Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 31 n° 259

Archive for 31 marzo 2016

IMD announces inspirational keynote speakers for Orchestrating Winning Performance

Posted by fidest press agency su giovedì, 31 marzo 2016

lausanneLAUSANNE IMD, a top-ranked business school and worldwide expert in executive education, announces an inspiring agenda of keynote speakers for its largest business leadership program Orchestrating Winning Performance (OWP). Taking place June 27 – July 1, 2016 the program keynotes will include:
· Kofi Annan, former Secretary General of the United Nations and founder and Chair of the Kofi Annan Foundation
· Yassmin Abdel-Magied, mechanical engineer, social advocate and the 2015 Queensland Young Australian of the Year
· Alexander Osterwalder, famed entrepreneur, bestselling author and co-founder of Strategyzer
· Mehdi Jomaa, former Prime Minister of Tunisia, and recipient of the Nobel Peace Prize in 2015
To provide real world insight, OWP gathers this unique group of leaders in order to provide executives with inspiration and ideas for the future of business. Since leaving the United Nations, Kofi Annan has been active pressing for policies that will meet the needs of the poorest and most vulnerable, particularly in Africa. He continues to use his experience to mediate and resolve conflict.
Yassmin Abdel-Magied advocates for the empowerment of youth, women and those from culturally and linguistically diverse backgrounds. She founded the non-for-profit Youth Without Borders at age 16.Successful entrepreneur Alexander Osterwalder believes that CEOs need a partner for innovation inside their companies. He calls this person the Chief Entrepreneur (CE). Co-founder of Strategyzer, his company helps organizations develop new growth engines, better value propositions and powerful business models via online applications.The personal leadership journey of Mehdi Jomaa, who trained first as a mechanical engineer and rose to become Tunisia’s prime minister, is a model for international business and transformational leadership. His achievements in government and across industrial groups give insight to how political and business goals can work together.In addition to these keynotes, OWP will offer an update on world competitiveness and the ranking of nations in a keynote with Professor Arturo Bris, Director of the IMD World Competitiveness Center.Designed to develop leadership capabilities, OWP is a unique program in its flexible design, allowing participants, both individuals and teams, to create their own schedules. The 2016 edition of OWP offers more than 20 business and leadership topics to select from.Some of the topics to be presented include marketing in the digital era, how to cope with digital disruption, doing business in Africa, understanding China’s new normal, how to change employee behaviour, governance around the world and more. In addition, the program will provide special activities designed for fitness and creativity for in order to help executives sustain high performance on both in and out of the office. IMD’s OWP program is offered twice per year, once in Lausanne and once in Singapore.

Posted in Estero/world news, Università/University | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Governor of Bank Negara Malaysia and founder of UN Global Compact open Responsible Finance Summit

Posted by fidest press agency su giovedì, 31 marzo 2016

finance summit

KUALA LUMPUR, MALAYSIA Hosted by Bank Negara Malaysia, the inaugural Responsible Finance Summit was opened today with powerful speeches from two leaders who have been key to the growth and development of the responsible finance industry.Dr. Zeti Akhtar Aziz, the Governor of Bank Negara Malaysia, the Summit’s host, highlighted the need for finance to serve the real economy. She said: “As responsible global financial participants, the opportunity to come together again to rebuild trust and provide the foundations of a more stable and sustainable long-term economic growth can be achieved through our commitments to responsible finance. The call is for greater global cooperation and leadership to unlock the future of finance and expand its positive impact in the global economy.”
Dr. Zeti Aziz is prominent central bank governor, the first female central bank governor in Asia. During her tenure, Malaysia has also led the region with the growth of Islamic finance, a key sector within the responsible finance industry. Malaysia’s Islamic banks represent 20% of the total banking system and its Islamic investment funds represent 37% of Asia’s responsible investment assets.
Following Dr. Zeti’s address, Mr. Georg Kell, Vice Chairman of Arabesque Partners and Founder and former Executive Director of the UN Global Compact delivered a keynote address to an audience of more than 400 leaders from across the world.Drawing from his experience in developing an initiative to implement universal sustainability principles that now has more than 12,000 signatories in more than 170 countries, Mr. Kell spoke of the need for forge a more inclusive and global responsible finance industry. He said: “Competitive struggle increasingly defined by being socially responsible and have top of the line governance sector; is a race to the top not a race to the bottom.The Responsible Finance Summit gathered high profile delegates from around the world – including Canada, Ghana, Malaysia, Seychelles, Libya, UAE, Nigeria, USA, Russia – at Sasana Kijang, the iconic center for banking and finance that has placed Malaysia as the emerging market epicenter in the responsible finance mapPresent at the Summit’s opening keynote session were high level attendees from the central banks of Libya, Ghana, Sri Lanka, and the Seychelles; and Ambassadors from Thailand, Jordan, Turkey, Canada, Brunei, Cambodia.Under the theme of “Unlocking Finance, Expanding Impact”, the Summit over the next 2 days will highlight emerging markets as the most important frontier for the expansion of the responsible finance industry. Discussions at the Summit will focus on 4 critical areas for the responsible finance industry:Increasing footprint in emerging markets
Enhancing and measuring the impact of the industry
Furthering the depth and knowledge sharing between Islamic finance and responsible finance
Integrating responsible finance within global financial markets
The Summit is organised by the Responsible Finance Institute (RFI) Foundation and co-organised by Middle East Global Advisors, two leading institutions spearheading the agenda of identifying Islamic finance within the broader responsible finance universe to capitalise on its unique aspects to make responsible finance more inclusive across the global population.
Malaysia is an ideal backdrop for discussions on convergence within the industry due to its leading role in the development of Islamic finance as well as its pioneering initiatives to encourage crossovers between Islamic finance and responsible finance, including establishing a regulatory framework to support sustainable, responsible and impact (SRI) sukuk. (photo: finance summit)

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

National parliaments, surveillance mechanisms and ownership in the euro area

Posted by fidest press agency su giovedì, 31 marzo 2016

euro areaCoordination and surveillance mechanisms play an increasingly important role in EU Economic Governance. Involving national parliaments has been widely acknowledged as a key to contribute to ensuring legitimacy, ownership and accountability in the Economic and Monetary Union. Despite the creation and the strengthening of the European Semester, acceptance of the common rules and compliance in member states are still too low.This study written by Valentin Kreilinger, research fellow in our office in Germany, the Jacques Delors Institut – Berlin, asks to what extent the role of national parliaments and national political ownership can help to explain the lack of compliance and how recent reforms have contributed to improving the situation. National parliaments of crisis-hit countries have been weaker in the annual budget process than the national parliaments of other EU member states. In the European Semester, most national parliaments scrutinise the Stability and Convergence Programmes and National Reform Programmes that their governments submit to the European Commission each year at the end of April. Hearings with European Commissioners also take place more often. But, in general, parliamentary scrutiny could be enhanced further: The adaptation of national parliaments to the stronger surveillance and coordination mechanisms in the Economic and Monetary Union has so far only happened in an asymmetric way.The public opinion of those countries that had a low implementation record for Country-Specific Recommendations and whose national parliaments did not obtain new prerogatives in the European Semester is particularly in favour of more economic policy coordination. Thus, as a contribution to the debate on strengthening and completing Europe’s Economic and Monetary Union, this study puts forward five options for better parliamentary control at the national level and the European level. (photo: euro area)

Posted in Estero/world news, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Rimedi naturali o farmaci di sintesi?

Posted by fidest press agency su giovedì, 31 marzo 2016

vaccinazioniMilano “Dal disturbo alla malattia – dal rimedio naturale al farmaco di sintesi” si terranno da Aprile a Dicembre un ciclo di conferenze scientifiche gratuite presso la sede di Cerifos, a Milano, in via Paisiello 24, a ingresso libero, ma previa richiesta di partecipazione per imparare a distinguere il disturbo dalla malattia e comprendere quando è sufficiente ricorrere a un sostegno naturale e quando è il caso di optare per un farmaco di sintesi.
Si partirà giovedì 28 Aprile, alle 18, con la conferenza “Allergia: dal vaccino all’autovaccino” durante la quale il dottor Samorindo Peci, endocrinologo e direttore scientifico del Centro di Ricerca milanese spiegherà ai partecipanti i diversi modi esistenti per affrontare le allergie croniche e stagionali, illustrando anche metodi poco conosciuti come l’autovaccino. L’autovaccino è una terapia da tempo diffusa in Germania, indicato per chi combatte con allergie stagionali o croniche e nel caso di patologie per le quali esista anche soltanto il sospetto di una reazione autoimmune. Si tratta di una preparazione farmaceutica prodotta partendo dal materiale biologico di ogni individuo per migliorare le difese immunitarie delle mucose e liberare il paziente dalle reazioni allergiche. Ma non solo allergie. I temi trattati dal direttore di Cerifos durante le conferenze in calendario saranno diversi: si parlerà di infertilità, diabete, malattie da raffreddamento, disfunzioni tiroidee, dei rischi del sovrappeso per la salute e della perdita di memoria, per capire come cogliere i campanelli di allarme e ricorrere ad un approfondimento medico.
Ginseng, zenzero, valeriana. Oggi quasi il 35% degli italiani opta per i cosiddetti rimedi naturali, composti a base di erbe, per curare piccoli e grandi disturbi. Ma “naturali” non è sinonimo di innocuo, né è sempre la soluzione più efficace. Giusto per fare qualche esempio, l’abuso di echinacea può causare malattie autoimmuni, la liquirizia aumenta la pressione e persino con la camomilla possono insorgere effetti collaterali non desiderati. I fitoterapici, infatti, siano essi sotto forma di erbe fresche, infusi, decotti, tinture, sciroppi o polveri somministrate in vario modo, contengono principi attivi vegetali con proprietà farmacologiche e quindi non sono esenti da effetti collaterali. E i rimedi omeopatici? Perché funzionano ed è poi vero che non possono far male, perché non contengono principi attivi? Quando va bene ricorrervi e quando invece è meglio optare per i farmaci di sintesi per risolvere un disturbo? Come distinguere un semplice malessere da un problema di salute più importante, quando i sintomi sono blandi? Per dare una risposta a queste domande e insegnare a tracciare un confine tra disturbo e malattie e a gestire al meglio i problemi di salute più diffusi oggi in Italia, il Centro di Ricerca e Formazione Scientifica milanese, Cerifos, da giovedì 28 Aprile fino al 15 Dicembre, darà il via ad un ciclo di conferenze gratuite e aperte a tutti i cittadini dal titolo “Dal disturbo alla malattia – dal rimedio naturale al farmaco di sintesi”. (foto: cerifos)

Posted in Cronaca/News, Medicina/Medicine/Health/Science, Uncategorized | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Pediatria: prevenire infezioni gastrointestinali e respiratorie

Posted by fidest press agency su giovedì, 31 marzo 2016

senato-della-repubblica[1]Roma Mercoledì 13 Aprile 2016, ore 11:45 Senato della Repubblica – Sala “Caduti di Nassirya” Piazza Madama. Saranno presentati i risultati di uno studio clinico completamente italiano, che ha dimostrato l’efficacia di un nuovo ingrediente funzionale per l’alimentazione infantile nel prevenire infezioni gastrointestinali e respiratorie. Il trial ha visto la collaborazione di diversi centri d’eccellenza: il Dipartimento di Scienze Mediche Traslazionali dell’Università degli Studi di Napoli Federico II, l’Unità Operativa di Neonatologia e TIN Cà Granda Ospedale Maggiore Policlinico di Milano, la Clinica Pediatrica e Neonatologica dell’Università degli Studi di Palermo, il Dipartimento Sperimentale di Oncologia dell’Istituto Europeo di Oncologia di Milano.
Interverranno:
• On. Beatrice Lorenzin, Ministro della Salute (è stata invitata a partecipare)
• Sen. Andrea Mandelli, Presidente FOFI e Vicepresidente Commissione Bilancio del Senato
• Prof. Giovanni Corsello, Presidente Società Italiana di Pediatria, Direttore Clinica Pediatrica e Neonatologia, Università degli Studi di Palermo
• Prof. Fabio Mosca, Direttore Unità Operativa di Neonatologia e TIN della Fondazione IRCCS Ca’ Granda Ospedale Maggiore Policlinico, Università degli Studi di Milano
• Prof.ssa Maria Rescigno, Direttore Unità di Immunologia delle Cellule Dendritiche, Dipartimento di Oncologia Sperimentale, Istituto Europeo di Oncologia Milano
• Prof. Roberto Berni Canani, Dipartimento di scienze Mediche Traslazionali – Sezione Pediatrica, Laboratorio Europeo per lo Studio delle Malattie Indotte da Alimenti CEINGE Biotecnologie Avanzate, Università degli Studi di Napoli Federico II
* È stata invitata a partecipare
Modera i lavori: Dr.ssa Sabrina De Camillis, Esperto Sicurezza Alimentare. Ministero della Salute

Posted in Cronaca/News, Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Risultati importanti per la terapia dell’autismo arrivano dall’Italia

Posted by fidest press agency su giovedì, 31 marzo 2016

lumsa universitàRoma. La ricerca dell’IdO sarà presentata venerdì 1 aprile a Roma da Magda Di Renzo, responsabile del servizio Terapie dell’Istituto, al seminario ‘Lo spettro autistico’ promosso dall’onorevole Paola Binetti nell’Aula Valori dell’Università Lumsa in via di Porta Castello 44 dalle 15 alle 18. E’ stato pubblicato sulla prestigiosa rivista internazionale ‘Autism open-access’ un altro articolo dell’Istituto di Ortofonologia (IdO) di Roma sul tipo di terapia che propone, dal titolo ‘Dall’integrazione emotiva alla costruzione cognitiva: l’approccio evolutivo Tartaruga’ (consultabile sul sito http://www.ortofonologia.it).
“Lo studio è durato 4 anni ed è stato condotto su un campione di 80 bambini dai 24 ai 131 mesi (tutti videoregistrati), con risultati decisamente incoraggianti, di cui abbiamo documentato i miglioramenti ottenuti con un metodo rigorosamente scientifico. Oltre ai miglioramenti in generale, possiamo affermare che, secondo la diagnosi Ados (Autism Diagnostic Observation Schedule), l’80% dei casi sono usciti dallo spettro autistico e il 30% dall’autismo dopo due e quattro anni di trattamento. Tutti i risultati rispondono al criterio evidence based”. Lo fa sapere Federico Bianchi di Castelbianco, psicoterapeuta dell’età evolutiva e direttore dell’IdO, ricordando in occasione della Giornata mondiale di consapevolezza sull’Autismo (sabato 2 aprile) che “il progetto terapeutico portato avanti dall’IdO è stato denominato ‘Tartaruga’ proprio per non suscitare nei genitori illusioni di velocità o aspettative non adeguate alla realtà, che purtroppo vengono spesso loro proposte”.
L’IdO basa il suo processo diagnostico e terapeutico su un approccio che considera integrate le componenti cognitive e affettive. “Riteniamo che il linguaggio, l’intelligenza e le competenze emotive e sociali si acquisiscano nello sviluppo attraverso le relazioni e le interazioni che prevedono gli scambi affettivi. I dati hanno, infatti, evidenziato che il lavoro sulle aree dell’affetto sociale (all’interno dell’Ados 2) permette un miglioramento in tutti gli altri aspetti evolutivi. Dunque è lavorando sulla dimensione affettiva che si possono avere i migliori risultati cognitivi. Quello che la nostra ricerca ha messo anche in luce è la possibilità di predire quali risultati si possono attendere per ogni singolo bambino”.Forse però l’obiettivo che ha maggiormente soddisfatto l’équipe dell’IdO è “l’aver permesso sia ai bambini, che ai genitori – conclude Castelbianco – di vivere i 4 anni di terapia serenamente, evitando un impatto stressante sulla qualità di vita”.

Posted in Cronaca/News, Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

“Si è aperto un nuovo capitolo nella difficile storia della Repubblica Centrafricana”

Posted by fidest press agency su giovedì, 31 marzo 2016

sant'egidio1Così Mauro Garofalo, responsabile delle Relazioni esterne della Comunità di Sant’Egidio, commenta la cerimonia di insediamento di Faustin-Archange Touadéra, conclusasi poco fa a Bangui nello stadio «20.000 Places», lo stesso che ha ospitato la messa conclusiva di papa Francesco durante la sua visita dello scorso novembre.
“All’inizio del suo mandato, auguro pieno successo a Touadéra”, ha dichiarato Garofalo, osservando che “il nuovo Presidente ha sottolineato l’importanza della concordia nazionale e del dialogo tra le varie componenti della società centrafricana”. Secondo Garofalo, “Touadéra, già primo ministro di Bozize, è stata la vera sorpresa del processo elettorale: il largo consenso ricevuto al secondo turno delle elezioni presidenziali è stata espressione della volontà del popolo centrafricano di pacificazione e cambiamento. Una delegazione di Sant’Egidio ha incontrato Touaderà alla vigilia del suo insediamento. Nel ringraziarci per il lavoro svolto sin qui, il Presidente ha delineato le priorità che lo attendono nell’immediato futuro: il disarmo e la smobilitazione dei gruppi armati ancora presenti nel territorio, il dialogo tra le comunità religiose e la ricostruzione dello Stato. Sant’Egidio, impegnata da anni nel processo di pace del Centrafrica, ha espresso a Touadéra la sua disponibilità a sostenere gli sforzi del futuro governo”.

Posted in Estero/world news, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Prima edizione dell’International Inventors Exhibition

Posted by fidest press agency su giovedì, 31 marzo 2016

veneziaRoma giovedì 7 Aprile p.v. alle ore 11.30 nella sede dell’Associazione Stampa Estera, a Roma in via dell’Umiltà 83/c, si terrà la conferenza stampa di presentazione della prima edizione dell’International Inventors Exhibition, che avrà luogo a Venezia, nel prossimo mese di Ottobre. Si tratta del più ampio salone europeo b2b, dedicato agli inventori, cui sono attesi, in 4 giorni, 500 espositori e 30.000 visitatori, soprattutto imprenditori ed investitori da tutto il mondo.La manifestazione, organizzata da “DNest” spin off dell’Università di Verona, ha scelto come sede Venezia, perché “città inventata” per antonomasia e quindi simbolico ponte verso i nuovi scenari dell’innovazione.Alla conferenza stampa è stato invitato il Viceministro all’Economia, Enrico Zanetti.

Posted in Cronaca/News, Roma/about Rome, Uncategorized | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Campagna di Prevenzione e Cura delle Disfunzioni Tiroidee targata Cerifos

Posted by fidest press agency su giovedì, 31 marzo 2016

malattie ipofisarie e tiroideePer tutto il mese di aprile partirà la Campagna di Prevenzione e Cura delle Disfunzioni Tiroidee targata Cerifos. I disturbi legati a un malfunzionamento della tiroide sono subdoli in quanto lanciano scarsi campanelli di allarme, per questo puntare sulla prevenzione è l’arma più efficace per scovarli e gestirli per tempo. «Pelle secca, umore a terra, problemi mestruali e di fertilità, colesterolo alto, affaticamento, spossatezza, sensazione di caldo o freddo eccessivo, ansia, depressione, caduta dei capelli, difficoltà a deglutire, perdita di memoria e chili di troppo, sono tutti sintomi che possono nascondere una patologia della tiroide ma a cui spesso non si fa caso» spiega il dottor Samorindo Peci, endocrinologo e direttore del Cerifos, Centro di Ricerca e Formazione Scientifica milanese. «Le conseguenze sono il ritardo nella diagnosi, e quindi nel trattamento terapeutico, e una gestione della malattia più difficile, con l’aumentato rischio di incorrere in effetti collaterali» spiega il dottor Peci. «Per questo è importante fare una corretta informazione tra il pubblico e promuovere l’importanza della prevenzione, invogliando a rispettare il calendario dei controlli, specialmente se si tratta di donne in età fertile o in corso di gravidanza: periodo durante il quale una corretta funzione tiroidea è importantissima, visto che anche un difetto lieve può creare problemi alla salute della gestante e del nascituro». Il problema è sempre più diffuso. Oggi, infatti, nel nostro Paese le patologie tiroidee colpiscono circa 6 milioni di persone, ma oltre il 50% delle persone che soffrono di disturbi alla tiroide non è consapevole della propria condizione patologica. «In un’ottica di salvaguardia della salute, durante la campagna di prevenzione effettueremo un approccio che prenda in carico il disturbo a tutto tondo, attraverso una visita specialistica, un’ecografia alla tiroide e l’elaborazione di un piano di dieta alimentare personalizzata, adatta a risolvere i problemi che la tiroide comunemente provoca. Come gli ultimi studi confermano, infatti, ottimi risultati nella riduzione del problema, si possono ottenere anche solo grazie ad un’alimentazione corretta».I disturbi nella maggior parte dei casi sono curabili con l’approccio terapeutico giusto e agendo su più livelli, ma sono in aumento anche i casi di tumori alla tiroide. Secondo gli ultimi dati si tratta infatti della patologia neoplastica che ha fatto registrare negli ultimi vent’anni il maggior aumento di casi: il 2% di tutti i tumori e un’incidenza particolarmente alta tra i 25 e i 60 anni (anche se non sono infrequenti casi sia prima dei 20 anni che dopo i 70). Basti sapere che nel decennio 1990-2000 il tumore della tiroide colpiva circa il 3% della popolazione italiana, nel decennio 2000-2010 il 4% e negli ultimi cinque anni si calcola che la percentuale si sia attestata al 5%. «Lo screening serve anche ad escludere la presenza della patologia neoplastica» chiarisce il dottor Peci.

Posted in Cronaca/News, Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Un saggio sull’alimentazione in ostaggio

Posted by fidest press agency su giovedì, 31 marzo 2016

alimentazione in ostaggioUn mercato delle sementi controllato da pochissime multinazionali; carne prodotta in laboratorio con l’ausilio di stampanti 3D; prodotti agricoli irrorati di pesticidi non sempre adeguatamente testati nella loro tossicità; fondazioni, come quella di Bill e Melinda Gates, che finanziano think-tank e organismi governativi i cui interessi nel campo dell’alimentazione sono agli antipodi rispetto agli obiettivi delle loro non-profit. Questi sono alcuni aspetti della dettagliata e documentata analisi del controllo e del potere esercitato dalle multinazionali dell’alimentazione su tutta la filiera produttiva, che José Bové e Gilles Luneau propongono nel loro nuovo e rivoluzionario saggio L’alimentazione in ostaggio. Le mani delle multinazionali su quel che mangiamo (Editrice Missionaria Italiana, prefazione di Carlo Petrini), in libreria da giovedì 31 marzo. L’obiettivo di José Bové, contadino, attivista, ecologista e oggi deputato del Parlamento Europeo nella lista dei Verdi, e di Gilles Luneau, giornalista francese esperto di globalizzazione e di questioni agro-alimentari, è quello di denunciare come, negli ultimi decenni, il capitalismo e il suo spirito di profitto abbiano conquistato anche la società rurale, mettendo le mani sulla produzione agricola e, di fatto, impedendoci di scegliere come e con che cosa alimentarci. Gli Autori illustrano come, in pochi anni, un manipolo di aziende transnazionali siano arrivate ad esercitare un controllo quasi totale sul nostro cibo, fornendo da una parte le sementi da loro selezionate e, dall’altra, i fertilizzanti e i pesticidi chimici necessari a non farle ammalare. «Sementieri con la mano sinistra, chimici con la destra, Basf, Bayer, Dow, Chemical, DuPont, Monsanto, Syngenta si spartiscono i tre quarti del mercato mondiale di pesticidi» denunciano Bové e Luneau. O ancora, l’erosione della biodiversità nel campo dell’allevamento, dove per «guadagnare tempo» si raccolgono ovuli già fecondati da una mucca di ottima razza, per poi impiantarli in venti vacche portatrici per ottenerne una migliore e più selezionata; si acquistano embrioni «a pacchetto» per «generare» greggi di pecore omogenee; si selezionano i puledri delle cavalle da corsa e così via, costringendo i contadini a comprare embrioni pre-confezionati che saranno capaci di resistere al cambiamento climatico, invece che seguire metodi antichi e naturali nel rispetto degli animali stessi e dell’ambiente.Tuttavia, come sottolinea Carlo Petrini nella sua prefazione al volume, la forza de L’alimentazione in ostaggio risiede nella capacità degli autori di «svelare al grande pubblico, sia con i loro scritti che con il loro attivismo, le storture di un sistema alimentare che non funziona e il cui obiettivo, ormai da tempo, non è più “nutrire gli esseri umani” ma è diventato “riempire le tasche di alcuni (molto pochi) di loro”».
Non tutto però è perduto. Bové e Luneau, infatti, danno spazio anche alla speranza, elogiando l’operato dei contadini e di semplici cittadini che, con le loro battaglie, possono rifiutare questi meccanismi di controllo e, attraverso scelte informate e responsabili, diventare consumatori veramente liberi. «Non esiste società senza speranza» rimarcano gli autori. «Le speranze migliori sono quelle che si portano e che vengono condivise. Le nostre – a parte le nostre lotte nel Parlamento europeo, sulla stampa e sul terreno delle nostre vite – le leggiamo nelle iniziative dei contadini e dei cittadini».Ricco di infografiche a colori curate da Hughes Piolet, dati scientifici e curiosità – solo per ricordarne alcuni, si scopre che le mele sono la frutta che contiene il più alto residuo di pesticidi, mentre l’avocado il più basso; o che dal 1903 al 1983 si sono perse circa 461 varietà di insalata, 516 varietà di cavolo e 329 varietà di pomodori; infine, che per produrre 1.000 calorie di carne bovina sono necessari 1642,2 litri di acqua, a confronto dei «soli» 145 litri utilizzati per la carne di pollo, il che rende la carne di mucca quella con la più alta impronta ecologica – il volume è una lettura necessaria per coloro che vogliono riappropriarsi dei loro «piatti» e non sottostare alle logiche di profitto di poche multinazionali. (foto: alimentazione in ostaggio)

Posted in Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Italiani all’estero e il canone Rai

Posted by fidest press agency su giovedì, 31 marzo 2016

Rai: sede di roma“I cittadini residenti all’estero, iscritti negli elenchi dell’A.I.R.E. del Comune italiano di origine o di ultima residenza prima dell’espatrio, sono esonerati dal pagamento del canone Rai”. Così il senatore Aldo Di Biagio (Ap) rispondendo all’interrogativo in merito posto da alcuni italiani all’estero. La Legge 28 dicembre 2015, n. 208 (Legge di stabilità 2016) – spiega – “ha introdotto una modifica secondo cui La detenzione di un apparecchio si presume altresì nel caso in cui esista un’utenza per la fornitura di energia elettrica nel luogo in cui un soggetto ha la sua residenza anagrafica”. A motivo di ciò – prosegue il senatore eletto all’estero – “gli iscritti all’Anagrafe degli Italiani Residenti all’Estero sono esonerati dal pagamento dello stesso, previa comunicazione scritta da inviare all’Agenzia delle Entrate-Direzione provinciale I di Torino -Ufficio territoriale di Torino I -Sportello S.A.T.”. Di Biagio conclude: “L’esenzione ha validità per l’anno in corso. Per il 2016 è ammessa esclusivamente una dichiarazione rilasciata ai sensi del testo unico di cui al decreto del Presidente della Repubblica 28 dicembre 2000, n. 445, la cui mendacia comporta gli effetti, anche penali, di cui all’articolo 76 del medesimo testo”.

Posted in Diritti/Human rights | Leave a Comment »

Consap: approvato il bilancio 2015, +16% utile d’esercizio

Posted by fidest press agency su giovedì, 31 marzo 2016

Il Consiglio di Amministrazione di Consap ha approvato il bilancio relativo all’esercizio 2015 proposto dal presidente e amministratore delegato Mauro Masi. L’utile netto è stato positivo per circa 4,4 milioni di euro (+11% rispetto al 2014, +16% prima delle imposte) il più alto dal 2010. “L’eccellente risultato economico – ha detto Masi in Cda – si è registrato in un esercizio in cui Consap ha pienamente raggiunto tutti gli obiettivi fissati dal Piano Industriale 2015-2017 e dalle direttive del Mef, azionista unico della società”. In particolare, si legge in una nota, è stato raggiunto il pieno equilibrio strutturale tra costi e ricavi tipici e ciò anche grazie agli effetti della cessione, attuata attraverso gara europea aperta, del residuo patrimonio immobiliare rimasto invenduto da oltre un ventennio. Anche nel 2015, prosegue la nota della società,Consap ha acquisito ulteriori nuove funzioni (tra le principali: il ‘Fondo Sace’ finalizzato a rilasciare la garanzia dello Stato a favore di Sace per talune tipologie di rischio; la gestione delle cosiddette ‘Polizze dormienti’) che insieme a quelle già affidate qualificano pienamente la missione dell’azienda come gestore di fondi provenienti sia dal settore pubblico che da quello privato ma comunque volti a soddisfare esigenze di pubblico interesse. “Consap – ha aggiunto Masi – rappresenta uno degli esempi virtuosi del nostro sistema che dimostrano come si possano svolgere con efficacia funzioni pubbliche ed ottenere al tempo stesso eccellenti risultati economici”.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Referendum contro le trivelle del 17 aprile

Posted by fidest press agency su giovedì, 31 marzo 2016

trivelleL’Associazione Turismo & Pesca “Magna Magna Grecia” invita tutti i propri associati, iscritti e simpatizzanti di ogni ordine e grado, a recarsi a votare per il “SI” al referendum del prossimo 17 aprile. E’ in gioco il futuro dell’intero bacino del Mediterraneo, che petrolieri senza scrupoli, assieme ai loro corrotti compari al potere, vogliono affossare trivellando ulteriormente i suoi fondali assieme ai millenni di storia, cultura e civilità che finora ne hanno caratterizzato l’esistenza.
L’Associazione Turismo & Pesca “Magna Magna Grecia”, nata per operare a 360 gradi sulle coste lucane dello Jonio per far “vivere” il nostro mare stupendo e ricchissimo di fauna a turisti, appassionati di pesca sostenibile, ma anche ad associazioni di ragazzi disabili che altrimenti non potrebbero fruire di un servizio utilissimo per i loro deficit psico-motori, si schiera apertamente per far “SI” che il 17 Aprile non passi il disegno criminale perpetrato ai danni del Mare Nostrum.
L’associazione lancia pertanto un invito anche ai famelici magna-magna romani e fiorentini della politica, soprattutto del PD, affinchè si rechino ad osservare da vicino le bellezze paesaggistiche della Spiaggia degli Dei della costa jonico-metapontina.
Saremo ben lieti di ospitarli “gratis” facendoli abbuffare all’inverosimile di una innumerevole quantità di leccornie marinare a base di pesce dello Jonio, abilmente e sapientemente preparate a bordo dai nostri chef.

Posted in Cronaca/News, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Decennale del museo della macchina da scrivere

Posted by fidest press agency su giovedì, 31 marzo 2016

UMBERTO DI DONATOMilano Sabato 2 aprile 2016, alle ore 18.00 via Menabrea 10, Ingresso libero. L’esposizione dei numerosissimi esemplari, prodotti in umberto di donato1tutto il mondo, non è l’unica fonte di attrazione. Il presidente e fondatore Umberto Di Donato, infatti, svolge un’opera di diffusione della storia della scrittura, attraverso convention e incontri, in particolar modo tra le scolaresche. Inoltre, lo stesso si occupa personalmente di organizzare corsi di “scrittura creativa”, “scrittura cuneiforme dei sumeri” e “scrittura geroglifica dei faraoni”, che rappresentano i passaggi obbligati dell’invenzione che ha elevato gli uomini dagli altri esseri viventi.
«Durante il decennio 2006-2016 – spiega Umberto Di Donato – la raccolta è passata da 200 pezzi a oltre 1600, grazie alle molteplici
donazioni ricevute. Gradualmente la collezione si è anche qualificata con l’assortimento delle macchine da scrivere usate da personaggi importanti (uomini politici, scrittori, professori universitari, magistrati, ecc.) ed è divenuta itinerante. I cimeli – continua – vengono mostrati anche fuori sede, rigorosamente a titolo gratuito, valicando i confini regionali d’Italia e le dogane dei paesi stranieri (ad esempio Francia, Germania, Belgio e Svizzera). Durante gli allestimenti vengono altresì organizzati concorsi di dattilografia per giovani, in cui il vincitore viene premiato con una vetusta macchina meccanica, chiaramente ancora funzionante».
Alla cerimonia per il decennale del Museo della macchina da scrivere sarà proiettato un filmato riguardante le sue principali mostre, concorsi ed eventi. L’appuntamento si concluderà con alcune domande emblematiche, quali spunto di riflessione per gli anni a venire: cosa viene proposto di fare per evitare che il patrimonio storico venga disperso? E come si può aiutare Umberto Di Donato a tenere vivo il ricordo del mezzo di scrittura che ha consentito all’uomo di scrivere individualmente con i caratteri mobili inventati verso la metà del ‘400 dal tedesco Johannes Gutenberg? (foto: umberto di donato)

Posted in Uncategorized | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Il popolo dello Yemen vittima delle cluster bombs

Posted by fidest press agency su giovedì, 31 marzo 2016

YemenA pochi giorni dall’XI Giornata Internazionale indetta dalle Nazioni Unite sul problema delle mine e sostegno alla Mine Action[1], l’appello a supporto della popolazione yemenita. Le Nazioni Unite hanno indetto la Giornata Internazionale del 4 aprile, quest’anno dedicata al tema “La Mine Action è azione umanitaria”, per mantenere alta l’attenzione su tutte quelle minacce rappresentate non solo dalle mine ma anche da residuati bellici inesplosi, bombe cluster, ordigni esplosivi improvvisati (IEDs) e armi e munizioni abbandonate non in sicurezza. La presenza, o anche solo il sospetto della presenza, di questi ordigni, impedisce il pieno godimento del diritto alla sicurezza, alla vita ed alla salute delle popolazioni che convivono con situazioni di conflitto, o che le hanno vissute e sono ora a dover affrontare l’eredità lasciata sui loro territori dalle guerre. La Campagna Italiana contro le mine, da diversi anni, dedica un intero mese di sensibilizzazione a questi temi, iniziando dal 1 marzo (anniversario dell’entrata in vigore del Trattato di Ottawa per la messa al bando delle mine) fino al 4 aprile. Quest’anno, il periodo di sensibilizzazione intensiva durerà 60 giorni il focus della sensibilizzazione riguarda sia il conflitto in Yemen, in cui vengono impiegate bombe cluster, sia il disegno di legge sul disinvestment in esame nella commissione Finanze del Senato ed il ruolo dell’Italia nella Mine Action.
Quest’anno dedichiamo questa ricorrenza al conflitto in Yemen[2], in cui da un anno, precisamente dal 26 marzo 2015, la coalizione[3] guidata dall’Arabia Saudita, sta conducendo bombardamenti utilizzando bombe cluster, armi messe al bando dalla Convenzione sulle Munizioni Cluster (CCM) del 2008. Delle vittime registrate nel 2015, il 98% è rappresentato da civili, di cui il 30% da bambini. Gli ordigni ritrovati sul posto, di sei tipi differenti, sono risultati essere prodotti negli Stati Uniti ed in Brasile[4].
In seguito al bombardamento avvenuto l’8 gennaio 2016, in cui sono state impiegate munizioni cluster sulla capitale dello Yemen, Sana’a, il Segretario Generale delle Nazioni Unite Ban Ki-moon, ha dichiarato che “l’uso delle munizioni cluster nelle aree popolate dovrebbe valere come crimine di guerra a causa della loro natura indiscriminata”. “In occasione di questa Giornata ONU dedicata al problema degli ordigni inesplosi, riteniamo doveroso lanciare un appello per l’immediata sospensione di qualsiasi uso di munizioni cluster in Yemen” dichiara Giuseppe Schiavello Direttore della Campagna Italiana contro le mine “Il fatto che i paesi membri della coalizione guidata dall’Arabia Saudita, non siano parte della Convenzione che mette al bando queste armi ci deve far riflettere sull’importanza dell’Universalizzazione di questo Trattato.”

Posted in Estero/world news, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | 1 Comment »

Il disseccamento degli olivi salentini

Posted by fidest press agency su giovedì, 31 marzo 2016

oliviE’ senza più dubbi, colpa della Xylella Fastidiosa. La conferma arriva dall’Autorità europea per la sicurezza alimentare (Efsa), sulla base delle indagini condotte per suo conto dal Centro nazionale delle ricerche (Cnr). Il team di ricercatori del Cnr hanno sottoposto alcune varietà di raccolti al batterio, all’inoculazione diretta o usando insetti come vettori, testando oltre le olive anche uva, limoni, mandorle, ciliege e prugne e alberi come olmo, oleandro e mirto. Secondo le conclusioni di questo studio è il ceppo di Xylella fastidiosa trovato nel Salento a disseccare gli olivi. Lo ha spiegato in una nota Giuseppe Stancanelli, direttore dell’Unità salute di piante e animali dell’Efsa. Le piante di olivo inoculate dai ricercatori con la Xylella, secondo quanto rende noto l’Efsa, hanno presentato gli stessi gravi sintomi di quelle nel Salento, con disseccamento e morte, però è stato confermato che non tutte le varietà reagiscono allo stesso modo. Ad esempio, il batterio sembra richiedere più tempo per colonizzare le varietà di Coratina, Leccino e Frantoio rispetto alla Cellina di Nardò, che è una delle varietà coltivate più comuni della zona contaminata. Secondo i ricercatori occorrono però test su un numero maggiore di varietà per comprendere le diverse risposte fisiologiche dell’olivo all’aggressione del batterio. Gli esperimenti sul campo hanno anche dimostrato che la sputacchina, ampiamente diffusa in Puglia, può trasmettere il batterio a olivi, oleandri e mirto. Al contrario nessuna delle piante di agrumi, vite o lecci sono risultati positivi per Xylella fastidiosa in seguito all’esposizione infettiva o a inoculazioni dirette. Ulteriori prove sono però necessarie per le drupacee come pesco e susino. “I risultati di questo studio,conclude Stancanelli, riducono significativamente le incertezze sui rischi della Xylella nell’Unione europea. Insomma, la Xylella fastidiosa è ormai un problema globale, e non solo rilegato al Salento, rileva Giovanni D’Agata, presidente dello “Sportello dei Diritti”, che evidenzia come sia necessario uno sforzo della comunità scientifica per debellare quella che sta assumendo le dimensioni di una vera e propria pandemia del mondo vegetale. Per tale ragione vi saranno programmi specifici per il controllo di questa malattia nell’ambito del programma di finanziamento comunitario della ricerca Horizon 2020.

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Photius and Company Alcune riflessioni sul nono secolo bizantino

Posted by fidest press agency su giovedì, 31 marzo 2016

museo antichitàIl patriarca Fozio è una delle figure più affascinanti dell’intero millennio bizantino. Uomo di straordinaria cultura, autore di un’opera sterminata, la Biblioteca o Miriobiblos, viene dipinto dalle fonti a lui contemporanee come una sorta di Faust ante litteram, capace di vendere l’anima al diavolo pur di ottenere la sua sterminata dottrina letteraria e filologica.
Protagonista di quell’epoca raffinatissima, il nono secolo, in cui, sotto l’auspicio della incipiente dinastia macedone, il mondo bizantino ritornò a splendere, a pullulare d’oro e di cultura, a dominare, come non accadeva da tempo, nelle lontane terre dell’Italia meridionale. Artefice – biasimato o osannato a seconda delle parti – del duraturo scisma con la Chiesa di Roma. Nell’ambito delle attività svolte dal Museo delle Antiche Genti di Lucania, con il patrocinio del Comune di Vaglio Basilicata e la gentile collaborazione della Delegazione di Matera dell’Associazione Italiana di Cultura Classica, in una tavola rotonda del prossimo 19 marzo, si cercherà di illuminare il quadro storico dell’età del patriarca Fozio o comunque tematiche – letterarie, filologiche o storiche – relative alla prima età macedone. Il titolo – “Photius and Company. Alcune riflessioni sul nono secolo bizantino” -vuole essere allusivo appunto alla sterminata acribia letteraria del patriarca e alla sua Biblioteca, con un richiamo attualizzante al nome di una delle più belle librerie di Parigi, la Shakespeare & Company, fondata nel 1919 da Sylvia Beach, al 37 di Rue de la Bûcherie, vicino Place St.Michel, sulla Rive Gauche, e presto divenuta luogo di incontro e di ritrovo dei più grandi intellettuali in visita alla città. Così, in qualche modo, si può immaginare anche il salotto letterario del dottissimo patriarca bizantino. Una serie di interventi di studiosi e giovanissimi studiosi ci guideranno alla scoperta del circolo erudito di Fozio e del suo tempo di splendore e di scisma. Il prof. Roberto Romano, dell’Università di Napoli “Federico II”, con un intervento sul contributo della Biblioteca di Fozio alla conoscenza della letteratura antica; il prof. Ciro Romano, dell’Università di Napoli “Federico II”, il quale delineerà, con riferimento alla figura di Fozio, il quadro storico e storico-ecclesiastico dell’Europa del nono secolo; la dott.ssa Roberta Berardi, laureata in filologia classica presso l’Università di Bari “Aldo Moro”, con una comunicazione su ricerche in corso a proposito della testimonianza foziana sull’epistolario lisiaco; infine, il dott. Carmelo Nicolò Benvenuto, laureato in storia e filologia bizantina all’Università di Roma “Tor Vergata”, con una comunicazione su ricerche in corso sul corpus innografico ignaziano. (foto: museo antichità)

Posted in recensione | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »