metà aprile a fine 2016, per distribuire materiale informativo sul dolore e sulla Legge 38/2010 ma anche realizzare un’indagine volta a comprendere quali siano le reali esigenze e aspettative dei cittadini con sintomatologia algica. Sarà il Farmacista a gestire uno “screening” sulle diverse tipologie di dolore, tramite un’apposita “check list”, e ad individuare i potenziali pazienti con mal di schiena improvviso da inviare al Medico di famiglia, che valuterà se indirizzarli al Centro HUB più vicino per una visita specialistica e per l’eventuale inserimento, secondo precisi criteri di selezione, nell’ambito dell’innovativa Ricerca genomica Pain-OMICS. Questa strategia e relativa programmazione verrà affiancata dall’attivazione di un Numero Verde (800.178.541), cui potrà rivolgersi chiunque abbia problemi di dolore, per ricevere informazioni ed indicazioni sul Centro di terapia antalgica al quale rivolgersi.
Sono queste le caratteristiche della Campagna educazionale e di sensibilizzazione promossa da PINHUB (Pain Interregional Network HUB) – la prima Rete nazionale per la terapia del dolore – in collaborazione con la Federazione degli Ordini dei Farmacisti Italiani (FOFI) e con alcune Associazioni territoriali di Medici di Medicina Generale: l’iniziativa è stata presentata a Firenze, all’avvio dei lavori del Congresso Nazionale FarmacistaPiù.PINHUB, il network italiano che riunisce una ventina di Centri HUB di riferimentoper la terapia antalgica e le cure palliative, accreditati da Delibera regionale, è nato ufficialmente a gennaio 2016 con l’obiettivo di favorire la ricerca sul dolore, la definizione e implementazione di appropriati Percorsi Diagnostico Terapeutici Assistenziali (PDTA), per garantire ai cittadini con sintomatologia dolorosa un’uguaglianza di trattamento, ovunque risiedano nel Paese, e una corretta e uniforme applicazionedella Legge 38.Tra i progetti più ambiziosi di PINHUB vi è il supporto alla Ricerca scientifica internazionale Pain-OMICS, coordinata dall’HUB di Parma e finalizzata a identificare i marcatori genetici associati alla trasformazione di un mal di schiena acuto, improvviso, in una forma cronica, per poterne migliorare la diagnosi e la cura. Si tratta di uno Studio di genetica totalmente finanziato con fondi della Commissione Europea ed è il più importante condotto finora a livello mondiale sulla lombalgia, patologia dolorosa molto diffusa, che nel 35% dei soggetti colpiti può sviluppare sintomi di cronicità. Obiettivo di Pain-OMICS è arruolare in Italia ben 5 mila pazienti entro la fine del 2016.“I tempi sono maturi per una reale applicazione della Legge 38”, esordisce il “padre” della normativa Guido Fanelli, Professore Ordinario di anestesia, rianimazione e terapia del dolore all’Università di Parma e Direttore Scientifico del progetto PINHUB. “L’accordo tra FOFI e PINHUB rappresenta uno step ulteriore nel cammino del nostro progetto e dà vita a un’alleanza che coinvolge non solo i Centri Hub di tutte le regioni, ma anche i Medici di famiglia e, da oggi, le farmacie. Questo in linea con i nostri obiettivi: assistere i cittadini con dolore, favorire lo scambio dei dati e promuovere la ricerca. A cominciare da quella sul mal di schiena, patologia che colpisce tra i 12 e i 15 milioni di italiani; ecco perché PINHUB supporta Pain-OMICS, il più significativo progetto di ricerca scientifica degli ultimi anni sulla lombalgia”.
“La Federazione degli Ordini dei Farmacisti ha deciso di sostenere questo progetto di PINHUB per una serie di considerazioni importanti”, spiega il Senatore Andrea Mandelli, Presidente FOFI. “Innanzitutto perché la patologia al centro dell’iniziativa è una delle occasioni più frequenti di accesso alla farmacia, soprattutto alla ricerca di un intervento in automedicazione, ma anche di consigli e indicazioni per affrontare correttamente e in modo efficace il mal di schiena. Il Farmacista, quindi, mette a disposizione la sua prossimità al cittadino per il reclutamento dei pazienti da avviare al percorso diagnostico-terapeutico e, al contempo, rinsalda il rapporto con gli altri professionisti della salute presenti sul territorio: il Medico di Medicina Generale e lo specialista algologo. Non poteva mancare l’apporto dei farmacisti a questo progetto, che punta a migliorare la qualità del trattamento del dolore, un’area che li ha sempre visti in prima fila”.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science, Uncategorized | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Il sonno e l’invecchiamento cerebrale

Posted by fidest press agency su sabato, 19 marzo 2016

Porto AnconaDalla Settimana Mondiale del Cervello, gli esperti della Società Italiana di Neurologia (SIN) richiamano l’attenzione sulle evidenze scientifiche che dimostrano come il cervello, a differenza di altri organi, migliori il proprio funzionamento in proporzione al lavoro effettuato e non risenta, quindi, di un particolare processo di usura correlato al suo impegno continuo.“Fin dall’età giovanile – dichiara il Prof. Leandro Provinciali, Presidente SIN e Direttore della Clinica Neurologica e del Dipartimento di Scienze Neurologiche degli Ospedali Riuniti di Ancona – il cervello riduce la sua componente più nobile, la quantità di neuroni: in pratica, a breve distanza dall’epoca in cui ha completato il proprio sviluppo inizia a perdere cellule ma, con l’apprendimento, crea nuove connessioni fra i neuroni. Una riduzione dell’efficienza cognitiva – prosegue il Prof. Provinciali – potrebbe significare l’inizio di un decadimento cerebrale: in generale è la memoria di episodi che viene inizialmente compromessa e, successivamente, la rievocazione di nomi propri. Quando persistono, quindi, difficoltà delle abilità cognitive, soprattutto memoria e attenzione, è bene rivolgersi al neurologo che valuterà se indagare ulteriormente con esami specifici, qualora si escludano fattori esterni come disturbi del sonno, stress, alimentazione, farmaci etc”. In occasione della Giornata Mondiale del Sonno, la SIN ribadisce che numerosi studi scientifici hanno evidenziato come il sonno e l’invecchiamento cerebrale siano strettamente correlati: da un lato, dormire poco e male contribuisce al declino cognitivo e al rischio di demenza; dall’altro, durante la senilità si assiste ad un’alterazione del ciclo sonno/veglia con maggiore vulnerabilità a stimoli esterni a causa della riduzione delle onde delta del sonno profondo, con conseguente maggior frammentazione del sonno.Il sonno rappresenta, quindi, un’attività fondamentale per l’uomo: un terzo della vita, infatti, si trascorre dormendo. Ma non sempre si riesce a dormire bene, a causa di uno stile di vita frenetico, di comportamenti inadatti o di malattie del sonno, spesso ignorate o sottovalutate.“I disturbi del sonno colpiscono circa 13 milioni di italiani – ha affermato il Prof. Gianluigi Gigli, Ordinario di Neurologia presso l’Università di Udine -. I principali sono l’insonnia, che, in forma più o meno grave, colpisce circa il 41% della popolazione, la sindrome delle apnee in sonno, di cui soffrono circa 2 milioni di italiani, la sindrome delle gambe senza riposo, che colpisce 3 milioni di italiani, ed i disturbi del ritmo circadiano. I disturbi del sonno si associano spesso ad altre malattie, soprattutto a carico del Sistema Nervoso”.Ad esempio, i soggetti affetti da decadimento cognitivo sono frequentemente colpiti anche da alterazioni del sonno. La sindrome delle apnee in sonno è un fattore di rischio riconosciuto per malattie cardio e cerebrovascolari. I pazienti affetti da epilessia lamentano frequenti disturbi del sonno quali insonnia, eccessiva sonnolenza diurna, apnee nel sonno, sonno notturno frammentato, movimenti periodici degli arti in sonno, che spesso sono un fattore limitante il corretto controllo delle crisi. La sclerosi multipla è invece associata a svariati disturbi del sonno, quali insonnia, spasmi notturni, narcolessia, disturbi respiratori in sonno e, in particolare, alla sindrome delle gambe senza riposo.
La recente approvazione della direttiva europea sul rilascio della patente di guida ha costretto anche l’Italia a confrontarsi con il problema della diagnosi della narcolessia e della sindrome delle apnee ostruttive nel sonno. Ne deriva la necessita di adeguare la risposta, finora insufficiente, del servizio sanitario nazionale alle esigenze diagnostiche legate alla patente di guida, attraverso l’organizzazione di una rete di Servizi di Medicina del Sonno. L’obiettivo è quello di ridurre gli incidenti alla guida dovuti all’eccessiva sonnolenza diurna. Trattandosi di malattie i cui sintomi sono curabili, lo scopo della diagnosi non è quello di togliere il permesso di guidare alle persone affette, limitando ‘uso di un mezzo talora indispensabile per lavorare; al contrario, una diagnosi corretta può far prendere loro consapevolezza della necessità di usare gli strumenti a disposizione per combattere la sonnolenza diurna, a cominciare dal trattamento ventilatorio notturno per le apnee. A seguito di tale trattamento, un controllo neurologico, clinico e strumentale, potrà documentare l’eventuale regressione dei rischi nella guida in condizioni abituali.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Pensioni in Venezuela: Salario ora vale 22 euro

Posted by fidest press agency su sabato, 19 marzo 2016

venezuelaCon una nuova lettera di sollecitato ai ministeri competenti, l’onorevole Fabio Porta (Pd), presidente del Comitato degli Italiani nel mondo e deputato eletto in Sudamerica, ricorda le preoccupata attesa dei pensionati italiani residenti in Venezuela e ripercorre le iniziative che si sono succedute in questi ultimi mesi per arrivare alla soluzione del problema. “L’Inps – scrive Porta – ha fornito a ministeri del Lavoro e dell’Economia tutte le informazioni richieste sui costi di un eventuale passaggio – per il pagamento delle pensioni Inps – dal cambio ufficiale Cencoex, molto penalizzante, al cambio parallelo Simadi (più reale ed equo), e ora si attende finalmente una decisione. L’utilizzo del cambio Simadi consentirebbe ai nostri pensionati di vedersi ripristinare le prestazioni assistenziali (trattamento minimo, maggiorazioni sociali, assegni familiari) e quindi un piccolo ma indispensabile supporto alla loro sussistenza, resa precaria dalla grave crisi economica in Venezuela. Il Mef aveva inoltre recentemente chiesto gli eventuali costi dell’utilizzo di un altro cambio, il cosiddetto Sicad, ma è emerso che tale cambio non modificherebbe la situazione e che comunque il Governo venezuelano ne ha recentemente annunciata l’abolizione. Dobbiamo ora sperare che la decisione arrivi in tempi brevi e che si scelga l’opzione per il cambio il Simadi e soprattutto che il percorso amministrativo non s’inceppi per ragioni meramente formali perché le premesse, anche quelle economiche, per la decisione più giusta, più saggia e più umana, ci sono tutte”.Porta parla ancora di Sicad e Simadi ma in realtà queste quotazioni sono state di fatto abolite: in Venezuela oggi esistono due cambi, quello ufficiale – ora chiamato “DiPro” – passato da 6,30 a 10 bolivares per un dollaro, quelo ex Simadi – che ora si chiama “Dicom” – che valuta il dollaro a 221,09 bolivares mengtre quello parallelo del cambio a nero è balzato a livelli pazzeschi: un dollaro si cambia per strada a 1211,54 bolivares. Le pensioni “pro-rata” dell’Inps non sono tutte uguali ma i salari venezuelani oscillano fra i 20 e i 30mila bolivares. Facile fare i calcoli di quali siano i loro valori reali nel Venezuela guidato da Maduro: al massimo 25 dollari, pari a 22,5 euro, meno di un dollaro al giorno, in linea con la povertà estreme nei paesi del Terzo mondo.Tornando al problema pensioni italiane, bisogna ricordare che tra Italia e Venezuela, così come per tutti gli altri paesi a forte emigrazione italiana, esiste una convenzione che l’Inps ha stipulato l’omologo istituto di previdenza. Chi ha lavorato sia in Italia sia nel Paese sudamericano percepisce la pensione italiana convenzionata (pro rata ogni paese paga la sua fetta in base al reciproco riconoscimento del lavoro svolto in entrambi i paesi). Quando venne stipulata la convenzione, nel 1992, non c’era il problema della differenza fra cambio ufficiale del dollaro. Chi percepisce la doppia pensione subisce il conguaglio e quella venezuelana viene, infatti, valutata in Italia col cambio ufficiale oggi 1/10 ma fino a ieri 1/6,30. Chi, invece percepisce solo la pensione italiana già da tempo se la fa accreditare all’estero (per esempio negli Stati Uniti o su conto corrente italiano), se ha la possibilità di tornare spesso in Italia. Ma tanti pensionati italo-venezuelani versano in difficili condizioni economiche e, pertanto, non hanno modo di rientrare nel loro Paese d’origine e vorrebbero la pensione italiana accreditata in Venezuela, al cambio reale più favorevole. (fonte: Antonella Allegrino il mondo come io lo vedo) (foto: italcambio)

Posted in Estero/world news, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Il Plaza Hotel di New York in vendita per 1 miliardo di dollari

Posted by fidest press agency su sabato, 19 marzo 2016

plaza hotelMotivo dell’asta, il default sul mutuo della proprietà indiana Sahara India Pariwar il cui fondatore Subrata Roy è stato incarcerato per frode fiscale. A indire l’asta per il prestigioso edificio sono stati i fratelli David e Simon Reuben che hanno acquistato l’hotel da Bank of China dopo il default della Sahara.Chi si aggiudicherà l’asta rileverà insieme al Plaza anche una seconda proprietà hotel di lusso, il Dream Downtown, che si trova nei pressi della High Line di Chelsea.Da sempre simbolo internazionale del lusso e celebre set

The Plaza, NYC

The Plaza, NYC

cinematografico, il Plaza Hotel aprì al pubblico il 1º ottobre 1907. Nel 1943 passo nelle mani di Hilton. Fu successivamente acquistato da Donald Trump per 407,5 milioni di dollari e l’hotel ottenne la nomina a National Historic Landmark. Nel 1995 lo stesso Trump vende l’hotel per 325 milioni di dollari a Richard Campbell.plaza hotelNel 2004 il Plaza fu oggetto di una profonda ristrutturazione che destinò anche parte dell’edificio ad uso residenziale e commerciale, e dalle mani del gruppo israeliano El Ad Properities passò Fairmont Hotels and Resort, fino ad arrivare nel portafoglio dell’indiana Sahara.Plaza Hotel New YorkOriginariamente l’hotel contava 800 camere. Con la ristrutturazione del 2004 l’hotel disponde oggi di 282 camere, una palestra, una spa, piscina coperta e 152 unità abitative condominiali, oltre ad una vasta galleria commerciale sotterranea.plaza hotel2Il 23 aprile chi si aggiudicherà l’asta acquisterà esclusivamente la parte hotel e l’area commerciale, oltre al Dream Downtown. Contando la posizione, il prestigio e l’importanza della struttura il prezzo del Plaza potrebbe superare 1 miliardo di dollari. E c’è chi è convinto che potrebbe addirittura arrivare a 3 miliardi. (fonte casa.it) (foto: plaza hotel)

Posted in Estero/world news, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Il Cristianesimo nella storia e nel nostro tempo

Posted by fidest press agency su sabato, 19 marzo 2016

renata salvarani“Riflettere – oggi – sulla peculiarità della Storia del Cristianesimo, sul suo statuto e sui suoi metodi significa chiedersi qual è il ruolo di questa disciplina nell’università e nella società, di fronte alle sfide del pluralismo e delle dinamiche identitarie nel nostro tempo”.E’ la riflessione proposta da Renata Salvarani, docente del’Università Europea di Roma, nel Convegno internazionale “Storia del Cristianesimo e studi storico religiosi: percorsi e apprendimenti”.
L’incontro, promosso dalla Consulta Universitaria per la Storia del Cristianesimo e delle Chiese e dal Vicariato di Roma, si è tenuto nella Pontificia Università Laternanense. “Ci chiediamo – ha detto Renata Salvarani – che cosa può fare emergere, alla luce di eventi e memorie, una analisi storico religiosa dei percorsi seguiti nei secoli dalla società europea, che cosa il Cristianesimo abbia dato a questa società e come lo specifico europeo abbia contribuito a definire una declinazione storica del Cristianesimo stesso.
Le ricerche in corso nel contesto internazionale pongono una serie di questioni quanto mai importanti.
Prima fra tutte si colloca la dialettica fra identità e pluralismo, nelle sue declinazioni storiche, sociologiche, culturali e politiche
Si pone poi il grande tema dell’avvicinamento degli studi cristianistici al contesto storico religioso, esposto, da una parte, a resistenze in senso settoriale e, dall’altra, al rischio di riduzionismi comparativistici.
Il Cristianesimo è, in qualche modo, una religione assimilabile alle altre? L’esperienza cristiana si può ridurre al piano religioso sic et simpliciter? O, piuttosto, la sua novità e complessità teologica e, nello specifico, la sua articolata intrinseca dimensione storica rendono necessarie categorie interpretative precipue?
Al suo interno è aperta la questione teologica, non soltanto rispetto al rapporto fra idee di Dio e società, ma anche rispetto a una definizione delle relazioni fra Teologia e teologie, nel loro sviluppo storico.
Altrettanto rilevante è il nodo critico storiografico dell’inculturazione del Cristianesimo nei diversi contesti e quello del suo contraltare: il ruolo del Cristianesimo nella storia dell’Europa e la definizione di un rapporto bilaterale di “feconda estraneità”, per cui l’una non può dirsi tale se non riconoscendo l’altro sia come fondamento, sia come corpo estraneo, agente di trasformazione e di rinnovamento nelle diverse epoche”. (foto: renata salvarani)

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science, Università/University | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Da SACE e Iccrea Banca Impresa 150 milioni per internazionalizzazione e innovazione delle imprese

Posted by fidest press agency su sabato, 19 marzo 2016

Banca-Impresa (Gruppo bancario Iccrea) e SACE (Gruppo CDP) hanno finalizzato un nuovo importante accordo che mette a disposizione delle aziende clienti delle Banche di Credito Cooperativo 150 milioni di euro di nuovi finanziamenti destinati a sostenere progetti d’innovazione e crescita all’estero. L’accordo, firmato dal direttore generale di Iccrea BancaImpresa, Enrico Duranti, e dall’amministratore delegato di SACE, Alessandro Castellano, è il primo a essere raggiunto nell’ambito del programma “2i per l’Impresa – Innovazione & Internazionalizzazione” sviluppato da CDP (anche in qualità di ente nazionale di promozione del piano Juncker), da SACE e FEI (Gruppo BEI). Grazie all’intesa le aziende PMI (Piccole e Medie Imprese) e le Small Mid Cap (aziende con fatturato complessivo fino a 250 milioni di euro e fino a 499 dipendenti), potranno rivolgersi agli sportelli delle BCC per richiedere finanziamenti destinati a finanziare esigenze di capitale circolante, ogni altro costo direttamente imputabile all’esecuzione di commesse verso l’estero nonché veri e propri progetti di investimento diretto sui mercati internazionali.
Per le imprese considerate innovative, i finanziamenti potranno essere garantiti da SACE fino all’80% e raggiungere un importo massimo di 7,5 milioni di euro e una durata di 96 mesi. In dettaglio, Il finanziamento consiste in un mutuo chirografario con tasso d’interesse differenziato in base alla durata del finanziamento stesso, finalizzato a sostenere investimenti quali, tra gli altri, costi di impianto e ampliamento, brevetti e marchi, acquisto di immobili, terreni e attrezzature, acquisizione di partecipazioni, realizzazione di joint-venture, costi promozionali e pubblicitari, partecipazione a fiere in Italia e all’estero, spese per tutelare il Made in Italy, riqualificazioni e rinnovo delle strutture e dei macchinari in Italia e all’estero. L’accordo rappresenta un esempio di collaborazione sinergica tra le BCC e SACE, offrendo strumenti concreti a sostegno di tutte quelle aziende che aspirano ad accrescere la loro competitività all’estero, e consolida la partnership pluriennale tra il Gruppo bancario Iccrea e SACE che dal 2008 operano insieme per supportare i processi di internazionalizzazione delle imprese italiane.

Posted in Cronaca/News, Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Il porto di Trieste si presenta alle imprese friulane

Posted by fidest press agency su sabato, 19 marzo 2016

udine economiaUdine Martedì 22 alle 10.30 Sala Valduga della Camera di Commercio incontro operativo con i responsabili delle realtà che operano nel porto di Trieste. Vedrà la presenza, oltre che del presidente camerale Giovanni Da Pozzo e dei sindaci di Udine e Trieste Furio Honsell e Roberto Cosolini, anche della presidente della Regione Debora Serracchiani e del commissario dell’Autorità Portuale di Trieste Zeno D’Agostino. L’incontro avrà carattere prettamente operativo, perché saranno illustrate le nuove possibilità che il Porto offre alle imprese locali in termini di nuovi servizi intermodali, di condizioni tariffarie e di possibili sviluppi di nuove attività anche in regime di punto franco. Dopo gli interventi dei rappresentanti istituzionali, in scaletta ci saranno infatti anche le testimonianze dirette di Francesco S. Parisi, presidente della Francesco Parisi Casa di Spedizioni spa, Enrico Samer, presidente e ad di Samer & Co. Shipping spa, Fabrizio Zerbini, presidente di Trieste Marine Terminal spa e Fulvio Tomasin, presidente dell’Interporto Cervignano del Friuli spa. Dopo la discussione e le conclusioni, le aziende interessate potranno incontrare i responsabili delle varie realtà che lavorano all’interno del porto di Trieste per conoscere le condizioni di utilizzo dei servizi offerti.
Situato nel punto di incontro fra le rotte marittime e i corridoi europei, Adriatico-Baltico e Mediterraneo, il porto di Trieste è un hub internazionale di snodo per i ­flussi dell’interscambio terra-mare che interessano il dinamico mercato del Centro ed Est Europa. L’intensificarsi degli scambi commerciali e del traffico marittimo tra il Far East e l’Europa, nonché l’allargamento a Est dell’Unione Europea hanno rilanciato la centralità dell’Alto Adriatico consentendo rinnovate possibilità di crescita e sviluppo. In questo quadro, il Porto di Trieste gioca un ruolo decisivo su due distinte catene logistiche: i collegamenti marittimi intercontinentali a lungo raggio e le relazioni a corto-medio raggio intra-mediterranee. Nell’occasione dell’incontro in Sala Valduga verranno presentate anche le possibilità che deriveranno dalla riconversione del Porto Vecchio in termini di sviluppo di nuovi business per le imprese del Nord-Est.
La partecipazione all’incontro è gratuita previa iscrizione (info su http://www.ud.camcom.it) (foto: udine economia)

Posted in Cronaca/News, Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Convenzione tra Italia e Svizzera

Posted by fidest press agency su sabato, 19 marzo 2016

bernaClaudio Micheloni (PD) e Aldo Di Biagio (AP) esprimono soddisfazione per l’accoglimento in Commissione Esteri del Senato dell’ordine del giorno sulla corretta applicazione delle disposizioni sulla collaborazione volontaria (Voluntary Disclosure) ai cittadini italiani fiscalmente ex residenti all’estero ed ex frontalieri, cui nelle prossime settimane dovrà essere data attuazione da parte del Governo.
“Nell’ambito della approvazione della Ratifica ed esecuzione del Protocollo riguardante la convenzione tra Italia e Svizzera per evitare le doppie imposizioni -spiegano i due senatori eletti all’estero – abbiamo proposto con un ordine del giorno, accolto dal Governo, una soluzione che chiarisca definitivamente anche la posizione degli ex iscritti AIRE”.”In particolare -continuano – si è chiarito come a decorrere dal 1° gennaio 2016. Le somme detenute da i cittadini italiani presso conti correnti bancari esteri, nonché le somme derivanti dalla vendita di beni immobili detenuti all’estero (acquistati o realizzati durante il periodo di iscrizione all’AIRE) siano assoggettate ad aliquota non superiore al 3 per cento e a tali somme non si applichino le disposizioni sulla Voluntary Disclosure”. “Tali disposizioni non troveranno applicazione nemmeno per le donazioni e le eredità a cittadini italiani residenti in Italia, derivanti da attività lavorative svolte all’estero, per le quali inoltre non vi sarà tassazione italiana se già assoggettate a tassazione nel Paese estero” concludono.

Posted in Estero/world news, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »