Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 31 n° 301

L’Italia e la ripresa economica

Posted by fidest press agency su sabato, 16 aprile 2016

frutta“I dati congiunturali sul 2016 dicono che l’Italia non ripartirà davvero senza il volano dell’estero, senza una robusta ripresa del mercato interno, e se la ripresa non si diffonde tra imprese e territori. Ma rispetto al passato la ripresa di oggi dipende più da NOI che dagli altri. Nel bene e nel male” questo quanto conclude il Prof. Francesco Daveri, professore ordinario di Politica Economica presso l’Università Cattolica del Sacro Cuore di Piacenza, in riferimento all’analisi “Italia 2016: la ripresa minacciata e le sue implicazioni” presentata durante il convegno di Fruitimprese “Quali politiche per un futuro sostenibile della filiera ortofrutticola” tenutosi oggi a Roma.
Il Prof. Daveri ha evidenziato che nel 2015 in tutta l’economia italiana è tornato il segno più: quattro trimestri consecutivi di crescita.
A fine 2015 la crescita tendenziale del prodotti interno lordo (variazioni tendenziali su dati concatenati destagionalizzati e corretti per gli effetti di calendario (2010) si è attestata all’1%.
In l’Italia l’importazione di beni e servizi nel 2015 è cresciuta del +6%mentre l’export ha avuto una crescita più contenuta, pari al +4,3% (in volume).
Il governo vede il Pil in accelerazione a +1,2 nel 2016: l’accelerazione arriverà soprattutto dagli investimenti.
Tuttavia la ripresa sta dando segnali di stasi nel 2016: l’Istat prevede un +0,1 di crescita di Pil nel primo trimestre 2016, che riprende quanto accaduto nell’ultimo trimestre 2015.
Il mondo rallenta la corsa: secondo IMF World Economic Outlook aprile 2016 nell’anno in corso la crescita non si discosterà molto rispetto all’anno precedente. A livello mondiale la proiezione prevede +3,2% (+3,1% nel 2015), nei paesi avanzati +1,9% (+1,9% nel 2015), nei paesi emergenti +4,1% (+4,0% nel 2015) e in Italia +1,0% (+0,8% nel 2015). Il pessimismo deriva in particolare dal fatto che il commercio globale non stia ripartendo, che il petrolio e le materie prime siano ancora a livello bassi e che l’inflazione sia verso lo zero. Dal novembre 2015 stagnazione dei consumi: la modesta ripresa nella spesa delle famiglie del 2015 si è interrotta dal novembre 2015. Per quanto riguarda le vendite al dettaglio dopo l’estate si è inceppata anche la ripresa degli alimentari (2015 su 2014 volumi: +0,1 alimentari vs +0,4 non alimentari). Il 2016 della grande distribuzione è cominciato con il segno meno.
L’indice dei prezzi al consumo in febbraio 2016 è risultato pari a -0,3 per cento rispetto al febbraio 2015: un calo spiegato interamente dal calo dei prezzi dei beni energetici. Con l’inflazione quasi a zero, il potere d’acquisto degli stipendi è salito di 1 punto nel 2014 e nel 2015, compensando calo del 2011-12. La ripresa in atto rimane molto diseguale:
– tra settori: l’industria ha fatto registrare un +1,0 rispetto al 2014 e -24,5 rispetto al 2008. I beni durevoli e i beni intermedi sono i più colpiti, sui quali non si registra alcuna ripresa; i beni di investimento e i prodotti energetici sono in ripresa; i beni non durevoli sono i meno colpiti dalla crisi ma la loro ripresa è stata solo decimale
– tra territori: con distretti in netta ripresa (i.e. metalmeccanica di Lecco,ortofrutta del barese)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: