Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 31 n° 344

Archive for 8 aprile 2016

Sole 24 Ore S.p.A: Nuovo C.d.a.

Posted by fidest press agency su venerdì, 8 aprile 2016

sole_24_oreMilano Il Sole 24 Ore S.p.A. ha comunicato a Borsa Italiana S.p.A i componenti della lista di Confindustria per la nomina del nuovo Cda all’assemblea del 29 aprile prossimo. Ne fanno parte Luigi Abete, Mauro Chiassarini, Maria Carmela Colaiacovo, Nicolò Dubini, Marcella Panucci, Claudia Parzani, Carlo Pesenti, Livia Pomodoro, Cesare Puccioni, Carlo Robiglio, Giorgio Squinzi. E’ stata poi presentata una lista relativa alla nomina del Collegio sindacale di cui fanno parte Laura Guazzoni e Giovanni Maccagnani (quali Sindaci effettivi), Maria Silvani e Marco Peverelli (quali Sindaci supplenti).
Edizione S. r. l. ha depositato una lista relativa alla nomina del Collegio Sindacale di cui fanno parte Luigi Biscozzi (quale Sindaco effettivo) e Fabio Fiorentino (quale Sindaco supplente).”Ringrazio tutti i Consiglieri uscenti per l’operato svolto e, con particolare riguardo, il Cav Lav. Dott. Benito Benedini per il lavoro garantito alla guida della nostra società dal 2013 al 2016 – ha dichiarato il presidente di Confindustria Giorgio Squinzi -, per la linea di condotta con la quale ha presieduto questa importante azienda editoriale che rappresenta un asset strategico per Confindustria. Sotto la sua guida, in anni in cui il mercato dell’editoria è stato profondamente in crisi, il Gruppo 24 ORE si è rilanciato e ha lavorato con impegno e dedizione a porre le basi per il definitivo riequilibrio di bilancio”. (Ginevra Cozzi)

Posted in Cronaca/News | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

CEC-CCEE message on the occasion of International Roma Day/KEK-CCEE Botschaft anlässlich des Internationalen Tages der Roma

Posted by fidest press agency su venerdì, 8 aprile 2016

romanticismRome. On the occasion of International Roma Day, 8 April, the general secretaries of the Conference of European Churches (CEC) and the Council of European Bishops’ Conferences (CCEE) call for renewed efforts for healing and reconciliation. Today some 10 to 12 million Roma live throughout Europe, and are among the most deprived and marginalised people of our continent. They face daily discrimination and are often denied access to basic schooling, housing, and healthcare. A long history of antiziganism have led to these deplorable conditions. For centuries, Roma were enslaved, tortured, murdered, and their families broken apart. They suffered legal persecution, were segregated from society and denied basic civil rights. Despite all this Roma minorities have survived and preserved their culture. In working to change perceptions, we are aware that everyone—Roma and non-Roma alike—will have to engage in meaningful dialogue, which will help overcome fears and work for integration respectful of Roma identity.
“We encourage our Christian communities in Europe to continue to support Roma wellbeing and actively work to end hate speech and social exclusion. We must journey together. We appeal to all to welcome the marginalised and uphold their human dignity as a gift from God. Roma people, with their unique traditions, faith, and culture are also called to bring their values to European society as responsible citizens.
The Roma have a centuries-old sense of shared European identity and free movement across political, cultural, and religious boundaries. They are one of the indigenous European nations, however, without an equal standing in terms of respect or honour among them. More than 600 years after their migration to Europe, their full reception remains incomplete. The fact that they live under circumstances of continued discrimination and even persecution is a disgrace to all European countries. We need to acknowledge their situation, through the centuries, in the Holocaust and vaticanopresently, and our responsibility for it. The principal way out of the present difficult situation of the Roma people and their families is learning, work, and faith. Their inclusion is a necessary indication of our commitment for a shared European identity and the free movement of people, commerce, and ideas in the European realm”.
Heute leben in ganz Europa zwischen 10 und 12 Millionen Roma: sie gehören zu den am stärksten benachteiligten und an den Rand gedrängten Völkern unseres Kontinents. Sie sind täglicher Diskriminierung ausgesetzt und der Zugang zu grundlegender Bildung, zu Wohnraum und Gesundheitswesen wird ihnen oft verweigert.
Eine lange Geschichte von Antiziganismus hat zu diesen beklagenswerten Bedingungen geführt. Über Jahrhunderte wurden Roma versklavt, gefoltert, ermordet und ihre Familien auseinandergerissen. Sie wurden gerichtlich verfolgt, vom Rest der Bevölkerung abgetrennt und ihre bürgerlichen Grundrechte wurden ihnen verweigert. Trotz alledem überlebten Roma-Minderheiten und bewahrten ihre Kultur. Wir sind uns bewusst, dass nur ein sinnbringender Dialog aller Beteiligten – Roma und Nicht-Roma- zur Veränderung der Wahrnehmungen führt: nur so können Ängste überwunden und eine Integration, die die Identität der Roma respektiert, erreicht werden.Anlässlich des Internationalen Tages der Roma am 8. April rufen die Generalsekretäre der Konferenz Europäischer Kirchen (KEK) und des Rates der Europäischen Bischofskonferenzen (CCEE) zu erneuten Bemühungen für Heilung und Versöhnung auf.
Wir ermutigen unsere christlichen Gemeinschaften in Europa, sich weiterhin für das Wohlergehen der Roma einzusetzen und aktiv daran zu arbeiten, Hassparolen und soziale Ausgrenzung zu beenden. Wir rufen alle auf, Randgruppen willkommen zu heißen und ihre menschliche Würde als ein Geschenk Gottes zu wahren. Auch Roma-Völker mit ihren einzigartigen Traditionen, Glaubensüberzeugungen und Kulturen werden aufgerufen, als verantwortliche Bürger ihre Werte in die europäische Gesellschaft einzubringen.Die Roma haben eine jahrhundertealte Tradition von geteilter europäischer Identität und Bewegungsfreiheit über politische, kulturelle und religiöse Grenzen hinweg. Obwohl Roma zu den uransässigen Völkern Europas gehören, wurden sie nie als gleichwertig anerkannt und erhielten nie denselben Respekt und dieselbe Ehre wie andere Völker. Mehr als 600 Jahre nach ihrer Migration nach Europa sind sie immer noch nicht vollständig akzeptiert. Die Tatsache, dass sie unter fortgesetzter Diskrimination und sogar Verfolgung leiden, ist eine Schande für alle europäischen Staaten. Wir müssen ihre Situation im Laufe der Jahrhunderte, während des Holocausts und heute sowie unsere Verantwortung dafür anerkennen.Der Ausweg aus der aktuellen schwierigen Situation der Roma und ihrer Familien besteht in Ausbildung, Arbeit und Glauben. Ihre Eingliederung in unsere Gesellschaft ist ein notwendiges Zeichen unseres Engagements für eine geteilte europäische Identität und die Freizügigkeit von Personen, Handel und Ideen in Europa.

Posted in Estero/world news, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

David Scowsill closing speech

Posted by fidest press agency su venerdì, 8 aprile 2016

Paris-antenne-vue-eiffel-tourIn closing the WTTC Global Summit in Dallas, President & CEO, David Scowsill, called on the Travel & Tourism sector to show the leadership required to keep people travelling despite concerns over security and the movement of refugees.“The boundaries which we are trying to break become the borders that others are trying to build,” he said. “Let’s go further than we have ever gone before in championing and resolving the big issues of our age. Let’s claim the leadership position.”Travel & Tourism accounts for almost 10% of world GDP and one in eleven of all jobs on the planet, making it a powerful contributor to the global economy.“I see a sector that is growing at a higher rate than world GDP. One that is creating jobs. And one that is committed to the stewardship of the world’s natural resources. In an uncertain world driven by conflict, fear, climate change and resource scarcity, it is our sector to which governments can look for economic certainty”, he said.“Which other industry can be invited into the world’s great powerhouses and provide sought after advice in the fields of sustainability, innovation, job creation, and economic generation?” he asked.”
“It is now the role of world leaders to step up to harness the opportunities of Travel & Tourism and for the leaders of our sector to embrace that opportunity.” “The key issue we have addressed is the implication for freedom to travel of the twin threats of terrorism and the movement displaced peoples. Global problems require a global response. That is why we welcome the challenge laid down by the US Government for the public and the private sectors to work together, to improve radically inter-agency cooperation and the sharing of information across the world.” The WTTC Global Summit had seen contributions from over 60 people over the course of two days as Travel & Tourism leaders discussed the pressing issues affecting the sector today – notably safety & security, sustainability, and the influence of recent geopolitical shifts and technological developments.The 2016 WTTC Global Summit was hosted by Dallas CVB, with invaluable support from Brand USA, Dallas Fort Worth International Airport, Mexico Tourism Board, Sabre, Texas One, TravelTexas.com, United Airlines and the US Travel Association.Next year, the WTTC Global Summit will take place from 26-27 April 2017 in Bangkok, hosted by the Ministry of Tourism and Sports of Thailand and endorsed by the Royal Thai Government.

Posted in Estero/world news, Viaggia/travel | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

From disease burden to prevention and health promotion

Posted by fidest press agency su venerdì, 8 aprile 2016

AllergensZurich. The European Academy of Allergy and Clinical Immunology (EAACI) is using its 60th anniversary to highlight the value of prevention and health promotion during the World Allergy Week, which will be marked around the world from 4 to 10 April.sthma and allergic diseases, which include atopic dermatitis, allergic rhinoconjunctivitis, food allergy, are a public health concern of pandemic proportions that requires immediate and coordinated response.Allergies to pollen are the most prevalent allergies in the world, followed by allergies against house dust mites. 150 million Europeans have allergic rhinitis. By 2025, more than 50 percent of all Europeans will suffer from some type of allergy. Disease prevention is vital to controlling this growing public health burden. If patients in Europe were treated appropriately with available cost-effective treatments, savings of €142 billion each year could be made.According to the EAACI Interest Group on Aerobiology and Pollution, “Climate change and globalization are affecting local natural habitats, so consequently the exposure to pollen is changing. Small changes in temperature can already have a large impact on pollen exposure.”
The most optimal way for allergy sufferers to experience relief is to receive an accurate diagnosis and appropriate treatment early. The safest way to manage allergy symptoms is to treat them before they set in. Allergy specialists have the professional expertise to help pinpoint and confirm the allergies and offer advice on treatment and environmental control options that can reduce symptoms and improve the quality of life.
We have tools to prevent allergic disease by guiding avoidance (e.g. pollen monitoring). Unfortunately, although pollen is easy and cost-effective to monitor, the density, quality and continuity of the existing pollen volunteer-based monitoring networks is diminishing. This reduces the level of information about biological air quality (pollen, moulds and bacteria), especially when compared to chemical air quality data.EAACI is urging officials and governments to maintain a biological air quality and to use this information to estimate future allergenic exposure and its consequences for health.Additional information and content in other languages Get a backgrounder on the topic of allergies or access this press release and the allergy backgrounder
in French, German, Italian or Spanish.
The European Academy of Allergy and Clinical Immunology (EAACI) is a non-profit organisation active in the field of allergic and immunologic diseases such as asthma, rhinitis, eczema, occupational allergy, food and drug allergy, and anaphylaxis. EAACI was founded in 1956 in Florence and has become the largest medical association in Europe in the field of allergy and clinical immunology. It

Posted in Cronaca/News, Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Interviews – Miguel Bonnefoy, Paris

Posted by fidest press agency su venerdì, 8 aprile 2016

Miguel BonnefoyThe transmission of knowledge starts with camouflage. And in fact it is with mimicry that I started to write. My father, as well as my mother, was a fundamental element in my beginning with literature and of word conscience. He writes in Spanish, I write in French. Such language difference allows us to have different publishers and different audiences. His writing is more dry, rapid, script oriented, tending more towards action in real time. Mine is more baroque, metaphorical, diluted, tending towards ellipsis. This said, even if we have a structural distance in our style, we focus on the same topics, like all the writers who place themselves within the heritage of the founding themes, which are love, death, time passing, plenitude, etc. I learn a lot in reading him and he is the first person to whom I send my manuscripts.
La transmission du savoir commence par mimétisme. C’est alors par mimétisme que j’ai commencé à écrire. Mon père, comme ma mère, a été un élément essentiel dans l’éveil de la literature et la conscience des mots. Il écrit en espagnol, moi en français. Cette difference de langue nous permet de ne pas avoir les mêmes maisons d’édition ni le même public. Son écriture est plus sèche, rapide, scénaristique, tendue vers l’action en temps réel. La mienne est plus baroque, métaphorique, diluée, tendue vers l’ellipse. Cependant, même si nous avons une distance structurelle dans le style, nous traitons les mêmes thèmes, comme tous les écrivains qui se placent dans l’héritage des textes fondateurs, c’est-à-dire, l’amour, la mort, la fuite du temps, la quête de la plenitude, etc… J’apprends beaucoup en le lisant et il continue d’être la première personne à qui j’envoie mes manuscrits.
La trasmissione del sapere inizia con il mimetismo. E quindi è per mimetismo che ho iniziato a scrivere. Mio padre, come mia madre, è stato un elemento essenziale dei miei inizi con la letteratura e la coscienza delle parole. Lui scrive in spagnolo, io in francese. Questa differenza linguistica ci aiuta ad avere editori (e pubblici) differenti. La sua scrittura è più asciutta, rapida, orientata alla sceneggiatura, più tendente all’azione qui ed ora. La mia è più barocca, metaforica, tendente all’ellisse. Ciò detto, anche se abbiamo una distanza strutturale negli stili, ci piacciono gli stessi argomenti, come tutti gli scrittori che si inseriscono nell’eredità lasciata da temi fondamentali – l’amore, la morte, il tempo che passa, la quiete della pienezza, etc. Ho imparato molto nel leggerlo e lui resta la prima persona a cui mando i miei manoscritti.(photo: Miguel Bonnefoy) (fonte: Diana Marrone – Slow Words People and Stories from this World – http://www.prundercover.com )

Posted in Uncategorized | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Jacques Delors Institut: Our 2015 annual Report

Posted by fidest press agency su venerdì, 8 aprile 2016

Institut Jacques DelorsOur 2015 Annual Report presents our work which aimed to clarify the bases of the main EU controversies, to propose operational analysis and recommendations to consolidate and give greater depth to the European Construction. Our works have given rise to:
– 59 publications in English and French (and sometimes German), comprising 23 Tribunes, 25 Policy papers, 1 Study & Report and 10 Syntheses addressing the future of the Economic and Monetary Union, the Schengen Area, the European governance, social Europe, the Transatlantic Trade and Investment Partnership (TTIP), the Energy Union and much more. Publications downloaded more than 148,000 times and more than 16,000 disseminated in hard-copy
– 33 events hosted or co-hosted in 9 European countries (Belgium, Finland, France, Germany, Italy, Luxembourg, Portugal, Romania and Switzerland) devoted in particular to the Schengen Area, energy, employment, democracy and the European public space; the events included the organisation of “19 citizen dialogues” allowing us to hold an exchange of views with non-specialist audiences in 6 different countries.
– 142 interventions in conferences and seminars in 26 countries (17 EU member countries and 9 countries outside the EU), addressing in particular such issues as global governance, the balance of forces in Europe, cohesion policy, social Europe, the European Energy Community, TTIP and much more; all in all more than 25000 citizens present during our events or interventions
– 725 appearances in international media and in 34 countries, comprising 20 of the EU’s 28 member states and 14 countries outside the EU, addressing in particular the Greek crisis and the euro area, the European migrant crisis and Schengen, TTIP and much more.
– More than 194,000 unique visitors (and approximately 260,000 visitors) to our website http://www.delorsinstitute.eu (data supplied by “Google Analytic”), and more than 9,600 followers on Facebook, which has allowed us to maintain our position in the top 3 most-liked think-tanks devoted to EU issues on this social medium. 9 videos and 8 sound bites produced, more than 32,000 hits on videos posted on our YouTube channel.
– An increase in the activities of our office in Germany, the Jacques Delors Institut – Berlin, with the dissemination of publications in German, the organisation of conferences in Berlin, a growing number of appearances in the German media and so forth.
– The production of an inventory of the Jacques Delors – Presidency of the European Commission (1984–94) archive in partnership with the Historical Archives of the European Union at the European University Institute in Florence (HAEU), and the conclusion of agreements for the enhancement and dissemination of Jacques Delors’ archives with recognised academic organisations.
– The launch of an appeal for donations, prompting 36 citizens to join our donor network.

Posted in Estero/world news, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Julien’s Auctions Presents Music Icons 2016- Rock n’ Roll Royalty Including David Bowie, Lady Gaga, Freddie Mercury and More

Posted by fidest press agency su venerdì, 8 aprile 2016

stevie rayNew York Saturday – May 21, 2016 at Hard Rock Cafe New York in Times Square. Julien’s Auctions, the world record breaking auction house to the stars, has announced its highly anticipated Music Icons auction event to take place at the Hard Rock Café New York. The historical event will include extraordinary items from those artists who have played important roles in shaping our pop culture.
The preeminent bluesman and award winning singer and guitarist Stevie Ray Vaughan was at the forefront of the blues resurgence in the 1980s attracting rock fans with a style of play that was compared to guitar icons like Hendrix and Muddy Waters. He is legendary and remembered as one of the best electric guitarists in music history. In 1966, his brother Jimmie Ray Vaughan gave him his first professional electric guitar, named “Jimbo.” It was with “Jimbo” that Stevie Ray made his first studio recording and first live recording (Estimate: $400,000-$600,000). In 1971, Vaughan traded the guitar but later regretted it stating in 1989, “Jimmie gave me a ’51 Tele, a cross between a Broadcaster and a Tele that I rebuilt and ended up letting someone talk me into selling it. I’m still kicking myself. Still looking for it by the way. If someone finds a guitar that says “Jimbo” on the back and it’s the right one, it’s a real deal — you can come rape me for it, or my pocketbook anyway.” This rare guitar will be offered at the Julien’s Auctions Music Icons auction. (photo: stevie ray)

Posted in Estero/world news, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

EU – Turkey migration deal: state of play and next steps

Posted by fidest press agency su venerdì, 8 aprile 2016

ankaraCivil Liberties MEPs quizzed the Commission on the conditions in the Greek reception facilities, the number and background of staff. MEPs also stressed the need to respect international law and live up to EU standards. Under the agreement, finalised by heads of state and government at the summit on 18 March, all people arriving irregularly from Turkey to the Greek islands are to be returned, while the EU is to take in one Syrian refugee for each Syrian sent back. Once irregular crossings from Turkey have been substantively reduced, a Voluntary Humanitarian Admission Scheme will be activated. The deal also opened up for faster visa liberalisation for Turkish citizens travelling to the EU, provided Ankara complies with the requirements.

Posted in Estero/world news, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

The ‘Panama papers’ also throw a shadow over Xi Jinping’s family

Posted by fidest press agency su venerdì, 8 aprile 2016

panama‘The credibility of the administration’s fight against corruption would increase dramatically if members of the party leader’s own family could also be included in investigations’Publications by an international group of researchers associated with the German newspaper Süddeutsche Zeitung have put China’s leaders under pressure: the ‘Panama papers’, which were published by the paper and other dailies today (7 April), reveal that relatives of leading Chinese politicians have found ways of stashing away millions of dollars in offshore tax havens. A brother-in-law of party leader Xi Jinping is among those implicated.
We discussed the Panama Papers’ potential impact on China’s leadership with Sebastian Heilmann, Director of MERICS:
The ‘Panama papers’ mention at least eight relations of current or former members of the innermost circle of the Chinese leadership who have moved large amounts of money abroad through secret offshore structures. Do you find that surprising?
Well, we’ve known that havens of this kind exist for many years now, but most of this information came from agents who were personally involved and could not be verified independently. What was missing up to now was information about the sums of money that were transferred, the names of the specific firms concerned, and documents to provide clear insights into such dealings. Now this is all gradually coming to light.
Apart from that, we are dealing with a familiar phenomenon: ever since China started opening up economically in the 1980s, the country’s well-connected families have been getting richer and richer. The sums of money involved have grown much larger since a wave of stock-listings of state-run enterprises began around 15 years ago. Many families of leading cadres raked in incredible profits from these IPOs in which either their children or their relatives were involved. They pulled political strings to help those companies they had stakes in to raise capital on the stock markets.
In 2012, the New York Times reported on a case of insider trading in which Wen Jiabao’s family was involved while he was still prime minister. Members of his family had obtained shares in one of the largest insurance companies in China whose value increased to hundreds of millions once the company got listed. The Chinese government reacted by censoring these reports.
The New York Times’ website has been blocked in China ever since then, even though there is no evidence that Wen Jiabao was involved in those dealings. If the prime minister or general secretary is criticised in China, however, this is perceived as an attack on the political system as a whole. And the system has to be protected at any price. That’s why the party leadership is now trying to suppress the revelations from the ‘Panama papers’ within China.
The publications about the leaked material must be very embarrassing for Xi Jinping, the incumbent leader of the CCP. After all, he’s fighting corruption in the country quite vehemently. Do you expect him to take action against his own relatives?
There’s no doubt that Xi wants to put an end to mismanagement, bribery and shady deals such as offshore transactions. The credibility of the administration’s fight against corruption would, of course, increase dramatically if members of the party leader’s own family could be subjected to public investigations. But at the same time, Xi’s anti-corruption campaign was set up precisely to consolidate his own power. That’s why it’s unlikely he’ll ever allow the authorities to investigate his own family, even if the Panama revelations do implicate his brother-in-law. We noticed that a lot of prominent political families have been trying to eradicate any traces of past deals by selling off their shares in companies or passing on ownership of them to other people they trust. Generally speaking, one can say that the children of prominent revolutionary veterans are only targeted in the anti-corruption campaign in exceptional cases.
Who exactly is included in the group of ‘prominent revolutionary veterans’? And why do they enjoy such privileges?
This group includes descendants of the political leaders who built up the People’s Republic of China as well as the families of leading military figures in who played a major role in the revolutionary war prior to 1949. All in all, we’re probably talking about around 20 to 25 extended families who play a special political role in China today for historical reasons. The children of these famous leaders attended special schools in Beijing in the 1950s and 1960s, where they formed networks that still exist today. The descendants of the veterans of the revolution view themselves as part of a political aristocracy. They feel that modern Chinese history and their families’ role in it give them the legitimacy to run the country. It’s interesting to see that this awareness of their status has been passed down all the way to the generation of the grandchildren. They take pride in their grandfathers’ legacy, they entertain active networks, and sometimes even share regular free time activities.
Where exactly does Xi Jinping think he belongs in this hierarchy?
He belongs to the group with the highest prominence and the greatest self-confidence: he is a child of one of the ‘founding fathers’ of the PRC. His father, Xi Zhongxun, was a guerrilla fighter in the 1930s and later became deputy prime minister when Mao came to power, so he belonged to the first generation of leaders.
What would happen if the party leadership were to take retaliatory steps against descendants of this ‘aristocracy’?
In the 1980s, then party-leader Hu Yaobang wanted to curb the shady economic activities of children of top party cadres to stop the spread of nepotism and corruption. But that was the beginning of the end of a man who was himself a model of integrity. The ‘old guard’ viewed his attempt to clean up the system as an attack on their own interests, and they moved quickly to force him out of office. (by Kerstin Lohse-Friedrich, Director of Communications)

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Diciamo addio agli Stati Uniti e ci alleiamo con la Russia?

Posted by fidest press agency su venerdì, 8 aprile 2016

europa-261011-cIl generale Vincenzo Camporini ospite di Mix24 su Radio 24 alla domanda di Giovanni Minoli su cosa debba fare l’Europa tra Trump e Sanders isolazionisti e Hillary Clinton inseguita dai fantasmi di Bengasi ha così sintetizzato la sua opinione in proposito: “Dobbiamo sicuramente avere una nostra identità europea, limitata certamente non a ventotto, ma a tre, quattro, cinque. Dopodiché si potrà negoziare con Putin un’alleanza o una convergenza di interessi che sicuramente sarà favorevole sia per noi che per la Russia”.
Questa possibilità mi richiama alla mente una conversazione avuta oltre venti anni fa con un giornalista Ucraino sul dissolvimento dell’URSS e i nuovi possibili rapporti dell’Unione Europea con la Federazione russa “orfana” dei diversi stati europei che si sono staccati da lei dopo la caduta del muro di Berlino.
Prima di tutto il mio interlocutore dopo qualche esitazione mi parlò di un “misterioso”, a suo avviso, incontro ai vertici a Mosca nel 1987 dove fu fatto il punto sulla sempre più difficile tenuta delle relazioni con i paesi europei dell’Est e si convenne sulla necessità di un radicale cambiamento di rotta che si concretizzò qualche anno dopo con la mossa a sorpresa di quella che apparve all’Occidente come lo scioglimento dell’Unione Sovietica.
Mi incuriosii a tal punto che cercai di saperne di più da questo giornalista e da altri e tra qualche omissione e l’altra il quadro che ne ricavai fu che la mossa operata dagli strateghi del Cremlino non mi apparve del tutto avventata ma capace, semmai, di rimescolare le carte e allontanare nel contempo l’idea che si era fatta il mondo occidentale di una URSS in perenne guerra fredda con il resto del mondo. Divenne da subito una inaspettata ma benefica vittoria del capitalismo nei confronti del socialismo reale. La Russia, a sua volta, poté incominciare ad intraprendere un percorso più virtuoso, senza il peso di alleati al suo interno diventati costosi, inaffidabili e recalcitranti, e per consolidarsi si avvalse della possibilità di aprire le sue frontiere ai capitali e agli interscambi commerciali. L’asso nella manica della Russia era e resta la sua capacità di barattare le enormi riserve petrolifere e di gas con le tecnologie occidentali per rinforzarsi senza darne molto a vedere.
Se da allora veniamo all’oggi i risultati di questa strategia si possono considerare soddisfacenti. La federazione russa è ritornata la grande potenza di un tempo e può far sentire il peso delle sue azioni nel resto del mondo Europa compresa, beninteso.
Ora che si ha netta la percezione che gli statunitensi stanno chiudendosi a riccio e incominciano a ridurre sensibilmente la loro presenza sullo scacchiere internazionale mentre sia l’Europa comunitaria e la Cina non sono certo in grado di prendere il suo posto, l’unico successore naturale sembra proprio la Federazione russa con le sue enormi riserve energetiche le sole che possono sostenere le produzioni industriali del vecchio continente.
Un’Europa, del resto, che sembra volersi autodistruggere senza bisogno dell’opera di terzi.
Da qui è nata la convinzione, e pare che il generale Camporini sia della partita, che l’Europa sognata dai nostri padri come un “corpo unico” non possa essere una realtà praticabile per le tante diversità inconciliabili tra loro e che sia necessario una rivisitazione della sua formazione geografica creando una sorta di “nuovo continente” che vedrebbe il Nord Europa da una parte e il Sud Europa dall’altra con la Russia, la Cina, il vicino oriente e l’Africa occidentale. Pensando a tutto questo sembra quasi di fare della fantapolitica, ma se riflettiamo sui grandi eventi storici del passato dai babilonesi ai faraoni, dalla Grecia di Alessandro Magno all’impero romano e alla stessa Urss e all’attuale sistema capitalistico in evidente crisi, l’idea non appare del tutto peregrina. Ma se su questi paventati cambiamenti geostrategici non si ha ancora un segno manifesto è forse perché i tempi non sono del tutto maturi, sebbene vi siano senza dubbio le premesse e solo chi è miope non riesce a scorgerle. La stessa figura di Putin, per quanto certi ambienti occidentali sono propensi a demonizzarla, appare quella giusta per questo genere di cambiamenti sullo scacchiere mondiale e soprattutto per tenere dritto il timone nel suo Paese. Il problema sta semmai come ci arriveremo.
E’ che tre possono essere le possibili soluzioni: o il cambiamento è traumatico o arriva alla chetichella e si consolida senza molti clamori. Nel primo caso la risposta verrebbe da una vera e propria guerra mondiale sia pure a “scacchiera” interessando ora una regione ora un’altra del mondo oppure con la rivoluzione silente con la presa del potere per via democratica come è accaduto con il fascismo e il nazismo. La terza mescolerebbe le due citate opzioni a seconda dei paesi trattati e della capacità d’offrire al loro interno delle valide e credibili leadership. Ciò che posso dire sino ad ora che la partita è aperta tra i giocatori di scacchi e quelli di poker e a noi miseri mortali non ci resta che fare da spettatori. (Riccardo Alfonso direttore Centro studi politici della Fidest – fidest@gmail.com)

Posted in Confronti/Your opinions | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Mostra di Carlo Alfano

Posted by fidest press agency su venerdì, 8 aprile 2016

carlo alfanoNapoli Venerdì 15 aprile, alle ore 19, presso lo Studio Trisorio, in via Riviera di Chiaia 215, sarà inaugurata una mostra di Carlo Alfano dal titolo La pienezza dell’assenza, con opere di grandi dimensioni realizzate nel decennio 1980 -1990.In tutta l’opera di Alfano è costante una tensione a interrogarsi, a porre domande sul significato della rappresentazione, del dipingere e, in senso più filosofico, dell’esistenza umana.Nei suoi lavori la “temporalità” è intesa come autoriflessione della durata, come ricerca di uno spazio aperto dell’essere che divida il sé dall’altro. Questo tema è affrontato in particolare nei cicli Eco-Narciso, Eco-Discesa e Figure, di cui fanno parte le opere esposte in mostra.In Eco-Narciso, l’artista isola la figura di Narciso e, prescindendo dall’edonistico autocompiacimento del mito, cerca di cogliere l’esatto momento in cui, rispecchiandosi, la figura si scinde e diviene altro da sé, perdendo i propri confini spazio-temporali.La duplicità è infatti un concetto fondamentale nel lavoro di Alfano, come mostrano le figure spezzate di Eco-Discesa, il primo ciclo degli anni Ottanta. Qui il doppio non è mai inteso come somma, ma come condizione di ambiguità in cui giocano il reale e il suo riflesso. Tutto oscilla fra queste due dimensioni. L’eco è una voce che va oltre la sua sorgente d’origine ma che ha sempre bisogno di una fonte: così nel quadro le due parti staccate non possono agire autonomamente. Lo spazio nero ricorrente in queste opere dà forma visibile al concetto di profondità e sulla soglia insondabile compare la figura umana. La tela tagliata sembra indicare la frattura dell’individuo, poi ricomposta attraverso una fitta trama di fili.La scissione e la perdita di centralità dell’individuo sono rimarcate anche nei lavori successivi del ciclo Figure, dove i corpi si sdoppiano specularmente, si dividono o sono spesso rappresentati di spalle nell’atto di varcare una metaforica soglia, fino a smaterializzarsi in spazi cromaticamente densi, grigi e blu saturi, che li avvolgono. La mostra si potrà visitare fino al 3 giugno 2016.
Carlo Alfano (1932/1990) è nato ed è vissuto a Napoli. Fin dalle sue prime opere ha esplorato la dimensione temporale della rappresentazione. Un’opera cruciale in tal senso è Archivio delle nominazioni 1969-74 in cui una cornice metallica diventa il luogo di una raffigurazione temporale, sonora e verbale insieme: un nastro magnetico fende lo spazio e scandisce i secondi, le parole e i silenzi dei diversi autoritratti. (foto: carlo alfano)

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Johnson & Johnson lancia la nuova strategia globale per la salute pubblica

Posted by fidest press agency su venerdì, 8 aprile 2016

Città del CapoCittà del Capo, Sudafrica. Johnson & Johnson presenta la sua strategia globale per la salute pubblica e con l’occasione ne inaugura il primo centro in Africa. Con questa strategia mondiale, Johnson & Johnson investirà le capacità e risorse per migliorare la salute pubblica, attraverso un’azione multidisciplinare finalizzata a ottenere un impatto sostenibile e misurabile nel rispondere a cruciali necessità ancora non soddisfatte. La messa in atto della strategia partirà dal nuovo sito appena creato in Africa e si concentrerà su tre aree terapeutiche: HIV, Tubercolosi (TBC), Salute delle mamme e dei bambini. Johnson & Johnson prevede di ampliare le aree terapeutiche di interesse e l’estensione geografica del proprio impegno.”Le sfide importanti relative alla salute pubblica nei Paesi in via di sviluppo richiedono soluzioni altrettanto eccezionali, con il coinvolgimento di imprenditori e professionisti della sanità a livello locale, mettendoli in condizione di agire da protagonisti. In questo modo possiamo far progredire ricerca, sviluppo e distribuzione di nuovi farmaci e terapie che faranno la differenza per i pazienti in Africa” – ha dichiarato Alex Gorsky, Chief Executive Officer Johnson & Johnson – “Il nostro fine ultimo è quello di dare vita ad un mondo sano e libero dalle malattie. Questo nostro approccio potrà essere di orientamento per aiutare noi ed altri a realizzare in futuro questo obiettivo a livello mondiale”.Il Team delle attività in Africa per la salute pubblica mondiale (global public health – GPH) di Johnson & Johnson, costituito da membri provenienti dalle varie realtà delle aziende del gruppo, tradurrà la strategia in programmi realizzabili a livello locale, volti a mettere a segno un impatto positivo per la salute, in collaborazione con partner sanitari locali.
La strategia GPH adotterà un approccio globale a partire dai primi stadi di ricerca su una specifica patologia, che comprenderà sviluppo, produzione e distribuzione dei prodotti, oltre all’educazione e alla formazione attraverso azioni filantropiche. Sfrutterà, inoltre, le conoscenze e le competenze specialistiche del Gruppo in ambito farmaceutico, dei dispositivi medici, e consumer, per sostenere una rete di partnership locali. Inoltre, i team di sviluppo del business delle aziende del gruppo Johnson&Johnson collaboreranno con imprenditori e centri accademici africani per istituire incubatori di imprese che favoriscano lo sviluppo di start-up locali in ambito sanitario.Con l’inaugurazione del centro in Africa, a Città del Capo, Johnson & Johnson ha annunciato le partnership locali, volte a potenziare la ricerca e sviluppo e le capacità del sistema sanitario del Paese:
• Sviluppo di capacità e competenze di Ricerca & Sviluppo per i ricercatori africani – Janssen Pharmaceutica NV ha avviato una collaborazione con il Centro di Ricerca e Sviluppo di Farmaci dell’Università di Città del Capo (H3D), il primo centro di R&S integrato, pioniere nella scoperta di farmaci world class in Africa. Aiutando a sviluppare capacità e competenze fondamentali di R&S, la collaborazione sostiene la vision di H3D di scoprire e sviluppare farmaci innovativi per necessità mediche insoddisfatte nel continente africano e oltre.
• Promozione di hub di R&S di farmaci e tecnologie sanitarie in Africa – I team dei JLABS di Johnson & Johnson Innovation forniranno orientamento e supporto agli incubatori di aziende locali per promuovere la crescita di imprenditori che sviluppino nuove attività nel campo della salute in quest’area geografica. Verrà applicato il modello di Johnson & Johnson Innovation LLC per fornire a imprenditori e start-up assistenza e orientamento in tema di ricerca, sviluppo e commercializzazione di prodotto, aspetti legali e d’investimento in modo che si possano concentrare sul raggiungimento dei progressi scientifici.
• Collaborazione con ricercatori africani per una possibile cura per l’epatite B – Allo scopo di sviluppare una cura per l’epatite B, Janssen Sciences Ireland UC sta collaborando con l’Università del Witwatersrand in Sudafrica per esplorare la nucleasi TALEN (ovvero le nucleasi degli effettori simili agli attivatori della trascrizione) mirata all’epatite B, con impiego di vettori virali e non virali.

Posted in Cronaca/News, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Corruzione, Cantone: in sanità un enorme giro di affari

Posted by fidest press agency su venerdì, 8 aprile 2016

Ministero salute«La sanità, per l’enorme giro di affari che ha intorno e per il fatto che anche in tempi di crisi è un settore che non può essere sottovalutato, è il terreno di scorribanda da parte di delinquenti di ogni risma». A sferzare il duro commento è il presidente dell’Autorità nazionale anti corruzione, Raffaele Cantone, alla presentazione dei dati dell’indagine realizzata da Transparency International Italia, Censis, Ispe-Sanità e Rissc. Secondo le cifre, infatti, nel 37% delle aziende sanitarie, si sono verificati episodi di corruzione negli ultimi cinque anni e in circa un terzo dei casi non sono stati affrontati in maniera appropriata. Ad affermarlo sono gli stessi dirigenti delle 151 strutture che hanno partecipato all’indagine sulla percezione della corruzione. I dati, presentati a Roma nel corso della prima Giornata nazionale contro la corruzione in sanità, hanno evidenziato come siano due gli ambiti che si prestano maggiormente alle pratiche corruttive, quello degli appalti e quello delle assunzioni di personale: al primo posto, l’83% dei dirigenti sanitari indica i rischi che si annidano negli acquisti di beni e servizi e il 66% nella realizzazione di opere e infrastrutture, mentre il 31% sottolinea la possibilità che si seguano scorciatoie illecite nelle assunzioni. «Il tema della corruzione in sanità – ha precisato il ministro della Salute, Beatrice Lorenzin – lo abbiamo aggredito fin dall’inizio del mio mandato e abbiamo promosso e attuato ogni iniziativa per combattere contro criminali che, come ripeto sempre, quando rubano in sanità commettono un reato ancora più grave perché i loro atti finiscono con l’incidere in modo diretto sulla qualità di assistenza e cura delle persone più fragili. Rubano allo Stato e il loro atto diventa ancora più odioso perché commesso in danno dei malati». Molto è stato fatto negli ultimi anni per prevenire i casi di corruzione in ambito sanitario: il 97% delle strutture sanitarie ha adottato uno specifico Codice di comportamento dei dipendenti integrativo rispetto a quello previsto per i dipendenti pubblici, il 93% ha predisposto un Regolamento per le procedure d’acquisto, il 92% afferma che nella propria struttura esistono procedure trasparenti per l’aggiudicazione degli appalti, l’85% ha previsto procedure per la segnalazione di casi di corruzione e azioni a tutela dei dipendenti che le effettuano (i whistleblower). «Con l’Autorità Anticorruzione -aggiunge il ministro – e con l’ausilio di Agenas, abbiamo recentemente lavorato per varare la nuova Sezione del Piano Nazionale Anticorruzione dedicata alla sanità. Fra qualche giorno io e il Presidente Cantone sottoscriveremo un apposito Protocollo per attuare controlli congiunti per garantire la piena e puntuale attuazione del citato Piano». Per la Lorenzin, insomma, il grande strumento contro la corruzione è la circolazione, la condivisione e dunque la trasparenza dei dati. Per questo nel Patto per la salute 2014-2016 sono stati previsti non soltanto il rafforzamento dei controlli nelle aziende sanitarie, ma anche un Patto per la sanità digitale e un piano di evoluzione dei flussi informativi del nuovo sistema informatico sanitario. Per Federico Gelli, responsabile sanità del pd, questo settore è oggetto di corruzione «anche perché conta su una spesa pubblica che, sebbene in contrazione, mantiene una quota importante». Ma a cavalcare l’onda dei dati sulla corruzione e l’avvertimento di Cantone, che indica come una delle maggiori criticità la non troppa trasparenza delle liste d’attesa, è il presidente della Regione Toscana, Enrico Rossi. Tornando sul tema delle liste d’attesa e della libera professione medica, sulla quale intende agire proponendo una legge di iniziativa popolare, Rossi dichiara sulla sua pagina Facebook di essere d’accordo con Cantone poiché «il superamento dell’intramoenia e ancor più l’abolizione dell’extramoenia possono costituire un passo avanti enorme in direzione della trasparenza e della equità di accesso». (Rossella Gemma fonte: doctor33)

Posted in Diritti/Human rights, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Capitalismo e democrazia: l’Italia come la Cina?

Posted by fidest press agency su venerdì, 8 aprile 2016

shanghai-chinaNon mi ha destato alcuna meraviglia la presenza, in un primo elenco di personaggi noti, di importanti dirigenti del Partito Comunista Cinese, con conti miliardari nei paradisi fiscali. Nessuna meraviglia perché lo avevo anche previsto leggendo semplicemente la cronaca quotidiana. Ci si chiede quale regime politico vige in Cina? Si dirà che il comunismo sarebbe al comando, ma bisogna fare taluni “distinguo” a chiarimento di una realtà che travolge ogni possibile convinzione ideologica.
In un sistema dominato dal socialismo reale, come è possibile che dirigenti del partito possano accumulare fortune miliardarie?
Il contagio capitalistico ha coinvolto anche il comunismo cinese, che, però, tiene sotto rigoroso controllo le piazze evitando ogni possibile azione di protesta da parte di quella stragrande maggioranza controllata dal comunismo reale.
Avviene in Cina una miscellanea paradossale di democrazia capitalistica, riservata a pochi o pochissimi, con il rigore staliniano, condito da condanne a morte per i trasgressori che osano esprimere le proprie delusioni.
La democrazia ha bisogno del capitalismo; possiamo affermare ciò dalla considerazione che l’asse che divide il pianeta non è più rivolto al dualismo democrazia e comunismo, bensì tra democrazia e autoritarismo. Accade ciò per via dell’inversione dei termini, in quanto il capitalismo si sviluppa e si afferma in un sistema democratico, ma,una volta affermato, non ha bisogno di democrazia, privilegiando l’autoritarismo, sotto qualunque natura, purchè rigoroso.
Eclatante risulta l’esempio della Cina, unico paese al mondo dichiaratamente comunista, diventato accentuatamente capitalista. Il gap tra Cina ricca e Cina povera sta aprendo una voragine incolmabile; i ricchi, diventati spesso ricchissimi, vivono nel lusso tipico di chi esercita una rivalsa contro le privazioni subite, i poveri sono diventati poverissimi, mentre la loro povertà diventa dinamica ed è destinata a crescere. La Cina è diventata la capitale mondiale delle manifatture, ha invaso il pianeta e continua a dilatarsi anche verso le tecnologie più sofisticate; ciò significherà un sempre maggior utilizzo degli automatismi produttivi a discapito del lavoro manuale, che oggi è oggetto di sfruttamento, e domani non ci sarà neanche questo perché le macchine sostituiranno l’uomo.
Ma i comunisti cinesi dove sono stante il capitalismo incombente?
Sono al governo e mantengono una situazione autoritaria che consente di tacitare qualunque forma di dissenso.
Da ciò deriva la considerazione che il gap nella popolazione cinese non è soltanto economico, ma è principalmente politico.
E’ la politica che mantiene lo stato di terrore e domina incontrastata ogni aspetto della vita pubblica e privata. La magistratura è politicizzata, non esistono sindacati, non esistono controlli di sicurezza sul posto di lavoro; esistono soltanto privilegi per quanti riescono a produrre, esportare e incrementare il PIL cinese, e sfruttamento nei confronti della stragrande maggioranza del paese considerata esclusivamente come mezzo per incrementare la produzione.
L’Italia si sta avvicinando al modello cinese, con differenze semantiche ma non sostanziali, con una palese sbandata verso forme autoritarie antidemocrtaticher. Invece di un governo comunista, si prospetta un governo liberista; ma entrambe le forme di governo necessitano dell’esercizio autoritario e puntano alla produzione, alla competitività, al mercato, ai consumi, concedendo ampie facilitazioni ai proprietari dei mezzi di produzione, permettendo lo sfruttamento dei prestatori d’opera, che vanno diventando sempre meno indispensabili perché sostituibili con macchine oppure attraverso le delocalizzazioni produttive.
Da queste considerazioni le mie più volte sostenute argomentazioni circa il pericolo incombente per il sistema democratico.
Una maggioranza liberista, tutte protesa verso il capitalismo più sfrenato, non ha bisogno di democrazia e tenderà a trasformarsi un governo autoritario.
Già ci sono le prime avvisaglie nei programmi che prevedono l’azzeramento dell’autonomia della magistratura, che non dovrebbe mai più intervenire nei reati fiscali ed economici, la maggior parte già resi inefficaci con le depenalizzazioni; plateale la dichiarazione di Berlusconi, affrontando il problema delle intercettazioni che scoprono malefatte ha detto “Le intercettazioni sono il “vulnus” della democrazia”. La maggior autorità al leader secondo una deriva presidenzialista sarà l’anticamera di una dittatura della maggioranza; mentre lo Stato dovrà essere assente nel perseguire ma attentissimo nel reprimere, dispensatore di servizi utili al mondo produttivo (strade, autostrade, TAV, ponte sullo stretto, aeroporti) ma lontanissimo dal valutare l’esigenza di una crescita equilibrata dell’economia. I primi passi sono stati compiuti dal governo Berlusconi, con la precarietà del lavoro giovanile, in modo da poter esercitare il ricatto “questo o niente”; con i periodici e preannunciati condoni fiscali che stimolano l’evasione; con l’assoluta distrazione dei controlli sulla sicurezza sul posto di lavoro, avendo praticamente eliminato la categoria degli ispettori del lavoro, perché la sicurezza costa e minaccia la competitività, mentre i morti tacciono e non creano problemi.
L’urgenza di ritornare al governo è data dall’esigenza di riprendere il discorso lì dove è stato fermato, con l’aggravante di voler coinvolgere anche il PD, partito che dovrebbe opporsi a tali manovre, sfruttando gli appetiti di poltrone che condizionano tutte le regole etiche della politica. Così ci ritroviamo a discutere di sistema democratico di fronte alla sua stessa contraddizione, con un governo che si regge sui consensi raccogliticci di quanti preferiscono la transumanza verso il potere che la tutela degli interessi nazionali. (Rosario Amico Roxas)

Posted in Confronti/Your opinions | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Nuovo regolamento sulla protezione dei dati personali

Posted by fidest press agency su venerdì, 8 aprile 2016

Online Banking ComputerBruxelles. Dopo 4 lunghi anni di iter legislativo trascorsi tra momenti di fibrillazione e fasi di stallo, lo scorso 15 dicembre è stato finalmente raggiunto l’accordo per il nuovo Regolamento sulla protezione dei dati, che domani sarà all’ esame del Consiglio dell’UE, per poi passare all’approvazione dei testi definitivi da parte del Parlamento UE forse già nel corso delle sessioni plenarie in agenda dall’11 al 14 aprile 2016.
E’ stato un percorso tortuoso quello che ha infine accesso il semaforo verde sul Regolamento Privacy UE, che ha superato la situazione di impasse più critica grazie anche alle rivelazioni di Edward Snowden sul programma Prism, che hanno di fatto convinto i deputati a premere il piede sull’acceleratore per portare a termine la riforma.
Uno degli obiettivi più ambiziosi del nuovo pacchetto sulla protezione dei dati, è quello di creare le condizioni per il Mercato Unico Digitale in Europa, che secondo le stime della Commissione potrà creare 3,8 milioni di nuovi posti di lavoro, e un giro d’affari per l’area UE di almeno 415 miliardi di euro all’anno.
“Con così tanti interessi in gioco, è impossibile fare tutti felici”, aveva avvertito il deputato tedesco Jan Albrecht, che per descrivere le avvincenti vicende ed i retroscena del Regolamento UE ha anche appoggiato la produzione del film documentario “Democracy”, e la posta in gioco è in effetti talmente alta da motivare gli oltre 4 mila emendamenti che per mesi avevano ingolfato il Parlamento nel processo legislativo della nuova normativa comunitaria sulla privacy, registrando la più grande attività di lobby da quando è stata istituita l’Unione Europea, con la finora indiscussa supremazia dei giganti del web americani messa ora a repentaglio dalle nuove e più stringenti regole sulla protezione dei dati personali.
Sta di fatto che il Regolamento è adesso una realtà, e dopo la sua imminente approvazione formale, la privacy diventerà europea per tutte le aziende pubbliche e private, che avranno due anni di tempo per adeguarsi.
Il giurista Franco Pizzetti, sette anni presidente dell’Autorità Garante per la protezione dei dati personali, ha appena pubblicato un libro che traccia una sorta di viaggio per dare ai lettori un aiuto ad orientarsi nel mondo della protezione dei dati nella prospettiva europea, utile a comprendere non solo le regole ma anche, e soprattutto, i valori che sono alla base di una visione della protezione dei dati intesa come presidio fondamentale di ogni libertà.
Il volume “Privacy e il diritto europeo alla protezione dei dati personali, dalla Direttiva 95/46 al nuovo Regolamento europeo” di cui Pizzetti è autore, si propone tre obiettivi:
Il primo, mettere a fuoco la differenza strutturale fra il concetto di Privacy e il “Right to Privacy” americano, e il diritto europeo alla protezione dei dati personali come diritto fondamentale della persona. Il secondo obiettivo è quello di ricostruire il diritto europeo alla protezione dei dati personali, basato su un intreccio continuo fra l’ordinamento della Convenzione europea dei diritti dell’uomo e quello della Unione Europea. Il terzo obiettivo è invece quello di costruire una passerella che consenta di mettere a confronto il diritto europeo esistente, basato sulle Direttive, col nuovo Regolamento.
L’arrivo del nuovo Regolamento sulla protezione dei dati personali, segnerà un mutamento storico, giuridico ed economico di grandissima importanza, non solo perché si passa da un sistema basato su direttive di armonizzazione e legislazioni nazionali di attuazione a un regolamento di immediata applicazione in tutti gli Stati membri, ma anche perché si danno regole certe a fenomeni che all’epoca della Direttiva 95/46 non erano nemmeno all’orizzonte e, soprattutto, si cerca di anticipare, per quanto possibile, una normativa adeguata anche all’imminente futuro.

Posted in Cronaca/News, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

L’analisi di Hotel Info mostra che l’Italia guadagna punti in termini di ospitalità

Posted by fidest press agency su venerdì, 8 aprile 2016

hotel italianoLa nuova “Terra dei sorrisi” in Europa è la Slovacchia (8,76 su un massimo di 10 punti). Questo è risultato dalle valutazioni di oltre due milioni di ospiti nel portale internazionale di prenotazioni HOTEL INFO. In Bulgaria e in Polonia l’ospitalità ha un’alta priorità. Attualmente il settore alberghiero bulgaro con 8,70 punti è migliorato rispetto allo scorso anno (8,40) e fa parte così, come quello polacco con 8,67 punti (prima 8,52) dei primi cinque migliori in Europa. Le top 3 dello scorso anno, Finlandia, Germania e Austria perdono invece le loro posizioni al vertice. Il settore alberghiero austriaco è stato valutato meglio, dai suoi ospiti, rispetto all’anno precedente con 8,61, ma si posiziona soltanto al 6° posto. Il settore alberghiero in Germania, con una valutazione peggiore di 8,55 (precedentemente 8,59), si deve accontentare della posizione numero 7. Il precedente leader della classifica, la Finlandia (8,44) slitta addirittura alla posizione numero 12 nelle valutazioni sull’ospitalità da parte dei clienti. Gli albergatori locali possono, al contrario, migliorare di due posizioni con un aumento a 8,40 punti e, raggiungere così il posto numero 13.
I clienti degli alberghi nel Regno Unito si mostrano un po’ più soddisfatti con 7,95 invece di 7,92 punti. Tuttavia, se ci si aspetta la proverbiale gentilezza britannica, il risultato è meno lodevole. Il Regno Unito forma, con la Danimarca (7,75), il fanalino di coda in Europa.
Nel confronto tra le principali città italiane gli ospiti propendono per Bologna (8,57) che rimane alla posizione numero 1, seguita da Catania con 8,52 punti alla posizione numero 2. Sono migliorati, in modo significativo, per l’ospitalità e la disponibilità gli albergatori di Bari. Con un aumento nella valutazione da 8,24 a 8,45 punti la città portuale e universitaria sale nella top 3 delle città italiane.
Anche Roma (8,08) riesce a fare meglio, con valutazioni più positive, e si trova alla posizione numero 8. Napoli è il nuovo fanalino di coda. Nella terza più grande città italiana gli ospiti non sono molto soddisfatti della cordialità e competenza del personale alberghiero e assegnano 8,00 punti (precedentemente 8,10). Torino con 8,26 e Firenze con 8,07 punti presentano valutazioni meno positive rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso e perdono parecchie posizioni nella classifica nazionale. E tuttavia: tutte le città nelle prime 10 posizioni hanno più di 8 punti e sono valutate per un’ottima qualità del servizio. (statistica ospitalità (verde: valutazione migliore rispetto all’anno precedente / rosso: valutazione peggiore rispetto all’anno precedente)

Posted in Cronaca/News, Viaggia/travel | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

I debiti di Roma Capitale: senza fine

Posted by fidest press agency su venerdì, 8 aprile 2016

campidoglioChi l’avrebbe mai detto? Si devono ancora pagare i debiti delle Olimpiadi del 1960! Eppure, si vogliono fare quelle del 2024! La scoperta sorprendente l’ha tirata fuori il commissario straordinario per il piano di rientro del debito di Roma Capitale, Silvia Scozzese, durante un’audizione alla commissione Bilancio alla Camera dei Deputati. Si tratta di espropri di terreni ancora non pagati e relative vicende giudiziarie.Dalla relazione emerge che il debito complessivo del Comune e’ di 12 miliardi e ci vorranno ancora 19 anni per azzerarlo; si arrivera’ al 2035. Per questo, i romani continueranno ad avere la piu’ alta addizionale Irpef d’Italia e, per non lasciarli soli, anche gli italiani seguiteranno a versare il loro contributo per risanare le casse capitoline. Insomma, i contribuenti romani e italiani hanno pagato, pagano e pagheranno la dissennata gestione della Capitale d’Italia.
Ci aggiungiamo che per il 43% delle posizioni, presenti nel sistema informatico del Comune, non e’ stato individuato direttamente il soggetto creditore, cioe’ non si sa a che dare i soldi.Per convincere Governo, Regione e Comune a ritirare la candidatura di Roma alle Olimpiadi del 2024, non basta il disastro delle casse comunali, lo spreco dei Mondiali di Nuoto del 2009, lo sperpero dei Mondiali di Calcio del 1990, lo stato di degrado della Capitale d’Italia? Cosa altro si vuole di piu’? (Primo Mastrantoni, segretario Aduc)

Posted in Cronaca/News, Economia/Economy/finance/business/technology, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Traffico aereo: voli fermi

Posted by fidest press agency su venerdì, 8 aprile 2016

aereoSabato 9 aprile per chi viaggerà in aereo si prevedono forti disagi. In tutti gli aeroporti italiani (isole comprese) è stato proclamato uno sciopero della durata di 4 ore, dal sindacato autonomo UN.I.C.A. (Unione Italiana Controllo e Assistenza al Volo). Dalle 10 alle 14 si stima che verranno cancellati oltre 250 voli. Si registreranno le maggiori criticità soprattutto negli aeroporti di Roma, Milano, Venezia, Napoli, Catania considerato il gran numero di voli che insistono su di essi. “Il nostro sindacato – spiega il coordinatore nazionale Gianluca Labigi – ha deciso di esprimere il proprio dissenso nei confronti del contratto di settore organizzando uno sciopero che, viste le alte percentuali di adesione avute ultimamente (50% e più), sappiamo bene che creerà non pochi disagi. Ci scusiamo sin da ora con i passeggeri ma questa per noi era la sola scelta possibile. Abbiamo tentato, invano, di avviare un dialogo per essere anche il linea con le scelte del governo, ovvero trattare sulle basi di un contratto aziendale, ma in controtendenza assoluta ENAV non ha accettato nessun compromesso. I rimandi sono ormai inaccettabili. Mentre Enav avvia l’ingresso in Borsa, dunque, tanti sono i problemi che, però, si tende a non affrontare. Accanto ad UN.I.C.A., – aggiunge il coordinatore – sciopererà anche l’ANPCAT (Associazione Nazionale Professionale Controllori e Assistenti al Traffico aereo) che incrocerà le braccia per protestare contro l’assurda regola pensionistica che applica due diverse età per il collocamento in quiescenza (60 e 67 anni) dei controllori di volo”. Durante lo sciopero di entrambe le sigle sindacali, comunque, saranno garantiti i servizi minimi previsti per legge.

Posted in Cronaca/News, Viaggia/travel | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Accesso ai fondi UE

Posted by fidest press agency su venerdì, 8 aprile 2016

european commissionLa Commissione Europea utilizza una definizione estremamente ampia del concetto di impresa: considera impresa ogni entità, indipendentemente dalla forma giuridica rivestita, che eserciti un’attività economica, dove per attività economica si intende qualunque attività consistente nell’offrire beni e servizi in un dato mercato. Un orientamento molto chiaro, richiamato in numerose raccomandazioni e regolamenti del 2013 e 2014, e confermato dal TAR, sulla base del quale tutti i fondi europei FSE e FESR devono essere aperti anche ai lavoratori autonomi, anche non organizzati in forma di impresa e senza distinzione tra professionisti con ordine e senza ordine.Tuttavia questo orientamento è stato generalmente ignorato in Italia: in molte regioni gli enti preposti hanno continuato a limitare l’accesso ai bandi alle sole imprese (ovvero a chi esercita un’attività economica ed è iscritto al Registro Imprese delle Camere di Commercio). Per spingere tutte le regioni a conformarsi alle regole comunitarie, il DDL – Misure per la tutela del lavoro autonomo non imprenditoriale e misure volte a favorire l’articolazione flessibile nei tempi e nei luoghi del lavoro subordinato collegato alla legge di stabilità 2016, introduce definitivamente nell’ordinamento nazionale la parificazione giuridica del professionista allo status di “piccolo imprenditore” quale è considerato dall’Europa.La parificazione dei lavoratori autonomi ai piccoli imprenditori vale anche ai fini dell’accesso ai Programmi cofinanziati dai Fondi SIE (Fondi strutturali e di investimento europei, ovvero, Fondo Sociale Europeo, FSE – Fondo europeo di sviluppo regionale, FESR – Fondo europeo agricolo per lo sviluppo rurale, FEASR – Fondo europeo per gli affari marittimi e la pesca, FEAMP).

Posted in Cronaca/News, Economia/Economy/finance/business/technology, Estero/world news, Uncategorized | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Caso Regeni gestito male dal governo?

Posted by fidest press agency su venerdì, 8 aprile 2016

giulio regeni“Sul caso Regeni il governo, come sempre, si è mosso tardi, e male”. Lo ha detto Renato Brunetta, capogruppo di Forza Italia alla Camera dei deputati, parlando con i giornalisti in sala stampa a Montecitorio. “Due anni che non fa nulla, il governo Renzi, per il caso dei Marò, e nel caso Regeni silente, protestante, arrabbiato, acquiescente. Non è così che si fa politica internazionale, non è così che si chiede la verità. In ogni caso noi andremo avanti, andremo avanti a chiedere la verità qualunque cosa possa succedere. Non è possibile che la dignità del nostro Paese venga messa sotto i piedi, soprattutto se di mezzo c’è una vita, una giovane vita, che non meritava di essere stroncata per nessuna ragione”. “Il governo doveva fare di più sin dall’inizio e non lo ha fatto. Adesso, devo dire, ho apprezzato Gentiloni, anche se, ripeto, tardivo”, ha sottolineato Brunetta.

Posted in Cronaca/News, Estero/world news, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »