Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 31 n° 321

Archive for 1 aprile 2016

Magnificent Jewels

Posted by fidest press agency su venerdì, 1 aprile 2016

Oppenheimer BlueGeneva – Christie’s is proud to present the Oppenheimer Blue, the largest and finest Fancy Vivid Blue diamond ever offered at auction. Weighing 14.62 carats, this exceptional stone will lead Christie’s auction of Magnificent Jewels, held at the Four Seasons Hotel des Bergues. This exceptional blue diamond, named in honor of its previous owner Sir Philip Oppenheimer, is estimated at US$38-45 million.
‘On May 18th, Christie’s will present the largest and finest Fancy Vivid Blue diamond ever seen. This stunning Fancy Vivid Blue rectangular-cut gem promises to create a media sensation as it travels around the world, fascinating both collectors and gem enthusiasts alike, before it makes its way to the auction block in Geneva.’ (photo: Oppenheimer Blue)

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

SideStepper: Bypassing the iOS Gatekeeper to Attack iPhone and iPad Devices

Posted by fidest press agency su venerdì, 1 aprile 2016

check pointCheck Point will disclose details about SideStepper, a vulnerability that can be used to install malicious enterprise apps on iPhone and iPad devices enrolled with a mobile device management (MDM) solution. The Check Point mobile research team will present details about this vulnerability at Black Hat Asia 2016 in Singapore on April 1, 2016 at 10:15AM local time.
What is SideStepper?
SideStepper is a vulnerability that allows an attacker to circumvent security enhancements in iOS 9 meant to protect users from installing malicious enterprise apps. These enhancements require the user to take several steps in device settings to trust an enterprise developer certificate, making it harder to install a malicious app accidentally.
However, enterprise apps installed using an MDM are exempt from these new security enhancements. An attacker can hijack and imitate trusted MDM commands on an iOS device, including over-the-air installation of apps signed with enterprise developer certificates. This exemption allows an attacker to side-step Apple’s solution meant to thwart installation of malicious enterprise apps.
How are iPhone and iPad devices exposed to this vulnerability?
First, an attacker convinces a user to install a malicious configuration profile on a device by using a phishing attack. This simple and often effective attack method uses messaging platforms like SMS, instant messaging, or email to trick users into clicking a malicious link.Once installed, this malicious profile allows an attacker to stage a Man-in-the-Middle (MitM) attack on the communication between the device and an MDM solution. The attacker can then hijack and imitate MDM commands that iOS trusts, including the ability to install enterprise apps over-the-air.
What iOS devices are at risk?
The vulnerability potentially impacts millions of iPhone or iPad devices enrolled with an MDM solution. The Check Point mobile research team will demonstrate this vulnerability at Black Hat Asia 2016 using an iPhone running iOS 9.2.
How would I know if my iPhone or iPad is under attack?
Without an advanced mobile threat detection and mitigation solution on the iOS device, there is little chance a user would suspect any malicious behavior had taken place. On a managed iOS device commands from an MDM are trusted, and because these commands appear to the user as coming from the MDM that already manages the device, the entire process seems authentic.
What’s the risk if an attacker exploits the vulnerability on my device?
There are a number of MDM commands an attacker could use to exploit the vulnerability ranging from nuisances to data exfiltration. The research team will demonstrate at Black Hat Asia, how an attacker can install malicious apps that may include a broad range of functionalitySince iOS trust these apps, and because the installation process is familiar to the user, infection is seamless and immediate. This vulnerability puts the user, the security of sensitive information on the device, and voice conversations in proximity to the device at significant risk. Malicious apps can be designed to:
Capture screenshots, including screenshots captured inside secure containers
Record keystrokes, exposing login credentials of personal and business apps and sites to theft
Save and send sensitive information like documents and pictures to an attacker’s remote server
Control sensors like the camera and microphone remotely, allowing an attacker to view and capture sounds and images
How can I protect myself from this vulnerability?
Check Point recommends taking several steps to mitigate the risk:
Ask your enterprise to deploy a mobile security solution that detects and stops advanced mobile threats.
Examine carefully any app installation request before accepting it to make sure it’s legitimate.
Contact your mobility, IT, or security team for more information about how it secures managed devices.
Use a personal mobile security solution that monitors your iOS device for any malicious behavior.
Where can I learn more about SideStepper?
The Check Point mobile threat research team has compiled a report that includes a detailed analysis of how attackers can exploit the SideStepper vulnerability on iOS devices. (photo: Check Point)

Posted in Estero/world news, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

The Rocs, a different terrain on each event, but always the same pleasure

Posted by fidest press agency su venerdì, 1 aprile 2016

rocThe Rocs Series kicks-off on 29 April – 1 May at Houffalize in Belgium for the Roc d’Ardenne. The next stop will be at La Clusaz for the Roc des Alpes from 17-19 June. The season wraps up on the legendary tracks of the Roc d’Azur, at Fréjus from 5-9 October. These three rounds will feature all the difficulties mountain bike racing has to offer.
In the Temple of mountain biking that is Houffalize, riders will have to tame the forest tracks that slalom between the trees, moss and valleys that are strewn throughout the race. In the Alpes, long climbs and technical descents will await the competitors. For the season finale, on the Roc d’Azur, participants will have to be sure to avoid the pitfalls posed by the rocky and undulating tracks around Fréjus. With these three dates, all the mountain biking technical and physical pleasures will be on offer to the riders. “The complete season also allows the participants to take a break from their daily routine and explore terrains they are unfamiliar with. And with three dates, there is variety”, explains Event Director, Alexandre Maslin.While the format differs at each round, the DNA is mutual. “In bringing the mountain bikers face to face with the difficulties encompassing all of what makes mountain biking what it is, we want to offer them the pleasure of working on technique or their physical fitness”, adds Alexandre Maslin.
Each of the Rocs is above else a mountain bike celebration to enjoy with one’s family or among friends. With the village as the nerve centre of the event, participants and their companions can try out their future equipment over at the Roc Test Camp. But this is also a chance to spend quality time enjoying outdoor sporting and festive activities, or discover what’s new at the exhibit show. Whether it is on the tracks or the attractions in the village, the Rocs create a mountain biking festival. (photo: roc)

Posted in Estero/world news, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Italiani all’estero: recupero cittadinanza italiana

Posted by fidest press agency su venerdì, 1 aprile 2016

camera deputatiRoma. Ieri, l’On. FitzGerald Nissoli , durante il Question Time a Montecitorio, ha interpellato il Ministro dell’Interno, Angelino Alfano, su come agevolare la possibilità di riacquistare la cittadinanza per coloro che hanno perso lo status di cittadini italiani in seguito ad espatrio. L’on. Nissoli nell’interrogazione, dopo aver rilevato che “si è posta all’attenzione dell’opinione pubblica la situazione dei cittadini italiani, nati in Italia, che hanno perso la cittadinanza in seguito ad espatrio per motivi di lavoro o in seguito a matrimonio” ; aver sottolineato che “a livello internazionale, sul piano giuridico, si assiste ad una graduale accettazione del principio della doppia cittadinanza e della cittadinanza multipla” e che ”la riapertura dei termini per la presentazione della dichiarazione per il riacquisto della cittadinanza italiana, di cui all’articolo 17 della legge 5 febbraio 1992, n. 91, più volte prorogata, non è riuscita a raggiungere buona parte dei cittadini che ne avrebbero fatto richiesta e, tanto meno, coloro che risiedevano in uno Stato dove il possesso della doppia cittadinanza è stato ammesso dopo lo scadere di tale provvedimento”; ha chiesto al Ministro Alfano “quali iniziative di competenza intenda assumere il Ministro interrogato per venire incontro alle esigenze di questi italiani di fatto permettendo loro di riacquistare la cittadinanza italiana”.
Sempre nella stessa direzione l’On. Nissoli, illustrando la sua richiesta, ha voluto lanciare un appello al Ministro in favore degli italiani all’estero : “una attenzione per chi, nato in Italia, da genitori italiani, ed emigrato all’estero ha perduto la cittadinanza. Sono italiani come me e come Lei, magari ex compagni di scuola, alcuni di loro hanno anche fatto il servizio militare in Italia. Signor Ministro, credo che bisogna dare una risposta! Quando vado tra loro percepisco il loro orgoglio ed il loro senso di appartenenza al nostro Paese non è mai venuto meno. Sono italiani nel cuore, bisogna correggere solo il loro status a livello giuridico”.“Allora credo che il Governo debba prendere un impegno serio teso a permettere il riacquisto della cittadinanza a chi l’avesse perduta emigrando – ha detto l’On. Nissoli. E’ un problema che deve essere risolto, mi sembra che la maggioranza in quest’Aula, indipendentemente dal colore politico, sia favorevole a ciò. Dov’è quindi l’ostacolo? La politica deve dare una risposta; è un debito di riconoscenza che va saldato! Signor Ministro, certa della Sua grande sensibilità Le chiedo come pensa di porre fine a questa grande ingiustizia e permettere a questi italiani di fatto di riacquistare la cittadinanza italiana”.
La risposta del Ministro Alfano è stata aperta e positiva ma necessita della valutazione di alcuni profili problematici, vi è la necessità di un approfondimento, poiché ci sono degli ostacoli. Tale ostacoli sono rappresentati dal limite temporale di permanenza all’estero e dalla trasmissione della cittadinanza iure sanguinis che finirebbe per estendere il possesso della cittadinanza anche agli eredi e pertanto la platea sarebbe indeterminata. Infatti coloro che hanno perso la cittadinanza non sono oggetto di censimento da parte delle autorità consolari e non si conoscono, quindi, gli oneri relativi. “C’è la massima attenzione nei confronti dei nostri connazionali all’estero” ha detto il Ministro ricordando che il legame con la madrepatria non si è interrotto e che c’è la massima volontà e disponibilità ad affrontare la questione.L’on. Nissoli, nella replica, ringraziando il Ministro, ha registrato la positiva apertura del Governo ma ha rilevato che non è stato “affrontato il problema, esso rimane irrisolto, mentre basterebbe poco per dare un segnale chiaro di disponibilità a coloro che hanno perduto la cittadinanza, magari solo perché hanno sposato uno straniero. E’ vero che si sono riaperti i termini per la presentazione della domanda per riacquistare la cittadinanza, ma la comunicazione è stata scarsa ed inefficace e non ha raggiunto la maggior parte degli interessati”.“La volontà di affrontare il problema è, comunque, un fatto positivo”, ha concluso la deputata eletta all’estero auspicando “che si pongano in essere al più presto politiche adeguate al problema sollevato e che è molto sentito tra la Comunità italiana all’estero. Io vigilerò che le buoni intenzioni non rimangano nel cassetto”.

Posted in Estero/world news, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Un miliardo di euro le perdite italiane in Ucraina

Posted by fidest press agency su venerdì, 1 aprile 2016

ucrainaA più di due anni di distanza il mio paese vive nelle condizioni dell’aggressione russa. Nel corso di questo tempo la Federazione Russa ha annesso illegalmente la Crimea, ha sostenuto il separatismo armato in Ucraina orientale con finanziamenti, armi pesanti e forze armate, ha smantellato per trafugare nel suo territorio otto grandi stabilimenti industriali dell’Ucraina. Cosa c’entra l’Italia? La comunità imprenditoriale italiana ricorda le perdite nel mercato russo ma tace riguardo al crollo delle esportazioni in Ucraina. Se nell’anno 2013 il totale dell’export italiano in Ucraina era pari a 1 871 milioni di euro, il risultato dell’anno 2015 è ammontato a 904 milioni. Così, l’aggressione russa in Ucraina è costata quasi 1 miliardo di euro per i produttori italiani. Centinaia di piccole e medie imprese, soprattutto dalla parte settentrionale d’Italia, hanno perso i contratti per la fornitura dei suoi prodotti nelle regioni distrutte dai militari russi e, in generale, in Ucraina. Hanno sofferto innanzitutto i produttori di Made in Italy, quelli del famoso 4A dell’eccellenza italiana (abbigliamento-calzature, arredo, apparecchi-macchine, alimentari-vini).
Se invece guardiamo le date di statistica commerciale generale d’Italia, vediamo che le sanzioni imposte alla Russia e dalla Russia non hanno avuto un significativo effetto negativo sull’economia italiana. Anzi, nel 2015, il quarto anno consecutivo, l’Italia ha terminato con la crescita degli indicatori del suo commercio internazionale. L’interscambio dell’Italia con i paesi del mondo nel 2015 è cresciuto del 3,5%. Positivi per l’Italia sono anche altri due parametri economici, l’export totale e il saldo. I ricavi dell’export sono aumentati del 3,8% e il saldo a favore dell’Italia è ammontato а 45,2 mld. di euro, mentre, secondo l’opinione della Banca d’Italia, le perdite annuali del paese direttamente causate dalle sanzioni sono state tuttavia modeste. Così, la riduzione dell’attività commerciale con la Russia è totalmente compensata dalla crescita dei volumi di interscambio con gli altri paesi del mondo.D’altra parte, nel 2015 il commercio con la Russia è sceso anche per quei paesi che non hanno imposto le sanzioni. In Cina, il principale partner commerciale della Russia, le vendite in Russia sono diminuite del 32,4%. Il commercio con la Russia è diminuito anche per Bielorussia, Kazakistan e Armenia che hanno libero accesso al mercato russo nel quadro dell’Unione Eurasiatica.È evidente che le sanzioni contro la Federazione Russa e l’embargo russo non erano i motivi principali del calo delle esportazioni dell’Italia verso la Russia così come per la maggior parte dei paesi dell’UE. I principali fattori che causano una significativa riduzione dei flussi commerciali nella Federazione Russa sono stati le solite debolezze delle economie di materie prime. Nel caso di Russia sono la caduta dei prezzi mondiali del petrolio, una significativa svalutazione del rublo, il calo della capacità di acquisto e la mancanza di riforme dell’economia russa.Tutto questo conferma che hanno luogo le manipolazione dei dati, la replicazione della propaganda russa e gli articoli pubblicati su commissione. Nello stesso tempo in larga parte mancano gli articoli e l’informazione riguardo l’area di libero scambio che funziona tra l’UE e l’Ucraina dal 1 gennaio 2016 e che apre tante opportunità per incrementare l’export e relazioni economiche. Così, dalla data indicata l’Ucraina ha stabilito dei dazi zero per il 70,9% delle merci provenienti dall’UE. I dazi all’importazione medi per i beni europei sono diminuiti al 2,7% (prima dell’entrata in vigore dell’area di libero scambio il tasso medio è stato 4,86%). Al giorno d’oggi il dazio all’importazione pari allo 0% è fissato per tali importanti prodotti dell’export italiano come abbigliamento ed accessori; lavatrici; macchine per lavorazione di vari materiali solidi; attrezzature di stampa; stufe non elettriche per cucinare; plastica e gomma; cosmetici; pasta di grano duro e molti altri. In seguito l’Ucraina ridurrà i dazi all’importazione nei periodi di transizione determinati. Così, in tre anni i dazi saranno ridotti a zero su tali articoli come albumina, polieteri, borse in pelle, caldaie, forni industriali, riscaldatori elettrici ecc. Durante il periodo di 5 anni saranno ridotti i dazi all’importazione di caffè, vino, attrezzature industriali per imballaggio, trattori e altri beni. Considerando tali condizioni, l’Ucraina potrebbe rappresentare nuovo mercato e nuove opportunità per gli imprenditori italiani.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Estero/world news, Uncategorized | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

5G e Industry 4.0 creano nuove opportunità nel mercato globale di test e misure

Posted by fidest press agency su venerdì, 1 aprile 2016

internetL’ubiquità dei dispositivi connessi e la crescente rilevanza di Internet delle cose darà un enorme slancio al mercato dei test e delle misure, in particolare al segmento dei test delle comunicazioni. Uno dei principali fattori trainanti di questo segmento sarà la ricerca e sviluppo nell’ambito delle reti di comunicazione mobile 5G e la loro implementazione entro il 2020. Anche gli eventi sportivi globali, la creazione di città intelligenti e l’impegno verso Industry 4.0 creeranno opportunità per i controlli non distruttivi (NDT) e il monitoraggio delle condizioni.
Una nuova analisi di Frost & Sullivan, intitolata “2025 Vision for the Global Test and Measurement Industry”, (http://www.frost.com/nfea) rileva che i test delle comunicazioni rappresenteranno il segmento più rilevante e in più rapida crescita del settore dei test e delle misure, con entrate che raggiungeranno i 25 miliardi di dollari entro il 2025. Lo studio riguarda i segmenti di mercato relativi a: test elettronici generici, acquisizione dati, test delle comunicazioni, controlli non distruttivi, monitoraggio delle condizioni e metrologia dimensionale.
“Per restare al passo con i mercati degli utenti finali, i produttori di test devono passare a strumenti aggiornabili mediante software, offrire strumenti di analisi predittiva, di analisi dei Big Data e test virtualizzati, e adottare nuovi modelli di business come ad esempio il software come servizio”, afferma Prem Shanmugam, analista di Frost & Sullivan. “Questi miglioramenti li aiuteranno a differenziarsi in un mercato che è sempre più caratterizzato dalla mercificazione dell’hardware e dall’aumento della disponibilità dei dati.” Un altro fattore che farà aumentare la competizione, in particolare nei segmenti dei test delle comunicazioni e dell’elettronica, è il consolidamento del settore dei semiconduttori. Avendo meno clienti, le aziende si indirizzeranno verso i produttori che offrono il maggior valore. Pertanto, le partnership strategiche saranno all’ordine del giorno. Allo stesso tempo, il crollo del prezzo del petrolio avrà diverse implicazioni per il mercato dei controlli non distruttivi, poiché il settore petrolifero ha rappresentato il principale utente dei servizi NDT e di monitoraggio delle condizioni. Nel frattempo, le partnership intercontinentali tra Stati Uniti, Giappone e altri 10 paesi della regione del Pacifico modificheranno le dinamiche di tutti questi paesi nei diversi segmenti di utenti finali. L’aspetto più significativo di tutto ciò è che aprirà il mercato automobilistico e delle parti di ricambio negli Stati Uniti alle esportazioni giapponesi, il che potrebbe creare enormi opportunità per i test nel settore automobilistico giapponese.
“La regione Asia-Pacifico è caratterizzata da una forte crescita in tutti i settori e, nonostante la recente correzione del mercato cinese, continuerà a generare opportunità significative grazie all’apertura di nuovi mercati”, osserva Shanmugam. “Complessivamente, per il mercato globale, gli strumenti modulari, basati su software e pronti per il futuro, i nuovi modelli di business progettati intorno ai servizi di analisi dei dati per ricavare informazioni commerciali dai dati e il software come servizio (SaaS) che riduce i costi legati alla proprietà rappresenteranno la strada da seguire.”
Lo studio “2025 Vision for the Global Test and Measurement Industry” fa parte del programma Test & Measurement Growth Partnership Service. Altri studi di Frost & Sullivan collegati a questo argomento sono: “Global Network Recording Market”, “Global Centralized Radio Access Network (C-RAN) Testing and Monitoring Market”, “Global Mass Spectrometry Market”, “Adapting to the Future of Dimensional Metrology: Evaluating the potential for CT systems” e “Global Fire Safety Services Market”. Tutte le analisi comprese nel servizio in abbonamento forniscono dettagliate opportunità di mercato e tendenze del settore, valutate in seguito ad esaurienti colloqui con gli operatori del mercato.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Malattie reumatiche: Al via “Aprile Mani”

Posted by fidest press agency su venerdì, 1 aprile 2016

Carla Fracci (ph Bruno FARDA)Milano “Aprile Mani” è una campagna di sensibilizzazione che invita l’opinione pubblica a riflettere sulla diffusione e la gravità delle malattie reumatiche e a sostenerne la ricerca. Questo è l’intento di SIR, Società Italiana di Reumatologia, che a partire dal mese di aprile darà il via alla campagna di sensibilizzazione, di conoscenza e di sostegno a FIRA (Fondazione per la Ricerca sull’Artrite), attraverso il contributo del 5×1000. Testimonial d’eccezione Carla Fracci.
Le malattie reumatiche sono patologie croniche invalidanti, considerate dall’Organizzazione Mondiale della Sanità la prima causa di dolore e disabilità in Europa, con conseguenti ricadute sfavorevoli sulla società. Si tratta di oltre 100 tipologie diverse di malattie che, si stima, in Italia riguardino più di 5 milioni di persone, di ogni età, soprattutto donne (circa il 70%). I pazienti interessati da malattie reumatiche vanno incontro a un grave peggioramento della propria qualità di vita e, in molti casi, alla perdita della capacità produttiva. “Si consideri, infatti, che oggi in Italia le patologie reumatiche muscolo-scheletriche rappresentano la causa più comune di invalidità, tra le malattie cronico-degenerative, e che circa il 50% dei pazienti manifesta disabilità mentre l’80% è costretto a convivere con il dolore cronico – dichiara il Prof. Ignazio Olivieri, Presidente SIR – L’impatto sulla qualità di vita è enorme e, in ambito lavorativo, questo si traduce in oltre 22 milioni di giornate di lavoro perse ogni anno, corrispondenti ad un calo di produttività di 2 miliardi e 800 milioni di euro”.
Il reumatologo svolge un ruolo chiave nell’identificazione dei pazienti a rischio e nella decisione della prescrizione di alcuni accertamenti che possono essere essenziali per la diagnosi precoce, per la prognosi e per la cura, evitando eventuali disabilità e problematiche correlate a diagnosi tardiva e terapie non adeguate. Si tratta però di malattie, alcune delle quali a tutt’oggi di origine sconosciuta, sulle quali c’è ancora molto da capire. “In questi decenni, la ricerca scientifica ha condotto a progressi notevoli nella scoperta dei fattori scatenanti alla base di alcune malattie reumatiche, nonché nella cura delle stesse e nella gestione del dolore – afferma il Prof. Carlomaurizio Montecucco, Presidente di FIRA – Come FIRA, Fondazione Italiana per la Ricerca sull’Artrite, da anni siamo impegnati nel sostenere la ricerca medico-scientifica nell’ambito dello studio e della cura di queste patologie”.La Campagna “Aprile Mani”, sarà on air a partire dal mese di aprile con il messaggio di Carla Fracci a sostegno di FIRA e della ricerca per le malattie reumatiche attraverso radio, tv e affissioni nei principali luoghi di passaggio e aggregazione, come le stazioni e le aree metropolitane. “In termini di diffusione e gravità, queste malattie hanno un impatto significativo che la popolazione spesso ignora – conclude Carla Fracci – Sono lieta di affiancare FIRA in questo percorso, poiché ritengo che sia sempre più importante il sostegno che può arrivare da parte di ciascun cittadino che sia sensibile a questi temi e riconosca il contributo fondamentale della scienza.” Nei mesi successivi, la Campagna di sensibilizzazione di SIR e FIRA “Aprile Mani” proseguirà con numerose iniziative rivolte alla cittadinanza, con l’intento di accrescere l’attenzione sull’impatto di queste patologie, sul ruolo del reumatologo per l’attivazione di un adeguato percorso di diagnosi e cura, e sulla ricerca.

Posted in Cronaca/News, Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

La grande musica italiana sbarcherà in Cina

Posted by fidest press agency su venerdì, 1 aprile 2016

dalianDa sabato 2 a domenica 10 aprile 2016 la grande musica italiana sbarcherà in Cina grazie al duo composto da Francesca Dego (violino) e Francesca Leonardi (pianoforte), che si esibirà in sei concerti promossi dal CIDIM – Comitato Nazionale Italiano Musica nell’ambito del progetto “Suono Italiano”, realizzato con il contributo del MiBACT – Direzione Generale per lo Spettacolo dal vivo.
Le esibizioni si terranno sabato 2 aprile ore 19.30 presso il Development Area Grand Theater di Dalian, domenica 3 aprile ore 19.30 sempre a Dalian presso il People’s Theater, lunedì 4 aprile ore 19.30 presso l’Art Center di Liuzho, mercoledì 6 aprile ore 19.30 presso lo Jiangxi Art Center di Nanchang, venerdì 8 aprile ore 19.30 presso Hainan People’s Meeting Hall di Haikou e domenica 10 aprile ore 19.30 presso lo Zhili Grand Theater di Baoding.
Il programma dei concerti vedrà l’esecuzione di Sonata n.5 Op.24 in Fa maggiore “Primavera” (Allegro, Adagio molto espressivo, Scherzo. Allegro molto, Rondò. Allegro ma non troppo) di L. Beethoven, Sonata in Re minore Op.108 (Allegro alla breve, Adagio, Un poco presto con sentimento, Presto agitato) di J. Brahms, 4 Bagatelle Op. 28 di F. Busoni, 3 Capricci di Paganini Op. 40 di K. Szymanowski, Carmen Fantasy di F. Waxman.”Il duo composto da Francesca Dego e Francesca Leonardi – spiega LUCIO FUMO, presidente del CIDIM -, rappresenta una delle eccellenze della musica italiana. Sbarcare in un Paese grande e importante come la Cina grazie al progetto “Suono Italiano” non può che essere per noi un onore e uno sprono a continuare nel nostro lavoro di promozione nel mondo dei migliori talenti musicali del nostro Paese”.

Posted in Estero/world news, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Primi interventi con collagenasi per il trattamento non chirurgico della Malattia di Dupuytren

Posted by fidest press agency su venerdì, 1 aprile 2016

Palermo-Panorama-bjs-2Palermo. Sono partiti da poco più di due settimane, presso il Policlinico universitario Paolo Giaccone di Palermo, i primi interventi con collagenasi di Clostridium histolyticum, il trattamento non chirurgico per la Malattia di Dupuytren. Recentemente sono stati trattati otto pazienti, che si trovavano negli stadi 1 e 2 della malattia, due seguiti in ortopedia e traumatologia e sei in chirurgia plastica e ricostruttiva.
La Malattia di Dupuytren è una patologia a carico della mano, progressivamente invalidante, che colpisce soprattutto gli uomini dai 40 ai 60 anni. È favorita da svariati fattori tra cui il fumo, le malattie metaboliche e determinati lavori manuali, oltre che dalla familiarità genetica. Si manifesta con dei noduli sottocutanei nella fascia palmare ed evolve progressivamente con la comparsa di un cordone fibroso al di sopra dei tendini. La conseguenza è la flessione progressiva di una o più dita, che può portare a una limitazione completa o parziale dell’estensione della mano e, conseguentemente, a un deficit di molte delle più semplici attività quotidiane.
La collagenasi è un enzima che permette, conuna sola iniezione eseguita in ospedale dallo specialista, di rompere il cordone fibroso, ripristinando la normale funzionalità della mano in tempi brevi. Precedentemente, l’unica soluzione era rappresentata dall’intervento chirurgico tradizionale.«Il nostro ospedale è stato il centro di chirurgia della mano pilota in Sicilia per questo nuovo trattamento – spiega il professor Francesco Moschella, direttore dell’U.O. di Chirurgia Plastica e Ricostruttiva del Policlinico P. Giaccone – sia nella fase di sperimentazione della collagenasi, sia in quella di formazione degli specialisti della regione. Siamo stati autorizzati ad utilizzarla circa tre anni fa ma, per problemi a livello regionale, siamo riusciti a partire con i primi trattamenti solo nel 2016. Ora, stiamo cercando di smaltire le liste d’attesa; in queste due settimane abbiamo trattato sei persone che presentavano tutte una corda fibrosa ben definita e una flessione della mano tra i 90 e i 140 gradi».
Presso il Policlinico di Palermo sono circa 180 le diagnosi di Dupuytren ogni anno, mentre sono 300 i pazienti che hanno deciso di recarsi fuori regione per essere trattati con la collagenasi quando ancora non era disponibile in Sicilia. «Tendenzialmente, sono poche le persone che arrivano dallo specialista nello stadio N (nodulare) della malattia, quando non si deve intervenire in alcun modo; solitamente si presentano subito dopo la comparsa del cordone (stadi 1 e 2) – spiega il professor Michele D’Arienzo, direttore della Clinica Ortopedica e Traumatologica del Policlinico P. Giaccone -. Nelle ultime settimane, in ortopedia, abbiamo trattato due pazienti con successo. L’iniezione ha sciolto il cordone e, dopo 24 ore, si è potuto procede all’estensione del dito, esercitando la necessaria moderata trazione sul cordone, che si è rotto definitivamente. Trattandosi di una patologia che può recidivare, non possiamo ancora dire se si ripresenterà ma, nel periodo di sperimentazione, abbiamo registrato ottimi risultati in quasi l’80 per cento dei casi».Il polo palermitano, infatti, è stato tra gli ospedali che hanno partecipato allo studio multicentrico internazionale di sperimentazione del farmaco. Un’analisi che, in Italia, ha interessato in totale 200 pazienti, circa 15/20 casi suddivisi in dieci centri di chirurgia della mano sul territorio nazionale. «Nel 2012 abbiamo pubblicato un manuale sulla chirurgia della mano in cui abbiamo dato ampio spazio anche alla malattia di Dupuytren e alla tecnica della collagenasi – afferma ancora il professor Moschella -. È un farmaco di cui sono entusiasta perché, trattandosi di una tecnica meno invasiva dell’intervento chirurgico, risponde alle nuove esigenze della popolazione. Inoltre, è un trattamento che ha rivoluzionato l’approccio degli specialisti e dei pazienti verso questa malattia. Certamente, anche se ha con un accettabile profilo beneficio-rischio, è importante che il suo impiego sia gestito dagli specialisti in chirurgia della mano che conoscono bene l’anatomia di questo organo».Un trattamento che, sul lungo periodo, potrebbe portare importanti risparmi per le strutture ospedaliere e per il Servizio sanitario regionale. «L’intervento chirurgico, infatti, ha un costo più elevato, basti pensare alla sala operatoria, al personale medico e infermieristico coinvolto e ai numerosi controlli ambulatoriali successivi: la rimozione dei punti, la fisioterapia, ecc. Con la collagenasi, invece, si procede in chirurgia ambulatoriale e, nella maggior parte dei casi, senza la necessità di un percorso di riabilitazione successivo» – conclude il professor D’Arienzo.

Posted in Cronaca/News, Medicina/Medicine/Health/Science, Università/University | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Concorso: 7 BAGS for 7 CITIES

Posted by fidest press agency su venerdì, 1 aprile 2016

versace borsaVersace lancia il concorso 7 Bags for 7 Cities e invita tutti a partecipare alla personalizzazione di sette Palazzo Empire in edizione limitata, che renderanno omaggio a sette selezionate città del mondo. Con questo concorso la Maison mette al centro di tutto il consumatore, rendendolo parte attiva del processo creativo. Chiunque si trovi in una delle sette destinazioni, è invitato a fotografare qualcosa di unico e speciale e caricare la foto su palazzoempire.versace.com.
Versace selezionerà un’immagine iconica per ogni città. Le foto verranno utilizzate per personalizzare una nuova borsa Palazzo Empire, che celebrerà così ogni metropoli. Dieci pezzi di ogni design saranno disponibili nelle boutique Versace di ognuna delle sette città. I vincitori, a Settembre, saranno invitati alla sfilata Versace Donna Primavera Estate 2017 a Milano. Il concorso terminerà il 16 Maggio. (foto: versace borsa)

Posted in Estero/world news, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Chiesi supera il traguardo degli 80 anni e anche nel 2015 conferma la crescita strutturale e di fatturato

Posted by fidest press agency su venerdì, 1 aprile 2016

Duomo_e_Battistero_di_ParmaChiesi Farmaceutici ha chiuso il 2015 con un trend positivo sia in termini di fatturato, che ha raggiunto 1.467 milioni di euro, crescendo di +9,4% rispetto al 2014, sia a livello finanziario con EBITDA pari a 407 milioni di euro (+9% sul 2014). Il fatto che la multinazionale goda di grande salute è dato anche da un’ulteriore crescita degli investimenti in Ricerca e Sviluppo, che hanno raggiunto quota +28,2%, superando il 20% delle vendite totali, passando dai 236 mio del 2014 ai 300 mio del 2015. Il gruppo conta all’attivo 41 progetti di ricerca.Nel 2015 non sono mancati gli investimenti sul territorio italiano, che per il Gruppo restano di primo piano: è stato infatti inaugurato il nuovo impianto produttivo di Curosurf®, nel comprensorio di San Leonardo a Parma, per un investimento di oltre 35 milioni di euro.“A fronte di una storia che ormai ha superato gli 80 anni, abbiamo dimostrato anche quest’anno di poter raggiungere risultati brillanti grazie alla nostra capacità di adattarci ai mutevoli scenari che caratterizzano il nostro settore. – ha commentato Alberto Chiesi, Presidente di Chiesi Farmaceutici S.p.A. – L’expertise di Chiesi nelle aree del respiratorio, dello special care e delle malattia rare sono infatti garanzia di una notevole ricchezza di idee che si concretizza, anno dopo anno, con lo sviluppo di soluzioni innovative, in molti casi uniche, in grado di dare speranza a quei pazienti che, a tutt’oggi, hanno scelte terapeutiche limitate o totalmente assenti.” Conclude Alberto Chiesi “Per quanto riguarda le prospettive 2016, oltre allo sviluppo di farmaci attraverso la propria ricerca pre-clinica e clinica, il Gruppo guarda con interesse a eventuali opportunità di acquisizioni di prodotti biologici con indicazione respiratoria e di special care.”
Tra i prodotti di punta nell’area del respiratorio, in cui Chiesi è key player a livello mondiale, vi sono brand storici che anche quest’anno hanno contribuito a una forte crescita del fatturato: Foster® (beclometasone dipropionato e formoterolo fumarato) ha generato vendite per 492 milioni di euro, con un incremento del 19,7% rispetto all’anno precedente. Curosurf® (poractant alfa), ha superato i 200 milioni di Euro, crescendo del 14,4% rispetto al 2014 e confermando la sua leadership mondiale quale farmaco salvavita, interamente sviluppato e prodotto in Italia, indicato per il trattamento della sindrome da distress respiratorio, una rara malattia che compromette la funzionalità polmonare nei prematuri. Anche Clenil® (beclometasone dipropionato) è cresciuto, generando vendite superiori a 176 milioni di Euro.
La dimensione internazionale del Gruppo è a tutt’oggi confermata dalle vendite internazionali, che nel 2015 hanno generato l’80% del fatturato. Inoltre, i risultati delle operazioni commerciali portate avanti dal gruppo non si sono fatti attendere: a poco più di un anno fa risale l’acquisizione di Cornerstone Therapeutics negli USA, dove i due prodotti usciti dalla ricerca propria, uniti a quelli acquisiti, hanno contribuito a incrementare il fatturato del 16,9% in valuta locale,
Per quanto riguarda l’Europa, le filiali hanno mostrato un incremento complessivo del 5,2% in termini di fatturato. I mercati emergenti, nonostante le oscillazioni valutarie che hanno inevitabilmente condizionato la crescita economica del gruppo, hanno comunque vissuto una crescita ragguardevole: è il caso di Brasile, Turchia, Cina, Pakistan e Messico che sono cresciuti nel complesso dell’11,7% – in valuta locale.
Sono attese per il 2016 due submission all’agenzia Europea di prodotti innovativi afferenti alle aree terapeutiche core del gruppo: nel respiratorio verrà sottoposta al vaglio delle autorità regolatorie la prima tripla associazione per i pazienti con broncopneumopatia cronica ostruttiva (BPCO); nelle malattie rare verrà proposto il dossier di velmanase alfa (Lamazym), enzima ricombinante indicato per l’alfa-mannosidosi, malattia genetica che causa un progressivo deterioramento del sistema nervoso centrale.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Settima Indagine Eurostudent

Posted by fidest press agency su venerdì, 1 aprile 2016

relatoriCamerino Quanto è costata la lunga crisi economica per gli studenti universitari italiani in termini di disagi, di cambiamenti di strategie delle famiglie rispetto all’investimento in istruzione dei figli? Quanto ha inciso per i meno abbienti la contrazione della possibilità di fare un “lavoretto”? E’ anche a questi interrogativi che risponde la Settima Indagine Eurostudent sulle condizioni di vita e di studio degli studenti universitari nel periodo 2012-2015, presentata oggi 31 marzo all’Università di Camerino nell’ambito del convegno organizzato dall’Ateneo dal titolo “#OBIETTIVOSTUDENTI”. Nel corso dell’evento è stato tracciato un focus particolare sulle condizioni di vita e di studio degli studenti universitari negli Atenei delle Regioni Marche, Emilia Romagna, Toscana, Umbria, Abruzzo e Lazio.
“Sono estremamente soddisfatto – ha dichiarato il Rettore Unicam Flavio Corradini – di poter ospitare nel mio Ateneo ospiti così illustri per un dibattito con un focus particolare sugli studenti. L’indagine Eurostudent ci fornisce dati significativi sul nostro sistema universitario e su come esso è percepito dai nostri studenti, con i suoi punti di forza e le sue criticità. Ad esempio, il 72,5% degli studenti proviene da famiglie con genitori non laureati. L’università si conferma quindi come “ascensore sociale”: le famiglie in condizione socio-economica modesta riconoscono il valore dell’investimento nell’istruzione superiore come motore di sviluppo del capitale umano e di mobilità sociale degli studenti”.Si fanno poi i conti con la crisi economica. Il 74% abita con la famiglia di origine ed aumenta il pendolarismo come “strategia di sopravvivenza”. Diminuisce poi del 30% il lavoro degli studenti con conseguente riduzione della capacità di auto-finanziamento e maggiore dipendenza dalle famiglie. Emergono però anche comportamenti virtuosi: l’indagine ha rilevato un aumento del tempo dedicato allo studio, sia alle lezioni che allo studio individuale. “La riduzione del tempo dedicato a lavorare – ha affermato il dott. Giovanni Finocchietti, Direttore dell’Indagine italiana Eurostudent – è stato reinvestita in tempo di studio. E’ come se gli studenti, in particolare i fuori sede, avessero la percezione di maggiori difficoltà e assumessero quindi in prima persona una maggiore responsabilità” L’evento si è aperto con i saluti del Rettore Unicam Flavio Corradini, del Presidente della Conferenza dei Rettori delle Università Italiane (CRUI) Gaetano Manfredi, dell’assessore all’Università, diritto allo studio, istruzione, formazione professionale della Regione Marche Loretta Bravi. Sono seguiti gli interventi di Giovanni Finocchietti, Direttore dell’Indagine italiana Eurostudent, Gaetano Manfredi, Presidente CRUI, Andrea Fiorini, Presidente del Consiglio nazionale degli studenti universitari, Marco Viola, Redattore ROARS (Return On Academic ReSearch), Luigi Bellesi, Ricercatore Censis. A coordinare i lavori la giornalista Fabrizia Flavia Sernia, responsabile Eurostudent dei rapporti con i media. Al termine si è aperto il dibattito con alcuni dei rappresentanti delle Regioni coinvolte, tra cui Patrizio Bianchi, assessore alla formazione professionale, università, ricerca e lavoro.L’Indagine Eurostudent è realizzata in Italia nell’ambito del progetto di indagine comparata europea “Social and economic conditions of student life in Europe”, condotta da un gruppo di oltre trenta paesi partecipanti allo Spazio europeo dell’istruzione superiore.L’obiettivo generale del progetto è quello di rendere disponibili dati quantitativi e indicazioni valutative utili alla definizione delle politiche europee e nazionali per la costruzione ed il rafforzamento dello Spazio europeo dell’istruzione superiore. Al termine dell’incontro è stato consegnato il premio “F.I.R.S.T. in Unicam 2015 – First in Innovation and Results of Studying and Teaching”, riconoscimento attribuito dal Presidio Qualità di Ateneo al Corso di Laurea Unicam che si è particolarmente distinto per l’accuratezza della progettazione e per i risultati ottenuti nelle attività formative nel corso dell’anno 2015. Quest’anno il premio è andato al corso di laurea magistrale a ciclo unico in Chimica e Tecnologia Farmaceutiche della Scuola di Scienze del Farmaco e dei prodotti della salute. (foto: relatori)

Posted in Cronaca/News, Università/University | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Il Gruppo Cedacri continua a crescere e a investire nel rinnovamento delle piattaforme e nella qualità del servizio

Posted by fidest press agency su venerdì, 1 aprile 2016

Duomo_e_Battistero_di_ParmaCollecchio (Parma), 30 marzo 2016 – Cedacri S.p.A., società leader in Italia per lo sviluppo di soluzioni in outsourcing rivolte agli istituti bancari, assicurativi e alle società di servizi, annuncia l’approvazione del bilancio di esercizio della Società e del bilancio consolidato di Gruppo per il 2015. In fase di completamento il Piano Industriale 2016-2018.Cedacri S.p.A. ha chiuso l’esercizio fiscale 2015 con un fatturato di 209,3 Mln di Euro (+1,31% rispetto all’anno precedente). L’EBITDA si è attestato a 35 Mln di Euro (+5,84% rispetto al 2014), mentre l’utile netto è stato di 12,6 Mln di Euro (+3,28% rispetto al 2014).Il bilancio consolidato del Gruppo riporta un valore della produzione pari a 256,7 Mln di Euro (+0,47%), mentre l’EBITDA è stato di 44,8 Mln di Euro (+4,92%). In forte aumento l’utile netto che si è attestato sui 16,4 Mln di Euro, in crescita del 28,13% rispetto all’anno precedente.Anche nel 2015 Cedacri ha confermato il significativo impegno sul fronte degli investimenti in ricerca e sviluppo: la società ha investito, infatti, oltre 33 Mln di Euro nell’innovazione dei sistemi, delle applicazioni e delle tecnologie messe al servizio di oltre 100 clienti.“Siamo molto soddisfatti dei risultati ottenuti nel 2015, che presentano valori assoluti di grande rilievo e confermano il trend di crescita del Gruppo, in particolare dell’utile netto che è aumentato di oltre il 28%”, commenta Renato Dalla Riva, Presidente di Cedacri. “Per il futuro siamo orientati a offrire sempre maggior valore alla nostra clientela. In questa direzione si inserisce anche il nuovo Piano Industriale di Gruppo, in fase di completamento, che prevede ulteriori cospicui investimenti nei prossimi tre anni per il rinnovo delle piattaforme applicative, la compliance normativa e il continuo miglioramento del servizio offerto ai clienti.”
“I risultati 2015 premiano l’impegno costante dell’azienda nel miglioramento della qualità del servizio e gli importanti investimenti nelle nuove tecnologie e nell’evoluzione dei sistemi che Cedacri ha perseguito con determinazione negli ultimi anni”, commenta Salvatore Stefanelli, Direttore Generale di Cedacri. “Anche il 2016 è iniziato nel migliore dei modi, con riscontri particolarmente positivi sul fronte commerciale grazie all’acquisizione di importanti clienti del mondo bancario, ai quali Cedacri continuerà a fornire soluzioni innovative per sostenerli nell’evoluzione dei loro modelli di business. Multicanalità, efficientamento dei processi e Big Data sono i principali ambiti di investimento per i prossimi anni, insieme a un importante progetto di rinnovamento dei principali sistemi di Core banking”.
Il Gruppo Cedacri, focalizzato sullo sviluppo di soluzioni di outsourcing, occupa una posizione di leadership nel mercato garantita da più di 150 clienti tra banche, istituzioni finanziarie e aziende industriali, alle quali è in grado di fornire una gamma completa e integrata di servizi: full outsourcing, facility management, system integration e business process outsourcing. Con 50 milioni di transazioni gestite giornalmente, 33.000 utenti utilizzatori del sistema, 30.000 Mips di potenza elaborativa mainframe e 4.000 server, i data center di Cedacri si collocano ai primi posti tra i data center italiani. Il fatturato consolidato 2015 si è attestato sui 256,7 Mln di euro. Cedacri è certificata ISO 9001: 2008, ISO/IEC 27001: 2014, ISO/IEC 20001-1: 2011 e ISAE 3402 Type Two. http://www.cedacri.it

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

SACE, miglior società di Export Credit in Europa e Medio Oriente

Posted by fidest press agency su venerdì, 1 aprile 2016

saceBasato su un sondaggio annuale tra i 16 mila lettori della rivista specializzata in trade & export finance, tra cui banche, imprese e studi legali, oltre che sul giudizio di una giuria tecnica nominata da Trade Finance, il premio rappresenta un importante riconoscimento delle attività di SACE nel credito all’esportazione, nel trade finance e nel project finance, a fianco sia di grandi corporate sia di PMI, con particolare riferimento alle due macro-aree geografiche, che valgono rispettivamente 17,5 e 4,7 miliardi di euro nel portafoglio di esportazioni assicurate e investimenti garantiti di SACE. Un primato che trova conferma anche nella performance realizzata da SACE nel 2015, in cui le nuove garanzie deliberate, pari a circa 9,7 miliardi di euro, hanno riguardato principalmente l’Unione Europea (33%) e il Medio Oriente e Nord Africa (27,7%).
Quest’ultima Regione resta in prospettiva una delle aree a maggior potenziale per gli esportatori italiani e SACE. Nonostante l’elevata instabilità che la contraddistingue e le sfide poste dal calo del prezzo delle materie prime, l’area continuerà a rappresentare un importante bacino di riferimento per export e investimenti in diversi comparti industriali e dei beni di consumo italiani. SACE ha aperto un nuovo ufficio a Dubai, punto di riferimento per tutte le imprese interessante a operare nella Regione, e riserva particolare attenzione all’Iran, dove l’evoluzione dell’impianto sanzionatorio internazionale sta consentendo un progressivo ritorno agli scambi commerciali e una maggiore capacità di attrarre investimenti esteri.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Esce il 1° aprile 2016 “Azel”

Posted by fidest press agency su venerdì, 1 aprile 2016

bombinoE’ il terzo album in studio della stella del desert blues Bombino. Reduce dallo straordinario successo mondiale del precedente album “Nomad” e del relativo tour – oltre 70 date solo in Italia fino ad arrivare al grande bagno di folla della Notte della Taranta – il cantante e chitarrista del Niger ritorna con 10 nuovi brani (più 3 bonus tracks) che segnano un’ulteriore evoluzione musicale e stilistica. Un feeling particolare quello con l’Italia, tanto da conquistare anche Jovanotti che affascinato dalla sua musica e dalla sua storia lo ha chiamato a collaborare nella canzone “Si alza il vento” contenuta nel recente album “Lorenzo 2015 cc”.
Annunciate le prime date del tour italiano: Il 14 maggio Bombino presenterà “Azel” alla Stazione Leopolda di Firenze per Fabbrica Europa per proseguire poi a Milano il 25 maggio al circolo Magnolia, l’11 giugno al Biografilm Festival di Bologna, l’1 luglio all’Anfiteatro del Venda di Galzignano (PD) per il Just Like Heaven Festival, il 14 agosto a Berchidda (OT) per Time in Jazz e il 16 agosto a Sassari, sempre nell’ambito di Time in Jazz.Registrato lo scorso autunno a Woodstock – cosa non priva di significato per un artista che considera Jimi Hendrix e Carlos Santana due delle sue maggiori fonti di ispirazione – nello Applehead Studio per la Partisan Records, sotto la guida di Dave Longstreth dei Dirty Projectors (che prende il posto di Dan Auerbach dei Black Keys, produttore/mentore di “Nomad”) e mixato da David Wrench (per quattro volte vincitore del premio “produttore dell’anno” della BBC e già al lavoro con FKA Twigs, Caribou, Jungle, Charlie XX), “Azel” è anticipato dal singolo “Inar”.Il tocco “occidentale” di Longstreth e la voce di “Mahassa” Walet Amoumene, cantante del gruppo Tuareg tutto al femminile Tartit e ospite del disco, danno nuova profondità alla musica di Bombino e la avvolgono di calore e colore, perfetto contraltare alla sua anima inquieta e ai suoi testi malinconici.Stella del desert blues, Bombino è nato e cresciuto in Niger, ad Agadez, nel nord dell’Africa, nella tribù dei Tuareg Ifoghas, che lotta da secoli contro il colonialismo e l’imposizione dell’Islam più severo.Nella sua lingua nativa, il Tamasheq, la parola Azel ha diversi significati: oltre ad essere il nome di un piccolo villaggio del Niger cui Bombino è particolarmente legato, significa soprattutto radici e, al tempo stesso, rami di un albero. Ancoraggio alla Storia e sviluppo verso nuove direzioni future.Bombino suona in modo solare e colorato, sì, ma canta la sua nostalgia del deserto e la preoccupazione per un’identità minacciata che, tuttavia, per non estinguersi, deve comunque fare i conti con il mondo contemporaneo.Bombino sarà in Europa e in Italia con il suo nuovo live da maggio ad agosto, con la promessa di replicare lo straordinario successo ottenuto 2 anni or sono con “Nomad”.
Attualmente è impegnato in un lungo tour negli Stati Uniti che finora lo ha visto trionfare in diversi club, festival e teatri come il celebre Apollo Theatre di New York, è stato tra i 10 artisti consigliati da Billboard all’SXSW di Austin dove si è esibito lo scorso 17 e 18 marzo ottenendo uno strabiliante successo di pubblico e critica.
Prima del 2009 Bombino era poco conosciuto al di fuori dell’Africa sahariana: il suo nome si poteva leggere sulle audio-cassette disponibili in quella regione e la sua musica si poteva ascoltare durante le collaborazioni con band locali. Negli ultimi anni ha iniziato ad avere un seguito più ampio. Ha riempito venue in Europa e negli Stati Uniti. Si è guadagnato le lodi di numerosi media, da Pitchfork a Fresh Air di NPR, il cui critico Milo Miles lo ha definito “un giovane performer con un carisma e un’ immaginazione tali da diventare la prima star tuareg”. Nato e cresciuto in Niger, nella città di Agadez, Bombino fa parte della tribù tuareg, una popolazione nomade che discende dai Berberi del Nordafrica. (foto: bombino)

Posted in Cronaca/News, Recensioni/Reviews, Uncategorized | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Check Point svela SideStepper, vulnerabilità di iOS

Posted by fidest press agency su venerdì, 1 aprile 2016

singapore-marinaIl team mobile research di Check Point Software Technologies, azienda specializzata in cybersicurezza, annuncia di avere scoperto una nuova vulnerabilità, SideStepper, in grado di introdursi nel sistema iOS sfruttando le soluzioni MDM (mobile device management), che rappresentano un accesso privilegiato, perché non sono compresi nell’aggiornamento di sicurezza di iOS9. L’annuncio è in corso di diffusione in questo momento alla conferenza Black Hat Asia 2016, Singapore. SideStepper è una vulnerabilità che permette agli hacker di scavalcare gli aggiornamenti di sicurezza di iOS9 introdotti per tutelare gli utenti dall’installare app aziendali malevole. Questi miglioramenti richiedono all’utente di compiere diverse fasi nelle impostazioni del dispositivo per accettare il permesso di uno sviluppatore, rendendo così più difficile l’installazione casuale di un’app malevola. Tuttavia, le app aziendali installate attraverso gli MDM sono escluse da questi nuovi aggiornamenti di sicurezza. Un hacker potrebbe eseguire un hijack oppure imitare i comandi di un MDM accettato su un dispositivo iOS, inclusa l’installazione di app firmate con i permessi di uno sviluppatore, in modalità OTA. Questa esclusione permette a un hacker di saltare la soluzione di Apple creata per limitare l’installazione di app aziendali malevole.Per prima cosa, un hacker convince l’utente a installare un profilo di configurazione malevolo su un dispositivo, sfruttando un attacco di phishing attraverso un SMS, una chat o una mail contenente un link malevolo. Una volta installato, questo profilo malevolo consente di sferrare un attacco man-in-the-middle nella comunicazione tra il dispositivo e la soluzione MDM. In seguito, l’hacker potrà così eseguire l’hijack e imitare i comandi MDM accettati da iOS, con l’eventualità di installare app aziendali in OTA.

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »