Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 31 n° 344

Archive for 16 aprile 2016

Presentato il progetto TransPyrenea Extreme

Posted by fidest press agency su sabato, 16 aprile 2016

Conferenza stampa di presentazione del progetto TransPyrenea Extreme, da parte di Cristina Tasselli, ultra trailer, co-fondatrice di TRM e membro del TRM Endurance Team, che parteciperà alla ricerca. Insieme a lei l’altro co-fondatore di TRM, l’ultra trailer Marco Mori, anche lui coinvolto nella ricerca in quanto membro del TRM Endurance Team, che ha annunciato:
“Un progetto unico al mondo, che vede protagonisti, oltre che Raid Sahara, organizzatore della gara, anche due istituti di ricerca del CNR e due centri di ricerca italiani SUISM e Sanis leader a livello internazionale e che hanno già seguito progetti su ultramaratone.”. Infine Marco Mori ha concluso: <<L’impresa e la ricerca saranno raccontati prima, durante e dopo la gara, attraverso pubblicazioni, eventi, conferenze stampa, social networking, blog e video-story telling destinati alla comunità scientifica e al pubblico dei runner>>.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Henrik Gripenvik new portfolio manager at Catella

Posted by fidest press agency su sabato, 16 aprile 2016

catellaHenrik Gripenvik has been appointed as a new portfolio manager at Catella. Henrik has extensive experience as an analyst, most recently from Futuris Asset Management at Brummer & Partners.
“We are pleased and proud to be able to announce Henrik as portfolio manager at Catella. Catella has high ambitions for its portfolio management and, with his solid background in equity research, Henrik will be an excellent complement to the existing team,” says Erik Kjellgren, Head of the Swedish fund operations.Henrik Gripenvik has worked for nine years as an analyst at Futuris Asset Management, which is part of the Brummer & Partners group. For the last two years he has been a partner at the company, focused mainly on detailed analysis of engineering companies. Prior to that Henrik worked at Handelsbanken.
“Catella has grown significantly in fund management in recent years, and we are now further strengthening the team in order to develop the business. We have chosen to recruit an individual with extensive experience in equity research since we conduct active management of both long and short positions, and with large variation from index,” says Erik Kjellgren.Henrik Gripenvik will join Catella on 2 May 2016.
Catella is a financial advisor and asset manager specialised in property, fixed income and equities. We have a leading position in the property sector and a strong local presence in Europe, with more than 500 employees in twelve countries. Catella is listed on First North Premier at Nasdaq Stockholm. Read more at http://www.catella.com.

Posted in Estero/world news, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

VW sales figures do not reflect the doom and gloom predicted

Posted by fidest press agency su sabato, 16 aprile 2016

Christian Stadlercomment on the news the Volkswagen Europe quarterly market share has hit a five-year low. Christian Stadler is a Professor of Strategic Management at Warwick_Business_School_Scarman_road_viewwho has researched the car industry, has made the following statement.
Professor Christian Stadler said: “While the numbers are down, it is actually a far cry from what one would have expected. Of course, that the VW brand has been hit more than others is no surprise, but, considering the furore of ‘dieselgate’ we have definitely not witnessed the demise of the Volkswagen Group that some expected.”There has been a downturn, but it is not a massive one. In fact, as past history of scandals has shown, people are often quick to move on and forget.”What I would say is the numbers do reflect a bigger concern for Volkswagen over its product mix, for example, it does not have new products in the SUV section. This is a bigger problem in China and far more worrying than ‘dieselgate’. Volkswagen has been outpaced by Toyota. Over in China it does not really have a cheap mid-range SUV that the market is after. This is a problem it has been aware of for years, but when challenged about it, things always seem to be another year away.”Volkswagen really need to get this right moving forward as this is perhaps a much bigger issue than the decline in European sales.”

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Bail-in, cancellation of interest, harmonisation of maturity dates

Posted by fidest press agency su sabato, 16 aprile 2016

viennaThe Austrian Financial Market Authority (FMA) in its function as the resolution authority pursuant to the Bank Recovery and Resolution Act (BaSAG – Bundesgesetz über die Sanierung und Abwicklung von Banken) has issued the key features for the further steps for the resolution of HETA ASSET RESOLUTION AG. The most significant measures are:
• a 100% bail-in for all subordinated liabilities,
• a 53.98% bail-in, resulting in a 46.02% quota, for all eligible preferential liabilities,
• the cancellation of all interest payments from 01.03.2015, when HETA was placed into resolution pursuant to BaSAG,
• as well as a harmonisation of the maturities of all eligible liabilities to 31.12.2023.
According to the current resolution plan for HETA, the wind-down process should be concluded by 2020, although the repayment of all claims as well as the legally binding conclusion of all currently outstanding legal disputes will realistically only be concluded by the end of 2023. Only at that point will it be possible to finally distribute the assets and to liquidate the company.
“While the application of the new European recovery and resolution framework for banks is unchartered territory both in legal and practical terms, we are on target with the resolution of HETA and are also making satisfactory progress in relation to the realisation of its assets”, the FMA’s Executive Board, Helmut Ettl and Klaus Kumpfmüller commented: “The measures that have been prescribed under BaSAG form the basic structure for an orderly resolution, and fully satisfy the aims of the European resolution regime – namely to guarantee financial market stability, to protect taxpayers and to bail-in creditors. Moreover, this package of measures also ensures the equal treatment of creditors. Orderly resolution is more advantageous than insolvency proceedings.”
This resolution plan builds upon an opinion by an external auditing company appointed by the FMA, which has valued and estimated, based on the resolution planning for HETA, using very conservative assumptions by how much the claims of the creditors will exceed the assets of HETA. Following the deduction of the outlay in relation to resolution, the quota will stand at 46.02%. In addition, an opinion estimated a distribution quota of 34.8% in the best-case scenario in the event of insolvency proceedings. Resolution under BaSAG is therefore clearly more advantageous for all concerned.
Although the maturity of all eligible liabilities was set as 31.12.2023 at the latest, the FMA retains the option to make partial pay-outs on a voluntary basis at an earlier date.
Shortly before the emergency administrative decision of 10.4.2016, in which the resolution measures under BaSAG were issued, the FMA published the administrative decision in relation to the challenge procedure in relation to the decision of 01.03.2015, in which HETA was placed into resolution under BaSAG and a debt moratorium prescribed until 31.5.2016. In the administrative decision in relation to the challenge procedure (Vorstellungsbescheid), the FMA recognises and examines all the challenges submitted during the ordinary administrative proceedings, with the result that the content of the emergency administrative decision (Mandatsbescheid) remains fully binding. The creditors may submit complaints in relation to the administrative decision about the challenge procedure to the Federal Administrative Court (Bundesverwaltungsgericht).
salva bancheChallenges may be submitted to the FMA against the emergency administrative decision of 10.4.2016, which sets out the significant resolution actions under BaSAG, within three months. If applicable, the FMA will initiate ordinary administrative proceedings, will recognise and examine the submitted challenges and will then issue an administrative decision in relation to the challenge procedure.
La notizia del bail-in dell’austriaca Hypo Alpe Adria, ora Heta, avvenuto domenica 10 aprile, è passata sotto silenzio in Italia ma anche nel resto del continente.
Le difficoltà di Hypo Alpe Adria vengono da lontano. La banca era assai esposta nei mutui fondiari e nell’Est Europa. Una duplice concentrazione di rischio che il crack finanziario iniziato nel 2007 ha fatto emergere in maniera letale. Il 1 marzo dello scorso anno, davanti ad un buco di bilancio di circa 9 miliardi a fronte di debiti per 11 miliardi, il governo austriaco aveva deciso di non intervenire in salvataggio della banca a differenza di quanto fatto dalla regione Carinzia, che nella prima fase delle difficoltà ne aveva garantito il debito. La situazione era però precipitata rendendo impossibile l’eventuale intervento regionale, ed era intervenuto il Governo ma senza assumere tutte le garanzie della regione.
Il bail-in prevede l’azzeramento del debito subordinato, un taglio del 53,98% del debito senior, la proroga di tutte le scadenze di debito al 31 dicembre 2023 e la cancellazione di tutti gli interessi a partire dal 1 marzo 2015, data in cui Heta fu sottoposta al meccanismo di risoluzione. Non appare quindi casuale che l’Austria abbia anticipato al 1 gennaio 2015 l’adozione della Direttiva UE, così come ha fatto la Germania.
Un mese fa, i principali creditori (banche, fondi comuni, società di gestione) avevano respinto l’offerta di vedersi pagare il 75% del nominale, oggi si ritrovano col 46,02% ed hanno annunciato cause in virtù del fatto che in un primo momento il Governo austriaco aveva garantito almeno una parte del debito, per poi fare marcia indietro. L’evento fa toccare con mano cosa può voler dire detenere depositi sopra centomila euro ed obbligazioni bancarie anche non subordinate. Specie oggi che rendono pochissimo, non ha davvero senso possederle. Da non sottovalutare anche un’altra casistica in cui il rischio è molto elevato ed in pochi lo sanno: ci sono banche che non hanno debito subordinato, o ne hanno molto poco. A quel punto, in caso di bail-in, si passa direttamente a rivalersi sul debito “senior”. (Giuseppe D’Orta, responsabile per la Tutela del Risparmio Aduc)

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Giubileo: Salesiani, sei pellegrinaggi spirituali nella “Roma degli invisibili”

Posted by fidest press agency su sabato, 16 aprile 2016

casa don boscosulle strade della misericordia“Roma degli invisibili. Itinerari di povertà”: sono i “pellegrinaggi spirituali per giovani e meno giovani” promossi in occasione del Giubileo della misericordia da Tgs (Turismo giovanile e sociale) e Federazione Scs/Cnos “Salesiani per il sociale”. Tra le mete che verranno visitate la basilica di san Pietro, il santuario del Divino amore, il Caravaggio a Roma e i luoghi di don Bosco. “Itinerari di arte e fede – si legge in un comunicato – che integrandosi con i percorsi giubilari, vogliono introdurre i pellegrini nello spirito del Giubileo” attraverso un incontro “con quella Bellezza che salva il mondo (F.Dostoevskij) in un’esperienza di autentica fraternità nello stile salesiano”. I pellegrini saranno accompagnati dai volontari del servizio civile che coordineranno le visite in ogni loro aspetto, dall’accoglienza nel punto di ritrovo fino al termine del percorso, durante il quale daranno le relative informazione artistico-culturali. I volontari saranno coadiuvati da alcune persone “senza fissa dimora”, che offriranno la loro testimonianza di vita, quali protagonisti di “opere di misericordia”. (agensir Christian Flammia) (foto:casa don bosco)

Posted in Cronaca/News, Roma/about Rome, Viaggia/travel | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

AEC festeggia il 15°anniversario della fondazione aprendo la sua Branch Office di Londra

Posted by fidest press agency su sabato, 16 aprile 2016

aec1Il 2016 inizia con un importante traguardo per il Gruppo AEC, che dallo scorso Febbraio si arricchisce della Branch Office di Londra. AEC Master Broker, che dal 2010 è il LLOYD’S Broker del gruppo, dopo le tre sedi già operative tra Roma e Milano, sbarca con una stabile organizzazione nel Regno Unito.
La Rappresentanza Generale per il Regno Unito di AEC Master Broker è già attiva, avendo ottenuto per tempo l’autorizzazione ad operare in libertà di stabilimento sia da Ivass che dall’authority britannica Financial Conduct Authority (Reference number: 479460).
aecContestualmente AEC Master Broker ha rinnovato direttamente con il proprio codice AEC\1194 tutti i Binder in scadenza dal dicembre 2015 con alcuni tra i maggiori Sindacati operanti sul mercato dei LLOYD’S in modo da rendere il Gruppo AEC totalmente autonomo nel piazzamento e nella gestione del proprio business, rafforzando lo storico rapporto con il mercato dei Lloyd’s iniziato nel 2001 da AEC S.p.A con l’accreditamento quale Corrispondente e Coverholder dei LLOYD’S.
Per ribadire il legame di AEC con il Lloyd’s Market, con cui nel 2015 è stato collocato oltre il 70% dei premi, e la volontà di garantire un servizio sempre più tempestivo ai propri 630 corrispondenti, è stato deciso di aprire la sede londinese al settimo piano del Lloyd’s Building, allo storico indirizzo di One Lime Street.
Elisabetta Ibba, già Consigliere di Amministrazione, responsabile dell’intermediazione di AEC Master Broker, diventa da oggi anche “Lloyd’s markets – Manager London office” assumendo la responsabilità dell’ufficio londinese coadiuvata da Serena Primavera quale London Broker.
«Un altro traguardo del Gruppo AEC, raggiunto in occasione del 15° anniversario – ha affermato Fabrizio Callarà, Fondatore e Amministratore Delegato del Gruppo AEC – Voluto con tutta la passione e la determinazione di cui siamo dotati, che ci permetterà sia di migliorare il servizio ed i tempi di risposta ai nostri corrispondenti, sia di cogliere le enormi opportunità offerte dalla vicinanza e dalla partnership strategica con il principale mercato assicurativo mondiale, direttamente dall’interno del Lloyd’s building». (foto: aec)

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Prevenzione Cardiologica al Teatro di San Carlo

Posted by fidest press agency su sabato, 16 aprile 2016

Orchestra del San Carlo e Tate (1024x683)Napoli Martedì 3 maggio e sabato 7 maggio 2016 Teatro di San Carlo, foyer Un’ora prima dell’inizio di Fedora di Umberto Giordano. Un nuovo progetto che lega il Teatro di San Carlo e l’Università degli Studi di Napoli Federico II, per volere del Teatro di San Carlo, da sempre molto vicino e sensibile ai temi della prevenzione.Questa volta si tratta della Prevenzione Cardiologica in Italia, in occasione delle Giornate Europee dello Scompenso Cardiaco, promosse dalla Società Europea di Cardiologia e dalla Heart Failure Association (HFA) dell’ESC: attività e incontri con il patrocinio del Ministero della Salute, per migliorare prevenzione e diagnosi di questa patologia, che è la prima causa di ricoveri ospedalieri per gli over 65: Salus in Musica perché la musica è a tutti gli effetti un ausilio prezioso per prevenzione e cura, un balsamo che allevia e accompagna chi è affetto da diverse patologie.
“La musica influisce sul battito cardiaco, sulla pressione sanguigna, sulla respirazione, sullo stress, e quindi aiuta a prevenire, ma anche ad affrontare con più positività e motivazione, malattie come lo scompenso cardiaco”, afferma il Professore Trimarco, Professore Ordinario di Malattie dell’Apparato Cardiovascolare, dell’Università Federico II di Napoli.
“Il Teatro di San Carlo e la prevenzione medica” afferma Rosanna Purchia, Sovrintendente del Teatro di San Carlo “l’iniziativa è nata grazie ad un rapporto, costante ed intenso, consolidatosi nel tempo, tra Teatro e Accademia, tra il San Carlo e, in questo caso l’Università degli Studi di Napoli Federico II, in un percorso che è frutto di una progettualità e di una creatività, che investono iniziative e dipartimenti diversi, a seconda delle occasioni fornite dai titoli in cartellone, da momenti di confronto e approfondimento, come ad esempio è avvenuto per le celebrazioni shakespeariane e lo sarà nuovamente per ricordare Carlo III di Borbone il prossimo novembre, o ancora è avvenuto lo scorso autunno, in una giornata di studi consacrata al grande Eduardo. Tante le facoltà coinvolte! La medicina e la prevenzione, anche se non appartengono alla sfera di discipline umanistiche, sono più che mai idonee ad incontrare il Teatro e il nostro San Carlo, per il ruolo principe che la musica ha sempre ricoperto in alcune prassi terapeutiche: la musica come sollievo non solo della mente, ma anche del corpo, lo affermavano già gli antichi Greci, come scopriamo grazie ad Esiodo, agli albori della letteratura greca, e a distanza di qualche secolo nei trattati di medicina di Ippocrate.
Aprire le porte alla prevenzione cardiologica, salus in musica, perché la musica aiuta il cuore, non solo perché sede eletta delle nostre emozioni ma come primo mobile del nostro organismo.”
L’Università Federico II ed il Teatro di San Carlo invitano gli spettatori di Fedora – Martedì 3 maggio 2016 ore 20.30 e Sabato 7 maggio 2016 ore 19.00, a recarsi allo stand informativo nel foyer del Teatro di San Carlo, a partire da un’ora prima dello spettacolo (3 maggio dalle 19.30 alle 20.30, 7 Maggio dalle 18.00 alle 19.00): in occasione di due recite, il Personale Medico ed Infermieristico della Cardiologia dell’AOU Federico II di Napoli, diretto dal Professore Bruno Trimarco, sarà disponibile a dare informazioni sulla prevenzione, sulla diagnosi e sulla cura dello Scompenso Cardiaco. (Dottoressa Maria Angela Losi)

Posted in Cronaca/News, Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

La guerra del Pacifico

Posted by fidest press agency su sabato, 16 aprile 2016

la guerra del pacificoMilano dal 30 aprile al 25 giugno 2016 La Casa di Vetro Via Luisa Sanfelice, 3 (Lunedì, martedì, mercoledì, venerdì e sabato Orari di apertura al pubblico Dalle 15.00 alle 19.30 Ingresso: Gratuito). In anteprima per l’Italia, inserita in Photofestival 2016, prodotta da Eff&Ci – Facciamo Cose e curata da Alessandro Luigi Perna per il progetto History & Photography, inaugura il 30 aprile 2016 dalle 15.00 alle 19.30 (ingresso libero) la mostra fotografica “La Guerra del Pacifico. Da Pearl Harbor alla Bomba Atomica”. L’esposizione si compone di 54 riproduzioni digitali da negativi e stampe realizzate durante la Seconda Guerra Mondiale sul fronte del Pacifico e conservate negli archivi storici statali americani di US Navy, US Marine Corps e US National Archives (NARA). La mostra racconta dall’attacco giapponese di sorpresa a Pearl Harbor alla successiva discesa in campo degli americani in estremo oriente e in particolare si concentra su alcune delle più famose battaglie navali e terrestri passate alla storia – Ivo Jima, Guadalcanal, Okinawa, Midway, etc. A chiudere la mostra le bombe atomiche sganciate sul Giappone che hanno costretto il paese del Sol Levante alla resa. Alcune delle immagini esposte sono molto conosciute, delle vere e proprie icone dello scontro che ha visto da una parte i giapponesi e dall’altra gli alleati, altre sono rimaste per decenni negli archivi, viste soprattutto dagli addetti ai lavori e solo adesso mostrate al grande pubblico italiano. A produrle erano fotografi spesso sconosciuti, al seguito delle forze armate americane, che rischiavano la vita con i loro commilitoni pur di raccontare tutta la drammaticità degli scontri in prima linea durante gli sbarchi sulle isole o gli attacchi suicidi giapponesi alle portaerei di cui erano testimoni. Infine alcune delle immagini mostrate sono invece tratte dagli archivi giapponesi sequestrati dagli alleati.
La fotografia ritrae e racconta la realtà ormai da quasi due secoli. È partendo da questo presupposto che nasce History & Photography, un progetto che si pone 2 obiettivi principali. Il primo è quello di realizzare e promuovere esposizioni e foto proiezioni (in particolare per le scuole ma anche per il grande pubblico) che raccontino la storia contemporanea con la fotografia (e la storia della fotografia), esaltando sia la funzione narrativa e documentale delle immagini che il loro valore estetico. Il secondo è quello di valorizzare e rendere fruibili al grande pubblico i tantissimi archivi fotografici storici spesso sconosciuti o frequentati solo dagli addetti ai lavori, sia italiani che stranieri, sia di fotografi che di enti pubblici e privati.
Alessandro Luigi Perna (www.alessandroluigiperna.com) curatore della mostra è un giornalista e un consulente che dedica molta della sua attività professionale alla fotografia storica e contemporanea. È specializzato nella valorizzazione e promozione di archivi di fotografi, agenzie, case editrici, musei, aziende. In curriculum ha alcuni volumi fotografici e decine di mostre realizzate con enti pubblici e privati. È stato co-ideatore e co-curatore delle prime tre edizioni di Memorandum – Festival della Fotografia Storica di Torino e Biella, curatore della sezione fotografica del festival Urbana di Biella e ideatore, curatore e co-produttore di All you need is photography! Unlimited Edition Photo Festival di Milano. Da qualche anno con il progetto History & Photography, realizzato in partnership con Eff&Ci – Facciamo Cose, racconta la storia della fotografia e del mondo contemporaneo sia al grande pubblico che ai ragazzi delle scuole con mostre e foto-proiezioni. (foto: La guerra del pacifico)

Posted in Cronaca/News | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Libro: Qiu Xiaolong presenterà “Il principe rosso”

Posted by fidest press agency su sabato, 16 aprile 2016

qiu-xiaolongComo Mercoledì 27 aprile, ore 18 Sala conferenze – Ied – Accademia di Belle Arti “Aldo Galli” Via Petrarca, 9. Prosegue il cammino verso la sedicesima edizione di Parolario, la manifestazione dedicata ai libri e alla cultura che si terrà dal 16 al 25 giugno a Como: mercoledì 27 aprile alle 18, presso la sala conferenza dello Ied – Accademia di Belle “Arti Aldo Galli” di Como, il giallista cinese trapiantato negli Stati Uniti Qiu Xiaolong presenterà “Il principe rosso” (Marsilio, 2016), nuova puntata delle avventure dell’ispettore Chen Cao.Durante l’incontro, organizzato da Parolario in collaborazione con Istituto Confucio dell’Università degli Studi di Milano, Associazione Caracol, Ied – Accademia di Belle Arti “Aldo Galli” di Como e Libreria Feltrinelli di Como, l’autore dialogherà con la giornalista e sinologa Emma Lupano. L’incontro sarà introdotto da Salvatore Amura Presidente di Ied – Accademia Aldo Galli.Traduzione a cura di Emanuela Gini.L’appuntamento sarà anche l’occasione per sottoscrivere la card Amici di Parolario 2016, un modo per contribuire a tenere in vita non solo la manifestazione estiva Parolario, ma anche tutte le iniziative che l’Associazione Parolario programma nel corso dell’anno e che offre ai suoi possessori la possibilità di usufruire di molte e interessanti convenzioni. L’elenco delle convenzioni e dei punti nei quali è possibile acquistare la card si trova sul sito http://www.parolario.it.
I romanzi di Qiu Xiaolong affrontano, attraverso la risoluzione del mistero, le contraddizioni della Cina moderna dai primi anni novanta a oggi: il potere del regime comunista, il ruolo delle Triadi, l’importanza della letteratura.
Nel libro “Il principe rosso”, ispirandosi all’affare Bo Xilai – il clamoroso scandalo che di recente è arrivato a minare gli equilibri diplomatici della Cina – nella sua consueta miscela di giallo, poesia, filosofia e cibo, Qiu affronta lo spinoso tema della giustizia in un paese dove tutto ha a che fare con la politica e deve essere in linea con gli interessi delle autorità.
Per anni, l’ispettore Chen Cao ha cercato di mantenersi in equilibrio tra gli interessi del Partito e il suo ruolo di poliziotto alla guida di indagini politicamente sensibili. Sulle tracce di un misterioso Principe Rosso – un potente ed enigmatico membro del Partito che sembra avere il controllo dell’intera Shanghai – viene improvvisamente sollevato dai suoi incarichi ed è costretto ad abbandonare il caso di cui ha da poco iniziato a occuparsi. Qualcuno sta cercando di incastrarlo, mettendogli nel letto disinibite ragazze gatto o nascondendo le prove dell’omicidio di una nota cantante d’opera e, questione molto delicata, di un cittadino americano. Mentre il paese sembra acceso da una rinnovata nostalgia per gli anni della Rivoluzione, celebrati dal ritorno delle vecchie canzoni rosse, d’un tratto l’ex ispettore capo si ritrova completamente isolato, al centro di una diabolica macchinazione che chiaramente punta a distruggere la sua credibilità.Per un uomo d’onore come Chen, che cerca di sopravvivere in un mondo dominato dall’inganno e dal tradimento, è il caso più difficile: non si tratta più solo della carriera, ora è in pericolo la sua stessa vita.
Xiaolong Qiu è scrittore e traduttore. Nato a Shanghai, dal 1989 vive negli Stati Uniti, dove insegna Letteratura cinese alla Washington University di Saint Louis. Insieme ai nove episodi della serie dell’ispettore capo Chen Cao, pubblicata in venti paesi, ha pubblicato i romanzi Il Vicolo della Polvere Rossa e Nuove storie dal Vicolo della Polvere Rossa, oltre a un volumetto di poesie dedicate a Chen Cao. Ha vinto nel 2001 l’Anthony Award per la miglior opera prima con La misteriosa morte della compagna Guan, primo romanzo della serie poliziesca con protagonista l’ispettore Chen Cao.(foto: qiu-xiaolong)

Posted in Cronaca/News | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

“Anticiclone africano porterà l’Estate al Centrosud con temperature sopra media anche di 12°C, qualche temporale al Nord”

Posted by fidest press agency su sabato, 16 aprile 2016

Philippine climate“Dal weekend caldo in nuova intensificazione sull’Italia con l’anticiclone africano” – lo conferma il meteorologo di 3bmeteo.com Edoardo Ferrara che spiega – “Soprattutto al Centrosud il tempo si manterrà stabile ed in prevalenza soleggiato, pur con qualche nube sparsa di passaggio, mentre il Nord sarà lambito da venti più umidi atlantici, con rischio piogge e temporali in perfetto stile estivo su Alpi e Prealpi specie domenica. Già nel fine settimana si respirerà di fatto aria d’Estate sulle regioni centro-meridionali, ma sarà da lunedì che raggiungeremo l’apice del caldo anomalo”.
“Le temperature soprattutto al Sud si porteranno infatti su valori tipici del mese di Giugno” – proseguono gli esperti di 3bmeteo.com – “Con punte che potranno superare i 30°C su molte zone di Sardegna, Sicilia, Calabria, Basilicata e Puglia; non sono da escludere picchi fino a 33/34°C in Sicilia. Ma il caldo atipico si avvertirà anche al Centro, con punte fino a 28/30°C sulle zone interne specie delle Tirreniche, in particolare martedì prossimo quando sarà raggiunto il picco del caldo anomalo; tra le città con i valori termici più elevati ci attendiamo Firenze, Perugia, Terni, Sulmona, Roma, Frosinone, Benevento, Cosenza, Matera, Foggia, Palermo, Catania. Farà meno caldo sulle Adriatiche, specie lungo la costa, e sulla Valpadana sebbene sempre in un contesto mite per il periodo”.
“Stiamo parlando di temperature davvero notevoli e superiori alle medie anche di 10-12°C” – sottolineano da 3bmeteo – “Ad esempio Roma a fronte di una media di 18°C potrebbe raggiungere i 30°C la prossima settimana, eguagliando se non battendo il record di Aprile del 2013. Aprile 2016 non solo dunque prosegue il trend termico sopra media ma rischia di passare alla storia come un mese di caldo record.” “Secondo le ultime elaborazioni l’anticiclone dovrebbe battere in ritirata attorno al 22-25 Aprile, favorendo un ritorno ad un tempo più instabile ma soprattutto fresco per arrivo di aria più fredda dal Nord Europa. Un netto cambiamento delle condizioni meteo-climatiche che rispecchierebbe la tipica variabilità della Primavera.” – concludono da 3bmeteo.

Posted in Cronaca/News | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Shakespeare on love

Posted by fidest press agency su sabato, 16 aprile 2016

ireneshakespeare on loveTrapani domenica 17 aprile, alle ore 21.00, nella Chiesa di Sant’Alberto, in Via Garibaldi Shakespeare on love Amore e Musica nella Cultura dell’Età Elisabettiana con Irene Timpanaro (voce recitante), Picci Ferrari (soprano), Basilio Timpanaro, (clavicembalo).
Il regno di Elisabetta non solo segnò l’esordio dell’Inghilterra come grande potenza nella scena europea, ma fu caratterizzato da un grande sviluppo culturale e civile, che è passato alla storia come “età elisabettiana”. Tale fioritura si estrinsecò in letteratura e principalmente nel teatro, soprattutto con William Shakespeare. Grande sviluppo ebbe la musica influenzata dalla cultura rinascimentale italiana e da quella fiamminga.
Complessa e profonda la grandiosità dell’opera di Shakespeare. L’intero mondo delle virtù, delle passioni, dei vizi umani affrontato con una incredibile ricchezza. Il concerto fa parte della 63ª Stagione Concertistica 2016 organizzata dall’Associazione “Amici della Musica” di Trapani con il contributo del Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo e della Regione Siciliana – Assessorato Regionale del Turismo, dello Sport e dello Spettacolo e con la collaborazione della Fondazione Pasqua 2000, dell’Ente Luglio Musicale Trapanese – Teatro di Tradizione, del Conservatorio “A. Scontrino” di Trapani, del Goethe Institut e dell’Istituto di Cultura Italo Tedesco – Trapani.
I biglietti potranno essere acquistati presso la sede dell’evento; intero euro 7,00, ridotto euro 5,00 (studenti fino a 24 anni, Soci Fondazione Pasqua 2000 per l’anno 2016). (foto: irene, shakespeare on love)

Posted in Uncategorized | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

“Technological Rough Diamonds”

Posted by fidest press agency su sabato, 16 aprile 2016

DiamondsThis week’s Media Service –“Technological Rough Diamonds” – takes a look at global research activities being conducted in the field of flow cells (redox batteries). Despite decades of university research projects and billions in funding support, the enormous potential of the flow cell still has to be realized. In their study “Global Flow Battery Market 2016-2020” analysts from TechNavio – Infiniti ResearchLtd state that flow batteries will be the most significant secondary energy source of the future, enabling global electro mobility. Based on our experiences with nanoFlowcell®-drive systems, we go so far to say that sustainable and eco-friendly electro mobility is not possible without flow cell technology. (font: http://emagazine.nanoflowcell.com/de/)

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Expert comment on China’s latest GDP data due to be released tomorrow

Posted by fidest press agency su sabato, 16 aprile 2016

Kamel Mellahi expert comment on China’s latest GDP. Kamel Mellahi, of Warwick Business School, is a Professor of Strategic Management and researches business in China.Professor Kamel Mellahi said: “The slew of economic data coming out of China recently points to a mix of bright spots and areas of concern. A host of key economic indicators are pointing upwards. Exports are up, capital outflow seems to be under control, there is plenty of evidence of robust growth in the service sector, and the pulse of the real estate sector is starting to beat faster. The moribund manufacturing sector is weakening, but this is widely expected. There are no shortage of reasons to be cautiously optimistic about the performance of the Chinese economy.”The new economic data may be knocking the wind out of the argument that the Chinese economy is heading for a hard landing, but I believe it’s premature to think that the economy is bottoming out. It’s far too early to start talking about a V-shaped recovery. Sure, there are plenty of bright spots but there are some genuine areas of concern. Painful reforms are still required to deal with the looming debt crisis, the power and influence of some large state-owned enterprises, and over-capacity in a number of sectors.”The Chinese economy may be hitting a soft patch, but there is still plenty of road bumps ahead. Overall, the structural reforms are heading in the right direction but so far they haven’t gone far enough. Dealing with zombie firms is going to be a thorny process, while the share of debt held by firms is still rising. The measures put in place to deal with this so far do not seem to be very effective.”That said, China has the financial fire power to manage the enormous volume of debt at risk. Plus, the rhetoric does not seem to be matched by concrete actions when it comes to credit support for struggling state-owned enterprises. This may end-up compromising the long-term economic rebalancing strategy.”

Posted in Estero/world news, Spazio aperto/open space, Università/University | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Gruppo Antevenio: dal 2014 al 2015 incremento di fatturato dell’11%

Posted by fidest press agency su sabato, 16 aprile 2016

Antevenio (PA: ALANT), società fondata nel 1997 e oggi quotata alla Borsa di Parigi, vanta la sua presenza in diversi paesi con sedi a: Madrid, Barcellona, Milano, Parigi, Buenos Aires e Messico D.F.Chiude il 2015 con un fatturato totale di 24,2 milioni di euro, un EBITDA di 2,2 milioni di euro e un utile netto di 1,3 milioni di euro. Il fatturato totale è aumentato dell’11% rispetto al 2014 e il margine lordo ha registrato un incremento del 21,5%.Il margine lordo per il 2015 è stato superiore ai 13 milioni di euro, che equivale al 57% del fatturato. Un record storico per Antevenio!Particolarmente soddisfacenti sono state le performance delle filiali in Sudamerica e Francia. Messico e Argentina assieme hanno raggiunto un fatturato di quasi 3 milioni di euro, la Francia di 3,3 milioni di euro. Anche la Spagna è tornata a crescere e ha raggiunto un fatturato di 10 milioni di euro con una crescita del 6,5% rispetto al 2014. Per quanto riguarda le aree di business caratteristiche, l’area publishing (Turista curioso, CliccaLavoro, Inviptus) si è consolidata come motore trainante dell’azienda, generando un fatturato di 12,2 milioni di euro. L’area di trading (Rich&Reach, Coobies, Affiliation, etc..) ha raggiunto i 10,7 milioni di euro e l’area tecnologica (relativa ai servizi tecnologici MDirector e AntevenioGo!) ha raggiunto i 2,2 milioni di euro di fatturato. (foto: Antevenio)

Posted in Cronaca/News, Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

L’Italia e la ripresa economica

Posted by fidest press agency su sabato, 16 aprile 2016

frutta“I dati congiunturali sul 2016 dicono che l’Italia non ripartirà davvero senza il volano dell’estero, senza una robusta ripresa del mercato interno, e se la ripresa non si diffonde tra imprese e territori. Ma rispetto al passato la ripresa di oggi dipende più da NOI che dagli altri. Nel bene e nel male” questo quanto conclude il Prof. Francesco Daveri, professore ordinario di Politica Economica presso l’Università Cattolica del Sacro Cuore di Piacenza, in riferimento all’analisi “Italia 2016: la ripresa minacciata e le sue implicazioni” presentata durante il convegno di Fruitimprese “Quali politiche per un futuro sostenibile della filiera ortofrutticola” tenutosi oggi a Roma.
Il Prof. Daveri ha evidenziato che nel 2015 in tutta l’economia italiana è tornato il segno più: quattro trimestri consecutivi di crescita.
A fine 2015 la crescita tendenziale del prodotti interno lordo (variazioni tendenziali su dati concatenati destagionalizzati e corretti per gli effetti di calendario (2010) si è attestata all’1%.
In l’Italia l’importazione di beni e servizi nel 2015 è cresciuta del +6%mentre l’export ha avuto una crescita più contenuta, pari al +4,3% (in volume).
Il governo vede il Pil in accelerazione a +1,2 nel 2016: l’accelerazione arriverà soprattutto dagli investimenti.
Tuttavia la ripresa sta dando segnali di stasi nel 2016: l’Istat prevede un +0,1 di crescita di Pil nel primo trimestre 2016, che riprende quanto accaduto nell’ultimo trimestre 2015.
Il mondo rallenta la corsa: secondo IMF World Economic Outlook aprile 2016 nell’anno in corso la crescita non si discosterà molto rispetto all’anno precedente. A livello mondiale la proiezione prevede +3,2% (+3,1% nel 2015), nei paesi avanzati +1,9% (+1,9% nel 2015), nei paesi emergenti +4,1% (+4,0% nel 2015) e in Italia +1,0% (+0,8% nel 2015). Il pessimismo deriva in particolare dal fatto che il commercio globale non stia ripartendo, che il petrolio e le materie prime siano ancora a livello bassi e che l’inflazione sia verso lo zero. Dal novembre 2015 stagnazione dei consumi: la modesta ripresa nella spesa delle famiglie del 2015 si è interrotta dal novembre 2015. Per quanto riguarda le vendite al dettaglio dopo l’estate si è inceppata anche la ripresa degli alimentari (2015 su 2014 volumi: +0,1 alimentari vs +0,4 non alimentari). Il 2016 della grande distribuzione è cominciato con il segno meno.
L’indice dei prezzi al consumo in febbraio 2016 è risultato pari a -0,3 per cento rispetto al febbraio 2015: un calo spiegato interamente dal calo dei prezzi dei beni energetici. Con l’inflazione quasi a zero, il potere d’acquisto degli stipendi è salito di 1 punto nel 2014 e nel 2015, compensando calo del 2011-12. La ripresa in atto rimane molto diseguale:
– tra settori: l’industria ha fatto registrare un +1,0 rispetto al 2014 e -24,5 rispetto al 2008. I beni durevoli e i beni intermedi sono i più colpiti, sui quali non si registra alcuna ripresa; i beni di investimento e i prodotti energetici sono in ripresa; i beni non durevoli sono i meno colpiti dalla crisi ma la loro ripresa è stata solo decimale
– tra territori: con distretti in netta ripresa (i.e. metalmeccanica di Lecco,ortofrutta del barese)

Posted in Cronaca/News, Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Processo di internazionalizzazione delle imprese

Posted by fidest press agency su sabato, 16 aprile 2016

lecceLecce Mercoledì 20 aprile, presso HILTON GARDEN INN, si svolgerà la 5°tappa del 2016 del Roadshow “Italia per le Imprese, con le PMI verso i mercati esteri”. Lecce, città poliedrica dalle mille vocazioni, prime fra tutte turismo e agroalimentare, si sviluppa in un’area che ambisce ad internazionalizzarsi per far apprezzare, anche sui mercati globali, le eccellenze delle proprie produzioni e le bellezze del territorio. Importante sottolineare come sia fondamentale per il rilancio dell’economia nazionale saper individuare per ogni territorio le eccellenze produttive, che se ben seguite e assistite, potranno avere successo e farsi apprezzare sui mercati internazionali, con vantaggio per l’intero sistema Paese.Alcune aziende dell’area salentina, che hanno avuto modo di beneficiare dei servizi di assistenza e consulenza offerti dal sistema Paese, realizzando positivi percorsi di internazionalizzazione, hanno voluto raccontare la loro esperienza di crescita e di sviluppo sui mercati globali.
Giovanni Melcarne dell’Oleificio Forestaforte, azienda con più di 500 anni di storia, e anche Presidente del Consorzio camerale Olio D.O.P. Terra d’Otranto, racconta: “Il percorso di internazionalizzazione della nostra azienda é stato intrapreso grazie alle conoscenze dirette degli importatori che, durante soggiorni presso la nostra sede, hanno avuto modo di conoscere nei dettagli le varie fasi di lavorazione e apprezzarne i prodotti. Riteniamo che far conoscere direttamente le nostre aziende ai potenziali acquirenti esteri sia, se non il migliore, uno dei metodi più efficaci per internazionalizzare una realtà italiana, che ha l’obiettivo di produrre alta qualità e conquistare mercati esteri”. “Di grande rilevanza è il rapporto con l’Ente Camerale salentino, al quale siamo legati da una stretta collaborazione, soprattutto per quanto riguarda le attività di promozione internazionale che ci hanno visto protagonisti in questi anni. Un’attività che certamente sarà incrementata anche nel futuro” conclude.
Pastificio Benedetto Cavalieri, azienda fondata nel 1872 e diventata pastificio nel 1918, produce vari formati di pasta secca di diverse varietà di grano duro, lavorata ed essiccata con il metodo delicato.Sin dagli anni ’80, dichiara Andrea Cavalieri: “Il Pastificio Benedetto Cavalieri ha avviato un percorso di internazionalizzazione attraverso esportazione indiretta ovvero tramite importatori e distributori. I primi Paesi sono stati USA, Germania, Regno Unito, Svizzera e Australia.
La distribuzione avviene in un segmento di mercato ben preciso: siamo presenti esclusivamente in negozi gourmet, enoteche, prestigiosi ristoranti e nei migliori premium quality food department stores, escludendo il mass retail channel. Attualmente, la nostra pasta è stabilmente presente in USA, Europa, Canada, Australia, Giappone, Russia, Singapore, UAE, Corea del Sud, Nuova Zelanda, Hong Kong ed Egitto”.Nel nostro processo di internazionalizzazione, prosegue Cavalieri: “Ci siamo appoggiati a missioni imprenditoriali all’estero, incoming di buyer e fiere di settore promosse da ICE Agenzia, Camere di Commercio e Camere di Commercio Italiane all’estero”.
In conclusione, quando vi è un perfetto “matching” tra segmento di mercato nel quale opera l’impresa e i buyer selezionati, per esperienza, è possibile ottenere buoni risultati.Un altro caso di successo ci viene presentato da Giorgia Marrocco di PIMAR, azienda dalla lunga esperienza di estrazione, consulenza tecnica, manodopera specializzata nella pietra leccese.
“Gli oltre 150 anni di storia e tradizione artigianale, poi imprenditoriale, hanno permesso a PIMAR di collocarsi nei mercati internazionali come impresa italiana altamente riconoscibile e fortemente concentrata sulla qualità e sull’eccellenza, non solo dei materiali ma di tutti i processi produttivi. L’internazionalizzazione dell’impresa si è svolta in maniera fluente ma dinamica, sfruttando strumenti commerciali sviluppati da enti promotori, ma allo stesso tempo coinvolgendo nomi e figure professionali dall’elevato carisma e sensibilità, che con i loro progetti internazionali hanno portato lontano il nome PIMAR”.
“L’azienda”, prosegue Giorgia Marrocco: “ha sempre ricevuto grandi attenzioni da parte degli enti regionali ed internazionali, e tra i vari strumenti utilizzati negli anni ci sono numerosi progetti regionali di carattere commerciale e culturale, partecipazione ad eventi dal respiro internazionale, a B2B con importanti buyer e professionisti del settore, ed ovviamente la presenza presso esposizioni e fiere in qualsiasi Paese, dagli Stati Uniti alla Russia, dal centro-nord Europa ai Paesi Arabi e dall’Oriente”.
“Tra le principali istituzioni che ci hanno sostenuto – conclude – la Camera di Commercio, la Regione Puglia e i suoi organismi, manifestazioni turistiche ed ovviamente l’ICE con le sue numerose iniziative dalle più svariate attività. Prendere parte a questi eventi significa riconoscere le loro potenzialità, sapere che sono investimenti, non solo economici, ma anche di impegno, passione e forza lavoro. Col tempo, PIMAR ha raggiunto confini lontani, firmando progetti di elevato prestigio”.
Un’altra testimonianza ci viene raccontata da Piernicola Leone de Castris, dell’omonima azienda vinicola attiva dal 1665, prima in Puglia dal 1925 per l’imbottigliamento.
“La nostra azienda – dichiara De Castris – dagli anni ‘40 si presenta sui mercati europei e negli Stati Uniti e poi in Asia, Canada, Centro e Sud America, Australia, Nuova Zelanda.
Partecipa al Vinitaly dalla prima edizione e da tempo alle altre principali fiere internazionali.
“Per internazionalizzarci – prosegue – in alcuni anni abbiamo utilizzato l’Ocm Paesi Terzi e la legge 133, Agea e Regione Puglia. I risultati si giudicano interessanti anche perché consentono a più aziende di raggiungere obiettivi, a breve termine, difficilmente ottenibili da singole realtà”.Maglio, azienda dolciaria dal 1875, riporta la sua esperienza: “Negli ultimi anni la nostra Azienda ha partecipato a varie iniziative di internazionalizzazione promosse sia dalla Camera di Commercio che dall’ICE. In particolare abbiamo intensificato la nostra partecipazione a fiere di settore in paesi per noi di particolare importanza, quali Germania (ISM, ANUGA), Francia (SIAL), Paesi Arabi (SIAL di Abu Dhabi), Giappone (FoodEx) e Sud-Est Asiatico (Thaifex di Bankok).
Inoltre, abbiamo partecipato a diversi workshop e incontri B2B volti sia ad ampliare la conoscenza delle norme e delle culture dei Paesi verso cui intendevamo allargare la nostra rete commerciale che ad entrare in contatto con nuovi buyer interessati ai nostri prodotti.
I risultati, per quanto non immediati e probabilmente in alcuni casi non così eccellenti da giustificare certi investimenti, si sono comunque avuti.
Di sicuro, adesso il nostro prodotto è molto più conosciuto all’estero rispetto a qualche anno fa, abbiamo avviato diverse importanti collaborazioni con partner in aree strategiche, il fatturato export è sicuramente aumentato e le prospettive per l’anno in corso sembrano piuttosto buone”.Il Roadshow “Italia per le Imprese, con le PMI verso i mercati esteri” è patrocinato dal Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale ed è promosso e sostenuto dal Ministero dello Sviluppo Economico. Oltre all’ICE-Agenzia, a SACE e a SIMEST, l’evento si avvale della collaborazione di Confindustria, Unioncamere e di Rete Imprese Italia.

Posted in Cronaca/News, Economia/Economy/finance/business/technology, Uncategorized | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

A Roma Banderas e Rhys-Meyers per un nuovo film

Posted by fidest press agency su sabato, 16 aprile 2016

banderas1AMBI Group di Andrea Iervolino e Monika Bacardi e PARADOXJ. R-M Studios di Silvio Muraglia finanziano e producono il film Black Butterfly, diretto da Brian Goodman e interpretato da Antonio Banderas e Jonathan Rhys-Meyers. Il film, le cui riprese inizieranno il 18 aprile, per cinque settimane, a Roma e nei suoi dintorni, vedrà Mikael Wiren e Alexandra Klim come produttori esecutivi. Marc Frydman sarà anche uno dei produttori.
Antonio Banderas (C’era una volta in Messico, I Mercenari 3), vincitore di un Golden Globe e Jonathan Rhys-Meyers (Mission Impossible III, The Tudors) saranno i protagonisti del thriller psicologico Black Butterfly, diretto da Brian Goodman (Quello che non ti uccide). I produttori del film sono Andrea Iervolino e Monika Bacardi della AMBI Group, Silvio Muraglia della PARADOX Studios e Marc Frydman. Mikael Wiren e Alexandra Klim sono i produttori esecutivi.
Il film è basato sul film francese per la TV Papillon Noir, scritto da Hervé Korian. Justin Stanley (Stigmate) e Marc Frydman ne hanno riscritto la sceneggiatura per l’adattamento cinematografico. In questo teso thriller psicologico, Paul (Banderas), uno scrittore in decadenza, incontra un vagabondo, Jack (Rhys-Meyers), e gli offre un posto dove stare. È a questo punto che Jack prende praticamente in ostaggio Paul, costringendolo a scrivere, portando il loro rapporto ad un livello tale da iniziare a scardinare porte segrete e inquietanti scheletri nell’armadio. (foto. banderas, J. R-M)

Posted in Cronaca/News | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

“Il credito è un bene pubblico, deve essere dato a chi se lo merita” Fa più la trasparenza del conto economico

Posted by fidest press agency su sabato, 16 aprile 2016

Banca europea per gli investimenti“Non definirei i mini-bond canali alternativi. Sono canali possibilmente complementari e anche in competizione”. Così Andrea Munari, Amministratore Delegato e Direttore Generale BNL, Responsabile Gruppo BNP Paribas in Italia, intervenuto questa mattina al 7° Forum Banca e Impresa organizzato da Il Sole 24 Ore. “Le banche probabilmente in questo momento sono gli istituti, le organizzazioni più trasparenti al mondo, perché siamo sotto i radar screen di qualsiasi tipo di regulator o ente pubblico o opinione pubblica ecc. E giustamente deve essere così. Che cos’è che chiediamo e perché pensiamo che dare credito oggi anche con i tassi bassi possa essere assolutamente profittevole? La stessa cosa. Le aziende che oggi possono essere finanziate, indipendentemente dal canale bancario o dai canali alternativi, sono sempre le stesse. Non è che un canale alternativo riesce a finanziare delle aziende diverse. – continua Munari dal palco del Sole 24 Ore – Noi dobbiamo cominciare a ragionare sul fatto che le aziende top rated non sono necessariamente solo le aziende che in quel momento hanno una determinata profittabilità, ma hanno tutta una serie di caratteristiche che sono veramente low cost: una governance molto più trasparente, amministratori indipendenti nei consigli, un livello di capitalizzazione leggermente più alto del solito”. Nel corso del suo intervento al 7° Forum Banca e Impresa del Sole 24 Ore, l’Amministratore Delegato e Direttore Generale BNL, Responsabile Gruppo BNP Paribas in Italia Andrea Munari ha affermato che “Il credito è un bene pubblico: deve essere dato a chi se lo merita. Noi abbiamo finanziato aziende industriali soprattutto sulla base di progetti che riteniamo credibili e che avevano di partenza una struttura magari non perfettamente equilibrata, certamente prendendo in considerazione un premio a rischio più alto. Io credo che per poter dare modo alla banca piuttosto che all’investitore (di fare credito, ndr) l’azienda deve spiegarsi, deve comprendere che più è trasparente nei confronti dell’interlocutore finanziatore, più è facile ottenere il credito”. Alla domanda se faccia più la trasparenza del conto economico, Munari conclude: “Io non ho dubbi su questo, è un mantra, ripaga sempre alla fine”.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Spazio aperto/open space, Uncategorized | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Teatro: Mi hanno rimasto solo

Posted by fidest press agency su sabato, 16 aprile 2016

mi hanno rimasto solo

Roma dal 21 aprile all’8 maggio Via del Teatro Marcello, 4 Teatro dello Cometa esilarante spettacolo MI HANNO RIMASTO SOLO, scritto, diretto e interpretato da Michele La Ginestra, e con Alessia Lineri, Irene Morelli, Alessandra Fineo. Al pianoforte Paolo Tagliapietra. In “Mi hanno rimasto solo” Michele La Ginestra gioca con un palcoscenico vuoto e racconta al Teatro il suo sogno: poter interpretare ogni sera un personaggio diverso. Il Teatro lo ascolta e decide di diventare suo complice; apre il cassetto dei ricordi e gli fa trovare testi, costumi, musiche, per realizzare il suo spettacolo. Da un omaggio ad Ettore Petrolini dei primi del ‘900, comincia questa “cavalcata” teatrale fatta di pezzi inediti e filastrocche… L’accompagnamento musicale, con brani interpretati dal vivo da un trio di grande qualità e dall’estro del Maestro Paolo Tagliapietra al pianoforte, completa l’opera. “Mi hanno rimasto solo” non è solo un one man show, ma uno spettacolo coinvolgente, che vuole regalare grandi risate, sorrisi, spensieratezza a chi ha deciso di passare una serata “con” il Teatro.
Orari spettacolo: dal martedì al venerdì ore 21.00 tranne giovedì 28 solo ore 17,00. Sabato doppia replica ore 17,00 e ore 21,00. Domenica ore 17.00. Costo biglietti: platea 25 euro, prima galleria 20 euro, seconda galleria 18 euro. (foto: mi hanno rimasto solo)

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre, Roma/about Rome, Uncategorized | Leave a Comment »

“Referendum sulle trivellazioni”

Posted by fidest press agency su sabato, 16 aprile 2016

trivelleDomenica 17 Aprile 2016 dalle 7.00 alle 23.00 Il seggio in cui votare è quello segnato sulla tessera elettorale. Italia che Cambia ti invita a votare Sì al “Referendum sulle trivellazioni”, affinché il nostro Paese abbandoni la strada delle fonti fossili ed il vecchio sistema produttivo per muoversi sempre più verso quel futuro di sostenibilità ambientale e sociale su cui migliaia di cittadini, organizzazioni ed imprese hanno già deciso di investire.L’invito è di votare SI’ per abrogare la norma introdotta dall’ultima Legge di Stabilità che permette alle attuali concessioni di estrazione e di ricerca di petrolio e gas che insistono nella zona di mare vicina alla costa di non avere più scadenza. Con la Legge di Stabilità 2016, infatti, le licenze già in essere entro le 12 miglia dalla costa sono diventate “sine die”. Il referendum serve dunque a cancellare l’ennesimo regalo fatto alle compagnie petrolifere permettendo loro di estrarre petrolio e gas entro le dodici miglia nei nostri mari, senza alcun limite di tempo.Il referendum del 17 aprile è stato ritenuto necessario dalle Corti di Cassazione e Costituzionale per entrare nel merito della durata delle concessioni entro le dodici miglia. Nessuna concessione di un bene dello stato infatti, può essere affidata a un privato senza limiti di tempo, fino a che convenga a quest’ultimo.Il testo del quesito è il seguente: «Volete voi che sia abrogato l’art. 6, comma 17, terzo periodo, del decreto legislativo 3 aprile 2006, n. 152, “Norme in materia ambientale”, come sostituito dal comma 239 dell’art. 1 della legge 28 dicembre 2015, n. 208 “Disposizioni per la formazione del bilancio annuale e pluriennale dello Stato (Legge di Stabilità 2016)”, limitatamente alle seguenti parole: “per la durata di vita utile del giacimento, nel rispetto degli standard di sicurezza e di salvaguardia ambientale”?». “Le trivelle – si legge nell’appello del Comitato nazionale delle associazioni “Vota sì per fermare le trivelle”, a cui Italia che Cambia ha aderito – sono il simbolo tecnologico del petrolio: vecchia energia fossile causa di inquinamento, dipendenza economica, conflitti, protagonismo delle grandi lobby”. “Se a questo referendum vincessero i Sì diventerebbe politicamente insostenibile continuare queste politiche pro-fossili e la prima cosa che bisognerebbe fare, sarebbe porre una volta per tutte sull’agenda politica la legge per la transizione energetica”, ci spiega il Presidente dell’associazione Cetri-Tires Angelo Consoli che insieme al Presidente della Fondazione UniVerde, Pecoraro Scanio, ha curato e pubblicato l’ebook ‘Laudato Sì Trivelle No – Manuale di Sopravvivenza per italiani che non vogliono morire fossili’.”L’approvvigionamento di energia da fonti fossili, è centralizzata e verticistica nonché geopoliticamente molto instabile, poiché le fonti combustibili fossili sono a disposizione solamente in pochi paesi e laddove c’è petrolio arrivano anche guerre, instabilità, fame, povertà.
Non è un caso se la Basilicata, che è anche la regione italiana più ricca di petrolio d’Italia, sia anche tra le più povere, dove inoltre c’è anche il tasso di disoccupazione più elevato! Quindi le fonti fossili non producono lavoro ma lo inibiscono”, afferma Angelo Consoli che in questa intervista smonta molte delle voci circolate circa la presunta occupazione creata dall’industria del petrolio, le tasse e accise italiane etc.“La vera posta in gioco di questo Referendum è quella di far esprimere gli italiani sulle scelte energetiche strategiche che deve compiere il nostro Paese, in ogni settore economico e sociale per un’economia più giusta, rinnovabile e decarbonizzata”. (foto: trivelle)

Posted in Cronaca/News, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »