Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 31 n° 321

Archive for 7 aprile 2016

Turchia HomeOf è sponsor ufficiale della Roma Fun Run

Posted by fidest press agency su giovedì, 7 aprile 2016

istanbul marathonRoma domenica 10 aprile 2016 in occasione dell 22. Maratona di Roma di quattro chilometri.
Dal 7 al 9 aprile la Turchia avrà un suo stand al Marathon Village (Palazzo dei Congressi, EUR) e parteciperà alla Roma Fun Run, la cosiddetta “Stracittadina”, indossando la T-Shirt ” Turchia HomeOf “www.maratonadiroma.it
Sarà l’occasione per promuovere le bellezze artistiche, storiche e paesaggistiche del Paese e per lanciare la 38. Maratona di Istanbul, che si svolgerà domenica 13 novembre 2016 e che è l’unica maratona al mondo a svolgersi a cavallo tra due continenti, Asia ed Europa http://www.istanbulmarathon.org (foto: istanbul marathon)

Posted in Cronaca/News, Roma/about Rome, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

“Don’t close borders in response to terrorism”, says WTTC CEO

Posted by fidest press agency su giovedì, 7 aprile 2016

tourism_travel_world_map_-_magicwall.ca“Closing borders and jeopardising the freedom to travel is not the answer to the current security concerns. World leaders need to stand together and act now, with the support of the Travel & Tourism sector.”That was the message from David Scowsill, President & CEO, World Travel & Tourism Council (WTTC) at the start of the organisation’s annual Global Summit, in Dallas, Texas.Scowsill told the assembled private and public sector delegates that: “The combination of global terrorism and an international refugee crisis is creating an unprecedented threat, but closing our borders and jeopardising our freedom to travel is not the solution. We have to prevent an overreaction from governments.”“We live in an ever-connected world, brought closer by technology, multi-platform media, binding trade agreements and the sheer speed of travel. That same connectivity sees us witnessing the migration of peoples, on a scale not seen for decades. Navigating our way through and beyond the complexities of mass migration, embracing the possibilities while acknowledging the concerns, will be the urgent task of our global leaders now and in the future”, he said.In calling on world leaders to “prevent an overreaction from governments” he said the critical question is to understand “how can we keep our borders safe, while keeping those same borders open to business travellers and tourists?”He reminded delegates of the impact of the US border tightening after the 11 September 2001 attacks, which led to a ‘lost decade’ of tourism income that cost the United States some $600 billion.
WTTC advocates improving international intelligence and security agency cooperation, better use of technology, and better communication as ways of combatting the problem. Such action will take global agreements and a commitment to sharing data – something which can only happen with concerted international effort. “World leaders need to stand up together and to act now. And it is our role as Travel & Tourism leaders to make that happen”, he said.The economic contribution of Travel & Tourism is clear. Globally, the Travel & Tourism sector contributes $7.2 trillion annually, almost 10% of the world’s GDP, and supports one in eleven of all jobs on the planet, an exceptionally resilient performance despite many challenges.Scowsill also highlighted how the sector is force for good in the world: “Travel and Tourism brings people together. It puts a smile on people’s faces. It alleviates poverty. It provides employment across all levels of society, and in some of the most remote places on earth. It broadens horizons and breaks boundaries.”
The World Travel & Tourism Council is the global authority on the economic and social contribution of Travel & Tourism. It promotes sustainable growth for the sector, working with governments and international institutions to create jobs, to drive exports and to generate prosperity. For 25 years, WTTC has been the voice of this industry globally. Members are the Chairs, Presidents and Chief Executives of the world’s leading, private sector Travel & Tourism businesses.The sector is a key driver for investment and economic growth globally. In 2015, Travel & Tourism will contribute US$7.2 trillion or 9.8% of global GDP, once all direct, indirect and induced impacts are taken into account. The sector will account for 284 million jobs, 9.5% of total employment, or one in eleven of all jobs on the planet.WTTC’s annual Global Summit brings together over 800 delegates to discuss the opportunities, challenges and issues facing the industry, while its Tourism for Tomorrow Awards recognise the industry’s power to be a positive force in sustainability.

Posted in Estero/world news, Viaggia/travel | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Dublin revision: Civil Liberties MEPs call for ambitious reform and centralised asylum system

Posted by fidest press agency su giovedì, 7 aprile 2016

dublinoAn upcoming proposal to reform the Dublin system must be ambitious and replace the current rules with a common distribution system for all EU member states to ensure fair and smooth processing of asylum claims, Parliament’s lead MEP on Dublin and Civil Liberties Committee Chair say.Welcoming today’s communication on migration from the European Commission on a revision of the Dublin regulation (which determines the member state responsible for processing an asylum application, MEP Cecilia Wikström (ALDE, SE) who will lead Parliament’s work on the legislative proposal, said:”Europe has recently witnessed an irresponsible race to the bottom among the member states that must be stopped. I hope that the European Commission dares to put forward a far-reaching proposal well in line with the view that the European Parliament adopted recently with a very large majority.A new EU Asylum system should be developed, based on a fair sharing of responsibility between Member States. The country of first arrival criteria should be removed from the Dublin regulation and replaced with a fair and mandatory distribution mechanism between Member States, using a formula based on population, wealth and reception capabilities”, she added. Civil Liberties Committee Chair Claude Moraes (S&D, UK) stated:”The revision of the Dublin regulation will be a key step to ensuring a compassionate and organised response to the biggest refugee crisis in Europe since the Second World War. With this in mind, it is key that the EU has in place an asylum system that is centred on the principle of solidarity and responsibility sharing between Member States as highlighted in Parliament’s recent proposals for a holistic approach to migration.The Civil Liberties Committee stands ready to work to improve the EU’s asylum system in order to ensure that it takes into account particular migratory pressures faced by Members States on the periphery”, ends Moraes.

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Paris Roubaix Challenge: ride with emotion on the legendary cobblestones

Posted by fidest press agency su giovedì, 7 aprile 2016

Pedro DelgadoParis Roubaix Saturday 9 April 2016. Before Peter Sagan and Fabian Cancellera take centre stage on Sunday, Paris-Roubaix legend and its cobblestone sectors will welcome the thousands of riders participating in Paris-Roubaix Challenge. This year, the amateurs will be spoiled with the presence of a world-class forerunner, 1988 Tour de France champion Pedro Delgado, who will ride on the roads of a race he never actually competed on during his career. The extraordinary cyclosportive that is the Paris-Roubaix Challenge will be held on Saturday 9 April (the day prior to the 114th edition of the “Reine des Classiques” and offers savvy weekend riders three courses on the same roads as the professionals.
Paris-Roubaix Challenge is an exceptional event that offers thousands of cycling enthusiasts the chance to be a part of the legend. The participants will line up at the start line of one of three courses of the 2016 edition to experience up close the Reine des Classiques that has stirred the world of cycling since 1896. They will also have the opportunity to ride alongside 1988 Tour de France winner, Pedro Delgado and share a very rare emotional moment in riding on the legendary cobblestone sectors of Trouée d’Arenberg and Carrefour de l’Arbre. Their rides will end on the famous Roubaix velodrome that each year crowns the victor of the professional race.
Three courses on the programme of the Paris-Roubaix Challenge 2016:
· a 70km course (Roubaix – Roubaix), including a timed cobblestone sector (Carrefour de l’Arbre)
· a 145 km course (Roubaix – Roubaix) with two timed cobblestone sectors (Trouée d’Arenberg and Carrefour de l’Arbre)
· a 172 km course (Busigny – Roubaix) with three timed cobblestone sectors (Quiévy à Saint-Python, Trouée d’Arenberg and Carrefour de l’Arbre) (photo: Pedro Delgado)

Posted in Estero/world news, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

How to Protect Your Child’s Safety Online

Posted by fidest press agency su giovedì, 7 aprile 2016

cybercrimeNowadays kids start using Internet at a very young age, but many are not yet equipped to understand the dangers of revealing too much information online. They are very quick and eager to use Internet-enabled devices, but lack the obvious know-how about online privacy and security, and are often eager to overshare. For example, Symantec, an online security company conducted a study in Singapore, which suggested that more than 1 million people in the country were victims to online crime last year. 20 percent of them said that it was their children who had downloaded a virus or malicious software to the parent¹s or family computer.Another danger is targeted attacks on children by cyberthieves, who pry on young netizens because their identities can be easily manipulated. Criminals, for example, can combine a child¹s Social Security number with a fake date of birth and address to open bank accounts, get credit cards or loans.As children grow, they learn the safe procedures of using the Internet and sharing information on social media. However, the time before this learning curve is the most dangerous ­ and it¹s when parents and educators could step in and offer guidance.
NordVPN is the world’s most advanced VPN service provider that is more security oriented than most VPN services. It offers double VPN encryption, anti DDoS & Tor Over VPN. It has just launched a new NordVPN Mac and Android apps that provide a unique algorithm, allowing to automatically connect to the fastest server. The product is very user friendly, offers one of the best prices on the market, has over 500 servers worldwide and is P2P friendly. One of the key features of NordVPN is zero log policy.

Posted in Estero/world news, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Expert comment on Chinese export growth and increase in bank lending

Posted by fidest press agency su giovedì, 7 aprile 2016

Kamel Mellahi, of Warwick_Business_School_Scarman_road_view, is a Professor of Strategic Management and researches business in China.Professor Kamel Mellahi said: “It looks like the pulse of the Chinese economy is quickening. Both manufacturing and service sectors are expanding, and there is renewed signs of life in the property sector.”But the economy is not rebounding for everybody. This is a two-track economy. The chasm dividing the old manufacturing sector and the new service sector is going to get bigger. There has been a lot of pressure on unemployment in the old manufacturing sectors where there is an overcapacity problem, such as steel and coal. Millions of people are being laid off. The recent data suggests that the service and manufacturing sectors are not absorbing enough people to offset the restructuring in the old manufacturing sector. “Most indicators suggest that the economy is heading in the right direction, but it’s too early to say whether the economy is entering a sustainable U-turn and a major rebound is around the corner. At this stage, most of the indicators are mere anecdotal evidence that a potential economic upturn is on the horizon.”The better than expected performance does not look sustainable, as the positive indicators can easily be wiped out. There are still plenty of concerns about the Chinese economy, but the recent data suggests a hard landing is unlikely.”

Posted in Estero/world news, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

LIBE meeting 7 April – Brussels attacks/EU-Turkey deal on migration/sale of citizenship/drugs/Rule of Law

Posted by fidest press agency su giovedì, 7 aprile 2016

bruxelles (1) Thursday 7 April 2016, 9.00 – 12.30 and 14.00 – 17.00 – Room József Antall (JAN) 4Q1. Follow-up to the extraordinary meeting of EU Ministers of Justice and Home Affairs of Thursday 24 March 2016 after the terrorist attacks in Brussels on 22 March (9.00 – 9.15).Joint debate on the main challenges the EU and Turkey are facing in the field of migration (9.15 – 10.45). MEPs will discuss, among other topics: Next operational steps in EU-Turkey cooperation in the field of migration.
Turkey Joint Action Plan – Third implementation report.
Progress by Turkey in fulfilling the requirements of its visa liberalisation roadmap.
Exchange of information on third country nationals and European Criminal Records Information System (ECRIS) – Consideration of draft report – rapporteur Timothy Kirkhope (ECR, UK). (12.00-12.30) Sale of citizenship in EU Member States and allegations of corruption in the issuing of residence permits and Visas from member state consulates and embassies in third countries and the security implications for the EU – Exchange of views with the Commission. (16.00 – 17.00)
Provisional measures in the area of international protection for the benefit of Sweden regarding the emergency relocation decisions from Italy and Greece – rapporteur Ska Keller (Greens, DE). (11.30 – 12.00) The internet and drug markets – presentation by Mr Alexis Goosdeel, Director of the European Monitoring Centre for Drugs and Drug Addiction (EMCDDA), and by Europol. (14.00 – 15.00)
An EU mechanism on democracy, the rule of law and fundamental rights – Presentation of an assessment by the European Parliament Research Service and two research papers by Dr Petra Bárd (Central European University, Budapest), and Professor Laurent Pech (Middlesex University, London). (15.00 – 16.00)

Posted in Estero/world news, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Sicurezza: l’UE potenzia la risposta alle minacce ibride

Posted by fidest press agency su giovedì, 7 aprile 2016

commissione europeaBruxelles. La Commissione europea e l’Alta rappresentante hanno adottato oggi un quadro congiunto per contrastare le minacce ibride e rafforzare la resilienza dell’UE, degli Stati membri e dei paesi partner, intensificando nel contempo la cooperazione con la NATO per reagire a tali minacce. Negli ultimi anni l’UE e i suoi Stati membri si sono trovati sempre più esposti a minacce ibride che comprendono azioni ostili volte a destabilizzare una regione o uno Stato. La Commissione europea e l’Alta rappresentante hanno adottato oggi un quadro congiunto per contrastare le minacce ibride e rafforzare la resilienza dell’UE, degli Stati membri e dei paesi partner, intensificando nel contempo la cooperazione con la NATO per reagire a tali minacce. “Negli ultimi anni le condizioni di sicurezza sono radicalmente cambiate. Abbiamo assistito all’incremento delle minacce ibride alle frontiere dell’UE e l’Unione è stata invitata con fermezza ad adeguare e migliorare le proprie capacità di garante della sicurezza. La sicurezza interna e quella esterna devono essere collegate meglio tra loro. Con queste nuove proposte vogliamo migliorare la nostra capacità di reagire alle minacce ibride. In quest’ambito intensificheremo altresì la cooperazione e il coordinamento con la NATO”, ha dichiarato l’Alta rappresentante dell’Unione per gli affari esteri e la politica di sicurezza Federica Mogherini.
Dal canto suo, Elżbieta Bieńkowska, Commissaria responsabile per il Mercato interno, l’industria, l’imprenditoria e le PMI, ha dichiarato: “L’UE deve trasformarsi in garante della sicurezza, capace di adeguarsi all’evoluzione delle minacce in atto, di anticiparle e di reagirvi. Ciò significa rafforzare la nostra resilienza e la nostra sicurezza dall’interno, potenziando nel contempo la nostra capacità di contrastare le nuove minacce esterne. Nell’ambito del quadro proposto agiremo insieme per reagire alle minacce ibride comuni. Presentiamo proposte concrete per l’Unione e per gli Stati membri al fine di intensificare la cooperazione in materia di sicurezza e difesa, migliorare la resilienza, far fronte alle vulnerabilità strategiche ed elaborare una risposta coordinata”.
Il quadro congiunto offre un’impostazione globale per migliorare la risposta comune alle sfide che le minacce ibride costituiscono per gli Stati membri, i cittadini e la sicurezza collettiva dell’Europa. Esso riunisce tutti i soggetti, le politiche e gli strumenti pertinenti sia per contrastare che per attenuare l’impatto di dette minacce in modo più coordinato. In particolare, si fonda sull’agenda europea sulla sicurezza adottata dalla Commissione nell’aprile 2015, nonché su strategie settoriali quali la strategia dell’UE per la cibersicurezza, la strategia di sicurezza energetica e la strategia per la sicurezza marittima dell’Unione europea.
Il quadro congiunto riunisce le politiche esistenti e propone ventidue azioni operative volte a:
far opera di sensibilizzazione mediante la creazione di appositi meccanismi per lo scambio di informazioni tra gli Stati membri e il coordinamento delle azioni dell’UE in materia di comunicazione strategica;
potenziare la resilienza concentrandosi su settori strategici e cruciali potenzialmente interessati quali la sicurezza informatica, le infrastrutture critiche (energia, trasporti, spazio), la protezione del sistema finanziario, la tutela della salute pubblica, nonché sostenendo le iniziative tese a contrastare l’estremismo violento e la radicalizzazione;
prevenire e affrontare le crisi e contribuire alla ripresa definendo procedure efficaci da seguire, ma anche esaminando l’applicabilità e le implicazioni pratiche della clausola di solidarietà (articolo 222 del TFUE) e della clausola in materia di difesa reciproca (articolo 42, paragrafo 7, del TUE) in caso di un grave attacco ibrido di vaste proporzioni;
intensificare la cooperazione tra l’UE e la NATO, nonché con altre organizzazioni partner, nell’ambito di un impegno comune inteso a contrastare le minacce ibride, pur rispettando i principi di inclusione e di autonomia del processo decisionale di ciascuna organizzazione.Il quadro è concepito per fornire agli Stati membri un solido fondamento, corredato di un’ampia gamma di strumenti e di iniziative dell’UE, che consenta loro di reagire collettivamente alle minacce ibride sfruttando appieno il potenziale dei trattati.
Contesto
Per “minacce ibride” si intende una serie di attività che spesso combinano metodi convenzionali e non convenzionali e che possono essere realizzate in modo coordinato da soggetti statali e non statali pur senza oltrepassare la soglia di guerra formalmente dichiarata. Il loro obiettivo non consiste soltanto nel provocare danni diretti e nello sfruttare le vulnerabilità, ma anche nel destabilizzare le società e creare ambiguità per ostacolare il processo decisionale.

Posted in Estero/world news, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

“Gli interventi delle Banche Centrali”

Posted by fidest press agency su giovedì, 7 aprile 2016

Banca europea per gli investimentiA cura di Yuchen Xia, Portfolio Manager in MoneyFarm. Dopo circa 10 anni durate i quali le banche centrali hanno operato per rimediare alla crisi finanziari che ha colpito l’economia globale, la fede degli investitori nell’efficace dei loro interventi ha iniziato a svanire negli ultimi anni. Il QE, i bassi tassi d’interesse, la strategia di comunicazione pubblica etc non sono stati risolutivi e gli investitori temono che banche centrali abbiano giocato tutte le carte in loro possesso per aiutare la crescita globale e generare inflazione. Inoltre, la lenta crescita economica, la mancata spinta inflazionista e i fattori di rischio esterni hanno portato i policymakers a rimanere sulla difensiva, come dimostrato in particolare nei primi mesi del 2016. Nell’ultimo periodo, come sintetizzato nella tabella sottostante, abbiamo assistito a diverse operazioni da parte delle banche centrali. Prime fra tutte, la Banca Centrale Europea (BCE) e la Bank of Japan (BoJ) si sono mostrate le più determinate nella lotta contro la deflazione e la stagnazione economica.
Il pacchetto di misure previste dalla BCE include un ulteriore taglio dei tassi d’interesse, una estensione del QE non solo nell’ammontare di titoli comprati ma anche nella tipologia di titoli comprati (oltre a titoli governativi, ora anche alcuni titoli obbligazionari societari potranno essere comprati) e di conseguenza un incoraggiamento verso la maggiore circolazione di denaro, spingendo le banche all’erogazione di nuovi prestiti.
Anche negli Stati Uniti, dove la situazione economica appare più solida, non mancano le preoccupazioni per una crescita globale lenta, come dimostrato della FED e della sua decisione di tenere invariati i tassi di interesse.
Emergono quindi temi comuni alle banche centrali globali accomunate dalla risoluzione delle medesime problematiche.
L’intervento delle banche centrali, nonostante sia la dimostrazione di un sostegno necessario ad un’economia che fatica a crescere, ha rinvigorito la fiducia degli investitori e influenzato i mercati. La volatilità sui mercati azionari e di credito negli ultimi anni è stata molto correlata con il tono usato dalle banche centrali. Un esempio recente è l’intervento a marzo della BCE, che annunciando l’espansione del suo piano di acquisto ha avuto un impatto enorme sul mercato delle obbligazioni societarie.
È importante sottolineare come anche la cosiddetta forward guidance (la strategia di comunicazione pubblica) sia a tutti gli effetti uno strumento di politica monetaria, tramite la quale una banca centrale regole le attese degli operatori economici. L’annuncio della BCE di nuove politiche hanno fatto, come è normale aspettarsi, indebolire l’Euro, che poi si è rafforzato in seguito alle parole di Draghi sul fatto che ulteriori tagli non saranno necessari. Le aspettative di tassi non in diminuzione hanno pesato più delle effettive politiche dispiegate.Si era osservata una reazione simile alle scelte della Boj di implementare tassi di interesse negativi, che contrariamente alle attese ha portato a un rafforzamento dello Yen.
Una chiara evidenza dei limiti delle politiche monetarie in atto che tuttavia, stanno sostenendo i mercati e la loro ripresa, dopo un inizio anno difficile.
Alcuni economisti non mancano di rimarcare il fatto che in fondo l’intervento della Bce è solo un palliativo, un modo per temporeggiare in mancanza di riforme strutturali efficaci. La ripresa economica non potrà che passare per i governi e il loro operato, meglio ancora se prima che l’effetto “palliativo” possa svanire.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Estero/world news, Uncategorized | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Giornata di studio sull’economia sociale di mercato

Posted by fidest press agency su giovedì, 7 aprile 2016

DSCN0967Roma Giovedì 14 aprile 2016 dalle ore 10 alle ore 18 presso l’Istituto Italiano di Studi Germanici Villa Sciarra-Wurts sul Gianicolo Via Calandrelli, 25 / Viale delle Mura Gianicolensi, 11 avrà luogo una giornata di studio sulla Economia sociale di mercato. Alla manifestazione prenderanno parte studiosi italiani e tedeschi con prospettive politiche, economiche e giuridiche diverse che analizzeranno teorie e prospettive confrontando la situazione tedesca, italiana ed europea e proponendo una riflessione necessaria sulle sfide poste dalla difficile stagione che l’Unione monetaria europea sta attraversando. Nell’occasione verrà presentato il volume a cura di Francesco Forte e Flavio Felice “Il liberalismo delle regole” (Rubbettino Editore)
Tra i relatori del convegno, organizzato da Massimo De Angelis e Flavio Felice: Rocco Buttiglione (Roma), Claudio De Vincenti (Roma), Luca Diotallevi (Roma), Francesco Farina (Siena), Francesco Forte (Roma-Milano), Lothar Funk (Düsseldorf), Tobias Piller (Faz-Roma), Massimiliano Vatiero (Lugano), Dario Velo (Pavia), Michael Wohlgemuth (Berlino).

Posted in Cronaca/News, Recensioni/Reviews, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Immobili di lusso: acquirenti italiani noni nel mondo per budget

Posted by fidest press agency su giovedì, 7 aprile 2016

dubaiSecondo l’osservatorio condotto da Immobiliare.it e LuxuryEstate.com, con una spesa media pari a 2.756.000 euro i nostri connazionali sono al nono posto della classifica mondiale per budget disponibile fra chi, negli ultimi sei mesi e attraverso il canale online, ha cercato immobili di lusso residenziali da acquistare.Dai dati è emerso che se il budget medio a disposizione di chi cerca immobili di lusso attraverso il web è pari a 3.105.000 euro, gli acquirenti di alcune nazioni sono disposti a spendere molto di più. Fra tutti primeggiano i residenti negli Emirati Arabi Uniti che, con un budget medio di 4.105.000 euro dominano la classifica davanti agli statunitensi ed agli svizzeri.Montecarlo è la nazione che attira i maggiori capitali (15.461.000 l’importo medio della ricerca), mentre l’Italia, con un budget di 2.245.000 euro, è quattordicesima alle spalle della Francia e davanti al Brasile.Sperando che la notizia sia di vostro interesse e possa trovare spazio sulla testata alleghiamo la relativa nota stampa, alcune immagini di immobili in vendita (credits immagini LuxuryEstate.com) e rimaniamo a disposizione per ogni ulteriore necessità di approfondimento. (foto: dubai)

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

“Ricerca e Nutrizione”

Posted by fidest press agency su giovedì, 7 aprile 2016

alimentareRoma Mercoledì 13 Aprile 2016, ore 11:45 Senato della Repubblica – Sala “Caduti di Nassirya” Piazza Madama. Saranno presentati i risultati di uno studio clinico completamente italiano, che ha dimostrato l’efficacia di un nuovo ingrediente funzionale per l’alimentazione infantile nel prevenire infezioni gastrointestinali e respiratorie. Il trial ha visto la collaborazione di diversi centri d’eccellenza: il Dipartimento di Scienze Mediche Traslazionali dell’Università degli Studi di Napoli Federico II, l’Unità Operativa di Neonatologia e TIN Cà Granda Ospedale Maggiore Policlinico di Milano, la Clinica Pediatrica e Neonatologica dell’Università degli Studi di Palermo, il Dipartimento Sperimentale di Oncologia dell’Istituto Europeo di Oncologia di Milano.
Interverranno:
• On. Beatrice Lorenzin, Ministro della Salute (è stata invitata a partecipare)
• Sen. Andrea Mandelli, Presidente FOFI e Vicepresidente Commissione Bilancio del Senato
• Prof. Giovanni Corsello, Presidente Società Italiana di Pediatria, Direttore Clinica Pediatrica e Neonatologia, Università degli Studi di Palermo
• Prof. Fabio Mosca, Direttore Unità Operativa di Neonatologia e TIN della Fondazione IRCCS Ca’ Granda Ospedale Maggiore Policlinico, Università degli Studi di Milano
• Prof.ssa Maria Rescigno, Direttore Unità di Immunologia delle Cellule Dendritiche, Dipartimento di Oncologia Sperimentale, Istituto Europeo di Oncologia Milano
• Prof. Roberto Berni Canani, Dipartimento di scienze Mediche Traslazionali – Sezione Pediatrica, Laboratorio Europeo per lo Studio delle Malattie Indotte da Alimenti CEINGE Biotecnologie Avanzate, Università degli Studi di Napoli Federico II
Modera i lavori: Dr.ssa Sabrina De Camillis, Esperto Sicurezza Alimentare. Ministero della Salute

Posted in Cronaca/News, Medicina/Medicine/Health/Science, Roma/about Rome, Università/University | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Come nasce e muore una religione

Posted by fidest press agency su giovedì, 7 aprile 2016

la storia perduta del cristianesimo«Le religioni muoiono. Nel corso della storia, alcune religioni svaniscono del tutto, altre si riducono da grandi religioni mondiali a una manciata di seguaci. Il manicheismo, una religione che un tempo attirava adepti dalla Francia alla Cina, non esiste più in alcuna forma organizzata o funzionale; né esistono più le fedi che, mezzo millennio fa, dominavano il Messico e l’America Centrale». Sarà questo il futuro dei cristiani sotto la spinta dell’islamismo radicale dell’ISIS? In passato, una simile sorte è toccata al cristianesimo, distrutto nelle regioni in cui un tempo aveva prosperato e i cui fedeli occupavano posizioni chiave a livello politico, economico e culturale. Dalla Siria, all’Iraq e all’India, l’annientamento del cristianesimo è stato tale da non lasciare (quasi) alcuna traccia della sua presenza nei secoli. Ma perché le religioni muoiono? Che cosa possiamo apprendere dalla caduta – e talvolta anche dalla rinascita – delle religioni nel corso della storia?Philip Jenkins, professore di storia alla Baylor University, nonché uno dei massimi esperti al mondo di sociologia e demografia delle religioni, nel suo nuovo libro La storia perduta del cristianesimo. Il millennio d’oro della Chiesa in Medio Oriente, Africa e Asia (V-VX secolo). Com’è finita una civiltà (Editrice Missionaria Italiana, prefazione di Giancarlo Bosetti), propone una lettura inedita e provocatoria della storia delle prime Chiese cristiane d’Oriente, del loro rapporto con le altre fedi, in particolar modo con l’islam, e della loro successiva rovina. Profondamente non-eurocentrico, l’approccio dello studioso americano evidenzia come una religione che oggi consideriamo naturalmente «occidentale» sia invece nata e si sia diffusa anzitutto in una vastissima area che si estendeva dal Medio Oriente fino all’Asia e di cui oggi si sa poco o nulla. In un appassionante excursus storico, l’Autore illustra la forza e la resilienza di queste prime comunità cristiane – in primis quella nestoriana e siriaca – che riuscirono ad auto-preservarsi anche durante secoli di dominazione islamica. Come sottolinea Giancarlo Bosetti nella sua prefazione, «il libro di Jenkins ci costringe non solo a rimuovere assiomi stereotipati, ma anche a effettuare lo “spostamento di un centro” che assumevamo come irriflesso; ci spinge cioè a riesaminare certezze che parevano indiscutibili, andando a illuminare aree della storia poco conosciute perché appartenute a comunità sconfitte».Si scopre così che già nel VII secoli missionari nestoriani avevano raggiunto l’India, lasciando sia importanti tracce della loro fede nelle prime stesure dei sutra buddhisti, sia nel simbolo combinato della croce e del loto che appare nelle croci di pietra nella regione del Kerala, nel sud del subcontinente. Senza dimenticare che alcune delle pratiche odierne dei musulmani, come la prostrazione durante la preghiera, derivano dall’antico modo di pregare dei monaci siriaci. Un fervente e stimolante scambio di idee, avvenuto in un clima di convivenza pacifica, che si interruppe solo con l’inizio di nuove persecuzioni dei cristiani intorno all’anno 1300 da parte dei dominatori islamici.Tuttavia, non furono soltanto cause esogene a contribuire alla scomparsa del cristianesimo in queste regioni – cause politiche, come le persecuzioni e le conversioni forzate, cause naturali, si pensi a carestie ed epidemie, o cause demografiche -; Jenkins infatti individua anche varie cause endogene. Secondo la sua teoria, le religioni scompaiono nel momento in cui si isolano troppo e diventano radicalmente settarie, in altre parole quando perdono la loro «forza viva». Diventano quindi incapaci di inculturarsi in alcune delle aree in cui si sono radicate. Applicare quindi logiche darwiniane di «adattamento», continua, non è compatibile con le reali ragioni storiche della loro distruzione. In realtà, sottolinea Jenkins, «né la fede, né la pietà, né la sapienza, né l’antica tradizione sono servite per mantenere in vita le chiese nella maggior parte delle loro terre d’origine».
Philip Jenkins, La storia perduta del cristianesimo. Il millennio d’oro della Chiesa in Medio Oriente, Africa e Asia (V-XV secolo). Com’è finita una civiltà, prefazione di Giancarlo Bosetti, Collana Lampi di storia, Editrice Missionaria Italiana, pp. 352, euro 22,00 (foto: la storia perduta del cristianesimo)

Posted in Recensioni/Reviews, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Scomparsa del vescovo Gonçalves

Posted by fidest press agency su giovedì, 7 aprile 2016

GonçalvesLa Comunità di Sant’Egidio esprime cordoglio e commozione per la scomparsa dell’arcivescovo emerito di Beira (Mozambico), monsignor Jaime Gonçalves. Uomo di pace, uno tra i protagonisti della Chiesa mozambicana dall’indipendenza a oggi, entrò in contatto con la Comunità, nella seconda metà degli anni Settanta, uno dei momenti più difficili per i cattolici in un Paese a guida marxista-leninista. Grazie ai contatti in Italia, con la Comunità e con istituzioni e personalità politiche, tra cui Giulio Andreotti (ministro degli Esteri) e Enrico Berlinguer (segretario del PCI), contribuì in modo decisivo al miglioramento della condizione dei cattolici in Mozambico.Da arcivescovo di Beira, all’inizio degli anni Novanta fu, con Andrea Riccardi, Mons. Matteo Zuppi e Mario Raffaelli, mediatore nelle trattative fra il governo marxista e la guerriglia della Renamo, che portarono il 4 ottobre 1992, a Roma, alla firma degli accordi di pace per il Mozambico ponendo fine a una lunga guerra civile che aveva provocato più di un milione di morti.E’ stato presidente della Conferenza episcopale mozambicana e protagonista nei due sinodi sull’Africa. Sant’Egidio lo ricorda con affetto per l’amicizia di tanti anni e gli innumerevoli incontri all’insegna del Vangelo e della pace. (foto: Gonçalves)

Posted in Estero/world news, Spazio aperto/open space, Uncategorized | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Libro: “Laudato sì, Trivelle no”

Posted by fidest press agency su giovedì, 7 aprile 2016

camera deputati2È stato presentato alla Camera dei Deputati il libro: “Laudato sì, Trivelle no”, Manuale di sopravvivenza per italiani che non vogliono morire fossili (Aracne Editrice), a cura di Alfonso Pecoraro Scanio, Presidente della Fondazione UniVerde e già Ministro dell’Ambiente e Angelo Raffaele Consoli, Presidente del CETRI-TIRES.“Laudato SÌ, trivelle NO”, a dispetto del suo titolo, non è un instant book, di quelli che durano solo una stagione, ma è un vero e proprio manifesto collettivo con i contribuiti di esperti, associazioni, docenti, studenti e giornalisti. Si tratta di un opera collettiva “Creative Commons” scaricabile gratuitamente in PDF sul sito di Aracne editrice.«Il petrolio è una ricchezza solo nel deserto, in luoghi dove non c’è nulla, non certo in Italia che ha altre risorse, come turismo e agricoltura, sui cui investire. È ricchezza cioè che produce ricchezza per la collettività non solo per le lobby petrolifere, come dimostra l’inchiesta in Lucania che ha provocato danni alle popolazioni». Così Alfonso Pecoraro Scanio durante il suo intervento alla Camera. «Questo Governo – continua l’ex Ministro dell’Ambiente – ha danneggiato le rinnovabili. Matteo Renzi è andato negli Stati Uniti ad inaugurare un impianto solare termodinamico mentre in Itala continua a investire sulle fonti fossili. Il futuro dell’umanità, come spiegato nel volume, è 100% rinnovabili. È assurdo che un Presidente del Consiglio dica di astenersi al referendum del 17 aprile, la mobilitazione dei cittadini e dei comitati va rispettata evitando di sprecare soldi».
«Con questo libro – dichiara Angelo Consoli – vogliamo cominciare a far uscire allo scoperto le realtà che stanno già fabbricando la Terza Rivoluzione Industriale (TRI) in tutti i settori, quelle che stanno preparando l’Italia del futuro. Una Italia che non è, e non può essere fossile. I petrolieri in Italia, gli “scrocconi” delle lobby fossili, vogliono prolungare le concessioni oltre il periodo di scadenza per evitare di pagare le royalties. Infatti, non solo in Italia imponiamo le royalties più basse del mondo, ma permettiamo una “franchigia” annuale sotto la quale le royalties non si pagano, per cui se si vuole evitare di pagare, basta mantenere le estrazioni al di sotto di quella franchigia».Il testo rappresenta anche uno spunto di riflessione per un nuovo modello energetico e un futuro senza fossili che gli italiani vogliono fortemente. A dimostrarlo il sondaggio annuale di IPR Marketing e Fondazione UniVerde, realizzato lo scorso novembre, che da un lato certifica un favore per l’energia solare stabilmente oltre l’80% dei consensi, dall’altro il favore verso il petrolio intorno all’1%. Per un futuro solare ci vuole un piano energetico nazionale che organizzi la transizione sin da subito. Il primo passo in questa direzione è votare SÌ al referendum del 17 aprile.

Posted in Cronaca/News, Recensioni/Reviews, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

CIR: Asilo e migrazione in Europa, tutto da rifare

Posted by fidest press agency su giovedì, 7 aprile 2016

europa comunitariaIl Consiglio Italiano per i Rifugiati è allarmato dalla Comunicazione della Commissione Europea relativa alla riforma del sistema d’asilo. L’arrivo di quasi 1.5 milioni di richiedenti asilo in Europa nel 2015 ha fatto crollare tutto il Sistema Comune Europeo di Asilo, approvato solennemente meno di 3 anni fa. Di fronte all’incapacità di questo sistema di fornire strumenti efficaci per gestire la più grande crisi di rifugiati in Europa dalla II Guerra Mondiale e a seguito della disperata ricerca da parte dei leader europei di trovare soluzioni ad hoc, la Commissione annuncia oggi un enorme pacchetto di riforme che vuole ridisegnare tutto il sistema asilo. Proposte che vanno ben oltre il Regolamento Dublino e che vanno a ledere i diritti fondamentali di richiedenti asilo e rifugiati, senza affrontare le ragioni della crisi umanitaria che sta coinvolgendo milioni di persone costrette alla fuga. “L’insieme delle proposte tradisce una posizione della Commissione secondo la quale i colpevoli della crisi sono i rifugiati” commenta Christopher Hein portavoce del CIR “ E partendo da questo pressuposto li si vuole punire, istituendo, più di quanto già non sia previsto, strumenti obbligatori per tutti gli Stati membri per facilitare il veloce respingimento alla frontiera, per confinare vita natural durante il rifugiato in uno solo Stato europeo, per limitare i diritti sociali dei richiedenti asilo e dei beneficiari della protezione sussidiaria”. Sul punto cruciale, la riforma del “Sistema Dublino”, il testo rimane invece vago e indica genericamente due opzioni. Nella prima, il sistema rimane in sostanza invariato, con l’aggiunta di una limitatissima redistribuzione dei richiedenti asilo in paesi diversi da quelli di primo arrivo in Europa, ovvero Grecia e Italia, nel caso in cui si verifichi uno straordinario afflusso di richiedenti asilo. Nella seconda, i richiedenti asilo dovrebbero da subito essere redistribuiti, secondo delle quote stabilite per ogni Stato membro, in tutto il territorio europeo con un meccanismo di smistamento, analogo a quello postale. Il vero nodo di “Dublino”, che fallisce perché non viene preso in considerazione il legame della persona con un determinato paese, rimane invariato in entrambe le opzioni . Ancora una volta conta solo il supposto interesse degli Stati, non quello delle persone. È una visione miope: perché è nell’interesse degli Stati facilitare l’integrazione anche grazie all’aiuto di parenti, amici, di comunità già presenti in un paese.
“Se queste proposte veranno trasformate in leggi comunitarie, per l’Italia e il suo sistema d’asilo sarà un disastro” continua Hein. “Per fortuna, nella legislazione italiana fin qui non esistono concetti quali “paesi sicuri di origine”, “paese terzo sicuro”, “procedure accellerate” , concetti che la Commissione adesso vuole rendere obbligatori per tutti gli Stati membri e che restringono enormemente lo spazio di protezione e i diritti dei rifugiati. Inoltre, in Italia, giustamente, i “rifugiati” e i “beneficiari della protezione sussidiaria”, che sono in sostanza i rifugiati di guerra e le vittime di tortura, godono oggi degli stessi diritti. La Commissione intende invece differenziare tra questi due status e creare rifugiati di serie B, riducendo la durata del loro permesso di soggiorno, lasciando le persone nell’incertezza sul proprio futuro attraverso una costante verifica della loro situazione e, quindi, rendendo l’integrazione ancora più difficile con la conseguenza di pesare ulteriormente sui sistemi di acoglienza e sulle procedure d’asilo”.L’altro vero nodo che costituisce in buona misura il motivo della crisi, ovvero il fatto che quasi tutti i rifugiati sono costretti a viaggi illegali per arrivare in Europa, a pagare i trafficanti, a rischiare la loro vita in mare, non viene affrontato in modo innovativo. Aprire vie legali di accesso rimarrà nella totale discrezionalità dei singoli Stati.“È davvero deprimente constatare che in questo documento si propongano regole comuni e obbligatorie solo quando si tratta di imporre misure restrittive, mentre c’è una totale assenza di regole ferree quando si tratta di interventi positivi, in grado di offrire reali soluzioni. Molte delle proposte, inoltre, contraddicono gli orientamenti espressi, anche recentemente, dal Parlamento europeo. La nostra speranza è che il Parlamento costringa la Commissione a rivedere radicalmente le proposte oggi presentate, altrimenti rischiamo seriamente di costruire un sistema che calpesterà i diritti fondamentali dei rifugiati ” conclude Hein.

Posted in Cronaca/News, Estero/world news, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Referendum trivelle

Posted by fidest press agency su giovedì, 7 aprile 2016

trivelleIn merito al referendum che avrà luogo domenica prossima sulla durata delle concessioni di sfruttamento dei giacimenti di gas e di petrolio al largo delle coste italiane, il Nuovo CDU invita gli elettori e le elettrici a recarsi alle urne per esprimere il proprio parere e suggerisce loro di votare “sì”. Questo consiglio – si tiene a precisare – non è solamente una scelta locale, ma è frutto di una valutazione condivisa dall’intero partito.«Per noi cattolici cristiani impegnati in una politica attiva, dalla base fino ai vertici – afferma l’Onorevole Nicandro Marinacci, vice segretario nazionale del Nuovo CDU -, i valori, che sposano peraltro l’enciclica ambientale “Laudato sì” dettata da Papa Francesco, non sono negoziabili. In questa ultima battaglia referendaria – continua – sarà quindi nostro obiettivo lottare fino allo stremo delle forze affinché le persone vadano a votare il 17 aprile, barrando il “sì”, onde evitare di dover pagare in futuro un prezzo altissimo in termini ambientali».«Il referendum dovrà dare un unico esito: quello del “sì” – ribadisce Lorenzo Annoni del Nuovo CDU di Milano -. Perché trivellare i nostri mari è pericoloso per tutto il Mediterraneo, perché è un pessimo biglietto da visita per il turismo, perché i giacimenti in questione non sono così remunerativi, perché le royalties incassate dalle nostre amministrazioni pubbliche sono tra le più basse d’Europa e perché gli investimenti sulle energie rinnovabili garantiscono una maggiore occupazione, a fronte di pari impegni economici nel petrolifero». foto: Nicandro Marinacci)

Posted in Cronaca/News, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Raccontare il sociale: Un’opportunità nell’Anno della Misericordia

Posted by fidest press agency su giovedì, 7 aprile 2016

i santi della misericordiaRoma giovedì 7 aprile 2016, alle 13.00, all’Università Europea di Roma. Il Giubileo della Misericordia, voluto da Papa Francesco, non è soltanto un evento di carattere spirituale. E’ soprattutto un’occasione per scrivere nuove pagine della nostra vita, aprendo il cuore all’accoglienza, al dialogo e all’incontro con gli altri. Anche i mezzi di comunicazione possono dare un grande contributo a questo percorso, sforzandosi di parlare linguaggi nuovi e rivolgendo maggiore attenzione ai temi sociali, agli ultimi, a storie di vita vera che possano offrire messaggi di speranza. Di questo parlerà Laura Badaracchi, giornalista e scrittrice, nell’incontro con ingresso libero, “Raccontare il sociale. Un’opportunità nell’Anno della Misericordia”
Laura Badaracchi è appassionata di temi sociali ed ha pubblicato, fra l’altro, una biografia di Don Luigi Di Liegro. Collabora con il quotidiano Avvenire, i mensili Jesus e SuperAbile Inail, i settimanali Credere, Famiglia Cristiana, Il mio Papa e Donna Moderna. E’ stata corrispondente da Roma dell’agenzia Redattore Sociale, dove cura il blog Social Church.
Recentemente Laura Badaracchi ha curato i testi di un libro che ha scopo benefico: “I Santi della Misericordia. Itinerari a Roma e dintorni”, con foto di Stefano Dal Pozzolo e la prefazione del Cardinale Pietro Parolin (Edizioni Ecra).
E’ una Guida ai Santi della misericordia, che suggerisce percorsi alternativi ai pellegrini nella Città eterna e dintorni, arricchiti da foto e spunti di meditazione. Nel corso dei secoli, a Roma, sono vissuti molti Santi che hanno incarnato il Vangelo della misericordia. Di questo passaggio restano tracce in chiese, tombe, musei, tombe, stanze da scoprire o riscoprire. Questo volume è un’occasione per farlo. I diritti d’autore di Laura Badaracchi sono interamente devoluti in beneficenza al Centro Astalli, Caritas diocesana di Roma, Progetto Ripa, Missioni camilliane. (foto: i santi della misericordia)

Posted in Cronaca/News, Roma/about Rome, Università/University | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »