Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 31 n° 321

Archive for 12 aprile 2016

Regina Coeli: il Luogo e la Città

Posted by fidest press agency su martedì, 12 aprile 2016

Carcere Regina Coeli alla LungaraMercoledì 13 aprile 2016 dalle 17.00 Centro Studi Cappella Orsini, via di Grottapinta n.21. Allo stato attuale il carcere è in grado di scoraggiare dal tornare a commettere un reato chi ha già scontato una pena? La recidiva ha un alto costo sociale ed economico, aumenta l’insicurezza, deprime gli investimenti. Pensare un nuovo modello di carcere per abbattere la recidiva non è solo un impegno morale ma una necessità per contribuire all’aumento della legalità, precondizione per la crescita del Paese, l’aumento dell’occupazione e della competitività. La realizzazione del grande murale da parte dell’artista sudafricano William Kentridge proprio ai piedi del complesso di Regina Coeli, e le tematiche identitarie in esso sviluppate, stimolano a ridefinire con nuovi occhi la questione “Regina Coeli”, carcere nel Cuore della Città. In buona sostanza, a fronte di una opinione tendente alla conservazione della memoria e alla valorizzazione del manufatto storico, appare sempre più farsi strada la convinzione che le deficienze strutturali dell’antico carcere, l’età e la concezione stessa dell’edificio, diano luogo a uno stridente contrasto con la concezione della pena e con quanto previsto dall’Ordinamento Penitenziario, rendendone preferibile la dismissione in favore di una moderna struttura, meglio attrezzata dal punto di vista della sicurezza e carceredel confort abitativo ma che, fatalmente, dovrebbe essere collocata ben oltre i perimetri metropolitani, lontana ed avulsa dal tessuto urbano, dai servizi e dalla vita dalla città…. Nell’ambito dell’attività scientifica e di studio della città di Roma, alla vigilia dell’incontro conclusivo degli Stati Generali sull’esecuzione penale organizzati dal Ministero della Giustizia, il Centro Studi Cappella Orsini torna ad occuparsi dello storico carcere di Regina Coeli, chiamando le personalità più significative a livello accademico e istituzionale titolate ad esprimersi su un complesso architettonico e istituzionale cosi importante dell’Urbe. Ne discutono rappresentanti delle Università, delle parti sociali e delle professionalità specifiche:
h 17.00 Prof. Arch. Ruggero Lenci Coordinatore scientifico, Arch. Cesare Burdese Esperto di edilizia penitenziaria, componente Tavolo 1 Stati Generali dell’Esecuzione penale, “Spazio della pena: architettura e carcere”
Dott. Donato Capece Segretario Generale del SAPPE
Arch. prof.ssa Daniela De Leo Pianificazione e Urbanistica Università di Roma “La Sapienza”
Prof. Marina FormicaResp. Progetto Teledidattica in Carcere Storia Moderna Università di Tor Vergata
Prof. Arch. Rainaldo Perugini Storia dell’Architettura Università di Roma Tre
Prof. Arch. Giuseppe Rebecchini Università di Roma “La Sapienza”
Arch. Leonardo Scarcella Ministero della Giustizia, componente Tavolo 1 Stati Generali dell’Esecuzione penale, “Spazio della pena: architettura e carcere”
Arch. Luca Zevi Presidente INARCH Lazio, Coordinatore del Tavolo 1 Stati Generali dell’Esecuzione penale, “Spazio della pena: architettura e carcere”
Cons. Giovanni Zannola Consigliere uscente Municipio di Ostia
Dott. Paolo Palomba Direttore del Tavolo interreligioso di Roma
Rappresentanti delle Istituzioni:
h 19.00 On. Gennaro Migliore Sottosegretario di Stato Ministero di Grazia e Giustizia
Dott. Santi Consolo Capo del Dipartimento dell’Amministrazione Penitenziaria
Dott. Mauro Palma Garante Nazionale peri i diritti dei detenuti
Silvia Sergi Direttore della Casa Circondariale di Regina Coeli
Sabrina Alfonsi Presidente del I Municipio
Coordina Carmine Fotia Giornalista

Posted in Cronaca/News, Roma/about Rome, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Riforme costituzionali e la fretta del governo

Posted by fidest press agency su martedì, 12 aprile 2016

camera deputati“Torna alla Camera, per una ultima approvazione, la legge Boschi sulla riforma costituzionale. La legge che tra le altre cose abolisce il Senato, riducendone nei fatti le competenze in modo molto significativo e lascia nell’ombra le modalità concrete con cui verranno identificati i membri di questa nuova struttura, il loro ruolo specifico, e la dialettica con la Camera dei deputati. Ciò che colpisce anche questa volta è la fretta con cui il governo vuole chiudere una riforma su cui il Paese sarà chiamato a pronunciarsi con il referendum del prossimo ottobre. Un referendum a cui Renzi ha strettamente legato la sua sorte politica e quella del governo: se la riforma non passerà mi dimetterò e tornerò a fare altro. Nessuno lo crede, ma la minaccia c’è e basta a dar ragione dell’importanza dell’appuntamento referendario del prossimo autunno, che non ha nulla a che vedere con il referendum di primavera sulla trivelle. Nessun impegno in questo caso; massimo livello di guardia per il referendum d’autunno”.
Lo afferma l’onorevole Paola Binetti di Area popolare, che continua: “Prudenza vorrebbe che in occasione dell’ultima approvazione della Camera di una riforma costituzionale di grande portata non solo il dibattito non venisse strozzato, ma si prestasse un’estrema attenzione alle riserve e alle osservazioni di una parte assai responsabile degli italiani. Invece sembra che ancora una volta il governo abbia fretta e voglia chiudere il procedimento nel minor tempo possibile. Dà la sensazione di avere una paura non indifferente rispetto ad eventuali modifiche o a semplici rimandi. In definitiva conferma di essere in difficoltà nonostante l’ostentata sicurezza con cui si presenta all’appuntamento. Eppure ogni nodo non risolto ora, diventa una spina tutt’altro che irrilevante per l’appuntamento d’autunno. Serpeggia nella opinione pubblica, e non solo nell’opposizione agguerrita di alcune delle cosiddette minoranze, che questa riforma non risponda alle reali necessità del Paese. C’è l’idea latente che finisca col rafforzare il potere di qualcuno, senza gli opportuni sistemi di contrappeso. La fretta, chiusa davanti alle ragionevoli riserve di una parte del paese che non può certo essere accusata di conflitto d’interessi, conferma il sospetto, in una condizione del governo che appare messa in crisi da una serie di fatti concreti che ne appannano l’immagine riformista e innovatrice degli inizi del governo. Ci pensi Renzi e ci pensi anche la Boschi, perché sono loro due i volti-immagine di questo governo e quindi sono anche quelli che intascano il maggior successo, quando le cose vanno bene, e tutta la responsabilità nei momenti di crisi. Mostrare meno fretta e più capacità di ascolto è una garanzia soprattutto per loro, oltre che, ovviamente, per tutto il paese”.

Posted in Cronaca/News, Politica/Politics, Uncategorized | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Morte di Gianroberto Casaleggio

Posted by fidest press agency su martedì, 12 aprile 2016

casaleggio-beppe-grillo“La morte di Gianroberto Casaleggio mi ha sorpreso questa mattina come un evento imprevisto e imprevedibile. Ho pensato: non è possibile. Sono così giovani e pieni di vita i colleghi del M5S, sempre così pronti alla protesta, alla reazione rapida di denuncia, alla sceneggiata incisiva sul piano mediatico, anche se a volte un po’ buffonesca: ma sono i giovani del Parlamento italiano. Giovani per età, per freschezza, perfino per ingenuità quando lanciano programmi così innovativi da far credere che nessuno prima di loro possa aver pensato quelle cose e addirittura possa aver provato a farle. Giovani con cui il mondo ricomincia, ma giovani che avevano alle spalle Grillo e Casaleggio, un uomo di spettacolo e uno di comunicazione. Il loro assist vincente. Distante da loro in molte battaglie, ma non in tutte, non se ne poteva non apprezzare la genialità comunicativa; l’evento spot che obbligava alla critica ma anche ad un sincero apprezzamento per la capacità di bucare lo schermo della pubblica opinione. Oggi che Gianroberto Casaleggio non c’è più, con un certo rammarico anche noi ci stringiamo accanto alla sua famiglia naturale, ma anche accanto a questa sua famiglia politica. E nel silenzio che meritano i fatti rilevanti, ci auguriamo che quella tradizione così efficace sul piano comunicativo non vada perduta”. Lo afferma l’onorevole Paola Binetti di Area popolare.
“Dispiacere e amarezza per la morte di Casaleggio. Cordoglio ai familiari e ai suoi affetti più cari”. Lo scrive su Twitter Simone Baldelli, deputato di Forza Italia e vice presidente della Camera.
“Casaleggio era certamente un innovatore, un innovatore in chiave antipolitica”. Lo ha detto Renato Brunetta, capogruppo di Forza Italia alla Camera dei deputati, parlando con i giornalisti in sala stampa a Montecitorio. “Penso che un movimento di popolo possa continuare anche senza il fondatore. Auguro al Movimento 5 Stelle di continuare nella propria azione politica, nella lezione di Casaleggio. Tutto ci divide dal Movimento 5 Stelle, ma in queste situazioni, come dicono, ‘dei morti non si può che parlar bene’”. “Preferisco non fare calcoli politici in momenti del genere”, ha risposto Brunetta a chi gli chiedeva i possibili contraccolpi nello scenario politico nazionale dopo la scomparsa di Casaleggio. “Preferisco – ha sottolineato – rispettare il dolore di tutti i militanti e gli eletti del Movimento 5 Stelle, dolore a cui mi unisco come persona, come capogruppo di Forza Italia alla Camera e come collega dei deputati del Movimento 5 Stelle, che ricordo essere il primo partito italiano. Il primo partito italiano non è il Partito cosiddetto democratico. Come non rispettare il fondatore del maggior partito italiano? Questo è il nostro stile”, ha concluso Brunetta.
«La prematura scomparsa di Casaleggio colpisce tutti. Il mio cordoglio e la mia vicinanza alla famiglia in questo momento difficile». È quanto scrive su Twitter il presidente di Fratelli d’Italia, Giorgia Meloni.

Posted in Cronaca/News, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

London Book Fair

Posted by fidest press agency su martedì, 12 aprile 2016

londonbookfairLondra dal 12 al 14 aprile nella sede storica di Olympia. L’Italia parteciperà con uno stand collettivo (stand 5C110) di circa 110 mq, realizzato dall’Associazione Italiana Editori (AIE) e dall’ICE-Agenzia per la promozione all’estero e l’internazionalizzazione delle imprese italiane, in cui esporranno 18 aziende italiane: logosedizioni, 24 Ore Cultura, Black Cat – Cideb, Bologna Children’s Book Fair, Edi.Ermes, Edizioni Corraini, Food, G. Canale & C, Gruppo Albatros Il Filo, Guerra Edizioni, Il Castoro, Jaca Book, Kimerik, Moon, Piccin Nuova Libraria, Printer Trento, Sassi Editore, Stige. Anno dopo anno, l’appuntamento è diventato cruciale per gli editori. L’edizione 2016 della London Book Fair registra 60 Paesi espositori, circa 1500 stand, 220 seminari ed eventi. Saranno oltre 25mila i partecipanti tra visitatori professionali, espositori e partecipanti ai convegni.
Per la prima volta la fiera ospita la 31ma edizione dell’International Publishers Association Congress (9-12 aprile) che coinvolge 600 editori internazionali. Il congresso è organizzato dall’International Publishers Association (IPA), dalla Publishers Association (PA) e dalla London Book Fair.Il sito della London Book Fair: http://www.londonbookfair.com (foto: londonbookfair)

Posted in Estero/world news, Uncategorized | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

EU Single Market: major issues at stake for cities and regions

Posted by fidest press agency su martedì, 12 aprile 2016

Full respect of Schengen the schengen agreement and of the “Think Small First” principle is crucial to ensuring that the EU Single Market works and provides specific benefits to citizens and small and medium-sized enterprises (SMEs). These are the main messages of the opinion approved by local and regional leaders at the European Committee of the Regions plenary session.”The EU Single Market is one of the greatest achievements of the European Union and we should not jeopardise it. On the contrary, we need economic and structural reforms to exploit its full potential. Regions play an important role here as economic regulators and operators. Moreover, their experience in cooperation across borders helps to identify not just local but European barriers to freedom of movement. Cutting off Schengen and freedom of movement from the Single Market would not only trigger high administrative costs but also hinder growth and job creation,” says Alessandro Pastacci (IT/PES) CoR rapporteur on the CoR opinion on “Upgrading the Single Market” and President of the Province of Mantova.The rapporteur also supports the inclusion of the Single Market pillar in the European Semester and a range of measures for SMEs and start-ups. He urges the “Think Small First” principle to be applied, which means having the smallest enterprises in mind when drafting legislation, a reduction of VAT registration and reporting burdens for SMEs and start-ups, especially when operating across borders, and the application of the Directive on combating late payment in commercial transactions.Ahead of the vote on her report in the IMCO committee of the European Parliament (EP), scheduled for 21 April 2016, the EP rapporteur Lara Comi welcomed the CoR opinion as very valuable input into her work and highlighted the need for further measures to support SMEs: “It is necessary to provide forms of compensation for late payments by public bodies. Furthermore we should introduce a VAT flat rate in the e-commerce sector and support the proposal of a services passport with the aim of helping service providers to require only one valid document for all Member States.” In relation to public procurement, local and regional leaders would like to lower the ceiling of EUR 700 million for the voluntary ex-ante assessment in relation to the procurement of large-scale infrastructure projects. CoR members would also like to look into an analysis of the economic, social and territorial impact on the Single Market before granting China a Market Economy Status by the end of 2016.The members of the CoR regret that the social economy, which represents 11 million jobs and 2 million businesses, is missing from the European Commission’s proposal for upgrading the Single Market, as is the steel industry. The CoR will dedicate a specific opinion to the challenges faced by the steel industry presented by Isolde Ries, First Vice-President of the Saarland Regional Parliament, at the CoR’s ECON meeting on 22 April.
The European Committee of the Regions is the EU’s assembly of regional and local representatives from all 28 Member States. Created in 1994 following the signing of the Maastricht Treaty, its mission is to involve regional and local authorities in the EU’s decision-making process and to inform them about EU policies. The European Parliament, the Council and the European Commission consult the Committee in policy areas affecting regions and cities. To sit on the European Committee of the Regions, all of its 350 members and 350 alternates must either hold an electoral mandate or be politically accountable to an elected assembly in their home regions and cities. Click here for more details on your national delegation.

Posted in Estero/world news, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Teleena names Kim Bybjerg as Board member

Posted by fidest press agency su martedì, 12 aprile 2016

teleenaNieuwegein Teleena today announced that Kim Bybjerg, one of the pioneers of the Internet of Things in Europe, will join its Board of Non-Executive Directors.
Kim Bybjerg (1962), presently Managing Director of Falck Safety Services The Netherlands and Germany, has been Director Business Development in Europe, Middle-East and Africa for Jasper Wireless, a large provider of IoT services to telecom operators. Before that he was Managing Director at JHB Group, consisting of mobile payment enabler Liquix and smart-metering company Xemex. Kim has been developing the M2M activities at Vodafone as Director M2M Northern Europe. As Managing Director M2M, Kim set up M2M business at KPN and launched and developed the partnership between KPN and Jasper. Prior to this he held various management positions in Orange, Siemens, IBM and AT&T.“Now more and more ‘things’ are connected and managed by our platforms, Kim brings a wealth of proven leadership in Internet of Things (IoT) and specific international commercial entrepreneurship to our company,” said Marc van der Heijden, Chairman of the Board of Non-Executive Directors of Teleena.”I am excited to join this fast-growing and innovative company and I am looking forward to help them to accelerate their business”, said Kim Bybjerg. “Teleena’s leading position in enabling Timo SmitMobile Virtual Networks Operators (MVNO’s) has provided them with an ideal technological and commercial position to successfully extend their customer base to global IoT players”.“Teleena strongly believes in the potential of IoT related business activities and we are proud we can welcome Kim to our team,” said Timo Smit, executive director of Teleena. “The role we can play in the IoT eco-system is clear to us: integration, mobile traffic management, global connectivity, monetization, billing and provision of flexible platforms. We are driven by a will to co-create and enhance the competitive position of our customers.” The Internet of Things is expected to become one of the growth area’s for IT and Telecom companies and will be rapidly made available to their customers with the help of enablers like Teleena. Although predictions about the magnitude are not coherent, it is expected that billions of devices will be connected via available networks throughout the world in the coming ten years.
Teleena is the leading global IoT and MVNO enabler headquartered in the Netherlands, with regional offices in London and Dubai. Teleena has been enabling companies with IoT and Mobility ambitions since 2007 with a broad portfolio of products and services and currently operates more than 1 million devices worldwide with a team of over 70 professionals.Our value proposition: we turn complex integration and customization challenges into simple managed solutions.We work agile and deliver fast (short lead times). We span the entire IoT/Mobile spectrum from core network (SIMs, GGSN/PGW, OCS/PCRF, HLR/HSS) to business support tools (Management Portal and APIs) in a highly scalable way. Our real-time solution allows our customers to cost-effectively interact with every end-user or device and monetize IoT for consumer or business. What sets Teleena apart from competition is the fact that we provide end-to-end telco-grade solutions with a strong focus on tailor-made customer facing elements (branded self-care portals, retail invoicing etc). Our way of working is that we don’t think in standard solutions, we think and work agile and we aim for customer intimacy. Teleena’s international global roaming agreements provides access to 400 networks in 200 countries , LoRa networks will be added this year, as well 50 million global WiFi hotspots via partner deals.

Posted in Estero/world news, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

DIFC, DIEDC and UAE Insurance Authority inaugurate 11th annual World Takaful Conference

Posted by fidest press agency su martedì, 12 aprile 2016

World Takaful Conference1Dubai, UAE. This morning, the 11th annual World Takaful Conference (WTC) played host to powerful keynote addresses to a packed audience of over 300 industry leaders from the Middle East, East Asia, Europe and Africa. Convened by Middle East Global Advisors and in strategic partnership with the Dubai International Financial Centre (DIFC) Authority, WTC is held under the theme “Prudent Practices for Global Growth” and considered to be the world’s most powerful Takaful gathering.The growth of the Takaful industry, exhibiting an impressive double digit growth whilst remaining underdeveloped as compared to the thriving Islamic finance industry, is paramount to strengthening the overall Islamic economy.As such, it was very fitting that the opening keynote was delivered by Abdulla Mohammed Al Awar, Chief Executive Officer, Dubai Islamic Economy Development Centre (DIEDC), who spoke on the linkages between Takaful growth and the overall Islamic economy: “Takaful is a key pillar within the Islamic ecosystem. Although a quantum leap cannot be expected in the Takaful Industry within a year, there have been a lot of strategic developments which will pave way for the growth of Takaful within the Islamic finance landscape.” Following suite was H.E. Ebrahim Obaid Al Zaabi, Director General of the UAE Insurance Authority, who spoke on the UAE regulatory space: “The Insurance Authority of UAE has played a pivotal role in setting out key rules to ensure stability of the insurance industry. Â Adhering to the regulatory requirements – ranging from adjusting the internal systems to appointing internal auditors and actuaries by 2018 – will be challenging for the Insurance and Takaful Industry but will lead to its growth and stability.”Representing the conference’s Strategic Partner, Salmaan Jaffrey, Chief Business Development Officer at the Dubai International Financial Centre (DIFC), spoke on the critical role of the DIFC as a global platform for the ReTakaful industry to service the economies of the Middle East, Africa and South Asian regions. He mentioned, “Today, the Islamic insurance industry has gained wider acceptance and appreciation transcending the boundaries of Muslim-based economies. This growing momentum is expected to continue and expand its reach into emerging markets in the MEASA region. Our goal as a leading financial hub is to create a dynamic Islamic financial system that will support this growth and contribute to the overall development of our economy.
An ideal platform to showcase the vast potential of Takaful and Re-takaful, this year’s World Takaful Conference was a great success. I am confident that our collective efforts to deliberate new solutions and innovations for the long-term development of Islamic insurance will transform the industry into a vibrant and resilient space.”
Dave Matcham, Member of Executive Committee, Islamic Insurance Association of London (IIAL) spoke on London as the gateway to Takaful in the West: “New horizons for the Takaful market lie ahead in the international market space. The establishment of the Islamic Insurance Association of London (IIAL) speaks of a large untapped market for Islamic insurance in the west. Whilst, IIAL is taking steps so that Islamic insurance is recognized in the UK, the main agenda is to work on four points, namely: innovation, talent development, promotion and modernization.” Following the keynote addresses was the launch of the groundbreaking “Finance Forward World Takaful Report 2016”. Produced by Middle East Global Advisors, and with contributions from Takaful Outsource, the report provides a comprehensive overview of the state of the global Takaful market. Sahar Kazranian, Acting CEO of Middle East Global Advisors, shared that the Report is based on expert analysis and feedback from the industry’s leading practitioners: “Our aim is to shed light on the opportunities and challenges that lie ahead for the Takaful market. The Report provides a way forward to addressing various challenges ranging from price wars and pricing regulation, to closing the gap of human capital.”She concluded: “We hope that this proves instrumental in helping the Takaful leader navigate the regulatory, economic, demographical and technological landscape in these uncertain and sometimes volatile economic times.” The WTC audience comprised of high profile guests and dignitaries from Dubai Islamic Economy Development Centre, Dubai International Financial Centre, Islamic Insurance Association of London, Insurance Authority UAE, PwC, Moody’s, EY, Swiss Re, Munich Re, Noor Takaful, Watania, Emirates RE and many more organisations. To find out more about WTC, visit http://www.wtc16.com. (photo: World Takaful Conference1)

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Estero/world news, Uncategorized | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

European Border and Coast Guard: presentation of draft report

Posted by fidest press agency su martedì, 12 aprile 2016

europa-261011-cCivil Liberties MEPs will discuss plans to turn the EU’s Frontex border agency into a common border and coast guard with the EU Commission, the Council Presidency, Frontex and the European Data Protection Supervisor on Monday at 19.30. Rapporteur, MEP Artis Pabriks (EPP), will present his draft report.
The Commission presented the border and coast guard package on 15 December 2015 to ensure strong and shared management of the EU’s external borders. The Commission’s proposal aims to:
turn Frontex into a European border and coast guard agency,
which, with its own 1,500-2,000 staff and equipment, would no longer have to rely entirely upon member states’ contributions and could, in urgent cases, deploy agents
· establish a vulnerability assessment as a preventive mechanism to avoid ineffective control
· appoint liaison officers of the agency in member state
· organise joint operations and rapid border interventions
· establish a rapid reserve pool of at least 1500 border guards
establish a European “return” office within the new agency.

Posted in Estero/world news, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

WeMarket Launches Global B2B Marketplace

Posted by fidest press agency su martedì, 12 aprile 2016

Today, WeMarket launches the first business-to-business only marketplace, allowing buyers and suppliers to trade with new business partners all over the world in a personal, safe and transparent online environment.WeMarket, from the founder of easy file-transfer service WeTransfer, enables companies of all product categories to trade globally on one platform and explore areas of business that would otherwise have remained uncharted. More than 30 industries are already trading on WeMarket, after joining the marketplace during the beta phase that started in the summer of 2015. Product placements are rapidly growing, varying from wine to consumer electronics and refined oil to fashion apparel. Currently, products on the marketplace include brands such as Nike, Samsung, Castrol, Riverdale Mills Corporation, Volkswagen and Dom Perignon. Online trade is expected to gain 27 percent of total B2B trade by 2020 at a calculated value of $6.7 trillion. Buyers and suppliers all over the world are looking for ways to utilize the digital market’s potential, and WeMarket has filled that need.“Small and large companies are tired of missing out on billions of dollars in trade opportunities currently hibernating in non-transparency and old-fashioned tradesmanship. WeMarket promises to make an end to this status quo, by enabling international trade for a variety of companies – from large to small brands, retailers, distributors and many more. It’s 2016! Connecting is easy and instant now. WeMarket’s online marketplace empowers companies to get in touch quickly and overcome boundaries. This will stimulate global trade,” said Patrick Steenkist, CEO of WeMarket.
WeMarket gives companies new opportunities to grow trusted relationships in the market through WeMarket Karma, a cutting-edge reliability rating, which metrics include credit scores, business profiles and user ratings. WeMarket Karma will also include a buyer and supplier’s impact and actual trade behavior, such as timely delivery and payment. WeMarket Insights consists of a personalized dashboard that provides real-time updates of the products that are in stock or demand. WeMarket also provides companies with a segmented targeting feature that allows companies to market their products by country, industry and product category.“Growing your business by taking a chance on new opportunities is appealing. However, it’s often time-consuming, since trusted relationships aren’t built in a day, right? Well, we believe they can be built in a split second,” said Gijs van den Broek, CCO of WeMarket. “It’s about giving back. We use the vast amount of trading data generated by our users to equip them with the tools to seize opportunities they would otherwise have missed.” Feedback and new insights from companies that are using WeMarket since the beta phase have been incorporated to create an improved and strengthened marketplace. WeMarket’s user-orientated marketplace is intuitive, inventory files can be uploaded for easy product placement and the integration with service partners such as UPS, Dun & Bradstreet, SGS and American Express has been taken to the next level. These features make B2B trade more streamlined and eliminates hassle. Companies can sign up for free unlimited trading, as WeMarket employs a Freemium model with paid premium features in the future.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Fight against terrorism and serious crime

Posted by fidest press agency su martedì, 12 aprile 2016

StrasbourgStrasbourg On Wednesday 13 APRIL 2016 14.00 Press room of the European Parliament in Strasbourg. MEPs are set to vote on Thursday 14 April on an EU directive regulating the use of Passenger Name Record (PNR) data in the fight against terrorism and serious crime.
Negotiators from Parliament and Council reached last December a provisional deal on the legislation, which was endorsed by the Civil Liberties committee on 10 December. The Parliament´s rapporteur was Mr Timothy Kirkhope (ECR, UK)Under the new rules, airlines will have to hand EU countries their passengers´ data to help combatting terrorism and other forms of serious crime. The data will be kept for 5 years, but after the first six months they will be “masked out”, i.e., all personal identifying information will be rendered invisible.

Posted in Estero/world news, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Mostra di Antoni Muntadas

Posted by fidest press agency su martedì, 12 aprile 2016

mostra accademia spagnaRoma giovedì 14 aprile alle ore 19 presso la Real Academia de España en Roma (Piazza San Pietro in Montorio, 3 Gianicolo) mostra di Antoni Muntadas PROTOCOLLI E DERIVE VENEZIANI.L’esposizione è composta dalla serie di fotografie Protocolli Veneziani, che riportano particolari architettonici di Venezia, evidenziando le peculiarità dell’abitare lontano dalla terraferma, e dal film Derive Veneziane, presentato alla 72a Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica, racconta un lato inesplorato di Venezia, sconosciuto ai più, misterioso e al contempo affascinante, caratterizzato da una quasi totale mancanza di individui, che al contrario durante il giorno affollano le calli in maniera spropositata. Si tratta di un’occasione unica anche per incontrare questo importante artista multidisciplinare, che spazia dalla fotografia al video, dalle installazioni agli interventi urbani, ed è particolarmente noto per i suoi progetti che prevedono un uso artistico dei media e new media, in funzione sociale e politica. (foto: ostra accademia di spagna)

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre, Roma/about Rome, Uncategorized | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Cantagiro 2016: all’Isola del Giglio tre giorni di gare

Posted by fidest press agency su martedì, 12 aprile 2016

chiara pilosuPrende il via il 22 aprile prossimo all’Isola del Giglio la prima tappa de Il Caltagiro Tour, una delle più note “maratone musicali” di tutti i tempi. Patrocinata dal Comune di Isola del Giglio e dalla Pro Loco dell’Isola del Giglio e Giannutri e realizzata anche grazie all’intervento di numerosi e prestigiosi sponsor, la manifestazione punta a scoprire giovani talenti e a lanciare lavori inediti attraverso una valutazione lunga e accurata effettuata da una giuria d’eccezione.Le selezioni canore, la cui prima fase si concluderà domenica 24 aprile, saranno abbinate quest’anno all’evento Il cuore del Giglio, una quattro giorni in cui la musica fungerà da denominatore comune e diverrà l’anello di congiunzione tra ambiente, cultura, salute e solidarietà che – attraverso iniziative molteplici e di natura diversa – si alterneranno simbolicamente tra di loro su un palcoscenico d’eccezione, regalando, a quanti visiteranno per l’occasione questa splendida perla del Mediterraneo, un piacevole anticipo d’estate. Significativo il contributo apportato alla realizzazione de Il cuore del Giglio – che terminerà lunedì 25 aprile con vogata di beneficenza in favore dell’Associazione Piccolo Grande Cuore – dalla collaborazione della Professoressa Elisa Messina, Dirigente del Dipartimento di Cardiologia Pediatrica dell’Università di Roma La Sapienza-Policlinico Umberto I, e di Angelo Milano, Presidente della Pro Loco, che al progetto hanno creduto fin da subito. Entusiasta anche il Sindaco del Giglio, Sergio Ortelli, che ha dichiarato: “Da molto tempo stiamo lavorando a questo evento speciale e finalmente si concretizza un desiderio personale e cioè dimostrare che la solidarietà dei gigliesi non è un aspetto occasionale, dovuto al naufragio della Costa Concordia, ma un sentimento diffuso tra gli abitanti dell’isola che vivono il loro territorio con amore e con passione. Il cuore del Giglio sarà un momento importantissimo per far conoscere l’isola e le sue peculiarità oltre alla generosità della sua gente, in una iniziativa in cui andremo a sincronizzare, in tutti i suoi aspetti, l’evento medico/scientifico, l’evento canoro e quello della solidarietà con il nostro prezioso ambiente, le nostre tradizioni culturali ed enogastronomiche e, oltre a questo, proporre il Giglio come modello di territorio naturale e in tutti i casi benefico per la salute.” (foto: chiara pilosu)

Posted in Uncategorized | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Una marziana a Roma: la Raggi

Posted by fidest press agency su martedì, 12 aprile 2016

virginia raggi (2)Non bastava un marziano a Roma, cioe’ l’ex Sindaco Ignazio Marino, ora e’ arrivata una marziana, cioe’ Virginia Raggi, candidata Sindaco per il MoVimento 5 Stelle. La Raggi ha dichiarato che l’Atac, l’azienda dei trasporti pubblici romani, “e un fiore all’occhiello per Roma”. Non so dove vive la signora Raggi, probabilmente, come penso, su Marte. La signora dovrebbe salire, qualche volta, cosi’ tanto per gradire, sugli autobus carichi come carri bestiame, dovrebbe attendere qualche tempo per vederne arrivare uno, dovrebbe accomodarsi nei vagoni della linea Roma-Ostia (Atac), scendere in galleria, invece che in una stazione, e raggiungere l’uscita a piedi, perche’ il treno si e’ fermato per guasti. (Primo Mastrantoni, segretario Aduc)

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Istat industria: dal 2008 produzione -23,4%

Posted by fidest press agency su martedì, 12 aprile 2016

produzione-industrialeSecondo i dati resi noti dall’Istat, a febbraio la produzione industriale diminuisce dello 0,6% su gennaio e sale dell’1,2% (dati corretti per gli effetti di calendario) rispetto a febbraio 2015. “L’andamento altalenante tra dato congiunturale e tendenziale dimostra che l’Italia, nonostante tutti i principali parametri macroeconomici siano orami positivi dallo scorso anno, non è ancora uscita dalla crisi. Non bastano gli zero virgola, infatti, per dare slancio alla nostra economia, specie se si considera la strada che manca per tornare ai valori precrisi” ha dichiarato Massimiliano Dona, Segretario dell’Unione Nazionale Consumatori.
Secondo lo studio dell’Unione Nazionale Consumatori, dal febbraio 2007 al febbraio 2016 il calo della produzione industriale è stato del 19,8%. Dal 2008 al 2016 il crollo è addirittura del 23,4%. Il record negativo spetta ai beni di consumo durevoli, la cui produzione precipita, dal febbraio 2008 ad oggi, del 34,6%. Meglio va ai beni di consumo non durevoli che, nello stesso periodo di riferimento, scendono dell’11,8%.
Positivo, invece, il confronto tra il febbraio 2015 ed il 2016: +5,2% la produzione (dati grezzi), +8,1% i beni strumentali e +4,4% i beni di consumo durevoli. negativo solo il dato dell’Energia, -2,4%.
“Insomma, quello che conta davvero è quanti anni ci metteremo per tornare ai valori della produzione industriale precrisi. E per questo occorre che sia i dati congiunturali che i tendenziali siano e restino a lungo positivi” ha concluso Dona.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Cos’è la Libertà?

Posted by fidest press agency su martedì, 12 aprile 2016

benedetto croceFu Benedetto Croce il massimo interprete dell’esigenza di Libertà che appartiene all’uomo, anche quando questa si ritrova in rotta di collisione con ideologie consacrate da interessi di parte. L’idea portante di Croce coinvolgeva una interpretazione di base che identificava la “libertà intellettuale”, e non fu causale che l’elaborazione di tale concetto avvenne proprio quando la “Libertà” si era ritrovata negata da una ideologia violenta che tendeva a strumentalizzare le coscienze, ad eliminare le ‘teste pensanti’.
Croce ebbe la sua rivalsa e la sua consacrazione nel momento del crollo del regime fascista, quando veniva riconquistata l’identità nazionale; fu così che Croce riuscì ad imporre la profonda adesione alla tradizione culturale. Fin dal 1952 Croce, pur in una dimensione lacerata da nuovi antagonismi, si adoperò per la costruzione di una Italia liberale, democratica e socialdemocratica, con la geniale intuizione della Storia, come “Storia della libertà” , in quanto “non esiste nella storia un ideale che possa sostituire quello della libertà”. In tal modo Croce descrive l’esigenza di dilatazione del concetto liberale sia verso una destra conservatrice e democratica e una sinistra progressista e social democratica.
Si esalta, così, la differenziazione tra liberalismo e democrazia, se non sostenute reciprocamente dal pensiero liberale a destra e dalla praxi socialdemocratica a sinistra; infatti liberalismo e democrazia “differiscono in questo, che la democrazia ha della libertà un concetto astratto, naturalistico e intellettualistico, e il liberalismo un concetto storico e concreto”. Accade, inoltre , che la democrazia, dentro cui si sviluppa il capitalismo, “finisce con l’avviarsi verso forme autoritarie in grado di controllare e neutralizzare i moti di contestazione, favorendo interessi individuali delle classi più opulente.” La democrazia assoluta, a causa del suo radicalismo, tende a sostituire la qualità con la quantità, sotto la spinta del capitalismo, per cui si renderà indispensabile un sistema autoritario per evitare derive populiste.
La libertà è principio e fine dell’individuo e più che ‘libertà di’ la libertà liberale è ‘libertà da”; la differenza è abissale, perché è la “libertà di…” di stampo liberista berlusconiano opera verso la eliminazione di ostacoli che si frappongono all’interesse individuale, come “libertà di evadere il fisco”, “libertà di falsificare i bilanci aziendali”, “libertà di nascondere capitali all’estero” per non pagare il dovuto allo Stato. “La libertà da…” ha come sua meta, indicata come desiderabile, la “libertà dai bisogni”, “la libertà dalla fame”, “la libertà dalle malattie”, “la libertà dall’ignoranza”, restituendo all’uomo la dignità di essere uomo all’interno di una società che del welfare fa il centro della propria azione politica. (Rosario Amico Roxas)

Posted in Confronti/Your opinions | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Andrea Bacchetti suona Bach

Posted by fidest press agency su martedì, 12 aprile 2016

Ivrea Venerdì 29 Aprile 2016 alle ore 21, presso l’ Auditorium Mozart di Ivrea il X appuntamento della stagione musicale 2015/2016 dell’Orchestra Sinfonica Giovanile del Piemonte. Sul palco dell’Auditorium Mozart il pianista genovese Andrea Bacchetti, che il grande pubblico ricorda per la sua presenza nelle trasmissioni televisive di Chiambretti, ma che gli appassionati di musica conoscono per aver suonato nei piu prestigiosi festival e teatri d’Italia e del Mondo. Nei prossimi mesi ha già in programma una tourneè che lo porterà a Madrid, Parigi, Napoli, Bruxelles, e poi in Cina e Giappone. Torna ad Ivrea per il secondo anno consecutivo con un programma interamente dedicato al suo compositore preferito, J. S. Bach. Con Sony sta lavorando da qualche anno alla cosiddetta”Bach edition”, cioè alla registrazione dell’opera integrale che il compositore tedesco ha scritto per pianoforte. Sul palco eporediese sarà accompagnato dagli archi dell’Orchestra Sinfonica Giovanile del Piemonte.

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre, Uncategorized | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Sicurezza – Causin (Ap): “Rimettere periferie al centro. Servono forti investimenti”

Posted by fidest press agency su martedì, 12 aprile 2016

Parigi torre-eiffel1“Per capire quello che è accaduto a Parigi e Bruxelles bisogna riflettere su un aspetto: esiste un pericolo che proviene dall’Islamic State, inteso come luogo geografico tra Siria e Iraq, ma ne esiste uno che proviene dai quartieri islamici delle periferie delle grandi città europee come Bruxelles, dove le forze dell’ordine spesso e volentieri non hanno acceso e dove lo Stato è arretrato lasciando il controllo da parte nella microcriminalità, che spesso si salda al fondamentalismo. Non si tratta di immigrati appena sbarcati, ma di seconda generazione, cittadini europei nati e cresciuti in queste periferie” lo ha detto Andrea Causin, deputato di Area popolare, nel corso della conferenza stampa di presentazione della proposta di legge che chiede l’istituzione di una commissione monocamerale di inchiesta “sullo stato della sicurezza e del degrado delle città italiane e delle loro periferie”, oggi a Gratosoglio, insieme a Maurizio Lupi, presidente dei deputati di Ap.
“Da qui nasce la proposta di legge di Ap, di cui sono primo firmatario, che intende istituire una commissione parlamentare d’inchiesta che fotografi la realtà del Paese e delle periferie delle nostre città, ne faccia una mappatura precisa, utile a prevenire e contrastare fenomeni degenerativi. L’obiettivo è quello di offrire al Parlamento e al Governo strumenti concreti, sia sul piano giuridico che su quello della prevenzione, oltre a quelli già in essere sul fronte della sicurezza, che rimettano le periferie delle nostre città al centro, attraverso forti investimenti per la cultura, la scuola, l’istruzione e l’educazione” ha spiegato.
“Per favorire una vera integrazione e migliorare la qualità della vita di chi vive nelle periferie delle nostre città serve sì maggior sicurezza e controllo ma anche maggior decoro, rispetto dell’ambiente, degli spazi abitativi e della socializzazione. Anche In Veneto, che è la mia regione, ci sono quartieri che necessitano di essere controllati e messi in sicurezza, Mestre Marghera, alcuni quartieri di Padova, ecc.. E’ da qui che dobbiamo ripartire, coordinando insieme ai sindaci delle grandi città la questione sicurezza ma anche rimettendo le periferie al centro” ha concluso.

Posted in Estero/world news, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Medici di continuità assistenziale

Posted by fidest press agency su martedì, 12 aprile 2016

doctor man

C’è contesa tra Fimmg e Smi sul futuro dei medici di continuità assistenziale dopo che l’Atto d’Indirizzo per la convenzione ventila la sostituzione con il 118 del servizio tra le 24 e le 8. Pina Onotri segretario del Sindacato Medici Italiani non esclude né tagli alle postazioni né rischi occupazionali, specie tra chi rinnova la convenzione a tempo determinato ogni 6 mesi od ogni anno, e sarebbe il 40% dei 12 mila medici di continuità assistenziale. Smi ha bocciato l’atto ed ha aperto una petizione su change.org che ha già raccolto 3 mila firme, anche di comuni cittadini.Il segretario Fimmg Continuità Assistenziale Tommasa Maio replica con un comunicato sul sito http://www.fimmg.org: nessuno perderà il posto, «i medici di CA entreranno con i colleghi di assistenza primaria nel ruolo unico della medicina generale, uscendo dall’isolamento logistico organizzativo e informativo in cui operano, chiamati troppo spesso e impropriamente a supplire alle carenze assistenziali di altri sistemi». Maio ricorda il contesto di insicurezza che ha portato Fimmg a documentare 60 aggressioni di cui 50 negli ultimi 10 anni, 3 omicidi e 7 violenze sessuali. E ricorda che l’aggancio alla medicina primaria è fortemente voluto dai medici “di guardia”: al 71°congresso Fimmg lo scorso ottobre da un sondaggio interno su medici di continuità assistenziale (65%) e assistenza primaria (32%) era emerso che l’obiettivo di tutti è proprio lavorare a stretto contatto. L’86% dei medici di CA non ha mai partecipato a progetti che prevedevano scambi di informazioni online con i medici di assistenza primaria, ma ci tiene. Al punto che il 78% dei campioni attribuisce un valore tra 8 e 10 alla qualità della relazione tra medici nell’Aft. E in tre casi su quattro preferirebbe svolgere nell’Aft compiti di risk management (86%), audit (73%); piacciono meno dimissioni protette (65%) assistenza domiciliare (62%) diagnostica (64%) prestazioni di particolare impegno (62%). Onotri si mette dalla parte del cittadino. «La gente deve sapere che la medicina generale di notte e festivi incide per 0,75 centesimi di euro annui – 0,3% della spesa sanitaria totale – assicurando una copertura per prestazioni che evitano altrettanti passaggi al pronto soccorso o interventi delle ambulanze del 118, le quali devono occuparsi anche delle emergenze stradali (e se de medicalizzate costano il doppio dell’auto medica). Mi chiedo perché lo stato dovrebbe pagare più medici per svolgere compiti nella stessa fascia oraria. Inoltre in convenzione è già prevista l’integrazione oraria dei medici di CA ma non si è fatta per assenza di risorse aggiuntive. Mi chiedo anche, nei paesini della Calabria o della Gallura chi interverrà la notte, da dove, in quali tempi? E chi coordinerà gli interventi in fascia diurna? Se sarà il coordinatore delle Aft i pazienti assistiti da medici fuori bacino non avranno gli stessi diritti degli altri. A proposito di coordinatori, se si prevede una convenzione a isorisorse in cui però questi “primari” avranno un quantum in più, da qualche parte si dovrà tagliare. Noi non vogliamo che paghino i pazienti».Ribatte Fiorenzo Corti responsabile comunicazione Fimmg che è errato ragionare come se le ore oggi lavorate tra le 24 e le 8 fossero o soppresse o distolte per svolgere di giorno gli stessi compiti fissati dal 1978 ad oggi per i medici di assistenza primaria. «Con la riforma del Ssn si pose fine alle doppie occupazioni dei medici ospedalieri che facevano i mutualisti al pomeriggio, le visite ambulatoriali sul territorio divennero appannaggio del medico di famiglia, e visitavamo i “sani fino a prova contraria”. Trentotto anni dopo, moltissimi di questi sani sono malati cronici e vanno assistiti diversamente con carichi di lavoro molto aumentati che richiedono coordinamento di professionalità e di medici del territorio. La medicina proattiva ha bisogno di tutte quelle ore di giorno: senza i colleghi di continuità assistenziale il cambiamento non si può fare, e magari si apre la strada a infermieri professionali e strutture private accreditate. Non ci sono soldi? Le disponibilità seguono l’attività, dove ci sono cose da fare poi arrivano». (Mauro Miserendino – Doctor33) (foto doctor)

Posted in Cronaca/News, Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »