Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 31 n° 275

Archive for 22 marzo 2016

Italian opera winter series

Posted by fidest press agency su martedì, 22 marzo 2016

italian operaToronto (Canada) Tuesday, March 22, 2016 6:30pm Alliance Française theatre – 24 Spadina Road, the Istituto Italiano di Cultura is pleased to announce the evening dedicated to Italian opera that will take place Verdi’s “Falstaff” Director: Ruggiero Cappuccio Starring: Ambrogio Maestri, Roberto Frontali, Juan Diego Flores, Barbara Frittoli Conductor: Riccardo Muti Orchestra & Coro del Teatro Alla Scala hosted by the Opera House in Busseto with original scenography from 1913. Running time: 118 min. Production Year: 2001. This is the third evening dedicated to Italian opera. The first one was Tuesday, January 19 dedicated to Maria Callas: – screening of the documentary “Maria Callas: Life and Art” (1987) directed by Alan Lewens, Alistair Mitchell. With Maria Callas, Giuseppe Di Stefano, Carlo Maria Giulini, Franco Zeffirelli. The second one was Tuesday, February 16 – 6:30pG. Verdi’s “Otello” directed by Graham Vick.
Music director: Riccardo Muti Starring: Placido Domingo (Otello); Leo Nucci (Iago), Barbara Frittoli (Desdemona) Orchestra and chorus of Teatro alla Scala. Free admission.

Posted in Estero/world news, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

EU-Turkey deal: Next days will be crucial, human rights must be upheld, says Civil Liberties Chair

Posted by fidest press agency su martedì, 22 marzo 2016

turchia-ist3The EU should offer support to Greece to ensure returns to Turkey are carried out in full respect of international law and human rights, according to Civil Liberties, Justice and Home Affairs committee Chair, Claude Moraes (S&D, UK).Following the agreement reached by EU leaders and the Turkish government on Friday 18 March, Mr Moraes said:“The EU-Turkey deal agreed last week in response to the refugee crisis is already showing worrying signs which the European Parliament has previously warned. As stated by President Martin Schulz, we cannot “outsource” our problems to Turkey. We must observe international law and human rights.Following the decision to carry out readmissions of refugees and asylum-seekers to Turkey it is important that Greece is given much needed support from member states without delay to ensure its asylum conditions are significantly improved to carry out returns in full respect of international law. Greece cannot be left alone to shoulder the responsibility of the biggest refugee crisis since the Second World War”.
Mr Moraes set out some key concerns:“Just last week in a joint meeting of the Civil Liberties and Development committees with Commissioner Styliades, MEPs were given assurances that the relocation of 160,000 people in need of international protection from Italy and Greece was still in place. Under the deal, relocation appears to be put on hold which raises key questions as to what guarantees will member states give to support the thousands of persons stuck in Greece following the border closures along the ‘west-Balkan route’. Member states must not ignore their existing commitments to take in people in clear need of international protection”.
“On the issue of smuggling, as spring approaches it is important that we move the narrative towards enhancing safer and legal routes to Europe to avoid more deaths at sea. Focusing on strengthening borders and sending people back will merely offer smuggling networks the chance to expand to other parts of the Mediterranean and Agean, which will lead to more dangerous routes taken to reach the EU”.
“As the refugee population continues to increase in the world, the EU needs to take a global approach to migration based on the principle of solidarity between states. The European Parliament and Civil Liberties committee in particular, will be watching every step of the way to ensure that this deal observes international law and if it does not we will call it out”.

Posted in Estero/world news, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Miami Residential Prices Rise in February; Prices Still at 2004 Levels

Posted by fidest press agency su martedì, 22 marzo 2016

miami1MIAMI — Miami residential properties registered $812.5 million in total sales in February as single-family homes and condominiums posted major price gains, according to a new report by the MIAMI Association of REALTORS® (MIAMI) and Multiple Listing Service (MLS) system.The median sales price for single-family existing homes rose 10.3 percent year-over-year in February 2016, from $245,000 to $270,221. The median sales price for existing condominiums increased 9.5 percent in February to $206,950 from $189,000 a year ago. Miami-Dade County existing condo prices have risen in 56 of the last 57 months, a period encompassing more than four and a half years. Miami prices remain at 2004 levels despite four years of increases.“Miami’s median prices are still significantly below their 2007 peak,” said Mark Sadek, a Coral Springs Realtor and the 2016 MIAMI Chairman of the Board. “Miami real estate remains a bargain especially compared to other world-class cities, and domestic and international consumers proved that in February as total dollar sales volume in single-family homes increased 7 percent compared to the previous year.”A 120-square meter condo in Miami-Fort Lauderdale-Miami Beach cost $149,900 on average, according to the National Association of REALTORS®. Prices for the same condo in London ($960,840), Hong Kong ($776,280), and New York ($1.6 million) were at least five times higher. In the U.S., South Florida’s single-family median sales price ranked 26th compared to other metropolitan areas, according to NAR.Total existing Miami-Dade County residential sales — which posted a record year in 2013 and near record years in 2014 and 2015 — decreased 5.8 percent from 2,165 sales in February 2015 to 2,039 last month. The February 2016 total sales remain in line with Miami historical averages.Miami-Dade County single-family home transactions decreased a negligible 0.3 percent in February, from 982 to 979. Existing condominium sales — which declined 10.4 percent, from 1,183 to 1,060 — are competing with a robust new construction market, which continues to add inventory.Total Miami residential properties combined for $812.5 million in total sales volume in February 2016, about 4.9 percent lower than the $854.1 million sold during the same month last year. The aforementioned sales volume does include the strong new construction condo sales figures.The single-family market registered a 7-percent rise in total dollar volume in February 2016, posting $451.7 million in sales compared to $422.2 million last year. Existing condominiums posted $360.8 million in total dollar sales, a 16.5 percent decline from $431.9 million in February 2015 but does not include new construction condo sales figures.Single-family home sales spiked 18.5 percent year-over-year in February in the $200,000 to $600,000 sector, growing from 492 to 583. The sector represented about 59.6 percent of all total single-family home sales in February 2016.Existing condos priced at $150,000 to $300,000 range experienced an 8.6 percent jump in February sales, increasing from 371 to 403. This sector represented about 38 percent of all total condo home sales in February 2016.Historic-low mortgage rates should continue to attract future buyers. According to Freddie Mac, the average commitment rate for a 30-year, conventional, fixed-rate mortgage was 3.66 percent in February, which is the lowest since April 2015 at 3.67 percent.The median number of days between the listing and contract dates for Miami single-family home sales decreased 6 percent year-over-year to 63 days. The median number of days between the listing date and closing date for single-family properties decreased 0.8 percent to 120 days.For condos, the median time to contract decreased 12 percent year-over-year to 72 days. The median number of days between the listing date and closing date decreased 2.4 percent to 122 days.Miami real estate is selling close to listing price. The median percent of original list price received for single-family homes was 95.2 percent in February 2016, an increase of 0.4 percent. The median percent of original list price received for existing condominiums was 93.8 percent, a 0.2 percent increase.In addition to competing sales from new construction units, the lack of access to mortgage loans is also impacting existing condominiums. Of the 8,523 condominium buildings in Miami-Dade and Broward Counties, only 23 are approved for Federal Housing Administration loans, down from 29 last year, according to statistics from the Florida Department of Business and Professional Regulation and FHA.A new FHA policy should qualify more South Florida condo buildings. On Nov. 12, the FHA announced plans to streamline the condominium recertification process, expand its definition of acceptable owner-occupied units to include second homes not owned by investors and change the way it views co-insurance clauses. The government affairs team of the MIAMI Association of REALTORS® advocated for the changes and continues to monitor and support increased condominium recertifications.Only 23.4 percent of all closed residential sales in Miami were distressed last month, including REO (bank-owned properties) and short sales, compared to 35.0 percent in February 2015.
Short sales and REOs accounted for 5.7 and 17.8 percent, respectively, of total Miami sales in February. Short sale transactions dropped 25.6 percent year-over-year while REOs fell 39.9 percent.Nationally, sales of existing single-family homes, townhomes, condominiums, and co-ops dropped 7.1 percent to a seasonally adjusted annual rate of 5.08 million in February from 5.47 million in January. National sales are still 2.2 percent higher than a year ago.
Statewide, closed sales of existing single-family homes totaled 18,159 last month, remaining relatively the same (up 0.4 percent) as the February 2015 figure. Florida’s condominium sales totaled 7,658 last month, down 5.4 percent compared to February 2015.The national median existing-home price for all housing types in February 2016 was $210,800, up 4.4 percent from February 2015 ($201,900). February’s price increase marks the 48th consecutive month of year-over-year gains.The statewide median sales price for single-family existing homes last month was $200,000, up 11.1 percent from the previous year, according to Florida Realtors. The statewide median price for townhouse-condo properties was $150,000, up 5.6 percent over the year-ago figure.Miami cash transactions comprised 52.4 percent of February total closed sales, compared to 58.7 percent last year. Miami cash transactions remain more than double the national average of 25 percent. Miami’s high percentage of cash sales reflects South Florida’s ability to attract a diverse number of international home buyers, who tend to purchase properties in all cash.
Condominiums comprise a large portion of Miami’s cash purchases as 66.3 percent of condo closings were made in cash in February compared to 37.3 percent of single-family home sales.Inventory of single-family homes increased 4.7 percent in February from 6,264 active listings last year to 6,557 last month. Condominium inventory increased 16.3 percent to 13,853 from 11,915 listings during the same period in 2015.There is a 5.7-month supply of Miami single-family homes, an increase of 3.6 percent from February 2015 and continues to be a sellers’ market. There is a 10.6-month supply of condominium inventory, a year-over-year increase of 20.5 percent and continues to be a buyers’ market. A balanced market between buyers and sellers offers between six and nine months supply of inventory.
Total active listings at the end of February increased 12.3 percent year-over-year, from 18,179 to 20,410. Active listings remain about 60 percent below 2008 levels when sales bottomed.New listings of Miami single-family homes increased 24.7 percent from 1,635 in February of last year to 2,039 last month. New listings of condominiums increased 13.4 percent to 2,826 last month, compared to 2,491 during the same time period in 2015.
Nationally, total housing inventory at the end of February increased 3.3 percent to 1.88 million existing homes available for sale, but is still 1.1 percent lower than a year ago (1.90 million). Unsold inventory is at a 4.4-month supply at the current sales pace, up from 4.0 months in January. Strong sales in the Miami preconstruction condominium market east of Interstate 95 continue to reflect significant demand for new properties, according to the latest New Construction Market Status Report from preconstruction condo projects website Cranespotters.com and MIAMI.Thirty-nine towers with 709 floors and 3,729 units have been completed in Miami-Dade County east of I-95 in the four years since 2011, according to the Feb. 22 report. There are 78 towers with 1,769 floors and 11,201 units under construction in Miami east of I-95. About 59 towers with 1,337 floors and 7,954 units are planned, but have not begun development. About 86 towers, 2,045 floors and 13,982 units are proposed.To access February 2016 Miami-Dade Statistical Reports, visit http://www.SFMarketIntel.com

Posted in Estero/world news, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Effective Media Relations for Charities: What journalists want and how to deliver it

Posted by fidest press agency su martedì, 22 marzo 2016

Charity  media managers are finding it difficult to place stories in the media due to a lack of interest from the press in their stories, poor contacts, and a belief that the press is mostly interested in negative or sensationalist stories.These were some of the findings from a recent survey of 125 charities by CharityComms, which asked charity PRs to select their top three challenges when securing press coverage for their stories.The responses showed that lack of time and resources were the most common issues for charity media teams, with 59% and 44% of respondents admitting to these problems. However, following closely was a group of results that imply there is a disconnect between charities and journalists. These include:
· 38% of respondents said journalists weren’t interested in their stories.
· 25% said journalists only want negative stories, not positive news; many also cited a demand for “attractive” or “high profile” case studies or “dramatic, sensationalist, ridiculous” stories.
· One in five (20%) said they did not know whom to contact to get press coverage.
A new book, Effective Media Relations for Charities: What journalists want and how to deliver it, aims to provide solutions to these problems and provide a comprehensive guide to raising a charity’s media profile.
The book has been authored by Becky Slack, a social affairs journalist, and founder and managing director of Slack Communications. It has been produced in conjunction with CharityComms and is to be published by Social Partnership Marketing.
Becky Slack said: “Charities do not always receive the positive coverage they need and deserve. At the same time, the response to the recent media furore has shown that charities have found it very difficult to cope when coverage turns sour. This book aims to help address these challenges by helping charities to navigate their way around the complex media maze and strengthening their understanding of what it is journalists want so they can secure more and better coverage.”Vicky Browning, chief executive of CharityComms, said: “The UK charity sector provides a vast range of services which help improve the wellbeing of society. However, for a number of reasons, it has to be accepted that the sector as a whole is neither generally well understood by the public, nor is it always applauded for its work or its methods. This book will give charities a better understanding of how best to make the most of their resources to deliver a more effective media strategy.”
The book is to be launched at a panel discussion on 22 March at the offices of Berwin Leighton Paisner where charity sector leaders will be joined by a number of national journalists to learn more about what the media looks for in a story and how they can work more effectively with them.

Posted in Estero/world news, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Attacks against refugees, asylum seekers and migrants are unacceptable, say heads of European human rights institutions

Posted by fidest press agency su martedì, 22 marzo 2016

african_migrants.jpg.crop_displayOn the International Day for the Elimination of Racial Discrimination, the heads of Europe’s main intergovernmental human rights institutions call for a strong response to xenophobic attacks against migrants, asylum seekers and refugees, and call on governments and state authorities to uphold their international obligations in this regard.With the drownings in the Mediterranean persisting as refugees, asylum seekers and migrants continue to risk their lives to reach safety, this is the time to strengthen our commitment to the right to life and to dignity, said Michael O’Flaherty, Director of the EU Agency for Fundamental Rights (FRA), Michael Georg Link, Director of the OSCE Office for Democratic Institutions and Human Rights (ODIHR), and Christian Ahlund, Chair of the Council of Europe’s European Commission against Racism and Intolerance (ECRI).“As Europe confronts the greatest migrant crisis since the Second World War, the elimination of racial discrimination is a priority like never before,” said FRA Director Michael O’Flaherty. “Our continent needs to eradicate every vestige of exclusion and marginalisation of the outsider if it is to rise to the challenge. The international treaties to combat racism provide the necessary roadmap.”In a number of countries, there has been a marked increase in attacks on refugees, asylum seekers and migrants, some of which have been fatal. Hate speech rooted in hostility to ethnic, religious and cultural diversity is being expressed ever more openly, not only by extremist groups but also by politicians from across the political spectrum and on social media. Such rhetoric fuels intolerance towards ethnic and religious minorities, making immediate and resolute action by governments and state authorities all the more urgent.“Past experience has shown that democracy can be undermined and swept aside where calls to deny the right to equality and dignity of the most vulnerable are listened to and acted upon,” said ECRI’s Chair, Christian Ahlund. “Therefore, discouraging and preventing hate speech through demonstrating the danger that it poses and through counter-speech is of the utmost importance.In order to combat the further spread of prejudice, human rights education and training that reaches out to all age groups and professions is vital.”In the current situation, reaffirming our commitment to the values and principles of tolerance, equality and non-discrimination is crucial,” said Michael Link, director of the OSCE/ODIHR. “We have a duty to condemn hate crimes and all other manifestations of racism and xenophobia, respond swiftly and effectively to intolerant behaviour, and to counter hate speech in the messages we deliver. This has to be accompanied by a particular emphasis on awareness-raising and other educational initiatives aimed at countering racist messages and promoting mutual understanding.”The heads of all three organisations call for greater efforts at the international, national and local levels to combat racism and discrimination, and pledge to continue their cooperation to maximise endeavours in this regard.

Posted in Estero/world news, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

A new Gathering of the Children of Selvino

Posted by fidest press agency su martedì, 22 marzo 2016

A view of the Shrine of Bahá'u'lláh near Acre, IsraelOrganized by the former “children” and their second and third generation, will take place from March 31 to April 2 in Kibbutz Ze’elim (Eshkol region). This new gathering, in addition to the pleasure of meeting, has the purpose of renewing the twinning between the kibbutz Ze’elim (where most of the Selvino children went to live after Sciesopoli), the Eshkol Region (in whose territory the kibbutz Ze’elim is) and the city of Selvino. The meeting will also focus on the latest developments of the work done for the Memory of Jewish Sciesopoli and the possible developments, especially in light of the new commitment by the descendants of the Selvino children.
The meeting has as its motto: Remembering the past – Living in the present – Creating the future.
Will attend: the Children of Selvino, the Italian Ambassador in Israel Francesco Maria Talo, the Mayor and the Deputy Mayor of Selvino Guido Bertocchi and Paolo Carrara, the Italian Committee for the Memory of Sciesopoli, the Head of the Eshkol Region Gadi Yarkoni, the President of the Joint Distribution Committee in Israel Shaar Beer, the wife of the President of the State of Israel Nehama Rivlin, and numerous other authorities. (Marco Cavallarin)

Posted in Estero/world news, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Travel & Tourism added 7.2 million new jobs in 2015, WTTC research shows

Posted by fidest press agency su martedì, 22 marzo 2016

tourism_travel_world_map_-_magicwall.caToday the World Travel & Tourism Council has launched its annual Economic Impact Report 2016. According to the research, last year Travel & Tourism added 7.2 million jobs to the global economy and contributed over USD$ 7.2 trillion in GDP.The Economic Impact Reports, WTTC’s flagship annual research, provide economic data on the contribution of the Travel & Tourism sector on a global level as well as for 184 countries and 24 regions.David Scowsill, President & CEO of the World Travel & Tourism Council, said: “Despite uncertainty in the global economy and specific challenges to Travel & Tourism last year, the sector grew by 3.7%, contributing a total of 9.8% to the global GDP. Travel & Tourism also supported a total of 284 million jobs in 2015, an increase of 7.2 million, which means it now supports, directly and indirectly, 1 in 11 jobs on the planet.Scowsill added: “Travel & Tourism once again has proved its resilient nature. Terror attacks, disease outbreaks, currency fluctuations and geopolitical challenges have impacted the sector at a country or regional level, but Travel & Tourism at the global level continues to produce another robust performance.”
Travel & Tourism direct contribution to GDP growth outpaced overall GDP country growth in 127 of the 184 countries covered by the research. Countries where Travel & Tourism most markedly outperformed the wider economy in 2015 include Iceland, Japan, Mexico, New Zealand, Qatar, Saudi Arabia, Thailand, and Uganda.The growth of the sector is stimulated by a worldwide increase in middle-class income households, an ageing population, which tends to travel more, and growing connectivity between destinations, making travel more accessible and affordable.
All regions of the world showed growth in total Travel & Tourism contribution to GDP in 2015. Southeast Asia was the fastest growing region with growth of 7.9% followed by South Asia, which grew 7.4%. Middle East grew 5.9%, Caribbean 5.1%, Sub-Saharan Africa 3.3%, North America 3.1%, Europe 2.5%, Northeast Asia 2.1%, Latin America 1.5% and North Africa 1.4%.
In 2016, Travel & Tourism’s total contribution to GDP is forecast to grow by 3.5%, and is again expected to outpace global economic growth for the sixth consecutive year.Security concerns, border policies, oil prices, the strength of the US dollar relative to other currencies, and other macroeconomic developments will continue to influence travel trends in 2016 and beyond. Nevertheless, over the next decade, Travel & Tourism is expected to continue to outpace the world economy, growing by 4% on average annually.

Posted in Estero/world news, Viaggia/travel | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

L’Authority europea dice la sua sui Closet Indexer

Posted by fidest press agency su martedì, 22 marzo 2016

masse gestiteA cura di Roberto Rossignoli, Junior Portfolio Manager. L’ESMA (European Security and Markets Authority, l’ente dell’Unione Europea che si occupa del monitoraggio e della salvaguardia della stabilità del mercato finanziario dell’UE) questo febbraio ha reso pubblici i primi esiti del suo ultimo studio volto a verificare e quantificare la pratica del closet Indexing nel mondo del risparmio gestito Europeo.Per closet Indexing si intende la tendenza di un gestore a dichiarare uno stile di gestione attivo, quando in realtà si sta semplicemente replicando molto da vicino un benchmark e applicando comunque commissioni tipiche dei fondi realmente attivi. Questo tipo di strategia richiede molto meno sforzo da parte del gestore, ed è lecito aspettarsi che le commissioni siano più basse. In realtà, fondi di questo tipo vengono continuamente venduti a clienti non consapevoli, che avrebbero potuto comprarsi direttamente un prodotto passivo sullo stesso indice con un notevole risparmio di costi.
Le prime denunce in Europa.L’ESMA iniziò a investigare ufficialmente sul fenomeno dopo che diversi gruppi per i diritti degli azionisti e dei risparmiatori contestarono le alte commissioni pagate per stili di gestioni attive, mentre in realtà veniva solo replicato un indice. La prima a muoversi in questo senso fu Better Finance, un gruppo basato a Bruxelles a tutela degli investitori, che nel 2014 chiese ufficialmente all’ESMA di indagare ulteriormente sulla questione. Da allora, anche alcune Authority locali iniziarono a concentrare le proprie energie nel trovare e perseguire i falsi fondi attivi.L’autorità di mercato norvegese è stata la prima in Europa ad accusare pubblicamente, nel marzo 2015, la più grande banca del Paese (DNB) di vendere in modo fuorviante un fondo in realtà passivo. Durante un’indagine più ampia sui fondi azionari norvegesi venduti (e prezzati) come attivi sul mercato norvegese, il regolatore ha esaminato il fondo “incriminato” su un orizzonte di cinque anni per scoprire che le performance sono state molto vicine al benchmark, nonostante fosse venduto come attivo.In precedenza, nel dicembre 2014, un’associazione svedese a tutela dei risparmiatori accusò Swedbank Robur, la società di risparmio gestito della maggiore banca svedese, di prezzare propri fondi con alte commissioni quando in realtà stavano semplicemente replicando un indice. La denuncia fu presentata all’autorità per la risoluzione di dispute tra consumatori e imprese, e la banca rifiutò categoricamente ogni accusa. Più avanti, i sospetti dell’associazione furono estesi ad altre due delle maggiori banche svedesi, Nordea (ammonita anche dai regolatori norvegesi) e Handelsbanken. Nel luglio del 2015 il caso fu rigettato dall’autority, in quanto fuori dalla sua sfera di competenza (non mancarono i sospetti sulla una forte attività di lobbying da parte della banca).In ogni caso, la quesitone aiutò a portare alla luce la pratica del closet Indexing e portòi regolatori danesi e norvegesi alla ricerca di chiarimenti sul fenomeno. Recentemente, anche alcuni accademici hanno iniziato ad interessarsi alla questione. L’anno scorso, un gruppo di professori di università europee e statunitensi ha scritto un articolo “Indexing and Active Fund Management: International Evidence”, nel quale tentano di quantificare il fenomeno in questione. (foto. masse gestite)

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Seconda edizione del Campionato Europeo per Università e Alte Scuole

Posted by fidest press agency su martedì, 22 marzo 2016

Sotto l’egida del noto commissario europeo per l’Istruzione, la cultura, la gioventù e lo sport, Tibor Navracsic, la Coppa Morpheus 2016 – che aveva già riunito 47 Campus provenienti da 17 paesi europei nel 2015 – annuncia nuove prove per i giovani talenti europei.
L’evento promuove lo spirito di sana concorrenza tra i campus europei, l’innovazione tra studenti, UCBM - Vista aerea campus universitarioma anche lo sviluppo delle loro relazioni con il mondo del lavoro e l’imprenditorialità. La coppa si disputa in due fasi: la presentazione d’idee, progetti e start-up prima del 22 aprile e una competitizione gigantesca che si terrà in una giornata piena di sfide innovative il 10 maggio in Lussemburgo per la finale.È possibile partecipare a uno e/o un altro aspetto e la competizione. Con la ricompensa di 20 premi e 50.000 € in premi e attrezzature,ma anche collegamenti diretti con i datori di lavoro, investitori e partner.I progetti presentati invitano a ripensare liberamente alcune grandi sfide europee del 21 ° secolo: business, coding, clima, cultura, design, engeneering, educazione, Fintech, cibo, gioco, sanità, Insurtech, legale, logistica, mobilità, procurement, Wealth Management, space. L’accettazione è ampia,come il livello di sviluppo o avanzamento del progetto. La descrizione del progetto proposto deve essere sintetico e non deve superare i 10 slides.
Durante la mattina del 10 maggio, dei testi generici (in sessione plenaria) vengono lanciati da aziende come Warner Bros, l’FC Barcelona, ​​Dupont, Deloitte, NPG, Vodafone, Cargolux, ING, Lombard International, Telindus e molti altri. Durante il pomeriggio, le prove sono scelte sulla base dell’innovazione e rappresentano delle sfide sulle competenze chiave (Business, informatica, ingegneria, marketing, design). Le migliori prestazioni sono ricompensate.I finalisti sono invitati a presentare un pitch di fronte a una giuria internazionale e multidisciplinare che proclamerà in seguito il miglior progetto europeo in tutte le categorie. La giuria è rappresentata da personalità internazionali provenienti da vari settori, capitale rischio , media, vi saranno dei riferimenti accademici o di beneficenza, come Jean-Jacques Dordain, ex direttore dell’Agenzia spaziale europea, Chanda Gonzales (Google Lunar XPrize) Taig Khris, tre volte campione di pattinaggio e imprenditore, Jelena Djokovic, direttore del Novak Djokovic Fouundation, Olivier Schaack, direttore creativo Canal +, Paul Helminger, Chaiman del Consiglio di Luxair, Philippe Pouletty, leader mondiale nel campo della biotecnologia e CEO di Truffe Capital, o Vaclav Smil, poliedrico e autore preferito di Bill Gates, presso l’Università di Manitoba in Canada.
Tra il campus figurano HEC di Parigi, Solvay di Bruxelles, Technische Universität Berlin International Space University, US Business School di Barcellona, ​​l’Università Cattolica del Sacro Cuore – Milano, Università di Lussemburgo, Abertay University di Dundee, Macromedia Università di Scienze Applicate di Monaco di Baviera, Scuola Politecnico federale di Zurigo,ma anche programmi di livelli e specialità diverse. Nel 2015, la Scuola di Economia di Varsavia aveva vinto la coppa. Le squadre tedesche, olandesi, greche, lussemburghesi, Svizzere si sono distinti con i loro progetti. I migliori risultati sono stati francesi, ungheresi e polacchi. Ma per l’edizione 2016, i contatori vengono azzerati.

Posted in Cronaca/News, Università/University | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Questa settimana al Parlamento europeo

Posted by fidest press agency su martedì, 22 marzo 2016

parlamento europeoBanche in TAXE II.
Oggi pomeriggio i rappresentanti del gruppo bancario italiano Unicredit e di altre sei banche (ING Group (Olanda), Crédit Agricole (Francia), Nordea (Svezia), Royal Bank of Scotland (Regno Unito), Santander (Spagna) e UBS (Svizzera), incontreranno i membri della Commissione speciale del Parlamento europeo sulle decisioni anticipate in materia fiscale (TAXE II) per discutere se, e come, le banche dovrebbero fornire consigli e prodotti finanziari strutturati ai fini dell’ottimizzazione fiscale.
Euronest.
Da oggi a mercoledì avrà luogo negli edifici del Parlamento la quinta sessione dell’Assemblea Parlamentare Euronest, che riunirà gli europarlamentari e i loro omologhi nazionali provenienti da Armenia, Georgia, Moldavia e Ucraina. Tra gli argomenti all’ordine del giorno ci sono le minacce alla sicurezza comune, la reazione alla disinformazione russa, le maniere per far progredire la cooperazione energetica e i movimenti di manodopera qualificata.
Salute pubblica/glifosato.
Domani i membri della Commissione per l’Ambiente e la Sanità Pubblica renderanno nota la loro posizione circa la possibilità da parte dell’Unione Europea di rinnovare le autorizzazioni alla diffusione sul mercato del glifosato, il controverso diserbante. Questa sostanza è stata classificata come probabilmente cancerogena per gli esseri umani dall’Organizzazione mondiale per la sanità (OMS), mentre l’Autorità europea per la sicurezza alimentare non vede nell’uso del glifosato un pericolo per la salute umana.
Etichettatura del paese di origine per alcuni cibi.
Domani i membri della Commissione per l’Ambiente e la Sanità Pubblica ripeteranno probabilmente la loro richiesta per l’approvazione di regolamenti vincolanti a livello comunitario riguardanti l’etichettatura del paese di origine di prodotti come il latte e le carni, sia fresche che refrigerate.
Palestina.
Domani il Ministro degli Esteri dell’autorità palestinese Riad Al-Malki si riunirà con i membri della Commissione per gli Affari Esteri per discutere della situazione politica nella regione. Tra gli argomenti che verranno discussi ci sarà il processo di riconciliazione intra-palestinese, la situazione economica e umanitaria nei territori palestinesi occupati e le iniziative per rilanciare il processo di pace in Medio Oriente.
Gran Mufti d’Egitto.
Domani il Gran Muftì d’Egitto Shawki Ibrahim Abdel-Karim Allam incontrerà gli eurodeputati della Commissione Affari esteri per discutere di dialogo interreligioso e interculturale.
Albania e Bosnia-Herzegovina.
Domani la Commissione Affari esteri valuterà, attraverso il voto di due risoluzioni, il progresso compiuto da Albania e Bosnia-Herzegovina verso l’adesione all’UE. Temi come il processo di avanzamento delle riforme, la lotta alla criminalità organizzata e la tolleranza religiosa verranno discussi in relazione ad entrambi i Paesi.
Controllo bilanci.
Domani e mercoledì la Commissione per i bilanci del Parlamento europeo deciderà tramite un voto se approvare o meno le spese effettuate dagli organi e dalle istituzioni UE durante l’anno fiscale 2014, prendendo in considerazione la gestione di tali spese, il controllo finanziario e le relative performance.
Fondi UE per la migrazione.
Mercoledì il Commissario all’immigrazione Dimitris Avramopoulos incontrerà la Commissione per i bilanci del Parlamento europeo per discutere della maniera in cui l’UE sta usando i propri fondi per le politiche migratorie, valutando le decisioni recenti e monitorando le spese.

Posted in Estero/world news, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Imprese baresi, eccellenze digitali del made in Italy grazie ad un progetto della Cdc

Posted by fidest press agency su martedì, 22 marzo 2016

imprese baresiBari. Il 65,3% delle imprese pugliesi possiede un sito web aziendale, contro il 70,7% media italiana. E, nonostante il livello di alfabetizzazione digitale sia in Puglia del 98,9%, all’interno dell’azienda competenze informatiche sono appannaggio solo del 30,6% dei dipendenti. Inoltre gli ICT specialist risultano essere solo l’1,5% del totale della forza lavoro per aziende con più di 10 addetti. E ancora: il 13,3% di pmi pugliesi vende on line (9,95% Italia), il 38,6% utilizza social media (37,3% Italia), 42,5% acquista servizi Cloud (40,1% Italia). Un limitato gap regionale è rappresentato dalla fatturazione elettronica (5,01% Puglia, 5,43% Italia).
All’incremento della competitività commerciale delle aziende del territorio barese e dalla BAT tramite l’accrescimento delle competenze digitali è stato dedicato il progetto “Made in Italy – Eccellenze in Digitale”, realizzato dalla Camera di Commercio di Bari, con il contributo di Unioncamere e Google Italia.
L’ente camerale barese ha diffuso i più che lusinghieri risultati del lavoro dei due digital strategist, Vito Macina e Valeria Lanzolla, selezionati da Unioncamere e Google per realizzare il progetto che si è sviluppato nell’arco di nove mesi, a partire dal 15 giugno 2015: 347 imprese contattate, 93 imprese mappate, 52 coinvolte attivamente nelle iniziative del progetto, 10 seminari formativi per un totale di 20 ore di lezione concentrate, che hanno affrontato in maniera lineare un percorso di formazione dedicato al web marketing. “La digitalizzazione – ha detto nei saluti introduttivi il segretario generale dell’ente, Angela Partipilo – ha, negli ultimi anni, profondamente cambiato l’interazione tra il modello scientifico-tecnologico e il sistema produttivo, sempre più condizionato dalle risorse dell’informazione e della conoscenza. In tal senso, le tecnologie digitali hanno modificato il modo di interagire e comunicare, investendo orizzontalmente tutti i settori di attività economica. La Camera di Commercio di Bari ha voluto rivolgere un’attenzione specifica alla crescita della consapevolezza dei vantaggi di competitività apportati dalla maggiore diffusione di servizi ICT evoluti”.
Delle 93 imprese mappate sono stati analizzati specifici parametri per ognuna di esse: presenza del sito web, presenza di un blog, utilizzo di almeno 1 social network, presenza di un e-commerce, campagne AdWords e/o sui social network ed eventuali attività di export. Di queste il 25% risultano online attive, il 59% online inattive e il 16% completamente offline. (foto: imprese baresi)

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, recensione | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Edoardo Bennato con l’Orchestra del San Carlo per i 70 anni di Unicef

Posted by fidest press agency su martedì, 22 marzo 2016

napoliNapoli Venerdì 22 aprile 2016, alle ore 21.00 Edoardo Bennato con l’Orchestra del San Carlo si esibirà al Massimo napoletano, per proporre alcuni brani celebri, evergreen del suo repertorio, alternati a canzoni tratte dal suo ultimo album, Pronti a Salpare (ottobre 2015) e Pronti a salpare con Unicef per i bambini del mondo è il titolo della serata, nata da un idea di Rosanna Purchia e Mimmo Pesce per celebrare i 70 anni di Unicef (1946-2016).Se non è raro, ora che il crossover si è affermato, che un’Orchestra sinfonica accompagni un artista rock e pop, la propensione e la curiosità che Edoardo Bennato rivela per il repertorio classico e operistico, permette di scoprire citazioni colte all’interno delle sue canzoni, talvolta attinte dalle opere di Gioachino Rossini o dalle operette, ora da altre sofisticate fonti librettistiche, pur sempre familiari e care all’immaginario collettivo, di habitués e non.Il ricavato dello straordinario evento, sarà interamente devoluto all’Unicef per la campagna umanitaria in favore dei minori migranti, all’evento parteciperà il Presidente Nazionale del Fondo delle Nazioni Unite per l’Infanzia il dott. Giacomo Guerrera, la serata sarà presentata da una madrina d’eccezione, l’incantevole Veronica Maya da tempo testimonial Unicef impegnata come tanti altri VIP a sostenere le iniziative umanitarie per i diritti dei bambini. (Francesca Zardini)

Posted in Cronaca/News, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Venture capital: Nuovo partner

Posted by fidest press agency su martedì, 22 marzo 2016

Luca CatzolaLuca Catzola entra infatti in qualità di nuovo partner.Napoletano, 48 anni, con un’esperienza più che ventennale negli ambiti del general management, business strategy, consumer marketing e branding, Luca Catzola porta le sue competenze all’interno del fondo – che ha in portafoglio realtà come Cortilia, Tannico, Musement e Contactlab – e che si distingue per la capacità di mettere a disposizione degli imprenditori di nuova generazione, oltre a risorse economiche, anche competenze e servizi necessari a dare impulso alla crescita delle aziende. Il percorso professionale di Catzola si è sviluppato in alcune fra le più note aziende dei settori consumer goods e retail per poi proseguire nel mondo del travel con l’approdo nel gruppo MSC Crociere dove ha ricoperto dal 2012 al 2015 il ruolo di Chief Marketing Officer internazionale, occupandosi delle attività di marketing online e offline della società. In precedenza, Luca Catzola aveva ricoperto la carica di Chief Marketing Officer del Gruppo Carrefour Italia, di Mattel e, ancora prima, aveva avuto ruoli in area commerciale in Ferrero International, Star & Coca-Cola.Obiettivo dell’ingresso di una figura come Catzola nel fondo di venture capital P101 è quello di supportare e sviluppare le società in portafoglio, orientandone la strategia di business al fine di ottenere una maggiore performatività.“Uno degli obiettivi di P101 è creare un network di professionisti con cui confrontarci quotidianamente,” afferma Andrea Di Camillo, Founder di P101, “e l’entrata di Luca Catzola nel fondo segue sicuramente questa direzione. Se è infatti vero che il mondo delle start-up e delle nuove tecnologie rappresenta linfa essenziale per il tessuto economico del Paese, dall’altra è altrettanto vero che le competenze dell’offline – ossia dell’azienda tradizionale – sono un patrimonio importante di cui tenere conto e da cui partire per costruire le imprese del futuro”.
P101 è un fondo di venture capital specializzato in investimenti in società digital e technology driven. Nato nel 2013, con una dotazione corrente di oltre 40 milioni di euro e 18 società in portafoglio, P101 si distingue per la capacità di mettere a disposizione degli imprenditori di nuova generazione, oltre a risorse economiche, anche competenze e servizi necessari a dare impulso alla crescita delle aziende. Il fondo, promosso da Andrea Di Camillo – 15 anni di esperienza nel venture capital e tra i fondatori di Banzai e Vitaminic – e partecipato da Azimut, Fondo Italiano di Investimento e numerosi investitori privati, collabora con i maggiori acceleratori privati, tra cui HFarm, Nana Bianca, Boox e Club Italia Investimenti. Tra le partecipate: ContactLab, Cortilia, Tannico, Musement e MusixMatch. Le società partecipate da P101 occupano oggi complessivamente oltre 350 risorse e generano un fatturato in costante crescita e già oggi superiore ai 40M annui. P101 prende il nome dal primo personal computer prodotto da Olivetti, negli anni ’60, esempio di innovazione italiana che ha lasciato il segno nella storia della tecnologia digitale. (foto: Luca Catzola)

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

QNAP Italia: sempre in crescita

Posted by fidest press agency su martedì, 22 marzo 2016

alvise

SONY DSC

QNAP Italia prosegue il suo percorso di crescita, registrando nel 2015 un incremento significativo di fatturato del 20% ottenuto grazie a un portfolio prodotti in costante evoluzione e a un’ulteriore potenziamento della strategia globale e locale. All’interno delle country a livello Europeo, l’Italia si afferma ancora una volta, come la region più performante: nel corso del 2015 QNAP Italia ha raggiunto, infatti, un fatturato pari a 12 milioni di euro (+20% rispetto al 2014), rafforzando ulteriormente la quota di mercato oggi del 40%. Anche per il primo trimestre del 2016 l’azienda sta riconfermando e in alcuni segmenti superando, il trend positivo di sviluppo, registrato nell’anno precedente.Costantemente impegnata in iniziative marketing e commerciali per fornire un servizio ai clienti sempre più tempestivo, QNAP ha, infatti, ampliato la capillarità dei canali di distribuzione/vendita e potenziato i servizi che offre ai clienti, in particolar modo, il QNAP Advanced Replacement Service (ARS), servizio opzionale di 3 o 5 anni che offre la sostituzione hardware anticipata ai clienti che desiderano ridurre al minimo i tempi di intervento in caso di guasto prodotto.La Direzione Ricerca e Sviluppo di QNAP, che si avvale di 500 risorse è focalizzata sull’evoluzione delle soluzioni innovative, progettate con componenti di altissima qualità per fornire eccellenti performance e affidabilità. Sono recentissimi gli annunci della serie Quad-Core TS-x53A, il Combo QTS-Linux NAS pensato per il mondo IoT con crittografia e transcodifica, e il prodotto TAS-168/268 ossia il primo NAS che supporta in parallelo i due sistemi QTS & Android™, un centro multimediale perfetto senza limiti per il mondo dell’intrattenimento e dell’education. Prosegue, inoltre, l’ascesa della prima soluzione di storage al mondo DAS/NAS/iSCSI SAN con connessione Thunderbolt (serie QNAP TVS-871T NAS) che risponde alle esigenze dei professionisti e delle PMI, sia nel mondo Apple sia in quello Windows ed è ideale anche per il Cloud privato. Per il mondo della videosorveglianza acquistano terreno la QNAP Surveillance Station 5.0, Video Management System professionale in grado di eseguire monitoraggio e riproduzione utilizzando uno schermo HDMI per una videosorveglianza Full HD (1920×1080) dal vivo.Alla base della Roadmap QNAP, l’architettura QTS ad oggi alla versione 4.2.1, il sistema operativo su base Linux che ha da sempre una grande rilevanza in questo percorso di crescita. Tra le ultime novità presentate al CeBIT 2016 in questi giorni, una nuova unità TBS-453A, soluzione compatta con SSD M.2 a bordo pensata per un uso di collaborazione “on the road”.“Siamo davvero orgogliosi dei risultati ottenuti, frutto dell’impegno costante di tutto il team e della fiducia sulle grandi potenzialità del nostro brand – commenta Alvise Sinigaglia, Business & Development Manager QNAP Systems, Inc. –. La nostra professionalità e il valore della nostra offerta sono ampiamente riconosciute dal mercato: lo dimostra anche il premio ricevuto come miglior vendor per le soluzioni storage per le PMI, nella seconda edizione dell’Italia Channel Awards 2015, l’iniziativa di Channel City che premia i migliori operatori del canale IT.”“QNAP è approdata in Italia 10 anni fa e da allora possiamo dire di aver collezionato numerosi successi, soprattutto nei segmenti consumer, professionisti e SMB. Oggi abbiamo le carte in regola per competere anche nel mercato della Small Enterprise con servizi dedicati e soluzioni competitive di fascia alta disponibili sul mercato già dal mese di maggio: macchine doppio processore e dual controller, con funzionalità di alta affidabilità nella gestione delle applicazioni e nell’archiviazione. La nostra offerta si arricchisce così di prodotti in grado di rispondere efficacemente alle esigenze di virtualizzazione e di fornire prestazioni senza precedenti nel calcolo Big Data e attività mission-critical” – conclude Tony Chou, Regional Account Manager QNAP Systems, Inc. (foto: alvise, tony)

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Estero/world news | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

UNICEF: oltre 250.000 bambini colpiti dal conflitto in Colombia dal 2013

Posted by fidest press agency su martedì, 22 marzo 2016

colombiaSecondo un nuovo Rapporto dell’UNICEF, più di 250.000 bambini sono stati colpiti dal conflitto in Colombia dal 2013, quando sono iniziati i colloqui di pace tra il governo e il principale gruppo di opposizione armata del paese (FARC-EP). Si stima che circa 1.000 bambini siano stati utilizzati o reclutati da gruppi armati non statali durante lo stesso periodo.
“Mentre i negoziati di pace per porre fine a mezzo secolo di guerra in Colombia proseguono, è indispensabile che gli interessi dei bambini e la loro protezione siano una priorità “, ha detto Roberto De Bernardi, rappresentante UNICEF in Colombia. “Nessun bambino in Colombia oggi sa che cosa vuol dire vivere in un paese in pace. E’ il momento di voltare pagina”.
Il rapporto “Infanzia in tempo di guerra: i bambini della Colombia conosceranno finalmente la pace?”, sottolinea che i colloqui di pace hanno contribuito a migliorare la situazione: tra il 2013 e il 2015, il numero di bambini uccisi o feriti da mine e ordigni inesplosi è dimezzato, mentre il numero dei bambini sfollati è diminuito del 40%. Tuttavia, in questo stesso periodo, la violenza diffusa e la lotta senza soste tra le diverse parti in conflitto hanno continuato a mettere la vita dei bambini a rischio. Secondo i dati nazionali e delle Nazioni Unite:
– oltre 230.000 bambini sono sfollati;
– almeno 75 bambini sono stati uccisi e altri 180 feriti;
– quasi 130 bambini sono stati uccisi o feriti da mine e ordigni inesplosi;
– almeno 180 bambini sono stati vittime di violenza sessuale;
– 65 scuole sono state danneggiate dai combattimenti o utilizzati per scopi militari;
– almeno 10 insegnanti sono stati uccisi.
Secondo il rapporto UNICEF la fuga forzata, l’insicurezza, la paura del reclutamento, la minaccia della violenza sessuale e la presenza di mine antiuomo hanno costretto i bambini ad abbandonare la scuola. I bambini che vivono nelle zone di conflitto rappresentano il 40% del numero dei bambini in età primaria e secondaria inferiore che non va a scuola.
“Anche se l’accordo di pace dovesse essere firmato domani, i bambini continueranno ad essere a rischio di tutti i tipi di violazioni, tra cui il reclutamento, le mine e lo sfruttamento sessuale”, ha detto De Bernardi. “A meno che questi bambini non ricevano il sostegno materiale e psicologico di cui hanno bisogno, le prospettive di una pace duratura resteranno deboli”.
Invitando le parti in conflitto a mettere al primo posto gli interessi dei bambini, l’UNICEF sottolinea che:
– I bambini associati a gruppi armati sono le prime e principali vittime. Hanno bisogno di essere protetti, riuniti con le loro famiglie; è necessario che venga loro offerto il sostegno di cui hanno bisogno per il loro reintegro nella società.
– La liberazione di tutti i bambini al di sotto dei 18 anni da parte di gruppi armati non dovrebbe essere subordinata all’esito dell’accordo di pace.
– Se i bambini colpiti non avranno migliori opportunità, unirsi ai gruppi armati non-statali sarà l’unica speranza di sopravvivenza.
L’UNICEF collabora con i suoi partner in Colombia per aiutare i bambini a sviluppare le opportune conoscenze per proteggerli dalla violenza; forma le comunità sul rischio delle mine, promuove la pace e l’educazione civica, sostiene l’accesso alla giustizia e alla verità per i bambini.

Posted in Estero/world news, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

“Le Imprese di Telecomunicazioni nell’era digitale: TIM”

Posted by fidest press agency su martedì, 22 marzo 2016

sanità-digitaleRoma, 23 marzo 2016 – ore 15.00 Biblioteca UNINT (Via C. Colombo, 200. Roma). Nell’ambito della collaborazione fra AICT, INFORAV e CDTI, in atto già dall’anno passato, si è voluto organizzare un ciclo di conferenze tematiche coinvolgendo i principali attori fra Operatori di rete, Over The Top e Network Provider allo scopo di far emergere le possibili strategie di intervento per sostenere e guidare la rivoluzione digitale in corso negli ambiti dei propri sviluppi professionali.
Così daremo voce a TIM, VODAFONE, WIND, H3G, FASTEWB e TISCALI per quanto riguarda i Network Operator, GOOGLE e FASTWEB per gli OTT mentre coinvolgeremo Ericsson, Huawei, e Nokia per quanto riguarda i Network Provider.
Tutti gli speakers cercheranno di coniugare gli aspetti principali della rivoluzione digitale in corso con le loro visioni strategiche del futuro e cercheranno di spiegare come queste potranno efficacemente essere implementate all’interno delle loro organizzazioni complesse. Si parlerà di Internet delle cose, di Industria 4.0, di Cloud Computing, di virtualizzazione delle infrastrutture di rete, di Digital Single Market , di Agenda Digitale e lo si farà con uno sguardo speciale rivolto a quella che oggi viene tecnicamente definita come la “Digital Disruption” per lo sviluppo di una “Shared Economy” nella quale i concetti di sostenibilità e solidarietà stanno emergendo prepotentemente. Abbiamo chiesto a TIM di introdurre questo ciclo di conferenze perché riteniamo che debba essere l’Operatore italiano di riferimento ad introdurci nel viaggio dell’innovazione e della digitalizzazione, dal momento che, nonostante alcuni appesantimenti finanziari che la tormentano ormai da anni, TIM stessa, da tempo, ha avviato quel processo di trasformazione tecnologica e dei processi organizzativi interni, per un percorso virtuoso peraltro fortemente suggerito ed indirizzato dai vertici dell’Unione Europea. E questo processo evidentemente condiziona non soltanto l’azienda ma tutto l’indotto che ad essa fa esplicito riferimento.
Con TIM cercheremo di conoscere come l’Agenda Digitale potrà avere un “execution” efficace e in che modo il nostro paese potrà allinearsi agli obiettivi da raggiungere entro il 2020. A che punto siamo con il 5G? Quali saranno le innovazioni principali che questa nuova tecnologia di evoluzione del mobile potrà introdurre in un settore già fortemente saturo di tecnologie avanzate? La convergenza fisso-mobile sarà definitivamente una realtà? Potremo finalmente parlare di Italia connessa e di reti completamente virtuali? La vera realtà sarà dunque quella reale e scomparirà definitivamente il dualismo fra reale e virtuale?
Tim certamente guiderà questa transizione così complessa e ci auguriamo, anzi siamo certi che all’interno di quel processo inevitabile di consolidamento a cui assisteremo nel prossimo futuro sarà in grado di esercitare un ruolo da protagonista, sia nell’ambito della ricerca che del mercato.

Posted in Roma/about Rome, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Cordoglio per le studentesse Erasmus vittime dell’incidente di Tarragona

Posted by fidest press agency su martedì, 22 marzo 2016

università santa croceMartedì 22 alle ore 12 sarà osservato in tutte le Università italiane un minuto di silenzio in memoria delle vittime. L’intera comunità accademica di Parma esprime profonda commozione per la tragedia di Tarragona, in cui ieri hanno perso la vita 13 studentesse universitarie, e numerose altre sono rimaste ferite. L’Ateneo è vicino alle famiglie delle vittime e alle Università direttamente coinvolte. In segno di lutto questa mattina, alle ore 9, nell’Auditorium dell’Ateneo, in occasione dell’iniziativa prevista nell’ambito della manifestazione nazionale “Per una nuova primavera delle Università”, le vittime sono state ricordate con un minuto di silenzio.
Su invito della Conferenza dei Rettori, domani alle ore 12 sarà osservato in tutte le Università italiane un minuto di silenzio in memoria delle vittime. Sono 44 gli studenti dell’Ateneo di Parma in Erasmus in Spagna, e di questi 11 a Barcellona. Non si hanno notizie di loro fra i feriti o le vittime.

Posted in Estero/world news, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »