Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 31 n° 301

Archive for 4 aprile 2016

Tavola rotonda: “giornalismo e politica, politica e giornalismo: il dilemma infinito”

Posted by fidest press agency su lunedì, 4 aprile 2016

Portrait of Antonio TajaniPerugia 8 aprile 2016 – 12.00-13.00 Teatro della Sapienza – Via della Sapienza 6, Tavola rotonda: “giornalismo e politica, politica e giornalismo: il dilemma infinito”. I due Vice presidenti italiani del Parlamento europeo, onorevoli Antonio Tajani e David Sassoli, e l’onorevole Silvia Costa, Presidente della commissione Cultura e istruzione del Parlamento europeo hanno un “passato” che li accomuna: sono stati tutti e tre giornalisti.
Qual è stato il percorso che li ha portati dal giornalismo alla politica? Quali le sfide, le opportunità, le peculiarità, le problematiche, le incompatibilità in questa transizione? Trattasi di un percorso senza ritorno oppure i ripensamenti sono sempre possibili nella vita? Quali le difficoltà e le particolarità, per politici e giornalisti, nel vivere e lavorare a Bruxelles, capitale dell’Unione Europea, in un periodo così difficile e cruciale per l’Europa?
Nella tavola rotonda si discuterà di tutti questi aspetti e di altri legati a due mondi così lontani e allo stesso tempo così vicini come quello del giornalismo e della politica. Modererà il dibattito Jaume Duch Guillot, Direttore per i media e portavoce del Parlamento europeo.

Posted in Cronaca/News, Spazio aperto/open space, Uncategorized | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Libro: “Monnezza di stato – le terre dei fuochi nell’Italia dei Veleni”

Posted by fidest press agency su lunedì, 4 aprile 2016

antonio giordanoMilano martedì 5 aprile alle ore 18.30 al Circolo della Stampa di Milano (Corso Venezia 48) presentazione del libro “Monnezza di stato – le terre dei fuochi nell’Italia dei Veleni” di Antonio Giordano e Paolo Chiariello. Due giornate di incontri dedicate agli studenti, alla stampa e alla cittadinanza lombarda (a Milano e Gallarate) con il Professor Antonio Giordano, oncologo, genetista, ricercatore e scrittore. Ambiente e salute, valore della ricerca, effetti dell’inquinamento saranno i temi affrontati dal Professor Giordano, Presidente di Sbarro Institute for Cancer Research and Molecular Medicine e del Centro di Biotecnologie dellaTemple University di Philadelphia, attualmente impegnato nel rendere noto il collegamento tra l’ambiente inquinato dai rifiuti tossici e l’aumento dei rischi tumorali e, quindi, a diffondere i dati delle sue ricerche anche nelle scuole.
Antonio Giordano il 6 aprile sarà a Gallarate, ore 10.00 al Teatro Condominio Via del Teatro 5 e nel pomeriggio al Ridotto del Teatro Condominio alle ore 18.30 per il libro Monnezza di Stato e l’Italia dei veleni in un incontro dibattito aperto alla città.
Antonio Giordano, scienziato e scrittore con Paolo Chiariello di Sky tg24, giornalista e scrittore, curatore di inchieste e reportage, che si è aggiudicato vari premi, affronterà le tematiche collegate a questa emergenza che appartiene a tutti noi.Divulgare la conoscenza dell’inquinamento ambientale e creare la coscienza dei pericoli insiti nei veleni che ci circondano fa parte della mission di Giordano che intende anche sottolineare l’importanza della ricerca in un momento storico di cambiamento e di salute a rischio.
Antonio Giordano è un oncologo, patologo, genetista, ricercatore, professore universitario e scrittore italiano, naturalizzato statunitense Ha fondato Sbarro Institute for Cancer Research and Molecular Medicine ed il Centro di Biotecnologie, della Temple University di Philadelphia dopo essere stato ricercatore nel campo della genetica oncologica nel Cold Spring Harbor Laboratory sotto la direzione del premio Nobel James D. Watson. Lo stesso premio Nobel lo indirizzò alla ricerca genetica.
Attualmente impegnato nel rendere noto il collegamento tra l’ambiente inquinato dai rifiuti tossici e l’aumento dei rischi tumurali. Considerati i dati drammatici di cui siamo passivi spettatori e che ogni giorno siamo costretti ad assorbire impotenti, il Professore Antonio Giordano è determinato a diffondere i dati delle sue ricerche anche nelle scuole e parlare agli studenti per consegnare una coscienza dello stato attuale dell’ambiente nonché dell’importanza della ricerca.Da anni sostiene che i giovani necessitano di una formazione internazionale. A questo scopo con la SHRO ha pensato a delle borse di studio che sostengano un periodo del loro percorso culturale e che li avvicinino allo studio delle scienze”.“Il focus – ha continuato lo scienziato italo-americano “ è caratterizzato da una particolare attenzione ai fattori ambientali che portano alla diffusione di molte patologie tra cui in primis quelle tumorali”.
Ricordiamo che Antonio Giordano che ha scoperto alcuni meccanismi fondamentali per la regolazione del ciclo cellulare ed ha isolato il gene oncosoppressore RB2, è autore di molti testi scientifici e divulgativi.(foto: antonio giordano)

Posted in Cronaca/News, Uncategorized | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Le chiavi del paradiso

Posted by fidest press agency su lunedì, 4 aprile 2016

Chiesa_di_S.Maria_della_PaceRoma giovedì 14 aprile 2016 presso la Chiesa Santa Maria della Pace, nei pressi di Piazza Navona alle ore 17,00 Claudio Strinati e Francesco Prosperetti presenteranno il libro L. Cappelletti – S. Benedetti, Le chiavi del Paradiso. Primato petrino e devozione mariana di Sisto IV tra Cappella Sistina e S. Maria della Pace, Istituto Nazionale di Studi Romani, Roma 2015.
Mentre alla Pinacoteca di Brera di Milano è in corso la mostra Primo dialogo, Raffaello e Perugino attorno a due Sposalizi della Vergine che accosta le due opere del maestro e dell’allievo, Lorenzo Cappelletti offre uno studio sulla Consegna delle chiavi, ossia il celebre affresco dipinto dal Pinturicchio nella Cappella Sistina.
Proprio a quest’ultima opera si ispirò il Perugino nella raffigurazione delle nozze della Vergine commissionatagli per il Duomo di Perugia offrendo a sua volta un modello a Raffaello per la raffigurazione del medesimo soggetto.Ora l’aspetto caratterizzante che si trasmette a cascata tra i tre celebri pittori è – come affermano i curatori della mostra milanese – “l’ambientazione della scena su una piazza in esterno, l’imponente edificio religioso sullo sfondo a pianta circolare e la prospettiva centrale”.Cappelletti nel suo studio pubblicato nel volume Le chiavi del Paradiso. Primato petrino e devozione mariana di Sisto IV tra Cappella Sistina e S. Maria della Pace (Istituto Nazionale di Studi Romani, Roma 2015) con prove documentarie e analisi precise identifica – in un modo che può essere considerato irrefutabile – nell’edificio raffigurato sullo sfondo alla Consegna delle chiavi nientemeno che la Chiesa di Santa Maria della Pace in Roma.Essa fu fatta edificare dal papa francescano Sisto IV, già Ministro generale dei frati Minori, nel 1482 per ricordare il miracolo secondo cui l’immagine della vergine avrebbe sanguinato e come voto per la scongiurata guerra temuta a seguito della “congiura dei Pazzi” a Firenze. Ora è lo stesso Sisto IV che fece lavorare il Pinturicchio nella Cappella Sistina, che ampliò la Chiesa di Santa Maria della Pace in Roma e che intervenne destinando definitivamente a Perugia l’anello in calcedonio che secondo la tradizione fu quello dato da san Giuseppe a Maria nel momento del loro sposalizio e in onore del quale al Perugino fu commissionatoLo sposalizio della Vergine, tema ripreso dal Raffaello. (fonte: https://it.zenit.org/articles/nuove-scoperte-nella-cappella-sistina/)

Posted in Cronaca/News, Recensioni/Reviews, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Dadaclub.online Monthly Feature

Posted by fidest press agency su lunedì, 4 aprile 2016

ubermorgenUBERMORGEN: ALANNAH. On February 5, the Link Art Center launched Dadaclub.online, an online archive and creative platform meant to celebrate the dada legacy in the centenary of dada’s birth, that took place in Zurich on February 5, 1916. Dadaclub.online is a place for ongoing experimentation and the creative reuse of digital copies of original dada artworks. The website offers, in public domain, high quality digital copies and some 3D models of a selection of dada artworks. Everybody is invited to browse the archive, download their favorite items, use them in their own work, and submit the output to be displayed in our online gallery.
April 2016 Dadaclub.online Monthly Feature is Alannah, by Austrian artist duo UBERMORGEN. “UBERMORGEN downloaded the work Alannah by Paul Citroën (1931, Silver gelatin print and ink drawing, 24 x 18 cm) as high-resolution file from dadaclub.online. The portrait then underwent spacious and deep reconstructive surgery. This image can withstand inverted doubt and it can overcome its monochrome existence and serve again as prodigy of traditional photography. The work is a negative affirmation and a pointcast reflection on the necessity of a new dada-like movement in our current neo-biedermeier post-internet art-world saturated with glowing superficiality and on the imminent downfall of existing markets and channels.”
UBERMORGEN – lizvlx (AT, born January 30, 1973) and Hans Bernhard (CH/USA, born July 23, 1971) – are European artists who work in installation, video, code and performance. They are doing strange things with software & hardware. Their early work is referred to as ‘Media Hacking’ and ‘Online Performance’, combining various forms of digital media into artistic action. In 2000, they created Vote-Auction, a vote-selling/buying online platform and were described by CNN as ‘maverick Austrian business people’. The New York Times called their 2005 Google Will Eat Itself project ‘simply brilliant. Their main influences are Rammstein, Samantha Fox, Guns N’ Roses & Duran Duran, Pfizer’s Olanzapine & Hoffmann’s LSD, Lindt’s Dark Chocolate & Kentucky Fried Chicken’s Coconut Shrimps Deluxe. (foto: ubermorgen)

Posted in Estero/world news, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

ONU: diritto alla conoscenza e universalità dei diritti umani

Posted by fidest press agency su lunedì, 4 aprile 2016

Altare della patria (3)Roma Il 7 aprile, alle ore 15.00, a Palazzetto Venezia Piazza San Marco 51, Presentazione di “SOS stato di diritto” e della risoluzione ONU. Sposare la causa dello stato di diritto non vuol dire fermarsi solo ad un’operazione giuridica, bensì agire anche per la salvaguardia delle connesse libertà. Daqui, la discussione sullo stato di diritto non può prescindere da quella sul “diritto alla conoscenza” che, dopo il “diritto alla verità”, consiste nel diritto di conoscere in quale modo e per quale motivo i governi prendono determinate decisioni che influiscono sui diritti umani, sulle libertà civili e sulle scelte di politica internazionale.E’ il filo conduttore della nuova campagna promossa da Marco Pannella con il Partito Radicale Nonviolento Transnazionale e Transpartito, in collaborazione con la Società Italiana per l’Organizzazione Internazionale (SIOI), l’Istituto Affari Internazionali (IAI) ed il Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale. Insieme avvieranno un percorso graduale all’ONU che culmini con una risoluzione in Assemblea Generale che riconosca a livello internazionale la codificazione del diritto umano universale alla conoscenza.“SOS stato di diritto”: la presentazione della risoluzione si terrà giovedì 7 aprile, alle ore 15.00, presso la SIOI – Associazione Italiana delle Nazioni Unite,dove interverranno – tra gli altri – il presidente della SIOI Franco Frattini, il viceministro agli Affari Esteri e alla Cooperazione Internazionale Vincenzo Amendola, Giulio Terzi presidente del “Global Commitee for the Rule of Law”, il consigliere scientifico dello IAI Natalino Ronzitti, e Elisabetta Zamparutti, membro del Comitato del Consiglio d’Europa per la Prevenzione della Tortura. Sarà inoltre presente all’incontro Matteo Angioli, membro del Consiglio generale del Partito Radicale e di “Non c’è Pace Senza Giustizia”, curatore del volume degli atti della Conferenza “Universalità dei Diritti Umani per la transizione verso lo Stato di Diritto e l’affermazione del diritto alla conoscenza”.

Posted in Cronaca/News, Roma/about Rome, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Soundreef viene riconosciuta ufficialmente dall’Intellectual Property Office del Regno Unito come Independent Management Entity (IME)

Posted by fidest press agency su lunedì, 4 aprile 2016

londonLondra. E’ del 18 marzo scorso la lettera ricevuta da Soundreef per mano dell’Intellectual Property Office del Regno Unito. Recapitata negli uffici londinesi di Hackney dove Soundreef Ltd ha sede, la comunicazione sostiene: “We have identified your organisation as an Independent Management Entity (IME) defined by the Directive and as such subject to the relevant provisions of the Regulations which will implement the Directive in the UK”.La comunicazione giunge al termine dell’iter di recepimento in UK della Direttiva Barnier (2014/26/UE), nel corso del quale Soundreef, tra le altre organizzazioni di gestione collettiva con sede nel Regno Unito, era stata consultata dall’IPO con un questionario tecnico finalizzato ad avere un quadro generale della situazione attuale.“Oggi a quanto ne sappiamo siamo la prima IME riconosciuta in Europa.”, commenta Francesco Danieli amministratore delegato di Soundreef Ltd.
Come previsto dalla Direttiva e nel pieno rispetto dei tempi entro cui sarebbe dovuta essere accolta dagli Stati membri, il Governo Inglese riconosce come Collecting Society oltre che le Collective Management Organization (CMO), anche le Independent Management Entity (IME). In quest’ottica a Soundreef viene riconosciuto a pieno titolo un ruolo nell’ambito della gestione del diritto d’autore in Europa.Come afferma lo stesso Davide d’Atri, Amministratore Delegato di Soundreef S.p.A. società che controlla interamente Soundreef Ltd: “E’ una grande soddisfazione. Volevamo una Collecting Society che potesse operare in tutta Europa e che avesse come valori principali: a) pagare tutti, piccoli e grandi, nella stessa maniera ed in maniera analitica, b) essere veloce nei rendiconti e nei pagamenti, c) essere veramente trasparente.”“Ci auguriamo che l’iter di recepimento della Direttiva si concluda presto anche in Italia.” aggiunge Marco Piana, Presidente di Soundreef S.p.A, società che controlla interamente Soundreef Ltd.
Soundreef Ltd è una società costituita nel Regno Unito nel 2011, interamente controllata dalla società Soundreef S.p.A.
Soundreef Ltd autorizza le imprese ad utilizzare e diffondere musica in esercizi commerciali ed eventi live e raccoglie e distribuisce compensi per conto di autori, editori, etichette discografiche e artisti. Soundreef è un Ente di Gestione Indipendente (Independent Management Entity (IME) secondo la Direttiva EU 2014/26/EU) riconosciuta dal “Intellectual Property Office” del Regno Unito che offre servizi alternativi a quelli delle tradizionali società di gestione collettiva dei diritti d’autore come SGAE, GEMA, SIAE and SACEM. Soundreef amministra e raccoglie compensi su oltre 150.000 brani utilizzati da un network sempre crescente di decine di migliaia di utenti business in Italia e nel mondo.Soundreef S.p.A. sviluppa il Saas a disposizione di Soundreef Ltd e di altri gestori di diritti con l’obiettivo di permettere ai propri clienti di: tracciare le utilizzazioni, rendicontare i compensi al 100% in maniera analitica e pagare velocemente gli aventi diritto. Soundreef S.p.A. è finanziata dalle società di investimento VAM Investments S.p.A. e LVenture Group S.p.A.

Posted in Estero/world news, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Primo anniversario della strage di Garissa

Posted by fidest press agency su lunedì, 4 aprile 2016

Martin Musonde KivuvaIn un’intervista esclusiva ad Aiuto alla Chiesa che Soffre, l’arcivescovo di Mombasa, monsignor Martin Musonde Kivuva, torna con la mente al 2 aprile 2015, giorno in cui un commando di uomini armati appartenenti al gruppo terroristico al-Shabab, hanno fatto irruzione al Garissa University College. I fondamentalisti hanno preso in ostaggio oltre 700 studenti, dividendoli tra musulmani e cristiani sulla base della loro capacità di rispondere ad alcune domante relative alla religione islamica. Secondo quanto riportato da testimoni, i musulmani sono stati liberati mentre i cristiani uccisi.
In questo primo tragico anniversario molte in Kenya le iniziative a memoria dei giovani assassinati. Nell’arcidiocesi di Mombasa, di cui la diocesi di Garissa è suffraganea, oggi si terrà un momento di preghiera. «Dal momento che lo scorso anno la strage è avvenuta nel Giovedì Santo – aggiunge il presule – abbiamo tuttavia voluto ricordarli già durante la Settimana Santa e soprattutto nel corso della Via Crucis, assieme ad altre vittime del terrorismo, tra cui le quattro religiose uccise in Yemen il mese scorso».
I leader di tutte le religioni si sono inoltre recentemente incontrati «per ribadire insieme il nostro no al terrorismo e affermare a voce alta che fatti come quello avvenuto all’University College non devono accadere».
Monsignor Kivuva riferisce ad ACS come dall’attacco di Garissa ad oggi siano state rafforzate le misure di sicurezza delle chiese ma anche di scuole ed università. «Al momento la situazione sembra tranquilla, ma non si possono escludere nuovi attacchi. Una nota sicuramente positiva è però la maggiore consapevolezza dei kenioti in merito al pericolo del terrorismo. Molte famiglie oggi sono attente a che i propri figli non frequentino le aree a forte presenza di estremisti». Il presule sottolinea infatti come a causa della mancanza di lavoro, educazione e prospettive, i giovani kenioti siano facilmente reclutati previo compenso da al-Shabab.
«Una delle migliori strade per permettere ai ragazzi di rimanere sulla retta via è quella di offrire loro formazione ed opportunità lavorative. E poi educazione, educazione, educazione. È la prima cosa di cui il nostro paese ha bisogno per andare avanti». (foto:Martin Musonde Kivuva)

Posted in Cronaca/News, Estero/world news, Uncategorized | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Le nuove Vie della Seta e l’Italia

Posted by fidest press agency su lunedì, 4 aprile 2016

torinoTorino lunedì 4 aprile, alle ore 11, presso la Fondazione CRT, in via XX Settembre 31 a Torino, al convegno “Le nuove Vie della Seta e l’Italia. Interpretare le sinergie con la Cina di domani”, dedicato alla fase attuale di particolare dinamismo nei rapporti sino-italiani interverrà l’Ambasciatore della Repubblica Popolare Cinese in Italia, Li Ruiyu. L’evento è organizzato dalla Fondazione CRT con il Centro TOChina del Dipartimento di Culture, Politica e Società dell’Università di Torino, all’indomani del 45° anniversario delle relazioni diplomatiche Italia-Cina, e in vista dell’approvazione del 13° Piano Quinquennale da parte dell’Assemblea Nazionale del Popolo a Pechino. Insieme all’Ambasciatore Li, interverranno il Segretario Generale della Fondazione CRT Massimo Lapucci, il Presidente Romano Prodi, il Presidente e COO della multinazionale Lenovo Gianfranco Lanci, il Coordinatore del Sistema TOChina Giovanni Andornino, il Rettore dell’Università di Torino Gianmaria Ajani.

Posted in Cronaca/News, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Presentazione dell’Osservatorio AIBE 2016

Posted by fidest press agency su lunedì, 4 aprile 2016

milanodavedereMilano Lunedì 4 aprile 2016, alle ore 10.30, Via Carlo Bo, 1 si terrà in IULM la presentazione dell’Osservatorio AIBE 2016 (Associazione fra le Banche Estere in Italia), indagine che accende i riflettori su un tema di grande interesse: quali sono i punti di forza e di debolezza dell’Italia che misurano il grado di attrattività del nostro Paese agli occhi degli investitori internazionali? L’incontro sarà introdotto dal Professor Angelo Miglietta (Prorettore Università IULM) e vedrà la partecipazione dell’On. Enrico Morando, Viceministro all’Economia.
Al dibattito interverranno: Dott. Guido Rosa (Presidente AIBE); Dott.ssa Arabella Caporello (Former Vice President Investindustrial); Professor Giorgio Bertinetti (Ordinario di Finanza Aziendale Università Cà Foscari di Venezia); Professor Emanuele Carluccio (Ordinario Economia degli Intermediari Finanziari Università di Verona). L’Osservatorio AIBE 2016, realizzato con la collaborazione del CENSIS, ha come obiettivo quello di fornire un autorevole indice di immediata misurabilità dell’attrattività dell’Italia nel mondo e un luogo di costante confronto e aggiornamento per valutare dinamiche e prospettive. L’Osservatorio, in collaborazione con ISPO Ricerche, ha infatti condotto un’indagine qualitativa sul grado di percezione dell’Italia presso importanti operatori internazionali con attese di investimenti di medio e lungo periodo.

Posted in Cronaca/News, Economia/Economy/finance/business/technology, Università/University | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Governo: trivelle e conflitto d’interessi

Posted by fidest press agency su lunedì, 4 aprile 2016

trivelle“La recente vicenda che ha condotto alle dimissioni del ministro Guidi pone una volta di più al centro del dibattito politico il tema del conflitto d’interessi, ma anche la più complessa responsabilità dell’esecutivo in materia di etica pubblica. Le contraddizioni ci sono e sono molte, anche se si è inclini a prenderne atto solo quando esplodono in modo vistoso e mediaticamente rilevante. Il governo in questa occasione ha perso una parte significativa della sua credibilità e non a caso i due ministri Guidi e Boschi sono affiancate nella ipotesi di sfiducia; nessuna di loro è indagata, ma su entrambe c’è l’ombra, e nel caso della Guidi qualcosa di più di un’ombra, di aver voluto favorire la propria famiglia. Il compagno, il padre. Eppure mentre ci si rende conto che trasparenza e meritocrazia debbono spingersi fino alle estreme circostanze, soprattutto quando il ruolo che si occupa è particolarmente prestigioso, ci si rende anche conto che la filiera dei nodi decisionali a cui si partecipa in virtù del proprio compito andrebbe valutata a priori, evitando di esporre le persone a prendere decisioni in cui potrebbero essere così direttamente coinvolte. Chi governa i processi ad un livello ancora più alto dovrebbe prevedere il rischio ed evitare il coinvolgimento delle persone in decisioni in cui potrebbero essere anche solo sfiorate dal dubbio di anteporre interessi di parte ad interessi generali.”Lo afferma l’onorevole Paola Binetti di Area popolare (Ncd-Udc), che continua: “Che la Guidi e la Boschi siano tra i migliori ministri di questo governo è fuori di dubbio, così come era assolutamente fuori di dubbio la competenza del ministro Lupi e la sua intrinseca onestà nella gestione delle riforme che riguardavano il campo delle infrastrutture oltre che dei trasporti. Eppure il governo, questo governo, che intende essere il governo delle riforme e del rilancio del paese, si trova invischiato in questioni di etica pubblica che avrebbero potuto essere previste e gestite diversamente. Le dimissioni dell’uno o dell’altro forse erano necessarie, ma certamente non sono sufficienti a rilanciare il governo su di un piano in cui si giocano riforme strategiche, viziate dal sospetto del conflitto di interessi. Il Presidente Renzi sta affrontando molte riforme, forse troppe, in ambiti diversissimi tra di loro, che vanno dalla legge elettorale, al passaggio ad un modello che non ha più nulla del bicamerale perfetto, nel campo delle unioni civili, del lavoro, della scuola, della salute. Forse è venuto il momento di rivedere tutti questi cambiamenti assumendo un punto di vista unitario, tanto semplice quanto fondamentale: quali vantaggi per il paese, quali bisogni sono oggi soddisfatti più e meglio di ieri, quale prospettiva si spalanca per il prossimo futuro. Ma soprattutto il Paese è migliore anche sotto il profilo etico? È convinto che valga la pena essere tutti un po’ più onesti, un po’ più trasparenti, un po’ più meritocratici? Su queste domande il premier si gioca la partita del prossimi referendum”, conclude la Binetti.

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »