Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 31 n° 344

Il valore di un voto e un voto per un valore

Posted by fidest press agency su lunedì, 11 aprile 2016

elezioniRoma. “Intensamente partecipate le attività che precedono le prossime elezioni amministrative, anche se sembrano più orientate a capire cosa stiano facendo gli avversari che non determinate a spiegare con esattezza cosa faranno i vari candidati sindaco. C’è un pacchetto proposte-denuncia che sono uguali per tutti, perché raccolgono il grido di dolore dei romani, esasperati anche dalla vicenda dell’invasione dei topi fuori da alcuni ristoranti. Dire no al malgoverno e al malaffare è d’obbligo; dire cosa si potrebbe fare per far crescere il Buon governo e azzerare il malaffare è tutta un’altra cosa! Ne abbiamo parlato oggi pomeriggio con un gruppo di giovani fedelissimi di Etica & Democrazia, per provare a chiedersi non tanto e non solo in che cosa consista la responsabilità del Sindaco, ma fino a che punto debba spingersi la responsabilità dei futuri consiglieri comunali, compresi quelli che entreranno a far parte delle varie circoscrizioni.” Lo afferma la deputata di Area popolare Paola Binetti, che coordina le attività della Associazione Etica & Democrazia. “Si parla troppo di questo e di quel sindaco, immaginando scenari diversi a seconda di chi sarà eletto e si trascura completamente la responsabilità di ogni singolo membro che entrerà a far parte della Giunta e del Consiglio comunale. Come sempre assistiamo ad una eccessiva concentrazione sul leader, vizi e virtù, e dimentichiamo che il valore aggiunto delle prossime amministrative dovrebbe essere la qualità della squadra, intesa non come un gruppo di gregari, ma come teste pensanti capaci di dire di si, ma anche di no!, a chi governa, senza temere ricatti e ritorsioni. Non ci sarà lotta al malgoverno e al malaffare se non c’è la certezza che ognuna delle persone elette sarà capace di assumersi in prima persona il compito di collaborare a migliorare lo stato della Casa comune, come ama ripetere Papa Francesco, senza mai rinunciare ad esercitare in tempo reale il suo ruolo propositivo in una autentica rivoluzione morale. Le recenti vicende che hanno condotto alle dimissioni del ministro Guidi, mostrano al di là di ogni ragionevole dubbio che quello che è venuto meno è stata la responsabilità collegiale dei molti che vedevano, che ascoltavano e che sapevano. Noi vorremmo che le nuove amministrative fossero davvero un autentico laboratorio di buona politica e da lì ripartiremo con i giovani decisi a mettersi in gioco e a tentare questa avventura coraggiosa del governo di Roma Capitale”.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: