Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 31 n° 275

Archive for 23 marzo 2016

World’s coal power plants consume enough freshwater to sustain 1 billion people – Greenpeace

Posted by fidest press agency su mercoledì, 23 marzo 2016

Hong Kong.Hong Kong. The world’s rapidly dwindling freshwater resources could be further depleted if plans for hundreds of new coal power plants worldwide go ahead, threatening severe drought and competition, according to a new Greenpeace International report.The report is the first global plant-by-plant study of the coal industry’s current and future water demand. The research also identifies the regions that are already in water deficit, where existing and proposed coal plants would speed up the depletion of water resources.“If all the proposed coal plants would be built the water consumed by coal power plants around the world would almost double. We now know that coal not only pollutes our skies and fuels climate change, it also deprives us of our most precious resources: water,” said Harri Lammi, senior global campaigner on coal, at Greenpeace East Asia.
Globally, 8,359 existing coal power plant units already consume enough water to meet the basic water needs of 1 billion people. A quarter of the proposed new coal plants are planned in regions already running a freshwater deficit, where water is used faster than it is naturally replenishing, which Greenpeace calls red-list areas.The top countries with proposed additional coal plant capacity in red-list areas are China (237 GW), India (52 GW) and Turkey (7 GW). Almost half of the proposed Chinese coal fleet is in red-list areas. In India and Turkey this figure is 13%.Coal is one of the most water-intensive methods of generating electricity. According to the International Energy Agency, coal will account for 50% of the growth in global water consumption for power generation over the next 20 years. Greenpeace research shows that if the proposed coal plants come online, their consumption of water will increase by 90%. Given the deepening water crisis in the major coal power bases, it is unbelievable that plans for hundreds of new coal plants are even being considered.“Governments must recognise that replacing coal with renewable energy will not only help them deliver on their climate agreements, but also deliver huge water savings. It’s more urgent than ever that we move towards a 100% renewable future,” said Iris Cheng, lead author of the Greenpeace International report.
Greenpeace proposes three key policy steps, which, taken together, can turn around the coal industry’s water use:
An immediate moratorium on coal expansion in regions with high water stress, and a transition from thirsty coal to energy that uses little or no water, like solar PV and wind.
Replacing the planned coal plants in the red-list areas with renewable energy, such as solar PV and wind power, would avoid consumption of 1.8 billion cubic metres of water per year in China, and 1.2 billion cubic meters per year in India.
Closing plants that have been operating for 40 years. The US could save a staggering 9 billion cubic meters of water by shutting down its old coal power plants.

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

“Mussolini’s Army in the French Riviera”

Posted by fidest press agency su mercoledì, 23 marzo 2016

Mussolini's ArmyToronto Wednesday, March 23, 2016 – 6:30pm Istituto Italiano di Cultura – 496 Huron St., Free admission The Istituto Italiano di Cultura presents the book “Mussolini’s Army in the French Riviera” by the Italian scholar Emanuele Sica. The book presentation will be followed by the screening of the documentary “A Pause in the Holocaust” (1943 Le temps d’un répit) Directed by André Waksman (France, 2009, 52 minutes – French and Italian with English Subtitles)In contrast to its brutal seizure of the Balkans, the Italian Army’s 1940-1943 relatively mild occupation of the French Riviera and nearby alpine regions bred the myth of the Italian brava gente, or good fellow, an agreeable occupier who abstained from the savage wartime behaviors so common across Europe. Employing a multi-tiered approach, Emanuele Sica examines the simultaneously conflicting and symbiotic relationship between the French population and Italian soldiers. At the grassroots level, Sica asserts that the cultural proximity between the soldiers and the local population, one-quarter of which was Italian, smoothed the sharp angles of miscommunication and cultural faux-pas at a time of great uncertainty. At the same time, it encouraged a laxness in discipline that manifested as fraternization and black marketeering. Sica’s examination of political tensions highlights how French prefects and mayors fought to keep the tatters of sovereignty in the face of military occupation. In addition, he reveals the tense relationship between Fascist civilian authorities eager to fulfil imperial dreams of annexation and army leaders desperate to prevent any action that might provoke French insurrection. Finally, he completes the tableau with detailed accounts of how food shortages and French Resistance attacks brought sterner Italian methods, why the Fascists’ attempted “Italianization” of the French border city of Menton failed, and the ways the occupation zone became an unlikely haven for Jews. Emanuele Sica is professor of history at the Royal Military College of Canada. (photo: Mussolini’s Army)

Posted in Estero/world news, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

CEC grieves loss of life, condemns violent attacks in Brussels

Posted by fidest press agency su mercoledì, 23 marzo 2016

In Brussels rush hour commutes and early morning flights were violently disrupted by multiple attacks. Current reports describe at least 26 deaths as a result of two explosions at Brussels Airport, and further explosions at a metro station in the core of the European Union district. The Conference of European Churches grieves this loss of life and disruption of peace. We condemn the violent attacks and urge for peaceful responses in the hours and days that follow. We pray for those who have lost their lives, their families and communities, and for the people who risk their own safety for the sake of helping others.“In this season of Lent and Holy Week, we lament such outbursts of violence,” said CEC General Secretary Fr Heikki Huttunen. “As we heal together as inhabitants of Brussels and Europe—and brothers and sisters in humanity—we need to find our way anew, and must all contribute to building societies where everyone feels secure and partakes of the common good.”The Conference of European Churches asks that our Member Churches and all people of goodwill think of Brussels, Belgium, and Europe, and pray for peace.

Posted in Cronaca/News, Estero/world news, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

LuganoMusica: Charles Dutoit dirige uno dei due appuntamenti con Stravinskij

Posted by fidest press agency su mercoledì, 23 marzo 2016

alice sara

Edgar Moreau pour son premier album, PLAY

pierre-yves holiqueLuganomusica dedica due concerti a distanza ravvicinata al multiforme genio di Igor Stravinskij: il primo appuntamento è con una formazione da camera, martedì 29 marzo, il secondo con una grande orchestra, giovedì 31 marzo.
In entrambe le date troviamo come protagonisti dei giovanissimi ma già affermati solisti: il 29 si esibiranno il pianista Pierre-Yves Hodique, la violinista Raphaëlle Moreau e il violoncellista Edgar Moreau, mentre il 31 sarà la volta della pianista Alice Sara Ott, diretta da un gigante della bacchetta come Charles Dutoit e accompagnata dalla prestigiosa Royal Philharmonic Orchestra nel Concerto di Grieg.Accanto a capolavori di Stravinskij come la Suite Italienne per violoncello e pianoforte e la versione originale per orchestra con pianoforte concertante di Petruška, sarà possibile ascoltare pagine di Ravel, Debussy, Grieg e Respighi. Entrambi i concerti si terranno alle 20.30 al LAC di Lugano. (foto: alice sara, edgar moreau, pierre-yves holique)

Posted in Estero/world news, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

QS World University Rankings by Subject 2016

Posted by fidest press agency su mercoledì, 23 marzo 2016

università paviaLa sesta edizione dei QS World University Rankings by Subject, pubblicata oggi sul sito http://www.TopUniversities.com, analizza il numero record di 42 discipline, creando la classifica mondiale più completa al mondo.Sono stati interpellati 76,798 accademici e 44,426 datori di lavoro per esprimere la loro opinion su quali siano i migliori atenei in 42 discipline e sono state analizzati 28.5 milioni di paper di lavori di ricerca e più di 113 milioni di citazioni tratte dal database bibliometrico di Scopus/Elsevier.Harvard e l’Istituto Tecnologico del Massachusetts (MIT) continuano a dominare la classifica, primeggiando in 24 discipline e ottenendo il primo posto in dodici discipline ciascuna.Il risultato più alto raggiunto dall’Italia è il decimo posto, guadagnato da Politecnico di Milano per Arte & Design e dall’Università Commerciale Luigi Bocconi, decima al mondo per Studi in Business & Management. l’Università Commerciale Luigi Bocconi é anche 17esima per Economia e 28esima per Contabilità & Finanza.Il Politecnico di Milano si posiziona inoltre al 14esimo posto in Ingegneria Civile, al 15esimo posto in Architettura e al 18esimo in Ingegneria Meccanica. Inoltre ottiene altri due piazzamenti tra le Top 50 in Ingegneria Elettronica (43esimo) e Scienza Computazionale (48esimo) oltre ad altri sette piazzamenti nel ranking.
La Sapienza – Università di Roma si classifica in 31 delle 42 discipline, ottenendo il miglior risultato in Archeologia (15esima al mondo) e in Fisica e Astronomia (32esimo).l’Università di Bologna- Alma Mater Studiorum é la più rappresentata, classificandosi in 33 discipline. Il miglior risultato é il 36esimo posto in Archeologia seguito dal 48esimo posto in Veterinaria.Tra le altre Università italiane che ottengono piazzamenti tra le prime 50 al mondo troviamo il Politecnico di Torino, 37esimo per Ingegneria Civile, 40esimo per Ingegneria Elettronica e 50esimo per Architettura. l’ Università degli Studi di Milano é 47esima per Veterinaria mentre L’European University Institute, é 44esimo per Scienze Politiche & Studi Internazionali.

Posted in Estero/world news, Università/University | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Resistenza dei batteri agli antibiotici

Posted by fidest press agency su mercoledì, 23 marzo 2016

antibioticiDurante i circa 70 anni di uso degli antibiotici, i batteri hanno dimostrato di avere una incredibile capacità di resilienza, riuscendo di volta in volta ad adattarsi alla presenza del nuovo “veleno” e a diventare ad esso resistenti. Lo stesso Fleming, in occasione della consegna del Premio Nobel nel 1945, sostenne che la penicillina, se male utilizzata e sotto-dosata, non solo poteva non uccidere i batteri ma, addirittura, indurre lo sviluppo di meccanismi di resistenza.Nel corso degli anni, l’industria farmaceutica e la ricerca indipendente sono sempre riuscite a parare il colpo, mettendo di volta in volta a disposizione dei medici nuovi antibiotici in grado di vanificare i nuovi meccanismi di resistenze messi in atto dai batteri.
Purtroppo, da qualche anno non è più così. Per vari motivi, i nuovi antibiotici sono pochi e sembrerebbe che i batteri stiano riuscendo a riprendere il sopravvento. Infatti, si sono andati diffondendo nel mondo ceppi particolari di batteri contro cui i comuni antibiotici non sono più attivi.Uno dei più temibili “superbugs” è la Klebsiella pneumoniae produttrice di carbapenemasi (CP-kp), resistente anche ai carbapenemi. Dal 2008 al 2014, secondo i dati pubblicati dall’European Centre for Disease Prevention and Control (ECDC), rispetto a tutti i ceppi di Klebsiella isolati da sangue o liquor, in Italia si è osservato un incremento delle percentuali di Klebsiella pneumoniae resistente anche ai carbapenemi fino a posizionarsi su valori compresi tra il 25 e il 50%. Il resto d’Europa, seppur meno esposto, non è affatto in posizione di sicurezza. Infatti, in una recente pubblicazione del gruppo di lavoro EuSCAPE (European Survey of Carbapenemase-Producing Enterobacteriaceae), all’interno di un progetto lanciato nel 2012 da ECDC, con lo scopo di monitorare la diffusione e l’epidemiologia dei ceppi ECP (Enterobacteriaceae produttrici di carbapenemasi) in cui sono coinvolti 38 Paesi europei, emerge che, sebbene in Italia questi batteri siano diffusi in forma endemica, molti degli altri Paesi europei hanno un grado di diffusione inter-regionale non trascurabile. Oltre alla Klebsiella, altri batteri sono coinvolti nelle infezioni nosocomiali, tra cui Escherichia coli, batteri Gram-negativi (principalmente Pseudomonas aeruginosa e Acinetobacter) e gli stafilococchi.
In Italia, come causa delle infezioni nosocomiali, si collocano ai primi tre posti la Klebsiella, l’Escherichia coli, e la Pseudomonas aeruginosa. Si tratta purtroppo di tre specie che comprendono anche ceppi ultraresistenti, sensibili a pochissimi antibiotici, che recentemente si sono diffusi negli ospedali italiani raggiungendo, in alcuni casi, numeri preoccupanti.
In Italia, per esempio, nonostante le numerose campagne di comunicazione del Ministero, vengono prescritti troppi antibiotici: oltre il 50% dei pazienti ricoverati in ospedale viene sottoposto a questo tipo di terapia. L’eccessivo uso, spesso non corretto, di questi farmaci ha portato a un incremento rilevante delle resistenze batteriche.La mortalità nelle infezioni sostenute da batteri multiresistenti è molto elevata, si aggira, infatti, intorno al 40-50%.E’ necessario pertanto mettere in atto delle misure volte a razionalizzare l’uso degli antibiotici, a migliorare le norme di igiene sanitaria, e, in primis, individuare le strategie terapeutiche adeguate.
La ricerca sugli antibiotici ha subito una battuta d’arresto: tra il 1983 e il 1987 i nuovi antibiotici sono stati 16, negli anni ‘90 solo 10 mentre tra il 2003 e il 2007 quelli presentati sono scesi a 5. Il motivo di questo calo è di tipo economico piuttosto che scientifico: le aziende hanno preferito puntare su trattamenti destinati a essere più duraturi nel corso del tempo invece che puntare su nuovi antibiotici, destinati ad un numero ristretto di pazienti e mirati ad un numero ridotto di infezioni.“All’orizzonte, comunque, si intravedono alcuni nuovi antibiotici molto interessanti: nuove combinazioni di inibitori delle betalattamasi – precisa il Dottor Matteo Bassetti, Direttore Clinica Malattie Infettive A.O.U. Santa Maria Misericordia di Udine – in grado di ripristinare l’attività degli antibiotici, soprattutto nei confronti dei gram-negativi resistenti. Passeranno anni, comunque, prima che questi farmaci possano essere in commercio, con il rischio che i batteri imparino velocemente a rendere inattivi anche questi nuovi antibiotici. Nel frattempo, alcuni dei “vecchi” farmaci poco utilizzati fino ad oggi, ma dotati di una notevole attività microbiologica come la fosfomicina, potrebbero aiutare a colmare questo momentaneo “gap”.
La Società Italiana di Terapia Antinfettiva persegue esclusivamente finalità scientifiche, culturali e sociali promuovendo, incrementando e incentivando: l’aggiornamento, gli studi e la ricerca sulla terapia antinfettiva, nella più ampia accezione del termine stesso; l’attività scientifica, didattica, culturale e di ricerca nel campo della terapia antinfettiva anche mediante iniziative divulgative dirette a tutte le specialità interessate, quali la pubblicazione di libri e riviste, l’organizzazione di convegni e congressi e quant’altro attinente; l’aggiornamento, lo studio, la promozione e lo sviluppo d’iniziative dirette alla prevenzione, diagnosi, cura nel campo delle malattie infettive, con particolare riguardo alle patologie di rilevanza sociale; corsi di perfezionamento, di aggiornamento, di divulgazione ed educazione post-laurea e post-diploma in materia antinfettiva per laureati o diplomati in discipline paramediche complementari.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Dolore in neoplasia avanzata

Posted by fidest press agency su mercoledì, 23 marzo 2016

cavannaPiacenza. Ogni anno conta 2.500 ricoveri in regime di day hospital, 1.450 degenze e circa 25.000 visite ambulatoriali. È l’Unità Operativa di Oncologia dell’Asl di Piacenza che con uno staff di 12 medici, uno psicologo, un data manager, 25 infermieri, 7 Operatori Socio Sanitari, 3 coordinatori infermieristici e 2 assistenti sanitari, si prende cura di ogni tipo di patologia tumorale, con un focus specifico su mammella, colon e polmone. Da sole queste 3 neoplasie sono responsabili di oltre la metà dei 1.200 nuovi casi di tumore che ogni anno l’UO si trova ad affrontare. Grazie al forte impegno sul fronte della ricerca scientifica di valore, la struttura, attualmente coinvolta in circa 40 studi condotti su diverse tipologie oncologiche, è un’eccellenza al servizio del territorio.“Nella cura dei pazienti oncologici, è importante prestare attenzione anche alla gestione dei sintomi, in particolare il dolore, presente in oltre il 60% dei casi di neoplasia avanzata, arrivando a punte di oltre il 90%”, illustra Luigi Cavanna, Direttore dell’UO di Oncologia dell’Asl di Piacenza. “La sofferenza favorisce depressione e rinuncia alla terapia attiva contro la malattia. Le più importanti società scientifiche raccomandano pertanto il trattamento precoce del dolore oncologico, che può incidere sulla durata, oltre che sulla qualità di vita”.
“Un altro studio a cui abbiamo preso parte insieme all’Istituto Mario Negri di Milano, in corso di stampa su Annals of Oncology, evidenzia che una parte di pazienti può essere poco responsiva al trattamento; abbiamo un ulteriore studio in collaborazione con l’Istituto Mario Negri per valutare la variabilità della risposta analgesica a un trattamento a base di ossicodone-naloxone in pazienti oncologici con dolore moderato-severo. Da ricordare anche un recente articolo accettato sulla rivista Current Medical Research & Opinion in cui è emerso che l’associazione ossicodone-naloxone è correlata a una migliore tollerabilità, con minor rischio di costipazione, rispetto all’uso sia di ossicodone da solo sia di morfina”.Lo sforzo dell’Unità Operativa di Oncologia dell’Asl di Piacenza per migliorare l’assistenza ai pazienti non si concretizza solo nell’intensa attività di ricerca scientifica ma anche in un assetto organizzativo particolarmente efficiente. La struttura ha infatti sviluppato una rete oncologica estesa in tutta la provincia: i medici si spostano presso gli altri tre ospedali del territorio (Fiorenzuola, Bobbio e Castelsangiovanni), garantendo continuità e coerenza nelle cure erogate a oltre 300 pazienti. L’UO, inoltre, è tra le poche a vantare la preparazione centralizzata dei farmaci antitumorali per l’intera provincia, assicurando equità e sicurezza agli assistiti, e questo è stato possibile con l’ottima collaborazione dei farmacisti: dr.ssa Alessandra Riva, Dr.ssa Antonella De Masi e dr. Stefano Vecchia.La struttura è attualmente accreditata Esmo (European Society for Medical Oncology) per quanto riguarda la continuità assistenziale: si è quindi dimostrata in grado della presa in carico complessiva del paziente, non solo al momento della somministrazione della cura, ma per tutto il decorso della malattia, gestendo al meglio tutte le complicanze, con una reperibilità continua degli oncologi, 24 ore su 24, per tutti i giorni dell’anno.
“La rete provinciale e la preparazione centralizzata dei farmaci oncologici in un’unica centrale di preparazione chiamata unità di farmaci antiblastici (UFA) hanno permesso anche un importante risparmio per l’azienda sanitaria, poiché non vengono sprecati i residui dei flaconi dei chemioterapici che sono estremamente costosi. È stata pubblicata una nostra ricerca sulla rivista Medical Oncology (Med Oncol; 2015, 32:16) in cui si evidenzia un risparmio di circa 16.000 euro ogni mese con il modello della preparazione centralizzata per l’intera provincia. La qualità di vita del malato è molto importante e il nostro impegno quotidiano deve cercare di preservarla. Gli studi pubblicati ed attualmente in corso, con farmaci, presidi o nuove modalità organizzative, sono molto preziosi perché ci permettono una cura sempre migliore dei tanti pazienti oncologici che a noi si affidano”, conclude il dottor Cavanna. (foto. cavanna)

Posted in Cronaca/News, Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Arca: “Giffoni esempio per piccole realtà che sanno crescere”

Posted by fidest press agency su mercoledì, 23 marzo 2016

impreseSi è conclusa con successo la seconda e ultima fase della terza edizione del progetto Tonara Experience che ha fatto tappa nel comune sardo. La manifestazione, finanziata dal Consorzio Bim Taloro e dalla Regione Sardegna, è nata dalla collaborazione tra il Giffoni Experience, Giffoni Media Service, l’Impresa Sociale Nuovi Scenari, il Comune di Tonara e l’ENEL. Protagonisti migliaia di studenti degli Istituti Superiori provenienti da tutta la regione.”E’ andata splendidamente”: con queste parole Giovanna Busia, alla guida del Consorzio Bim Taloro dal 2011, ha commentato l’edizione 2016 del progetto Tonara Experience. “In questo percorso – ha spiegato – abbiamo incontrato tante sensibilità come quella dell’assessore regionale alla Pubblica Istruzione Claudia Firino, che ha sposato il progetto e alla quale veramente faccio un appello: continuare con questa sensibilità attraverso uno strumento che la Regione ha e che è la Finanziaria. Eventi come questo hanno necessità di risorse, noi, dal canto nostro, abbiamo piantato dei semi per far nascere un polo regionale del cinema per gli adolescenti unico in Sardegna, anche come strumento educativo. Io ho iniziato la collaborazione col Giffoni già quando ero assessore ai Servizi Sociali del Comune di Fonni. Con la mia presidenza al Bim, nel 2011, abbiamo poi avviato il Movie Days al Centro Polivalente di Tonara, struttura che nasce nel ventre del Bim. L’evento è cresciuto ogni anno coinvolgendo tutti i giovani del territorio. L’edizione 2016 – ha aggiunto ancora Giovanna Busia – è giunta al termine, ma al Bim si lavora già pensando al 2017. Chiediamo, ripeto, il sostegno della Regione, dal momento chele aspettative create dal Giffoni a Tonara sono state coronate con successo”. “Si vuole in questo modo – ha aggiunto Pino D’Antonio, amministratore di Nuovi Scenari – promuovere la cultura cinematografica e i film di qualità tra i bambini e i ragazzi favorendo, allo steso tempo, il protagonismo giovanile; è quanto, come impresa sociale, facciamo da anni in Sardegna attraverso la collaborazione con il Giffoni Experience”.
Oltre ad assistere alla proiezione dei film vincitori delle ultime edizioni del Giffoni Film Festival, i ragazzi sono stati coinvolti in una miriade di attività grazie a Giffoni Innovation Hub che ha promosso un contest per la selezione di idee, progetti innovativi e startup d’impresa, riservato agli studenti dell’Istituto d’Istruzione Superiore Carmelo Floris di Gavoi, dell’Istituto Professionale di Stato Commerciale Turistico e Alberghiero “Montanaru” di Desulo, dell’Istituto Tecnico Industriale “Gramsci” di Tonara e del Liceo Pedagogico di Fonni.Protagonisti dell’iniziativa sono stati i ragazzi dai 14 ai 20 anni degli Istituti Superiori Secondari che, in collaborazione con lo staff di dPixel e auLAB, hanno realizzato un percorso di mentorship presso il centro polivalente di Tonara. Durante le lezioni, sono state previste attività di gruppo e momenti di mentoring individuale, con lo scopo di fornire ai team partecipanti gli strumenti utili alla focalizzazione della business idea e ai criteri per la presentazione efficace ai potenziali investitori.Il progetto risultato vincitore è stato Albergo Diffuso realizzato dell’Istituto Professionale Alberghiero di Desulo. Il progetto è mirato allo sviluppo del turismo locale puntando su tradizioni e prodotti tipici. I vincitori parteciperanno durante il Giffoni Film Festival al percorso Tech Days e alla finale nazionale Techgarage 2016 del 21 luglio. In tre giorni sono state realizzate 30 ore di didattica laboratoriale, 30 studenti coinvolti provenienti dei 13 comuni del Bim, 3 progetti sviluppati.Alla cerimonia di chiusura, insieme a Flavia Loche, Sindaco di Tonara; Giovanna Busia, Presidente BIM (ente finanziatore dell’intero progetto); Antonia Grimaldi, Vice Direttore Gex, è intervenuto anche l’attore Francesco Arca.“Trovo che Giffoni – ha detto Arca – sia stato il punto di partenza e l’esempio per tutti i paesi medio piccoli che esistono in Italia. Tutto quello che era considerato una chimera si è trasformato grazie al Direttore del Giffoni Claudio Gubitosi in realtà. L’ultima magistrale intuizione sono le tante attività correlate al Festival stesso. Considero necessario e fondamentale l’apporto delle istituzioni che devono abbracciare simbolicamente ed economicamente tali progetti, per il bene delle giovani generazioni, che sono il nostro futuro”.

Posted in Cronaca/News, Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Messaggio del Presidente della Commissione europea dopo gli attentati di Bruxelles

Posted by fidest press agency su mercoledì, 23 marzo 2016

europa-261011-cVoglio esprimere le mie più sincere condoglianze agli abitanti di Bruxelles, ai numerosi feriti, alle famiglie e agli amici delle persone inermi coinvolte stamattina in diverse esplosioni all’aeroporto internazionale di Zaventem e alla stazione della metropolitana di Maelbeek. Desidero inoltre esprimere il mio sostegno e la mia solidarietà alle autorità belghe.Il mio pensiero va alle forze di sicurezza, ai servizi di pronto intervento e a tutte le persone che hanno soccorso le vittime e che stanno ancora operando sul campo.
Desidero inoltre rassicurare il personale della Commissione europea e delle altre istituzioni: la loro sicurezza è per me una priorità. Saranno adottati tutti i provvedimenti possibili di concerto con le autorità belghe.Gli attacchi odierni hanno colpito Bruxelles, ma il bersaglio è l’Europa intera. L’Unione europea e le istituzioni devono restare unite di fronte al terrore, ed è quello che faranno.
Gli eventi di oggi ci toccano, ma non ci spaventano. Continuiamo il nostro lavoro per far fronte alla minaccia terrorista e per trovare soluzioni comuni alle questioni che ci riguardano tutti.

Posted in Estero/world news, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Il mondo in fiamme

Posted by fidest press agency su mercoledì, 23 marzo 2016

attentato aeroporto bruxellesAscoltare le ultimissime gesta, attribuite al radicalismo dell’ISIS, dalla parte di chi è umanamente coinvolto, cambia visuale e offre più spazio alla riflessione. I fatti ultimissimi di Bruxelles, nella loro prevedibilità, ci offrono una spaccato nel quale affoga la speranza, sostituita da legittima preoccupazione. Ho mio figlio a Bruxelles, funzionario presso la Commissione Europea, nel momento in cui scrivo rinchiuso, insieme a tutti i colleghi, nei loro uffici, con perentorio ordine di non uscire e rimanere al loro posto in attesa di nuove disposizioni.Cosa sta accadendo in questo già tanto martoriato pianeta ? Viene da dire che “Nulla è cambiato”, si stanno ripetendo fatti e misfatti ai quali non ci siamo ancora abituati. Chi c’è dietro questa fantomatica organizzazione che sta tenendo l’intero pianeta sotto il giogo del terrore. Non vengono colpite le nazioni o i governi, l’obiettivo è la gente comune, quella che va a lavorare e si ritrova a dover prendere un aereo o la metropolitana. La strage è dietro l’angolo con il suo carico di morti e feriti che stimolano la paura che diventa terrore quando si tocca con mano l’impossibilità di neutralizzare gli eventi e impedire il ripetersi degli attentati. La domanda diventa assillante: “Chi c’è dietro questa fantomatica organizzazione del terrore ?” Bisognerebbe saper rispondere individuando “A chi giova ?”Gli ultimi eventi bellici hanno un minimo comune multiplo: il petrolio !
Per mettere insieme una organizzazione così ben armata, così priva di ogni scrupolo, occorrono fondi senza limiti, con l’attesa di un ritorno sia come denaro che come potere. Cerco nella memoria il conforto dei fatti per non lanciare ipotesi fantasiose, così nella memoria mi torna in mente l’uccisione di Enrico Mattei. Le compagnie petrolifere statunitensi, anche allora, di fatto detenevano un monopolio di fornitura sull’Europa occidentale. Mattei, non amava sottostare a limiti imposti e dunque non se ne imponeva egli medesimo, studiò a fondo i comportamenti commerciali delle principali compagnie del settore e decise che in fondo non gli mancava nulla per gettarsi nella competizione sul mercato dell’approvvigionamento. Egli cercò quindi di far entrare l’Agip nel “Consorzio per l’Iran”, il cartello delle sette principali compagnie petrolifere del tempo.
Entrando nel “Consorzio per l’Iran” l’Agip avrebbe ottenuto quell’accesso diretto alla materia prima che le mancava, ma la richiesta di Mattei fu respinta. Se le concorrenti si erano riunite in un cartello, che Mattei battezzò delle “sette sorelle”, l’Eni poteva ben muoversi da indipendente, cercando nuovi accordi e nuove alleanze commerciali per svincolare l’Italia dal ricatto commerciale straniero.
Mattei cercò allora il rapporto diretto con lo Scià di Persia ottenendo una concessione a condizioni particolarmente favorevoli per l’Iran, ma attirandosi in tal modo l’inimicizia del cartello delle sette sorelle.
Altre porte trovò pregiudizialmente sbarrate, sinché ebbe notizia di essere oggetto di una campagna di discredito ordita a sua insaputa da parte delle sette sorelle e decise di ponderare meglio e più accuratamente la sua azione.
Fu tutto inutile: lo Scià di Persia perse il trono del Pavone e Enrico Mattei perse la vita; allora venne indicata nella mafia siciliana la manovalanza che avrebbe organizzato l’attentato.
Successivamente accadde il sequestro dell’on. Aldo Moro, stavolta attribuito alle BR, con una azione degna delle più organizzate mission paramilitari, e non certo da parte di un gruppetto di brigatisti della domenica.
La guerra in Iraq la volle il presidente USA G.W. Bush, che riuscì anche a coinvolgere il governo italiano, allora, malauguratamente, in mano a Berlusconi. Vennero a galla le menzogne che furono imbastite, a cominciare con i severi dubbi intorno all’attacco delle Due Torri.E’ noto che i “Poteri forti” negli USA controllano la Casa Bianca e il Pentagono, con la forza del loro potere economico che, insieme, gestiscono più del 50% del PIL americano; si tratta delle lobby del petrolio (con le Sette Sorelle) e quello della produzione ed esportazione di armi (gestito direttamente dal Pentagono). Non per nulla adesso si candida alla presidenza USA il repubblicano Donald Trump, un terrorista in abiti civili. (Rosario Amico Roxas)

Posted in Confronti/Your opinions | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

UNICEF su Giornata mondiale dell’acqua

Posted by fidest press agency su mercoledì, 23 marzo 2016

Drought in Maharashtra

Drought in Maharashtra

In occasione della Giornata mondiale dell’Acqua (oggi), l’UNICEF ha ricordato che lo sforzo di portare a milioni di persone nel mondo acqua pulita diventerà ancora più difficile a causa dei cambiamenti climatici, che minacciano i rifornimenti idrici e la sicurezza dell’acqua per milioni di bambini che vivono in aree soggette a siccità o alluvioni.
Nel 2015, a conclusione del periodo concernente gli Obiettivi di Sviluppo del Millennio, quasi 663 milioni di persone nel mondo avevano acqua potabile da fonti migliorate – che si presupponeva separassero l’acqua dal contatto con gli escrementi. Tuttavia, secondo i dati disponibili grazie a nuovi test tecnologici, circa 1,8 miliardi di persone potrebbero bere acqua contaminata da escherichia coli – il che significa che ci sono materiali fecali nelle loro acque, anche in quella proveniente da alcune fonti migliorate.
“Adesso che possiamo fare dei test sull’acqua molto più economici e efficaci rispetto a quando erano stati impostati gli Obiettivi di Sviluppo del Millennio, ci dobbiamo confrontare con la grandezza della

Drought in Maharashtra

Drought in Maharashtra

sfida che il mondo si trova ad affrontare, quando si tratta di rendere l’acqua pulita,” ha dichiarato Sanjay Wijeserkera, Responsabile UNICEF per l’acqua e i servizi igienico sanitari. “Con i Nuovi Obiettivi di Sviluppo Sostenibile riguardanti l’acqua sicura per ogni persona, non stiamo riprendendo da dove ci eravamo fermati con gli Obiettivi di Sviluppo del Millennio, ma siamo di fronte ad un nuovo scenario.”
Una delle principale cause delle contaminazioni da feci dell’acqua è la mancanza di servizi igienico sanitari. A livello globale 2,4 miliardi di persone non hanno propri servizi igienici; di queste, quasi 1 miliardo defeca all’aperto. Questo significa che le feci possono essere diffuse in molti paesi e comunità e molte fonti migliorate di acqua sono state contaminate.
La preoccupazione della sicurezza sta crescendo a causa dei cambiamenti climatici.
Quando l’acqua diventa scarsa a causa della siccità, le popolazioni ricorrono a superfici d’acqua non sicure. Dall’altro lato, le inondazioni danneggiano le forniture di acqua e gli impianti del trattamento dei liquami, e la diffusione delle feci nell’ambiente molto spesso porta ad un incremento delle malattie world water2legate all’acqua come il colera o la diarrea.
Le temperature più elevate a causa dal cambiamento climatico sono anche destinate ad aumentare l’incidenza di malattie legate all’acqua come malaria, febbre dengue – e ora Zika – così come la crescita delle zanzare e l’ampliamento delle aree geografiche in cui vivono.
Secondo l’UNICEF, i più vulnerabili a livello globale sono circa 160 milioni di bambini sotto i 5 anni che vivono in aree ad alto rischio di siccità. Circa mezzo miliardo vive in aree soggette ad inondazioni. Molti di loro vivono in Africa Sub Sahariana e Asia.
L’UNICEF lancia una campagna globale su Instagram per aumentare la consapevolezza legata all’acqua, all’ambiente e al cambiamento climatico; la campagna inizia oggi, nella Giornata Mondiale dell’Acqua e terminerà con la firma degli Accordi di Parigi il prossimo 22 aprile.
Usando l’hashtag #ClimatChain, il Direttore generale dell’UNICEF Anthony Lake, Il Presidente dell’Assemblea generale delle Nazioni Unite Mogens Lykketoft, la Responsabile per il Clima delle Nazioni Unite Christiana Figueres, e altre importanti personalità si uniranno con rappresentanti del settore pubblico in una catena fotografica che ha l’obiettivo di sollecitare azioni per rispondere al cambiamento climatico. Le immagini saranno presentate alla firma dell’Accordo di Parigi.
L’UNICEF sta rispondendo alle sfide al cambiamento climatico focalizzandosi sulla riduzione del rischio di disastri per le forniture d’acqua; ad esempio:
– Circa 20.000 bambini in Bangladesh hanno ora accesso a risorse di acqua resilienti al cambiamento climatico e ai disastri, attraverso un sistema acquifero ricaricabile che durante la stagione dei monsoni cattura l’acqua, la purifica e la conserva sotto terra.
– In Madagascar, l’UNICEF sta aiutando le autorità locali a realizzare classi per 80.000 bambini a prova di acqua e tifoni e garantirà accesso a fonti di acqua resilienti ai disastri.
– Nelle Kiribati colpite dalla siccità, nuove forniture per la raccolta di acqua piovana e lo stoccaggio stanno migliorando l’accesso delle comunità all’acqua potabile.
In una recente pubblicazione “UNLESS WE ACT NOW!”, l’UNICEF ha predisposto un’agenda in 10 punti sul clima dedicata ai bambini. Sono passi concreti per i governi, il settore privato e le persone comuni per attivarsi per salvaguarda il futuro e i diritti dei bambini.

Posted in Estero/world news, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Bilancio record in Italia per Deutsche Bank SpA

Posted by fidest press agency su mercoledì, 23 marzo 2016

Deutsche BankIl Consiglio di Gestione del Gruppo Deutsche Bank SpA, riunitosi oggi sotto la presidenza di Flavio Valeri, ha approvato il Progetto di Bilancio del Gruppo al 31 dicembre 2015, che verrà sottoposto all’approvazione del Consiglio di Sorveglianza convocato per il 5 aprile 2016.Il perimetro del Gruppo Deutsche Bank SpA comprende le attività di banca tradizionale per la clientela retail, le famiglie, i privati, le piccole e medie imprese. Flavio Valeri, Presidente e Consigliere Delegato del Consiglio di Gestione di Deutsche Bank SpA e Chief Country Officer Italia della Banca, ha così commentato i risultati raggiunti:“Il Gruppo in Italia conferma la sua capacità di generare utili e di essere profittevole, potendo contare su livelli adeguati di solidità e di liquidità. Tutte le linee di business della banca tradizionale hanno contribuito in modo equilibrato al raggiungimento di perfomance commerciali positive. L’utile netto ha fatto un balzo del +39% nel 2015, risultato che assume un significato particolarmente positivo se inquadrato nell’attuale contesto macro-economico e di mercato, assai complesso. I ratio patrimoniali a fine 2015 (Total capital ratio al 14,47%) mostrano la solidità della banca. Il tasso di copertura delle sofferenze, pari al 60,8%, ci pone ai migliori livelli del sistema, così come il Texas Ratio del 68%. Sono molto soddisfatto dei risultati positivi raggiunti nel 2015 che testimoniano l’ottimo stato di salute della nostra banca tradizionale in Italia. Il percorso di crescita organica, condotto fino ad oggi, ha dato ottimi frutti. L’Italia, ancora una volta, si conferma il primo mercato europeo per il Gruppo, secondo solo alla Germania. Abbiamo le basi e i numeri per tracciare un altro anno, il 2016, di soddisfazioni e successi commerciali”.L’utile netto del Gruppo Deutsche Bank SpA nel 2015 si attesta a 87,5 milioni di euro, in crescita del +39,3% rispetto al precedente risultato di periodo (62,8 milioni di euro nel 2014). Un risultato conseguito in un contesto complesso, nonostante il quale è stato mantenuto costante il perimetro della Banca in termini di staff (circa 4 mila dipendenti), di promotori finanziari (circa 1500) e di sportelli bancari (337).Per la prima volta nella storia della Banca, il margine di intermediazione supera il miliardo, in aumento del +3,7%, grazie alla crescita sostenuta delle commissioni (+14,3%), in particolare nel risparmio gestito e nel comparto assicurativo.In aumento anche le masse intermediate nel 2015: la raccolta diretta registra un +9,2% anno su anno, attestandosi a 16 miliardi di euro, mentre la raccolta indiretta è pari a 36,7 miliardi di euro con un +3,6% (rispetto ai 34 miliardi del 2014).Il Gruppo Deutsche Bank SpA mostra un’ottima qualità del credito, in miglioramento sugli anni precedenti. Il Texas Ratio (rapporto NPL su capitale netto + riserve perdite su crediti) nel 2015 è pari al 68% (80% nel 2014), tra i migliori in Italia. Le sofferenze nette sul totale dei crediti sono pari al 2,7% con un tasso di copertura del 60,8%.I crediti deteriorati lordi rispetto al totale dei crediti sono pari al 9,3% (in miglioramento rispetto al 2014), con un tasso di copertura delle partite deteriorate lorde pari al 51,6%.I dati al 31/12/2015 non includono la vendita da parte di Deutsche Bank di un portafoglio di NPL secured con un gross book value pari a 172 milioni di euro. L’operazione avrà un impatto positivo sul primo trimestre 2016, migliorando ulteriormente il ratio delle sofferenze.Il post tax ROTE, in aumento al 5,9%, dimostra la positività delle perfomance della Banca che ha contribuito con 23 milioni di euro al Fondo nazionale di risoluzione per il salvataggio delle quattro banche in difficoltà. La solida posizione patrimoniale è confermata dal buon livello del Total capital ratio al 14,47%. (foto: Deutsche Bank)

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Estero/world news, Uncategorized | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Dottorando Unicam in Brasile

Posted by fidest press agency su mercoledì, 23 marzo 2016

favia manciniCamerino. La dott.ssa Maria Vittoria Mancini, dottoranda Unicam iscritta al terzo anno del corso in “One Health” è partita nei giorni scorsi per il Brasile per partecipare ad un’attività di ricerca che coinvolge il gruppo di lavoro del Prof. Guido Favia, Direttore della Scuola di Bioscienze e Medicina Veterinaria di Unicam, coordinato insieme alla Prof. Ricci e quello del Prof. Ribolla dell’Università brasiliana di San Paolo (UNESP).
L’attività di ricerca prevedeva originariamente un focus su malaria e zanzare vettrici di malaria, filone di ricerca di eccellenza di Unicam che tanti successi ha già portato all’Ateneo, ma visti gli ultimi sviluppi la dott.ssa Mancini parteciperà anche ad alcune nuove linee di ricerca sul virus Zika e sulle zanzare che lo trasmettono.Nel corso della sua permanenza in Brasile, prevista per circa 3 mesi, la dott.ssa Mancini sarà impegnata sia in attività “sul campo” nella zona di Acre dove saranno condotte delle campagne di cattura di zanzare, che di laboratorio per le caratterizzazioni molecolari e microbiologiche delle stesse.
“Sono particolarmente orgoglioso – ha dichiarato il prof. Favia – di essere il supervisor della dott.ssa Mancini nel suo corso di dottorato. E’ un’ottima ricercatrice che ha già effettuato un periodo di permanenza all’estero presso l’Imperial College di Londra, sotto la mia supervisione e quella del Prof. Christophides, per svolgere una consistente parte dell’attività relativa alla tesi sperimentale”.
“Questo nuovo filone di ricerca sul virus Zika, poi potrà di sicuro offrirle ulteriori opportunità. Si tratta di un virus particolarmente insidioso che va studiato con estrema attenzione”.
Professor Favia, il virus Zika è già arrivato anche in Europa? “Ci sono rarissimi casi descritti in letteratura. La questione del rischio Zika per l’Europa é molto controversa. La zanzara Aedes aegypti, che si ritiene essere il principale vettore di Zika è stata eliminata dall’Europa molti decenni fa. Tuttavia, al momento non sappiamo se la zanzara tigre, Aedes albopictus, è anch’essa in parte responsabile per la trasmissione di Zika nelle Americhe. Se lo fosse, allora l’Europa potrebbe essere a rischio. La zanzara tigre ha infatti colonizzato alcuni paesi del Sud Europa negli ultimi 15-20 anni e da allora ha ampliato il suo territorio in modo drammatico. E’ ormai diffusa in Italia, Grecia, Albania, Croazia, Serbia, Francia, Spagna ed anche nei Paesi Bassi. Pertanto, l’importazione di Zika in Europa da viaggiatori di ritorno dal Sud-America solleva alcune preoccupazioni”.
Con quali sintomi si presenta? Quali sono le conseguenze per l’uomo? “La maggior parte dei pazienti con infezione da ZIKA è asintomatica. Le sindromi cliniche di infezione sintomatica possono essere suddivise in “febbre-Zika” ed infezioni congenite. Le complicazioni derivanti dalle infezioni possono essere molto varie e riguardare differenti organi. L’elemento in questo momento più drammatico riguarda le donne in gravidanza, data l’associazione tra la Zika e lo sviluppo di microcefalia nel feto, un grave difetto in cui la testa di un bambino è più piccola del previsto”.
Quali sono le azioni di profilassi? “In assenza di un vaccino contro Zika, e fino a quando questo non sarà prodotto e testato, cosa che può richiedere mesi o anni, la maggior parte degli sforzi deve essere focalizzata sul controllo delle zanzare. Pertanto se si dovessero effettuare viaggi in zone endemiche, sarebbe sempre bene evitare l’esposizione alle zanzare ed utilizzare repellenti efficaci. Occorre anche porre attenzione alla trasmissione sessuale e conseguentemente si devono evitare rapporti non protetti con soggetti a rischio”. (foto: favia mancini)

Posted in Estero/world news, Università/University | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Nuovo Rapporto ONU 2016: la gestione sostenibile dell’acqua

Posted by fidest press agency su mercoledì, 23 marzo 2016

acqua-fresca4Ginevra. Tre posti di lavoro su quattro dipendono direttamente dall’acqua. Questo significa che la carenza d’acqua e gli ostacoli all’accesso alla risorsa idrica e ai servizi igienico-sanitari potrebbero limitare la crescita economica e la creazione di posti di lavoro nei decenni a venire. È quanto emerge dall’edizione 2016 del World Water Development Report (WWDR 2016), il Rapporto delle Nazioni Unite sullo Sviluppo delle Risorse Idriche Mondiali, dedicato al tema “Acqua e Lavoro”, il quale rileva anche come la metà dei lavoratori di tutto il mondo – circa 1,5 miliardi di persone – risulti occupata in otto settori che dipendono dall’acqua e dalle risorse naturali. “Acqua e lavoro sono strettamente collegati a vari livelli, dal punto di vista economico, ambientale e sociale. Questa edizione del World Water Development Report esamina per la prima volta lo stretto legame tra acqua e lavoro”, afferma Irina Bokova, Direttore Generale dell’UNESCO. Pubblicato in occasione della Giornata Mondiale dell’Acqua (che si celebra ogni 22 marzo) e nell’ambito dell’Agenda 2030 per lo Sviluppo Sostenibile, il Rapporto evidenzia il ruolo chiave che l’acqua svolgerà nella transizione verso una green economy, un’economia ecologica. Per una gestione virtuosa della risorsa idrica è necessaria una forza lavoro; al tempo stesso le risorse ben gestite possono contribuire a creare posti di lavoro e condizioni lavorative più dignitose. “Per conseguire gli obiettivi dell’Agenda 2030 per lo Sviluppo Sostenibile è necessario garantire che i posti di lavoro nel settore idrico siano dignitosi e che l’acqua che utilizziamo sia sicura”, sostiene il Direttore Generale dell’ILO e Presidente di UN-Water, Guy Ryder.
Dalla sua estrazione fino al momento della sua reimmissione nell’ambiente, l’acqua costituisce un elemento chiave per la creazione di posti di lavoro.In Africa investimenti in progetti su piccola scala che garantiscono l’accesso ai servizi igienico-sanitari di base e acqua sicura potrebbero fruttare all’incirca 28,4 miliardi di dollari americani all’anno, pari a quasi il 5% del prodotto interno lordo (PIL) del continente. Questi investimenti sembrano anche produrre effetti positivi sull’occupazione. Negli Stati Uniti un investimento pari a 1 milione di dollari in infrastrutture tradizionali per la fornitura e il trattamento dell’acqua genera tra i 10 e 20 nuovi posti di lavoro. Inoltre, secondo l’Ufficio per le Analisi Economiche del Ministero del Commercio americano, ciascun posto di lavoro creato a livello locale nel settore idrico e del trattamento delle acque reflue, comporta la creazione di 3,68 posti di lavoro indiretti nell’economia nazionale.
Un ulteriore studio svolto in America Latina, ha rilevato come un investimento pari a 1 miliardo di dollari nell’espansione della rete di approvvigionamento idrico e in servizi igienico-sanitari potrebbe comportare la creazione diretta di 100.000 posti di lavoro.
La transizione verso un’economia più verde, in cui l’acqua svolga un ruolo centrale, condurrà alla creazione di nuovi posti di lavoro. Secondo stime dell’IRENA, l’Agenzia Internazionale per le Energie Rinnovabili, nel 2014 gli occupati nel settore delle energie rinnovabili erano 7,7 milioni.
Le risorse disponibili di acqua dolce sono sottoposte a una pressione crescente, ulteriormente aggravata dagli effetti dei cambiamenti climatici. Dagli anni ’80 il tasso dei prelievi di acqua dolce è cresciuto ogni anno dell’1%. Tra il 2011 e il 2050 si prevede che la popolazione mondiale crescerà del 33%, passando da 7 a 9 miliardi di persone, mentre la domanda di beni alimentari crescerà nello stesso periodo del 70%.Inoltre, secondo il quinto rapporto di valutazione dell’IPCC, il Gruppo Intergovernativo sul Cambiamento Climatico, circa il 7% della popolazione mondiale dovrà far fronte a una riduzione di quasi il 20% della disponibilità di risorse idriche rinnovabili per ciascun grado di riscaldamento globale.In futuro, la possibile carenza d’acqua richiederà l’impiego di risorse idriche non convenzionali, come ad esempio la raccolta di acqua piovana e il riciclaggio di acque reflue e di deflusso urbano. L’impiego di queste fonti idriche alternative genererà nuovi posti di lavoro nell’ambito della ricerca e dello sviluppo tecnologico. I successi conseguiti nelle tecniche di previsione, nella valutazione del rischio e nel ricorso alle immagini satellitari, evidenziano solamente alcuni degli ambiti potenziali in cui potrebbero svilupparsi migliori opportunità occupazionali.
Secondo il Rapporto, in questo momento quasi l’1% del totale della forza lavoro nei paesi industrializzati e in via di sviluppo è occupato in settori collegati alle risorse idriche, come ad esempio la costruzione e la manutenzione delle infrastrutture, la fornitura di acqua e i servizi igienico-sanitari.
Conseguire gli obiettivi dell’Agenda 2030 per lo sviluppo sostenibile richiederà una piena comprensione del ruolo chiave che l’acqua può svolgere nel mondo del lavoro. I posti di lavoro dignitosi sono direttamente collegati alla gestione delle risorse idriche in settori come ad esempio la fornitura di acqua e la gestione delle infrastrutture. Lo stesso vale per altri settori che dipendono dall’acqua, come agricoltura, pesca, energia, industria e sanità. Inoltre, l’accesso ad acqua di migliore qualità e a servizi igienici agevola la creazione di posti di lavoro, oltre a promuovere una forza lavoro sana, adeguatamente formata e produttiva.
Creare condizioni che migliorino la produttività delle risorse idriche e agevolino la transizione verso un’“economia verde”; formare lavoratori sempre più qualificati al fine di rispondere alla crescente domanda di lavoro nei settori idrici. Sono questi alcuni dei punti che il Rapporto sottopone all’attenzione dei Governi per rispondere adeguatamente ai requisiti degli Obiettivi per lo Sviluppo Sostenibile delle Nazioni Unite, con particolare riferimento all’Obiettivo 6, dedicato alla gestione sostenibile delle risorse idriche e l’accesso ai servizi igienico-sanitari.

Posted in Cronaca/News, Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Le nuove vie della seta e l’Italia

Posted by fidest press agency su mercoledì, 23 marzo 2016

torinoTorino L’Ambasciatore della Repubblica Popolare Cinese in Italia, Li Ruiyu, interverrà lunedì 4 aprile, alle ore 11, presso la Fondazione CRT, in via XX Settembre 31 a Torino, al convegno “Le nuove Vie della Seta e l’Italia. Interpretare le sinergie con la Cina di domani”, dedicato alla fase attuale di particolare dinamismo nei rapporti sino-italiani.L’evento è organizzato dalla Fondazione CRT con il Centro TOChina del Dipartimento di Culture, Politica e Società dell’Università di Torino, all’indomani del 45° anniversario delle relazioni diplomatiche Italia-Cina, e in vista dell’approvazione del 13° Piano Quinquennale da parte dell’Assemblea Nazionale del Popolo a Pechino.Insieme all’Ambasciatore Li, interverranno il Segretario Generale della Fondazione CRT Massimo Lapucci, il Presidente Romano Prodi, il Presidente e COO della multinazionale Lenovo Gianfranco Lanci, il Coordinatore del Sistema TOChina Giovanni Andornino, il Rettore dell’Università di Torino Gianmaria Ajani.

Posted in Estero/world news, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »