Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 31 n° 344

Archive for 13 aprile 2016

EU Passenger Name Record (PNR): Press conference ahead of final vote

Posted by fidest press agency su mercoledì, 13 aprile 2016

Singapore AirlinesMEPs are set to vote on Thursday 14 April on an EU directive regulating the use of Passenger Name Record (PNR) data in the fight against terrorism and serious crime. Negotiators from Parliament and Council reached last December a provisional deal on the legislation, which was endorsed by the Civil Liberties committee on 10 December. The Parliament´s rapporteur was Mr Timothy Kirkhope (ECR, UK) Under the new rules, airlines will have to hand EU countries their passengers´ data to help combatting terrorism and other forms of serious crime. The data will be kept for 5 years, but after the first six months they will be “masked out”, i.e., all personal identifying information will be rendered invisible.

Posted in Estero/world news, Politica/Politics, Uncategorized | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Record attendance expected at Europe’s leading cardiovascular magnetic resonance meeting

Posted by fidest press agency su mercoledì, 13 aprile 2016

scompenso cardiacoSophia Antipolis. Record attendance is expected at Europe’s leading cardiovascular magnetic resonance meeting, to be held 12 to 14 May in Florence, Italy, at the Palazzo dei Congressi.EuroCMR is the largest and most important cardiovascular magnetic resonance, or CMR, event in Europe. It is the annual CMR conference of the European Association of Cardiovascular Imaging (EACVI), a registered branch of the European Society of Cardiology (ESC). The scientific programme is available here. More than 500 delegates are anticipated to attend and a record number of abstracts have been submitted for presentation. Professor Sven Plein, chair of the EACVI’s CMR Section, said: “The use of CMR as a safe, accurate and very versatile diagnostic tool continues to expand rapidly. This is now the largest clinical CMR meeting in Europe and is becoming an increasingly popular place to present new science and hear the latest developments in the field. This is the event for journalists to get up-to-date on CMR.” The hot topic of parametric mapping by CMR will be covered by multiple abstracts and a number of talks including pro and contra sessions on whether it is ready for clinical use. Parametric mapping provides quantitative parameters for different diseased and non-diseased cardiac tissues. It also allows visualisation of subtle changes in the myocardium such as fibrosis.“Mapping heralds a new era in CMR,” said Professor Holger Thiele, programme chair of EuroCMR. “It is comparable to the Hounsfield units in computed tomography (CT) imaging and is an important step forward for quantification in CMR.”The world famous pathologist Dr Christina Basso will show anatomical specimens and CMR images of cardiac pathologies for the first time during EuroCMR. A special course on fluidodynamic modeling will be led by Dr Philip Kilner demonstrating fluid and flow experiments and the implications for CMR. Professor Albert van Rossum will give the key note lecture on the role of CMR in the two-edged sword of reperfusion in myocardial infarction.Cutting edge science will be revealed in the original scientific abstracts. A rapid fire abstract session has been introduced this year which will see the best science presented orally within a few minutes.
EuroCMR covers the full spectrum of the clinical application of CMR from congenital heart disease to all adult cardiac diseases. This is reflected in the congress theme “current clinical application of CMR”. A session on advanced technologies in congenital heart disease will explore when to use real-time imaging and how 3D printing can help diagnosis and management planning. Another session is devoted to the use of CMR to plan and guide procedures such as cardiac device implantation and ablation of atrial fibrillation.
Professor Thiele said: “Leaders in the field will discuss state of the art clinical applications of CMR and release cutting edge findings from scientific research.” Controversial issues in CMR will be tackled head on and members of the press will get both sides of the story. A symposium on the use of contrast agents in CMR will ask whether CMR causes DNA damage. The role of CMR in evaluating the cardiovascular effects of recreational drugs will also be debated. Professor Plein said: “Experts will separate myth from fact and tell members of the press what is known on several contentious issues.” A new face-off session will be held in which post-processing software companies battle to show the performance of their software for quantification. Delegates’ knowledge will be tested in the CMR World Cup Competition in which expert teams, symbolically representing England and Germany 50 years after the famous world cup final between the two nations, will be asked difficult and trivia questions related to CMR in a highly entertaining showdown.Professor Thiele said: “EuroCMR is the top CMR event in Europe. Journalists should register now to discover the clinical and scientific advances in this fast moving field. More than 90 international speakers will tell us what is new during 2.5 days and over 40 sessions.”
The European Society of Cardiology (ESC) represents more than 95 000 cardiology professionals across Europe and the Mediterranean. Its mission is to reduce the burden of cardiovascular disease in Europe.

Posted in Estero/world news, Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

World Takaful Conference forges vision for Takaful market in 2020

Posted by fidest press agency su mercoledì, 13 aprile 2016

Takaful market

Dubai, UAEThe second and final day of the 11th annual World Takaful Conference (WTC) built on yesterday’s highly impactful critical discussions on the state and future of the global Takaful industry. Convened by Middle East Global Advisors and in strategic partnership with the Dubai International Financial Centre (DIFC) Authority, WTC is held under the theme “Prudent Practices for Global Growth” and considered to be the world’s most powerful Takaful gathering. This morning, WTC played host to a ratings roundtable that assessed the necessary steps required for Takaful players to build the industry’s financial strength. The session also specifically addressed the ratings perspective of the risk-shifting effect of the use of Qard loans from shareholders to the policyholders’ fund. Following suit was a look at what the Takaful industry would look like in 2020, with a particular look at the whether family Takaful can grow large enough to support the increasing supply of longer-dated sukuk expected in the market.Mahesh Mistry, Director, Analytics of A.M Best mentions, “The lack of differentiation and the associated pricing pressure along with poor distribution networks will be the key challenges for Middle East takaful companies going forward. For the industry to tackle these challenges, the operators will need to adopt suitable strategies and appropriate structures to ensure that the Takaful model employed is balanced, and that it serves the needs of the enormous potential for Shariah compliant insurance, to the benefit of all stakeholders.”The sessions for the afternoon include topics such as innovation and Takaful, the key imperative of risk-based capital and emerging Takaful markets.
The WTC audience comprised of high profile guests and dignitaries from Dubai Islamic Economy Development Centre, Dubai International Financial Centre, Islamic Insurance Association of London, Insurance Authority UAE, PwC, Moody’s, EY, Swiss Re, Munich Re, Noor Takaful, Watania, Emirates RE and many more organisations. WTC is taking place on the 11th and 12th of April in the Dusit Thani Hotel, Dubai. To find out more about WTC, visit http://www.wtc16.com.
Middle East Global Advisors (MEGA) is the gateway connectivity and intelligence platform to opportunities in the rapidly developing economic region that stretches all the way from Morocco in the West to Indonesia in the East – The Middle East North Africa Southeast Asia (MENASEA) connection. We pride ourselves for being at the heart of these diverse markets for over 23 years. (foto: Takaful market)

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Parliament advocates a centralised EU asylum system and legal ways to migrate

Posted by fidest press agency su mercoledì, 13 aprile 2016

european parliamentA centralised asylum system would allow the EU to better manage flows of migrants and asylum seekers, said the European Parliament on Tuesday. It also asked for safe and legal ways to be found for third country nationals to enter the Union without resorting to human smugglers at the risk of their lives. In a non-binding resolution, MEPs acknowledge the failure of the EU asylum system to cope with ever-rising numbers of migrant arrivals and call for a radical overhaul of the so-called Dublin rules. They propose establishing a central system for collecting and allocating asylum applications. The scheme, which could include a quota for each EU member state, would work on the basis of “hotspots” from which refugees would be distributed.The resolution, drafted by Roberta Metsola (EPP, MT) and Kashetu Kyenge (S&D, IT), was approved by 459 votes to 206, with 52 abstentions. The European Commission is currently considering a revision of the Dublin III Regulation (which determines which member state is responsible for processing which asylum application) and has pledged to present a legislative proposal before the summer. “There is no quick fix for migration, no magic silver bullet. We do not need more emergency solutions, we need a sustainable approach for the future”, said Ms Metsola during the plenary debate. “Migration should not be combatted, it should be managed”, added Ms Kyenge, insisting that the European approach should be based on solidarity and responsibility sharing. Parliament underlines that the current asylum system does not take proper account of the particular migratory pressures faced by member states with EU external borders. MEPs demand changes to ensure fairness and shared responsibility, solidarity and swift processing of applications.
The text calls on member states to fulfil their obligations with regard to urgent relocation measures, stressing that so far, only a minimal part of the 106,000 asylum seekers awaiting reassignment from Italy and Greece to other EU countries had actually been relocated. On resettlement, MEPs insist that the EU needs a “binding and mandatory legislative approach”.
MEPs demand new EU-wide “readmission” (return) agreements which they say should take precedence over bilateral ones between member states and third countries. They insist that migrants should be returned only if the country to which they are being returned to is safe for them.

Posted in Estero/world news, Politica/Politics, Uncategorized | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Teatro: Una pazza vacanza

Posted by fidest press agency su mercoledì, 13 aprile 2016

una pazza vacanzaRoma dal 4 al 22 maggio 2016 (Mercoledì-Venerdì-Sabato: ore 21.00. Domenica: ore 18.00). Teatro degli Audaci, Via Giuseppe de Santis, 29. Sul palco del Teatro degli Audaci, due grandi presenze del teatro e del cinema italiano: da un lato Sandra Milo e, dall’altro, Franco Oppini. Sono loro la folle scintilla di questa commedia degli equivoci scritta da Giacomozzi dopo il successo avuto nella scorsa stagione con Tutti a Bordo.Max, Filippo, Simona e Carla, dopo anni di rinunce e di estati trascorse in città, sono pronti a partire per la loro vacanza da sogno: le Maldive li aspettano e tutto è pronto per la partenza… l’arrivo improvviso di Marisa (Sandra Milo) e di Pedro (Franco Oppini), però, ribalterà la situazione trasformando la vacanza esotica in una “pazza vacanza”, con il supporto di un vicino di casa imbranato e di una tassista piuttosto invadente. Fraintendimenti, gag e colpi di scena si susseguono uno dopo l’altro per due ore di risate garantite, sotto la regia di Insegno, da un cast giovane e di talento che vede sul palco Andrea Dianetti (ex di Amici di Maria De Filippi), Roberta De Roberto (doppiatrice di successo in Grey’s Anatomy, Castle, Gossip Girl, The Big Bang Theory), Martina Zuccarello (Tutti a bordo), Francesca Pausilli (Ti scoccia se ti chiamo Amore?), Claudio Scaramuzzino (Ho imparato a sognare) e Luca Paniconi (Non è come sembra, Le Belle Notti). (foto: una pazza vacanza)

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre, Roma/about Rome, Uncategorized | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Calderón di Pier Paolo Pasolini

Posted by fidest press agency su mercoledì, 13 aprile 2016

calderon

Roma dal 20 aprile all’8 maggioteatro Argentina, Largo Argentina 1 Federico Tiezzi firma la regia del Calderón, tragedia in versi scritta da Pier Paolo Pasolini nel 1967 e pubblicata nel 1973, una produzione Teatro di Roma e Fondazione Teatro della Toscana. Drammaturgia Sandro Lombardi Fabrizio Sinisi e Federico Tiezzi con (in ordine di apparizione): Sandro Lombardi, Camilla Semino Favro,
Arianna Di Stefano, Sabrina Scuccimarra, Graziano Piazza, Silvia Pernarella, Ivan Alovisio, Lucrezia Guidone, Josafat Vagni, Debora Zuin, Andrea Volpetti e con la partecipazione straordinaria di Francesca Benedetti Produzione Teatro di Roma e Fondazione Teatro della Toscana.
Ritenuta da Pasolini stesso una delle sue «più sicure riuscite formali», Calderón, si ispira al capolavoro del grande tragediografo spagnolo del “Siglo de Oro” Pedro Calderón de la Barca (1600-1681), La vida es sueño. Non mutano i nomi dei personaggi centrali – Basilio, Sigismondo e Rosaura – mentre molto diverse sono situazione, trama, ambientazione. Siamo nella Spagna franchista del 1967. Rosaura fa tre sogni successivi, ognuno in un ambiente diverso – aristocratico, proletario, medio borghese – a significare l’impossibilità, per tutti, di evadere dalla propria condizione sociale. (foto: calderon)

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre, Roma/about Rome, Uncategorized | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

“L’epoca dello sradicamento. Terrorismo, finanza, immigrazione”

Posted by fidest press agency su mercoledì, 13 aprile 2016

fuga migranti2Roma Giovedì 21, venerdì 22 e sabato 23 aprile 2016 Spaziottagoni live Via Goffredo Mameli 7 (Trastevere) un seminario dal titolo “L’epoca dello sradicamento. Terrorismo, finanza, immigrazione”. Il seminario sarà tenuto da professori quali Diego Fusaro, Alberto Bagnai e Claudio Tuozzolo oltre ai dottorandi Paolo Ercolani, Orsola Goisis e Gabriele Morleo. Obiettivo programmatico del seminario è affrontare, con taglio critico, le grandi questioni e le pressanti sfide del nostro tempo: a partire dalla crisi finanziaria e dal dramma dell’immigrazione, sui quali, ad oggi, pare che manchi una riflessione critico-storica all’altezza. Senza risposte pronte, ma con le armi della passione durevole della ricerca e della domanda socratica, ci proponiamo di approfondire criticamente, con esperti del settore, tali questioni.L’associazione culturale Spaziottagoni di Roma, seguendo la propria vocazione nell’intercettare i bisogni della società e in particolare delle singole persone e mettendo a disposizione la propria conoscenza e le esperienze nel settore musicale, artistico e sociale, fa sì che attraverso l’organizzazione di eventi di varia natura, sia essa anche informativa e formativa, possa rispondere nella misura più efficace proponendo ai propri associati importanti iniziative.
Per questo ha scelto di organizzare questo seminario intensivo con esponenti accademici sui temi dell’immigrazione, della crisi finanziaria e del terrorismo.Saranno tre giorni in cui la partecipazione e l’interazione con i docenti saranno importanti, e hanno lo scopo di offrire corrette nozioni e informazioni per poter meglio interpretare e analizzare il momento storico di crisi a livello economico e finanziario e ciò che riguarda le questioni dell’immigrazione, che oggi stiamo vivendo.
Importante è definire che l’intero corso di formazione nasce dal desiderio di poter finanziare le attività della onlus Mameli7 – http://www.mameli7onlus.it – che opera nel settore sanitario e sociale in Libano e in Siria, portando beni strumentali medicali quali ambulanze e ospedali da campo o, come in Libano, costruendo un presidio sanitario presso il centro sociale S. Sauveur, diretto da Padre Abdo Raad.Con le stesse finalità sono stati organizzati negli anni passati numerosi altri eventi, come ad esempio le mostre collettive “Arte per la vita” e “Arte per la vita 2”, oltre a concerti, spettacoli teatrali, presentazioni di libri e dibattiti.

Posted in Cronaca/News, Roma/about Rome, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Euro&Promos +13,6%, sfiorati i 100 milioni di euro di fatturato

Posted by fidest press agency su mercoledì, 13 aprile 2016

europromosEuro&Promos FM, la società di Udine che negli ultimi anni si è conquistata un posto di primo piano a livello nazionale nel mondo dei servizi (pulizia, movimentazione, logistica, energia, servizi culturali e assistenza socio sanitaria), ha chiuso il bilancio 2015 a quota 96 milioni e seicentomila euro, +13,6% rispetto all’esercizio precedente, con 4 milioni di utile post imposte, raddoppiato rispetto al 2014. Questi i dati che saranno presentati e discussi nella prossima assemblea di Euro&Promos. Il trend positivo riguarda anche il numero di occupati: se nel 2014 erano 4.700, oggi hanno superato quota 5.000, +6,9%, per la maggior parte assunti a tempo indeterminato con contratto Multiservizi.«Questi numeri confermano che la nostra è una realtà solida e sana, capace di operare nel suo settore di riferimento con una visione d’impresa –ha commentato il presidente di Euro&Promos Sergio Emidio Bini– Il che significa ampliare la gamma di servizi offerti e personalizzarli sul cliente, per poter tenere il passo con l’evoluzione del mercato. E poi essere sempre attenti alla qualità a tutto campo, offrendo servizi d’eccellenza, adottando tecnologie all’avanguardia e formando professionalità richieste dal mondo del lavoro. Nel 2015 il nostro investimento in formazione ha sfiorato il milione di euro. Un sergio biniapproccio che ci ha consentito di crescere, e che ha ricadute positive sul territorio: perché un’industria avanzata è possibile solo se supportata da servizi avanzati, e perché una realtà come la nostra crea lavoro». Sotto l’aspetto occupazionale Euro&Promos è infatti passata dai 2.000 dipendenti del 2007 (anno in cui la società nacque dalla fusione di Eurocoop e Promos San Giacomo) ai 5.000 di oggi, che raggiungono i 6.000 se si considerano anche le altre società del Gruppo.Un migliaio sono i dipendenti in Friuli Venezia Giulia, ma in questi anni Euro&Promos si è conquistata un ruolo di primo piano a livello nazionale, e oggi opera in quasi tutte le regioni italiane con otto sedi decentrate oltre a quella di Udine. «Essere un grosso player è la chiave per rimanere su un mercato molto cambiato negli anni post crisi –sottolinea Bini–. Solo le realtà grandi e strutturate hanno le capacità gestionali richieste da sempre più gare. La capacità di presidiare tutto il territorio nazionale rende possibili alleanze e partnership».Sergio Emidio Bini, classe 1968, già vicepresidente e direttore generale di Eurocoop dal 1994 al 2006, è presidente e amministratore delegato di Euro&Promos dalla nascita della società a oggi. (foto: euro promos, sergio bini)

Posted in Cronaca/News, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | 1 Comment »

Migrazione, accoglienza, inclusione

Posted by fidest press agency su mercoledì, 13 aprile 2016

milano10Milano Lunedì 18 aprile 2016, ore 15.00 Sala Conferenze di Palazzo Reale Piazza Duomo 14. Il Convegno sarà l’occasione per presentare, con il contributo di alcuni dei maggiori esperti italiani in materia, il nuovo progetto CIPMO sul ruolo delle Diaspore Med-Africane nell’accoglienza e nell’inclusione dei rifugiati e degli immigrati che parte dalle comunità ormai stanziali in Italia (si stima circa 6 milioni di individui), originarie del Medio Oriente e dell’Africa – ove maggiormente oggi sono concentrati i focolai di crisi – per sviluppare, in raccordo con le principali istituzioni e la società civile, un percorso pluriennale e su scala nazionale che porti queste comunità ad essere protagoniste, in prima persona, della lotta al radicalismo e al terrorismo, grazie a un processo di medio periodo che parta dall’accoglienza, per favorire l’inclusione dei nuovi arrivati e anche il co-sviluppo economico con i paesi di origine.Obiettivo principale del progetto è sviluppare il dialogo tra queste comunità, le istituzioni e la società civile circostante, per combattere il radicalismo tramite l’interazione economica, l’integrazione educativa, il dialogo interreligioso, lo scambio culturale e la cooperazione. In specifico, nel medio periodo si faciliterà la creazione di un network dei principali soggetti coinvolti e la realizzazione di una serie di attività articolate su tutto il territorio, per una gestione concreta e positiva della questione, per supportare i processi di inclusione dei nuovi arrivati, anche ai fini economici, sociali e culturali, affidando alle comunità stanziali anche un ruolo di ambasciatori e di “ponte” verso i paesi di provenienza.Il Convegno di presentazione del progetto, aperto da un intervento di Mario Giro, Vice Ministro degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale, si svilupperà attraverso tre panel successivi che vedranno dibattere alcuni tra i maggiori esperti italiani in materia. Il primo panel, moderato Khalid Chaouki – membro della Commissione Esteri della Camera dei Deputati – inquadrerà gli aspetti generali della questione; Il secondo panel, moderato da Lia Quartapelle – Segretaria della Commissione Esteri della Camera dei Deputati – darà voce ad esponenti di alcune delle principali comunità Med-Africane ed organizzazioni religiose presenti in Italia; il terzo panel, moderato da Paolo Branca – Docente di Lingua e letteratura araba all’Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano – metterà a fuoco esempi di best practices, dalle importanti esperienze dei Comuni di Milano e Torino, ad altre innovative iniziative volte a promuovere l’imprenditorialità di questi nuovi protagonisti che vivono nel nostro paese.
Il progetto su scala nazionale è promosso da CIPMO in collaborazione con l’On. Khalid Chaouki e CSA – Centro Piemontese di Studi Africani, con il sostegno del Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale – Unità di Analisi e Programmazione, con il Patronato di Regione Lombardia, con il Patrocinio del Comune di Milano e con il sostegno di Fondazione Cariplo.

Posted in Cronaca/News, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Yemen: i bambini sono un terzo di tutti i civili uccisi e quasi un quarto dei feriti

Posted by fidest press agency su mercoledì, 13 aprile 2016

YemenDichiarazione congiunta di Leila Zerrougui, Rappresentante Speciale del Segretario Generale ONU per i bambini e i conflitti armati e Peter Salama, Direttore Regionale UNICEF per il Medio Oriente e il Nord Africa: “I bambini dello Yemen stanno subendo le conseguenze di un conflitto terribile. La cessazione delle ostilità che dovrebbe iniziare oggi è un’opportunità per le parti coinvolte ad agire per migliorare la protezione dei bambini. L’anno scorso, le Nazioni Unite hanno verificato un significativo incremento di gravi violazioni dei diritti dei bambini da parte di tutti gli attori coinvolti nel conflitto in Yemen. Secondo gli ultimi dati, 900 bambini sono stati uccisi, un dato 7 volte superiore rispetto al 2014. Il reclutamento di bambini è aumentato di 5 volte, con 848 casi verificati. Gli attacchi alle scuole e agli ospedali sono raddoppiati, colpendo oltre 115 strutture. L’interruzione della distribuzione di servizi di base ha privato migliaia di bambini dei loro diritti fondamentali all’istruzione e alla salute.
Le violazioni che le Nazioni Unite hanno potuto verificare rappresentano solo la punta dell’iceberg, ma rivelano trend molto preoccupanti. Innanzitutto, si stima che i bambini rappresentano un terzo di tutti i civili uccisi e quasi un quarto dei feriti. In secondo luogo, gli attacchi alle infrastrutture civili, in particolar modo alle scuole e alle strutture sanitarie, sono ormai diventati molto frequenti. Infine, i bambini hanno un ruolo molto più attivo nei combattimenti e ai checkpoint, anche in prima linea.
Tutti questi dati rappresentano un insieme di gravi violazioni del diritto internazionale umanitario e dei diritti dei bambini in Yemen. Questi modelli hanno grandi implicazioni per la stabilità dello Yemen e per il futuro dei suoi bambini.
Speriamo che la cessazione delle ostilità e i colloqui di pace in programma il 18 Aprile, porteranno alla fine di questo conflitto.
Chiediamo a tutte le parti coinvolte nel conflitto di rispettare i loro obblighi secondo le leggi del diritto internazionale umanitario, di impegnarsi affinché vengano rilasciati i bambini che sono stati reclutati e utilizzati nei combattimenti e di porre fine a tutte le gravi violazioni contro i bambini e le bambine. Le parti dovrebbero prendere ogni decisione possibile per proteggere le scuole e gli ospedali e facilitare la distribuzione di aiuti umanitari ai bambini e a tutti coloro che hanno bisogno di aiuto.”

Posted in Estero/world news, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Nasce Adamo, piattaforma gestionale in cloud dedicata a professionisti e microimprese

Posted by fidest press agency su mercoledì, 13 aprile 2016

adamoIl giovane progetto imprenditoriale è interamente 2.0 ideato dai giovanissimi Davide Leoncino e Riccardo Barbotti e incubato all’I3P del Politecnico di Torino. Dal suo lancio tutta la strategia di comunicazione di Adamo, in linea con l’essenza del progetto, si muove interamente sul web: comunicazione BTL fortemente orientata ai canali mediatici digitali, nuovo sito internet responsive, campagne adwords e social media strategy. Corporative identity, naming, logo e sito internet sono a cura della giovane designer Manuela Camilleri.
adamo1Adamo è un software performante ed economico che consente di gestirne la parte amministrativa e il magazzino delle piccole imprese in maniera semplice ed efficiente. Negli ultimi mesi l’interesse delle aziende italiane per il cloud si è fatto decisamente più concreto e Adamo rappresenta un’opportunità innovativa per le micro-imprese e i liberi professionisti che, con pochi click, possono registrare e gestire la propria fatturazione e contabilità in modo semplice, da qualsiasi dispositivo (tablet, smartphone, pc) e su qualsiasi piattaforma tecnologica. Parole d’ordine: semplicità e risparmio. Tutto l’impianto comunicativo è volto a trasmettere questo senso di organizzazione ed immediatezza: Adamo, il primo uomo della tua impresa, nasce e si muove sul web. Il sito parla direttamente con l’interlocutore suggerendogli semplici soluzioni per ottimizzare la gestione dell’impresa, l’interfaccia grafica guida l’utente alla scoperta delle funzionalità del sistema e una frizzante animazione in stop motion presenta l’innovazione proposta da Adamo rispetto ai tradizionali metodi di gestione della contabilità. http://www.adamogestionale.it (foto: adamo)

Posted in Cronaca/News, Università/University | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Flash Lab per le aziende italiane

Posted by fidest press agency su mercoledì, 13 aprile 2016

accadisAccadis, integratore italiano di prodotti e soluzioni dedicati al data storage del gruppo Computer Gross, inaugura il Flash Lab, un programma di iniziative per la promozione delle soluzioni flash di Hitachi Data Systems, di cui è uno dei principali distributori in Italia. Ambienti più veloci e reattivi sono i principali vantaggi delle soluzioni flash. L’obiettivo di Accadis è offrire alle aziende italiane e ai propri partner soluzioni accessibili anche in termini di costo, che permettono livelli straordinari di utilizzo dei dati e una vera e propria “esperienza” dei dati – accesso, gestione, analytics – che non ha precedenti.
Oltre alla possibilità di verificare i vantaggi che le soluzioni flash offrono a ogni azienda all’interno del Flash Lab partirà una speciale campagna di recruiting di nuovi partner di Accadis – “Flash is the new black” – che consenta a enti e imprese di ogni dimensione di beneficiare di prestazioni, automazione e resilienza in una modalità più innovativa e conveniente, rispetto alle tecnologie basate su disco. “Tutti parlano di disruption. E nel mercato dello storage se ne parla a ragione, anche alla luce delle recenti acquisizioni e della riduzione della spesa di IT che tutte le aziende ed enti italiani affrontano. Il business del data storage si va ridefinendo. C’è uno spostamento dai tradizionali HDD alle soluzioni flash, e l’affermarsi del cloud ci supporta anche nella comprensione della nostra offerta e del nostro approccio unico. La nuova offerta flash di HDS ci aiuta a far comprendere la nostra visione: i benefici di una soluzione di data storage non possono limitarsi alle performance delle applicazioni. La parola d’ordine è ottimizzazione” commenta Marina Tedone, Product Marketing e Business Development Manager di Accadis. Il portfolio flash di Hitachi comprende la nuova Hitachi Virtual Storage Platform (VSP) serie F, all-flash, modelli avanzati di offerte Hitachi VSP serie G, moduli flash di nuova generazione con compressione dei dati in linea (FMD DC2) e gli strumenti Hitachi Automation Director e Data Center Analytics, che garantiscono maggiore capacità e tempi di risposta accelerati.
In particolare i modelli Hitachi VSP serie F offrono prestazioni straordinarie, ed è l’array all-flash più resiliente del settore, l’unica soluzione a garantire la disponibilità al 100% dei dati.“La disponibilità di dispositivi flash multi-terabyte consentirà alle soluzioni flash di competere con i dischi ad alte prestazioni in termini di capacità per costo. Di conseguenza la maggioranza dei sistemi di storage implementati nel 2016 conterrà una parte di soluzioni flash che permettono di migliorare i tempi di risposta e di ridurre i costi di gestione delle performance dello storage.
Le aziende inoltre sono ora in grado di comprendere i benefici del cloud privato, anche rispetto alle soluzioni di cloud pubblico. E’ l’inizio della rivoluzione del Data Center, che nei prossimi anni sarà profondamente diverso da come lo conosciamo adesso” conclude Marina Tedone.
ACCADIS è l’integratore italiano di prodotti e soluzioni dedicati al data storage. ACCADIS è una società parte del gruppo Sesa, tra i maggiori operatori italiani nel settore delle soluzioni a valore aggiunto di Information Technology, attraverso la controllata Computer Gross. ACCADIS fornisce tecnologie, servizi e supporto per rispondere alle esigenze di imprese di ogni dimensione nell’ambito della gestione e protezione dei dati. (foto: accadis)

Posted in Cronaca/News, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Premio Angelo Betti

Posted by fidest press agency su mercoledì, 13 aprile 2016

vino_hofstatter_martinÈ stato assegnato a quello che si può ritenere il padre del Pinot Nero altoatesino il Premio Angelo Betti – Benemerito della Vitivinicoltura 2016. A ricevere la medaglia di Cangrande è stato infatti Paolo Foradori – titolare della prestigiosa azienda altoatesina J. Hofstätter di Tramin-Termeno – l’uomo che seppe esprimere al meglio una varietà tanto prestigiosa quanto difficile da intepretare come il Pinot Nero, così ama definirlo lui che vi ha dedicato anima e cuore per una vita intera, anno dopo anno, per ben 56 vendemmie.La medaglia è stata consegnata nelle sue mani domenica 10 aprile, alle ore 11.00, presso l’Auditorium Verdi della Fiera di Verona in presenza del Presidente della Repubblica e il Ministro dell’Agricoltura. A proporre la sua candidatura è stato l’assessorato all’Agricoltura della Provincia di Bolzano. La sua famiglia aveva comprato alla fine degli anni Trenta tre masi sull’altopiano di Mazon, sopra il paese di Egna, in Alto Adige. Paolo Foradori ben presto comprese che quel terroir era unico, che il suo microclima avrebbe potuto dare vita a grandi vini, capaci di non temere il confronto con i grandi rossi della Borgogna.Il destino scelse una strada diversa da quella che il padre Vittorio avrebbe voluto per lui. Mentre il capofamiglia sognava un futuro da avvocato, Paolo Foradori legò ancor più la sua vita al vino, sposando la discendente della nota famiglia vitivinicola Hofstätter di Tramin-Termeno.Il caso volle che nei vigneti di famiglia sull’altopiano di Mazon, nel diciannovesimo secolo, l’allora proprietario, Ludwig Barth von Barthenau, noto chimico con cattedra all’Università di Vienna, avesse introdotto nei suoi vigneti una varietà a quei tempi sconosciuta in Alto Adige: il Pinot Nero.Per Foradori e la tenuta Hofstätter si apre una prospettiva diversa, che diverrà oggetto di sperimentazione e impegno al massimo raggiungimento della qualità.Quella varietà, scoperta quasi per caso tra i filari, si trasformò infatti in una sfida per il rilancio della viticoltura dell’Alto Adige. Paolo Foradori intraprese numerosi viaggi nella patria del Pinot Nero, in Borgogna, per affinare tecnica e competenze.Se oggi la zona di Mazon è una delle aree più vocate al mondo per il Pinot Nero, lo si deve alla tenacia e intuizione di Paolo Foradori. Le innovazioni però non finiscono qui. Nel 1962 Paolo Foradori introdusse anche nei vigneti di famiglia un allora sconosciuto sistema di allevamento in Alto Adige, il Guyot, che sostituì la classica pergola altoatesina.Il suo studio e il suo amore per la Borgogna lo portarono a maturare un’altra convinzione legata alla nomenclatura dei vini: per Paolo Foradori in etichetta non era importante dare risalto al nome del produttore, ma dare massima importanza al luogo di nascita del vino, cioè il rispettivo maso e la vigna. Già negli anni Sessanta i vini riportavano il nome delle loro particelle di origine. È per questo che Paolo Foradori non è solo il padre del Pinot Nero altoatesino ma anche colui che ha dato il via all’introduzione della menzione “Vigna” in Alto Adige, ora riconosciuta ufficialmente come massima ed unica espressione e garanzia della provenienza di un vino da uno specifico vigneto.

Posted in Cronaca/News, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Giovani italiani in Australia

Posted by fidest press agency su mercoledì, 13 aprile 2016

melbourneRoma, martedì 19 aprile, alle ore 15, nell’Auditorium “V. Bachelet” – The Church Palace – verrà presentato il volume Giovani italiani in Australia. Un “viaggio” da temporaneo a permanente. Il volume, promosso dalla Fondazione Migrantes, organismo pastorale della Conferenza Episcopale Italiana, edito da Tau Editrice, è frutto di due anni di studio, analisi e ricerca. Prima opera nel suo genere, essa fornisce un’analisi dettagliata del fenomeno migratorio italiano in Australia: partendo dai dati statistici che illustrano i flussi migratori dall’Italia all’Australia nell’ultimo decennio, gli autori – Michele Grigoletti e Silvia Pianelli – hanno approfondito la grandezza e complessità degli eventi in atto e, attraverso le storie dei protagonisti, hanno portato alla luce i motivi, le sensazioni, i pensieri e le paure che caratterizzano il recente nuovo fenomeno migratorio.
Il volume, inoltre, contiene il video-reportage 88 giorni (nelle farm australiane): viaggio fra sogni, speranze e pensieri dei giovani italiani in Australia che testimonia l’esperienza di vita e di lavoro di migliaia di giovani italiani, di età compresa tra i 18 e i 30 anni, che ogni anno lavorano la terra australiana in zone rurali, lontane dalle principali città. Il reportage è una testimonianza visiva dello spaccato giovanile del 2016; mostra e fa capire come mai i giovani hanno fatto questa scelta, dove e con chi vivono, cosa pensano del proprio futuro e cosa si aspettano dall’Australia.

Posted in Recensioni/Reviews, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Presentazione libro di Mimmo Muolo

Posted by fidest press agency su mercoledì, 13 aprile 2016

vaticanoRoma Mercoledì 20 aprile 2016 – ORE 18.30 Libreria Paoline International – Via del Mascherino, 94 presentazione libro di Mimmo Muolo DON ERNEST SIMONI. Intervengono Mons. Marcello SEMERARO, Vescovo di Albano; Mons. Marco GNAVI, Parroco di S. Maria in Trastevere. Modera Vania DE LUCA, Vaticanista RaiNews24 – Presidente UCSI. Sono presenti Marco TARQUINIO, Direttore di Avvenire; Mimmo MUOLO, Autore del libro; don Ernest SIMONI, Protagonista del libro. don Ernest Simoni, sacerdote albanese sopravvissuto alla persecuzione del regime comunista, incontra papa Francesco. La sua storia, drammatica e tuttavia attraversata da instancabile zelo apostolico, commuove il Pontefice.
Per undicimila giorni, quasi 28 anni della sua vita, don Ernest è stato sottoposto a torture, carcere, lavori forzati. La persecuzione inizia nella notte di Natale del 1963, quando, per il semplice fatto di essere prete, viene arrestato e messo in cella di isolamento. Sottoposto a torture e condannato a morte, si vede commutare la condanna capitale in 25 anni di lavori forzati, poi ridotti a 18, di cui 12 trascorsi in miniera. Durante il periodo della prigionia don Ernest continua a celebrare la messa a memoria, in latino, e a distribuire la comunione di nascosto. Uscito dal campo di lavoro forzato, viene nuovamente condannato: questa volta è assegnato alla manutenzione delle fogne della città di Scutari. Sotto un regime di cui ancora poco si conoscono i tragici e brutali contorni, ma che aveva sottoposto un intero Paese ad un clima da Grande Fratello orwelliano, don Ernest riesce comunque a sopravvivere e a non piegarsi. Finalmente, nel 1990 arriva la libertà. Tanta la violenza subita che, quanto il 5 settembre 1990, un funzionario di polizia gli dice che è libero, che può tornare a fare il sacerdote, lui crede che si tratti dell’ennesimo inganno. Con il crollo del regime e la ritrovata libertà di culto, don Ernest inizia un’intensa attività pastorale, volta soprattutto alla riconciliazione. Lo fa in prima persona, perdonando i suoi aguzzini, per i quali invoca costantemente la misericordia del Padre.
Mimmo Muolo, vaticanista e vicecapo della redazione romana di Avvenire, propone al pubblico un ritratto di questo grande testimone della Misericordia. L’Autore ha anche potuto intervistare personalmente don Ernest, le cui parole, spesso citate testualmente, consentono di ricostruire un quadro completo delle vicissitudini che hanno coinvolto lui e la sua famiglia, disegnando, sullo sfondo, il clima degli anni bui della dittatura, ma anche le speranze legate alla rinascita.

Posted in Cronaca/News, Recensioni/Reviews, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

UNHCR: coinvolgere rifugiati e sfollati interni nei negoziati di pace in Colombia

Posted by fidest press agency su mercoledì, 13 aprile 2016

colombiaDue settimane fa, il 30 marzo 2016, il governo della Colombia e l’ELN (Esercito di Liberazione Nazionale) hanno annunciato che avrebbero dato inizio ai negoziati di pace nel tentativo di porre fine ad oltre mezzo secolo di combattimenti. L’UNHCR accoglie con favore questo annuncio. Oggi facciamo appello alle parti coinvolte nel negoziato affinché dedichino particolare attenzione ai diritti delle vittime, specialmente degli sfollati interni e dei rifugiati.
I cinque decenni di conflitto armato in Colombia hanno prodotto la seconda più grande crisi di rifugiati e sfollati interni al mondo ad oggi (la Siria al momento occupa il primo posto). Circa 6.7 milioni di persone sono sfollate all’interno del paese – circa il 13% dell’intera popolazione. E 360.000 persone ufficialmente riconosciute come rifugiate sono fuggite all’estero: la maggior parte in Ecuador, che ospita il più alto numero di rifugiati in America Latina, e in Venezuela, dove vivono circa 170.000 colombiani bisognosi di protezione internazionale. L’UNHCR sostiene il coinvolgimento attivo delle persone sfollate e rifugiate nei negoziati di pace. Il nostro parere è che le vittime dovrebbero prender parte al negoziato, come è avvenuto durante le trattative tra il Governo e le FARC (Forze Armate Rivoluzionarie di Colombia), dove oltre 60 vittime avevano avuto l’opportunità di partecipare ai negoziati dell’Avana.
L’UNHCR ritiene che un esito positivo dei negoziati aprirà la strada per la reintegrazione degli sfollati interni e il ritorno dei rifugiati, che porterà nel tempo ad un miglioramento della situazione dei diritti umani e allo sviluppo economico e sociale delle zone più remote e isolate del Paese, incluse le aree di confine. Nel contempo, i rifugiati e i richiedenti asilo colombiani continueranno ad avere bisogno di protezione internazionale nei paesi di asilo, e deve essere rispettato il carattere volontario dei ritorni in Colombia. L’UNHCR è pronto a sostenere il governo della Colombia nel suo impegno di ripristinare i diritti delle persone colombiane sfollate interne e delle persone rifugiate che decidono di ritornare nel Paese; così come nel rispondere ai loro bisogni di protezione e di assistenza. Sulla base dell’esperienza dell’UNHCR nelle situazioni post-conflitto nel mondo, un contributo fondamentale alla costruzione di una pace sostenibile è rappresentato dall’insieme delle soluzione regionali che possono essere attuate: meccanismi tripartiti, accordi di rientri volontari, strategie di reintegrazione e politiche pubbliche volte a favorire l’integrazione locale, specialmente in contesti urbani. In Colombia, l’UNHCR è sato coinvolto in una “Iniziativa di Soluzioni Transnazionali”, che ha aiutato le comunità sfollate ad ottenere alloggi, terra e opportunità di sostentamento e di lavoro, e ha contribuito al rafforzamento delle comunità stesse e alla loro fruizione dei diritti fondamentali. Circa 38.700 persone hanno beneficiato di questa Iniziativa in 17 località. In Ecuador, un’altra analoga iniziativa “Iniziativa di Soluzioni Complessive”, ha aiutato richiedenti asilo e rifugiati colombiani a godere dei loro diritti in termini di salute, educazione, lavoro e alloggio, oltre a fornire loro assistenza e consulenza legale. In Venezuela, le azioni per promuovere l’integrazione locale si sono concentrate sul rilascio dei documenti utili per avere accesso effettivo a salute, educazione, alloggio e opportunità di lavoro, e quindi favorire una piena protezione.

Posted in Estero/world news, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Croce e Einaudi

Posted by fidest press agency su mercoledì, 13 aprile 2016

einaudiIn un dibattito come questo è importante capire e farsi capire, quindi l’itinerario può farsi anche sdrucciolevole, purchè chiaro.
Nella mia precedente nota “Cos’è la Libertà” mi sono soffermato di Croce, ritenendolo il più importante intellettuale del secolo scorso Correttamente mi viene posta da alcuni lettori, sulle pagine de “L’Espresso” rubrica di Stefania Rossini, l’esigenza di guardare “anche” a Einaudi, proponendo una commemorazione negativa a fronte di quella positiva formulata per Croce.
L’argomento mi sollecita, ma bisogna dilatare il discorso prima di lanciarsi in assoluzioni o in condanne (non ne avrei il titolo). Con Croce parliamo di liberalismo, magari erede delle cultura di fine ottocento, quella cultura che impose a Croce una scelta di opposizione quando si trattò di votare l’inserimento nella Costituzione del Concordato del 1929; di contro, e la cosa meravigliò molti, ci fu l’approvazione da parte di Togliatti, con una scelta di alta strategia politica e diplomatica. In quel caso l’erede del liberalismo ottocentesco dovette seguire l’impegno culturale laico con punte anticlericali, mentre Togliatti aspirata a entrare, di forze e con convinzione nella sfera governativa. Già fin da allora apparve la distinzione tra “liberalismo” e “liberismo”, distinzione che toccherà il massimo della contraddittorietà con i governi Berlusconi, falsamente presentati come “liberali.
Non concordo con quanti, ipocritamente assimilano liberalismo con liberismo, come se si trattasse di parenti stretti, oppure di discendenza diretta. Il liberalismo si è nutrito di capitalismo, ma nel rispetto delle regole, quando la società civile meritava di essere identificata come “civile”.
L’antitesi tra liberalismo e liberismo non nasce in epoca remota, ma si è accentuata con la disgregazione dell’ideale liberale, quando le differenze si fecero tali da porre i loro contenuti in antitesi fra di loro.
Il liberalismo voleva e vuole educare gli uomini perché insegna ad auto realizzarsi, perchè l’individuo si perfeziona solo se è libero di realizzarsi come meglio crede; nel liberalismo storico è nucleo centrale la meritocrazia che risulta strettamente connessa a un’economia di mercato. Esattamente l’opposto di quanto sostenuto dal neo-liberismo targato Berlusconi.
Fu Benedetto Croce ad avviare un dibattito tra liberalismo e liberismo, allo scopo di differenziare le libertà economiche dalle libertà civili, attribuendo alle seconde un rango nettamente superiore alle prime. La distinzione iniziale fu di carattere culturale, ma con dichiarata supremazia delle libertà civili, nel rispetto dell’altrui libertà che non deve essere sopraffatta in nome del mercato.
Dopo questa premessa ecco evidenziarsi talune differenze tra Croce ed Einaudi, senza la pretesa di giudicare, assolvere o condannare, bensì semplicemente annotare; nessuno dei due avrebbe nemmeno immaginato di veder mortificato l’ideale liberale come è accaduto con la “discesa” in politica (il termine, usato dallo stesso Berlusconi, è proprio quello esatto, perchè mai, pur nella millenaria storia di Roma, la politica è scesa così in basso, al punto da dover ricorrere a Caligola per trovare un parallelo credibile) di Berlusconi; fin dall’inizio del suo governo venne descritto come liberismo, volendo utilizzare un termine che è diventato dispregiativo e, per questo, antitetico al liberalismo.
Il liberalismo perse così i suoi contorni, fagocitato dal nuovo liberismo berlusconiano che fece scempio della libertà individuale e del rispetto delle altrui libertà, per dare spazio alla legge del più forte, del meno dotato di scrupoli, con lo stimolo all’evasione fiscale, con l’abolizione del reato di falso in bilancio, con le turbative d’asta diventate metodo di attribuzione. La Stato promise (e mantenne la promessa) il suo disinteressamento, per lasciare libero il mercato di regolamentarsi da solo, ma fece di più per incoraggiare tutto ciò che uno Stato democratico avrebbe identificato come reato penale: il liberismo berlusconiano ha provveduto a tranquillizzare i suoi sostenitori, inventando sanatorie l’una dopo l’altra, condoni che premiavano gli evasori e punivano i redditi dipendenti, costretti a pagare alla fonte; quindi il massimo con lo scudo fiscale che permise il rientro dei capitali frutto di evasione fiscale e dei movimenti economici che hanno dilatato a dismisura il debito pubblico, garantendo il diritto all’anonimato ottenendo in cambio la gratitudine (e la protezione) di tutte le mafie, anche quelle rinnovate con i colletti bianchi.
Liberismo assume oggi una valenza dispregiativa, che ai veri liberali ortodossi e proiettati verso “un liberalismo del terzo millennio”, non conviene nemmeno ricordare.Oggi l’Italia intera è chiamata a pagare gli errori commessi in mala fede, che hanno arricchito pochi e depauperato la stragrande maggioranza del paese. Il liberalismo può ancora partecipare, a pieno diritto, ad un nuovo risorgimento economico, politico, sociale ed etico, ma deve dialogare con le parti che fin ora sono state identificate come avversari, per promuovere una sempiterna “lotta di classe” a vantaggio della classe più opulenta, collocandosi al Centro della politica e in dialogo costruttivo con la Destra conservatrice purchè democratica e col la sinistra social-democratica non marxista
Con la fine di Berlusconi, finisce il liberismo di mercato, dello Stato disattento, dei condoni e delle sanatorie, nonché delle leggi ad personam; finisce, praticamente “il capitalismo liberista” che dovrebbe poter essere sostituito dal “capitalismo sociale” che nasce dall’incontro (e non più dallo scontro) del capitale-denaro con il capitale-lavoro, disposti, entrambi, paritariamente, a collaborare nella solidarietà sociale. (Rosario Amico Roxas)

Posted in Confronti/Your opinions, Uncategorized | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Le riforme costituzionali che non convincono

Posted by fidest press agency su mercoledì, 13 aprile 2016

ignazio la russa“Nella storia ci sono state rivoluzioni per ottenere la Carta costituzionale. Nel 1848 in Italia ci fu un cambiamento epocale con lo Statuto Albertino. I cittadini cominciavano ad avere diritti. Nel dopo guerra i Costituenti vollero riaffermare i principi di democrazia e di libertà compressi tra le due guerre in Italia come in molti altri paesi europei. Oggi arriviamo al grande evento. Ma leggendo il testo ci accorgiamo che va nella direzione opposta: anziché allargare la partecipazione e i diritti dei cittadini, questo testo li restringe inesorabilmente e rende più complicato e farraginoso il percorso legislativo. L’articolo 70 recitava in due righe: “La funzione legislativa è esercitata collettivamente dalle due Camere”. Oggi, la riforma di Renzi impegna due pagine con 7 tipologie di procedimenti legislativi. Bastava invece cancellare il Senato anziché lasciarlo in vita ma eletto dai consiglieri regionali e non più dai cittadini. Se si fosse veramente voluta una riforma gradita dalla stragrande maggioranza degli italiani, si sarebbe almeno discussa la nostra proposta di elezione diretta del Capo dello Stato. Ma invece che dare voce ai cittadini si è scelto di farli contare sempre meno. A guadagnarci è solo il partito della oligarchia Renziana”. È quanto ha affermato il deputato di Fratelli d’Italia-Alleanza Nazionale Ignazio La Russa intervenendo in aula in dichiarazione di voto.

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Mobilitazione nazionale contro il Partenariato Transatlantico sul Commercio e gli Investimenti

Posted by fidest press agency su mercoledì, 13 aprile 2016

confcommercio consumiRoma, venerdì 15 aprile, ore 14.30 Presso la sala stampa della Camera dei Deputati – via della Missione 4 incontro con la stampa per lanciare la mobilitazione nazionale contro il Partenariato Transatlantico sul Commercio e gli Investimenti (TTIP) e in difesa dei diritti e dei beni comuni.La manifestazione, che avrà luogo a Roma il 7 maggio, sta già registrando l’adesione di decine di movimenti, organizzazioni, sindaci, comitati, sindacati, associazioni contadine e consumeristiche, ambientalisti, agricoltori, piccole imprese. Gli obiettivi, i contenuti e altre informazioni sull’evento verranno illustrati durante la conferenza stampa.
Oltre ad esponenti di Arci, Attac, Cgil, Legambiente, Progressi, Movimento consumatori, Slow Food (tra i promotori della Campagna), interverrà l’ex deputata e parlamentare democratica americana Sharon Treat, docente di diritto ambientale e analista di politiche pubbliche, esperta di commercio internazionale, per illustrare gli ultimi sviluppi dei negoziati tra Unione Europea e USA sul TTIP.
Sharon Treat, anche grazie alla sua esperienza costruita come deputata e senatrice del Maine, metterà in luce gli effetti sull’ambiente, sulla salute dei cittadini, sulle politiche agricole di un’eventuale approvazione del TTIP: la Treat, sia nei suoi incarichi pubblici che come avvocato di organizzazioni ambientaliste, ha avuto modo in diverse occasioni di esprimere le proprie preoccupazioni ai negoziatori del trattato.
L’incontro sarà anche l’occasione per presentare il nuovo report “Il TTIP fa bene all’agricoltura italiana?” redatto da Monica Di Sisto, vice presidente di Fairwatch e portavoce della Campagna, nel quale, attraverso un’analisi puntuale e circostanziata, si evidenziano gli aspetti più pericolosi del trattato internazionale in relazione al settore agricolo del nostro Paese: oltre a presentare l’impatto del TTIP sull’intero sistema, si ipotizzano alcuni possibili scenari legati alla produzione di olio, vino, formaggi e carni – settori strategici del consumo quotidiano. Tra gli invitati ci sono i gruppi politici che sostengono la campagna e i parlamentari di tutte le formazioni politiche.

Posted in Cronaca/News, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

15 aprile: Chemistry@Work2016

Posted by fidest press agency su mercoledì, 13 aprile 2016

parma universitàParma venerdì 15 aprile dalle ore 15 alle ore 17.30 nell’Aula Magna del Dipartimento di Chimica dell’Università di Parma (Campus di via Langhirano). Un appuntamento annuale per gli studenti del Dipartimento di Chimica, parte integrante della strategia che l’Ateneo sta perseguendo per sostenere e promuovere l’incontro tra percorso degli studi universitari e mondo del lavoro.Quest’anno saranno proposte testimonianze dirette di alcuni ex alunni che illustreranno il percorso che hanno seguito dopo la laurea per giungere alla loro attuale posizione occupazionale. L’incontro sarà anche un’occasione per offrire ai partecipanti una panoramica di alcuni possibili sbocchi professionali dei neolaureati in chimica di Parma e per discutere dei possibili percorsi di ricerca occupazionale.
All’iniziativa sono invitati anche gli studenti delle classi quinte delle scuole superiori che, impegnati a scegliere il loro percorso universitario anche in funzione degli sbocchi occupazionali, potranno conoscere in questa occasione alcuni di esempi di percorsi professionali offerti dalle lauree in chimica.

Posted in Cronaca/News, Università/University | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »